MiniOFTAL Io non ero niente e di questo niente Gesù ha fatto una grande cosa (dagli scritti di Bernadette)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MiniOFTAL Io non ero niente e di questo niente Gesù ha fatto una grande cosa (dagli scritti di Bernadette)"

Transcript

1 MiniOFTAL Trimestrale d informazione - O.F.T.A.L. Sezione di Milano Spedizione in abbonamento postale, comma 20/c legge 23/12/96 n Milano Io non ero niente e di questo niente Gesù ha fatto una grande cosa (dagli scritti di Bernadette) Anno XVII numero

2 S O M M A R I O numero 1 gennaio- febbraio - marzo 2009 L età del sogno pag : quanto cammino insieme pag. 5 Cinquant anni e non li dimostra... o forse sì pag. 8 Accolti ed amati pag. 9 La fatica di essere dono pag. 10 Trasmettere il fascino di Maria pag. 11 Lourdes: folla, fede... pag. 12 sofferenza, speranza Beta colei che ha creduto pag. 13 Un capodanno alternativo pag. 14 Pranzo Natale 2008 pag. 15 AAA volontari cercasi pag. 16 Date Pellegrinaggi Marzo MiniPellegrinaggio in bus a Lourdes Aprile Lourdes (treno e bus Nevers) Giugno Banneux (aereo - bus) Giugno Lourdes (treno, aereo e bus Nevers) Date da ricordare 24 Maggio Celebrazione del 50 della Sezione di Milano 5x1000 Fondazione Bernadette Onlus Via S. Antonio, Milano Nella prossima dichiarazione dei redditi potrai destinare, oltre all 8x1000 dell imposta IRPEF che verserai all Ufficio delle Entrate, il tuo 5x1000 (che di legge ti viene detratto) lo potrai destinare alla Fondazione semplicemnete indicando il suo codice Fiscale: ricordati di mettere la tua firma nell apposito riquadro. Con questo semplice gesto potrai aiutare tanti malati, bambini, anziani e portatori di handicap, a vivere l emozione, l esperienza DIRETTORE RESPONSABILE: Don Ettore Lessa REDAZIONE: Daniela Banfi; Valeria Bellani; Cleopatra Mascetti DIREZIONE E REDAZIONE: via S. Antonio, Milano - Telefono fax STAMPA: Tipolitografia Sady Francinetti - via Casarsa, Milano - Telefono

3 e d i t o r i a l e L età del sogno È tempo di sognare, almeno per me, o per chi ha la mia età. È un suggerimento che ho colto, durante le mie soste in clinica, leggendo un bellissimo libro del Cardinale Carlo Maria Martini, nostro Arcivescovo emerito. Il libro si intitola: Conversazioni notturne a Gerusalemme. Sono conversazioni che intrattiene con un suo confratello gesuita, padre Georg Sprschill, al quale, rispondendo ad una lunga serie di domande, il Cardinale replica con la sua saggezza e la sua apertura lungimirante. A questa domanda: Ma non esistono differenze tra le generazioni? Quale è il contributo peculiare dei giovani? Il Cardinale risponde indicando i compiti che spettano alle diverse generazioni e dice: La generazione più giovane i figli e le figlie, (come dice il profeta Gioele) verrebbe meno al suo dovere se con la sua spigliatezza e con il suo idealismo indomito non sfidasse e criticasse i governanti, i responsabili e gli insegnanti. In tal modo fa progredire noi e soprattutto la Chiesa. La generazione di mezzo vale a dire un vescovo, un parroco, un padre, una madre, un imprenditore dovrebbero avere degli obiettivi per una comunità, per una famiglia, per un azienda. I responsabili devono sapere cosa fare e quali compiti accettare. Gli anziani Non ci si può aspettare che siano innanzitutto critici e profetici che portino pesi, elaborino progetti e li realizzino come la forte generazione di mezzo. Hanno meritato di affidare ad altri gli affari e il comando e di dedicarsi a qualcosa di nuovo: il sognare. Oggi questo rapporto potrebbe rendere interessante il dialogo tra le generazioni. Leggendo questa pagina ho fatto spontaneamente un collegamento con il nostro Cinquantesimo che racchiude in sé le varie generazioni e ho preso su di me il compito del sognare. Vivere il nostro Cinquantesimo, mi sono detto, non significa solamente riandare alla storia di questa nostra OFTAL ambrosiana, ma di pensare anche al suo futuro e il pensare al futuro, mi sono detto, vuol dire mettermi a sognare, almeno per me che sono anziano da un po di tempo... I sogni li proporrò poi non solo agli adulti, ma anche, in modo particolare, ai giovani; ai nostri giovani che non sono pochi e sono la speranza della nostra OFTAL e mi sono messo a sognare Metterò per iscritto il mio sognare sul MiniOftal e proporrò ai giovani di criticare il mio sognare, ma anche di concretizzarlo in impegni a vantaggio della nostra Associazione. Pensare al Cinquantesimo vorrà dire ricordare il passato ma anche, e soprattutto, pensare, sognare, il nostro futuro. Nel sognare si manifesteranno anche i desideri, cioè come si vorrebbe che fosse l OFTAL di domani. Sarà (uso il sarà perché fa parte del sognare) un OFTAL che sempre tende a rinnovarsi, che ha presente, sempre più e sempre meglio, i tempi in cui si vive, le situazioni sempre nuove e non sempre facili della condizione dei nostri malati. Un OFTAL che, convinta di ciò che è e di quanto fa,cercherà di diffondere il bene che si compie e le possibilità di inserimento di tante altre persone che vogliano dedicarsi ai malati e ai sofferenti. Nonostante il progredire della medicina le malattie assumono forme nuove e forse anche più pesanti. La nostra società del benessere sembra scomparire e per coloro che già sono nella sofferenza le situazioni diverranno sempre più pesanti. Sognerei anche un OFTAL composta da persone, giovani e non, che siano sempre più coerenti e motivate nel loro servizio. Siamo un associazione nata alla Grotta di Lourdes, nel nome e per volontà di Maria Immacolata, non potremo non essere sempre più fedeli alla bianca Signora e coerenti con ciò in cui diciamo di credere. La giovane suora Maria Bernarda Soubirous ci invita ad avere questo stile. Qui mi sono fermato nel mio sognare, ma in seguito riprenderò i miei sogni. Intanto da questa pagina del MiniOftal offro ai giovani il mio sognare e propongo loro di esercitare il loro idealismo indomito perché abbiano a valutare, anche a criticare quanto fa parte dei miei sogni e proporre poi cose nuove, come commenta sempre il Cardinale Martini: La Chiesa della vec-

4 e d i t o r i a l e chia Europa (e noi associazione ecclesiale ne siamo parte) ha proprio bisogno di novità e di una ventata di aria fresca. Non è forse vero che anche la gioventù ha bisogno del nuovo di qualcosa di più del benessere? Nella ricerca del nuovo ho sempre visto un elemento positivo, la volontà di cambiare qualcosa: vi si cela la fede nella Chiesa e la nostra fede nella gioventù. Altrimenti non varrebbe la pena di criticare la Chiesa.Se la gioventù è diventata silenziosa, ciò desta in me la preoccupazione che il suo cuore sia altrove, A tutto quanto ho scritto vorrei che i giovani Oftal rispondessero e ho pregato la redazione di ri-servare almeno una pagina a seguito del mio scritto proprio per i giovani. Instaureremmo così un bel dialogo (al quale in seguito potranno partecipare anche altri) e sarà un bellissimo dialogare sui cinquant anni già trascorsi e su tutti gli altri che verranno. Don Ettore Don Ettore, non si sta lasciando andare in vuote fantasticherie, bensì ha saputo impiegare il tempo della malattia in modo veramente fruttuoso e lungimirante. Con attenzione e sensibilità al tempo che siamo chiamati a vivere delinea nel suo scritto una nuova via di comunicazione, perché il cammino sin qui compiuto abbia a continuare unendo efficacemente la certezza dell esperienza all entusiasmo che i nostri giovani portano in sé. Ecco quindi che la sfida viene subito raccolta, dimostrando quanto il rapporto tra generazioni, se legato da basi concrete e condivise può diventare veramente non solo momento di confronto, bensì tramutarsi in un reciproco e arricchente scambio di intenti per continuare e migliorare l Associazione che abbiamo scelto di servire. Carissimo Don Ettore, la tua dolcezza e la tua attenzione verso noi giovani oftaliani mi lascia davvero senza parole e come me, sono sicuro, che lascerà senza parole tutti i giovani che leggeranno il tuo articolo. Fin da bambino ho sempre custodito tra i miei ricordi più cari la dolcezza con cui, nei pomeriggi a Lourdes, raccontavi la storia di una piccola pastorella... che andava in una fredda mattina a fare legna al di là del Gave... ; rimanevo ad ascoltarti perché parlavi come un nonno che, con tanto affetto, è desideroso di far conoscere ai suoi giovani nipoti una storia bellissima e molto importante nella sua vita! Ora è passato qualche anno, ma tu continui a parlare con la stessa dolcezza e la stessa intensità ai tuoi ragazzi oftaliani e ci inviti ad un compito non certo facile anche se necessario. È lo stesso Cardinal Martini a dirci che verremmo meno al nostro dovere se non criticassimo in modo costruttivo coloro che egli chiama la generazione di mezzo. All alba di questo importante anno per l OFTAL ambrosiana in cui festeggiamo il nostro cinquantesimo anniversario, è bello poter conversare con te e confidarti le nostre speranze. Aldilà delle parole, delle riunioni, delle varie Commissioni o Consigli, vive ancora in noi il grande desiderio di un OFTAL capace di suscitare entusiasmo, gioia, curiosità e voglia di vivere! Un OFTAL che strappi la nostra generazione dal più grande male che l attanaglia: LA NOIA! Non è un compito facile e ci accorgiamo di sognare in grande; basta rivolgere lo sguardo agli oratori, alle parrocchie e alle altre realtà che lavorano a stretto contatto con i giovani per capire che più ci si impegna, più ci si sforza di inventare cose nuove e diverse e più la risposta che viene dai ragazzi continua ad andare nel senso di un assoluto relativismo. Chi rinnega questa realtà dimostra la sua assoluta estraneità al mondo giovanile di oggi. Nonostante tutto però, caro Don Ettore, il tuo infinito slancio verso il domani ci rafforza e ci sprona! Con la certezza che il Signore opera oltre i nostri limitati orizzonti umani, non ci stancheremo di continuare a viaggiare in direzione ostinata e contraria alla realtà del mondo. Più di ogni riunione, la tua proposta di dialogo ci aiuterà a trovare la strada giusta per formare i nostri giovani al servizio dei malati e dei sofferenti, alla coerenza di una vita cristiana vera ed alla fedeltà ad una promessa fatta da tutti noi, nella messa dell impegno al nostro secondo pellegrinaggio. A te, e a Maria Immacolata, offriamo il nostro idealismo indomito e la nostra voce alta e forte per rassicurarti e dirti che il nostro cuore non é altrove, bensì ora più che mai è ancorato alla Roccia di Massabielle e all OFTAL. V.D.

5 p r e s i d e n t e : quanto cammino assieme E proprio vero abbiamo camminato tanto: siamo partiti come prima sede da via Zenale, poi ci siamo trasferiti in via Degli Olivetani, successivamente ci siamo spostati in via Bergamini, provvisoriamente in via S. Tecla ed infine in via S. Antonio n. 5, al primo piano e, dal febbraio 2003, al secondo piano, nell attuale stupenda sede. E in questo cammino siamo stati aiutati da tanti sacerdoti, due delegati Arcivescovili: don Francesco Patti e don Ettore Lessa, e dall indimenticabile padre Walter Pavesi. A destra: Il cardinal Montini col pellegrinaggio OFTAL del 1958 Sotto: Documenti per il pellegrinaggio Abbiamo camminato con tanti amici, i nostri presidenti che si sono succeduti: lo straordinario Giannino Ferrario, Renato Paganuzzi, Enrico Cestari, Alfio Regis e il sottoscritto Giorgio Caprino. Nei nostri numerosissimi pellegrinaggi abbiamo conosciuto il cuore della nostra Associazione: i nostri grandi amici ammalati e disabili e le migliaia di dame e barellieri, le centinaia di medici ed infermieri e le migliaia e migliaia di pellegrini che in questi cinquant anni, prima sotto l organizzazione dell Associazione Pro Palestina e Lourdes e successivamente direttamente come OFTAL, hanno vissuto la grande esperienza di un Pellegrinaggio a Lourdes, Banneux, Fatima, Loreto, Oropa e Terra Santa.

6 p r e s i d e n t e Un Pellegrinaggio Oftaliano: come abbiamo più volte sottolineato, con quelle caratteristiche proprie della nostra Associazione, che vengono molto ben evidenziate dal compianto Card. G.B. Montini, poi Papa Paolo VI, nella sua lettera del 30 Agosto 1959 inviata al primo presidente Giannino Ferrario, ove concede la Sua adesione all OFTAL Centrale. Il Card. Montini tra l altro scriveva:...mi persuade che l Opera ha sempre svolto la sua attività in modo soddisfacente, la libertà lasciata ad altre opere analoghe ed autorizzate di esercitare le loro funzioni; ma soprattutto sono lieto di dare all Opera stessa la desiderata adesione per lo scopo pio, caritatevole e benefico, ch essa si propone e per lo spirito cristiano che la guida.... La lettera continua:...vorrei che l Oftal, fedele alle sue finalità ed alle sue tradizioni, si distinguesse sempre per la cura saggia ed amorosa di dare alle sue pie spedizioni un carattere veramente religioso, risultante dalla preghiera, dall amorevole assistenza ai malati, dal culto specialmente illuminato e fiducioso alla Madonna Santissima.... E conclude con queste stupende parole:...l Oftal, se davvero sarà sollecita a dare preferenza ed aiuto ai malati poveri, e se, non rivolta a vantaggi economici, sarà avida sempre di frutti e di meriti spirituali.... Penso che queste parole siano più che sufficienti per farci pensare e convincerci sempre più della responsabilità che ognuno di noi ha vivendo bene la vita della nostra Associazione. Ed allora iniziamo questo nuovo anno con gioia ed ottimismo, certi che la nostra Mamma Celeste ci proteggerà sempre. Giorgio Caprino Da sinistra: don Antonio Suighi, don Tito Santamaria e il nostro presidente generale don Paolo Angelino.

7 La redazione ha pensato di fare cosa gradita ai suoi lettori pubblicando la lettera autografa del Cardinal Montini, con la quale egli chiede la federazione della sezione di Milano all OFTAL centrale. Merita una sottolineatura il fatto che questa lettera sia scritta di pugno dall Arcivescovo (e non una lettera battuta a macchina da un solerte segretario), evidente segno di quanto avesse a cuore il progredire della nostra sezione, che aveva avuto modo di conoscere personalmente durate il suo pellegrinaggio del Serbiamo quindi questo scritto che, più di un ricordo, è l avvio di un lungo cammino iniziato cinquant anni or sono e il cui contenuto ci deve accompagnare e sostenere per almeno i prossimi cinquant anni.

8 l e t à d e l l o f t a l Cinquant anni e non li dimostra o forse sì? Ce lo siamo già sentito ricordare più volte: quest anno celebreremo il 50 anniversario della nostra sezione. E sicuramente una ricorrenza significativa, certamente da festeggiare, ma quale messaggio può portare con sé e può consegnare per il futuro? Io credo che sarebbe riduttivo considerare il 2009 solo come il raggiungimento di un traguardo importante; si tratta, piuttosto, di una tappa lungo un cammino, che non abbiamo tracciato noi, ma che è stato pensato e preparato dall Amore di Qualcuno e che altri prima di noi e noi ora, per quel che possiamo, ci impegniamo a realizzare e a seguire. E allora se si tratta di una tappa, si è soliti guardare ai frutti del percorso compiuto e progettare come proseguire. I frutti di questi cinquant anni sono sotto gli occhi di tutti: non mi riferisco solo alla crescita numerica della nostra sezione, in termini di personale, malati e pellegrini che raggiungono i vari santuari, ma, soprattutto alla fedeltà a quello spirito di servizio che ha caratterizzato gli inizi della nostra storia e che tanto sapientemente, con la testimonianza più che con le parole, ci è stato trasmesso e che oggi si traduce nella partecipazione ai pellegrinaggi, ma anche in tutte quelle attività, spesso nascoste e sconosciute ai più, che caratterizzano gli altri 360 giorni dell anno. In questo sono rimasti vivi l entusiasmo e la forza dei primi anni e, in questo, cinquant anni non li dimostra proprio! E dopo? Non avremo camminato per fermarci qui? Ecco allora l impegno a progettare qualcosa che sia il naturale proseguimento di questa ricorrenza e che rinnovi l impegno che ciascuno di noi si è assunto quando ha ricevuto la medaglia, simbolo di appartenenza all Associazione. Non si tratta di un idea nuova, anzi quando se ne è parlato riaffioravano i ricordi di tante attività passate: ci siamo impegnati, come Consiglio, a rilanciare la sana abitudine delle visite agli ammalati. Qualcuno dirà subito che non è mai andata persa e di questo siamo convinti, ma siamo altrettanto consapevoli che, sia per l aumento numerico delle persone da raggiungere, sia per la disponibilità di tempo dei volontari, che spesso deve fare i conti con mutate esigenze di vita, è necessario rinnovare l organizzazione. Si tratta, in poche parole, di riordinare quello che già si fa per migliorarlo ed eventualmente ampliarlo, sfruttando anche le nuove risorse che la tecnologia ci mette a disposizione per comunicare. Per questo Gisella Colnaghi sta già aggiornando l elenco degli ammalati e si è data disponibile per raccogliere dai gruppi e dai singoli le indicazioni di quanto si sta già facendo e le disponibilità di persone e di tempo per poter continuare questo servizio, cercando di andare a coprire anche aree attualmente scoperte. Sarebbe auspicabile concludere questa prima fase di censimento entro maggio, così da poter riorganizzare il tutto per dopo la pausa estiva e rilanciare l iniziativa a chiusura dell attività di pellegrinaggio e dei festeggiamenti del 50, proprio come impegno per proseguire lungo il cammino, consapevoli del dono ricevuto in tutti questi anni. Inutile dire che ogni ulteriore suggerimento è ben accetto e, come dicono gli Scout, buona strada a tutti! Gabriella Gerra

9 r i c e v i a m o e p u b b l i c h i a m o Accolti ed amati È la prima volta che vengo a Lourdes con l OFTAL, non so descrivere quello che c è nel mio animo, bisogna provare... Ho trovato molta accoglienza da parte del personale di servizio, tutti compresi, e ho visto come voi siete molto pazienti ed amorevoli verso le persone che soffrono... Anch io sono stata amata ed accolta, anche se nessuno mi conosceva; nel venire a Lourdes sono stata accolta ed amata così come sono dalla Madonna. In questo pellegrinaggio ho trovato, in ogni momento della giornata, un sorriso, un abbraccio, una parola di affetto e di conforto; questo per me è stato un aiuto molto grande perché sapevo che la Madonna mi era vicina. Non vi dimenticherò mai e soprattutto vi ricorderò nelle mie preghiere... Grazie a tutti! Anna Maria de Giorgi Mio Dio Ti ringrazio del dono della vita, di avermi dato una famiglia, una casa, il cibo di ogni giorno. Ti ringrazio dell Amore che mi dai, della gioia, del dolore, dei fratelli nella fede, di tutte le persone che incontro! Aiutami in modo che io possa testimoniare loro il Tuo Amore, la Tua pace, la Tua via. Mio Signore accendimi d amore in modo tale da essere una massa luminosa incandescente, per potere accendere il Tuo fuoco, in tutti cuori che incontro, nelle strade del mondo, nelle persone che non ti conoscono ma che ti cercano senza saperlo, per poter offrire loro l acqua che disseta dalla fonte della vita che sei Tu, mio Signore e mio Dio. Ovunque volgo lo sguardo Dio ti vedo, nei fiori, nel vento, nelle cose e perfino negli odori, nelle persone, negli occhi dei bambini, nei loro giochi gioiosi. Mio Signore, gioia piena del cuore ovunque Tu sei Maestà Infinita Eterno Splendore io Ti vedo Sei sorriso, bontà, Misericordia ma Ti trovo sopratutta nel dolore è allora che capisco il Tuo modo di essere Amore! Lezzoli Maria Pia

10 r i c e v i a m o e p u b b l i c h i a m o La fatica di essere dono Lourdes è stato per me incontrare la Madonna, non solo nei luoghi in cui Lei è apparsa, ma soprattutto nel mio cuore di figlio. Lei Madre di ogni madre è stata ai piedi della croce dove Cristo prima di morire Le ha affidato tutta l umanità. Visitare e pregare alla grotta è stato per me un riscoprire questa sua presenza di madre nella mia vita; Lei mi ha trasmesso tanta pace e serenità da diventarne fino ad oggi parte integrante del mio essere, infatti penso proprio che il mio pellegrinaggio non si sia concluso in quei giorni, ma quella forza intcriore, lì scoperta è oggi più che mai presente nella mia vita quotidiana e mi aiuta a considerare ogni avvenimento nel suo significato più profondo e non nella superficialità come spesso ho fatto nel passato. A Lourdes ho incontrato tanta sofferenza, non solo nei malati accompagnati da tutti noi nella carrozzella, ma anche in tutti quei volti il cui cuore era pieno di tanto dolore per la solitudine, l abbandono, la mancanza di amore...per tutti loro ho tanto pregato e la Madonna mi ha dato di comprendere che il dolore qualunque esso sia non può essere fine a se stesso, ma può essere strumento di salvezza se lo si accetta uniti a Gesù per mezzo del Suo cuore di madre. Lei che ha sperimentato il dolore più profondo comprende in pienezza il nostro e ci invita e ci sostiene nel dire il nostro SI al progetto che Dio ha stabilito per noi e per la nostra salvezza. Credere in Maria significa credere che Lei non ci lascia mai soli, ma ci sostiene e ci accompagna con la sua presenza. Accompagnare i fratelli ammalati a Lourdes è stato per me come mettere in pratica la mia fede in Dio, dimostrargli il mio amore e la gratitudine per quello che mi ha donato. Ogni fatica mi ha dato forza e mi ha fatto sentire più vicino alla Madonna, è lei che ha trasformato ogni fatica in gioia e in questa gioia ho scoperto il valore del donarsi con amore per chi soffre. Nella carità passa Dio, nella carità incontriamo Dio. Spero tanto che negli anni a venire io possa ripetere questa esperienza così importante e profonda di amore verso la Madonna insieme ai fratelli sofferenti, per meglio testimoniare al mondo che Dio è Amore e che ogni vita sana o malata è preziosa ai suoi occhi perché siamo suoi figli creati a Sua immagine e somiglianzà. A te o Maria e a tutti gli organizzatori del Cottolengo il mio grazie per avermi dato la possibilità dì concretizzare il mio grande desiderio: essere dono per gli altri. Settipani Francesco 10

11 r i c e v i a m o e p u b b l i c h i a m o Trasmettere il fascino di Maria O Maria, che sei Immacolata Concezione e la serva del Signore e che Elisabetta ha proclamato benedetta fra tutte le donne. Sul tuo esempio, fà di noi i tuoi servi umili e colmaci con le benedizioni che ci prodighi per mezzo di tuo Figlio Gesu.Lourdes un treno di speranza. Siamo stati tanto in ansia e preoccupati per il nostro pellegrinaggio di settembre, cercando di permettere a tutte le persone partecipanti di celebrare il giubileo delle apparizioni, e di offrire loro un momento importante nella loro vita di preghiera e di fede, un ritorno di fervore nella loro devozione alla Madonna. Inoltre ci premeva dare loro una buona sistemazione sul luogo, nell organizzare bene tutti gli incontri e le celebrazioni. Come sempre ha provveduto la Madonna e tutto si è svolto molto bene, con ordine e con una forte partecipazione da parte di tutti. Gioia, dolore, dame, barellieri, malati e pellegrini insieme, tutti uniti da un filo che si snoda chilometro per chilometro, come i grani del prezioso rosario della sofferenza. È stata una grande esperienza, prima di tutto di rinnovamento come cristiani e anche di unità e dedizione ai nostri ammalati e pellegrini. Presto ci si accorge che veniamo da tanti luoghi diversi, molti non si sono mai visti; eppure si avverte come un aspettare insieme, e ci si sente un cuor solo con tutti. Il servizio a noi affidato, come coordinatori di albergo, è stato molto arricchente perchè prima di tutto ci ha aperto alla carità con tutti e poi ci ha messo di fronte alla grande responsabilità: trasmettere il fascino di Maria e Bernardette attraverso la conoscenza dei luoghi del giubileo (chiesa parrocchiale, cachot, ospizio). Ogni pellegrinaggio ha sempre la sua componente di fatica e di inevitabili disagi. Anche il nostro l ha avuta: le lunghe attese, le difficoltà nella gestione degli alberghi, i pellegrini eccessivamente indipendenti Questo tuttavia non ha scalfito il desiderio di vivere e di seguire le proposte fatte, offrendo le fatiche di tutti. Longhini Donatella 11

12 r i c e v i a m o e p u b b l i c h i a m o Lourdes: folla, fede sofferenza, speranza! Il viaggio a Lourdes, in treno in ambulanza A, tante persone che nella loro vita hanno incontrato il mistero della malattia. A Lourdes è di casa la sofferenza, ma la particolare atmosfera che si respira ci fa scorgere non solo la malattia, ma una moltitudine di persone ammalate. Tanti volti che si muovono tra noi con l aiuto di una carrozzina e, in alcuni casi, di una barella. Stando loro accanto si acquisisce uno sguardo diverso, uno sguardo che non vede solo sofferenza, fatica, limitazione, ma coglie anche sorrisi, confidenza, speranza semplice, ricerca A Lourdes si respira un aria piena di amicizia semplice, quell amicizia che alleggerisce la fatica, perché porta insieme; si incontra quell attenzione discreta che mette a proprio agio l ammalato; quell amicizia che aiuta a vivere. Semplicemente a vivere. Noi, stando accanto a quei tanti sguardi lucidi, impariamo una vita diversa; una vita semplice, piccola, povera dove più che i gesti e il fare, conta il modo con cui si fa. Contano le piccole cose, le attenzioni mirate, la disponibilità, il sorriso. Conta la qualità e l intensità dei nostri gesti di ogni giorno, quelli che trovano senso nella loro quotidiana ripetitività. Una vita dove conta l ascolto più che il parlare, contano gli sguardi. Impariamo ad essere poveri con noi stessi, con gli altri, con le cose, con Dio A Lourdes la parola di Dio non è solo bella parola, ma si fa volto, mani, storie Dio è l aria leggera che si respira accanto al silenzio della Grotta, quando in profondo raccoglimento, si guarda al volto di Maria, e Le si va incontro con gesti lenti e silenzio chissà nel cuore di ognuno cosa succede in quei tanti silenzi di preghiera! Conta essere lì a guardarla senza parole e sentirsi piccoli e poveri, ma ricchi solamente di quella gioia semplice: la gioia dello spirito. Qui c è quella sorgente che dà vita alla nostra vita; qui la croce non spaventa, ma la si accoglie; qui c è l amicizia che aiuta a portare la croce, a viverla tra le cose della nostra vita di ogni giorno, accettando serenamente ciò che siamo. A Lourdes c è l amicizia che è condivisione che si fa comunione. Carlo Boneschi operatore Istituto Don Orione Seregno GRAZIE DAVVERO Carissimi amici oftaliani, desidero raggiungervi tutti per ringraziarvi della vicinanza che mi avete manifestato in occasione della morte della mia mamma. La perdita di un genitore, della mamma in particolare, anche se anziano e malato, è sempre un avvenimento che ti ferisce e ti fa male, ma le numerose manifestazioni di affetto che ho ricevuto, e che ho condiviso con la mia famiglia, mi offrono la possibilità di assaporare la consolazione della vera amicizia, che nasce dal condividere esperienze significative e che testimonia la disponibilità a spartire il peso di certe situazioni. Questo permettere di riprendere il cammino con più gioia e determinazione. Grazie a tutti di cuore Gabriella Tona Gerra 12

13 a p p r o f o n d i m e n t o Beata colei che ha creduto Beata colei che ha creduto! Creduto a chi, creduto a che cosa? Al Signore e alle sue promesse. Beata colei che ha creduto ed è entrata con piena libertà e totale disponibilità nel progetto di Dio. Maria (Miryam) di Nazareth è la realizzazione vivente di quel progetto perché è stata la serva del vero Signore. A ben pensarci, infatti, il problema reale dell esistenza umana è racchiuso in una dimensione di servizio, come Gesù stesso ha indicato: servire Dio o mammona, servire il bene o il male; la verità o la menzogna. Del resto è pura illusione ritenere di non essere al servizio di nessuno. In ultima analisi si tratta di scegliere il proprio Signore: o Colui che è degno di tale appellativo e a cui vale la pena di affidare il proprio destino, o tutto ciò a cui semplicemente si vuole attribuire questa prerogativa, ma che in realtà, a lungo andare chiede veri e propri sacrifici umani. Beata colei che ha creduto e non è indietreggiata quando le condizioni poste dal suo Signore sembravano insostenibili. Sì perché davvero, a volte, sembra che il Signore ci faccia delle proposte che rasentano lo scoraggiamento, chiedendoci di lasciarci coinvolgere in un mistero di morte e resurrezione; chiedendo tutto e subito per Sé e per i fratelli, promettendo un tesoro che a prima vista sembra illusorio. Ma chi ha pazienza e sa attendere e la costanza di perseverare, si rende conto che Lui non delude e che il centuplo promesso è una reale e sperimentabile proporzione. Conoscere però questi segreti della vita é dato solo a coloro che nel Vangelo Gesù chiama piccoli e che il Padre ha scelto come suoi privilegiati interlocutori e destinatari: Ti ringrazio Padre, perché queste L Annunciata (Antonello da Messina) cose le hai tenute nascoste ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Beata colei che ha creduto dunque, perché essendo la più piccola davanti al Signore è stat scelta per diventare la più grande nel Suo Regno. Maria interceda per noi, aiuti la nostra fragile fede, sostenga la nostra speranza e ci accompagni sempre con la sua materna protezione. Valeria 13

14 v i t a a s s o c i a t i v a Un capodanno alternativo Da tempo, al ritorno dal pellegrinaggio, molti di noi proponevano qualche altro giorno con i ragazzi che ormai sono presenza importante del Milano di giugno. Io, poi, da qualche tempo, lanciavo l idea di fare capodanno tutti insieme. Sembrava però un impresa non facile, soprattutto per la difficoltà di trovare un posto idoneo. Durante il mese di agosto 2008 ho cercato, tramite il sito del- la diocesi, qualche indirizzo e quando ho avuto la risposta dalla provincia di Alessandria, ho iniziato a credere che ce l avremmo fatta! E cosi è stato. Siamo partiti il 30 dicembre in mattinata da Rozzano, con il pullman e con l oftalmobile, alla volta di Berzano di Tortona, in un condominio solidale, dove siamo stati ospiti in un casolare ristrutturato. Abbiamo scelto l autogestione perché cosi potevamo davvero condividere ogni momento, e cosi è stato. Il momento più sentito è stato l arrivo del nostro don Carlo, parroco di Sant Ambrogio a Rozzano ed eletto nostro assistente spirituale del gruppo. Con lui abbiamo potuto celebrare la Santa Messa la sera del 31 dicembre e con lui abbiamo festeggiato l arrivo del nuovo anno. Eravamo in 24, ma abbiamo avuto la visita di alcuni volontari con le loro famiglie sia per il 31 dicembre che per il 1 gennaio. E stata un esperienza unica, 14

15 v i t a a s s o c i a t i v a particolare, e molto intensa. Ci ha fatto capire che ormai siamo davvero un gruppo e che il nostro essere OFTAL è davvero importante, perché ci sta facendo crescere anche a livello di fede e soprattutto di condivisione. Certo il pellegrinaggio rimarrà sempre il punto centrale di ogni nostro anno, ma questi momenti di ritrovo che viviamo ormai quasi mensilmente, sono davvero importanti e insostituibili. Grazie a tutti di esserci stati : ai genitori e ai ragazzi che hanno aderito, ai volontari che hanno deciso di passare un capodanno alternativo, alle nuove reclute che ancora non sono oftaliani, ma che hanno condiviso il nostro spirito, all oftal di Milano che ci sostiene in ogni nostra iniziativa, alla nostra amministrazione di Rozzano che ci ha dato una mano anche finanziariamente, e a don Carlo che è sempre presente. I volontari : Cristina, Elisa, zia Lety, Valentina, Mario, Andreone, Edoardo e Davide. I ragazzi: Davidone, Manuele, Sergino, Francesco, Max, Andreino, Claudio, Andrea, Daniele, Enrica, Patrizia, Selene, Tiziana. Le nuove reclute: Antonio, zia Gorizia, Cristina Cristina Baroni Pranzo di Natale 2008 Cosa possiamo dire della giornata trascorsa con i nostri ammalati e disabili il 14 dicembre al Centro Colleoni di Agrate? E stata una giornata bellissima, iniziata con l arrivo dei partecipanti, più di 300 persone, con tanti ammalati provenienti da istituti e case di riposo, chehanno avuto la possibilità di festeggiare il Natale nella famiglia oftaliana. Una giornata trascorsa con tanta gioia e i allegria, una vera festa! Don Paolo ci ha fatto il regalo di essere con noi celebrando la S. Messa con il nostro carissimo don Ettore, ormai ristabilito e questo è stato davvero un regalo di Natale, e così abbiamo trascorso la giornata in loro compagnia. Renato, bravissimo musicista, con i suoi brani ha vivacizzato la festa; la grande tombolata, animata con tanta vitalità e buonumore dai nostri brillanti giovani ha reso l atmosfera molto divertente e partecipe. Una giornata di vera amicizia, all insegna del buon umore e della spensieratezza, che ci ha fatto assaporare il vero senso del Natale: insieme ai piccoli incontro al Messia. Commissione vita associativa 15

16 In famiglia Nati: Enrico di Carulli Gianpaolo (barelliere) e Daria Carisaghi (dama) Milano Chiara di Maurizio Piazzardi (barelliere) e Valentina Bassetti (dama) Milano Hanno raggiunto la casa del Padre: Fiorenti Anna Maria Meani Anna dama Petris Santina Pizzi Angela Rampoldi Tona Ernestina Tarantola Luigi Volpini Loretta Milano Milano Milano Milano Milano Milano Milano Carissimi oftaliani, è imminente la tradizionale, irrinunciabile, mitica Campagna Uova, precisamente il 21 e 22 (nelle piazze) e- 28 e 29 marzo (nelle parrocchie), Come ben sappiamo dall esperienza degli anni trascorsi, non servono solo le uova, ma soprattutto un paio di altre tre cose: Buona volontà, disponibilità, entusiasmo e voglia di esserci (in piazza e in parrocchia), non sul divano o sugli sci, perché sappiamo che quel che stiamo facendo è qualcosa di bello e grande soprattutto per coloro che poi accompagneremo in pellegrinaggio. Quando saremo a Lourdes con coloro per i quali ci stiamo dando da fare, scommettiamo che nessuno ricorderà che si è dovuto alzare presto, ha dovuto caricare i furgoni; ha mangiato solo un panino, ha preso pioggia e vento; ha avuto mal di schiena per lo stare in piedi parecchie ore, ha raccolto numerosi dinieghi? Ora, tutto ciò lo abbiamo già sperimentato così come abbiamo sperimentato quella sottile, calda sensazione che ci entra nel cuore quando pensiamo che i nostri sforzi non sono fini a se stessi, la nostra fatica non verrà, come talvolta accade, spesa inutilmente, ma saranno gli abbracci di coloro che aiuteremo, saranno i loro sorrisi e i loro grazie a ripagarci di una mezza giornata in piazza a covare le uova! Questo invito è per tutti, nessuno escluso! Più siamo, prima facciamo; ci stancheremo di meno e non correremo il rischio di sentir dire sempre quelli! Quindi date la vostra disponibilità in segreteria al più presto, la nostra Fondazione Bernadette attende fiduciosa lo sforzo che già in passato siamo stati capaci di sostenere e proprio quest anno in occasione del 50 della sezione di Milano, dimostriamo di essere all altezza di questa missione possibile!!! 16

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

UNITALSIAMO, voce del verbo pregare

UNITALSIAMO, voce del verbo pregare INDICE UNITALSIAMO, voce del verbo prendere l iniziativa La gioia della missione nell Associazione e nella comunità ecclesiale a cura di Salvatore Pagliuca, Presidente Nazionale U.N.I.T.A.L.S.I. Parte

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá Novena del lavoro 4a San Josemaría Escrivá Preghiera a San Josemaría San Josemaría Escrivá Fondatore dell'opus Dei PREGHIERA Oh Dio, che per mediazione di Maria Santissima concedesti a San Josemaría, sacerdote,

Dettagli

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo COREA Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Il contesto socio-culturale della Corea sperimenta

Dettagli

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Quaderni di spiritualità 1. Liberare la santità di Piccotti Mariano e Vissani

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

CANTI TEMPO ORDINARIO LODATE IL SIGNORE VOI TUTTI DELLA TERRA SANTA CHIESA DI DIO SE M ACCOGLI

CANTI TEMPO ORDINARIO LODATE IL SIGNORE VOI TUTTI DELLA TERRA SANTA CHIESA DI DIO SE M ACCOGLI CANTI TEMPO ORDINARIO LODATE IL SIGNORE VOI TUTTI DELLA TERRA Rit. Lodate il Signore voi tutti della terra servite il Signore nella gioia presentatevi a lui con esultanza. Riconoscete che il Signore è

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli