I DISCORSI SOCIALI NELLA LEZIONE DI LINGUA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I DISCORSI SOCIALI NELLA LEZIONE DI LINGUA"

Transcript

1 I DISCORSI SOCIALI NELLA LEZIONE DI LINGUA Jean Claude Beacco 1. EDUCAZIONE INTERCULTURALE E LEZIONE DI LINGUA Educazione interculturale e dimensioni culturali dell insegnamento/ apprendimento delle lingue straniere non devono probabilmente essere confuse anche se operano nello stesso settore: quello dei contatti culturali. La «civilisation» nelle lezioni di lingua costituisce una modalità particolare di quella pedagogia dell interculturale che deve gestire tutto il campo, dai problemi deontologici legati alla determinazione degli obiettivi educativi alla concezione/realizzazione di scambi culturali nel quadro scolastico. Tale ampiezza di campo tende a diluire alcune problematiche sempre intercomunicanti e costituisce un ostacolo alla messa a punto di procedimenti metodologici in senso stretto, salvo in qualche ambito particolarmente identificabile e omogeneo (è il caso degli scambi scolastici). Ne consegue la denominazione corrente, perfettamente adeguata, di educazione e non di didattica interculturale utilizzata in modo volontaristico. Questa distinzione non deve portare a credere che, nella lezione di lingua, le scelte educative siano da ignorare o che procedano da sole. Ma è vero che il rapporto con una cultura altra è, in questa situazione educativa, come anestetizzato, essendo totalmente indiretto. Tanto più che, nel quadro europeo almeno, la lezione di lingua non costituisce da sola un luogo di acculturazione forte: apprendere una lingua a scuola è ancora apprendere una disciplina e questo sapere non sembra in grado di avere un incidenza formatrice o destabilizzatrice sull identità culturale dell apprendente; ciò, almeno, trattandosi di culture che non si trovano in posizione di modello, poiché è chiaro che al di là della mondializzazione delle circolazioni culturali, il ruolo dell angloamericano, dello spagnolo e del francese, per esempio, non è identico nella cultura dei media e nelle forme diverse delle «culture dei giovani»; cosa che implica probabilmente strategie educative diversificate. Comunque, sembra possibile circoscrivere alcune metodologie della «civilisation» in seno alla lezione di lingua, che costituisce uno spazio definito e delimitato al cui interno è dunque realizzabile la scelta di alcune tecniche, dettate da obiettivi chiari. È quindi lecito lasciare in sospeso il problema delle strategie educative, che non è secondario, poiché i contatti culturali possono intendersi come: - individuazione, all interno di pratiche sociali ordinarie o di comportamenti, 1

2 in modo da essere in grado di agire in una società straniera con efficacia, cioè tramite una naturalizzazione simbolica e provvisoria, in conformità agli usi, visti tuttavia nella loro diversità regolata; - contatto con i valori, attualizzati nei modi d essere, dei prodotti della cultura colta, riconosciuti come potenzialmente universali e circolanti già da una comunità alle altre. Questi flussi ed influenze culturali non hanno certo aspettato gli educatori per diffondersi ed il problema allora non è più interculturale ma intraculturale, poiché si tratta di capire come far accedere a realizzazioni culturali, locali o straniere che siano, che accrescono l intelligibilità del mondo, tutti coloro che sono relegati nel consumo di prodotti culturali mediati o regionali. 2. LA «CIVILISATION» NELLA LEZIONE DI LINGUA: SPECIFICITÀ La situazione metodologica della «civilisation» nella lezione di lingua termine pericolosamente generale e problematico ma che nella didattica del francese come lingua straniera designa convenzionalmente l extralinguistico può essere descritta a grandi linee nel modo seguente: - l essenziale dell insegnamento/apprendimento sta nella padronanza linguistica. Le difficoltà, di comprensione almeno, di origine nettamente culturale (per esempio, ignoranza del referente perché esso non esiste a esiste sotto forme molto diverse nella cultura materna) non sono prese in considerazione sistematicamente, ma casualmente nei «dialoghi» e nei «documenti». Questa presenza della vita ordinaria e dell attualità, sotto forma di nomi propri non definiti o di sigle non sciolte (persone: Lalonde, Fabius; luoghi: Matignon, Place Bauveau; nomi commerciali di prodotti: un Président, deux Vichy, trois Monde, senza contare les Galfa, la Datar e les Zup) che si danno per universalmente conosciuti, resta da descrivere linguisticamente e semioticamente; - la dissimmetria tra dimensione linguistica e dimensione culturale è, in termini di attualizzazione, evidente. Per introdurre una lingua straniera in classe, basta un solo locutore, nativo o non, in grado di praticarla parzialmente. Il campione linguistico che ha l insegnante come origine è aperto e si trova completato o in parallelo con i campioni chiusi del libro di testo o del dizionario di riferimento. Una lingua è facilmente trasportabile e gli insegnanti sono, a questo proposito, chiedo loro venia in qualche modo intercambiabili. Una cultura straniera non è trasportabile: ciò è un evidenza. Se ne possono introdurre in classe solo delle rappresentazioni o dei simulacri, frammenti o parti, oggetti strappati al quotidiano, immagini e discorsi. L insegnante non si limita più al ruolo di mediatore inerte o d informatore rappresentativo. Se egli è in grado d informare, lo è in quanto divulgatore, intermediario fra un sapere/fonte e un uditorio. Se fa di più, allora è come testimone, e non come esempio, tramite la propria esperienza della cultura straniera: attraverso le motivazioni prime che l hanno 2

3 condotto ad insegnare una lingua, questa lingua; attraverso la conoscenza diretta che egli ha potuto costruirsi di questa nazione (viaggi turistici, stage di formazione professionale iniziale o continua, letture, relazioni sociali, ecc.); attraverso il legame creatosi con questa relazione obbligata con una cultura altra (riserva, ammirazione prudente o infastidita, entusiasmo sistematico, ecc.). Questa conoscenza diretta traspare necessariamente in colloqui privati, confidenze, ricordi, aneddoti, osservazioni rapide che possono arrivare fino a giudizi di valore, all esortazione morale; tanto è vero che, come si «fa grammatica» al di fuori dei momenti ufficialmente dedicati alla sistematizzazione formale, si «fa civilisation» senza averlo previsto né voluto; - l oggetto dell insegnamento si costituisce in lingua e in «civilisation» secondo procedure distinte. L oggetto lingua, quale esso è costituito a questi fini d insegnamento, è un prodotto metodologico che non è dunque dato ma per il quale esistono procedure di costruzione riconosciute: inventari statistici, inventari funzionali, esclusione/inclusione fondate sulla norma sociolinguistica ritenuta dominante, correttezza accademica, sentimento estetico, cc. Ogni utilizzatore può, per lo meno, contestarne la rappresentatività (campione) e la strutturazione (parole, schemi di enunciati, atti di parola, repliche, testi, ecc.). La costituzione dell oggetto cultura è di tutt altra complessità, in quanto non esiste grammatica di riferimento e, quand anche esistesse, il tenerne conto porterebbe a dosaggi di contenuti impossibili. La rappresentatività di un oggetto culturale non è un dato immediato. Attenersi ad una caratterizzazione media appiattisce a tal punto le differenze che una simile opzione si presta alla fioritura di tutti gli stereotipi possibili. Quanto all identità culturale stessa, non sembra essere recepita che come una costruzione storica, evidentemente non condivisa in seno ad un gruppo che condivide tuttavia altri tratti: i cattolici, musulmani, testimoni di Geova, massoni, protestanti ed ebrei francesi si riconoscono nella morale laica della Repubblica? Chi rivendica una tradizione, chi un altra, e l omogeneizzazione è vissuta come perdita dell identità regionale. Per quanto riguarda l identità nazionale, essa può ridursi ad un insieme vuoto di più piccoli comuni denominatori o ad un connubio passepartout di «virtù» e di «difetti». La domanda «Che cos è la Francia?» è una domanda da straniero. D altra parte ciò ha poca importanza: la costituzione dell oggetto-cultura non è mai stato un problema metodologico all ordine del giorno: tutto è buono, di ciò che è straniero, per illustrare/esemplificare questa estraneità. Da notare, sempre, la folclorizzazione delle culture nazionali nei manuali di lingua, ultimo luogo in cui un educatore potrebbe aspettarsi di trovarla; si dovrà convenire che la costituzione dell oggetto-cultura non è neppure un problema; - l oggetto culturale non è strutturato nello stesso modo all esterno e all interno. Per chi se ne avvicina dall esterno, tutto è oggetto di conoscenza: mancano le informazioni, i referenti, i sensi letterali, la familiarità con le strutture che danno coerenza. Si persegue in primo luogo 3

4 indefinitamente il significato immediato (RATP, 11 novembre, rugby, alternanza, coabitazione, ecc.). Per chi lo guarda dall interno, ci sono certo dei significati chiusi e stabilizzati, comuni o no, ma ce ne sono altri la cui definizione costituisce per l appunto una posta in gioco sociale, politica o ideologica, senza consenso pensabile. Il significato culturale di certe «parole» non è stabilito dal dizionario: è negoziato da un gruppo all altro e si carica dei significati di questo interdiscorso dialettico o polemico. Ciò che importa non è tanto il «senso» delle parole impiegate, quanto l individuazione delle condizioni di produzione del discorso che permette di ricostituire i significati delle parole dissimulati da un troppo largo significante (libertà, diritto, scuola, individuo, salario, cultura, ecc.). Questi significati, lungi dall esaurirsi in un unica definizione, si costruiscono in tali scambi discorsivi antagonisti; - infine, la lezione di lingua non detiene, in seno all istituzione scolastica, il monopolio delle relazioni con 1 esterno. Altre discipline sono definite trasversalmente alle culture, nazionali o no, come, a più d un titolo, la storia o la geografia così come la letteratura, la filosofia e le scienze esatte. Se la lezione di lingua deve svolgere un ruolo specifico, non è probabilmente quello di sostituirsi a queste discipline per la semplice ragione che spesso gli insegnanti non ne hanno la padronanza. Tenere un corso di storia o introdurre un argomento storico in francese, durante la lezione di francese, equivale probabilmente a disconoscere l interdisciplinarità. La specificità della lezione di lingua esiste, ma la configurazione del contatto culturale che le sarebbe proprio resta da definire. Ogni teorizzazione metodologica dovrebbe tener conto di questi parametri, senza escluderne evidentemente altri come le relazioni tra le culture messe in contatto (continuità, rottura), le aspettative degli apprendenti, i loro investimenti culturali, ecc. 3. I DISCORSI SOCIALI In questo quadro si deve porre il problema delle fonti di informazione e dei supporti didattici, se la classe è una sede nella quale la «civilisation» non entra che sotto forme mediate, attraverso discorsi ed immagini, indipendentemente dalla testimonianza individuale localizzata che l insegnante è in grado di portare. In materia, è prudente attenersi ai documenti autentici se non si vuole introdurre una mediazione supplementare, una distorsione in più, quella dell autore di un manuale di lingua che confeziona supporti per le attività d insegnamento della «civilisation». I rischi sono molto considerevoli e ben conosciuti: a caso, qualche citazione tratta dalla parte «civilisation» di un manuale d italiano come lingua straniera (pubblicato nel 1985): Alle diciassette è d obbligo per i bambini la merenda: pane e cioccolata, pane e prosciutto, pane e mortadella, pane e marmellata o 4

5 frutta [...]. È importante ricordare che sulla tavola italiana non manca mai il vino economico e ottimo, e il pane. I maccheroni e gli spaghetti: li mangia tutto il mondo, sono presenti oggi nel dizionari di tutte le lingue, sono considerati cibo italiano per eccellenza. La pasta fa ingrassare? Certamente non più di altri cibi. La pasta è l alimento base degli italiani, che pure, in generale non sono più grassi di altri popoli [...]». No comment. Selezionare documenti autentici non permette di risolvere miracolosamente il problema della rappresentatività, ma ciò evita almeno questo genere di deriva generalizzante, terreno fertile per la nascita degli stereo tipi più resistenti. Resta il fatto che i discorsi/immagini d una società suscettibili d entrare in classe non si possono trattare e utilizzare didatticamente. in maniera uniforme: non sono pretesti per dare o per portare informazioni intercambiabili: conviene preservare la loro personalità culturale e linguistica. Questi «discorsi sociali» sono da concepire come pratiche cognitive, regolate da un epistemologia o realizzate da un soggetto sociale al di fuori di ogni quadro scientifico, produttrici di saperi su una data società e che prendono una forma linguistica. Ci atterremo qui ai testi in circolazione, non disponendo di una tipologia accettabile delle forme di «trasmissione culturale» tramite l immagine/testo della televisione (informazioni interviste, inchieste, tavole rotonde, tribune politiche, pubblicità, ecc.). Ci sia permesso di sottolineare rapidamente fino a che punto l immagine sia utilizzata in modo limitato quanto selvaggio nell insegnamento delle lingue, dal punto di vista culturale di cui ci occupiamo in questa sede..i discorsi sociali presentano le realtà culturali da punti di vista diversi e sotto forme diverse. Si prestano a utilizzazioni distinte da parte degli apprendenti e presentano difficoltà prevedibili, linguistiche e culturali anche esse distinte, che descriviamo qui di seguito. Attualmente essi sono sfruttati in modo molto diseguale. In primo luogo menzioneremo il discorso spontaneo degli apprendenti stranieri 1, così come quello degli insegnanti di lingua, che ci sono praticamente sconosciuti. Che cosa si dice di culturale durante la lezione di lingua e come ciò viene detto? Ecco ricerche da condurre che potrebbero essere chiarificatrici: si potrebbero così mettere in parallelo il discorso ufficiale dell insegnante e le sue considerazioni laterali, le domande degli alunni, da repertoriare, le rappresentazioni iniziali e le loro eventuali modifiche senza dimenticare il discorso dei manuali di lingua che si basa sempre almeno su di una esplicita analisi di contenuto di tipo storico e con intento esplicativo. Viene poi il discorso sociale delle scienze propriamente sociali (sociologia, 1 L insieme di questa tipologia è ripresa da Jenny J., 1983, «Les discours sociaux sur la Jeunesse» in Lagree J.C. e Lew-Fai P. (a cura di), La jeunesse en questions, Paris, La documentation française. 5

6 antropologia, storia, demografia, economia, ecc.), prodotto della ricerca scientifica ed universitaria, che hanno la funzione d identificare e d interpretare i fenomeni della società e le loro evoluzioni, mediante. procedimenti metodologici oggettivabili almeno parzialmente. Sia che avvenga sotto forma di sintesi, sia nel quadro di analisi monografiche, questa produzione lavora con concetti. L intellegibilità della realtà immediata ne risulta avvantaggiata, ma non la sua presenza, strappata com è all immediatezza e al particolare. La realtà vi appare trattandosi soprattutto di comportamenti, valori, credenze, evoluzioni strutturali come esemplare, epurata e assimilabile, impoverita dall astrazione. Linguisticamente, i testi delle scienze storiche, economiche e sociali prendono la forma di generi testuali come l articolo o la comunicazione, la tesi o i testi destinati alla circolazione interna di una comunità di pari, ai quali dunque i non-specialisti non hanno accesso. Ma, al di là di questa circolazione primaria, esistono modalità di diffusione, dalle forme generiche diverse (saggio, manuale, opera per un «grande pubblico»), aperte ai non specialisti. Questi testi sono in linea di massima prodotti tenendo conto di questo tipo di uditorio e di consumo. Senza postulare l unicità discorsiva di queste serie testuali e senza pregiudicare effetti di mascheratura e di distinzione volti ad affermare lo statuto eminente dell intermediario o del produttore del testo in rapporto ai consumatori dello stesso, vi si troveranno dunque un minimo di presupposti culturali e uno sforzo di autodelucidazione interna (definizione, esplicitazioni, riscritture, organizzazione generale chiarificata da impaginazione, titoli, iconografia, ecc.) destinati ad assicurare a questi testi una grande leggibilità. Vicini a questo blocco di discorsi, ma distinti per le loro implicazioni per l azione, troviamo i rapporti «ufficiali» o no (come quelli del Centre d étude des revenus et des coûts), di cui spesso la stampa si interessa: sono orientati verso la conoscenza pratica in quanto prodotti su domanda di organismi di governo o di gestione che devono risolvere problemi precisi: le istanze tecniche sono portate ad analizzare situazioni al fine di elaborare conclusioni o raccomandazioni. Questa elaborazione del sapere sociale quale può essere letta sui libri bianchi o su studi affidati ad un esperto (o un gruppo d esperti) procede per confronto, e compromesso, fra punti di vista contraddittori, con i soggetti sociali o le istituzioni implicati. Le poste in gioco sociali delle parti riceventi vi sono ovviamente presenti e percettibili, ma non dirigono da sole la costruzione del sapere sociale o le rappresentazioni della società offerte alla lettura. Allo stesso livello, probabilmente, ma orientato in modo diverso, bisogna segnalare il sapere sociale prodotto dai sondaggi d opinione. Esso è filtrato, in quanto distaccato e spersonalizzato, ma lascia intravedere gli sfaldamenti dell opinione pubblica in modo chiaro, almeno per quanto riguarda le posizioni estreme. Asettizzato a modo suo, ma sensibile alle differenze, questo sapere sociale si avvicina all avvenimento e al particolare e possiede una grande forza di convinzione conferitagli dalla sua operatività quando è utilizzato in modo previsionale (come nel caso dei sondaggi elettorali); tanto che tende a eclissare 6

7 le altre forme di sapere su una società che non presenterebbero lo stesso grado di oggettività. Il fatto è che i committenti di tali inchieste (gruppi politici, organi d informazione, ecc.) non sono sempre percettibili. A causa degli effetti di conformità che suscitano, i sondaggi sono entrati nel dibattito sociale, ma la forma, compatta, quantificata e generalizzabile, dei loro prodotti tende a creare o a rafforzare l effetto di stereotipo, cioè la diffusione di verità o di regole generali poco sensibili alla differenziazione interna di una società. Di grande leggibilità (risultati in cifre presentati sotto forma di tavole, alto grado di ridondanza fra i dati e il loro commento), senza particolari difficoltà culturali, essi propongono rappresentazioni semplificate dalla tecnica stessa del sondaggio: queste fotografie dell opinione pubblica degenerano spesso in cliché. Ciò spiega probabilmente l elevato consumo, nella didattica delle lingue vive, di queste sintesi controllate e facilmente disponibili. Ridiscendendo di un gradino verso il quotidiano, l avvenimento, la realtà direttamente percepibile, si incontra evidentemente il sapere sociale qual è elaborato dai mass-media che danno la parola ai testimoni, ma che hanno anche la funzione di interpretare quest ultima. Tale elaborazione dell attualità, inserita in una visione ideologica che funge da griglia di selezione, è in larga misura dipendente dalla composizione sociale degli utenti, truismo spesso dimenticato nell utilizzazione pedagogica di tali discorsi. I media sono legati all avvenimento senza molto distacco e li fanno diventare spettacolo. Solo un interpretazione esplicita permette al lettore straniero di riconoscere se un avvenimento ha un significato culturale e sociale o se rientra nell ordine del fortuito, ed è dunque privo di significatività. Le procedure d individuazione, cioè d analisi, diventano qui indispensabili. Ora, un mondo culturale complesso, in cui la prossimità complice media-utenti è quasi di regola, è irto di difficoltà: connotazioni, citazioni, non-detto perché dato per scontato, ecc. La forma testuale di questi discorsi scritti in particolare è controllabile o gestibile metodologicamente perché calata in generi che preservano una certa trasversalità culturale (notizie brevi, rassegne di stampa, resoconti, ecc.). Tuttavia, bisogna segnalare, nella stampa quotidiana e settimanale, alcuni testi staccati dall avvenimento come i reportage (con elementi di sintesi di natura enciclopedica), i ritratti, gli articoli ad orientamento storico: il distacco che permette di identificare circostanze ed attori può avvicinarli a certe produzioni delle scienze sociali. Resta il sapere sociale dei soggetti sociali stessi, testimoni o attori dell avvenimento, le cui considerazioni, dichiarazioni ufficiali meditate o reazioni a caldo, sono diffuse dalla stampa o attuate negli scambi privati. Nell uno e nell altro caso, trattandosi soprattutto di cittadini comuni, si tratta di capire il loro discorso situandolo, identificandone le implicazioni. Gli attori esprimono la loro testimonianza e la loro esperienza, spiegano ciò che li tocca. Queste reazioni o commenti, passionali e di parte, parlano anche della realtà sociale vissuta e sviluppano argomentazioni testarde, passe-partout, ma ancorate a fatti vicini, palpabili. Comprendere questo sapere sociale alla prima persona implica rapportare il particolare al generale, interpretare letteralmente 7

8 questi discorsi linguisticamente imprevedibili, impregnati di un mondo e del suo lessico, anche se sono parcellari, vivi e presenti, densi dunque e provvisti di una grande forza emotiva. Questo sguardo individuale si ritrova anche nella produzione artistica che rielabora l esperienza e produce un sapere sociale ambivalente «pertinente e ambiguo», come lo definisce lo storico Michel Vovelle 2, spesso ai margini, ma insostituibile, per l ascolto dei segnali deboli portatori di nuovo. Tale esperienza interpretativa della realtà sociale si manifesta in linguaggi semioticamente complessi, propri ad ogni campo di espressione artistica: la sua interpretazione non ne è certo facilitata. Questo sapere sociale legato alla persona e al momento, pertinente o tramite di luoghi comuni infondati, ma di per se stessi significativi, rischia di essere difficile da utilizzare in un corso di francese come lingua straniera. Restano i segni, silenziosi, non verbali, non testuali o non discorsivi, grezzi e da identificare, che parlano anch essi della società: statue e colori delle strade, ritmi quotidiani e taglio di capelli, manifesti e scritte, tutto ciò che è visibile e che assume veramente un senso solo in serie. Materiale d osservazione per le scienze sociali stesse, possono produrre senso da soli o se si rapportano a quadri generali che essi non forniscono. Alcuni entrano in classe, concreti ma poveri, ed è questa astrazione per difetto che li rende atti ad essere manipolati da studenti stranieri, perché sono alla loro portata 3. Ogni altra tipologia, dal momento che questa è non-gerarchica, o ogni altra caratterizzazione dei saperi sociali, della loro forma e delle loro modalità, sono ovviamente possibili. Ciò che è didatticamente importante è tener conto di questa differente specificità di ognuna delle manifestazioni della conoscenza delle società, immagine della loro diversità interna, che resta fondamentale per la loro comprensione e per l educazione interculturale. 2 Vovelle M., 1982, Idéologies et mentalités, Paris, Maspero. 3 Si vedano le attività proposte in Beacco J.C., Lieutaud S., 1985, Tours de France Travaux pratiques de civilisation. Manuel et guide du professeur, Paris, Hachette. 8

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA Lingua e visione del mondo. Universali linguistici Nei brani

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E L apprendimento di due lingue comunitarie permette

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Liceo Classico E. Cairoli Varese ESA BAC Esame di Stato = Baccalauréat Liceo Classico E. Cairoli Varese Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d

Dettagli

2011/FEI/PROG-101909 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO E82I12000230007 QCER

2011/FEI/PROG-101909 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO E82I12000230007 QCER Progetto Vivere in Italia. L'italiano per il lavoro e la cittadinanza Convenzione di Sovvenzione n. 2011/FEI/PROG-101909 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO E82I12000230007 QCER e didattica delle in una prospettiva

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI A completamento delle nuove linee guida della P.A.T. relative alla valutazione degli studenti stranieri, si forniscono alcune indicazioni in vista

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 L insegnamento di lingue straniere nel biennio si propone di promuovere lo sviluppo graduale

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata LA COMUNICAZIONE EFFICACE Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata La lingua: sistema creativo governato da regole Onnipotenza semiotica Facoltà metalinguistica

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI L iscrizione di alunni immigrati non è più un dato eccezionale ed occasionale, ma costituisce una realtà consolidata, per quanto variabile nelle sue dimensioni

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA - PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA A cura di - 1 Soggetto proponente e attuatore I.T.C. P.A.C.L.E. e ITER M. Luther King di Muggiò (MI) Via Allende, 3

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Cosa è Scuola Valore, Finalità... 2 I progetti... 3 Le risorse e i possibili utilizzi... 4 Il processo di produzione delle risorse... 6 1 Cosa è

Dettagli

Scienze umane 89 89 89 89 89

Scienze umane 89 89 89 89 89 Scienze umane 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane 89 89 89 89 89 Premessa generale Il ruolo delle Scienze Umane nella formazione liceale Le scienze umane si sono costituite a partire

Dettagli

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA Il ruolo del docente di conversazione in lingua straniera non è quello di dare modelli fonologicamente o formalmente corretti in lingua, ma è quello di contribuire

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 FISM VENEZIA 2012 1 Il DPR 89/2009 prevedeva che le Indicazionidel 2007 potevano essere riviste dopo il triennio 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012. La Circolare Ministeriale n 101 del 4 novembre 2011 ha

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI RONCADE via Vivaldi 24-31056 Roncade (TV) PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE Traguardi di sviluppo delle competenze relative

Dettagli

LE NUOVE COMPETENZE DELL INSEGNANTE SECONDO PHILIPPE PERRENOUD 1

LE NUOVE COMPETENZE DELL INSEGNANTE SECONDO PHILIPPE PERRENOUD 1 LE NUOVE COMPETENZE DELL INSEGNANTE SECONDO PHILIPPE PERRENOUD 1 Su uno scenario di crisi della cultura della scuola e della professione insegnante molte sono le sfide lanciate e molti sono gli insegnanti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

1.A. PROMUOVERE L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI.1.A.3. OBIETTIVI GENERALI

1.A. PROMUOVERE L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI.1.A.3. OBIETTIVI GENERALI PER UNA SCUOLA MIGLIORE PIANO EDUCATIVO ZONALE 2015/2016 REFERENTE PEZ - CAROSI LUCIA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI - CAI LUCIA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERII -

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli

Competenze e curricolo nel Liceo economico sociale. Sergio Bassi - Maria Galperti

Competenze e curricolo nel Liceo economico sociale. Sergio Bassi - Maria Galperti Competenze e curricolo nel Liceo economico sociale Sergio Bassi - Maria Galperti Seminari residenziali Milano Caserta Vicenza Roma marzo aprile 2012 Differenze e analogie tra nuovo ordinamento (DPR 89/2010

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

LICEO CLASSICO VIRGILIO. Dirigente Scolastico: Prof.ssa Maria Carmela Taronna

LICEO CLASSICO VIRGILIO. Dirigente Scolastico: Prof.ssa Maria Carmela Taronna LICEO CLASSICO VIRGILIO con sezione staccata del Liceo Scientifico di Carpino tel.0884-991220 Fax. 0884967098 E-mail: fgpc090002@istruzione.it P.E.C.fgpc090002@pec.istruzione.it Dirigente Scolastico: Prof.ssa

Dettagli

PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI

PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI Progettare Nella scuola, il termine competenza è ambiguo, perché è mutuato dall ambito della formazione professionale

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

Towards New Conditions for Literary Translation in Europe. Sintesi delle Raccomandazioni PETRA

Towards New Conditions for Literary Translation in Europe. Sintesi delle Raccomandazioni PETRA Towards New Conditions for Literary Translation in Europe Sintesi delle Raccomandazioni PETRA Traduzione di Vincenzo Barca e Michela Tonti Ottobre 2012 PR E M ESSA Dal primo al tre dicembre 2011, circa

Dettagli

PER UNA CARTA DELL ANIMAZIONE

PER UNA CARTA DELL ANIMAZIONE PER UNA CARTA DELL ANIMAZIONE (documento in progress) 2 PER UNA CARTA DELL ANIMAZIONE COSA SIGNIFICA ANIMAZIONE IN CAMPO GERONTOLOGICO Etimologicamente la parola animazione deriva dal verbo animare che,

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO La scuola secondaria di primo grado rappresenta la fase in cui si realizza l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà e come modalità di interpretazione, simbolizzazione e rappresentazione

Dettagli

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Le nuove sfide della scuola Walter Moro Il mio contributo in questo

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE LICEO SCIENTIFICO. PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE LICEO SCIENTIFICO. PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LA PROGETTAZIONE PER COMPETENZE E PER TRAGUARDI FORMATIVI DAL PRIMO BIENNIO ALL ULTIMO ANNO Rete delle scuole secondarie di II grado della provincia di Udine (Istituto capofila: Liceo G. Marinelli Udine)

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

COLORANDIA:.. ALLA SCOPERTA DEI COLORI

COLORANDIA:.. ALLA SCOPERTA DEI COLORI Doralice Magnoni Area: approfondimenti disciplinari Obiettivi: stabilire intrecci e connessioni tra le discipline Attività: COLORANDIA ALLA SCOPERTA DEI COLORI Ordini di scuola: scuola dell infanzia Crediti:

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli Via Sozzi, N 6-47042 Cesenatico (FC) - Cod. fisc. 90041150401 Tel 0547 80309 fax 0547 672888 - Email: fomm08900a@istruzione.it Sito web: www.smcesenatico.net

Dettagli

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ Creare le condizioni ed i presupposti per un sereno passaggio dei bambini dalla Scuola dell Infanzia alla scuola primaria, con particolare

Dettagli

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA Livello A2 Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue del Consiglio d Europa TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

4. INDIRIZZI E PIANI DI STUDIO

4. INDIRIZZI E PIANI DI STUDIO Liceo G.F. Porporato anno scolastico 2013-2014 4. INDIRIZZI E PIANI DI STUDIO 4.1 Profilo Indirizzo Classico Corso di studi quinquennale Titolo di studio: Diploma di Liceo Classico L indirizzo classico

Dettagli

CURRICOLO INGLESE SCUOLA SECONDARIA

CURRICOLO INGLESE SCUOLA SECONDARIA CURRICOLO INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA Competenze Conoscenze Abilità Lingua Conoscere il lessico, le strutture e le funzioni relativi a: espressioni di saluto e socializzazione dati personali

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

5.1.1. - Anticipo scolastico nella scuola primaria

5.1.1. - Anticipo scolastico nella scuola primaria 5.1.1. - Anticipo scolastico nella scuola primaria Istituzione scolastica: Direzione Didattica statale 2 Circolo di Capannori Via C. Piaggia 55012 Capannori (Lucca) Tel. e fax 0583 / 935233 e-mail luee023003@istruzione.it

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Gabriella Geraci La comunicazione La comunicazione serve per trasmettere delle informazioni per mezzo di messaggi

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1 I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014 Verbale n. 1 Il presente verbale è frutto del lavoro comune svolto dai docenti del gruppo linguistico dei singoli dipartimenti dell I.I.S. Telesi@: LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti La valutazione degli apprendimenti La valutazione strumento di conoscenza dell alunno per l alunno Valutazione degli apprendimenti e della qualità del sistema educativo di istruzione e di formazione VALUTAZIONE

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

ingresso o strumenti a scelta del docente, i livelli di partenza e i bisogni linguistici e cognitivi degli alunni.

ingresso o strumenti a scelta del docente, i livelli di partenza e i bisogni linguistici e cognitivi degli alunni. PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO UMANISTICO-LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Discipline : Italiano, Storia, Storia dell Arte e del Territorio, Religione, Francese, Inglese, Spagnolo Il giorno 5 del

Dettagli