Alberta Fabbricotti. Gli accordi di integrazione economica regionale e il diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alberta Fabbricotti. Gli accordi di integrazione economica regionale e il diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio"

Transcript

1 Alberta Fabbricotti Gli accordi di integrazione economica regionale e il diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio

2 Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2008 II edizione: marzo 2009

3 INDICE Abbreviazioni Premessa PARTE I GLI STRUMENTI NORMATIVI DEL GATT/OMC Introduzione SEZIONE I L ARTICOLO XXIV GATT Capitolo 1 Inquadramento generale L origine La Suggested Charter for an International Trade Organization of the United Nations, Le modifiche apportate alla Prima Sessione del Comitato Preparatorio della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (Londra, 1946), Il lavoro della Seconda Sessione del Comitato Preparatorio (Ginevra, 1947), La Conferenza Mondiale dell Avana e la relativa Carta, Le i- niziative più recenti: l Intesa del 1994 sull interpretazione dell articolo XXIV GATT, in particolare, Segue: il Transparency Mechanism for Regional Trade Agreements del 2006, in particolare, La ratio

4 8 INDICE Analisi della prima frase del paragrafo 4, Analisi della seconda frase del paragrafo 4, Necessità di distinguere le due frasi del paragrafo 4, Conseguenze della mancata distinzione di cui sopra, Il contenuto La deroga alle disposizioni del GATT, Le integrazioni regionali contemplate, Le condizioni di operatività della deroga, Secondo un interpretazione testuale, Secondo l Organo di Appello nel caso Turkey Textiles, Il controllo dei limiti di operatività della deroga Il controllo c.d. politico, La notifica degli accordi prevista al paragrafo 7 dell articolo XXIV, Gli organi preposti al controllo c.d. politico, Il Comitato per gli accordi commerciali regionali (CRTA), La procedura prevista dal Transparency Mechanism for Regional Trade Agreements del 2006, Il controllo c.d. giurisdizionale, La questione della operatività del sistema di soluzione delle controversie del GATT/OMC, Il paragrafo 12 dell Intesa sull interpretazione dell articolo XXIV, L attivazione del DSU, Il coordinamento tra i due tipi di controllo, 110 Capitolo 2 La prassi interpretativa e applicativa Gli obblighi verso l interno La misurazione dell essenziale degli scambi, La portata della liberalizzazione, Gli obblighi verso l esterno Gli obblighi degli Stati membri di un unione doganale, La tariffa esterna comune, L obbligo di compensazioni doganali, Il significato di essenzialmente gli stessi, Gli obblighi degli Stati membri di un area di libero scambio, Il divieto di innalzare le barriere commerciali nei confronti degli Stati terzi, Quale obbligo di compensazione per gli Stati membri di un area di libero scambio?, 141

5 INDICE Le regole di origine Panoramica generale, Le regole di origine quale alternativa alle restrizioni quantitative, Le regole di origine quali regolamentazioni restrittive del commercio, Le regolamentazioni del commercio diverse dai dazi doganali Considerazioni generali e introduttive, Le eccezioni previste al paragrafo 8 (a), (i), e (b), Il contributo dell Intesa del 1994, Alla luce del caso Turkey-Textiles, Secondo la prassi del CRTA, Il requisito temporale La notifica SEZIONE II LA CLAUSOLA DI ABILITAZIONE E L ARTICOLO V GATS Capitolo 3 La Clausola di abilitazione Origine, natura e portata della Clausola, con riferimento alla disciplina delle integrazioni regionali tra paesi in via di sviluppo I requisiti sostanziali I requisiti procedurali o formali L individuazione dei beneficiari della Clausola La categoria degli accordi di integrazione economica regionale a partecipazione mista

6 10 INDICE 3.6 La questione dell esclusività della Clausola Capitolo 4 L articolo V GATS Caratteristiche dell integrazione regionale nel settore dei servizi Gli obblighi verso l interno Gli obblighi verso l esterno Le regole di origine Gli accordi in materia di servizi conclusi tra paesi in via di sviluppo I requisiti procedurali o formali PARTE II PRASSI E DISPOSIZIONI DELLE ORGANIZZAZIONI REGIONALI SEZIONE I L ACCESSO AI MERCATI Introduzione Capitolo 5 Il funzionamento del sistema preferenziale: aspetti generali La copertura del processo di liberalizzazione

7 INDICE Nel commercio dei prodotti, Nel commercio dei servizi, Le regole di origine Nel commercio dei prodotti, Metodi e criteri generali per la determinazione dell origine, Alcuni modelli di regole di origine, Nel commercio dei servizi, L intensità della liberalizzazione Nel commercio dei prodotti, Nel commercio dei servizi, 270 Capitolo 6 Le restrizioni quantitative Inquadramento generale del problema. Delimitazione dell indagine Il divieto di restrizioni quantitative, Le misure di effetto equivalente, Le deroghe al divieto di restrizioni quantitative, Le restrizioni quantitative in alcuni settori specifici del commercio dei prodotti, Le restrizioni quantitative nel commercio dei servizi, Il rapporto tra l articolo XI e l articolo XXIV GATT, Le restrizioni quantitative tra Stati membri I diversi modelli normativi delle integrazioni economiche regionali, Le deroghe all obbligo di eliminazione delle restrizioni quantitative, Le restrizioni quantitative alle importazioni dagli Stati terzi Nelle aree di libero scambio, Nelle unioni doganali, 312

8 12 INDICE Capitolo 7 Le barriere tecniche e normative Inquadramento generale del problema. Delimitazione dell indagine Il significato di barriere tecniche e normative, La disciplina delle barriere tecniche al commercio dei prodotti nel sistema GATT/OMC, Nel GATT, Nell OMC, La giurisprudenza OMC in tema di barriere tecniche al commercio dei prodotti, Il rapporto tra l articolo XXIV e la disciplina GATT/OMC in materia di barriere tecniche, La prassi delle integrazioni regionali in materia di barriere tecniche Difficoltà di una classificazione ratione materiae o ratione finalitatis, Classificazione secondo il tipo di integrazione, Classificazione secondo le modalità dell integrazione (positiva), Le tipologie di MRA (Mutual Recognition Agreements), 348 SEZIONE II LE MISURE DI DIFESA COMMERCIALE Capitolo 8 Le misure di salvaguardia Inquadramento generale del problema. Delimitazione dell indagine La disciplina delle misure di salvaguardia nel GATT/OMC, Il divieto di concludere accordi di autolimitazione volontaria delle esportazioni, La protezione delle infant industries nel quadro del trattamento preferenziale dei paesi in via di sviluppo, Le misure di salvaguardia nel commercio dei servizi, Il rapporto tra l articolo XXIV e la disciplina GATT/OMC in materia di misure di salvaguardia, La nota a piè di pagina all articolo 2, paragrafo 1, dell Accordo sulle salvaguardie, 367

9 INDICE Le misure di salvaguardia regionali o meramente interne all area regionale integrata Il modello GATT/OMC quale parametro di riferimento ai fini di una classificazione delle discipline delle misure di salvaguardia regionali, Classificazione delle clausole di salvaguardia e- conomica regionali, Circa il nesso di causalità tra l aumento delle importazioni di un determinato prodotto e il grave pregiudizio per le imprese nazionali produttrici di quello stesso bene, Circa il requisito della necessità e della proporzionalità (nonché temporaneità) della misura di salvaguardia, Circa l obbligo di notifica e di consultazione (modalità del controllo delle misure di salvaguardia), Circa le compensazioni e le contromisure (o retaliation), Circa i procedimenti di soluzione delle controversie, La protezione delle infant industries negli accordi conclusi tra paesi in via di sviluppo, Le misure di salvaguardia globali negli accordi di integrazione economica regionale: il trattamento dei partner regionali, in particolare La disciplina delle salvaguardie globali nelle aree di libero scambio, La disciplina delle salvaguardie globali nelle u- nioni doganali, 390 PARTE III IN GUISA DI CONCLUSIONE Capitolo 9 L autonomia delle integrazioni economiche regionali rispetto all OMC Premessa metodologica L autonomia rispetto alla disciplina dell OMC Il mancato rispetto delle condizioni poste dalle deroghe generali OMC relative alle integrazioni economiche regionali, con particolare riferimento all articolo XXIV GATT, Gli interstizi di autonomia prodotti dalla coesistenza delle deroghe generali (in particola-

10 14 INDICE re, l articolo XXIV GATT) con le clausole specifiche di accordi diversi dal GATT, (Segue): il caso in cui l articolo XXIV deroga alle disposizioni dell accordo speciale (in particolare, l Accordo sulle misure di salvaguardia), Con riferimento alle misure di salvaguardia regionali o meramente interne, Con riferimento alle misure di salvaguardia globali, (Segue): il caso in cui l articolo XXIV non deroga alle disposizioni dell accordo speciale (in particolare, l Accordo TBT), Gli spazi di autonomia riconducibili alle lacune del sistema OMC: alcuni esempi concreti Le regole di origine come strumento di dirottamento dei flussi commerciali e degli investimenti esteri e di alterazione degli obblighi di liberalizzazione interna, La manipolazione della protezione dei valori non commerciali, Gli impegni a geometria variabile, Il differimento di obblighi derivanti dall OMC, L autonomia quale si ricava dall osservazione empirica delle modalità del regionalismo economico moderno La proliferazione degli accordi di integrazione economica regionale, La creazione di modelli di integrazione economica regionale più sviluppati rispetto alle aree di libero scambio e alle u- nioni doganali, La proliferazione di modalità di integrazione ibride, La proliferazione di modalità di integrazione regionale OMC-plus, Gli accordi misti tra PVS e paesi industrializzati, Le integrazioni regionali prive di struttura normativa e istituzionale, La sovrapposizione di accordi, Gli accordi di integrazione regionale tra paesi lontani geograficamente, 444 Bibliografia

11 ABBREVIAZIONI AFDI Annuaire Français de Droit International AJIL American Journal of International Law Am. Econ. Rev. The American Economic Review Asian YIL Asian Yearbook of International Law ASIL Proc. American Society of International Law Proceedings BISD Basic Instruments and Selected Documents (GATT) BYIL British Yearbook of International Law CMLR Common Market Law Review CI La Comunità Internazionale DCI Diritto del commercio internazionale Duke J. Comp. & Int l L. Duke Journal of Comparative and International Law EJIL European Journal of International Law Eur. L. Rev. European Law Review EZW Europäische Zeitschrift für Wirtschaftsrecht Fordham Int l L. J. Fordham International Law Journal Foreign Aff. Foreign Affairs GAOR General Assembly Official Records Geo. Wash. Int l L. Rev. George Washington International Law Review GUCE Gazzetta ufficiale delle Comunità europee GYIL German Yearbook of International Law Harv. Int l L. J. Harvard International Law Journal ICLQ International and Comparative Law Quarterly ILM International Legal Materials Indian J. Int l L. Indian Journal of International Law Int l Law. The International Lawyer Int.T.L.R. International Trade Law and Regulation ITLR International Trade Law Reports IYIL Italian Yearbook of International Law J. Comm. Market Studies Journal of Common Market Studies JDI Journal du droit international JIEL Journal of International Economic Law JWI(T) The Journal of World Investment (and Trade) JWT(L) Journal of World Trade (Journal of World Trade Law, fino al 1987) Law & Pol y Int l Bus. Law and Policy in International Business 15

12 16 ABBREVIAZIONI LIEI Legal Issues of Economic Integration LPIB Law and Policy in International Business MPEPIL Max Planck Encyclopedia of Public International Law (a cura di R. Wolfrum) Max Planck UNYB Max Planck Yearbook of United Nations Law Mich. J. Int l L. Michigan Journal of International Law Minn. J. Glob. Trade Minnesota Journal of Global Trade NAFTA: L. & Bus. Rev. Am. NAFTA: Law and Business Review of the Americas NILR Netherlands International Law Review NY Law School J.Int l Comp.L. New York Law School Journal of International and Comparative Law Nw. J. Int l L. & Bus. Northwestern Journal of International Law and Business PCIJ Series Permanent Court of International Justice Series Raccolta Raccolta della Giurisprudenza della Corte e del Tribunale di primo grado RCADI Recueil des Cours de l Académie de Droit International de la Haye Riv. Dir. Eur. Rivista di diritto europeo RDI Rivista di diritto internazionale RECIEL Review of European Community & International Environmental Law Rev. Droit Union Eur. Revue du Droit de l Union Européenne Rev. jur. pol. econ. du Maroc Revue juridique, politique et économique du Maroc RGDIP Revue Générale de Droit International Public RMCUE Revue du Marché commun et de l Union européenne Rev. Trim. Droit Eur. Revue trimestrielle de droit européen Texas Int l L. Forum Texas International Law Forum U. Chi. L. Rev. The University of Chicago Law Review UNTS United Nations Treaty Series U. Pa. J. Int l Econ. L. University of Pennsylvania Journal of International Economic Law Yale J. Int l L. The Yale Journal of International Law YILC Yearbook of the International Law Commission Wis. Int l L. J. Wisconsin International Law Journal WB Econ. Rev. The World Bank Economic Review W Econ. The World Economy WTR World Trade Review

13 PREMESSA Questo libro è il frutto di una ricerca da me condotta nell arco degli ultimi dieci anni. La mia attuale decisione di dare alle stampe quanto fin qui elaborato nasce, da un lato, dal desiderio di mettere finalmente un punto fermo nella storia di questa ricerca, e, dall altro, devo ammetterlo, dalla preoccupazione di veder invecchiare in un cassetto i risultati di un lavoro già molto esteso. In effetti, un tale rischio c è, visto che il fenomeno dell integrazione economica regionale, che questo libro si propone di descrivere ed analizzare, muta incessantemente, sviluppando sempre dinamiche diverse e stimolando nuove riflessioni e costruzioni sul piano del diritto internazionale. Dato quanto precede, mi permetto di segnalare, a complemento di questo volume, i contributi da me presentati in alcuni recenti convegni internazionali; contributi che, già presenti sul web o in corso di stampa, sono in grado di dare un idea esatta dello stato attuale della mia ricerca. Si tratta di: The Interplay Between the WTO and the RTAs: Is It A Question of Interrelation Between Different Sources of International Law?, Paper presented at the Society of International Economic Law Inaugural Conference, Geneva, July 15-17, 2008, SIEL Online Proceedings Working Paper No. 12/08, abstract= The WTO and RTAs: A Bottom-Up Interpretation of RTAs Autonomy Over WTO Law, in S. Frankel, M. Kolsky Lewis (eds), International Economic Law and National Autonomy: Convergence or Divergence?, in corso di stampa (Cambridge University Press). 17

14 18 PREMESSA Aggiungo che a marzo 2009 dovrei partecipare ad un panel sul tema Multilateralizing Regionalism and the Future Architecture of International Trade Law as a System of Law, nell ambito dell ASIL (American Society of International Law) Annual Meeting, anticipando che tale dibattito verrà poi pubblicato negli ASIL Proceedings. Passando ad aspetti più tecnici di questo volume, informo che le citazioni dei rapporti dei Panels e dell Organo di appello riportano la data del documento e non quella dell adozione del rapporto. Ho inteso in tal modo allinearmi alle modalità generalmente seguite dalle opere italiane sull OMC (quelle di lingua inglese usano invece la data di a- dozione del rapporto). Ho dato di proposito il plurale alle parole inglesi Panel e Working Party. Ciò contro la nota regola grammaticale italiana ma in linea, mi sembra, con altre opere italiane. Infine, desidero ringraziare il Max Planck Institut für ausländisches öffentliches Recht und Völkerrecht, nelle persone dei suoi due attuali direttori, il Professor Rüdiger Wolfrum e il Professor Armin von Bogdandy, e di tutti coloro, ricercatori, dottorandi e studiosi, bibliotecari, che ho incontrato a Heidelberg nel lontano Il ricordo di quella straordinaria stagione passata all Institut, in un ambiente estremamente vivo, sia sul piano del confronto e degli stimoli professionali che su quello umano in genere, mi ha dato, al ritorno a Roma, la forza di perseguire i miei obiettivi con rinnovata determinazione. Un particolare, affettuoso saluto va a Anne van Aaken, Holger Hestermeyer, Mariela Morales Antoniazzi, Joachim Schwietzke. Naturalmente tutta la mia riconoscenza spetta a Giovanni, Edoardo, Saverio e Filippo, ai quali ho per troppo tempo sottratto una gran parte di me per dedicarla a questo libro.

15 PARTE I GLI STRUMENTI NORMATIVI DEL GATT/OMC 19

16

17 INTRODUZIONE La crescente proliferazione di accordi di integrazione economica regionale costituisce senza dubbio una delle sfide vitali che il sistema multilaterale degli scambi sia oggi chiamato ad affrontare 1. Evidentemente, all origine di questa sfida vi è una anomalia non solo di tipo comportamentale ma anche giuridica, determinata dalla coesistenza, tra i principi che regolano le relazioni tra Stati, di valori ed indirizzi contrastanti. Da un lato, il regionalismo sembrerebbe quasi assurgere a caposaldo delle relazioni economiche tra gli Stati, che, come tale, necessiterebbe di essere incoraggiato e difeso 2. In tal senso depone il primo paragrafo dell articolo 12 della Carta dei diritti e doveri economici degli Stati, il quale contempla un vero e proprio diritto, per gli Stati, di prendere parte ad intese regionali, per il perseguimento del loro sviluppo economico e sociale 3. Sebbene la Carta non abbia di per sé carattere vincolante, giacché trattasi formalmente di una risoluzione 1 Vd., in generale, C. PRIMO BRAGA, Comments on the Proliferation of Regional Integration Arrangements, in LPIB 1996, pp Sul punto, vd. E. TRIGGIANI, Il trattamento della nazione più favorita, Jovene, Napoli, 1984, a p L articolo 12 della Carta dei diritti e dei doveri economici degli Stati recita: 1. States have the right, in agreement with the parties concerned, to partecipate in subregional, regional and interregional co-operation in the pursuit of their economic and social development. All States engaged in such co-operation have the duty to ensure that the policies of those groupings to which they belong correspond to the provisions of the present Charter and are outward-looking, consistent with their international obligations and with the needs of international economic co-operation, and have full regard for the legitimate interests of third countries, especially developing countries. 2. In the case of groupings to which the States concerned have transferred or may transfer certain competences as regards matters that come within the scope of the present Charter, its provisions shall also apply to those groupings in regard to such matters, consistent with the responsabilities of such States as members of such groupings. Those States shall co-operate in the observance by the groupings of the provisions of this Charter. Cfr. G.A. Resolution 3281 (XXIX), 12 December 1974, in GAOR, 29 th Session, Supplement N. 31, Doc. A/9631, pp

18 22 PARTE I Gli strumenti normativi del GATT/OMC dell Assemblea Generale delle Nazioni Unite, si deve infatti ritenere che la disposizione del suo articolo 12, la quale riecheggia l ethos dell articolo 52 dello Statuto delle Nazioni Unite, reiteri un principio consolidato del commercio internazionale, e delle relazioni economiche internazionali in generale 4. Dall altro lato, tali accordi economici regionali hanno per definizione ad oggetto la reciproca concessione tra le parti di un trattamento commerciale preferenziale 5, cosicché risultano potenzialmente in conflitto con la portata generale e non-discriminatoria dei principi e delle norme che regolano il commercio mondiale. Sotto il profilo giuridico si pone allora, preliminarmente ad ogni altro, il problema della compatibilità tra questi sistemi normativi particolari di integrazione economica ed il sistema di norme che disciplina gli 4 Questo è un punto già da noi recentemente evidenziato. Si veda A. FABBRICOTTI, The WTO and RTAs: A Bottom-Up Interpretation of RTAs Autonomy Over WTO Law, in S. FRANKEL e M. KOLSKY LEWIS (a cura di), International Economic Law and National Autonomy: Convergence or Divergence?, in corso di stampa presso Cambridge University Press; 5 Si fa qui riferimento ai soli accordi economici regionali commerciali, ai sensi della definizione che ne viene data, in una nota a piè di pagina, nella decisione del Consiglio Generale dell OMC del 1996 che ha istituito il Comitato per gli accordi commerciali regionali. Cfr. Doc. WT/L/127, del 7 febbraio In tale nota si precisa che con il termine accordi si intendono tutte le convenzioni bilaterali, regionali o multilaterali con le quali le parti reciprocamente si accordano delle condizioni preferenziali nei loro scambi commerciali. Alcuni autori preferiscono partire da una visione empirica, e in certo senso più completa, del fenomeno, come ad es. Triggiani, il quale, a proposito del regionalismo economico, distingue tre diverse finalità caratterizzanti gli accordi regionali: solo nei paesi industrializzati l integrazione regionale si concretizzerebbe principalmente nella riduzione o abolizione delle tariffe doganali e degli altri ostacoli al commercio tra gli Stati membri; nei paesi in via di sviluppo, l obiettivo fondamentale sarebbe invece l accelerazione del processo di industrializzazione, mentre nei paesi socialisti, l integrazione economica avrebbe (avuto) lo scopo di realizzare una divisione internazionale del lavoro nell ambito degli Stati interessati, nonché di perseguire tra questi ultimi una coesione politica ed ideologica. Cfr. E. TRIGGIANI, Il trattamento della nazione più favorita, cit., pp Nella stessa, più ampia, prospettiva, vd. già E. AGNOLETTO, Accordi regionali d integrazione e cooperazione economica, in P. PICONE e G. SACERDOTI (a cura di), Diritto internazionale dell economia, Franco Angeli, Milano, 1982, pp Ora, a parte il fatto che l OMC si cura solo degli accordi commerciali nel senso stretto sopra indicato come è ovvio che sia, e ciò basterebbe a giustificare una impostazione più selettiva del fenomeno, si può anche argomentare che, con tutta probabilità, gli accordi economici diversi da quelli che stabiliscono delle preferenze commerciali siano oggi relativamente ridotti in numero e piuttosto modesti come fenomeno sociale internazionale, in parte per il raggiungimento dello sviluppo industriale ad opera di molti dei paesi prima economicamente depressi, si pensi ai c.d. NICs (Newly Industrializing Countries, quali Hong Kong, Singapore, Taiwan) asiatici, in parte per l intercorso smantellamento del sistema egemonico socialista.

19 INTRODUZIONE 23 scambi internazionali ad un livello universale, tra le organizzazioni internazionali regionali che sovrintendono al funzionamento di quei sistemi particolari e l Organizzazione mondiale del commercio, ossia l ente che amministra il sistema multilaterale degli scambi e con il quale ha finito, se non altro nell immaginario collettivo, per identificarsi 6. 6 La letteratura sulla questione della compatibilità degli accordi di integrazione regionale con il sistema GATT/OMC è sconfinata. Un potenziale campionario di tali scritti dovrebbe includere: K.W. DAM, Regional Economic Arrangements and the GATT. The Legacy of a Misconception, in U. Chi. L. Rev. 1963, pp ; H. STEINBERGER, GATT und regionale Wirtschaftzusammenschlüsse, Heymanns, Köln-Berlin, 1963; P. LORTIE, Economic Integration and the Law of GATT, Praeger, New York-Washington-London, 1975; R.S. IMHOOF, Le GATT et les zones de libre-échange, Georg, Genève, 1979; J. HUBER, The Practice of GATT in Examining Regional Arrangements under Article XXIV, in J. Comm. Market Studies 1981, pp ; K. ANDER- SON e R. BLACKHURST (a cura di), Regional Integration and the Global Trading System, Harvester, New York, 1993; J. DE MELO e A. PANAGARIYA (a cura di), New Dimensions in Regional Integration, Cambridge University Press, Cambridge, 1993; G. SACERDOTI e S. ALESSANDRINI (a cura di), Regionalismo economico e sistema globale degli scambi, Giuffrè, Milano, 1994; WTO, Regionalism and the World Trading System, Geneva, 1995; T. GEIGER e D. KENNEDY (a cura di), Regional Trade Blocs, Multilateralism and the GATT: Complementary Paths to Free Trade?, Pinter, London, 1996; P. DEMARET, J.-F. BELLIS e G. GARCIA JIMENEZ (a cura di), Regionalism and Multilateralism after the Uruguay Round. Convergence, Divergence and Interaction, EIP, Bruxelles, 1997; E. TRIGGIANI, La disciplina del commercio internazionale tra multilateralismo e regionalismo, in SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO INTERNAZIONALE SIDI (a cura di), Diritto e organizzazione del commercio internazionale dopo la creazione della Organizzazione Mondiale del Commercio, Atti del Convegno: Milano 5-7 giugno 1997, Editoriale Scientifica, Napoli, 1998, pp ; T.N. SRINIVASAN, Regionalism and the WTO: Is Nondiscrimination Passé?, in A.O. KRUEGER (a cura di), The WTO as an International Organization, University Press, Chicago and London, 1998, pp ; SUNGJOON CHO, Breaking the Barrier Between Regionalism and Multilateralism. A New Perspective on Trade Regionalism, in Harv. Int l L. J. 2001, pp ; G. MARCEAU e C. REIMAN, When and How is a Regional Trade Agreement Compatible with the WTO?, in LIEI 2001, ; WTO (a cura di), Regional Trade Integration under Transformation, Seminar on Regionalism and the WTO, Geneva 26 April 2002, in: (ultima visita il 30 ottobre 2008); C. DEBLOCK, Les accords régionaux et le régionalisme, in C. DEBLOCK, (a cura di), L Organisation Mondiale du Commerce. Où s en va la mondialisation?, Fides, Saint-Laurent, Québéc, 2002, pp ; F. SNYDER (a cura di), Regional and Global Regulation of International Trade, Hart, Oxford, 2002; J.H. MATHIS, Regional Trade Agreements in the GATT/WTO. Article XXIV and the Internal Trade Requirement, T.M.C. Asser Press, The Hague, 2002; G.P. SAMPSON e S. WOOLCOCK (a cura di), Regionalism, Multilateralism, and Economic Integration. The Recent Experience, The United Nations University Press, New York, 2003; WTO (a cura di), Seminar on Regional Trade Agreements and the WTO, 14 November 2003, in: (ultima visita il 30 ottobre 2008); J. TENIER, Intégrations régionales et mondialisation. Complémentarité ou contradiction, La Documentation Française, Paris, 2003; OECD INDUSTRY SERVICES TRADE, Regionalism and the Multilateral Trading System, Paris 2003; R. THEN DE LAMMERSKÖTTER, WTO und Regional Trade Agreements (RTAs). Artikel XXIV und die enabling clause im Lichte eines

20 24 PARTE I Gli strumenti normativi del GATT/OMC In termini astratti, si tratterebbe di confrontare i testi degli accordi che si presumono contrapposti e di verificare se hanno un dettato e una portata tra loro contrastante al punto che l esecuzione di uno dei due accordi in questione risulti, anche solo parzialmente, pregiudicata. Questa operazione, nel caso del rapporto tra sistemi di integrazione economica regionale e OMC, diventa quasi superflua perché l esistenza di un conflitto tra di essi è di per sé un dato incontrovertibile, in quanto, come è stato osservato a proposito degli accordi regionali in oggetto, [t]he very nature of such an arrangement involves a departure from the Most-Favored-Nation principle 7. Esplicando cioè i loro effetti i principi non-discriminatori dell OMC, e la clausola della nazione più favorita in particolare, gli accordi di integrazione economica sarebbero del tutto impossibili, non avendo modo di operare 8. Non è un caso, dunque, ma espressione di una necessità avvertita diffusamente dalla comunità internazionale, che il sistema OMC provveda esso stesso, seppure in modo ambiguo, frammentario e lacunoso, a regolamentare il fenomeno delle integrazioni regionali. Tale funzione è innanzitutto demandata ad alcune delle disposizioni dell articolo idealen Regulierungssystems, Europäisches und Internationales Integrationsrecht: Band 6, LIT Verlag, Hamburg, 2004); C.B. PICKER, Regional Trade Agreements v. the WTO. A Proposal For Reform of Article XXIV to Counter Their Institutional Threat, in U. Pa. J. Int l Econ. L 2005, pp ; N. J. S. LOCKART e A.D. MITCHELL, Regional Trade Agreements Under GATT An Exception And Its Limits, in A.D. MITCHELL (a cura di), Challenges and Prospects for the WTO, Cameron May, London, 2005, pp ; L. BARTELS e F. ORTINO (a cura di), Regional Trade Agreements and the WTO Legal System, Oxford University Press, Oxford, 2006; P.C. MAVROIDIS, If I Don t Do It, Somebody Else Will (Or Won t). Testing the Compliance of Preferential Trade Agreements With the Multilateral Rules, in JWT 2006, pp ; WTO-HEI Conference on Multilateralising Regionalism, Geneva, September 2007, in: org/english/tratop_e/region_e/conference_sept07_e.htm (ultima visita il 30 ottobre 2008); Y. DEVUYST e A. SERDAREVIC, The World Trade Organizations and Regional Trade Agreements. Bridging the Constitutional Credibility Gap, in Duke J. Comp. & Int l L. 2007, pp. 1-75; R. BU- CKLEY, V.I. LO e L. BOULLE (a cura di), Challenges to Multilateral Trade: The Impact of Bilateral, Preferential and Regional Agreements, Kluwer Law International, Alphen aan den Rijn, 2008; D. AHN, Foe Or Friend of GATT Article XXIV. Diversity in Trade Remedy Rules, in JIEL 2008, pp ; H. GHERARI, Organisation Mondiale du Commerce et accords commerciaux régionaux. Le bilatéralisme conquérant ou le nouveau visage du commerce international, in RGDIP 2008, pp Cfr. J.H. JACKSON, World Trade and the Law of GATT, Bobbs-Merrill, Indianapolis, 1969, p Cfr. P. PICONE e A. LIGUSTRO, Diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio, CEDAM, Padova, 2002, p. 505.

DOTT.SSA ALBERTA FABBRICOTTI CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

DOTT.SSA ALBERTA FABBRICOTTI CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DOTT.SSA ALBERTA FABBRICOTTI CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Posizione accademica e incarichi attuali E attualmente Ricercatore universitario confermato nonché Docente incaricata di Diritto Internazionale

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio Normativa RAEE 2 e normativa sui rifiuti di Pile ed Accumulatori : gli obblighi posti in capo ai Produttori che introducono AEE, Pile e accumulatori in paesi diversi da quelli in cui sono stabiliti Avv.

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Approfondimento Diritto e attività agricola europea

Approfondimento Diritto e attività agricola europea Approfondimento Diritto e attività agricola europea La globalizzazione Il termine globalizzazione indica, in primo luogo, il processo economico, sociale, politico e culturale attraverso il quale i mercati

Dettagli

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio Traduzione 1 Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio 0.632.20 Concluso a Marrakech il 15 aprile 1994 Approvato dall Assemblea federale il 16 dicembre 1994 2 Ratificato dalla Svizzera

Dettagli

Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Informatica, Università di Torino.

Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Informatica, Università di Torino. Curriculum Vitae et Studiorum Sabrina Praduroux Posizione attuale Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Informatica, Università di Torino. Professore a contratto presso il Dipartimento di Culture,

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Elenco completo periodici in abbonamento 20 giugno 2013 Ver. 1.0 Ministero dell Economia e delle Finanze Ufficio per il coordinamento tecnico logistico Biblioteca e ufficio di documentazione del DT Sommario

Dettagli

Informative posta elettronica e internet

Informative posta elettronica e internet SOMMARIO Disclaimer mail che rimanda al sito internet 2 Informativa sito internet 3 Data Protection Policy 5 pag. 1 Disclaimer mail che rimanda al sito internet Il trattamento dei dati avviene in piena

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

La Globalizzazione e le istituzioni economiche internazionali

La Globalizzazione e le istituzioni economiche internazionali La Globalizzazione e le istituzioni economiche internazionali N. Coniglio Nicola Coniglio Il contesto storico: necessità di ristabilire un nuovo ordine economico dopo le guerre Nel 1944 fu realizzato un

Dettagli

Le clausole sociali e il Sistema di Preferenze Generalizzate dell Unione europea

Le clausole sociali e il Sistema di Preferenze Generalizzate dell Unione europea Le clausole sociali e il Sistema di Preferenze Generalizzate dell Unione europea Alessia Morato Dottoressa magistrale in Economia e finanza Sommario: 1. Introduzione. 2. Passaggio dal GAT T all OMC. 3.

Dettagli

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE PERIODICI CEE TITOLO periodico 1 COMMON MARKET LAW REVIEW KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE IN BIBLIOTECA DAL VERSIONE CARTA/ONLINE 2 CONSENSUS FORECASTS G7 COUNTRIES WESTERN EUROPE -SINGLE USER CONSENSUS ECONOMICS

Dettagli

Comunicazione della Commissione sulla modernizzazione degli aiuti di Stato, COM (2012) 209. 3

Comunicazione della Commissione sulla modernizzazione degli aiuti di Stato, COM (2012) 209. 3 1. Introduzione: i Nuovi Orientamenti nell ambito del programma di modernizzazione degli aiuti di Stato La Commissione Europea (la Commissione ) ha recentemente concluso il processo di revisione dei propri

Dettagli

REDAZIONALI L INTERPRETAZIONE DELLA CORTE EUROPEA DEL COMBINATO DISPOSTO DEGLI ARTT. 345 E 63 DEL TFUE

REDAZIONALI L INTERPRETAZIONE DELLA CORTE EUROPEA DEL COMBINATO DISPOSTO DEGLI ARTT. 345 E 63 DEL TFUE REDAZIONALI L INTERPRETAZIONE DELLA CORTE EUROPEA DEL COMBINATO DISPOSTO DEGLI ARTT. 345 E 63 DEL TFUE dell Avv. Anna Cinzia Bartoccioni L art. 345 TFUE esprime il principio di neutralità dei Trattati

Dettagli

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari POSITION PAPER 8 giugno 2007 1. Premessa L Associazione Bancaria Italiana (di seguito ABI), che con oltre 800 banche

Dettagli

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE Agenda Item 9 EACC(11)M22Prep-QUESTIONS TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE WARNING: Documento NON UFFICIALE. Quando disponibile il verbale

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

CONOSCENZE LINGUISTICHE

CONOSCENZE LINGUISTICHE MAURIZIO MENSI Professore ordinario di Diritto dell economia SNA Scuola Nazionale dell Amministrazione (Roma) Professore incaricato di Diritto dell informazione e della comunicazione - Dipartimento di

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

PRONTO INTERVENTO IN EMERGENZA AMBIENTALE Le novità legislative rilevanti in materia di bonifiche contenute nel Decreto del fare

PRONTO INTERVENTO IN EMERGENZA AMBIENTALE Le novità legislative rilevanti in materia di bonifiche contenute nel Decreto del fare PRONTO INTERVENTO IN EMERGENZA AMBIENTALE Le novità legislative rilevanti in materia di bonifiche contenute nel Decreto del fare Avv. Giovanna Landi Of Counsel giovanna.landi@nortonrosefulbright.com Rimini

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Le principali istituzioni. economiche internazionali

Le principali istituzioni. economiche internazionali Le principali istituzioni economiche internazionali Quali sono? Fondo Monetario Internazionale Banca Mondiale Organizzazione Mondiale del Commercio Le prime due sono nate dalla conferenza di Bretton Woods

Dettagli

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A.

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Salerno, 18 giugno 2014 Palazzo di Città, Salone dei Marmi Domenico Gammaldi Banca d Italia

Dettagli

Lezione 8. Le politiche commerciali II. Slide 9-1

Lezione 8. Le politiche commerciali II. Slide 9-1 Lezione 8 Le politiche commerciali II Slide 9-1 Road Map Altri strumenti di politica commerciale Gli effetti della politica commerciale: una sintesi Introduzione Le ragioni a favore del libero scambio

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 Data: 10/02/2012 Ora: 15:05 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Risultati definitivi dell aumento di capitale in opzione agli azionisti ordinari e di risparmio / Final results

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

Biblioteca Issirfa-Cnr - Fascicoli doppi (22/07/2015)

Biblioteca Issirfa-Cnr - Fascicoli doppi (22/07/2015) Biblioteca Issirfa-Cnr - Fascicoli doppi (22/07/2015) Gli interessati possono ottenere i fascicoli a titolo gratuito provvedendo alla spedizione a proprie spese. Per maggiori informazioni: Dott.ssa Patrizia

Dettagli

Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti

Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti Fondazione Lombardia per l Ambiente Milano, 26 giugno 2014 Emissioni annuali

Dettagli

Premesso che: all aviazione civile internazionale.

Premesso che: all aviazione civile internazionale. PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ PER L AVIAZIONE CIVILE E LA NAVIGAZIONE MARITTIMA DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E L AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL VOLO Visto l art. 26 della Convenzione relativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA OVS S.p.A.

COMUNICATO STAMPA OVS S.p.A. This announcement is not an offer for sale of securities in the United States. The securities referred to herein may not be sold in the United States absent registration or an exemption from registration

Dettagli

Bilancio 2012 Financial Statements 2012

Bilancio 2012 Financial Statements 2012 Bilancio Financial Statements IT La struttura di Medici con l Africa CUAMM è giuridicamente integrata all interno della Fondazione Opera San Francesco Saverio. Il bilancio, pur essendo unico, si compone

Dettagli

Appunti euroritenuta. Torino 30 giugno 2015

Appunti euroritenuta. Torino 30 giugno 2015 Appunti euroritenuta Torino 30 giugno 2015 Agreements between the EU and five European countries On 2 June 2004, the Council adopted a Decision on the signature and conclusion of an Agreement between the

Dettagli

COMUNICATO STAMPA OVS S.p.A.

COMUNICATO STAMPA OVS S.p.A. This announcement is not an offer for sale of securities in the United States. The securities referred to herein may not be sold in the United States absent registration or an exemption from registration

Dettagli

Linee guida per la compilazione del Diploma Supplement nel settore AFAM

Linee guida per la compilazione del Diploma Supplement nel settore AFAM Linee guida per la compilazione del Diploma Supplement nel settore AFAM 1. Introduzione Il supplemento al diploma è un allegato al titolo conseguito, al termine di un corso di studi, in una università

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

La pensione del giovane ricercatore. Contratti e tutele previdenziali per il lavoro nella ricerca fra mobilità professionale e internazionale

La pensione del giovane ricercatore. Contratti e tutele previdenziali per il lavoro nella ricerca fra mobilità professionale e internazionale La pensione del giovane ricercatore Contratti e tutele previdenziali per il lavoro nella ricerca fra mobilità professionale e internazionale Contratti a tempo indeterminato Art. 33 Cost. Il presidio costituzionale

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

Guida al deposito. Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid. Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano

Guida al deposito. Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid. Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano Ufficio Marchi e Brevetti Centro P.I.P. Patent Information Point Guida al deposito Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano Resp: Paola Bonzagni tel. 0532-783.804

Dettagli

Elisabetta Morlino. Curriculum vitae et studiorum

Elisabetta Morlino. Curriculum vitae et studiorum Elisabetta Morlino Curriculum vitae et studiorum Studi e formazione 2006/2009 - Dottorato in Universalizzazione dei sistemi giuridici: storia e teoria, Istituto Italiano di Scienze Umane (sede congiunta:

Dettagli

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale Social enterprise as a driving factor of social innovation Giornata di studio / Study Day Martedì 19 maggio 2015 Aula Magna SUPSI Trevano

Dettagli

AVVISO n.20015. 20 Novembre 2012 ExtraMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.20015. 20 Novembre 2012 ExtraMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.20015 20 Novembre 2012 ExtraMOT Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifica Regolamento ExtraMOT: Controlli automatici delle negoziazioni - Automatic

Dettagli

A Competitive Advantage for Investment Services in the EU. Un vantaggio competivtivo per i servizi di investimento nell U.E. Cyprus Investment Firms

A Competitive Advantage for Investment Services in the EU. Un vantaggio competivtivo per i servizi di investimento nell U.E. Cyprus Investment Firms Cyprus Investment Firms A Competitive Advantage for Investment Services in the EU Imprese di investimento a Cipro Un vantaggio competivtivo per i servizi di investimento nell U.E. Dr. Stelios Platis MAP

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

G R A Z I A D I C U O N Z O

G R A Z I A D I C U O N Z O G R A Z I A D I C U O N Z O ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2 Dicembre 2013 ad oggi Titolare di assegno di ricerca (s.s.d. SECS-P/07) dal titolo I marchi di impresa: un analisi empirica dei divari tra valori e

Dettagli

FORMULE DI RIDUZIONE TARIFFARIA ED EFFETTI SULLA DISTRIBUZIONE DEI DAZI DEI PRODOTTI MANUFATTI

FORMULE DI RIDUZIONE TARIFFARIA ED EFFETTI SULLA DISTRIBUZIONE DEI DAZI DEI PRODOTTI MANUFATTI FORMULE DI RIDUZIONE TARIFFARIA ED EFFETTI SULLA DISTRIBUZIONE DEI DAZI DEI PRODOTTI MANUFATTI di Luca De Benedictis e Michele Di Maio 1. Introduzione La riduzione tariffaria è stata, fin dal primo round

Dettagli

PARTECIPAZIONE ALLA INAUGURAL INCU GLOBAL CONFERENCE 2014 "TRADE FACILITATION POST-BALI: PUTTING POLICY INTO PRACTICE"

PARTECIPAZIONE ALLA INAUGURAL INCU GLOBAL CONFERENCE 2014 TRADE FACILITATION POST-BALI: PUTTING POLICY INTO PRACTICE PARTECIPAZIONE ALLA INAUGURAL INCU GLOBAL CONFERENCE 2014 "TRADE FACILITATION POST-BALI: PUTTING POLICY INTO PRACTICE" Baku ha ospitato, dal 20 al 23 maggio, la prima conferenza mondiale della Rete Internazionale

Dettagli

NATALINO RONZITTI IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH: ANALISI E PROSPETTIVE DI SOLUZIONE SECONDO DIRITTO

NATALINO RONZITTI IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH: ANALISI E PROSPETTIVE DI SOLUZIONE SECONDO DIRITTO INDICE-SOMMARIO Prefazione XI NATALINO RONZITTI IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH: ANALISI E PROSPETTIVE DI SOLUZIONE SECONDO DIRITTO 1. L origine del conflitto 1 2. La proclamazione dell indipendenza

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE. Dazio e curve di domanda-offerta internazionale

ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE. Dazio e curve di domanda-offerta internazionale ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE Equilibrio Economico Generale Dazio e curve di domanda-offerta internazionale Caso di paese grande: effetti ambigui In assenza di ritorsioni: dazio

Dettagli

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP 7 ottobre 2014 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 MANAGER DELLE RP: IL NUOVO RUOLO IN AZIENDA Le 5 Key-Words

Dettagli

NEOTERISMO INTERNAZIONALE E GLOBAL ECONOMIC GOVERNANCE

NEOTERISMO INTERNAZIONALE E GLOBAL ECONOMIC GOVERNANCE Andrea Comba (a cura di) NEOTERISMO INTERNAZIONALE E GLOBAL ECONOMIC GOVERNANCE Sviluppi istituzionali e nuovi strumenti con il contributo di Silvia Cantoni - Francesco Costamagna - Egle Granziera Claudio

Dettagli

MASTER IN COMMERCIO INTERNAZIONALE - MASCI MASTER IN INTERNATIONAL COMMERCE - MASCI. Anno Accademico 2014-2015

MASTER IN COMMERCIO INTERNAZIONALE - MASCI MASTER IN INTERNATIONAL COMMERCE - MASCI. Anno Accademico 2014-2015 MASTER IN COMMERCIO INTERNAZIONALE - MASCI MASTER IN COMMERCE - MASCI Sezione di Diritto/Law Section Sezione di Economia e Finanza/Economics and Finance Section XIV edizione Anno Accademico 2014-2015 CORSI

Dettagli

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti Bando di gara a procedura aperta per l affidamento del Servizio di assistenza tecnica finalizzata al supporto alle attività di gestione, monitoraggio, valorizzazione e diffusione dei risultati del Programma

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

Sviluppo professionale

Sviluppo professionale Sviluppo professionale 2013 CHI SIAMO Solutions Academy è la divisione formazione e consulenza di ADR Center Costituita nel 1998, ADR Center è la prima società italiana specializzata nella prevenzione

Dettagli

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management Idee per emergere Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management FI Consulting Srl Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (TV) Tel. 0438 360422 Fax 0438 411469 E-mail: info@ficonsulting.it

Dettagli

FP7 Environment nel quadro delle altre iniziative territoriali-ambientali EU

FP7 Environment nel quadro delle altre iniziative territoriali-ambientali EU Antonio Speranza 1 FP7 Environment nel quadro delle altre iniziative territoriali-ambientali EU Antonio Speranza Consorzio Interuniversitario Nazionale Fisica Atmosfere e Idrosfere Indice 1. Programmazione

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Attuazione della Direttiva Seveso in Europa e

Attuazione della Direttiva Seveso in Europa e Attuazione della Direttiva Seveso in Europa e prospettive M. D. Christou, L. Fabbri Commissione Europea - Joint Research Centre Major Accident Hazards Bureau (MAHB) Obiettivo della Direttiva Prevenire

Dettagli

FERRO A. RAELI G. La liberalizzazione dei mercati mondiali. Dall ITO alla WTO passando per il GATT Ed. fuori commercio - 1999

FERRO A. RAELI G. La liberalizzazione dei mercati mondiali. Dall ITO alla WTO passando per il GATT Ed. fuori commercio - 1999 FERRO A. RAELI G. La liberalizzazione dei mercati mondiali. Dall ITO alla WTO passando per il GATT Ed. fuori commercio - 1999 CAPITOLO QUARTO LA STRUTTURA DECISIONALE ED AMMINISTRATIVA DELLA ORGA- NIZZAZIONE

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

Jersey e Inghilterra Teoria c. esperienza pratica

Jersey e Inghilterra Teoria c. esperienza pratica S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LEGGI INTERNAZIONALI DEL TRUST Analisi comparata di alcune clausole relative all atto di Trust nelle diverse legislazioni Jersey e Inghilterra Teoria c. esperienza

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

Tuttavia l attrattiva dei Mercati Emergenti per le società commerciali occidentali resta, in prospettiva, estremamente rilevante.

Tuttavia l attrattiva dei Mercati Emergenti per le società commerciali occidentali resta, in prospettiva, estremamente rilevante. Contratti di compravendita e distribuzione internazionale: strategie negoziali e aspetti giuridici dei rapporti con i Mercati Emergenti, in particolare con la Cina 1 Da alcuni decenni i Paesi occidentali

Dettagli

Il contratto internazionale di distribuzione

Il contratto internazionale di distribuzione Il contratto internazionale di distribuzione Firenze, 30 settembre 2011 Avv. Bernardo Parrini Borgo Pinti, 80 50121 Firenze Parte Generale Aspetti peculiari dei contratti internazionali di concessione

Dettagli

ISLL Papers The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php?

ISLL Papers The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php? The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php?channel=papers ISLL - ITALIAN SOCIETY FOR LAW AND LITERATURE ISSN 2035-553X Submitting a Contribution

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

AVVISO n.11560. 20 Giugno 2012 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.11560. 20 Giugno 2012 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.11560 20 Giugno 2012 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Migrazione alla piattaforma Millennium IT: conferma entrata in vigore/migration to

Dettagli

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Tavolo di coordinamento fra Banca d Italia, Consob ed IVASS in materia di applicazione degli IAS/IFRS Trattamento contabile di operazioni di

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi Ang e l a De l Ve c c h i o I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE Angela Del Vecchio I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE BARI

Dettagli

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION TEAM BADIALI CONSULTING CORPORATE FINANCE TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION "contribuire al successo dei nostri clienti attraverso servizi di consulenza di alta qualitá" "to contribute to

Dettagli

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo esperienze / riflessioni Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo Giuliano Vivanet a a Università di Cagliari, giuliano.vivanet@unica.it Abstract Con l obiettivo

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI. Alfonso Angrisani. Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI

Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI. Alfonso Angrisani. Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI Alfonso Angrisani Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI Convegno CBI 2013 Roma, 21 novembre 2013 Agenda n Big Data, problematiche di privacy,

Dettagli

Citare le fonti evitando il plagio a cura di S. Farina e M.C. Garanzini Novembre 2013. Area servizi bibliotecari di Ateneo

Citare le fonti evitando il plagio a cura di S. Farina e M.C. Garanzini Novembre 2013. Area servizi bibliotecari di Ateneo Citare le fonti evitando il plagio a cura di S. Farina e M.C. Garanzini Novembre 2013 Area servizi bibliotecari di Ateneo Questa guida vi spiega Plagio e come evitarlo Tipologie di citazioni Stile della

Dettagli

Tesi, tesine, saggi ed altro...

Tesi, tesine, saggi ed altro... Tesi, tesine, saggi ed altro... Come effettuare una ricerca bibliografica corretta ed esaustiva per cominciare: a) Definire l'obiettivo e l'argomento della ricerca Definito l'obiettivo della ricerca (es.:

Dettagli

Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione

Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione Claudio Chiarenza Responsabile Business Unit Product Italtel Indice eeurope 2005: An information society

Dettagli

Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE)

Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE) Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE) is a Research Project on European Union policies, economic and trade integration processes and WTO negotiations financed by the Italian

Dettagli

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Convegno di presentazione delle attività di ricerca e incontro con gli operatori Claudio Giannotti Direttore del Laboratorio Università LUM giannotti@lum.it

Dettagli

Internazionalizzazione e supporto alle imprese italiane in Brasile

Internazionalizzazione e supporto alle imprese italiane in Brasile Internazionalizzazione e supporto alle imprese italiane in Brasile Monica Cristanelli, Responsabile Ufficio Internazionalizzazione Servizio Imprese, Direzione Marketing Bergamo, 22 settembre 2015 Agenda

Dettagli

Smart Specialisation e Horizon 2020

Smart Specialisation e Horizon 2020 Smart Specialisation e Horizon 2020 Napoli, 2 Febbraio 2013 Giuseppe Ruotolo DG Ricerca e Innovazione Unità Policy Che relazione tra R&D e crescita? 2 Europa 2020-5 obiettivi OCCUPAZIONE 75% of the population

Dettagli

Guida CEN/CENELEC 17. delle micro, piccole e medie imprese (PMI)

Guida CEN/CENELEC 17. delle micro, piccole e medie imprese (PMI) CEN/CENELEC Guide 17 Guida CEN/CENELEC 17 Guidance for writing standards taking into Linee account guida micro, per small la stesura and medium-sized delle norme tenendo in enterprises considerazione (SMEs)

Dettagli

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino Un trattato per il territorio 1.Ambito di applicazione geografico* 2.Partecipazione attiva degli enti territoriali

Dettagli

La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India

La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India Cloud computing e processi di outsourcing dei servizi informatici La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India Domenico Francavilla Dipartimento di Scienze Giuridiche Università

Dettagli

IL PROGRAMMA FULBRIGHT

IL PROGRAMMA FULBRIGHT IL PROGRAMMA FULBRIGHT Linking Minds Across Cultures Commissione per gli Scambi Culturali fra l Italia e gli Stati Uniti (The U.S. - Italy Fulbright Commission) Via Castelfidardo 8 00185 Roma Tel. 06-4888.211

Dettagli