Vademecum DEI MERCATI PER L AMBIENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vademecum DEI MERCATI PER L AMBIENTE"

Transcript

1 Vademecum DEI MERCATI PER L AMBIENTE

2

3

4

5 DEI MERCATI PER L AMBIENTE

6

7 Indice 1. INTRODUZIONE I MERCATI PER L AMBIENTE 2. IL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI 2.1 La produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile ed il sistema di incentivazione basato sui Certificati Verdi 2.2 L organizzazione del Mercato dei Certificati Verdi 3. IL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA 3.1 L innovativo sistema di promozione del risparmio energetico fondato sui Titoli di Efficienza Energetica 3.2 L organizzazione del Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica 4. IL MERCATO DELLE UNITÀ DI EMISSIONE 4.1 L effetto serra e la Convenzione Quadro sui cambiamenti climatici 4.2 Il Protocollo di Kyoto 4.3 La normativa Emission Trading: la Direttiva 2003/87/CE Il Piano Nazionale di Assegnazione Il Registro Nazionale delle unità 4.4 La Direttiva Linking 4.5 L organizzazione del Mercato delle Unità di Emissione dei gas ad effetto serra 4.6 Le principali piattaforme europee per lo scambio delle emissioni GLOSSARIO DEI MERCATI PER L AMBIENTE

8 6 VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

9 Introduzione L attenzione dell uomo rispetto alla salvaguardia dell ambiente in cui vive cresce in maniera proporzionale allo sviluppo scientifico e tecnologico il quale, se da una parte produce benessere e ricchezza, dall altra crea pericoli e rischi per l ambiente. Impegnarsi per raggiungere importanti obiettivi di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni di gas serra sono scenari prospettati che possono essere realizzati grazie a provvedimenti mirati e dal cui raggiungimento si può ottenere, oltre ai ben noti benefici ambientali, anche un aumento di opportunità lavorative. In Italia sono stati introdotti meccanismi di mercato per incentivare gli interventi di salvaguardia ambientale che consentono una riduzione delle emissioni atmosferiche dannose attraverso lo sviluppo delle fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica, l incremento dell efficienza energetica nei processi industriali e l applicazione di nuove tecnologie. In tale scenario si inserisce l attività del Gestore del Mercato Elettrico S.p.A. (GME) che, oltre a gestire la borsa italiana dell energia elettrica, è direttamente impegnato nel favorire l attuazione delle politiche a tutela dell ambiente attraverso l organizzazione e la gestione dei Mercati per l Ambiente, quali il Mercato dei Certificati Verdi, il Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica ed il Mercato delle Unità di Emissione. Tali mercati rispondono pienamente alla normativa internazionale e nazionale, permettendo alle imprese di perseguire accanto ad obiettivi economici anche scelte ambientalmente sostenibili. Con la pubblicazione del Vademecum dei Mercati per l ambiente, il Gestore del Mercato Elettrico intende fornire un quadro dello scenario in cui si inserisce la propria attività fornendo uno strumento di facile divulgazione per illustrare i suoi Mercati ed i loro vantaggi. VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 7

10 8 VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

11 1. I MERCATI PER L AMBIENTE VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 9

12 10 VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

13 L Italia è da tempo impegnata nell attuazione di politiche ambientali, mirate ad incentivare iniziative che consentano di contenere le emissioni di gas ad effetto serra. In particolare, il settore della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili è stato oggetto, fin dal 1992 con la deliberazione del Comitato interministeriale prezzi n. 6 del 1992 (nota come CIP6), di specifica attenzione da parte del legislatore. Il CIP6 ha introdotto misure di incentivazione per sostenere e favorire l incremento della produzione di energia elettrica attraverso l utilizzo di fonti rinnovabili non inquinanti e fonti assimilate. Un altro settore in cui sono state introdotte misure a favore dell ambiente è quello dei consumi negli usi finali di energia, con un meccanismo mirato ad incentivare i progetti di risparmio energetico. Infine, recependo la direttiva europea 2003/87/CE, l Italia ha introdotto uno schema di contenimento delle emissioni di impianti industriali operanti nei settori a più alto inquinamento attraverso un sistema di trading di permessi ad emettere CO 2. Il Gestore del Mercato Elettrico S.p.A. (GME), società che organizza e gestisce il mercato all ingrosso dell energia elettrica, conosciuto come borsa elettrica, è direttamente impegnato nel favorire l attuazione delle politiche a tutela dell ambiente attraverso l organizzazione e la gestione dei Mercati per l Ambiente, che contribuiscono alla piena attuazione dei meccanismi sopra citati e favoriscono la riduzione delle emissioni atmosferiche dannose, oltre a promuovere lo sviluppo delle fonti rinnovabili e del risparmio energetico. Nello specifico, per ciò che riguarda la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, a seguito dell adozione del Decreto del Ministero dell industria, del commercio e dell artigianato, 11 novembre il Gestore del Mercato Elettrico S.p.A. è stato incaricato di predisporre una piattaforma di mercato per lo scambio dei Certificati Verdi (CV), ovvero dei titoli che certificano la produzione da fonte rinnovabile dell energia elettrica; le contrattazioni su tale mercato sono state avviate nel Il sistema dei Certificati Verdi si fonda sull obbligo, imposto dallo stesso decreto in capo ai produttori e agli importatori di energia prodotta da fonti fossili, di introdurre annualmente in rete, a partire dal 2002, una quota di energia rinnovabile pari al 2% dell energia elettrica da fonti non rinnovabili eccedente i 100 GWh prodotta o importata nell anno precedente 2. L art. 4, comma 1 del d. lgs. 387/2003 ha stabilito che a partire dall'anno 2004 e fino al 2006 la quota minima di elettricità prodotta da fonti rinnovabili da immettere in rete l anno successivo è incrementata annualmente di 0,35%. Con la legge 24 dicembre 2007, n. 244, dal 1 gennaio 2008 è entrata in vigore la Finanziaria 2008, che ha incrementato tale obbligo da 0,35% a 0,75% per ciascun anno compreso nel periodo Ciò impone che, entro la fine del periodo, si raggiunga un obbligo di immissione di energia elettrica da fonte rinnovabile pari al 7,55%. In materia di promozione dell uso efficiente delle risorse energetiche, invece, i decreti ministeriali attività produttive sul risparmio energetico del luglio , successivamente modificati ed integrati con il Decreto del Ministero dello sviluppo economico del 21 dicembre hanno previsto che fosse lo stesso GME ad organizzare il mercato per la negoziazione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE), conosciuti anche come certificati bianchi. Tali titoli, in analogia ai Certificati Verdi, attestano la riduzione dei consumi conseguita attraverso l attuazione di progetti realizzati ad hoc per il risparmio energetico. In questo caso il meccanismo dei TEE si fonda sull obbligo imposto ai distributori di energia elettrica e ai distributori di gas naturale di realizzare un obiettivo annuo di risparmio energetico 5. Entrambi i sistemi risultano particolarmente innovativi poiché, a differenza delle tradizionali forme di incentivazione (quali i sussidi e i finanziamenti a fondo perduto), lasciano al mercato la definizione della misura dell incentivo (fissata dal prezzo di scambio dei certificati) e al regolatore la sola fissazione dell obiettivo da realizzare. Per ciò che riguarda la riduzione delle emissioni da impianti industriali, il GME ha organizzato una sede per la negoziazione delle unità di emissione rilasciate agli impianti sottoposti agli obblighi della direttiva 2003/87/CE, al fine di favorire gli scambi tra i soggetti detentori e i soggetti che necessitano di acquistare le unità per poter rispettare il limite di emissioni consentite. 1 Decreto del Ministero dell industria, del commercio e dell artigianato, 11 novembre 1999 Direttive per l'attuazione delle norme in materia di energia elettrica da fonti rinnovabili di cui ai commi 1, 2 e 3 dell'articolo 11 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 (g.u. n. 29 del 14 dicembre 1999, serie generale). Tale decreto è stato successivamente sostituito dal d.m. 24 ottobre 2005 Aggiornamento delle direttive per l'incentivazione dell'energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili ai sensi dell'art. 11, comma 5, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n Decreto Ministero dell industria, del commercio e dell artigianato, 16 marzo 1999, n.79, Art. 11, "Attuazione della direttiva 96/92/CE recante norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica". 3 Decreto del Ministero delle attività produttive 20 luglio 2004, Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili, di cui all'art.16, comma 4, del d. lgs attività produttive 164/2000 (g.u. n. 205 del 1 settembre 2004); d.m. attività produttive 20 luglio 2004, Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9, comma 1, del d. lgs industria, commercio e artigianato 79/1999 (g.u. n. 205 del 1 settembre 2004); d.m. attività produttive 20 luglio 2004 Modificazione del d.m. attività produttive 20 luglio 2004, recante nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali, ai sensi dell'art. 9, comma 1, del d. lgs industria, commercio e artigianato 79/1999. (g.u. n. 2 del 3 gennaio 2007). 4 Decreto del Ministero dello sviluppo economico del 21 dicembre 2007 Revisione e aggiornamento dei decreti 20 luglio 2004, concernenti l'incremento dell'efficienza energetica degli usi finali di energia, il risparmio energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili, g.u. n. 300 del 28 dicembre Ibidem. VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 11

14 12 VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

15 2. IL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 13

16 14 VADEMECUM MERCATI AMBIENTE

17 2.1 LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE RINNOVABILE ED IL SISTEMA DI INCEN- TIVAZIONE BASATO SUI CERTIFICATI VERDI L incremento della produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile rappresenta una delle priorità della politica energetica definita a livello comunitario; la direttiva europea 2001/77/CE riconosce nello sviluppo delle fonti alternative una misura necessaria per poter garantire il conseguimento più rapido degli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto ed in grado di favorire la sicurezza degli approvvigionamenti e la diversificazione delle fonti di produzione 6. Al fine di garantire l aumento nell UE della percentuale di produzione di energia da fonte rinnovabile fino al 12% entro il 2010 (come indicato nel Libro Bianco della Commissione europea 7 ) la direttiva 2001/77/CE stabiliva che gli Stati Membri dovessero adottare misure appropriate atte a promuovere l'aumento del consumo di elettricità prodotta da fonti energetiche rinnovabili perseguendo gli obiettivi indicativi nazionali 8. Questo obiettivo è stato rivisto e reso ancora più ambizioso nella presentazione, nel gennaio 2008, del pacchetto di misure della Commissione Europea in tema di energia e cambiamenti climatici che prevede il raggiungimento del 20% di energia rinnovabile entro il Il 17 dicembre del 2008 il Parlamento europeo ha approvato la Direttiva PE-CONS 3736/08 (ora Direttiva 2009/08/EC) sulla promozione dell uso dell energia rinnovabile, con la quale ogni Stato membro si impegna a raggiungere una quota minima di energia da fonti rinnovabili sul consumo energetico finale compatibile con l obiettivo della Comunità 9. L Italia in particolare ha un obiettivo del 17% di energia rinnovabile sul consumo energetico lordo e, rispetto al livello del 5,2% del 2005, dovrà raggiungere dei target di incremento intermedi minimi nel periodo Verrà infatti richiesto, a tutti gli Stati membri, che la differenza tra la situazione del 2005 e l obiettivo finale al 2020 venga colmata per il 20% entro il biennio , per il 30% entro il biennio , per il 45% entro il biennio e per il 65% entro il biennio Produzione lorda degli impianti da fonte rinnovabile in Italia dal 2003 al 2007 GWh / 06 % Idrica , , , , ,2-11,3 0 _ , , , , ,7-6,9 1 _ 10 (MW) 5.731, , , , ,4-10,5 > , , , , ,1-11,7 Eolica 1.458, , , , ,4 35,8 Solare* 22,6 27,3 31,0 35,0 39,0 11,4 Geotermica 5.340, , , , ,1 0,8 Biomasse e rifiuti 4.493, , , , ,7 3,1 - Solidi 3.460, , , , ,4 1,8 rifiuti solidi urbani 1.811, , , , ,9 3,7 da colture e altri rifiuti agro-industriali 1.648, , , , ,5 6,6 - Biogas 1.033, , , , ,3 8,3 da discariche 910, , , , ,3 6,0 da fanghi 2,7 1,2 3,2 3,3 9,0 172,7 da deiezioni animali 13,2 18,5 25,7 44,7 53,3 19,2 da colture e altri rifiuti agro-industriali 106,5 112,1 116,8 111,5 137,7 23,5 Totale , , , , ,3-5,5 * Escluse stime Fotovoltaici (MSE -Enea) disponibili solo a livello nazionale -18 GWh. Fonte GSE, statistiche sulle fonti rinnovabili in Italia. 6 Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 settembre 2001 n.77 sulla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità. 7 Comunicazione della Commissione energia per il futuro: le fonti energetiche rinnovabili, Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità, COM(97) 599, novembre Direttiva 2001/77/CE, art Nella riunione del Parlamento europeo del 17 dicembre 2008, è stato adottato un pacchetto energia-clima attraverso una procedura di codecisione contenente sei proposte legislative, ed una serie di direttive, inclusa la Direttiva in questione (la Direttiva PE - CONS 3736/08) VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 15

18 2. IL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI Confronto tra la produzione lorda totale e la produzione rinnovabile in Italia dal 1994 al 2007 (GWh) Fonte: GSE, Statistiche sulle fonti rinnovabili in Italia Andamento della produzione lorda da fonte rinnovabile in Italia dal 1994 al 2007 (GWh) Solare Eolica Biomasse e rifiuti Geotermica Idrica Totale , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 39, Fonte: GSE, Statistiche sulle fonti rinnovabili in Italia VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

19 Il sistema fondato sulla negoziazione dei Certificati Verdi rappresenta proprio una delle misure utili per il raggiungimento degli obiettivi nazionali di incremento della produzione di energia rinnovabile; tale sistema, in particolare, sostituirà gradualmente il precedente sistema di incentivazione denominato CIP6. L incentivazione della produzione di energia da fonte rinnovabile risulta fondamentale poiché è necessario supplire alla scarsa competitività economica delle fonti rinnovabili. E stato necessario, quindi, prevedere delle forme di incentivazione che consentissero ai produttori di adottare delle scelte di investimento indirizzate verso la costruzione di nuovi impianti alimentati da fonti rinnovabili che risultassero convenienti dal punto di vista economico. Il sistema di incentivazione CIP 6 si inquadra tra i meccanismi tradizionali di sostegno allo sviluppo delle fonti rinnovabili; il Provvedimento del Comitato Interministeriale Prezzi 6/1992 ha stabilito che l energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili e assimilate entrati in funzione dopo il 30 gennaio 1991 fosse venduta ad un prezzo incentivato per otto anni consecutivi. In particolare, tale energia è ritirata, e quindi pagata, dal Gestore dei Servizi Elettrici (GSE) ad un prezzo garantito (tale prezzo è determinato dalla somma di diverse componenti 10 ed è aggiornato annualmente dalla Cassa conguaglio del settore elettrico) 11. Il d.lgs. industria, commercio e artigianato 79/1999 ha previsto, invece, l eliminazione graduale del sistema di incentivazione in oggetto e la sua sostituzione con il sistema basato sui Certificati Verdi (il CIP 6, in particolare, cesserà definitivamente la sua operatività nei prossimi anni, allo scadere di tutte le convenzioni stipulate tra i produttori e il GSE per la cessione dell energia rinnovabile). In virtù delle previsioni del d.m. industria, commercio e artigianato 11 novembre 1999, gli impianti alimentati da fonti rinnovabili qualificati IAFR 12 ricevono un numero di Certificati Verdi corrispondente all energia rinnovabile prodotta; i CV, più precisamente, sono titoli al portatore, ognuno del valore di 1 MWh 13, che certificano l origine da fonte rinnovabile dell energia. I produttori e gli importatori di energia da fonte convenzionale possono adempiere all obbligo previsto dall art. 11 del d.lgs. industria, commercio e artigianato 79/ introducendo direttamente in rete il quantitativo di energia rinnovabile corrispondente al proprio obbligo, oppure acquistando i corrispondenti CV; questi devono poi essere consegnati al GSE per l annullamento (che seguirà all adempimento dell obbligo). I soggetti obbligati, quindi, possono decidere se investire nella costruzione di impianti alimentati da fonti rinnovabili, oppure acquistare i CV loro necessari sul mercato. Tale decisione si basa sui costi marginali corrispondenti alle due scelte alternative; si ha convenienza, infatti, a 10 Il prezzo al quale viene ritirata l energia prodotta da fonti rinnovabili è determinato, secondo le previsioni del Provvedimento CIP 6, dalla somma di una componente che tiene conto del costo di produzione evitato, calcolato sommando: a.) costo di impianto, b.) costo di esercizio, manutenzione e spese generali connesse, c.) costo del combustibile - riferito ad un impianto a gas a ciclo combinato - e di una componente di incentivazione. 11 Il GSE rappresenta uno dei soggetti attivi nell ambito del sistema dei CV. Il GSE, infatti, emette i CV a favore dei produttori di energia da fonti rinnovabili titolari di impianti ai quali sia riconosciuta la qualifica di Impianti Alimentati da Fonte Rinnovabile (IAFR). I CV possono essere emessi a consuntivo, oppure a preventivo, cioè sulla base della producibilità attesa dell impianto. Il GSE, inoltre, gestisce il Registro dei CV presso il quale viene attivato a favore dei produttori un conto-proprietà sul quale vengono depositati i CV emessi. Il conto-proprietà viene attivato anche a favore dei produttori e degli importatori soggetti all obbligo previsto dal d. lgs. 79/99, i quali sono tenuti ad autocertificare le importazioni e le produzioni di energia da fonti non rinnovabili relative all anno precedente. 12 Ai fini del riconoscimento dei CV è necessario che agli impianti alimentati da fonti rinnovabili sia riconosciuta la qualifica IAFR. Tale qualifica, rilasciata dal GSE, consente il rilascio dei Certificati Verdi per un periodo pari ad 8 anni a partire dall entrata in esercizio commerciale dell impianto. 13 Nella Finanziaria 2008 è stato stabilita la riduzione della taglia dei CV da 50 MWh a 1 MWh. 14 Art. 11, d.lgs. industria, commercio e artigianato 79/1999: 1. Al fine di incentivare l'uso delle energie rinnovabili, il risparmio energetico, la riduzione delle emissioni di anidride carbonica e l'utilizzo delle risorse energetiche nazionali, a decorrere dall'anno 2001 gli importatori e i soggetti responsabili degli impianti che, in ciascun anno, importano o producono energia elettrica da fonti non rinnovabili hanno l'obbligo di immettere nel sistema elettrico nazionale, nell'anno successivo, una quota prodotta da impianti da fonti rinnovabili entrati in esercizio o ripotenziati, limitatamente alla producibilità aggiuntiva, in data successiva a quella di entrata in vigore del presente decreto. 2. L'obbligo di cui al comma 1 si applica alle importazioni e alle produzioni di energia elettrica, al netto della cogenerazione, degli autoconsumi di centrale e delle esportazioni, eccedenti i 100 GWh; la quota di cui al comma 1 e' inizialmente stabilita nel due per cento della suddetta energia eccedente i 100 GWh. 3. Gli stessi soggetti possono adempiere al suddetto obbligo anche acquistando, in tutto o in parte, l'equivalente quota o i relativi diritti da altri produttori, purché immettano l'energia da fonti rinnovabili nel sistema elettrico nazionale, o dal gestore della rete di trasmissione nazionale. I diritti relativi agli impianti di cui all'articolo 3, comma 7, della legge 14 novembre 1995, n. 481 sono attribuiti al gestore della rete di trasmissione nazionale. Il gestore della rete di trasmissione nazionale, al fine di compensare le fluttuazioni produttive annuali o l'offerta insufficiente, può acquistare e vendere diritti di produzione da fonti rinnovabili, prescindendo dalla effettiva disponibilità, con l'obbligo di compensare su base triennale le eventuali emissioni di diritti in assenza di disponibilità. 4. Il gestore della rete di trasmissione nazionale assicura la precedenza all'energia elettrica prodotta da impianti che utilizzano, nell'ordine, fonti energetiche rinnovabili, sistemi di cogenerazione, sulla base di specifici criteri definiti dall'autorità per l'energia elettrica e il gas, e fonti nazionali di energia combustibile primaria, queste ultime per una quota massima annuale non superiore al quindici per cento di tutta l'energia primaria necessaria per generare l'energia elettrica consumata. 5. Con decreto del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, di concerto con il Ministro dell'ambiente, sono adottate le direttive per l'attuazione di quanto disposto dai commi 1, 2 e 3, nonché gli incrementi della percentuale di cui al comma 2 per gli anni successivi al 2002, tenendo conto delle variazioni connesse al rispetto delle norme volte al contenimento delle emissioni di gas inquinanti, con particolare riferimento agli impegni internazionali previsti dal protocollo di Kyoto. 6. Al fine di promuovere l'uso delle diverse tipologie di fonti rinnovabili, con deliberazione del CIPE, adottata su proposta del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, sentita la Conferenza unificata, istituita ai sensi del decreto legislativo del 28 agosto 1997, n. 281, sono determinati per ciascuna fonte gli obiettivi pluriennali ed e' effettuata la ripartizione tra le regioni e le province autonome delle risorse da destinare all'incentivazione. Le regioni e le province autonome, anche con proprie risorse, favoriscono il coinvolgimento delle comunità locali nelle iniziative e provvedono, attraverso procedure di gara, all'incentivazione delle fonti rinnovabili. VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 17

20 2. IL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI realizzare nuovi impianti nel caso in cui i relativi costi marginali risultino inferiori a quelli corrispondenti all acquisto dei CV sul mercato. I CV, quindi, possono essere liberamente scambiati tra i soggetti interessati attraverso contratti bilaterali oppure attraverso un mercato organizzato. Può accadere, allora, che i soggetti obbligati, nel caso in cui non abbiano un numero sufficiente di CV, li acquistino sul mercato, mentre, qualora risultino titolari di un numero di CV in eccesso, li vendano sullo stesso mercato. I CV, poi, sono titoli svincolati dall energia elettrica per la quale sono stati emessi; questo consente ai produttori di ottenere un duplice flusso di ricavi, il primo derivante dalla vendita dell energia sul mercato elettrico, il secondo dalla vendita dei CV. Il GME, in ottemperanza alle previsioni del d.m. industria, commercio e artigianato 11 novembre 1999, ha predisposto una piattaforma informatica a partecipazione volontaria per la negoziazione dei CV. Tale mercato è stato istituito per facilitare gli scambi di tali titoli; come ogni altro mercato organizzato, infatti, fonda il suo funzionamento su regole certe e predefinite che garantiscono la trasparenza e la sicurezza delle transazioni, assicurando la costante visibilità delle informazioni agli operatori di mercato - così da limitare le asimmetrie informative e facilitare le scelte di investimento - e facilitando l individuazione della controparte negoziale, riducendo così i costi transazionali. L elevata partecipazione al mercato, poi, garantisce un efficiente formazione del prezzo degli stessi CV. Inoltre, da febbraio 2007 il GME ha predisposto la Piattaforma per la Registrazione dei Contratti Bilaterali dei CV (PBCV). L utilizzo della PBCV è divenuta obbligatoria a partire dal 1 gennaio 2009 grazie al d.m. sviluppo economico 18 dicembre 2008, il quale ha introdotto, tra l altro, l obbligo della registrazione delle transazioni bilaterali aventi ad oggetto CV, con comunicazione obbligatoria del prezzo di scambio sulla piattaforma predisposta dal GME. Gli operatori, pertanto, possono registrare attraverso la PBCV le loro transazioni bilaterali, chiedendo, se lo desiderano, la modalità di registrazione con verifica di congruità da parte del GME. In tal caso il GME, prima di validare la transazione, andrà a verificare, oltre alla disponibilità dei CV in capo all operatore venditore, che l operatore acquirente abbia versato, su un conto corrente bancario intestato al GME stesso, il controvalore della transazione in attesa di validazione. Se l esito della verifica risulterà positivo, il GME effettuerà un trasferimento del controvalore della transazione a favore dell operatore venditore e comunicherà l esito positivo della transazione al GSE, il quale potrà procedere al trasferimento di proprietà dei CV. Nel caso in cui invece gli operatori desiderassero registrare la transazione nella modalità senza verifica di congruità da parte del GME, la verifica riguarderà solo la disponibilità dei CV in capo all operatore venditore. Se l esito della verifica sarà positivo, il GME effettuerà una comunicazione al GSE che potrà procedere a trasferire i CV dal conto proprietà del venditore a quello dell acquirente. Nelle transazioni bilaterali registrate attraverso la PBCV il GME non è controparte. Gli adempimenti fiscali andranno pertanto regolati tra le controparti dell accordo. 2.2 L ORGANIZZAZIONE DEL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI Per consentire la negoziazione dei CV tra gli operatori, il GME ha predisposto una piattaforma informatica alla quale è possibile accedere attraverso una connessione ad internet tramite l utilizzo di una User Id, assegnata dal GME, e di una Password scelta dall utente. Il funzionamento del Mercato dei Certificati Verdi è disciplinato dal Titolo VI della Disciplina del Mercato Elettrico 15 ; le modalità di accesso al sistema informatico e di immissione delle proposte di contrattazione, in particolare, sono definite dall art. 101 della Disciplina del Mercato Elettrico e dalle Disposizioni Tecniche di Funzionamento (DTF) 16. La partecipazione al Mercato dei CV in qualità di acquirenti o venditori è consentita al GSE, ai produttori nazionali o esteri, ai clienti grossisti, ai soggetti che importano energia elettrica, alle formazioni associative nelle quali i consumatori e gli utenti siano organizzati, alle associazioni ambientaliste e alle associazioni sindacali delle imprese e dei lavoratori (art. 100, Disciplina del Mercato Elettrico). Per 15 Testo Integrato della Disciplina del Mercato Elettrico, approvato con d.m. attività produttive del 19 dicembre Le DTF sono pubblicate sul sito web del GME 18 VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

21 acquisire la qualifica di operatore del mercato tali soggetti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: - adeguata professionalità e competenza nell utilizzo di sistemi telematici e dei relativi sistemi di sicurezza; - assenza di condanne (con sentenza definitiva, ovvero con sentenza che applica la pena su richiesta delle parti) per il delitto di aggiotaggio, per uno dei delitti contro l inviolabilità della segretezza delle comunicazioni informatiche o telematiche, ovvero per il delitto di frode informatica; - assenza di una precedente esclusione dal Mercato dei Certificati Verdi. -Tali soggetti, per essere ammessi al mercato, devono: - presentare una domanda di ammissione 17 secondo il modello definito in allegato alla Disciplina del Mercato Elettrico, corredata della documentazione attestante che il soggetto abbia i requisiti sopra enunciati; - sottoscrivere un contratto di adesione 18 con il quale il contraente dichiara di conoscere e di accettare, senza alcuna condizione o riserva, la Disciplina del Mercato Elettrico e si impegna a pagare un corrispettivo per ogni Certificato Verde scambiato. Con il provvedimento di ammissione è riconosciuta al soggetto richiedente la qualifica di operatore. Gli operatori ammessi al mercato sono inseriti in un apposito elenco 19 tenuto e gestito dal GME nel rispetto della normativa in materia di riservatezza dei dati personali. Il corrispettivo per i servizi forniti dal GME è definito annualmente dallo stesso GME al fine di assicurare il proprio equilibrio economico e finanziario ed è pubblicato sul suo sito internet. Tale corrispettivo viene fatturato dal GME per metà all'operatore venditore e per metà all'operatore acquirente. Nel corso del 2008, con l approvazione delle modifiche alla Disciplina del Mercato Elettrico, il GME è divenuto controparte centrale negli scambi sul Mercato dei Certificati Verdi 20. L introduzione di una struttura di mercato improntata sul principio di indifferenza di controparte e, conseguentemente, di un sistema di garanzia, fatturazione e regolazione dei pagamenti basato sul GME quale controparte centrale, consente di eliminare completamente il rischio di controparte esistente in capo agli operatori e derivante dall eventuale mancato adempimento delle obbligazioni nascenti dalla conclusione dei contratti sul mercato. Con l introduzione della controparte centrale, il mercato diviene totalmente anonimo a tutto vantaggio della trasparenza e della formazione economicamente efficiente del prezzo dei Certificati Verdi. Inoltre, comporta una semplificazione degli adempimenti amministrativo-contabili derivanti dalla partecipazione al mercato organizzato; gli operatori, infatti, hanno un unico soggetto il GME con cui relazionarsi. I venditori emettono una sola fattura nei confronti dell acquirente GME, mentre, dal lato opposto, gli operatori acquirenti effettuano un unico pagamento a favore del GME a titolo di deposito a garanzia totale degli acquisti. Successivamente, alla conclusione delle transazioni di mercato, gli operatori acquirenti ricevono un unica fattura dal GME. Secondo le previsioni della Disciplina del Mercato Elettrico, il GME organizza un book di negoziazione, per ciascun anno di validità dei Certificati Verdi ammessi alla contrattazione, il quale presenta le migliori proposte di acquisto e di vendita. Da luglio 2007 la contrattazione di CV è stata estesa ai Certificati Verdi maturati a fronte di energia prodotta ai sensi dell'art.1 comma 71, della legge 23 agosto 2004, n. 239 (idrogeno e cogenerazione abbinata a teleriscaldamento). Le contrattazioni sul Mercato dei CV avvengono secondo modalità di negoziazione continua; questo significa che durante le sessioni di contrattazione, che si svolgono almeno una volta alla settimana nel periodo da gennaio a marzo di ciascun anno e almeno una volta al mese nei mesi restanti 21, gli operatori possono inserire in maniera continua le proprie proposte di acquisto o vendita 22. Al momento dell inserimento, le proposte di acquisto vengono ordinate secondo un ordine decrescente di prezzo, mentre le offerte di vendita secondo un ordine crescente di prezzo; in caso di prezzo uguale, viene attribuita priorità alla proposta di acquisto/vendita inserita prima. La quantità minima negoziabile è pari ad 1 CV. Gli operatori possono immettere sul mercato proposte di vendita solo in relazione ai certificati posseduti - e quindi iscritti nel conto- 17 Il modulo di domanda di ammissione è disponibile sul sito web del GME 18 Il contratto di adesione è disponibile sul sito web del GME 19 Elenco degli operatori ammessi al mercato, consultabile sul sito internet (sezione Mercati per l ambiente/certificativerdi/elenco operatori). 20 Decreto del Ministero sviluppo economico del 17 settembre 2008, pubblicato sul suppl. ord. n. 233 alla g.u. n. 243 del 16 ottobre Le sessioni per le contrattazioni sul Mercato dei CV sono intensificate in corrispondenza del periodo immediatamente precedente alla data entro la quale si deve ottemperare all obbligo previsto dal d.lgs industria, commercio e artigianato 79/1999, prevista per il 31 marzo di ogni anno (art. 6, d.m. industria, commercio e artigianato. 11 novembre 1999). Le sessioni si svolgono secondo un calendario predefinito, fissato dalle DTF, pubblicato sul sito internet 22 Gli operatori devono indicare l anno di validità dei certificati, la quantità dei certificati oggetto della proposta e il prezzo riferito ad 1 MWh. VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 19

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Vista la legge 31 luglio 2002, n. 179, recante disposizioni in materia ambientale;

Vista la legge 31 luglio 2002, n. 179, recante disposizioni in materia ambientale; D.Lgs. Governo n 387 del 29/12/2003 Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità.

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M.

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. 20 luglio 2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9,

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Vista la deliberazione preliminare del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 27 ottobre 2006;

Vista la deliberazione preliminare del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 27 ottobre 2006; Decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 (Gu 6 marzo 2007 n. 54) Attuazione della direttiva 2004/8/Ce sulla promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile nel mercato interno dell'energia,

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 DIRETTIVA 2006/32/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 12 DICEMBRE 2013 578/2013/R/EEL REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI CONNESSIONE, MISURA, TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, DISPACCIAMENTO E VENDITA NEL CASO DI SISTEMI SEMPLICI DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ORNELLA MALANDRINO DANIELA SICA ASSEGNISTA DI RICERCA IN SCIENZE MERCEOLOGICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ORNELLA MALANDRINO DANIELA SICA ASSEGNISTA DI RICERCA IN SCIENZE MERCEOLOGICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 93 IL CONTRIBUTO DEI CERTIFICATI BIANCHI AL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA STEFANIA SUPINO PROFESSORE ASSOCIATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ORNELLA

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2012/C 158/04) INDICE INTRODUZIONE... 6 POLITICA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO E DIRETTIVA ETS...

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2012/C 158/04) INDICE INTRODUZIONE... 6 POLITICA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO E DIRETTIVA ETS... C 158/4 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.6.2012 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Orientamenti relativi a determinati aiuti di Stato nell ambito del sistema per lo scambio di quote di emissione dei

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 10 ottobre 2014. Aggiornamento delle condizioni, dei criteri e delle modalità di attuazione dell obbligo di immissione in consumo di biocarburanti compresi quelli

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015) CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DI REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento Documento per la consultazione (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli