Piano decennale di sviluppo della rete di trasporto di gas naturale maggio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano decennale di sviluppo della rete di trasporto di gas naturale 2014-2023. 30 maggio 2014"

Transcript

1 30 maggio 2014 Piano decennale di sviluppo della rete di trasporto di gas naturale Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

2 Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

3 Indice Indice... 3 Indice delle figure... 5 Indice delle tabelle... 6 Indice dei termini utilizzati Executive summary Sintesi del documento Profilo della società Chi siamo Cosa facciamo Panoramica e trend prospettici del mercato europeo Introduzione Domanda gas Offerta gas Quadro regolatorio Sviluppi infrastrutturali rcato Conclusioni Panoramica e trend prospettici del mercato italiano Domanda gas Equilibrio domanda/offerta Sviluppi infrastrutturali Conclusioni Progetti di sviluppo della rete di ITG S.p.A Progetti post-fid Progetti pre-fid Piombino-Isole (i) Descrizione del progetto (ii) Caratteristiche tecniche (iii) Tempi (iv) Analisi costi-benefici (v) Conclusioni Cavarzere-Istrana (i) Descrizione del progetto (ii) Caratteristiche tecniche (iii) Tempi (iv) Analisi costi-benefici (v) Conclusioni Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

4 6. Appendici Razionali Assunzioni todologia analisi costi-benefici Finanziamento dei progetti Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

5 Indice delle figure Figura 1: Consumo energetico primario UE Figura 2: Generazione di energia elettrica UE 28 per fonte Figura 3: Domanda gas UE 27 per settore di consumo Figura 4: Domanda gas UE 27 per nazione Figura 5: Domanda gas UE 27 per fonte di approvvigionamento Figura 6: Corridoi prioritari di sviluppo in Europa Figura 7: Volumi scambiati nei principali hub dell Europa continentale (Paesi Bassi: TTF, Belgio: ZEE, Italia: PSV, Francia: PEGn, Austria: CEGH, Germania: NCG, Gaspool) Figura 8: Aree di influenza dei principali hub europei Figura 9: Prezzi year-ahead TTF e una formula oil-indexed Figura 10: Convergenza dei prezzi del gas ai maggiori hub europei Figura 11: Indicizzazione contratti in Europa (% consumi totali) Figura 12: Obiettivi italiani al Figura 13: Domanda gas Italia per settore di consumo Figura 14: Clean spark spread ( /MWh) Figura 15: Indice di produzione industriale in Italia Figura 16: Domanda di energia elettrica Figura 17: Previsioni consumi finali di energia elettrica in Italia (TWh) Figura 18: Oversupply del mercato italiano Figura 19: Aree metanizzate in Italia Figura 20: Italia come hub diterraneo del gas Figura 21: Collegamento Piombino- Isole (percorso di massima) Figura 22: Collegamento Cavarzere-Istrana (percorso di massima) Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

6 Indice delle tabelle Tabella 1: Fonti di approvvigionamento gas EU Tabella 2: Capacità di interconnessione tra i principali hub europei (Gms 3 /anno) Tabella 3: Caratteristiche tecniche collegamento Piombino-Isole Tabella 4: Diagramma dellle tempistiche relative al progetto Piombino-Isole Tabella 5: Sintesi dei costi relativi al collegamento Piombino- Isole Tabella 6: Sintesi dei benefici collegamento Piombino- Isole Tabella 7: Caratteristiche tecniche collegamento Cavarzere- Istrana Tabella 8: Diagramma dellle tempistiche relative al progetto Cavarzere-Istrana Tabella 9: Sintesi dei costi relativi al collegamento Cavarzere-Istrana Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

7 Indice dei termini utilizzati... Elenco di sigle o termini specifici utilizzati nel testo: ACQ: Annual Contracted Quantity CAM: Capacity Allocation chanisms CMP: Congestion Management Process ENTSOG: European Network of Transmission System Operators for Gas EU ETS: European Emission Trading System FER: Fonti Energetiche Rinnovabili FID: Final Investment Decision GNL : Gas Naturale Liquefatto GRIP: Gas Regional Investment Plan ITG: Infrastrutture Trasporto Gas SpA NC: Network Code OTC: Over-The-Counter PCI: Project of Common Interest SECA: SOx Emission Control Areas SEN: Strategia Energetica Nazionale TEN-E: Trans-European Energy Networks TPA: Third Party Access TSO: Transmission System Operator UIOLI: Use-It-Or-Lose-It Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

8 1. Executive summary 1.1. Sintesi del documento 1. In ottemperanza al Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 Febbraio 2013 adottato in osservanza di quanto richiesto dall art. 16 del Decreto Legislativo n.93/2011 recante Attuazione delle direttive 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme comuni per il mercato interno dell energia elettrica, del gas naturale e ad una procedura comunitaria sulla trasparenza dei prezzi al consumatore finale industriale di gas e di energia elettrica, nonché abrogazione delle direttive 2003/54/CE e 2003/55/CE, Infrastrutture Trasporto Gas SpA, (di seguito anche ITG ), pubblica annualmente il proprio piano di sviluppo decennale delle reti di trasporto di gas naturale, a beneficio delle imprese del sistema che esercitano l attività di trasporto gas sul territorio nazionale elaborato sulla base dei criteri fissati all interno del medesimo Decreto. 2. Nel seguente piano sono evidenziate le misure infrastrutturali volte a garantire l adeguatezza del sistema a fronte delle dinamiche future di domanda e offerta di gas naturale, in modo da: i. Garantire la sicurezza degli approvvigionamenti; ii. iii. Supportare lo sviluppo di un mercato competitivo e integrato a livello europeo; Assicurare la realizzazione di un adeguata capacità di trasporto bidirezionale continua. 3. Tutti gli interventi saranno valutati nell ottica di promuovere lo sviluppo del sistema italiano come hub mediterraneo del gas, tenendo conto dell economicità ed efficacia degli investimenti e della tutela dell'ambiente. 4. Inoltre, di seguito viene fornita una descrizione dell attuale stato della rete di trasporto gas e di tutti gli elementi che la compongono, esistenti e futuri, inclusi i punti di interconnessione con i mercati adiacenti, evidenziando eventuali criticità e congestioni, attuali o previste, e gli investimenti necessari per il loro superamento. In tale contesto, saranno proposte nuove infrastrutture da costruire nel prossimo decennio. 5. Per tutti i progetti definiti è riportata un analisi dei costi e dei benefici attesi in relazione ai criteri fissati dall articolo 16 del Decreto Legislativo n.93/2011 e specificati all interno del Decreto Ministeriale del 27 Febbraio 2013, nonché le scelte adottate per minimizzare le interferenze con il territorio e gli impatti previsti sull ambiente. Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

9 6. Considerando i recenti avvenimenti a livello europeo e internazionale e i piani di sviluppo previsti dal governo italiano e pubblicati nella Strategia Energetica Nazionale, di seguito SEN, ITG crede che l Italia abbia la reale possibilità di diventare un hub del gas per l Europa diterranea. Rispetto a questa sfida, i futuri sviluppi delle infrastrutture gas e, in particolare del network di trasmissione, giocheranno un ruolo chiave. ITG in questo senso è disponibile alla realizzazione di nuove infrastrutture a beneficio del mercato ed in particolare di nuove linee e allacciamenti della propria infrastruttura con la rete nazionale. 7. Tuttavia ITG ritiene di fondamentale importanza un maggiore coraggio nell intraprendere lo sviluppo di interconnessioni transfrontaliere di trasporto intra-europee, affiancando alla riconversione delle linee originariamente realizzate per l importazione del gas al ruolo di interconnector bidirezionali nuove infrastrutture, affinché si realizzi la indispensabile magliatura della rete europea, secondo direttrici est-ovest e non solo nord-sud. 8. Sotto il profilo progettuale ITG ha individuato due obiettivi potenzialmente interessanti ai fini dello sviluppo della rete nazionale italiana; questi sono coerenti sia alla logica del rafforzamento del ruolo di hub del gas del PSV, sia all ampliamento del mercato del gas naturale sottostante, recuperando aree fino ad oggi tenute a margine dei processi di metanizzazione. Il primo progetto consiste nella realizzazione di una pipeline di collegamento tra Piombino (LI) e Cavo (LI, Isola D Elba) e di una pipeline di collegamento tra Piombino e Bastia (Corsica Francia); il secondo progetto nella realizzazione di una connessione tra Cavarzere (VE) e Istrana (TV). 9. I progetti sono stati valutati, sebbene ancora allo stato embrionale, secondo rigorosi criteri di costo e beneficio per il sistema, con differenti risultati. Il primo progetto, ove propedeutico allo sviluppo di linee interne delle isole Corsica e Sardegna, porterebbe a certi e considerevoli vantaggi per i territori interessati; il secondo è risultato potenzialmente interessante solo a fronte di uno sviluppo del nodo di Tarvisio e di un uso della linea Minerbio-Istrana in piena sinergia con la rete dell impresa maggiore. Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

10 2. Profilo della società 2.1. Chi siamo 10. Infrastrutture Trasporto Gas, è una società controllata al 100 % dal gruppo Edison S.p.A. a sua volta controllato dal gruppo Électricité de France (EDF). ITG è nata il 1 ottobre 2012 dalla scissione del ramo del trasporto di gas naturale della società Edison Stoccaggio S.p.A. ed ha sede legale a Milano (MI), in via S. Maria Valle, Con la deliberazione 404/2013/R/gas, l'autorità per l'energia Elettrica e il Gas ha adottato la decisione di certificazione finale di ITG come gestore di trasporto indipendente del gas, così come previsto dalla Direttiva europea 2009/73/CE relativa a norme comuni per il mercato interno del gas naturale e dal relativo Decreto Legislativo di recepimento n. 93/11. ITG in qualità di gestore di trasporto indipendente prosegue il tradizionale impegno nel trasporto del gas naturale sul territorio Italiano e contribuisce al corretto funzionamento della rete di trasporto da cui dipende l accesso al gas naturale per i consumatori italiani. 12. Il trasporto di gas naturale consente la movimentazione del gas a partire dai punti di entrata della rete nazionale fino ai punti di riconsegna della rete regionale per conto del soggetto titolare di un contratto di trasporto. Le imprese di trasporto, in particolare, conferiscono capacità agli shipper, i quali acquisiscono il diritto di immettere e ritirare rispettivamente ai punti di entrata e di uscita della rete nazionale, ai punti di riconsegna sulla rete regionale e al Punto di Scambio Virtuale in qualsiasi giorno dell anno termico, un quantitativo di gas non superiore alla portata giornaliera Cosa facciamo 13. Attualmente, ITG possiede e gestisce in TPA (Third Party Access) il metanodotto Cavarzere-Minerbio che permette di collegare il terminale di rigassificazione di Rovigo con la rete di trasporto nazionale gas di Snam Rete Gas presso il punto di interconnessione di Minerbio. L infrastruttura gioca un ruolo fondamentale nella diversificazione e nella sicurezza degli approvvigionamenti energetici Italiani. Il metanodotto, unica interconnessione con il terminale di Rovigo, ha infatti permesso l apertura di un nuovo entry point nazionale e, con una capacità di trasporto di oltre 9 GSm 3 all anno, consente -a partire dal l importazione di circa il 10% del fabbisogno nazionale di gas. Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

11 3. Panoramica e trend prospettici del mercato europeo 3.1. Introduzione 14. A causa dell effetto combinato della perdurante crisi economica, dello sviluppo delle FER promosso dai regimi di incentivazione europei e della discesa dei prezzi del carbone (causato dal calo di consumi negli Stati Uniti a favore dello shale gas), i consumi di gas si stanno riducendo a livello continentale. Inoltre, l implementazione di politiche comunitarie a favore dell efficienza energetica potrebbe limitare ulteriormente la domanda di gas naturale negli anni a venire. In tale contesto, è difficile immaginare una ripresa della crescita della domanda ai livelli prefigurati in passato. 15. In Europa, a causa dell attesa contrazione della produzione domestica, la necessità di import sarà ancora alta, con ulteriori previsioni di crescita al Inoltre, gli spread tra i prezzi all ingrosso dei diversi mercati nazionali, pur in calo rispetto agli ultimi anni, anche per effetto della progressiva armonizzazione delle regole di allocazione e gestione della capacità di trasporto, dimostrano l opportunità e la necessità di realizzare una ancor maggiore integrazione tra i paesi dell Unione Europea mediante apposite infrastrutture di interconnessione, con la conseguente possibilità di ottimizzare le fonti di approvvigionamento e di creare un mercato unico europeo realmente integrato. 16. La volontà della Commissione Europea di perseguire un piano di integrazione del mercato è testimoniata anche dallo sviluppo di un quadro regolatorio omogeneo per tutti gli Stati mbri dell Unione Europea, mirato a dirimere le problematiche più rilevanti a livello di sistema gas (meccanismi di allocazione delle capacità, gestione delle congestioni, politiche di bilanciamento e sicurezza degli approvvigionamenti). 17. Questo sforzo normativo è accompagnato dall impegno per lo sviluppo del sistema infrastrutturale trans-europeo. A tal proposito, la Commissione Europea invita gli operatori a presentare annualmente i propri piani di sviluppo decennali, invitandoli ad indicare per tutti i progetti definiti un analisi costi-benefici attesi, corredata dalle scelte adottate per minimizzare le interferenze sul territorio e da un esame degli impatti previsti sull ambiente Domanda gas 18. Il gas naturale, con un peso di circa un quarto sul mix energetico primario, rappresenta ad oggi la seconda fonte di energia primaria per i consumi europei, preceduta soltanto dal petrolio. Il consumo di gas dei 27 Stati mbri dell Unione Europea, nel 2012, ammontava a circa 400 MToe, con una contrazione rispetto ai livelli pre-crisi di circa il 10%, come si può osservare in Figura 1. Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

12 Figura 1: Consumo energetico primario UE 27 Fonte: elaborazioni ITG su dati provenienti da BP Statistics e IEA 19. Proprio la crisi economica e l impatto che questa ha avuto sulla produzione industriale sono tra i fattori principali della riduzione della domanda di gas. A questo fenomeno si va poi ad affiancare una crescita nell utilizzo delle FER nella produzione di energia elettrica che ha spiazzato parte della produzione da fonti tradizionali. 20. Per quanto riguarda la produzione di energia elettrica vanno evidenziati due fenomeni rilevanti: (i) (ii) L aumento dell incidenza della produzione da fonti rinnovabili, che, come menzionato in precedenza, ha registrato picchi di crescita significativi e inaspettati nella loro rilevanza, registrando un incremento del 15,2% nel periodo , come si evince dalla Figura 2 (particolarmente rilevante il rafforzamento del solare, che ha più che quintuplicato la sua presenza nel mix di produzione, anche se l idroelettrico e l eolico risultano ancora essere le fonti dominanti tra le FER). La perdita di competitività del gas naturale nei confronti del carbone. La scoperta di giacimenti di fonti non convenzionali a costi di produzione competitivi (il cosiddetto shale gas) negli Stati Uniti ha causato un rilevante aumento della produzione elettrica alimentata a gas naturale (che aveva un peso pari al 31% sul mix energetico totale al 2012, fonte: IEA) e il conseguente calo nei consumi di carbone per la generazione di energia. L aumentata disponibilità di offerta di carbone sui mercati internazionali ha generato a sua volta un crollo dei prezzi della commodity. Per avere un idea dell ordine di grandezza del fenomeno, basti osservare che il prezzo è passato dai 130 $/ton del Marzo 2011, a meno di 85 $/ton nel Marzo 2012 (fonte: IEA). Al trend decrescente del prezzo del carbone, va aggiunto, in ottica Europea, il collasso verificatosi nei prezzi dei titoli di emissione di anidride carbonica (CO2) scambiati nell ambito dell European Emission Trading System (EU ETS): da valori superiori agli 11 /ton nel 2011 a meno di 5 /ton nel Tale combinazione di fattori ha favorito il carbone Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

13 nella competizione per la produzione di elettricità nel continente, a discapito del gas naturale e, soprattutto, delle politiche di abbattimento delle emissioni di CO2. In Figura 2, è possibile osservare l impatto delle fonti rinnovabili sul mix di produzione elettrica e la maggiore resilienza del carbone rispetto alle altre fonti tradizionali (prodotti petroliferi e gas naturale). 21. In particolare, si prospetta che il carbone mantenga ancora un buon margine competitivo nei confronti del gas fino al 2016, anno in cui entreranno in vigore i nuovi limiti della Direttiva 2010/75/UE del Parlamento e del Consiglio Europeo del 24 novembre 2010 relativi alle emissioni industriali. Tale direttiva pone delle limitazioni alle emissioni di agenti inquinanti più restrittive per gli impianti di combustione alimentati a combustibile solido o liquido. Ovviamente la reale implementazione di tali norme dipende fortemente da come evolverà lo scenario macroeconomico nei prossimi anni, ma se l impegno preso dall Unione Europea dovesse essere mantenuto, gli impianti a gas dovrebbero trarre vantaggio da questa normativa, accrescendo quindi il loro peso nel mix di fonti per la produzione elettrica e affiancando stabilmente le FER nell ottica di una transizione verso un parco generazione a minori emissioni. 22. Gli sforzi delle istituzioni europee per quanto riguarda la produzione di energia elettrica sono volti a sostenere la crescita del peso delle fonti rinnovabili e ad incrementare il peso della generazione da impianti a gas naturale a garanzia della flessibilità della rete. Ad esempio, un intervento, anche se forse un po tardivo, della Commissione Europea in questa direzione è l introduzione di meccanismi di backloading che permettano ai prezzi della CO2 di tornare a livelli sostenibili. Se questo impegno dovesse proseguire nei prossimi anni con ulteriori e più consistenti interventi istituzionali, il gas potrebbe accrescere la propria competitività con il carbone, così da realizzare l auspicato connubio gas-rinnovabili. 23. Alle politiche comunitarie si vanno ad aggiungere, inoltre, quelle adottate a livello nazionale che spingono per la conversione parziale, ma progressivamente crescente, della produzione da nucleare e da carbone, soprattutto in Francia e Germania. In Figura 2, è riportato uno spaccato per fonte dei trend riguardanti la produzione elettrica all interno dell Unione Europea. Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

14 Figura 2: Generazione di energia elettrica UE 28 per fonte Fonte: elaborazioni ITG su dati provenienti da BP Statistics e IEA 24. Con queste premesse, le prospettive a tendere al 2025, vedono una leggera ripresa dei consumi di gas naturale, anche se ad oggi è difficile immaginare un ritorno ai livelli pre-crisi. In aggiunta alle considerazioni sul settore power generation, va sottolineato come il ritorno alla crescita del PIL europeo dovrebbe avere un impatto positivo sulla produzione industriale e di conseguenza dare una spinta verso la ripresa della domanda di gas naturale in questo segmento. 25. Per quanto riguarda il settore residenziale, si prospetta uno sviluppo della metanizzazione dei paesi dell Europa Orientale che dovrebbe più che compensare i minori consumi energetici nel resto del continente, conseguenza delle politiche di incentivazione ad una maggiore efficienza energetica, che sono entrate in vigore o entreranno in vigore nei prossimi anni nei paesi membri dell Unione Europea. 26. In ultimo, è opportuno menzionare la crescita, sia pur su volumi ancora marginali, dell utilizzo dei gas (sia gassoso che, soprattutto, GNL) come carburante per mezzi di trasporto su terra e, in prospettiva di lungo termine, marittimi, in virtù delle restrizioni alle emissioni di SOx che dovrebbero essere estese dall International Maritime Organization (IMO) anche al di fuori delle aree SECA 1 già attive. I trend di domanda per i diversi settori di consumo sono riportati in Figura 3, mentre in Figura 4 è possibile osservare uno spaccato della domanda per nazione: 1 SOx Emission Control Areas, aree con stringenti livelli di emissione di SOx e gas serra. Attualmente in Europa esse sono relative a regioni del Mare del Nord, mar Baltico e canale d Inghilterra Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

15 Figura 3: Domanda gas UE 27 per settore di consumo Fonte: elaborazioni ITG su dati provenienti da BP Statistics e IEA Figura 4: Domanda gas UE 27 per nazione Fonte: elaborazioni ITG su dati provenienti da BP Statistics e IEA 3.3. Offerta gas 27. L aerea europea, al 2012, risulta essere la maggior importatrice di gas naturale, seguita dall area Asia-Pacifico. La produzione nazionale degli Stati mbri appartenenti all Unione Europea rimane la fonte principale di gas naturale per i consumi interni all Unione Europea stessa, fornendo ad oggi circa un terzo del fabbisogno annuale. Tuttavia, stiamo assistendo a un trend negativo di questo fattore, specialmente nelle aree di estrazione più mature. Incrociando questo dato con la crescita di domanda attesa, possiamo notare la necessità di importazioni addizionali rispetto a quelle già esistenti, come sintetizzato in Figura 5: Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

16 Figura 5: Domanda gas UE 27 per fonte di approvvigionamento Fonte: elaborazioni ITG su dati provenienti da Eurostat, Entsog, IEA 28. Per quanto attiene alle importazioni di gas, bisogna ricordare come, in seguito all incidente occorso a Fukushima, il continente asiatico abbia rivolto la sua attenzione a fonti di produzione elettrica alternative al nucleare, in particolare al gas naturale. Di conseguenza, a partire dal 2012 si è assistito ad un aumento della domanda di GNL sul mercato asiatico, che ha così accresciuto il proprio appeal agli occhi degli esportatori a discapito delle richieste di import provenienti dall Europa, spingendo così numerosi operatori a dirottare i propri carichi verso oriente. Già nel 2012, si è registrata una contrazione di quasi un quarto delle consegne di GNL in Europa. Tra i maggiori esportatori di GNL verso l Europa riportiamo, in ordine decrescente di volumi: il Qatar, l Algeria e la Nigeria, che da soli provvedono a circa l 80% di questo tipo di forniture, come si può osservare in Tabella Circa l 85% dei volumi importati, tuttavia, raggiunge l Europa tramite gasdotti. Questi volumi, in gran parte, provengono dai campi di produzione di paesi europei non-ue. Le sole Norvegia e Russia nel 2012 hanno esportato verso l Unione Europea più di 200 GSm 3 di gas naturale. 30. In prospettiva futura, bisogna anche considerare l impatto che avrà sugli equilibri internazionali l estrazione di gas da riserve non convenzionali. Esplicativo in tal senso è l esempio degli Stati Uniti, che a breve diverranno esportatori netti di gas, con un impatto rilevante nel mercato GNL a livello mondiale. Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

17 Tabella 1: Fonti di approvvigionamento gas EU 27 Bcm % Produzione EU % Danimarca % Germania % Italia % Paesi Bassi % Polonia % Romania % Regno Unito % Import % di cui import tramite gasdotto % Norvegia % Altri paesi europei non UE % Federazione Russa % Algeria % Libia % di cui import tramite GNL % Algeria % Egitto % Nigeria % Qatar % Trinidad & Tobago % Peru % Norvegia % Fonte: elaborazioni ITG su dati provenienti da BP Statistical Review of World Energy Quadro regolatorio 31. Nell ottica del raggiungimento di una maggiore integrazione dei mercati a livello comunitario, la Commissione Europea si è impegnata a fornire un sistema di regole che gli Stati mbri dovranno condividere, tramite il quale ottenere un omogeneizzazione delle procedure di gestione delle reti dei diversi paesi membri dell Unione Europea. In particolare, l impegno del legislatore europeo è focalizzato al raggiungimento di una maggiore sicurezza degli approvvigionamenti e al corretto funzionamento del sistema. 32. Ai sensi del Regolamento (UE) N. 994/10 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 ottobre 2010 concernente misure volte a garantire la sicurezza dell approvvigionamento di gas che abroga la direttiva 2004/67/Ce del Consiglio, ciascun Stato mbro è tenuto ad attuare le disposizioni atte a garantire la sicurezza dell approvvigionamento di gas assicurando il corretto e costante funzionamento del mercato interno del gas naturale 2. A tal fine, non solo si è provveduto a diversificare le fonti e le rotte del gas, ma si è anche affermato il cosiddetto principio N-1, per il quale gli interventi per compensare eventuali carenze nelle forniture al sistema devono essere valutati in caso di guasto dell infrastruttura di collegamento principale di 2 Cfr. Art. 1 del Regolamento (UE) N 994/2010 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 ottobre 2010 concernente misure volte a garantire la sicurezza dell approvvigionamento di gas che abroga la direttiva 2004/67/Ce del Consiglio disponibile sul sito Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

18 uno Stato mbro. Per questo motivo, accanto ai piani di azioni preventive e di interventi in caso di emergenza, gli sforzi sono stati indirizzati lungo tre assi di sviluppo che garantiscano il funzionamento efficiente ed efficace del sistema, vale a dire: (i) meccanismi di allocazione delle capacità, (ii) gestione delle congestioni di sistema e (iii) gestione del bilanciamento. 33. Fino ad oggi, i meccanismi di allocazione delle capacità nei punti di interconnessione all interno dell Unione Europea e nei punti di entrata/uscita da e verso paesi terzi (esclusi i punti presso i quali è installato un terminale GNL) per i prodotti di capacità transfrontaliera standard erano basati su una logica first come first served, che concedeva una sorta di diritto di precedenza ai contratti long-term dei grandi importatori e poneva, quindi, dei limiti alla concorrenza su questi mercati. 34. In data 14 ottobre 2013 è stato adottato il Regolamento (UE) N. 984/2013 della Commissione che istituisce un codice di rete relativo ai meccanismi di assegnazione di capacità nei sistemi di trasporto del gas e che integra il Regolamento (CE) n 715/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio il quale istituisce un codice di rete relativo ai meccanismi di assegnazione della capacità nei sistemi di trasporto del gas (Network Code on Capacity Allocation chanisms) 3 Fatto salvo quanto previsto all articolo 6 par. 1, lettera a) 4 il presente regolamento sarà operativo a partire dal 1 novembre 2015, è stato adottato conformemente alla procedura di cui all articolo 6 del Regolamento (CE) n 715/2009 di cui costituisce parte integrante ed essenziale Il regolamento in esame mira a stabilire il livello necessario di armonizzazione in tutta Europa 6, ed imporrà a ciascun Stato mbro 7 dei cambiamenti nella gestione del sistema, con l obiettivo dichiarato di aumentare la concorrenza nei mercati all ingrosso, garantire un accesso trasparente e non discriminatorio da parte di tutti gli utenti della rete ed assicurare un più corretto funzionamento del mercato interno. I principali cambiamenti riguardano i seguenti aspetti: (iii) Principi di cooperazione: l Unione Europea chiede maggiore cooperazione tra i gestori di sistemi di trasporto di paesi adiacenti, per quanto riguarda gli interventi di manutenzione di punti di interconnessione e l allineamento nei sistemi di comunicazione di nomine/rinomine. Questo si traduce nella condivisione di piattaforme informatiche gestite congiuntamente, fino 3 4 Cfr. Capo VII Disposizioni Finali 5 Per una panoramica sui tempi e modalità di adozione del Regolamento on-chanisms.aspx 6 Cfr. Considerando 5 del Regolamento 7 A tal proposito si veda anche l art. 2 del Regolamento che definisce il suo ambito di applicazione Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

19 ad arrivare ad un unica piattaforma europea, diversamente dall attuale situazione in cui sono presenti numerose piattaforme nazionali che complicano lo scambio informativo tra i diversi operatori. (iv) (v) (vi) (vii) (viii) ccanismi di assegnazione delle capacità: le capacità vengono assegnate attraverso aste aperte di prezzo ascendente o uniforme, contemporanee per tutti i punti di interconnessione interessati, per tutti i prodotti standard, in ordine decrescente di durata (annuale, trimestrale, mensile, settimanale, giornaliera, infra-giornaliera). I risultati sono resi disponibili a tutti gli utenti della rete simultaneamente, nel più breve tempo possibile, nel rispetto dei tempi tecnici per la valutazione delle offerte. Algoritmi per le aste: le aste consentono agli utenti di presentare un volume di offerte in una scala di prezzi crescenti annunciati in procedure di aggiudicazione consecutive, partendo da un prezzo di riserva fissato dall Autorità di Regolamentazione Nazionale, per ciascun prodotto di capacità standard ad ogni punto di interconnessione. Aggregazione della capacità transfrontaliera: i gestori dei sistemi di trasporto adiacenti offrono congiuntamente prodotti di capacità aggregata ( bundled ), tramite un unica procedura di aggiudicazione. In presenza di più di un punto di interconnessione fra i due sistemi, la capacità viene offerta ad un singolo punto di interconnessione virtuale. Capacità interrompibile: i gestori del sistema di trasporto offrono prodotti di capacità giornaliera interrompibile nei punti di interconnessione in cui è stata offerta la capacità continua ma è stata interamente venduta su base day-ahead, ma possono offrire anche prodotti di capacità interrompibile di maggiore durata. In caso di interruzione, i contratti di trasporto che entrano in vigore precedentemente prevalgono sui contratti di trasporto che entrano in vigore successivamente. I gestori dei sistemi di trasporto stabiliscono i motivi delle interruzioni direttamente nei loro contratti di trasporto interrompibile o nelle condizioni generali che disciplinano tali contratti. Tariffe e piattaforme di prenotazione delle capacità: la tariffa calcolata utilizzando la metodologia stabilita e/o approvata dall Autorità di Regolazione Nazionale o la tariffa stabilita e/o approvata dalla medesima autorità è utilizzata come prezzo di riserva in tutte le aste per tutti i prodotti di capacità standard con capacità continua o interrompibile. Gli introiti della vendita all asta sono ripartiti tra i gestori dei sistemi di trasporto dopo ogni transazione di capacità. I gestori offrono le capacità attraverso un unica piattaforma informatica di prenotazione con lo scopo di semplificare il processo di nomina per gli utenti della rete. Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

20 36. Per quanto riguarda le procedure di gestione delle congestioni contrattuali, rivisitate dalla Commissione Europea nel 2012 (Congestion Management Procedures, CMP) 8, l obiettivo dichiarato è quello di permettere la collaborazione tra TSO di paesi adiacenti, al fine di assicurare che le procedure siano applicate nel modo più efficace ed efficiente possibile, in accordo con quanto stabilito dal Regolamento (CE) N. 715/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 13 luglio 2009 relativo alle condizioni di accesso alle reti di trasporto del gas naturale e che abroga il regolamento (CE) n 1775/ In caso di congestione, i TSO responsabili delle infrastrutture coinvolte possono scegliere tra quattro meccanismi alternativi di gestione del problema: (i) (ii) (iii) Overselling & Buy- Back (OS/BB): dato che gli operatori non sempre utilizzano in toto le capacità prenotate, i TSO possono vendere capacità maggiori rispetto a quelle realmente allocabili nelle infrastrutture in questione, in modo da ottimizzare l utilizzo delle stesse (massimizzazione della saturazione delle connessioni). L overselling deve essere impostato considerando un adeguato livello di rischio, ma allo stesso tempo limitando gli sprechi di capacità inutilizzata. I TSO hanno l obbligo di interrompere la capacità interrompibile prima di procedere a qualunque buy-back. Il buy-back viene effettuato secondo un ordine di economicità nel riacquisto delle capacità, attraverso aste cui partecipano gli shipper. Il costo del buy-back è condiviso con gli utenti della rete e deve essere paragonato al costo-opportunità di non poter trasportare le capacità riacquistate. Sono inoltre previste situazioni di emergenza, per le quali il buy-back può essere annullato. La presenza di prezzi elevati sul mercato del buy-back non è considerabile come una situazione di emergenza. Firm Day-Ahead UIOLI: in caso di capacità non interrompibile, sono possibili rinomine con modifiche verso l alto fino al 50% della capacità originariamente prenotata ma non-nominata. Il resto della capacità prenotata può essere rinominata ma solo su base interrompibile. Una rinomina verso il basso è ammissibile fino al 50% della nomina. Nel caso in cui la nomina iniziale sia inferiore al 90% della capacità inizialmente prenotata, non è consentita nessuna rinomina verso il basso. La parte di capacità non-nominata che non può essere rinominata è offerta dal TSO sul mercato come capacità firm su base day-ahead, secondo il principio di Use-It-Or-Lose-It (UIOLI). Capacity surrender: i TSO devono definire i termini e le condizioni per la cessione (totale o parziale) di capacità prenotata da parte degli utenti della rete. I TSO sono obbligati ad accettare 8 Cfr. Decisione della Commissione del 24 agosto 2012 che modifica l allegato I del regolamento (CE) n 715/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo alle condizioni di accesso alle reti di trasporto del gas naturale, GUUE L 231/18 del Infrastrutture Trasporto Gas Spa - Piano Decennale di Sviluppo /64

58 Lo sviluppo delle reti e dei mercati. Lo sviluppo delle reti e dei mercati

58 Lo sviluppo delle reti e dei mercati. Lo sviluppo delle reti e dei mercati 58 Lo sviluppo delle reti e dei mercati Lo sviluppo delle reti e dei mercati Lo sviluppo delle reti e dei mercati 59 Snam sta già lavorando con altri operatori del settore, suoi partner, per garantire

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development 2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development Roma, 10-11 aprile 2014 snam.it «Small-scale LNG»: un interesse in crescita

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Roma, 2 dicembre 2010 2 Market Coupling: il contesto regolatorio Il terzo pacchetto dell energia (REGOLAMENTO (CE) n. 714/2009)

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E UNO

UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E UNO IL NOTIZIARIO DELLA BORSA ITALIANA DELL'ENERGIA un progetto del GME in collaborazione con il Gruppo Adnkronos NEWSLETTER del n.78 GENNAIO '15 approfondimenti UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame 2009. Sintesi

Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame 2009. Sintesi Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Sintesi Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Il Governo Italiano ha segnato progressi sostanziali in numerosi

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 I vantaggi del carbone Pag. 3 Il carbone e l ambiente Pag. 8 Le centrali a carbone in Italia

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 27 ottobre 2001, n. L 283. Entrata in vigore il 27 ottobre 2001.

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 27 ottobre 2001, n. L 283. Entrata in vigore il 27 ottobre 2001. Dir. 27-9-2001 n. 2001/77/CE Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sulla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità. Pubblicata

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli