TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE"

Transcript

1 Ufficio Brevetti Marchi & Innovazione Tecnologica

2 Edizione 2009

3 INDICE Presentazione 1. Il Marchio: nozioni generali 2. La Domanda di Marchio Nazionale 3. La Registrazione di un Marchio all Estero 4. Il Marchio Comunitario 5. Il Marchio Internazionale 6. Il Brevetto: nozioni generali 7. Il Brevetto Italiano 8. La Richiesta di Concessione di un Brevetto all Estero 9. Il Brevetto Europeo 10. Il Brevetto Internazionale 11. I Disegni e Modelli 12. La Registrazione di un Disegno e Modello all Estero 13. Il Deposito Internazionale di Disegni e Modelli 14. Il Design Comunitario 15. Il Diritto d Autore Italiano: aspetti generali Progetto grafico: CeG Maxicom Stampa: xxxxxxxxxxxxxxxx Finito di stampare nel mese di Gennaio

4 Nei due anni trascorsi dalla prima edizione lucchese della Guida alla tutela della proprietà industriale, alcune novità di tipo legislativo, ma anche a livello di organizzazione del lavoro, sono intervenute. Cambiamenti che riguardano, principalmente, la ricerca di anteriorità per le domande d Invenzione, da svolgersi a cura dell Ufficio Europeo. La riduzione di alcune tasse per il Marchio Comunitario ed, infine, la definitiva messa a punto, con notevole risparmio sul tempo di attesa, dello Sportello Telematico. Come il precedente, questo libro, anche se rinnovato nella forma, e rivisto in alcune parti, vuole essere un facile strumento di consultazione per le imprese, ma non soltanto, interessate alla tutela della proprietà industriale. In tal senso, la Camera di Commercio di Lucca, ha intenzione di continuare a svolgere un attività di alfabetizzazione, iniziata anni orsono. Consapevole del fatto che per creare sviluppo economico sia necessario individuare, tutelare e valorizzare le idee immateriali dell impresa. Le aziende che ragionano in questi termini, godono, senza dubbio, di notevoli vantaggi competitivi. E quindi con molto piacere che presento questo nuovo lavoro, dopo il lusinghiero successo ottenuto dal precedente, ormai esaurito, che non vuole essere una parola definitiva sull argomento, ma che può essere affiancata dal servizio informazioni che l utente può trovare presso l Ufficio Brevetti, Marchi & Innovazione Tecnologica. Lucca, 8 dicembre 2009 Il Presidente Dr. Claudio Guerrieri 07

5 1. IL MARCHIO: NOZIONI GENERALI 1.1 COS' E' IL MARCHIO D'IMPRESA? Il marchio è un segno distintivo dell'impresa che serve a contraddistinguere i prodotti o i servizi che essa produce o mette in commercio. 1.2 PERCHE' UN IMPRESA DEVE DISTINGUERE CON IL MARCHIO I PROPRI PRODOTTI/SERVIZI? Il marchio rende più facilmente individuabili sul mercato i prodotti delle aziende e consente al consumatore di riconoscere immediatamente la provenienza del prodotto/servizio che sta per acquistare. 1.3 COME E CON QUALI CARATTERISTICHE SI PUO COSTITUIRE UN MARCHIO? Proprio per la sua funzione distintiva, il marchio deve basarsi su elementi facilmente percepibili e rintracciabili: deve essere quindi suscettibile di essere rappresentato graficamente ed in particolare può' avere ad oggetto : PAROLE (compresi i nomi di persone) DISEGNI LETTERE CIFRE SUONI LA FORMA DEL PRODOTTO O DELLA CONFEZIONE DELLO STESSO LE COMBINAZIONI O LE TONALITÀ CROMATICHE purché questi siano adatti a distinguere i prodotti o i servizi di un impresa da quelli di altre imprese. 09

6 1.4 COS'E' IL MARCHIO DI FATTO? CHE RISCHI CORRE L'IMPRENDITORE CHE UTILIZZA DI FATTO UN MARCHIO NON VALIDAMENTE REGISTRATO? Il marchio di fatto è quel segno distintivo che, pur non registrato, viene usato per contraddistinguere i prodotti o i servizi di un imprenditore e diventa, per questo, noto al pubblico, di solito, in un area geografica ristretta. Questa eventualità gode di una tutela minore rispetto a quella del marchio registrato: se infatti la notorietà è solo locale si corre il rischio che un altro imprenditore lo registri validamente a livello più ampio. In questo caso, il titolare di un marchio di fatto non potrà opporsi alla registrazione ed avrà diritto ad utilizzare detto marchio nei limiti in cui se ne è sempre servito, privandosi della possibilità di espandere l'attività contraddistinta dal marchio di fatto. 1.4 QUANDO REGISTRARE UN MARCHIO? Il marchio ha due funzioni distinte: consente al consumatore di riconoscere immediatamente la provenienza del prodotto/servizio che sta per acquistare; consente al produttore del prodotto/servizio di distinguersi da altri produttori di analoghi prodotti/servizi; Pertanto, come indicazione generale: se ciò che si va a commercializzare è particolarmente innovativo, sarà prioritario difendere il prodotto con tutela brevettuale ed eventualmente tutelarne la denominazione in un secondo momento, dato che proprio il carattere di novità renderà facilmente riconoscibile il prodotto stesso e chi lo commercializza. se ciò che si va a commercializzare appartiene alla categoria di prodotti tradizionali già conosciuti nel mercato, il marchio o il suo particolare design, saranno discriminanti per riuscire ad attrarre l attenzione degli eventuali acquirenti 1.5 QUALI SONO I VANTAGGI DELLA REGISTRAZIONE? Con la registrazione di un marchio si ottiene la tutela contro eventuali registrazioni successive dello stesso marchio o di marchi simili per prodotti o servizi uguali o simili. Come detto in precedenza, in caso di marchio non registrato si incorre nel rischio di dover tollerare che un altro imprenditore registri il segno e lo utilizzi, approfittando in alcuni casi della eventuale notorietà acquisita dal marchio di fatto. Inoltre, il marchio di fatto è più difficilmente difendibile in caso di conflitto con un marchio successivamente registrato, in quanto il primo sarà costretto a dimostrare in giudizio sia l'uso anteriore rispetto al marchio registrato (preuso), sia la notorietà acquisita presso il pubblico. Va inoltre considerato che il marchio d'impresa è un bene dell'impresa che, con il passare del tempo, può' aumentare di valore; come tale è pertanto cedibile o sfruttabile alla stregua di un qualsiasi altro bene dell'azienda, rappresentando in alcuni casi un vero e proprio capitale. 1.7 CHI SONO I SOGGETTI CHE POSSONO REGISTRARE UN MARCHIO D IMPRESA? Puo ottenere una registrazione per marchio d impresa chiunque lo utilizzi o si proponga di utilizzarlo, nella fabbricazione o commercio di prodotti o nella prestazione di servizi della propria impresa o di imprese di cui abbia il controllo o che ne facciano uso con il suo consenso. I richiedenti possono essere persone fisiche, giuridiche oltre alle associazioni non riconosciute. Anche le Amministrazioni dello Stato, delle Regioni, delle Province e dei Comuni possono chiedere ed ottenere la registrazione di un marchio. 1.8 QUALI SONO I DIRITTI DEL TITOLARE DI UN MARCHIO D IMPRESA? La registrazione conferisce al titolare il diritto esclusivo sul marchio. Il titolare del marchio registrato ha diritto di farne uso per contraddistinguere i propri prodotti o servizi e di vietarne l utilizzo da parte di altri per prodotti o servizi identici o affini. Questo diritto è strettamente connesso alla natura forte o debole del marchio registrato. 1.9 COSA SI INTENDE PER MARCHIO FORTE E PER MARCHIO DEBOLE? Ogni marchio può avere una maggiore o una minore capacità distintiva (ossia capacità di rendersi nettamente distinguibile dagli altri marchi presenti sul mercato) a seconda di quanto è originale la sua composizione grafica o letterale. Si definiscono normalmente marchi deboli quei segni o quelle denominazioni il cui significato si avvicina alla natura del prodotto o servizio contraddistinto. Esempio: Caffetteria della Stazione (pubblico esercizio), Divani e Divani (arredamento), La Camiceria Lucchese (abbigliamento). Normalmente i marchi deboli sono strettamente connessi a terminologie tecniche o di uso comune e bastano lievi modifiche o aggiunte da parte dei concorrenti per escludere un eventuale confondibilità. Ai marchi deboli si contrappongono i cosiddetti marchi forti, in cui l originalità della grafica o della denominazione è tale da attribuirgli un elevata capacità distintiva. Questi marchi sono normalmente dotati di particolare originalità tale da colpire maggiormente l attenzione dei consumatori. Sono normalmente marchi di pura fantasia e, in quanto forti, caratterizzati da una protezione 10 11

7 molto intensa; a seguito dei diritti acquisiti dalla registrazione possono, infatti, essere interdette tutte quelle variazioni o modifiche che lasciano presumere una certa affinità con il marchio stesso. Esempio di marchio forte: Caffè Noir (calzature), Rolex (orologi), Due Limoni (profumeria) Va da sé che, nella ricerca di un segno che contraddistingua i propri prodotti o servizi, la scelta sia indirizzata all ottenimento di un marchio forte, che consenta di raggiungere gli obiettivi di visibilità nei confronti dei consumatori, e distintività rispetto ai concorrenti e, non ultimo, l assoluta difendibilità COSA SI INTENDE PER MARCHIO COLLETTIVO? Il marchio collettivo, diversamente dal marchio individuale, si presta soprattutto ad una funzione di garanzia perché mira ad accertare che il prodotto/servizio offerto presenti un origine, una qualità, una natura ben specifica. Proprio per questo, nel marchio collettivo, la registrazione non viene richiesta dal singolo imprenditore ma dai soggetti o dall ente che si occupano di dover garantire gli standard qualitativi stabiliti dai regolamenti, al fine di concederne l uso a produttori e commercianti QUAL E LA DURATA DI TUTELA DI UN MARCHIO REGISTRATO? I diritti del marchio durano per dieci anni dalla data di presentazione della domanda. La registrazione può essere rinnovata per periodi decennali, purché la domanda venga presentata entro lo scadere dei dieci anni o nei sei mesi successivi, con conseguente applicazione di una sopratassa. fici, denominazioni sociali, sigle, lettere dell alfabeto, numeri, ecc. Esempio: Armani, Geox Marchi figurativi I marchi figurativi sono quelli costituiti da emblemi e colori fino a rappresentazioni più elaborate, quali vignette, etichette, ritratti, ecc. ESEMPIO Marchi complessi I marchi complessi sono quei marchi costituiti sia da elementi figurativi che da elementi denominativi. ESEMPIO 1.12 QUALI TIPOLOGIE DI MARCHIO POSSONO ESSERE REGISTRATE? I marchi si suddividono in: Marchio di fabbrica: quando sono adottati dall industria per contraddistinguere i propri prodotti; si deve ricordare che un marchio di fabbrica qualora venga apposto dal produttore, non può essere mai soppresso dal commerciante. Marchio di commercio: quando sono adottati dall ente commerciale per contraddistinguere le merci vendute attraverso le proprie linee commerciali, siano esse anche solo negozio o magazzino. Marchio di servizio: quando sono destinati a contraddistinguere le prestazioni che un impresa rende a terzi. I marchi possono essere: Marchi denominativi I marchi denominativi sono quelli costituiti da parole di fantasia, nomi patronimici, nomi geogra- Marchi sonori I marchi sonori sono ad esempio le sigle dei programmi radiotelevisivi. La registrazione di tali marchi avviene depositando il relativo pentagramma. Marchi di forma o tridimensionali I marchi di forma o tridimensionali sono le forme dei prodotti e le loro confezioni. E importante ricordare che un marchio di forma può essere registrato esclusivamente quando si tratta di forma non consueta, arbitraria o di fantasia. La particolare struttura tridimensionale non deve essere caratterizzata da finalità funzionali o estetiche. Infatti se la particolare forma consente una maggiore utilità dell oggetto (ad es. una particolare impugnatura di una forbice che rende più agevole l azione del tagliare) o estetica (ad es. una particolare fantasia di un tessuto), allora questa potrà essere tutelata solo ed esclusivamente con un brevetto per modello di utilità o invenzione, nel caso di maggior funzionalità, o con modello industriale (design) nel caso di un particolare carattere estetico

8 La bottiglia della bevanda Coca-Cola (marchio registrato), la forma del dolce Viennetta (marchio registrato), alcune confezioni di yogurt, rappresentano illustri casi di marchi tridimensionali registrati. Marchi olfattivi Sono validamente registrabili come marchi olfattivi solo quelli riproducibili graficamente. Pertanto si deve dubitare della possibilità di proteggere i marchi olfattivi, a meno di non riuscire a tutelarli attraverso la loro formula chimica QUALI SONO I REQUISITI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO? Novità : che consiste nell assenza sul mercato di prodotti o servizi contrassegnati da marchi identici o simili a quello che ci proponiamo di registrare. La novità non difetta qualora il marchio precedente sia scaduto da oltre due anni (tre se trattasi di marchio collettivo) o sia decaduto per non uso quinquennale. Prima di depositare una domanda di registrazione marchio è opportuno svolgere una ricerca di anteriorità che verifichi non solo l eventuale esistenza di marchi identici, ma anche di tutte le similitudini con cui si può entrare in conflitto. Gli esiti della ricerca potrebbero infatti confermare la validità del marchio o, al contrario, sconsigliarne non solo il deposito (rischio di nullità), ma anche l uso stesso (rischi di contestazione da parte di terzi). La disciplina normativa, attualmente vigente, impone che la registrazione di un marchio non crei confusione o possibilità di associazioni con un marchio esistente. Molto spesso questo aspetto non viene considerato e vengono di conseguenza registrati marchi passibili di una pronuncia di nullità. Una prima verifica può essere fatta on line, utilizzando le banche dati marchi disponibili su Internet. L Ufficio Brevetti Marchi & Innovazione Tecnologica della CCIAA di Lucca svolge, su richiesta, una ricerca più approfondita utilizzando banche dati professionali, che permettono un livello di risultati più affidabile. (Vedi paragrafo 2). Capacità distintiva: è l attitudine del segno a distinguere il prodotto /servizio da quello di altri. Per questo motivo il marchio non può consistere in una parola, figura o segno di uso generico o in una denominazione o indicazione descrittiva del prodotto (non potremmo ad esempio registrare il marchio materassi per contraddistinguere i nostri prodotti che sono appunto materassi). Questo principio esclude pertanto la registrabilità sia di segni divenuti di uso comune nel linguaggio corrente o negli usi costanti del commercio sia da segni costituiti esclusivamente dalle denominazioni generiche di prodotti o servizi o da indicazioni descrittive che ad essi si riferiscono. Liceità e Veridicità: il marchio non deve essere contrario alla legge, all ordine pubblico e al buon costume. Inoltre non possono essere oggetto di valida registrazione i segni distintivi idonei ad ingannare il pubblico, in particolare sulla provenienza geografica, sulla natura o sulla qualità dei prodotti o servizi rivendicati QUANDO SI ESTINGUE UN MARCHIO? Le cause di estinzione di un marchio sono: il mancato rinnovo la rinuncia del titolare una sopravvenuta contrarietà del segno alla legge, all ordine pubblico o al buon costume la volgarizzazione, ossia la perdita del carattere distintivo nel corso degli anni: in questo caso il marchio diviene denominazione generica del prodotto o del servizio (es. Biro, Pre-maman, Cellophane etc.) i mancati controlli nel caso di marchio collettivo la decadenza per mancato uso entro cinque anni dalla data di registrazione o la sospensione dell utilizzo per un periodo di cinque anni COME SI RINNOVA UN MARCHIO? Il rinnovo consiste in un nuovo deposito del marchio da eseguire entro 10 anni dalla data della domanda di deposito oppure entro 6 mesi dalla scadenza del 10 anno con il pagamento di una sopratassa. Nel rinnovo sono consentite variazioni irrilevanti, che non siano apprezzabili dal pubblico, altrimenti non si ha rinnovo, ma deposito di un nuovo marchio IN COSA CONSISTE LA PROCEDURA DI REGISTRAZIONE IN AMBITO NAZIONALE ITALIANO? Le domande di registrazione e/o rinnovazione per marchi d impresa possono essere depositate, personalmente dal richiedente o dal suo mandatario, presso gli Uffici Brevetti e Marchi delle Camere di Commercio. In alternativa, la domanda può essere inviata per posta al Ministero dello Sviluppo Economico Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM), a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno. Le domande depositate presso le Camere di Commercio vengono trasmesse entro 10 gg all UI- BM di Roma che provvede ad esaminarle secondo un ordine cronologico. Il nuovo Codice della Proprietà Industriale prevede la possibilità di presentare osservazioni ed opposizioni, da parte di terzi interessati, indicando i motivi di non registrabilità del marchio. Al momento della stampa di questa guida la procedura non è stata ancora regolamentata. La domanda è sottoposta ad una verifica dei requisiti, ma non ad una esame di novità. Al termine della fase istruttoria, l UIBM provvede al rilascio o al rifiuto del marchio. Contro le decisioni dell UIBM è ammesso ricorso alla Commissione dei Ricorsi entro il termine perentorio di 60 gg. dal ricevimento del provvedimento

9 1.17 ESISTONO DEI SIMBOLI CHE VANNO APPOSTI A SEGUITO DELLA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO? L unico simbolo ufficialmente riconosciuto in Italia è quello relativo al diritto d autore, vale a dire il simbolo e, in materia di marchi di impresa, la legge Italiana cita esclusivamente le espressioni Marchio depositato, Marchio Registrato e Marchio di fatto. Sono tuttavia molto diffusi i simboli normalmente utilizzati per identificare un marchio registrato o un marchio depositato TM o TS. Attenzione: mentre in Italia c è un uso indiscriminato e non avvalorato da particolari disposizioni normative dei simboli descritti, in numerosi Stati viene valutata attentamente la distinzione tra stato di marchio depositato e stato di marchio registrato. E importante sottolineare, inoltre, che la legge (art 127 codice della proprietà industriale), punisce con sanzione amministrativa da 51,65 a 516,46 euro chiunque appone, su un oggetto, parole o indicazioni non corrispondenti al vero, tendenti a far credere che l oggetto sia protetto da brevetto, disegno o modello oppure topografia o a far credere che il marchio che lo contraddistingue sia stato registrato COSA FARE SE CI SONO VARIAZIONI DI RAGIONE SOCIALE, LICENZA O CESSIONE DEI DIRITTI SUL MARCHIO? Nel caso in cui vi sia stato un cambiamento successivo all atto di deposito che non ha modificato i diritti relativi al marchio (ad es. variazione della ragione sociale, variazione della natura giuridica, variazione di indirizzo) si dovrà presentare domanda di Annotazione presso l Ufficio Brevetti e Marchi di qualsiasi Camera di Commercio Nazionale. Nel caso in cui invece vengano trasferiti o modificati i diritti relativi al marchio sia a titolo gratuito che a titolo oneroso (cessione, successione), gli atti relativi dovranno essere resi pubblici mediante domanda di Trascrizione presso l Ufficio Brevetti e Marchi di qualsiasi Camera di Commercio Nazionale. Nel caso in cui ci sia un trasferimento dei diritti esclusivamente attraverso un contratto di licenza, il citato contratto non è soggetto ad alcuna registrazione presso gli Uffici competenti. Nel caso di licenza d uso, il licenziante continua infatti a mantenere la titolarità del diritto esclusivo del marchio. 2. LA DOMANDA DI MARCHIO NAZIONALE NELLA PRATICA 2.1 LA RICERCA DI ANTERIORITA Prima di procedere con la domanda di registrazione di un marchio è opportuno svolgere una ricerca di anteriorità che vada a verificare non solo l eventuale esistenza di marchi identici, ma anche di tutte le similitudini con cui si può entrare in conflitto. Gli esiti della ricerca potrebbero infatti confermare la validità del marchio o, al contrario, sconsigliarne non solo il deposito (rischio di nullità), ma anche l uso stesso (rischi di contestazione da parte di terzi). La disciplina normativa attualmente vigente impone che la registrazione di un marchio non crei confusione o possibilità di associazioni con un marchio esistente. Molto spesso questo aspetto non viene considerato e vengono di conseguenza registrati marchi passibili di una pronuncia di nullità. Una prima verifica può essere fatta on-line utilizzando le banche dati marchi disponibili su internet Ufficio Italiano brevetti e marchi UAMI (marchio comunitario) WIPO (marchio internazionale) L ufficio Marchi e Brevetti offre un servizio di ricerca per marchi verbali. Per maggior informazioni: -->Marchi e brevetti -->cliccare sulla domanda COME RICHIEDERE UNA RICERCA DI ANTERIORITA MARCHI? 16 17

10 2.2 COS È LA CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DEI SERVIZI? Tutti i prodotti e/o servizi che possono essere fabbricati e/o commercializzati sono stati inseriti in una Classificazione (Classificazione di Nizza, IX edizione), riconosciuta a livello internazionale e contenente 45 differenti sezioni. Per effettuare il deposito di un marchio di impresa è indispensabile individuare a quale classe appartengono i prodotti o i servizi che il marchio andrà a contraddistinguere. Un marchio può essere depositato per più di una classe di prodotti e servizi. La versione completa e commentata della Classificazione di Nizza è stata inserita in allegato nella parte tascabile di questa Guida. 3. REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO ALL ESTERO Se si vuole registrare un marchio all estero si può procedere in uno dei seguenti modi, applicabili a seconda dei casi specifici e a seconda delle necessità di tutela: si richiede la registrazione del marchio in ogni stato in cui si hanno interessi commerciali, tramite il supporto di un legale rappresentante per ogni Paese prescelto. dopo aver depositato la domanda di marchio nazionale italiano, il titolare può chiedere all Ufficio Italiano Brevetti e Marchi il deposito del marchio stesso presso l Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (World Intellectual Property Organization). si procede alla registrazione del Marchio Comunitario, se si desidera ottenere la protezione del marchio all interno dell Unione Europea. Dal 1º Ottobre 2004, come conseguenza dell adesione della CE al Protocollo di Madrid, i titolari di una domanda di marchio comunitario o di un marchio comunitario registrato possono utilizzare tale domanda o tale registrazione come base per una domanda di marchio internazionale. 3.1 COS E LA DATA DI PRIORITA E PERCHE RIVENDICARLA? La data di priorità è la data in cui si è presentata per la prima volta la domanda di registrazione del marchio in uno stato. Nei Paesi aderenti alla Convenzione di Unione di Parigi è consentito chiedere l estensione all estero del proprio marchio rivendicando la data di priorità, ossia facendo decorrere i propri diritti a partire dalla data del primo deposito nazionale, purché tale rivendicazione avvenga entro e non oltre i sei mesi successivi alla data di priorità. Operando in tal modo si stabilisce una sorta di diritto di precedenza ai fini di una registrazione estera del proprio marchio

11 4. IL MARCHIO COMUNITARIO 4.1 COS È IL MARCHIO COMUNITARIO? Il marchio comunitario è un marchio unico, in quanto un unico deposito ha validità sull intero territorio dell Unione Europea. Esso conferisce al suo titolare un diritto esclusivo valevole in tutti gli Stati membri e si acquisisce con la registrazione sull apposito registro tenuto dall Ufficio per l Armonizzazione nel Mercato Interno (U.A.M.I - che ha sede ad Alicante Spagna. 4.2 QUALI SONO I DIRITTI DEL TITOLARE DI UN MARCHIO COMUNITARIO? Il marchio comunitario conferisce al suo titolare una protezione contro la riproduzione o l imitazione del suo marchio su tutto il territorio dell Unione Europea. Il titolare del marchio può interdire a terzi l utilizzo, senza il suo consenso di segni identici o simili tutelati dal suo marchio. La somiglianza è definita in funzione del rischio di confusione da parte del pubblico. 4.3 QUALI SONO I VANTAGGI E GLI SVANTAGGI DELLA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO? Da un punto di vista pratico, il marchio comunitario rappresenta indubbiamente una soluzione interessante per un azienda che intenda tutelare il proprio marchio in molti Paesi membri dell UE, con il beneficio notevole di avere un unica pratica da gestire. Da un punto di vista economico il vantaggio che questa convenzione offre è dato dal fatto che i costi, in termini di tasse, sono inferiori alla spesa totale che si dovrebbe sostenere per presentare una domanda di registrazione in ogni singola nazione appartenente all Unione Europea. Tuttavia, secondo il regolamento vigente, se la domanda a seguito dell esame non fosse accettata (ad es. se esistesse un marchio identico depositato o registrato anche solo in uno dei Paesi aderenti), detta domanda sarebbe rigettata per tutti i paesi dell Unione Europea e il titolare del marchio si troverebbe a dover attivare la procedura di conversione, ossia presentare delle singole domande in ciascun paese di interesse, con conseguente notevole incremento dei costi. Anche in questo caso, come per la domanda di registrazione italiana, si consiglia di effettuare una verifica della eventuale pre-esistenza del marchio di cui si chiede la registrazione. 4.4 QUAL È LA DURATA DI PROTEZIONE PER UN MARCHIO COMUNITARIO? Come descritto per il marchio nazionale italiano, la protezione dura 10 anni dalla data del primo deposito ed è rinnovabile. 4.5 IN COSA CONSISTE LA PROCEDURA D ESAME DA PARTE DELL U.A.M.I? L Ufficio per l Armonizzazione nel Mercato Interno (U.A.M.I.) verifica: che la domanda di Marchio Comunitario soddisfi le condizioni richieste, necessarie per la sua regolarità (requisiti per la registrabilità descritti al paragrafo 1.11); che siano state pagate le tasse previste; Parallelamente a questo esame formale si procede anche ad un controllo della novità. Anche in questo caso è fortemente consigliato, ai fini del buon esito della domanda di deposito, verificare l eventuale pre-esistenza di un marchio in tutti gli stati facenti parte dell Unione Europea. Entro tre mesi dalla data di pubblicazione sul bollettino ufficiale dei marchi comunitari, sia i titolari di un marchio comunitario come pure i titolari di marchi nazionali ed i titolari di marchi nazionali non registrati, ma effettivamente utilizzati (marchi di fatto), possono presentare opposizioni per similitudine o rischio di confusione con il marchio anteriore. Una volta registrato dall U.A.M.I., il marchio viene governato in base al regolamento comunitario. Il deposito di marchio comunitario copre i seguenti paesi: Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito,Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria. Dal 1º Ottobre 2004, come conseguenza dell adesione della C.E. al Protocollo di Madrid, è possibile richiedere con un unica designazione la tutela nei paesi attualmente aderenti alla C.E. attraverso la domanda di estensione internazionale del marchio (vedi capitolo 5 Il marchio internazionale )

12 5. IL MARCHIO INTERNAZIONALE 5.1 COS E IL MARCHIO INTERNAZIONALE? Il Marchio Internazionale è il risultato della Convenzione di Madrid, la quale ha introdotto una procedura unica che permette di registrare il marchio in più Paesi. Si tratta di fatto di una sorta di fascio di Marchi Nazionali, ciascuno dei quali è disciplinato nel Paese a cui appartiene in base alla normativa interna vigente. L elenco completo dei paesi aderenti alla Convenzione (79 al Protocollo e 56 all Accordo alla data del 30 settembre 2009) è reperibile al sito ufficiale dell Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (www.wipo.int). 5.2 CHI PUÒ REGISTRARE UN MARCHIO INTERNAZIONALE? Condizione necessaria per ottenere la registrazione internazionale è che il richiedente sia cittadino di uno degli Stati membri contraenti, oppure abbia in tali Paesi la residenza o, in caso di società, che abbia la propria attività in uno degli stati aderenti alla Convenzione. Al contrario della procedura di domanda di marchio comunitario, per fare richiesta di un marchio internazionale è indispensabile essere titolari del deposito o della registrazione nazionale dello stesso marchio. Inoltre, dal 1º Ottobre 2004, come conseguenza dell adesione della CE al Protocollo di Madrid, i titolari di una domanda di marchio comunitario o di un marchio comunitario registrato possono utilizzare tale domanda o tale registrazione come base per una domanda di marchio internazionale. A partire da tale data perciò, per chi volesse far richiesta di marchio internazionale, non è più indispensabile essere titolari di una domanda o di una registrazione nazionale ma è sufficiente essere titolari di una domanda o di una registrazione comunitaria. Per un periodo di cinque anni dalla data di registrazione internazionale la protezione risente del legame con il marchio nazionale di base, cioè qualsiasi modifica o accadimento attinente il marchio d origine come, ad esempio, limitazione dei prodotti oppure rinuncia o mancato uso, incidono automaticamente sulla registrazione internazionale che sarà di conseguenza limitata ai prodotti effettivamente protetti oppure verrà ad estinguersi o a decadere. 5.3 QUAL È LA DURATA DI TUTELA DI UN MARCHIO INTERNAZIONALE? Il Marchio Internazionale ha una durata di 10 anni dalla data di decorrenza della domanda e può essere rinnovato per periodi decennali. Il W.I.P.O. provvederà ad avvisare il titolare sei mesi prima della scadenza. Il rinnovo può essere richiesto anche nei sei mesi successivi alla scadenza, con l applicazione di una sopratassa. Il titolare del marchio internazionale che intenda effettuare un rinnovo dovrà presentare tale domanda direttamente all Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale mediante la compilazione dell apposito modello di rinnovo MM11 predisposto dal W.I.P.O., facendo riferimento alla prima registrazione internazionale, unitamente alla contabile del bonifico attestante il versamento delle tasse internazionali. Qualora la domanda di registrazione di un marchio internazionale venga depositata entro 6 mesi dal deposito di una domanda di marchio nazionale, l estensione avrà la stessa decorrenza del marchio nazionale si potrà quindi rivendicarne la priorità ; in caso contrario (oltre i 6 mesi), l estensione avrà come decorrenza quella del deposito del marchio internazionale. 5.4 IN COSA CONSISTE LA PROCEDURA DI REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO INTERNAZIONALE? L Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale ha il compito di effettuare un esame preliminare della pratica trasmessa e successivamente inviarla alle singole amministrazioni nazionali per un esame più approfondito; le procedure, a questo punto, seguono l iter nazionale di ciascun singolo paese designato. Il deposito della domanda di registrazione internazionale equivale al deposito della domanda di registrazione del marchio presso ciascuno dei paesi designati i quali, entro un anno o diciotto mesi (a seconda del paese designato) dalla data di registrazione del marchio internazionale, possono sollevare obiezioni in merito alla registrabilità di tale marchio nel loro Stato. Trascorso tale termine senza aver ricevuto rifiuti, il marchio può ritenersi accettato, fatti salvi eventuali diritti di terzi derivanti da marchi identici o simili antecedenti che possono essere fatti valere in sede giudiziaria. Come nei casi di marchio nazionale e di marchio comunitario, ai fini di un buon esito della procedura, si ritiene opportuno verificare un eventuale pre-esistenza del marchio di cui si chiede la registrazione. Va inoltre sottolineato che se uno o più Stati rifiutano la registrazione del Marchio Internazionale nel proprio territorio, questo rimane comunque efficace negli Stati dove non si hanno contestazioni. 5.5 IN COSA CONSISTE L ESTENSIONE TERRITORIALE TARDIVA? Una registrazione di Marchio Internazionale può essere successivamente estesa ad altri paesi membri di entrambi gli accordi

13 OTTENERE LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO Guida pratica alla 6. BREVETTO Se i frutti di uno studio su un prodotto o su un procedimento si concretizzano in una soluzione innovativa, il primo obiettivo di chi l ha condotto dovrebbe essere quello di difendere al meglio i diritti patrimoniali che ne derivano, recuperando possibilmente i capitali investiti nella ricerca e nello sviluppo di tale soluzione. Con una domanda di brevetto si acquisiscono dei diritti di esclusiva, elencati nel paragrafo seguente, per un periodo definito di tempo e entro dei limiti territoriali, a patto che tutta la documentazione relativa al procedimento o al prodotto innovativo venga divulgata attraverso una dettagliata relazione tecnica, mettendo così a disposizione del pubblico, concorrenti compresi, i risultati della propria ricerca. La procedura che porta al brevetto, pur comportando dei costi in termini di tasse e una procedura formale di richiesta al Ministero competente, è di per sé una domanda ufficiale di esclusiva che, una volta ottenuta, risulta maggiormente difendibile nei confronti di chi realizza o commercializza senza autorizzazione il proprio ritrovato. Talvolta la scelta sulle forme di tutela si orienta sul segreto aziendale, ossia una serie di complesse operazioni per cui non vengono rivelati gli studi fatti o le tecnologie utilizzate per ottenere un certo risultato innovativo. Il segreto industriale, se rimane tale, ha il vantaggio di non avere limiti né territoriali né temporali, ma ha anche il notevole svantaggio di essere difficilmente difendibile nel momento in cui vengono rivelati, volontariamente o per studi effettuati da altri, i processi o le tecniche attraverso cui un prodotto viene ottenuto. Nel caso in cui il segreto dovesse venire meno è praticamente impossibile appellarsi a diritti di esclusiva in quanto questi non sono mai stati ottenuti attraverso una registrazione formale di un brevetto. 6.1 COS E IL BREVETTO? Il brevetto è un titolo in forza del quale viene conferito un monopolio temporaneo di sfruttamento sul trovato, oggetto del brevetto stesso, consistente nel diritto esclusivo di: realizzarlo disporne o farne oggetto di commercio nonché di vietare a terzi di: produrlo usarlo metterlo in commercio venderlo o importarlo Nella pratica, se il brevetto riguarda un prodotto il titolare avrà il diritto esclusivo sulla produzione, l uso, la messa in commercio, la vendita in Italia, nonché l importazione del prodotto medesimo

14 Se invece oggetto del procedimento, il titolare del brevetto avrà il diritto esclusivo di applicarlo, nonché di mettere in commercio, vendere o importare il prodotto che è realizzato con tale procedimento. Il diritto che deriva dal brevetto ha limiti: territoriali, ossia è tutelato all interno dei confini del paese in cui viene concesso; temporali, in quanto la durata della tutela ha un termine massimo oltre il quale non è possibile rinnovarla. 6.2 QUALI TIPOLOGIE DI BREVETTO POSSONO ESSERE DEPOSITARE? Invenzione: è una soluzione nuova ed originale di un problema tecnico, atta ad essere realizzata ed applicata in campo industriale. Modello di Utilità: trattasi del miglioramento di qualcosa di già esistente, di un trovato che fornisce a macchine o a parti di esse, a strumenti, utensili, od oggetti di uso in genere, particolare efficacia o comodità di applicazione o d impiego. Disegno o Modello: si intende l aspetto dell intero prodotto o di una sua parte quale risulta, in particolare, dalle caratteristiche delle linee, dei contorni, dei colori, della forma, della struttura superficiale e/o dei materiali del prodotto stesso e/o del suo ornamento guida è stata dedicata una sezione a parte per la descrizione dei meccanismi di tutela di modelli e disegni. Nuova Varietà Vegetale: è una varietà vegetale nuova, omogenea, stabile e diversa da altre già esistenti. Topografia di prodotti a semiconduttori: è una serie di disegni correlati rappresentanti lo schema tridimensionale degli strati di cui si compone un semiconduttore. 6.3 QUALI SONO I REQUISITI PER LA CONCESSIONE DI UN BREVETTO? Novità: Il trovato non deve essere già compreso nello stato della tecnica. Per stato della tecnica si intende tutto ciò che è stato reso accessibile al pubblico in Italia o all estero prima della data di deposito della domanda mediante brevetto, descrizione scritta o orale o mediante qualsiasi altro mezzo. Attività inventiva o originalità: Un Invenzione presenta il requisito dell originalità quando non risulta in modo evidente dallo stato della tecnica: la soluzione che l invenzione presenta non deve cioè apparire ovvia ad una persona esperta del ramo cui l invenzione attiene. Nel caso di Modello di Utilità l originalità consiste nella particolare efficacia o comodità di applicazione. Nel caso di Disegno o modello l originalità consiste nello speciale aspetto tridimensionale, nell essere stata creata in maniera indipendente. E pertanto consigliabile, prima di effettuare il deposito di una domanda di brevetto o comunque prima di immettere nel mercato un prodotto innovativo, verificare che tale prodotto non sia tutelato da privativa brevettuale altrui, allo scopo di evitare la possibilità di ledere i diritti acquisiti precedentemente da altri (usurpazione). Applicazione industriale o industrialità: Il trovato deve poter essere oggetto di fabbricazione ed utilizzo in campo industriale. Liceità: Il trovato non deve essere contrario all ordine pubblico o al buon costume. 6.4 COSA NON SI PUÒ BREVETTARE? Non sono brevettabili : le scoperte, le teorie scientifiche e i metodi matematici o per il trattamento chirurgico i piani, i principi ed i metodi per attività intellettuali, per gioco o per attività commerciali ed i programmi per elaboratori (software), essendo questi tutelati dal diritto d autore le presentazioni di informazioni (tabelle, formulari) le razze animali ed i procedimenti essenzialmente biologici per l ottenimento delle stesse a meno che non si tratti di procedimenti microbiologici o di prodotti ottenuti mediante questi procedimenti 6.5 QUANDO VIENE CONSIDERATO NULLO UN BREVETTO? Il brevetto è nullo se: è privo dei requisiti richiesti rientra in una delle fattispecie espressamente escluse dalla brevettabilità la descrizione non è sufficientemente chiara e completa l oggetto si estende oltre il contenuto della domanda iniziale il titolare non aveva diritto ad ottenerlo 6.6 QUANDO DECADE UN BREVETTO? Il brevetto decade se: non vengono corrisposte le tasse entro i termini stabiliti, ove previste se il trovato non viene attuato, o viene attuato in misura insufficiente al fabbisogno del Paese, entro due anni dalla concessione della prima licenza obbligatoria 26 27

15 6.7 QUALI SONO LE CAUSE DI ESTINZIONE DI UN BREVETTO? Il diritto si estingue : alla scadenza del termine di tutela a partire dalla data di deposito della domanda di brevetto per rinuncia del titolare, con atto annotato sul registro dei brevetti per decadenza a causa della mancata o insufficiente attuazione dell invenzione per un biennio dalla data di concessione della prima licenza per decadenza a causa del mancato pagamento della tassa ove prevista. 6.8 A CHI SPETTANO I DIRITTI SUL RITROVATO? Dall idea di un prodotto o processo innovativo scaturiscono due tipi differenti di diritti: Diritto morale: consiste nel diritto di essere riconosciuto autore dell invenzione. E un diritto strettamente personale, inalienabile e privo di valore economico; in base ad esso l inventore può pretendere che il suo nome compaia sul brevetto e sul registro dei brevetti. Diritto patrimoniale: consiste nel diritto di sfruttare economicamente la soluzione innovativa, compreso il diritto di brevettarla e di usufruire dei vantaggi derivanti dal brevetto stesso, compresa la licenza d uso o la cessione. In linea di principio, acquisisce i diritti patrimoniali su un invenzione o su un risultato innovativo chi mette a disposizione capitali e mezzi per il raggiungimento di tale risultato. La legislazione prevede delle indicazioni volte a determinare a chi spettino i frutti delle invenzioni, quando queste sono attuate nell ambito di un rapporto di lavoro subordinato, fermo restando il diritto morale ed indisponibile dell inventore a vedere riconosciuta la paternità dell idea che sta alla base dell invenzione. In un rapporto di lavoro subordinato si identificano: L invenzione di servizio: caso in cui l attività inventiva costituisce lo specifico oggetto della prestazione lavorativa dovuta dal dipendente, che per essa viene retribuito. In questo caso nulla è dovuto al dipendente, salvo il riconoscimento della paternità dell idea e lo sfruttamento economico dell invenzione spetta al datore di lavoro L invenzione d azienda: caso in cui l invenzione è realizzata in adempimento o in esecuzione del rapporto di lavoro, ma al lavoratore non spetta una specifica retribuzione a compenso dell attività inventiva. In questo caso all inventore spetta un equo premio in denaro mentre lo sfruttamento economico dell invenzione spetta al datore di lavoro. L invenzione occasionale: caso in cui l invenzione attiene al campo di attività dell azienda, ma l inventore non è specificamente retribuito per svolgere attività inventiva e neppure ha realizzato l invenzione in esecuzione del normale rapporto di lavoro. L invenzione occasionale è riconducibile al genio ed alla intraprendenza del lavoratore, quindi il diritto ad ottenere il brevetto sull invenzione spetta al lavoratore. La legge riconosce comunque al datore di lavoro un diritto di opzione (può cioè azionare questi specifici diritti a prescindere dalla volontà del lavoratore) per l acquisto del brevetto, le eventuali licenze, o il diritto di brevettare all estero. 6.9 IN COSA CONSISTE L USURPAZIONE? Viene violata l esclusiva brevettuale e si è in presenza di usurpazione nel caso in cui il brevetto venga sfruttato senza il consenso del legittimo titolare COS È IL DIRITTO DI PREUSO? Come descritto all inizio di questo capitolo, l inventore può decidere di non brevettare il trovato, ma di utilizzarlo comunque nella propria azienda in regime di segreto senza rendere in alcun modo pubblico il risultato della propria ricerca. Operando in tal modo è estremamente elevato il rischio che avvengano fughe di notizie o che altri raggiungano lo stesso risultato innovativo in maniera autonoma, chiedendone la brevettazione. La Legge in questo caso prevede che chi abbia utilizzato un invenzione non brevettata nel corso dell anno precedente ad un altrui domanda di brevetto, possa godere del diritto di preuso grazie al quale potrà continuare a sfruttare l invenzione entro i limiti in cui se ne è sempre servito senza espandere l uso stesso. La norma si applica esclusivamente se non vi è stata accessibilità al pubblico di tale invenzione: se vi fosse stata, infatti, la successiva domanda di brevetto sarebbe priva del requisito di novità e, quindi, non ammissibile. La tutela del preuso conferma comunque che un invenzione o un prodotto innovativo non brevettato non gode di una reale protezione: infatti il preutente non può vantare diritti di esclusiva e quindi agire per usurpazione contro nessuno se non essere immune da un azione di usurpazione da parte di un successivo titolare di brevetto QUAL È LA DURATA DI UN BREVETTO? Brevetto per invenzione industriale l diritto di sfruttamento esclusivo conseguito a seguito della brevettazione dell invenzione dura 20 anni, decorrenti dalla data di deposito della domanda di brevetto. Il limite ventennale è improrogabile, non è ammesso il rinnovo del brevetto in quanto si ritiene compensato lo sforzo inventivo ed acquisita l invenzione alla libera disponibilità (anche di sfruttamento economico) della collettività. Modelli di utilità La durata del modello di utilità è di 10 anni decorrenti dalla data di deposito della domanda; non può essere rinnovato, la proroga non è consentita per i motivi sopra descritti. Disegni e modelli La durata del modello di utilità è di 5 anni decorrenti dalla data di deposito della domanda e prorogabile per quattro volte fino ad un massimo di 25 anni. I disegni e modelli verranno trattati 28 29

16 in maniera più approfondita al capitolo 11 della Guida. Prodotti farmaceutici L unica eccezione al limite di durata temporale è prevista per i brevetti per prodotti farmaceutici. Ciò è dovuto al fatto che la concessione dell autorizzazione ministeriale spesso tarda ad arrivare, quindi la Legge concede ai titolari di brevetti per prodotti farmaceutici la possibilità di prolungare la normale protezione per un periodo pari al tempo intercorso tra la concessione del brevetto e la concessione dell autorizzazione alla messa in commercio del farmaco relativo, senza che comunque il periodo di protezione ulteriore possa estendersi oltre i 5 anni. Se la durata dei certificati complementari di protezione supera questo limite, si applicherà dal 1 Gennaio 2004 una riduzione che nel 2004 sarà di sei mesi, mentre per ogni anno solare successivo di ulteriori sei mesi COSA FARE SE CI SONO VARIAZIONI DI RAGIONE SOCIALE, LICENZAO CESSIONE DEI DIRITTI? Nel caso in cui vi sia stato un cambiamento successivo all atto di deposito che non ha modificato i diritti relativi al brevetto (ad es. variazione della ragione sociale, variazione della natura giuridica, variazione di indirizzo) si dovrà presentare domanda di Annotazione presso l Ufficio Brevetti e Marchi di qualsiasi Camera di Commercio Nazionale. Nel caso in cui invece vengano trasferiti o modificati i diritti relativi al marchio sia a titolo gratuito che a titolo oneroso (cessione, successione), gli atti relativi dovranno essere resi pubblici mediante domanda di Trascrizione presso l Ufficio Brevetti e Marchi di qualsiasi Camera di Commercio Nazionale. Nel caso in cui ci sia un trasferimento dei diritti esclusivamente attraverso un contratto di licenza, il citato contratto non è soggetto ad alcuna registrazione presso gli Uffici competenti. Nel caso di licenza d uso il licenziante continua infatti a mantenere la titolarità del diritto esclusivo sul brevetto. 7. IL BREVETTO NAZIONALE ITALIANO Il Brevetto per Invenzione Industriale viene rilasciato a seguito di un procedimento amministrativo svolto dall Ufficio Italiano Brevetti e Marchi. La concessione non è subordinata a decisioni discrezionali dell amministrazione, che è tenuta solamente ad accertare la ricorrenza dei requisiti oggettivi richiesti dalla legge. E pertanto consigliato, ai fini di un buon esito della domanda, verificare la validità dei requisiti richiesti, in particolare il requisito della novità del ritrovato. Ogni domanda è sottoposta per legge ad un periodo di segretezza di 18 mesi, di cui i primi 90 giorni, assolutamente inderogabili, riservati all autorità militare per verificare il proprio interesse sul trovato. Il titolare può decidere di rendere anticipatamente accessibile al pubblico la sua domanda, per cui, trascorsi i 90 giorni suddetti, ai quali non è possibile rinunciare, la domanda diventa visibile. La scelta sull anticipata accessibilità al pubblico riguarda i brevetti per invenzione e per modello di utilità, viceversa il modello o design è reso immediatamente pubblico a meno che non vi sia una richiesta esplicita di mantenimento della segretezza per un periodo massimo di un anno. Una stessa domanda non può contenere la richiesta di più brevetti, né per più modelli, salvo che si tratti di un insieme di modelli o disegni destinati appartenenti alla medesima classe merceologica. 7.1 E POSSIBILE VERIFICARE L ESISTENZA DI UN BREVETTO GIÀ DEPOSITATO PRIMA DI PRESENTARE LA DOMANDA DI CONCESSIONE? Prima di procedere con la domanda di registrazione di un brevetto è opportuno verificare che lo stesso non sia oggetto di domanda di registrazione da parte di altri. Questa azione preventiva ha una doppia finalità in quanto: è fondamentale chiedere l utilizzo esclusivo di un ritrovato che sia effettivamente innovativo e che quindi costituisca effettivamente un investimento remunerativo è fondamentale chiedere l utilizzo esclusivo di un ritrovato che non sia già esclusiva altrui per non commettere atto di contraffazione. Presso l Ufficio Brevetti e Marchi della Camera di Commercio di Lucca è possibile richiedere maggiori informazioni su come poter accedere alle informazioni brevettuali a livello nazionale e internazionale. Inoltre l Ufficio Brevetti e Marchi della Camera di Commercio di Lucca ha messo a disposizione 30 31

17 attraverso il sito sezione Brevetti e Marchi, le istruzioni per l istituzione della pratica di domanda di concessione e per la compilazione della modulistica prevista. 7.2 IN COSA CONSISTE LA DOCUMENTAZIONE TECNICA? Per richiedere un brevetto per invenzione industriale è necessario presentare una domanda allegando una documentazione tecnica consistente in 1. riassunto 2. descrizione 3. rivendicazioni 4. i disegni allegati, come documenti autonomi; 5. traduzione in lingua inglese delle rivendicazioni (in alternativa è previsto il pagamento di una tassa). Descrizione La descrizione è l elemento fondamentale per la tutela brevettuale. La legge richiede che il trovato sia descritto in modo chiaro e completo per consentire ad un esperto medio del settore di realizzarlo. La descrizione deve per quanto possibile anche in relazione alla natura dell invenzione: a. specificare il campo della tecnica a cui l invenzione fa riferimento; b. indicare lo stato della tecnica preesistente, per quanto a conoscenza dell inventore, che sia utile alla comprensione dell invenzione ed all effettuazione della ricerca di novità, fornendo eventualmente i riferimenti a documenti specifici; c. esporre l invenzione in modo tale che il problema tecnico e la soluzione proposta possano essere compresi; d. descrivere brevemente gli eventuali disegni; e. descrivere in dettaglio almeno un modo di attuazione dell invenzione, fornendo esempi appropriati e facendo riferimento ai disegni, laddove questi siano presenti; f. indicare esplicitamente, se ciò non risulti già ovvio dalla descrizione o dalla natura dell inven zione, il modo in cui l invenzione può essere utilizzata in ambito industriale. La descrizione è diretta ad un tecnico esperto del ramo per cui il testo deve contenere tutti quei riferimenti che servano a metterlo sulla giusta strada di interpretazione. Il grado di approfondi mento deve essere tale da consentirgli di realizzare il trovato senza ulteriori ricerche e studi, ma facendo solo ricorso alle sue normali conoscenze tecniche. Una descrizione che non soddisfa questo requisito è considerata insufficiente ed è motivo di nullità del brevetto. Rivendicazioni Costituiscono la parte del brevetto che delimita l ambito della tutela brevettuale. Con esse dovran- no essere evidenziati i punti essenziali e nuovi del trovato che il richiedente intende proteggere. Esse definiscono le caratteristiche specifiche dell invenzione per le quali si richiede la protezione. Devono essere chiare, concise, trovare supporto nella descrizione ed essere redatte su pagine separate dalla descrizione secondo le seguenti formalità: a. devono essere indicate con numeri arabi consecutivi; b. la caratteristica tecnica rivendicata deve essere esplicitamente descritta (il richiamo dei disegni è consentito solo a scopo di maggiore chiarezza); c. le caratteristiche tecniche menzionate nelle rivendicazioni, qualora facciano riferimento ai disegni, possono essere seguite dal numero corrispondente alle parti illustrate dagli stessi fermo restando che tale riferimento non costituisce una limitazione della rivendicazione. Disegni Devono essere eseguiti a linee di inchiostro nero su fogli di carta bianca resistente e non brillante, nel formato A4, lasciando un margine di almeno 2,5 cm su ogni lato. Ogni tavola deve essere firmata dal richiedente o dal mandatario e numerata progressivamente. I disegni non devono contenere nessuna dicitura, ma eventuali numeri di riferimento per contraddistinguere le varie parti dell invenzione, e trovare corrispondenza con quanto specificato nella Impaginazione Nel caso di deposito cartaceo la descrizione, il riassunto, le rivendicazioni ed i disegni acclusi alle domande di brevetto devono essere impressi in modo indelebile con linee e caratteri a stampa neri su carta bianca forte di formato A4 (29,7 x 21 cm). Per i disegni e per il testo i margini superiore e inferiore ed i margini a sinistra e a destra sono di almeno 2,5 cm. Gli stessi formati devono essere rispettati nel caso in cui il testo ed i disegni siano allegati ad una domanda depositata con il sistema telematico. Il testo è scritto con interlinea 1,5 e carattere le cui maiuscole corrispondano ad un altezza minima di 0,21 cm. I disegni possono anche essere eseguiti a mano, compresi in una o più tavole, devono essere numerati progressivamente ed i numeri dei disegni stessi, nonché i numeri e le lettere che ne contrassegnano le varie parti, debbono essere richiamati nella descrizione. Procedura L Ufficio Italiano Brevetti e Marchi invia all Ufficio Europeo dei Brevetti la richiesta del rapporto di ricerca entro cinque mesi dalla data della domanda medesima e l Ufficio Europeo dei Brevetti redige il rapporto entro nove mesi dalla data della suddetta domanda. L Ufficio Italiano Brevetti e Marchi può non assoggettare alla ricerca di anteriorità le domande di brevetto per invenzione industriale per le quali l assenza dei requisiti di validità risulti assolutamente evidente, in base alle stesse dichiarazioni ed allegati del richiedente oppure sia certa alla stregua del notorio. Il richiedente viene informato prontamente e la comunicazione dell esclusione della ricerca deve essere adeguatamente motivata. Prima di respingere in tutto o in parte una domanda o una istanza ad essa connessa, per motivi che non siano stati oggetto di rilievi ai sensi del comma 1, l Ufficio Italiano Brevetti e Marchi assegna al richiedente il termine di due mesi per formulare 32 33

18 osservazioni. Scaduto detto termine, se non sono state presentate osservazioni o l Ufficio ritiene di non potere accogliere quelle presentate, la domanda o l istanza è respinta in tutto o in parte. Il richiedente, prima che l Ufficio Italiano Brevetti e Marchi abbia provveduto alla concessione del titolo o deciso in merito ad una istanza o ad una opposizione, o comunque prima che la Commissione dei ricorsi, nei casi in cui sia stato interposto ricorso abbia provveduto, ha facoltà di correggere, negli aspetti non sostanziali, la domanda originariamente depositata o ogni altra istanza ad essa relativa, nonché, nel caso di domanda di brevetto per invenzione o modello di utilità, di integrare anche con nuovi esempi o limitare la descrizione, le rivendicazioni o i disegni originariamente depositati e, di limitare o precisare i prodotti e i servizi originariamente elencati. Dopo la ricezione del rapporto di ricerca e prima del termine di 18 mesi dalla data della domanda il richiedente, fermo restando quanto sopra, può inviare all Ufficio Italiano Brevetti e Marchi: a. una stesura modificata della descrizione, delle rivendicazioni e dei disegni; 7.3 PRESENTAZIONE SIMULTANEA DI DOMANDE DI BREVETTO Chi chiede il brevetto di invenzione può presentare contemporaneamente domanda di brevetto per modello di utilità, da fa valere nel caso in cui l invenzione non sia accolta o sia accolta solo in parte. Tale domanda deve essere presentata lo stesso giorno e presso lo stesso Ufficio e sul modulo deve figurare l apposita annotazione speciale. Se la forma o il disegno di un oggetto conferisce ad esso nuovo carattere ornamentale e nello stesso tempo ne accresce l utilità, può essere chiesto contemporaneamente il brevetto tanto per modelli e disegni ornamentali che per modelli d utilità, ma l una e l altra protezione non possono essere cumulate in un unico brevetto. b. argomentazioni sul rapporto di ricerca e precisazioni sulle sull ammissibilità delle rivendicazioni emendate e sulla conformità delle stesse alle disposizioni dell art. 76, comma 1, lettera c) del Codice della Proprietà Industriale; c. una richiesta di presentazione di una o più domande divisionali. L opinione scritta è messa a disposizione del pubblico solo a titolo informativo. L Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, dopo la pubblicazione della domanda, provvede all esame sulla base del rapporto di ricerca e della eventuale documentazione prodotta dal richiedente, nonché ad accertare che l oggetto del brevetto non si estenda oltre il contenuto della domanda iniziale. L Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, se rileva che per la domanda esaminata, tenuto conto del rapporto di ricerca e delle eventuali argomentazioni e modifiche apportate alle rivendicazioni ed al testo dal richiedente, non può essere concesso il brevetto, emette una lettera interlocutoria di rifiuto adeguatamente motivata, assegnando al richiedente il termine di due mesi per formulare eventuali osservazioni. Scaduto detto termine, se non sono state presentate osservazioni o l Ufficio ritiene di non potere accogliere quelle presentate, la domanda è respinta in tutto od in parte. Il richiedente, prima che l Ufficio Italiano Brevetti e Marchi abbia provveduto alla concessione del titolo o deciso in merito ad una istanza o ad una opposizione, o comunque prima che la Commissione dei ricorsi, nei casi in cui sia stato interposto ricorso abbia provveduto, ha facoltà di correggere, negli aspetti non sostanziali, la domanda originariamente depositata o ogni altra istanza ad essa relativa, nonché, nel caso di domanda di brevetto per invenzione o modello di utilità, di integrare anche con nuovi esempi o limitare la descrizione, le rivendicazioni o i disegni originariamente depositati. Il richiedente, su invito dell Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, deve completare o rettificare la documentazione ove sia necessario per l intelligenza del diritto di proprietà industriale o per meglio determinare l ambito della tutela richiesta. Se la domanda ha per oggetto un modello anziché un invenzione o viceversa, l Ufficio Italiano Brevetti e Marchi invita l interessato, assegnandogli un termine, a modificare la domanda stessa la quale, tuttavia, ha effetto dalla data di presentazione originaria. Contro i provvedimenti dell Ufficio Italiano Brevetti e Marchi è ammesso ricorso di cui all art. 135 del Codice della Proprietà Industriale

19 8. RICHIESTA DI CONCESSIONE DI UN BREVETTO ALL ESTERO Se si vuole estendere un brevetto all estero si può procedere in uno dei seguenti modi: si richiede la concessione del brevetto in ciascuno Stato in cui si ha interesse a tutelare il proprio prodotto o il proprio procedimento, tramite il supporto di un legale rappresentante per ogni Paese prescelto. si procede al deposito della domanda di Brevetto Europeo, se si desidera ottenere la protezione del brevetto nei Paesi aderenti alla Convenzione del Brevetto Europeo. si procede al deposito della domanda di Brevetto Internazionale. 8.1 COS È LA DATA DI PRIORITÀ E PERCHÉ RIVENDICARLA? La data di priorità è la data in cui si è depositata per la prima volta la domanda di concessione del brevetto. Chiunque abbia depositato domanda di brevetto presso uno degli Stati aderenti alla Convenzione di Parigi può presentare analoga domanda, presso un altro Stato aderente, ottenendo che la valutazione della novità sia fatta alla data di presentazione della prima domanda (Rivendicazione della priorità). La rivendicazione della priorità va effettuata contestualmente alla domanda di estensione brevetto o al massimo entro i due mesi successivi, purché non si eccedano i dodici mesi dalla data di priorità rivendicata. 9. IL BREVETTO EUROPEO 9.1 COS E IL BREVETTO EUROPEO? Il brevetto europeo è un brevetto che si ottiene a seguito di una procedura unificata di deposito, esame e rilascio. La procedura di concessione prevede un unica domanda, redatta in una sola lingua (inglese, francese o tedesco) e permette, con un unico deposito, di designare i paesi che hanno aderito alla convenzione sul brevetto europeo. L elenco completo e aggiornato dei Paesi che hanno aderito alla convenzione è disponibile al sito dell Ufficio Europeo Brevetti (www.european-patent-office.org) o presso l Ufficio Brevetti e Marchi della C.C.I.A.A. di Lucca. Va precisato che la procedura europea non fornisce un unico brevetto europeo valido in tutti i Paesi richiesti, ma piuttosto un fascio di brevetti nazionali corrispondenti a ciascuno stato designato durante le fasi della procedura di rilascio. Il brevetto europeo conferisce infatti al titolare negli Stati membri designati, una volta espletata la procedura di convalida nazionale, i medesimi diritti che deriverebbero da un brevetto nazionale ottenuto negli stessi Stati. 9.2 COME SI OTTIENE UN BREVETTO EUROPEO? Chiunque abbia depositato una domanda di brevetto presso uno degli Stati appartenenti all Unione di Parigi può, entro 12 mesi, depositare ulteriori domande per la stessa innovazione, rispondente ai requisiti di brevettabilità, in altri stati dell Unione rivendicando la priorità della prima domanda. La domanda di brevetto europeo può essere depositata (fatte salve le disposizioni in materia di sicurezza nazionale) presso: l Ufficio Europeo dei Brevetti, nelle sedi di Monaco di Baviera, L Aia o Berlino gli Uffici Brevetti nazionali degli Stati contraenti. Se si sceglie di effettuare il deposito in Italia le domande vanno presentate presso: l Ufficio Marchi e Brevetti della Camera di Commercio di Roma, via Capitan Bavastro, Roma, oppure possono essere spedite (raccomandata con A.R) a: Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, via Molise, Roma Si precisa che esistono delle condizioni particolari per cui il deposito della domanda di brevetto 36 37

20 europeo va inviata OBBLIGATORIAMENTE all Ufficio Italiano Brevetti e Marchi. Si consiglia pertanto di accertarsi sulla procedura contattando l Ufficio Brevetti e Marchi della C.C.I.A.A. di Lucca. 9.3 FASI DELLA PROCEDURA EUROPEA La procedura per ottenere un brevetto europeo comprende due distinte fasi : A) Deposito della domanda esame delle condizioni formali ricerca delle anteriorità pubblicazione, dopo 18 mesi dal deposito della domanda Dalla data di pubblicazione del rapporto di ricerca, il richiedente ha sei mesi di tempo per decidere se proseguire o meno la procedura. B) Esame di merito della domanda concessione del brevetto rigetto della domanda. 9.4 FASI A SEGUITO DELLA CONCESSIONE EUROPEA Se il brevetto viene concesso, il richiedente può iniziare le procedure di convalida in tutti gli Stati da lui designati o solo in alcuni di essi. Se la lingua del brevetto non è una lingua ufficiale dello Stato designato, si dovrà provvedere al deposito della relativa traduzione, pena la non validità del brevetto in quello Stato. Una volta trasformato il brevetto a livello nazionale è obbligatorio versare le tasse annuali nazionali di mantenimento in vita del brevetto, esigibili anticipatamente a partire dall annualità successiva a quella in cui la concessione del brevetto europeo è stata menzionata nel Bollettino europeo. Il mancato pagamento delle tasse nei termini è causa di decadenza del brevetto. 9.5 OPPOSIZIONE Entro nove mesi dalla data di concessione chiunque vi abbia interesse può depositare un opposizione contro un brevetto europeo, se ritiene che esso non soddisfi le norme di merito. Tale opposizione è valutata da un apposita Divisione dell Ufficio Europeo dei brevetti e la decisione dell Ufficio Europeo ha effetto in tutti gli stati designati. E comunque possibile presentare ricorso contro tutte le decisioni dei vari organi dell Ufficio Europeo dei Brevetti. 10. IL BREVETTO INTERNAZIONALE 10.1 COS E UN BREVETTO INTERNAZIONALE? Il sistema del PCT (Patent Cooperation Treaty) è nato con la Convenzione di Washington del 1970, alla quale partecipano attualmente 133 Stati e tra questi i più avanzati dal punto di vista industriale, come gli Stati dell Unione Europea, gli Stati Uniti, il Giappone, il Canada, l Australia. Il PCT o Trattato di Cooperazione in materia di Brevetti (Patent Cooperation Treaty) è un trattato multilaterale gestito dal W.I.P.O. (Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale), che ha sede a Ginevra e consente di intraprendere una procedura unificata e semplificata per ottenere la protezione delle Invenzioni nei paesi membri del trattato stesso. Va sottolineato che il brevetto internazionale non dà luogo ad un diritto di privativa sovra-nazionale, ma consente ed agevola la possibilità di estendere la copertura brevettuale di un innovazione presso la quasi totalità dei paesi del mondo, ottenendo singoli brevetti nazionali. Diversamente dal brevetto europeo, quello internazionale non unifica la procedura di brevettazione, ma semplifica ed accentra la fase iniziale del deposito di una domanda di brevetto, che potrà poi essere estesa ai Paesi di maggiore interesse COME SI OTTIENE UN BREVETTO INTERNAZIONALE? La procedura per la domanda di brevetto internazionale PCT si articola in due fasi: Prima fase: internazionale La fase internazionale prevede: A) Deposito della domanda esame delle condizioni formali ricerca delle anteriorità pubblicazione, dopo 18 mesi dal deposito della domanda Dalla data di pubblicazione del rapporto di ricerca, il richiedente ha sei mesi tempo per decidere se proseguire o meno la procedura. B) Esame di merito della domanda concessione del brevetto rigetto della domanda

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30.

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 56 del 9 marzo 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE PRIMA

Dettagli

La tutela della proprietà industriale

La tutela della proprietà industriale Commissione Europea BREVE GUIDA ALLA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE Sommario: LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE... 2 IL CODICE DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE... 2 IL BREVETTO PER INVENZIONE... 4 Requisiti per

Dettagli

GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI

GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI 1 INDICE 1. CENNI STORICI INVENZIONI DISEGNI MODELLI 2. I DIRITTI DI ESCLUSIVA DEL TITOLARE DI UN BREVETTO 2.1. La protezione contro la contraffazione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; VISTA la legge 12 dicembre 2002, n. 273, recante misure per favorire l iniziativa

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:33 Pagina 9 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma Call

Dettagli

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari.

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari. MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO Avv. Andrea De Gaspari 2 dicembre 2013 DI COSA SI PARLERÀ Marchi, domini e segni distintivi: breve inquadramento

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

MARCHI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MARCHI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:29 Pagina 5 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma Call

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione su Internet

Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione su Internet SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI FACOLTA DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI LECCE Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi MARCHI Introduzione all'utilizzo per le piccole e medie imprese

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Il/la sottoscritto/a Cognome e Nome Codice Fiscale Partita IVA Data di nascita Comune di nascita

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli