5.1 L UNIVERSO DI RIFERIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5.1 L UNIVERSO DI RIFERIMENTO"

Transcript

1 5.1 L UNIVERSO DI RIFERIMENTO Il presente studio è stato condotto prendendo come universo di riferimento le 102 Camere di commercio, integrando le risposte pervenute (63 questionari pari al 61,2%) con quelle mancanti tramite delle opportune procedure di stima. La valutazione è stata effettuata sia confrontando i dati degli scorsi anni, sia assimilando le realtà camerali mancanti a Camere di commercio analoghe e comparabili per dimensione, distribuzione del personale e vicinanza geografica. Nel corso del 2004 il personale in forza alle 102 Camere di commercio non ha subito variazioni sostanziali, come era invece accaduto a cavallo fra il 2001 ed il 2002 raggiungendo una quota che, secondo l integrazione delle informazioni fra la fonte ministeriale (Conto Annuale del Ministero dell Economia e delle Finanze) e la presente ricerca, è pari a unità. Per quel che riguarda la suddivisione del personale per genere, pur nella conferma della prevalenza delle donne (58,8%), si evidenzia una lieve flessione rispetto al 2003 con una variazione di 2,7 punti percentuali, che si innesta particolarmente nei livelli più elevati. È da notare, infatti, che dopo il boom di presenze dirigenziali femminili fatto segnare nel 2003, quest anno si è parzialmente tornati ai livelli del 2002, anche se rispetto a tale anno si registra comunque un incremento di 1,2 punti percentuali. 225

2 PARTE I - CAPITOLO 5 LA FORMAZIONE NELLE CAMERE DI COMMERCIO 5.2 LA DIMENSIONE DELLA FORMAZIONE NELLE CAMERE DI COMMERCIO Nel 2004 viene confermata la linea di tendenza del sistema camerale sul versante dell impegno in formazione. Appare infatti evidente l elevato livello di partecipazione (numero di partecipanti sul totale del personale) che è pari a 1,93. Si conferma pertanto la tendenza ad una maggiore partecipazione alla formazione che emerge dall analisi di tutto il sessennio , con la parziale eccezione del 2003, in cui si è registrata una sostanziale tenuta del livello di partecipazione rispetto a quanto emerge al Tabella 1 - DISTRIBUZIONE DELL ORGANICO NELLE CAMERE DI COMMERCIO AL 31 DICEMBRE 2004 PER SESSO E PER QUALIFICA VALORI ASSOLUTI UOMINI DONNE TOTALE Dirigenti Funzionari Altri Totale personale VALORI PERCENTUALI DI RIGA UOMINI DONNE TOTALE Dirigenti 78,2 21,8 100 Funzionari 44,7 55,3 100 Altri 38,1 61,9 100 Totale personale 41,2 58,8 100 VALORI PERCENTUALI DI COLONNA UOMINI DONNE TOTALE Dirigenti 6,6 1,3 3,5 Funzionari 28,1 24,3 25,8 Altri 65,4 74,4 70,7 Totale personale 100,0 100,0 100,0 LE ATTIVITÀ Nel 2004 i corsi fruiti dal personale delle Camere di commercio sono stati per un totale di ore erogate e una media di ore erogate per ogni corso pari a 17,6. Rispetto al 2003 tutti questi parametri fanno segnare un sostanziale incremento: il numero di iniziative cresce del 6,6%, quello delle ore erogate del 39,8% e infine quello del numero medio di ore erogate per corso del 30,3%. Estendendo maggiormente l analisi nel tempo e prendendo in considerazione il sessennio , si nota in pratica un raddoppio, sia del numero delle iniziative fruite, sia delle ore erogate. Perma- 226

3 1,57 (13.697) 1,61 (15.077) 1,59 (15.058) 1,93 (18.701) 1,20 (10.392) 0,65 (5.559) Grafico 1 ANDAMENTO DEL RAPPORTO PARTECIPANTI AD ATTIVITÀ FORMATIVA SU DIPENDENTI NELL ULTIMO SESSENNIO (tra parentesi il numero di partecipanti) ne e si potenzia di anno in anno l attenzione del sistema camerale per la formazione e, conseguentemente, l impegno economico che il sistema garantisce alle proprie risorse umane. L analisi delle informazioni circa la qualifica dei partecipanti alle attività formative evidenzia che: i dirigenti hanno rappresentato lo 0,9%; i funzionari hanno rappresentato il 23,2%; le rimanenti qualifiche hanno infine rappresentato il 76,0%. Come già segnalato nelle scorse rilevazioni, sono principalmente le donne a partecipare ad eventi formativi, ed anche in misura più che proporzionale alla loro presenza in organico. A fronte di una quota di donne in organico che si attesta sul 58,8% (tabella 1) corrisponde una quota di partecipanti di sesso femminile pari al 59,8%. Tabella 2 - NUMERO INIZIATIVE, ORE EROGATE E MEDIA ORE EROGATE PER CORSO NEL SESSENNIO ANNO NUMERO ORE EROGATE NUMERO MEDIO DI INIZIATIVE DI ORE EROGATE PER CORSO , , , , , ,6 227

4 PARTE I - CAPITOLO 5 LA FORMAZIONE NELLE CAMERE DI COMMERCIO L INVESTIMENTO IN FORMAZIONE Nel 2004 il costo del lavoro complessivo (comprendente, quindi, oltre le retribuzioni anche i contributi e le indennità) sostenuto per i dipendenti delle Camere di commercio e per le forme flessibili che hanno prestato collaborazione a vario titolo è ammontato ad una cifra pari a Euro. Di questo ammontare Euro sono stati destinati al capitolo formazione. Suddividendo questa cifra si osserva che Euro sono stati spesi per quelle che potremmo definire le spese di formazione intesa in senso proprio (compenso per docenti e ticket di iscrizione) ed i restanti Euro sono stati utilizzati per spese relative alle missioni. Da ciò si evince che anche nell anno 2004 il sistema delle Camere di commercio ha speso in formazione ben più dell 1% del totale del costo del personale (ovvero 2%), vale a dire la quota di spesa più elevata fatta segnare nel sessennio Cresce la spesa per la formazione: nel sessennio preso in considerazione è più che raddoppiata, così come quella per ore erogate, dopo un periodo di flessione, e per ore fruite. 2,00 1,77 1,21 1,41 1,39 1,33 Grafico 2 PERCENTUALE DELLA SPESA PER LA FORMAZIONE SUL TOTALE DELLE SPESE PER IL PERSONALE ANNI Tabella 3 - ALCUNI PARAMETRI DI SPESA PER LA FORMAZIONE DELLE CCIAA NEL PERIODO (dati di spesa in Euro) ANNO ORGANICO SPESA PER LA FORMAZIONE SPESA PROCAPITE SPESA/ORE EROGATE SPESA/ORE FRUITE ,1 176,8 39, ,3 143,0 16, ,9 128,4 19, ,0 150,4 19, ,1 173,5 16, ,4 177,8 30,7 228

5 5.3 I CONTENUTI E LE TEMATICHE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE Rispetto alle aree tematiche della formazione fruita dal personale delle Camere di commercio, quest anno a prevalere, a pari merito, sono due aree: quella tecnico-specialistica e quella informatico-telematica rispettivamente con 471 e 470 iniziative su 2.306, fruite rispettivamente da e partecipanti su un totale di Entrambe le aree sono in crescita rispetto allo scorso anno. Va tuttavia segnalato che l area giuridico-normativa generale, pur con 433 iniziative (terza area più gettonata), è quella maggiormente oggetto di partecipazione, avendo visto una presenza di poco inferiore alle unità, vale a dire circa 1 / 3 di tutte le partecipazioni. Ogni corso ha avuto una durata meda di 17,6 ore. Tecnico-specialistica 20,3 Giuridico-normativa generale 18,8 Internazionale 4,8 Multidisciplinare 1,8 Organizzazione e personale 12,2 Linguistica 1,6 Informatica e telematica 20,4 Controllo di gestione 1,1 Economico-finanziaria 10,9 Comunicazione 4,8 Manageriale 3,3 Grafico 3 LA DISTRIBUZIONE DELLE INIZIATIVE FRUITE NEL 2004 PER AREA TEMATICA L area organizzazione e personale fa segnare una considerevole diminuzione del numero di iniziative rispetto al 2003 (359 contro 280), ma con un numero di partecipazioni più che raddoppiato (1.451 contro 3.159). Anche l area economico-finanziaria, con 251 iniziative, raggiunge un vasto pubblico: partecipanti. Si segnala una tenuta dell area comunicazione con 111 iniziative, pur a fronte della conclusione dell ampia operazione di aggiornamento e qualificazione per il personale degli uffici URP, ed una lieve crescita dell area manageriale che passa da 56 a 76 iniziative nel Segnali di crescita anche sul versante linguistico: 1,6% nel 2004 contro lo 0,5% del Riportiamo, infine, una rappresentazione grafica comparativa dell ultimo biennio della distribuzione del numero di iniziative per area tematica. 229

6 PARTE I - CAPITOLO 5 LA FORMAZIONE NELLE CAMERE DI COMMERCIO L analisi delle informazioni circa la qualifica dei partecipanti alle attività formative evidenzia che: i dirigenti hanno frequentato principalmente corsi dell area tematica manageriale (13,9% di tutti i partecipanti dei corsi di questa area) e organizzazione e personale (1,5%); anche i funzionari hanno partecipato particolarmente alle attività di area manageriale rappresentandone circa il 60% delle partecipazioni e dando origine, quindi, insieme all elevata partecipazione dirigenziale, all unica area formativa che si può ri- Tabella 4 - ALCUNI PARAMETRI RILEVANTI DELLE INIZIATIVE FORMATIVE FRUITE DAL PERSONALE DELLE CCIAA NEL CORSO DEL 2004 SUDDIVISI PER AREA TEMATICA AREA TEMATICA NUMERO DI NUMERO DI NUMERO DI NUMERO DI INIZIATIVE ORE EROGATE ORE FRUITE PARTECIPANTI Giurdico-normativa generale Organizzazione e personale Mangeriale Comunicazione Economico-finanziaria Controllo di gestione Informatica e telematica Linguistica Multidisciplinare Internazionale Tecnico-specialistica Totale ,0% 20,0% 19,7% 18,8% 16,6% 15,7% 20,4% 17,5% 20,3% 15,0% 10,0% 5,0% 12,2% 2,6% 3,3% 6,6% 4,8% 10,9% 1,9% 1,1% 12,5% 0,5% 1,6% 0,3% 1,8% 6,1% 4,8% ,0% Grafico 4 LA DISTRIBUZIONE DELLE INIZIATIVE FORMATIVE PER AREA TEMATICA NEGLI ANNI 2003 E 2004 Giuridico-normativa generale Organizzazione e personale Manageriale Comunicazione Economicofinanziaria Controllo di gestione Informatica e Telematica Linguistica Multidisciplinare Internazionale Tecnico-specialistica 230

7 tenere elitaria. Controllo di gestione e area internazionale sono le altre tipologie di attività più richieste dai funzionari in termini relativi, anche se in valori assoluti la partecipazione si quantifica in appena 213 unità su funzionari partecipanti; le rimanenti qualifiche hanno espresso una partecipazione decisamente più corposa verso le tematiche giuridico-normative (75,3%) ed informatica e telematica (85,6%). GLI ENTI EROGATORI DI FORMAZIONE Passiamo ora ad analizzare i dati riguardanti gli Enti che organizzano formazione per le Camere di commercio con una focalizzazione particolare per le attività di formazione realizzate dall Istituto Guglielmo Tagliacarne. Nel questionario di rilevazione gli Enti organizzatori sono stati suddivisi nel modo seguente: 1) amministrazione di appartenenza; 2) Enti del sistema delle Camere di commercio; 3) altri Enti pubblici; 4) altri Enti privati. La distribuzione sul numero delle iniziative mostra un incremento dei corsi organizzati da Enti del sistema delle Camere di commercio (47%), che restano comunque la maggioranza. Stabile rispetto allo scorso anno la partecipazione a corsi organizzati da Enti privati (33,3%), mentre gli altri Enti pubblici confermano ulteriormente il trend negativo dello scorso anno, attestandosi al 9,7% (lo scorso anno avevano il 14,2%). Infine, le Camere di commercio che organizzano corsi per il proprio personale sono il 10% del totale. FORMAZIONE REALIZZATA DALL ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE L Istituto Guglielmo Tagliacarne, nel corso del 2004, ha erogato complessivamente 173 iniziative per un totale di 363 giornate, fruite da partecipanti. L offerta di formazione, assistenza e consulenza realizzata dall Istituto Guglielmo Tagliacarne per il sistema camerale si è sviluppata secondo i tradizionali due filoni: il programma di formazione continua per il sistema camerale; la formazione su commessa e decentrata. Entrambi i filoni hanno fatto registrare, quali aree prevalenti, quella giuridico-normativa che è stata scelta dal 48,9% dei partecipanti totali, economico-finanziaria (21,2%) e tecnico-specialistica (16,8%) IL PROGRAMMA DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL SISTEMA CAMERALE Il Programma di formazione continua camerale, prodotto storico, che ha connotato l Istituto fin dalla sua fondazione rappresenta uno dei vettori di crescita delle professionalità del sistema camerale. 231

8 PARTE I - CAPITOLO 5 LA FORMAZIONE NELLE CAMERE DI COMMERCIO La sfida che ogni anno si rinnova è quella di garantire un offerta quantitativamente consistente, agile nella fruizione e puntuale nei contenuti, che sia anche veicolo di cultura camerale, luogo di aggregazione di specificità professionali, sede di confronto e scambio sui metodi e gli approcci al lavoro. L edizione 2004 del Programma si è caratterizzata per una articolazione dei contenuti modificata, che ha privilegiato la linearità delle funzioni: una scelta di semplificazione che punta anche sulla riconoscibilità dell offerta in relazione alle attività realizzate nelle Camere di commercio. Il Programma persegue due fondamentali ed integrate finalità di accrescimento: 1) delle competenze professionali correlate agli aspetti funzionali e di servizio; 2) delle competenze professionali correlate agli aspetti organizzativo-processuali (organizzazione, qualità del servizio, progettazione, cultura manageriale) e di contesto esterno (evoluzione e cambiamento della PA) ed interno (ruolo del sistema camerale). Il Programma 2004 è stato dunque strutturato in iniziative seminariali, distribuite in 8 sezioni tematiche, e progetti speciali, in tutto 5. I contenuti caratterizzanti le 8 sezioni sono sinteticamente descritti di seguito: 1) sezione Affari Generali. Incentrata sullo sviluppo di abilità a supporto dell efficacia ed efficienza della macchina organizzativa camerale; 2) sezione Amministrazione e Contabilità. Centro nevralgico della programmazione e gestione economico-finanziaria, ha sviluppato un articolato programma che va dagli aspetti contabili in senso stretto a quelli fiscali, a quelli del provveditorato e delle fonti di finanziamento camerale; 3) sezione Anagrafe e Certificazioni. Per questa funzione interessata da significative innovazioni tecnologiche e procedurali, il Programma ha proposto numerosi incontri sull ampio tema del Registro delle imprese, e approfondimenti in tema di albi, ruoli e certificazione; 4) sezione Biblioteca. Il tema della gestione del protocollo informatizzato e delle sue ricadute sull attività della Camera è stato il focus dell offerta formativa per questa funzione; 5) sezione Promozione. Le azioni a supporto dello sviluppo locale sono state il tema portante delle iniziative caratterizzanti questa sezione; 6) sezione Regolazione del Mercato. In questa ampia categoria si sono proposti: seminari inerenti alle attività ispettive e di vigilanza su alcune categorie di prodotti e sulle tariffe idriche; un percorso sull analisi delle funzioni proprie della Camera in tema di regolazione del mercato (ivi compresa la conciliazione e l arbitrato); iniziative in tema di brevetti e marchi con un percorso sulla tutela della proprietà industriale; incontri a carattere fortemente specialistico in tema di metrologia legale; 7) sezione Studi e Statistica. Punti focali della sezione sono stati: lo studio del territorio (dai metodi di aggregazione all analisi con strumenti GIS, Geographic Information System) ed il trattamento ed utilizzo del dato (dalla costruzione di data warehouse all utilizzo di supporto alle decisioni, dal dato amministrativo al dato statistico). Un percorso base di statistica completerà l offerta formativa di questa sezione; 8) sezione Personale. Caratterizzata da due temi chiave: i processi ed i Piani di forma- 232

9 zione e la gestione delle risorse umane e del personale (con particolare rilievo agli aspetti della valutazione). Entrambi i temi saranno approfonditi in articolati percorsi formativi modulari. Alla categoria interfunzionale (che si distingue per la sua connotazione trasversale ed interdisciplinare) sono invece stati affidati alcuni dei temi chiave della Pubblica Amministrazione, sia centrale che locale: la semplificazione ed il decentramento amministrativo, la comunicazione istituzionale ed il rapporto con il cittadino-utente, la promozione dei territori mediante il ricorso a logiche e metodiche di marketing. Come ogni anno, infine, il Programma ha previsto, a complemento delle iniziative seminariali, anche una serie di progetti speciali (in tema di metrologia legale, diritto di accesso, agroalimentare, project management). LA FORMAZIONE SU COMMESSA E DECENTRATA Tradizionalmente l Istituto Guglielmo Tagliacarne, al fine di assecondare e agevolare il processo di valorizzazione delle risorse umane del sistema camerale, opera anche secondo una logica di prossimità attraverso la realizzazione di iniziative decentrate nel rispetto delle specifiche esigenze degli Enti camerali. L Istituto agisce in tutti gli stadi del processo: dall analisi dei fabbisogni alla progettazione mirata, dall erogazione alla valutazione dei corsi fino alla rilevazione del risultato operativo dei partecipanti. Nel corso del 2004 sono state realizzate 45 iniziative con una forte polarizzazione nelle aree che meglio rappresentano lo specifico camerale, cioè quelle giuridico-normativa generale e tecnico-specialistica. Queste aree, e segnatamente la giuridico-normativa generale, ricomprendono funzioni cardine quali anagrafe e certificazioni. Le giornate totali erogate sono state 164, i partecipanti 958. I corsi sono stati organizzati in risposta ad esigenze di specializzazione e aggiornamento espresse sia da singole Camere di commercio che da Unioni regionali. Le iniziative di specializzazione hanno riguardato la realizzazione di percorsi formativi incentrati sullo sviluppo di un area tematica specifica e/o finalizzati al conseguimento di un abilitazione. In quest area, in particolare, si segnalano: un progetto di formazione e assistenza sul tema della valutazione che, a partire dalla illustrazione delle finalità di un processo di valutazione ha sia elaborato un modello organico e dedicato per la valutazione (costruito cioè sulle specifiche esigenze del singolo Ente), sia evidenziato i possibili collegamenti con i diversi sistemi incentivanti; un corso di formazione per l abilitazione alle qualifiche di Ispettore Metrico e Assistente al Servizio. Il percorso formativo, strutturato in 9 unità modulari, per un totale di 41 giornate d aula, 3 giornate di esame e una settimana di formazione a distanza, aveva un duplice obiettivo: abilitare il personale delle Camere alle qualifiche di Ispettore Metrico (se di profilo D) ed Assistente al Servizio (se di profilo C) come sancito dal Dlgs 112 /98 che ha attribuito le funzioni degli UPM alle Camere di com- 233

10 PARTE I - CAPITOLO 5 LA FORMAZIONE NELLE CAMERE DI COMMERCIO mercio; fornire sia gli elementi teorici fondamentali che i contenuti tecnico-specialistici propri del ruolo, al fine di favorire un rapido ed efficace inserimento negli uffici metrici camerali delle nuove professionalità in organico; un corso specialistico sul campo indirizzato al personale degli uffici metrici. Organizzato in moduli, il progetto ha realizzato un esperienza formativa basata sulla pratica operativa, attraverso il modello didattico del learning on the job: ovvero una formazione fruita nel reale contesto lavorativo ed acquisita in chiave pratica, per accrescere le capacità organizzative ed operative degli uffici metrici, e implementare il bagaglio culturale, sia teorico sia pratico, che deve essere proprio di questa complessa figura professionale chiamata ad una molteplicità di obblighi formali, procedurali e tecnici, nella tutela del consumatore; 4 progetti di formazione-intervento sul tema dell innovazione, finalizzati a creare le condizioni strategiche ed operative per l attivazione di altrettanti sportelli-innovazione con compiti di informazione, assistenza di primo livello ed animazione verso il sistema imprenditoriale; 2 articolati Piani formativi, per altrettante Unioni regionali (ed indirizzati quindi ad un ampio gruppo di Camere di commercio), che hanno realizzato iniziative riconducibili alle aree giuridico-normativa generale, economico-finanziaria e organizzazione e personale; un percorso formativo per operatori e responsabili del protocollo informatico realizzato dall Istituto Guglielmo Tagliacarne su impulso di Unioncamere e con l apporto scientifico-didattico del CNIPA e di Infocamere; un percorso formativo sul tema delle dinamiche evolutive della PA le cui logiche di progettazione degli incontri tematici di approfondimento sono state finalizzate alla costruzione di un percorso di riflessione sul tema del cambiamento della PA e del ruolo della Camera di commercio in questo vasto processo in atto. Il percorso si è incentrato sugli strumenti e le potenzialità che l Ente possiede (e che può potenziare e/o attivare), per far fronte alle nuove funzioni richieste, anche in riferimento alla negoziazione con altri Enti impegnati in azioni di sviluppo del territorio; 2 percorsi di accoglienza e formazione per neo assunti nel sistema camerale per: illustrare i fondamenti normativi e giuridici dell azione camerale; socializzare con le logiche di servizio e le azioni poste in essere dal sistema camerale come soggetto istituzionali promotore dello sviluppo economico; condividere i tratti distintivi della cultura dell Ente e del sistema camerale in genere. Le iniziative di aggiornamento si sono sostanziate nella realizzazione di cicli seminariali monotematici di differente durata. Fra i temi trattati con maggiore frequenza e di maggiore impatto sull operato degli Enti camerali, citiamo: la riforma del diritto societario; gli adempimenti inerenti alla stesura del Documento programmatico sulla sicurezza; la regolazione del diritto di accesso e la tutela della privacy; le forme di lavoro flessibili ed il lavoro a progetto; gli sportelli Polaris, sull alternanza scuola-lavoro; l azione amministrativa: dalle tecniche di stesura di delibere e verbali alle sanzioni amministrative; interventi sul tema della giustizia alternativa, con particolare riferimento alla conciliazione. 234

11 L anno 2004, infine, ha visto l avvio di una importante esperienza rivolta alla dirigenza ed alle alte professionalità del sistema camerale: il progetto CAMPUS. Il progetto CAMPUS - patrocinato dal Unioncamere nazionale - trae origine dall esigenza di far discendere le azioni a sostegno delle professionalità camerali dall insieme degli orientamenti e delle priorità strategiche del sistema delle Camere di commercio. La struttura di offerta di CAMPUS è articolata in: un percorso tematico per l acquisizione ed il potenziamento di competenze legate agli ambiti gestionali ed alle aree istituzionali di intervento dell Ente; laboratori, per affinare la dimensione del comportamento organizzativo/manageriale; forum e visite, per promuovere una conoscenza applicativa di fenomeni gestionali di rilievo ed interesse e favorire una maggiore apertura e scambio verso esperienze portate avanti nel mondo pubblico. FORMAZIONE E CAMBIAMENTO In uno scenario segnato da profondi cambiamenti, la Pubblica Amministrazione ha intrapreso un processo di radicale trasformazione che agisce e produce i suoi effetti sui versanti del rapporto con i cittadini e con le imprese, dei servizi offerti e delle modalità di erogazione di tali servizi oltre che sugli assetti organizzativo-gestionali interni. In tale scenario il sistema camerale affronta su molteplici fronti la sfida dell innovazione e del cambiamento. Nella tabella che segue vengono riportate le quote percentuali di Camere di commercio che hanno realizzato attività ad impatto innovativo nel 2004 o che ritengono di realizzarle nel Il dato che emerge è il forte impegno delle Camere di commercio nel 2004 sul tema della reingegnerizzazione dei processi di ufficio che raggiunge una percentuale ben al di sopra di tutte le altre (79,5% nel 2004 e 63,6% nelle previsioni 2005). Tabella 5 - QUOTA DI CAMERE CHE HANNO REALIZZATO INIZIATIVE FORMATIVE DI PARTICOLARE IMPATTO DI INNOVAZIONE NEL 2004 E PREVEDONO DI FARLO NEL Accesso e gestione dei fondi comunitari 25,0 29,5 E-Procurement 9,1 15,9 Reingegnerizzazione dei processi di ufficio (Intranet, lan, gestione informatizzata o automatizzata dei flussi di lavoro, firma digitale, protocollo informatico) 79,5 63,6 Rilevamento qualità e customer satisfaction 38,6 38,6 Servizi ai cittadini e alle imprese, sportello unico, servizi transattivi sul web 45,5 47,7 Controllo di gestione 43,2 56,8 Comunicazione pubblica e call center 43,2 29,5 Valutazione progetti analisi costi e benefici 15,9 20,5 Valutazione delle prestazioni e delle posizioni organizzative 31,8 27,3 235

12 PARTE I - CAPITOLO 5 LA FORMAZIONE NELLE CAMERE DI COMMERCIO Non si esaurisce dunque l impegno già espresso su tali temi, nei fatti e nelle previsioni, lo scorso anno. Si segnala, poi, un gruppo abbastanza omogeneo di attività che afferiscono, da una parte, all azione di servizio e relazione con l utenza (si fa qui riferimento ai servizi ai cittadini ed alle imprese, 45,5% nel 2005 e 47,7% nel 2005) ed dall altra alla comunicazione pubblica e call center (43,2% nel 2004, 29,5% nel 2005) Per il controllo di gestione, secondo solo alla reingegnerizzazione, si registra un forte impatto nel 2004 (43,2%) e una altrettanto rilevante presenza previsionale nel 2005 (56,8%). Resta dunque sempre valido l impegno degli Enti camerali nella implementazione di processi di programmazione che assicurino il raggiungimento, in maniera razionale e consapevole, dei risultati di servizio; ovvero di tradurre gli indirizzi, le idee e le linee strategiche in azioni operative, in progetti e programmi collegati ad un sistema di responsabilizzazione operativa dei dirigenti e dei quadri, al fine di ottimizzare l impiego delle risorse ed evitare la frammentazione degli interventi e delle risorse medesime. Qualità e customer satisfaction sono attestati al 38,6%, sia nell attuato che nel previsto, a segnalare una consuetudine di ascolto attivo delle Camere nei confronti dei propri utenti. Sul versante del cliente interno, cresce l impegno formativo sui temi della valutazione delle prestazioni (31,8%). Sul versante della innovazione degli strumenti di lavoro, per l e-procurement, che nel corso del 2004 ha raggiunto una quota del 9,1%, si prevede una crescita nel Confermata l attenzione verso i fondi comunitari che hanno una quota del 25% con una previsione di incremento. 236

13 5.4 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE E LE METODOLOGIE FORMATIVE L analisi dei dati relativi alle modalità di erogazione delle iniziative fruite dal personale delle Camere di commercio evidenzia, come sempre, la prevalenza della realizzazione di corsi in aula (si tratta del 91,5%). Tale modalità permette diversi livelli di interazione fra il docente e il discente. La lezione teorica può, infatti, essere affiancata da diverse tecniche di apprendimento attive (lavori di gruppo, esercitazioni, simulazioni operative). Piuttosto rare sono le iniziative erogate esclusivamente in videoconferenza, anche se questa modalità viene fruita da un sempre crescente numero di partecipanti ad attività formative realizzate dall Istituto Guglielmo Tagliacarne. Nel corso del 2004, il 69,5% (nel 2003 era il 43%) delle attività svolte presso l Istituto Guglielmo Tagliacarne sono state, infatti, fruite in videoconferenza da circa il 13,3% dei partecipanti. Dal 2001 al 2004 il numero dei partecipanti collegati in videoconferenza con l Istituto Guglielmo Tagliacarne è quadruplicato. Pur nel quasi esclusivo ricorso all aula quale modalità prevalente, va sottolineata la presenza in ragione del 2,2% di forme di autoistruzione e learning on the job e del 5,3% del ricorso al laboratorio informatico. 237

la formazione 2010 nelle camere Di commercio parte i - capitolo 5

la formazione 2010 nelle camere Di commercio parte i - capitolo 5 la formazione 2010 nelle camere Di commercio parte i - capitolo 5 5. 1 l u n i V e r s o D i r i f e r i m e n T o Il presente studio è stato condotto prendendo come universo di riferimento le 105 Camere

Dettagli

L UNIVERSO DI RIFERIMENTO

L UNIVERSO DI RIFERIMENTO LA FORMAZIONE 2011 NELLE CAMERE DI COMMERCIO L UNIVERSO DI RIFERIMENTO L universo di riferimento è rappresentato da una rete di strutture che si sviluppa attorno a 105 nodi provinciali, organizzati e integrati

Dettagli

UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR

UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR PARTE II - CAPITOLO 4 UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR Attraverso il questionario di rilevazione, l ASFOR Associazione

Dettagli

5.4 UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR

5.4 UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR IL MERCATO DELLA FORMAZIONE CAPITOLO 5 5.4 UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR Tra i molti e qualificati fornitori di attività formative per le PA un ruolo di rilievo spetta anche

Dettagli

XV Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione Note per la compilazione del questionario di rilevazione

XV Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione Note per la compilazione del questionario di rilevazione XV Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione del questionario di rilevazione Sezione 1 - Dati sintetici sul personale e le attività di formazione 1.1 Compilazione della domanda Q1: Personale

Dettagli

7. ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE

7. ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE SCHEDE ALLEGATO III 7. ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE L Istituto Guglielmo Tagliacarne nasce come agenzia dell Unioncamere nel 1986 per svolgere attività di ricerca statistica, analisi economica e formazione.

Dettagli

LA STRUTTURA DEL CORSO

LA STRUTTURA DEL CORSO CORSO PER VALUTATORI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ RIVOLTO AL PERSONALE DEGLI UFFICI METRICI E L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI MAGGIO - SETTEMBRE 2011 1 PREMESSA Il sistema Qualità Italia è l

Dettagli

PREMESSA UNI CEI EN ISO/IEC 17020 e UNI CEI EN ISO/IEC 17025, l Istituto Guglielmo Tagliacarne Roma marzo e aprile 2014 UNI EN ISO 9001:2008

PREMESSA UNI CEI EN ISO/IEC 17020 e UNI CEI EN ISO/IEC 17025,  l Istituto Guglielmo Tagliacarne Roma marzo e aprile 2014 UNI EN ISO 9001:2008 CORSO PER VALUTATORI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ RIVOLTO AL PERSONALE DEGLI UFFICI METRICI E L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI ROMA, MARZO APRILE 2014 1 PREMESSA I recenti decreti ministeriali

Dettagli

4.1 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE

4.1 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE LE MODALITÀ DI EROGAZIONE E LE METODOLOGIE FORMATIVE CAPITOLO 4 4.1 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE Il questionario utilizzato per la rilevazione delle attività formative svolte nel 2002 ha proposto una nuova

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

XVI^ Corso di formazione per l abilitazione alle qualifiche di Ispettore Metrico ed Assistente al Servizio

XVI^ Corso di formazione per l abilitazione alle qualifiche di Ispettore Metrico ed Assistente al Servizio XVI^ Corso di formazione per l abilitazione alle qualifiche di Ispettore Metrico ed Assistente al Servizio 14 dicembre 2011 21 settembre 2012 1 PREMESSA Su mandato di Unioncamere, e attraverso l emanazione

Dettagli

Progetto S.VI.M. Sicurezza, VIgilanza, Mercato - Nuova programmazione

Progetto S.VI.M. Sicurezza, VIgilanza, Mercato - Nuova programmazione Progetto S.VI.M. Sicurezza, VIgilanza, Mercato - Nuova programmazione L iniziativa prevede la realizzazione di attività proposte per entrambi i settori Sicurezza dei prodotti e Metrologia legale - che

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

La formazione del personale nel sistema universitario

La formazione del personale nel sistema universitario La formazione del personale nel sistema universitario Premessa Il sistema universitario italiano è interessato, ormai da alcuni anni, da profondi cambiamenti che riguardano in particolare la tipologia

Dettagli

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI I DIVERSI CONTRIBUTI I dati per questo 9 Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione sono stati raccolti dall Osservatorio sui bisogni formativi nella PA istituito presso la SSPA, con il Gruppo

Dettagli

Executive Master in Public Management

Executive Master in Public Management 672$ 6FSD,VWLWXWRGL6WXGLSHUOD'LUH]LRQHHHVWLRQHG LPSUHVD Villa Campolieto, Corso Resina,283 80056 Ercolano(NAPOLI, Italia Centralino 081.7882111 - fax. 081.7882244-081.7772688 Coordinamento EMPM - tel.

Dettagli

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S.

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. 2003-2004------------------------------------------ VISTO

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

7. SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LOCALE

7. SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LOCALE SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA ALLEGATO I 7. SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LOCALE La legge 127/97 ha istituito unitamente l Agenzia per la Gestione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

La riforma degli Istituti Tecnici

La riforma degli Istituti Tecnici La riforma degli Istituti Tecnici Nel nostro Paese si è legati ancora ad un modello culturale che tende spesso a contrapporre il sapere al saper fare, la conoscenza teorica alle competenze tecniche e pratiche,

Dettagli

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA 16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA Obiettivi della presentazione Illustrare i principali risultati

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NELLA CAMERA DI COMMERCIO A 10 ANNI DALLA LEGGE N.150/2000: NUOVE COMPETENZE E MODELLI ORGANIZZATIVI

LA COMUNICAZIONE NELLA CAMERA DI COMMERCIO A 10 ANNI DALLA LEGGE N.150/2000: NUOVE COMPETENZE E MODELLI ORGANIZZATIVI LA COMUNICAZIONE NELLA CAMERA DI COMMERCIO A 10 ANNI DALLA LEGGE N.150/2000: NUOVE COMPETENZE E MODELLI ORGANIZZATIVI MAGGIO GIUGNO 2010 PREMESSA La Legge n. 150 del 2000 ( Disciplina delle attività di

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

CAPITOLO 7 L ESPERIENZA DELLE REGIONI

CAPITOLO 7 L ESPERIENZA DELLE REGIONI CAPITOLO 7 L ESPERIENZA DELLE REGIONI L ESPERIENZA DELLE REGIONI CAPITOLO 7 7.1 LA FORMAZIONE NELLE REGIONI Nell ultimo decennio si sono susseguiti una pluralità di provvedimenti finalizzati al miglioramento

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI I DIVERSI CONTRIBUTI I dati per questo 11 Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione sono stati raccolti dall Osservatorio sui bisogni formativi nella PA istituito presso la SSPA, con il

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

1.1 ATTIVITÀ, PARTECIPAZIONE, INVESTIMENTO, ORGANIZZAZIONE

1.1 ATTIVITÀ, PARTECIPAZIONE, INVESTIMENTO, ORGANIZZAZIONE LA FORMAZIONE NELLA PA NEL 2003 PARTE I - CAPITOLO 1 1.1 ATTIVITÀ, PARTECIPAZIONE, INVESTIMENTO, ORGANIZZAZIONE L UNIVERSO DI RIFERIMENTO L indagine svolta per la realizzazione di questo 7 Rapporto ha

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 Mission Il progetto fin dal 2001 si è posto un duplice obiettivo: offrire alle P.A. - in particolare alle amministrazioni locali

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA

STRUTTURA ORGANIZZATIVA STRUTTURA ORGANIZZATIVA ORGANIGRAMMA SEGRETARIO GENERALE F.F. (Cristina D Ercole) Segreteria e affari generali (ad interim Segretario Generale) Personale e controllo di gestione (ad interim Segretario

Dettagli

Corso Universitario di Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DI ACCESSO, GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI FONDI COMUNITARI EUROPEI (CUAP FCE)

Corso Universitario di Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DI ACCESSO, GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI FONDI COMUNITARI EUROPEI (CUAP FCE) Titolo del Corso Corso Universitario di Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DI ACCESSO, GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI FONDI COMUNITARI EUROPEI (CUAP FCE) Soggetti proponenti UNIVERSITÀ MAGNA GRÆCIA

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S)

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

COMMUNICATION MIX MANAGEMENT:

COMMUNICATION MIX MANAGEMENT: PERCORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER IL PERSONALE CAMERALE COMMUNICATION MIX MANAGEMENT: SCEGLIERE E GESTIRE IN MODO INTEGRATO TUTTI GLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE DELLA CAMERA APRILE GIUGNO 2011

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA ENERGY MANAGER

ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA ENERGY MANAGER ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA IL PRESENTE SCHEMA È STATO REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME: UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 REQUISITI GENERALI PER ORGANISMI CHE ESEGUONO LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE UNI

Dettagli

Security Manager. Professionista della Security Aziendale

Security Manager. Professionista della Security Aziendale OBIETTIVI e finalità Il programma del corso è progettato per soddisfare le attuali esigenze del mercato e le più recenti normative che richiedono nuove generazioni di manager e professionisti della Security

Dettagli

LA CAMERA E IL WEB: PROGETTO DI FORMAZIONE E ASSISTENZA PER ADDETTI ALLA COMUNICAZIONE ON-LINE CAMERALE

LA CAMERA E IL WEB: PROGETTO DI FORMAZIONE E ASSISTENZA PER ADDETTI ALLA COMUNICAZIONE ON-LINE CAMERALE CORSO AVANZATO LA CAMERA E IL WEB: PROGETTO DI FORMAZIONE E ASSISTENZA PER ADDETTI ALLA COMUNICAZIONE ON-LINE CAMERALE settembre - novembre 2010 PREMESSA Molte Camere hanno ormai maturato, anche se con

Dettagli

Camera di Commercio di Pavia

Camera di Commercio di Pavia PIANO DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE ANNO 2013 Si richiama preliminarmente quanto evidenziato nella Relazione Previsionale e Programmatica 2013 approvata dal Consiglio camerale con deliberazione n. 10

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa.

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. Motivazione dell idea progettuale. Gli studenti degli Istituti

Dettagli

"In Testa ai miei pensieri"

In Testa ai miei pensieri "In Testa ai miei pensieri" Documento tecnico e proposte operative per l adolescenza a Bologna documento cittadino Premessa Il presente documento è il frutto del confronto che si è avviato all interno

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Aggiornato il 10 novembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Che cosa deve

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 PRESENTAZIONE INIZIATIVA DI FORMAZIONE TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO FA1-AA-PRE-TRASPARENZA-SCUOLE-1.0 VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/23-10-2013

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

Valore P.A. Accreditamento di Corsi di Formazione 2015

Valore P.A. Accreditamento di Corsi di Formazione 2015 Valore P.A. Accreditamento di Corsi di Formazione 2015 TEMA DEL CORSO Contabilità e fiscalità pubblica TITOLO DEL CORSO Bilancio pubblico, finanza e fiscalità CONTENUTI DEL CORSO Il corso intende fornire

Dettagli

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 L Alternanza Scuola-Lavoro è stata introdotta In Italia come una delle modalità di realizzazione dei percorsi

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

la formazione nelle amministrazioni centrali parte i - capitolo 2

la formazione nelle amministrazioni centrali parte i - capitolo 2 p a r t e i - c a p i t o l o 2 l a f o r m a z i o n e n e l l e a m m i n i s t r a z i o n i c e n t r a l i la formazione nelle amministrazioni centrali parte i - capitolo 2 2. 1 l u n i v e r s o

Dettagli

Formazione e Sviluppo

Formazione e Sviluppo Lo Scenario Equitalia è la società a totale controllo pubblico (51% Agenzia delle entrate e 49% Inps), nata il 1 ottobre del 2006 e incaricata dell esercizio dell attività di riscossione di tributi, contributi

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA 2016 PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA LA FORMAZIONE...Una formazione che accolga la persona nella sua unicità ed unitarietà, formazione di uomini e donne solidali, una

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza Settore Tutela dei Consumatori e degli Utenti Politiche di Genere e di Promozione delle Pari Opportunità INIZIATIVE REGIONALI

Dettagli

SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATI SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SCUOLA SUPERIORE DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE La Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze (SSEF) è la Scuola nazionale per la formazione del personale

Dettagli

IMPRENDITORE SOCIALE

IMPRENDITORE SOCIALE AVVISO PUBBLICO SFIDE STRUMENTI FORMATIVI PER INNOVARE, DECOLLARE, EMERGERE, INSERITO NEL POR SARDEGNA FSE 2007-2013 LINEA D INTERVENTO C.2.2 IMPRENDITORE SOCIALE PROGETTO N 1 ANALISI DEL CONTESTO E PIANIFICAZIONE

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE 1 INDICE

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE _ INDIRIZZO: ALBERGHIERO PROGRAMMAZIONE MODULARE CLASSE:_ V ACCOGLIENZA. Moduli Titolo del modulo Ore

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE _ INDIRIZZO: ALBERGHIERO PROGRAMMAZIONE MODULARE CLASSE:_ V ACCOGLIENZA. Moduli Titolo del modulo Ore Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Programmazione annuale A.S. 2014/2015 Mod. 7.1.A

Dettagli

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 La nostra scuola è dotata di Dipartimenti Disciplinari intesi come articolazioni funzionali del Collegio dei Docenti per il sostegno alla didattica e alla progettazione

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA, 335 00162 Roma Tel: + 39

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

3. Collegio dei docenti L elenco dei docenti, interni ed esterni, con relative qualifiche e competenze, è riportato in allegato 1.

3. Collegio dei docenti L elenco dei docenti, interni ed esterni, con relative qualifiche e competenze, è riportato in allegato 1. Università degli Studi G. D annunzio di Chieti - Pescara Master di primo livello in Building Manager - progettazione e gestione della manutenzione e della sicurezza. 1. Motivazioni In Italia si e' assistito

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente ALLEGATO 1 COMUNE DI ASTI Settore Risorse Umane e Sistemi Informativi SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente 1 I N D I C E OGGETTO E FINALITA' pag. 3 LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

UN ESPERIENZA DI QUALITÀ A GENOVA: UNA SCUOLA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

UN ESPERIENZA DI QUALITÀ A GENOVA: UNA SCUOLA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE UN ESPERIENZA DI QUALITÀ A GENOVA: UNA SCUOLA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Intervento al convegno Standard di qualità nella formazione per le pubbliche amministrazioni Forum PA Roma, 8 maggio 2003 Paolo

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE Allegato. PROCEDURE DI VALUTAZIONE Procedura di valutazione della performance individuale del DG Data inizio validità: gennaio 0 Data fine validità: n.d. SOMMARIO Soggetti coinvolti... Procedura di valutazione....

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

REPORT SUI RISULTATI DEI PERCORSI FORMATIVI

REPORT SUI RISULTATI DEI PERCORSI FORMATIVI REPORT SUI RISULTATI DEI PERCORSI FORMATIVI Sommario. I percorsi formativi di Impresa creativa: missione possibile.... Formazione e consulenza ad hoc per giovani creativi.... Rimini.... Cesena.... Faenza....

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli