Vademecum DEI MERCATI PER L AMBIENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vademecum DEI MERCATI PER L AMBIENTE"

Transcript

1 Vademecum DEI MERCATI PER L AMBIENTE

2

3

4

5 DEI MERCATI PER L AMBIENTE

6

7 Indice 1. INTRODUZIONE I MERCATI PER L AMBIENTE 2. IL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI 2.1 La produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile ed il sistema di incentivazione basato sui Certificati Verdi 2.2 L organizzazione del Mercato dei Certificati Verdi 3. IL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA 3.1 L innovativo sistema di promozione del risparmio energetico fondato sui Titoli di Efficienza Energetica 3.2 L organizzazione del Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica 4. IL MERCATO DELLE UNITÀ DI EMISSIONE 4.1 L effetto serra e la Convenzione Quadro sui cambiamenti climatici 4.2 Il Protocollo di Kyoto 4.3 La normativa Emission Trading: la Direttiva 2003/87/CE Il Piano Nazionale di Assegnazione Il Registro Nazionale delle unità 4.4 La Direttiva Linking 4.5 L organizzazione del Mercato delle Unità di Emissione dei gas ad effetto serra 4.6 Le principali piattaforme europee per lo scambio delle emissioni GLOSSARIO DEI MERCATI PER L AMBIENTE

8 6 VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

9 Introduzione L attenzione dell uomo rispetto alla salvaguardia dell ambiente in cui vive cresce in maniera proporzionale allo sviluppo scientifico e tecnologico il quale, se da una parte produce benessere e ricchezza, dall altra crea pericoli e rischi per l ambiente. Impegnarsi per raggiungere importanti obiettivi di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni di gas serra sono scenari prospettati che possono essere realizzati grazie a provvedimenti mirati e dal cui raggiungimento si può ottenere, oltre ai ben noti benefici ambientali, anche un aumento di opportunità lavorative. In Italia sono stati introdotti meccanismi di mercato per incentivare gli interventi di salvaguardia ambientale che consentono una riduzione delle emissioni atmosferiche dannose attraverso lo sviluppo delle fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica, l incremento dell efficienza energetica nei processi industriali e l applicazione di nuove tecnologie. In tale scenario si inserisce l attività del Gestore del Mercato Elettrico S.p.A. (GME) che, oltre a gestire la borsa italiana dell energia elettrica, è direttamente impegnato nel favorire l attuazione delle politiche a tutela dell ambiente attraverso l organizzazione e la gestione dei Mercati per l Ambiente, quali il Mercato dei Certificati Verdi, il Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica ed il Mercato delle Unità di Emissione. Tali mercati rispondono pienamente alla normativa internazionale e nazionale, permettendo alle imprese di perseguire accanto ad obiettivi economici anche scelte ambientalmente sostenibili. Con la pubblicazione del Vademecum dei Mercati per l ambiente, il Gestore del Mercato Elettrico intende fornire un quadro dello scenario in cui si inserisce la propria attività fornendo uno strumento di facile divulgazione per illustrare i suoi Mercati ed i loro vantaggi. VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 7

10 8 VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

11 1. I MERCATI PER L AMBIENTE VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 9

12 10 VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

13 L Italia è da tempo impegnata nell attuazione di politiche ambientali, mirate ad incentivare iniziative che consentano di contenere le emissioni di gas ad effetto serra. In particolare, il settore della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili è stato oggetto, fin dal 1992 con la deliberazione del Comitato interministeriale prezzi n. 6 del 1992 (nota come CIP6), di specifica attenzione da parte del legislatore. Il CIP6 ha introdotto misure di incentivazione per sostenere e favorire l incremento della produzione di energia elettrica attraverso l utilizzo di fonti rinnovabili non inquinanti e fonti assimilate. Un altro settore in cui sono state introdotte misure a favore dell ambiente è quello dei consumi negli usi finali di energia, con un meccanismo mirato ad incentivare i progetti di risparmio energetico. Infine, recependo la direttiva europea 2003/87/CE, l Italia ha introdotto uno schema di contenimento delle emissioni di impianti industriali operanti nei settori a più alto inquinamento attraverso un sistema di trading di permessi ad emettere CO 2. Il Gestore del Mercato Elettrico S.p.A. (GME), società che organizza e gestisce il mercato all ingrosso dell energia elettrica, conosciuto come borsa elettrica, è direttamente impegnato nel favorire l attuazione delle politiche a tutela dell ambiente attraverso l organizzazione e la gestione dei Mercati per l Ambiente, che contribuiscono alla piena attuazione dei meccanismi sopra citati e favoriscono la riduzione delle emissioni atmosferiche dannose, oltre a promuovere lo sviluppo delle fonti rinnovabili e del risparmio energetico. Nello specifico, per ciò che riguarda la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, a seguito dell adozione del Decreto del Ministero dell industria, del commercio e dell artigianato, 11 novembre il Gestore del Mercato Elettrico S.p.A. è stato incaricato di predisporre una piattaforma di mercato per lo scambio dei Certificati Verdi (CV), ovvero dei titoli che certificano la produzione da fonte rinnovabile dell energia elettrica; le contrattazioni su tale mercato sono state avviate nel Il sistema dei Certificati Verdi si fonda sull obbligo, imposto dallo stesso decreto in capo ai produttori e agli importatori di energia prodotta da fonti fossili, di introdurre annualmente in rete, a partire dal 2002, una quota di energia rinnovabile pari al 2% dell energia elettrica da fonti non rinnovabili eccedente i 100 GWh prodotta o importata nell anno precedente 2. L art. 4, comma 1 del d. lgs. 387/2003 ha stabilito che a partire dall'anno 2004 e fino al 2006 la quota minima di elettricità prodotta da fonti rinnovabili da immettere in rete l anno successivo è incrementata annualmente di 0,35%. Con la legge 24 dicembre 2007, n. 244, dal 1 gennaio 2008 è entrata in vigore la Finanziaria 2008, che ha incrementato tale obbligo da 0,35% a 0,75% per ciascun anno compreso nel periodo Ciò impone che, entro la fine del periodo, si raggiunga un obbligo di immissione di energia elettrica da fonte rinnovabile pari al 7,55%. In materia di promozione dell uso efficiente delle risorse energetiche, invece, i decreti ministeriali attività produttive sul risparmio energetico del luglio , successivamente modificati ed integrati con il Decreto del Ministero dello sviluppo economico del 21 dicembre hanno previsto che fosse lo stesso GME ad organizzare il mercato per la negoziazione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE), conosciuti anche come certificati bianchi. Tali titoli, in analogia ai Certificati Verdi, attestano la riduzione dei consumi conseguita attraverso l attuazione di progetti realizzati ad hoc per il risparmio energetico. In questo caso il meccanismo dei TEE si fonda sull obbligo imposto ai distributori di energia elettrica e ai distributori di gas naturale di realizzare un obiettivo annuo di risparmio energetico 5. Entrambi i sistemi risultano particolarmente innovativi poiché, a differenza delle tradizionali forme di incentivazione (quali i sussidi e i finanziamenti a fondo perduto), lasciano al mercato la definizione della misura dell incentivo (fissata dal prezzo di scambio dei certificati) e al regolatore la sola fissazione dell obiettivo da realizzare. Per ciò che riguarda la riduzione delle emissioni da impianti industriali, il GME ha organizzato una sede per la negoziazione delle unità di emissione rilasciate agli impianti sottoposti agli obblighi della direttiva 2003/87/CE, al fine di favorire gli scambi tra i soggetti detentori e i soggetti che necessitano di acquistare le unità per poter rispettare il limite di emissioni consentite. 1 Decreto del Ministero dell industria, del commercio e dell artigianato, 11 novembre 1999 Direttive per l'attuazione delle norme in materia di energia elettrica da fonti rinnovabili di cui ai commi 1, 2 e 3 dell'articolo 11 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 (g.u. n. 29 del 14 dicembre 1999, serie generale). Tale decreto è stato successivamente sostituito dal d.m. 24 ottobre 2005 Aggiornamento delle direttive per l'incentivazione dell'energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili ai sensi dell'art. 11, comma 5, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n Decreto Ministero dell industria, del commercio e dell artigianato, 16 marzo 1999, n.79, Art. 11, "Attuazione della direttiva 96/92/CE recante norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica". 3 Decreto del Ministero delle attività produttive 20 luglio 2004, Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili, di cui all'art.16, comma 4, del d. lgs attività produttive 164/2000 (g.u. n. 205 del 1 settembre 2004); d.m. attività produttive 20 luglio 2004, Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9, comma 1, del d. lgs industria, commercio e artigianato 79/1999 (g.u. n. 205 del 1 settembre 2004); d.m. attività produttive 20 luglio 2004 Modificazione del d.m. attività produttive 20 luglio 2004, recante nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali, ai sensi dell'art. 9, comma 1, del d. lgs industria, commercio e artigianato 79/1999. (g.u. n. 2 del 3 gennaio 2007). 4 Decreto del Ministero dello sviluppo economico del 21 dicembre 2007 Revisione e aggiornamento dei decreti 20 luglio 2004, concernenti l'incremento dell'efficienza energetica degli usi finali di energia, il risparmio energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili, g.u. n. 300 del 28 dicembre Ibidem. VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 11

14 12 VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

15 2. IL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 13

16 14 VADEMECUM MERCATI AMBIENTE

17 2.1 LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE RINNOVABILE ED IL SISTEMA DI INCEN- TIVAZIONE BASATO SUI CERTIFICATI VERDI L incremento della produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile rappresenta una delle priorità della politica energetica definita a livello comunitario; la direttiva europea 2001/77/CE riconosce nello sviluppo delle fonti alternative una misura necessaria per poter garantire il conseguimento più rapido degli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto ed in grado di favorire la sicurezza degli approvvigionamenti e la diversificazione delle fonti di produzione 6. Al fine di garantire l aumento nell UE della percentuale di produzione di energia da fonte rinnovabile fino al 12% entro il 2010 (come indicato nel Libro Bianco della Commissione europea 7 ) la direttiva 2001/77/CE stabiliva che gli Stati Membri dovessero adottare misure appropriate atte a promuovere l'aumento del consumo di elettricità prodotta da fonti energetiche rinnovabili perseguendo gli obiettivi indicativi nazionali 8. Questo obiettivo è stato rivisto e reso ancora più ambizioso nella presentazione, nel gennaio 2008, del pacchetto di misure della Commissione Europea in tema di energia e cambiamenti climatici che prevede il raggiungimento del 20% di energia rinnovabile entro il Il 17 dicembre del 2008 il Parlamento europeo ha approvato la Direttiva PE-CONS 3736/08 (ora Direttiva 2009/08/EC) sulla promozione dell uso dell energia rinnovabile, con la quale ogni Stato membro si impegna a raggiungere una quota minima di energia da fonti rinnovabili sul consumo energetico finale compatibile con l obiettivo della Comunità 9. L Italia in particolare ha un obiettivo del 17% di energia rinnovabile sul consumo energetico lordo e, rispetto al livello del 5,2% del 2005, dovrà raggiungere dei target di incremento intermedi minimi nel periodo Verrà infatti richiesto, a tutti gli Stati membri, che la differenza tra la situazione del 2005 e l obiettivo finale al 2020 venga colmata per il 20% entro il biennio , per il 30% entro il biennio , per il 45% entro il biennio e per il 65% entro il biennio Produzione lorda degli impianti da fonte rinnovabile in Italia dal 2003 al 2007 GWh / 06 % Idrica , , , , ,2-11,3 0 _ , , , , ,7-6,9 1 _ 10 (MW) 5.731, , , , ,4-10,5 > , , , , ,1-11,7 Eolica 1.458, , , , ,4 35,8 Solare* 22,6 27,3 31,0 35,0 39,0 11,4 Geotermica 5.340, , , , ,1 0,8 Biomasse e rifiuti 4.493, , , , ,7 3,1 - Solidi 3.460, , , , ,4 1,8 rifiuti solidi urbani 1.811, , , , ,9 3,7 da colture e altri rifiuti agro-industriali 1.648, , , , ,5 6,6 - Biogas 1.033, , , , ,3 8,3 da discariche 910, , , , ,3 6,0 da fanghi 2,7 1,2 3,2 3,3 9,0 172,7 da deiezioni animali 13,2 18,5 25,7 44,7 53,3 19,2 da colture e altri rifiuti agro-industriali 106,5 112,1 116,8 111,5 137,7 23,5 Totale , , , , ,3-5,5 * Escluse stime Fotovoltaici (MSE -Enea) disponibili solo a livello nazionale -18 GWh. Fonte GSE, statistiche sulle fonti rinnovabili in Italia. 6 Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 settembre 2001 n.77 sulla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità. 7 Comunicazione della Commissione energia per il futuro: le fonti energetiche rinnovabili, Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità, COM(97) 599, novembre Direttiva 2001/77/CE, art Nella riunione del Parlamento europeo del 17 dicembre 2008, è stato adottato un pacchetto energia-clima attraverso una procedura di codecisione contenente sei proposte legislative, ed una serie di direttive, inclusa la Direttiva in questione (la Direttiva PE - CONS 3736/08) VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 15

18 2. IL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI Confronto tra la produzione lorda totale e la produzione rinnovabile in Italia dal 1994 al 2007 (GWh) Fonte: GSE, Statistiche sulle fonti rinnovabili in Italia Andamento della produzione lorda da fonte rinnovabile in Italia dal 1994 al 2007 (GWh) Solare Eolica Biomasse e rifiuti Geotermica Idrica Totale , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 39, Fonte: GSE, Statistiche sulle fonti rinnovabili in Italia VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

19 Il sistema fondato sulla negoziazione dei Certificati Verdi rappresenta proprio una delle misure utili per il raggiungimento degli obiettivi nazionali di incremento della produzione di energia rinnovabile; tale sistema, in particolare, sostituirà gradualmente il precedente sistema di incentivazione denominato CIP6. L incentivazione della produzione di energia da fonte rinnovabile risulta fondamentale poiché è necessario supplire alla scarsa competitività economica delle fonti rinnovabili. E stato necessario, quindi, prevedere delle forme di incentivazione che consentissero ai produttori di adottare delle scelte di investimento indirizzate verso la costruzione di nuovi impianti alimentati da fonti rinnovabili che risultassero convenienti dal punto di vista economico. Il sistema di incentivazione CIP 6 si inquadra tra i meccanismi tradizionali di sostegno allo sviluppo delle fonti rinnovabili; il Provvedimento del Comitato Interministeriale Prezzi 6/1992 ha stabilito che l energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili e assimilate entrati in funzione dopo il 30 gennaio 1991 fosse venduta ad un prezzo incentivato per otto anni consecutivi. In particolare, tale energia è ritirata, e quindi pagata, dal Gestore dei Servizi Elettrici (GSE) ad un prezzo garantito (tale prezzo è determinato dalla somma di diverse componenti 10 ed è aggiornato annualmente dalla Cassa conguaglio del settore elettrico) 11. Il d.lgs. industria, commercio e artigianato 79/1999 ha previsto, invece, l eliminazione graduale del sistema di incentivazione in oggetto e la sua sostituzione con il sistema basato sui Certificati Verdi (il CIP 6, in particolare, cesserà definitivamente la sua operatività nei prossimi anni, allo scadere di tutte le convenzioni stipulate tra i produttori e il GSE per la cessione dell energia rinnovabile). In virtù delle previsioni del d.m. industria, commercio e artigianato 11 novembre 1999, gli impianti alimentati da fonti rinnovabili qualificati IAFR 12 ricevono un numero di Certificati Verdi corrispondente all energia rinnovabile prodotta; i CV, più precisamente, sono titoli al portatore, ognuno del valore di 1 MWh 13, che certificano l origine da fonte rinnovabile dell energia. I produttori e gli importatori di energia da fonte convenzionale possono adempiere all obbligo previsto dall art. 11 del d.lgs. industria, commercio e artigianato 79/ introducendo direttamente in rete il quantitativo di energia rinnovabile corrispondente al proprio obbligo, oppure acquistando i corrispondenti CV; questi devono poi essere consegnati al GSE per l annullamento (che seguirà all adempimento dell obbligo). I soggetti obbligati, quindi, possono decidere se investire nella costruzione di impianti alimentati da fonti rinnovabili, oppure acquistare i CV loro necessari sul mercato. Tale decisione si basa sui costi marginali corrispondenti alle due scelte alternative; si ha convenienza, infatti, a 10 Il prezzo al quale viene ritirata l energia prodotta da fonti rinnovabili è determinato, secondo le previsioni del Provvedimento CIP 6, dalla somma di una componente che tiene conto del costo di produzione evitato, calcolato sommando: a.) costo di impianto, b.) costo di esercizio, manutenzione e spese generali connesse, c.) costo del combustibile - riferito ad un impianto a gas a ciclo combinato - e di una componente di incentivazione. 11 Il GSE rappresenta uno dei soggetti attivi nell ambito del sistema dei CV. Il GSE, infatti, emette i CV a favore dei produttori di energia da fonti rinnovabili titolari di impianti ai quali sia riconosciuta la qualifica di Impianti Alimentati da Fonte Rinnovabile (IAFR). I CV possono essere emessi a consuntivo, oppure a preventivo, cioè sulla base della producibilità attesa dell impianto. Il GSE, inoltre, gestisce il Registro dei CV presso il quale viene attivato a favore dei produttori un conto-proprietà sul quale vengono depositati i CV emessi. Il conto-proprietà viene attivato anche a favore dei produttori e degli importatori soggetti all obbligo previsto dal d. lgs. 79/99, i quali sono tenuti ad autocertificare le importazioni e le produzioni di energia da fonti non rinnovabili relative all anno precedente. 12 Ai fini del riconoscimento dei CV è necessario che agli impianti alimentati da fonti rinnovabili sia riconosciuta la qualifica IAFR. Tale qualifica, rilasciata dal GSE, consente il rilascio dei Certificati Verdi per un periodo pari ad 8 anni a partire dall entrata in esercizio commerciale dell impianto. 13 Nella Finanziaria 2008 è stato stabilita la riduzione della taglia dei CV da 50 MWh a 1 MWh. 14 Art. 11, d.lgs. industria, commercio e artigianato 79/1999: 1. Al fine di incentivare l'uso delle energie rinnovabili, il risparmio energetico, la riduzione delle emissioni di anidride carbonica e l'utilizzo delle risorse energetiche nazionali, a decorrere dall'anno 2001 gli importatori e i soggetti responsabili degli impianti che, in ciascun anno, importano o producono energia elettrica da fonti non rinnovabili hanno l'obbligo di immettere nel sistema elettrico nazionale, nell'anno successivo, una quota prodotta da impianti da fonti rinnovabili entrati in esercizio o ripotenziati, limitatamente alla producibilità aggiuntiva, in data successiva a quella di entrata in vigore del presente decreto. 2. L'obbligo di cui al comma 1 si applica alle importazioni e alle produzioni di energia elettrica, al netto della cogenerazione, degli autoconsumi di centrale e delle esportazioni, eccedenti i 100 GWh; la quota di cui al comma 1 e' inizialmente stabilita nel due per cento della suddetta energia eccedente i 100 GWh. 3. Gli stessi soggetti possono adempiere al suddetto obbligo anche acquistando, in tutto o in parte, l'equivalente quota o i relativi diritti da altri produttori, purché immettano l'energia da fonti rinnovabili nel sistema elettrico nazionale, o dal gestore della rete di trasmissione nazionale. I diritti relativi agli impianti di cui all'articolo 3, comma 7, della legge 14 novembre 1995, n. 481 sono attribuiti al gestore della rete di trasmissione nazionale. Il gestore della rete di trasmissione nazionale, al fine di compensare le fluttuazioni produttive annuali o l'offerta insufficiente, può acquistare e vendere diritti di produzione da fonti rinnovabili, prescindendo dalla effettiva disponibilità, con l'obbligo di compensare su base triennale le eventuali emissioni di diritti in assenza di disponibilità. 4. Il gestore della rete di trasmissione nazionale assicura la precedenza all'energia elettrica prodotta da impianti che utilizzano, nell'ordine, fonti energetiche rinnovabili, sistemi di cogenerazione, sulla base di specifici criteri definiti dall'autorità per l'energia elettrica e il gas, e fonti nazionali di energia combustibile primaria, queste ultime per una quota massima annuale non superiore al quindici per cento di tutta l'energia primaria necessaria per generare l'energia elettrica consumata. 5. Con decreto del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, di concerto con il Ministro dell'ambiente, sono adottate le direttive per l'attuazione di quanto disposto dai commi 1, 2 e 3, nonché gli incrementi della percentuale di cui al comma 2 per gli anni successivi al 2002, tenendo conto delle variazioni connesse al rispetto delle norme volte al contenimento delle emissioni di gas inquinanti, con particolare riferimento agli impegni internazionali previsti dal protocollo di Kyoto. 6. Al fine di promuovere l'uso delle diverse tipologie di fonti rinnovabili, con deliberazione del CIPE, adottata su proposta del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, sentita la Conferenza unificata, istituita ai sensi del decreto legislativo del 28 agosto 1997, n. 281, sono determinati per ciascuna fonte gli obiettivi pluriennali ed e' effettuata la ripartizione tra le regioni e le province autonome delle risorse da destinare all'incentivazione. Le regioni e le province autonome, anche con proprie risorse, favoriscono il coinvolgimento delle comunità locali nelle iniziative e provvedono, attraverso procedure di gara, all'incentivazione delle fonti rinnovabili. VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 17

20 2. IL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI realizzare nuovi impianti nel caso in cui i relativi costi marginali risultino inferiori a quelli corrispondenti all acquisto dei CV sul mercato. I CV, quindi, possono essere liberamente scambiati tra i soggetti interessati attraverso contratti bilaterali oppure attraverso un mercato organizzato. Può accadere, allora, che i soggetti obbligati, nel caso in cui non abbiano un numero sufficiente di CV, li acquistino sul mercato, mentre, qualora risultino titolari di un numero di CV in eccesso, li vendano sullo stesso mercato. I CV, poi, sono titoli svincolati dall energia elettrica per la quale sono stati emessi; questo consente ai produttori di ottenere un duplice flusso di ricavi, il primo derivante dalla vendita dell energia sul mercato elettrico, il secondo dalla vendita dei CV. Il GME, in ottemperanza alle previsioni del d.m. industria, commercio e artigianato 11 novembre 1999, ha predisposto una piattaforma informatica a partecipazione volontaria per la negoziazione dei CV. Tale mercato è stato istituito per facilitare gli scambi di tali titoli; come ogni altro mercato organizzato, infatti, fonda il suo funzionamento su regole certe e predefinite che garantiscono la trasparenza e la sicurezza delle transazioni, assicurando la costante visibilità delle informazioni agli operatori di mercato - così da limitare le asimmetrie informative e facilitare le scelte di investimento - e facilitando l individuazione della controparte negoziale, riducendo così i costi transazionali. L elevata partecipazione al mercato, poi, garantisce un efficiente formazione del prezzo degli stessi CV. Inoltre, da febbraio 2007 il GME ha predisposto la Piattaforma per la Registrazione dei Contratti Bilaterali dei CV (PBCV). L utilizzo della PBCV è divenuta obbligatoria a partire dal 1 gennaio 2009 grazie al d.m. sviluppo economico 18 dicembre 2008, il quale ha introdotto, tra l altro, l obbligo della registrazione delle transazioni bilaterali aventi ad oggetto CV, con comunicazione obbligatoria del prezzo di scambio sulla piattaforma predisposta dal GME. Gli operatori, pertanto, possono registrare attraverso la PBCV le loro transazioni bilaterali, chiedendo, se lo desiderano, la modalità di registrazione con verifica di congruità da parte del GME. In tal caso il GME, prima di validare la transazione, andrà a verificare, oltre alla disponibilità dei CV in capo all operatore venditore, che l operatore acquirente abbia versato, su un conto corrente bancario intestato al GME stesso, il controvalore della transazione in attesa di validazione. Se l esito della verifica risulterà positivo, il GME effettuerà un trasferimento del controvalore della transazione a favore dell operatore venditore e comunicherà l esito positivo della transazione al GSE, il quale potrà procedere al trasferimento di proprietà dei CV. Nel caso in cui invece gli operatori desiderassero registrare la transazione nella modalità senza verifica di congruità da parte del GME, la verifica riguarderà solo la disponibilità dei CV in capo all operatore venditore. Se l esito della verifica sarà positivo, il GME effettuerà una comunicazione al GSE che potrà procedere a trasferire i CV dal conto proprietà del venditore a quello dell acquirente. Nelle transazioni bilaterali registrate attraverso la PBCV il GME non è controparte. Gli adempimenti fiscali andranno pertanto regolati tra le controparti dell accordo. 2.2 L ORGANIZZAZIONE DEL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI Per consentire la negoziazione dei CV tra gli operatori, il GME ha predisposto una piattaforma informatica alla quale è possibile accedere attraverso una connessione ad internet tramite l utilizzo di una User Id, assegnata dal GME, e di una Password scelta dall utente. Il funzionamento del Mercato dei Certificati Verdi è disciplinato dal Titolo VI della Disciplina del Mercato Elettrico 15 ; le modalità di accesso al sistema informatico e di immissione delle proposte di contrattazione, in particolare, sono definite dall art. 101 della Disciplina del Mercato Elettrico e dalle Disposizioni Tecniche di Funzionamento (DTF) 16. La partecipazione al Mercato dei CV in qualità di acquirenti o venditori è consentita al GSE, ai produttori nazionali o esteri, ai clienti grossisti, ai soggetti che importano energia elettrica, alle formazioni associative nelle quali i consumatori e gli utenti siano organizzati, alle associazioni ambientaliste e alle associazioni sindacali delle imprese e dei lavoratori (art. 100, Disciplina del Mercato Elettrico). Per 15 Testo Integrato della Disciplina del Mercato Elettrico, approvato con d.m. attività produttive del 19 dicembre Le DTF sono pubblicate sul sito web del GME 18 VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE

21 acquisire la qualifica di operatore del mercato tali soggetti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: - adeguata professionalità e competenza nell utilizzo di sistemi telematici e dei relativi sistemi di sicurezza; - assenza di condanne (con sentenza definitiva, ovvero con sentenza che applica la pena su richiesta delle parti) per il delitto di aggiotaggio, per uno dei delitti contro l inviolabilità della segretezza delle comunicazioni informatiche o telematiche, ovvero per il delitto di frode informatica; - assenza di una precedente esclusione dal Mercato dei Certificati Verdi. -Tali soggetti, per essere ammessi al mercato, devono: - presentare una domanda di ammissione 17 secondo il modello definito in allegato alla Disciplina del Mercato Elettrico, corredata della documentazione attestante che il soggetto abbia i requisiti sopra enunciati; - sottoscrivere un contratto di adesione 18 con il quale il contraente dichiara di conoscere e di accettare, senza alcuna condizione o riserva, la Disciplina del Mercato Elettrico e si impegna a pagare un corrispettivo per ogni Certificato Verde scambiato. Con il provvedimento di ammissione è riconosciuta al soggetto richiedente la qualifica di operatore. Gli operatori ammessi al mercato sono inseriti in un apposito elenco 19 tenuto e gestito dal GME nel rispetto della normativa in materia di riservatezza dei dati personali. Il corrispettivo per i servizi forniti dal GME è definito annualmente dallo stesso GME al fine di assicurare il proprio equilibrio economico e finanziario ed è pubblicato sul suo sito internet. Tale corrispettivo viene fatturato dal GME per metà all'operatore venditore e per metà all'operatore acquirente. Nel corso del 2008, con l approvazione delle modifiche alla Disciplina del Mercato Elettrico, il GME è divenuto controparte centrale negli scambi sul Mercato dei Certificati Verdi 20. L introduzione di una struttura di mercato improntata sul principio di indifferenza di controparte e, conseguentemente, di un sistema di garanzia, fatturazione e regolazione dei pagamenti basato sul GME quale controparte centrale, consente di eliminare completamente il rischio di controparte esistente in capo agli operatori e derivante dall eventuale mancato adempimento delle obbligazioni nascenti dalla conclusione dei contratti sul mercato. Con l introduzione della controparte centrale, il mercato diviene totalmente anonimo a tutto vantaggio della trasparenza e della formazione economicamente efficiente del prezzo dei Certificati Verdi. Inoltre, comporta una semplificazione degli adempimenti amministrativo-contabili derivanti dalla partecipazione al mercato organizzato; gli operatori, infatti, hanno un unico soggetto il GME con cui relazionarsi. I venditori emettono una sola fattura nei confronti dell acquirente GME, mentre, dal lato opposto, gli operatori acquirenti effettuano un unico pagamento a favore del GME a titolo di deposito a garanzia totale degli acquisti. Successivamente, alla conclusione delle transazioni di mercato, gli operatori acquirenti ricevono un unica fattura dal GME. Secondo le previsioni della Disciplina del Mercato Elettrico, il GME organizza un book di negoziazione, per ciascun anno di validità dei Certificati Verdi ammessi alla contrattazione, il quale presenta le migliori proposte di acquisto e di vendita. Da luglio 2007 la contrattazione di CV è stata estesa ai Certificati Verdi maturati a fronte di energia prodotta ai sensi dell'art.1 comma 71, della legge 23 agosto 2004, n. 239 (idrogeno e cogenerazione abbinata a teleriscaldamento). Le contrattazioni sul Mercato dei CV avvengono secondo modalità di negoziazione continua; questo significa che durante le sessioni di contrattazione, che si svolgono almeno una volta alla settimana nel periodo da gennaio a marzo di ciascun anno e almeno una volta al mese nei mesi restanti 21, gli operatori possono inserire in maniera continua le proprie proposte di acquisto o vendita 22. Al momento dell inserimento, le proposte di acquisto vengono ordinate secondo un ordine decrescente di prezzo, mentre le offerte di vendita secondo un ordine crescente di prezzo; in caso di prezzo uguale, viene attribuita priorità alla proposta di acquisto/vendita inserita prima. La quantità minima negoziabile è pari ad 1 CV. Gli operatori possono immettere sul mercato proposte di vendita solo in relazione ai certificati posseduti - e quindi iscritti nel conto- 17 Il modulo di domanda di ammissione è disponibile sul sito web del GME 18 Il contratto di adesione è disponibile sul sito web del GME 19 Elenco degli operatori ammessi al mercato, consultabile sul sito internet (sezione Mercati per l ambiente/certificativerdi/elenco operatori). 20 Decreto del Ministero sviluppo economico del 17 settembre 2008, pubblicato sul suppl. ord. n. 233 alla g.u. n. 243 del 16 ottobre Le sessioni per le contrattazioni sul Mercato dei CV sono intensificate in corrispondenza del periodo immediatamente precedente alla data entro la quale si deve ottemperare all obbligo previsto dal d.lgs industria, commercio e artigianato 79/1999, prevista per il 31 marzo di ogni anno (art. 6, d.m. industria, commercio e artigianato. 11 novembre 1999). Le sessioni si svolgono secondo un calendario predefinito, fissato dalle DTF, pubblicato sul sito internet 22 Gli operatori devono indicare l anno di validità dei certificati, la quantità dei certificati oggetto della proposta e il prezzo riferito ad 1 MWh. VADEMECUM DEI MERCATI PER L AMBIENTE 19

1. Premessa...2. 2. La vendita dell'energia...3

1. Premessa...2. 2. La vendita dell'energia...3 Indice 1. Premessa...2 2. La vendita dell'energia...3 2.1 Cessione regolamentata dell energia elettrica il ritiro dedicato...3 2.2 Cessione di energia elettrica nell ambito del mercato...10 2.3 Lo scambio

Dettagli

Guida per l accesso e la partecipazione al mercato dei titoli di efficienza energetica del GME

Guida per l accesso e la partecipazione al mercato dei titoli di efficienza energetica del GME Guida per l accesso e la partecipazione al mercato dei titoli di efficienza energetica del GME (aggiornata al 30 settembre 2015) 1 1. Come scambiare i titoli di efficienza energetica del GME? Per l acquisto

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 2 parte Indice 2 parte LA GENERAZIONE: CARATTERISTICHE E DATI IL TRASPORTO: LA TRASMISSIONE E LA DISTRIBUZIONE IL MERCATO ALL INGROSSO LA

Dettagli

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Vicenza, 6 luglio 2005 2 2 Contenuti Il mercato elettrico: il contesto normativo Il Gestore

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 21 Dicembre 2007 Revisione e aggiornamento dei decreti 20 luglio 2004, concernenti l'incremento dell'efficienza energetica degli usi finali di energia, il risparmio

Dettagli

RES-e Regions. Regional report on transposition

RES-e Regions. Regional report on transposition RES-e Regions Regional report on transposition Introduzione Il quadro legislativo italiano in materia di fonti rinnovabili ha recepito con il D. Lgs. 387/2003 la direttiva europea 2001/77/CE sulla promozione

Dettagli

1. Premessa...2. 2. La vendita dell'energia...3

1. Premessa...2. 2. La vendita dell'energia...3 Indice 1. Premessa...2 2. La vendita dell'energia...3 2.1 Cessione regolamentata dell energia elettrica il ritiro dedicato...3 2.2 Cessione di energia elettrica nell ambito del mercato...10 2.3 Lo scambio

Dettagli

Situazione attuale e prospettive future del mercato dei Certificati Verdi

Situazione attuale e prospettive future del mercato dei Certificati Verdi Situazione attuale e prospettive future del mercato dei Certificati Verdi Stefano Alaimo TIS Innovation Park Centro per le energie rinnovabili Bolzano, 13 giugno 2008 2 Mercato dei certificati verdi 1.

Dettagli

Guida per l accesso e la partecipazione al mercato dei titoli di efficienza energetica del GME

Guida per l accesso e la partecipazione al mercato dei titoli di efficienza energetica del GME Guida per l accesso e la partecipazione al mercato dei titoli di efficienza energetica del GME (aggiornata al 23 dicembre 2014) 1 1. Come scambiare i titoli di efficienza energetica del GME? Per l acquisto

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL MERCATO ORGANIZZATO E DELLA PIATTAFORMA DI REGISTRAZIONE DEGLI SCAMBI BILATERALI DELLE GARANZIE DI ORIGINE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL MERCATO ORGANIZZATO E DELLA PIATTAFORMA DI REGISTRAZIONE DEGLI SCAMBI BILATERALI DELLE GARANZIE DI ORIGINE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL MERCATO ORGANIZZATO E DELLA PIATTAFORMA DI REGISTRAZIONE DEGLI SCAMBI BILATERALI DELLE GARANZIE DI ORIGINE Positivamente verificato dalla Direzione Mercati dell Autorità

Dettagli

PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Documento di consultazione 02/2015 1

PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Documento di consultazione 02/2015 1 Documento di consultazione 02/2015 PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Documento di consultazione 02/2015 1 1. Introduzione Il meccanismo dei titoli di efficienza

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare VISTO il decreto legislativo 16 marzo 1999, n.79 (di seguito: d.lgs. 79/99) ed in

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELLA IMPORTAZIONE E PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI NON RINNOVABILI NELL ANNO 2012

ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELLA IMPORTAZIONE E PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI NON RINNOVABILI NELL ANNO 2012 L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO Pagina 1 di 14 L AUTOCERTIFICAZIONE DELLA IMPORTAZIONE E PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI NON RINNOVABILI NELL ANNO 2012 Istruzioni operative - Autocertificazione

Dettagli

Il GSE presenta il Rapporto 2007

Il GSE presenta il Rapporto 2007 Il GSE presenta il Rapporto 2007 Prosegue in Italia la crescita di nuovi impianti a fonti rinnovabili: al 31 dicembre 2007 in esercizio 1.335 impianti incentivati con i certificati verdi e 4.841 impianti

Dettagli

Il mercato dei Titoli di Efficienza Energetica organizzato dal GME

Il mercato dei Titoli di Efficienza Energetica organizzato dal GME Il mercato dei Titoli di Efficienza Energetica organizzato dal GME Incontro tecnico con gli operatori Roma, 13 febbraio 2006 Milano, 16 febbraio 2006 2 INDICE Le Regole del Mercato dei TEE Iscrizione al

Dettagli

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Pasquale Monti Responsabile Efficienza Energetica Rozzano(MI) 21 Febbraio 2013 Enel.si srl Unità Sviluppo ed Efficienza Energetica

Dettagli

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL Atto n. 33/06 ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL DISPACCIAMENTO DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE CIP 6/92 Documento per la consultazione 5 dicembre 2006 1 Premessa Ai sensi della vigente normativa,

Dettagli

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Mariagrazia Mazza mazza@ecuba.

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Mariagrazia Mazza mazza@ecuba. Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica Mariagrazia Mazza mazza@ecuba.it www.ecuba.it GSE - Gestore dei Servizi Energetici s.p.a. È una

Dettagli

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo A cura della Dott.ssa ROBERTA CIAVARINO _ INEA Campania La lotta ai cambiamenti climatici è profondamente interconnessa alla questione energetica,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * *

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * Il presente breve contributo intende dare conto di un interessante fenomeno economico/industriale,

Dettagli

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI SEZIONE 1 DATI DI SINTESI Il 31 marzo 2004 ha avuto inizio l attività di contrattazione dell energia sulla borsa elettrica. Per tutto il 2004 il mercato ha funzionato come un mercato dell offerta nel quale

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA Workshop Industria Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria Donata Susca Enel Distribuzione SpA Agenda Titoli di efficienza energetica: contesto normativo Indagine Fire-Enel

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 618/2013/R/EFR DEFINIZIONE DEL VALORE DEI PREZZI MINIMI GARANTITI PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI DI POTENZA FINO A 1 MW PER I QUALI È CONSENTITO L ACCESSO

Dettagli

,1&(17,9, (&2120,&, $/ 5,63$50,2 (1(5*(7,&2 7 ( ( 2 &(57,),&$7, %,$1&+, iing. GIULIA BENATTI STEA PROGETTO srll

,1&(17,9, (&2120,&, $/ 5,63$50,2 (1(5*(7,&2 7 ( ( 2 &(57,),&$7, %,$1&+, iing. GIULIA BENATTI STEA PROGETTO srll ,1&(17,9, (&2120,&, $/ 5,63$50,2 (1(5*(7,&2 7 ( ( 2 &(57,),&$7, %,$1&+, R Relatrice: l ti iing. GIULIA BENATTI STEA PROGETTO srll POLITICA ENERGETICA E CRESCITA SOCIALE DAL PROTOCOLLO DI KYOTO ALLA POLITICA

Dettagli

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale L Agenzia nazionale per l efficienza energetica IlD.Lgs.30maggio2008,n.115,attuandoa livello nazionale la direttiva comunitaria 2006/32, ha istituito l Agenzia nazionale per l efficienza energetica affidandone

Dettagli

Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione

Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione Ing. Andrea Galliani Responsabile Unità fonti rinnovabili, produzione di energia e impatto ambientale Direzione Mercati Autorità per

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI

MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI DCO 26/09 MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica 27 luglio 2009 Premessa

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2013 Pubblicato in data 30 gennaio 2014 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno FederUtility Fonti rinnovabili ed efficienza energetica Le prospettive per le Aziende

Dettagli

Procedure concorrenziali per l assegnazione delle garanzie di origine nella disponibilità del GSE

Procedure concorrenziali per l assegnazione delle garanzie di origine nella disponibilità del GSE Procedure concorrenziali per l assegnazione delle garanzie di origine nella disponibilità del GSE di cui all articolo 6, comma 1, lettera b) - deliberazione ARG/elt 104/11 1 Indice Premessa... 3 Definizioni

Dettagli

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale 1 CERTIFICATI VERDI, CONTO ENERGIA E TARIFFA ONNICOMPRENSIVA Legge Finanziaria 2008 (legge 24 Dicembre 2007, n. 244), art. 2, commi da 143 a 157, articolo 2, commi da 136 a 140 D.M 18/12/2008 (decreto

Dettagli

Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica

Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica Gennaio 2014 L'Organizzazione Federchimica è la Federazione Nazionale dell Industria Chimica,

Dettagli

Vademecum della PIATTAFORMA DEI CONTI ENERGIA A TERMINE (PCE)

Vademecum della PIATTAFORMA DEI CONTI ENERGIA A TERMINE (PCE) Vademecum della PIATTAFORMA DEI CONTI ENERGIA A TERMINE (PCE) Gestore dei Mercati Energetici S.p.A. Vademecum della Piattaforma dei Conti Energia a Termine Indice INTRODUZIONE... 3 1. IL RUOLO DEL GME...

Dettagli

Consorzio Romagna Energia S.c.p.A. Ing. Fabrizio Caldi. Firenze 29 Luglio 2009 Ing. Fabrizio Caldi

Consorzio Romagna Energia S.c.p.A. Ing. Fabrizio Caldi. Firenze 29 Luglio 2009 Ing. Fabrizio Caldi Consorzio Romagna Energia S.c.p.A. 1 Ing. Fabrizio Caldi PROGRAMMA PREMESSA I MERCATI PER L AMBIENTE IL RISPARMIO ENERGETICO E LE OPPORTUNITA DI MERCATO 2 PREMESSA 3 PREMESSA DIPENDENZA ENERGETICA NEL

Dettagli

DISCIPLINA DEL MERCATO DEL GAS NATURALE

DISCIPLINA DEL MERCATO DEL GAS NATURALE DISCIPLINA DEL MERCATO DEL GAS NATURALE Approvata con Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 6 marzo 2013, come successivamente modificata e integrata. INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

PROCEDURA TECNICA SEZIONE 2

PROCEDURA TECNICA SEZIONE 2 GESTIONE ED EMISSIONE DEI CERTIFICATI VERDI PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI A IDROGENO, CELLE A COMBUSTIBILE E DI COGENERAZIONE ABBINATI AL TELERISCALDAMENTO Pagina 1 di 27 SEZIONE 2 PROCEDURA PER LA ALIMENTATI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 1 parte Il mercato elettrico in Italia Indice 1 parte OBIETTIVI FONTI BIBLIOGRAFICHE OGGETTO LEGGI FONDAMENTALI TAPPE EVOLUZIONE MERCATO

Dettagli

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE gli Attori istituzionali AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Istituita con la legge n. 481 del 1995, l'autorità per l'energia elettrica e il gas

Dettagli

INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA

INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA RELATORE Dott. Sergio Pontiggia Servizi Industriali srl Cogenerazione e pompe di calore: soluzioni di efficienza energetica nelle imprese 24 giugno 2009 Fonte: GSE

Dettagli

Dipartimento di Impresa e Management Cattedra di Economia dell Energia. Il sistema dei Certificati Bianchi

Dipartimento di Impresa e Management Cattedra di Economia dell Energia. Il sistema dei Certificati Bianchi Dipartimento di Impresa e Management Cattedra di Economia dell Energia Il sistema dei Certificati Bianchi Relatore Prof. Carlo Andrea Bollino Candidato Michele Lucio Ricci Matr. 166761 ANNO ACCADEMICO

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Progettare un mondo migliore

Progettare un mondo migliore La Energy Service Company soci del sole srl è una società di servizi energetici operante su tutto il territorio nazionale. Grazie alla collaborazione di ingegneri esperti nel settore, la E.S.Co. soci del

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO

PROCEDURA GESTIONALE ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO Pagina 1 di 16 L AUTOCERTIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE, IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI NON RINNOVABILI NELL ANNO 2011 Istruzioni operative -

Dettagli

Ing. Michelangelo CELOZZI

Ing. Michelangelo CELOZZI LA REGOLAMENTAZIONE DELLA BORSA DEL MERCATO ELETTRICO: MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE TRANSAZIONI, STRUTTURA DEI MERCATI FISICI, ARTICOLAZIONE DELLE OFFERTE Ing. Michelangelo CELOZZI Il contesto normativo

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno FIRE La professione dell energy manager: esempi e opportunità Milano, 4 dicembre 2007 Andrea Galliani

Dettagli

I SERVIZI SARTEC PER IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA. Confindustria Sardegna Meridionale 26 Settembre 2013

I SERVIZI SARTEC PER IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA. Confindustria Sardegna Meridionale 26 Settembre 2013 I SERVIZI SARTEC PER IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA Confindustria Sardegna Meridionale 26 Settembre 2013 Le principali attività SARTEC sviluppa e fornisce soluzioni innovative per le industrie

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Industria, occupazione, efficienza energetica: normativa, tecnologie e buone pratiche

Industria, occupazione, efficienza energetica: normativa, tecnologie e buone pratiche Anie Energia Napoli, Energy Med - 28 marzo 2014 Industria, occupazione, efficienza energetica: normativa, tecnologie e buone pratiche I certificati bianchi per l efficienza energetica in ambito industriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) Approvato dall Autorità per l energia elettrica e il gas, con deliberazione 14 febbraio

Dettagli

Il meccanismo dei certificati bianchi: schema e mercato

Il meccanismo dei certificati bianchi: schema e mercato dei certificati bianchi: schema e mercato Dario Di Santo, FIRE Corso GovernEE Bologna, 24 giugno 2013 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

Gestore dei Servizi Energetici GSE spa

Gestore dei Servizi Energetici GSE spa Gestore dei Servizi Energetici GSE spa Emilio Cremona Presidente www.gse.it www.gsel.it 2 Indice Il GSE Le fonti rinnovabili: presente e futuro CORRENTE GSE a supporto delle amministrazioni pubbliche 3

Dettagli

INSTITUTIONAL BUILDING AT THE ENERGY EFFICIENCY AGENCY (EEA)

INSTITUTIONAL BUILDING AT THE ENERGY EFFICIENCY AGENCY (EEA) TWINNING PROJECT - Bulgaria BG2004/IB/EY01 INSTITUTIONAL BUILDING AT THE ENERGY EFFICIENCY AGENCY (EEA) COMPONENT 1 Review and updating EE/RES legislation Activity 1.2 - Definition and /or revision of

Dettagli

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L impianto fotovoltaico è un impianto che consente di generare energia elettrica direttamente dalla radiazione del sole. L impianto fotovoltaico

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. I certificati verdi. Febbraio 2013. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. I certificati verdi. Febbraio 2013. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI I certificati verdi Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste

Dettagli

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato Audizione sui Prezzi dell Elettrica e del Gas 1 a Commissione Permanente del Senato Dott. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato GSE Roma, 18 giugno 213-1 - Il Gruppo GSE Autorità per l Elettrica

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE 04A08523 DECRETO 20 luglio 2004. Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili, di cui all'art. 16, comma 4, del decreto legislativo

Dettagli

IL MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA IL MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA Pianificazione ed esercizio dei sistemi elettrici Prof.ssa Maria Dicorato Evoluzione dell industria elettrica Dalla prima metà del 900, si sono sviluppate diverse

Dettagli

Alcune indicazioni per agevolare l accesso e la partecipazione al mercato elettrico del GME (Aggiornato al 01 gennaio 2010)

Alcune indicazioni per agevolare l accesso e la partecipazione al mercato elettrico del GME (Aggiornato al 01 gennaio 2010) Alcune indicazioni per agevolare l accesso e la partecipazione al mercato elettrico del GME (Aggiornato al 01 gennaio 2010) 1. Cos è il mercato elettrico Il mercato elettrico nasce per effetto del decreto

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ONERI DERIVANTI AI PRODUTTORI CIP 6 DALL APPLICAZIONE DELL EMISSION TRADING SYSTEM

Dettagli

I mercati per l ambiente. Corso di Progettazione di Sistemi Energetici

I mercati per l ambiente. Corso di Progettazione di Sistemi Energetici I mercati per l ambiente Corso di Progettazione di Sistemi Energetici I mercati ambientali Nel contesto delle politiche di sviluppo delle fonti rinnovabili e dell efficienza energetica, il GME organizza

Dettagli

1.125 ENTI UNITI INCEV PER

1.125 ENTI UNITI INCEV PER 1.125 ENTI UNITI INCEV PER AFFRONTARE IL FUTURO Strumenti e Finanziamenti per raggiungere l obiettivo 20-20-20 ILPATTO DEISINDACI Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa Europea rivolta alle Autorità

Dettagli

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Energy Med Napoli, 23/03/2012 Marco Ballicu, Unità affari istituzionali e regolamentari EGL Italia S.p.A. Una società del Gruppo Indice

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Commissione Attività Produttive della Camera Roma,

Dettagli

Tabella 129 - Bilancio energetico regionale semplificato dell anno 2004 (Fonte: PEAR) Totale combustibili liquidi. Totale combustibili gassosi

Tabella 129 - Bilancio energetico regionale semplificato dell anno 2004 (Fonte: PEAR) Totale combustibili liquidi. Totale combustibili gassosi Il Piano energetico regionale della Regione Sicilia Una rassegna delle politiche regionali in materia di efficienza energetica (estratto da RAEE 2010 - Rapporto annuale sull efficienza energetica, ENEA,

Dettagli

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, MISURA E VENDITA DELL

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 dicembre 2014 Approvazione delle tariffe per la copertura dei costi sostenuti dal Gestore servizi energetici GSE S.p.A. per le attivita' di gestione, verifica

Dettagli

1.1 MERCATO ELETTRICO

1.1 MERCATO ELETTRICO 1. IL MERCATO LIBERALIZZATO DELL ENERGIA E LA COGENERAZIONE Negli ultimi anni il settore elettrico e il settore del gas naturale sono stati caratterizzati da una forte evoluzione a seguito dell attuazione

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ARTICOLO 1 OGGETTO E ALLEGATI... 4 ARTICOLO 2 DEFINIZIONI... 4 ARTICOLO 3 PRINCIPI GENERALI E MODIFICHE DEL

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ARTICOLO 1 OGGETTO E ALLEGATI... 4 ARTICOLO 2 DEFINIZIONI... 4 ARTICOLO 3 PRINCIPI GENERALI E MODIFICHE DEL REGOLAMENTO DELLA PIATTAFORMA DEI CONTI ENERGIA A TERMINE DI CUI ALL ARTICOLO 17 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA 111/06 DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

La liberalizzazione del mercato elettrico italiano

La liberalizzazione del mercato elettrico italiano La liberalizzazione del mercato elettrico italiano 21 gennaio 2013 1 La riforma del sistema elettrico nazionale 1.1 Generalità La riforma del sistema elettrico nazionale, è stata realizzata sulla base

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

Meccanismi di incentivazione dell energia da rifiuti

Meccanismi di incentivazione dell energia da rifiuti Meccanismi di incentivazione dell energia da rifiuti Ing. Nicola Iannarelli Studio Iannarelli Energia-Ambiente studioiannarelli@alice.it 339.4199942 Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE I nuovi incentivi per l efficienza energetica Enrico Biele, FIRE Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica che promuove per statuto l

Dettagli

D.M. 18 dicembre 2008 (1).

D.M. 18 dicembre 2008 (1). Ministero dello sviluppo economico D.M. 18-12-2008 Incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, ai sensi dell'articolo 2, comma 150, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 18 dicembre 2008 Incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, ai sensi dell'articolo 2, comma 150, della legge 24 dicembre 2007,

Dettagli

Risultati e prospettive dei TEE nel contesto degli strumenti di incentivazione dell efficienza energetica e delle rinnovabili termiche

Risultati e prospettive dei TEE nel contesto degli strumenti di incentivazione dell efficienza energetica e delle rinnovabili termiche Certificati bianchi: titoli di efficienza energetica a portata di mano Convegno Fire - Milano, 21 e 22 marzo 2012 Risultati e prospettive dei TEE nel contesto degli strumenti di incentivazione dell efficienza

Dettagli

5. LE NORME CHE REGOLANO LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE

5. LE NORME CHE REGOLANO LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE 5. LE NORME CHE REGOLANO LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE La normativa nazionale relativa all energia prodotta da sistemi solari fotovoltaici riguarda

Dettagli

Provincia di Mantova

Provincia di Mantova Page 1 of 5 Provincia di Mantova home / per enti e imprese / Mantovagricoltura n. 1 aprile maggio 2012 / La produzione di energia rinnovabile: un'opportunità o una minaccia per l'agricoltura? La produzione

Dettagli

Energia, per le rinnovabili nuovo sistema di incentivi Contenuti

Energia, per le rinnovabili nuovo sistema di incentivi Contenuti Energia, per le rinnovabili nuovo sistema di incentivi Contenuti Semplificazione delle procedure per l autorizzazione la costruzione e l esercizio di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi

Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi Con 23.859 MW installati e 58.164 GWh prodotti nel 2008, con un incremento del 21 % rispetto all anno precedente: le energie

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E MERCATO DEI CERTIFICATI BIANCHI

EFFICIENZA ENERGETICA E MERCATO DEI CERTIFICATI BIANCHI EFFICIENZA ENERGETICA E MERCATO DEI CERTIFICATI BIANCHI Roberto Malaman Direttore Direzione Consumatori e qualità del servizio Questa presentazione non è un documento ufficiale dell AEEG GESTIONE DELLA

Dettagli

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas INFORMATIVA 01/2009 Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 06/08/2009 Indice 1 Introduzione... 3 2 Incentivazione

Dettagli

La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)

La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) CAMPAGNA COMUNE EFFICIENTE www.carolloimpianti.it/teecomune Molte domande, una sola risposta: Energy Service Company noi siamo ESCo La società F.lli

Dettagli

Connessione con scambio sul posto

Connessione con scambio sul posto Connessione con scambio sul posto Che cosa è lo scambio sul posto Qualsiasi cliente che ha la titolarità o la disponibilità di un impianto fotovoltaico con potenza nominale minore o uguale a 20 KW può

Dettagli

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice II GSE Gestore dei Servizi Elettrici L incentivazione del Fotovoltaico: : il conto energia Il Decreto 19 febbraio 2007 3 Il GSE

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Bilancio consolidato Bilancio d esercizio

Bilancio consolidato Bilancio d esercizio 2012 Bilancio consolidato Bilancio d esercizio 2012 Bilancio consolidato Bilancio d esercizio Crescita Per il GSE la crescita finanziaria non può prescindere dalla crescita di una responsabilità globale

Dettagli

Insieme per crescere

Insieme per crescere Insieme per crescere La gestione dei TEE. Aspetti contrattuali e criticità per ESCO ed Energy Manager Alessandra Mari Rödl & Partner Smart Energy Expo - Verona, 9.10.2014 Rödl & Partner 11.03.2013 1 I

Dettagli

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44 Incentivi: il Conto Energia Il Conto energia arriva in Italia attraverso la Direttiva comunitaria per le fonti rinnovabili (Direttiva 2001/77/CE), che viene recepita con l'approvazione da parte del Parlamento

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 18 Giugno 2007, n. 73 Testo del decreto-legge 18 giugno 2007, n. 73 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 139 del 18 giugno 2007), coordinato con la legge di conversione

Dettagli