Incontinenza urinaria da sforzo femminile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Incontinenza urinaria da sforzo femminile"

Transcript

1 Notiziario finco Anno 6 - Numero 1, Gennaio-Giugno 2005 Periodico semestrale Spedizione in abbonamento postale - 45% - art. 2 comma 20/b legge 662/96 - Filiale di Milano Incontinenza urinaria da sforzo femminile Atto Camera n.148 e Abbinati: Norme in favore dei soggetti incontinenti e stomizzati

2 L Associazione FINCO e fornisce gratuitamente: Tutti coloro che desiderano sostenerci possono effettuare un versamento postale intestato alla: Federazione Italiana INCOntinenti FINCO Conto corrente postale n Casella Postale n Capurso (BA) Iscriversi alla FINCO e ricevere i prossimi numeri del periodico di informazione EUREKA. Basta compilare, firmare e inviare il coupon a: Viale Orazio Flacco, Bari Cognome Via/Piazza Nome N civico CAP Città Provincia (sigla) Telefono Desidero iscrivermi all Associazione Desidero ricevere i prossimi numeri di EUREKA - Notiziario finco Anno di nascita Professione Vi orienta Informazioni socio-sanitarie Informazioni sugli ausili per la continenza Consulenze di esperti nel settore medico/infermieristico Consulenza legislativa Consulenza burocratica e tutela dei diritti Invio del Periodico di informazione Eureka Ai sensi dell Art. 10 della Legge 675/96 l interessato/a acconsente che i dati personali forniti vengano utilizzati dalla FINCO (Federazione Italiana INCOntinenti) per aggiornamenti e informazioni relativi alla Federazione stessa. La informiamo inoltre che, in relazione ai predetti trattamenti, Lei potrà esercitare i diritti di cui all Art. 13 della Legge 675/96. Fax Da Lunedì a Venerdì dalle 9.00 alle Finco Numero Verde Direttore Responsabile Francesco Diomede Comitato di Redazione Francesco Pesce Rosa Velati Marco Salis Comitato Scientifico Maria Rosa Basso Mario De Gennaro Rodolfo Milani Francesco Pesce Antonio Perrone FINCO Federazione Italiana INCOntinenti Viale Orazio Flacco, Bari Telefono: Fax: Recapito postale FINCO Casella Postale n Capurso (BA) Direttore Editoriale Pietro Cazzola Direzione Marketing Armando Mazzù Sviluppo e Nuove Tecnologie Antonio Di Maio Progetto Grafico Piero Merlini Scripta Manent s.n.c. Via Bassini, Milano Tel / Fax Stampa: Arti Grafiche Bazzi, Milano Registrazione: Tribunale di Bari n.1433 del 30/09/1999 È vietata la riproduzione totale o parziale, con qualsiasi mezzo, di articoli, illustrazioni e fotografie pubblicati senza espressa autorizzazione dell Editore. L Editore non risponde dell opinione espressa dagli autori degli articoli. Diffusione gratuita. Ai sensi dell articolo 13 della legge 675/96 sulla Tutela dei dati personali ciascun destinatario della presente pubblicazione ha diritto, in qualsiasi momento di consultare, far modificare, o far cancellare i propri dati personali o semplicemente opporsi al loro utilizzo, tramite richiesta scritta. Data Firma

3 Francesco Diomede Cari Amici, la Federazione Italiana INCOntinenti, di seguito denominata FINCO, è nata nel 1999 per sancire il diritto ad una migliore qualità di vita e per sensibilizzate maggiormente le Istituzioni ed i mass-media alle nostre non facili problematiche. Il successo dell Associazione è merito degli associati, dei mass-media (stampa, radio e TV), del Notiziario informativo Eureka e della professionalità degli urologi addetti al Numero Verde ( ), che con discrezione e competanza contribuiscono alla soddifazione degli associati che ci contattano. Infatti, le numerose telefonate ricevute ci incoraggiano a proseguire il cammino intrapreso, non a caso la FINCO ha stimolato l Atto Camera n.148 e Abbinati, approvata all unanimità dalla Commissione AA. SS. della Camera dei Deputati (1 dicembre 2004). La legge, ove approvata istituirebbe i Centri Regionali per la Cura e la Riabilitazione dell Incontinenza ed è proprio al loro interno che si dovrà effettuare la diagnosi dell incontinenza, la riabilitazione, si potranno istruire i pazienti o i loro familiari ad un corretto uso dei pannoloni, oltre a fornire un sostegno concreto alle famiglie degli incontinenti gravi, specie se allettati o non autosufficienti. Altro grave problema è l assoluta mancanza di bagni pubblici nel Territorio, la qualità degli ausili protesici (pannoloni, sonde, sacche di raccolta, traverse, cateteri, ecc., ecc.) e la rimborsabilità dei farmaci per la continenza, oggi tutti a pagamento. A Roma, dal 24 al 26 marzo 2005, nell Aula Magna INAIL (Piazzale Pastore - Roma EUR) si terrà in 1 Meeting euro-mondiale delle Associazioni di pazienti incontinenti, organizzato proprio dalla FINCO. All importante evento hanno aderito molti Paesi: Stati Uniti (due Associazioni), Italia, Francia, Polonia, Inghilterra, Olanda (due Associazioni), Spagna, Svezia, Danimarca, Finlandia, ecc. Questo appuntamento romano per noi della FINCO è stato un atto d amore FINCO verso tutti pazienti, che in assoluto silenzio vivono queste difficili problematiche sulla propria pelle. Gli associati che vogliono partecipare all evento possono contattarci e partecipare come uditori. Inoltre, auspicando che il Santo Padre goda ottima salute, il 23 marzo c.a., alle ore 10,30 saremo ricevuti da Lui in audizione. Coloro che vogliono impegnarsi ad aprire una sezione della FINCO nel proprio Territorio possono contattare la Segreteria nazionale ( ) o telefonare al numero verde ( ) e proporsi come referenti FINCO (n.b.: allegando un breve curriculum vitae). Auspicando un massiccio consenso alle nostre iniziative, auguro a tutti Voi un futuro radioso. Francesco Diomede 3

4 V Convegno Nazionale In una splendida cornice, il 24 e 25 settembre 2004, si è svolto a Bari il VII Congresso Nazionale Aistom, il V Convegno Nazionale FINCO ed il IV AIMAR, dal titolo: Dalla terapia alla alimentazione tutto ciò che ruota intorno al pianeta incontinenza. Con l alto patrocinio del Ministero della Salute, della Presidenza della Regione Puglia, del Collegio Nazionale IPASVI ed altre numerose Associazioni, gli obiettivi erano: fornire agli operatori socio-sanitari le nozioni sulle problematiche, sull assistenza e sul percorso riabilitativo del paziente incontinente; assicurare al paziente incontinente una adeguata assistenza, informandoli sulle novità scientifiche, utili per un nuovo percorso scientifico e sociale; rendere più visibili le problematiche familiari, perché quando in famiglia vive un incontinente tutti sono colpiti ed è difficile abbattere la cultura dell isolamento e del non far sapere ; salvaguardare l importanza del piano riabilitativo teso al pieno recupero funzionale e sociale del paziente incontinente; informare il paziente e gli Operatori socio-sanitari sull esistenza e sul ruolo civile e democratico che svolgono le Associazioni di pazienti. La sede è stata quella dello Sheraton Nicolaus Hotel, vetrina delle migliori Convention nazionali ed internazionali; a tale cornice ha fatto da contraltare un insieme di contenuti di tutto rispetto. Si sono infatti alternati relatori più o meno illustri, ma comunque sicuramente competenti, che hanno saputo, per tutta la durata del convegno, calamitare l atten- FINCO Dr. Massimo Castellano zione della nutrita platea. Molto significative sono state le testimonianze dei pazienti ed i contributi dei rappresentanti delle differenti Asso-ciazioni (FAVO, ConfOnlus, AIMAR, AMICI ed Associazione Insieme di Firenze), che hanno lamentato il disinteresse delle Istituzioni verso i nostri problemi. Problemi che nelle realtà quotidiana non sono soltanto i nostri problemi, ma i problemi di tutti, atteggiamento questo che rende più arduo il cammino intrapreso dall Aistom anni orsono. Cammino abbastanza minato, sia per carenza di fondi, che per indiffidenza da parte di coloro che credono in ciò che fanno, ma nella realtà sono abbandonati a se stessi, in tutti i sensi. Ovviamente la protagonista vera del Convegno è stata sicuramente la stomia e con essa l incontinenza urinaria e fecale, che hanno pavoneggiato in gran parte, se non in tutte le relazioni esposte. Si è parlato di iter diagnostici, terapeutici e assistenziali, sicuramente fra i più moderni che la scienza in questo momento può offrire, arrivando persino al contributo avveniristico del robot nella risoluzione di problemi sanitari. Sino a ieri sembrava impossibile che l uomo potesse affrontare e risolvere con la chirurgia robotica. Ma attenzione, perché quello stesso uomo che ha concepito il robot deve soffermarsi a pensare che oltre a questo, bello sarebbe che dedicasse un sorriso a tutti coloro che ne hanno bisogno, abbandonando l indifferenza, che sempre più aleggia su tutto ciò che quotidianamente facciamo!!! 4 La F.A.V.O. è pronta a decollare A Ovada, in occasione della Terza Conferenza Nazionale sul Volontariato in Oncologia, del 9 Ottobre 2004, ha avuto luogo la prima assemblea ordinaria di Favo (Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia), di cui fanno parte 50 Associazioni, che hanno approvato la relazione del Coordinatore Nazionale, il Prof. Francesco De Lorenzo, sull attività svolta e sulle iniziative da intraprendere, a tutela dei diritti del malato di cancro e delle loro famiglie. Sono stati eletti componenti nel Comitato Esecutivo: Anna Laura Ravera (VELA), Silvana Zambrini (ANTEA), Francesco Diomede (AISTOM/FINCO), Sergio Canzanella (HOUSE HOSPITAL), Francesco de Loren-zo (AIMaC), Giorgio Saiani (AIL - Associazione Italiana Laringectomizzati), Francesco Fazzio (ANDOS), Giorgio Ratti (ALTEG), Luminita Andreescu (ANVOLT), Elisabetta Iannelli (AIMaC) e Lalla Monesi (ANDOS). Subito dopo l Assemblea, si è riunito il Comitato Esecutivo ed ha eletto Presidente il Professor Francesco De Lorenzo (AIMaC). Vice-presidenti: Giorgio Ratti (ALTEG) e Silvana Zambrini (ANTEA). Segretario/Tesoriere: Elisabetta Iannelli (AIMaC). La F.A.V.O. è la Federazione delle Associazioni del Volontariato in Oncologia, composta da cinquanta Associazioni, ma la sfida è di aumentare in breve tempo le adesioni. I presupposti ci sono tutti, perché F.A.V.O. intende rafforzare la rete delle Associazioni e prendere la forza dalle coesione di tutte, per condurre in modo più efficace la battaglia contro il cancro e per assicurare ai malati la loro riabilitazione completa nella Società civile. Con F.A.V.O. le associazioni danno un segnale importante: superare le individualità per mettere al centro i bisogni dei malati di cancro e delle loro famiglie. F.A.V.O. consente di promuovere una nuova concezione dei diritti del lavoro contro le discriminazioni di cui i malati di cancro continuano a essere vittime. In concreto, F.A.V.O. ha preparato (in collaborazione con le istituzioni) un indagine conoscitiva sulle strutture riabilitative del Territorio e della loro disponibilità con percorsi specifici per i malati e anche un analisi sulla casistica epidemiologica delle principali neoplasie in rapporto alle capacità riabilitative delle stesse. F.A.V.O. ha intrapreso un rapporto di collaborazione con gli assessorati regionali alla sanità e, come ha sostenuto Fabio Gava, coordinatore degli assessori regionali e provinciali della sanità, F.A.V.O. è un rilevantissimo esempio di organizzazione in rete nazionale per sviluppare un nuovo atteggiamento di cooperazione al fine di favorire il cambiamento del rapporto cancromalato e cancro-individuo sano. F.A.V.O. ha anche curato la prima Guida in Italia delle Associazioni del volontariato in oncologia, che costituisce uno strumento indispensabile per informare i malati di cancro e le loro famiglie sulla presenza delle singole Associazioni nel Territorio. Il sito di F.A.V.O. è L indirizzo di posta elettronica è

5 Atto Camera n.148 e Abbinati (Norme in favore di soggetti incontinenti e stomizzati), approvato dalla Commissione AA.SS. della Camera dei Deputati il 1 Dicembre TESTO UNIFICATO ART. 1. (Finalità) 1. La presente legge disciplina le tipologie e le modalità di interventi in favore dei soggetti incontinenti, stomizzati, portatori di malformazioni ano-rettali e uro-genitali. ART. 2. (Destinatari) 1. Soggetti incontinenti sono i portatori di patologie organiche e funzionali gravi, sia congenite che acquisite, che danno luogo ad incontinenza urinaria o fecale grave compromettendo gravemente la qualità della vita dei paziente. 2. I soggetti stomizzati sono coloro ai quali a seguito di intervento chirurgico, è stato attuato un nuovo collegamento provvisorio o permanente tra cavità interne del corpo e l'esterno, attraverso il confezionamento di un neostoma cutaneo. 3. Sono ammessi a fruire dei benefici previsti dalla presente legge: a) i soggetti portatori di urostomie; b) i soggetti portatori di stomia intestinale; c) i soggetti portatori di esofagogastrostomi o digiunostomia a scopo nutrizionale; d) i soggetti portatori di tracheostomie definitive; e) gli incontinenti urinari o fecali medio-gravi. ART. 3 Soppresso ART. 4. (Specificazione degli interventi). 1. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri da adottare, entro novanta giorni dalla data di entrata la vigore della presente legge su proposta dei Ministro della Salute, d'intesa con la Conferenza per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari, sono definiti. ad integrazione delle prestazioni già garantite dal Servizio Sanitario Nazionale, i livelli essenziali delle prestazioni riferiti a: a) i presidi sanitari presenti sul mercato da fornire ai soggetti portatori di incontinenza uninaria o fecale e di stomie, salvaguardando il principio di libera scelta, nonché il quantitativo mensile di materiale da concedere loro gratuitamente, in rapporto ad età, classe di gravità della patologia, compiicanze e compatibilità; b) i livelli di assistenza socio-sanitaria a domicilio, nei luoghi di lavoro se necessaria e, nel caso di bambini stomizzati, o con atresie ano-rettali o che necessitano dì cateterismo intermittente, nelle scuole di ogni ordine e grado; c) le modalità per garantire l'educazione e l'adeguata informazione dei pazienti e dei familiari per ciò che attiene alle procedure da adottare per il mantenimento dell'igiene personale in presenza di incontinenza e di stomie allo scopo di prevenire complicanze; d) le modalità del controllo clinico periodico della funzionalità e della condizione della stomia, dello stato funzionale dell'incontinenza urinaria o fecale, anche per una rivalutazione dell'adeguatezza dei presidi adottati e dei trattamenti riabilitativi in atto; e) soppressa; f) le modalità relative alla fornitura (fascia A dei Prontuario farmaceutico nazionale) agli incontinenti medio-gravi dei farmaci per l incontinenza. ART. 5. (Istituzione dei centri riabilitativi). 1. Per assicurare le prestazioni sanitarie ai soggetti di cui all'articolo 2, le regioni istituiscono, almeno uno per ciascuna regione, appositi "Centri riabilitativi", in cui vengono fornite prestazioni multidisciplinari diagnostiche, terapeutiche, riabilitative e di monitoraggio della malattia di base. ART. 6. Soppresso ART. 7. Soppresso Art. 8. (Specializzazione infermieristica). 1. Con decreto del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca, di concerto con il Ministro della Salute e sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, da emanare entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, è individuato il percorso formativo in ambito universitario finalizzato alla formazione di personale infermieristico professionale che si occupi dell'incontinenza urologica, fecale e stomale. Tale figura risponde all'assistenza infermieristica del paziente stomizzato ed incontinente. 2. Con lo stesso decreto sono individuati i criteri per l'equipollenza dei titoli conseguiti dagli infermieri che hanno frequentato corsi post-laurea di perfezionamento in stomaterapia prima della data di entrata in vigore della presente legge. Norme in favore di soggetti incontinenti e stomizzati 5

6 Norme in favore di soggetti incontinenti e stomizzati 6 3. Le commissioni mediche per l'accertamento dell'invalidità civile e dell'handicap, istituite ai sensidell'articolo 4 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, nel caso di accertamento su persona avente disabilità ai sensi della presente legge, sono integrate con un medico specializzato in tali discipline. ART. 9. (Ulteriori agevolazioni). 1. Per i soggetti incontinenti medio-gravi e stomizzati, la tariffa dell'acqua per uso domestico è ridotta del 30 per cento. ART. 10. (Revisione delle percentuali di invalidità). 1. Ai fini dell'invalidità, le stomie e l'incontinenza urinaria medio-grave sono classificate con le seguenti percentuali di invalidità: a) soppressa; b) stomie definitive 90 per cento; c) più stomie 100 per cento; d) soppressa; e) malformazioni ano-rettali alte 100 per cento; f) soppressa; g) incontinenza grave 100 per cento. 2. In attuazione di quanto disposto dal comma 1, il Ministro della Salute, con proprio decreto da emanare entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, provvede ad apportare le conseguenti modifiche alla nuova tabella indicativa delle percentuali di invalidità relative alle patologie di cui al medesimo comma 1, stabilite dal decreto del Ministro della Sanità 5 febbraio 1992, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26 febbraio 1992, e successive modificazioni. ART. 11. (Campagna di informazione). 1. Le aziende sanitarie locali, le regioni e le associazioni di categoria dei soggetti di cui alla presente legge, collaborano con il Ministero della Salute al fine di promuovere la realizzazione di apposite campagne nazionali di sensibilizzazione per la prevenzione del cancro colon-rettale. ART. 12. (Aggiornamento dei nomenclatore dei dispositivi medici e protesici). 1. La Commissione unica sui dispositivi medici, istituita presso il Ministero della Salute ai sensi dell'articolo 57 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, sentite le associazioni di categoria dei soggetti di cui alla presente legge provvede all'aggiornamento biennale dei dispositivi medici e protesici. ART. 13. (Registri nazionali). 1. Sono istituiti, presso l'istituto Superiore di Sanità, il Registro nazionale della poliposi familiare e il Registro nazionale di bambini nati con atresie ano-rettali. 2. All'Istituto Superiore di Sanità affluiscono i dati epidemiologici relativi alle patologie di cui al comma 1, rilevati dalle regioni e dalle Province autonome di Trento e di Bolzano attraverso le aziende sanitarie locali, le aziende ospedaliere e i centri riabilitativi al fine di promuovere una efficace prevenzione diagnostica e strumentale nei nuclei familiari a rischio, nonché pervenire a una stima reale dei soggetti affetti da tali patologie. ART. 14. (Diritto alla riservatezza dei pazienti). 1. Il medico ed il personale sanitario tutelano la massima riservatezza della documentazione in loro possesso riguardante i pazienti di cui alla presente legge anche se affidata a codici e sistemi informatici, 2. Le comunicazioni di risultati diagnostici e delle patologie riferite alla malattia devono essere effettuate tramite un medico designato dall'interessato o da un titolare di cui alla lettera f) del comma 1 dell'articolo 4 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 esclusivamente alla persona cui sono riferiti. In caso di incapacità di intendere o di volere, il consenso al trattamento dei dati è validamente manifestato nei confronti di esercenti le professioni sanitarie dal rappresentante legale dell'incapace. 3. Le rilevazioni statistiche devono essere effettuate con modalità che non consentono l'identificazione della persona. ART. 15. (Norme finanziarie). 1. All'onere derivante dall'attuazione della presente legge, valutato complessivamente in 60 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2005, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale , nell'ambito dell'unità previsionale di base di parte corrente "Fondo speciale" dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle Finanze per l'anno 2005, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. 2. Il MInistro dell'economia e delle Finanze provvede al monitoraggio degli oneri di cui alla presente legge, anche ai fini dell'adozione dei provvedimenti correttivi di cui all'articolo 11-ter, comma 7, della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni, ovvero delle misure correttive da assumere, ai sensi dell'articolo 11, comma 3, lettera i- quater), della medesima legge. Gli eventuali decreti emanati ai sensi dell'articolo 7, secondo comma, n. 2), della Iegge 5 agosto 1978, n. 468, prima dell'entrata in vigore dei provvedimenti o delle misure di cui il periodo precedente, sono tempestivamente trasmessi alle Camere, corredati da apposite relazioni illustrative. 3. Il Ministro dell'economia e delle Finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

7 L incontinenza urinaria da sforzo femminile: una Prof. Mauro Cervigni Ospedale San Carlo IDI Presidente Associazione Italiana di Urologia Ginecologica e del Pavimento Pelvico Nella società d oggi assistiamo al progressivo emergere di malattie che diventano tanto più rilevanti, in termini di impatto sui costi e sulla qualità della vita delle persone, quanto più altri bisogni di salute vengono via via soddisfatti. Diventa sempre più importante fornire alle persone risposte concrete su tutti i problemi di salute, anche su quelli il cui impatto e la cui diffusione è forse meno visibile rispetto ad altri. Nell ambito di tali patologie si colloca l incontinenza urinaria da sforzo femminile. L incontinenza urinaria da sforzo rappresenta la forma più comune di incontinenza e consiste in una perdita involontaria di urina che si presenta quando si compiono movimenti che aumentano la pressione intra-addominale, come ad esempio fare uno sforzo, portare pesi, fare attività fisica, oppure semplici gesti come uno starnuto, un colpo di tosse o una risata. Oltre all incontinenza urinaria da sforzo esistono anche altre forme di perdita involontaria di urina, classificate in base alle diverse manifestazioni cliniche: incontinenza urinaria da urgenza minzionale (urge incontinence)- caratterizzata una improvvisa ed impellente necessità di urinare o dalla necessità di urinare otto o più volte al giorno e più di due durante la notte; Incontinenza urinaria mista (stress-urge incontinence) che associa i sintomi di quella da sforzo e di quella d urgenza; Incontinenza urinaria da rigurgito (overflow incontinence) si manifesta quando la vescica rimane sempre piena perché incapace di svuotarsi a causa della presenza di un ostacolo, di solito a livello dell uretra; Incontinenza urinaria continua goccia a goccia (dribbling incontinence) scolo continuo di urina dall uretra; Enuresi notturna, minzione involontaria completa di urina durante il sonno. Uno studio epidemiologico realizzato nel 1997 dall Istituto Mario Negri di Milano ha evidenziato che più dell 11% delle donne italiane oltre i 40 anni presenta questo disturbo, che per sua natura comporta rilevanti costi economici, sociali e relazionali. 7

8 8 Nonostante il problema dell incontinenza urinaria sia notevolmente diffuso nella popolazione, la rilevanza clinica del disturbo e le soluzioni offerte dalle strutture socio-sanitaria sono ancora inadeguate a dare una risposta soddisfacente al problema. Inoltre, a causa dei tabù che ancora sono legati all incontinenza, molte delle donne che soffrono di questi sintomi non si rivolgono al medico o allo specialista. Tutto ciò fa si che l incontinenza urinaria oggi sia considerata una patologia nascosta a più livelli: personale, nella relazione della donna con il proprio medico, ma, conseguentemente, anche globale, poiché il numero di persone incontinenti sconosciute al sistema socio-sanitario nazionale è largamente maggiore (da due a quattro volte) al numero di pazienti conosciuti e seguiti nelle strutture socio-sanitarie. Identikit dell incontinenza urinaria da sforzo È una patologia tipicamente femminile, sotto un duplice aspetto: sia perché è legata alla variazione del quadro ormonale della donna e del suo assetto fisiologico durante le fasi della vita, sia perché gli organi pelvici delle donne, a differenza di quelli dell'uomo, sono più esposti alle conseguenze derivanti da particolari lesioni - come ad esempio la gravidanza e il parto naturale - oppure da situazioni di soprappeso. Può colpire donne tra loro molto diverse, a tutte le età: una persona che si avvicina all età della menopausa, una giovanissima madre subito dopo il parto, una donna in post menopausa il cui pavimento pelvico non funziona più correttamente. Nell ultimo decennio diversi sono i fattori di rischio o i fattori ai quali è stato attribuito un ruolo nello sviluppo della patologia, tra i quali il parto, l obesità, il prolasso degli organi pelvici o la tosse cronica. Nonostante la sua diffusione, l'incontinenza urinaria da sforzo rappresenta un disturbo che non deve essere considerato normale, indipendentemente dall'età in cui si manifesta. La consapevolezza dell importanza del dialogo e del ricorso con il proprio medico o specialista rappresenta il primo importante passo per affrontare efficacemente il problema. L impatto sulla qualità della vita L incontinenza urinaria da sforzo può avere un impatto estremamente negativo sulla qualità di vita delle donne a tutte le età, a causa dei problemi psicologici, relazionali, fisici, sessuali che spesso comporta. Nelle donne che si avvicinano all età della menopausa, in particolare, tale patologia può accrescere il disagio psicologico perché vissuta come un anticipazione della vecchiaia. La perdita della padronanza sul proprio corpo, la diminuzione dell autostima, la compromissione dei rapporti sociali, la limitazione nelle proprie attività fisiche quotidiane e nella vita sessuale sono solo alcune delle problematiche legate a questo disturbo, e che possono portare la persona affetta anche a un vero e proprio isolamento sociale. Importanza della diagnosi In presenza di perdite involontarie di urina, la diagnosi costituisce un momento fondamentale per l accertamento della tipologia di incontinenza e per l esclusione della presenza di altre patologie. I primi passi da eseguire nella diagnosi sono l'analisi delle urine, l'urinocultura e l'ecografia addominale e perineale (che può sostituire gli esami radiologici della vescica). Può essere poi effettuato l esame urodinamico, che consiste in una serie di valutazioni strumentali che permettono di formulare l'indicazione terapeutica più appropriata. Il primo dato dell'analisi urodinamica è la flussimetria, che misura le alterazioni della fase di svuotamento vescicale. Successivamente viene effettuata la cistomanometria, che misura la pressione e la capacità vescicale attraverso l'uso di un piccolo catetere. L'ultima fase dello studio completo consiste, se necessario, nell'analisi del profilo pressorio uretrale, che evidenzia la resistenza dell'uretra alla fuoriuscita dell'urina. Una volta classificata l'incontinenza ed esclusa la presenza di patologie associate (come diabete, calcolosi, ecc.), si può definire il piano terapeutico.

9 Fino ad oggi, per affrontare l incontinenza urinaria da sforzo le opzioni di trattamento disponibili si identificavano con la terapia comportamentale (es, smettere di fumare, perdere peso), la ginnastica per la muscolatura del pavimento pelvico e, nei casi più severi o laddove la ginnastica pelvica non aveva dato i risultati sperati, il trattamento chirurgico. Una nuova soluzione ai problemi dell incontinenza urinaria da sforzo Il trend attuale della medicina moderna è quello di effettuare trattamenti sempre più mininvasivi allo scopo di ridurre il traumatismo ai tessuti e di ridurre il tempo di ricovero. Sono state pertanto messe a punto delle tecniche chirurgiche che con un minimo accesso vaginale introducono una piccola rete in materiale sintetico sotto il collo vescicale, pur tuttavia richiedono sempre una anestesia ed il ricovero ospedaliero oltre che il trattamento chirurgico. La ricerca farmacologica ha però recentemente trovato una soluzione al problema della incontinenza urinaria da sforzo grazie ad un nuovo trattamento farmacologico specifico per questa patologia. Il nuovo trattamento, primo ed unico in Italia, frutto della ricerca Lilly, è a base di Duloxetina, un inibitore bilanciato della ricaptazione di due neurotrasmettitori, principali regolatori dello sfintere uretrale (il muscolo che regola le contrazioni dell uretra). Il meccanismo d azione: Duloxetina aumenta i livelli dei due neurotrasmettitori che regolano lo sfintere uretrale, determinando una maggiore capacità di contrazione dello sfintere stesso; ciò si traduce in una rapida riduzione delle possibilità di perdita di urina. L efficacia del trattamento è dimostrato da studi condotti su oltre pazienti affette da incontinenza urinaria da sforzo, che hanno evidenziato un dimezzamento degli episodi di incontinenza; l azione terapeutica si manifesta entro due settimane di trattamento. È opportuno sottolineare che tale farmaco non deve essere assunto in modo occasionale, ma è necessario un trattamento continuativo per la gestione con successo del problema. Già dai primi giorni di trattamento la donna migliora sensibilmente la qualità di vita e riacquista una nuova libertà: minori esitamenti e limitazioni nelle attività quotidiane, un maggior benessere legato alla più ampia libertà nella vita quotidiana e minore imbarazzo nei rapporti sociali. Duloxetina è sicura e ben tollerata; gli eventuali primi effetti collaterali sono transitori e tendono rapidamente a scomparire. Un passo avanti nella cura dell incontinenza urinaria da sforzo, una patologia fonte di grande disagio che colpisce milioni di donne in tutto il mondo con gravi conseguenze sulla loro qualità di vita. Bibliografia 1. Bymaster FP, Dreshfield-Ahmad LJ, Threlkeld PG, et al. Comparative Affinity of Duloxetine and Venlafaxine for Serotonin and Norepinephri-ne Transporters in vitro and in vivo, Human Serotonin Receptor Subtypes, and Other Neuronal Receptors. Neuropsychopharmaco-logy, 2001: 25(6): Abrams P, Cardozo L, Fall M, Griffiths, D, Rosier P, Ulmsten U, et al. The standardisation of terminology of lower urinary tract function: report from the standardisation sub-committee of the International Continence Society. Neurourol Urodyn, 2002; 21(2): Viktrup L. Female stress and urge incontinence in family practice:insight into the lower urinary tract, International Journal of Clinical Practice, 2002 Nov; 56 (9) Viktrup L, Bump RC. Pharmacological agents used for the treatment of stress urinary incontience in women, Curr Med Opin 19 (6): , Bortolotti A et al. Prevalence and risk factors for urinary incontinence in Italy, Eur Urolol 37 (1): 30-35,

10 Al Ministro della Salute Ch.mo Prof. Girolamo Sirchia Lungotevere Ripa,1 ROMA Oggetto: Giornata Nazionale dei Malati di Cancro e francobollo commemorativo dell evento. Ill.mo Sig. Ministro Sirchia, conoscendola come persona sensibile ed attenta ai reali bisogni dei malati e delle Associazioni che le rappresentano (specialmente in campo oncologico), con la presente missiva siamo ufficialmente a chiederle di volersi prodigare al massimo per indire una Giornata Nazionale dei Malati di Cancro. Tale giornata, non soltanto ci consentirà di avere un momento di riflessione nazionale sulle patologie oncologiche e sulle possibili cure (preventive, riabilitative e post-chirurgiche), ma rafforzerà tutto il movimento italiano delle Associazioni di settore, che oggi si identificano in F.A.V.O. (Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia). Questo evento (n.d.r.: evento Sirchia) non comporta alcun costo rilevante per il Ministero della Salute e sicuramente passerà alla storia della Sanità oncologica in Italia, in Europa e nel Mondo. Inoltre, siamo gentilmente a chiederle di volersi attivare per far emettere dall Ente Poste (Ministero delle Telecomunicazioni) un francobollo commemorativo dell evento. In attesa, ringraziamo anticipatamente per tutto quanto vorrà e potrà adoperarsi a nostro favore. Con stima, Le porgiamo distinti saluti A.A.A. volontari FINCO cercasi Cercasi volontari per costituire e rafforzare la FINCO nel Territorio nazionale. 10 Le persone interessate possono inviare il curriculum vitae alla Segreteria nazionale: Federazione Italiana INCOntinenti Viale Orazio Flacco, Bari

11 NUOVO STATUTO (stralcio) Approvato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 10 Giugno 2004 Federazione Italiana INCOntinenti (FINCO) Art. 1 È costituita la Federazione Italiana INCOntinenti, acronimo FINCO, fondata sui principi della solidarietà e promozione sociale, sul volontariato, sull aggregazione, sull istruzione e formazione socio-sanitaria. La Federazione è un Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (ONLUS), caratterizzata dalla partecipazione di tutti i soci alle istanze federative. L Associazione aderisce alla Federazione europea e mondiale dei pazienti incontinenti. Art. 4 La Federazione è apartitica e non persegue alcun fine di lucro, pertanto le prestazioni fornite dai aderenti volontari sono gratuite. I fini preposti dalla FINCO sono: a) riunire in libera e democratica Federazione tutti i cittadini che soffrono di incontinenza e le rispettive Associazioni di tutela; i medici che direttamente si interessano a tali problematiche; gli infermieri specialisti della riabilitazione dell incontinenza urinaria, fecale e stomale; i cittadini sensibili a tali problematiche; b) attuare programmi di sensibilizzazione, prevenzione e riabilitazione, oltre a fornire possibilità di reinserimento psico-sociale, che investono direttamente o indirettamente gli incontinenti urinari, fecali e stomali, assicurando ad essi una migliore qualità della vita; c) svolgere opera di sensibilizzazione ed informazione, relativamente alle problematiche connesse all invalidità, nei confronti della Società, verso le Istituzioni e gli Organi deputati all informazione; d) contribuire alla sensibilizzazione, formazione ed apprendimento degli Operatori socio-sanitari (medici, infermieri e volontari) e degli stessi soci, promovendo, da sola o con altre Associazioni, Forze sociali o Enti, iniziative idonee al raggiungimento dei suddetti scopi; e) mantenere rapporti finalizzati allo scambio di esperienze con Istituzioni, Associazioni o gruppi, interessati a tali problematiche; f) collaborare con le società scientifiche mediche ed infermieristiche; g) promuovere seminari, ricerche, convegni, manifestazioni e tutto quanto verrà ritenuto idoneo per la raccolta di fondi e per divulgare le proprie finalità. Le sedi della Federazione sono aperte gratuitamente a tutti gli incontinenti bisognevoli d assistenza, siano o non siano soci. Art. 5 I soci possono essere ordinari, honoris causa e presidenti onorari: a) soci ordinari: sono gli incontinenti, i loro familiari e coloro che intendono porsi quali soggetti volontari nei confronti dei cittadini interessati al problema. Le Associazioni affiliate e gli operatori socio-sanitari che interagiscono con la patologia e la FINCO; b) soci honoris causa sono nominati dal consiglio direttivo tra coloro che hanno particolari meriti scientifici, umanitari, sociali e morali; c) i presidenti onorari sono nominati dal consiglio direttivo e sono autorevoli personalità super partes cui i soci, il consiglio direttivo ed il presidente devono dare ascolto. Il loro parere è discusso ma non vincolante. Art. 6 A tutti i soci in regola con le quote sociali è riconosciuto il diritto al voto nelle assemblee. Essi possono fruire gratuitamente delle prestazioni mediche e didattiche fornite dalla Federazione, partecipando ai vari momenti formativi, sociali, culturali e ricreativi della stessa. Art. 7 La qualifica di socio è incompatibile con qualsiasi forma di rapporto di lavoro retribuito e con ogni altro rapporto di contenuto patrimoniale con la Federazione. Art. 8 La Federazione è tenuta a garantire ai soci la regolare informazione riguardo le attività associative svolte e da svolgere. Organi della Federazione Art. 10 Sono organi federali: a) l assemblea generale dei soci; b) il consiglio direttivo; c) i revisori dei conti. Tutte le cariche sono gratuite. Assemblea Generale Art. 11 L assemblea generale è formata dai soci ordinari, soci honoris causa e dai presidenti onorari. L assemblea è il massimo organo decisionale e di coordinamento delle attività associative. Art. 12 L assemblea ordinaria è convocata dal presidente almeno una volta l anno. Essa: delibera sulla relazione programmatica della Federazione; approva il bilancio preventivo e consuntivo; ogni cinque anni, a maggioranza tra gli aventi diritto, elegge i componenti il consiglio direttivo ed i revisori dei conti; approva il regolamento interno e le eventuali modifiche al regolamento stesso, su proposta del consiglio direttivo; stabilisce le quote sociali annuali. Art. 13 L assemblea straordinaria dei soci è convocata dal presidente ogni qualvolta la convocazione sia ritenuta necessaria dal consiglio direttivo o, qualora ne sia fatta specifica e motivata richiesta da almeno un terzo dei soci in regola con il versamento delle quote associative. Essa è l unico organo competente a modificare lo statuto, a trasformare lo stato giuridico o a deliberare lo scioglimento della Federazione. Art. 14 L assemblea è convocata mediante avviso pubblicato sul notiziario associativo Eureka e/o a mezzo lettera semplice, inviata a tutti i soci in regola con il versamento delle quote associative, ai membri del consiglio direttivo, ai soci honoris causa, ai presidenti onorari ed ai revisori dei conti. La convocazione va spedita almeno quindici giorni prima del giorno fissato per la riunione, l avviso di convocazione deve indicare il luogo, la data e l ora della prima e seconda convocazione, nonché l elenco degli argomenti posti all ordine del giorno. L assemblea è presieduta dal presidente della Federazione o da un socio eletto dall assemblea. Art. 15 Possono partecipare all assemblea tutti i cittadini sensibili a tali problematiche, ma hanno diritto di voto soltanto i soci in regola con il versamento delle quote sociali. Ciascun socio può rappresentare non più di cinque deleghe scritte, spetta al presidente dell assemblea constatare la regolarità delle deleghe. Rilevata la patologia e l età avanzata della maggioranza degli associati, nelle regioni dove la Federazione non è presente è ammesso il voto per corrispondenza. Art. 16 L assemblea, in prima convocazione è valida se è presente la maggioranza assoluta dei soci, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci presenti. Art. 17 Nell assemblea le votazioni si fanno per alzata di mano o per appello nominale. Nelle deliberazioni riguardanti la loro responsabilità, i membri del consiglio direttivo non hanno alcun diritto di voto. Ogni decisione dell assemblea sarà ritenuta valida qualora votata dalla maggioranza assoluta dei soci presenti. Consiglio direttivo Art. 18 Il consiglio direttivo, eletto dall assemblea ordinaria dei soci, è costituito da nove consiglieri, presidente compreso. Esso deve coinvolgere tutte le categorie interessate al problema (incontinenti ed operatori socio-sanitari). Esso e si compone di tre categorie di soci: sei pazienti incontinenti, un infermiere professionale terapista della continenza e due medici, indicati dalle società scientifiche ed eletti dai soci. Per l esercizio delle proprie funzioni è previsto unicamente il rimborso delle spese sostenute e documentate. Art. 19 I consiglieri componenti il direttivo durano in carica cinque anni e sono rieleggibili. Il consiglio direttivo elegge tra i suoi membri il vice-presidente, il segretario/tesoriere, i soci honoris causa ed i presidenti onorari. Il presidente della Federazione è eletto dall assemblea dei soci e necessariamente deve essere un paziente. Art. 20 Il consiglio direttivo è convocato dal presidente ogni qualvolta ve ne sia la necessità e comunque in riunioni ordinarie almeno una volta l anno. Le riunioni del consiglio direttivo sono presiedute dal presidente, oppure in caso di assenza dal vice-presidente, in sua assenza dal consigliere più anziano. Funzionamento della Federazione Art. 28 Il funzionamento della Federazione dovrà risultare dall azione coordinata del consiglio direttivo, della presidenza e della segreteria nazionale. 11

12 Finanziaria 2005 La legge Finanziaria 2005 è in linea con la cronica restrizione della spesa pubblica che finirà per incidere sul reddito delle famiglie e sugli enti locali, a cui i servizi vengono demandati. Invalidità civile Dal 1 gennaio 2005 è stato soppresso il ricorso amministrativo (legge n. 326/2003) per gli invalidi e/o familiari, che volessero opporsi ai verbali di visita medica delle Commissioni Mediche per l Accertamento dell Invalidità Civile. Infatti, dal 1 gennaio 2005, per tutelarsi si dovrà ricorrere al giudice ordinario con l assistenza di un legale ed in giudizio la controparte è anche il Ministero dell Economia. Ovviamente la patologia più colpita è quella dei malati oncologici, i quali dopo un decennio vedranno riconosciuti i loro diritti, oltre all avvilente dato che le aule di giustizia saranno ulteriormente intasate per le cause intraprese dai malati e familiari. L articolo 22 (Interventi nel settore sanitario) al paragrafo c) prevede la prosecuzione del processo di razionalizzazione delle reti strutturali dell offerta ospedaliera e della domanda ospedaliera, anche mediante rimodulazioni tariffarie che favoriscano il passaggio dal ricovero ordinario al ricovero diurno, nonché la programmazione di interventi volti alla prevenzione, coerentemente con il Piano sanitario nazionale. Imposte sui redditi La seconda novità riguarda le imposte sui redditi. L attuale normativa fiscale prevede di poter dedurre dal proprio reddito complessivo i cosiddetti oneri di famiglia, cioè una cifra forfettaria per ogni familiare a carico. La cifra cambia se il familiare a carico è il coniuge, sono i figli, o altro parente. La Finanziaria 2005 modifica la disciplina precedente, eliminando il limite reddituale, inoltre innalza notevolmente le cifre forfettarie che ogni contribuente può dedurre. Più precisamente: per il coniuge a carico si possono dedurre euro; per figli o altri familiari a carico si possono dedurre euro. Quest ultima deduzione è aumentata a: a euro, per ciascun figlio di età inferiore a tre anni; a euro, per ogni figlio portatore di handicap, ai sensi dell articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n.104 (n.d.r.: il testo approvato non richiede la connotazione di gravità, art.3, comma3). Tipo di provvidenza Importo Limite di reddito Anno di riferimento Pensione ciechi civili assoluti 252, ,69 Pensione ciechi civili assoluti (se ricoverati) 233, ,69 Pensione ciechi civili parziali 233, ,69 Pensione invalidi civili totali 233, ,69 Pensione sordomuti 233, ,69 Assegno mensile invalidi civili parziali 233, ,26 Indennità mensile frequenza minori 233, ,26 Indennità accompagnamento ciechi civili assoluti 669,21 Nessuno Indennità accompagnamento invalidi civili totali 443,83 Nessuno Indennità comunicazione sordomuti 223,38 Nessuno Indennità speciale ciechi ventesimisti 161,30 Nessuno Lavoratori con drepanocitosi o talassemia major 420,02 Nessuno 12

13 Ovviamente tali agevolazioni vigono dal 2005 (dichiarazione anno 2006). Si tratta di aumenti significativi, si pensi che la precedente deduzione per figli a carico con handicap era di 774,69 euro. Potrebbe però costituire un agevolazione reale solo per i ceti più abbienti. Qualsiasi contribuente, grazie a questa agevolazione vede diminuire l imposta lorda dovuta all erario. Sull imposta lorda si operano una serie detrazioni quali ad esempio le spese per l acquisto di un veicolo destinato ad un disabile, le spese mediche, le spese per ausili. Chi ha redditi bassi vede sì diminuire l imposta (IRPEF) dovuta allo Stato, ma rischia di perdere l opportunità di detrarre quelle spese, poiché la detrazione si effettua proprio sull imposta lorda. Se il reddito imponibile è talmente basso da non prevedere imposta, le spese sostenute non possono essere detratte. È un rischio che non corre chi invece ha redditi superiori. Un altra deduzione ammessa è quella per le spese documentate e sostenute dal contribuente per gli addetti alla propria assistenza personale, nei casi di non autosufficienza nel compimento degli atti quotidiani della vita. La deduzione massima ammessa è di euro. Provvidenze economiche per gli invalidi civili - anno 2005 La Direzione Centrale delle Prestazioni dell'inps, con messaggio n , del 22 dicembre 2004, ha indicato gli importi previsionali e i limiti di reddito relativi alle provvidenze economiche in favore degli invalidi civili, dei ciechi civili e dei sordomuti, per l'anno News dal Governo LA POSTA ELETTRONICA DIVENTA CERTIFICATA Il Consiglio dei Ministri, nella riunione del 28 gennaio 2005 ha approvato il Decreto del Presidente della Repubblica che disciplina l'utilizzo della posta elettronica certificata, non solo nei rapporti che cittadini ed imprese intrattengono con la Pubblica Amministrazione, ma anche nelle relazioni tra uffici pubblici, come pure tra privati. Il provvedimento dà completa validità giuridica ai documenti trasmessi per posta elettronica, che diventano come una raccomandata con ricevuta di ritorno. A fare da garanti dell'avvenuta consegna delle mail saranno i gestori di posta che dovranno iscriversi in un apposito elenco tenuto dal CNIPA, che svolgerà funzioni di vigilanza e controllo sul rispetto delle prescrizioni previste dal regolamento. Tabagismo L Art. 23 della Finanziaria (Rideterminazione della misura delle sanzioni per infrazioni al divieto di fumare e riassegnazione a singole amministrazioni per scopi predeterminati dei proventi delle sanzioni medesime), prevede che le sanzioni amministrative per le infrazioni al divieto di fumare nei locali pubblici, siano aumentate del 10 per cento. Che i proventi delle sanzioni amministrative per tali infrazioni vadano ad appositi capitoli di spesa del Ministero della salute, per il potenziamento degli organi ispettivi e di controllo e per la realizzazione di apposite campagne d informazione ed educazione alla salute, finalizzate alla prevenzione del tabagismo e delle patologie ad esso correlate. 13

14 CAMPAGNA INFORMATIVA SUI NUOVI ELENCHI TELEFONICI News dal Governo DENUNCIA VIA WEB È partita la campagna informativa sui nuovi elenchi telefonici, da quest'anno, infatti, gli abbonati hanno il diritto di scegliere liberamente se e come comparire negli elenchi e decidere se ricevere o no la pubblicità. Nei nuovi elenchi verranno inseriti anche i numeri di cellulari, ma solo con l'espresso consenso dell'abbonato o degli acquirenti di carte pre-pagate. In questi giorni gli abbonati stanno infatti ricevendo da parte delle società telefoniche, il modello, messo a punto dal Garante per la protezione dei dati personali, per consentire loro di effettuare le proprie scelte e per informarli adeguatamente. Per aiutare gli abbonati alla corretta compilazione del modello inviato dalle società telefoniche e per assicurare la necessaria chiarezza sui nuovi diritti che la disciplina sulla privacy riconosce loro, il Garante per la protezione dei dati personali ha realizzato anche un depliant divulgativo. 14 Denuncia via web, è questo il nome del nuovo servizio istituito dall'arma dei Carabinieri e dalla Polizia di Stato per effettuare una denuncia attraverso Internet. Il servizio è stato attivato in fase sperimentale nelle province di Roma, Padova ed Avellino. Per fare la denuncia via web basta collegarsi ai siti Internet dell'arma dei Carabinieri o della Polizia, registrarsi e seguire le istruzioni per la compilazione del modello. È possibile fare una denuncia per i reati di furto o smarrimento a opera di ignoti per queste categorie: arma, documento, targa, titolo/effetto, veicolo, altro. La denuncia inviata attraverso la Rete va poi formalizzata recandosi presso un Ufficio di Polizia o Stazione dei Carabinieri, nelle 48 ore successive alla compilazione e all'inoltro, senza fare la fila. NUOVE NORME SULLA TRASPARENZA AMMINISTRATIVA La Camera dei Deputati il 26 gennaio 2005 ha approvato la nuova legge che modifica ed integra la legge sulla trasparenza dell'azione amministrativa (legge n.241 del 7 agosto 1990). Le modifiche apportate s'innestano sull'impianto già consolidato della normativa del In generale rafforzano gli strumenti di tutela del cit-

15 tadino (obbligo di comunicazione per provvedimenti a lui sfavorevoli, il provvedimento amministrativo contrario a sentenze del giudice è nullo e non produce alcun effetto sul cittadino etc.) e adattano la normativa alle disposizioni intervenute successivamente (codice sulla privacy, diritto comunitario e riforma del titolo V della Costituzione). Le nuove norme intendono dare un contributo alla modernizzazione della Pubblica Amministrazione, al miglioramento della sua efficienza, alla capacità di agire con tempestività, ad agire con celerità ed in maniera proficua per la tutela degli interessi pubblici della comunità. EMANATE LE REGOLE TECNICHE DELLA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI Con decreto interministeriale siglato il 9 dicembre 2004 dal Ministro dell'interno, dal Ministro per l'innovazione e le Tecnologie e dal Ministro dell'economia e delle Finanze, sono state emanate le regole tecniche e di sicurezza per l'emissione e l'utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi (CNS). L'identificazione in rete e la possibilità fornita al cittadino di usufruire dei servizi pubblici online senza imbattersi in lunghe code agli sportelli degli uffici pubblici comincia a diventare realtà. Con il decreto del 9 dicembre si chiude infatti il quadro normativo relativo alle modalità di produzione della CNS sul territorio. Le Amministrazioni che emetteranno la CNS dovranno, tuttavia, attenersi alle regole di produzione e sicurezza indicate dal presente decreto. L'Ente emettitore dovrà individuare i servizi da rendere disponibili in rete mediante CNS e, stipu- lando accordi con le Regioni, potrà stabilire la predisposizione di carte con le funzionalità di tessera sanitaria consentendo, in questo modo, ai cittadini di collegarsi in rete con le strutture sanitarie del territorio per accedere ai servizi offerti. DIVERSAMENTE ABILI MA EGUALMENTE UTENTI Diversamente abili ma ugualmente utenti, è questo il titolo del vademecum in Braille realizzato dall'agenzia delle Entrate e contenente le principali informazioni fiscali per i contribuenti disabili. L'opuscolo, che sarà distribuito su tutto il territorio nazionale in collaborazione e tramite la rete delle strutture locali dell'associazione Unione italiana ciechi, descrive non solo le agevolazioni fiscali per i disabili, ma fornisce diverse informazioni di carattere tributario di interesse generale, da cosa fare per ottenere codice fiscale e partita Iva a come richiedere un rimborso. Specifici capitoli illustrano "tutto quello che c'è da sapere" quando si affitta o si dà in locazione un immobile o quando si acquista la prima casa. Non mancano pratiche indicazioni su cosa fare quando si ricevono comunicazioni di irregolarità e le modalità di presentazione della denuncia di successione. 15

16

STATUTO. Denominazione Sede Durata

STATUTO. Denominazione Sede Durata STATUTO Denominazione Sede Durata Art. 1 - E' costituita una associazione non a scopo di lucro denominata Associazione Fabrizio Bellocchio ONLUS. L'Associazione, agli effetti fiscali, assume la qualifica

Dettagli

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. PROPOSTA DI LEGGE Art. 1. (Finalità).

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. PROPOSTA DI LEGGE Art. 1. (Finalità). XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI N. 2024 PROPOSTA DI LEGGE Art. 1. (Finalità). 1. La presente legge prevede misure di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave che siano prive del

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. STATUTO I.Ri.Fo.R. Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. STATUTO I.Ri.Fo.R. Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus STATUTO I.Ri.Fo.R. Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus Articolo 1 (Compiti istituzionali) 1) L Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione (I.Ri.Fo.R.), organizzazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 21. Norme in favore dei soggetti stomizzati

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 21. Norme in favore dei soggetti stomizzati Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 21 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI, CARRARA e GHIGO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Norme in favore dei soggetti stomizzati TIPOGRAFIA

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

STATUTO Piccola Famiglia onlus (versione definitiva 18 gennaio 2012)

STATUTO Piccola Famiglia onlus (versione definitiva 18 gennaio 2012) STATUTO Piccola Famiglia onlus (versione definitiva 18 gennaio 2012) Art. 1 E costituita una associazione denominata La Piccola Famiglia Organizzazione non lucrativa di Utilità Sociale la cui denominazione

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA ART. 1- l Associazione di volontariato AMICI DI LOLA più avanti chiamata per brevità associazione, con sede in _Cava dei Tirreni Via O. di Giordano

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO.

LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO. LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO. (BUR n. 111/2003) Art. 1 - Finalità 1. La presente legge disciplina le tipologie e le modalità di

Dettagli

STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPO ART. 1. L Associazione Amici di Tanguietà - Onlus, costituita il 9 ottobre 1984, ha

STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPO ART. 1. L Associazione Amici di Tanguietà - Onlus, costituita il 9 ottobre 1984, ha STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPO ART. 1 L Associazione Amici di Tanguietà - Onlus, costituita il 9 ottobre 1984, ha sede in Milano, in Via San Vittore n. 12, non ha scopo di lucro ed ha la finalità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 639 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato RAISI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i pazienti terminali Presentata

Dettagli

A.I.C.S. - Solidarietà

A.I.C.S. - Solidarietà STATUTO ART.1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E costituita l Associazione Regionale fra Comitati Provinciali della Toscana dell A.I.C.S. che operano nel campo delle attività culturali, sportive e sociali

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSORZIO ASSOCIAZIONI con il MOZAMBICO ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSORZIO ASSOCIAZIONI con il MOZAMBICO ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSORZIO ASSOCIAZIONI con il MOZAMBICO ONLUS Art.1 DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata Consorzio associazioni con il Mozambico

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

STATUTO APPROVATO 30.04.2014 ASSOCIAZIONE UNITI PER CRESCERE ONLUS ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. ART.1 (Denominazione, sede, comunicazione)

STATUTO APPROVATO 30.04.2014 ASSOCIAZIONE UNITI PER CRESCERE ONLUS ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. ART.1 (Denominazione, sede, comunicazione) STATUTO APPROVATO 30.04.2014 ASSOCIAZIONE UNITI PER CRESCERE ONLUS ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ART.1 (Denominazione, sede, comunicazione) E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE delle ASSOCIAZIONI di NEFROPATICI, TRAPIANTATI d ORGANO e di (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS) Articolo 1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO FAMILIARI DISAGIATI PSICHICI ONLUS ***** ***** COSTITUZIONE SEDE SCOPI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO FAMILIARI DISAGIATI PSICHICI ONLUS ***** ***** COSTITUZIONE SEDE SCOPI 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO FAMILIARI DISAGIATI PSICHICI ONLUS ***** ***** COSTITUZIONE SEDE SCOPI Art. 1 (costituzione,natura,attività,principi ispiratori) E costituita l associazione

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Approvato dal Consiglio Nazionale del 21/10/2006 Art. 1. Denominazione 1) È costituita la Sede Locale

Dettagli

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS.

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. ART. 1 (Denominazione e sede) 1. L organizzazione di volontariato, denominata: ANZIANO & QUARTIERE - Onlus, assume la forma giuridica

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Donatori di sangue liceo A.Vallisneri ART. 1- l Associazione di volontariato donatori di sangue liceo A.Vallisneri più avanti chiamata per brevità associazione,

Dettagli

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO AESA Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA Art. 1 E costituita l Associazione fra i diplomati della Scuola di Specializzazione in Studi sulla Amministrazione

Dettagli

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto 1 Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto (Approvato con delibera della Giunta regionale della regione Lazio in data 01 luglio 2008 n. 461) 1 Capo I Origine - Sede Fini Redditi

Dettagli

AZZURRA Associazione Malattie Rare O.N.L.U.S. ART. 1

AZZURRA Associazione Malattie Rare O.N.L.U.S. ART. 1 Esente da imposta di bollo e di registro ai sensi dell art. 8, c. 1 della L. 266/91 S T A T U T O AZZURRA Associazione Malattie Rare O.N.L.U.S. ART. 1 Denominazione - Sede Col nome di AZZURRA Associazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1832 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GARRAFFA, BARATELLA, BATTAGLIA Giovanni, BATTISTI, COLETTI, DATO, FASSONE, FILIPPELLI, FLAMMIA, FORMISANO, LIGUORI,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2742 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GALLETTI, CASINI, CESA, VOLONTÈ, BOSI, CAPITANIO SANTO- LINI, CAZZOLA, CERA, CICCANTI, COMPAGNON,

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE LIGURE THALASSEMICI

STATUTO ASSOCIAZIONE LIGURE THALASSEMICI STATUTO ASSOCIAZIONE LIGURE THALASSEMICI ART. 1 E costituita un Associazione denominata Associazione Ligure Thalassemici, organizzazione di volontariato ai sensi e nel rispetto della L. 266/91 e delle

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA F.I.S.M. - VICENZA FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE C.Fiscale 80025120249 P.Iva 01922310246 Viale Verona, 108 36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax 0444/291.448 e-mail segreteria@fismvicenza.it STATUTO

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS Art. 1 - DENOMINAZIONE SEDE DURATA E costituita una associazione di volontariato ai sensi della legge 11 agosto 1991 n. 266. L Associazione è denominata Casa

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE L ISOLA CHE C E

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE L ISOLA CHE C E STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE L ISOLA CHE C E Il presente Statuto sostituisce a tutti gli effetti quello sinora vigente registrato il 25 marzo 2011 presso l Agenzia delle Entrate di Padova;

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI

STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI TITOLO I DENOMINAZIONE DURATA - SCOPI SOCIALI FINALITA MARCHIO Articolo 1 Costituzione - Sede - Durata E' costituita una Associazione senza fini di lucro denominata

Dettagli

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA STATUTO Coordinamento Nazionale per la tutela dai campi elettromagnetici CO.NA.CEM. ONLUS TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE Art. 1 - Costituzione e denominazione. 1 E costituita l Associazione denominata «Coordinamento

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Eccomi. Eccomi

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Eccomi. Eccomi STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Eccomi Eccomi 1 ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: Eccomi assume la forma giuridica di associazione apartitica e aconfessionale.

Dettagli

STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA

STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA Art. 1 La SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA costituitasi in Milano nell anno 1953 è una Associazione scientifica. Art. 2 Scopi dell Associazione La Società

Dettagli

Incontinenza urinaria nella donna

Incontinenza urinaria nella donna Focus on Incontinenza urinaria nella donna Ritrovare la serenità superando i pregiudizi Bios International Holding La capillare rete di strutture di Bios International opera da anni nel campo della diagnostica

Dettagli

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA ASL ASL LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA

Dettagli

STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n.

STATUTO ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. 460, una Associazione denominata: "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. o in forma abbreviata

Dettagli

ARTICOLO 1. Denominazione e sede. Luce Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale più. brevemente Associazione FARFALLE di LUCE ONLUS avente le

ARTICOLO 1. Denominazione e sede. Luce Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale più. brevemente Associazione FARFALLE di LUCE ONLUS avente le ARTICOLO 1 Denominazione e sede È costituita l Associazione denominata Associazione Farfalle di Luce Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale più brevemente Associazione FARFALLE di LUCE ONLUS avente

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5951 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti

Dettagli

STATUTO Art.1 Costituzione e sede Art.2 Oggetto e scopo Art.3 Patrimonio ed entrate dell Associazione

STATUTO Art.1 Costituzione e sede Art.2 Oggetto e scopo Art.3 Patrimonio ed entrate dell Associazione STATUTO Art.1 Costituzione e sede E costituita, ai sensi dell art. 10 del D.Lgs. 4 dicembre 1997 n. 460, su iniziativa della Associazione ARTE E SALUTE O.N.L.U.S. L Associazione ha sede in Bologna c/o

Dettagli

STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS. Art.1

STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS. Art.1 STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS Art.1 E costituita ai sensi degli articoli 36, 37 e 38 del Codice civile, nonchè del D. Lgs. 4 dicembre 1997 n. 460, una associazione denominata AMICIZIA MISSIONARIA

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro ARTICOLO 1. E costituita l Associazione "ROMANDANDO Associazione senza scopo di lucro", in forma abbreviata: "ROMANDANDO". La durata

Dettagli

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 64 del 20 nov. 2014 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1871 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore BARBOLINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 2 NOVEMBRE 2007 Misure in materia di sicurezza per le rivendite di generi

Dettagli

Comune di Monchio delle Corti

Comune di Monchio delle Corti Comune di Monchio delle Corti PROVINCIA DI PARMA C.A.P. 43010 Tel. 0521.896521 Fax 0521.896714 Cod. Fisc. e Part. IVA 00341170348 REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ARTICOLO 1 Il Servizio di Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO L Amministrazione Comunale di Trapani - ai sensi della L.r. n 10/91, della L.r. n 22/94 e del vigente

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Titolo I Modificazioni alla legge regionale 7 dicembre 2006, n. 41 (Riordino del servizio sanitario regionale)

REGIONE LIGURIA. Titolo I Modificazioni alla legge regionale 7 dicembre 2006, n. 41 (Riordino del servizio sanitario regionale) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 27 dicembre 2011, n. 36 Ulteriori disposizioni di razionalizzazione del Servizio Sanitario Regionale e in materia di servizi sociali e di cooperazione internazionale. (GU

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DELL ETIOPIA

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DELL ETIOPIA STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DELL ETIOPIA ART. 1 Denominazione e sede 1.1. E' costituita l'associazione di volontariato denominata " Amici dell Etiopia". 1.2. L'Associazione ha sede

Dettagli

Art. 3 L associazione ha sede in Roma, Via Scipio Sighele n. 15-00177

Art. 3 L associazione ha sede in Roma, Via Scipio Sighele n. 15-00177 STATUTO DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE Art. 1 È costituita una associazione denominata International Human Dana organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus). L associazione assume nella propria

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

dell Associazione Nazionale Aiuto per la Neurofibromatosi amicizia e solidarietà (A.N.A.N.a.s.) Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3

dell Associazione Nazionale Aiuto per la Neurofibromatosi amicizia e solidarietà (A.N.A.N.a.s.) Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 STATUTO dell Associazione Nazionale Aiuto per la Neurofibromatosi amicizia e solidarietà (A.N.A.N.a.s.) Articolo 1 E costituita l A.N.A.N.a.s. Associazione Nazionale Aiuto per la Neurofibromatosi, amicizia

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1) 1.1 È costituita una Associazione denominata Centro Studi Americani (di seguito il Centro ). L Associazione non ha scopi

Dettagli

Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO

Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: «Associazione Famiglie

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE DI SCANDINAVISTICA MILANO FIRENZE

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE DI SCANDINAVISTICA MILANO FIRENZE ALLEGATO A ALL ATTO COSTITUTIVO DEL 19 FEBBRAIO 2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE DI SCANDINAVISTICA MILANO FIRENZE ART. 1 Denominazione e Sede È costituita una Associazione senza scopo di lucro

Dettagli

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Statuto STATUTO FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Articolo 1 È costituita ai sensi dell art. 12 e seguenti del Codice Civile per volontà del CREDITO VALTELLINESE

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore)

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) ART. 1 (Principi fondamentali) La Provincia Regionale di

Dettagli

MEDIFUTURO ASSOCIAZIONE CULTURALE Via E. A. Mario n. 10 80021 AFRAGOLA (NA) Cell. 320/ 7221687 e-mail: asso.medifuturo@libero.

MEDIFUTURO ASSOCIAZIONE CULTURALE Via E. A. Mario n. 10 80021 AFRAGOLA (NA) Cell. 320/ 7221687 e-mail: asso.medifuturo@libero. STATUTO Art. 1 - Costituzione, denominazione e durata È costituita, nel rispetto degli artt. 36 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominata MEDIFUTURO L Associazione ha durata illimitata, salvo

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori MASSIDDA e GRAMAZIO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 13 MAGGIO 2008 Disposizioni per la prevenzione e la cura del

Dettagli

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO Comune di Caramanico Terme (PE) Corso Gaetano Bernardi, 30 - CAP 65023 - tel. (085) 92.90.131 - fax (085) 92.90.202 COMUNE DI CARAMANICO TERME (Provincia di Pescara) --------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

ASSOCIAZIONE SIRO MAURO per le cure palliative in provincia di Sondrio STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO - SEDE

ASSOCIAZIONE SIRO MAURO per le cure palliative in provincia di Sondrio STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO - SEDE ASSOCIAZIONE SIRO MAURO per le cure palliative in provincia di Sondrio STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO - SEDE Art. 1 È costituita un associazione avente le caratteristiche d organizzazione non lucrativa

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili in attuazione della legge 12 marzo 1999, n. 68 e istituzione servizio integrazione lavorativa

Dettagli

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE S T A T U T O Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE 1) In attuazione dell articolo 46 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto degli Enti pubblici non economici stipulato il 6 luglio 1995,

Dettagli

STATUTO. Denominazione sede scopo. Bambini nel Mondo - Children in the World ONLUS

STATUTO. Denominazione sede scopo. Bambini nel Mondo - Children in the World ONLUS STATUTO Denominazione sede scopo Nello spirito del Fondatore dell Istituto G. Gaslini che chiedeva agli operatori sanitari di impegnarsi in modo che le creature rese sacre dall avverso destino possano

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: SGUARDI DI LUCE Associazione di genitori, familiari di bambini e ragazzi

Dettagli

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore:

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: - RE DONATELLA, nata ad Arezzo il10/04/1970 e residente a M.Montemarciano

Dettagli

COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO

COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO ARTICOLO 1 È costituita l Associazione Nazionale denominata LEGA DEL FILO D ORO - organizzazione non lucrativa di utilità sociale avente sede in Osimo (Ancona) in via Linguetta

Dettagli

CENTRO ANZIANI DI PORCIA

CENTRO ANZIANI DI PORCIA Centro anziani di Porcia Associazione di volontariato O.N.L.U.S Iscritto al n 930 del Registro del Volontariato F.V.G Decreto iscrizione n. 1574 del 23.04.2015 Via delle Risorgive, 3-33080 Porcia (PN)

Dettagli

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale)

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Sommario Preambolo Art. 1 Modifiche all articolo 71 della l.r. 40/2005 Art. 2 Inserimento del capo II

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3205 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ARGENTIN, GELLI, GIANNI FARINA, ALBANELLA, ALBINI, ARLOTTI, BECATTINI, BOCCUZZI, BUENO, CARELLA,

Dettagli

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA Art. 1) Denominazione È costituita l Associazione denominata Associazione Veneti a Milano O.N.L.U.S. Art. 2) Sede L Associazione

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 143 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BIONDELLI, ANTEZZA, BINI, BOCCIA, CARRA, COCCIA, COVA, D INCECCO, FEDI, FIANO, CINZIA MARIA

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione di volontariato, denominata: che assume la forma giuridica

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

Statuto. Art. 1 Denominazione

Statuto. Art. 1 Denominazione Statuto Denominazione: Coordinamento Familiari Assistenti- Clelia (CO. FA. AS. Clelia ) Forma Giuridica: ONLUS Domicilio: Via Francesco de Sanctis,15 00195 Roma Tel/Fax. +39 06 37519402 - cell. +39 338808216

Dettagli

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA. Alle Direzioni Generali del Dipartimento

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA. Alle Direzioni Generali del Dipartimento ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Alle Direzioni Generali del Dipartimento Prot- 58729 del 16.2.2004 All Ufficio Studi, Ricerche, Legislazione e Rapporti Internazionali

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Statuto: Associazione di Promozione Sociale ComuneMente ONLUS

Statuto: Associazione di Promozione Sociale ComuneMente ONLUS Statuto: Associazione di Promozione Sociale ComuneMente ONLUS Art. 1 Costituzione, Denominazione e Sede E' costituita in forma pubblica un associazione denominata Associazione di Promozione Sociale ComuneMente

Dettagli