Il diritto di Internet 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il diritto di Internet 1"

Transcript

1 Informatica giuridica. Gli operatori del commercio elettronico Ingresso nell E-business Per operare in rete occorre rispettare quanto segue: a) le condizioni e i presupposti di legittimazione soggettiva all attività; b) le regole che concernono lo svolgimento dell attività medesima, da parte del soggetto legittimato; c) la disciplina giuridica relativa al prodotto o al servizio. 1 Alessandra Villecco Avv. Alessandra Villecco 2 2 Esempi (1) 1) Chi svolge in rete l attività di agente deve rispettare gli obblighi imposti dalla l , n. 204 (disciplina dell attività di agente e rappresentante). - iscrizione obbligatoria in un Ruolo pubblico tenuto presso la Camera di Commercio territorialmente competente; - regime di incompatibilità dell attività di mediatore con altre professioni; Esempi (2) 2) Chi svolge l attività di mediatore deve rispettare gli obblighi imposti dalla l , n. 39 (disciplina della professione di mediatore). - iscrizione obbligatoria in un Ruolo pubblico tenuto presso la Camera di Commercio territorialmente competente Esempi (3) Gli esercenti il commercio all ingrosso, al minuto e l attività di somministrazione al pubblico di alimenti o bevande, devono iscriversi nel registro corrispondente alle suddette attività commerciali e tenuto presso ciascuna camera di commercio. Qualità di imprenditore Il codice civile definisce imprenditore colui che esercita professionalmente una attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi (art c.c.); Piccolo imprenditore è colui che, ai sensi del codice civile, svolge un attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia Il diritto di Internet 1

2 Iscrizione nel registro d impresa Imprenditore commerciale Sono soggetti all obbligo di iscrizione nel registro delle imprese gli imprenditori commerciali e le società, ancorché non esercenti un attività commerciale. Il piccolo imprenditore non è soggetto all iscrizione nel registro delle imprese. E considerato dalla legge (art c.c ) imprenditore commerciale colui che esercita le seguenti attività: 1) industriale diretta alla produzione di beni o di servizi; 2) intermediaria nella circolazione dei beni; 3) di trasporto per terra, per acqua o per aria; 4) bancaria o assicurativa; 5) altre attività ausiliarie delle precedenti La società dell informazione Information society service provider (1) La direttiva sul commercio elettronico 2000/31/CE dell si prefigge lo scopo di liberalizzare l accesso degli operatori all e-commerce. Nel capo II dedicato ai Principi, viene solennemente affermato il principio generale per cui non può essere pretesa dagli Stati nessuna specifica autorizzazione per l esercizio di attività di information society service provider - Direttiva 2000/31/CE Art. 4 (Principio dell assenza di autorizzazione preventiva). Gli stati membri garantiscono che l accesso all attività di un prestatore di un servizio della società dell informazione ed il suo esercizio non siano soggetti ad autorizzazione preventiva o ad altri requisiti di effetto equivalente. Il paragrafo 1 fa salvi i sistemi di autorizzazione che non riguardano specificamente ed esclusivamente i servizi della società dell informazione, o i sistemi di cui alla direttiva 97/13/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 10 aprile 1997, relativa ad una disciplina comune in materia di autorizzazioni generali e di licenze individuali nel settore dei servizi delle telecomunicazioni Information society service provider (2) Direttiva 2000/31/CE Il principio di libertà è però controbilanciato dai seguenti prinicpi: 1) on behalf of the protection del consumatore; 2) di trasparenza (art. 5,1) Service provider Per l esercizio dell attività di service provider occorre fornire tutte le informazioni necessarie per contattarlo facilmente e per la sua identificazione. Qualora il service provider operi in un settore in cui sia specificamente prevista un iscrizione o una registrazione ad un corpo professionale, deve darne altresì indicazione Il diritto di Internet 2

3 Delibera 467/00/CONS dell'autorità per le garanzie nelle comunicazioni Premesse della delibera 467/00/CONS Vengono stabilite le condizioni per le autorizzazioni generali, previste dall articolo 6 del DPR 318/97 in attuazione delle direttive comunitarie e in particolare della 97/13/CE. Risolve le ambiguità create dal D.Lgs. 103/95, soprattutto in relazione ai piccoli provider. Viene meno il doppio regime dichiarazione/autorizzazione. Tutti i fornitori di servizi di telecomunicazioni sono in regime di "autorizzazione generale", con l'eccezione dei servizi per i quali è necessaria la "licenza individuale" (telefonia vocale, installazione e fornitura di reti pubbliche di telecomunicazioni). la categoria generale dei servizi di telecomunicazioni si riferisce a numerose tipologie di servizi, quali la trasmissione dati a commutazione di pacchetto e di circuito - nella quale rientrano, ad esempio, i servizi Internet, offerti su reti fisse e mobili, e i servizi a valore aggiunto, che si avvalgono di collegamenti diretti della rete pubblica nonché la semplice rivendita di capacità e la telefonia vocale per gruppi chiusi di utenti Fornitura dei servizi a valore aggiunto Servizi di accesso a Internet (1) La fornitura di servizi a valore aggiunto - come l'accesso all'internet - non rientra tra i servizi a commutazione di pacchetto e di circuito. Ai sensi della normativa europea e nazionale il servizio di trasmissione di dati a commutazione di pacchetto o di circuito", è così definito: la fornitura al pubblico del trasporto diretto di dati in partenza e a destinazione dei punti terminali di una rete pubblica commutata, che consente ad ogni utente di utilizzare l apparecchiatura collegata al suo punto terminale di tale rete per comunicare con un altro punto terminale (art. 1, 1 comma D.P.R. 31/97). I servizi di accesso a Internet trasportano direttamente dati, perciò non possono rientrare nella suddetta definizione e i contratti prevedono anche altri servizi, come l' , nei quali addirittura manca il collegamento tra i due punti terminali della rete. Nella delibera manca infatti il riferimento a tali servizi di telecomunicazione, normativamente definiti come servizi la cui fornitura consiste, in tutto o in parte, nella trasmissione e nell instradamento di segnali su reti di telecomunicazioni, ivi compreso qualunque servizio interattivo anche se relativo a prodotti audiovisivi, esclusa la diffusione circolare dei programmi radiofonici e televisivi Servizi di accesso a Internet (2) Servizi di accesso a Internet (3) Ai sensi dell'art. 3, comma 2 della delibera dell'agcom possono essere avviati immediatamente dopo l'invio della dichiarazione solo i servizi ivi elencati : I soggetti che intendano offrire al pubblico i seguenti servizi di telecomunicazioni possono avviare il servizio contestualmente alla presentazione della dichiarazione, ai sensi dell art. 22, comma 1, lett. f) del regolamento: - trasmissione dati a commutazione di pacchetto e/o di circuito; - semplice rivendita di capacità; - telefonia vocale per gruppi chiusi di utenti; - servizi di comunicazione via satellite di tipo SNG; - servizi di comunicazione via satellite espletati tramite l utilizzo di terminali VSAT, SIT o SUT. Nell art. 3, 2 comma della delibera non sono però contemplati i "servizi di telecomunicazioni" indicati dalla lettera q) del DPR 318. La delibera di un'autorità indipendente non può modificare un atto avente forza di legge. Sul piano pratico, stante un'interpretazione letterale e sistematica della norma, ne consegue che il provider che avviasse il servizio subito dopo aver presentato la dichiarazione potrebbe subire le pesanti sanzioni pecuniarie, incluso il sequstro delle apparecchiature, previste per chi opera senza l'autorizzazione generale Il diritto di Internet 3

4 E-commerce E-commerce diretto (on-line) definito anche e- business oppure e-trade, quando per via telematica non solo si conclude o si esegue il contratto, incluso il pagamento, ma si pongono in essere anche tutte le attività di ricerca e di contatto fra le parti. E-commerce indiretto (off-line) è definito il commercio elettronico che in parte si realizza anche con l impiego di strumenti tradizionali (es.: successiva consegna materiale dei beni) Presenza in Internet Assegnazione di un indirizzo Internet: IP (Internet Protocol); Sistema c.d. FQDN (Fully Qualified Domain Name); Nomi di dominio Nomi di dominio I nomi di dominio hanno una struttura composta in vari livelli gerarchici necessari per indirizzare le varie informazioni nell ambito dei sistemi telematici di gestione (es.: TLDN (Top Level Domain Name) è la stringa più a destra che indica il Paese nel quale si trova l assegnatario dell indirizzo. Top Level Domain Name tematici o generici (1) Attualmente i TLDN impiegati sono prevalentemente i seguenti: -.com, che identifica i domini di imprese o aziende commerciali; -.net, che identifica i domini dei network di società, i provider ed altri gestori di connettività; -.org, che identifica i domini delle organizzazioni e associazioni non profit; -.edu per i domini delle università o degli istituti di ricerca in generale; Top Level Domain Name tematici o generici (2) -.gov, per gli enti e le organizzazioni governative statunitensi; -.int, che contraddistingue le organizzazioni e associazioni internazionali; -.mil, che identfica gli enti militari statunitensi. Country code TLDN E così definito il TLDN che identifica la Registration Authority che ha assegnato il nome di dominio, come, ad esempio,.it per il nostro Paese (www.icann.org.). In America la gestione dei domini è di competenza dell ICANN un organizzazione non profit costituita nel In Italia l assegnazione dei nomi di dominio è affidata alla Naming Authority, che stabilisce le procedure operative in base alle quali opera la Registration Authority che ha sede presso lo IAT del CNR di Pisa (www.nic.it/na) Il diritto di Internet 4

5 Le regole italiane di assegnazione dei nomi di dominio Procedura di assegnazione Registrazione dei DN (http://www.nic.it/ra/); Procedure tecniche di Registrazione e Regole di Naming per l assegnazione del DN (http://www.nic.it/na/regole-namingcurr.html): - first come first served; - unicità della registrazione; - i soggetti IVA possono registrare un numero illimitato di nomi di dominio; - le persone fisiche non esercenti attività economiche o commerciali e le associazioni possono registrare un solo nome di dominio. - Dal sito della RA si scaricano: a) il contratto, che deve essere redatto in duplice copia ed inviato per posta ordinaria alla RA; b) il modulo per ottenere un oggetto mantaneir; c) la RA conferma per posta elettronica la ricezione completa del documento inviato; d) la RA invierà poi per posta ordinaria le copie ricevute del contratto, con allegata la fattura dei relativi costi per l attivazione dei nomi di dominio; e) lettera di responsabilità. - Completata la procedura i nomi di dominio sono poi registrati nel data base della RA Modifica di DN assegnato Sospensione di un DN assegnato Modifica del DN può riguardare: a) modifica del DN stesso o dell assegnatario; b) modifica delle informazioni contenute nel modulo di registrazione; c) modifica del provider o del mantainer; La sospensione di un DN assegnato può dipendere: a) dalla richiesta dell interessato; b) per ordine dell autorità giudiziaria o di un collegio arbitrale. La riattivazione avviene nei seguenti modi: a) su richiesta dell interessato nel primo caso; b) su provvedimento dell autorità giudiziaria Revoca di un DN assegnato Le controversie sui DN Un DN assegnato è soggetto a revoca quando: a) vi sia rinuncia dell interessato; b) la revoca sia disposta d ufficio; c) per sentenza passata ingiudicato o a seguito di decisione arbitrale. Contestazione dell assegnatario: - la RA annota nel data base valore contestato/challenged value, con l annotazione in apposito file della contestazione. - entro 10 giorni dalla contestazione la RA comunica via e.mail la contestazione all assegnatario. - entro lo stesso termine la RA invita le parti a risolvere la controversia per via arbitrale Il diritto di Internet 5

6 Arbitrato Regole di Naming art. 15; Aribtrato irrituale; Clausola arbitrale contenuta nella lettera relativa all assunzione di responsabilità oppure con successivo atto scritto. La decisone arbitrale deve essere pronunciata nel termine di 90 giorni dal momento della costituzione del collegio arbitrale. La comunicazione dei documenti avviene tramite posta elettronica, salvo eccezioni. Procedura di riassegnazione (1) La procedura di riassegnazione costituisce un metodo di risoluzione delle controversie attivabile solo in relazione ad un DN contestato anche prima o dopo l instaurazione di un giudizio o di un procedimento arbitrale ed è stata predisposta per evitare i fenomeni c.d. di domain grabbing o cybersquatting. Regole di Naming, predisposte dagli enti conduttori,approvate dalla RA; Regole contenute nel documento Procedura di riassegnazione ; Procedura di riassegnazione (2) Procedura di riassegnazione (3) Per ottenere la riassegnazione del DN il ricorrente deve provare: a) il DN contestato è identico al proprio marchio o al proprio nome e cognome b) il DN contestato è tale da indurre confusione rispetto al proprio marchio o al proprio nome e cognome; c) l attuale assegnatario non abbia alcun diritto o titolo in relazione al DN contestato; d) il DN sia stato registrato e venga usato in mala fede. Il resistente avrà diritto a mantenere il DN quando provi che: a) prima di aver avuto notizia della contestazione ha usato o si è preparato oggettivamente ad usare il DN contestato per offerta al pubblico di beni e servizi; oppure b) che è conosciuto personalmente come associazione o ente commerciale con il DN contestato, anche se non ha registrato il relativo marchio; oppure c) che del DN contestato sta facendo un uso legittimo Domain grabbing e cybersquatting Con l espressione domain grabbing si intende l accaparramento di DN corrispondenti a marchi detenuti da terze parti a scopo di illecito concorrenziale. Per cybersquatting si intende l accaparramento di DN corrispondenti a marchi detenuti da terze parti a scopo di disturbo e con l intento di rivenderli a caro prezzo Tutela del Domain Name Fino ad oggi l orientamento giurisprudenziale non è stato univoco circa la natura e la rilevanza giuridica da attribuire al DN. Si sono alternate le seguenti impostazioni: a) Prevalenza all aspetto tecnico-informatico; b) equiparazione dei DN al marchio o all insegna con l applicabilità della legge sui marchi; c) assoggettabilità alla disciplina della concorrenza sleale e della contraffazione del marchio o di altro segno distintivo tipico, oppure la legge sul diritto di autore Il diritto di Internet 6

7 Disciplina applicabile Presupposti per agire A seconda della natura e rilevanza giuridica che viene riconosciuta al DN si potrà applicare una determinata disciplina: - la disciplina della concorrenza sleale e della contraffazione del marchio o di altro segno distintivo tipico, qualora il DN venga ritenuto equivalente la marchio o altro segno distintivo tipico; - oppure la legge sul diritto di autore qualora il marchio violato sia anche il titolo di una pubblicazione periodica; - la normativa sui diritti della personalità se il DN è equiparato al nome. Si tratta di un conflitto tra norme nell ambito del diritto industriale e devono ricorrere i seguenti presupposti: a) Qualità di imprenditore ex art c.c. in entrambi i contendenti; b) Stato di concorrenzialità tra due imprenditori. nell ambito di settori merceologicamente affini. c) La presenza di un marchio rinomato Qualità di imprenditore Il codice civile definisce imprenditore colui che esercita professionalmente una attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi (art c.c.); Piccolo imprenditore è colui che, ai sensi del codice civile, un attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia Marchio (1) L art del codice civile in riferimento al marchio dispone un diritto di esclusività sancendo che chi ha registrato nelle forme stabilite dalle legge un nuovo marchio idoneo a distinguere prodotti o servizi ha diritto di valersene in modo esclusivo per i prodotti e i servizi per i quali è stato registrato. In mancanza di registrazione si ha la tutela del marchio di fatto (preuso) Marchio (2) Oltre alle norme del codice civile il marchio è disciplinato dalla legge sui marchi (r.d e successive leggi) e da convenzioni internazionali. In base alla legge sui marchi al titolare spetta l uso esclusivo del marchio e il diritto di vietare a terzi di usare un segno identico o simile al marchio registrato anche per prodotti non affini, se il marchio gode di rinomanza e se l uso del segno senza giusto motivo consente di trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del marchio. Insegna L insegna contraddistingue il locale in cui l imprenditore svolge la sua attività e consiste in un espressione distintiva che non deve essere generica per essere tutelabile. E oggetto di diritto assoluto da parte dell imprenditore che viene in essere con l uso della stessa. Anche l insegna può creare confusione per l oggetto dell impresa (art c.c.) Il diritto di Internet 7

8 Concorrenza sleale Contraffazione del marchio o di altro segno distintivo Ai sensi dell art c.c., ferme le disposizioni che concernono la tutela dei segni distintivi e dei diritti di brevetto, compie atti di chi concorrenza sleale chiunque usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o i segni distintivi usati legittimamente da altri [ ] o compie con qualsiasi altro mezzo confusione con i prodotti e con l attività di un concorrente; Ricorre l illecito di contraffazione del marchio o di altro segno distintivo quando un marchio registrato o usato per contraddistinguere i prodotti o i servizi di un impresa venga utilizzato da altri come segno identico o simile, se a causa dell identità o della somiglianza fra i segni e dell identità o affinità fra i prodotti e i servizi, possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico circa la natura, qualità e provenienza dei prodotti o servizi (art. 1 e 11 l.m.) Rimedi Tutela del diritto al nome Il titolare del marchio registrato può chiedere l inibitoria del commercio o dell uso di ciò che costituisce contraffazione del marchio (questo deriva dalla combinazione delle norme di cui all art. 1 e 68 l.m.). La medesima tutela si estende anche ai prodotti non affini quando il marchio registrato gode di rinomanza e se l uso del segno senza giusto motivo consente di trarre un indebito vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del marchio. Ai sensi del codice civile ogni persona ha diritto al nome, comprensivo del nome e cognome e alla propria identità personale (caso Alessia Mertz). Il titolare del diritto al nome può ottenere tutela giudiziale per far cessare l uso che altri indebitamente facciano del proprio nome, salvo il risarcimento del danno. L autorità giudiziaria può ordinare che la sentenza sia pubblicata in uno o più giornali (art. 7 c.c.). Allo stesso modo può essere tutelato lo pseudonimo Meta tags e motori di ricerca I meta tags sono codici alfanumerici posti all interno delle istruzioni di programmazione HTML di un sito web, nei codici sorgente dei siti medesimi, contenenti parole chiave idonee a fornire informazioni sul contenuto delle pagine web. Essi sono ricercati ed immediatamente riconoscibili ai software dei motori di ricerca per selezionare e far risultare le pagine web, che hanno attinenza, per via delle parole chiave ivi contenute, con la ricerca richiesta. Meta tags funzionamento L etichetta meta racchiude le informazioni come segue: - <META NAME= keywords CONTENT= Della Computer, Custom, Configuration, PCs, Laptops, Portables, Computer, Notebook, Hardware, Build, Value, Technology, Servers, Dell, Online, Order > - META NAME= description CONTENT= Dell offers custom configuration of personal computers, portables, and servers. Build your own PC get the best value with latest technology order online. > Il diritto di Internet 8

9 Contraffazione del marchio e Meta tags Hyperlinking I meta tags, quali parole chiave, di una denominazione corrispondente ad un marchio registrato i cui diritti di privativa appartengano ad un terzo, costituisce un ipotesi di contraffazione di marchio, in quanto può determinarsi un rischio di confusione per il pubblico e di concorrenza sleale, poiché può sussistere un pregiudizio per il titolare del marchio e un indebito vantaggio per l utilizzatore non autorizzato del segno. Tramite il linguaggio HTML è possibile effettuare mediante collegamenti ipertestuali, il raggiungimento di un altra pagina web o di un altro sito. Se utilizzato in modo da far appropriare vantaggi economici derivanti dall accesso a determinate informazioni da parte del soggetto che ha stabilito il collegamento ipertestuale, e non invece da parte del titolare del contenuto del sito raggiunto, si possono profilare le seguenti ipotesi di violazione: 1) violazione dei diritti di proprietà intellettuale; 2) condotta di concorrenza sleale Framing L accesso alla rete dell impresa. Il Framing costituisce una variante dell hyperlinking, consistente nell inserimento in una pagina web il contenuto del sito richiamato mediante la tecnica del link. In questo caso si realizza tendenzialmente un comportamento di concorrenza sleale. Gli imprenditori possono utilizzare Internet in vario modo: 1) Il sito web come una vetrina; 2) imprese controllate dalla casa madre per la vendita su Internet; 3) creazione di un prodotto venduto esclusivamente su Internet (es. la moto della Ducati 998S Bayliss 4) coinvolgimento dei distributori nella vendita on line, per cui il sito viene inteso come centrale di ricezione/smistamento degli ordini la cui esecuzione viene demandata al punto vendita o all intermediario più vicino al consumatore La tipologia del prodotto L accesso a Internet mediante intermediari Commercializzazione di un prodotto consistente in un bene materiale occorrerà la presenza di un vettore per il trasferimento del prodotto (e-commerce off-line). Prodotti per i quali è possibile il trasferimento in rete (ecommerce on line) (es. la musica, un filmato). In questo caso si deve tener conto del bandwith, ovvero la larghezza di banda da cui dipende la velocità di trasferimento dei dati attraverso il sistema (accordi per l utilizzazione sulla base di una licenza predisposta dalla SIAE a partire dal 1999). Accesso ad un servizio finanziario; bancario, ecc... Col termine portale si intende l insieme dei servizi che sono resi disponibili nell ambito di un sito che offre connessione alla rete Internet. I servizi offerti possono essere di varia natura: 1) accesso alla rete; 2) motori di ricerca; 3) informazioni giornalistiche, meteorologiche, ecc..; 4) servizi di natura prettamente commerciale sotto forma di sottositi di commercio elettronico Il diritto di Internet 9

10 I portali I portali si distinguono in portali orizzontali o verticali a seconda delle tipologia dei servizi che offrono. Il portale è orizzontale se offre servizi di varia natura ed indirizzati a settori eterogenei. Il portale è verticale se offre servizi attinenti al medesimo ramo o settore commerciale. Gli intermediari Il gestore di un sito può configurarsi in vario modo: 1) il gestore del sito è anche provider che rende disponibile lo spazio virtuale solo dal punto di vista tecnico. 2) Il gestore del sito che non è provider, ma da questo ha acquisito solo la disponibilità del sito, ospita al suo interno degli operatori commerciali indipendenti Operatori esterni all impresa Merchant Provider è una figura a cui di frequente si affida l azienda fornitrice nell ambito del commercio elettronico off-line, col compito di reperire e gestire la clientela. Contratto di outsourcing mediante il quale le aziende affidano ad un terzo operatore specializzato, non solo più operazioni informatiche (installazione, gestione e manutenzione di ambienti operativi complessi), ma anche l utilizzo di fornitori come agenti di innovazione organizzativa e di business. Mall Col termine mall si fa riferimento al viale in cui vengono installati più siti vetrina. Gli operatori tecnici necessari all interno di un sito possono essere diversi: 1) gestore del sito che ospita il negozio virtuale del venditore; 2) gestore del negozio virtuale ; 3) gestore del magazzino; 4) gestore della logistica La creazione del sito (1) Nell ambito dell e-commerce l Internet Provider può assumere svariate figure professionali in relazione all attività commerciale elettronica: 1) semplice fornitore del supporto tecnologico per la costruzione di un sito (brochureware), con anche la realizzazione grafica e dello spazio musicale ai fini della creazione dell interfaccia elettronica tra fornitore e cliente; 2) fornitore di servizio completo (full service), mediante la gestione degli aspetti commerciali. La creazione del sito (2) Un sito di un impresa deve contenere almeno i seguenti requisiti: 1) Home page che presenti visibilmente il logo ed il marchio; 2) mappa del sito che consenta di muoversi agevolmente; 3) barra degli strumenti chiara e definita; 4) ricerca, semplice ed induttiva, per full text sulla base della selezione del prodotto/servizio, e per categorie merceologiche; Il diritto di Internet 10

11 La creazione del sito (3) La creazione del sito (4) 5) FAQ (Frequently Asked Question); 6) catalogo deve contenere tutte le informazioni possibili sul prodotto (prezzo e oneri fiscali), inclusa anche l immagine; 7) assistenza clienti; 8) Chat; Forum; Mailing list; Club; 9) News; 10) giochi e concorsi; 11) carrello virtuale dove vengono raccolti i prodotti selezionati nelle varie pagine del sito, che possono essere temporaneamente accantonati selezionando la funzione lista della spesa, in modo che il cliente può sempre in futuro riprendere e completare la lista; 12) cassa virtuale dove i prodotti selezionati nel carrello virtuale, comprensivi dei prezzi anche in più valute, vengono visualizzati ed è richiamabile da ogni punto del negozio La creazione del sito (5) Marketplace (1) 13) Traking dell ordine consente al cliente di monitorare lo stato dell ordine per sapere se il prodotto sia stato o meno spedito ed, in caso positivo dove si trovi; 14) per dialogare col cliente; 15) tecniche di push, quando il sistema presenta una fase più evoluta, sono a disposizione di una fascia più ristretta di clienti fidelizzati, e consentono l invio automatizzato e personalizzato di dati, testi e immagini, applets direttamente sul computer del cliente; Per marketplace, nell ambito dell e-business, si intende una piattaforma elettronica messa a disposizione da un portale che funge da mercato virtuale per l incontro di domanda e offerta tra imprese che solitamente operano nel medesimo settore commerciale (www.b2biscom.it/) Marketplace (2) Marketplace (3) All interno del marketplace il portale che lo gestisce può fornire una serie completa di servizi in relazione all ambito delle attività commerciali cui si indirizza il mercato virtuale: 1) struttura di supporto per pianificare la strategia business; 2) gestire gli accessi e pianificare la security; 3) gestire gli aspetti economico-finanziari anche attraverso partnership; 4) fare da supporto di help desk; 5) fare, eventualmente, da supporto di call center; 6) fungere da analista di marketing o di delivery della merce inviata materialmente, anche mediante partenership Il diritto di Internet 11

12 Marketplace (4) In relazione al maketplace sussistono problemi inerenti alla qualificazione giuridica del tipo di attività esercitata. Le soluzioni prospettate sono le seguenti: 1) attività di agenzia; 2) attività di mediazione Il diritto di Internet 12

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 3 maggio 2006 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Cos è un nome a dominio - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

La tutela del marchio via internet

La tutela del marchio via internet 1 La tutela del marchio via internet Camera di Commercio di Genova 13 Ottobre 2009 Dott.ssa Loredana Mansi Consulente Marchi Community Trademark and Design Attorney Che cosa è Internet Mappa globale della

Dettagli

I nomi di dominio. Domain Name Server

I nomi di dominio. Domain Name Server Operatore Informatico Giuridico Informatica Giuridica di Base A.A 2003/2004 I Semestre I nomi di dominio Lezione 7 prof. Monica Palmirani Domain Name Server Gli IP sono quindi numeri che identificano una

Dettagli

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale Cos è un nome a dominio I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 8 maggio 2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com DAL MARCHIO AL BRAND CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014 Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com PROGRAMMA - Il brand come segno distintivo - Il marchio come cardine del sistema dei segni

Dettagli

FIRM PROFILE. www.tmt-legal.com

FIRM PROFILE. www.tmt-legal.com FIRM PROFILE TMT-Legal è il primo studio legale italiano con specializzazione esclusiva nel settore delle Tecnologie informatiche, dei Media e delle Telecomunicazioni. Offre un ampia gamma di servizi legali

Dettagli

PROCEDURE ARBITRALI AMMINISTRATE DEI NOMI A. L arbitrato telematico viene solitamente inteso come arbitrato

PROCEDURE ARBITRALI AMMINISTRATE DEI NOMI A. L arbitrato telematico viene solitamente inteso come arbitrato PROCEDURE ARBITRALI AMMINISTRATE DEI NOMI A DOMINIO. L arbitrato telematico viene solitamente inteso come arbitrato con Internet, ma on line possono essere risolte altresì le controversie di Internet 1.

Dettagli

LA TUTELA LEGALE DEL NOME A DOMINIO

LA TUTELA LEGALE DEL NOME A DOMINIO LA TUTELA LEGALE DEL NOME A DOMINIO PRINCIPI GENERALI E PROFILI APPLICATIVI Roma, 26 settembre 2007 IL NOME A DOMINIO Alla base della new economy il nome a dominio NON è una provocazione IL NOME A DOMINIO/2

Dettagli

E-COMMERCE e PROBLEMATICHE DEL COMMERCIO ELETTRONICO. Avv. Maela Coccato

E-COMMERCE e PROBLEMATICHE DEL COMMERCIO ELETTRONICO. Avv. Maela Coccato E-COMMERCE e PROBLEMATICHE DEL COMMERCIO ELETTRONICO Avv. Maela Coccato DEFINIZIONE Attività commerciale caratterizzata da transazioni per via elettronica, consistente nella: commercializzazione di beni

Dettagli

I nomi di dominio. Domain Name Server

I nomi di dominio. Domain Name Server Informatica Giuridica A.A 2004/2005 II Semestre I nomi di dominio Lezione 6 prof. Monica Palmirani Domain Name Server Gli IP sono quindi numeri che identificano una determinata macchina Poiché è difficile

Dettagli

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema MARCO BIANCHI Internet è una rete telematica mondiale strutturata in codici di

Dettagli

www.marchiodimpresa.it

www.marchiodimpresa.it www.marchiodimpresa.it Indice 3 Cos è un nome a dominio. 3 Cos è il cybersquatting. 3 Come avviene il cybersquatting. 4 Il recupero del nome a dominio: considerazioni preliminari. 4 Il recupero del nome

Dettagli

I nuovi domini Internet

I nuovi domini Internet I nuovi domini Internet Lucca, 2 Dicembre 2014 IP Attorney 1 giovedì 27 novembre 14 Internet Funziona attraverso la cooperazione di due programmi distinti: Client di cui è in possesso l utente finale e

Dettagli

I DOMAIN NAMES. I DOMAIN NAMES - Prima domanda: Cos e un domain name?

I DOMAIN NAMES. I DOMAIN NAMES - Prima domanda: Cos e un domain name? I DOMAIN NAMES 16/07/2002 M. C. De Vivo - Copyfree (*) 1 (*) Chiunque può copiare e distribuire questo documento per uso personale con l unico obbligo di citare la fonte e non modificare il contenuto per

Dettagli

Ingegneria delle Telecomunicazioni http://tlc.diee.unica.it/ Diritto dell Informatica e delle Nuove Tecnologie Docente: Massimo Farina

Ingegneria delle Telecomunicazioni http://tlc.diee.unica.it/ Diritto dell Informatica e delle Nuove Tecnologie Docente: Massimo Farina 1 A.A. 2010/11 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni http://tlc.diee.unica.it/ Diritto dell Informatica e delle Nuove Tecnologie Docente: Massimo Farina http://www.massimofarina.it

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Circolare N. 70 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 8 ottobre 2010 LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Per commercio elettronico diretto sono da intendersi le operazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA INFOCERT INFORMAZIONI COMMERCIALI

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA INFOCERT INFORMAZIONI COMMERCIALI CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA INFOCERT INFORMAZIONI COMMERCIALI InfoCert S.p.A. - Società soggetta a direzione e coordinamento di Tecnoinvestimenti S.p.A. - con sede legale in Roma, P.zza Sallustio

Dettagli

Domini. Il Registro.it

Domini. Il Registro.it Domini. Il Registro.it Il contesto generale Il Registro italiano La natura del nome a dominio Le procedure alternative di risoluzione delle dispute: cenni L Istituto di Informatica e Telematica del CNR

Dettagli

INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI ALLA NAMING AUTHORITY ITALIANA

INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI ALLA NAMING AUTHORITY ITALIANA ORDINE DEI CONSULENTI IN PROPRIETÀ INDUSTRIALE Via Donizetti 1/A - 20122 Milano - tel./fax (02) 55185144 INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI

Dettagli

CONDIZIONI PARTICOLARI DI LOCAZIONE DI UN SERVER DEDICATO SO YOU START Versione del 09 Dicembre 2013

CONDIZIONI PARTICOLARI DI LOCAZIONE DI UN SERVER DEDICATO SO YOU START Versione del 09 Dicembre 2013 CONDIZIONI PARTICOLARI DI LOCAZIONE DI UN SERVER DEDICATO SO YOU START Versione del 09 Dicembre 2013 Server So you Start: server dedicato messo a disposizione del Cliente da OVH in conformità al presente

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio VITTORIAIMMOBILIARESRL.IT. Avv. Alessandra Ferreri. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio VITTORIAIMMOBILIARESRL.IT. Avv. Alessandra Ferreri. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio VITTORIAIMMOBILIARESRL.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): VITTORIA ASSICURAZIONI S.P.A. Rappresentata dall Avv. Marco Francetti VITTORIA

Dettagli

Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili

Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili Consulenti in proprietà intellettuale dal 1882 INDICE - PREMESSA Gli obiettivi di questo ebook - CONTESTO I numeri del fenomeno

Dettagli

Lezione n. 10. La tutela delle informazioni commerciali: domain name e concorrenza sleale in internet

Lezione n. 10. La tutela delle informazioni commerciali: domain name e concorrenza sleale in internet Lezione n. 10 La tutela delle informazioni commerciali: domain name e concorrenza sleale in internet Disciplina della concorrenza in internet Tutela dei domain name Atti di concorrenza sleale (metatag,

Dettagli

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi 1 1. STRATEGIE DI CREAZIONE DI UN PORTAFOGLIO MARCHI Il marchio

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

Condizioni di Utilizzo del Sito

Condizioni di Utilizzo del Sito Condizioni di Utilizzo del Sito 1. Introduzione 1.1. Nel presente documento sono riportate le condizioni di utilizzo (le Condizioni di Utilizzo ) del sito www.praestoapp.com in titolarità di Praestoapp

Dettagli

Proprietà Intellettuale

Proprietà Intellettuale Proprietà Intellettuale INTRODUZIONE PROPRIETA INDUSTRIALE DIRITTO D AUTORE La proprietà intellettuale comprende la proprietà industriale, il diritto d autore e i diritti connessi. La proprietà industriale

Dettagli

DIRITTO DI INTERNET: QUESTIONI SOSTANZIALI E PROCESSUALI

DIRITTO DI INTERNET: QUESTIONI SOSTANZIALI E PROCESSUALI OBIETTIVI Durante il Master verranno analizzate le più attuali problematiche normative legate al mondo dell e-commerce, della digitalizzazione documentale e dei procedimenti di tutela in materia di privacy

Dettagli

lezione 8 Rapporti commerciali in internet La tutela dei segni distintivi e della concorrenza in internet

lezione 8 Rapporti commerciali in internet La tutela dei segni distintivi e della concorrenza in internet lezione 8 Rapporti commerciali in internet La tutela dei segni distintivi e della concorrenza in internet Tutela dei domain name Atti di concorrenza sleale (metatag, keywords, deep link e framing) Cosa

Dettagli

DIRITTO DI INTERNET: QUESTIONI SOSTANZIALI E PROCESSUALI

DIRITTO DI INTERNET: QUESTIONI SOSTANZIALI E PROCESSUALI C S F CENTRO STUDI FORENSE Master in 3 incontri (20 ore formative) a numero chiuso DIRITTO DI INTERNET: QUESTIONI SOSTANZIALI E PROCESSUALI Proprietà intellettuale, e-commerce e privacy connesse ad Internet,

Dettagli

Tutela giuridica delle banche di dati

Tutela giuridica delle banche di dati Norme di riferimento Tutela giuridica delle banche di dati Corso Nuove tecnologie e diritto 8 maggio 2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Legge 22 aprile 1941 n. 633. Protezione del diritto

Dettagli

2011 Mauro DelluniversitàBarzanò & Zanardo Tutti i diritti riservati

2011 Mauro DelluniversitàBarzanò & Zanardo Tutti i diritti riservati 2011 Mauro DelluniversitàBarzanò & Zanardo Tutti i diritti riservati 1 SEGNI DISTINTIVI AZIENDALI *Marchio* Segno distintivo dei prodotti e dei servizi dell impresa Ditta, ragione sociale e denominazione

Dettagli

SEGNI DISTINTIVI E INTERNET. Camera di Commercio di Verona 18 Aprile 2012

SEGNI DISTINTIVI E INTERNET. Camera di Commercio di Verona 18 Aprile 2012 SEGNI DISTINTIVI E INTERNET Camera di Commercio di Verona 18 Aprile 2012 Il nome di dominio: particolarità tecniche Indirizzo IP: 147.123.147.58 Nome di dominio: bugnion.it Il nome di dominio rappresenta

Dettagli

Nomi di dominio e numeri IP

Nomi di dominio e numeri IP IP, Domain Name Server, nome di dominio Nomi di dominio e numeri IP Lezione n. 10 Gli IP sono numeri che identificano una determinata macchina Poiché è difficile ricordarsi i numeri nella pratica comune,

Dettagli

CONDIZIONI DI FORNITURA INFOCERT FORMAZIONE

CONDIZIONI DI FORNITURA INFOCERT FORMAZIONE 1.0 CONDIZIONI DI FORNITURA INFOCERT FORMAZIONE InfoCert S.p.A. - Società soggetta alla direzione e coordinamento di Tecnoinvestimenti S.p.A. - con sede legale in Roma, P.zza Sallustio n. 9, P. IVA 07945211006,

Dettagli

La normativa italiana in materia di commercio elettronico. Avv. Ivan Rigatti

La normativa italiana in materia di commercio elettronico. Avv. Ivan Rigatti La normativa italiana in materia di commercio elettronico Avv. Ivan Rigatti Il commercio elettronico Nella sua accezione più ristretta, il commercio elettronico (più noto come e-commerce contrazione di

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima IL MERCATO E LE FONTI. Capitolo Primo IL MERCATO INFORMATICO E VIRTUALE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima IL MERCATO E LE FONTI. Capitolo Primo IL MERCATO INFORMATICO E VIRTUALE Premessa... XV Parte Prima IL MERCATO E Capitolo Primo IL MERCATO INFORMATICO E VIRTUALE 1. Nozionediinformaticaetelematica... 6 2. Larivoluzionetelematica:dallospaziorealeallospaziovirtuale... 8 3. Le

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO PREAMBOLO

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO PREAMBOLO CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO PREAMBOLO Le condizioni generali di utilizzo del Servizio qui di seguito trascritte (di seguito Condizioni Generali ) disciplinano il servizio per la prenotazione

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI BELFOR ITALIA S.r.l. SERVIZIO P.I.A. SAFE WEB

CONDIZIONI GENERALI BELFOR ITALIA S.r.l. SERVIZIO P.I.A. SAFE WEB CONDIZIONI GENERALI BELFOR ITALIA S.r.l. SERVIZIO P.I.A. SAFE WEB Le presenti condizioni generali (di seguito, le Condizioni Generali ) si applicano al Servizio P.I.A. SAFE WEB (come di seguito definito)

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI CONTRATTI A DISTANZA (PER POSTA, TELEFONO, INTERNET, TELEVENDITE) DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 185 DEL 1999

LA DISCIPLINA DEI CONTRATTI A DISTANZA (PER POSTA, TELEFONO, INTERNET, TELEVENDITE) DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 185 DEL 1999 LA DISCIPLINA DEI CONTRATTI A DISTANZA (PER POSTA, TELEFONO, INTERNET, TELEVENDITE) DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 185 DEL 1999 Di Gianfranco Visconti 1) I contratti a distanza : definizione ed evoluzione

Dettagli

L attività tipica è la vendita attraverso negozi on-line (amazon, cdnow) e-mall o cybermall aste elettroniche (ebay) (B2C) (B2B)

L attività tipica è la vendita attraverso negozi on-line (amazon, cdnow) e-mall o cybermall aste elettroniche (ebay) (B2C) (B2B) Conoscere l e-commerce Fare e-commerce significa condurre affari su Internet Fra le attività principali vendita di prodotti e servizi marketing on-line collaborazione con aziende esterne gestione della

Dettagli

La rete internet e il WEB

La rete internet e il WEB C.so Integrato di statistica, e analisi dei dati sperimentali prof Carlo Meneghini Dip. di Fisica E. Amaldi via della Vasca Navale 84 meneghini@fis.uniroma3.it tel.: 06 57337217 http://www.fis.uniroma3.it/~meneghini

Dettagli

GUIDA SULL E-COMMERCE E LA VENDITA ONLINE

GUIDA SULL E-COMMERCE E LA VENDITA ONLINE GUIDA SULL E-COMMERCE E LA VENDITA ONLINE 1 Indice Cos è l e-commerce?... 3 I principi fondamentali della vendita online... 7 La normativa in materia di e-commerce... 11 Lo spamming... 13 La tutela della

Dettagli

IVA nel commercio elettronico

IVA nel commercio elettronico IVA nel commercio elettronico A cura di: Walter Rotondaro Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 21 novembre 2014 Commercio elettronico Il commercio elettronico consiste nello svolgimento di attività

Dettagli

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 06

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 06 Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I Laerte Sorini laerte@uniurb.it Lezione 06 o I TLD si dividono in due gruppi principali: o cctld (country code TLD): etichetta che identifica in maniera univoca

Dettagli

Condizioni di utilizzo Cercare & trovare

Condizioni di utilizzo Cercare & trovare Condizioni di utilizzo Cercare & trovare Art. 1 1. Le seguenti condizioni si applicano a tutte le informazioni e i servizi offerti nella presente pagina web. 2. La presente pagina web può essere utilizzata

Dettagli

e-commerce tecnologie informatiche offerta, ordine e pagamento vendita per corrispondenza art. 22, comma 1, n. 1, del Decreto Iva 633/72

e-commerce tecnologie informatiche offerta, ordine e pagamento vendita per corrispondenza art. 22, comma 1, n. 1, del Decreto Iva 633/72 Regole E-Commerce La vendita on line di beni materiali nei confronti dei consumatori finali, detta anche e-commerce, è di fatto una tradizionale cessione di beni, nella quale è la fase contrattualistica

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO INDAGINI FINANZIARIE

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO INDAGINI FINANZIARIE DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto si intende per: - Contratto : denominato anche Contratto per l uso del Servizio Indagini Finanziarie indica le presenti Condizioni Generali di Contratto, la Richiesta

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio VOGUEMODEL.IT. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio VOGUEMODEL.IT. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio VOGUEMODEL.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Edizioni Condé Nast S.p.A., Advance Magazine Publishers Inc. (Avv.ti Matteo Orsingher e Fabrizio

Dettagli

Il commercio elettronico in Cina quale nuovo canale di distribuzione

Il commercio elettronico in Cina quale nuovo canale di distribuzione In partnership con CHINA CONSULTING GROUP Seminario Il commercio elettronico in Cina quale nuovo canale di distribuzione Bergamo, 15 maggio 2014 Padova, 22 maggio 2014 ORARIO 14.30 17.30 PRESENTAZIONE

Dettagli

Nomi a dominio Internet

Nomi a dominio Internet Nomi a dominio Internet Antonio Cilli 1. I domini della rete 1.1. Le regole per l assegnazione di un nome a dominio 1.2. La procedura da seguire per la registrazione di un nome 2. I nomi di dominio più

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER SERVIZI DI TELEFONIA - DISCIPLINARE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER SERVIZI DI TELEFONIA - DISCIPLINARE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER SERVIZI DI TELEFONIA - DISCIPLINARE Premessa - Descrizione delle forniture da appaltare mediante il sistema di qualificazione. ATAF S.p.A. intende istituire un proprio sistema

Dettagli

MASTER IN DIRITTO ECONOMIA E TECNOLOGIE INFORMATICHE BANDO IX EDIZIONE ANNO ACCADEMICO 2009/10

MASTER IN DIRITTO ECONOMIA E TECNOLOGIE INFORMATICHE BANDO IX EDIZIONE ANNO ACCADEMICO 2009/10 MASTER IN DIRITTO ECONOMIA E TECNOLOGIE INFORMATICHE BANDO IX EDIZIONE ANNO ACCADEMICO 2009/10 L Università degli Studi di Camerino promuove un Master universitario in Diritto, economia e tecnologie informatiche.

Dettagli

La vendita online b2c

La vendita online b2c La vendita online b2c PROBLEMATICHE (I) 1. Le caratteristiche del prodotto è adatto alla vendita online? 2. Il mercato in cui si opera come avviene la vendita tradizionale? quali concorrenti (tradizionali

Dettagli

DNS e i nomi di dominio

DNS e i nomi di dominio DNS e i nomi di dominio Lezione 10 Domain Name Server Gli IP sono numeri che identificano una determinata macchina Poiché è difficile ricordarsi i numeri nella pratica comune, si è costruito un meccanismo

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione ICT E DIRITTO Rubrica a cura di Antonio Piva, David D Agostini Scopo di questa rubrica è di illustrare al lettore, in brevi articoli, le tematiche giuridiche più significative del settore ICT: dalla tutela

Dettagli

CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO E PRIVACY:

CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO E PRIVACY: CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO E PRIVACY: www.psmbroker.it www.psmbroker.ue www.psmbroker.com 1. Premessa Nel presente documento sono riportate le Condizioni Generali di utilizzo del sito www.psmbroker.it,

Dettagli

ESSERE PRESENTI ON LINE: LE REGOLE DI BASE PER UTILIZZARE AL MEGLIO SITO WEB ED E-COMMERCE

ESSERE PRESENTI ON LINE: LE REGOLE DI BASE PER UTILIZZARE AL MEGLIO SITO WEB ED E-COMMERCE Sandra Bianchi ESSERE PRESENTI ON LINE: LE REGOLE DI BASE PER UTILIZZARE AL MEGLIO SITO WEB ED E-COMMERCE 1 Definizione L art. 4 del D.Lgs. n. 114/98 distingue il commercio a seconda che sia all ingrosso

Dettagli

CONDIZIONI PARTICOLARI RELATIVE A SOLUZIONI DI MESSAGGISTICA COLLABORATIVA PRIVATE EXCHANGE 2013. Versione del 03 ottobre 2013

CONDIZIONI PARTICOLARI RELATIVE A SOLUZIONI DI MESSAGGISTICA COLLABORATIVA PRIVATE EXCHANGE 2013. Versione del 03 ottobre 2013 CONDIZIONI PARTICOLARI RELATIVE A SOLUZIONI DI MESSAGGISTICA COLLABORATIVA PRIVATE EXCHANGE 2013 Definizioni: Versione del 03 ottobre 2013 Account: spazio di Messaggistica in collaborazione creato dal

Dettagli

CONDIZIONI PARTICOLARI RELATIVE A SOLUZIONI DI MESSAGGISTICA COLLABORATIVA HOSTED EXCHANGE 2013. Versione del 03 Ottobre 2013

CONDIZIONI PARTICOLARI RELATIVE A SOLUZIONI DI MESSAGGISTICA COLLABORATIVA HOSTED EXCHANGE 2013. Versione del 03 Ottobre 2013 CONDIZIONI PARTICOLARI RELATIVE A SOLUZIONI DI MESSAGGISTICA COLLABORATIVA HOSTED EXCHANGE 2013 Definizioni: Versione del 03 Ottobre 2013 Account: spazio di Messaggistica in collaborazione creato dal Cliente

Dettagli

INEA - Istituto Nazionale di Economia Agraria Rete Nazionale per lo sviluppo rurale

INEA - Istituto Nazionale di Economia Agraria Rete Nazionale per lo sviluppo rurale alcune definizioni contenute nella Direttiva 97/7/CE riguardante la protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza: VENDITE A DISTANZA UN SISTEMA DI VENDITA O DI PRESTAZIONE DI SERVIZI CHE

Dettagli

Informatica RETI INFORMATICHE INTERNET. Francesco Tura. francesco.tura@unibo.it. F. Tura

Informatica RETI INFORMATICHE INTERNET. Francesco Tura. francesco.tura@unibo.it. F. Tura Informatica RETI INFORMATICHE INTERNET Francesco Tura francesco.tura@unibo.it 1 Comunicazione tra computer Più computer possono essere collegati e quindi comunicare tra di loro al fine di: scambiarsi informazioni

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI

CAPO I PRINCIPI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLA RETE INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA Emanato con D.R. n. 1087 del 27 maggio 2010 Pubblicato all Albo Ufficiale d Ateneo al n. 379 il

Dettagli

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Funzionamento del DNS. Soluzione centralizzata

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Funzionamento del DNS. Soluzione centralizzata SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Ad ogni calcolatore collegato a Internet (host) è associato un indirizzo IP Utilizzo di nomi simbolici da parte degli utenti Necessità di una traduzione dei nomi simbolici

Dettagli

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS)

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Ad ogni calcolatore collegato a Internet (host) è associato un indirizzo IP Utilizzo di nomi simbolici da parte degli utenti Necessità di una traduzione dei nomi simbolici

Dettagli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli Lezione 4 Le Reti ed i Protocolli Come nasce internet I computer, attraverso i software applicativi, consentono di eseguire moltissime attività. Nel corso degli anni è emersa la necessità di scambiare

Dettagli

CONTRATTO DI OUTSOURCING. Lo schema negoziale dell outsourcing, affidamento ad una impresa esterna

CONTRATTO DI OUTSOURCING. Lo schema negoziale dell outsourcing, affidamento ad una impresa esterna CONTRATTO DI OUTSOURCING Lo schema negoziale dell outsourcing, affidamento ad una impresa esterna dell esecuzione e della gestione di una o più funzioni o di un intero ramo aziendale, ha origine nel diritto

Dettagli

Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013

Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013 Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013 Artigiani e agricoli. Quali sono gli adempimenti per vendere online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo ha fornito

Dettagli

MESIR- Medici e sanità in rete

MESIR- Medici e sanità in rete MESIR- Medici e sanità in rete TUS Termini di Utilizzo del Servizio SEZIONE I Definizioni, oggetto e finalità del Servizio 1. Definizioni Nell ambito dei presenti Termini di Utilizzo del Servizio (di seguito

Dettagli

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI 1 Lo scenario: i soggetti che operano su Internet All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI E-market player Digitalizzatori di processi

Dettagli

Oggetto: Il regime IVA applicabile alle prestazioni di servizi di e-commerce

Oggetto: Il regime IVA applicabile alle prestazioni di servizi di e-commerce Oggetto: Al commercio elettronico vengono applicate delle norme specifiche che in parte si discostano dai criteri generali di territorialità previsti dal D.P.R. 633/1972. Per commercio elettronico si intendono

Dettagli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO CONTRIBUTIVO

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO CONTRIBUTIVO LEGGE 598/94 PROTOCOLLO MCC Modulo sottoscritto dalla banca/intermediario Spettabile MCC SpA Via Piemonte, 51 00187 R O M A Pos. MCC RICHIESTA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO CONTRIBUTIVO SOGGETTO RICHIEDENTE

Dettagli

Adozione del regolamento concernente la risoluzione delle controversie insorte nei rapporti tra organismi di telecomunicazioni ed utenti

Adozione del regolamento concernente la risoluzione delle controversie insorte nei rapporti tra organismi di telecomunicazioni ed utenti Delibera n. 182/02/CONS Adozione del regolamento concernente la risoluzione delle controversie insorte nei rapporti tra organismi di telecomunicazioni ed utenti Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana

Dettagli

Internet. Cos'è internet? I parte

Internet. Cos'è internet? I parte Internet Da leggere: Cap.6, in particolare par. 6.4 del Console Ribaudo (testo B) I parte Cos'è internet? Milioni di dispositivi di calcolo tra loro interconnessi: host o end-systems Pc, workstation, server

Dettagli

www.valcavi.it - info@valcavi.it

www.valcavi.it - info@valcavi.it Diapositiva 1 Studio Legale Valcavi Universitàdegli Studi di Bergamo Studio Legale Bellofiore IL COMMERCIO NELL ERA DIGITALE seminario sugli aspetti economici e legali dell'e-commerce LA CONCORRENZA ED

Dettagli

Trenitalia S.p.A. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL PORTALE ACQUISTI DI TRENITALIA

Trenitalia S.p.A. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL PORTALE ACQUISTI DI TRENITALIA Trenitalia S.p.A. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL PORTALE ACQUISTI DI TRENITALIA Piazza della Croce Rossa, 1-00161 Roma Trenitalia S.p.A. - Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Società con socio unico soggetta

Dettagli

MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO

MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO SUBENTRATO Il/La sottoscritto/a. Legale rappresentante della societa C.F. P.I. Indirizzo.. cap comune prov. Recapito telefonico autorizza il subentro sul contratto

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2012 Aggiornato in data 14 marzo 2013 Ultimo aggiornamento approvato

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 26 agosto 2009; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 82 del

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

Condizioni Generali di Fornitura del Servizio E-BOOK in vigore dal [Aprile 2013] (versione 1.1)

Condizioni Generali di Fornitura del Servizio E-BOOK in vigore dal [Aprile 2013] (versione 1.1) Condizioni Generali di Fornitura del Servizio E-BOOK in vigore dal [Aprile 2013] (versione 1.1) Premessa Efficacia delle Condizioni Generali - Modificazioni 1.- Le presenti Condizioni Generali di Fornitura

Dettagli

REGISTRA IL TUO DOMINIO INVIA IL PRESENTE MODULO OPPORTUNAMENTE COMPILATO, ALLEGANDO COPIA DEL TUO DOCUMENTO D IDENTITA AL NUMERO FAX 02.

REGISTRA IL TUO DOMINIO INVIA IL PRESENTE MODULO OPPORTUNAMENTE COMPILATO, ALLEGANDO COPIA DEL TUO DOCUMENTO D IDENTITA AL NUMERO FAX 02. REGISTRA IL TUO DOMINIO INVIA IL PRESENTE MODULO OPPORTUNAMENTE COMPILATO, ALLEGANDO COPIA DEL TUO DOCUMENTO D IDENTITA AL NUMERO FAX 02.36656889 Sez.. 1 Sez.. 2 Modulo di registrazione del nome a dominio.it

Dettagli

COMUNICARE CON LE PERSONE. OGGI. SISTEMI PROFESSIONALI PER LA COMUNICAZIONE VIA SMS E VOCE

COMUNICARE CON LE PERSONE. OGGI. SISTEMI PROFESSIONALI PER LA COMUNICAZIONE VIA SMS E VOCE COMUNICARE CON LE PERSONE. OGGI. SISTEMI PROFESSIONALI PER LA COMUNICAZIONE VIA SMS E VOCE CMSMS I NFORMAZIONI A RICHIESTA CMSms è il programma per la gestione di servizi informativi sms on-demand. Cosa

Dettagli

Accordo per il Servizio Cloud Business Solutions INTESA

Accordo per il Servizio Cloud Business Solutions INTESA Accordo per il Servizio Cloud Business Solutions INTESA L'acquisto e l'utilizzo del Servizio Cloud Business Solutions INTESA ( Servizio Cloud o Servizio ) da parte del cliente sono regolati dalle condizioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO TITOLI

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO TITOLI Copia per la Banca FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Esperia S.p.A., Sede Legale: Via Filodrammatici, 5-20121 Milano - Capitale Sociale Euro 62.999.999,92 i.v. - Iscritta

Dettagli

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare Regime IVA del commercio elettronico REGIME IVA COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO PRESTAZIONI RESE A PRIVATI ITALIANI DA PARTE DI SOGGETTI EXTRA-UE PRESTAZIONI RESE A PRIVATI

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.4 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 Le Reti di Computer Tecniche di commutazione La commutazione di circuito

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati N. 6910-A CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LO PRESTI, CONTENTO, ARMAROLI, ASCIERTO, BUONTEMPO, BURANI PROCACCINI, CARLESI, NUCCIO

Dettagli

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.CASATASSO.COM NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza le attività

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Corso ECDL Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Modulo 1 Le reti informatiche 1 Le parole della rete I termini legati all utilizzo delle reti sono molti: diventa sempre più importante comprenderne

Dettagli

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE.

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. STUDIO TRINCHERO Lo Studio Trinchero è una società di consulenza che tratta il tema della Proprietà Intellettuale specializzata nel deposito, mantenimento,

Dettagli

Riassegnazione del dominio sfide.it: marchio, nome comune e preuso ( Crdd, decisione 07.04.2004 )

Riassegnazione del dominio sfide.it: marchio, nome comune e preuso ( Crdd, decisione 07.04.2004 ) Riassegnazione del dominio sfide.it: marchio, nome comune e preuso ( Crdd, decisione 07.04.2004 ) Con la decisione 7 aprile 2004 il Centro risoluzione dispute domini ha rigettato il ricorso promosso dalla

Dettagli

X-Pay. Il POS Virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

X-Pay. Il POS Virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il POS Virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi Il mercato e-commerce di CartaSi I vantaggi I vantaggi offerti da CartaSi I vantaggi offerti da X-Pay

Dettagli

LISTINO SERVIZIO CHECK WEB

LISTINO SERVIZIO CHECK WEB LISTINO SERVIZIO CHECK WEB TIPOLOGIA DI SITO O PORTALE WEB (*) * Qualora sia stato richiesto il preliminare check web gratuito in forza del contributo camerale, nel report consegnato verrà qualificata

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO ALLVOIP CLOUD IN MODALITA' HOSTING

CONDIZIONI GENERALI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO ALLVOIP CLOUD IN MODALITA' HOSTING CONDIZIONI GENERALI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO ALLVOIP CLOUD IN MODALITA' HOSTING Art. 1 - Definizioni e documenti applicabili 1.1 Le presenti Condizioni Generali e la Proposta di Attivazione (di seguito

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma 25 marzo 2008

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma 25 marzo 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 25 marzo 2008 OGGETTO: Art. 1, commi 158 e159, della legge 24 dicembre 2007 n. 244 (legge finanziaria per il 2008)

Dettagli