Ni per 300, no problem per 3mila euro Il Comune può pagare la stampa di giornali?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ni per 300, no problem per 3mila euro Il Comune può pagare la stampa di giornali?"

Transcript

1 SETTIMANALE DI POLITICA E COSTUME Autorizzazione del tribunale di Siracusa n.2/2003 diretto da Salvo Benanti Telefono Spedizione in abbonamento postale Pubblicità inferiore al 70 % 0,50 FONDATO NEL 1988 N 7/2009 Il rischio G8 Sarà una cagata pazzesca? Per qualificare l attività del Comune di Siracusa in preparazione del G 8 Ambiente, sarà necessario ripescare la celebre battuta di Fantozzi sulla La corazzata Potemkin?. I lavori che il Comune ha intrapreso per abbellire le strade dove transiteranno le delegazioni del G8 Ambiente sono così confusi, estesi, improbabili che risulteranno alla fine, quattro brutti rattoppi stradali mangia soldi che alla prima pioggia si sfarineranno velocemente?. C è da augurarsi che tra i rattoppi ed il G 8 non ci sia qualche acquazzone, di quelli che ci hanno affllitto in questi mesi: finiremmo per rimpiangere i manti stradali che c erano, quelle strade tutte buche e fossi, da percorso accidentato di guerra dopo un intenso bombardamento. Del resto è difficilmente ipotizzabile che in poche settimane si riesca di rifare il manto stradale di Via Maniace, Lungomare Ortigia, Via Columba, Viale Ermocrate. Si rischia di fare delle cagate. Forse (dico forse perché non sono un addetto al ramo) era più saggio restringere il numero di strade da ripavimentare, con un lavoro fatto seriamente. Naturalmente se i soldi andranno in fumo (si fa per dire..) altro che opere che resteranno alla città come si è pomposamente affermato!. NB: ovviamente queste previsioni nere potranno essere clamorosamente smentite, come mi auguro.ma noi non faremo sconti. Fotograferemo e filmeremo accuratamente i lavori fatti chiedendo - a chi ne capisce- se c è corrispondenza tra spesa ed opere realizzate. Caos sulla Film Commission Bono nomina Umberto Guidi Di Marco: Sbagliato. Granata: Allucinante SERVIZI A PAGINA 3 Truppe a cavallo in direzione Bit: Spesa inutile fatta coi nostri soldi La cabina di regia del turismo non porta un euro Tutti alla Bit di Milano. Coi nostri soldi. E un investimento? Sembrava che fosse così, ma non è così. Come riferisce in questa stessa pagina il collega Cartia per Siracusa a breve non è previsto un euro di finanziamenti. Forse, ma siamo solo sul forse, nei prossimi tre anni qualche euro dovrebbe arrivare da queste parti, sempre se Dio vorrà. Allora chiediamo e ci chiediamo: Perchè 14 comuni, più la Provincia, più il comune capoluogo, partecipano, dal 19 al 22 febbraio, alla Borsa del Turismo di Milano? A fare cosa? A parlare con chi? A chiudere quali intese? Perchè queste truppe a cavallo si trasferiscono in massa a Milano coi nostri soldi? Gli U2 alla Provincia regionale di Siracusa? Beh, quasi. Il Bono Presidente ha la Vox e le phisique du rol di Nicola, sesquipedale ex Sottosegretario di Stato ed inventore della cabina di regia sul turismo, sfornata fresca fresca in vista della BIT 2009 (Borsa del turismo di Milano) di febbraio. Com è che i pigri albergatori siracusani non sono accorsi a frotte di fronte a cotanto esempio di genialità correlata da invito a discuterne la scorsa settimana nei locali di Via Malta? SERVIZI A PAGINA 5 Paolo Reale Emergenza incompiute Un altra stradella abusiva? Per l Inda scelte discutibili Vinciullo Fuori dal teatro Paolo Reale, ex assessore all Urbanistica, denuncia l emergenza incompiute e cioè delle opere pubbliche finanziate e ancora ferme al palo. A PAGINA 5 Le opere abusive non finiscono più nell area antistante il Teatro Greco. Ora sono stati costruiti un altra strabella e alcuni muretti. A PAGINA 7 Le scelte dei registi per gli Spettacoli Classici di quest anno, Zanussi (nella foto) e Salvo, sono molto discutibili. A PAGINA 4 L ex assessore Enzo Vinciullo, oggi deputato all Ars, chiede che vengono cacciati dal teatro comunale la ditta e l Istituto del restauro. A PAGINA 6 Comunale a Ognina a Via Crispi +896 PAGINA 6 Le solite toppe non risolvono il problema che persiste Le basole non interessano nessuno. E la stazione? Il G8?

2 2 Ni per 300, no problem per 3mila euro Il Comune può pagare la stampa di giornali? Protesta ragazza madre. Contributo al periodico La Sveglia Riceviamo e pubblichiamo: Come ogni mese ho chiesto il mio contributo di disoccupazione. Sono una ragazza madre con un figlio e ne ho bisogno. Mi è stato detto di aspettare, ma uno del Comune mi ha anche detto che per i miei 300 euro ci sono problemi mentre per 3000 euro erogati per la stampa di un periodico il Comune non ha problemi. E una vergogna! Roberta Tafani Cara Sig.ra Tafani sono pienamente solidale con Lei : si sollevano problemi di cassa per erogare un miserabile contributo di 300 euro (che serviranno sicuramente per fare la spesa alimentare per la sua famiglia) ma si erogano tranquillamente 3000 euro per la stampa del periodico La Sveglia che non si comprende a che serva e se il Comune, soprattutto, sia legittimato a finanziare. Se qualcuno editore o politico o politico/ editore vuole stamparsi un giornale per leggere che è bravissimo o scrivere i suoi pensieri, non si capisce perché non lo debba pagare di tasca sua e voglia caricare le spese al contribuente. Che una iniziativa del genere sia assunta dall amministrazione comunale non sta in piedi. Un Comune- di grandi dimensioni, non il nostro potrebbe stampare in economia un notiziario dei provvedimenti che assume (consiglio comunale, giunta, quartieri). Articoli, valutazioni, commenti li lasci fare alla stampa quotidiana e periodica che il giornale se lo paga direttamente in tipografia. E già scandaloso che la pubblicità di alcuni eventi sia stata nel passato pubblicata e pagata ad alcuni giornali e non ad altri, a secondo del gradimento politico. Così, se non ricordo male, faceva Bufardeci. Spero che non lo facciano Visentin e Bono. Si è tenuta lo scorso 16 Gennaio 2009 presso il Palazzo Comunale del Comune di Priolo la Conferenza Stampa di apertura del progetto Uso e A- buso finalizzato al monitoraggio e alla prevenzione dell utilizzo di alcol e sostanze stupefacenti tra i giovani. Il progetto fortemente voluto dal Sindaco Antonello Rizza e dal consigliere Luciano Gianni è stato patrocinato dall Assessorato alle Politiche Giovanili, nella persona dell Assessore Giuseppe Guzzardi e proposto dalla Cooperativa sociale l Albero. Il progetto Uso e Abuso - come ha spiegato la coordinatrice del progetto dott.ssa Valeria Troia- si presenta Priolo contro alcol e droga all interno del territorio come progetto pilota di una serie di iniziative di prevenzione necessarie all interno del Comune di Priolo, in particolare poiché nessun progetto può mai nascere se non dalla a- nalisi epidemiologica di dati concreti, l iniziativa si propone di avviare un monitoraggio tra i giovani di fascia di età compresa tra i 13 ed i 21 anni. L analisi del territorio avverrà attraverso la somministrazione ai ragazzi di un questionario scientificamente validato, composto da 25 item finalizzati ad indagare l uso, il grado di conoscenza e le motivazioni che spingono i giovani ad utilizzare sostanze psicoattive. Il progetto si propone inoltre di avviare una prima forma di sensibilizzazione e di informazione attraverso la diffusione di un opuscolo informativo redatto sotto forma di fumetto e volto a catturare l attenzione dei giovani sulla problematica considerata nonché sugli effetti a breve e lungo termine che da tali sostanze ne possono derivare. Uno dei principali obiettivi del progetto è inoltre cercare di creare una sinergia fondamentale tra l amministrazione locale, il privato sociale, i comparti educativi scolastici e le forze dell ordine, riteniamo infatti che oggi all interno di una società dove vengono meno ideali e punti di riferimento, e dove il ruolo genitoriale sembra non assolvere più al proprio compito, le fasce di età più deboli necessitano di un sostegno e di un azione di orientamento tali da poter positivamente gestire i numerosi stimoli provenienti dalla società. Ciò è possibile solo attraverso una collaborazione a più livelli. A tal proposito i questionari e gli opuscoli informativi verranno somministrati all interno dei due istituti comprensivi presenti nel territorio, in presenza di alcuni rappresentanti delle forze dell ordine che sulla base della loro esperienza informeranno i giovani sulle conseguenze legali che l utilizzo di tali sostanze comporta. Al termine della fase di somministrazione seguirà l analisi dei dati così raccolti al fine di valutare l andamento del fenomeno e di quantificare la dimensione del bisogno di intervento. Tali dati verranno resi noti alla cittadinanza e ai diversi comparti che hanno preso parte al progetto attraverso un convegno di chiusura lavori che si propone come momento di interazione al fine di sostenere e facilitare un lavoro di rete fra i diversi protagonisti della problematica, nell intenzione di portare avanti insieme una serie di iniziative finalizzate a lasciare dei segnali tangibili. Alessandro Benanti La vicenda Irem e il razzismo strisciante Se anche noi ci comportassimo all inglese Basterebbe prendere esempio dai randagi e dagli aristocani Chissà quante volte, passeggiando per Piazza Adda, abbiamo notato alcuni cani muniti di collare e medaglietta identificativa ma privi di accompagnatore. Sono i cani di quartiere, adottati da un gruppo di residenti che provvedono alla loro alimentazione, alle cure veterinarie e perfino alla pulizia. Socievolissimi, si affezionano a chiunque dimostri loro un po di benevolenza e, come si evince dalla foto, fanno presto amicizia con altri simili di provenienza domestica : randagi, quindi, che non si tappano il naso alla presenza di signorotti acquistati con fior di quattrini e viceversa, a dimostrazione del fatto che, quantomeno fra animali della stessa tipologia (non importa se siano bracchi, lupi o molossi, volpini, bassotti o semplici meticci) non vengono a crearsi quelle differenze di rango o, peggio, di razza di cui gli umani, invece, sono insuperabili produttori. Ci riferiamo, in particolare, all incresciosa vicenda IREM, per la quale sono stati spesi fiumi di parole, di contatti epistolari, interviste, indagini del Governo centrale ma che, a dispetto delle elevatissime professionalità dei tecnici nostrani ampiamente dimostrate in ogni angolo del mondo, non hanno ancora consentito all azienda siracusana di esercitare i diritti contrattuali acquisiti a seguito di una regolare gara d appalto. I lavoratori inglesi, accantonando il secolare aplomb, si sono rivoltati contro i terroni giunti nella nobilissima terra d Albione, che fu dei Plantigeneti di re Riccardo, per montare un impianto industriale in soli quattro mesi; si sono sentiti defraudati del loro diritto di esistere in qualità di operai (dimenticando, però, di non possedere le indispensabili qualifiche) e costretto i nostri conterranei a rifugiarsi in albergo, senza la possibilità di tirare fuori il naso neanche per annusare i profumi dello storico smog. Razzismo? Potrebbe esserlo ma è più semplice considerare il senso della territorialità, alla stregua dei cani che contrassegnano gli angoli delle strade con abbondanza di liquidi fisiologici. La differenza fra i cani e certi individui, appartenenti alla specie umana, consiste nello spirito di aggregazione, decisamente elevato negli animali, che non trova ormai riscontro tra la gente, sempre più orientata verso la logica dell individualismo esasperato e ad ogni prezzo, a costo di sacrificare principi e valori che un tempo contribuirono alla distinzione degli uomini dalle bestie. E che dire, ancora, dello snobismo degli alti ceti sociali o politici verso la gente umile, quella che si guadagna da vivere con immensi sacrifici quotidiani e, spesso, non riesce a sbarcare il lunario? E, ancora, degli anziani e dei portatori di handicap? Vengono sempre più considerati inutili pesi sociali a cui si lasciano soltanto le briciole, se ne rimangono. E degli immigrati onesti che fuggono dalle terre d origine per fame e corrono alla ricerca di un lavoro che possa contribuire alla sopravvivenza personale e della famiglia rimasta in patria? Anche questi vengono ghettizzati, fors anche per il colore della pelle; non vogliamo riportarci a coloro che vengono nella terra del Bengodi per delinquere ma ai tanti onesti che, come i nostri antenati che andarono a cercare fortuna negli States, in Belgio, Germania o in Australia nel secolo scorso, oggi vedono la panacea per i loro mali proprio qui da noi. E noi li guardiamo di traverso, come gli inglesi stanno guardando i nostri concittadini, addirittura minacciandoli di ritorsioni anche fisiche. Seguendo la loro logica, dovremmo espellere senza esitazione i loro connazionali da tutte le aziende che insistono sul nostro territorio: vogliamo mostrare le unghie anche noi? Forse lo scirocco che avvolge le nostre menti non ci consente rapidi tempi di reazione ma siamo così tanto adusi al nostro personalismo, che non riusciamo ad imporre neanche i nostri legittimi diritti, non riusciamo a corporatizzarci in favore di chi, siracusani come noi, esportano nel mondo intero sapienza e specializzazione. I cani, quando vengono attaccati da estranei, si coalizzano per reagire in coro a difesa dei propri simili. Ezio Scariolo

3 3 Bono fra Giliberti e Guidi sceglie Guidi nuovo presidente della Film Commission Fabio Granata indignato. Il cumulo di incarichi è la regola? A sostituire Marika Cirone Di Marco alla presidenza della Film Commission provinciale, Uccio Bono ha nominato Umberto Guidi (a sx), cioè nessuno in questo campo (cinema), un ex dipendente comunale, diventato in questi anni il factotum delle campagne e delle manifestazioni elettorali di vari esponenti di Forza Italia e grazie a Forza Italia e Bufardeci prima consulente, poi dipendente dell'inda, direttore del Teatro Greco, oggi consulente del G8 Ambiente, ed, in pratica, il responsabile di tutti gli eventi o fatterelli (spettacoli e non) che avvengono nella nostra provincia, in nome e per conto. Fabio Granata si è detto giustamente indignato di questa scelta ed i Fatti condividono pienamente la sua indignazione anche perché il nome che circolava sino agli ultimi minuti era quello di Manuel Giliberti (a dx), architetto, scenografo, scrittore, regista, artista, insomma persona fortemente qualificata a svolgere quel ruolo. Ma la politica (quella peggiore, beninteso, quella ottusa e torva della clientela ad ogni costo, senza vergogna, senza pudore, senza rispetto del ruolo che una istituzione pubblica manda a ricoprire con il proprio designato) ha deciso diversamente. Ad un professionista che da moltissimi anni ha acquisito una notorietà rilevante in sede nazionale viene preferito - con tutto il rispetto che si deve alla persona ed alla sua attività - il titolare di una macchina elettorale perché questo è sempre quello che ha fatto, privo della necessaria professionalità che lo abiliti in qualche modo a potere interloquire nella materia. Se la cifra, il passo del centrodestra siracusano è questo, la strafottenza verso la città, il considerare gli incarichi anche di prestigio bagattelle da gestire come caramelle da regalare a chicchessia, senza riguardo alla valenza dell incarico ed alla personalità ed alla storia del designato, si parte malissimo. Uccio Bono si è prestato a questa scelta ovviamente su pressione di Forza Italia, inghiottendo un calice amarissimo che per la sua storia politica e di uomo di governo avrebbe dovuto respingere con sdegno al mittente. A qualunque costo, come può e deve fare un presidente di prestigio che ama definirsi lontano dai giochetti della politica. Il compito della designazioni può competere ai partiti ma l idoneità ed il livello del designato è affare del Presidente della Provincia perché coinvolge la sua responsabilità personale e politica, come vertice di una istituzione locale.(sb) Di Marco: Sbagliato affidare tutto a uno solo Quello che effettivamente preoccupa in questa vicenda della Film Commission è il concentramento di molti impegni del settore spettacolo sulla stessa persona. Personalmente questo cumulo lo giudico un errore visto che non mancano le professionalità nel territorio e viste anche le aspettative che ci sono. La Film Commission ha infatti creato negli anni una serie di collegamenti a livello regionale e nazionale, è in contatto con diverse realtà siracusane, ci sono tanti ambienti che vivono di cinema, di teatro e di arte in genere, insomma è una realtà in continuo divenire. Così Marika Cirone Di Marco, da sette anni presidente della Film Commission, risponde ad una delle nostre domande sulla nomina decisa dal presidente Bono. Da parte tua, dopo sette anni, ci sarà anche una certa malinconia a lasciare questa struttura che poi struttura non è Certo, e non lo voglio negare. Dopo sette anni c è una certa affezione per quella che comunque è stata una creatura dell esperienza di centrosinistra alla Provincia. Fin dalla sua nascita io mi sono occupata della Film Commission e l ho fatto col sacro fuoco del volontariato, insomma a titolo assolutamente gratuito. Purtroppo poi abbiamo fatto un errore politico macroscopico Vale a dire? Beh, Bruno Marziano ha concluso la sua esperienza da presidente ed è andato via insalutato ospite senza procedere al consolidamento strutturale della Film Commission. Personalmente glielo avevo chiesto più volte, ma per qualche recondita ragione Marziano non l hai mai fatto e questo per me è stato un errore politico notevole. In pratica ha lasciato un terreno seminato in maniera certosina in balia del nulla. Deciderà il suo destino, la sua nuova identità il nuovo inquilino del palazzo di via Roma. Invece era possibile completare l opera nella maniera migliore. Come ad esempio? Ma procedendo con una Fondazione Film Commission come è stato fatto a Torino o in Emilia. Cioè sarebbe diventata una struttura istituzionale che avrebbe potuto far tesoro delle esperienze fatte in questi anni e rispondere in maniera adeguata alle tante aspettative anche perché con la nuova legge sul cinema voluta dalla Regione le cose sono oggi cambiate. E una legge che prevede risorse significative e non parliamo di noccioline, insomma era possibile muoversi in maniera programmata superando il pionierismo di questa prima fase sperimentale. Finita l era Marziano sei comunque rimasta presidente della Film Commission per altri 10 mesi.. E non me ne sono rimasta con le mani in mano. Ho preso contatti con il presidente Bono e con l assessore al ramo Roberto Meloni, e l ho fatto perché ritengo che ci sia una continuità amministrativa e che quindi l esperienza della Film Commission, al di la degli steccati ideologici, non meritava di finire in soffitta. Ho anche comunicato a Bono che come presidente facevo parte della Consulta regionale per il cinema e l audiovisivo. Insomma, ho fatto il mio dovere istituzionale fino all ultimo, anche continuando a fornire informazioni e consigli a chiunque continuava a chiedermeli. Oggi c è il nuovo presidente e cioè Umberto Guidi Ricordo che Guidi come sindacalista in Cgil si occupò dei problemi degli artisti anche se poi ha scelto altre attività. So che è impegnato all Inda e so che è impegnato con il G8, ecco perché non ritengo opportuno che su di lui sia concentrato per intero un settore che invece esprime diverse altre professionalità a Siracusa e provincia. Il principio del cumulo è completamente sbagliato, e questa è una mia personale convinzione. Fabio Granata: Scelta allucinante Non discuto sulle persone, ma sono allucinato sulla maniera con cui il centrodestra arriva a queste nomine, senza discussione, senza un approfondimento, eppure nel caso specifico della Film Commission si discuteva di un organismo di alto profilo. Forse come vicepresidente della Commissione cultura della Camera debbo concordare un appuntamento con Bono per verificare la caratura di alcune scelte?. Fabio Granata quindi modifica la qualifica della sua reazione, non più indignato, ma allucinato per il criterio utilizzato per la nomina della Film Commission. E per restare sulle nomine dice Granata ritengo vergognoso che dopo quasi un anno non si sia ancora discusso di normalizzare gli enti del cosiddetto sottogoverno solo perché esiste una forte diatriba sulla Port Authority di Augusta. Per completezza va anche aggiunto un pensiero di Granata sull architetto Manuel Giliberti. La sua indicazione mi sarebbe sembrata molto più opportuna afferma il deputato nazionale del Pdl viste le sue specifiche competenze sulla Film Commission. Per quanto riguarda Giliberti poi voglio in questa sede manifestare tutta il mio apprezzamento per le sue qualità professionali e morali. Penso che l architetto Giliberti sia l unico professionista al mondo che in maniera completamente gratuita e senza nessuna contropartita (è ovvio conoscendo il soggetto ma mi piace ribadirlo) ha preparato i due progetti esecutivi per il Museo dell Inda e per il Museo del Mare. Progetti che erano indispensabili per finanziare queste due opere. Di questo voglio dargli atto pubblicamente come del suo impegno civile e professionale per Siracusa. Per quanto riguarda invece il Museo dell Inda penso che il sindaco Visentin lo debba comprendere nella sua agenda delle priorità.

4 4 L Eurispes sulla sanità Opinioni e repliche Diventa una esigenza avere uno spazio che consenta a chi ci legge di poter replicare o di poter dire la propria opinione su quello che è già stato pubblicato dal nostro giornale. Naturalmente chiediamo che le repliche siano stringate, o comunque compatibili con la necessità di dare visibilità a tutti. Gli spettacoli al Teatro Greco? Manca una strategia culturale Molto discutibili le scelte di Zanussi e Salvo L Eurispes Sicilia con il patrocinio del Comune di Siracusa e della Provincia Regionale di Siracusa ha organizzato per sabato 21 Febbraio alle ore 16 presso Palazzo Impellizzeri un convegno dal titolo Hospice: un impegno per tutti. La manifestazione, che vedrà la partecipazione delle principali espressioni politiche siracusane, si pone l obiettivo di stimolare il confronto sul tema dell hospice a Siracusa e più in generale sulla situazione sanitaria cittadina, che appare quanto mai insufficiente ai fabbisogni dell utenza, soprattutto se rapportata alle realtà limitrofe. Un occasione quindi per conoscere più a fondo le problematiche di cui si parla insistentemente in questi giorni e per elaborare ipotesi di lavoro concrete e di rapita attuazione. Patti e Sgarbi Riuscito il convegno di palazzo Impellizzeri organizzato da Siracusa Forum. Nella foto da sinistra Giuseppe Patti, Vittorio Sgarbi e Mimmo Contestabile. Eluana e Silvio Riceviamo e pubblichiamo: Berlusconi: "Ci si vuole solo togliere una scomodità ". "A me sembra che non ci sia altro che la volontà di togliersi di mezzo una scomodità. Tutto qui". Silvio Berlusconi torna sulla vicenda di Eluana Englaro per ribadire la sua posizione. Io sto - conclude il premier - dalla parte della vita". Sua moglie 4 anni fa in un intervista al Corriere rivelò questo: Dal Corriere della Sera dell'8 aprile 2005: "Ho avuto un aborto terapeutico, molti anni fa. Al quinto mese di gravidanza ho saputo che il bambino che aspettavo era malformato e per i due mesi successivi ho cercato di capire, con l'aiuto dei medici, che cosa potevo fare, che cosa fosse piu giusto fare. Al settimo mese di gravidanza sono dolorosamente arrivata alla conclusione di dover abortire." Berlusconi non ha difeso il diritto alla vita di un figlio che sarebbe nato malformato ma vivo, e pretende di costringere Beppino Englaro a tenere in vita una figlia che non tornerà mai a vivere veramente, e che una sentenza definitiva di un tribunale italiano ha stabilito che non avrebbe mai voluto vivere in quelle condizioni. Fiorangela Romeo Difficile capire il progetto economico e gestionale dell Inda, tantomeno la sua Strategia culturale. All abituale propaganda segue l esatto contrario. Come l ennesimo spreco di denaro pubblico che l allegra ditta Balestra & Visentin, in barba a qualunque logica economica, di contenimento delle spese, di rispetto per le istituzioni, mostra andando alla BIT. A promuovere un nulla spacciato per meraviglia! Nessuno studio di mercato, strategia di promozione turistica, capacità di fare sistema. Nisba! Lasciamo al lettore il giudizio su questa vicenda osservando alcune cose. Il turismo è materia economica, strategica, strutturale: senza una pianificazione non ha speranza alcuna di agire sul mercato, dialogare concretamente con partner potenziali, tour operators, istituzioni estere e locali di settore. Entità queste, nessuna esclusa, che pianificano almeno triennalmente ogni minima azione. Poiché è incontrovertibile che né l Inda né il Comune su questo (ed altri) versanti non riescono a programmare se non a 6/10 mesi, viene da chiedersi quali programmi porteranno alla BIT, quali interlocutori avranno. Non solo. Poiché non c è politico che giornalmente non ci ammorbi la uallera salendo in cattedra per dirci che dobbiamo fare sistema, come mai non è esistita integrazione con la Provincia regionale e la sua cabina di regia? Idea quest ultima, dell ultimo minuto. Ma è un inizio che, se gestito con le strategie anzidette, potrebbe dare qualche frutto negli anni a venire. Invece la Sicilia è presente alla BIT con stand della Regione, della Provincia, di Comune ed Inda e chissà di quanti altri squilibrati amministratori che gratificano il loro ego con stand dedicati. XLV Ciclo di Rappresentazioni: guardiamo alla bibbia della Fondazione: lo Statuto. Che all articolo 12, comma 8 recita: i componenti del Consiglio di Amministrazione sono individuati tra personalità di elevato profilo culturale, con particolare riguardo al campo degli studi sul teatro antico e della letteratura classica latina e greca. Sono pieni i giornali di questi giorni sull ennesimo, imbarazzante Riceviamo e pubblichiamo: C.d.A. appena nominato. Che ha difetti d illegittimità sulle nomine e disattende i requisiti di professionalità richiesti. E la coerenza, gli obiettivi, le strategie? La pubblicizzata dimensione mediterranea cozza con i registi di quest anno: Krzyszof Zanussi (Medea), Daniele Salvo (Edipo a Colono). Zanussi: regista polacco, produttore, sceneggiatore delle proprie opere. Curriculum di una prestigiosa carriera nel cinema (presidente Federazione europea registi Audiovisivi, direttore Cine Studios polacchi, direttore di numerosi documentari per cinema e TV). Egli rappresenta l anima pura, la ragione, il rifiuto della satira (è cinica), la forma amatoriale dimessa, quasi sciatta molto in voga nell Est europeo. Pluripremiato: al Festival di Venezia, con il David di Donatello e la Croce di Cavaliere dell Ordine polacco. Peccato che, ovunque la si cerchi (nella mailing stampa della stessa Inda o sul web) non è citata una sua sola opera teatrale se non generiche esperienze in Polonia, Germania, Francia, Russia, Italia, Svizzera. Insomma, si chiama un regista dell Est europeo, il cui curriculum, pur prestigioso, parla esclusivamente di cinema e di qualche esperienza televisiva fra l altro prevalente nel nord o est Europa e gli si da la regia del monumento mondiale della drammaturgia greca (da lui mai frequentato). E Salvo? Nella recitazione si perfeziona al Teatro di Roma sotto la direzione di Luca Ronconi. Nella regia, presso la Royal Shakespeare Company di Stratford Upon Avon. Ama la letteratura e gli autori dell est europeo (i russi Puskin, Majakovskij, Esenin, Pasternak, Cvetaeva; la polacca Wislawa Szymborska); visita e interpreta autori d ogni genere e tempo: Shakespeare, Eliot, Lord Byron, Pasolini, Amos Oz. Ma è un quasi debuttante, con un curriculum di matrice nord europea e non mediterranea. Sono queste le professionalità di consolidata esperienza richieste? E le scenografie? Appaiono frutto della cultura sensazionalistica televisiva a cui s è forgiato Balestra. Un grande nome dell architettura mondiale, Massimiliano Fuksas, a cui viene affidato il progetto scenografico senza che costui abbia mai realizzato una scena in vita sua (ne fa testo il curriculum). Meno male che il prestigio di Giorgio Albertazzi ed Elisabetta Pozzi salvano la parvenza artistica. E siamo felici che i costumi siano stati affidati a Beatrice Bordone, fra le migliori costumiste italiane di livello internazionale, siracusana doc di cui andare orgogliosi. Favole innocenti per bambini deficienti L'ing. Meloni, segretario provinciale di Alleanza Nazionale ed Assessore della Giunta Provinciale Bono, ha dichiarato: "Mi stranizzano le dichiarazioni dell'assessore Mangiafico, specie se si considera che le stesse contrastano con gli apprezzamenti resi solo pochi giorni fa dalle delegazioni di AN e di FI rispetto al lavoro svolto dall'intera giunta Bono in questi pochi mesi. Certo, molte cose devono ancora essere fatte, ma non è certo ipotizzabile colmare in soli 8 mesi lacune accumulatesi in 10 anni di governo di sinistra. Occorre invece apprezzare sia le molte iniziative, totalmente innovative, già messe in cantiere dal Presidente e da tutti gli assessori, sia il metodo della periodica concertazione con i partiti di maggioranza, i capi gruppo e gli assessori. E' un metodo di lavoro, già avviato dal Presidente Bono, che costituisce la vera garanzia di collegialità nella gestione amministrativa dell'ente Provincia cui sono stati chiamati dagli elettori, e devono continuare a contribuire, con pari impegno e dignità, i partiti di AN, FI, UDC ed MPA. " Ma siamo alla favolette innocenti per bambini deficienti? Ma cosa ci racconta Roberto Meloni? Ci racconta del litigio fra due assessori della Giunta Bono alla Provincia regionale. E dice anche di sentirsi stranizzato. L unica cosa strana non sono le dichiarazioni dell assessore provinciale Salvatore Mangiafico, ma il fatto stesso che due assessori che fanno parte della stessa maggioranza e della stessa giunta si facciano la guerra sulla stampa. Come se nulla fosse. La concertazione? La collegialità? Ma di che parla Meloni? Della stessa maggioranza che dopo un anno non riesce a mettersi d accordo sul sottogoverno o di qualche altra maggioranza di cui questo giornale, almeno per il momento, sconosce l esistenza?

5 5 Cabina di regia del turismo? Non Bono! Si spende per la Bit ma non arriva un euro Truppe a cavallo in partenza per Milano. Coi nostri soldi Tutti alla Bit di Milano. Coi nostri soldi. E un investimento? Sembrava che fosse così, ma non è così. Come riferisce in questa stessa pagina il collega Cartia per Siracusa a breve non è previsto un euro di finanziamenti. Forse, ma siamo solo sul forse, nei prossimi tre anni qualche euro dovrebbe arrivare da queste parti, sempre se Dio vorrà. Allora chiediamo e ci chiediamo: Perchè 14 comuni, più la Provincia, più il comune capoluogo, partecipano, dal 19 al 22 febbraio, alla Borsa del Turismo di Milano? A fare cosa? A parlare con chi? A chiudere quali intese? Perchè queste truppe a cavallo si trasferiscono in massa a Milano coi nostri soldi? Forse per annunciare i programmi, gli eventi che sono stati previsti per tempo sul nostro territorio? Nuccio Gemma, sempre in questa stessa pagina, ci toglie questa pia illusione che forse poteva funzionare da alibi per chi amministra e ha già fatto la scelta meneghina. Ma noi pensiamo alla grande, noi pensiamo a una programmazione triennale e quindi ad altre due Bit oltre a questa del 19 febbraio. Certo, magari alla prossima Bit, non a questa, porteremo il programma degli eventi. E magari alla prossima Bit si sarà concertato un piano strategico con gli operatori turistici. Oggi si va avanti a vista. Coi soldi nostri. Allora questa cabina di regia del turismo com è? Non Bono, direbbero gli indigeni e noi ci permettiamo di utilizzare questo non Bono. Non ci sono progetti finanziati, non ci sono sinergie operative, non c è uno straccio di programma, ma in compenso si parte tutti per Milano, sì va alla Bit, quella sì che c è. Più informazione e meno spocchia Gli U2 alla Provincia regionale di Siracusa? Beh, quasi. Il Bono Presidente ha la Vox e le phisique du rol di Nicola, sesquipedale ex Sottosegretario di Stato ed inventore della cabina di regia sul turismo, sfornata fresca fresca in vista della BIT 2009 (Borsa del turismo di Milano) di febbraio. Com è che i pigri albergatori siracusani non sono accorsi a frotte di fronte a cotanto esempio di genialità correlata da invito a discuterne la scorsa settimana nei locali di Via Malta? Vergogna! Ha ragione il Bono Vox degli U2 nostrano nel redarguirci con pensieri e parole del tipo: come vi permettete di non accorrere al mio richiamo? Asini indolenti e senza idee, adesso capisco perché qua il turismo non decolla. Chiedete sempre a noi politici e non mettete mai la vostra culacea testa in movimento. Ma Presidente la prego, sia indulgente verso tutti noi piccoli cesellatori della zolla di questo turismo che non decolla. Siamo rimasti, si, folgorati dalla sua capacità di convincere 14 dei 21 recalcitranti Comuni siracusani ad unirsi in un unico organismo e collaborare insieme (cosa tutta da verificare. Da spiegare, se capisce, anche a Visentin). Ma qualche diffidenza ce la conceda, appena un momento di riflessione, giustificato da casuali assonanze con i metodi, creda fallimentari, dei suoi predecessori. Dato che, come ogni Presidente di provincia e/o APIT, lei ha esordito con identici tempi e metodi organizzativi: iniziando a discutere di BIT a 2 mesi dall apertura e con l ennesima trovata intelligente (la cabina di regia) a giustificare impegno, studio, riflessione. Come mai, perdoni l ardire, s è occupato di turismo (capitolo fondamentale del nostro sviluppo) dopo 6 mesi dal suo insediamento? Capisce i nostri dubbi, visto che lei rappresenta, pur senza colpa specifica, una classe politica screditata da reiterati errori? Una politica che ha portato la Sicilia e Siracusa (in specie) agli ultimi posti della vivibilità europea e nazionale: dall ambiente ai trasporti, dalla sicurezza alle infrastrutture. Lei naturalmente bollerà come ingenerose le classifiche del Sole 24Ore, dell Eurispes, dell Istat, di diversi istituti di statistica. Come osserverà che, in ogni caso non può essere responsabile dei disastri causati da chi l ha preceduta: ho trovato uno sfascio, ho dovuto rimettere le cose a posto, etc.. (chissà come mai i predecessori sono sempre imbecilli e quelli nuovi dei geni!). Ma converrà che le scuse restano identiche ogni volta. Quindi ci assolverà se prima vediamo la merce e dopo paghiamo. Tanto paghiamo comunque e sempre noi! Perciò vorremmo vedere i contenuti veri, non solo della cabina di regia ma del suo piano industriale per questa provincia, quali le sue idee per lo sviluppo. Ma non i titoloni all Abbuffardeci (non c incantano più). Lei chiede idee agli imprenditori. Ma quali idee possono avere futuro se non c è un patto di chiarezza fra le parti, reciproca fiducia, toni rispettosi? Invece lei è salito in cattedra! Liquidando per ben due volte il fallimento delle politiche sul turismo come complice colpa degli imprenditori: alcuni sprovveduti o sempliciotti (che dicono di non aver ancora capito cosa fare alla BIT), altri indifferenti al suo richiamo. Ma scusi: quali progetti, proposte, linee finanziarie, strategie contiene la sua cabina di regia? Le sembreranno quisquilie, ma a Milano lei va a spese del contribuente; gli imprenditori con i propri soldi, rischiando sempre col proprio culo. Non con quello degli altri. Ignoranza o inesperienza a parte, non dimentichi che gli errori della politica sono talmente numerosi e devastanti che non basta un pur lodevole inizio come il suo a convincerci sulla chiarezza delle sue idee, se agisce con una logica di mercato, se cerca il confronto, elabora idee comuni e condivise. Perché in quanto a strategie abbiamo concetti diversi. Per noi, pianificare eventi con cadenza triennale non significa collocare i Duran Duran il 21 agosto No! Significa consolidare eventi con date certe sul mercato, con 3 anni di anticipo. Ella, invece, in assenza d ironia, ha capito altre cose. Se non altro intendiamoci. E poi, sarebbero cittadini ed imprenditori gli artefici della mancanza d infrastrutture, debito pubblico spaventoso, assenza di un piano del traffico a Siracusa come di parcheggi, trasporti o raddoppio del binario ferroviario? È il 48% dei giovani a voler essere disoccupato? O è la gente ad aver deformato il manto della SR/Gela prima dell inaugurazione (in itinere da 40 anni, con protagonisti del disastro come Turi Magro ancora in competizione politica e per posti di sottogoverno)? Presidente, ma lei non rivestiva importanti cariche istituzionali e di governo durante questi ultimi 10 anni? Del disastro non sa nulla? Con Bufardeci, Granata e chissà quanti altri ha il merito dell Unesco. Agisca senza spocchia. E vedrà come la seguiremo! Nuccio Gemma Ma di quale turismo si va a cianciando Quei vistosi cartelloni sistemati in città... Sarebbero diciotto i progetti siciliani finanziabili nel primo bando dei finanziamenti Euromed Infatti sui 600 presentati, quelli scelti sarebbero 50 e fra questi ci sarebbero quelli che interessano la Sicilia. Queste le notizie apparse su alcuni quotidiani, ma di Siracusa che si sa?. In realtà, nella sua ultima cabina di regia, il presidente della provincia Bono ha già parlato della eventualità che i progetti siracusani potessero anche essere finanziati nei prossimi tre anni, quindi in un certo senso l amarezza sarebbe già stata anticipata, ma ciò che vogliamo ribadire è che, come dicono a Napoli, ca ccà nisciuno è fesso, nel senso che non vorremmo che i già i piani siano stati fatti per cui anche nel futuro Siracusa verrebbe ancora una volta lasciata fuori, senza per questo fare alcun processo alle intenzioni, ma per mettere le mani avanti, questo si. La provincia di Siracusa, l INDA e il Comune capoluogo, e ben 14 altri comuni, si apprestano a partecipare alla Borsa del Turismo di Milano, la famosa BIT, secondo varie modalità, che dimostrano, ancora una volta, come in questa nostra terra la sinergia sia solo un vocabolo astratto, anche se i vocabolari della lingua italiana parlano di un insieme di forze che operano concretamente. Ora, Siracusa, andrà a Milano, per vendere Turismo, come ha annunciato il presidente della Provincia Regionale di Siracusa, Nicola Bono, durante l ultimo incontro che si è tenuto, come ormai consuetudine dal dopo Marziano, nella sede dell Ente in Via Malta. Ma di programmi che dovrebbero riempire questo nostro paniere, non se n è ancora parlato, anche se è stato detto di inviare proposte entro il 20 febbraio per partecipare poi al programma economico che i Piani Europei dovrebbero finanziare operando, naturalmente, le selezioni del caso. Una proposta è stata fatta, in verità : quella di un turismo culturale incentrata su una campagna promozionale basata sul patrimonio siracusano che ha avuto un importante ruolo nel Novecento Europeo, acclarato ovunque, e cioè quella dell opera e della vita degli scrittori Elio Vittorini, Salvatore Quasimodo, Vìitaliano Brancati, attraverso una produzione che racconti la provincia siracusana, i luoghi a loro legati, al fine di attrarre il turista, che si vuole, oggi come ieri, essere lo storìco viaggiatore. Di programmi si parla in questo cabina settimanale - non sappiamo fino a quando - che lo stesso presidente Bono tiene con il sindaco di Noto Corrado Valvo, per informare le categorie del settore, giornalisti e addetti ai lavori in genere, sugli sviluppi dell importante settore di cui ha conservato per sé la delega assessoriale, dimostrando così un profondo senso di responsabilità volto a dare la massima importanza al settore di grande valore economico, sociale e culturale. Un atto, questo, che è stato sùbito molto apprezzato e che sta dimostrando, con la vasta partecipazione a queste riunioni delle 15,30 di ogni giovedì, il suo vasto interesse degli operatori. Così, è stato possibile sentire l iter organizzativo che la Provincia sta percorrendo, per venire a capo di un progetto di ospitalià che possa determinare il successo dei flussi italiani e stranieri verso la provincia aretusea che vantando grandi patrimoni archeologici e paesaggistici, dovrebbe senz altro potere realizzare una soddisfacente stagione tale da soddisfare le aspettative degli stessi operatori a vedere il tutto esaurito dei loro esercizi. Il presidente Bono ha annunciato e mostrato il grafico dello stand che ospiterà Siracusa a Milano vicino a quello della Regione Siciliana, capiente, che servirà a esporre il prodotto turistico locale contemporaneamente alle trattative con gli operatori internazionali per accapararsi i soggiorni siracusani. In altri tempi questo era compito delle Aziende e degli Enti turistici, da anni ormai sciolte dalla ben nota Legge Granata in attesa di confluire in nuovi uffici regionali, aspettando chi ospitare e compensare così gli albergatori che in questi ultimi anni di immobilismo assoluto hanno visto solo pagare solo stipendi e canoni di affitto, compensi ai vari presidenti, assessori e commissari, mentre il vero Turismo è andato a peggiorare, tanto che a Siracusa sono oggi più i letti che i turisti! Il comunicato ufficiale Qui di seguito il comunicato diffuso sulla Bit: Si parte per la Bit. Lo ha comunicato il presidente della Provincia di Siracusa On Nicola Bono nel corso della riunione degli stati generali del turismo convocati appunto per organizzare la partecipazione alla BIT. Per il presidente della provincia si dovrà operare con una programmazione quanto meno triennale. ed alla fine del triennio si farà il bilancio in termini di ricadute turistiche e di partecipazione sia da parte degli enti che da parte degli operatori privati. Per Milano gli operatori potranno avvalersi della collaborazione del Coordinamento degli enti locali per il trasferimento del proprio materiale. Bono ha anche detto che per i prossimi eventi il territorio dovrà dotarsi di strumenti di promozione specifica, come materiali realizzati ad razionalizzare la l offerta turistica unitaria del territorio. Il Presidente della Provincia ha sottolineato l esigenza che gli operatori turistici elaborino dei pacchetti capaci di attirare l interesse dei tour operator che si incontreranno nel corso della permanenza alla BIT. L obiettivo è, infatti dice Bono - che l investimento pubblico a sostegno della promozione del turismo siracusano trovi riscontro nella capacità organizzativa delle imprenditoria turistica della nostra provincia. In questi ultimi anni, una decina in verità, i siracusani non hanno visto alcuna promozione pubblicitaria, tranne che i vistosi cartelloni nella stessa Siracusa che, come si sa, non servono a creare movimento perché andrebbero affissi fuori, in giro per l Italia e nel Mondo. Non ci sono, però, ancora notizie sulle proposte per riempire questo paniere turistico che dovrebbe esseere offerto agli operatori, italiani e stranieri, che di solito frequentano la Borsa di Milano. Intanto i sondaggi non parlano bene del turismo in genere. L Italia è scesa al quinto posto, dopo Francia, Spagna, Stati Uniti e Cina, mentre secondo gli ultimi studi realizzati da diversi atenei italiani è la scarsa attenzione ai settori specifici che in tempo di crisi possono garantire la sopravvivenza come i viaggi a basso costo e i giovani. Val la pena, però, ancora ricordare che Siracusa, assieme a quella delle Rappresenazioni classiche, ha una tradizione di grandi Mostre d Arte come quelle su Caravaggio, Antonello da Messina, la Tre giorni del Futurismo, di Enzo Assenza, di Renato Guttuso, di Emilio Greco, Mario Sironi, Gaetano Tranchino, che fino a dieci anni orsono hanno contribuito notevolmente al cartellone di eventi che Comune e Provincia realizzavano con Estate siracusana, Carnevale siracusano, Festival del Fumetto, quando i monumenti di Siracusa diventavano palcoscenico per gli spettacoli di Ray Charles, Maurice Bejart, Magna Grecia festival, Cortes, Raffaele Paganini, Luciana Savignano, M. Rostropovich, Uto Ughi, Lorin Manzeel, Placido Domigo, Jose Carreras, Mike Buongiorno, Giorgio Albertazzi, Lando Buzzanca, Maurizio Costanzo, Fiorello, Nino Frassica, Dario Fo,Ornella Vanoni, Fred Bongusto, Bruno Martino, Antonello Venditti, Pino Daniele, Renzo Arbore, e poi il Festival internazionale del Balletto, il Premio Vittorini, Premio Capodieci, Ortigia Festival, finali di Miss Italia, eventi tutti avviati già dagli anni sessanta e poi pian piano, purtroppo, abbandonati, fino ai nostri tristi giorni! Da augurarsi allora che le buone idee per un florido domani, si possano avverare, come annuncia Nicola Bono. Corrado Cartia

6 6 Vinciullo caccia Sos di Mastriani i mercanti dal teatro al sindaco e a Bono Via la ditta e l Istituto del restauro Rinnovate il consorzio Archimede Così come fece Gesù nel tempio Enzo Vinciullo vuole cacciare i mercanti dal teatro comunale. L ex vicesindaco/ assessore, oggi deputato alla Regione, alza il tiro e non risparmia strali in tutte le direzioni. Da quando ho lasciato l impegno diretto sul teatro comunale ad oggi afferma non è stato fatto nulla per il teatro comunale e sono davvero molto infastidito da una amministrazione comunale che parla a vanvera e mi riferisco alla cosiddetta operazione verità sul teatro, come se chi se ne è occupato prima avesse detto solo menzogne. Un modo davvero primitivo di rappresentare i problemi. Io invece sul teatro comunale voglio dire poche cose ma chiare - continua Vinciullo -. Intanto la ditta incaricata è latitante, ha sostanzialmente abbandonato il cantiere e pensa magari di restare per anni e anni in queste condizioni. Quindi questa ditta va cacciata via così come va mandato via l istituto regionale del restauro che ci ha portato dritti dritti alle condizioni attuali dove nulla è chiaro e dove nulla si fa. Ci sono fondi disponibili, portati da me, che non sono stati nemmeno utilizzati, insomma sul teatro non si fa nulla e allora io chiedo all amministrazione di fermarsi e di fare il punto. Intanto mandiamo via la ditta e l istituto del restauro. Subito dopo si faccia un programma e si vada avanti a tappe forzate. Tutto il resto sono balle. Chiedo al sindaco Visentin e al presidente Bono di procedere in maniera rapida al rinnovo del presidente e del consiglio di amministrazione del Consorzio Universitario Archimede, organismi che sono già scaduti da diversi mesi. Lo sostiene il consigliere comunale Marco Mastriani che sulla attuale gestione ha molto da dire. Mi hanno colpito molto le dichiarazioni del presidente Baio dice quando sostiene che molte responsabilità di quello che non funziona ricade sugli studenti universitari siracusani e che lui rimanda al mittente alcune questioni sollevate. Non mi pare che sia giusto oltre che non vero. Il consorzio Archimede esiste perché ci sono gli studenti universitari e dovrebbe quindi assumere in maniera diversa i rilievi che di volta in volta questi studenti manifestano, visto che il tutto è comunque finalizzato alla crescita delle facoltà universitarie siracusane. Claudio Benanti Il Comune acquista un libro ma spende il doppio del dovuto Su Internet costa 20 euro, ma è stato pagato 42 euro Un dipendente comunale, che per ovvi motivi preferisce restare nell anonimato, ci ha segnalato il singolare caso che riguarda un libro acquistato dal Comune. Si tratta di una spesa minimale intendiamoci, ma è il principio che vale nel caso specifico. Il libro in questione è intitolato La regina bianca in Sicilia, uno scritto di un centinaio di pagine che sindaco e giunta hanno valutato di un qualche interesse visto che ne hanno deciso l acquisto di 50 copie da destinare alle varie scuole. Non entriamo nel merito del libro che non è di nostra competenza, ma entriamo su costi e procedure che sono almeno singolari. Allora, il Comune ha acquistato 50 copie di questo libro per la spesa di 700 euro, vale a dire al costo di 42 euro alla copia che di per se ci sembra già un costo abbastanza elevato. Ma il problema non è solo questo, il problema è che lo stesso libro viene venduto su internet per 20 euro con la spedizione gratuita a domicilio. Cioè il Comune lo ha pagato alla casa editrice interessata più del doppio e se queste sono le procedure... Piazzale Teatro Greco: Ancora abusivismi Costruiti un altra stradella e alcuni muretti Perchè non fare allora una bella piscina all interno dell Ara di Ierone? Non sappiamo chi sia responsabile fra Comune e Soprintendenza, ma i lavori sono lì, evidenti, a due passi dalle baracche di legno che oggi sono diventate la casa degli ex ambulanti che per 20 anni hanno sostato davanti all ingresso del parco archeologico della Neapolis. Per quanto ne sappiamo nessuno può portare avanti opere di urbanistica in questa area che è vincolata, un area sacra su cui insiste la vecchia strada di Cicerone, quella stessa area che in più occasioni la Soprintendenza si è rifiutata di consegnare alla pubblica fruizione proprio per la sua importanza, ma soprattutto per i vincoli esistenti. Il primo abusivismo c è stato qualche anno fa. E la massicciata su cui sono stati sistemate le baracche della Val d Aosta chissà da chi pensate per fare paesaggio davanti al nostro Teatro Greco. Alla massicciata in questione si sono poi aggiunti pezzi di pavimentazione per agevolare il trasferimento degli ambulanti, come se un opera abusiva diventasse meno abusiva grazie al fine che si intende raggiungere. Oggi si continua su questa strada e ci pare francamente una esagerazione. Le foto parlano chiaro, è stata fatta un altra massicciata ed è stata messa in opera un altra pa- vimentazione che collega con Casina Cuti. Ci sono state altre recinzioni, sono state messe in opera altri muretti bassi. E che diamine! Magari per tutte queste opere ci sarà una spiegazione, ma sempre abusive sono. E poi con questa logica potremmo pensare ad altro. Perché no una bella piscina al centro dell Ara di Ierone con un paio di luoghi di ristoro sistemati sul bordo dell ara stessa? E perché non costruire sale cinematografiche e teatrali nella grotta dell Orecchio di Dionisio? Immaginate un po che formidabile acustica! Desirèe Meijer

7 7 domande a Paolo Reale Troppe le opere pubbliche ferme Se fossi sindaco sarebbero priorità Abbiamo consultato 200 cittadini e oltre il 50 per cento ci ha detto che Bufardeci era il sindaco di Siracusa. Che ne pensi? Penso che Bufardeci ha lasciato una traccia molto forte, che il nuovo sindaco non è ancora entrato a regime e che il cittadino ha un ricordo forte di chi l ha preceduto. Tu hai espresso in tempi non sospetti più di una perplessità sul G8 a Siracusa. Confermi? Sì lo confermo perché si tratta di una manifestazione impegnativa che richiede una attenzione e una organizzazione che allo stato non riusciamo a vedere. Spero che la capacità di immaginazione tutta siracusana riesca quindi a sopperire alla mancanza di organizzazione. Perché siamo sempre negli ultimi posti nelle classifiche nazionali sulla qualità della vita? Perché non sappiamo dare il giusto risalto e il giusto valore a ciò che è davvero importante nella vita. Stiamo correndo dietro a dati economici che non hanno più nessun significato, o meglio nessun valore. Valgono molto di più le relazioni sociali e umane, la capacità di solidarietà. Non necessariamente ciò che produce reddito è un bene collettivo. Se tu fossi il sindaco cosa faresti in questo momento? Se io fossi il sindaco in questo momento darei impulso alle opere pubbliche che sono ferme o comunque in ritardo. Mi riferisco ovviamente al teatro comunale, ma anche alle cose apparentemente di minore rilievo vedi ad esempio le demolizioni di via Puglia, il completamento della pista ciclabile e il raddoppio di Riviera Dionisio il Grande. Sono opere già programmate e finanziate che darebbero respiro alla città e sarebbero capaci di cambiare, senza grandi impatti, il volto di Siracusa. Tornerai presto ad occuparti direttamente dell amministrazione cittadina? In questo momento non ho una risposta certa, sono sempre appassionato di vita civile e sociale, ma non ho, come dire, un programma immediato. Tagli per la Formazione professionale Anche Siracusa pagherà prezzi salati Prevista la pensione anticipata per parte del personale Dopo quelli alla scuola arrivano i tagli alla Formazione Professionale. In Sicilia sarà un piccolo dramma, considerato che in questo settore tra operatori e allievi vi giostra un buon numero di persone. La Regione Siciliana, a statuto speciale, per trent'anni ha finanziato la materia con la legge regionale n. 24/976 e con risorse proprie. Da qualche anno, a seguito delle difficoltà di bilancio, tale attività viene rendicontata a carico del Fondo Sociale Europeo. Ma il Governo, quest'anno, ha deciso anch'esso di scaricare parte dei maggior costi pubblici, derivanti della crisi economica generale, su questo fondo. Saranno pertanto anche le regioni del sud a doversi far carico della crisi, spendendo diversamente quanto a loro destinato da Bruxelles, vale a dire a vantaggio di cassaintegrati e di precari che perderanno il posto di lavoro, senza avere diritto all'indennità di disoccupazione.i settori già in forte crisi sono quelli manifatturieri tradizionali ma anche nella chimica si registra la chiusura di reparti produttivi. Non solo gli stabilimenti di Termine Imerese e di Gela, ma anche i Cantieri di Palermo, le fabbriche manifatturiere di Caltanissetta e di Enna e centinaia di piccole e medie imprese di tutta la regione chiederanno una boccata d'ossigeno per non morire. Siracusa che sembrerebbe essere solo lambita dalla crisi lancerà anch'essa le sue grida di aiuto. E come quando il lenzuolo diventa più piccolo, si dovrà decidere se coprire i piedi oppure la testa. Il duello tra Governo e Regioni è per due miliardi e 600 milioni di euro, da aggiungere ai 5,6 miliardi dello Stato e da spendere nel biennio Due miliardi e seicento milioni che le Regioni dovranno sottrarre da quanto ricevono dal FSE per la formazione professionale e quindi 2 miliardi e 600 milioni in meno di corsi ripetuti all'infinito nella stessa qualifica, come se si dovesse fornire tutto il mercato americano di parrucchiere, hostess di intrattenimento e operatori ai compiuter. La Sicilia ha opposto resistenza e a livello governativo si ha ben presente il problema: "nel Mezzogiorno il business dei corsi di formazione, che spesso servono più a finanziare un esercito di formatori che a preparare i lavoratori, ha un potere di pressione fortissimo" sostenuto dai sindacati e dalla burocrazia. " Si tratta di incidere non di rado su carrozzoni assistenziali e clientelari che rappresentano un importante bacino di voti e contro i quali finora si sono infranti tutti i disegni riformatori" messi in cantiere. La soluzione avanzata è quella di legare i fondi per la formazione alle cosiddette "politiche attive del lavoro" richieste dalla stessa Ue. Si tratterebbe di condizionare la concessione della Cassa Integrazione e dell'indennità di disoccupazione per i lavoratori che finora ne sono privi (leggasi precari), alla partecipazione a corsi di riqualificazione e reinserimento al lavoro,proprio nella direzione della riforma che ha in mente il Ministero del Welfare. Salterebbero anche buona parte di quegli sportelli messi su per affiancare il lavoro (sic) dei Centri per l'impiego. Sportelli che ricordano tanto le scatole degli illusionisti in cui scompaiono le collaboratrici. In Sicilia oramai da vent'anni collocano tutti, sindacalisti, parroci, marescialli e politici, tranne gli Uffici di Collocamento, per cui tali affiancamenti risultano francamente, per la spesa che comportano, un insulto ai veri bisogni dei disoccupati. Si vada infatti a verificare se da questi sportelli è stata mai orientata un'assunzione che sia una. Gli stessi Centri per l'impiego andrebbero chiusi, affidando l'anagrafe dei disoccupati direttamente ai comuni, cosi come andrebbero unificati uffici provinciali del lavoro e ispettorati. Insomma tutti i luoghi di passatempo, in un momento di crisi strutturale dell'economia, devono essere bonificati, orientando risorse e personale in lavori veramente utili e produttivi. E' stata infine avanzata l'ipotesi di accompagnare alla pensione una buona parte del personale della formazione professionale, trattandosi per buona misura di donne oramai vicine ai 60 anni; cosi come è stato già fatto per i dipendenti dell'ente Minerario Siciliano e dell'ex Geco Meccanica. Pepè Genovese Un lettore interviene sul caso degli asili nido Riceviamo e pubblichiamo: Caro direttore, leggiamo che un solo asilo nido comunale costa 400 mila euro l anno e leggiamo ancora sul suo giornale che ad onta di questi costi ci sono state ulteriori assunzioni nell estate Perché nessuno interviene? Perché nessuno (magari nel Pd) chiede chiarimenti? E perché il sindaco Visentin non fa chiarezza? Pippo Iselli Ci risiamo con una lettera che ritorna sul tema degli asili nido comunali!!. I Fatti ne hanno parlato diffusamente con tanto di titolone in prima pagina. Non è bastato ma la nostra responsabilità di periodico settimanale, caro Lettore, finisce qui: informare dettagliatamente l opinione pubblica e con essa chi dovrebbe tutelare la legalità e contrastare gli illeciti nelle pubbliche amministrazioni. Sugli asili comunali abbiamo anche ospitato una dichiarazione dell'ex candidato a sindaco Salvatore Carcò che faceva - senza giri di parole, a muso duro - il nome dei gestori di almeno 2 asili comunali. Asili che costano al Comune una cifra enorme, anche per le nuove assunzioni avvenute in piena campagna elettorale (regionale ed amministrativa) nel La logica è sempre la stessa e lo sappiamo bene anche altrove : assumi, spendi e spandi..tanto Pantalone (alias il Comune di Siracusa) paga sempre. Fino ad ora ha funzionato benissimo per i conosciutissimi furbetti mangia soldi. Lo continuerà anche nel futuro? Non saprei dirlo. Certamente Visentin e la politica possono fare ben poco, figuriamoci se il sindaco può fare chiarezza sulle spese degli asili nido comunali e delle assunzioni elettorali o della congruità delle spese comunali per asili. Sarebbe come toccare fili di alta tensione. Gli Asili nido sono stati per l intera sindacatura Bufardeci funzionali per il rilevantissimo contributo elettorale fornito (assunzioni, candidati e voti). Era anche lecito che questo potesse avvenire? Non lo so. I Fatti hanno sollevato negli anni scorsi svariate volte l argomento senza sortire alcun risultato. Non sappiamo se la magistratura inquirente sia intervenuta almeno per un semplice accertamento o l argomento non li abbia nemmeno sfiorati (?), sappiamo, questo si,che l opposizione di centrosinistra da sempre fa finta di non vedere e non sentire, come in tantissime altre faccende (l asse Bufardeci-Marziano): sicuramente qualche assunzione ha riguardato il figlio, la sorella, il genero (etc) di qualche oppositore. Negli Asili Nido come è avvenuto anche altrove (Inda,IGM,Agenzie etc). Siamo, dunque, impotenti davanti a tanta arroganza? Si, Sig. Iselli, lo siamo.

8 8 contromano Ignorati Eluana e Mentana, meglio il GF Io penso a una cosa. Che c è una ragione profonda e spregevole nel fatto che la sera della morte di Eluana su canale 5 il grande fratello ha fatto record di ascolti. La nostra pessima democrazia ha dato il benservito a Mentana che si è dimesso sdegnato ed ha avuto qualche milione di italiani che gli hanno detto prego si accomodi. Povero Enrico, certo dopo tanti anni a mediaset doveva a- spettarselo che il suo pubblico avrebbe preferito la tettona alla tragedia di Udine. Ma la cosa (stasera sono meditabondo, non fateci caso, dalla prossima settimana torno ciglione come sempre) si presta ad una analisi più amara e sociologica (boh, non so che significa ma ci stava bene). Perché a me sembra che le ultime settimane di quella povera donna, (che ci hanno sempre mostrato da ragazza, ma che era diventata adulta inconsapevolmente) siano diventate un macabro reality con la gente che aspettava chi sarebbe chi sarebbe stato nominato, Berlusconi o Napolitano, con la suspense della corsa del governo e del parlamento contro la morte, con quelli che tifavano per la vita e quelli che tifavamo per la morte, tifando in effetti per se stessi, guardandosi in cagnesco da un marciapiede all altro, quelli coi lumini e quelli con gli striscioni, quelli che gridavano agli altri talebani e quelli che scrivevano sui muri Beppino boia. Era diventata una soap televisiva l agonia di Eluana, con i cattivi della cassazione che la volevano morta e i buoni del governo che la volevano viva, o viceversa (nel senso di buoni e cattivi) a seconda dei punti di vista. Ma se era diventata una soap, un reality, se era diventata parte della maionese mediatico-politica, la storia della donna in stato vegetativo, il suo vivere nel confine incerto fra l essere e il non essere, è entrata quella sera in competizione con un altro reality, più antico, strutturato, dall esito più variabile ed incerto di quello semplice destinato a eluana (vita-morte). E il pubblico dei reality, lunedì sera, dovendo scegliere, ha scelto l usato sicuro, i personaggi del grande fratello che io quest anno (tettona a parte) non so chi sono (c è pure una hostess dell alitalia?). Cosa significa questo? Significa che c è un Italia, forse maggioritaria, che se ne frega. Ma non significa anche che c è un italia, forse maggioritaria che ha voltato la testa dall altra parte, disgustata, da tanto clamore? Perché se il GF9 ha fatto il pienone, è accaduto non tanto e non solo perché c erano tanti davanti alla tv a guardare la marcuzzi, ma anche perché ce n erano tanto pochi a guardare gli altri canali in cui si moltiplicavano gli speciali su Eluana. Non è possibile che l Italia si sia divisa fra i fans della tettona e i nauseati dal battage mediatico? E lecito sperare che in questo paese sbracato ed egoista, ma anche generoso e appassionato, ci sia stata una silenziosa rivolta delle coscienze e dei telecomandi che hanno detto no? Che hanno lasciato il GF al suo affezionato pubblico, ma non hanno voluto partecipare alla spettacolarizzazione del dolore, dell intimo e insondabile istante del passaggio fra vita e morte? Basta, torno al cazzeggio. Ed in materia di cazzeggio rilevo che noi milanisti ci stiamo tafazzizando, abbiamo preso gusto a prenderci a bottigliate i cabasisi. Fino a sabato eravamo l anti-inter, che mancava solo il derby ed era fatta, che ora ci compravamo anche beckam e non ci fermava nessuno, poi (perché siamo sorprendenti, speciali) riusciamo a pareggiare in casa con l ultima in classifica, che ha fatto tre gol in trasferta in tutto il campionato. E così improvvisamente ridiventiamo dei cessi, che lo sapevano tutti da prima che mai avremmo potuto contrastare il fango nerazzurro. Insomma la stessa cosa che dicevano della Juventus la settimana prima. Ma i colleghi sportivi come fanno a dire a 7 giorni di distanza esattamente l opposto di una settimana prima senza che nessuno, ma mai nessuno, gli dica: scusa ma come cazzo fanno parlare in tv o scrivere sui giornali uno che evidentemente non capisce una mazza di pallone come te? A quel punto, certo, i colleghi sportivi potrebbero dire: ma scusate la stampa colta italiana ha passato 5 anni, dal 2001 al 2006 a dire che Berlusconi era detestato da tutta italia e poi alla fine ha perso le elezioni ma ha preso più voti di Prodi? Hanno detto che non avevano capito un cazzo per 5 anni? E della rimonta di Veltroni ne vogliamo parlare? Lasciamo perdere. Non sono di buon umore stasera, nemmeno quando sparo mischiate. Sarà anche perché Kakà è fuori gioco per due settimane? Hasta lo reality siempre Joe Strummer Burrasca in via Roma, e anche al Vermexio Spesso per caso alcuni consiglieri del Vermexio s incontrano con i colleghi del palazzo della Provincia regionale, appena il tempo dei saluti rituali si registrano subito i toni della forte delusione del vivere la politica locale: è un casino non si capisce niente e nessuno sa più cosa fare. Il pessimismo riguarda proprio la vita dei due consessi con riferimento specifico agli e- quilibri, ai partiti, alle alleanze e naturalmente alle maggioranze variabili che spesso dipendono dall apertura della borsa del giorno. Udc + 3; PD -1; An -2; FI stabile: la giornata tipo del borsino del consiglio comunale di Siracusa si può così riassumere. Al Consiglio provinciale la borsa appare più stabile perché in tempi recenti non si registrano transazioni rilevanti all interno dei gruppi. Si contratta senza ressa ma nessuna transazione però viene registrata. Anche in via Malta la confusione regna sovrana: ci sono tensioni a non finire e spesso si tende ad ottenere qualche attenzione che non arriva dal presidente Nicola Bono. I comunicati ufficiali sono chiari, ogni dichiarazione pronunciata dentro e fuori le sedi ufficiali del dibattito politico non dovrebbe far dormire il Presidente Nicola Bono. Il suo carattere quasi partenopeo porta a pensare che alla dichiarazione di guerra successiva all attentato di Serajevo avrebbe risposto con un hiii e che sarà mai? nascondendo a se stesso che alla porta battono gli emissari di una guerra mondiale che sta per scatenarsi. Assurdamente la confusione e i casini che si registrano alla corte del sindaco Roberto Visentin hanno minore peso specifico dell apparente quieto navigare che si vuol forzatamente far vedere alla Provincia. Per Bono i guai stanno per arrivare da più fronti e non sono certamente le diatribe con Marziano che possono allontanarli perché gli alleati non sono affatto contenti del suo procedere. Non c è gruppo consiliare della maggioranza che non esterni in un modo o nell altro motivo di insoddisfazione. La critica più forte gli viene dall Udc anche se nel Pdl le cose non migliorano proprio quando addirittura non sono messe peggio. L opposizione, anche se non c è si ritrova comunque attorno al quel faro dell ex assessore Spadaro del Pd e non perde un colpo per mettere in rilievo le manchevolezze dell amministrazione in carica. Quella minoranza che dovrebbe essere schiacciata in un angolino per i tanti occhiolini che molti suoi componenti si scambiano con la parte avversa, emerge anche a non volerlo. Per fortuna che alla Provincia vige un certo acchittamento altrimenti la crisi strisciante in cui versa l amministrazione di centrodestra verrebbe fuori amplificata. Da una parte all altra si comincia a pensare che era meglio quando si stava peggio e il rischio è quello che qualcuno arrivi a gridare tra non molto aridateci er puzzone. Avvisi agli inquinatori Un principe per Eluana Nuova iniziativa della Procura di Siracusa per i reati di inquinamento del suolo, nell'area della zona industriale di Priolo Melilli. Sono stati già notificati, a buona parte dei 35 indagati, gli avvisi giudiziari per "accertamento tecnico irripetibile". Dopo l'inquinamento del mare si cerca ora di indagare sull'inquinamento del suolo, con tutte le questioni connesse a tale reato. Possiamo ben dire che il territorio della nostra zona industriale è presidiato e tutelato, trattandosi di aspetti legati alla salute degli operai e delle popolazioni che vivono attorno agli stabilimenti e che la nuova sensibilità sociale esige che non vengano trascurati. Per non parlare del rischio tumori che il prof. Sciacca dell'università di Catania sta indagando nei comuni di Lentini e Carlentini, cittadine entrambe popolate in buona parte da lavoratori della zona industriale. Le forze politiche e quelle sindacali risultano però assenti per tali problematiche e ci si potrebbe chiedere dove sono stati in tutti questi anni in cui rifiuti, scarichi e scoli industriali sono materialmente penetrati nei terreni e nel fondo marino, danneggiandoli in maniera irreversibile? Qualche tempo fa passeggiando di sera ebbi l'impressione che ci fossero, in cielo, nuvole che sorvolassero la Luna ed altre che da essa fossero sorvolate. M'ero creata involontariamente una mia personale teoria sul cielo, conoscendo niente di atmosfera e di distanze: trascinato dal mio stato d'animo, ero caduto in errore. Nondimeno avevo goduto della meravigliosa bellezza del cielo. Successivamente, negli anni, avendo chiesto e letto sull'argomento mi ricredetti dell'errore. Il fascino del cielo è rimasto ed è divenuto più profondo. La storia di Eluana, l'antica fiaba della principessa addormentata, in tanti ha avuto la stessa evoluzione della conoscenza del cielo: relativa, assoluta, Relativa. Una storia in cui si è manifestato Dio creatore: la natura, la scienza e l'uomo. Ieri la mano dell'uomo si è inserita nella storia per mutare la natura e distorcere il senso della scienza. Trascorsa la notte buia, all'alba, la storia riprenderà il suo corso e tanti piccoli rospi divenuti nel frattempo principi azzurri correranno al letto di Eluana per svegliarsi assieme a lei nella nuova Vita del vero Amore. (box)

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli