Alberta Fabbricotti. Gli accordi di integrazione economica regionale e il diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alberta Fabbricotti. Gli accordi di integrazione economica regionale e il diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio"

Transcript

1 Alberta Fabbricotti Gli accordi di integrazione economica regionale e il diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio

2 Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2008 II edizione: marzo 2009

3 INDICE Abbreviazioni Premessa PARTE I GLI STRUMENTI NORMATIVI DEL GATT/OMC Introduzione SEZIONE I L ARTICOLO XXIV GATT Capitolo 1 Inquadramento generale L origine La Suggested Charter for an International Trade Organization of the United Nations, Le modifiche apportate alla Prima Sessione del Comitato Preparatorio della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (Londra, 1946), Il lavoro della Seconda Sessione del Comitato Preparatorio (Ginevra, 1947), La Conferenza Mondiale dell Avana e la relativa Carta, Le i- niziative più recenti: l Intesa del 1994 sull interpretazione dell articolo XXIV GATT, in particolare, Segue: il Transparency Mechanism for Regional Trade Agreements del 2006, in particolare, La ratio

4 8 INDICE Analisi della prima frase del paragrafo 4, Analisi della seconda frase del paragrafo 4, Necessità di distinguere le due frasi del paragrafo 4, Conseguenze della mancata distinzione di cui sopra, Il contenuto La deroga alle disposizioni del GATT, Le integrazioni regionali contemplate, Le condizioni di operatività della deroga, Secondo un interpretazione testuale, Secondo l Organo di Appello nel caso Turkey Textiles, Il controllo dei limiti di operatività della deroga Il controllo c.d. politico, La notifica degli accordi prevista al paragrafo 7 dell articolo XXIV, Gli organi preposti al controllo c.d. politico, Il Comitato per gli accordi commerciali regionali (CRTA), La procedura prevista dal Transparency Mechanism for Regional Trade Agreements del 2006, Il controllo c.d. giurisdizionale, La questione della operatività del sistema di soluzione delle controversie del GATT/OMC, Il paragrafo 12 dell Intesa sull interpretazione dell articolo XXIV, L attivazione del DSU, Il coordinamento tra i due tipi di controllo, 110 Capitolo 2 La prassi interpretativa e applicativa Gli obblighi verso l interno La misurazione dell essenziale degli scambi, La portata della liberalizzazione, Gli obblighi verso l esterno Gli obblighi degli Stati membri di un unione doganale, La tariffa esterna comune, L obbligo di compensazioni doganali, Il significato di essenzialmente gli stessi, Gli obblighi degli Stati membri di un area di libero scambio, Il divieto di innalzare le barriere commerciali nei confronti degli Stati terzi, Quale obbligo di compensazione per gli Stati membri di un area di libero scambio?, 141

5 INDICE Le regole di origine Panoramica generale, Le regole di origine quale alternativa alle restrizioni quantitative, Le regole di origine quali regolamentazioni restrittive del commercio, Le regolamentazioni del commercio diverse dai dazi doganali Considerazioni generali e introduttive, Le eccezioni previste al paragrafo 8 (a), (i), e (b), Il contributo dell Intesa del 1994, Alla luce del caso Turkey-Textiles, Secondo la prassi del CRTA, Il requisito temporale La notifica SEZIONE II LA CLAUSOLA DI ABILITAZIONE E L ARTICOLO V GATS Capitolo 3 La Clausola di abilitazione Origine, natura e portata della Clausola, con riferimento alla disciplina delle integrazioni regionali tra paesi in via di sviluppo I requisiti sostanziali I requisiti procedurali o formali L individuazione dei beneficiari della Clausola La categoria degli accordi di integrazione economica regionale a partecipazione mista

6 10 INDICE 3.6 La questione dell esclusività della Clausola Capitolo 4 L articolo V GATS Caratteristiche dell integrazione regionale nel settore dei servizi Gli obblighi verso l interno Gli obblighi verso l esterno Le regole di origine Gli accordi in materia di servizi conclusi tra paesi in via di sviluppo I requisiti procedurali o formali PARTE II PRASSI E DISPOSIZIONI DELLE ORGANIZZAZIONI REGIONALI SEZIONE I L ACCESSO AI MERCATI Introduzione Capitolo 5 Il funzionamento del sistema preferenziale: aspetti generali La copertura del processo di liberalizzazione

7 INDICE Nel commercio dei prodotti, Nel commercio dei servizi, Le regole di origine Nel commercio dei prodotti, Metodi e criteri generali per la determinazione dell origine, Alcuni modelli di regole di origine, Nel commercio dei servizi, L intensità della liberalizzazione Nel commercio dei prodotti, Nel commercio dei servizi, 270 Capitolo 6 Le restrizioni quantitative Inquadramento generale del problema. Delimitazione dell indagine Il divieto di restrizioni quantitative, Le misure di effetto equivalente, Le deroghe al divieto di restrizioni quantitative, Le restrizioni quantitative in alcuni settori specifici del commercio dei prodotti, Le restrizioni quantitative nel commercio dei servizi, Il rapporto tra l articolo XI e l articolo XXIV GATT, Le restrizioni quantitative tra Stati membri I diversi modelli normativi delle integrazioni economiche regionali, Le deroghe all obbligo di eliminazione delle restrizioni quantitative, Le restrizioni quantitative alle importazioni dagli Stati terzi Nelle aree di libero scambio, Nelle unioni doganali, 312

8 12 INDICE Capitolo 7 Le barriere tecniche e normative Inquadramento generale del problema. Delimitazione dell indagine Il significato di barriere tecniche e normative, La disciplina delle barriere tecniche al commercio dei prodotti nel sistema GATT/OMC, Nel GATT, Nell OMC, La giurisprudenza OMC in tema di barriere tecniche al commercio dei prodotti, Il rapporto tra l articolo XXIV e la disciplina GATT/OMC in materia di barriere tecniche, La prassi delle integrazioni regionali in materia di barriere tecniche Difficoltà di una classificazione ratione materiae o ratione finalitatis, Classificazione secondo il tipo di integrazione, Classificazione secondo le modalità dell integrazione (positiva), Le tipologie di MRA (Mutual Recognition Agreements), 348 SEZIONE II LE MISURE DI DIFESA COMMERCIALE Capitolo 8 Le misure di salvaguardia Inquadramento generale del problema. Delimitazione dell indagine La disciplina delle misure di salvaguardia nel GATT/OMC, Il divieto di concludere accordi di autolimitazione volontaria delle esportazioni, La protezione delle infant industries nel quadro del trattamento preferenziale dei paesi in via di sviluppo, Le misure di salvaguardia nel commercio dei servizi, Il rapporto tra l articolo XXIV e la disciplina GATT/OMC in materia di misure di salvaguardia, La nota a piè di pagina all articolo 2, paragrafo 1, dell Accordo sulle salvaguardie, 367

9 INDICE Le misure di salvaguardia regionali o meramente interne all area regionale integrata Il modello GATT/OMC quale parametro di riferimento ai fini di una classificazione delle discipline delle misure di salvaguardia regionali, Classificazione delle clausole di salvaguardia e- conomica regionali, Circa il nesso di causalità tra l aumento delle importazioni di un determinato prodotto e il grave pregiudizio per le imprese nazionali produttrici di quello stesso bene, Circa il requisito della necessità e della proporzionalità (nonché temporaneità) della misura di salvaguardia, Circa l obbligo di notifica e di consultazione (modalità del controllo delle misure di salvaguardia), Circa le compensazioni e le contromisure (o retaliation), Circa i procedimenti di soluzione delle controversie, La protezione delle infant industries negli accordi conclusi tra paesi in via di sviluppo, Le misure di salvaguardia globali negli accordi di integrazione economica regionale: il trattamento dei partner regionali, in particolare La disciplina delle salvaguardie globali nelle aree di libero scambio, La disciplina delle salvaguardie globali nelle u- nioni doganali, 390 PARTE III IN GUISA DI CONCLUSIONE Capitolo 9 L autonomia delle integrazioni economiche regionali rispetto all OMC Premessa metodologica L autonomia rispetto alla disciplina dell OMC Il mancato rispetto delle condizioni poste dalle deroghe generali OMC relative alle integrazioni economiche regionali, con particolare riferimento all articolo XXIV GATT, Gli interstizi di autonomia prodotti dalla coesistenza delle deroghe generali (in particola-

10 14 INDICE re, l articolo XXIV GATT) con le clausole specifiche di accordi diversi dal GATT, (Segue): il caso in cui l articolo XXIV deroga alle disposizioni dell accordo speciale (in particolare, l Accordo sulle misure di salvaguardia), Con riferimento alle misure di salvaguardia regionali o meramente interne, Con riferimento alle misure di salvaguardia globali, (Segue): il caso in cui l articolo XXIV non deroga alle disposizioni dell accordo speciale (in particolare, l Accordo TBT), Gli spazi di autonomia riconducibili alle lacune del sistema OMC: alcuni esempi concreti Le regole di origine come strumento di dirottamento dei flussi commerciali e degli investimenti esteri e di alterazione degli obblighi di liberalizzazione interna, La manipolazione della protezione dei valori non commerciali, Gli impegni a geometria variabile, Il differimento di obblighi derivanti dall OMC, L autonomia quale si ricava dall osservazione empirica delle modalità del regionalismo economico moderno La proliferazione degli accordi di integrazione economica regionale, La creazione di modelli di integrazione economica regionale più sviluppati rispetto alle aree di libero scambio e alle u- nioni doganali, La proliferazione di modalità di integrazione ibride, La proliferazione di modalità di integrazione regionale OMC-plus, Gli accordi misti tra PVS e paesi industrializzati, Le integrazioni regionali prive di struttura normativa e istituzionale, La sovrapposizione di accordi, Gli accordi di integrazione regionale tra paesi lontani geograficamente, 444 Bibliografia

11 ABBREVIAZIONI AFDI Annuaire Français de Droit International AJIL American Journal of International Law Am. Econ. Rev. The American Economic Review Asian YIL Asian Yearbook of International Law ASIL Proc. American Society of International Law Proceedings BISD Basic Instruments and Selected Documents (GATT) BYIL British Yearbook of International Law CMLR Common Market Law Review CI La Comunità Internazionale DCI Diritto del commercio internazionale Duke J. Comp. & Int l L. Duke Journal of Comparative and International Law EJIL European Journal of International Law Eur. L. Rev. European Law Review EZW Europäische Zeitschrift für Wirtschaftsrecht Fordham Int l L. J. Fordham International Law Journal Foreign Aff. Foreign Affairs GAOR General Assembly Official Records Geo. Wash. Int l L. Rev. George Washington International Law Review GUCE Gazzetta ufficiale delle Comunità europee GYIL German Yearbook of International Law Harv. Int l L. J. Harvard International Law Journal ICLQ International and Comparative Law Quarterly ILM International Legal Materials Indian J. Int l L. Indian Journal of International Law Int l Law. The International Lawyer Int.T.L.R. International Trade Law and Regulation ITLR International Trade Law Reports IYIL Italian Yearbook of International Law J. Comm. Market Studies Journal of Common Market Studies JDI Journal du droit international JIEL Journal of International Economic Law JWI(T) The Journal of World Investment (and Trade) JWT(L) Journal of World Trade (Journal of World Trade Law, fino al 1987) Law & Pol y Int l Bus. Law and Policy in International Business 15

12 16 ABBREVIAZIONI LIEI Legal Issues of Economic Integration LPIB Law and Policy in International Business MPEPIL Max Planck Encyclopedia of Public International Law (a cura di R. Wolfrum) Max Planck UNYB Max Planck Yearbook of United Nations Law Mich. J. Int l L. Michigan Journal of International Law Minn. J. Glob. Trade Minnesota Journal of Global Trade NAFTA: L. & Bus. Rev. Am. NAFTA: Law and Business Review of the Americas NILR Netherlands International Law Review NY Law School J.Int l Comp.L. New York Law School Journal of International and Comparative Law Nw. J. Int l L. & Bus. Northwestern Journal of International Law and Business PCIJ Series Permanent Court of International Justice Series Raccolta Raccolta della Giurisprudenza della Corte e del Tribunale di primo grado RCADI Recueil des Cours de l Académie de Droit International de la Haye Riv. Dir. Eur. Rivista di diritto europeo RDI Rivista di diritto internazionale RECIEL Review of European Community & International Environmental Law Rev. Droit Union Eur. Revue du Droit de l Union Européenne Rev. jur. pol. econ. du Maroc Revue juridique, politique et économique du Maroc RGDIP Revue Générale de Droit International Public RMCUE Revue du Marché commun et de l Union européenne Rev. Trim. Droit Eur. Revue trimestrielle de droit européen Texas Int l L. Forum Texas International Law Forum U. Chi. L. Rev. The University of Chicago Law Review UNTS United Nations Treaty Series U. Pa. J. Int l Econ. L. University of Pennsylvania Journal of International Economic Law Yale J. Int l L. The Yale Journal of International Law YILC Yearbook of the International Law Commission Wis. Int l L. J. Wisconsin International Law Journal WB Econ. Rev. The World Bank Economic Review W Econ. The World Economy WTR World Trade Review

13 PREMESSA Questo libro è il frutto di una ricerca da me condotta nell arco degli ultimi dieci anni. La mia attuale decisione di dare alle stampe quanto fin qui elaborato nasce, da un lato, dal desiderio di mettere finalmente un punto fermo nella storia di questa ricerca, e, dall altro, devo ammetterlo, dalla preoccupazione di veder invecchiare in un cassetto i risultati di un lavoro già molto esteso. In effetti, un tale rischio c è, visto che il fenomeno dell integrazione economica regionale, che questo libro si propone di descrivere ed analizzare, muta incessantemente, sviluppando sempre dinamiche diverse e stimolando nuove riflessioni e costruzioni sul piano del diritto internazionale. Dato quanto precede, mi permetto di segnalare, a complemento di questo volume, i contributi da me presentati in alcuni recenti convegni internazionali; contributi che, già presenti sul web o in corso di stampa, sono in grado di dare un idea esatta dello stato attuale della mia ricerca. Si tratta di: The Interplay Between the WTO and the RTAs: Is It A Question of Interrelation Between Different Sources of International Law?, Paper presented at the Society of International Economic Law Inaugural Conference, Geneva, July 15-17, 2008, SIEL Online Proceedings Working Paper No. 12/08, abstract= The WTO and RTAs: A Bottom-Up Interpretation of RTAs Autonomy Over WTO Law, in S. Frankel, M. Kolsky Lewis (eds), International Economic Law and National Autonomy: Convergence or Divergence?, in corso di stampa (Cambridge University Press). 17

14 18 PREMESSA Aggiungo che a marzo 2009 dovrei partecipare ad un panel sul tema Multilateralizing Regionalism and the Future Architecture of International Trade Law as a System of Law, nell ambito dell ASIL (American Society of International Law) Annual Meeting, anticipando che tale dibattito verrà poi pubblicato negli ASIL Proceedings. Passando ad aspetti più tecnici di questo volume, informo che le citazioni dei rapporti dei Panels e dell Organo di appello riportano la data del documento e non quella dell adozione del rapporto. Ho inteso in tal modo allinearmi alle modalità generalmente seguite dalle opere italiane sull OMC (quelle di lingua inglese usano invece la data di a- dozione del rapporto). Ho dato di proposito il plurale alle parole inglesi Panel e Working Party. Ciò contro la nota regola grammaticale italiana ma in linea, mi sembra, con altre opere italiane. Infine, desidero ringraziare il Max Planck Institut für ausländisches öffentliches Recht und Völkerrecht, nelle persone dei suoi due attuali direttori, il Professor Rüdiger Wolfrum e il Professor Armin von Bogdandy, e di tutti coloro, ricercatori, dottorandi e studiosi, bibliotecari, che ho incontrato a Heidelberg nel lontano Il ricordo di quella straordinaria stagione passata all Institut, in un ambiente estremamente vivo, sia sul piano del confronto e degli stimoli professionali che su quello umano in genere, mi ha dato, al ritorno a Roma, la forza di perseguire i miei obiettivi con rinnovata determinazione. Un particolare, affettuoso saluto va a Anne van Aaken, Holger Hestermeyer, Mariela Morales Antoniazzi, Joachim Schwietzke. Naturalmente tutta la mia riconoscenza spetta a Giovanni, Edoardo, Saverio e Filippo, ai quali ho per troppo tempo sottratto una gran parte di me per dedicarla a questo libro.

15 PARTE I GLI STRUMENTI NORMATIVI DEL GATT/OMC 19

16

17 INTRODUZIONE La crescente proliferazione di accordi di integrazione economica regionale costituisce senza dubbio una delle sfide vitali che il sistema multilaterale degli scambi sia oggi chiamato ad affrontare 1. Evidentemente, all origine di questa sfida vi è una anomalia non solo di tipo comportamentale ma anche giuridica, determinata dalla coesistenza, tra i principi che regolano le relazioni tra Stati, di valori ed indirizzi contrastanti. Da un lato, il regionalismo sembrerebbe quasi assurgere a caposaldo delle relazioni economiche tra gli Stati, che, come tale, necessiterebbe di essere incoraggiato e difeso 2. In tal senso depone il primo paragrafo dell articolo 12 della Carta dei diritti e doveri economici degli Stati, il quale contempla un vero e proprio diritto, per gli Stati, di prendere parte ad intese regionali, per il perseguimento del loro sviluppo economico e sociale 3. Sebbene la Carta non abbia di per sé carattere vincolante, giacché trattasi formalmente di una risoluzione 1 Vd., in generale, C. PRIMO BRAGA, Comments on the Proliferation of Regional Integration Arrangements, in LPIB 1996, pp Sul punto, vd. E. TRIGGIANI, Il trattamento della nazione più favorita, Jovene, Napoli, 1984, a p L articolo 12 della Carta dei diritti e dei doveri economici degli Stati recita: 1. States have the right, in agreement with the parties concerned, to partecipate in subregional, regional and interregional co-operation in the pursuit of their economic and social development. All States engaged in such co-operation have the duty to ensure that the policies of those groupings to which they belong correspond to the provisions of the present Charter and are outward-looking, consistent with their international obligations and with the needs of international economic co-operation, and have full regard for the legitimate interests of third countries, especially developing countries. 2. In the case of groupings to which the States concerned have transferred or may transfer certain competences as regards matters that come within the scope of the present Charter, its provisions shall also apply to those groupings in regard to such matters, consistent with the responsabilities of such States as members of such groupings. Those States shall co-operate in the observance by the groupings of the provisions of this Charter. Cfr. G.A. Resolution 3281 (XXIX), 12 December 1974, in GAOR, 29 th Session, Supplement N. 31, Doc. A/9631, pp

18 22 PARTE I Gli strumenti normativi del GATT/OMC dell Assemblea Generale delle Nazioni Unite, si deve infatti ritenere che la disposizione del suo articolo 12, la quale riecheggia l ethos dell articolo 52 dello Statuto delle Nazioni Unite, reiteri un principio consolidato del commercio internazionale, e delle relazioni economiche internazionali in generale 4. Dall altro lato, tali accordi economici regionali hanno per definizione ad oggetto la reciproca concessione tra le parti di un trattamento commerciale preferenziale 5, cosicché risultano potenzialmente in conflitto con la portata generale e non-discriminatoria dei principi e delle norme che regolano il commercio mondiale. Sotto il profilo giuridico si pone allora, preliminarmente ad ogni altro, il problema della compatibilità tra questi sistemi normativi particolari di integrazione economica ed il sistema di norme che disciplina gli 4 Questo è un punto già da noi recentemente evidenziato. Si veda A. FABBRICOTTI, The WTO and RTAs: A Bottom-Up Interpretation of RTAs Autonomy Over WTO Law, in S. FRANKEL e M. KOLSKY LEWIS (a cura di), International Economic Law and National Autonomy: Convergence or Divergence?, in corso di stampa presso Cambridge University Press; 5 Si fa qui riferimento ai soli accordi economici regionali commerciali, ai sensi della definizione che ne viene data, in una nota a piè di pagina, nella decisione del Consiglio Generale dell OMC del 1996 che ha istituito il Comitato per gli accordi commerciali regionali. Cfr. Doc. WT/L/127, del 7 febbraio In tale nota si precisa che con il termine accordi si intendono tutte le convenzioni bilaterali, regionali o multilaterali con le quali le parti reciprocamente si accordano delle condizioni preferenziali nei loro scambi commerciali. Alcuni autori preferiscono partire da una visione empirica, e in certo senso più completa, del fenomeno, come ad es. Triggiani, il quale, a proposito del regionalismo economico, distingue tre diverse finalità caratterizzanti gli accordi regionali: solo nei paesi industrializzati l integrazione regionale si concretizzerebbe principalmente nella riduzione o abolizione delle tariffe doganali e degli altri ostacoli al commercio tra gli Stati membri; nei paesi in via di sviluppo, l obiettivo fondamentale sarebbe invece l accelerazione del processo di industrializzazione, mentre nei paesi socialisti, l integrazione economica avrebbe (avuto) lo scopo di realizzare una divisione internazionale del lavoro nell ambito degli Stati interessati, nonché di perseguire tra questi ultimi una coesione politica ed ideologica. Cfr. E. TRIGGIANI, Il trattamento della nazione più favorita, cit., pp Nella stessa, più ampia, prospettiva, vd. già E. AGNOLETTO, Accordi regionali d integrazione e cooperazione economica, in P. PICONE e G. SACERDOTI (a cura di), Diritto internazionale dell economia, Franco Angeli, Milano, 1982, pp Ora, a parte il fatto che l OMC si cura solo degli accordi commerciali nel senso stretto sopra indicato come è ovvio che sia, e ciò basterebbe a giustificare una impostazione più selettiva del fenomeno, si può anche argomentare che, con tutta probabilità, gli accordi economici diversi da quelli che stabiliscono delle preferenze commerciali siano oggi relativamente ridotti in numero e piuttosto modesti come fenomeno sociale internazionale, in parte per il raggiungimento dello sviluppo industriale ad opera di molti dei paesi prima economicamente depressi, si pensi ai c.d. NICs (Newly Industrializing Countries, quali Hong Kong, Singapore, Taiwan) asiatici, in parte per l intercorso smantellamento del sistema egemonico socialista.

19 INTRODUZIONE 23 scambi internazionali ad un livello universale, tra le organizzazioni internazionali regionali che sovrintendono al funzionamento di quei sistemi particolari e l Organizzazione mondiale del commercio, ossia l ente che amministra il sistema multilaterale degli scambi e con il quale ha finito, se non altro nell immaginario collettivo, per identificarsi 6. 6 La letteratura sulla questione della compatibilità degli accordi di integrazione regionale con il sistema GATT/OMC è sconfinata. Un potenziale campionario di tali scritti dovrebbe includere: K.W. DAM, Regional Economic Arrangements and the GATT. The Legacy of a Misconception, in U. Chi. L. Rev. 1963, pp ; H. STEINBERGER, GATT und regionale Wirtschaftzusammenschlüsse, Heymanns, Köln-Berlin, 1963; P. LORTIE, Economic Integration and the Law of GATT, Praeger, New York-Washington-London, 1975; R.S. IMHOOF, Le GATT et les zones de libre-échange, Georg, Genève, 1979; J. HUBER, The Practice of GATT in Examining Regional Arrangements under Article XXIV, in J. Comm. Market Studies 1981, pp ; K. ANDER- SON e R. BLACKHURST (a cura di), Regional Integration and the Global Trading System, Harvester, New York, 1993; J. DE MELO e A. PANAGARIYA (a cura di), New Dimensions in Regional Integration, Cambridge University Press, Cambridge, 1993; G. SACERDOTI e S. ALESSANDRINI (a cura di), Regionalismo economico e sistema globale degli scambi, Giuffrè, Milano, 1994; WTO, Regionalism and the World Trading System, Geneva, 1995; T. GEIGER e D. KENNEDY (a cura di), Regional Trade Blocs, Multilateralism and the GATT: Complementary Paths to Free Trade?, Pinter, London, 1996; P. DEMARET, J.-F. BELLIS e G. GARCIA JIMENEZ (a cura di), Regionalism and Multilateralism after the Uruguay Round. Convergence, Divergence and Interaction, EIP, Bruxelles, 1997; E. TRIGGIANI, La disciplina del commercio internazionale tra multilateralismo e regionalismo, in SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO INTERNAZIONALE SIDI (a cura di), Diritto e organizzazione del commercio internazionale dopo la creazione della Organizzazione Mondiale del Commercio, Atti del Convegno: Milano 5-7 giugno 1997, Editoriale Scientifica, Napoli, 1998, pp ; T.N. SRINIVASAN, Regionalism and the WTO: Is Nondiscrimination Passé?, in A.O. KRUEGER (a cura di), The WTO as an International Organization, University Press, Chicago and London, 1998, pp ; SUNGJOON CHO, Breaking the Barrier Between Regionalism and Multilateralism. A New Perspective on Trade Regionalism, in Harv. Int l L. J. 2001, pp ; G. MARCEAU e C. REIMAN, When and How is a Regional Trade Agreement Compatible with the WTO?, in LIEI 2001, ; WTO (a cura di), Regional Trade Integration under Transformation, Seminar on Regionalism and the WTO, Geneva 26 April 2002, in: (ultima visita il 30 ottobre 2008); C. DEBLOCK, Les accords régionaux et le régionalisme, in C. DEBLOCK, (a cura di), L Organisation Mondiale du Commerce. Où s en va la mondialisation?, Fides, Saint-Laurent, Québéc, 2002, pp ; F. SNYDER (a cura di), Regional and Global Regulation of International Trade, Hart, Oxford, 2002; J.H. MATHIS, Regional Trade Agreements in the GATT/WTO. Article XXIV and the Internal Trade Requirement, T.M.C. Asser Press, The Hague, 2002; G.P. SAMPSON e S. WOOLCOCK (a cura di), Regionalism, Multilateralism, and Economic Integration. The Recent Experience, The United Nations University Press, New York, 2003; WTO (a cura di), Seminar on Regional Trade Agreements and the WTO, 14 November 2003, in: (ultima visita il 30 ottobre 2008); J. TENIER, Intégrations régionales et mondialisation. Complémentarité ou contradiction, La Documentation Française, Paris, 2003; OECD INDUSTRY SERVICES TRADE, Regionalism and the Multilateral Trading System, Paris 2003; R. THEN DE LAMMERSKÖTTER, WTO und Regional Trade Agreements (RTAs). Artikel XXIV und die enabling clause im Lichte eines

20 24 PARTE I Gli strumenti normativi del GATT/OMC In termini astratti, si tratterebbe di confrontare i testi degli accordi che si presumono contrapposti e di verificare se hanno un dettato e una portata tra loro contrastante al punto che l esecuzione di uno dei due accordi in questione risulti, anche solo parzialmente, pregiudicata. Questa operazione, nel caso del rapporto tra sistemi di integrazione economica regionale e OMC, diventa quasi superflua perché l esistenza di un conflitto tra di essi è di per sé un dato incontrovertibile, in quanto, come è stato osservato a proposito degli accordi regionali in oggetto, [t]he very nature of such an arrangement involves a departure from the Most-Favored-Nation principle 7. Esplicando cioè i loro effetti i principi non-discriminatori dell OMC, e la clausola della nazione più favorita in particolare, gli accordi di integrazione economica sarebbero del tutto impossibili, non avendo modo di operare 8. Non è un caso, dunque, ma espressione di una necessità avvertita diffusamente dalla comunità internazionale, che il sistema OMC provveda esso stesso, seppure in modo ambiguo, frammentario e lacunoso, a regolamentare il fenomeno delle integrazioni regionali. Tale funzione è innanzitutto demandata ad alcune delle disposizioni dell articolo idealen Regulierungssystems, Europäisches und Internationales Integrationsrecht: Band 6, LIT Verlag, Hamburg, 2004); C.B. PICKER, Regional Trade Agreements v. the WTO. A Proposal For Reform of Article XXIV to Counter Their Institutional Threat, in U. Pa. J. Int l Econ. L 2005, pp ; N. J. S. LOCKART e A.D. MITCHELL, Regional Trade Agreements Under GATT An Exception And Its Limits, in A.D. MITCHELL (a cura di), Challenges and Prospects for the WTO, Cameron May, London, 2005, pp ; L. BARTELS e F. ORTINO (a cura di), Regional Trade Agreements and the WTO Legal System, Oxford University Press, Oxford, 2006; P.C. MAVROIDIS, If I Don t Do It, Somebody Else Will (Or Won t). Testing the Compliance of Preferential Trade Agreements With the Multilateral Rules, in JWT 2006, pp ; WTO-HEI Conference on Multilateralising Regionalism, Geneva, September 2007, in: org/english/tratop_e/region_e/conference_sept07_e.htm (ultima visita il 30 ottobre 2008); Y. DEVUYST e A. SERDAREVIC, The World Trade Organizations and Regional Trade Agreements. Bridging the Constitutional Credibility Gap, in Duke J. Comp. & Int l L. 2007, pp. 1-75; R. BU- CKLEY, V.I. LO e L. BOULLE (a cura di), Challenges to Multilateral Trade: The Impact of Bilateral, Preferential and Regional Agreements, Kluwer Law International, Alphen aan den Rijn, 2008; D. AHN, Foe Or Friend of GATT Article XXIV. Diversity in Trade Remedy Rules, in JIEL 2008, pp ; H. GHERARI, Organisation Mondiale du Commerce et accords commerciaux régionaux. Le bilatéralisme conquérant ou le nouveau visage du commerce international, in RGDIP 2008, pp Cfr. J.H. JACKSON, World Trade and the Law of GATT, Bobbs-Merrill, Indianapolis, 1969, p Cfr. P. PICONE e A. LIGUSTRO, Diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio, CEDAM, Padova, 2002, p. 505.

INDICE. Presentazione... Abbreviazioni... Parte I I PROFILI ISTITUZIONALI E IL NEGOZIATO DI DOHA

INDICE. Presentazione... Abbreviazioni... Parte I I PROFILI ISTITUZIONALI E IL NEGOZIATO DI DOHA INDICE Presentazione... Abbreviazioni... XI XIII Parte I I PROFILI ISTITUZIONALI E IL NEGOZIATO DI DOHA GLI ASSETTI ISTITUZIONALI ATTUALI E FUTURI DELL OMC di Michele Vellano 1. L OMC di fronte alla sfida

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede Amministrativa del Dottorato di Ricerca

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede Amministrativa del Dottorato di Ricerca UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede Amministrativa del Dottorato di Ricerca UNIVERSITÀ degli studi di Roma Tor Vergata, UNIVERSITÀ degli studi di Roma La Sapienza UNIVERSITÀ Cattolica del Sacro Cuore

Dettagli

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio Normativa RAEE 2 e normativa sui rifiuti di Pile ed Accumulatori : gli obblighi posti in capo ai Produttori che introducono AEE, Pile e accumulatori in paesi diversi da quelli in cui sono stabiliti Avv.

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

DOTT.SSA ALBERTA FABBRICOTTI CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

DOTT.SSA ALBERTA FABBRICOTTI CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DOTT.SSA ALBERTA FABBRICOTTI CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Posizione accademica e incarichi attuali E attualmente Ricercatore universitario confermato nonché Docente incaricata di Diritto Internazionale

Dettagli

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA LA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA Articolo 92 La Corte Internazionale di Giustizia costituisce il principale organo

Dettagli

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile A12 Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

Unione europea. Unione europea, Corte di giustizia, Parlamento c. Consiglio, causa C-130/10, sentenza del 19 luglio 2012 (www.curia.europa.

Unione europea. Unione europea, Corte di giustizia, Parlamento c. Consiglio, causa C-130/10, sentenza del 19 luglio 2012 (www.curia.europa. Unione europea Tutela dei diritti fondamentali e basi giuridiche di sanzioni UE nei confronti di persone, o enti non statali, collegati con attività terroristiche Sommario: 1. Il problema della scelta

Dettagli

Elisabetta Morlino Pubblicazioni. 1. I contratti delle organizzazioni internazionali, Napoli, Editoriale Scientifica, 2012

Elisabetta Morlino Pubblicazioni. 1. I contratti delle organizzazioni internazionali, Napoli, Editoriale Scientifica, 2012 Elisabetta Morlino Pubblicazioni a) Monografie 1. I contratti delle organizzazioni internazionali, Napoli, Editoriale Scientifica, 2012 b) Curatele 1. La parità di genere nella pubblica amministrazione,

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Valentina Ranaldi Cooperazione giudiziaria in materia penale. Il mandato di arresto europeo nella giurisprudenza italiana

Valentina Ranaldi Cooperazione giudiziaria in materia penale. Il mandato di arresto europeo nella giurisprudenza italiana A12 Valentina Ranaldi Cooperazione giudiziaria in materia penale Il mandato di arresto europeo nella giurisprudenza italiana Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE "BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI"

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI Atti assembleari IX LEGISLATURA Commissioni DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E DI REGOLAMENTO PROVVEDIMENTI E RELAZIONI DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA

Dettagli

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari POSITION PAPER 8 giugno 2007 1. Premessa L Associazione Bancaria Italiana (di seguito ABI), che con oltre 800 banche

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

Lo Scambio di Informazioni ad Hong Kong

Lo Scambio di Informazioni ad Hong Kong Hong Kong, 29 marzo 2016 Newsletter Hong Kong Lo Scambio di Informazioni ad Hong Kong 1. Cos è lo Scambio di Informazioni? Lo scambio di informazioni ( Scambio di Informazioni ) è la trasmissione da parte

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

Le convenzioni internazionali

Le convenzioni internazionali Le convenzioni internazionali La convenzione di Parigi Patent Cooperation Treaty European Patent Convention Community Patent Convention Accordi TRIPs e European Innovation Scoreboard Deposito secondo la

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

Le principali istituzioni. economiche internazionali

Le principali istituzioni. economiche internazionali Le principali istituzioni economiche internazionali Quali sono? Fondo Monetario Internazionale Banca Mondiale Organizzazione Mondiale del Commercio Le prime due sono nate dalla conferenza di Bretton Woods

Dettagli

Approfondimento Diritto e attività agricola europea

Approfondimento Diritto e attività agricola europea Approfondimento Diritto e attività agricola europea La globalizzazione Il termine globalizzazione indica, in primo luogo, il processo economico, sociale, politico e culturale attraverso il quale i mercati

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

Signor Presidente, Signori Senatori,

Signor Presidente, Signori Senatori, AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO ANTONIO CATRICALÀ PRESSO LA I COMMISSIONE PERMANENTE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA NELL AMBITO DELL INDAGINE CONOSCITIVA SUL

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio Traduzione 1 Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio 0.632.20 Concluso a Marrakech il 15 aprile 1994 Approvato dall Assemblea federale il 16 dicembre 1994 2 Ratificato dalla Svizzera

Dettagli

Recensione. Giorgio Sacerdoti, General Interests Of Host States In International Investment Law, Cambridge, Cambridge University Press, 2014, pp.

Recensione. Giorgio Sacerdoti, General Interests Of Host States In International Investment Law, Cambridge, Cambridge University Press, 2014, pp. Recensione. Giorgio Sacerdoti, General Interests Of Host States In International Investment Law, Cambridge, Cambridge University Press, 2014, pp. 461 di Ruggiero Cafari Panico Il volume collettaneo curato

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE INDICE SOMMARIO Abbreviazioni... XV INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE 1. I tribunali penali internazionalizzati: nozione. Origine e inquadramento del fenomeno... 1 2. Problemi di classificazione

Dettagli

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE Agenda Item 9 EACC(11)M22Prep-QUESTIONS TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE WARNING: Documento NON UFFICIALE. Quando disponibile il verbale

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI DELLA PROF. ELENA SCISO

ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI DELLA PROF. ELENA SCISO ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI DELLA PROF. ELENA SCISO Monografie e lavori a carattere monografico - Gli accordi internazionali confliggenti CACUCCI, Bari, 1986, pp. XVI-406 Recensito in: The American Journal

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

La salute: definizione e dibattito. Professoressa Julita Sansoni

La salute: definizione e dibattito. Professoressa Julita Sansoni La salute: definizione e dibattito Professoressa Julita Sansoni Medicina & Politica The primary determinants of disease are mainly economic and social, and therefore its remedies must also be economic

Dettagli

Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003

Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003 Lucia Baldi Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003 ARACNE Copyright MMV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133

Dettagli

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 Direttore Raffaele Chiarelli Università Telematica Guglielmo Marconi Comitato Scientifico Eugenio De Marco Università degli Studi di Milano Claudio Rossano Sapienza

Dettagli

La nuova legislazione sulla Farmacovigilanza. Responsabilità e compiti dell AIFA. Laura Sottosanti. Roma, 13 settembre 2012

La nuova legislazione sulla Farmacovigilanza. Responsabilità e compiti dell AIFA. Laura Sottosanti. Roma, 13 settembre 2012 La nuova legislazione sulla Farmacovigilanza Responsabilità e compiti dell AIFA Laura Sottosanti Roma, 13 settembre 2012 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione

Dettagli

LISTA PERIODICI CORRENTI 2011

LISTA PERIODICI CORRENTI 2011 LISTA PERIODICI CORRENTI 2011 A Acque e terre - bimestrale di politica internazionale Affari Esteri trimestrale dell Associazione italiana per gli studi in politica estera (AISPE) American economic journal

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

27 novembre 2013. Proprietà intellettuale e competitività: il nuovo brevetto unitario. Sub-title

27 novembre 2013. Proprietà intellettuale e competitività: il nuovo brevetto unitario. Sub-title 27 novembre 2013 Proprietà intellettuale e competitività: il nuovo brevetto unitario Sub-title Title of the presentation Date N Caratteristiche e prossimi sviluppi del nuovo strumento di protezione delle

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

Premesso che: all aviazione civile internazionale.

Premesso che: all aviazione civile internazionale. PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ PER L AVIAZIONE CIVILE E LA NAVIGAZIONE MARITTIMA DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E L AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL VOLO Visto l art. 26 della Convenzione relativa

Dettagli

L attuazione dell articolo 11 della legge costituzionale n. 3/2001

L attuazione dell articolo 11 della legge costituzionale n. 3/2001 L attuazione dell articolo 11 della legge costituzionale n. 3/2001 di Luigi Gianniti Sommario 1. Cenni introduttivi. 2. Un problema di fonti. 3. Argomenti a favore del ricorso ai regolamenti parlamentari.

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

PAOLA FOSSATI. Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE

PAOLA FOSSATI. Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE PAOLA FOSSATI Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE La nuova sensibilità nei confronti degli animali non umani e il progredire delle

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Raccomandazione di Nairobi, XIX Conferenza dell'unesco

Raccomandazione di Nairobi, XIX Conferenza dell'unesco Raccomandazione di Nairobi, XIX Conferenza dell'unesco La Raccomandazione sulla tutela legale dei traduttori e della traduzione e gli strumenti pratici per migliorare la condizione dei traduttori è stata

Dettagli

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la NOVITA INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2004/18/CE CONCERNENTE GLI APPALTI NEI SETTORI CLASSICI NONCHE DALLA DIRETTIVA 2004/17/CE DEL 31 MARZO 2004 RIGUARDANTE GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

LEZIONE 23 : Dumping e misure antidumping (Protezione amministrata)

LEZIONE 23 : Dumping e misure antidumping (Protezione amministrata) LEZIONE 23 : Dumping e misure antidumping (Protezione amministrata) In alcuni casi il protezionismo assume delle forme poco trasparenti ed è difficile stabilire se una misura abbia o meno natura protezionistica

Dettagli

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Federico Vanetti In un precedente commento sulle disposizioni transitorie

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE PERIODICI CEE TITOLO periodico 1 COMMON MARKET LAW REVIEW KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE IN BIBLIOTECA DAL VERSIONE CARTA/ONLINE 2 CONSENSUS FORECASTS G7 COUNTRIES WESTERN EUROPE -SINGLE USER CONSENSUS ECONOMICS

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A.

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Salerno, 18 giugno 2014 Palazzo di Città, Salone dei Marmi Domenico Gammaldi Banca d Italia

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163

Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Atto di segnalazione n.

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Elenco completo periodici in abbonamento 20 giugno 2013 Ver. 1.0 Ministero dell Economia e delle Finanze Ufficio per il coordinamento tecnico logistico Biblioteca e ufficio di documentazione del DT Sommario

Dettagli

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Traduzione 1 Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Adottati a Kampala il 11 giugno 2010 2 Approvati dall'assemblea federale il... 3 Strumenti

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli

Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia

Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia A12 Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia Aracne editrice www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it Copyright MMXVI Gioacchino Onorati editore S.r.l. unipersonale www.gioacchinoonoratieditore.it

Dettagli

Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari

Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari 1 Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari 1) Tipologia A conclusione del Corso di studio, gli studenti sono tenuti a sostenere un esame finale che consiste nella discussione

Dettagli

Informative posta elettronica e internet

Informative posta elettronica e internet SOMMARIO Disclaimer mail che rimanda al sito internet 2 Informativa sito internet 3 Data Protection Policy 5 pag. 1 Disclaimer mail che rimanda al sito internet Il trattamento dei dati avviene in piena

Dettagli

PARTECIPAZIONE ALLA INAUGURAL INCU GLOBAL CONFERENCE 2014 "TRADE FACILITATION POST-BALI: PUTTING POLICY INTO PRACTICE"

PARTECIPAZIONE ALLA INAUGURAL INCU GLOBAL CONFERENCE 2014 TRADE FACILITATION POST-BALI: PUTTING POLICY INTO PRACTICE PARTECIPAZIONE ALLA INAUGURAL INCU GLOBAL CONFERENCE 2014 "TRADE FACILITATION POST-BALI: PUTTING POLICY INTO PRACTICE" Baku ha ospitato, dal 20 al 23 maggio, la prima conferenza mondiale della Rete Internazionale

Dettagli

Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Informatica, Università di Torino.

Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Informatica, Università di Torino. Curriculum Vitae et Studiorum Sabrina Praduroux Posizione attuale Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Informatica, Università di Torino. Professore a contratto presso il Dipartimento di Culture,

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE

IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE Cendon / Book DIRITTO INTERNAZIONALE PROFESSIONAL IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE Diego Comba Monica Rosano Edizione MAGGIO 2015 Copyright MMXV KEY SRL VIA PALOMBO 29 03030 VICALVI

Dettagli

La determinazione del reddito. dei profitti alla stabile organizzazione, di Stefano Chirichigno e Valerio Cirimbilla

La determinazione del reddito. dei profitti alla stabile organizzazione, di Stefano Chirichigno e Valerio Cirimbilla La determinazione del reddito «personale» di Stefano Chirichigno e Valerio Cirimbilla La Corte di cassazione, con la sentenza n. 8488 del 2010, si è pronunciata sul tema della stabile organizzazione «personale».

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

Sadro Nardi Testamento e rapporto contrattuale

Sadro Nardi Testamento e rapporto contrattuale A12 425 Sadro Nardi Testamento e rapporto contrattuale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 «Politica di immigrazione Diritto al ricongiungimento familiare dei figli minori di cittadini di paesi terzi Tutela dei diritti

Dettagli

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili Lo scorso 20 febbraio 2015 il Governo ha approvato lo schema di decreto attuativo sui contratti flessibili

Dettagli

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI 1. GUIDA ALLA COMPILAZIONE QUANDO DEVE ESSERE COMPILATA?

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

The Best Practices Book Version: 2.5

The Best Practices Book Version: 2.5 The Best Practices Book Version: 2.5 The Best Practices Book (2.5) This work is licensed under the Attribution-Share Alike 3.0 Unported license (http://creativecommons.org/ licenses/by-sa/3.0/). You are

Dettagli

I N D I C E S O M M A R I O

I N D I C E S O M M A R I O I N D I C E S O M M A R I O Abbreviazioni... pag. XV CAPITOLO PRIMO PROFILI INTRODUTTIVI 1. Un nuovo modello istituzionale di giustizia penale: i tribunali penali misti... pag. 1 2. Le ragioni di ordine

Dettagli

Il commercio internazionale (cap. 12)

Il commercio internazionale (cap. 12) Il commercio internazionale (cap. 12) Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali I vantaggi

Dettagli

CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA. I. Diritto antitrust in generale

CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA. I. Diritto antitrust in generale CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA Sommario: I. Diritto antitrust in generale - II. Intese (Kartelle) - 1. Intese vietate in Austria - 2. Alcune differenze con l Italia - 3. Alcune differenze

Dettagli

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA a cura di Roberto Cafferata Saggi di Gianpaolo Abatecola, Alessandro Giosi, Sara Poggesi, Francesco Scafarto, Silvia Testarmata ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice

Dettagli

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*)

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) NOTE E COMMENTI 801 Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) Bernardo Giorgio Mattarella Rispetto alle consulte di garanzia statutarie, la sentenza 200/2008 della Corte

Dettagli

Progetto CHANGE THE WORLD MODEL UNITED NATIONS 2013/14. Corso di formazione e selezione, per i Model United Nations e il Future Leaders Programme

Progetto CHANGE THE WORLD MODEL UNITED NATIONS 2013/14. Corso di formazione e selezione, per i Model United Nations e il Future Leaders Programme Progetto CHANGE THE WORLD MODEL UNITED NATIONS 2013/14 Roma 18-19 Marzo New York City 20-27 Marzo Corso di formazione e selezione, per i Model United Nations e il Future Leaders Programme La partecipazione

Dettagli

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi Ang e l a De l Ve c c h i o I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE Angela Del Vecchio I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE BARI

Dettagli

Human Rights and Citizenship: The Challenge of Migrations

Human Rights and Citizenship: The Challenge of Migrations Human Rights and Citizenship: The Challenge of Migrations ISPI Milan, November 13, 2006 Intervento di Bruno Nascimbene * 1. Premessa a) Il mio primo rilievo, di carattere assolutamente preliminare, riguarda

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Le Organizzazioni internazionali come enti a soggettività parziale. Corso di Diritto internazionale (A.A. 2008/2009) Andrea Caligiuri

Le Organizzazioni internazionali come enti a soggettività parziale. Corso di Diritto internazionale (A.A. 2008/2009) Andrea Caligiuri Le Organizzazioni internazionali come enti a soggettività parziale Corso di Diritto internazionale (A.A. 2008/2009) Andrea Caligiuri 1. DEFINIZIONE Convenzioni di Vienna sul diritto dei trattati del 1969

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 OBBLIGO DI CONTRIBUZIONE SOCIO DI SRL IL QUESITO Alcuni miei clienti sono soci di srl e ricoprono l incarico

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ilaria Malerba Area Sicurezza Prodotti e Igiene Industriale Roma, 19 maggio 2015 1 giugno 2015: alcuni

Dettagli

Appunti euroritenuta. Torino 30 giugno 2015

Appunti euroritenuta. Torino 30 giugno 2015 Appunti euroritenuta Torino 30 giugno 2015 Agreements between the EU and five European countries On 2 June 2004, the Council adopted a Decision on the signature and conclusion of an Agreement between the

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo I IL DIRITTO FINANZIARIO DELLE NAZIONI UNITE

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo I IL DIRITTO FINANZIARIO DELLE NAZIONI UNITE INDICE Abbreviazioni... xiii INTRODUZIONE 1. Il ruolo delle Nazioni Unite nel terzo millennio e la questione del finanziamento... 1 2. La rigidità del bilancio ordinario dell ONU: un limite alle risorse

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli