CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA"

Transcript

1 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO D IMPRESA CHE COS E UN MARCHIO D IMPRESA Il marchio d impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere i prodotti o servizi che un impresa produce o mette in commercio. Possono costituire marchi d impresa i segni suscettibili di essere rappresentati graficamente, in particolare le parole, le cifre, i suoni, la forma del prodotto o della confezione di esso, o le combinazioni o le tonalità cromatiche, purché siano atti a distinguere i prodotti o i servizi di un impresa da quelli di altre imprese. TITOLARITA DEL MARCHIO Può ottenere una registrazione per marchio d impresa chi lo utilizzi, o si proponga di utilizzarlo, nella fabbricazione o commercio di prodotti o nella prestazione di servizi della propria impresa o di imprese di cui abbia il controllo o che ne facciano uso con il suo consenso. Non può ottenere una registrazione per marchio d impresa chi abbia fatto la domanda in malafede. Anche le amministrazioni dello Stato, delle Regioni, delle Province e dei Comuni possono ottenere registrazioni di marchio. Possono essere richiesti anche marchi collettivi da parte di soggetti, individuali o collettivi, che svolgano la funzione di garantire la natura, la qualità o l origine di determinati prodotti o servizi; possono, perciò, essere usati da più persone che si assoggettano all osservanza di determinati standard di qualità e ai relativi controlli. I marchi d impresa sono concessi anche agli stranieri a condizioni di reciprocità. DIRITTI DERIVANTI DALLA REGISTRAZIONE Il titolare del marchio registrato ha diritto di farne uso per contraddistinguere i propri prodotti o servizi e di vietarne l uso da parte di altri per prodotti o servizi identici o affini. I diritti nascenti dalla registrazione del marchio durano dieci anni dalla data di presentazione della domanda; la registrazione può essere rinnovata per periodi decennali purché la domanda venga presentata entro i dodici mesi precedenti la scadenza del decennio in corso, o nei sei mesi successivi con l applicazione di una soprattassa.

2 REQUISITI PER LA REGISTRAZIONE Affinché uno dei segni sopra indicati possa essere registrato come marchio è necessario che esso abbia i seguenti requisiti: novità: è l assenza sul mercato di prodotti o servizi contraddistinti da segno uguale o simile. La novità peraltro non difetta qualora il marchio precedente sia scaduto da oltre due anni (tre se si tratta di marchio collettivo) o qualora sia decaduto per non uso da oltre cinque anni. capacità distintiva: è la capacità di distinguere un prodotto o servizio da quello di altri. liceità: conformità all ordine pubblico e al buon costume. Non possono costituire oggetto di registrazione segni specificatamente individuati dalla legge quali, ad esempio: * gli stemmi e gli altri segni considerati nelle convenzioni internazionali vigenti in materia, nei casi ed alle condizioni menzionati nelle convenzioni stesse, nonché i segni contenenti simboli, emblemi e stemmi che rivestano un interesse pubblico, a meno che l autorità competente non ne abbia autorizzato la registrazione; * i segni idonei ad ingannare il pubblico, in particolare sulla provenienza geografica, sulla natura o sulla qualità dei prodotti o servizi; * i ritratti delle persone senza il consenso delle medesime, i nomi di persona diversi da quello del richiedente, se il loro uso sia tale da ledere la fama ed il decoro di chi ha diritto di portare tali nomi; * i segni identici o simili ad un segno già noto come ditta, denominazione o ragione sociale, se da ciò possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico a causa dell affinità di prodotti o servizi; * i segni come ditta, denominazione o ragione sociale e insegna uguali o simili ad un marchio registrato, per prodotti o servizi non affini, ma che godano nello Stato di rinomanza; * i segni che possono costituire una violazione dell altrui diritto d autore, di proprietà industriale o di altro diritto esclusivo; * i segni costituiti esclusivamente dalle denominazioni generiche di prodotti o servizi o da indicazioni descrittive; * i segni costituiti esclusivamente dalla forma imposta al prodotto dalla natura; * i segni divenuti di uso comune nel linguaggio corrente o negli usi costanti del commercio; * i nomi di persona, se notori, i segni usati in campo artistico o sportivo, le denominazioni e le sigle di manifestazioni e quelle di enti ed associazioni non aventi finalità economiche, nonché gli emblemi caratteristici di questi, senza il consenso dell avente diritto; * i segni identici o simili al marchio registrato anteriormente nello Stato o, se comunitario, dotato di una valida rivendicazione di priorità, per prodotti o servizi non affini, se esso gode nello Stato di rinomanza e se l uso del segno senza giusto motivo consente di trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del marchio o rechi pregiudizio allo stesso.

3 COME SI OTTIENE LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO Per ottenere la registrazione di un marchio di impresa di primo deposito occorre presentare, personalmente o a mezzo mandatario, domanda redatta su apposito modulo (MODULO C) e depositata presso le Camere di Commercio, ovvero inviata a mezzo raccomandata A.R. all Ufficio Italiano Brevetti e Marchi. Ad essa dovranno essere allegati: 1) Dichiarazione di protezione del marchio (in tre esemplari) 2) Elenco Prodotti e Servizi (stelloncino) 3) Esemplari tipografici del marchio 4) Attestazione di versamento delle Tasse di Concessione Governativa Nel caso di domanda di registrazione di un marchio collettivo, dovrà essere allegata anche una copia del regolamento concernente l uso di tale marchio e i relativi controlli e sanzioni. Per la rinnovazione di un marchio senza alcuna variazione è sufficiente la domanda e il pagamento delle tasse dovute. Allegati ) DICHIARAZIONE DI PROTEZIONE DEL MARCHIO La dichiarazione di protezione dovrà essere redatta in lingua italiana, scritta a macchina con nastro di colore nero, su carta uso bollo, a facciate alterne numerate progressivamente, e dovrà essere firmata o siglata in ogni facciata e firmata per esteso sull ultima facciata dal richiedente o dal suo mandatario. La dichiarazione di protezione dovrà contenere la descrizione dettagliata del marchio (identica a quella indicata nel modulo C di domanda) e l elenco completo dei prodotti e dei servizi da contraddistinguere (anch esso identico a quello riportato nel modulo C di domanda e nello stelloncino), indicando la classe a cui appartengono, usando per l indicazione dei prodotti e dei servizi i comuni termini merceologici ed evitando parole di fantasia e dizioni vaghe o generiche (per l individuazione delle classi, v. Lista delle classi di Prodotti e servizi con note esplicative Dal 1 gennaio Classificazione di Nizza). Deve, inoltre, essere indicato il modo di applicazione del marchio in parola sui prodotti o servizi, sia come etichetta che come incisione, rilievo o altro. La dichiarazione di protezione deve essere completata con un fac-simile del marchio in bianco e nero (e uno a colori se si tratta di marchio a colori), da incollare in calce prima della firma del richiedente o del mandatario. La dichiarazione in esame, infine, deve essere presentata in tre copie originali su carta uso bollo, su una delle quali andrà apposta una marca da bollo da L ,33.

4 FAC-SIMILE DI DICHIARAZIONE DI PROTEZIONE DEL MARCHIO (da redigersi riadattato a seconda delle singole esigenze in triplice copia originale, di cui una con marca applicata da L ,33 su formato uso bollo a 25 righe) DICHIARAZIONE DI PROTEZIONE A nome di (cognome e nome)... di nazionalità... residente in... Via... n... oppure A nome della Ditta... di nazionalità... con sede in... Via... n... (se vi è mandatario: a mezzo mandatario Sig.... residente in... Via... n... ) per MARCHIO D IMPRESA di primo deposito ( o di rinnovazione), depositato in data : (da compilarsi da parte dell ufficio) con il n (da compilarsi da parte dell ufficio) Il marchio consiste (descrivere dettagliatamente il marchio, in modo da evidenziarne le varie caratteristiche, nonché, per i marchi colorati, i vari colori) Il marchio sarà utilizzato per contraddistinguere i seguenti prodotti ( o servizi):

5 appartenenti alla/e classe/i n... della Tabella C (elencare in maniera completa tutti i prodotti, merci o servizi che il marchio è destinato a contraddistinguere, evitando le dizioni generiche o in lingua straniera; l elencazione dei prodotti deve essere conforme a quella riportata sia nella domanda che nello stelloncino). Il marchio stesso verrà usato applicandolo come etichetta sui prodotti e sugli involucri, come incisione o rilievo e usato altresì sulla carta da lettere, stampati, buste e per manifestazioni pubblicitarie di qualsiasi genere. Il marchio qui riprodotto in bianco e nero sarà, in effetti riprodotto in qualsiasi colore (1), in qualsiasi dimensione ed in qualsiasi carattere di stampa (2). (3) Marchio A Data,... Firma del richiedente...

6 (1) L estensione della protezione a qualsiasi colore può essere fatta SOLO nel caso in cui il marchio sia presentato in bianco e nero. (2) L estensione della protezione a qualsiasi carattere di stampa può essere fatta quando il marchio consiste ESCLUSIVAMENTE in una parola o dicitura e NON formi parte integrante di un bozzetto complesso (ad esempio, disegno e dicitura, dicitura con carattere di fantasia, ecc.) (3) Qualora il marchio da depositare sia presentato in uno o più colori, sulle tre copie della dichiarazione di protezione va incollato sia l esemplare del marchio in bianco-nero che l esemplare colorato. 2) ESEMPLARI TIPOGRAFICI DEL MARCHIO * n.8, se si tratta di marchio in bianco e nero, riprodotti in nero su carta bianca comune (indicare sul retro colori rivendicati: nessuno ). * n.8 colorati, qualora si tratti di marchio a colori. Questi marchi devono essere identici a quelli applicati sulle dichiarazioni di protezione, a quelli sul modulo C della domanda e a quello applicato sull elenco prodotti e servizi. Le loro dimensioni non devono essere superiori a cm.7x7 (v.riquadro del modulo di domanda C). 3) ATTESTAZIONE DI VERSAMENTO DELLE TASSE DI CONCESSIONE GOVERNATIVA Le Tasse di Concessione Governativa sono da pagarsi, in un ammontare variabile secondo lo schema riportato qui sotto, sul conto corrente postale n , intestato all Ufficio delle Entrate di Roma 2, effettuato esclusivamente con Modello Ch.8-quater a quattro tagliandi, indicando a tergo del 1 e del 4 tagliando la causale del versamento Tasse di Concessione Governativa - D.P.R. 26/10/1972 n 641 e successive modifiche: * Registrazione per marchi d impresa lire a) per la domanda di primo deposito ,82 b) per il rilascio dell attestato di primo deposito o di rinnovazione - riguardante i generi di una sola classe ,65 - per ogni classe in più ,82 * Registrazione per marchi collettivi a) per la domanda di primo deposito ,29 b) per il rilascio dell attestato di primo deposito o di rinnovazione riguardante genere di una o più classi ,94 4) MARCHE DA BOLLO 1 Marca da bollo da L ,33 da applicare sul modulo originale del verbale di deposito; 1 Marca da bollo da L ,33 da applicare su una delle Dichiarazioni di protezione; 1 Marca da bollo da L ,33 ( + L in contanti per diritti di segreteria) qualora l interessato desideri una copia conforme all originale, avente effetto legale. N.B.: dal 1 gennaio 1998 è richiesto, al momento del deposito presso l Ufficio Brevetti, il pagamento (in contanti) di Lit per diritti di segreteria sulla domanda, secondo quanto disposto dal Decreto MICA del 22/12/97. 5) ELENCO PRODOTTI E SERVIZI (STELLONCINO)

7 L elenco prodotti e servizi (stelloncino), avente dimensioni di cm.8 x 23, è così composto: * a sinistra un esemplare della riproduzione del marchio; * a destra l indicazione di tutti i prodotti e servizi che il marchio è destinato a contraddistinguere (in conformità alla dichiarazione di protezione del marchio stesso, allegata alla domanda di registrazione) Qualora il marchio venga presentato in più colori, si rammenta che sullo stelloncino andrà applicato unicamente l esemplare colorato del marchio medesimo. Qualora lo spazio destinato all indicazione dei prodotti e servizi contraddistinti dal marchio o all applicazione della riproduzione del marchio non sia sufficiente, la dimensione verticale dello stelloncino potrà essere superiore a cm.8. FAC-SIMILE DELLO STELLONCINO (in scala) Elenco prodotti e servizi Incollare il marchio Elenco dettagliato (conforme alla elencazione fatta nella domanda e nella dichiarazione di protezione) di tutti i prodotti e servizi che il marchio è destinato a contraddistinguere E possibile, comunque, redigere l elenco prodotti e servizi su un foglio bianco formato A4, incollando il marchio sotto al testo. 7) (eventuale) LETTERA D INCARICO La Lettera di incarico (in bollo da L ,33) è necessaria se il deposito avviene a mezzo mandatario. In caso di presentazione della lettera di incarico, le tasse devono essere maggiorate di L ,82. AVVERTENZE * Quando nella domanda viene rivendicato il diritto di priorità di un primo deposito effettuato all estero o di divulgazione effettuata in Esposizioni o Fiere Ufficiali, deve essere allegato il documento di priorità con traduzione in lingua italiana.

8 * Nel caso di marchi contenenti stemmi, corone, medaglie, denominazioni araldiche, ritratti o nomi di terzi, diciture o raffigurazioni di carattere sacro, è necessario allegare alla domanda i certificati idonei, attestanti il diritto all utilizzo degli stessi. * Non è consentito, con una sola domanda, richiedere più registrazioni, nè una sola registrazione per più marchi. * Se il marchio è costituito da diciture in lingua straniera, queste dovranno essere tradotte in lingua italiana. * L esemplare della riproduzione del marchio non dovrà contenere alcun riferimento o richiamo a brevetti d invenzione o a modelli industriali, neppure se riguardano i prodotti o le merci che il marchio è destinato a contraddistinguere. * Per le registrazioni di rinnovazione, gli esemplari del marchio devono avere le stesse caratteristiche del marchio di originario deposito (anche cromatiche, quando il marchio sia stato depositato a colori). Il marchio precedente può essere modificato solo nei suoi caratteri non distintivi e con riguardo allo stesso genere di prodotti o servizi o a generi affini, comunque compresi nella stessa classe. * All atto del deposito della domanda di registrazione la Camera di Commercio rilascerà il relativo numero di protocollo; tale numero determinerà la posizione con la quale le domande di registrazione verranno annotate anche nei registri delle domande tenuti dall Ufficio Italiano Brevetti e Marchi. Gli interessati, nella loro corrispondenza diretta con detto Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, dovranno sempre far riferimento a tale numero. IMPORTANTE I depositi di brevetti presso le Camere di Commercio possono essere effettuati dalle ore 9 alle ore 12 di ciascun giorno lavorativo, escluso il sabato, ai sensi del D.M. 25/09/1972. PREVENTIVA RICERCA DI ANTERIORITA Per effettuare una preventiva ricerca di anteriorità, ossia per verificare che non esistano già marchi identici o simili a quello di cui si desidera domandare la registrazione, contattare : Ministero Industria Commercio Artigianato di Roma Ufficio Sala del Pubblico....T.06/ oppure Camera di Commercio di Modena...T.059/

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO Normativa di riferimento: Decreto legislativo 10 febbraio 2005 n. 30 "CODICE DELLA PROPRIETA INDUSTRIALE". DECRETO 13 gennaio 2010 n.

Dettagli

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA Il marchio di impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere i prodotti o i servizi

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222

CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222 CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA di REGISTRAZIONE PER MARCHIO di IMPRESA DOVE PRESENTARE LA DOMANDA Chi intende

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - PADOVA UFFICIO BREVETTI TELEFONO: 0498208236 / 143 / 235 e-mail : brevetti@pd.camcom.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - PADOVA UFFICIO BREVETTI TELEFONO: 0498208236 / 143 / 235 e-mail : brevetti@pd.camcom. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - PADOVA UFFICIO BREVETTI TELEFONO: 0498208236 / 143 / 235 e-mail : brevetti@pd.camcom.it ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI REGISTRAZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI PRIMO DEPOSITO O DI RINNOVAZIONE PER MARCHIO Aggiornate ad agosto 2014

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI PRIMO DEPOSITO O DI RINNOVAZIONE PER MARCHIO Aggiornate ad agosto 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI PRIMO DEPOSITO O DI RINNOVAZIONE PER MARCHIO Aggiornate ad agosto 2014 Le domande di brevetto per marchio d'impresa di primo deposito o

Dettagli

MARCHIO D IMPRESA NAZIONALE

MARCHIO D IMPRESA NAZIONALE 1 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA TRAPANI UFFICIO BREVETTI E MARCHI CORSO ITALIA, 26 TRAPANI - III PIANO TEL. 0923 876-264 e-mail: caterina.badalucco@tp.camcom.it E CONSIGLIABILE

Dettagli

MARCHIO D IMPRESA (Istruzioni e modalità di deposito)

MARCHIO D IMPRESA (Istruzioni e modalità di deposito) MARCHIO D IMPRESA (Istruzioni e modalità di deposito) Napoli, Corso Meridionale, 58 2 piano tel. 081-7607704 e-mail: ufficio.brevetti@na.camcom.it sito internet: www.na.camcom.it fax: 081-5547557 MARCHIO

Dettagli

BREVETTI E MARCHI BREVETTO

BREVETTI E MARCHI BREVETTO BREVETTI E MARCHI BREVETTO La politica tecnologica ed industriale stimola l innovazione tecnologica, senza la quale non si può avere crescita economica durevole, crescita di industrie altamente qualificate

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UN BREVETTO PER INVENZIONE INDUSTRIALE CHE COS E UN BREVETTO PER INVENZIONE INDUSTRIALE Il brevetto è un titolo in forza

Dettagli

Istruzioni per il deposito di domande di privativa per nuove varietà vegetali

Istruzioni per il deposito di domande di privativa per nuove varietà vegetali MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI Istruzioni per il deposito

Dettagli

UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI

UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI MILANO UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI (D.Lgs. 10 Febbraio 2005, n 30 pubblicato

Dettagli

La tutela del marchio

La tutela del marchio La tutela del marchio INCREDIBOL! l Innovazione CREativa DI BOLogna Bologna, 9 giugno 2015 Avv. Raffaella Pellegrino 1 Requisiti validità (novità, capacità distintiva, liceità) Ricerche anteriorità Classi

Dettagli

INSTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDE DI BREVETTO NAZIONALI

INSTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDE DI BREVETTO NAZIONALI CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLZANO B R E V E T T I E M A R C H I INSTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDE DI BREVETTO NAZIONALI AVVISI: Le domande ed istanze relative ai

Dettagli

(ISTRUZIONI E MODALITA DI DEPOSITO)

(ISTRUZIONI E MODALITA DI DEPOSITO) MODELLI di UTILITA (ISTRUZIONI E MODALITA DI DEPOSITO) Napoli, Corso Meridionale, 58 2 piano tel. 081-7607404 e-mail: ufficio.brevetti@na.camcom.it sito internet: www.na.camcom.it fax: 081-5547557 INFORMAZIONI

Dettagli

Disegni e Modelli. (Istruzioni e modalità di deposito)

Disegni e Modelli. (Istruzioni e modalità di deposito) Disegni e Modelli (Istruzioni e modalità di deposito) Napoli, Corso Meridionale, 58 2 piano tel. 081-7607404 e-mail: ufficio.brevetti@na.camcom.it sito internet: www.na.camcom.it fax: 081-554755 1 DISEGNI

Dettagli

GUIDA PER LA REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE DEI MARCHI

GUIDA PER LA REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE DEI MARCHI SETTORE TUTELA DEL MERCATO E AMBIENTE Unità Organizzativa Regolazione del Mercato Tel. 0523/386227-218 - 230 brevetti@pc.camcom.it GUIDA PER LA REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE DEI MARCHI La domanda per ottenere

Dettagli

Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti

Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti Ascoli Piceno, 4 giugno 2013 Dott. Filippo Re Collaboratore Unioncamere Marche nel Progetto per la valorizzazione e la tutela dei titoli di

Dettagli

INSTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE E RINNOVAZIONE DI UN MARCHIO NAZIONALE

INSTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE E RINNOVAZIONE DI UN MARCHIO NAZIONALE CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLZANO B R E V E T T I E M A R C H I INSTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE E RINNOVAZIONE DI UN MARCHIO NAZIONALE AVVISI: Le domande ed istanze

Dettagli

MARCHIO D IMPRESA (Istruzioni e modalità di deposito)

MARCHIO D IMPRESA (Istruzioni e modalità di deposito) MARCHIO D IMPRESA (Istruzioni e modalità di deposito) Napoli, Corso Meridionale, 58 2 piano tel. 081-7607704 e-mail: ufficio.brevetti@na.camcom.it sito internet: www.na.camcom.it fax: 081-5547557 MARCHIO

Dettagli

TEL. 0647055800 - FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO D IMPRESA (MOD. MA-RI)

TEL. 0647055800 - FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO D IMPRESA (MOD. MA-RI) MINISTERO DELL0 SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE LOTTA CONTRAFFAZIONE - UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI 00187 ROMA- VIA MOLISE N 19 SALA DEL PUBBLICO/PATLIB 00187 ROMA -VIA S. BASILIO N 14 Indirizzo

Dettagli

Il Marchio: come, dove e quando proteggere un brand di successo

Il Marchio: come, dove e quando proteggere un brand di successo Cremona, Camera di Commercio Sala Mercanti, 24 Maggio 2012 MARCHI, MODELLI E BREVETTI PER IL RILANCIO DELLE IMPRESE CREMONESI NEL MERCATO GLOBALE Il Marchio: come, dove e quando proteggere un brand di

Dettagli

TEL 06 47055800 - FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI BREVETTO PER MODELLO DI UTILITA MU-RI

TEL 06 47055800 - FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI BREVETTO PER MODELLO DI UTILITA MU-RI MINISTERO DELL0 SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE LOTTA CONTRAFFAZIONE - UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI 00187 ROMA- VIA MOLISE N 19 SALA DEL PUBBLICO/PATLIB 00187 ROMA -VIA S. BASILIO N 14 Indirizzo

Dettagli

Guida al deposito Domanda di Brevetto Nazionale per Disegni e Modelli

Guida al deposito Domanda di Brevetto Nazionale per Disegni e Modelli Guida al deposito Domanda di Brevetto Nazionale per Disegni e Modelli Ufficio Brevetti e Marchi Deposito: dal lunedì al venerdì ore 9,00-12,00 Centro Regionale Pat-Lib ISTRUZIONI PER LA DESCRIZIONE E LE

Dettagli

TEL 06 47055800 - FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI BREVETTO PER INVENZIONE INDUSTRIALE MOD. INV-RI

TEL 06 47055800 - FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI BREVETTO PER INVENZIONE INDUSTRIALE MOD. INV-RI MINISTERO DELL0 SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE LOTTA CONTRAFFAZIONE - UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI 00187 ROMA- VIA MOLISE N 19 SALA DEL PUBBLICO/PATLIB 00187 ROMA -VIA S. BASILIO N 14 Indirizzo

Dettagli

IL MARCHIO (PARTE QUARTA)

IL MARCHIO (PARTE QUARTA) IL MARCHIO (PARTE QUARTA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 SEGNI IL CUI USO VIOLEREBBE ALTRUI DIRITTI DI ESCLUSIVA ---------------------------------------- 3 2 LA REGISTRAZIONE IN MALAFEDE ----------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

INSTRUZIONI PER LA CONVALIDA DI UN BREVETTO EUROPEO IN ITALIA

INSTRUZIONI PER LA CONVALIDA DI UN BREVETTO EUROPEO IN ITALIA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLZANO B R E V E T T I E M A R C H I INSTRUZIONI PER LA CONVALIDA DI UN BREVETTO EUROPEO IN ITALIA AVVISI: Le domande ed istanze relative ai

Dettagli

Il campo Numero Elementi può essere compilato solo nel caso di Deposito Multiplo; occorre indicare il numero di elementi che compongono il deposito

Il campo Numero Elementi può essere compilato solo nel caso di Deposito Multiplo; occorre indicare il numero di elementi che compongono il deposito ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER DISEGNO O MODELLO E DEPOSITO MULTIPLO MODULO O l. Istruzioni di carattere generale La domanda gli eventuali

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 11 giugno 2014 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

TRASCRIZIONI. Istruzioni e modalità di deposito

TRASCRIZIONI. Istruzioni e modalità di deposito TRASCRIZIONI Istruzioni e modalità di deposito Napoli, Corso Meridionale, 58 2 piano tel. 081-7607404 e-mail: ufficio.brevetti@na.camcom.it sito internet: www.na.camcom.it fax: 081-5547557 1 Istanze di

Dettagli

TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE

TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:40 Pagina 13 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma

Dettagli

FOCUS GROUP Budget e marchi d impresa

FOCUS GROUP Budget e marchi d impresa Idee Imprenditoriali Innovative FOCUS GROUP Budget e marchi d impresa Ancona, 11 dicembre 2009 Il ruolo della Camera di Commercio di Ancona dalle funzioni tradizionali alla promozione della cultura brevettuale,

Dettagli

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione)

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Prof.ssa Patrizia Grosso Facoltà di Economia Università di Torino 1. Premessa. 2. La disciplina dei marchi. 3.La

Dettagli

via Molise, 19-00187 Roma Call center: +39 06 4705 5800 e-mail: callcenter@uibm.eu web: www.uibm.gov.it

via Molise, 19-00187 Roma Call center: +39 06 4705 5800 e-mail: callcenter@uibm.eu web: www.uibm.gov.it Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione generale per la lotta alla contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi via Molise, 19-00187 Roma Call center: +39 06 4705 5800 e-mail:

Dettagli

LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN

LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN BUONMARCHIO PRATO, 21.03.2014 Ing. Mari & C. Srl - Corso Garibaldi, 14 55100 LUCCA www.mari.it - info@mari.it lucca@mari.it MARCHIO: DEFINIZIONE SEGNO

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 12 maggio 2015 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) (marchi, disegni e modelli) Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario Osservazioni generali Uso del modulo Il modulo di domanda

Dettagli

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario Osservazioni generali Uso del modulo Si può ottenere il presente modulo gratuitamente dall UAMI (per posta, fax o messaggio di posta elettronica)

Dettagli

Decreto Legislativo n. 30 del 10 febbraio 2005. "Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n.

Decreto Legislativo n. 30 del 10 febbraio 2005. Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. Decreto Legislativo n. 30 del 10 febbraio 2005 "Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273" (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 52 del 4 marzo

Dettagli

Diri@ esclusivi. Marchio d impresa 11/03/12 1. Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Diri@ esclusivi. Marchio d impresa 11/03/12 1. Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE.

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. STUDIO TRINCHERO Lo Studio Trinchero è una società di consulenza che tratta il tema della Proprietà Intellettuale specializzata nel deposito, mantenimento,

Dettagli

ANNOTAZIONI. Istruzioni e modalità di deposito

ANNOTAZIONI. Istruzioni e modalità di deposito ANNOTAZIONI Istruzioni e modalità di deposito Napoli, Corso Meridionale, 58 2 piano tel. 081-7607404 e-mail: ufficio.brevetti@na.camcom.it sito internet: www.na.camcom.it fax: 081-5547557 ISTANZE DI ANNOTAZIONE

Dettagli

INDICAZIONI GEOGRAFICHE E. Relazione presentata in occasione del Salone della PROPRIETA INDUSTRIALE 2013 www.senaf.it

INDICAZIONI GEOGRAFICHE E. Relazione presentata in occasione del Salone della PROPRIETA INDUSTRIALE 2013 www.senaf.it INDICAZIONI GEOGRAFICHE E MARCHI COLLETTIVI : AMBITI DI PROTEZIONE E RAPPORTI RECIPROCI Avv. Nicoletta Amadei COS E UN MARCHIO Art. 7. dlgs.30/2005 Oggetto della registrazione 1. Possono costituire oggetto

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Vista la legge 12 dicembre 2002, n. 273, recante misure per favorire l'iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza,

Dettagli

Ultimo aggiornamento giugno 2013*

Ultimo aggiornamento giugno 2013* Ultimo aggiornamento giugno 2013* * N.B.:la presente guida pubblicata dalla CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA è stata parzialmente modificata a seguito delle novità introdotte dal DECRETO 26/01/2015 1 INDICE

Dettagli

Il deposito di un brevetto

Il deposito di un brevetto Il deposito di un brevetto Avete sviluppato un idea e vi state chiedendo quale sia la strategia migliore per proteggerla da possibili attacchi da parte di un concorrente? La legislazione in materia di

Dettagli

ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO

ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO 1. Immagine di pura inventiva creata per l occasione. Un immagine nuova può essere utilizzata dall autore salvo che l opera

Dettagli

Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della L. 12 dicembre 2002, n. 273.

Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della L. 12 dicembre 2002, n. 273. D.Lgs. 10-2-2005 n. 30 Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della L. 12 dicembre 2002, n. 273. Pubblicato nella Gazz. Uff. 4 marzo 2005, n. 52, S.O. D.Lgs. 10 febbraio 2005, n.

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE PROPRIETÀ INTELLETTUALE A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Registrazione del Marchio a Singapore Le fonti normative a tutela dei marchi sono: il Trade Marks Act, le Trade Marks Rules ed i

Dettagli

Note sul modulo di domanda di disegno/modello comunitario registrato

Note sul modulo di domanda di disegno/modello comunitario registrato UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) (marchi, disegni e modelli) Note sul modulo di domanda di disegno/modello 1. Osservazioni generali 1.1 Uso del modulo Il modulo è fornito dall Ufficio

Dettagli

Codice della proprietà industriale

Codice della proprietà industriale DECRETO LEGISLATIVO 10 febbraio 2005, n.30 Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273. (Gazzetta Ufficiale n. 52 del 4-3-2005- Suppl. Ordinario n.

Dettagli

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30.

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 56 del 9 marzo 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE PRIMA

Dettagli

SCIOGLIMENTO RISERVE

SCIOGLIMENTO RISERVE SCIOGLIMENTO RISERVE Istruzioni e modalità di deposito Napoli, Corso Meridionale, 58 2 piano tel. 081-7607404 e-mail: ufficio.brevetti@na.camcom.it sito internet: www.na.camcom.it fax: 081-5547557 SCIOGLIMENTO

Dettagli

www.marchiodimpresa.it

www.marchiodimpresa.it www.marchiodimpresa.it 3 Cosa è necessario fare per rinnovare la registrazione del marchio? 3 Quale documentazione è necessario presentare? 3 Dove va depositata la domanda di rinnovo? 3 Quanto costa? 3

Dettagli

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione FACOLTÀ DI INGEGNERIA II 31 maggio 2011 La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione Relatore: Ing. Giuseppe Quinterno Jacobacci & Partners S.p.A. 1 Proprietà Intellettuale e Industriale

Dettagli

Guida al deposito. Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid. Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano

Guida al deposito. Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid. Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano Ufficio Marchi e Brevetti Centro P.I.P. Patent Information Point Guida al deposito Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano Resp: Paola Bonzagni tel. 0532-783.804

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO Le Radici del Vino Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.88 del 08/10/2014 e modificato

Dettagli

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione)

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) Il marchio comunitario è un marchio unico valevole sull intero territorio dell Unione Europea. Il marchio comunitario

Dettagli

SFRUTTAMENTO MARCHI PER ENTI ED ORGANISMI

SFRUTTAMENTO MARCHI PER ENTI ED ORGANISMI MARCHI E TERRITORI: MARCHIO GEOGRAFICO, MARCHIO COLLETTIVO, MARCHI DI ENTI ED ORGANISMI, DOP E IGPA 20 Settembre 2013 presso l Opera del Duomo, Piazza San Giovanni 7, Firenze SFRUTTAMENTO MARCHI PER ENTI

Dettagli

www.marchiodimpresa.it

www.marchiodimpresa.it www.marchiodimpresa.it Indice 3 Cos è un marchio d impresa? 3 La registrazione come unica garanzia di tutela legale del marchio. 3 I diritti esclusivi conferiti al titolare dalla registrazione del marchio.

Dettagli

Diritto Industriale e della Concorrenza

Diritto Industriale e della Concorrenza Diritto Industriale e della Concorrenza Prof. Luca Arnaboldi a.a. 2013/2014 I diritti di proprietà industriale Segni distintivi Marchio Ditta Insegna Nomi di dominio Emblemi Indicazioni geografiche e denominazione

Dettagli

La nozione di Brand, le procedure per la sua tutela e la casistica rilevante

La nozione di Brand, le procedure per la sua tutela e la casistica rilevante La nozione di Brand, le procedure per la sua tutela e la casistica rilevante Savona, 20 dicembre 2011 Dr. Giorgio Karaghiosoff BRAND MARCA MARCHIO ALTRO? DESIGN Il marchio è un segno distintivo Il marchio

Dettagli

EMANUELE MONTELIONE. Come si costruisce una strategia attraverso i marchi: analisi di alcuni marchi famosi e di alcune strategie esemplari

EMANUELE MONTELIONE. Come si costruisce una strategia attraverso i marchi: analisi di alcuni marchi famosi e di alcune strategie esemplari EMANUELE MONTELIONE Come si costruisce una strategia attraverso i marchi: analisi di alcuni marchi famosi e di alcune strategie esemplari 27 Gennaio 2014 Centro Congressi - Fiera di Cagliari PROGRAMMA

Dettagli

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; VISTA la legge 12 dicembre 2002, n. 273, recante misure per favorire l iniziativa

Dettagli

232.111. Ordinanza sulla protezione dei marchi (OPM) Capitolo 1: Disposizioni generali. del 23 dicembre 1992 (Stato 16 marzo 2009)

232.111. Ordinanza sulla protezione dei marchi (OPM) Capitolo 1: Disposizioni generali. del 23 dicembre 1992 (Stato 16 marzo 2009) Ordinanza sulla protezione dei marchi (OPM) 232.111 del 23 dicembre 1992 (Stato 16 marzo 2009) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 38 capoversi 2 e 3, 39 capoverso 5, 51 e 73 della legge

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione ed uso del marchio Art. 2

Dettagli

INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI

INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI Preparate da : ing. Mario Gallo e-mail : mario.gallo_mg@libero.it 1 Che cos è un brevetto 2 Tipologie di brevetti 3 Come si ottiene un brevetto

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

CHE PREVEDE LA RICERCA DI ANTERIORITA

CHE PREVEDE LA RICERCA DI ANTERIORITA Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI I BREVETTI BIOTECNOLOGICI ELEMENTO

Dettagli

Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della L. 12 dicembre 2002, n. 273 1. Diritti di proprietà industriale.

Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della L. 12 dicembre 2002, n. 273 1. Diritti di proprietà industriale. D.Lgs. 10/02/2005, n. 30 Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della L. 12 dicembre 2002, n. 273 (G. U. del 4 marzo 2005, n. 52) Capo I Disposizioni generali e principi fondamentali

Dettagli

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata Città di Minerbio perché un immagine coordinata La volontà di ricorrere alla stesura di un manuale di immagine coordinata nasce dall esigenza di rinnovare e razionalizzare

Dettagli

LINEE GUIDA DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO

LINEE GUIDA DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DI MODENA Ente di diritto pubblico ai sensi del DLCPS 13 settembre 1946, n. 233 (Deposito n. MO2006C000801 del 29 dicembre 2006) LINEE GUIDA DI INDIRIZZO

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

Codice della proprieta' industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273.

Codice della proprieta' industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273. DECRETO LEGISLATIVO 10 febbraio 2005, n. 30 Codice della proprieta' industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273. Vigente al: 30-1-2015 Capo I DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI

Dettagli

D.P.R. 8 maggio 1948, n. 795,

D.P.R. 8 maggio 1948, n. 795, D.P.R. 8 maggio 1948, n. 795, testo delle disposizioni regolamentari in materia di marchi registrati TITOLO I - Atti per la registrazione Capo I - Domande in generale Art. 1 (Art. 1 del Regolamento approvato

Dettagli

TUTELA DEI MARCHI DIVERSE TIPOLOGIE DI PROTEZIONE

TUTELA DEI MARCHI DIVERSE TIPOLOGIE DI PROTEZIONE TUTELA DEI MARCHI DIVERSE TIPOLOGIE DI PROTEZIONE Centro Congressi Environment Park 26 settembre 2014 Torino Giulia Lavizzari Dragotti & Associati 20121 Milano Via Nino Bixio, 7 milano@dragotti.com 31100

Dettagli

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi 1 1. STRATEGIE DI CREAZIONE DI UN PORTAFOGLIO MARCHI Il marchio

Dettagli

ANALISI DEL BREVETTO ITALIANO. DATI STATISTICI E TRENDS DEGLI ULTIMI ANNI

ANALISI DEL BREVETTO ITALIANO. DATI STATISTICI E TRENDS DEGLI ULTIMI ANNI ANALISI DEL BREVETTO ITALIANO. DATI STATISTICI E TRENDS DEGLI ULTIMI ANNI INTRODUZIONE Il brevetto italiano è stato oggetto, in anni recenti, di un radicale mutamento procedurale che ne ha accresciuto

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Rev. 0 2009 Preparato: Ufficio stampa Verificato: Segretario generale; Giunta

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PRESSO L ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PRESSO L ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PRESSO L ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE MODELLI DOCUMENTAZIONE DIRITTI IMPOSTA DI BOLLO Sommario: - 1. Norme di carattere generale. 2. Le domande di iscrizione. 2.1. L iscrizione di

Dettagli

Norme di applicazione per i brevetti europei e per i brevetti comunitari (2) (3).

Norme di applicazione per i brevetti europei e per i brevetti comunitari (2) (3). D.P.R. 8 gennaio 1979, n. 32 (1). Norme di applicazione per i brevetti europei e per i brevetti comunitari (2) (3). ------------------------ (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 febbraio 1979, n. 41. (2)

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 27 giugno 2008: Ricerca di anteriorita' relativamente alle domande di brevetto per invenzione industriale. (Gazzetta Ufficiale n. 153 del 2 luglio 2008) IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Vista

Dettagli

Diritto Industriale e della Concorrenza LIUC - Università Carlo Cattaneo Prof. Luca Arnaboldi. Lezione n. 1. Anno Accademico 2012/2013 09 aprile 2013

Diritto Industriale e della Concorrenza LIUC - Università Carlo Cattaneo Prof. Luca Arnaboldi. Lezione n. 1. Anno Accademico 2012/2013 09 aprile 2013 Diritto Industriale e della Concorrenza LIUC - Università Carlo Cattaneo Prof. Luca Arnaboldi Lezione n. 1 Anno Accademico 2012/2013 09 aprile 2013 I diritti di proprietà industriale Segni distintivi Marchio

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA,

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, REGOLAMENTO (CE) N. 207/2009 DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2009 sul marchio comunitario IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l articolo

Dettagli

BANDO PER SOSTEGNO AI PROCESSI DI BREVETTAZIONE PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE PISANE 1. Il presente regolamento vige in regime de minimis

BANDO PER SOSTEGNO AI PROCESSI DI BREVETTAZIONE PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE PISANE 1. Il presente regolamento vige in regime de minimis BANDO PER SOSTEGNO AI PROCESSI DI BREVETTAZIONE PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE PISANE 1 Il presente regolamento vige in regime de minimis TITOLO I INFORMAZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1. La

Dettagli

Trattato di cooperazione in materia di brevetti (PCT)

Trattato di cooperazione in materia di brevetti (PCT) Trattato di cooperazione in materia di brevetti (PCT) Fatto a Washington il 19 giugno 1970, rettificato il 28 settembre 1979, modificato il 3 febbraio 1984 ed il 3 ottobre 2001 Nota dell editore: Per dettagli

Dettagli

La tutela internazionale dei marchi d impresa

La tutela internazionale dei marchi d impresa La tutela internazionale dei marchi d impresa AVVOCATI ASSOCIATI FELTRINELLI & BROGI - APTA CONSULENTI IN PROPRIETÀ INDUSTRIALE EUROPEAN PATENT, DESIGN & TRADEMARK ATTORNEYS 1 Perché si deposita un marchio

Dettagli

MACCHINE E ATTREZZATURE

MACCHINE E ATTREZZATURE MACCHINE E ATTREZZATURE EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE Direttiva 2000/14/CE recepita con D. Lgs. 4 Settembre 2002, n. 262 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLOGNA Camera dell Economia

Dettagli

Marchi commerciali e lotta alla contraffazione

Marchi commerciali e lotta alla contraffazione Marchi commerciali e lotta alla contraffazione Avv. Francesco Celluprica Barzanò & Zanardo Studio Legale Associato Istituto di Commercio Estero 3-5 febbraio 2015 Poli tecnologici 2015 Barzanò & Zanardo

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA

Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA In vigore dal 03/07/2013 RINA Via Corsica, 12 16128 Genova Italia Tel. +39 01053851 Fax: +39 0105351000 Website: www.rina.org Regolamenti

Dettagli

Decreto Legislativo 10 febbraio 2005, n. 30: Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n.

Decreto Legislativo 10 febbraio 2005, n. 30: Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. Decreto Legislativo 10 febbraio 2005, n. 30: Codice della proprietà industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273 1. (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 52 del 4 marzo

Dettagli

Concorso di idee per la creazione del Nome, del Logo e dell'immagine grafica coordinata per le isole ecologiche gestite da Gelsia Ambiente Srl.

Concorso di idee per la creazione del Nome, del Logo e dell'immagine grafica coordinata per le isole ecologiche gestite da Gelsia Ambiente Srl. Concorso di idee per la creazione del Nome, del Logo e dell'immagine grafica coordinata per le isole ecologiche gestite da Gelsia Ambiente Srl Bando 1 Sommario Art. 1 Società proponente... 3 Art. 2 Oggetto

Dettagli

REQUISITI DI BREVETTABILITA O DI REGISTRABILITA

REQUISITI DI BREVETTABILITA O DI REGISTRABILITA REQUISITI DI BREVETTABILITA O DI REGISTRABILITA INVENZIONI Novità Attività inventiva (originalità) Industrialità MARCHI Novità Capacità distintiva (originalità) MODELLI E DISEGNI Novità Carattere individualizzante

Dettagli

TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE

TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE Ufficio Brevetti Marchi & Innovazione Tecnologica Edizione 2009 INDICE Presentazione 1. Il Marchio: nozioni generali 2. La Domanda di Marchio Nazionale 3. La Registrazione di un Marchio all Estero 4. Il

Dettagli

LE ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE ALLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI COMUNITARI

LE ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE ALLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI COMUNITARI I MARCHI E I DISEGNI COMUNITARI TRA PRESENTE E FUTURO LE ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE ALLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI COMUNITARI Alessandro Mannini ARGOMENTI GENERALI MARCHIO MARCHIO COMUNITARIO Attività propedeutiche

Dettagli

Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE

Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) Marchi, disegni e modelli Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO LEGGE 22 giugno 2009 n.76 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visti i presupposti di necessità ed urgenza di cui all articolo 2, comma 2, punto

Dettagli

IMPRESA E COMUNICAZIONE

IMPRESA E COMUNICAZIONE IMPRESA E COMUNICAZIONE Da tutto quanto detto risulta molto chiaro che farci conoscere dal pubblico e comunicare un immagine positiva della nostra azienda è fondamentale! Il successo della nostra impresa

Dettagli

CONCORSO DI IDEE Progettazione del marchio logotipo di un Azienda olivicola ciociara

CONCORSO DI IDEE Progettazione del marchio logotipo di un Azienda olivicola ciociara CONCORSO DI IDEE Progettazione del marchio logotipo di un Azienda olivicola ciociara L Azienda Agricola Olivicola degli Ernici s.r.l. con sede in Vico nel Lazio, in collaborazione con l Ordine degli Architetti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING. Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione)

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING. Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione) Il presente regolamento definisce le indicazioni necessarie sull uso dei marchi e dei

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli