in DIMENSIONE SOCIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "in DIMENSIONE SOCIALE"

Transcript

1 in DIMENSIONE SOCIALE MAPPATURA DEGLI STAKEHOLDER Gli stakeholder (portatori di interessi) sono tutti quegli individui, gruppi, organizzazioni in grado di influenzare ed essere influenzati dalle attività e dalle politiche dell ente. La Camera di Commercio di Macerata ha individuato come suoi principali partner e destinatari le seguenti categorie di stakeholder: UTENTI IMPRESE ASSOCIAZIONI PROFESSIONISTI CONSUMATORI COMUNITA LOCALE MONDO DEL LAVORO E FORMAZIONE P.A. ED ENTI LOCALI Lo stesso Bilancio Sociale è strutturato per categoria di stakeholder MATRICE ATTIVITA /STAKEHOLDER PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SISTEMA LOCALE SOCIO-ECONOMICO E CULTURALE ATTIVITA'/STAKEHOLDER IMPRESE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA CONSUMATORI UTENTI/CLIENTI, PROFESSIONISTI SISTEMA CAMERALE ALTRI ENTI E ISTITUZIONI ISTITUZIONI E P.A. LOCALI AMMINISTRAZIONE CENTRALE E UNIONE EUROPEA UNIVERSITA' E SISTEMA FORMATIVO SISTEMA AMBIENTALE SISTEMA SOCIALE MONDO DEL LAVORO RISORSE UMANE FORNITORI SERVIZI AMMINISTRATIVI REGISTRI ALBI ARTIGIANI RUOLI ED ELENCHI REC AUTORIZZAZIONI E LICENZE ATTI E CERTIFICATI FIRMA DIGITALE X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X 1

2 MUD SMART CARD TUTELA DEL MERCATO CONTROLLO SICUREZZA PRODOTTI VERIFICA STRUMENTI DI MISURA CONTROLLO SULLE OPERAZIONI A PREMIO CONTRATTI TIPO MARCHI E BREVETTI TENUTA DEL REGISTRO PROTESTI CAMERA ARBITRALE E CONCILIAZIONE BORSE LISTINO PREZZI RESPONSABILITA' SOCIALE X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X PROMOZIONE MARKETING TERRITORIALE, SVILUPPO LOCALE E TURISMO X X X X X X X X X X STUDI, RICERCHE E INFORMAZIONE ECONOMICA, OSSERVATORI X X X X X X X X X FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ALL'IMPRENDITORIALITA' X X X X X X X COMITATO IMPRENDITORIA FEMMINILE X X X X X X EROGAZIONE CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONE ACCESSO AL CREDITO X X X X X X PROGETTI PER IL SUPPORTO DELL'INNOVAZIONE TECNOLOGICA X X X X X X X X INFRASTRUTTURE X X X X X ALTERNANZA SCUOLA LAVORO X X X X X BIBLIOTECA X X X X X X X RAPPORTI ISTITUZIONALI PROTOCOLLI D'INTESA PATROCINI X X X X X X X X PROGETTI PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE ATTIVITA' DI EXIT BANCA DATI ESTERO X X X X X X X X X X X X X X INIZIATIVE A FAVORE DEL TERZO SETTORE X X AMMINISTRAZIONE INTERNA E ORGANIZZAZIONE INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE X X X X X FORMAZIONE DEL PERSONALE X X X X DECENTRAMENTO DEI SERVIZI X X X X X COMIUNICAZIONE ESTERNA X X X X X X X X X X X X X X COMUNICAZIONE INTERNA X X X QUALITA' X X X X X X X X X FORNITURE X X X 2

3 UTENTI Soddisfazione Diverse sono le iniziative di customer satisfaction che la CCIAA ha portato avanti negli ultimi anni. Gli ambiti oggetto di analisi sono stati: accessibilità, fruibilità, servizio, relazione e comunicazione. Lo Sportello Unico camerale e il call center sono stati oggetto di specifiche indagini nel L indagine Customer satisfaction realizzata nel 2005 è stata sviluppata mediante la somministrazione del questionario già progettato e utilizzato nell indagine del Ciò, per avere dei dati di riferimento certi e per poter comparare i risultati delle due customer satisfaction. Con il questionario si sono indagati un insieme di dimensioni rispetto alle quali è stato richiesto di specificare al rispondente il livello di attesa e la relativa percezione. Un metodo quest ultimo, fondato sull approccio sviluppato dal Prof. Parasuraman che consente di rilevare il gap tra quanto l utente/cliente si aspetta di ricevere e quanto invece percepisce di avere avuto. In sintesi i risultati: L accessibilità della Camera di Commercio appare come l aspetto più critico, con picchi di insoddisfazione elevata. La raggiungibilità (5,05) e la disponibilità di parcheggi (5,82), in particolare, presentano entrambi un gap superiore a 3. Anche se bisogna considerare che tali giudizi medi non arrivano mai al 7 (come noto, dalla letteratura e dagli studi condotti su centinaia di indagini di customer satisfaction, il giudizio di reale soddisfazione si attesta a livello 7-7,5 ed il gap non è mai inferiore a 2, arrivando ad un massimo di 5), e le due sedi di Macerata e Civitanova Marche hanno parcheggi a pagamento a poche centinaia di metri, sull argomento vanno adottati significativi miglioramenti. La fruibilità della Camera appare nel complesso soddisfacente, ed in modo pieno. I gap relativi ai diversi item non arrivano mai a 2, ed in molti casi si ha una piena aderenza tra le attese e le percezioni, con gap inferiore a 1. Nel suo complesso il servizio è ritenuto soddisfacente con una buona valutazione, mai inferiore al 7 per la sede di Macerata, e mai inferiore all 8 per la sede di Civitanova Marche. La qualità percepita in quest ultima addirittura supera in 3 items quella attesa. I gap relativi ai diversi items non sono spesso nulli e mai superiori a 2. Anche in questo caso si registrano significative varianti tra le due sedi, con la sede distaccata in netto positivo vantaggio su aspetti come professionalità degli operatori (9,12) e la capacità di dare continuità al servizio al di là del momento dell erogazione (8,70). La relazione e la comunicazione appaiono come i temi che più, nel complesso, soddisfano gli utenti della Camera di Commercio. In particolare risulta molto buona la relazione con gli operatori, che registra un punteggio di 8,19 per la sede di Macerata e 9,29 per quella di Civitanova (superiore di 0,18 alle aspettative dei clienti). Sui punteggi assegnati alla sede distaccata va fatta anche un altra considerazione: i 7 items presi in esame hanno una valutazione che oscilla da 8,46 a 9,29 ed il gap maggiore è di 0,72. Meno marcata, ma comunque sufficiente la soddisfazione per la facilità di comunicazione con la sede di Macerata della Camera. Quest ultima in particolare fa registrare il gap 3

4 relativamente più elevato nel gruppo (1,48) che configura uno spazio significativo di miglioramento. Rispetto al 2002, questa indagine evidenzia un sensibile miglioramento sul servizio e sulla relazione/comunicazione, mentre resta pressoché stabile la fruibilità. La sostanziale diminuzione della soddisfazione è evidente, invece, nella facilità a raggiungere la sede e nella disponibilità di parcheggi. Questo dato è ampiamente comprensibile dal momento che nel 2002 la Camera di Commercio era ubicata nella sede provvisoria di Macerata, in via F.lli Pianesi 3, in una zona di accesso alla città con parcheggi non a pagamento nelle immediate vicinanze. Meno logico è l aumento di insoddisfazione dell utenza che accede alla sede di Civitanova Marche, rimasta stabilmente nello stesso posto e con un enorme parcheggio a circa 100 metri (P.zza XX Settembre). Macerata A1 A2 A3 A4 B1 B2 B3 B4 C1 C2 C3 C4 C5 D1 D2 D3 D4 D5 D6 D7 Domanda Atteso Percepito Altro dato interessante è quello relativo alla possibilità di comunicare telefonicamente con gli operatori della Camera di Commercio, che fa registrare un aumento della soddisfazione dell utenza. Infine, da notare i risultati ottenuti dalla sede distaccata di Civitanova Marche: sui 20 items indagati, 4 hanno mostrato una soddisfazione superiore alle aspettative degli utenti, 10 sono pressoché in linea (gap inferiore a 0,60) e 2 hanno registrato un gap non superiore ad 1. Ai 412 intervistati è stato chiesto di sintetizzare in un unica valutazione la soddisfazione rispetto al loro rapporto con la Camera di Commercio. Si tratta di un giudizio complessivo che in media è pari a 7,74. E che si dimostra ampiamente positivo per circa il 65% degli intervistati, che esprimono un giudizio da 8 a 10. Civitanova M Q. per cepi ta Q. attesa A1 A2 A3 A4 B1 B2 B3 B4 C1 C2 C3 C4 C5 D1 D2 D3 D4 D5 D6 D7 domande 4

5 Le conseguenze dell analisi I risultati dell indagine sono stati illustrati ai rappresentanti degli ordini professionali e delle associazioni di categoria, che sono stati direttamente coinvolti, con l istituzione di un apposito gruppo di lavoro, nelle sottoindicate azioni di miglioramento: - è stato attivato uno sportello informativo telefonico con l obiettivo di migliorare l efficienza e l efficacia di questo servizio sempre più richiesto; - sono stati attivati diversi sportelli decentrati sul territorio - è stata modificata l organizzazione dell orario di apertura al pubblico degli sportelli camerali. Semplificazione amministrativa La semplificazione dei servizi camerali è un processo composto da diversi elementi: impiego di alta tecnologia, diffusione dei servizi sul territorio, snellimento delle procedure, e connessione e messa in rete delle P.A. La semplificazione amministrativa comporta quindi una razionalizzazione di tutte le attività svolte dai vari servizi dell Ente, attraverso un percorso di miglioramento basato sulla logica di qualità complessiva della Camera e di servizio efficiente ed efficace. Tutto ciò permette all Ente di muoversi in un ottica di soddisfazione dell utente finale. E evidente come un ulteriore ampliamento dei collegamenti di rete con altre Amministrazioni e l uso di Internet non potranno che essere di giovamento alle imprese che vedranno progressivamente semplificati gli adempimenti amministrativi a loro carico contestualmente alla riduzione dei tempi di attesa e dei costi più o meno occulti per ottenere provvedimenti amministrativi di varia natura, qualificando le funzioni amministrative e non, svolte dalla Camera. Le principali novità normative - In sede di attuazione concreta del Registro delle imprese previsto dell art. 8 della legge 580/93, in una logica di semplificazione dell attività amministrativa e di riduzione di adempimenti, per quanto possibile, per le imprese, il decreto n. 581/95 prevede la possibilità di collegamenti informatici con le altre pubbliche amministrazioni con possibilità di integrazione delle rispettive banche dati e con l utenza. - La legge n. 59/97, la legge 127/97, il decreto legislativo n. 112/98 e la legge n. 191/98, nonché il T.U. sulla documentazione amministrativa n. 445/2000, impongono alle pubbliche amministrazioni la semplificazione e la razionalizzazione dei procedimenti amministrativi evitando inutili certificazioni o duplicazioni di attività. - L istituzione dello sportello unico per le attività produttive, previsto dal decreto legislativo n. 112/98, per la cui realizzazione l Ente Camerale, sia per la vastità delle proprie banche dati, sia per l esperienza maturata nei rapporti con le imprese, sta assumendo un ruolo fondamentale facendosi promotore dell iniziativa. - L obbligo di presentazione di pratiche in via telematica o su supporto informatico con firma digitale al Registro delle Imprese, in attuazione dell art. 31 della legge n. 340/2000, a partire dal Entrata in vigore dal 1 gennaio 2004 della riforma delle società di capitali di cui ai decreti legislativi nn. 5 e 6 del

6 I COLLEGAMENTI TELEMATICI Dal 1 luglio 2003 è scattato, dopo numerosi rinvii, l obbligo di presentazione delle domande di iscrizione di atti societari o denunce al Registro o per via telematica o, comunque, su supporto informatico, previsto dalla legge n L avvento della firma digitale ed il notevole sviluppo delle reti telematiche nell era di Internet, stanno già consentendo e ancora di più consentiranno in futuro, di offrire nuovi servizi e nuove possibilità alle imprese e agli utenti professionali, adeguando la struttura dell Ente al processo di globalizzazione dei mercati e al terzo millennio. Dal 1 gennaio 2004 sono stati attivati collegamenti automatici con INPS ed INAIL al fine di semplificare ulteriormente gli adempimenti per le imprese artigiane e commerciali per le quali, la sola presentazione della domanda di iscrizione alla Camera di Commercio avrà valore anche per le iscrizioni ai predetti Enti previdenziali. SPORTELLO UNICO CAMERALE E DECENTRAMENTO SUL TERRITORIO Lo Sportello Unico Camerale è attivo dal 1 marzo 2003 insieme allo Sportello informativo telefonico. Nella logica di avvicinare l attività camerale al cittadino, nel 2001 era stato programmato un progetto di diffusione dei servizi sul territorio mediante collegamento con i Comuni della provincia e con gruppi di imprese, decentrando così sul territorio una parte consistente dei servizi camerali. Ad oggi risultano collegati ed operativi n. 13 comuni: Recanati, S. Severino Marche, Monte San Giusto, Morrovalle, Matelica, Cingoli, Treia, Mogliano, Muccia, Sarnano, Loro Piceno, Pollenza, Apiro e la Comunità Montana Monti Azzurri di San Ginesio, che offrirà il servizio a 15 comuni, di cui, peraltro, alcuni già collegati. In relazione ai risultati dei collegamenti, si è rilevata una consistente attività in particolare nei comuni più distanti dalle sedi di Macerata e Civitanova Marche, quali Muccia, Matelica, Monte S. Giusto, San Severino Marche (che è lo sportello più attivo in provincia), Loro Piceno e Sarnano. Dato il consistente tessuto imprenditoriale, una discreta attività viene svolta anche dai comuni di Morrovalle e Cingoli. Inoltre sono diverse le associazioni di categoria a cui è possibile rivolgersi: Confartigianato, CNA, Coldiretti, Confocommercio, Casartigiani, Unioncoop, Confesercenti, Unione Prov.le agricoltori e fuori città alcune sedi Cna, Confartigianato e Confcommercio. E-GOVERNMENT, CHE COSA È TELEMACO? 6

7 Telemaco è un sito internet che permette agli utenti registrati di effettuare on-line tutti gli adempimenti amministrativi verso le Camere di commercio. Con Telemaco si può: - fare ricerche anagrafiche su imprese e persone del territorio nazionale; - fare ricerche anagrafiche, visure, copie di bilanci e atti su imprese di 14 stati europei (EBR) territorio nazionale; - richiedere ogni tipo di certificato e visura (registro imprese, albo artigiani); - estrarre dall archivio ottico nazionale copie di bilanci e di atti. - Consultare le dichiarazioni ambientali MUD - Ricerche sui protesti levati negli ultimi 5 anni su tutto il territorio nazionale - Ricerche su brevetti e marchi - spedire pratiche telematiche al Registro Imprese con accesso alle informazioni sullo stato di avanzamento di ogni pratica inoltrata; la procedura prevede necessariamente l utilizzo della Firma Digitale (modalità di deposito obbligatoria dal 1 luglio 2003); Il servizio ha un costo minimo di 50 euro. Per ulteriori informazioni su attivazioni e costi consultare il sito internet alla voce registro imprese, sezione Telemaco. Ottimi risultati, si sono continuati ad avere con i contratti Telemaco Pay stipulati con imprese o studi professionali, nell anno sono state stipulate 66 nuove convenzioni. Al 31 dicembre 2006, risultavano convenzionati con la Camera di Commercio di Macerata complessivamente n. 626 utenti, di cui circa il 50% costituito da imprese. Con le convenzioni Telemaco Pay si è realizzata una diffusione dei servizi sul territorio ancora più capillare e personalizzata portando la Camera di Commercio direttamente a casa degli utenti. Da dati forniti da InfoCamere, risulta che la Camera di Commercio di Macerata è la prima nelle Marche in valori assoluti, per numero di convenzioni Telemaco firmate ed attive e per entrate per diritti di segreteria, e, in termini percentuali in rapporto al numero di imprese societarie, si posiziona tra i primi posti in Italia. SMART CARD E CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI La firma digitale è l'equivalente elettronico della tradizionale firma su carta. Permette di sottoscrivere un documento informatico (un file di testo, una , ecc). E obbligatoria per le pratiche societarie. La smart card è la tessera che consente, digitando un codice segreto (PIN),di apporre la firma digitale ad un file; ha una validità di due anni (tre anni se rilasciata dopo il 17/12/2004) e deve essere rinnovata prima della scadenza. Per utilizzare la firma digitale è necessario avere: un lettore di smart card collegato ad un PC un software, che consente di firmare digitalmente file di testo, di immagini, ecc.. Tra questi può essere utilizzato Dike, gratuito, realizzato da Infocamere Scarl. Dal 3 marzo 2005 è attivo il servizio di rilascio della Carta nazionale dei servizi (CNS). La CNS amplia i servizi offerti dalla vecchia Smart card. Essa consente, oltre all apposizione della firma digitale, l accesso telematico a tutti i servizi resi disponibili dalle Pubbliche amministrazioni. La Camera di Commercio potrà offrire gratuitamente, attraverso la CNS, a tutte le imprese i seguenti servizi legati alla propria posizione: visura, scheda società, copia atti e bilanci 7

8 depositati, situazioni pagamento diritto annuale. Smart card rilasciate Smart card È da ricordare, inoltre, che ai sensi del D.M , confermato anche nei successivi D.M. che hanno variato nel tempo le tariffe dei diritti di segreteria, per le società (ad esclusione delle società semplici), la prima smart-card per uno degli amministratori è gratuita. EVENTI ED INIZIATIVE PER LA DIFFUSIONE DELL INFORMATIZZAZIONE Anno 2004: sono stati organizzati nuovi corsi sull uso dei programmi di predisposizione e trasmissione della pratica telematica e sull uso della firma digitale, coniugando tali temi alla riforma delle società di capitali. I corsi, della durata di una giornata, erano destinati ai professionisti, alle associazioni di categoria ed imprese già collegate con il sistema Telemaco. I corsi sono stati riconosciuti dagli Ordini professionali validi ai fini della formazione obbligatoria dei professionisti prevista dai rispettivi ordinamenti. Numero partecipanti 220 di cui :20 impiegati studi notarili, 20 impiegati di Associazioni, 40 imprenditori e impiegati, 160 professionisti. Anno 2005: è stata presentata la Carta Nazionale dei Servizi (CNS) e la posta elettronica certificata legalmail. In tale occasione è stata consegnata al Prefetto di Macerata la prima CNS prodotta dalla Camera di Commercio, contenente sia il certificato di sottoscrizione (firma digitale) sia il certificato di autenticazione che consente alle imprese di accedere ai propri dati messi in rete dalle P.A. E stato realizzato un corso sull invio telematico dei bilanci in collaborazione con ITC Filippo Corridoni di Civitanova Marche, destinato a 100 studenti del 4 e 5 anno. Sono stati organizzati seminari di formazione per invio telematico dei bilanci e pratiche di rinnovo cariche sociali per Imprese, Professionisti e Associazioni di categoria. I corsi sono stati riconosciuti dagli Ordini professionali validi ai fini della formazione obbligatoria dei professionisti prevista dai rispettivi ordinamenti. Partecipanti n. 83 8

9 Il 12 luglio 2005 è stata presentata l European Business Register (EBR) Banca dati dei Registri delle Imprese di 14 paesi Europei, nel dicembre 2005 la presentazione del Portale impresa.gov.it, realizzato dal CNIPA, per conto del Ministero Innovazione Tecnologica, dal Ministero delle Attività Produttive, dall Unione Italiana Camere di Commercio e da InfoCamere, per dare alle imprese la possibilità di accedere alle informazioni di cui necessita dalle pubbliche amministrazioni. Anno 2006: è stato realizzato il Convegno Dalla carta al bit - La fatturazione elettronica e la conservazione sostitutiva dei documenti informatici, presso l Aula Magna dell ITC A. Gentili di Macerata, realizzato con la collaborazione di InfoCamere e degli Ordini Professionali dei Dottori Commercialisti, Ragionieri Commercialisti e Consulenti del Lavoro. Il convegno ha registrato un grande successo anche tra le imprese. La partecipazione al convegno è stata considerata valida dagli Ordini ai fini della formazione obbligatoria. Partecipanti n. 300 corso sull invio telematico dei bilanci in collaborazione con ITC A. Gentili di Macerata. Il corso, destinato agli studenti del 4 e 5 anno dell ITC, ha avuto la durata di circa 10 ore. La docenza è stata effettuata da un impiegato esperto del Registro delle Imprese, dal Consulente InfoCamere e dal Conservatore R.I. Nel maggio 2006 è stata tenuta la lezione conclusiva presso la sede camerale per far vedere agli studenti i bilanci di prova pervenuti. Hanno partecipato all intero corso 4 classi per un totale di circa 100 studenti. Partecipanti circa 180 studenti. Seminari di formazione per invio telematico dei bilanci e pratiche di rinnovo cariche sociali per Imprese, Professionisti e Associazioni di categoria. I corsi sono stati riconosciuti dagli Ordini professionali validi ai fini della formazione obbligatoria dei professionisti prevista dai rispettivi ordinamenti. Partecipanti n. 62, di cui 45 a pagamento. Nuovi Seminari di formazione per invio telematico di pratiche al Registro delle Imprese, per Imprese, Professionisti e Associazioni di categoria, volti a far conoscere la nuova versione dei programmi. I corsi sono stati riconosciuti dagli Ordini professionali validi ai fini della formazione obbligatoria dei professionisti prevista dai rispettivi ordinamenti.partecipanti n settembre 2006: Inaugurazione della sede distaccata presso lo Sportello Unico per le Attività Produttive del comune di Tolentino, dove vengono svolte le stesse attività degli sportelli di Macerata e di Civitanova Marche. La scelta di istituire una sede distaccata a Tolentino è stata determinata sia dal particolare tessuto imprenditoriale, sia dalla collocazione geografica che è al centro della valle del Chienti. INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE INTERNE PROTOCOLLO E ARCHIVIO Con il 1 gennaio 2004 è entrato in vigore il Regolamento di gestione del protocollo informatico, che ha dato l avvio al progressivo abbandono del documento cartaceo a favore del documento informatico, della firma digitale e del fascicolo elettronico. Tramite corsi di formazione, tutto il Personale è stato coinvolto in questa rivoluzione copernicana in tema di documentazione. Nel corso del biennio 2004/2005 l ufficio Protocollo ha continuato, sperimentato e migliorato le procedure per la fase definitiva del protocollo informatico: miglioramento della comunicazione interna attraverso l uso di posta elettronica e documenti convertiti in formato PDF ecc.. 9

10 Nel corso dell anno si è passati al nuovo programma di gestione Prodigi. Nel 2006 si è passati al nuovo programma di gestione Prodigi blu che presenta un software più evoluto. E stata avviata la casella di posta elettronica istituzionale dandone comunicazione alle Istituzioni pubbliche ed agli Organismi con cui l Ente si trova a collaborare. E stato inoltre approvato il Progetto per la realizzazione del protocollo informatico, di durata triennale, in corso di realizzazione, che prevede di evitare, in una prima fase, la circolazione della documentazione cartacea, con notevole risparmio di tempo, sia in termini di risorse umane che avrebbero dovuto provvedervi, sia in termini di rapida accessibilità alle informazioni. CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE È stata avviata la nuova procedura informatica della contabilità di tipo economico, a cui si abbina, in via subordinata, quella finanziaria che entrerà a pieno regime nel Ciò comporterà un modello di piano dei conti più vicino alla realtà delle imprese e consentirà un miglior controllo di gestione. L introduzione del nuovo programma di contabilità, denominato Oracle Applications, che ha comportato la revisione e l aggiornamento di un nuovo piano dei conti ed un accurata ed attenta analisi della contabilità, per trasferire i dati contabili del precedente programma al nuovo, ha permesso un accurato approfondimento delle tematiche relative alla contabilità economico patrimoniale, che è la sola a regolare gli aspetti contabili dell Ente camerale, a partire dal 1 gennaio L attenzione dell ufficio ragioneria è stata orientata alle attività formative connesse alla contabilità generale e alla predisposizione dei nuovi prospetti contabili, in conformità a quanto previsto dal D.P.R. 254/2005. IMPRESE Servizi amministrativi REGISTRO IMPRESE E REPERTORIO ECONOMICO E AMMINISTRATIVO (REA) Il Registro delle imprese è un pubblico registro contenente informazioni riguardanti atti e fatti relativi alle imprese operanti sul territorio nazionale. E tenuto da ciascuna Camera di Commercio per le imprese con sede nella provincia di competenza, con tecniche completamente informatiche che ne consentono la consultazione in tempo reale su tutto il territorio nazionale. La consultazione avviene mediante estrazione di certificati e visure, ovvero attraverso il rilascio di copie di tutti gli atti e documenti depositati. Il Registro imprese è soggetto alla vigilanza del Giudice del registro, magistrato nominato presso il Tribunale del capoluogo di provincia. Il suo corretto funzionamento è assicurato dal Conservatore, un dirigente della Camera di commercio. Il Registro delle Imprese si articola in una sezione ordinaria ed una sezione speciale. Nella sezione ordinaria si iscrivono: gli imprenditori individuali; le società commerciali; i consorzi con attività esterna e le società consortili; i gruppi europei di interesse economico; gli enti pubblici che hanno per oggetto esclusivo o principale un'attività 10

11 commerciale; le società cooperative; le società estere aventi in Italia una o più sedi secondarie; Nella sezione speciale si iscrivono: gli imprenditori agricoli; i piccoli imprenditori; le società semplici. gli imprenditori artigiani (solo annotati). L'iscrizione avviene su domanda dell'interessato, da effettuare sull apposita modulistica entro: 20 giorni dalla stipula notarile per gli atti costitutivi di società; 30 giorni dalla data di inizio attività per le imprese individuali. Le successive variazioni debbono essere effettuate entro 30 giorni da quando si verificano. Se il termine cade di sabato o di giorno festivo è prorogato al primo giorno lavorativo successivo. La tardiva presentazione delle domande di iscrizione, modifica e cancellazione è soggetta a sanzioni amministrative. Il Repertorio economico amministrativo (REA), è una banca dati che integra le informazioni contenute nel Registro Imprese con dati economici (attività esercitata, unità locali) ed amministrativi (licenze, responsabili tecnici etc.). Inoltre devono iscriversi nel REA gli enti pubblici, le associazioni ed altri organismi quando svolgono in modo secondario un attività economica. L'iscrizione avviene su denuncia dell'interessato da effettuarsi sull apposita modulistica entro 30 giorni dalla data di inizio/modifica dell attività. La tardiva denuncia è soggetta a sanzioni amministrative. La vigilanza sul REA è esercitata dal Ministero delle Attività Produttive. Le società debbono presentare le domande e le denunce esclusivamente in via telematica o su supporto informatico, con firma digitale. Gli imprenditori individuali e gli enti che si iscrivono solo al Rea possono utilizzare anche la modulistica cartacea. Nel biennio 2004/2005 l attività e il lavoro del Registro delle Imprese sono stati influenzati e caratterizzati da importanti provvedimenti normativi: l art. 31 della legge n. 340/2000, ha previsto l obbligo di presentazione di pratiche societarie in via telematica o su supporto informatico con firma digitale al Registro delle Imprese a partire dal ; l obbligo a regime è scattato definitivamente il 1 novembre in vigore dal 1 gennaio 2004 la riforma delle società di capitali di cui ai decreti legislativi nn. 5 e 6 del , che ha comportato la revisione degli statuti societari. Nel 2006, l impegno dell ufficio è stato caratterizzato prevalentemente dal consolidamento e miglioramento dei risultati dopo le difficoltà causate nel 2003 e per gran parte del 2004 dall entrata a regime dell obbligo di invio telematico di pratiche societarie al Registro delle Imprese, e dall altro, dall entrata in vigore della nuova disciplina delle società di capitali dal 1 gennaio Invio di pratiche telematiche Il numero delle pratiche errate inviate telematicamente, che inizialmente raggiungeva la misura dell 80% circa, con necessità di richieste di regolarizzazioni anche per 7-8 volte, è progressivamente diminuito. Il decreto ministeriale 29 novembre 2004, che ha modificato le tabelle dei diritti di segreteria, ha contribuito a disincentivare ulteriormente l uso dei floppy aumentando del 11

12 50% il diritto di segreteria dovuto per le pratiche societarie presentate con tale modalità. Il risultato è stato che nel 2006 le pratiche (e i bilanci) presentate su floppy, sono diminuite del 22,49%. Un rilevante contributo è stato fornito anche dall Area Analisi e Studi giuridici, con il costante impegno di consulenza e risposta a quesiti di varia natura che pervengono dagli utenti nella casella di posta elettronica condivisa, come pure a quesiti che pervengono dal personale dell Area Sportello Unico. Anno Totale pratiche di cui evase % evasione evase entro i termini ritardo 1-5 giorni ritardo 6-10 giorni ritardo > 10 giorni ,244 12,24 100% 22,70% 8,70% 6,10% 62,50% ,984 13, % 23,70% 13,30% 8,60% 54,40% ,913 14,903 99,90% 26,20% 8,80% 6,10% 58,80% ,578 11, % 34,20% 5,40% 3,90% 56,50% ,862 14, % 46,60% 6,50% 5,40% 41,50% ,324 15, % 69,50% 8,00% 4,30% 18,20% ,233 14,222 99,90% 75,00% 7,70% 4,40% 12,80% Riforma del diritto societario Il 17 gennaio 2003 sono stati emanati il Decreto Legislativo n. 6, che ha modificato il codice civile per la parte concernente le società di capitali e le società cooperative, ed il Decreto Legislativo n. 5, che ha modificato sia il codice civile sia il codice di procedura civile per la parte concernente il processo in materia di controversie societarie, entrambi sono entrati in vigore a partire dal 1 gennaio Nuovi statuti delle società, attuazione della sezione speciale dei gruppi societari e nuovi adempimenti precedentemente non previsti, hanno immediatamente fatto salire il numero di pratiche in arrivo. Misure finalizzate ad agevolare la predisposizione delle pratiche: o Predisposizione di una dettagliata Guida all iscrizione ed al deposito degli atti al Registro delle Imprese - Società di Capitali e Cooperative (Modulistica Fedra e programmi compatibili), poi integrata con informazioni sulle società di persone. La Guida è stata resa disponibile sul sito internet dell Ente il 30 maggio Nel 2005 si è proceduto agli aggiornamenti, soprattutto per la parte concernente i bilanci. o Organizzazione, in collaborazione con la facoltà di Giurisprudenza dell Università di Camerino e, con la partecipazione del Giudice del Registro delle Imprese, del convegno L ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI ATTI E PROVVEDIMENTI GIUDIZIARI IN MATERIA SOCIETARIA, tenutosi a Macerata il 3 dicembre 2003 presso l Auditorium di Banca delle Marche. Il convegno, nonostante la specificità della materia, ha registrato un buon afflusso di pubblico. o Attività del Gruppo di lavoro, costituito nel 2000 e composto dai rappresentanti degli Ordini professionali e dai funzionari del Registro Imprese (Conservatore e Responsabile Area Studi giuridici), con lo scopo di concordare procedure ed interpretazioni normative che consentano di lavorare più agevolmente sia agli operatori professionali, sia agli uffici dell Ente, anche in relazione al nuovo diritto societario. o Attuazione del sistema dei controlli a campione, da parte dell Area Analisi e Studi Giuridici nell ambito della semplificazione amministrativa, prevista come uno degli obiettivi dell Ente, sulle autocertificazioni o dichiarazioni sostitutive allegate alla maggior parte delle pratiche che pervengono al settore anagrafico e, soprattutto al Registro delle Imprese. Dal mese di maggio 2005 a dicembre 2005, sono stati 12

13 attivati 231 controlli a campione, e, salvo in un caso, debitamente segnalato alla Procura della Repubblica, si è avuto un riscontro del tutto positivo di coincidenza tra quanto dichiarato e quanto riscontrato. Imprese iscritte al Registro Imprese imprese iscritte al R.I. comprese unità locali Imprese attive incluse le unità locali Certificati rilasciati allo sportello Visure rilasciate allo sportello Totale Certif icati rilasciati allo sportello di cui a M acer ata Totale visure rilasciate allo sportello di cui a Macerata di cui a Civitanova Marche 2000 di cui a Civitanova Marche N protocolli domande, denunce e deposito atti Pratiche e bilanci telematici ricevuti Di cui annullate per irricevibilità o reinvio Totale pratiche e bilanci effettivamente trattati Altre operazioni protocollate allo sportello REC, ALBI E RUOLI E' competenza della Camera di Commercio la gestione di albi, ruoli,registri ed elenchi professionali che raccolgono coloro che sono abilitati professionalmente a esercitare una 13

14 certa attività. Le abilitazioni vengono rilasciate da apposite commissioni e composte da esperti nelle varie discipline. Viene garantita così la massima pubblicità sui nominativi delle persone fisiche/società ritenute idonee ad esercitare una determinata professione. In caso di iscrizione di persone fisiche ad albi ruoli ed elenchi professionali le Commissioni - al fine di garantire il corretto svolgimento delle transazioni di mercato - verificano il possesso dei requisiti morali e professionali stabiliti dalla legge. " Registro esercenti il commercio Ruolo Agenti e Rappresentanti di commercio Iscrizioni e modificazioni Cessazioni Domande di esame Iscrizioni Modif iche Cancel l azi oni Ruolo Agenti di Affari in mediazione Ruolo periti ed esperti e Ruolo Conducenti Iscrizioni Cancellazioni Ruolo Periti ed esperti :iscrizioni Ruolo Conducenti :iscrizioni Consistenza Ruoli ed Albi REC Sezione S.A.B. Albo Preponenti (NI) Ruolo Agenti e rappresentanti di commercio Ruolo Agenti di affari in mediazione Ruolo Periti ed esperti Ruolo conducenti non di linea Anno 2006 COMMERCIO CON L ESTERO Le Camere di Commercio svolgono da sempre una intensa attività di rilascio di certificati 14

15 nel settore del commercio internazionale certificati di origine visti su documenti visti su fatture per esportazione carnets ata-cpd taiwan- carnets TIR numeri meccanografici attribuiti AGRICOLTURA La gestione degli Albi Vigneti è affidata alla Camera di Commercio dalla Regione Marche attraverso una apposita convenzione in quanto le competenze in materia di agricoltura sono state trasferite alle Regioni. SITUAZIONE DELL ALBO DEI VIGNETI RELATIVA ALLE OTTO DENOMINAZIONI: Verdicchio di Matelica, Rosso Piceno, Verdicchio dei Cstelli di Jesi classico, Vernaccia di Serrapetrona, Serrapetrona, Colli Maceratesi, Esino, I Terreni di Sanseverino Aziende iscritte Superficie in ettari Aziende iscritte Superficie in ettari

16 Produzione teorica ottenibile in ettolitri di vino , , , , ,00 Produzione teorica ottenibile in ettolitri di vino , , , , Risultanze della vendemmia Denuncie di produzione Superficie di riferimento in ettari Denuncie di produzione 725 Superficie di riferimento in ettari Produzione dichiarata in ettolitri di vino , , , , , , , , , , , , Produzione dichiarata in ettolitri di vino E entrata a regime la distribuzione delle fascette per la Vernaccia di Serrapetrona DOCG. Dalla vendemmia 2004, la Vernaccia può essere messa in circolazione solo come garantita e quindi con la fascetta sigillo di Stato. Fascette distribuite: - n esemplari per bottiglie da litri 0,75 (nel 2005 n ) - n. 970 esemplari per bottiglie da litri 1,50 (nel 2005 n ) 16

17 VINI DA TAVOLA A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA (I.G.T.) 103,00 560,00 102,00 101,00 550,00 100,00 540,00 99,00 530,00 98,00 97,00 96,00 95,00 Numero dichiarazioni di produzione 520,00 510,00 500,00 Superficie vitata dichiarata in ettari 94,00 490,00 93, , , , , ,00 Produzione di uva in quintali , , ,00 0, ALBO DEGLI IMBOTTIGLIATORI Già previsto dalla legge 12 febbraio 1992 n. 164 l Albo degli imbottigliatori, dove sono tenute a iscriversi le aziende che condizionano vini DOCG, DOC e IGT in recipienti fino a 60 litri, è stato reso operativo dopo l emanazione del Decreto ministeriale 21/5/2004. Gli imbottigliatori iscritti sono 52. COMMISSIONE DI DEGUSTAZIONE V.Q.P.R.D. 17

18 28,00 200,00 27,00 180,00 26,00 160,00 140,00 25,00 24,00 Riunioni della Commissione 120,00 100,00 80,00 Campioni di vino esaminati 23,00 60,00 22,00 40,00 20,00 21, , , , , , , ,00 ettolitri di vino esaminati , , , , Concorso per il premio ERCOLE OLIARIO Sono state istruite n.2 domande di partecipazione al concorso nazionale organizzato dall Unioncamere in collaborazione con numerosi enti, associazioni e Ministeri, svoltosi presso la Camera di commercio di Perugia. La Camera ha provveduto, altresì, al prelievo dei campioni che sono stati sottoposti a una preselezione regionale, ad analisi chimica ed infine alla selezione nazionale. Disciplina della panificazione (Legge n. 1002) Per esercitare l'attività di panificazione non occorre più la licenza rilasciata dalla Camera di Commercio. L art. 4 del Decreto Legge 4 luglio 2006 n. 223, conosciuto come decreto Bersani, convertito in Legge 4 agosto 2006 n. 248 ha, infatti, abrogato la Legge n. 1002/1956 ed ha previsto che l impianto di nuovi panifici, il trasferimento e la trasformazione di quelli esistenti, siano soggetti a dichiarazione di inizio attività da presentare al Comune territorialmente competente, dichiarazione che deve essere corredata da: - documentazione attestante i requisiti igienico-sanitari; - autorizzazione alle emissioni in atmosfera; - documentazione inerente l agibilità dei locali; - indicazione del nominativo del responsabile dell'attività produttiva. L ufficio camerale ha provveduto a trasmettere a tutti i comuni la situazione dei 153 impianti attivi alla data di entrata in vigore del decreto Bersani. Disciplina della macinazione (Legge n. 857) 18

19 Molini esistenti al : n. 44; Modifiche di licenze: n. 2; Revoche:n. 5. Credito CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Nell ambito della sua funzione promozionale, la Camera di Commercio offre, a sostegno dell economia locale, un servizio finanziario che possa supportare iniziative e proposte. Tale funzione si realizza con l erogazione di contributi, deliberati dalla Giunta camerale. Nel corso del 2006 sono stati erogati complessivamente ,00 euro. Gli interventi economici attuati dall Ente camerale, sono, in linea di massima, previsti nel bilancio, anche con la finalità di non escludere alcun settore. Per l anno di riferimento, i destinatari degli incentivi sono stati i seguenti: Anno 2004 Settori economici e produttivi 45% Cooperative 4% Consorzi import-export 7% Consorzi di garanzia fidi 12% Enti ed associazioni varie 32% Agricoltura 0% Anno 2005 Settori economici e produttivi 31% Cooperative 3% Consorzi import-export 6% Consorzi di garanzia fidi 11% Enti ed associazioni varie 49% Agricoltura 0% 19

20 Anno 2006 Settori economici e produttivi 34% Cooperative 0% Consorzi import-export 8% Consorzi di garanzia fidi 11% Enti ed associazioni varie 40% Agricoltura 7%. L Ente camerale, nel normale percorso di adeguamento della sua politica di supporto all economia del territorio, ha individuato due settori di spicco della realtà produttiva locale: l agroalimentare e il turismo ai quali sta destinando molto del proprio impegno promozionale. PROGETTO BASILEA II Il progetto Servizi alle imprese sull assistenza al credito: promozione, informazione, ricerche, si inserisce nell ambito delle iniziative inerenti Basilea 2 che la Camera di Commercio di Macerata ha già avviato nel 2005 e che ha inteso sviluppare al fine di promuovere un dialogo costante tra il tessuto imprenditoriale e il sistema bancario, di analizzare gli effetti della nuova regolamentazione, di sensibilizzare e supportare le imprese, di elaborare le proposte più idonee per le imprese nel nuovo contesto che si sta delineando. I risultati delle ricerche ed analisi condotte sono stati presentati il 27 aprile 2006 nel corso del seminario Le imprese maceratesi si confrontano con Basilea 2. Trasferimento tecnologico, innovazione e qualità ICT, QUALITÀ Bandi ed iniziative dirette a favore delle imprese Nel biennio 2004/2005 sono state proposte istanze alla Camera di Commercio, per ottenere incentivi in c/capitale, cioè a fondo perduto, da parte di imprese artigiane che, in possesso dei necessari requisiti, sono sostenute dall Ente per iniziative tese al loro miglioramento qualitativo. Le finalità, disciplinate da appositi regolamenti, sono: l attivazione di nuovi siti internet e l introduzione di sistemi di qualità. Le domande possono essere presentate a cadenza semestrale e concorrere, ognuna, ad un incentivo massimo di 1.300,00. Nel 2004 per il primo tipo di incentivo, sono state accolte, 16 istanze per un totale di ,12; per il secondo incentivo, ne sono risultate idonee 17 per un totale 20

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE Protocollo d intesa per l utilizzo della soluzione informatica realizzata dalle Camere di Commercio, Industria e Artigianato per l esercizio delle funzioni assegnate allo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive DIREZIONE GENERALE PER IL COMMERCIO, LE ASSICURAZIONI E I SERVIZI Servizio centrale Camere di commercio Ufficio B4 * * * Roma, 29 novembre 2002 prot. n. 514886 Alle

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA

STRUTTURA ORGANIZZATIVA STRUTTURA ORGANIZZATIVA ORGANIGRAMMA SEGRETARIO GENERALE F.F. (Cristina D Ercole) Segreteria e affari generali (ad interim Segretario Generale) Personale e controllo di gestione (ad interim Segretario

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 2 dicembre 2009. Aggiornamento ed istituzione dei diritti di delle camere di commercio e relativa approvazione delle tabelle A e B. IL DIRETTORE GENERALE PER

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA Un partner per crescere API SONDRIO L Associazione Piccole e Medie Industrie di Valtellina e Valchiavenna è una realtà fortemente voluta dagli

Dettagli

TABELLA A Allegata al Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 17 luglio 2012

TABELLA A Allegata al Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 17 luglio 2012 IMPORTI DIRITTI DI SEGRETERIA PER IL REGISTRO DELLE IMPRESE diritto di segreteria SOCIETÀ ED ENTI COLLETTIVI 1. Iscrizioni, modificazioni e cancellazioni 10 allo sportello telematico diritto di segreteria

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Comune di Rotondi CONSIDERATO

Comune di Rotondi CONSIDERATO CONVENZIONE PER INTRODURRE L UTILIZZO DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE NELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DI INTERESSE CONDIVISO TRA CAMERA E COMUNI DEL TERRITORIO TRA La Camera di

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza Settore Tutela dei Consumatori e degli Utenti Politiche di Genere e di Promozione delle Pari Opportunità INIZIATIVE REGIONALI

Dettagli

COMUNE DI GALATINA CONVENZIONE

COMUNE DI GALATINA CONVENZIONE CONVENZIONE L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA INFORMATICA REALIZZATA DALLE CAMERE COMMERCIO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI ASSEGNATE ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE 0 CONVENZIONE PER L UTILIZZO

Dettagli

Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa

Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Università di Bologna, già Presidente della Commissione Interministeriale per la dematerializzazione Seminario Di.Tech

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE Ce COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE 06 Ce commercio estero e internazionalizzazione 1 01 Commercio estero e internazionalizzazione L Ufficio commercio estero e internazionalizzazione svolge attività

Dettagli

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 Mission Il progetto fin dal 2001 si è posto un duplice obiettivo: offrire alle P.A. - in particolare alle amministrazioni locali

Dettagli

Brokeraggio Informativo

Brokeraggio Informativo Brokeraggio Informativo Statistiche e Banche dati economiche, Indici Istat, Biblioteca, Elenchi di Imprese, Rilascio atti e bilanci, Banche dati per i mercati esteri, Nuova Imprenditoria, Marchi e Brevetti

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE

CAMPO DI APPLICAZIONE Campo di applicazione - CAMPO DI APPLICAZIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Articoli da 1742 a 1752 del Codice civile; Legge 3 maggio 1985, n. 204 Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

In particolare, occorre soffermarsi su due nuovi aspetti legati all introduzione della Comunicazione Unica relativamente alle ditte individuali :

In particolare, occorre soffermarsi su due nuovi aspetti legati all introduzione della Comunicazione Unica relativamente alle ditte individuali : N U O V E I N D I C A Z I O N I O P E R A T I V E per la compilazione della modulistica e la trasmissione delle pratiche al Registro delle Imprese con la Comunicazione Unica Come noto, la Comunicazione

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE APRIRE UN IMPRESA MODIFICARE I DATI DI UN IMPRESA CHIUDERE UN IMPRESA APPENDICI

PRIMA DI INIZIARE APRIRE UN IMPRESA MODIFICARE I DATI DI UN IMPRESA CHIUDERE UN IMPRESA APPENDICI Da oggi è possibile espletare tutti gli adempimenti per aprire un impresa con una singola comunicazione al Registro delle Imprese. Questa comunicazione contiene tutte le informazioni fiscali, previdenziali

Dettagli

7 a edizione. Bando di concorso. Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6

7 a edizione. Bando di concorso. Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6 7 a edizione Bando di concorso Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6 Art.1 Finalità, soggetti promotori e obiettivi Il Premio Impresa Ambiente è promosso dalla Camera di Commercio di Roma - Asset

Dettagli

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati...

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati... Allegato A) al Decreto del Direttore n. 32 del 31/03/2015 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nell Anagrafe delle Aziende Agricole di ARTEA e per la gestione della

Dettagli

BANDO. Articolo 1 Oggetto e finalità

BANDO. Articolo 1 Oggetto e finalità BANDO Premessa Il Comitato Imprenditoria Femminile della CCIAA di Palermo e il "Tavolo Regionale delle Politiche di Genere" (costituito dalle rappresentanti Regionali dell'imprenditoria Femminile di ciascuna

Dettagli

Progetto per la semplificazione amministrativa

Progetto per la semplificazione amministrativa Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce Città di Lecce Progetto per la semplificazione amministrativa ComUniica lla tua attiiviità commerciialle MODALITA OPERATIVE (VERS. 1.1. DEL

Dettagli

Università della Tuscia

Università della Tuscia Università della Tuscia Conservazione dei Beni Culturali Il primo esempio italiano di procedura con documentazione esclusivamente elettronica: il caso del nuovo Registro delle Imprese Anno accademico 2005-2006

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

L INVIO TELEMATICO DELLE PRATICHE AL REGISTRO DELLE IMPRESE. Alcune riflessioni alla luce degli interventi del Ministero e di UnionCamere

L INVIO TELEMATICO DELLE PRATICHE AL REGISTRO DELLE IMPRESE. Alcune riflessioni alla luce degli interventi del Ministero e di UnionCamere L INVIO TELEMATICO DELLE PRATICHE AL REGISTRO DELLE IMPRESE. Alcune riflessioni alla luce degli interventi del Ministero e di UnionCamere Di Claudio Venturi 1. Premessa Dopo molti rinvii e tante polemiche,

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

La sottoscrizione del bilancio

La sottoscrizione del bilancio Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 159 26.05.2015 La sottoscrizione del bilancio Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Secondo quanto previsto dall articolo 2435,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI e DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizioni di Ivrea-Pinerolo-Torino

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI e DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizioni di Ivrea-Pinerolo-Torino Torino, 7 marzo 2008 NOTIZIARIO 8/2008 S O M M A R I O ANTIRICICLAGGIO GLI ADEMPIMENTI ED I FAC-SIMILI DI INFORMATIVA ALLA CLIENTELA Documentazione di supporto a cura del Consiglio Nazionale. IL BILANCIO

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

Federazione Industria Artigianato per i Servizi Amministrativi

Federazione Industria Artigianato per i Servizi Amministrativi Federazione Industria Artigianato per i Servizi Amministrativi GRUPPO IMPRESE ARTIGIANE - INDUSTRIALI TERZIARIE Nel 1982 l UNIONE PARMENSE DEGLI INDUSTRIALI FIASA e il GRUPPO IMPRESE ARTIGIANE costituiscono

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza Consorzio Nazionale Serramentisti Insieme per fare la differenza Insieme LegnoLegno è un Consorzio Nazionale di servizi per la valorizzazione delle attività imprenditoriali del settore serramento. Il marchio

Dettagli

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da PROTOCOLLO D'INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER LA COLLABORAZIONE IN AMBITO STATISTICO L'Istituto nazionale di

Dettagli

1994: Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l Università degli Studi di Milano. Stage durante il corso di laurea: Diritto di famiglia

1994: Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l Università degli Studi di Milano. Stage durante il corso di laurea: Diritto di famiglia Dati personali Nata a Stresa (VB) il 14 Settembre 1969 Nazionalità: Italiana Residenza Via Villette n.17 Gravellona Toce (VB) Istruzione 1994: Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l Università degli

Dettagli

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito 2009 per immigrati di Milano e provincia Servizi di - Informazione e orientamento sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese - Formazione - Credito ASIIM - Associazione per lo Sviluppo dell

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

Nuove tecnologie per il made in italy

Nuove tecnologie per il made in italy ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY LA FILIERA AGROALIMENTARE: RISORSA PER LO SVILUPPO DELLA LOMBARDIA ITS ISTITUTO TECNICO SUPERIORE CORSO PER TECNICI SUPERIORI PER

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015

Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015 Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015 Mercoledì 11 febbraio Dott. Matteo Farina Progetti di Sviluppo Banco Popolare Confindustria Firenze Banco Popolare e innovazione tecnologica: un

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 10 dicembre 2008 Specifiche tecniche del formato elettronico elaborabile (XBRL) per la presentazione dei bilanci di esercizio e consolidati e di altri

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle imprese Roma, 29 settembre 2014, prot.

Dettagli

P R O M O S. Ruolo, servizi ed attività di supporto all operatività internazionale delle imprese. Maria Pulsana Bisceglia

P R O M O S. Ruolo, servizi ed attività di supporto all operatività internazionale delle imprese. Maria Pulsana Bisceglia Internazionalizzazione e marketing territoriale P R O M O S CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA MILANO Dal 1786 l istituzione al servizio del sistema produttivo di Milano. Ruolo, servizi

Dettagli

ALBO DELLE RISORSE PROFESSIONALI per l Agenzia per l inclusione sociale del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino REGOLAMENTO

ALBO DELLE RISORSE PROFESSIONALI per l Agenzia per l inclusione sociale del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino REGOLAMENTO ALBO DELLE RISORSE PROFESSIONALI per l Agenzia per l inclusione sociale del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino REGOLAMENTO 1) ISTITUZIONE E FINALITA L Agenzia per l inclusione sociale, s.r.l. del

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Il Registro Imprese al servizio della legalità

Il Registro Imprese al servizio della legalità Il Registro Imprese al servizio della legalità Click to edit Master subtitle style certezza e trasparenza degli assetti giuridici, economici e finanziari delle imprese Torchiarolo (BR), 09 ottobre 2013

Dettagli

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5 Indice Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3 1. Le principali novità... 5 2. Procedimento di elaborazione e adozione del Programma... 5 3. Iniziative di comunicazione della trasparenza...

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 18-01-2010 Messaggio n. 1715 OGGETTO: Nuovo servizio online per le Aziende e i Consulenti:

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO REQUISITI GIURIDICI GENERALI REQUISITI GIURIDICI E FINANZIARI PARTICOLARI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A.

REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A. Premesso - che la Borsa Merci Telematica Italiana Società Consortile per azioni (in appresso

Dettagli

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità:

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità: Il Portale Integrato Il Portale per i servizi alle imprese (www.impresa-gov.it), realizzato dall INPS, è nato con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un unico front end per utilizzare i

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Conservazione Sostitutiva. Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza.

Conservazione Sostitutiva. Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza. Conservazione Sostitutiva Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza. Paperless office Recenti ricerche hanno stimato che ogni euro investito nella migrazione di sistemi tradizionali verso tecnologie

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23 La transizione al digitale per gli enti pubblici locali opportunità e criticità operative sala Zodiaco Sede della Provincia di Bologna Mercoledì, 26 novembre 2014 slide 1 di 23 Gli argomenti Saluti e introduzione

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA

FATTURAZIONE ELETTRONICA FATTURAZIONE ELETTRONICA Indice Perché elettronica Fattura elettronica PA Cos è e come funziona Chi è interessato In pratica Il Servizio 2 Perché elettronica Genesi Con la diffusione di strumenti digitali

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

La Semplificazione delle Procedure Amministrative LISTINO 2014. Serietà, competenza e professionalità caratterizzano i nostri servizi

La Semplificazione delle Procedure Amministrative LISTINO 2014. Serietà, competenza e professionalità caratterizzano i nostri servizi La Semplificazione delle Procedure Amministrative LISTINO 2014 Serietà, competenza e professionalità caratterizzano i nostri servizi APM SERVICES SRL 20144 Milano, Via Savona n. 2/A Tel. 02 86453881 r.a

Dettagli

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo Rev.1 del 30 maggio 2013 Il modello organizzativo INDICE 1. Premessa 2. Missione 3. Sistema di responsabilità 4. Mappa dei processi 5. Mansionario 1. Premessa Un laboratorio congiunto di ricerca sui temi

Dettagli

www.centroestero.org

www.centroestero.org COMPETERE NEL MONDO Le attività del sistema Piemonte all estero Camere di commercio Province Comuni Regione Piemonte Centro Estero Associazioni di categoria Banche PROGETTI D AREA, D SERVIZI, INIZIATIVE

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

Linee guida sulla Formazione Continua

Linee guida sulla Formazione Continua Linee guida sulla Formazione Continua In applicazione del Regolamento adottato dal Consiglio Nazionale dell Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati, pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Convegno SIAV Torino - 10 maggio 2007 1 Valore economico Il flusso documentale vale almeno il 2% del PIL. Un risparmio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo CARTA DEI SERVIZI Premessa La procedura di appalto pubblico, ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, deve rispettare i principi di libera concorrenza,

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

Progetto ANAMA REGOLAMENTO 101210

Progetto ANAMA REGOLAMENTO 101210 Progetto ANAMA REGOLAMENTO 101210 Nell ambito del Progetto ANAMA (di seguito denominato anche Progetto ) ideato da ANAMA CONFESERCENTI, Via Nazionale 60 00184 Roma, tel. 06/47.251, il presente REGOLAMENTO

Dettagli

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali Incubatore d impresa Per sostenere le nuove idee imprenditoriali PRESENTAZIONE DELLA BUONA PRATICA L alta mortalità delle imprese nei primi anni di vita è spesso dovuta a una scarsa programmazione prospettica

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11 PROPOSTA DI INTESA TRA LO STATO E LE REGIONI AI SENSI DELL ART. 8 COMMA 6 DELLA LEGGE 131/2003 DISCIPLINA UNITARIA IN MATERIA FIERISTICA

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli

La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive

La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive Prof. Pierluigi Ridolfi Componente CNIPA Roma - 12 ottobre 2006 1 Cosa è stato fatto Gruppo di lavoro interministeriale

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

La predisposizione delle pratiche telematiche mediante ComUnica e l'accesso ai servizi del registro delle imprese

La predisposizione delle pratiche telematiche mediante ComUnica e l'accesso ai servizi del registro delle imprese La predisposizione delle pratiche telematiche mediante ComUnica e l'accesso ai servizi del registro delle imprese Forlì, 30 novembre 2010 A CURA DI :Maria Giovanna Briganti- Conservatore Registro delle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REGOLAMENTO INTERNO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO E MISURE ORGANIZZATIVE SUL DIRITTO DI ACCESSO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento.

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli