15 MODULO INTRODUTTIVO Il laboratorio cooperativo di informatica 16 schede di verifica. 7 schede di apprendimento. 8 schede di apprendimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "15 MODULO INTRODUTTIVO Il laboratorio cooperativo di informatica 16 schede di verifica. 7 schede di apprendimento. 8 schede di apprendimento"

Transcript

1 I n d i c e 7 Introduzione 15 MODULO INTRODUTTIVO Il laboratorio cooperativo di informatica 16 schede di verifica 35 MODULO DI LAVORO 1 Il laboratorio delle idee: collaboriamo per creare una guida 7 schede di apprendimento 49 MODULO DI LAVORO 2 Biblioteca, mediateca, Internet: ambienti di autoapprendimento 8 schede di apprendimento 73 MODULO DI LAVORO 3 Apprendere in rete: strumenti e strategie per la ricerca 8 schede di apprendimento 93 MODULO DI LAVORO 4 Dai file ai documenti: strutturare i contenuti 5 schede di apprendimento 115 MODULO DI LAVORO 5 Un modello logico: l organizzazione delle informazioni 5 schede di apprendimento 135 MODULO DI LAVORO 6 Comunicare per associazioni: le strade di senso dell ipertesto 5 schede di apprendimento 155 MODULO DI LAVORO 7 Le informazioni al di fuori della scuola: la blogsfera 11 schede di apprendimento

2 Introduzione L uso del computer nelle classi delle nostre scuole ha registrato negli ultimi anni un deciso incremento. Ciò nonostante permangono alcuni vincoli, legati soprattutto alle dotazioni non sempre adeguate di strumenti informatici negli istituti scolastici del nostro Paese e anche, in alcuni casi, alla mancanza di una generalizzata preparazione dei docenti rispetto all uso del computer nella didattica. Talvolta, infatti, l ora di informatica viene ancora considerata un momento piuttosto isolato e scollegato dalle comuni attività disciplinari, perdendo così la sua peculiare trasversalità e in parte quelle che sono le enormi potenzialità delle nuove tecnologie rispetto alla ricerca di informazioni, alla realizzazione di efficaci materiali di studio, all organizzazione cooperativa delle attività didattiche, azioni, queste, comuni a tutte le discipline. Il testo Informatica facile 2, naturale prosecuzione del precedente Informatica facile (Erickson, 2003), propone attività di potenziamento rispetto ai principali programmi, in particolare Word, Paint, Access, Excel, PowerPoint, Windows Media Player e Internet Explorer, all interno di un percorso cooperativo organizzato al fine di costruire un prodotto scaturito dal lavoro di una intera classe da condividere poi con l esterno. La costruzione di una guida per la città di Roma è il pretesto sul quale si fonda il progetto che richiede una partecipazione allargata del gruppo docente per mettere in campo le idee di tutti gli alunni, e le loro abilità nell uso degli strumenti informatici, al fine di stimolare fortemente le capacità collaborative e cooperative nella classe. La verifica delle competenze informatiche degli alunni, riferite ai principali programmi, è il banco di prova iniziale per la costituzione dei gruppi. Il percorso prosegue con una serie di attività strutturate che consentono a ciascuno di contribuire alla realizzazione del prodotto finale e di potenziare le proprie capacità rispetto all informatica. In particolare, viene ben scandito il passaggio dall idea iniziale del progetto, che accoglie le idee di tutti attraverso una fase di brainstorming, all elaborazione di un prodotto completo e organico in tutti i suoi aspetti. La ricerca dei materiali e delle informazioni procede su tre versanti ugualmente importanti e significativi: la biblioteca, la mediateca e Internet, per i quali vengono creati appositi strumenti di ricerca e catalogazione, utili per muoversi all interno di vasti ambiti di documentazione. Tali materiali vengono poi organizzati Introduzione 7

3 nelle cartelle e tradotti in file, documenti utili per la creazione di un archivio e la realizzazione di un ipertesto. L attività così organizzata porta alla realizzazione di una guida della città di Roma, strutturata in testi, immagini, file audio e filmati, che la classe mette a disposizione sul sito della scuola e apre ai contributi di tutti attraverso l apertura di un blog ad essa dedicato. È proprio quest ultima fase a dare il senso di un lavoro aperto alla continua revisione e all aggiornamento e rende l attività della classe dinamica e attenta alle nuove possibilità che le tecnologie informatiche mettono a disposizione. A cosa serve questo libro Il libro non vuole essere un vero e proprio manuale d informatica, bensì un diario di azioni educative che prevede come contesto l ambiente multimediale e ha lo scopo di integrare e ampliare le conoscenze del volume precedente Informatica facile. Il progetto didattico è strutturato in moduli che gradualmente, durante un intero anno scolastico, offrono indicazioni per gli insegnanti e fissano gli obiettivi per gli alunni. In questo arco temporale gli alunni hanno la possibilità di scoprire ed esplorare in modo mirato e consapevole le potenzialità dell informatica mentre gli insegnanti applicano «le buone pratiche» di apprendimento trasversale. Infatti le linee guida si possono riassumere in: formazione continua per l aspetto tecnico-operativo sulla macchina e regolari routine propedeutiche per le azioni di metodo. Il libro, con approccio graduale, stimola alla costruzione di una «guida» della città, ma questa ha il solo scopo di mettere in moto approcci didattici significativi, legati alla strategia dell imparare facendo. Concretamente, la guida aiuta a «imparare il computer» con i compagni e fornisce ai docenti momenti di riflessione e progettazione comune. Il libro si apre come un nuovo anno scolastico nel quale, come in ogni inizio, si effettuano prove di ingresso. In questo caso, le prove intendono verificare il livello delle abilità e delle competenze rispetto agli obiettivi del precedente libro Informatica facile. Grazie alle prove, che definiscono i livelli delle abilità strumentali degli alunni, gli insegnanti organizzano i gruppi d origine e forniscono un tema per iniziare «la costruzione di una guida per i ragazzi della città». Tutto comincia dal brainstorming degli studenti, dove le idee si combinano, si modificano e si visualizzano, fornendo le immagini mentali delle necessità su cui puntare l attenzione. Fanno seguito la costruzione di modelli mentali per muoversi in ambienti d apprendimento differenti e le strategie di ricerca nella rete per arrivare alla costruzione dei documenti organizzati in unità d informazione. Attraverso un sistema di «passamano» nella costruzione delle conoscenze, si arriva alla realizzazione di strutture di navigazione per la produzione di un oggetto multimediale. Ogni membro del gruppo è parte attiva e produce, osserva e controlla tutto il percorso che si intreccia e si sviluppa alternando momenti di lavoro individuale a momenti di scambio collettivo. Così la rete fittissima di relazioni e di rimandi tra l applicativo e l elaborativo viene strutturata dagli insegnanti con tabelle che mostrano i compiti, gli spazi e i ruoli. Il team dei docenti coordina, suggerisce, stimola, facilita, controlla e osserva tutte le fasi del processo. 8 Informatica facile 2

4 Il libro vuole essere uno strumento di lavoro nel quale approcci metodologici di vario genere operano sinergicamente trovando esemplificazioni concrete. Il punto di forza sta nella tracciabilità dell azione didattica e, quindi, nella possibilità di riutilizzare il processo in successivi percorsi con altri temi o oggetti di analisi, potenziando quelli che sono i riferimenti teorici da cui la nuova attività trae energia. In conclusione, la novità dell approccio metodologico presentato in Informatica facile 2 risiede: nella strutturazione graduale temporale che abbraccia il lavoro di un anno scolastico; nella flessibilità di riutilizzazione di ogni singolo modulo; nell intreccio di metodologie applicate alle nuove tecnologie. Come è strutturato il lavoro Il testo comprende un Modulo introduttivo e 7 Moduli di lavoro, attraverso i quali la classe costruisce, nell arco di un intero anno scolastico, la propria guida della città. La classe viene organizzata in gruppi cooperativi e dinamici, secondo la seguente organizzazione generale: classe di 20 alunni lavoro di gruppo 4 gruppi di alunni 5 alunni in ogni gruppo i gruppi non sono fissi in ogni gruppo c è un esperto in ogni gruppo c è un coordinatore. Il Modulo introduttivo ha l obiettivo di avvicinare la classe al lavoro cooperativo e utilizza le verifiche di ingresso riferite alle abilità informatiche come valido strumento per l organizzazione dei gruppi, in modo da consentire la circolarità delle competenze e dei ruoli. Le prove di livello fanno diretto riferimento a quanto gli alunni hanno imparato utilizzando il precedente testo Informatica facile e comunque sono riferite alle abilità di base rispetto ai programmi Word, Paint, PowerPoint, Excel e a Internet. Nel Modulo 1 gli alunni vengono sollecitati a esprimere le loro idee, attraverso la tecnica del brainstorming, rispetto al prodotto che si intende realizzare. Gli spunti forniti dagli studenti vengono poi ordinati in un elenco ragionato, classificato per gruppi o analogie, creando così le seguenti quattro categorie di informazioni: divertimento curiosità informazioni cultura. Vengono poi stabilite delle aree di lavoro specifiche e si assegnano i ruoli rispetto al compito da svolgere. Ogni alunno avrà infatti a turno un ruolo chiave Introduzione 9

5 all interno del proprio gruppo, con il quale collaborerà per il raggiungimento degli obiettivi indicati. Successivamente, vengono fornite agli alunni le informazioni essenziali per imparare a costruire una struttura ad albero, indispensabile per gestire un archivio di dati (che, essendo condiviso, verrà costruito sul server). Nel Modulo 2 si preparano i materiali utili per operare in diversi ambiti di ricerca: la biblioteca, la mediateca e il web. In particolare vengono costruiti modelli vuoti per i frame e gli script con il programma Excel. I frame verranno utilizzati per analizzare e scoprire le differenti caratteristiche dei diversi ambienti di ricerca, mentre negli script si potranno registrare tutte le azioni da compiere negli ambienti stessi. Verranno create, inoltre, delle schede per la registrazione dei dati. La strutturazione per gruppi del Modulo 2 prevede la creazione di gruppi di esperti nei quali gli alunni lavoreranno nei due ambiti: «Spazi», per l elaborazione di frame e script, e «Schede», per la realizzazione di modelli vuoti con Excel ed elaborazione di indicatori per la raccolta dei dati. Il Modulo 3 ha l obiettivo di esplorare in maniera efficace le reti informatiche e il web per la ricerca delle informazioni utili alla costruzione della guida. In particolare, vengono apprese e utilizzate strategie di ricerca efficaci per: entrare nelle reti informatiche organizzare ricerche mirate definire i criteri per una ricerca operare nei siti comuni dei motori di ricerca affinare la ricerca con indici per materia interrogare le biblioteche virtuali. Il Modulo 4 propone l analisi dei materiali reperiti in Internet e la loro classificazione in base al loro formato: file di testo, di immagini, sonori e video. I diversi file vengono visionati utilizzando gli specifici programmi, Word, Windows Media Player, Real Alternative, e poi vengono organizzati e salvati all interno della struttura ad albero in modo tale da essere pronti nel momento di costruzione del prodotto. Il Modulo 5 prevede l uso del programma Access per la gestione dei dati e delle informazioni. In particolare le attività di questo modulo sono finalizzate a: impostare un architettura concettuale creare archivi effettuare la manutenzione degli archivi interrogare gli archivi inserire, aggiornare e cancellare i dati gestire in maniera collaborativa i dati stabilire relazioni con nesso logico. Praticamente, il database creato permette di fruire in maniera organica ed efficace delle informazioni raccolte nelle fasi precedenti del lavoro. Il Modulo 6 propone la creazione di un prodotto ipertestuale, realizzato sia in forma cartacea che multimediale, che permette agli alunni di imparare a: 10 Informatica facile 2

6 orientarsi tra le informazioni comprendere le diverse strategie di apprendimento saper compiere delle scelte rispetto a un obiettivo costruire percorsi di significato sviluppare la capacità di sintesi essere aperti a diverse soluzioni muoversi in ambiente autore e in ambiente utente realizzare stili di navigazione produrre conoscenze in chiave comunicativa interattiva. Il file di PowerPoint ottenuto al termine di questo modulo di lavoro, in definitiva, rappresenta il risultato finale scaturito dalle attività previste nei precedenti moduli e contiene le informazioni principali raccolte nella ricerca, organizzate in percorsi ramificati basati su associazioni logiche. Il Modulo 7 parte dall esigenza di non chiudere il prodotto realizzato all interno del contesto classe, ma, al contrario, di aprirlo ai contributi esterni attraverso la pubblicazione sul sito della scuola e la creazione di un blog ad esso dedicato. Attraverso le attività di questo modulo, in sostanza, gli alunni imparano a: selezionare una piattaforma per creare un blog registrarsi e scegliere modelli di blog creare il blog di classe editare nella blogsfera autoapprendere funzioni secondarie creare il blog di gruppo cercare altre community organizzare la gestione collaborativa dei dati. Tali attività, che si protraggono anche oltre il normale tempo dell anno scolastico, rendono la guida della città un prodotto in continua e dinamica evoluzione, oltre che lo spunto di partenza per ulteriori attività legate ad argomenti e tematiche diverse. L assegnazione dei ruoli nei nuovi gruppi prosegue utilizzando il criterio della turnazione all interno di una nuova architettura progettuale. In sintesi, il percorso può essere sintetizzato come nella tabella delle pagine seguenti. Introduzione 11

7 Organizzazione della classe Contenuti Applicazioni utilizzate MODULO INTRODUTTIVO Il laboratorio cooperativo di informatica VERIFICA singolarmente Presentazione della classe come gruppo cooperativo. Prove di livello di informatica sulle principali applicazioni. Formazione dei gruppi cooperativi. Prove d ingresso rispetto alle abilità acquisite con Informatica facile sui programmi: Word Paint PowerPoint Internet Excel. MODULO 1 Il laboratorio delle idee: collaboriamo per creare una guida DEFINIZIONE DEI RUOLI ricercatore elaboratore archivista costruttore coordinatore. Tecnica del brainstorming. Costruzione di una mappa come struttura del progetto. Valutazione della modalità di partecipazione per l assegnazione dei ruoli. Creazione di una struttura ad albero per i dati (nidificazione: cartelle-sottocartelle). La struttura di base delle cartelle in ambiente Windows. MODULO 2 Biblioteca, mediateca, Internet: ambienti di autoapprendimento DAL GRUPPO D ORIGINE AI GRUPPI DI ESPERTI GdE SPAZI 3 alunni biblioteca 3 alunni mediateca 3 alunni web 1 coordinatore GdE SCHEDE 3 alunni biblioteca 3 alunni mediateca 3 alunni web 1 coordinatore Organizzazione dei ruoli e dei compiti nei Gruppi d Origine, Gruppi d Esperti e nell Intergruppo. Costruzione di modelli con Excel. Elaborazione dei modelli logici frame e script. Elaborazione di schede per la raccolta dei dati. Strutturazione dei ruoli e dei compiti nei diversi ambienti: Internet Access Word PowerPoint Processi di concettualizzazione strutturazione formale degli eventi rappresentazioni mentali Windows: Modelli di Excel MODULO 3 Apprendere in rete: strumenti e strategie per la ricerca 4 RICERCATORI (ogni ricercatore effettua la ricerca in Internet utilizzando strumenti e strategie differenti): 1 PER GRUPPO + 1 COORDINATORE Ricercatore A: ricerca motori Ricercatore B: ricerca metamotori Ricercatore C: ricerca web directory Ricercatore D: ricerca OPAC e ME- TAOPAC Coordinatore. La ricerca delle informazioni: motori metamotori web directory OPAC e METAOPAC. Internet: ricerca dati Windows: salvataggio dati in cartella (continua) 12 Informatica facile 2

8 (continua) Organizzazione della classe Contenuti Applicazioni utilizzate MODULO 4 Dai file ai documenti: strutturare i contenuti 4 ELABORATORI (trattano immagini, testi, suoni e filmati trovati su Internet): 1 PER GRUPPO + 1 COORDINATORE Elaboratore A: immagini, testi, multimedia Cultura Elaboratore B: immagini, testi, multimedia Informazioni Elaboratore C: immagini, testi, multimedia Divertimento Elaboratore D: immagini, testi, multimedia Curiosità Coordinatore. Trattare i file: formato dimensione riproduzione. Divisione dei contenuti. Dalla cartella radice ai rami della struttura. Windows: Word Media Player Real Alternative MODULO 5 Un modello logico: l organizzazione delle informazioni 4 ARCHIVISTI (organizzano le informazioni creando un database): 1 PER GRUPPO + COORDINATORE Archivista (+ 3 data entry) Cultura Archivista (+ 3 data entry) Divertimento Archivista (+ 3 data entry) Informazioni Archivista (+ 3 data entry) Curiosità Coordinatore Creazione di un archivio: tabelle maschere query. Manutenzione di un archivio. Gestione collaborativa dei dati. Windows: Access MODULO 6 Comunicare per associazioni: le strade di senso dell ipertesto 4 COSTRUTTORI (organizzano le informazioni lineari in percorsi ramificati): 1 PER GRUPPO + COORDINATORE Analista word Elaboratore di sintesi Organizzatore cartaceo Presentatore multimediali Coordinatore. Organizzazione della struttura del prodotto multimediale: mappa story-board link. Inserimento dei dati nella presentazione. Comunicazione/interazione/leggibilità. Windows: Word PowerPoint Fotocamera digitale MODULO 7 Le informazioni al di fuori della scuola: la blogsfera 4 GRUPPI Log-in/Template Editing Amministrazione/Gestione archivio Collegamenti/modifiche Pubblicazione del lavoro sul sito della scuola. Creazione di un gruppo virtuale: discussione sul progetto stimoli per un nuovo progetto. Internet: Blog Introduzione 13

9 MODULO INTRODUTTIVO Il laboratorio cooperativo di informatica...ognuno ha un ruolo ed è una risorsa: questo ci aiuta a migliorare il lavoro... Ciao! Questo è il nostro gruppo classe. A noi piace affrontare situazioni che richiedono il lavoro cooperativo. Sai, abbiamo cambiato le regole tradizionali......ognuno di noi dipende dagli altri e, nello stesso tempo, è responsabile del gruppo......quando si lavora insieme ognuno chiede l opinione dell altro tra di noi dobbiamo sforzarci di comunicare con chiarezza le nostre idee......la chiave per apprendere è combinare esperienza e discussione, infatti, man mano che lavoriamo ci confrontiamo......siamo consapevoli dei bisogni di tutti e ci aiutiamo a vicenda quando siamo in difficoltà, perché è importante riuscire «insieme» nel compito assegnato... Dai, entra anche tu nel nostro gruppo classe!...ognuno di noi dà la propria disponibilità, senza voler mettere in primo piano la propria bravura. Solo in questo modo può funzionare! 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson

10 Salve ragazzi! Io sono la professoressa Francesca. Faccio parte del gruppo di insegnanti che ha progettato, per questo anno scolastico, un attività multidisciplinare per la realizzazione di un prodotto culturale, ideato e realizzato da voi alunni. Si tratta di una guida per ragazzi della città di Roma. Tale prodotto sarà lo stimolo per attività strumentali e processi di riflessione. Io, invece, sono il professor Lorenzo. Il compito di quest anno è assai complesso e per questo motivo occorrono diverse abilità e conoscenze per riuscire a portarlo a termine. Le abilità e le conoscenze non sono solo informatiche. Io, ad esempio, non sono bravissimo con il computer. Nella fase iniziale useremo la tecnica del brainstorming per analizzare il nostro modo di affrontare le situazioni, ma anche per entrare attivamente nella logica dei gruppi cooperativi. Buongiorno, ragazzi! Anch io sono una vostra insegnante e mi chiamo Claudia. Prima di iniziare a lavorare, faremo delle prove per verificare le conoscenze e le abilità informatiche che possedete. Le prove ci serviranno per la formazione dei gruppi che saranno composti in base agli esiti. In ogni gruppo devono esserci studenti con competenze diverse, perché la collaborazione reciproca è molto importante per raggiungere il nostro obiettivo. 16 Il laboratorio cooperativo di informatica 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson

11 L obiettivo in questo anno scolastico è quello di creare una guida della nostra città attraverso il metodo del lavoro cooperativo. Le prove di valutazione iniziale ci serviranno per la formazione dei gruppi, che saranno costituiti in base ai vostri ri- sultati. Potrete risultare principianti, abili o esperti e in ogni gruppo dovranno esserci studenti con conoscenze e abilità diverse sui principali programmi. Vi ricordate i programmi usati in passato e le loro principali funzioni? La rappresentazione grafica con Paint... La videoscrittura con Word... Le presentazioni di diapositive con PowerPoint... Le ricerche di informazioni con Internet... La costruzione di tabelle e grafici con Excel. 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson Il laboratorio cooperativo di informatica 17

12 Schema operativo del percorso didattico Obiettivi Attività Schede Verifica delle abilità rispetto a: Seguendo gli input degli insegnanti, gli alunni: Saper produrre un documento di testo con il programma Word Creano un documento, inseriscono i dati e salvano (livello: principiante). Selezionano frasi; cambiano il font e le dimensioni; nominano il file; salvano in Documenti (livello: abile). Creano un nuovo documento; usano elenchi puntati; creano una tabella standard; creano una cartella; salvano e copiano in cartella (livello: esperto) Saper produrre un documento grafico con il programma Paint Creano un documento; disegnano, usando la casella degli strumenti; salvano (livello: principiante). Selezionano parti del disegno; scrivono usando il font e le dimensioni; nominano il file; salvano in Documenti (livello: abile). Selezionano, copiano e incollano, utilizzando due programmi; creano una cartella; salvano in cartella (livello: esperto) Saper produrre un documento ipertestuale con il programma PowerPoint Creano diapositive con sfondo in sequenza lineare; scrivono con WordArt; salvano (livello: principiante). Inseriscono immagini e testi da Word; salvano con nome (livello: abile). Creano una struttura reticolare con pulsanti; creano una cartella; salvano in cartella (livello: esperto) Saper ricercare, selezionare, copiare e stampare informazioni da Internet Si collegano a Internet; accedono a un indirizzo web; aprono un motore di ricerca; si muovono nell elenco dei siti; stampano (livello: principiante). Definiscono i requisiti della ricerca; ricercano materiale; incollano su Word; salvano (livello: abile). Ricercano immagini; impaginano in Word; salvano in cartella (livello: esperto) Saper produrre un foglio di lavoro con il programma Excel Creano un foglio elettronico; modificano graficamente le celle; inseriscono i dati; formattano; salvano (livello: principiante). Digitano i dati e li ordinano; eseguono una somma; salvano in Documenti (livello: abile). Creano un grafico; creano una cartella; salvano in cartella (livello: esperto) Per gli insegnanti Facilitano e organizzano l attività d apprendimento. Definiscono gli obiettivi. Costruiscono prove per livello (Principiante Abile Esperto). Certificano le capacità e le abilità. Definiscono la dimensione e la durata del gruppo. Organizzano gli spazi Il laboratorio cooperativo di informatica 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson

13 1. Aprite il programma Microsoft Word. 2. Cliccate su File e selezionate Nuovo. La prova è individuale e prevede la costruzione e la stampa di un documento con il programma Microsoft Word. Analizzate bene il compito e ascoltate le indicazioni date da Francesca. Ogni prova prevede tre fasi di difficoltà crescente (principiante-abile-esperto). In tal modo, alla fine, ognuno di voi potrà verificare le proprie conoscenze e abilità. Ricordate di firmare tutte le prove. 1 a fase. Utilizzeremo il programma di scrittura Microsoft Word. Seguite le mie istruzioni per lavorare. Scheda 1 Produrre un documento con Word Principiante 3. Sul foglio bianco digitate il testo. 4. In questa fase, preoccupatevi solo di scrivere il testo. 5. Fate attenzione se compare la sottolineatura rossa. 6. Una volta fi nito di scrivere, ricontrollate che non ci siano errori. 7. Salvate il fi le cliccando su File e poi su Salva. Automaticamente il programma salverà nella cartella «Documenti» il fi le con il nome «La mia classe», cioè con il titolo. 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson Il laboratorio cooperativo di informatica 19

14 Scheda 2 Produrre un documento con Word Abile 2 a fase. Con Microsoft Word è possibile personalizzare l aspetto grafico, cioè formattare. Seguite le mie istruzioni e poi lavorate. 1. Fate attenzione! Ogni operazione deve essere preceduta dalla selezione del testo sul quale si vuole apportare un cambiamento. 2. Utilizzate il carattere (font) Arial. 3. Selezionate Dimensione Usate gli stili: G grassetto, per il titolo; C corsivo, per la fi rma; S sottolineato, per le parole da sottolineare; l apposito pulsante, per evidenziare alcune parole. 5. Dopo aver scritto e formattato il testo: ricontrollate con attenzione; correggete gli eventuali errori. 6. Salvate il fi le: File Salva. Automaticamente, il file verrà salvato mantenendo il nome «La mia classe». 20 Il laboratorio cooperativo di informatica 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson

15 1. Aprite un nuovo documento. 3 a fase. Con Microsoft Word è possibile inserire elenchi puntati e tabelle. Seguite le mie istruzioni e poi lavorate. 2. Dal fi le precedente «La mia classe» copiate in un elenco puntato i nomi e i cognomi dei professori. 3. Create una tabella e inserite i seguenti titoli delle colonne: orario sezione materie. Scheda 3 Produrre un documento con Word Esperto 4. Salvate il fi le in una cartella: File Salva con nome Nuova cartella nominate la cartella «Scuola» nominate il nuovo documento «Dati» poi, inserite nella cartella «Scuola» anche il fi le «La mia classe» realizzato precedentemente. 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson Il laboratorio cooperativo di informatica 21

16 Scheda 4 Produrre un documento con Paint Principiante La prova è sempre individuale e questa volta prevede la costruzione e la stampa di un documento con il programma Paint. Analizzate bene il compito e ascoltate le indicazioni date da Francesca. Ogni prova prevede tre fasi di difficoltà crescente (principiante-abile-esperto). In tal modo, alla fine, ognuno di voi potrà verificare le proprie conoscenze e abilità. Ricordate di firmare tutte le prove. 1 a fase. Con Microsoft Paint è possibile realizzare elaborati grafici. Seguite le mie istruzioni e poi lavorate. 1. Aprite il programma Microsoft Paint. 2. Sul foglio bianco, scegliete un colore per lo sfondo. 3. Realizzate un disegno astratto, utilizzando i seguenti strumenti (presenti nella casella degli strumenti): matita pennello gomma barattolo forme. 4. Salvate il fi le: File Salva. Automaticamente il programma salverà nella cartella «Immagini» il fi le, con il nome «Immagine1». 22 Il laboratorio cooperativo di informatica 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Cos è. un programma di presentazione. Strumenti di presentazione. Che cos è. una presentazione. Diapositive

Cos è. un programma di presentazione. Strumenti di presentazione. Che cos è. una presentazione. Diapositive Cos è un programma di presentazione Strumenti di presentazione Impostare e creare una presentazione Le applicazioni software per organizzare e presentare in pubblico informazioni multimediali Organizzazione

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO Giorni : GIOVEDI e VENERDI' Durata dell incontro : 9.30 12.30. 9.30-10.40 PARLIAMO DI GEOFISICA Il pianeta Terra e i fenomeni naturali: terremoti, vulcani, tsunami, magnetismo

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Regole semplici per creare una buona presentazione

Regole semplici per creare una buona presentazione Regole semplici per creare una buona presentazione di Maria Rosa Mazzola Alla cl@sse 2.0 G.B. Piranesi Roma A.S. 2011-12 Le presentazioni offrono la possibilità di organizzare in modo sintetico i dati

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Micro.Stat Workshop laboratori

Micro.Stat Workshop laboratori Promozione e diffusione della cultura statistica Micro.Stat Workshop laboratori I numeri raccontano storie a chi li sa leggere. Le statistiche parlano di ciò che siamo e della società in cui viviamo. Chi

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli