ffederazione Nazionale Pensionati Cisl Lombardia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ffederazione Nazionale Pensionati Cisl Lombardia"

Transcript

1 ffederazione Nazionale Pensionati Cisl Lombardia in ormfnp Periodico Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà promossa da PENSIONATI LOMBARDIA Anno XVII APRILE

2 Periodico Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà promossa da LOMBARDIA Indice Introduzione a cura della Presidenza Anteas Regionale pag. 3 Protocollo intesa Cisl, Fnp, Anteas pag. 8 Schede di presentazione Anteas Servizi Legge 383 /2000 Cinisello pag. 12 Cremona pag. 14 Legnano Magenta pag. 16 Como pag. 18 Valle Camonica Sebino pag. 20 Anteas Volontariato Legge 266 /91 Bergamo pag. 22 Brescia pag. 25 Brianza pag. 28 Cremona pag. 31 Lecco pag. 32 Mantova pag. 33 Milano pag. 36 Pavia pag. 40 Sondrio pag. 42 Varese pag. 44 Collophone pag. 46 f in ormfnp Federazione Nazionale Pensionati Cisl Lombardia PENSIONATI Anno XVII APRILE INFORMA Direttore Valeriano Formis Comitato di redazione Tino Fumagalli Sofia Rosso Anna Tombini Fausto Gritti Hanno collaborato Noris Pietro Pattini Marino Zucca Ercole Quolibetti Gianni Fossati Elisabetta Direttore responsabile Stefania Olivieri Sede e redazione Via Gerolamo Vida, Milano - MI Tel Fax Stampa Larioprint snc - Como Vice direttore responsabile Mario Clerici Registrato al Tribunale di Milano il 23 marzo 1998 al n. 202 Finito di stampare nel mese di Aprile 2013

3 Una storia di solidarietà, senza ne L ANTEAS nasce nel 1996 grazie all intuizione della FNP-CISL di promuovere un associazione di volontariato e di promozione sociale, costituita in base alle leggi vigenti (L.266/1991 Anteas volontariato; L.383/2000 Anteas promozione sociale) nel rispetto dell autonomia associativa per lo sviluppo delle proprie attività (le fotogra e pubblicate sono la testimonianza delle attività svolte e non sempre corrispondono al testo dell articolo). Con l azione perpetuata in oltre sessanta anni di attività della FNP molte persone anziane hanno potuto migliorare le condizioni di vita e raggiungere la soddisfazione dei loro bisogni materiali, intellettuali e sociali. Tutto ciò si è ottenuto grazie alla contrattazione territoriale con gli enti locali e all azione sindacale che ha permesso di acquisire un welfare in grado di rispondere ai bisogni soprattutto delle classi più deboli e delle persone in di coltà. Proprio su questo terreno Anteas ha sviluppato la propria iniziativa, operando nel mondo del volontariato e della promozione sociale, perseguendo la solidarietà, attraverso i suoi servizi alla persona, creando comunità solidali e realizzando nel territorio rapporti, aggregazioni e reti per accrescere il capitale sociale e perseguire il bene comune. ANTEAS in questi anni è cresciuta e oggi rappresenta una dimensione associativa lom- 3

4 barda che la vede presente nei territori con 11 associazioni di ANTEAS Volontariato e 6 associazioni di Promozione Sociale con un totale di 4925 soci e 1721 volontari. Nelle pagine che seguono, troverete le schede esplicative di ogni ANTEAS Territoriale, con descritte le attività più signi cative e i rapporti con vari organismi del Terzo settore, altri enti no pro t, con le comunità locali e le istituzioni. L ANTEAS attraverso i propri soci e con il lavoro di complementarietà che ha caratterizzato il rapporto con la FNP a tutti i livelli, ha sollecitato l impegno di molte persone nell attività di volontariato contribuendo a sviluppare nuove forme di convivenza associativa e di ondere i valori che danno senso ai legami e alla coscienza sociale. Un esperienza importante e signi cativa è rappresentata dal volontariato. Infatti il volontario ANTEAS, con la sua esperienza di vita che dona in maniera disinteressata la propria capacità d iniziativa, la ducia nella promozione della dignità della persona umana è uno stimolo per tutti noi collaboratori e responsabili ANTEAS, ma anche per la stessa FNP, al ne di riprogettare la società, avviando quei processi di cambiamento, individuali e collettivi, necessari a creare un nuovo benessere sociale. Per questo motivo il volontariato nell ANTEAS non può essere vissuto alla giornata, una promessa d impegno una volta tanto, ma pur nei limiti di tempo che uno sceglie il servizio va dato con continuità. L esperienza autentica di volontariato che propone ANTEAS ha bisogno di alcune caratteristiche che vanno oltre il rispetto di alcuni doveri, perché l obiettivo è quello di perse- 4

5 guire attraverso la cittadinanza responsabile, che vuol dire avere ducia nel ruolo delle reti sociali, per realizzare una società solidale. Il volontario ANTEAS non dovrà mai essere considerato come un supplente delle inadempienze del sistema ma una risorsa complementare: è uno strumento per sostenere le richieste sociali e valorizzare la predisposizione al cambiamento. Il volontario Anteas si nutre di relazioni e dato che non s improvvisa la capacità di stare con gli altri, richiede un adeguata formazione per acquisire il giusto grado di professionalità e di competenza. Importante per tutte le ANTEAS Lombardia, oltre a quanto n ora fatto, è dare risposte alla crescente richiesta di formazione, che coinvolge tutti i soggetti impegnati a vario titolo e secondo le loro speci cità, no a coinvolgere tutti i volontari. Come ANTEAS guardiamo al futuro consapevoli che c è ancora molto da fare e che dobbiamo miglioraci e attrezzarci per dare il meglio di noi stessi e rendere più pro cuo il nostro lavoro. A questo proposito il momento congressuale della FNP-CISL rappresenta un occasione importante per ANTEAS per far valutazioni sull attività svolta e approfondire le proposte e gli obiettivi futuri anche alla luce dell azione comune e dei momenti di complementarietà costruiti insieme per a ermare i valori della solidarietà e dell impegno responsabile. Dopo questi anni di lavoro per sostenere lo sviluppo organizzativo, operativo e progettuale delle nostre associazioni territoriali, oggi ANTEAS Lombardia è una realtà associativa viva e impegnata. Con la sua azione ha dato la possibilità a tante persone anziane di interessarsi ad altre persone e famiglie che necessitavano di un aiuto concreto. Queste valutazioni ci inducono a ri ettere sui molti problemi ancora irrisolti, le s de 5

6 che ci attendono impongono nuove capacità elaborative e dopo questa fase legata alla nascita, alla crescita e al consolidamento dell ANTEAS, dobbiamo delineare gli obiettivi futuri. Tutto questo implica la necessità di allargare i nostri orizzonti aggiornando la casistica degli interventi, ra orzando i rapporti istituzionali sia con gli operatori sociali nei territori che con il terzo settore, per sviluppare ulteriormente la nostra capacità di coinvolgere e fare rete, con i soci, con i volontari e aprendo a persone giovani, avviando così un confronto intergenerazionale. In questa logica di prospettiva futura si inserisce il protocollo d intesa rmato tra la CISL, la FNP e l ANTEAS Nazionale il 7 luglio 2010 che ha promosso altrettanti protocolli rmati in vari territori Sindacali della Lombardia, primo fra tutti quello a livello regionale rmato nel consiglio generale dell USR il 29/11/2010. Oltre che proseguire su questa strada, af- nché in tutti i territori lombardi si raggiunga la rma congiunta tra le parti protagoniste di queste intese, è importante a ermare che perseguire le opportune sinergie a tutti i livelli produce una convinzione forte che il cambiamento della società è possibile. Impegnarci a realizzare i contenuti dei protocolli d Intesa è una risposta a questo obiettivo. La CISL e la FNP riconoscono all ANTE- 6

7 AS, nell ottica della collaborazione sviluppatasi a partire dalla condivisione dei valori fondativi della CISL e che sono stati alla base della promozione dell ANTEAS da parte della Federazione Nazionale Pensionati, il suo progressivo ra orzamento e presenza nel territorio. L ANTEAS è uno strumento importante per favorire la promozione della cittadinanza sociale, il protagonismo dei corpi intermedi,l ampliamento del consenso alla CISL. Pertanto bisogna procedere verso la progressiva integrazione dell ANTEAS nel sistema CISL In concreto da questa presentazione del contesto nel quale ANTEAS si muove oggi e le direttive emerse per il futuro ne esce una sorta di carta di identità di ANTEAS Lombardia e di programma di lavoro. Questa è l Anteas di oggi proiettata nel domani con un progetto di vita che ci guida verso la strada del cambiamento e della solidarietà, con la consapevolezza, che le donne e gli uomini dell ANTEAS sono persone motivate da una coscienza sociale che da più senso alla propria esistenza, fa crescere l appartenenza ad un gruppo e amplia il proprio mondo di relazioni. Un gruppo unito dalla solidarietà aperto ad ogni età della vita. Perché la nostra è una storia di solidarietà senza ne e senza età. La Presidenza Anteas L Anteas Lombardia sempre più in alto. 7

8 FNP PENSIONATI LOMBARDIA LOMBARDIA Protocollo d intesa Cisl, Fnp, Anteas La Cisl, la Fnp e l Anteas DECIDONO di stipulare il seguente protocollo d intesa con la nalità di favorire il raggiungimento dei comuni obiettivi, pur nella distinzione dei ruoli, dando stabilità alla collaborazione e de nendo le sedi per la reciproca valorizzazione a livello nazionale e territoriale. OBIETTIVI DEL PRESENTE PROTOCOLLO D INTESA sono: - favorire il perseguimento delle speci che missioni associative; - sostenere e quali care i ussi informativi e la conoscenza delle Organizzazioni sottoscrittrici ai vari livelli territoriali; - individuare forme di cooperazione degli organismi dirigenti; - ampliare l area di consenso ed il proselitismo a favore di Cisl, Fnp ed Anteas; - giungere al progressivo riconoscimento di Anteas come associazione della Cisl a pieno titolo. MODELLI E LIVELLI DI COORDINAMENTO Per creare sinergia Cisl, Fnp e Anteas si impegnano a condividere un metodo di lavoro che preveda: - la de nizione del programma annuale delle azioni che si intendono portare avanti congiuntamente, gli obiettivi da raggiungere, i modi per la loro realizzazione, le risorse da investire, i criteri per la valutazione condivisa dei risultati; - due incontri annuali di veri ca della progettazione condivisa tra la segreteria della Cisl, quella della Fnp e la Presidenza di Anteas; - la costituzione di un organismo permanente congiunto di gestione tecnico- operativa del presente protocollo. COOPERAZIONE ATTRAVERSO LA PRESENZA NEGLI ORGANISMI DIRETTIVI Per rendere e caci i momenti sinergici occorre rendere indispensabili tali azioni: - l invito permanente e con diritto di parola dei Presidenti di Anteas nelle riunioni degli organismi direttivi della Fnp; 8

9 - l invito dei Presidenti di Anteas nelle riunioni degli negli organismi direttivi della Cisl in ragione dei temi oggetto del presente protocollo; - l inserimento negli organismi direttivi di Anteas, compatibilmente con la normativa che disciplina le Organizzazioni di volontariato e le Associazioni di Promozione sociale, dei Segretari delegati dalla CISL e dalla Fnp. La Cisl e la Fnp si impegnano a far si che nelle loro segreterie si individui un segretario che abbia la delega ai rapporti con Anteas. L Anteas si impegna ad informare costantemente i Segretari delegati da Cisl e da Fnp relativamente alle iniziative da intraprendere. L Anteas si impegna a costituire gli organismi di controllo dell Associazione in accordo con la Fnp. LE PRIORITÀ DELL INIZIATIVA COMUNE Fermo restando la titolarità e l esclusività della contrattazione, ai vari livelli, della Cisl e della Fnp, le tematiche della collaborazione vertono su: a) Le politiche di Welfare, sottolineando l importanza della proposta confederale sulla creazione di una cabina di regia sulla politica sociale e sanitaria. La de nizione delle rivendicazioni che diventino risposte ai bisogni emergenti dal territorio. Si tratta di impegnarsi per la quali cazione della rete dei servizi e quindi dell articolazione in questo campo dei ruoli svolti dal volontariato e dagli altri soggetti di terzo settore. In questo senso l Anteas può dare un contributo quali cante grazie al suo rapporto con le situazioni di disagio utilizzando in maniera sinergica gli spazi della legge 328/2000 ma anche del Decreto legislativo 229/1999, dove sono previste sia forme di consultazione preventiva delle organizzazioni di volontariato, nella fase di organizzazione dei servizi, che nell impostazione della programmazione e di valutazione della funzionalità dei servizi. Allo scopo di rendere produttivo questo ruolo ci si impegna a realizzare tutte le forme di coordinamento nell ambito della contrattazione e della progettazione sociale, veri cando, in particolare, la coerenza delle convenzioni stipulate con le amministrazioni locali da parte delle associazioni Anteas. b) Nel campo delle politiche sociali particolare rilievo verrà dato alla promozione di tutte le forme di auto-aiuto, incoraggiando iniziative congiunte sui temi della banca del tempo, dei gruppi di acquisto solidale e del sostegno a tutte le iniziative che favoriscono la domiciliarità e la territorializzazione dei servizi. Nel campo socio-sanitario dovrà essere realizzata nel territorio la rete degli sportelli di Segretariato in stretta collaborazione tra l Anteas e i servizi della Cisl. c) Favorire progetti per la formazione permanente con un positivo rapporto con le Federazioni della Scuola, dell Università e degli Enti di Ricerca. d) Iniziative per promuovere l integrale attuazione dei diritti costituzionali, concernenti 9

10 l eguaglianza di opportunità e lotta contro ogni forma di discriminazione. e) Promuovere congiuntamente progetti per favorire l invecchiamento attivo, realizzando punti di consulenza per orientare i lavoratori e le lavoratrici, specie nella fase di avvicinamento al pensionamento, all impegno sociale. Sostenendo a questo scopo l avvio del progetto navigare nei mari della solidarietà. f) Sperimentare forme di turismo sociale assistito, rivolta in particolare agli strati più deboli economicamente e ai disabili, secondo quanto previsto anche dai cosiddetti buoni vacanza. g) Valorizzare, la presenza dei volontari del servizio civile nell ambito della vita associativa, così da esaltare e valorizzare l incontro intergenerazionale. IMPEGNI RECIPROCI La Cisl e la Fnp si impegnano a: 1. Sostenere, congiuntamente alle altre espressioni associative della Cisl, l Anteas nella raccolta del 5 per mille. 2. Promuovere tra i propri iscritti I Anteas con tutti gli strumenti necessari. 3. Favorire un sistema logistico soddisfacente e sostenibile di Anteas. 4. Operare sulla base di deliberazione e accordi nazionali per il sostegno anche economico a favore di Anteas, a fronte di una progettazione condivisa. 5. Favorire la promozione di progetti e il lavoro comune tra gli Enti e le associazioni promosse dalla Cisl. 6. Di ondere a livello regionale e territoriale il seguente protocollo d intesa. La Anteas Nazionale si impegna a: 1) Partecipare negli organi rappresentativi del Forum del Terzo Settore e in tutte le realtà rappresentative del volontariato, raccordandosi con Cisl e Fnp ed in sintonia con le altre espressioni promosse dalla Cisl. In tale contesto assumerà atteggiamenti coerenti con gli obiettivi delineati dal protocollo d intesa e per sostenere in quelle sedi l esigenza di sviluppare un rapporto positivo tra Terzo Settore e Sindacato. 2) Partecipare ai tavoli dei piani di zona, dei piani della salute, ai comitati consultivi misti, raccordandosi a tutti i livelli con la Cisl e la Fnp. 3) Confrontarsi preventivamente con Cisl e Fnp a tutti i livelli sui progetti legati al 5 per mille. 4) Far conoscere ai propri soci e volontari in generale e ai cittadini le opportunità o erte dalla Cisl e dalla Fnp, nonché sostenere l adesione alla vita associativa della Cisl e della Fnp. La Cisl, la Fnp e l Anteas si impegnano a programmare insieme la formazione sui temi di interesse comune, e ove possibile, prevedere una reciproca partecipazione alle attività di formazione promosse autonomamente. 10

11 FNP PENSIONATI LOMBARDIA LOMBARDIA CISL, FNP, ANTEAS della Lombardia esprimono soddisfazione per il Protocollo d intesa nazionale sottoscritto dal Segretario Generale Cisl Ra aele Bonanni, dal Segretario Generale Fnp Ermenegildo Bonfanti e dal Presidente di Anteas Riccardo Pezzana. Con tale documento le tre Organizzazioni nazionali una volta di più sottolineano la consonanza valoriale tra Cisl, Fnp e Anteas derivante in particolare dal legame costitutivo tra Fnp e Anteas. Il Protocollo è quindi occasione e strumento per Cisl, Fnp, Anteas ad ogni livello. Le nalità a cui Cisl, Fnp e, Anteas lombarde si sentono impegnate, ma nel proprio ambito di competenza e responsabilità, sono quelle di essere protagoniste dell iniziativa sociale, spinti dal valore della solidarietà e animati dalla volontà di contribuire a realizzare una società più giusta e inclusiva. Il Consiglio Generale dell Usr Cisl Lombardia, riunito a Brescia il 29 novembre 2010, fa proprio il Protocollo d intesa sottoscritto da Cisl, Fnp, Anteas. Gli Organismi Territoriali Cisl, Fnp, Anteas sono invitati ad assumere analoghe iniziative, sottolineando in tal modo l importanza del Protocollo stesso e degli ambiziosi obiettivi che pone. 11

12 Anteas Servizi Cinisello Balsamo Via Dante, CINISELLO BALSAMO - Tel Fax Costituita il 14 novembre Registro APS 31 marzo 2010 n 194 Uomini Donne Totale SOCI VOLONTARI Gruppi operativi nel territorio 1 Presidente Vice Presidente Cesare Flavio Perego Domenico Sanzone Attività istituzionali più signi cative - servizio di assistenza e sostegno telefonico (Progetto Voce Amica ) nel quale sono coinvolti 11 volontari. Nell anno sono state gestiti, in arrivi e in uscita, complessivamente 1743 contatti. - controllo e gestione e momenti di aggregazione, con 4 volontari, in attuazione della Convenzione col Comune per il Progetto Orti Urbani : 120 orti assegnati con regolamento de nito dall Amministrazione Comunale. - soggiorni per anziani (progetto Vacanze per Anziani) - Trasporto/accompagnamento: 320 persone accompagnate 2986 accompagnamenti nell anno 3 automezzi impiegati dei quali 1 proprietà Anteas e 2 in comodato d uso per totale di km percorsi 52 volontari impegnati a turnazione: centralino-10 volontarie, autisti 39 Attività formativa Come per gli anni precedenti è continuato l impegno per o rire iniziative di natura forma- 12

13 tiva a sostegno dei volontari che in particolare nel campo dell accompagnamento e del servizio del Voce Amica Tempo libero, gite e momenti ricreativi Gite giornaliere in Bus,soggiorni sia in Italia che all estero, tour culturali. Di particolare signi cato il progetto Portiamoli con noi : a persone in di coltà e anziani viene o erta l opportunità di partecipare gratuitamente a spettacoli teatrali. Questo lone di attività ha visto il coinvolgimento di oltre 1000 persone sempre accompagnate da volontari, oltre 70. A TEATRO CON NOI Consapevoli dell utilità sociale della cultura e del teatro in particolare, la nostra Associazione con alcune compagnie teatrali costituite da attori volontari di Cinisello, organizza nel più importante Teatro cittadino, Cineteatro Pax, divertenti spettacoli gratuiti per donare qualche sorriso ed alcuni momenti di allegria alle persone che spesso per motivi di salute si avvalgono dei nostri servizi. Nei giorni di spettacolo, quasi tutti i volontari sono impegnati nell organizzazione nell assistenza e nel trasporto. Rapporti con organismi del terzo settore e altri enti non pro t: Anteas collabora in alcune attività con Lega Ambiente-Compagnia del Borgo-Marse. 13

14 Anteas Servizi Cremona Via Dante, CREMONA - Tel Fax Costituita il 9 gennaio Registro APS n 22 Uomini Donne Totale SOCI VOLONTARI Gruppi operativi nel territorio 5 Presidente Emanuele Cortesi Vice Presidente Augusta Poletti U cio di Presidenza Emanuele Cortesi - Augusta Poletti - Giovanni Bottarelli Attività istituzionali più signi cative - Servizi alla persona Nonni vigili tenuta verde pubblico - pulizie ed apertura ambulatorio pubblico - prelievi sangue - Consistenza degli interventi: 45 volontari impegnati a turnazione. Le attività sono svolte in convenzione e/o collaborazione con Comuni di Capergnanica, Ripalta Cremasca, Ripalta Guerina, O anengo, Pieranica Anteas inoltre partecipa attivamente con altre realtà associative al progetto reti nella città. - Amministratore di Sostegno (AdS) Anteas ha aderito al progetto Amministratore di Sostegno avviato in provincia di Cremona per favorire una nuova cultura dei diritti. Tempo libero, gite e momenti ricreativi - In collaborazione con il Teatro Ponchielli e con il Teatro di Casalmaggiore sono state organizzate iniziative di natura culturale con l opportunità di partecipare gratuitamente a spettacoli teatrali. - Iniziative: conoscere per migliorare escursioni storico culturali di 1 giorno, gite e momenti ricreativi - Soggiorno climatico al mare del gruppo di Rivolta D Adda Rapporti con organismi del terzo settore e altri enti non pro t: Anteas partecipa alle iniziative del Forum provinciale del Terzo Settore; collabora in alcune attività con Caritas. Anteas ha costanti rapporti con Fnp-Cisl con signi cativi momenti anche di collaborazione nel territorio fra gruppi operativi e Leghe Fnp. 14

15 FNP PENSIONATI LOMBARDIA LOMBARDIA Il nostro impegno costruire comunità solidali 15 DONO - PROMOZIONE UMANA - SUSSIDIARIETÀ - GIUSTIZIA SOCIALE

16 Anteas Servizi Legnano Magenta Via Alberto da Giussano, LEGNANO - Tel Fax Costituita il 15 marzo Registro APS n 254 Uomini Donne Totale SOCI VOLONTARI Gruppi operativi nel territorio 4 Presidente Gino Silvestri Vice Presidente Angelo Carcassola U cio di Presidenza Gino Silvestri - Angelo Carcassola - Giuseppe Iovaldi (Seg.) U m b erto Ceren z ia - Ro b erto L a mp u g n a n i - Remig io P eru z z i Attività istituzionali più signi cative - Servizi alla persona - Sei giornate di prevenzione osteoporosi con moc ad ultrasuoni in collaborazione dell ASL e Comuni dell area: 700/800 persone coinvolte 4 volontari impegnati - Trasporto/accompagnamento: 1600 persone servite all anno 150 interventi mediamente al mese 4 automezzi impiegati dei quali nessuno di proprietà Anteas 20 volontari impegnati a turnazione 16

17 400 persone accompagnate a cure termali per 12 giorni di cure, trasporto con pullman a noleggio 10 volontari impegnati a turnazione Le attività sono svolte in convenzione e/o collaborazione con Comuni ASL e Centro termale di Terme di Salice Terme. - Servizi e/o animazione presso Case di riposo (RSA o simili): 100 persone servite all anno 23 volontari impegnati a turnazione Le attività sono svolte in convenzione con Comuni (due) in convenzione con RSA (uno) Attività formative - 3 lezioni sull e cacia delle cure termali con docente Universitario - 1 rassegna poesie dialettali ad Arluno Tempo libero, gite e momenti ricreativi Si tratta di attività di natura sociale : gite e momenti ricreativi Rapporti con organismi del terzo settore e altri enti non pro t: Anteas collabora con CSV per progetto Amministratori di sostegno, partecipa alle iniziative del Forum provinciale del Terzo Settore; collabora in alcune attività con Auser e saltuariamente con AVIS e Croce Azzurra. Anteas ha costanti rapporti con Fnp-Cisl con signi cativi momenti anche di collaborazione nel territorio fra gruppi operativi e Leghe Fnp. 17

18 Anteas Como Via Rezzonico, COMO - Tel. 031/ fax. 031/ Costituita il 19 giugno Registro O.d.V. n 2579 Sez. A Uomini Donne Totale SOCI VOLONTARI Gruppi operativi nel territorio 5 Presidente Alberto Agudio Segretario Bevilacqua Liliana Attività istituzionali più signi cative - Servizi alla persona È funzionante un ormai collaudato servizio di denominato telefono informa ( ) che si rivelato un prezioso riferimento, in particolare per persone anziane senza possibilità di appoggi famigliari, per avere informazioni e avvalersi dei vari servizi svolti dai volontari. - Trasporto/accompagnamento: Il servizio, denominato trasporto sociale, è e ettuato nei territori di Como, Cantù-Mariano C., Erba, Lurate-Olgiate Alto Lario (Dongo) 5914 i servizi e ettuati nel 2012 oltre i Km percorsi 18

19 7 automezzi impiegati di proprietà Anteas 47 volontari impegnati a turnazione - Amministratori di sostegno (AdS) Anteas è tra i promotori del progetto ADS e in questo ambito ha contribuito ai vari aspetti operativi come la nascita dell associazione Vicini alla Persona - Animazione Case di riposo e Centri anziani I volontari Anteas fanno animazione in Case di riposo e qualche esperienza è stata avviata anche con presenze di sostegno a domicilio. Sono inoltre di supporto in alcuni Centri Anziani da alcuni anni a liati. - Da un anno è attivo lo sportello di segretariato sociale che raccoglie i vari bisogni delle persone e fornisce risposte o attraverso forme di assistenza diretta in collaborazione con le categorie e i servizi della CISL,oppure indirizzando gli utenti agli u ci competenti - Formazione La formazione si articola su due ambiti: Formazione dei volontari con un corso annuale incentrato sugli aspetti psicosociali e relazionali Formazione con iniziative su tematiche sociali e di contenuto culturale. Progetto internazionale Nel 2012 Anteas, con Auser, Ada e Centro Servizi, ha partecipato al progetto GRUNDTVIG - nanziato dalla Comunità Europea. Con un partner Sloveno sono stati realizzati degli scambi di rispettivi volontari che hanno vissuto nei due Paesi l esperienza delle associazioni coinvolte. Rapporti con organismi del terzo settore e altri enti non pro t Anteas è presente negli organismi del CSV e partecipa alle iniziative del Forum provinciale del Terzo Settore; collabora in alcune attività con Caritas, Auser ed altre realtà associative. Anteas ha costanti rapporti con Fnp-Cisl con signi cativi momenti anche di collaborazione nel territorio fra gruppi operativi e Leghe Fnp. 19

20 Anteas Servizi Valle Camonica-Sebino Via A. Lorenzetti, DARFO BOARIO TERME - Tel Fax Costituita il 17 luglio Registro APS. n 112 Uomini Donne Totale SOCI VOLONTARI Gruppi operativi nel territorio 2 Presidente Zeno Rinaldi Vice Presidente Ciro Jacopino U cio di Presidenza Zeno Rinaldi Ciro Jacopino Bortolo Luigi Mariotti Attività istituzionali più signi cative - Servizi alla persona Pasti a domicilio. Consistenza degli interventi: Sono mediamente 2 le persone servite al giorno 5 i volontari impegnati a turnazione - Trasporto/accompagnamento: 9 persone servite al giorno 11 volontari impegnati a turnazione Le attività sono svolte in convenzione e/o collaborazione con Comuni - Enti altre associazioni. - Formazione - Vengono svolti corsi su temi di cultura generale, letteratura, arte, astronomia, storia locale, personaggi famosi. Questa la dimensione dell iniziativa nel 2012: 2 corsi svolti nei Comuni di Iseo e Sarnico 200 circa le persone coinvolte 8 i volontari impegnati oltre al ricorso a docenti esterni L attività è svolta con la collaborazione dei Comuni, Comunità Montane, Anteas Bergamo e Brescia. Tempo libero, gite e momenti ricreativi Si tratta di attività di natura sociale : visite guidate proposte ai partecipanti ai corsi dell università anziani, gite e momenti ricreativi. L attività svolta in collaborazione con Etsi-Cisl. Rapporti con organismi del terzo settore e altri enti non pro t: Anteas è presente negli organismi del CSV e partecipa alle iniziative del Forum provinciale del Terzo Settore; collabora in alcune attività con Caritas, Auser ed altre realtà associative. Anteas ha costanti rapporti con Fnp-Cisl con signi cativi momenti anche di collaborazione nel territorio fra gruppi operativi e Leghe Fnp. 20

21 FNP PENSIONATI LOMBARDIA LOMBARDIA Il nostro impegno costruire comunità solidali DONO - PROMOZIONE UMANA - SUSSIDIARIETÀ - GIUSTIZIA SOCIALE 21

22 Anteas Bergamo Via G. Carnovali, 88/A BERGAMO - Tel Fax / Costituita il 11 febbraio Registro O.d.V. n 2486 Sez. A Uomini Donne Totale SOCI VOLONTARI Gruppi operativi nel territorio 13 Centri Anziani a liati 4 Presidente U cio di Presidenza Giuseppe Della Chiesa Mario Fiorendi - Emilio Signori - Fausto Gritti Attività istituzionali più signi cative - Servizi alla persona Pasti a domicilio Accompagnamento - Trasporto dializzati Consistenza degli interventi: 340 persone servite al giorno 360 volontari impegnati a turnazione - Trasporto/accompagnamento - Le attività sono svolte in convenzione e/o collaborazione con Comuni - Enti altre associazioni: 105 persone servite al giorno, con 1900 interventi mediamente al mese 25 automezzi impiegati dei quali 11 di proprietà Anteas 80 volontari impegnati a turnazione 22

23 - Anteas ha aderito al progetto relativo all istituzione della gura dell Amministratore di Sostegno. Università e Formazione - Università degli anziani L attività ha una storia lunga 30 anni. Vengono svolti corsi su temi di cultura generale, letteratura, arte, astronomia, storia locale, personaggi famosi. Questa la dimensione dell iniziativa 2011/2012: 25 le sedi dei corsi 2200 le persone coinvolte provenienti da 80 Comuni 35 volontari impegnati oltre al ricorso a quasi 60 docenti esterni L attività è svolta quasi ovunque con la collaborazione dei Comuni. - Attività formativa - Svolta di norma in collaborazione con C.S.V. ed è rivolta ai volontari Anteas. Signi cativa la ricerca che ha coinvolto i volontari condotta sulla realtà e sulle prospettive di Anteas nella Provincia. Tempo libero, gite e momenti ricreativi Si tratta di attività di natura sociale e culturale. Di un certo rilievo le visite guidate: opportunità proposte ai partecipanti ai corsi dell università anziani: 43 quelle e ettuate nel 2012 L attività svolta in collaborazione con Etsi-Cisl Rapporti con organismi del terzo settore e altri enti non pro t Anteas è presente negli organismi del CSV e partecipa alle iniziative del Forum provinciale del Terzo Settore; collabora in alcune attività con Auser ed altre realtà associative. Anteas ha costanti rapporti con Fnp-Cisl con signi cativi momenti anche di collaborazione nel territorio fra i numerosi gruppi operativi e Leghe Fnp. A Bergamo il 4 febbraio 2013 è stata costituita anche ANTEAS SERVIZI BERGAMO, Associazione di Promozione Sociale che è attualmente in fase di organizzazione della propria iniziativa dentro il quadro stabilito dalla Legge nazionale 383/2000 e dalla Legge Regionale 1/

Associazione Nazionale Terza Età Attiva Solidale BRESCIA Volontari tra le gente per rispondere ai bisogni di TUTTI

Associazione Nazionale Terza Età Attiva Solidale BRESCIA Volontari tra le gente per rispondere ai bisogni di TUTTI Associazione Nazionale Terza Età Attiva Solidale BRESCIA Volontari tra le gente per rispondere ai bisogni di TUTTI Un ponte per superare la fragilità Da ANTEA ad ANTEAS S come S O L I D A R I E T A Abbiamo

Dettagli

Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura

Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura Fianco a Fianco aderisce al Progetto Regionale ADS ed ha l'obiettivo di sostenere la diffusione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti

GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti Convenzione di Sovvenzione n. 2011/FEI/PROG-100781 CUP B53I12000030003 GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti CORRELARE: partnership ed esiti del progetto Rosita Viola Provincia

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

IL VOLONTARIATO E IL SISTEMA DI PORTEZIONE GIURIDICA. Seminari di formazione per responsabili ed operatori del Terzo Settore in Lombardia

IL VOLONTARIATO E IL SISTEMA DI PORTEZIONE GIURIDICA. Seminari di formazione per responsabili ed operatori del Terzo Settore in Lombardia Istituto Regionale lombardo di Formazione per l amministrazione pubblica IL VOLONTARIATO E IL SISTEMA DI PORTEZIONE GIURIDICA Seminari di formazione per responsabili ed operatori del Terzo Settore in Lombardia

Dettagli

da una parte dall altra

da una parte dall altra Area Generale di Coordinamento 17 - Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Osservatorio Regionale Settore 03 - Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Agenzia Nazionale per

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

VISION a Casa del Volontariato VOCE

VISION a Casa del Volontariato VOCE Un oasi di solidarietà, nel cuore della città. VISION a Casa del Volontariato VOCE LVolontari al Centro è il luogo che racchiude in modo nuovo la dimensione comunitaria della vita a Milano e nella sua

Dettagli

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture Protocollo d intesa tra Amministrazione Provinciale di Modena Comune di Modena Associazione Servizi per il Volontariato Modena Associazione Casa delle Culture di Modena per la realizzazione del progetto

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE della Regione Art. 1 Costituzione E costituita su delibera della ConVol nazionale la Rete regionale ConVol della Regione come articolazione regionale della ConVol nazionale,

Dettagli

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 PROGETTO TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 Premessa Il Progetto si configura come nuovo sistema di telefonia che assorbe e da continuità alla sperimentazione

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

Auser Regione Sardegna www.auser.sardegna.it. Telefonia Sociale

Auser Regione Sardegna www.auser.sardegna.it. Telefonia Sociale 1 Auser Regione Sardegna www.auser.sardegna.it Alla Regione Autonoma della Sardegna Assessorato Igiene e Sanità Direzione Generale Politiche Sociali Via Roma 253 09123 CAGLIARI OGGETTO: Relazione N 3 sul

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili SETTORE e Area di Intervento: Assistenza - Anziani OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generali:

Dettagli

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo... Le associazioni di promozione sociale ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...29 Procedura per l iscrizione...31

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

Premesso che. Tutto ciò premesso

Premesso che. Tutto ciò premesso BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA AI SENSI DELL ART.15 DELLA LEGGE 11 AGOSTO 1991, N. 266 E DEL DECRETO DEL MINISTERO DEL TESORO 8

Dettagli

Protocollo d intesa tra tra Amministrazione Comunale di Brescia e Sindacati pensionati Spi Cgil Fnp Cisl Uilp Uil. Anno 2015

Protocollo d intesa tra tra Amministrazione Comunale di Brescia e Sindacati pensionati Spi Cgil Fnp Cisl Uilp Uil. Anno 2015 Protocollo d intesa tra tra Amministrazione Comunale di Brescia e Sindacati pensionati Spi Cgil Fnp Cisl Uilp Uil Anno 2015 PREMESSO CHE l Amministrazione comunale di Brescia, in linea con i propri indirizzi

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI codice intervista: Sezione A) DATI RELATIVI ALL ASSOCIAZIONE E A CHI RISPONDE AL QUESTIONARIO.A00 Denominazione Associazione Nome e Cognome Numero di

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza MIUR PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA REGIONE

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida. STAFF del SINDACO PROTOCOLLO DI INTESA

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida. STAFF del SINDACO PROTOCOLLO DI INTESA CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida STAFF del SINDACO PROTOCOLLO DI INTESA Per la creazione di uno Sportello Comunale del Consumatore In attuazione

Dettagli

Volontariato e Associazioni no-profit a Ferrara

Volontariato e Associazioni no-profit a Ferrara AGIRE SOCIALE C.S.V. FERRARA Volontariato e Associazioni no-profit a Ferrara Ferrara 15 febbraio 2013 1 Il Terzo Settore in provincia di Ferrara: un po di numeri (dati al 31/12/2012) Organizzazioni di

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA R E G O L A M E N T O Premessa Facendo proprie le considerazioni dell arcivescovo

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 ------- Accordo 16 dicembre 2014 sottoscritto tra Cgil, Cisl, Uil congiuntamente alle Federazioni regionali pensionati Spi, Fnp e Uilp della Lombardia e l

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Anffas Onlus di. Varese Busto A. Ticino Luino

Anffas Onlus di. Varese Busto A. Ticino Luino Anffas Onlus di Varese Busto A. Ticino Luino Associazione Famiglie di Disabili Intellettivi e/o Relazionali Sito Internet Nazionale:www.anffas.net Oggetto : iniziativa Anffas Varese, Busto Arsizio, Somma

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 All.2 Schema di Convenzione tra la Provincia di Lecco e l'azienda Sanitaria Locale di Lecco per la regolazione

Dettagli

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità Deliberazione legislativa n. 87/2014 2 Art. 1 Finalità 1. La Regione Emilia-Romagna riconosce e promuove, nell ambito delle politiche del welfare, la cura familiare e la solidarietà come beni sociali,

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Partner. Ente capofila

Partner. Ente capofila Partner Provincia di Brescia Comune di Brescia Uffi cio Scolastico Provinciale Associazione Comuni Bresciani Camera di Commercio di Brescia Centro Oratori Bresciani Comunità Montana della Valle Trompia

Dettagli

ASS.ONLUS PICCOLI AMICI. COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014

ASS.ONLUS PICCOLI AMICI. COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014 ASS.ONLUS PICCOLI AMICI COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014 LA NOSTRA STORIA L Associazione ONLUS Piccoli Amici nasce il 2 ottobre

Dettagli

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA :

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA : La collana TRENTINOFAMIGLIA è un iniziativa del Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità atta ad informare sui progetti in atto in Provincia di Trento e a raccogliere

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Il contesto Conferenza di organizzazione Stati Generali Iniziative

Il contesto Conferenza di organizzazione Stati Generali Iniziative Il contesto Conferenza di organizzazione Stati Generali Iniziative Proposte di lavoro 1 1. Democrazia e partecipazione 2. Territorio e nuove strutture 3. Contrattazione inclusiva 4. Profilo identitario

Dettagli

Linee guida per la realizzazione degli Uffici di Promozione sociale

Linee guida per la realizzazione degli Uffici di Promozione sociale G I U N T A R E G I O N E M A R C H E DIPARTIMENTO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITÅ SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Linee guida per la realizzazione degli Uffici di Promozione sociale Ancona, maggio 2003

Dettagli

Una proposta per le imprese in cerca di vantaggi.

Una proposta per le imprese in cerca di vantaggi. Una proposta per le imprese in cerca di vantaggi. IL MONDO DI AUSER Auser è Auser è l Associazione che valorizza gli anziani. Che li aiuta a risolvere infiniti problemi. Che con le sue iniziative, i suoi

Dettagli

AREA DONNA ATTIVITA SETTORE DONNA

AREA DONNA ATTIVITA SETTORE DONNA ATTIVITA SETTORE DONNA L attività di questo settore è centrata sulla promozione di modelli culturali che rispettino e valorizzino le specificità e il protagonismo del genere femminile AMBITI D INTERVENTO

Dettagli

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici Informazioni Accoglienza Condivisione Sostegno e...molto altro ancora! Via Giusti 12, Monza 039/2301658 volontari.asvap@gmail.com www.asvapbrianza.it

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: IMPRESA SOCIALE E SERVIZIO CIVILE

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: IMPRESA SOCIALE E SERVIZIO CIVILE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 6 9/04/014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 7194 DEL 17/04/014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: IMPRESA SOCIALE

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 172/2009 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Lunedì 23 del mese di Febbraio dell' anno 2009 si è riunita nella residenza di via Aldo Moro, 52 BOLOGNA la Giunta regionale con l'intervento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI.

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. Denominazione Ente: Fondazione famiglia materna Indirizzo: via Saibanti 6 Recapito telefonico: 0464435200 Referente per i contatti con i giovani:

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI Il Comitato Direttivo dell AUSER nazionale riunito a Roma in data 24 giugno 2015 - valutando

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

Progetto Di tutti i colori 3

Progetto Di tutti i colori 3 Progetto Di tutti i colori 3 Sintesi Area di intervento Assistenza immigrati, profughi Regioni in cui è attivo il progetto - Calabria - Lombardia - Puglia - Veneto Descrizione Il contesto settoriale in

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

PROTOCOLLO D INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO PROTOCOLLO D INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO PROTOCOLLO D INTESA tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA (di seguito

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli