L Editoriale del Presidente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Editoriale del Presidente"

Transcript

1 Cari amici, QUESTA E IL QUINTO NUMERO DELLA NEWSLETTER AITEB, BIMESTRALE DI INFORMAZIONE SULLA TOSSINA BOTULINICA E DINTORNI, CHE VIENE INVIATA A TUTTI I SOCI AITEB, PER GARANTIRE UNA INFORMAZIONE E FORMAZIONE CONTINUA. LA SEGRETERIA AITEB SARA LIETA DI RICEVERE CONTRIBUTI DA TUTTI COLORO CHE VORRANNO INVIARLI. L Editoriale del Presidente ormai ci siamo, il 14 Novembre è alle porte. Il Congresso Nazionale è l evento di punta di ogni Associazione Scien?fica, il momento di massima aggregazione di ogni anno, dove si misura il successo del lavoro svolto anche grazie alla consistenza numerica dei Soci presen?. Per noi di AITEB è la prima esperienza, e non vi nascondiamo una certa emozione. In questo anno e mezzo abbiamo molto lavorato per far crescere la neonata Associazione, e i risulta? sono sta? fin qui molto soddisfacen? soho tui i pun? di vista. TuHavia, per noi del Comitato DireIvo, a Torino si traherà del primo confronto direho con la nostra base di Associa?, ovvero con voi. Il nostro appello a venire tui è supportato da un programma scien?fico molto s?molante, sia per gli argomen? traha? che per il valore dei relatori. Lo trovate in veste completa più avan? nella newsleher. A memoria nostra, in Italia la tossina botulinica non è mai stata trahata in maniera cosi approfondita. TuHavia, la vostra presenza non è necessaria solo per suffragare o meno il successo della manifestazione e in ul?ma analisi di AITEB stessa, ma anche per dar vita ad un Assemblea che sia il più possibile produiva sul piano delle proposte, delle cri?che, e degli spun? per migliorare. AITEB ha bisogno di voi per con?nuare al meglio il suo percorso, e in questo momento il contributo più importante che potete offrirle è proprio la vostra presenza al Congresso. Con?amo su di voi per crescere e migliorare ancora, non mancate! Con i nostri migliori salu?, Il Comitato DireIvo AITEB 1

2 2

3 Il Professor Mauro Porta, illustre Neurologo e pioniere nell uso terapeu5co della tossina botulinica in molteplici applicazioni, offre a noi tu< questa bellissima le>ura sull iperidrosi. AITEB lo ringrazia di cuore e a>ende con grande interesse la sua le>ura magistrale nell ambito del nostro ormai imminente Congresso Nazionale. LE IPERIDROSI Mauro Porta, Neurologo, IRCCS Galeazzi Milano, Centro Malattie Extrapiramidali. In collaborazione con Valerio Pedrelli, Dermatologo, IRCCS Galeazzi Milano. Introduzione Ritenere che la sudorazione rappresen7 semplicemente uno dei meccanismi dell organismo deputa7 alla termoregolazione è senza dubbio ridu>vo. Alla sudorazione spebano funzioni differen7 quali quella ta>le- prensile facilitando la presa manuale (nell uomo) degli ogge>, oppure quella legata all emo7vità o al riconoscimento dell individuo. In questo ambito va dunque collocata anche la funzione di rendere, abraverso il sudore, la cute scivolosa, e di poter così sgusciare dalla presa dell avversario. Si traba di reazioni che si rifanno a riflessi arche7pici animali nei quali la piloerezione significa messa in funzione di ar7gli puntu7, la spremitura delle ghiandole sebacee fa emebere ca>vo odore che allontana i nemici, e la cute resa grassa rende l individuo meno susce>bile alle scariche elebriche. Si traba dunque di meccanismi di difesa che nell uomo si sono anda7 perdendo nel corso dell evoluzione. Il sudore però resta funzione importante nell uomo. TuB oggi l odore del sudore va anche interpretato come segnale di comunicazione non verbale rivestendo un importanza non secondaria come richiamo sessuale. Se poi consideriamo come le aree interessate dal sudore varino in funzione della par7colare situazione in cui il soggebo si trova (la cute della fronte suda quando svolgiamo un compito mentale difficile, le mani si inumidiscono se siamo emoziona7, il corpo suda quando siamo impegna7 in uno sforzo fisico, certe par7 si inumidiscono quando siamo durante l a>vità sessuale) ben si spiega come i centri che regolano la sudorazione siano organizza7 da specifiche funzioni cerebrali a diversi livelli. Corteccia cerebrale e ipotalamo interagiscono con possibilità di controllo reciproco abraverso meccanismi facilitan7 o iniben7. Le ghiandole sudoripare eccrine sono strubure tubolari semplici di 7po glomerulare che si localizzano soprabubo nel derma, ma presen7 anche nell epidermide e nell ipoderma. Sono innervate da fibre nervose simpa7che a trasmissione colinergica. La produzione di sudore è di circa 8-14 µgr/cm 2 /min. con variabilità individuale, in dipendenza del sesso, dell età e dall ambiente e dalle circostanze in cui il soggebo si trova. 3

4 Le Iperidrosi L eccesso di produzione di sudore viene definito iperidrosi. La valutazione di una condizione di iperproduzione sudoripara è fondamentale ancorché non semplice. L apprezzamento sogge>vo di un eventuale iperidrosi è spesso l unico elemento significa7vo. Sudare in eccesso può addiribura compromebere l a>vità lavora7va del soggebo e può comportare una modificazione delle abitudini di vita. Le iperidrosi sono dis7nte in: o o Primi7ve : colpiscono lo 0,9-1% della popolazione adulta (meno frequente in età giovanile e durante la senescenza). Possiedono caraberis7che di familiarità, e si localizzano soprabubo a livello frontale, palmare, ascellare, plantare e dei glutei. Psicogeniche: per lo più legate a situazione ansiogene riguardan7 talora i quadri 7pici degli abacchi di panico. L interessamento delle mani è associato spesso con meccanismi di ansia an7cipatoria. In entrambe queste categorie è stato dimostrato dalle recen7 tecniche di imaging funzionale un interessamento centrale (cor7co- ipotalamico). o Secondarie: possono essere legate a svariate condizioni patologiche (dalle alterazioni del metabolismo glucidico o 7roideo, al feocromocitoma, alle febbre, a talune mielopa7e o neuropa7e, ovvero a talune situazioni del tubo par7colari come la Sindrome di Frey o di Ross, o a certe situazioni non rare quali l algodistrofia riflessa. I quadri classici possono essere (A) focali o (B) generalizza7. Una messa a fuoco diagnos7ca deve essere accurata prima di iniziare una qualsivoglia terapia. Poiché l iperidrosi compromebe spesso significa7vamente la qualità di vita del paziente una misurazione di questo parametro si impone obbligatoriamente. Come misurare l iperidrosi? Vi sono numerose metodiche per lo studio del funzionamento delle ghiandole sudoripare (1), delle vie simpa7che e dei centri integra7vi centrali, metodiche peraltro non sempre disponibili in clinica. I metodi colorimetrici sono i più facili ad essere u7lizza7. Si basano sull u7lizzo di sostanze definite indicatori che a contabo con il sudore reagiscono, cambiando il colore basale. Tra quelli più diffusi vi sono il Test di Minor, o di GuBmann. ABraverso i metodi gravimetrici si determina la quan7tà di sudore prodobo dopo applicazione locale di un film di carta assorbente e, dopo aver lasciato il film sulla cute per 2-5 min, si pesa il fogliebo potendo dunque determinare la quan7tà di sudore prodobo. I metodi evaporimetrici si basano su strumen7 in grado di misurare le modificazioni di umidità all interno di uno spazio chiuso, dove viene fabo circolare gas o aria. 4

5 I metodi neurofisiologici sono rappresenta7 dalla valutazione della risposta simpa7co cutanea. Questa va a rilevare la differenza fasica di potenziale fra due superfici cutanee in relazione alla produzione di sudore che ne modifica la resistenza e le proprietà elebriche. La microneurografia, tramite l uso di un microelebrodo di tungsteno inserito in uno o più nervi periferici, registra l a>vità di drive neuronale delle fibre afferen7 ed efferen7. I metodi Istologici e Videomicroscopici rappresentano tecniche poco u7lizzate in clinica. Come trabare l iperidrosi primi7va? Diverse sono le terapie u7lizzate per l iperidrosi: o Terapie locali: meccaniche e fisiche. Sono perlopiù poco efficaci. Consistono nell u7lizzazione di prepara7 che contengono cloruro di alluminio. Ques7 possono portare ad irritazione della cute ad alte concentrazioni. L'indicazione terapeu7ca é limitata ai casi meno gravi e quando l iperidrosi è localizzata nelle regioni ascellari e del tronco. Sono inefficaci a livello palmare e non sono impiegate nell iperidrosi al volto. Molte di queste preparazioni non sono disponibili in Italia dove invece è possibile una preparazione galenica al 20% di cloruro di alluminio in alcol che va applicata la nobe con un batufolo e rimossa la ma>na dopo. o o o La ionoforesi consiste in corren7 che vengono applicate alle par7 del corpo affebe. I risulta7 sono discordan7 nella pra7ca clinica, che mostra una certa efficacia solo in pazien7 con iperidrosi lieve o media. La metodica richiede varie sedute di 30 minu7 ciascuna. Le terapie sistemiche possono dare effe> collaterali importan7: I farmaci usa7 hanno in genere un effebo seda7vo. Ques7 principi a>vi per essere efficaci comportano effe> collaterali dovu7 alla riduzione della soglia di vigilanza con sonnolenza, e la maneggevolezza risulta spesso compromessa. Gli an7muscarinici come l atropina (alcaloidi della belladonna) riducono la sudorazione ma sono associa7 anch essi ad effe> collaterali quali la secchezza delle fauci e disturbi alla vista, midriasi, tachicardia e difficolta alla minzione. Le terapie chirurgiche mini- invasive (simpa7cectomia cervicale o lombare) sono procedure cruente che comportano la possibilità di complicazioni anche gravi e hanno comunque cos7 eleva7. Modalità di trabamento con Tossina Botulinica Possono essere impiegate le tossine A o B, questa seconda con un maggior effebo an7colinergico ghiandolare. Sono autorizza7 in Italia i trabamen7 di Iperidrosi focale a livello palmare e ascellare, tubo il resto deve essere inquadrato in un contesto di Ricerca Clinica o di uso off label nel rispebo della Legge. 5

6 Raccolta del Consenso Informato La raccolta del consenso informato rappresenta un punto molto delicato ma fondamentale. In Italia la Tossina A e, più recentemente, la Tossina B, sono state regolarmente registrate dal Ministero della Salute. Esse sono dispensabili nelle strubure ospedaliere o nelle Cliniche convenzionate per quanto riguarda l induzione del blocco neuro- muscolare in patologie di interesse neurologico e nel trabamento dell iperidrosi ascellare e palmare. Risulta pertanto estremamente importante richiedere il Consenso Informato del paziente, dopo aver describo le caraberis7che del farmaco, le sue potenzialità e i possibili effe> collaterali specificando se l u7lizzo della tossina per il caso in ques7one sia in label o off label presentando la LeBeratura in proposito. E indispensabile indicare nel consenso informato anche l uso dell eventuale trabamento aneste7co. Delimitazione della cute da trabare e disegno del re7colo cutaneo. Viene delimitata la zona cutanea da trabare con penna dermografica, dopo averne eventualmente evidenziato l estensione mediante tecniche colorimetriche (2). Impiego pra7co della Tossina Botulinica: diluizione- dose- 7po di tossine u7lizzate. La Tossina Botulinica viene diluita in discre7 volumi, in genere 4-6 ml, di soluzione fisiologica, per la necessità di somministrare una dose adeguata in molteplici pun7. Una diluizione minore rende difficoltosa la somministrazione di quan7tà troppo piccole per singolo punto, mentre una diluizione eccessiva tende a favorire la diffusione della tossina ai piani sobostan7. E bene evitare che una volta introdoba la tossina fuoriesca dal punto di inoculazione: a tal fine è opportuno tenere compressa l area interessata per qualche secondo appena estrabo l ago. Per quel che riguarda il dosaggio essendo diverse le tossine in commercio si andranno a usare le dosi indicate nel fogliebo illustra7vo. La tossina 7po B sembrerebbe avere maggior effebo sul Sistema Ghiandolare come già debo, ma con una durata d azione inferiore. Dosi superiori a quelle indicate possono portare a effe> indesidera7, soprabubo la Flu- like Syndrome. Viene u7lizzata in genere una siringa da insulina con ago so>le (30G). E consigliabile effebuare l iniezione in maniera tangenziale alla superficie cutanea per ridurre la diffusione ai piani muscolari sobostan7. La sede di inoculazione è in genere sobocutanea, poiché le iniezioni intradermiche risultano par7colarmente dolorose, di difficile esecuzione con eccessiva perdita di farmaco in superficie. I tenta7vi di u7lizzare i sistemi di infusione mul7- injec7ons con Dermojet sembrano aver determinato risulta7 clinici non interessan7. Va tenuto presente come una maggior diluizione compor7 una maggiore diffusione di tossina botulinica nei tessu7 infiltra7 (3). Anestesia Locale L infiltrazione può essere effebuata in contemporanea con la nebulizzazione di ghiaccio spray per ridurre il dolore in taluni pazien7 par7colarmente intolleran7, ovvero si può stendere in superficie un aneste7co topico quale l EMLA o il PLIAGLIS, un ora prima del trabamento. Può essere necessaria un infiltrazione con aneste7co per il trabamento della mano e del piede nei sogge> più susce>bili. Si procede all anestesia tronculare dei nervi responsabili dell innervazione sensi7va della mano al polso (nervo radiale, mediano e ulnare) e dei nervi sensi7vi del piede alla caviglia (nervo peroneo e 7biale posteriore). 6

7 Si usano aneste7ci con emivita rela7vamente breve, quali la lidocaina o la carbocaina. Dosi Il dosaggio complessivo per quel che riguarda l iperidrosi ascellare per la tossina 7po A (Allergan o Merz) è nella donna di 80 U per ambo le ascelle equamente distribuito per tu> i pun7 predefini7 e di 100 U nell uomo. Per quel che riguarda mani e piedi il dosaggio è differente ed è anche dipendente dall importanza dell iperidrosi. La posologia va dalle 120 U nelle donne e 150 negli uomini. Ogni tossina comunque presenta dei dosaggi specifici e l equivalenza non è facilmente calcolabile (5). Risulta7 Dopo un tempo variabile dai 3 ai 6 giorni i pazien7 osservano una progressiva riduzione e spesso una scomparsa della sudorazione nelle zone trabate. Il trabamento ha una durata variabile che mediamente si aggira sui 6 mesi. Effe> collaterali A livello palmare possono osservarsi ipotonie transitorie dei muscoli interessa7 dalle tossine, meglio evitare pertanto il trabamento delle falangebe poiché potrebbe complicare la presa manuale. Gli effe> sistemici della tossina sono non significa7vi se ci si a>ene alla scheda tecnica del prodobo e alla LeBeratura. E importante rispebare gli intervalli di tempo tra un trabamento e l altro (almeno tre mesi) per evitare i meccanismi di resistenza alla Tossina Botulinica. Aspe> medico legali A questo proposito va specificato come la prescrizione farmacologica obblighi il medico ad abenersi alle indicazioni e alle modalità di somministrazione previste dall Autorizzazione all Immissione in Commercio rilasciata dal Ministero della Salute. Queste informazioni sono reperibili nella scheda tecnica del farmaco. A fronte della situazione o>male dei farmaci che hanno dato prova di sicurezza ed efficacia abraverso il complesso iter della sperimentazione clinica, vi sono però dei casi nei quali vi è un ogge>va carenza di farmaci dedica7 o tu> i farmaci dedica7 hanno fallito. In ques7 casi, esiste un razionale che suggerisce un impiego benefico di un certo prodobo, al di fuori cioè delle sue indicazioni ufficiali. Si è arriva7 alla legge 94/1998, art.3, comma 2, che dice: il medico può impiegare un medicinale prodobo industrialmente per un indicazione o una via di somministrazione o di u7lizzazione diversa da quella autorizzata solo a pabo che sia subordinata a tre condizioni: a) sia stato acquisito il consenso esplicito del paziente, preceduto da informazione specifica; b) il paziente non possa essere u7lmente trabato (sulla base dei da7 documentabili) con medicinali per i quali sia già approvata quell indicazione terapeu7ca o quella via o modalità di somministrazione; c) l uso off label sia noto e conforme a lavori apparsi su pubblicazioni scien7fiche accreditate in campo internazionale, requisito successivamente modificato dalla legge 24 dicembre 2007, n.244, che vieta l impiego di un medicinale industriale per un indicazione terapeu7ca diversa da quella autorizzata, qualora per tale indicazione non siano disponibili almeno da7 favorevoli di sperimentazione clinica di fase seconda. Dal 17 Luglio 2014 inoltre il medicinale Tossina Botulinica è stato inserito nell elenco dei farmaci erogabili a totale carico del Sistema Sanitario Nazionale ai sensi della Legge 23 dicembre 1996, n.648 per le seguen7 indicazioni terapeu7che: spas7cità, limitatamente alle forme non incluse nelle indicazioni non autorizzate, iperidrosi palmare e facciale, distonie focali e segmentarie, limitatamente alle forme non incluse nelle indicazioni non autorizzate. Gli unici specialis7 che potranno, secondo le disposizioni dell AIFA, prescrive la tossina botulina con un piano terapeu7co sono il Neurologo, il Fisiatra, l Ortopedico e l Oculista con una provata esperienza nell uso della tossina botulinica (4), (6). 7

8 Conclusioni L iperidrosi può cos7tuire un problema rilevante che altera la qualità di vita. L impiego della tossina botulinica a tub oggi cos7tuisce il trabamento di scelta per la sua innocuità e ripe77vità, nonché per i cos7 rela7vamente contenu7 e soprabubo per la sua facilità di impiego. L efficacia è di sicuro interesse clinico con ampia soddisfazione dei pazien7. È da notare infine come l uso della tossina necessi7 di un breve training specifico. Viene da sé che la tossina botulinica debba rientrare a pieno diribo nell armamentario terapeu7co di chi si occupa di disidrosi. BIBLIOGRAFIA 1 Tugnoli V, Eleopra R, Quatrale R, Capone JG, Sensi M, Gastaldo E. La tossina botulinica nel tra?amento delle iperidrosi focali. Derm. Clin. 2001,4: Naumann M., Hofmann U., Bergmann I., Hamm H., Toyoka K.V., Reiners K., Focal Hyperhidrosis: effectve treatment with Intracutaneous Botulinum Toxin. Archives of Dermatology 1998 vol Jankovic J., Brin MF, TherapeuTc uses of botulinum toxin. N Engl J Med. 1991;324: Piga M.A., In Mauro Porta e Vi?orio Sironi: ProblemaTche medico- legali - Un veleno che cura Tugnoli V., In Mauro Porta e Vi?orio Sironi: Le Tossine Botuliniche Un Veleno che cura Mantovani R. In Mauro Porta, Annarita BenTvoglio, Emanuele Casse?a: Impiego off label della tossina botulinica : il punto di vista del legale- La dose fa la differenza Botox injections - beloved by those seeking a wrinkle-free face - may help fight cancer, animal tests suggest. The study, published in Science Translational Medicine, showed nerves help stomach cancers grow. Research on mice found that using the toxin to kill nerves could halt the growth of stomach tumours and make them more vulnerable to chemotherapy. Cancer Research UK said it was early days and it was unclear whether the injections could help save lives. Botox is usually used in the fight against the signs of ageing, not cancer. The toxin disrupts nerve function to relax muscles and even out wrinkles, but a growing body of work suggests nerves can also help fuel cancer growth.

9 Levata di scudi contro il servizio del TG5 Molti di voi lo avranno visto, altri ne avranno sentito parlare. Il servizio mandato in onda dal TG5 delle ore 20 Giovedi 23 Ottobre è stato un perfetto esempio di disinformazione a danno di tutta la nostra categoria e della tossina botulinica. Questo il link, per chi volesse visionarlo: AITEB si è resa promotrice di una risposta congiunta che ha coinvolto tutte le principali forze in campo, ovvero, oltre a noi, le tre Società del Collegio di Medicina Estetica (Agorà, SIES e SIME), nonché sia AICPE che SICPRE sul fronte della Chirurgia Plastica. Il documento, firmato da tutti, è stato oggetto di un comunicato stampa. Lo trovate di seguito. E la prima volta che tutti i diretti interessati scendono in campo uniti contro la disinformazione scandalistica, è stato un successo politico da noi promosso e di cui siamo molto soddisfatti. Questa è la via da seguire anche per il futuro, uniti si è più forti. COMUNICATO STAMPA «Dal Tg5 solo disinformazione e inesattezze I trattamenti estetici non sono da demonizzare» AICPE, SICPRE, AITEB, SIME, SIES e Agorà - le principali società scientifiche italiane di chirurgia e medicina estetica - intervengono dopo il servizio mandato in onda nel Tg5 delle 20 di giovedì 23 ottobre sulle attrici che rincorrono il mito dell eterna giovinezza «Abbiamo assistito all ennesimo caso di disinformazione mediatica su un tema importante e che riguarda molte migliaia di persone nel nostro Paese. Tramite un servizio denso di inesattezze e gravi errori scientifici, la testata giornalistica ha cavalcato l onda del preconcetto e dello scandalo, mostrando un servizio sulle star hollywoodiane sottoposte a trattamenti estetici che vengono definite con termini quali volto reimpastato o addirittura mostri. Un atteggiamento quanto meno irrispettoso nei confronti delle protagoniste. Ma il punto è che il Tg5 attribuisce più volte la responsabilità dei cambiamenti di espressione dei volti delle star agli incauti interventi di chirurgia plastica e ai trattamenti a base di tossina botulinica: e questo è falso. Tutti i medici che lavorano in campo estetico sanno benissimo che i veri pericoli dei trattamenti iniettivi non nascono dal botulino, il quale - ed è ampiamente provato da circa trent anni di ricerche scientifiche ha un profilo di sicurezza elevatissimo. Gli operatori del settore sanno altresì che le moderne tecniche di chirurgia plastica purché applicate da professionisti seri e preparati- sono capaci di offrire i miglioramenti richiesti senza creare né mostri né caricature». 9

10 AICPE, SICPRE, AITEB, SIME, SIES e Agorà, le principali società scientifiche italiane di chirurgia e medicina estetica, non ci stanno alla disinformazione mediatica del Tg5 di prima serata di giovedì 23 ottobre. E congiuntamente hanno deciso di intervenire sulla questione perché «viene da chiedersi se un servizio così tendenzioso non sia frutto di una vera e propria volontà di sfruttare l arma dello scandalo pur di fare audience. L unica alternativa, infatti, è che il servizio sia frutto di semplice ignoranza, come dimostrerebbe indicare il continuo utilizzo del termine Botox, che è il nome commerciale di una singola tossina botulinica, peraltro non in commercio in Italia per uso estetico. Che si tratti di volontà mistificatoria o di mancanza di conoscenza del tema, non è comunque accettabile che servizi di così scarso valore informativo vengano proposti al pubblico italiano, che ha il diritto ad una corretta informazione su temi che lo riguardano così da vicino come la salute». «Il processo di invecchiamento è, e deve essere vissuto, come naturale. Tuttavia, naturale è anche la voglia di rallentarlo tramite pratiche mediche che, se effettuate con l aiuto di professionisti preparati, sono sicure per la salute e molto efficaci per il benessere, anche psicologico, delle persone che vi si sottopongono». «Il discredito gettato sulla medicina e chirurgia estetica è assolutamente fuori luogo e immotivato -proseguono AICPE, SICPRE, AITEB, SIME, SIES e Agorà -. Secondo tutti i nostri codici etici, l azione del professionista in tema di ringiovanimento non può e non deve stravolgere l aspetto del paziente. Scopo fondamentale è quello di prevenire, educare e solo poi correggere. E la correzione deve esclusivamente aiutare i pazienti a portare bene la propria età, oltre che correggere esclusivamente le imperfezioni: qualsiasi stravolgimento non fa parte della buona pratica clinica delle specialità che agiscono in estetica. I trattamenti estetici sono una realtà importante per la salute psicologica di molte migliaia di persone in Italia e nel mondo, occorre maggiore rispetto nel trattarli, anche mediaticamente. Quando si affrontano argomenti così delicati, che coinvolgono molti pazienti, crediamo sia dovere dei media considerare le posizioni delle Società Scientifiche di riferimento, che sono sempre a disposizione per poter diffondere notizie corrette in maniera adeguata». «Importante è sottolineare che in Italia i Medici Estetici ed i Chirurghi Estetici opportunamente preparati, che agiscano secondo le linee guida delle rispettive società scientifiche, operano in modo equilibrato rispettando l aspetto estetico legato all età del paziente, rendendo naturale il risultato del trattamento o dell intervento proposto. Tale aspetto non viene sempre considerato con altrettanto rigore in altri paesi e in altre culture, portando ad eccessi che possono risultare poco naturali». «I trattamenti di Medicina Estetica e di Chirurgia Estetica sono una realtà importante per la salute psicologica di molte migliaia di persone in Italia e nel mondo, occorre maggiore rispetto nel trattarli, anche mediaticamente». 10

11 Corsi AITEB di 1 e di 2 livello Oltre al Corso di 1 livello, a voi già noto dall anno passato e ripetuto quest anno a Roma il 26 Settembre, AITEB ha organizzato quest anno anche i primi due Corsi di 2 livello, il 7 Giugno a Milano e il 27 Settembre a Roma, con risultati molto lusinghieri. Scopri i vantaggi Iscriviti ad AITEB o rinnova la tua adesione ENTRO E NON OLTRE IL 31 MARZO 2015 Vai su o telefona alla Segreteria Aiteb tel Sig.ra Cristina Rossi 11

12 Poveri Teen-Agers congelati dal botulino! by Massimo Signorini Sono grato all amico Jonata Ga0 che ci ha segnalato un ar5colo di Corriere.it del mese scorso in5tolato Il Botox congela le emozioni (e le facce) nei giovanissimi. Per chi volesse leggerlo di persona (e consiglio di farlo), questo il link: hip://www.corriere.it/salute/dermatologia/ 14_seIembre_16/botox- congela- emozioni- facce- giovanissimi- 45d3e26c- 3da1-11e4-8a05-562db8d64ccf.shtml Incuriosito, sono andato a fondo della ques5one. Il 5tolo ci informa che il contenuto verte su di una ricerca dell Università di Cardiff. In realtà non si traia affaio di una ricerca, tantomeno universitaria. La giornalista riassume piuiosto un ar5colo pubblicato nel Giugno 2013 sul Journal of Aesthe5c Nursing (a proposito, chi l aveva mai sen5to nominare..?) firmato da Helena Collier, un infermiera molto conosciuta in Scozia poiché grande inieirice di botulino, come peraltro permesso dalle leggi del Regno Unito. L ar5colo della Collier sos5ene che la tossina botulinica, inibendo le espressioni facciali, può inibire anche la percezione e l espressione delle emozioni. Cita le note ricerche del Professor Lewis dell Università di Cardiff sulla teoria del feed- back facciale, oltre ad una notevole quan5tà di altra leieratura sul tema. In via del tuio ipote5ca, suggerisce che la tossina botulinica in età adolescenziale possa bloccare lo sviluppo emozionale dei ragazzi, provocando un grave danno alla loro futura vita di relazione. In modo onesto, afferma comunque che tale teoria deve essere confermata da studi su ampia scala. Punta quindi il dito contro l uso del botulino negli adolescen5 allo scopo di prevenire le rughe mimiche, e questo è il vero oggeio del suo lavoro. La Collier sos5ene che questa terapia nei teen- agers è assolutamente prematura ed ingius5ficata e che non deve essere pra5cata dagli operatori seri del nostro seiore. Su questo tema la posizione di AITEB è più che chiara ed allineata con la Collier, e il Survey Monkey che abbiamo raccolto con voi mesi fa ha dimostrato che anche tra i nostri soci i pazien5 soio i diciannove anni (ovvero i veri teen- agers) traia5 con il botulino rappresentano la bellezza dello 0%. La Collier non ci informa sui da5 del fenomeno botulino- adolescen5 in Inghilterra, tuiavia non penso che possano essere molto diversi dai nostri. In compenso, per dare corpo al suo allarme, lei meie in risalto che negli USA (da5 ASAPS) i pazien5 di età compresa tra 19 e 30 anni traia5 con tossina botulinica nel 2012 sono sta5 ben DeIa così, la cifra appare ragguardevole. Ma se si considera che sul totale di oltre 6 milioni di traia5 s5amo parlando di un mero 1,5%, se si considera che la grande maggioranza di quei erano più vicini ai 30 anni che ai 19, e se si considera infine che in questo gruppo sono comprese anche le iperidrosi, appare chiaro che anche negli USA i traiamen5 este5ci con botulino negli adolescen5 sono rido0ssimi. La pubblicazione della Collier non ha avuto alcun seguito nei media fino al mese di SeIembre di quest anno, quando improvvisamente è stata ripresa dalla BBC ( vedi hip://www.bbc.com/news/ health ) con l ar5colo Botox may stunt emo5onal growth in young people, ed ecco che, tuio ad un traio, è montato subito un caso. Il soio5tolo della BBC cita: Gli esper) avvertono che i traiamen5 con Botox nei ragazzi possono limitare la loro maturazione emozionale. Nel primo paragrafo leggiamo poi I clinici che hanno scriio nel Journal of Aesthe5c Nursing affermano che l uso delle iniezioni per spianare le rughe nei giovani soio i 25 anni è in aumento. Dunque Helena Collier, rispeiabilissima infermiera, per la BBC è subito diventata gli esper) ed i clinici, così mol5plicando l autorevolezza del suo grido d allarme. Numeri alla mano, quest ul5mo tuiavia non sembra affaio gius5ficato. Si no5, tra l altro, che l uso improprio del termine Botox con5nua a farla da padrone anche presso l autorevolissima BBC. Corriere.it segue a ruota con l ar5colo di cui sopra dopo soli 4 giorni (e con lui chissà quan5 altri), rilanciando come è da sempre nell uso dei media in quanto ad allarmismo. 12

13 Cito testualmente: Il Botox (..!) congela le emozioni (e le facce) nei giovanissimi. Sono sempre di più i giovani che ricorrono alle punturine an5- età già al di soio dei 30 anni. Dunque meglio abituarsi già da giovanissimi a qualche iniezione di Botox, pensa un esercito di giovanissimi che frequenta i centri di chirurgia este5ca già in età insospeiabili. Le cosideie facce congelate sono oramai un icona anche per i più giovani e il 5more, anzi la certezza, dei ricercatori è proprio che i ragazzi non imparino ad esprimersi airaverso le espressioni. E così, ancora una volta, si arriva ad un sublime esempio di disinformazione. Questa volta non si accusa il botulino di provocare paralisi e atrofia, né di migrazione al cervello o quant altro. Lo si accusa di rovinare i giovani, scusate se è poco. Gli operatori del seiore, ovviamente, hanno risposto. Fra tan5, vi consiglio di leggere il blog inglese Medical Spa MD, questo il link: hip://medicalspamd.com/the- blog/2014/9/17/ stunted- emo5onal- growth- from- botox- in- the- uk.html? utm_content=buffer5fd0f&utm_medium=social&utm_ source=linkedin.com&utm_campaign=buffer Le considerazioni di chi scrive sono esemplari sul piano dell e5ca medica, ma molto interessante è anche un altro commento, che suggerisce che l intervento della BBC avesse mo5vazioni non del tuio scien5fiche. Nel mese di SeIembre in Inghilterra era infa0 in corso una massiccia campagna media5ca per promuovere la manifestazione Clinical Cosme5c and Reconstruc5ve Expo, svoltasi a Londra in OIobre. Guarda caso, la Signora Collier era nella Faculty per presentare il suo lavoro. Come mai la BBC ha ripreso il suo ar5colo ben 15 mesi dopo che era stato pubblicato, avendolo del tuio ignorato prima? Lo ha faio per il suo reale interesse scien5fico, o è stata una delle tante operazioni promozionali nell ambito dell Expo stessa...? Comunque sia, ancora una volta il botulino ne ha faio le spese. Meditate gente, meditate! ù è à à è à 13

14 Iniezioni indolori? Ci siamo a>va7 per poter proporre ai nostri associa7 la soluzione fisiologica (NaCl 0,9%) con alcool benzilico 0,9% in fiale da 10 ml. Questa par7colare formulazione, molto usata all estero, è definita in lingua anglosassone preserved saline per le sue proprietà baberiosta7che ed è impiegata per la diluizione degli iniebabili al posto della semplice fisiologica. Ha però un altra proprietà estremamente interessante che risulta quanto mai gradita ai nostri pazien7: rende le iniezioni assai meno fas7diose. In pra7ca, se la percezione dell ago per gli ovvii mo7vi non cambia, l iniezione della soluzione di tossina vera e propria non viene invece quasi avver7ta quando la diluizione viene eseguita con questa preparazione. TraBandosi di un prodobo galenico confezionato da una farmacia, il suo costo sarà determinato dal numero di fiale che gli Associa7 AITEB vorranno prenotare. Considerate che a seconda di questo, il costo pro fiala da 10 ml si aggirerà tra 2,50 euro (ordine di 1000 fiale complessive) e 1,50 euro ( ordine di fiale complessive). Ai pazien7 non piace sen7r male. Le iniezioni indolori possono davvero fare la differenza tra voi ed i vostri concorren7! Prima di procedere, abbiamo bisogno di un indicazione circa il vostro interesse in tal senso. Fatecelo conoscere via mail tramite segreteria. Vi sapremo dire il costo unitario esabo per fiala appena avremo un idea approssima7va del numero di pezzi che andremo a commissionare. Non siate sce>ci, la differenza tra fisiologica semplice e preservata è sorprendente! Scarica l APP AITEB 14

15 Consiglio Superiore di Sanità, il botulino? Non dal dentista Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino commenta il parere del Consiglio Superiore di Sanità Carissimi, il 30 settembre il Consiglio Superiore di Sanità ha espresso il suo parere circa la competenza dell odontoiatra all esecuzione di trattamenti di medicina estetica richiesto dall Ordine dei Medici di Roma su istanza del Collegio delle società di medicina estetica (vedi allegato). Da ciò risulta una linea di demarcazione chiara: gli odontoiatri possono intervenire per finalità estetica sul viso dei pazienti in modo molto limitato. Il testo ministeriale specifica che gli odontoiatri possono agire solo in caso di anomalie congenite o patologie delle zone anatomiche che loro competono - quindi denti, bocca, mascelle e relativi tessuti- ma solo e limitatamente alle labbra, inoltre il trattamento deve essere contemplato in un protocollo e un iter di cure odontoiatriche e non essere esclusivo. Nell ambito di tali inter venti, essi possono impiegare solo ed esclusivamente farmaci e presidi specificatamente autorizzati per quel distretto anatomico. Poiché in Italia la tossina botulinica è autorizzata dall Aifa solo per la glabella e per le così dette zampe di gallina, ne consegue che anche per questo motivo gli odontoiatri non possono eseguire trattamenti estetici con il botulino. Inoltre il parere, richiamandosi ancora alla legge 409/85, sottolinea chiaramente che gli odontoiatri restano esclusi dai trattamenti iniettivi finalizzati al ringiovanimento. Il parere espresso dal CSS infatti parla chiaro: essi possono intervenire (limitatamente alle labbra) solo in caso di anomalie congenite o di patologie dei distretti elencati e l invecchiamento non può essere certo considerato come una patologia! Infine ricordiamo che l esecuzione di trattamenti terapeutici e la prescrizione di farmaci non pertinenti la professione dell odontoiatra può configurare il reato di esercizio abusivo della professione medica. Vi sono inoltre risvolti di tipo assicurativo relativi al danno estetico che può non essere contemplato in polizza per questo tipo di prestazioni e relativamente alla non copertura assicurativa qualora si eserciti abusivamente un altra professione. Il Consiglio Direttivo 15

16 Novità by Guido Dalla Costa Iperidrosi palmare: la durata dell ef2icacia aumenta con il ripetersi delle iniezioni Gli autori (M.Lecou(let, Leux C, Fenot M, Célerier Ph, Maillard H. Duration of ef(icacy increase with the repetition of botulinum toxin Ainjections in primary palmar hyperidrosis: a study of 28 patients. J.Am. Acc. Dermatol Jun; vol 70, 6, ) eseguono una valutazione retrospettiva sulla durata dell effetto terapeutico posto in essere con tossina botulinica di tipo A su 28 pazienti trattati dal 2001 al 2012 per iperidrosi primaria palmare. I pazienti sono stati trattati con una dose di 250 U di tossina botulinica (Disport) in ciascun palmo. E stata poi rilevata la durata dell efgicacia fra le prime e le ultime iniezioni di farmaco: la durata media è stata di 7 mesi per le prime iniezioni e di 9,5 mesi per le ultime (P =.0002). Gli autori, pur consci del numero limitato di pazienti riportato nello studio, sottolineano l importanza della segnalazione e di come il trattamento abbia un effetto di bradi- Gilassi. Iperidrosi Palmare: botulino versus simpaticectomia In quest articolo gli autori (Alvarez MA, Ruano J, Gómez FJ, Casas E, Baamonde C, Salvatierra A, Moreno JC. Differences between objective ef(icacy and perceived ef(icacy in patients with palmar hyperhidrosis treated with either botulinum toxin or endoscopic thoracic sympathectomy. J Eur Acad Dermatol Venereol Jul 24. doi: /j x.) sottolineano come l'iperidrosi palmare, da moderata a grave, possa disturbare il lavoro e la vita sociale ed emotiva delle persone. La tossina botulinica e la simpatectomia sono attualmente considerate le opzioni di trattamento più efgicaci, ma pochi studi hanno analizzato la concordanza tra efgicacia e soddisfazione del paziente nel confronto di questi due tipi di trattamento. In questo studio retrospettivo di osservazione sono stati inclusi tutti i pazienti trattati con tossina botulinica o simpaticectomia endoscopica toracica in un unico ospedale tra il 2005 e il Le informazioni sono state ottenute dalle cartelle cliniche computerizzate e da un sondaggio telefonico, si sono indagati il livello educativo e socio- economico dei pazienti, la consapevolezza delle opzioni di trattamento, la gravità pre- e post- trattamento dell'iperidrosi palmare, la soddisfazione e gli effetti collaterali associati. I predittori di efgicacia e soddisfazione del paziente sono stati analizzati con modelli di regressione logistica ordinale e multinomiale Risultati: I pazienti sottoposti a simpatectomia avevano un'iperidrosi palmare più grave, e l'efgicacia del trattamento e la soddisfazione dei pazienti sono stati maggiori rispetto ai pazienti trattati con tossina botulinica. La gravità dell'iperidrosi palmare compensativa è stata predittiva di una minore soddisfazione dopo la simpaticectomia. Nel gruppo trattato con la tossina botulinica, il basso status socio- economico, la mancanza d informazioni sulle opzioni di trattamento, il minor numero di sessioni e un effetto anidronico più breve sono stati associati con una minore soddisfazione. Gli autori concludono che nella valutazione delle aspettative i medici dovrebbero considerare i fattori che determinano la soddisfazione del paziente in relazione alle opzioni di trattamento. 16

17 MARZO - APRILE 2014 Rinite allergica: tossina botulinica versus cetirizina In quest articolo gli autori (Hashemi SM, Okhovat A, Amini S, Pourghasemian M. Comparing the Effects of Botulinum Toxin-A and Cetirizine on the Treatment of Allergic Rhinitis. Allergol Int Apr 25) confrontano l efgicacia dell azione del botulino nei confronti della cetirizina per il trattamento della Rinite Allergica. Sono tati inclusi, secondo i criteri della rinite allergica e dell impatto sull asma (ARIA), 50 pazienti (64 % femmine) dell età di 26,2 ± 9,1 anni. Casualmente ai pazienti sono state praticate iniezioni intranasali di 75 U di Disport o cetirizina (10 mg die). La valutazione della sintomatologia e degli effetti collaterali è stata eseguita ogni due settimane per due mesi; è stata valutata anche la qualità della vita prima e dopo il trattamento utilizzando il questionario di Rhinasthma. Risultati: in entrambi i gruppi e allo stesso livello è diminuito il punteggio relativo alla gravità dei sintomi (P < 0.001) ed è migliorata la qualità della vita (P < 0.001). Effetti collaterali: gruppo del botulino: secchezza nasale (4%) ed Epistassi (4 %); gruppo della cetirizina: sonnolenza (44 %) e visione offuscata (4 %). Gli autori concludono sottolineando che l'iniezione nasale di BTX- A ha mostrato gli stessi effetti terapeutici della cetirizina; però che essendo il botulino costoso non lo suggeriscono come trattamento di prima scelta per la rinite allergica. Il botulino tuttavia rappresenta un possibile trattamento per quei pazienti che sono resistenti o che non sono tollerano i farmaci comunemente usati per la rinite allergica. Mal di Testa: trattamento con il botulino In quest articolo gli autori (Gady J, Ferneini EM. Botulinum toxin A and headache treatment. Conn Med Mar;77(3):165-6.) vogliono valutare se il trattamento con tossina botulinica di tipo A svolga un effetto progilattico nell insorgenza del mal di testa. Gli autori hanno eseguito una revisione retrospettiva della letteratura, dopo la quale hanno valutato il risultato dei vari studi, tra cui il fatto di aver raggiunto o meno una diminuzione di intensità nonché di insorgenza dell'emicrania e della cefalea muscolo- tensiva. L'approvazione della tossina botulinica, per il trattamento dell'emicrania, si basa ampiamente sui risultati dello studio PREEMPT di Fase III dell Allergan. Lo studio ha dimostrato una diminuzione statisticamente signigicativa nella frequenza dei giorni di cefalea e una riduzione delle ore totali di cefalea per il gruppo trattato con la tossina rispetto a quello trattato con placebo. Altri studi randomizzati hanno valutato il trattamento con botulino nella cefalea cronica di tipo tensivo e la maggior parte di essi non hanno dimostrano alcuna differenza di intensità del mal di testa fra i due gruppi. Gli attuali concetti di Gisiopatologia sulla cefalea di tipo tensivo suggerirebbero che il Botox possa svolgere un azione probabilmente efgicace. Rimane però ancora da verigicare l efgicacia del botulino nel trattamento dell'emicrania cronica e della cefalea di tipo tensivo. Le conclusioni degli autori sono che la letteratura attualmente delinea un effetto modesto della tossina botulinica di tipo A nel trattamento progilattico dell'emicrania cronica e della cefalea di tipo tensivo e che sono quindi necessari ulteriori studi prospettici, randomizzati e in doppio cieco. 17

18 MARZO - APRILE tanto per riderci sopra 18

Beauty guide aprile 2010 Le domande più frequenti sui trattamenti mini-invasiviinvasivi 2 Come funziona la Tossina Botulinica? Quanto durano i trattamenti con Tossina Botulinica? Se il risultato non è

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Dott. Pascal Scioscia. Chirurgia Plastica, Chirurgia Estetica, Medicina Estetica

Dott. Pascal Scioscia. Chirurgia Plastica, Chirurgia Estetica, Medicina Estetica Dott. Pascal Scioscia Chirurgia Plastica, Chirurgia Estetica, Medicina Estetica Trattamenti Filler Chi è il medico estetico Il medico estetico è il medico (ovvero laureato in medicina e chirurgia) che

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

ELENCO TRATTAMENTI TRATTAMENTI DI ESTETICA. Botox o Botulino

ELENCO TRATTAMENTI TRATTAMENTI DI ESTETICA. Botox o Botulino ELENCO TRATTAMENTI Trattamenti mirati per rivitalizzazione e ringiovanimento con peeling per macchie cutanee, acne e smagliature, ridefinizione dei contorni del viso (zigomi, labbra e mento), impianto

Dettagli

Emispasmo del nervo facciale

Emispasmo del nervo facciale Emispasmo del nervo facciale Cos è l emispasmo del nervo facciale? L emispasmo del nervo facciale o emispasmo facciale (EF) è un disturbo caratterizzato da una contrazione unilaterale, involontaria ed

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione resistente alla terapia farmacologica di Salvatore Di Salvo I dati della

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Andrea Pizzini. Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti

Andrea Pizzini. Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti Andrea Pizzini Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti Le informazioni presenti in questa monografia hanno rilevante utilità informativa, divulgativa e culturale ma non possono in alcun modo

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile L ALCOLISMO Un problema risolvibile MAPPA INTRODUZIONE DIPENDENZA PERCHÈ SI ABUSA? ASPETTI SOCIALI 1. GIOVANILE 2. VIOLENZA TERAPIE ASSOCIAZIONI UTILI L ALCOLISMO INTRODUZIONE È LA PIÙ ANTICA E DIFFUSA

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri,

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, 1. RESPONSABILE 1. CHE COSA È L AUTOMEDICAZIONE RESPONSABILE Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, come tosse, raffreddore, stitichezza: disturbi che conosciamo bene,

Dettagli

FORMULAZIONE QUESITO SULLA LEGITTIMA ESECUZIONE DA PARTE DEGLI ODONTOIATRI DI TRATTAMENTI DI MEDICINA ESTETICA

FORMULAZIONE QUESITO SULLA LEGITTIMA ESECUZIONE DA PARTE DEGLI ODONTOIATRI DI TRATTAMENTI DI MEDICINA ESTETICA a: Prof. Renato Balduzzi Ministro della Salute Lungotevere Ripa 1-00153 Roma a: Prof. Adelfio Elio Cardinale Sottosegretario Ministero della Salute Lungotevere Ripa 1-00153 Roma segreteria.cardinale@sanita.it

Dettagli

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi?

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi? I CRAMPI NEL RUNNER Ai bicipiti femorali o ai polpacci, i crampi, contrazioni muscolari involontarie, sono sempre molto fastidiosi e a volte dolorosi. La decisione di trattare questo argomento è nata dalle

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi

Movimentazione Manuale dei Carichi Movimentazione Manuale dei Carichi INQUADRAMENTO NORMATIVO Il Titolo VI, D.lgs. n. 81/2008, è dedicato alla movimentazione manuale dei carichi (MMC) e, rispetto alla normativa previgente e, in particolare,

Dettagli

Bocca e Cuore ooklets

Bocca e Cuore ooklets Bocca e Cuore ooklets Una guida per i pazienti Booklets Per aiutare a migliorare qualità e sicurezza delle cure pubblichiamo una collana di guide ( ) con lo scopo di fornire ai pazienti ed ai loro famigliari

Dettagli

Gloreha: Domande Frequenti

Gloreha: Domande Frequenti Gloreha: Domande Frequenti 1. Come lavora Gloreha?... 2 2. Perché Gloreha è diverso da un semplice mobilizzatore passivo?... 2 3. Quali sono i benefici che l utilizzo di Gloreha può portare?... 3 4. Quali

Dettagli

CONSENSO INFORMATO ALL IMPIEGO DELLA TOSSINA BOTULINICA PER SCOPI ESTETICI

CONSENSO INFORMATO ALL IMPIEGO DELLA TOSSINA BOTULINICA PER SCOPI ESTETICI CONSENSO INFORMATO ALL IMPIEGO DELLA TOSSINA BOTULINICA PER SCOPI ESTETICI Dr RAFFAELE RAUSO Medico Chirurgo -chirurgiadellabellezza Il presente documento e` consegnato a: Data e luogo di nascita: Nome:

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6 2f5hy Per problemi di visualizzazione clicchi qui 2f5hx L eiaculazione precoce (EP) e' una condizione medica frequente, in particolare e' la disfunzione sessuale piu' comune e in Italia ne soffre un uomo

Dettagli

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia L equilibrio armonico tra mente e corpo CRM Terapia Corpo e mente in perfetta armonia, per ritrovare la salute Dopo anni di ricerca nella prevenzione e cura

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

Denominazione del medicinale STILLA DECONGESTIONANTE 0,05% collirio, soluzione Tetrizolina Cloridrato

Denominazione del medicinale STILLA DECONGESTIONANTE 0,05% collirio, soluzione Tetrizolina Cloridrato PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo e un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 a member of GLI ELEMENTI FONDAMENTALI PER TROVARE LA PACE INTERIORE Armonia Bellezza MEDICINA ESTETICA Forza Equilibrio Negli anni è cresciuta per gli uomini

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

PROGRAMMA. ESTETICA PERIORALE DI EZIO COSTA Il primo video percorso formativo di medicina estetica periorale teorico e pratico.

PROGRAMMA. ESTETICA PERIORALE DI EZIO COSTA Il primo video percorso formativo di medicina estetica periorale teorico e pratico. PROGRAMMA ESTETICA PERIORALE DI EZIO COSTA Il primo video percorso formativo di medicina estetica periorale teorico e pratico di Ezio Costa Cosa è: È un percorso formativo rivolto a medici odontoiatri,

Dettagli

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite Federazione Cure Palliative Onlus Cure Palliative - Definizione Le Cure Palliative sono la cura

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

Informazione e consenso all anestesia

Informazione e consenso all anestesia Procedure invasive: dalla comunicazione medico-paziente al consenso informato Informazione e consenso all anestesia Roberto Zoppellari Direttore UO Anestesia e Rianimazione Ospedaliera roberto.zoppellari@unife.it

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze CPSI Gaetano Crescenzo S.C. di Endocrinologia A. O. Ordine Mauriziano di Torino L International Society of Endocrinology e stata

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE

PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE approvata dal Consiglio regionale ai sensi dell articolo 26 dello Statuto speciale nella seduta antimeridiana n. 56 del 27 febbraio 2014 ----- ----- Consiglio regionale Friuli

Dettagli

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani Spunto per uno studio comparativo tra la scuola degli anni 60 e quella di oggi A cura dell OSP di Pisa 1 Premessa

Dettagli

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO A cura di Dr. M. Brighenti * A. Cinì** S. Isoli** M. Maffei** * Neuropsichiatra Infantile, Primario del II Servizio NPI e PEE dell Azienda

Dettagli

Protocollo d intesa per la somministrazione di farmaci in ambito scolastico

Protocollo d intesa per la somministrazione di farmaci in ambito scolastico Protocollo d intesa per la somministrazione di farmaci in ambito scolastico Premessa Gli studenti che frequentano ogni ordine e grado di scuola, a causa di patologie acute o croniche, possono avere la

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Marina Graziosi. Salute della donna e detenzione

Marina Graziosi. Salute della donna e detenzione 1 Marina Graziosi. Salute della donna e detenzione 1. Il dato di fatto più macroscopico da cui si parte in ogni discorso sulla criminalità femminile è il basso numero di reati commessi dalle donne e la

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

LA RICERCA INFERMIERISTICA

LA RICERCA INFERMIERISTICA Prof. ssa Eufemia Renzi LA RICERCA INFERMIERISTICA DIAPOSITIVA N. 2 IL SIGNIFICATO DI RICERCA INFERMIERISTICA La ricerca infermieristica opera su due grandi aree interdipendenti: quella teorica nursing

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

Documenti cartella stampa. a cura della Società Italiana di Mesoterapia. Comunicato Premio Michele Pistor 2011 pag 2. Cosa è la Mesoterapia pag 3

Documenti cartella stampa. a cura della Società Italiana di Mesoterapia. Comunicato Premio Michele Pistor 2011 pag 2. Cosa è la Mesoterapia pag 3 Documenti cartella stampa a cura della Società Italiana di Mesoterapia Comunicato Premio Michele Pistor 2011 pag 2 Cosa è la Mesoterapia pag 3 Obiettivi della Società Italiana di Mesoterapia (SIM) pag

Dettagli

La spasticità: nuove possibilità di trattamento

La spasticità: nuove possibilità di trattamento La spasticità: nuove possibilità di trattamento La spasticità: Cos è? Si definisce spasticità un alterazione dei movimenti data da un aumento del tono muscolare involontario, con contratture muscolari

Dettagli

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva Francesca Moccia Benevento, 20 ottobre 2006 Cittadinanzattiva - Movimento di partecipazione civica che

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE COME AGISCE IL CRO SYSTEM? Ottimizza la performance muscolare potenziando marcatamente la sensibilità propriocettiva, ovvero la raccolta di informazioni da muscoli, articolazioni ed ossa, su cui si basa

Dettagli

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Perch Perché la cura del dolore e della sofferenza Prendersi cura della persona

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Informazioni generali Le lezioni teorico pratiche sono distribuite in 4 incontri l anno, a partire da Novembre 2012, e organizzate come segue: 08-11 Novembre 2012-1 MODULO - Fisiologia e fisiopatologia

Dettagli

Conclusioni scientifiche

Conclusioni scientifiche Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della revoca o variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio e spiegazione dettagliata delle differenze rispetto alla raccomandazione

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Progetto Ministero della Salute SIFO

Progetto Ministero della Salute SIFO XXVIII Congresso Nazionale SIFO INNOVAZIONE E SALUTE PUBBLICA Efficacia a confronto con: Equità, Economia, Etica Progetto Ministero della Salute SIFO Favorire l implementazione della Raccomandazione Prevenzione

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona 1 Educare vuol dire ex-ducere = uscire fuori La patient education è un percorso complesso ed articolato, finalizzato all acquisizione da parte del paziente delle conoscenze necessarie per affrontare adeguatamente

Dettagli

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - ULSS 18 Rovigo del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - ULSS 18 Rovigo del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA Gentile signora, il nostro Centro partecipa a un progetto di ricerca che si propone di confrontare il beneficio dell assunzione di dosaggi diversi di acido folico,

Dettagli

Corso Base Teorico-Pratico Interattivo LA TOSSINA BOTULINICAIN MEDICINA ESTETICA Padova, sabato 10 novembre 2012

Corso Base Teorico-Pratico Interattivo LA TOSSINA BOTULINICAIN MEDICINA ESTETICA Padova, sabato 10 novembre 2012 Corso Base Teorico-Pratico Interattivo LA TOSSINA BOTULINICAIN MEDICINA ESTETICA Padova, sabato 10 novembre 2012 TEST DI APPRENDIMENTO CON RISPOSTE ESATTE Il test si supera se le risposte esatte sono 37

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. GALLETTI e CACCAVARI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. GALLETTI e CACCAVARI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7180 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GALLETTI e CACCAVARI Disciplina delle professioni sanitarie non convenzionali esercitate

Dettagli

Allegato I. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio

Allegato I. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Allegato I Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Conclusioni scientifiche Vista la relazione di valutazione del comitato di valutazione

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Crisi epilettiche Crisi ipoglicemiche CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Obiettivi Imparare a conoscere i diversi tipi: 2.CRISI EPILETTICHE 3.CRISI IPOGLICEMICHE

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 9 Medici di base e medici specialisti In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sull assistenza sanitaria di base parole relative all assistenza sanitaria di base l uso

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA ESAME ANGIOGRAFIA RETINICA

SCHEDA INFORMATIVA ESAME ANGIOGRAFIA RETINICA Gentile Signora, Signore, Lei ha un problema alla retina. Questa scheda contiene le informazioni sul trattamento che Le è proposto, sui risultati e sui rischi. Tutte le espressioni tecniche è bene che

Dettagli

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004)

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) Ministero della Salute Commissione oncologica nazionale (D.M. 26.5.2004) MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) PER UN PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE Roma, ottobre 2006

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

(ovvero dell impotenza sessuale) Università degli Studi di Torino

(ovvero dell impotenza sessuale) Università degli Studi di Torino Le terapie della Disfunzione Erettile (ovvero dell impotenza sessuale) Paolo Gontero Professore Associato in Urologia Professore Associato in Urologia Università degli Studi di Torino Perché preoccuparsi

Dettagli

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il colloquio informativo e la fase pre-operatoria L esordio di una malattia, è un momento difficile, caratterizzato inizialmente dallo stress

Dettagli

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002.

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Le tabelle sui suicidi indotti dall uso di psicofarmaci. Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Il metodo IMR - Patient Flow Model è stato ora utilizzato per analizzare

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Informazioni generali Le lezioni teorico pratiche sono distribuite in 4 incontri l anno, a partire da Gennaio 2016, e organizzate come segue: 21-24 Gennaio 2016-1 MODULO - Fisiologia e fisiopatologia del

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE

BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA Gentilissima/o Paziente,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma Azienda con ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione COMITATO ETICO STATUTO COMITATO ETICO AZIENDA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE e 3 CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE La lotta al dolore vede impegnati la persona con i suoi familiari, gli operatori sanitari e l organizzazione

Dettagli

Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee

Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee Pavia 18 giugno 2008 Docente Dott. Dario Paladino inf. esperto in wound care Vice-Presidente AISLeC Che cosa è il dolore? 1 Dolore Il dolore è una sgradevole

Dettagli

Protocollo ADHD-ISS TITOLO DELLO STUDIO. Registro Italiano del Metilfenidato

Protocollo ADHD-ISS TITOLO DELLO STUDIO. Registro Italiano del Metilfenidato Istituto Superiore di Sanità Dipartimento del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco Protocollo ADHD-ISS TITOLO DELLO STUDIO Registro Italiano del Metilfenidato Note informative destinate alle persone partecipanti

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

La tossina botulinica caratteristiche biochimiche, immunologiche e suo impiego

La tossina botulinica caratteristiche biochimiche, immunologiche e suo impiego La tossina botulinica caratteristiche biochimiche, immunologiche e suo impiego Alessandro Lozza IRCCS Neurologico Casimiro Mondino Università di Pavia Neurotossine La neurotossina è una sostanza che inibisce

Dettagli