Alberta Fabbricotti. Gli accordi di integrazione economica regionale e il diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alberta Fabbricotti. Gli accordi di integrazione economica regionale e il diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio"

Transcript

1 Alberta Fabbricotti Gli accordi di integrazione economica regionale e il diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio

2 Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2008 II edizione: marzo 2009

3 INDICE Abbreviazioni Premessa PARTE I GLI STRUMENTI NORMATIVI DEL GATT/OMC Introduzione SEZIONE I L ARTICOLO XXIV GATT Capitolo 1 Inquadramento generale L origine La Suggested Charter for an International Trade Organization of the United Nations, Le modifiche apportate alla Prima Sessione del Comitato Preparatorio della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (Londra, 1946), Il lavoro della Seconda Sessione del Comitato Preparatorio (Ginevra, 1947), La Conferenza Mondiale dell Avana e la relativa Carta, Le i- niziative più recenti: l Intesa del 1994 sull interpretazione dell articolo XXIV GATT, in particolare, Segue: il Transparency Mechanism for Regional Trade Agreements del 2006, in particolare, La ratio

4 8 INDICE Analisi della prima frase del paragrafo 4, Analisi della seconda frase del paragrafo 4, Necessità di distinguere le due frasi del paragrafo 4, Conseguenze della mancata distinzione di cui sopra, Il contenuto La deroga alle disposizioni del GATT, Le integrazioni regionali contemplate, Le condizioni di operatività della deroga, Secondo un interpretazione testuale, Secondo l Organo di Appello nel caso Turkey Textiles, Il controllo dei limiti di operatività della deroga Il controllo c.d. politico, La notifica degli accordi prevista al paragrafo 7 dell articolo XXIV, Gli organi preposti al controllo c.d. politico, Il Comitato per gli accordi commerciali regionali (CRTA), La procedura prevista dal Transparency Mechanism for Regional Trade Agreements del 2006, Il controllo c.d. giurisdizionale, La questione della operatività del sistema di soluzione delle controversie del GATT/OMC, Il paragrafo 12 dell Intesa sull interpretazione dell articolo XXIV, L attivazione del DSU, Il coordinamento tra i due tipi di controllo, 110 Capitolo 2 La prassi interpretativa e applicativa Gli obblighi verso l interno La misurazione dell essenziale degli scambi, La portata della liberalizzazione, Gli obblighi verso l esterno Gli obblighi degli Stati membri di un unione doganale, La tariffa esterna comune, L obbligo di compensazioni doganali, Il significato di essenzialmente gli stessi, Gli obblighi degli Stati membri di un area di libero scambio, Il divieto di innalzare le barriere commerciali nei confronti degli Stati terzi, Quale obbligo di compensazione per gli Stati membri di un area di libero scambio?, 141

5 INDICE Le regole di origine Panoramica generale, Le regole di origine quale alternativa alle restrizioni quantitative, Le regole di origine quali regolamentazioni restrittive del commercio, Le regolamentazioni del commercio diverse dai dazi doganali Considerazioni generali e introduttive, Le eccezioni previste al paragrafo 8 (a), (i), e (b), Il contributo dell Intesa del 1994, Alla luce del caso Turkey-Textiles, Secondo la prassi del CRTA, Il requisito temporale La notifica SEZIONE II LA CLAUSOLA DI ABILITAZIONE E L ARTICOLO V GATS Capitolo 3 La Clausola di abilitazione Origine, natura e portata della Clausola, con riferimento alla disciplina delle integrazioni regionali tra paesi in via di sviluppo I requisiti sostanziali I requisiti procedurali o formali L individuazione dei beneficiari della Clausola La categoria degli accordi di integrazione economica regionale a partecipazione mista

6 10 INDICE 3.6 La questione dell esclusività della Clausola Capitolo 4 L articolo V GATS Caratteristiche dell integrazione regionale nel settore dei servizi Gli obblighi verso l interno Gli obblighi verso l esterno Le regole di origine Gli accordi in materia di servizi conclusi tra paesi in via di sviluppo I requisiti procedurali o formali PARTE II PRASSI E DISPOSIZIONI DELLE ORGANIZZAZIONI REGIONALI SEZIONE I L ACCESSO AI MERCATI Introduzione Capitolo 5 Il funzionamento del sistema preferenziale: aspetti generali La copertura del processo di liberalizzazione

7 INDICE Nel commercio dei prodotti, Nel commercio dei servizi, Le regole di origine Nel commercio dei prodotti, Metodi e criteri generali per la determinazione dell origine, Alcuni modelli di regole di origine, Nel commercio dei servizi, L intensità della liberalizzazione Nel commercio dei prodotti, Nel commercio dei servizi, 270 Capitolo 6 Le restrizioni quantitative Inquadramento generale del problema. Delimitazione dell indagine Il divieto di restrizioni quantitative, Le misure di effetto equivalente, Le deroghe al divieto di restrizioni quantitative, Le restrizioni quantitative in alcuni settori specifici del commercio dei prodotti, Le restrizioni quantitative nel commercio dei servizi, Il rapporto tra l articolo XI e l articolo XXIV GATT, Le restrizioni quantitative tra Stati membri I diversi modelli normativi delle integrazioni economiche regionali, Le deroghe all obbligo di eliminazione delle restrizioni quantitative, Le restrizioni quantitative alle importazioni dagli Stati terzi Nelle aree di libero scambio, Nelle unioni doganali, 312

8 12 INDICE Capitolo 7 Le barriere tecniche e normative Inquadramento generale del problema. Delimitazione dell indagine Il significato di barriere tecniche e normative, La disciplina delle barriere tecniche al commercio dei prodotti nel sistema GATT/OMC, Nel GATT, Nell OMC, La giurisprudenza OMC in tema di barriere tecniche al commercio dei prodotti, Il rapporto tra l articolo XXIV e la disciplina GATT/OMC in materia di barriere tecniche, La prassi delle integrazioni regionali in materia di barriere tecniche Difficoltà di una classificazione ratione materiae o ratione finalitatis, Classificazione secondo il tipo di integrazione, Classificazione secondo le modalità dell integrazione (positiva), Le tipologie di MRA (Mutual Recognition Agreements), 348 SEZIONE II LE MISURE DI DIFESA COMMERCIALE Capitolo 8 Le misure di salvaguardia Inquadramento generale del problema. Delimitazione dell indagine La disciplina delle misure di salvaguardia nel GATT/OMC, Il divieto di concludere accordi di autolimitazione volontaria delle esportazioni, La protezione delle infant industries nel quadro del trattamento preferenziale dei paesi in via di sviluppo, Le misure di salvaguardia nel commercio dei servizi, Il rapporto tra l articolo XXIV e la disciplina GATT/OMC in materia di misure di salvaguardia, La nota a piè di pagina all articolo 2, paragrafo 1, dell Accordo sulle salvaguardie, 367

9 INDICE Le misure di salvaguardia regionali o meramente interne all area regionale integrata Il modello GATT/OMC quale parametro di riferimento ai fini di una classificazione delle discipline delle misure di salvaguardia regionali, Classificazione delle clausole di salvaguardia e- conomica regionali, Circa il nesso di causalità tra l aumento delle importazioni di un determinato prodotto e il grave pregiudizio per le imprese nazionali produttrici di quello stesso bene, Circa il requisito della necessità e della proporzionalità (nonché temporaneità) della misura di salvaguardia, Circa l obbligo di notifica e di consultazione (modalità del controllo delle misure di salvaguardia), Circa le compensazioni e le contromisure (o retaliation), Circa i procedimenti di soluzione delle controversie, La protezione delle infant industries negli accordi conclusi tra paesi in via di sviluppo, Le misure di salvaguardia globali negli accordi di integrazione economica regionale: il trattamento dei partner regionali, in particolare La disciplina delle salvaguardie globali nelle aree di libero scambio, La disciplina delle salvaguardie globali nelle u- nioni doganali, 390 PARTE III IN GUISA DI CONCLUSIONE Capitolo 9 L autonomia delle integrazioni economiche regionali rispetto all OMC Premessa metodologica L autonomia rispetto alla disciplina dell OMC Il mancato rispetto delle condizioni poste dalle deroghe generali OMC relative alle integrazioni economiche regionali, con particolare riferimento all articolo XXIV GATT, Gli interstizi di autonomia prodotti dalla coesistenza delle deroghe generali (in particola-

10 14 INDICE re, l articolo XXIV GATT) con le clausole specifiche di accordi diversi dal GATT, (Segue): il caso in cui l articolo XXIV deroga alle disposizioni dell accordo speciale (in particolare, l Accordo sulle misure di salvaguardia), Con riferimento alle misure di salvaguardia regionali o meramente interne, Con riferimento alle misure di salvaguardia globali, (Segue): il caso in cui l articolo XXIV non deroga alle disposizioni dell accordo speciale (in particolare, l Accordo TBT), Gli spazi di autonomia riconducibili alle lacune del sistema OMC: alcuni esempi concreti Le regole di origine come strumento di dirottamento dei flussi commerciali e degli investimenti esteri e di alterazione degli obblighi di liberalizzazione interna, La manipolazione della protezione dei valori non commerciali, Gli impegni a geometria variabile, Il differimento di obblighi derivanti dall OMC, L autonomia quale si ricava dall osservazione empirica delle modalità del regionalismo economico moderno La proliferazione degli accordi di integrazione economica regionale, La creazione di modelli di integrazione economica regionale più sviluppati rispetto alle aree di libero scambio e alle u- nioni doganali, La proliferazione di modalità di integrazione ibride, La proliferazione di modalità di integrazione regionale OMC-plus, Gli accordi misti tra PVS e paesi industrializzati, Le integrazioni regionali prive di struttura normativa e istituzionale, La sovrapposizione di accordi, Gli accordi di integrazione regionale tra paesi lontani geograficamente, 444 Bibliografia

11 ABBREVIAZIONI AFDI Annuaire Français de Droit International AJIL American Journal of International Law Am. Econ. Rev. The American Economic Review Asian YIL Asian Yearbook of International Law ASIL Proc. American Society of International Law Proceedings BISD Basic Instruments and Selected Documents (GATT) BYIL British Yearbook of International Law CMLR Common Market Law Review CI La Comunità Internazionale DCI Diritto del commercio internazionale Duke J. Comp. & Int l L. Duke Journal of Comparative and International Law EJIL European Journal of International Law Eur. L. Rev. European Law Review EZW Europäische Zeitschrift für Wirtschaftsrecht Fordham Int l L. J. Fordham International Law Journal Foreign Aff. Foreign Affairs GAOR General Assembly Official Records Geo. Wash. Int l L. Rev. George Washington International Law Review GUCE Gazzetta ufficiale delle Comunità europee GYIL German Yearbook of International Law Harv. Int l L. J. Harvard International Law Journal ICLQ International and Comparative Law Quarterly ILM International Legal Materials Indian J. Int l L. Indian Journal of International Law Int l Law. The International Lawyer Int.T.L.R. International Trade Law and Regulation ITLR International Trade Law Reports IYIL Italian Yearbook of International Law J. Comm. Market Studies Journal of Common Market Studies JDI Journal du droit international JIEL Journal of International Economic Law JWI(T) The Journal of World Investment (and Trade) JWT(L) Journal of World Trade (Journal of World Trade Law, fino al 1987) Law & Pol y Int l Bus. Law and Policy in International Business 15

12 16 ABBREVIAZIONI LIEI Legal Issues of Economic Integration LPIB Law and Policy in International Business MPEPIL Max Planck Encyclopedia of Public International Law (a cura di R. Wolfrum) Max Planck UNYB Max Planck Yearbook of United Nations Law Mich. J. Int l L. Michigan Journal of International Law Minn. J. Glob. Trade Minnesota Journal of Global Trade NAFTA: L. & Bus. Rev. Am. NAFTA: Law and Business Review of the Americas NILR Netherlands International Law Review NY Law School J.Int l Comp.L. New York Law School Journal of International and Comparative Law Nw. J. Int l L. & Bus. Northwestern Journal of International Law and Business PCIJ Series Permanent Court of International Justice Series Raccolta Raccolta della Giurisprudenza della Corte e del Tribunale di primo grado RCADI Recueil des Cours de l Académie de Droit International de la Haye Riv. Dir. Eur. Rivista di diritto europeo RDI Rivista di diritto internazionale RECIEL Review of European Community & International Environmental Law Rev. Droit Union Eur. Revue du Droit de l Union Européenne Rev. jur. pol. econ. du Maroc Revue juridique, politique et économique du Maroc RGDIP Revue Générale de Droit International Public RMCUE Revue du Marché commun et de l Union européenne Rev. Trim. Droit Eur. Revue trimestrielle de droit européen Texas Int l L. Forum Texas International Law Forum U. Chi. L. Rev. The University of Chicago Law Review UNTS United Nations Treaty Series U. Pa. J. Int l Econ. L. University of Pennsylvania Journal of International Economic Law Yale J. Int l L. The Yale Journal of International Law YILC Yearbook of the International Law Commission Wis. Int l L. J. Wisconsin International Law Journal WB Econ. Rev. The World Bank Economic Review W Econ. The World Economy WTR World Trade Review

13 PREMESSA Questo libro è il frutto di una ricerca da me condotta nell arco degli ultimi dieci anni. La mia attuale decisione di dare alle stampe quanto fin qui elaborato nasce, da un lato, dal desiderio di mettere finalmente un punto fermo nella storia di questa ricerca, e, dall altro, devo ammetterlo, dalla preoccupazione di veder invecchiare in un cassetto i risultati di un lavoro già molto esteso. In effetti, un tale rischio c è, visto che il fenomeno dell integrazione economica regionale, che questo libro si propone di descrivere ed analizzare, muta incessantemente, sviluppando sempre dinamiche diverse e stimolando nuove riflessioni e costruzioni sul piano del diritto internazionale. Dato quanto precede, mi permetto di segnalare, a complemento di questo volume, i contributi da me presentati in alcuni recenti convegni internazionali; contributi che, già presenti sul web o in corso di stampa, sono in grado di dare un idea esatta dello stato attuale della mia ricerca. Si tratta di: The Interplay Between the WTO and the RTAs: Is It A Question of Interrelation Between Different Sources of International Law?, Paper presented at the Society of International Economic Law Inaugural Conference, Geneva, July 15-17, 2008, SIEL Online Proceedings Working Paper No. 12/08, abstract= The WTO and RTAs: A Bottom-Up Interpretation of RTAs Autonomy Over WTO Law, in S. Frankel, M. Kolsky Lewis (eds), International Economic Law and National Autonomy: Convergence or Divergence?, in corso di stampa (Cambridge University Press). 17

14 18 PREMESSA Aggiungo che a marzo 2009 dovrei partecipare ad un panel sul tema Multilateralizing Regionalism and the Future Architecture of International Trade Law as a System of Law, nell ambito dell ASIL (American Society of International Law) Annual Meeting, anticipando che tale dibattito verrà poi pubblicato negli ASIL Proceedings. Passando ad aspetti più tecnici di questo volume, informo che le citazioni dei rapporti dei Panels e dell Organo di appello riportano la data del documento e non quella dell adozione del rapporto. Ho inteso in tal modo allinearmi alle modalità generalmente seguite dalle opere italiane sull OMC (quelle di lingua inglese usano invece la data di a- dozione del rapporto). Ho dato di proposito il plurale alle parole inglesi Panel e Working Party. Ciò contro la nota regola grammaticale italiana ma in linea, mi sembra, con altre opere italiane. Infine, desidero ringraziare il Max Planck Institut für ausländisches öffentliches Recht und Völkerrecht, nelle persone dei suoi due attuali direttori, il Professor Rüdiger Wolfrum e il Professor Armin von Bogdandy, e di tutti coloro, ricercatori, dottorandi e studiosi, bibliotecari, che ho incontrato a Heidelberg nel lontano Il ricordo di quella straordinaria stagione passata all Institut, in un ambiente estremamente vivo, sia sul piano del confronto e degli stimoli professionali che su quello umano in genere, mi ha dato, al ritorno a Roma, la forza di perseguire i miei obiettivi con rinnovata determinazione. Un particolare, affettuoso saluto va a Anne van Aaken, Holger Hestermeyer, Mariela Morales Antoniazzi, Joachim Schwietzke. Naturalmente tutta la mia riconoscenza spetta a Giovanni, Edoardo, Saverio e Filippo, ai quali ho per troppo tempo sottratto una gran parte di me per dedicarla a questo libro.

15 PARTE I GLI STRUMENTI NORMATIVI DEL GATT/OMC 19

16

17 INTRODUZIONE La crescente proliferazione di accordi di integrazione economica regionale costituisce senza dubbio una delle sfide vitali che il sistema multilaterale degli scambi sia oggi chiamato ad affrontare 1. Evidentemente, all origine di questa sfida vi è una anomalia non solo di tipo comportamentale ma anche giuridica, determinata dalla coesistenza, tra i principi che regolano le relazioni tra Stati, di valori ed indirizzi contrastanti. Da un lato, il regionalismo sembrerebbe quasi assurgere a caposaldo delle relazioni economiche tra gli Stati, che, come tale, necessiterebbe di essere incoraggiato e difeso 2. In tal senso depone il primo paragrafo dell articolo 12 della Carta dei diritti e doveri economici degli Stati, il quale contempla un vero e proprio diritto, per gli Stati, di prendere parte ad intese regionali, per il perseguimento del loro sviluppo economico e sociale 3. Sebbene la Carta non abbia di per sé carattere vincolante, giacché trattasi formalmente di una risoluzione 1 Vd., in generale, C. PRIMO BRAGA, Comments on the Proliferation of Regional Integration Arrangements, in LPIB 1996, pp Sul punto, vd. E. TRIGGIANI, Il trattamento della nazione più favorita, Jovene, Napoli, 1984, a p L articolo 12 della Carta dei diritti e dei doveri economici degli Stati recita: 1. States have the right, in agreement with the parties concerned, to partecipate in subregional, regional and interregional co-operation in the pursuit of their economic and social development. All States engaged in such co-operation have the duty to ensure that the policies of those groupings to which they belong correspond to the provisions of the present Charter and are outward-looking, consistent with their international obligations and with the needs of international economic co-operation, and have full regard for the legitimate interests of third countries, especially developing countries. 2. In the case of groupings to which the States concerned have transferred or may transfer certain competences as regards matters that come within the scope of the present Charter, its provisions shall also apply to those groupings in regard to such matters, consistent with the responsabilities of such States as members of such groupings. Those States shall co-operate in the observance by the groupings of the provisions of this Charter. Cfr. G.A. Resolution 3281 (XXIX), 12 December 1974, in GAOR, 29 th Session, Supplement N. 31, Doc. A/9631, pp

18 22 PARTE I Gli strumenti normativi del GATT/OMC dell Assemblea Generale delle Nazioni Unite, si deve infatti ritenere che la disposizione del suo articolo 12, la quale riecheggia l ethos dell articolo 52 dello Statuto delle Nazioni Unite, reiteri un principio consolidato del commercio internazionale, e delle relazioni economiche internazionali in generale 4. Dall altro lato, tali accordi economici regionali hanno per definizione ad oggetto la reciproca concessione tra le parti di un trattamento commerciale preferenziale 5, cosicché risultano potenzialmente in conflitto con la portata generale e non-discriminatoria dei principi e delle norme che regolano il commercio mondiale. Sotto il profilo giuridico si pone allora, preliminarmente ad ogni altro, il problema della compatibilità tra questi sistemi normativi particolari di integrazione economica ed il sistema di norme che disciplina gli 4 Questo è un punto già da noi recentemente evidenziato. Si veda A. FABBRICOTTI, The WTO and RTAs: A Bottom-Up Interpretation of RTAs Autonomy Over WTO Law, in S. FRANKEL e M. KOLSKY LEWIS (a cura di), International Economic Law and National Autonomy: Convergence or Divergence?, in corso di stampa presso Cambridge University Press; 5 Si fa qui riferimento ai soli accordi economici regionali commerciali, ai sensi della definizione che ne viene data, in una nota a piè di pagina, nella decisione del Consiglio Generale dell OMC del 1996 che ha istituito il Comitato per gli accordi commerciali regionali. Cfr. Doc. WT/L/127, del 7 febbraio In tale nota si precisa che con il termine accordi si intendono tutte le convenzioni bilaterali, regionali o multilaterali con le quali le parti reciprocamente si accordano delle condizioni preferenziali nei loro scambi commerciali. Alcuni autori preferiscono partire da una visione empirica, e in certo senso più completa, del fenomeno, come ad es. Triggiani, il quale, a proposito del regionalismo economico, distingue tre diverse finalità caratterizzanti gli accordi regionali: solo nei paesi industrializzati l integrazione regionale si concretizzerebbe principalmente nella riduzione o abolizione delle tariffe doganali e degli altri ostacoli al commercio tra gli Stati membri; nei paesi in via di sviluppo, l obiettivo fondamentale sarebbe invece l accelerazione del processo di industrializzazione, mentre nei paesi socialisti, l integrazione economica avrebbe (avuto) lo scopo di realizzare una divisione internazionale del lavoro nell ambito degli Stati interessati, nonché di perseguire tra questi ultimi una coesione politica ed ideologica. Cfr. E. TRIGGIANI, Il trattamento della nazione più favorita, cit., pp Nella stessa, più ampia, prospettiva, vd. già E. AGNOLETTO, Accordi regionali d integrazione e cooperazione economica, in P. PICONE e G. SACERDOTI (a cura di), Diritto internazionale dell economia, Franco Angeli, Milano, 1982, pp Ora, a parte il fatto che l OMC si cura solo degli accordi commerciali nel senso stretto sopra indicato come è ovvio che sia, e ciò basterebbe a giustificare una impostazione più selettiva del fenomeno, si può anche argomentare che, con tutta probabilità, gli accordi economici diversi da quelli che stabiliscono delle preferenze commerciali siano oggi relativamente ridotti in numero e piuttosto modesti come fenomeno sociale internazionale, in parte per il raggiungimento dello sviluppo industriale ad opera di molti dei paesi prima economicamente depressi, si pensi ai c.d. NICs (Newly Industrializing Countries, quali Hong Kong, Singapore, Taiwan) asiatici, in parte per l intercorso smantellamento del sistema egemonico socialista.

19 INTRODUZIONE 23 scambi internazionali ad un livello universale, tra le organizzazioni internazionali regionali che sovrintendono al funzionamento di quei sistemi particolari e l Organizzazione mondiale del commercio, ossia l ente che amministra il sistema multilaterale degli scambi e con il quale ha finito, se non altro nell immaginario collettivo, per identificarsi 6. 6 La letteratura sulla questione della compatibilità degli accordi di integrazione regionale con il sistema GATT/OMC è sconfinata. Un potenziale campionario di tali scritti dovrebbe includere: K.W. DAM, Regional Economic Arrangements and the GATT. The Legacy of a Misconception, in U. Chi. L. Rev. 1963, pp ; H. STEINBERGER, GATT und regionale Wirtschaftzusammenschlüsse, Heymanns, Köln-Berlin, 1963; P. LORTIE, Economic Integration and the Law of GATT, Praeger, New York-Washington-London, 1975; R.S. IMHOOF, Le GATT et les zones de libre-échange, Georg, Genève, 1979; J. HUBER, The Practice of GATT in Examining Regional Arrangements under Article XXIV, in J. Comm. Market Studies 1981, pp ; K. ANDER- SON e R. BLACKHURST (a cura di), Regional Integration and the Global Trading System, Harvester, New York, 1993; J. DE MELO e A. PANAGARIYA (a cura di), New Dimensions in Regional Integration, Cambridge University Press, Cambridge, 1993; G. SACERDOTI e S. ALESSANDRINI (a cura di), Regionalismo economico e sistema globale degli scambi, Giuffrè, Milano, 1994; WTO, Regionalism and the World Trading System, Geneva, 1995; T. GEIGER e D. KENNEDY (a cura di), Regional Trade Blocs, Multilateralism and the GATT: Complementary Paths to Free Trade?, Pinter, London, 1996; P. DEMARET, J.-F. BELLIS e G. GARCIA JIMENEZ (a cura di), Regionalism and Multilateralism after the Uruguay Round. Convergence, Divergence and Interaction, EIP, Bruxelles, 1997; E. TRIGGIANI, La disciplina del commercio internazionale tra multilateralismo e regionalismo, in SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO INTERNAZIONALE SIDI (a cura di), Diritto e organizzazione del commercio internazionale dopo la creazione della Organizzazione Mondiale del Commercio, Atti del Convegno: Milano 5-7 giugno 1997, Editoriale Scientifica, Napoli, 1998, pp ; T.N. SRINIVASAN, Regionalism and the WTO: Is Nondiscrimination Passé?, in A.O. KRUEGER (a cura di), The WTO as an International Organization, University Press, Chicago and London, 1998, pp ; SUNGJOON CHO, Breaking the Barrier Between Regionalism and Multilateralism. A New Perspective on Trade Regionalism, in Harv. Int l L. J. 2001, pp ; G. MARCEAU e C. REIMAN, When and How is a Regional Trade Agreement Compatible with the WTO?, in LIEI 2001, ; WTO (a cura di), Regional Trade Integration under Transformation, Seminar on Regionalism and the WTO, Geneva 26 April 2002, in: (ultima visita il 30 ottobre 2008); C. DEBLOCK, Les accords régionaux et le régionalisme, in C. DEBLOCK, (a cura di), L Organisation Mondiale du Commerce. Où s en va la mondialisation?, Fides, Saint-Laurent, Québéc, 2002, pp ; F. SNYDER (a cura di), Regional and Global Regulation of International Trade, Hart, Oxford, 2002; J.H. MATHIS, Regional Trade Agreements in the GATT/WTO. Article XXIV and the Internal Trade Requirement, T.M.C. Asser Press, The Hague, 2002; G.P. SAMPSON e S. WOOLCOCK (a cura di), Regionalism, Multilateralism, and Economic Integration. The Recent Experience, The United Nations University Press, New York, 2003; WTO (a cura di), Seminar on Regional Trade Agreements and the WTO, 14 November 2003, in: (ultima visita il 30 ottobre 2008); J. TENIER, Intégrations régionales et mondialisation. Complémentarité ou contradiction, La Documentation Française, Paris, 2003; OECD INDUSTRY SERVICES TRADE, Regionalism and the Multilateral Trading System, Paris 2003; R. THEN DE LAMMERSKÖTTER, WTO und Regional Trade Agreements (RTAs). Artikel XXIV und die enabling clause im Lichte eines

20 24 PARTE I Gli strumenti normativi del GATT/OMC In termini astratti, si tratterebbe di confrontare i testi degli accordi che si presumono contrapposti e di verificare se hanno un dettato e una portata tra loro contrastante al punto che l esecuzione di uno dei due accordi in questione risulti, anche solo parzialmente, pregiudicata. Questa operazione, nel caso del rapporto tra sistemi di integrazione economica regionale e OMC, diventa quasi superflua perché l esistenza di un conflitto tra di essi è di per sé un dato incontrovertibile, in quanto, come è stato osservato a proposito degli accordi regionali in oggetto, [t]he very nature of such an arrangement involves a departure from the Most-Favored-Nation principle 7. Esplicando cioè i loro effetti i principi non-discriminatori dell OMC, e la clausola della nazione più favorita in particolare, gli accordi di integrazione economica sarebbero del tutto impossibili, non avendo modo di operare 8. Non è un caso, dunque, ma espressione di una necessità avvertita diffusamente dalla comunità internazionale, che il sistema OMC provveda esso stesso, seppure in modo ambiguo, frammentario e lacunoso, a regolamentare il fenomeno delle integrazioni regionali. Tale funzione è innanzitutto demandata ad alcune delle disposizioni dell articolo idealen Regulierungssystems, Europäisches und Internationales Integrationsrecht: Band 6, LIT Verlag, Hamburg, 2004); C.B. PICKER, Regional Trade Agreements v. the WTO. A Proposal For Reform of Article XXIV to Counter Their Institutional Threat, in U. Pa. J. Int l Econ. L 2005, pp ; N. J. S. LOCKART e A.D. MITCHELL, Regional Trade Agreements Under GATT An Exception And Its Limits, in A.D. MITCHELL (a cura di), Challenges and Prospects for the WTO, Cameron May, London, 2005, pp ; L. BARTELS e F. ORTINO (a cura di), Regional Trade Agreements and the WTO Legal System, Oxford University Press, Oxford, 2006; P.C. MAVROIDIS, If I Don t Do It, Somebody Else Will (Or Won t). Testing the Compliance of Preferential Trade Agreements With the Multilateral Rules, in JWT 2006, pp ; WTO-HEI Conference on Multilateralising Regionalism, Geneva, September 2007, in: org/english/tratop_e/region_e/conference_sept07_e.htm (ultima visita il 30 ottobre 2008); Y. DEVUYST e A. SERDAREVIC, The World Trade Organizations and Regional Trade Agreements. Bridging the Constitutional Credibility Gap, in Duke J. Comp. & Int l L. 2007, pp. 1-75; R. BU- CKLEY, V.I. LO e L. BOULLE (a cura di), Challenges to Multilateral Trade: The Impact of Bilateral, Preferential and Regional Agreements, Kluwer Law International, Alphen aan den Rijn, 2008; D. AHN, Foe Or Friend of GATT Article XXIV. Diversity in Trade Remedy Rules, in JIEL 2008, pp ; H. GHERARI, Organisation Mondiale du Commerce et accords commerciaux régionaux. Le bilatéralisme conquérant ou le nouveau visage du commerce international, in RGDIP 2008, pp Cfr. J.H. JACKSON, World Trade and the Law of GATT, Bobbs-Merrill, Indianapolis, 1969, p Cfr. P. PICONE e A. LIGUSTRO, Diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio, CEDAM, Padova, 2002, p. 505.

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio Traduzione 1 Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio 0.632.20 Concluso a Marrakech il 15 aprile 1994 Approvato dall Assemblea federale il 16 dicembre 1994 2 Ratificato dalla Svizzera

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi Ang e l a De l Ve c c h i o I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE Angela Del Vecchio I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE BARI

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

La politica commerciale della Cina e la sua partecipazione all OMC: tra multilateralismo e regionalismo

La politica commerciale della Cina e la sua partecipazione all OMC: tra multilateralismo e regionalismo Centro Interuniversitario sul Diritto delle Organizzazioni Internazionali Economiche La politica commerciale della Cina e la sua partecipazione all OMC: tra multilateralismo e regionalismo Sito Internet:

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

ADL. ARGOMENTI DI DIRITTO DEL LAVORO 1126-5760 ADMINISTRATIVE LAW REVIEW 0001-8368 AGRICOLTURA ISTITUZIONI MERCATI 1828-194X AMERICAN JOURNAL OF INTERNATIONAL LAW 0002-9300 ANALISI E DIRITTO 1126-5779

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO 01

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di Cent anni di scienza del controllo Sergio Bittanti Politecnico di Milano Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra

ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra L 28/2 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 30.1.2010 ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra LA COMUNITÀ

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE 28.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 59/35 DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 4 febbraio 2014 che abroga la decisione 2000/745/CE che accetta gli impegni offerti in relazione ai

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Chiara Saraceno Università di Torino Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo 1. Modelli

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO )

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA ESTRATTO DA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI RECLUTAMENTO DI RICERCATORI E DOCENTI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) 1 Requisiti

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Linee guida per l autor*

Linee guida per l autor* Linee guida per l autor* Margini: superiore 3,5 cm; inferiore 3,5 cm; destro 3 cm; sinistro 3 cm. Carattere: Times New Roman Dimensione del carattere: 12 per il testo, i titoli come nell esempio che segue:

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015

ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015 BRIEFING ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015 Contenuti I. Ambito di applicazione del DTR II. Interventi contemplati dal DTR III. Incrementi di Producibilità

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione Superare la crisi Un patto globale per l occupazione adottato dalla Conferenza Internazionale del Lavoro alla sua novantottesima sessione Ginevra, 19 giugno 2009 ISBN 978-92-2-820672-2 (web pdf) Prima

Dettagli

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati fu elaborata dall economista inglese David Ricardo (1772-1823) nella sua opera principale: On the Principles of Political Economy and Taxation

Dettagli