15 MODULO INTRODUTTIVO Il laboratorio cooperativo di informatica 16 schede di verifica. 7 schede di apprendimento. 8 schede di apprendimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "15 MODULO INTRODUTTIVO Il laboratorio cooperativo di informatica 16 schede di verifica. 7 schede di apprendimento. 8 schede di apprendimento"

Transcript

1 I n d i c e 7 Introduzione 15 MODULO INTRODUTTIVO Il laboratorio cooperativo di informatica 16 schede di verifica 35 MODULO DI LAVORO 1 Il laboratorio delle idee: collaboriamo per creare una guida 7 schede di apprendimento 49 MODULO DI LAVORO 2 Biblioteca, mediateca, Internet: ambienti di autoapprendimento 8 schede di apprendimento 73 MODULO DI LAVORO 3 Apprendere in rete: strumenti e strategie per la ricerca 8 schede di apprendimento 93 MODULO DI LAVORO 4 Dai file ai documenti: strutturare i contenuti 5 schede di apprendimento 115 MODULO DI LAVORO 5 Un modello logico: l organizzazione delle informazioni 5 schede di apprendimento 135 MODULO DI LAVORO 6 Comunicare per associazioni: le strade di senso dell ipertesto 5 schede di apprendimento 155 MODULO DI LAVORO 7 Le informazioni al di fuori della scuola: la blogsfera 11 schede di apprendimento

2 Introduzione L uso del computer nelle classi delle nostre scuole ha registrato negli ultimi anni un deciso incremento. Ciò nonostante permangono alcuni vincoli, legati soprattutto alle dotazioni non sempre adeguate di strumenti informatici negli istituti scolastici del nostro Paese e anche, in alcuni casi, alla mancanza di una generalizzata preparazione dei docenti rispetto all uso del computer nella didattica. Talvolta, infatti, l ora di informatica viene ancora considerata un momento piuttosto isolato e scollegato dalle comuni attività disciplinari, perdendo così la sua peculiare trasversalità e in parte quelle che sono le enormi potenzialità delle nuove tecnologie rispetto alla ricerca di informazioni, alla realizzazione di efficaci materiali di studio, all organizzazione cooperativa delle attività didattiche, azioni, queste, comuni a tutte le discipline. Il testo Informatica facile 2, naturale prosecuzione del precedente Informatica facile (Erickson, 2003), propone attività di potenziamento rispetto ai principali programmi, in particolare Word, Paint, Access, Excel, PowerPoint, Windows Media Player e Internet Explorer, all interno di un percorso cooperativo organizzato al fine di costruire un prodotto scaturito dal lavoro di una intera classe da condividere poi con l esterno. La costruzione di una guida per la città di Roma è il pretesto sul quale si fonda il progetto che richiede una partecipazione allargata del gruppo docente per mettere in campo le idee di tutti gli alunni, e le loro abilità nell uso degli strumenti informatici, al fine di stimolare fortemente le capacità collaborative e cooperative nella classe. La verifica delle competenze informatiche degli alunni, riferite ai principali programmi, è il banco di prova iniziale per la costituzione dei gruppi. Il percorso prosegue con una serie di attività strutturate che consentono a ciascuno di contribuire alla realizzazione del prodotto finale e di potenziare le proprie capacità rispetto all informatica. In particolare, viene ben scandito il passaggio dall idea iniziale del progetto, che accoglie le idee di tutti attraverso una fase di brainstorming, all elaborazione di un prodotto completo e organico in tutti i suoi aspetti. La ricerca dei materiali e delle informazioni procede su tre versanti ugualmente importanti e significativi: la biblioteca, la mediateca e Internet, per i quali vengono creati appositi strumenti di ricerca e catalogazione, utili per muoversi all interno di vasti ambiti di documentazione. Tali materiali vengono poi organizzati Introduzione 7

3 nelle cartelle e tradotti in file, documenti utili per la creazione di un archivio e la realizzazione di un ipertesto. L attività così organizzata porta alla realizzazione di una guida della città di Roma, strutturata in testi, immagini, file audio e filmati, che la classe mette a disposizione sul sito della scuola e apre ai contributi di tutti attraverso l apertura di un blog ad essa dedicato. È proprio quest ultima fase a dare il senso di un lavoro aperto alla continua revisione e all aggiornamento e rende l attività della classe dinamica e attenta alle nuove possibilità che le tecnologie informatiche mettono a disposizione. A cosa serve questo libro Il libro non vuole essere un vero e proprio manuale d informatica, bensì un diario di azioni educative che prevede come contesto l ambiente multimediale e ha lo scopo di integrare e ampliare le conoscenze del volume precedente Informatica facile. Il progetto didattico è strutturato in moduli che gradualmente, durante un intero anno scolastico, offrono indicazioni per gli insegnanti e fissano gli obiettivi per gli alunni. In questo arco temporale gli alunni hanno la possibilità di scoprire ed esplorare in modo mirato e consapevole le potenzialità dell informatica mentre gli insegnanti applicano «le buone pratiche» di apprendimento trasversale. Infatti le linee guida si possono riassumere in: formazione continua per l aspetto tecnico-operativo sulla macchina e regolari routine propedeutiche per le azioni di metodo. Il libro, con approccio graduale, stimola alla costruzione di una «guida» della città, ma questa ha il solo scopo di mettere in moto approcci didattici significativi, legati alla strategia dell imparare facendo. Concretamente, la guida aiuta a «imparare il computer» con i compagni e fornisce ai docenti momenti di riflessione e progettazione comune. Il libro si apre come un nuovo anno scolastico nel quale, come in ogni inizio, si effettuano prove di ingresso. In questo caso, le prove intendono verificare il livello delle abilità e delle competenze rispetto agli obiettivi del precedente libro Informatica facile. Grazie alle prove, che definiscono i livelli delle abilità strumentali degli alunni, gli insegnanti organizzano i gruppi d origine e forniscono un tema per iniziare «la costruzione di una guida per i ragazzi della città». Tutto comincia dal brainstorming degli studenti, dove le idee si combinano, si modificano e si visualizzano, fornendo le immagini mentali delle necessità su cui puntare l attenzione. Fanno seguito la costruzione di modelli mentali per muoversi in ambienti d apprendimento differenti e le strategie di ricerca nella rete per arrivare alla costruzione dei documenti organizzati in unità d informazione. Attraverso un sistema di «passamano» nella costruzione delle conoscenze, si arriva alla realizzazione di strutture di navigazione per la produzione di un oggetto multimediale. Ogni membro del gruppo è parte attiva e produce, osserva e controlla tutto il percorso che si intreccia e si sviluppa alternando momenti di lavoro individuale a momenti di scambio collettivo. Così la rete fittissima di relazioni e di rimandi tra l applicativo e l elaborativo viene strutturata dagli insegnanti con tabelle che mostrano i compiti, gli spazi e i ruoli. Il team dei docenti coordina, suggerisce, stimola, facilita, controlla e osserva tutte le fasi del processo. 8 Informatica facile 2

4 Il libro vuole essere uno strumento di lavoro nel quale approcci metodologici di vario genere operano sinergicamente trovando esemplificazioni concrete. Il punto di forza sta nella tracciabilità dell azione didattica e, quindi, nella possibilità di riutilizzare il processo in successivi percorsi con altri temi o oggetti di analisi, potenziando quelli che sono i riferimenti teorici da cui la nuova attività trae energia. In conclusione, la novità dell approccio metodologico presentato in Informatica facile 2 risiede: nella strutturazione graduale temporale che abbraccia il lavoro di un anno scolastico; nella flessibilità di riutilizzazione di ogni singolo modulo; nell intreccio di metodologie applicate alle nuove tecnologie. Come è strutturato il lavoro Il testo comprende un Modulo introduttivo e 7 Moduli di lavoro, attraverso i quali la classe costruisce, nell arco di un intero anno scolastico, la propria guida della città. La classe viene organizzata in gruppi cooperativi e dinamici, secondo la seguente organizzazione generale: classe di 20 alunni lavoro di gruppo 4 gruppi di alunni 5 alunni in ogni gruppo i gruppi non sono fissi in ogni gruppo c è un esperto in ogni gruppo c è un coordinatore. Il Modulo introduttivo ha l obiettivo di avvicinare la classe al lavoro cooperativo e utilizza le verifiche di ingresso riferite alle abilità informatiche come valido strumento per l organizzazione dei gruppi, in modo da consentire la circolarità delle competenze e dei ruoli. Le prove di livello fanno diretto riferimento a quanto gli alunni hanno imparato utilizzando il precedente testo Informatica facile e comunque sono riferite alle abilità di base rispetto ai programmi Word, Paint, PowerPoint, Excel e a Internet. Nel Modulo 1 gli alunni vengono sollecitati a esprimere le loro idee, attraverso la tecnica del brainstorming, rispetto al prodotto che si intende realizzare. Gli spunti forniti dagli studenti vengono poi ordinati in un elenco ragionato, classificato per gruppi o analogie, creando così le seguenti quattro categorie di informazioni: divertimento curiosità informazioni cultura. Vengono poi stabilite delle aree di lavoro specifiche e si assegnano i ruoli rispetto al compito da svolgere. Ogni alunno avrà infatti a turno un ruolo chiave Introduzione 9

5 all interno del proprio gruppo, con il quale collaborerà per il raggiungimento degli obiettivi indicati. Successivamente, vengono fornite agli alunni le informazioni essenziali per imparare a costruire una struttura ad albero, indispensabile per gestire un archivio di dati (che, essendo condiviso, verrà costruito sul server). Nel Modulo 2 si preparano i materiali utili per operare in diversi ambiti di ricerca: la biblioteca, la mediateca e il web. In particolare vengono costruiti modelli vuoti per i frame e gli script con il programma Excel. I frame verranno utilizzati per analizzare e scoprire le differenti caratteristiche dei diversi ambienti di ricerca, mentre negli script si potranno registrare tutte le azioni da compiere negli ambienti stessi. Verranno create, inoltre, delle schede per la registrazione dei dati. La strutturazione per gruppi del Modulo 2 prevede la creazione di gruppi di esperti nei quali gli alunni lavoreranno nei due ambiti: «Spazi», per l elaborazione di frame e script, e «Schede», per la realizzazione di modelli vuoti con Excel ed elaborazione di indicatori per la raccolta dei dati. Il Modulo 3 ha l obiettivo di esplorare in maniera efficace le reti informatiche e il web per la ricerca delle informazioni utili alla costruzione della guida. In particolare, vengono apprese e utilizzate strategie di ricerca efficaci per: entrare nelle reti informatiche organizzare ricerche mirate definire i criteri per una ricerca operare nei siti comuni dei motori di ricerca affinare la ricerca con indici per materia interrogare le biblioteche virtuali. Il Modulo 4 propone l analisi dei materiali reperiti in Internet e la loro classificazione in base al loro formato: file di testo, di immagini, sonori e video. I diversi file vengono visionati utilizzando gli specifici programmi, Word, Windows Media Player, Real Alternative, e poi vengono organizzati e salvati all interno della struttura ad albero in modo tale da essere pronti nel momento di costruzione del prodotto. Il Modulo 5 prevede l uso del programma Access per la gestione dei dati e delle informazioni. In particolare le attività di questo modulo sono finalizzate a: impostare un architettura concettuale creare archivi effettuare la manutenzione degli archivi interrogare gli archivi inserire, aggiornare e cancellare i dati gestire in maniera collaborativa i dati stabilire relazioni con nesso logico. Praticamente, il database creato permette di fruire in maniera organica ed efficace delle informazioni raccolte nelle fasi precedenti del lavoro. Il Modulo 6 propone la creazione di un prodotto ipertestuale, realizzato sia in forma cartacea che multimediale, che permette agli alunni di imparare a: 10 Informatica facile 2

6 orientarsi tra le informazioni comprendere le diverse strategie di apprendimento saper compiere delle scelte rispetto a un obiettivo costruire percorsi di significato sviluppare la capacità di sintesi essere aperti a diverse soluzioni muoversi in ambiente autore e in ambiente utente realizzare stili di navigazione produrre conoscenze in chiave comunicativa interattiva. Il file di PowerPoint ottenuto al termine di questo modulo di lavoro, in definitiva, rappresenta il risultato finale scaturito dalle attività previste nei precedenti moduli e contiene le informazioni principali raccolte nella ricerca, organizzate in percorsi ramificati basati su associazioni logiche. Il Modulo 7 parte dall esigenza di non chiudere il prodotto realizzato all interno del contesto classe, ma, al contrario, di aprirlo ai contributi esterni attraverso la pubblicazione sul sito della scuola e la creazione di un blog ad esso dedicato. Attraverso le attività di questo modulo, in sostanza, gli alunni imparano a: selezionare una piattaforma per creare un blog registrarsi e scegliere modelli di blog creare il blog di classe editare nella blogsfera autoapprendere funzioni secondarie creare il blog di gruppo cercare altre community organizzare la gestione collaborativa dei dati. Tali attività, che si protraggono anche oltre il normale tempo dell anno scolastico, rendono la guida della città un prodotto in continua e dinamica evoluzione, oltre che lo spunto di partenza per ulteriori attività legate ad argomenti e tematiche diverse. L assegnazione dei ruoli nei nuovi gruppi prosegue utilizzando il criterio della turnazione all interno di una nuova architettura progettuale. In sintesi, il percorso può essere sintetizzato come nella tabella delle pagine seguenti. Introduzione 11

7 Organizzazione della classe Contenuti Applicazioni utilizzate MODULO INTRODUTTIVO Il laboratorio cooperativo di informatica VERIFICA singolarmente Presentazione della classe come gruppo cooperativo. Prove di livello di informatica sulle principali applicazioni. Formazione dei gruppi cooperativi. Prove d ingresso rispetto alle abilità acquisite con Informatica facile sui programmi: Word Paint PowerPoint Internet Excel. MODULO 1 Il laboratorio delle idee: collaboriamo per creare una guida DEFINIZIONE DEI RUOLI ricercatore elaboratore archivista costruttore coordinatore. Tecnica del brainstorming. Costruzione di una mappa come struttura del progetto. Valutazione della modalità di partecipazione per l assegnazione dei ruoli. Creazione di una struttura ad albero per i dati (nidificazione: cartelle-sottocartelle). La struttura di base delle cartelle in ambiente Windows. MODULO 2 Biblioteca, mediateca, Internet: ambienti di autoapprendimento DAL GRUPPO D ORIGINE AI GRUPPI DI ESPERTI GdE SPAZI 3 alunni biblioteca 3 alunni mediateca 3 alunni web 1 coordinatore GdE SCHEDE 3 alunni biblioteca 3 alunni mediateca 3 alunni web 1 coordinatore Organizzazione dei ruoli e dei compiti nei Gruppi d Origine, Gruppi d Esperti e nell Intergruppo. Costruzione di modelli con Excel. Elaborazione dei modelli logici frame e script. Elaborazione di schede per la raccolta dei dati. Strutturazione dei ruoli e dei compiti nei diversi ambienti: Internet Access Word PowerPoint Processi di concettualizzazione strutturazione formale degli eventi rappresentazioni mentali Windows: Modelli di Excel MODULO 3 Apprendere in rete: strumenti e strategie per la ricerca 4 RICERCATORI (ogni ricercatore effettua la ricerca in Internet utilizzando strumenti e strategie differenti): 1 PER GRUPPO + 1 COORDINATORE Ricercatore A: ricerca motori Ricercatore B: ricerca metamotori Ricercatore C: ricerca web directory Ricercatore D: ricerca OPAC e ME- TAOPAC Coordinatore. La ricerca delle informazioni: motori metamotori web directory OPAC e METAOPAC. Internet: ricerca dati Windows: salvataggio dati in cartella (continua) 12 Informatica facile 2

8 (continua) Organizzazione della classe Contenuti Applicazioni utilizzate MODULO 4 Dai file ai documenti: strutturare i contenuti 4 ELABORATORI (trattano immagini, testi, suoni e filmati trovati su Internet): 1 PER GRUPPO + 1 COORDINATORE Elaboratore A: immagini, testi, multimedia Cultura Elaboratore B: immagini, testi, multimedia Informazioni Elaboratore C: immagini, testi, multimedia Divertimento Elaboratore D: immagini, testi, multimedia Curiosità Coordinatore. Trattare i file: formato dimensione riproduzione. Divisione dei contenuti. Dalla cartella radice ai rami della struttura. Windows: Word Media Player Real Alternative MODULO 5 Un modello logico: l organizzazione delle informazioni 4 ARCHIVISTI (organizzano le informazioni creando un database): 1 PER GRUPPO + COORDINATORE Archivista (+ 3 data entry) Cultura Archivista (+ 3 data entry) Divertimento Archivista (+ 3 data entry) Informazioni Archivista (+ 3 data entry) Curiosità Coordinatore Creazione di un archivio: tabelle maschere query. Manutenzione di un archivio. Gestione collaborativa dei dati. Windows: Access MODULO 6 Comunicare per associazioni: le strade di senso dell ipertesto 4 COSTRUTTORI (organizzano le informazioni lineari in percorsi ramificati): 1 PER GRUPPO + COORDINATORE Analista word Elaboratore di sintesi Organizzatore cartaceo Presentatore multimediali Coordinatore. Organizzazione della struttura del prodotto multimediale: mappa story-board link. Inserimento dei dati nella presentazione. Comunicazione/interazione/leggibilità. Windows: Word PowerPoint Fotocamera digitale MODULO 7 Le informazioni al di fuori della scuola: la blogsfera 4 GRUPPI Log-in/Template Editing Amministrazione/Gestione archivio Collegamenti/modifiche Pubblicazione del lavoro sul sito della scuola. Creazione di un gruppo virtuale: discussione sul progetto stimoli per un nuovo progetto. Internet: Blog Introduzione 13

9 MODULO INTRODUTTIVO Il laboratorio cooperativo di informatica...ognuno ha un ruolo ed è una risorsa: questo ci aiuta a migliorare il lavoro... Ciao! Questo è il nostro gruppo classe. A noi piace affrontare situazioni che richiedono il lavoro cooperativo. Sai, abbiamo cambiato le regole tradizionali......ognuno di noi dipende dagli altri e, nello stesso tempo, è responsabile del gruppo......quando si lavora insieme ognuno chiede l opinione dell altro tra di noi dobbiamo sforzarci di comunicare con chiarezza le nostre idee......la chiave per apprendere è combinare esperienza e discussione, infatti, man mano che lavoriamo ci confrontiamo......siamo consapevoli dei bisogni di tutti e ci aiutiamo a vicenda quando siamo in difficoltà, perché è importante riuscire «insieme» nel compito assegnato... Dai, entra anche tu nel nostro gruppo classe!...ognuno di noi dà la propria disponibilità, senza voler mettere in primo piano la propria bravura. Solo in questo modo può funzionare! 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson

10 Salve ragazzi! Io sono la professoressa Francesca. Faccio parte del gruppo di insegnanti che ha progettato, per questo anno scolastico, un attività multidisciplinare per la realizzazione di un prodotto culturale, ideato e realizzato da voi alunni. Si tratta di una guida per ragazzi della città di Roma. Tale prodotto sarà lo stimolo per attività strumentali e processi di riflessione. Io, invece, sono il professor Lorenzo. Il compito di quest anno è assai complesso e per questo motivo occorrono diverse abilità e conoscenze per riuscire a portarlo a termine. Le abilità e le conoscenze non sono solo informatiche. Io, ad esempio, non sono bravissimo con il computer. Nella fase iniziale useremo la tecnica del brainstorming per analizzare il nostro modo di affrontare le situazioni, ma anche per entrare attivamente nella logica dei gruppi cooperativi. Buongiorno, ragazzi! Anch io sono una vostra insegnante e mi chiamo Claudia. Prima di iniziare a lavorare, faremo delle prove per verificare le conoscenze e le abilità informatiche che possedete. Le prove ci serviranno per la formazione dei gruppi che saranno composti in base agli esiti. In ogni gruppo devono esserci studenti con competenze diverse, perché la collaborazione reciproca è molto importante per raggiungere il nostro obiettivo. 16 Il laboratorio cooperativo di informatica 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson

11 L obiettivo in questo anno scolastico è quello di creare una guida della nostra città attraverso il metodo del lavoro cooperativo. Le prove di valutazione iniziale ci serviranno per la formazione dei gruppi, che saranno costituiti in base ai vostri ri- sultati. Potrete risultare principianti, abili o esperti e in ogni gruppo dovranno esserci studenti con conoscenze e abilità diverse sui principali programmi. Vi ricordate i programmi usati in passato e le loro principali funzioni? La rappresentazione grafica con Paint... La videoscrittura con Word... Le presentazioni di diapositive con PowerPoint... Le ricerche di informazioni con Internet... La costruzione di tabelle e grafici con Excel. 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson Il laboratorio cooperativo di informatica 17

12 Schema operativo del percorso didattico Obiettivi Attività Schede Verifica delle abilità rispetto a: Seguendo gli input degli insegnanti, gli alunni: Saper produrre un documento di testo con il programma Word Creano un documento, inseriscono i dati e salvano (livello: principiante). Selezionano frasi; cambiano il font e le dimensioni; nominano il file; salvano in Documenti (livello: abile). Creano un nuovo documento; usano elenchi puntati; creano una tabella standard; creano una cartella; salvano e copiano in cartella (livello: esperto) Saper produrre un documento grafico con il programma Paint Creano un documento; disegnano, usando la casella degli strumenti; salvano (livello: principiante). Selezionano parti del disegno; scrivono usando il font e le dimensioni; nominano il file; salvano in Documenti (livello: abile). Selezionano, copiano e incollano, utilizzando due programmi; creano una cartella; salvano in cartella (livello: esperto) Saper produrre un documento ipertestuale con il programma PowerPoint Creano diapositive con sfondo in sequenza lineare; scrivono con WordArt; salvano (livello: principiante). Inseriscono immagini e testi da Word; salvano con nome (livello: abile). Creano una struttura reticolare con pulsanti; creano una cartella; salvano in cartella (livello: esperto) Saper ricercare, selezionare, copiare e stampare informazioni da Internet Si collegano a Internet; accedono a un indirizzo web; aprono un motore di ricerca; si muovono nell elenco dei siti; stampano (livello: principiante). Definiscono i requisiti della ricerca; ricercano materiale; incollano su Word; salvano (livello: abile). Ricercano immagini; impaginano in Word; salvano in cartella (livello: esperto) Saper produrre un foglio di lavoro con il programma Excel Creano un foglio elettronico; modificano graficamente le celle; inseriscono i dati; formattano; salvano (livello: principiante). Digitano i dati e li ordinano; eseguono una somma; salvano in Documenti (livello: abile). Creano un grafico; creano una cartella; salvano in cartella (livello: esperto) Per gli insegnanti Facilitano e organizzano l attività d apprendimento. Definiscono gli obiettivi. Costruiscono prove per livello (Principiante Abile Esperto). Certificano le capacità e le abilità. Definiscono la dimensione e la durata del gruppo. Organizzano gli spazi Il laboratorio cooperativo di informatica 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson

13 1. Aprite il programma Microsoft Word. 2. Cliccate su File e selezionate Nuovo. La prova è individuale e prevede la costruzione e la stampa di un documento con il programma Microsoft Word. Analizzate bene il compito e ascoltate le indicazioni date da Francesca. Ogni prova prevede tre fasi di difficoltà crescente (principiante-abile-esperto). In tal modo, alla fine, ognuno di voi potrà verificare le proprie conoscenze e abilità. Ricordate di firmare tutte le prove. 1 a fase. Utilizzeremo il programma di scrittura Microsoft Word. Seguite le mie istruzioni per lavorare. Scheda 1 Produrre un documento con Word Principiante 3. Sul foglio bianco digitate il testo. 4. In questa fase, preoccupatevi solo di scrivere il testo. 5. Fate attenzione se compare la sottolineatura rossa. 6. Una volta fi nito di scrivere, ricontrollate che non ci siano errori. 7. Salvate il fi le cliccando su File e poi su Salva. Automaticamente il programma salverà nella cartella «Documenti» il fi le con il nome «La mia classe», cioè con il titolo. 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson Il laboratorio cooperativo di informatica 19

14 Scheda 2 Produrre un documento con Word Abile 2 a fase. Con Microsoft Word è possibile personalizzare l aspetto grafico, cioè formattare. Seguite le mie istruzioni e poi lavorate. 1. Fate attenzione! Ogni operazione deve essere preceduta dalla selezione del testo sul quale si vuole apportare un cambiamento. 2. Utilizzate il carattere (font) Arial. 3. Selezionate Dimensione Usate gli stili: G grassetto, per il titolo; C corsivo, per la fi rma; S sottolineato, per le parole da sottolineare; l apposito pulsante, per evidenziare alcune parole. 5. Dopo aver scritto e formattato il testo: ricontrollate con attenzione; correggete gli eventuali errori. 6. Salvate il fi le: File Salva. Automaticamente, il file verrà salvato mantenendo il nome «La mia classe». 20 Il laboratorio cooperativo di informatica 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson

15 1. Aprite un nuovo documento. 3 a fase. Con Microsoft Word è possibile inserire elenchi puntati e tabelle. Seguite le mie istruzioni e poi lavorate. 2. Dal fi le precedente «La mia classe» copiate in un elenco puntato i nomi e i cognomi dei professori. 3. Create una tabella e inserite i seguenti titoli delle colonne: orario sezione materie. Scheda 3 Produrre un documento con Word Esperto 4. Salvate il fi le in una cartella: File Salva con nome Nuova cartella nominate la cartella «Scuola» nominate il nuovo documento «Dati» poi, inserite nella cartella «Scuola» anche il fi le «La mia classe» realizzato precedentemente. 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson Il laboratorio cooperativo di informatica 21

16 Scheda 4 Produrre un documento con Paint Principiante La prova è sempre individuale e questa volta prevede la costruzione e la stampa di un documento con il programma Paint. Analizzate bene il compito e ascoltate le indicazioni date da Francesca. Ogni prova prevede tre fasi di difficoltà crescente (principiante-abile-esperto). In tal modo, alla fine, ognuno di voi potrà verificare le proprie conoscenze e abilità. Ricordate di firmare tutte le prove. 1 a fase. Con Microsoft Paint è possibile realizzare elaborati grafici. Seguite le mie istruzioni e poi lavorate. 1. Aprite il programma Microsoft Paint. 2. Sul foglio bianco, scegliete un colore per lo sfondo. 3. Realizzate un disegno astratto, utilizzando i seguenti strumenti (presenti nella casella degli strumenti): matita pennello gomma barattolo forme. 4. Salvate il fi le: File Salva. Automaticamente il programma salverà nella cartella «Immagini» il fi le, con il nome «Immagine1». 22 Il laboratorio cooperativo di informatica 2007, R. Evandro e C. Scataglini, Informatica facile 2, Trento, Erickson

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Associazione Nazionale Docenti

Associazione Nazionale Docenti www.associazionedocenti.it and@associazionedocenti.it Didattica digitale Le nuove tecnologie nella didattica Presentazione del Percorso Formativo Il percorso formativo intende garantire ai Docenti il raggiungimento

Dettagli

MODULO 1 CONCETTI BASE DEL ITC (17 ORE)

MODULO 1 CONCETTI BASE DEL ITC (17 ORE) PIANO DI LAVORO ANNUALE Classe I A Disciplina: Tecnologie informatiche A.S. 2014/2015 Docente: prof. Vidhi Meri, prof. Solazzo Alessandro Ore settimanali: 3 ( di cui 2 di laboratorio) Analisi della situazione

Dettagli

Classi quarta e quinta. Obiettivi specifici di apprendimento. Scuola secondaria

Classi quarta e quinta. Obiettivi specifici di apprendimento. Scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO COMMISSIONE DIDATTICA CON LE NUOVE TECNOLOGIE Proposta di curriculum per l insegnamento dell informatica nella scuola primaria e secondaria di primo grado Si legge ne I

Dettagli

PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME Indirizzo AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SEZIONI A - B MATERIA INFORMATICA DOCENTE MARGHERITA CALISTI

PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME Indirizzo AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SEZIONI A - B MATERIA INFORMATICA DOCENTE MARGHERITA CALISTI MODULO 1 CONCETTI BASE TEMPI 1 Introduzione all informatica 2 Hardware 3 Software Conoscere le caratteristiche della comunicazione informatica. Conoscere le applicazioni dell informatica nelle diverse

Dettagli

Istituto Comprensivo Rignano - Incisa INDICAZIONI PER IL CURRICOLO DI INFORMATICA scuola primaria CLASSE PRIMA

Istituto Comprensivo Rignano - Incisa INDICAZIONI PER IL CURRICOLO DI INFORMATICA scuola primaria CLASSE PRIMA Istituto Comprensivo Rignano - Incisa INDICAZIONI PER IL CURRICOLO DI INFORMATICA scuola primaria Utilizzare semplici materiali digitali per l apprendimento e conoscere a livello generale Usare strumenti

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 1E TUR Materia: Informatica Docente: Piovesan Paola Situazione di partenza della classe Non mi è possibile definire il livello di partenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE

PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE Elaborazione testi Il computer e i file La Tecnologia dell Informazione PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE 5 a SCUOLA PRIMARIA Competenz e Uso di nuove tecnologie e di linguaggi multimediali

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI MATERIA INFORMATICA ANNO DI CORSO 2^ A INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI MATERIA INFORMATICA ANNO DI CORSO 2^ A INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC 1 SCHEDE di ripasso MODULO 3 (WORD) MODULO 4 (EXCEL) 2 BASI DI DATI (ACCESS) 3 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE (POWERPOINT) 4 NAVIGAZIONE WEB E COMUNICAZIONE DETTAGLIO UFC 1 Schede di ripasso

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2014/ 2015 I.P.I.A. G. PLANA

PIANO di LAVORO A. S. 2014/ 2015 I.P.I.A. G. PLANA Nome docente Vessecchia Laura Materia insegnata T.I.C. Classe I A/B Manutenzione Ore complessive di insegnamento 2 ore sett. ( tot. 66) Clippy extra - Corso di informatica per il primo biennio - Vol.1

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA

LABORATORIO DI INFORMATICA - PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2015-2016 Corso: Liceo Linguistico Quadro orario Classe I II Laboratorio di 2 2 LABORATORIO DI INFORMATICA L insegnamento dell informatica nel liceo linguistici

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 2F RIM Materia: Informatica Docente: Piovesan Paola Situazione di partenza della classe Non mi è possibile definire il livello di partenza

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI 1 ORIZZONTE DI RIFERIMENTO EUROPEO: COMPETENZA DIGITALE PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE:

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Un computer per amico

Un computer per amico UNITA DI APPRENDIMENTO DI INFORMATICA Un computer per amico Quello proposto è un percorso da sviluppare con in bambini di classe SECONDA nel laboratorio di informatica. Alcune delle attività possono essere

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

Piano didattico. Disporre il testo in colonne. Modificare l aspetto di un grafico

Piano didattico. Disporre il testo in colonne. Modificare l aspetto di un grafico Piano didattico Word Specialist Creare un documento Iniziare con Word Creare un documento Salvare un file per utilizzarlo in un altro programma Lavorare con un documento esistente Modificare un documento

Dettagli

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 20 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA DI INFORMATICA APPLICATA

FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA DI INFORMATICA APPLICATA FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA DI INFORMATICA APPLICATA Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Informatica applicata 1. Presso la Facoltà di Agraria sono impartiti insegnamenti

Dettagli

CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA

CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA La pervasività dell informatica e il suo essere ormai indispensabile nella vita quotidiana hanno reso necessario l

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione

Modulo 6 Strumenti di presentazione Modulo 6 Strumenti di presentazione Gli strumenti di presentazione permettono di realizzare documenti ipertestuali composti da oggetti provenienti da media diversi, quali: testo, immagini, video digitali,

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Corsi base di informatica

Corsi base di informatica Corsi base di informatica Programma dei corsi Il personal computer e Microsoft Windows 7 (15h) NB gli stessi contenuti del corso si possono sviluppare in ambiente Microsoft Windows XP I vari tipi di PC

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento

Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento Com'è nato il nostro progetto: Contesto: classe quinta scuola primaria 25 alunni discipline: storia, geografia e tecnologie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S.

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S. ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S. 2014/2015 Materia: Informatica Classe (docente) 1^BLSA - Prof. Musumeci

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione Il è finalizzato a elevare il livello di competenza nell utilizzo del computer, del pacchetto Office e delle principali funzionalità di Internet. Il percorso formativo si struttura in 7 moduli Concetti

Dettagli

2BI [Stesura a.s.2014/15]

2BI [Stesura a.s.2014/15] Monte ore annuo PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE 99 ore SETTEMBRE Libro di Testo G. Chiavola ECDL Syllabus 5.0 Guida all esame per la patente del computer - Petrini E-book dal sito www.matematicamente.it.

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

Dropbox di classe. É un servizio internet fornito gratuitamente (funzioni base).

Dropbox di classe. É un servizio internet fornito gratuitamente (funzioni base). Dropbox di classe Lo scopo del servizio Dropbox di classe è quello di far conoscere ai docenti del nostro istituto il funzionamento di un sistema di Cloud Storage, pronto e facile da usare, per esplorare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE Classe: 3^B RIM A.S. 2014/15 Docente: prof. Fabio Borghin DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI Alla fine dell anno scolastico, gli alunni dovranno essere

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE: 1 G Disciplina: Tecnologia dell Informazione e della Comunicazione. PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata e sottoscritta

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI TECNOLOGIA E INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI TECNOLOGIA E INFORMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI TECNOLOGIA E INFORMATICA CLASSE PRIMA 1. CONOSCERE I BISOGNI PRIMARI DELL UOMO, GLI OGGETTI, GLI STRUMENTI E LE MACCHINE CHE LI SODDISFANO 1.1 Osservare e analizzare oggetti,

Dettagli

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5 VI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA BRUNO CIARI PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA Classi 1, 2, 3, 4, 5 SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIA \ INFORMATICA Classe 1 OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE MODULARE E PER UNITÀ FORMATIVE

ORGANIZZAZIONE MODULARE E PER UNITÀ FORMATIVE ORGANIZZAZIONE MODULARE E PER UNITÀ FORMATIVE AREA DELLE COMPETENZE INFORMATICHE (Ore 96) U.F.C. n. 1 CONCETTI TEORICI DI BASE DELLA TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE Far acquisire conoscenze sulle componenti

Dettagli

Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva

Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center

Dettagli

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) 10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) FRANCESCO ZAMBOTTI LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO, GRIIS www.integrazioneinclusione.wordpress.com

Dettagli

informatica facile Erickson Attività per imparare l essenziale di Word, Excel, PowerPoint, Paint, Internet e della posta elettronica Nuova edizione

informatica facile Erickson Attività per imparare l essenziale di Word, Excel, PowerPoint, Paint, Internet e della posta elettronica Nuova edizione Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini informatica facile Attività per imparare l essenziale di Word, Excel,

Dettagli

IO PROTAGONISTA AL COMPUTER. Scuola dell Infanzia Statale B.Munari Romano di Lombardia Anno scolastico 2014-2015

IO PROTAGONISTA AL COMPUTER. Scuola dell Infanzia Statale B.Munari Romano di Lombardia Anno scolastico 2014-2015 IO PROTAGONISTA AL COMPUTER Scuola dell Infanzia Statale B.Munari Romano di Lombardia Anno scolastico 2014-2015 IO al lavoro Il progetto è stato proposto a tutti i bambini grandi della scuola da o novembre

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO Livello: A2 Gruppo 12 Autori: Bombini Lucia, Dal Pos Claudia, Galet Daniela, Pradal Paola Anna, Simionato Francesca

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Creazione di un ipertesto con Word

Creazione di un ipertesto con Word Creazione di un ipertesto con Word Realizzare un ipertesto per illustrare la storia dell esplorazione dello spazio. Descriviamo le fasi principali per la creazione di un ipertesto: a. all inizio occorre

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

L ipertesto multimediale o ipermedia

L ipertesto multimediale o ipermedia Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:45 Pagina 19 multimediale o ipermedia Il programma di scrittura Word, che già conosci, ti permette anche di creare ipertesti multimediali o ipermedia. R Cerchiamo

Dettagli

Rev. 1.3. Manuale Docente OMNIA REGISTRO ELETTRONICO. Darwin Technologies S.R.L.S.

Rev. 1.3. Manuale Docente OMNIA REGISTRO ELETTRONICO. Darwin Technologies S.R.L.S. Rev. 1.3 OMNIA REGISTRO ELETTRONICO Darwin Technologies S.R.L.S. Sommario 1.Introduzione... 2 2.Primo Accesso... 2 3.Desktop di Lavoro... 2 4.Bacheca Personale... 3 5.Profilo Personale... 3 6.Registro

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

INFORMATICA. DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA

INFORMATICA. DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA INFORMATICA DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA L insegnamento di INFORMATICA nel secondo biennio si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 /MOS http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 Descrizione sintetica IC 3 è un Programma di Formazione e Certificazione Informatica di base e fornisce

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI INFORMATICA E LABORATORIO Anno Scolastico: 2014_-_2015 CLASSI 1 e e 2 e CORSI:

Dettagli

Sede: Misano di Gera d Adda. Ordine di scuola: Scuola Primaria. Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria

Sede: Misano di Gera d Adda. Ordine di scuola: Scuola Primaria. Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria Sede: Misano di Gera d Adda Ordine di scuola: Scuola Primaria Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria Docente responsabile: Simona Pontoglio Destinatari: tutti gli alunni della scuola Docenti

Dettagli

ovunque tramite cellulare/tablet

ovunque tramite cellulare/tablet ovunque tramite cellulare/tablet fare acquisti prenotare biglietti accedere a servizi bancari, postali partecipare al Social Network Consultare riviste e giornali online Consultare data base Fruire delle

Dettagli

Chip mouse. Primi approcci all uso del computer nelle classi prime

Chip mouse. Primi approcci all uso del computer nelle classi prime UNITA DI APPRENDIMENTO DI INFORMATICA Chip mouse Primi approcci all uso del computer nelle classi prime Quello proposto è un percorso da sviluppare con in bambini di classe prima nel laboratorio di informatica.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Telecomunicazioni Classe: 1BM A.S. 2015/16 Docenti: Lombino Giuseppe Codocente Gianello Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 16 alunni maschi di cui quattro

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

TECNOLOGIA - SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA - SCUOLA PRIMARIA TECNOLOGIA - SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno esplora e interpreta il mondo fatto dall uomo, individua le funzioni di un artefatto e di una semplice macchina, usa oggetti

Dettagli

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione.

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su Salva modifiche per completare l operazione. Fig. 8 La finestra Gestione file con il file appena caricato 9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione. Fig. 9 Il corso con la nuova

Dettagli

PowerPoint 2007 Le funzioni

PowerPoint 2007 Le funzioni PowerPoint 2007 Le funzioni Introduzione Cos è un ipertesto L' ipertesto è un testo organizzato in link, o collegamenti ad altre parti del testo e/o altri testi, in modo da consentire all utente di scegliere

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Riconoscere le caratteristiche funzionali di un Nozioni fondamentali di un sistema operativo.

Riconoscere le caratteristiche funzionali di un Nozioni fondamentali di un sistema operativo. Anno scolastico 2013/2014 PRIMO BIENNIO Corso Diurno Classe : 1 Ai RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE di: INFORMATICA BIENNIO PROF./SSA DI FILIPPO OLGA TESTO/I ADOTTATO: INFORMATICA easy ED. JUVENILIA SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" - ALBA (CN) ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI - ALBA (CN) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" - ALBA (CN) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE: 1 I Disciplina: Tecnologia dell Informazi one e della Comunicazione. PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata e

Dettagli

La realizzazione del software didattico

La realizzazione del software didattico Centro Ausili Tecnologici Corso Clicker 5 Centro Ausili Tecnologici Corso Clicker 5 Introduzione all uso di Clicker 5 La realizzazione del software didattico Quali conoscenze Quali strumenti Quali risorse

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA

PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA LICEO GIOTTO ULIVI CLASSE II G ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Prof. Cosimo Marco Parlangeli ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA La classe II G risulta costituita da 25 alunni

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Pier Paolo Maggi, Gianmario Re Sarto AICA pierpaolomaggi@aicanet.it - g.resarto@aicanet.it

Dettagli

LABORATORIO 4 Il ruolo delle TIC per superare difficoltà motorie degli studenti

LABORATORIO 4 Il ruolo delle TIC per superare difficoltà motorie degli studenti LABORATORIO 4 Il ruolo delle TIC per superare difficoltà motorie degli studenti A cura di Antonio Caracciolo, Fabio Brusa, Serenella Besio PREMESSA La scelta delle Tecnologie di Ausilio e delle TIC nel

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA - INFORMATICA

SCUOLA DELL INFANZIA - INFORMATICA SCUOLA DELL INFANZIA - INFORMATICA Ordine di scuola classe Intervento tempi ATTIVITÀ E CONTENUTI INFANZIA 3 aa INFANZIA 4 aa INFANZIA 5 aa I vari campi di esperienza: motorio (corpo e movimento), sociale

Dettagli

Introduzione. Parte 1 Scrivere documenti 1

Introduzione. Parte 1 Scrivere documenti 1 Indice Introduzione xiii Parte 1 Scrivere documenti 1 1 Scrivere con Word 3 1.1 Comandi principali e personalizzazioni...... 3 1.1.1 Barradeimenu... 3 1.1.2 BarrastandardeBarradiformattazione... 4 1.1.3

Dettagli

Dipartimento di elettronica ed informatica

Dipartimento di elettronica ed informatica 1 IS G. Cigna G. Baruffi F. Garelli Materia: Riferimento programmazione dipartimentale: Tecnologie Informatiche Programmazione individuale Piano didattico annuale Dipartimento di elettronica ed informatica

Dettagli

CURRICOLO DI COMPETENZE DI INFORMATICA

CURRICOLO DI COMPETENZE DI INFORMATICA CURRICOLO DI COMPETENZE DI INFORMATICA 1 Competenze in uscita per la classe prima 2 NUCLEI FONDANTI ALFABETIZZAZIONE DI BASE (USO STRUMENTI) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Accendere e spegnere la

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari

Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari Il presente documento descrive gli obiettivi disciplinari

Dettagli

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE Sommario 1. Introduzione... 3 2. Registrazione... 3 3. Accesso alla piattaforma (login)... 4 4. Uscita dalla piattaforma (logout)... 5 5. Iscriversi a

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014 Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO BASE DI INFORMATICA Il corso di base è indicato per i principianti e per gli autodidatti che vogliono

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: 2E TUR Materia: Informatica Docente: Piovesan Paola Situazione di partenza della classe La classe è composta da 20 studenti di cui uno affiancato

Dettagli

La guerra, percorso interdisciplinare

La guerra, percorso interdisciplinare RELAZIONE FINALE Alessandra Ricci classe E13 pag. 1 di 5 La guerra, percorso interdisciplinare Finalità La finalità del progetto è di trasmettere la capacità e il desiderio di cercare nuove informazioni

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

Guida Ariel Studenti

Guida Ariel Studenti TECNOLOGIE E LA DIDATTICA UNIVERSITARIA MULTIMEDIALE E A DISTANZA Guida Ariel Studenti La logica della piattaforma e i suoi strumenti 9 agosto 2012 CTU -CENTRO DI SERVIZIO PER LE Struttura ad albero Ogni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica,

Dettagli

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso 11.8 L editor di temi grafici A partire dalla versione 11.5, Instant Developer contiene uno strumento di aiuto alla personalizzazione dei temi grafici e degli

Dettagli