DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO. Environmental Product Declaration

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO. Environmental Product Declaration"

Transcript

1 DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO Environmental Product Declaration CPC 4124 CERTIFICAZIONE N.S-P REVISIONE 1 DEL 16/07/2012 VALIDA FINO AL 28/02/2014

2 2 PRESENTAZIONE DELL'AZIENDA E DEL SERVIZIO L'azienda ALFA ACCIAI, fin dalla metà degli Anni 50, produce acciaio per calcestruzzo armato in barre e rotoli e acciai per trafila a medio/basso tenore di carbonio. Inizia a Brescia la sua attività nel 1954, con la produzione e la laminazione di circa tonnellate d acciaio all anno. Negli Anni 60 la capacità produttiva dell acciaieria è di circa tonnellate anno di acciaio in lingotti, mentre quella del laminatoio vergella è di tonnellate anno. Sul finire degli anni 60 viene installata la colata continua. Negli Anni 70 sia i forni elettrici che il treno laminazione vergella raggiungono una capacità produttiva di circa tonnellate. Si completa così il primo ciclo di un progetto industriale concepito molti anni prima, volto a disporre di una dimensione ottimale di azienda e di impianti per rispondere alle sfide del mercato. Queste prime scelte strategiche hanno consolidato l immagine di un azienda forte nel settore e dalla crescita costante nella produzione. Durante gli anni 80 la siderurgia ha attraversato una grande crisi strutturale cui ALFA ACCIAI ha saputo reagire investendo negli impianti più avanzati e potenziandone la capacità produttiva. Grazie ai due forni elettrici di ultima generazione, due forni siviera e un nuovo treno di laminazione barre, ALFA ACCIAI raggiunge una capacità produttiva di oltre un milione di tonnellate, producendo una vasta gamma d acciai da quelli comuni a quelli di qualità e speciali. Il terzo ciclo del progetto industriale nasce sul finire degli Anni 80 dalla volontà di incrementare il proprio vantaggio competitivo tramite l integrazione a monte e a valle nella filiera industriale e dunque dal desiderio di ampliare il proprio mercato di riferimento. ALFA ACCIAI ha quindi diversificato la propria attività sia nei derivati vergella, producendo reti elettrosaldate e rotoli laminati e nervati nel reparto di Brescia e nell unità operativa ALFA DERIVATI ad Ozzano Taro (PR), sia nelle lavorazioni e posa del tondo per calcestruzzo armato in barre e rotoli tramite la società FERRO BERICA di Vicenza - il maggiore operatore italiano nella presagomatura e posa in opera del tondo per calcestruzzo armato per tutte le opere strutturali in particolari stradali, ferroviarie, industriali e civili. Nel 2005 viene avviato il terzo laminatoio che consente il raggiungimento di una nuova dimensione complessiva ottimale: tutto l acciaio prodotto è trasformato internamente. Il nuovo treno introduce inoltre nella gamma un prodotto innovativo per le sue caratteristiche meccaniche, dimensionali e di confezionamento, il tondo per calcestruzzo armato in rotolo rocchettato. A distanza di oltre 50 anni, ALFA ACCIAI ha raggiunto una capacità produttiva che supera ton/anno, sia come semilavorati che come laminati ed è il maggior sito produttivo in Italia in termini di produzione d acciaio da forno elettrico.

3 3 PRESENTAZIONE DELL'AZIENDA E DEL SERVIZIO L'azienda ALFA ACCIAI opera con un Sistema di Gestione della Qualità in conformità alla norma UNI EN ISO 9001, certificato da IGQ Istituto italiano di Garanzia della Qualità garantendo lo svolgimento delle proprie attività coerentemente a quanto riportato nelle procedure e istruzioni operative definite e costantemente aggiornate allo sviluppo tecnico ed organizzativo aziendale. Avendo conseguito tale certificato nel lontano 1989, Alfa Acciai è stata premiata nel 2005 con il riconoscimento dell Attestato di anzianità di prima certificazione rilasciato dall ente di accreditamento SINCERT (ora ACCREDIA), in occasione dell evento Centomila certificazioni di qualità. certificato da IGQ Istituto italiano di Garanzia della Qualità. Ha ottenuto inoltre la certificazione del contenuto di materiale riciclato presente nei propri prodotti secondo la norma ISO e ha voluto assumere l impegno al miglioramento degli impatti ambientali anche attraverso l incentivazione al riutilizzo dei materiali. Tale attività si è concretizzata con la marcatura CE del GRA- NULATO ALFA SINSTONE - materiale che, nascendo dalla scoria di fusione, può essere utilizzato in svariate opere d ingegneria civile e nella costruzione di strade. Le sfide di questi ultimissimi anni si sono concentrate sul impiego di tecnologie più moderne e con maggior attenzione e rispetto all ambiente. ALFA ACCIAI infatti è pienamente consapevole che una strategia economica responsabile e sostenibile, rivolta alle problematiche ambientali derivanti dalle proprie attività, risulta essenziale per conseguire un successo competitivo di lungo periodo. L obiettivo è l equilibrio tra le aspettative di crescita del valore d impresa, la tutela dell ambiente, la protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori e la soddisfazione e il rispetto dei propri clienti. In quest ottica di sviluppo sostenibile, ALFA ACCIAI ha ottenuto la certificazione del proprio Sistema di Gestione Ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001,

4 Il PRODOTTO ED IL PROCESSO PRODUTTIVO ACCIAIERIA LAMINAZIONE A CALDO LAVORAZIONI A FREDDO

5 5 PRESENTAZIONE DELL'AZIENDA E DEL SERVIZIO Il prodotto e il processo produttivo Alfa Acciai LE TIPOLOGIE DI PRODOTTI Billette in acciaio per calcestruzzo armato e in acciaio a medio/ basso tenore di carbonio Tondo in barre e rotoli laminati a caldo ad aderenza migliorata per calcestruzzo armato Bobine laminate a freddo per calcestruzzo armato Rete elettrosaldata Traliccio elettrosaldato Vergella per trafila in acciaio a medio/basso tenore di carbonio L elevato livello qualitativo di tutti i prodotti di ALFA ACCIAI, apprezzato indistintamente sia dal mercato nazionale sia da quello estero, è garantito sia da una serie di specifiche e severe procedure operative che disciplinano l intero iter del ciclo produttivo, sia dal costante aggiornamento dei processi e degli impianti produttivi in uso con le più moderne soluzioni tecnologiche dei settori elettromeccanico e siderurgico. La moderna politica della qualità volta al miglioramento continuo delle prestazioni e della rispondenza alle esigenze del cliente permette di governare tutti i processi in modo efficace ed efficiente. Alfa Acciai LE 3 AREE DEL PROCESSO PRODUTTIVO Acciaieria Laminazione a caldo 3 Lavorazioni a freddo

6 6 LE 3 AREE DEL PROCESSO PRODUTTIVO Divisione Acciaieria L elevato livello qualitativo del prodotto finito è garantito da una serie di specifiche e severe procedure operative che disciplinano l intero iter del ciclo produttivo, dalla formazione delle ceste di carica dei forni fusori al controllo e collaudo del prodotto finito, nonché dai processi e dagli impianti in uso, costantemente aggiornati con le più moderne tecnologie del settore. La fusione del rottame avviene in due forni elettrici ad arco di ultima generazione, mentre l affinazione e la messa a punto dei parametri metallurgici avvengono nei rispettivi forni siviera. Il processo di colaggio per la produzione delle billette è affidato a due macchine da colata continua, ciascuna a cinque vie, che consentono il colaggio anche con getti protetti, laddove esigenze qualitative lo richiedano. I parametri operativi di colaggio sono gestiti da un complesso sistema automatizzato, che li ottimizza in tempo reale e ne permette la modifica ogni qual volta ciò si renda necessario. I prodotti della divisione Acciaieria sono le billette a sezione quadra con lato da 130 mm e lunghezza da 4 a 12 m.

7 7 LE 3 AREE DEL PROCESSO PRODUTTIVO Divisione Laminazione a caldo Il reparto di laminazione a caldo è caratterizzato da 3 treni di laminazione: il treno barre 1, il treno vergella ed il treno barre 2. TRENO BARRE 1 Ha un impianto di trattamento termico in linea del tipo Tempcore : grazie al controllo ed alla gestione della portata e della pressione dell acqua in circolo, permette di ottenere acciai saldabili con proprietà meccaniche conformi alle varie normative, sia nazionali che estere. A valle dell impianto è situata una placca di raffreddamento in aria calma di notevoli dimensioni, tipo Wimler, che, con l avanzamento automatico e la rotazione della barra, permette di garantire una buona rettilineità del prodotto ed un elevata omogeneità delle caratteristiche meccaniche. Le barre sono poi tagliate a misura con cesoia meccanica e inviate alla stazione di pesatura e confezionamento automatico. Il tondo per c.a. in barre ad aderenza migliorata è prodotto nei diametri da 8 a 32 mm e confezionato in fasci dal peso di 2200 kg. circa cadauno e lunghezza variabile dai 6 ai 20 m. TRENO VERGELLA È del tipo in continuo a due fili paralleli. In entrambe le linee di finitura, la delicata operazione di raffreddamento è affidata ad un impianto di tipo Stelmore, che consente di realizzare curve di raffreddamento prefissate agendo sui parametri dei tappeti di raccolta delle spire e i ventilatori di raffreddamento. Le cappe per il contenimento del calore permettono di personalizzare il processo di raffreddamento ed ottimizzare i valori delle caratteristiche meccaniche, soddisfare le esigenze metallurgiche di adeguate microstrutture e controllare la qualità e lo spessore dell ossido superficiale per agevolare le operazioni di decapaggio chimico e meccanico. I prodotti del treno vergella sono matasse da circa kg di vergella con diametro da 5,5 mm a 14 mm e di rotolo ad aderenza migliorata per calcestruzzo armato con diametro 6 a 16 mm TRENO BARRE 2 Sfrutta il principio di laminazione in continuo orizzontale - verticale e dispone di un forno di riscaldo a gas naturale del tipo a volta radiante, caricato con carri spintori. In questo impianto è contemplato il sistema di laminazione slitting che permette, in un punto ben preciso della laminazione, di sdoppiare il laminato per garantire la produzione in contemporanea di tondo per calcestruzzo armato in barre e rotoli. A valle della finitura, le due diverse linee di produzione dispongono di trattamenti termici (Tempcore) che permettono di processare prodotti con caratteristiche differenti pur partendo dallo stesso acciaio (tondo per calcestruzzo armato in barre e rotoli). I prodotti del treno barre 2 sono il tondo in barre ad aderenza migliorata nei diametri da 8 mm a 16 mm in lunghezze da 6 m a 20 m ed il tondo in rotoli ad aderenza migliorata nei diametri da 8 mm a 16 mm del peso massimo di 3000 kg.

8 8 LE 3 AREE DEL PROCESSO PRODUTTIVO Divisione Lavorazioni a Freddo Nel reparto lavorazioni a freddo avvengono le trasformazioni della vergella e dei rotoli nervati laminati a caldo per ottenere: Filo laminato e nervato a freddo per calcestruzzo armato nei diametri da 6 mm a 12 mm confezionato in bobine da ca Kg; Ribobinato (da rotolo nervato a caldo) nei diametri da 6 mm a 12 mm, in bobine da ca Kg; Rete elettrosaldata ad alta duttilità per calcestruzzo armato in formato standard. La laminazione a freddo si effettua attraverso una serie di contigue riduzioni di sezione e cambio di geometria. Tale processo avviene su linee di lavorazione indipendenti che constano di diversi dispositivi tra cui stazioni di svolgitura, banchi discagliatori, gabbie laminatrici, monoblocchi di traino, banchi raddrizzatori, unità di bobinatura e stazioni di reggiatura. Il processo di stiratura (stretching) utilizza sempre le stesse linee di lavorazione, tuttavia le gabbie laminatrici vengono sostituite con dei dispositivi a rulli (banchi di stiratura) che, opportunamente calibrati e posizionati, incrementano sensibilmente le caratteristiche meccaniche del filo in lavorazione mantenendone comunque elevata la duttilità per conseguire prodotti di tipo AD- Alta Duttilità. La produzione delle reti elettrosaldate avviene attraverso linee di assemblaggio completamente automatizzate. Ognuna è composta principalmente da una serie di dispositivi longitudinali e trasversali di svolgitura e traino dei fili, da un banco di elettrosaldatura multipla e da dispositivi a valle per la confezionatura, la legatura e la messa a parco dei pacchi di pannelli finiti. ALFA ACCIAI è stata la prima azienda in Europa a credere nel progetto Alta Duttilità anche per i prodotti rete e traliccio elettrosaldato, tradizionalmente ottenuti solo con fili laminati a freddo. Grazie ai sorprendenti risultati ottenuti dalle sperimentazioni applicative col semiprodotto rotolo nervato laminato a caldo e gli interventi sugli impianti e sul processo, dal 1995 ALFA ACCIAI produce ininterrottamente reti e tralicci ad Alta Duttilità per il mercato italiano. Nello stesso anno ha conseguito dal Ministero Lavori Pubblici la prima certificazione ufficiale che ha consentito di estendere l impiego di questi prodotti anche alle zone sismiche, cosa impensabile fino ad allora. Negli anni successivi alla pubblicazione degli Eurocodici è stato promosso l utilizzo della rete AD anche in altri paesi europei caratterizzati da minor sismicità, quali ad esempio Germania, Svizzera e Francia.

9 9 Le caratteristiche del prodotto e del processo sono riportate nella seguente tabella. INFORMAZIONI IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO DESCRIZIONE PRODOTTO Tondo in barre e rotoli ad aderenza migliorata per calcestruzzo armato Diametri da Ø 6 mm a Ø 32 mm - Lunghezza delle barre fino a 20 m Acciaio proveniente da fusione di rottame in forno elettrico ad arco (EAF) e successiva laminazione a caldo Aderenza e geometria di superficie fr or fp : - per 5 Ø 6 mm fr ovvero fp 0,035; - per 6 < Ø 12 mm fr ovvero fp 0,040; - per Ø > 12 mm fr ovvero fp 0,056. Saldabilità: Ceq < 0,52 PROPRIETÀ DEL PRODOTTO - (SECONDO EN10080:2005) Tensione caratteristica di snervamento: 400 MPa Cv 600 MPa Allungamento Agt% 5% Superato il test di piegamento e ripiegamento Contenuto di materiale riciclato (certificato secondo ISO 14021) 97% (Certificato IGQ n. C057 secondo ISO 14021) Superato il test di fatica e il test di fatica oligociclica Produzione totale dei prodotti inclusi nell EPD, anno 2011: t/anno Produzione complessiva del sito destinata alla vendita, anno 2011: t/anno Presente il sistema di controllo delle emissioni in aria CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO Presente il sistema di controllo delle acque di scarico Presente sistema di riciclo delle acque di processo Materiali/prodotti in entrata/uscita e processo di fusione soggetti a controllo delle radiazioni nucleari Azienda soggetta a ETS (Emission Trading System) La famiglia di prodotti di riferimento ha una composizione chimica conforme alle norme dei paesi di destinazione dei prodotti inclusi nell EPD. In senso generale, i principali costituenti sono: Ferro : > 96% Elementi di lega (ad es. manganese, silicio, carbonio): 2% c.a. Altri elementi (ad es. rame, nichel, cromo): completamento a 100%

10 DICHIARAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE UPSTREAM PROCESS CORE MODULE DOWNSTREAM PROCESS

11 11 DICHIARAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE In questa parte della dichiarazione vengono presentate le principali caratteristiche e i risultati della valutazione degli aspetti ambientali che e' stata operata in ottica di ciclo di vita con la metodologia LCA. METODOLOGIA La quantificazione della prestazione ambientale è stata effettuata, in accordo con il PCR 2011:02, Steel for the Reinforcement of Concrete - Weldable Reinforcing Steel - General (EN 10080) e secondo la metodologia di Analisi del Ciclo di Vita (LCA Life Cycle Assessment) regolata dagli standard internazionali ISO Serie La metodologia LCA permette di determinare gli impatti ambientali di un prodotto o servizio in termini di consumo di risorse e di emissioni nell ambiente, nonché di produzione di rifiuti, in un ottica di ciclo di vita ( dalla culla alla tomba ). I dati raccolti presso i siti di Alfa Acciai fanno riferimento all intera produzione a regime dell anno 2011 ( t di acciaio laminato a caldo di cui di barre e rotoli e di vergelle). Lo studio ha inoltre utilizzato come supporto la banca dati Ecoinvent (v2.2) all interno del software SimaPro La funzione del sistema complessivo oggetto dello studio consiste nella produzione di manufatti in acciaio per calcestruzzo armato ad alta duttilità attraverso due processi principali: la fusione del rottame in forno elettrico ad arco e la laminazione a caldo del prodotto ottenuto. A questo proposito, in conformità con i criteri identificati dai PCR di riferimento, il presente studio adotta una unità funzionale consistente in una tonnellata di materiale laminato a caldo pronto per la commercializzazione. La partizione dei carichi ambientali è stata effettuata per mezzo del metodo dell allocazione suddividendo i flussi in entrata e in uscita dal sistema sulla base della massa complessiva del prodotto e del co-prodotto.

12 12 CONFINI DEL SISTEMA E PRINCIPALI IPOTESI Il sistema produttivo preso in considerazione per l esecuzione di questo studio è stato valutato a partire dalla produzione delle materie prime e dei semilavorati utilizzati, comprendendo la produzione e il trasporto dei vettori energetici e del prodotto finale, nonché i trasporti intermedi coinvolti (secondo lo schema di figura 1). Il dettaglio dei confini del sistema non include la fase di uso. In linea di massima il prodotto certificato ha un ciclo di vita proprio illimitato e l inalterabilità in opera è determinata da tutti i parametri che possono influire sulla durabilità del manufatto in calcestruzzo di cui è parte strutturale costituente. Figura 1 Schema di massima del processo di produzione dell acciaio per calcestruzzo armato, vengono riportate le principali attività incluse all interno dei confini del sistema adottati. Le diverse attività sono state suddivise nei sottosistemi UPSTREAM Process, CORE Module e Downstream Process.

13 13 I sottosistemi individuati nell'ambito del processo di produzione di acciaio per calcestruzzo armato sono i seguenti: Sottosistema prelavorazioni rottame, relativo alle lavorazioni a cui il 97 % del rottame viene sottoposto prima di essere utilizzato (Upstream process), questi processi hanno sede in parte presso aziende esterne ed in parte presso impianti interni. Sottosistema processo di produzione dell acciaio per calcestruzzo armato, comprende i trasporti relativi alle materie prime e del rottame (sottoposti o meno a prelavorazione), le attività legate alla produzione dell acciaio in billette e al processo di laminazione in barre e rotoli, comprese le attività accessorie dell azienda e la movimentazione interna, le emissioni in acqua e in aria, i rifiuti prodotti con i trasporti e le attività di smaltimento ad essi legati (Core module) Sottosistema trasporto prodotto finito relativo al trasporto del prodotto finito verso i siti indicativi di conferimento o utilizzo, Italia circa 77% del totale (Downsteam process). Per quanto riguarda alcuni aspetti specifici, e' possibile evidenziare fin da subito le seguenti ipotesi di lavoro:: Nel caso della produzione e l utilizzo dei materiali sono state incluse nel sistema tutte le fasi che, partendo dall acquisizione delle materie prime dai fornitori, arrivano fino alla loro produzione e commercializzazione. Nel caso dei trasporti, lo studio ha preso in esame quelli necessari all approvvigionamento delle materie prime e dei materiali di consumo, i trasporti dei rifiuti dallo stabilimento al sito di destinazione, nonché le fasi di movimentazione interne e di consegna. Le attività e l impiego dei materiali ausiliari (riscaldamento, illuminazione, materiali di consumo, ecc.) vengono incluse nei confini del sistema ed allocate alle fasi produttive di stabilimento in base alle specifiche produzioni. In accordo con le indicazioni generali del sistema EPD, nonché in accordo con i criteri del PCR di riferimento, il presente studio non attribuisce al rottame in ingresso crediti ambientali attribuendo allo stesso solo il carico di lavorazione necessario a renderlo appropriato per il processo in essere.

14 14 LE PRESTAZIONI AMBIENTALI Si riportano a seguire gli indicatori di impatto previsti suddivisi secondo le diverse fasi di processo. RISORSE PER LA PRODUZIONE DEI VETTORI ENERGETICI Risorse Rinnovabili espresse in [MJ] TIPOLOGIA UPSTREAM PROCESS CORE MODULE DOWNSTREAM PROCESS TOTALE Biomassa Idroelettrico Eolico Solare Totale Risorse Rinnovabili espresse in [KG] TIPOLOGIA UPSTREAM PROCESS CORE MODULE DOWNSTREAM PROCESS TOTALE Biomassa Risorse Non Rinnovabili espresse in [MJ] TIPOLOGIA UPSTREAM PROCESS CORE MODULE DOWNSTREAM PROCESS TOTALE Carbone Petrolio Tabella Gas 1 - Consumo di risorse materiali con contenuto 76 energetico connesse alla produzione di tondi per calcestruzzo 26 armato (dati per 1t) Uranio Totale Risorse Non Rinnovabili espresse in [KG] TIPOLOGIA UPSTREAM PROCESS CORE MODULE DOWNSTREAM PROCESS TOTALE Carbone Petrolio Gas Totale Tabella 1 - Consumo di risorse materiali con contenuto energetico connesse alla produzione di tondi per calcestruzzo armato (dati per 1t).

15 15 RISORSE MATERIALI Risorse Rinnovabili espresse in [KG] TIPOLOGIA UPSTREAM PROCESS CORE MODULE DOWNSTREAM PROCESS TOTALE N.a Risorse Non Rinnovabili espresse in [KG] TIPOLOGIA UPSTREAM PROCESS CORE MODULE DOWNSTREAM PROCESS TOTALE Rottame d acciaio proveniente da riciclo Ghiaia Minerale di ferro Calcare (CaCO3) Magnesio (& composti) Manganese Altro Totale Tabella 2 - Consumo di risorse materiali senza contenuto energetico connesse alla produzione di tondi per calcestruzzo armato (dati per 1t). TIPOLOGIA UPSTREAM PROCESS CORE MODULE DOWNSTREAM PROCESS TOTALE Consumo d acqua [ kg ] Consumo energia elettrica in sito [ MJ ] Tabella 3 - Consumo d acqua e energia elettrica connesso alla produzione di tondi per calcestruzzo armato (dati per 1t). TIPOLOGIA UNITA DI MISURA UPSTREAM PR. CORE MODULE DOWNSTREAM PR. TOTALE Effetto serra 1 [ kg CO2 ] Distruzione della fascia di ozono Formazione di ossidanti fotochimici [ gcfc11 ] trascurabile trascurabile trascurabile trascurabile [ g C2H4 ] Acidificazione [ g SO2 ] Eutrofizzazione 3- [ gpo4 ] Tabella 4 - Caratterizzazione e classificazione delle emissioni di inquinanti connesse alla produzione di tondi per calcestruzzo armato (dati per 1t). 1 L effetto serra è stato riportato solamente per le emissioni fossili essendo trascurabile il valore per le emissioni non fossili (biologiche).

16 16 ALTRE INFORMAZIONI In accordo con i documenti che regolano il sistema EPD, l analisi LCA ha impiegato dati specifici, generici selezionati ed altri generici. Il contributo di questi ultimi risulta inferiore al limite imposto del 10%. Il processo è caratterizzato dall impiego e dall emissione di sostanze secondo quanto riportato in Tabella 5 in cui viene data evidenza dei rilasci di sostanze pericolose e del relativo destino. Indicatore Unità UP CORE DOWN TOTALE Materiale da riciclo [kg] Emissioni in aria di polveri (da forno elettrico) [g] NOx da laminazione [g] SOx da laminazione [g] Totale Solidi sospesi in acqua Rifiuti pericolosi (allo stabilimento) Rifiuti pericolosi a recupero (allo stabilmento) Altri rifiuti (complessivi) [g] [kg] [%] [kg] Tabella 5 Altri indicatori di impatto ambientale connessi alla produzione di tondi per calcestruzzo armato (dati per 1t). Si evidenzia che i risultati relativi ai rifiuti fanno riferimento ai dati di stabilimento; i rifiuti generati a monte sono inclusi negli indicatori d impatto conseguentemente al loro trattamento.

17 17 INFORMAZIONI E RIFERIMENTI REQUISITI SPECIFICI DI RIFERIMENTO Questa EPD fa riferimento al Sistema Internazionale EPD sviluppato dall International EPD Consortium (IEC) ed è disponibile, unitamente ai regolamenti vigenti, all interno del sito PCR 2011:02 (Versione 1.0 del ), Steel for the Reinforcement of Concrete - Weldable Reinforcing Steel (EN 10080) Verifica indipendente della dichiarazione e dei dati, in accordo con ISO 14025: Verifica di terza parte: ICMQ SpA, via De Castillia, Milano Valida fino a: 28/02/2014 Interna Esterna EPD appartenenti alla stessa categoria di prodotto, ma derivanti da diversi programmi possono non essere paragonabili. CONTATTI Responsabile Qualità-Ambiente: Ing. Alessandro Giovannelli Telefono: ; Fax: ; Il supporto tecnico è stato fornito dallo studio Life Cycle Engineering (www.studiolce.it). RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI E FONTI DATI AGGIORNAMENTO Life Cycle Assessment (LCA) applicata al processo di produzione degli acciai per calcestruzzo armato da forni elettrici ad arco ai fini della convalida EPD 16/07/2012 FINAL REPORT EPD General Program Instruction and Supporting Annexes PCR 2011:02 (Versione 1.0 del ), Steel for the Reinforcement of Concrete - Weldable Reinforcing Steel (EN 10080) Energia, dati IEA (2010) Sima Pro Ecoinvent v2.2 UNI EN IT

18 18 GLOSSARIO Categorie di impatto ambientale considerate: Acidificazione Fenomeno per il quale le precipitazioni atmosferiche risultano avere ph inferiore alla norma, può provocare danni alle foreste e alle colture vegetali, così come agli ecosistemi acquatici e ai manufatti. E dovuto alle emissioni di SO 2, di NOx, e di NH 3, che sono quindi compresi nell indicatore di Acidification Potential (AP) espresso in moli di H + prodotte. Distruzione della fascia dell ozono Degradazione della fascia di ozono stratosferico, avente la prerogativa di bloccare la componente ultravioletta dei raggi solari, per opera di composti particolarmente reattivi, che si originano da clorofluorocarburi (CFC) o da clorofluorometani (CFM). La sostanza usata come riferimento per l ODP ( Ozone Depletion Potential) è il triclorfluorometano, o CFC-11. Effetto serra Fenomeno per il quale i raggi infrarossi emessi dalla superficie terrestre in seguito a riscaldamento solare sono assorbiti da molecole presenti in atmosfera e riemessi sottoforma di calore, determinando un riscaldamento globale dell atmosfera. L indicatore utilizzato è GWP (Global Warming Potential) che comprende in primo luogo le emissioni in anidride carbonica, principale gas serra, oltre ad altri gas con minore grado di assorbimento dei raggi infrarossi, quali metano (CH 4 ), protossido di azoto (N 2 O), clorofluorocarburi (CFC), che vengono espressi in funzione del grado di assorbimento della CO 2 (g CO 2 ) Eutrofizzazione Arricchimento dei corsi d acqua in nutrienti, che determina squilibri negli ecosistemi acquatici dovuti all eccessivo sviluppo per mancanza di limitazioni nutritive. Eutrophication Potential (EP) comprende in particolare sali di fosforo e di azoto e si esprime come grammi di ossigeno equivalenti (g O 2 ). Formazione di ossidanti fotochimici Produzione di composti che per azione della luce sono in grado di promuovere una reazione di ossidazione che porta alla produzione di ozono nella troposfera. L indicatore POCP (Photochemical Ozone Creation Potential) comprende soprattutto COV (composti organici volatili) e si esprime come grammi di etilene equivalenti (g C 2 H 4 ).

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO DI FERALPI SIDERURGICA S.p.A.

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO DI FERALPI SIDERURGICA S.p.A. ENVIRONMENTAL PRODUCT DECLARATION DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO DI FERALPI SIDERURGICA S.p.A. CPC 4124 CERTIFICAZIONE N. S-P-00256

Dettagli

GreenboxX & GreenTray

GreenboxX & GreenTray ENVIRONMENTAL PRODUCT DECLARATION DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO GreenboxX & GreenTray SCATOLE E VASSOI IN CARTONE ONDULATO CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 10-01-2011 CONVALIDA N. S-P-00221 VALIDA

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL L Azienda L Azienda 1 Lean Six Sigma : Combining Six Sigma

Dettagli

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra Biagio Naviglio a, Massimiliano Fabbricino b, Anna Cozzolino b a. Stazione Sperimentale

Dettagli

L ACCIAIO DA CEMENTO ARMATO: processi produttivi caratteristiche controlli

L ACCIAIO DA CEMENTO ARMATO: processi produttivi caratteristiche controlli www.assosismic.it 6 marzo 2007 L ACCIAIO DA CEMENTO ARMATO: processi produttivi caratteristiche controlli Universitàdegli studi di Brescia CICLO INTEGRALE (da CARICA LIQUIDA) AI TRENI DI LAMINAZIONE Al

Dettagli

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim PREMESSA Negli ultimi anni il settore delle costruzioni è stato interessato

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO EPD di FERALPI SIDERURGICA S.p.A. CPC 4124 CERTIFICAZIONE N. S-P-00256 REVISIONE 0 DEL 22.03.2011 VALIDA

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO. Environmental Product Declaration

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO. Environmental Product Declaration DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER TONDO IN ACCIAIO IN BARRE E ROTOLI PER CALCESTRUZZO ARMATO Environmental Product Declaration CPC 4124 CERTIFICAZIONE N. S-P-00255 REVISIONE 0 DEL 22-03-2011 VALIDA

Dettagli

Distretto delvetro Artistico di Murano

Distretto delvetro Artistico di Murano Nicola Favaro Distretto delvetro Artistico di Murano 260 aziende, di cui 30 industriali 1200 addetti Fatturato di 100 milioni di Euro Produzione di Oggetti artistici Lampadari Specchi Oggetti al lume Novembre

Dettagli

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio Commissionata da Dicembre 2012 Sommario Elementi del Sistema...3 Infisso in Legno...8 Risultati...9 Infisso in PVC...13 Risultati...14 Infisso

Dettagli

Il primo EPD Process certificato per i tessuti-non-tessuti

Il primo EPD Process certificato per i tessuti-non-tessuti Il primo EPD Process certificato per i tessuti-non-tessuti comunicare dati ambientali oggettivi, accurati e scientificamente dimostrati sui propri prodotti; monitorare gli impatti ambientali connessi

Dettagli

Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato. Contenuto tecnico e valore aggiunto

Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato. Contenuto tecnico e valore aggiunto Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato Contenuto tecnico e valore aggiunto Il Regolamento il marchio di qualità è attribuito da SISMIC a seguito della: dimostrazione del rispetto

Dettagli

STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE

STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE Strumenti per la Eco-Progettazione Pagina 1 di 7 STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE Massimo Marino, Stefano Rossi Life Cycle Engineering Studio Ingegneri Associati Via Livorno, 60 10144 Torino Riassunto

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture 1 Acciaio 2 Acciaio Controlli Tre forme di controllo sono obbligatorie : IN STABILIMENTO DI PRODUZIONE.. da eseguirsi sui lotti di produzione NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Edile, Civile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Abstract

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

GreenBoxX & GreenTray

GreenBoxX & GreenTray DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER GreenBoxX & GreenTray SCATOLE E VASSOI IN CARTONE ONDULATO CPC CODE: 32153 REVISIONE 1 DEL 13-02-2012 CONVALIDA N. S-P-00221 VALIDA FINO AL 10/1/2014 PRESENTAZIONE

Dettagli

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università costituenti:

Dettagli

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Il Gruppo Dani 2010 Profilo aziendale Fatturato Addetti Struttura produttiva 120 milioni

Dettagli

- attraverso la qualificazione del Servizio Tecnico Centrale, con la procedura indicata nelle NTC stesse.

- attraverso la qualificazione del Servizio Tecnico Centrale, con la procedura indicata nelle NTC stesse. C11.3 ACCIAIO C11.3.1 PRESCRIZIONI COMUNI A TUTTE LE TIPOLOGIE DI ACCIAIO C11.3.1.1 Controlli Le NTC prevedono che il controllo sugli acciai da costruzione sia obbligatorio e si effettui, con modalità

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI 28/10/2014 Duccio Bianchi, Ambiente Italia Ambiente Italia, istituto indipendente di analisi e ricerca ambientale, ha analizzato

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche

Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche Kick off meeting Progetto VIS Vivaismo Sostenibile Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche F. P. Nicese G. Lazzerini Attività previste Task 1 Razionalizzazione dell irrigazione e della

Dettagli

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile?

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Prima di rispondere a questa domanda esponendo i risultati di uno studio scientifico effettuato sulla problematica

Dettagli

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI Temi della presentazione 1. Politica Ambientale e Certificazioni 2. Studio LCA sui prodotti Olio Extra Vergine di Oliva 3.

Dettagli

Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment)

Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) Dr. Daniele Cespi Dr. Fabrizio Passarini Dr. Luca Ciacci Dr. Ivano Vassura Prof. Luciano Morselli

Dettagli

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il PVTRAIN PhotovoltaicTrain - è un progetto pilota della durata di 3 anni (iniziato il 1 Novembre 2002 e terminato il 31 Ottobre 2005) realizzato dalla

Dettagli

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea - CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it ggarcea@ccpb.it Chi Siamo Bologna 1988 Bologna 2004 Certificazione Prodotti

Dettagli

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Impronta Ambientale Siamo tra le 95 imprese italiane selezionate per l analisi dell impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti di largo consumo.

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

CARBON FOOTPRINT. project 2013

CARBON FOOTPRINT. project 2013 1 descrizione del progetto La decisione di partecipare al bando del Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare per l accesso al finanziamento (ai sensi del D.M. 468 del 19.05.2011)

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER IL SERVIZIO DI LOGISTICA DISTRIBUTIVA DI PASTI NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER IL SERVIZIO DI LOGISTICA DISTRIBUTIVA DI PASTI NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA Environmental Product Declaration DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER IL SERVIZIO DI LOGISTICA DISTRIBUTIVA DI PASTI NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA Revisione 1 del 31/07/2006 Convalida N. S-P-00111

Dettagli

O.R.I. MARTIN Acciaieria e Ferriera di Brescia S.P.A. LAMINAZIONE FREDDA. BRESCIA, 18-19-20 Marzo 2009

O.R.I. MARTIN Acciaieria e Ferriera di Brescia S.P.A. LAMINAZIONE FREDDA. BRESCIA, 18-19-20 Marzo 2009 O.R.I. MARTIN Acciaieria e Ferriera di Brescia S.P.A. LAMINAZIONE FREDDA BRESCIA, 18-19-20 Marzo 2009 SOMMARIO Presentazione del gruppo ORI MARTIN Aspetti teorici e finalità Evoluzione impiantistica Risultati

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di Prodotto applicata ai Galletti

Dichiarazione Ambientale di Prodotto applicata ai Galletti Codice CPC 2349 Bread and other baker's wares PCR 2010:05 versione 1.0 2010 03 09 Data di approvazione 06/12/2011 Validità 3 anni Revisioni 1 N. di registrazione S-P-00233 Dichiarazione Ambientale di Prodotto

Dettagli

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment Forum Internazionale degli Acquisti Verdi terza edizione - Fiera di Cremona, 8-10 ottobre 2009 www.forumcompraverde.it IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI

Dettagli

APPLICATA ALLA PRODUZIONE DEL POLISTIRENE ESPANSO SINTERIZZATO (EPS)

APPLICATA ALLA PRODUZIONE DEL POLISTIRENE ESPANSO SINTERIZZATO (EPS) 1 ANALISI LCA APPLICATA ALLA PRODUZIONE DEL POLISTIRENE ESPANSO SINTERIZZATO (EPS) Presentazione del progetto e dei risultati principali Life Cycle Engineering, Torino 2005 Life Cycle Engineering: Chi

Dettagli

FAST S.p.A. Via Talete 2 Tel. (+39) 0522.622411 42048 Rubiera (RE)- Italy Fax (+39) 0522.627194. http://www.fastautomation.it info@fastautomation.

FAST S.p.A. Via Talete 2 Tel. (+39) 0522.622411 42048 Rubiera (RE)- Italy Fax (+39) 0522.627194. http://www.fastautomation.it info@fastautomation. FAST S.p.A. Via Talete 2 Tel. (+39) 0522.622411 42048 Rubiera (RE)- Italy Fax (+39) 0522.627194 http://www.fastautomation.it info@fastautomation.it FAST: un partner competente ed affidabile per l industria

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

Argomenti trattati. Acciai per uso strutturale:

Argomenti trattati. Acciai per uso strutturale: Argomenti trattati Acciai per uso strutturale: Tipologie di acciai utilizzati in edilizia Processi produttivi Caratterizzazione degli acciai da costruzione Controlli di accettazione in cantiere Tipi di

Dettagli

TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi. Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia

TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi. Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia LA PRIMA TRASFORMAZIONE acciaio inossidabile acciaio al carbonio MINERALE COKERIA ROTTAMI FERROSI

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

Carbon Footprint. A. Contin - Gestione Ambientale VII - 0

Carbon Footprint. A. Contin - Gestione Ambientale VII - 0 Carbon Footprint VII - 0 Gestione delle emissioni di gas serra Settore cogente Settore volontario VII - 1 L impronta climatica Carbon Footprint Carbon Footprint di di azienda azienda Carbon Footprint di

Dettagli

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO Estrapolato dal bilancio di sostenibilità 2013 IL PROGETTO CARBON FOOTPRINT LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO La partecipazione al bando per l accesso al finanziamento (ai sensi del D.M. 468 del 19.05.2011)

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto

Il Protocollo di Kyoto Il Protocollo di Kyoto Con il Protocollo di Kyoto i paesi industrializzati si impegnano a ridurre, durante il primo periodo di applicazione, 2008-2012, il totale delle emissioni di sei gas ad effetto serra,

Dettagli

Come si fa un tubo? Anche se non ce ne accorgiamo, i tubi fanno parte della nostra. vita quotidiana: sono fatti con i tubi i lampioni che illuminano

Come si fa un tubo? Anche se non ce ne accorgiamo, i tubi fanno parte della nostra. vita quotidiana: sono fatti con i tubi i lampioni che illuminano Come si fa un tubo? Anche se non ce ne accorgiamo, i tubi fanno parte della nostra vita quotidiana: sono fatti con i tubi i lampioni che illuminano le strade delle nostre città, i tralicci che portano

Dettagli

Revisione : 0 Modifica : 0 INDICE

Revisione : 0 Modifica : 0 INDICE 1 INDICE Revisione : 0 0.0 CERTIFICAZIONI... 3 1.0 COMPOSIZIONE DELL AREA DI LAVAGGIO... 4 1.1 Impianto a Piste... 4 0.1.1 Locale tecnico... 4 0.1.1 Struttura di copertura piste di lavaggio... 5 1.2 Impianto

Dettagli

STAINLESS STEEL AND SUPERALLOYS

STAINLESS STEEL AND SUPERALLOYS STAINLESS STEEL AND SUPERALLOYS Modernità, dinamismo, esperienza, conoscenza e stato dell arte degli impianti: questi sono gli elementi che hanno reso Italfond una tra le più accreditate acciaierie a livello

Dettagli

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni Workshop Chi Siamo EQO S.r.l. da oltre 10 anni riunisce professionisti provenenti da diversi settori e con differenti esperienze professionali,

Dettagli

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Valutazione del ciclo di vita LCA Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Life Cycle Analysis UNI EN ISO 14040-2006: LCA è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici

Dettagli

T.E.V. S.p.A. Termo Energia Versilia

T.E.V. S.p.A. Termo Energia Versilia Dichiarazione Ambientale di Prodotto Raccolta, conferimento, selezione RSU e compostaggio della frazione umida dei rifiuti Dichiarazione Ambientale di Prodotto Pre-Certificata N REG.: Rev. 0 Data: 03/08/2006

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di prodotto delle UOVA FResCHE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

Dichiarazione Ambientale di prodotto delle UOVA FResCHE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA Dichiarazione Ambientale di prodotto delle UOVA FResCHE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA CPC code Revisione n. Registrazione n. Valida fino al Anno di riferimento dei dati Area geografica di riferimento 030 Hen

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

Workshop Industria. Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra

Workshop Industria. Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra Workshop Industria Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra Gianluca Catalano Siram SpA Panel seminari efficienza energetica

Dettagli

L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment)

L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment) Progetto SISTER Finanziamento Regione Toscana DOCUP Ob. 2 Anni 2000-2006 Azione 2.8.4. Potenziamento del sistema regionale di servizi telematici e di comunicazione per le PMI L analisi del ciclo di vita

Dettagli

Norma di riferimento EN 10297-1 Tubi in acciaio. tolleranze ristrette per impieghi meccanici

Norma di riferimento EN 10297-1 Tubi in acciaio. tolleranze ristrette per impieghi meccanici TAM Plus TAM Plus Norma di riferimento EN 10297-1 Tubi in acciaio senza saldatura ad elevata lavorabilità (HL) e tolleranze ristrette per impieghi meccanici TAM Plus è la gamma di tubi meccanici laminati

Dettagli

www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia

www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia Da decenni i pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia si rivelano estremamente efficaci

Dettagli

Large Valorisation on Sustainability of Steel Structures. AMECO3 software. Dicembre 2014 AMECO

Large Valorisation on Sustainability of Steel Structures. AMECO3 software. Dicembre 2014 AMECO Large Valorisation on Sustainability of Steel Structures 3 software Dicembre 2014 1 Presentazione generale : Software relativo al Life Cycle Assessment di ponti ed edifici con struttura in acciaio Calcoli

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA IL RECUPERO ENERGETICO NELLA FILIERA DI PRODUZIONE DEL COMPENSATO - APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA G.L. Baldo*, M. Marino*; S. Rossi*; x ** *Life Cycle Engineering Torino; www.life-cycle-engineering.it

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

www.eambiente.it www.eenergia.info

www.eambiente.it www.eenergia.info www.eambiente.it www.eenergia.info Progetto CARBOMARK Monitoraggio delle emissioni e metodi di approccio al mercato Dr. Federico Balzan eambiente srl Castellavazzo, 21 marzo 2011 LCA Come si crea l eccellenza

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Il Gruppo in cifre Fatturato 2014: 264 m Capacità installata: 180,000 T Dipendenti: 420 Superficie coperta: 100,000 mq N.

Il Gruppo in cifre Fatturato 2014: 264 m Capacità installata: 180,000 T Dipendenti: 420 Superficie coperta: 100,000 mq N. The metal company Il Gruppo in cifre Fatturato 2014: 264 m Capacità installata: 180,000 T Dipendenti: 420 Superficie coperta: 100,000 mq N. siti produttivi: 4 Quartier generale: Brescia Anno fondazione:

Dettagli

Scaricato da. www.largoconsumo.info

Scaricato da. www.largoconsumo.info Scaricato da www.largoconsumo.info E Easy, la prima bottiglia di acqua minerale carbon neutral della San Benedetto Un prodotto che rientra nella mission e nella vocazione ambientale dell azienda Si chiama

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Gli impegni ambientali di BTicino > Integrare la gestione dell ambiente nei siti industriali. Attualmente, l 81% dei siti mondiali, e il 92% di quelli

Dettagli

LCA dell Acqua Minerale Naturale Oligominerale San Benedetto in bottiglie di PET da 0,5 l. - 1,5 l. - 2 l (2009/2010).

LCA dell Acqua Minerale Naturale Oligominerale San Benedetto in bottiglie di PET da 0,5 l. - 1,5 l. - 2 l (2009/2010). LCA dell Acqua Minerale Naturale Oligominerale San Benedetto in bottiglie di PET da 0,5 l. - 1,5 l. - 2 l (2009/2010). Relazione interna e confidenziale 6 luglio 2011 1 Indice Premessa... 3 1. L azienda

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con Unsider -ENTE ITALIANO DI UNIFICAZIONE SIDERURGICA - FEDERATO ALL UNI e-mail segreteria@unsider.it www.unsider.it Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti

Dettagli

Acciaierie e Ferriere del Tanaro

Acciaierie e Ferriere del Tanaro Acciaierie e Ferriere del Tanaro Riva Acciaio Lesegno FORNI ELETTRICI La storia La società fu costituita il 20 aprile 1960 con un capitale di 30 milioni di lire e sede legale a Ceva (Cuneo), con lo scopo

Dettagli

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio Titolo intervento Ambiente e sostenibilità per la tua Azienda sono un costo?.noi lo trasformiamo in ricchezza. Relatore: : Gian Piero Zattoni Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione

Dettagli

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale » Spinaci Cubello Foglia Più 01» Introduzione Questo documento è un estratto del Report relativo al calcolo dell impronta di carbonio (Carbon Footprint) di 8 prodotti orticoli surgelati a marchio Orogel,

Dettagli

Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale

Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale Sviluppo sostenibile Lo sviluppo è sostenibile quando soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle

Dettagli

ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI: COMPARAZIONE TRA INSUFFLAGGIO CON FIBRA DI CELLULOSA E ISOLAMENTO CLASSICO A CAPPOTTO

ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI: COMPARAZIONE TRA INSUFFLAGGIO CON FIBRA DI CELLULOSA E ISOLAMENTO CLASSICO A CAPPOTTO ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI: COMPARAZIONE TRA INSUFFLAGGIO CON FIBRA DI CELLULOSA E ISOLAMENTO CLASSICO A CAPPOTTO P.I. Luciano Sonda Amm. Delegato di ISOLARE srl 78 Isolamento termico degli edifici.

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A.

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Contratto di Ricerca tra FERALPI SIDERURGICA S.p.A. e CONSORZIO CIS-E STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Relazione finale Prof. Ing. Carlo Poggi Prof.

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008)

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008) Nelle tabelle seguenti riportiamo gli elenchi delle norme vigenti in Italia sull alluminio e sui trattamenti superficiali di verniciatura e di ossidazione anodica. L associazione non può rilasciare alcuna

Dettagli

Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS

Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS FEDERCHIMICA - 15 MARZO 2011-5 workshop T.A.C.E.C. Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS Ing. Marco Piana ANALISI LCA APPLICATA ALLA PRODUZIONE

Dettagli

Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare EXECUTIVE SUMMARY

Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare EXECUTIVE SUMMARY Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare Piatti monouso in PP, PS, PLA, polpa di cellulosa e piatti riutilizzabili in porcellana Bicchieri monouso in PP, PS, PLA, cartoncino

Dettagli

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 con la volontà di realizzare stufe a biomasse per ridurre

Dettagli

Analisi di una microfiliera per la produzione di energia termica da biomasse lignocellulosiche

Analisi di una microfiliera per la produzione di energia termica da biomasse lignocellulosiche Convegno: LA PRODUZIONE DI BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE PER LA FILIERA BIO-ENERGETICA Analisi di una microfiliera per la produzione di energia termica da biomasse lignocellulosiche Gianni Facciotto, Sara

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione LCA: applicazione ai componenti di involucro vetrato di Anna Bogliolo Relatore: Gabriella

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

I NOSTRI OBIETTIVI STRATEGICI

I NOSTRI OBIETTIVI STRATEGICI I NOSTRI OBIETTIVI STRATEGICI SICUREZZA e DECORO AMBIENTE DI LAVORO Programma Verso Infortuni Zero, Progetto Sicurezza e Progetto Ambiente per un continuo miglioramento dell ambiente di lavoro che contribuisca

Dettagli

Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A.

Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A. 0 PROGETTO MARIE PA 3.2 Task 5 DOCUMENTO Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A. RESPONSABILE DI SETTORE STEFANO DOTTA RESPONSABILE DI PROGETTO

Dettagli

La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing

La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing Convegno La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing Milano, 14 aprile 2011 Comunicare l innovazione ambientale attraverso il green marketing: la Environmental Product

Dettagli

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti Progetto Aniene Green Net Quadro generale e aggiornamenti Una ricchezza del nostro territorio: I boschi Produzione stimata totale annua: 35 121 tonnellate di massa legnosa (stima dell Università della

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI Massimo Marino Life Cycle Engineering Torino www.life-cycle-engineering.it SOMMARIO Nel ultimi tempi si sta assistendo ad

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli