I DISCORSI SOCIALI NELLA LEZIONE DI LINGUA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I DISCORSI SOCIALI NELLA LEZIONE DI LINGUA"

Transcript

1 I DISCORSI SOCIALI NELLA LEZIONE DI LINGUA Jean Claude Beacco 1. EDUCAZIONE INTERCULTURALE E LEZIONE DI LINGUA Educazione interculturale e dimensioni culturali dell insegnamento/ apprendimento delle lingue straniere non devono probabilmente essere confuse anche se operano nello stesso settore: quello dei contatti culturali. La «civilisation» nelle lezioni di lingua costituisce una modalità particolare di quella pedagogia dell interculturale che deve gestire tutto il campo, dai problemi deontologici legati alla determinazione degli obiettivi educativi alla concezione/realizzazione di scambi culturali nel quadro scolastico. Tale ampiezza di campo tende a diluire alcune problematiche sempre intercomunicanti e costituisce un ostacolo alla messa a punto di procedimenti metodologici in senso stretto, salvo in qualche ambito particolarmente identificabile e omogeneo (è il caso degli scambi scolastici). Ne consegue la denominazione corrente, perfettamente adeguata, di educazione e non di didattica interculturale utilizzata in modo volontaristico. Questa distinzione non deve portare a credere che, nella lezione di lingua, le scelte educative siano da ignorare o che procedano da sole. Ma è vero che il rapporto con una cultura altra è, in questa situazione educativa, come anestetizzato, essendo totalmente indiretto. Tanto più che, nel quadro europeo almeno, la lezione di lingua non costituisce da sola un luogo di acculturazione forte: apprendere una lingua a scuola è ancora apprendere una disciplina e questo sapere non sembra in grado di avere un incidenza formatrice o destabilizzatrice sull identità culturale dell apprendente; ciò, almeno, trattandosi di culture che non si trovano in posizione di modello, poiché è chiaro che al di là della mondializzazione delle circolazioni culturali, il ruolo dell angloamericano, dello spagnolo e del francese, per esempio, non è identico nella cultura dei media e nelle forme diverse delle «culture dei giovani»; cosa che implica probabilmente strategie educative diversificate. Comunque, sembra possibile circoscrivere alcune metodologie della «civilisation» in seno alla lezione di lingua, che costituisce uno spazio definito e delimitato al cui interno è dunque realizzabile la scelta di alcune tecniche, dettate da obiettivi chiari. È quindi lecito lasciare in sospeso il problema delle strategie educative, che non è secondario, poiché i contatti culturali possono intendersi come: - individuazione, all interno di pratiche sociali ordinarie o di comportamenti, 1

2 in modo da essere in grado di agire in una società straniera con efficacia, cioè tramite una naturalizzazione simbolica e provvisoria, in conformità agli usi, visti tuttavia nella loro diversità regolata; - contatto con i valori, attualizzati nei modi d essere, dei prodotti della cultura colta, riconosciuti come potenzialmente universali e circolanti già da una comunità alle altre. Questi flussi ed influenze culturali non hanno certo aspettato gli educatori per diffondersi ed il problema allora non è più interculturale ma intraculturale, poiché si tratta di capire come far accedere a realizzazioni culturali, locali o straniere che siano, che accrescono l intelligibilità del mondo, tutti coloro che sono relegati nel consumo di prodotti culturali mediati o regionali. 2. LA «CIVILISATION» NELLA LEZIONE DI LINGUA: SPECIFICITÀ La situazione metodologica della «civilisation» nella lezione di lingua termine pericolosamente generale e problematico ma che nella didattica del francese come lingua straniera designa convenzionalmente l extralinguistico può essere descritta a grandi linee nel modo seguente: - l essenziale dell insegnamento/apprendimento sta nella padronanza linguistica. Le difficoltà, di comprensione almeno, di origine nettamente culturale (per esempio, ignoranza del referente perché esso non esiste a esiste sotto forme molto diverse nella cultura materna) non sono prese in considerazione sistematicamente, ma casualmente nei «dialoghi» e nei «documenti». Questa presenza della vita ordinaria e dell attualità, sotto forma di nomi propri non definiti o di sigle non sciolte (persone: Lalonde, Fabius; luoghi: Matignon, Place Bauveau; nomi commerciali di prodotti: un Président, deux Vichy, trois Monde, senza contare les Galfa, la Datar e les Zup) che si danno per universalmente conosciuti, resta da descrivere linguisticamente e semioticamente; - la dissimmetria tra dimensione linguistica e dimensione culturale è, in termini di attualizzazione, evidente. Per introdurre una lingua straniera in classe, basta un solo locutore, nativo o non, in grado di praticarla parzialmente. Il campione linguistico che ha l insegnante come origine è aperto e si trova completato o in parallelo con i campioni chiusi del libro di testo o del dizionario di riferimento. Una lingua è facilmente trasportabile e gli insegnanti sono, a questo proposito, chiedo loro venia in qualche modo intercambiabili. Una cultura straniera non è trasportabile: ciò è un evidenza. Se ne possono introdurre in classe solo delle rappresentazioni o dei simulacri, frammenti o parti, oggetti strappati al quotidiano, immagini e discorsi. L insegnante non si limita più al ruolo di mediatore inerte o d informatore rappresentativo. Se egli è in grado d informare, lo è in quanto divulgatore, intermediario fra un sapere/fonte e un uditorio. Se fa di più, allora è come testimone, e non come esempio, tramite la propria esperienza della cultura straniera: attraverso le motivazioni prime che l hanno 2

3 condotto ad insegnare una lingua, questa lingua; attraverso la conoscenza diretta che egli ha potuto costruirsi di questa nazione (viaggi turistici, stage di formazione professionale iniziale o continua, letture, relazioni sociali, ecc.); attraverso il legame creatosi con questa relazione obbligata con una cultura altra (riserva, ammirazione prudente o infastidita, entusiasmo sistematico, ecc.). Questa conoscenza diretta traspare necessariamente in colloqui privati, confidenze, ricordi, aneddoti, osservazioni rapide che possono arrivare fino a giudizi di valore, all esortazione morale; tanto è vero che, come si «fa grammatica» al di fuori dei momenti ufficialmente dedicati alla sistematizzazione formale, si «fa civilisation» senza averlo previsto né voluto; - l oggetto dell insegnamento si costituisce in lingua e in «civilisation» secondo procedure distinte. L oggetto lingua, quale esso è costituito a questi fini d insegnamento, è un prodotto metodologico che non è dunque dato ma per il quale esistono procedure di costruzione riconosciute: inventari statistici, inventari funzionali, esclusione/inclusione fondate sulla norma sociolinguistica ritenuta dominante, correttezza accademica, sentimento estetico, cc. Ogni utilizzatore può, per lo meno, contestarne la rappresentatività (campione) e la strutturazione (parole, schemi di enunciati, atti di parola, repliche, testi, ecc.). La costituzione dell oggetto cultura è di tutt altra complessità, in quanto non esiste grammatica di riferimento e, quand anche esistesse, il tenerne conto porterebbe a dosaggi di contenuti impossibili. La rappresentatività di un oggetto culturale non è un dato immediato. Attenersi ad una caratterizzazione media appiattisce a tal punto le differenze che una simile opzione si presta alla fioritura di tutti gli stereotipi possibili. Quanto all identità culturale stessa, non sembra essere recepita che come una costruzione storica, evidentemente non condivisa in seno ad un gruppo che condivide tuttavia altri tratti: i cattolici, musulmani, testimoni di Geova, massoni, protestanti ed ebrei francesi si riconoscono nella morale laica della Repubblica? Chi rivendica una tradizione, chi un altra, e l omogeneizzazione è vissuta come perdita dell identità regionale. Per quanto riguarda l identità nazionale, essa può ridursi ad un insieme vuoto di più piccoli comuni denominatori o ad un connubio passepartout di «virtù» e di «difetti». La domanda «Che cos è la Francia?» è una domanda da straniero. D altra parte ciò ha poca importanza: la costituzione dell oggetto-cultura non è mai stato un problema metodologico all ordine del giorno: tutto è buono, di ciò che è straniero, per illustrare/esemplificare questa estraneità. Da notare, sempre, la folclorizzazione delle culture nazionali nei manuali di lingua, ultimo luogo in cui un educatore potrebbe aspettarsi di trovarla; si dovrà convenire che la costituzione dell oggetto-cultura non è neppure un problema; - l oggetto culturale non è strutturato nello stesso modo all esterno e all interno. Per chi se ne avvicina dall esterno, tutto è oggetto di conoscenza: mancano le informazioni, i referenti, i sensi letterali, la familiarità con le strutture che danno coerenza. Si persegue in primo luogo 3

4 indefinitamente il significato immediato (RATP, 11 novembre, rugby, alternanza, coabitazione, ecc.). Per chi lo guarda dall interno, ci sono certo dei significati chiusi e stabilizzati, comuni o no, ma ce ne sono altri la cui definizione costituisce per l appunto una posta in gioco sociale, politica o ideologica, senza consenso pensabile. Il significato culturale di certe «parole» non è stabilito dal dizionario: è negoziato da un gruppo all altro e si carica dei significati di questo interdiscorso dialettico o polemico. Ciò che importa non è tanto il «senso» delle parole impiegate, quanto l individuazione delle condizioni di produzione del discorso che permette di ricostituire i significati delle parole dissimulati da un troppo largo significante (libertà, diritto, scuola, individuo, salario, cultura, ecc.). Questi significati, lungi dall esaurirsi in un unica definizione, si costruiscono in tali scambi discorsivi antagonisti; - infine, la lezione di lingua non detiene, in seno all istituzione scolastica, il monopolio delle relazioni con 1 esterno. Altre discipline sono definite trasversalmente alle culture, nazionali o no, come, a più d un titolo, la storia o la geografia così come la letteratura, la filosofia e le scienze esatte. Se la lezione di lingua deve svolgere un ruolo specifico, non è probabilmente quello di sostituirsi a queste discipline per la semplice ragione che spesso gli insegnanti non ne hanno la padronanza. Tenere un corso di storia o introdurre un argomento storico in francese, durante la lezione di francese, equivale probabilmente a disconoscere l interdisciplinarità. La specificità della lezione di lingua esiste, ma la configurazione del contatto culturale che le sarebbe proprio resta da definire. Ogni teorizzazione metodologica dovrebbe tener conto di questi parametri, senza escluderne evidentemente altri come le relazioni tra le culture messe in contatto (continuità, rottura), le aspettative degli apprendenti, i loro investimenti culturali, ecc. 3. I DISCORSI SOCIALI In questo quadro si deve porre il problema delle fonti di informazione e dei supporti didattici, se la classe è una sede nella quale la «civilisation» non entra che sotto forme mediate, attraverso discorsi ed immagini, indipendentemente dalla testimonianza individuale localizzata che l insegnante è in grado di portare. In materia, è prudente attenersi ai documenti autentici se non si vuole introdurre una mediazione supplementare, una distorsione in più, quella dell autore di un manuale di lingua che confeziona supporti per le attività d insegnamento della «civilisation». I rischi sono molto considerevoli e ben conosciuti: a caso, qualche citazione tratta dalla parte «civilisation» di un manuale d italiano come lingua straniera (pubblicato nel 1985): Alle diciassette è d obbligo per i bambini la merenda: pane e cioccolata, pane e prosciutto, pane e mortadella, pane e marmellata o 4

5 frutta [...]. È importante ricordare che sulla tavola italiana non manca mai il vino economico e ottimo, e il pane. I maccheroni e gli spaghetti: li mangia tutto il mondo, sono presenti oggi nel dizionari di tutte le lingue, sono considerati cibo italiano per eccellenza. La pasta fa ingrassare? Certamente non più di altri cibi. La pasta è l alimento base degli italiani, che pure, in generale non sono più grassi di altri popoli [...]». No comment. Selezionare documenti autentici non permette di risolvere miracolosamente il problema della rappresentatività, ma ciò evita almeno questo genere di deriva generalizzante, terreno fertile per la nascita degli stereo tipi più resistenti. Resta il fatto che i discorsi/immagini d una società suscettibili d entrare in classe non si possono trattare e utilizzare didatticamente. in maniera uniforme: non sono pretesti per dare o per portare informazioni intercambiabili: conviene preservare la loro personalità culturale e linguistica. Questi «discorsi sociali» sono da concepire come pratiche cognitive, regolate da un epistemologia o realizzate da un soggetto sociale al di fuori di ogni quadro scientifico, produttrici di saperi su una data società e che prendono una forma linguistica. Ci atterremo qui ai testi in circolazione, non disponendo di una tipologia accettabile delle forme di «trasmissione culturale» tramite l immagine/testo della televisione (informazioni interviste, inchieste, tavole rotonde, tribune politiche, pubblicità, ecc.). Ci sia permesso di sottolineare rapidamente fino a che punto l immagine sia utilizzata in modo limitato quanto selvaggio nell insegnamento delle lingue, dal punto di vista culturale di cui ci occupiamo in questa sede..i discorsi sociali presentano le realtà culturali da punti di vista diversi e sotto forme diverse. Si prestano a utilizzazioni distinte da parte degli apprendenti e presentano difficoltà prevedibili, linguistiche e culturali anche esse distinte, che descriviamo qui di seguito. Attualmente essi sono sfruttati in modo molto diseguale. In primo luogo menzioneremo il discorso spontaneo degli apprendenti stranieri 1, così come quello degli insegnanti di lingua, che ci sono praticamente sconosciuti. Che cosa si dice di culturale durante la lezione di lingua e come ciò viene detto? Ecco ricerche da condurre che potrebbero essere chiarificatrici: si potrebbero così mettere in parallelo il discorso ufficiale dell insegnante e le sue considerazioni laterali, le domande degli alunni, da repertoriare, le rappresentazioni iniziali e le loro eventuali modifiche senza dimenticare il discorso dei manuali di lingua che si basa sempre almeno su di una esplicita analisi di contenuto di tipo storico e con intento esplicativo. Viene poi il discorso sociale delle scienze propriamente sociali (sociologia, 1 L insieme di questa tipologia è ripresa da Jenny J., 1983, «Les discours sociaux sur la Jeunesse» in Lagree J.C. e Lew-Fai P. (a cura di), La jeunesse en questions, Paris, La documentation française. 5

6 antropologia, storia, demografia, economia, ecc.), prodotto della ricerca scientifica ed universitaria, che hanno la funzione d identificare e d interpretare i fenomeni della società e le loro evoluzioni, mediante. procedimenti metodologici oggettivabili almeno parzialmente. Sia che avvenga sotto forma di sintesi, sia nel quadro di analisi monografiche, questa produzione lavora con concetti. L intellegibilità della realtà immediata ne risulta avvantaggiata, ma non la sua presenza, strappata com è all immediatezza e al particolare. La realtà vi appare trattandosi soprattutto di comportamenti, valori, credenze, evoluzioni strutturali come esemplare, epurata e assimilabile, impoverita dall astrazione. Linguisticamente, i testi delle scienze storiche, economiche e sociali prendono la forma di generi testuali come l articolo o la comunicazione, la tesi o i testi destinati alla circolazione interna di una comunità di pari, ai quali dunque i non-specialisti non hanno accesso. Ma, al di là di questa circolazione primaria, esistono modalità di diffusione, dalle forme generiche diverse (saggio, manuale, opera per un «grande pubblico»), aperte ai non specialisti. Questi testi sono in linea di massima prodotti tenendo conto di questo tipo di uditorio e di consumo. Senza postulare l unicità discorsiva di queste serie testuali e senza pregiudicare effetti di mascheratura e di distinzione volti ad affermare lo statuto eminente dell intermediario o del produttore del testo in rapporto ai consumatori dello stesso, vi si troveranno dunque un minimo di presupposti culturali e uno sforzo di autodelucidazione interna (definizione, esplicitazioni, riscritture, organizzazione generale chiarificata da impaginazione, titoli, iconografia, ecc.) destinati ad assicurare a questi testi una grande leggibilità. Vicini a questo blocco di discorsi, ma distinti per le loro implicazioni per l azione, troviamo i rapporti «ufficiali» o no (come quelli del Centre d étude des revenus et des coûts), di cui spesso la stampa si interessa: sono orientati verso la conoscenza pratica in quanto prodotti su domanda di organismi di governo o di gestione che devono risolvere problemi precisi: le istanze tecniche sono portate ad analizzare situazioni al fine di elaborare conclusioni o raccomandazioni. Questa elaborazione del sapere sociale quale può essere letta sui libri bianchi o su studi affidati ad un esperto (o un gruppo d esperti) procede per confronto, e compromesso, fra punti di vista contraddittori, con i soggetti sociali o le istituzioni implicati. Le poste in gioco sociali delle parti riceventi vi sono ovviamente presenti e percettibili, ma non dirigono da sole la costruzione del sapere sociale o le rappresentazioni della società offerte alla lettura. Allo stesso livello, probabilmente, ma orientato in modo diverso, bisogna segnalare il sapere sociale prodotto dai sondaggi d opinione. Esso è filtrato, in quanto distaccato e spersonalizzato, ma lascia intravedere gli sfaldamenti dell opinione pubblica in modo chiaro, almeno per quanto riguarda le posizioni estreme. Asettizzato a modo suo, ma sensibile alle differenze, questo sapere sociale si avvicina all avvenimento e al particolare e possiede una grande forza di convinzione conferitagli dalla sua operatività quando è utilizzato in modo previsionale (come nel caso dei sondaggi elettorali); tanto che tende a eclissare 6

7 le altre forme di sapere su una società che non presenterebbero lo stesso grado di oggettività. Il fatto è che i committenti di tali inchieste (gruppi politici, organi d informazione, ecc.) non sono sempre percettibili. A causa degli effetti di conformità che suscitano, i sondaggi sono entrati nel dibattito sociale, ma la forma, compatta, quantificata e generalizzabile, dei loro prodotti tende a creare o a rafforzare l effetto di stereotipo, cioè la diffusione di verità o di regole generali poco sensibili alla differenziazione interna di una società. Di grande leggibilità (risultati in cifre presentati sotto forma di tavole, alto grado di ridondanza fra i dati e il loro commento), senza particolari difficoltà culturali, essi propongono rappresentazioni semplificate dalla tecnica stessa del sondaggio: queste fotografie dell opinione pubblica degenerano spesso in cliché. Ciò spiega probabilmente l elevato consumo, nella didattica delle lingue vive, di queste sintesi controllate e facilmente disponibili. Ridiscendendo di un gradino verso il quotidiano, l avvenimento, la realtà direttamente percepibile, si incontra evidentemente il sapere sociale qual è elaborato dai mass-media che danno la parola ai testimoni, ma che hanno anche la funzione di interpretare quest ultima. Tale elaborazione dell attualità, inserita in una visione ideologica che funge da griglia di selezione, è in larga misura dipendente dalla composizione sociale degli utenti, truismo spesso dimenticato nell utilizzazione pedagogica di tali discorsi. I media sono legati all avvenimento senza molto distacco e li fanno diventare spettacolo. Solo un interpretazione esplicita permette al lettore straniero di riconoscere se un avvenimento ha un significato culturale e sociale o se rientra nell ordine del fortuito, ed è dunque privo di significatività. Le procedure d individuazione, cioè d analisi, diventano qui indispensabili. Ora, un mondo culturale complesso, in cui la prossimità complice media-utenti è quasi di regola, è irto di difficoltà: connotazioni, citazioni, non-detto perché dato per scontato, ecc. La forma testuale di questi discorsi scritti in particolare è controllabile o gestibile metodologicamente perché calata in generi che preservano una certa trasversalità culturale (notizie brevi, rassegne di stampa, resoconti, ecc.). Tuttavia, bisogna segnalare, nella stampa quotidiana e settimanale, alcuni testi staccati dall avvenimento come i reportage (con elementi di sintesi di natura enciclopedica), i ritratti, gli articoli ad orientamento storico: il distacco che permette di identificare circostanze ed attori può avvicinarli a certe produzioni delle scienze sociali. Resta il sapere sociale dei soggetti sociali stessi, testimoni o attori dell avvenimento, le cui considerazioni, dichiarazioni ufficiali meditate o reazioni a caldo, sono diffuse dalla stampa o attuate negli scambi privati. Nell uno e nell altro caso, trattandosi soprattutto di cittadini comuni, si tratta di capire il loro discorso situandolo, identificandone le implicazioni. Gli attori esprimono la loro testimonianza e la loro esperienza, spiegano ciò che li tocca. Queste reazioni o commenti, passionali e di parte, parlano anche della realtà sociale vissuta e sviluppano argomentazioni testarde, passe-partout, ma ancorate a fatti vicini, palpabili. Comprendere questo sapere sociale alla prima persona implica rapportare il particolare al generale, interpretare letteralmente 7

8 questi discorsi linguisticamente imprevedibili, impregnati di un mondo e del suo lessico, anche se sono parcellari, vivi e presenti, densi dunque e provvisti di una grande forza emotiva. Questo sguardo individuale si ritrova anche nella produzione artistica che rielabora l esperienza e produce un sapere sociale ambivalente «pertinente e ambiguo», come lo definisce lo storico Michel Vovelle 2, spesso ai margini, ma insostituibile, per l ascolto dei segnali deboli portatori di nuovo. Tale esperienza interpretativa della realtà sociale si manifesta in linguaggi semioticamente complessi, propri ad ogni campo di espressione artistica: la sua interpretazione non ne è certo facilitata. Questo sapere sociale legato alla persona e al momento, pertinente o tramite di luoghi comuni infondati, ma di per se stessi significativi, rischia di essere difficile da utilizzare in un corso di francese come lingua straniera. Restano i segni, silenziosi, non verbali, non testuali o non discorsivi, grezzi e da identificare, che parlano anch essi della società: statue e colori delle strade, ritmi quotidiani e taglio di capelli, manifesti e scritte, tutto ciò che è visibile e che assume veramente un senso solo in serie. Materiale d osservazione per le scienze sociali stesse, possono produrre senso da soli o se si rapportano a quadri generali che essi non forniscono. Alcuni entrano in classe, concreti ma poveri, ed è questa astrazione per difetto che li rende atti ad essere manipolati da studenti stranieri, perché sono alla loro portata 3. Ogni altra tipologia, dal momento che questa è non-gerarchica, o ogni altra caratterizzazione dei saperi sociali, della loro forma e delle loro modalità, sono ovviamente possibili. Ciò che è didatticamente importante è tener conto di questa differente specificità di ognuna delle manifestazioni della conoscenza delle società, immagine della loro diversità interna, che resta fondamentale per la loro comprensione e per l educazione interculturale. 2 Vovelle M., 1982, Idéologies et mentalités, Paris, Maspero. 3 Si vedano le attività proposte in Beacco J.C., Lieutaud S., 1985, Tours de France Travaux pratiques de civilisation. Manuel et guide du professeur, Paris, Hachette. 8

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli