ORNAGO. 01 an no 2012 periodico informativo - APRILE - tutti. ... tutti per IL risparmio energetico PAESS - PROGRAMMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORNAGO. 01 an no 2012 periodico informativo - APRILE - tutti. ... tutti per IL risparmio energetico PAESS - PROGRAMMA"

Transcript

1 ORNAGO n. tutti 01 an no 2012 periodico informativo - APRILE -... tutti per IL risparmio energetico di PAESS - Piano di Azione per l Energia Sostenibile PROGRAMMA EVENTI DEL MAGGIORNAGO AIUTI IN TEMPO DI CRISI centralino tel ORNAGO 04_2012.indd 1 23/04/12 17:56

2 ORNAGO di n. 01 an no 2012 tutti periodico informativo - APRILE -... tutti per il risparmio energetico PAESS PiANO di AziONE PER l ENERGiA SOStENibilE PROGRAMMA EVENti del MAGGiORNAGO AiUti in tempo di CRiSi centralino tel Foto di copertina: Impianto fotovoltaico realizzato sul tetto della scuola media N. 01 Anno - III APRILE 2012 Distribuzione gratuita Pubblicità inf. 20% Tiratura copie Editore Comune di Ornago Direttore responsabile Maurizia Erba Tel Redazione Progetto grafico e realizzazione: BERGAMO GRAFICHE EDITORIALI s.r.l. Via G. M. Scotti Bergamo Tel Fax Raccolta pubblicitaria: BERGAMO GRAFICHE EDITORIALI s.r.l. ROC Stampa IMPRONTA GRAFICA Distribuzione a cura del Comune hanno collaborato in questo numero: Maurizia Erba (sindaco), CCRlab, Gabriella Marson, Giulia Villa, Luigi Sesana Dario Raimondi, CAG, Eugenio Villa, Angelo Riccardi, Giovanna Ronco Questo notiziario è realizzato con carta Tutti i diritti riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale. I trasgressori verranno perseguiti INDIRIZZI ON-LINE DEL COMUNE giunta uffici news Se vuoi ricevere notizie dal Comune manda una mail con scritto iscrivimi a: 02 ORNAGO 04_2012.indd 2 23/04/12 17:56

3 L editoriale editoriale Solidarietà e Senso Civico a cura di: Maurizia Erba, Sindaco Valori importanti per una convivenza positiva e serena In Italia stiamo vivendo un momento difficile c è la crisi economica, il debito pubblico è alle stelle, aumentano tasse e tariffe. Le risorse scarseggiano. E in momenti come questo che valori come la solidarietà e il senso civico acquistano un significato ancora più prezioso La televisione, primo strumento di informazione nella nostra società, ci ha mostrato le immagini di Vernazza risorta dopo la terribile alluvione dello scorso ottobre: grazie alla volontà dei residenti, alla Protezione Civile e ai tanti volontari che hanno dato una mano a ripulire, a sgomberare, a ricostruire. Un bellissimo esempio di solidarietà, da seguire non solo nelle emergenze, ma anche nella quotidianità. Cosa può fare, ciascuno di noi, in questo momento difficile per la nostra Nazione, quando, da un lato dobbiamo ridurre le spese, e dall altro rilanciare lo sviluppo e l occupazione? Senz altro occorre cambiare il modello di sviluppo: basta con gli sprechi, basta con il consumo di risorse non più rinnovabili, basta con l idea che si possa sporcare, rovinare, distruggere ciò che è pubblico, perché tanto poi qualcuno riparerà i danni. Si può rilanciare sviluppo e occupazione indirizzandoli verso il recupero di ciò che oggi viene buttato, verso la ricerca e l utilizzo di risorse rinnovabili per la produzione di energia e di gas, verso il risanamento delle aree degradate e non più utilizzate. I soldi scarseggiano, e quelli che ci sono dobbiamo spenderli sempre in modo più oculato. Quali sono le priorità? Concordiamole insieme. Vi ricordo che nell atrio del Municipio c è una cassetta dove imbucare idee, suggerimenti e critiche, e Vi invito a partecipare al confronto, indicandoci i servizi pubblici che per Voi sono più importanti Io provo a fare un primo elenco: Il sostegno scolastico, per gli alunni che ne hanno bisogno; L assistenza domiciliare per gli anziani e le famiglie in difficoltà; Il contributo alle nostre scuole, perché possano offrire ai nostri figli e nipoti tutte le possibili opportunità per crescere in armonia; La manutenzione in efficienza del nostro patrimonio pubblico, a partire dalle scuole, dalle palestre, dal centro sportivo; La manutenzione delle strade, dei marciapiedi, del verde pubblico; Gli interventi per il risparmio energetico e per l utilizzo di energia da fonti rinnovabili; La raccolta differenziata dei rifiuti e il loro corretto smaltimento; Gli interventi per migliorare la viabilità, e quindi anche la qualità dell aria che respiriamo; Per ultimo, non perché meno importante, l organizzazione di iniziative culturali teatro, musica, poesia che contribuiscono a mantenere in salute le nostre menti e il nostro spirito. Spesso invece, come Amministrazione Comunale, ci troviamo costretti a sostenere spese per attività che si potrebbero evitare, anche se oggi si rivelano indispensabili: Dobbiamo spendere soldi pubblici per ripulire strade e marciapiedi da rifiuti e deiezioni canine che ciascuno potrebbe, con un minimo sforzo, evitare di sporcare; Dobbiamo dedicare tempo dei nostri agenti di Polizia Locale e risorse pubbliche per l installazione e la gestione di telecamere, per contrastare reati più o meno gravi, quali l eccesso di velocità, la sosta selvaggia, il disturbo della quiete pubblica, il danneggiamento di beni della collettività; dobbiamo spendere il denaro di tutti per interventi di riparazione a seguito di atti di vandalismo: rottura di cestini, panchine, fontanelle e simili. Anche nella nostra piccola comunità, ci troviamo di fronte a gravi contraddizioni che minano la serena convivenza: da una parte c è la società civile che, grazie alla solidarietà e al volontariato, si sforza di far fronte alle esigenze di tutti e di sanare le mancanze che ci sono, dall altra chi non ha ancora acquisito la consapevolezza che ogni nostro atto ha una conseguenza precisa, e che perciò se sprechiamo risorse, se sporchiamo il territorio, se impegniamo il personale pubblico a controllare e reprimere, invece che a offrire servizi e migliorare l ambiente in cui viviamo, ne pagheremo poi le conseguenze tutti noi, e in particolare le generazioni future. Dobbiamo tutti ricordarci sempre che noi siamo ospiti nel nostro pianeta, non ne siamo i padroni; il nostro impegno deve essere quello di lasciare a chi verrà dopo di noi, le stesse risorse, le stesse bellezze, le stesse opportunità che abbiamo trovato alla nostra nascita: quindi il mio appello a genitori, a ragazzi, a insegnanti, a singoli cittadini, alle famiglie, al pubblico, al privato è questo: impegniamoci tutti, con il nostro esempio, a promuovere senso civico e solidarietà, due valori senza i quali non potremo mai ottenere questo risultato del quale le generazioni future hanno diritto. 03 ORNAGO 04_2012.indd 3 23/04/12 17:56

4 SOLIDARIETÀ E SENSO CIVICO MAGGIORNAGO TUTTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO TORRENTI CAVA PISSANEGRA RIPULITI! I CINQUANT ANNI DEL CIRCOLINO Comune di Ornago (Mb) MAGGIO ORNAGO 05 BREVI DAL COMUNE ORNAGO E BURAGO COMUNI ASSOCIATI BILANCIO 2012: NON SOLO NUMERI! IMU: LA NUOVA IMPOSTA AIUTI IN TEMPO DI CRISI FONDO SOSTEGNO PER LA NATALITÀ CGO: PATTO EDUCATIVO DI COMUNITÀ HO UNA FIABA DA RACCONTARE PROGETTO C.C.R. 19 POMERIGGI INSIEME AL CAG: TI ASPETTIAMO! 20 LIBRI: IL FIGLIO DEL FIGLIO DI ORNOS 21 COOPERATIVA SOCIALE ONLUS LA ROSA BLU 22 ORARI DEGLI UFFICI COMUNALI ORNAGO 04_2012.indd 4 23/04/12 17:56

5 Comune di Ornago (Mb) 2012 MAGGIO ORNAGO SABATO 5 MAGGIO 2012 Aula Consiliare Via Santuario, 6 - ore INCONTRO CON L AUTORE - Presentazione del libro IL FIGLIO DEL FIGLIO DOMENICA 13 MAGGIO 2012 Piazza Martiri ore 9.00 h ARTISTI IN PIAZZA Esposizione artisti locali Laboratorio artistico per bambini e ragazzi Mostra fotografica partecipanti al corso di fotografia a cura del circolo fotografico L Obiettivo Mostra del libro a cura dell Associazione Comitato Genitori Ornago Nel pomeriggio: Spettacolo per bambini Premiazione dei migliori lavori a cura della Associazione Commercianti e Artigiani Ornago DAL 12 MAGGIO AL 3 GIUGNO 2012 Centro Sportivo Comunale 16^ TROFEO TINO BRAMBILLA Tornei di calcio cat. Allievi, Giovanissimi, Esordienti, Pulcini, Piccoli amici Organizzato da ll Associazione Sportiva Ornago DOMENICA 20 MAGGIO 2012 Oratorio Via S.G.Bosco ore ^ QUATAR SALT COI SCIATT Gara podistica non competitiva organizzata dalla Ass. Giovane Montagna Ornago DOMENICA 20 MAGGIO 2012 VISITA GUIDATA AL CENACOLO VINCIANO A cura Amici della Biblioteca - Partenza H SABATO 26 MAGGIO 2012 Anfiteatro Centro Sociale Via Carlo Porta, 2 - ore CONCERTO DI PRIMAVERA Esibizione della JFP ORCHESTRA - Big Band in stile americano di 19 elementi Brani Swing, Latin Jazz, Pop LUNEDI 28 MAGGIO 2012 Auditorium Centro Sociale Comunale Via Carlo Porta, 2 - ore SAGGIO DI CHITARRA con gli allievi della scuola di musica VENERDì 1 GIUGNO 2012 Auditorium Centro Sociale Comunale Via Carlo Porta 2 ore SAGGIO DI PIANOFORTE con gli allievi della scuola di musica SABATO 2 GIUGNO 2012 Anfiteatro Centro Sociale Via Carlo Porta, 2 - ore ROCK IN ORNAGO Organizzazione Ass. Milleusi-Spaziomusica Concerto di rock bands del territorio DOMENICA 10 GIUGNO 2012 SUI SENTIERI DEL PARCO Camminata alla scoperta del nostro territorio Rinfresco e assaggi multietnici presso Le Nuove Foppe di Ornago - Partenza ore 9,00 dal Piazzale delle scuole DOMENICA 10 GIUGNO 2012 Piazza Martiri presso Bar Sport Circolino dalle ore 8.00 alle ore TROFEO ENRICO E ROBERTA - Gara ciclistica amatoriale Organizzazione Bar Sport Circolino in collaborazione con G.S. Nino Ronco SABATO 16 GIUGNO 2012 Palestra Comunale Via Carlo Porta 4 - ore MANIFESTAZIONE FINE CORSI SPORTLIFE Organizzazione Associazione Sportlife DOMENICA 24 GIUGNO ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE CIRCOLO DON CARLO VILLA Aperitivo in piazza Martir - ore Campagna promozionale con sconti ai soci e clienti nei giorni Giugno SABATO 30 GIUGNO 2012 Anfiteatro Centro Sociale Via Carlo Porta, 2 - ore SERATA A PASSO DI DANZA a cura della Pippo School Dance di Ornago PER INFORMAZIONI: COMUNE DI ORNAGO TEL www. comune.ornago.mb.it ORNAGO 04_2012.indd 5 23/04/12 17:56

6 Aambiente ecologia ASSESSORATO ALL AMBIENTE / ECOLOGIA TUTTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO PAES - Piano d Azione per l Energia Sostenibile a cura di: Luigi Sesana Che cos è il Patto dei Sindaci, qual è l obiettivo di Ornago, di riduzione di anidride carbonica entro il 2020, che cosa è stato fatto finora dall Amministrazione Comunale, quali sono gli impegni di tutti per il futuro, che verranno tradotti nel Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES). L amministrazione comunale ha aderito al Patto dei Sindaci con lo scopo di impegnarsi concretamente per raggiungere alcuni degli obiettivi che la comunità Europea ha fissato per il 2020, il famoso Gli obiettivi comunitari sono di raggiungere una produzione di energia per almeno il 20% da fonti di energia rinnovabili (FER), di ridurre i consumi di energia del 20% e di ridurre del 20% le emissioni di CO2 (Anidride Carbonica). E in particolare questo ultimo, l obiettivo che è stato considerato dal Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors), iniziativa promossa dalla comunità Europea nel 2008 allo scopo di coinvolgere fattivamente le comunità locali. Partendo dalle singole amministrazioni, attraverso il loro esempio, si vuole Valore CO2 (ton) al 05 Obiettivo - 20% Settore pubblico, emissioni connesse attività del Comune Emissioni dovute ai consumi energetici (escluso energia elettrica) Emissioni dovute ai consumi di energia elettrica Emissioni ombra dovute alla produzione di rifiuti pertanto stimolare i singoli cittadini ad intraprendere un percorso di riduzione nelle emissioni di CO2, sia attraverso l installazione di dispositivi/ impianti per la produzione di energia in modo rinnovabile, sia soprattutto attraverso l adozione di comportamenti e modifiche di abitudini nel consumo di energia. Questo stimolo non si limita al solo esempio, ma deve essere supportato da un opera di informazione e formazione dei cittadini, anche attraverso incontri pubblici come quello avvenuto il 20 Marzo scorso, presso il Centro Sociale. In questa occasione, sono stati presentati i passi svolti da questa amministrazione a partire dal 2005, anno che è stato preso come riferimento dal Patto dei Sindaci. E stata eseguita una attività di raccolta dati che ha permesso di definire quantitativamente gli obiettivi da raggiungere, suddivisi per settori. L Amministrazione Comunale ha già realizzato alcune opere per raggiungere il suo specifico obiettivo. Gli interventi significativi sono stati i seguenti: Scuola elementare: rifacimento 06 ORNAGO 04_2012.indd 6 23/04/12 17:56

7 ASSESSORATO ALL AMBIENTE / ECOLOGIA Aambiente ecologia cappotto, infissi e sostituzione amianto; Potenziamento del sistema di Piste ciclo-pedonali; Messa a norma dell Illuminazione pubblica in base alla normativa regionale (tutte le lampade a vapori di mercurio, meno efficienti e di minore durata, sono state sostituite con quelle a sodio alta pressione) ; Installazione di Impianti fotovoltaici sul tetto della Scuola Media e a terra, in Sicilia, a Cianciana; Realizzazione dell Asilo nido con criteri di Bioedilizia; Installazione di pannelli solari presso centro sportivo; Utilizzo di Energia elettrica prodotta al 100% da fonti rinnovabili. Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile, che è in fase di preparazione e che dovrà essere approvato a breve in Consiglio Comunale, conterrà gli ulteriori interventi che tutti noi, pubblico e privato, dovremo impegnarci a realizzare, con una loro quantificazione di risparmio in termini di CO2 non emessa, scelti da un elenco dei possibili ambiti e azioni seguenti: Informazione/formazione: sito web, newsletter, volantini, mostre, seminari tecnici, attività educative nelle scuole, articoli di giornale, assemblee, pubblicazioni tecniche, gemellaggi energetici; Settore pubblico: acquisto energia verde, impianti fotovoltaici, riqualificazione illuminazione pubblica, riqualificazione energetica involucri, riqualificazione degli impianti termici negli edifici pubblici, installazione impianti solari termici, installazione erogatore pubblico di acqua potabile (le casette dell acqua); Settore residenziale: adozione del piano energetico comunale, miglioramento dell efficienza dell illuminazione, riduzione dei consumi idrici (ad esempio, grazie all utilizzo delle acque piovane per l irrigazione), gestione della rete elettrica in maniera intelligente ed efficiente evitando sprechi energetici (la cosiddetta smart grid ), installazione volontaria di impianti fotovoltaici su edifici residenziali; Settore terziario: adozione del piano energetico comunale, riduzione dei consumi idrici, smart grid, green light (programma europeo per il miglioramento dell illuminazione negli uffici); Settore trasporti urbani: realizzazione di piste ciclopedonabili, riorganizzazione del servizio bus, bike-sharing, carsharing, postazioni per ricariche di auto elettriche, miglioramento efficienza autovetture, nomina di mobility manager ed energy manager (nelle aziende maggiormente energivore, la figura EM è obbligatoria per consumi oltre i TEP tonnellata equivalente di petrolio). Un passo importante per conoscere le Vostre abitudini e quindi per poter fare le scelte migliori in termini di costi/benefici è stata la distribuzione di un questionario che Vi invitiamo a compilare. E possibile scaricare il questionario dal sito del comune (www.comune.ornago.mb.it) oppure, sempre dal sito web comunale, potete compilarlo online. Per poter riuscire a raggiungere questi obiettivi, ci siamo avvalsi di Fondazione Idra che ci ha supportato nelle analisi e sta aiutandoci nella stesura del PAES. Inoltre, occorre ricordare come ogni mercoledì dell ultima settima di ogni mese, sia presente un addetto della rete Infoenergia, a disposizione della cittadinanza, per consigliare il cittadino nelle sue scelte energetiche. Solo insieme, con tutti Voi cittadini, possiamo garantire un futuro sostenibile alle generazioni future sempre se ci impegneremo concretamente per il risparmio energetico e l utilizzo di fonti di energia rinnovabili. ornago.mb.it 07 ORNAGO 04_2012.indd 7 23/04/12 17:56

8 Aambiente ecologia ASSESSORATO ALL AMBIENTE / ECOLOGIA TORRENTI CAVA E PISSANEGRA RIPULITI! Intervento di manutenzione straordinaria sul territorio di Ornago. Alcuni anni fa l Amministrazione Comunale fece richiesta, alla Regione Lombardia - Settore Idraulico - di un finanziamento per la pulizia e manutenzione straordinaria di tutto il percorso del torrente Cava all interno del nostro territorio e in parte del torrente Pissanegra. Nel 2011 il finanziamento è stato accordato e la Regione ha stanziato per questi interventi circa ,00 Euro permettendo l inizio dei lavori nel mese di febbraio 2012 e il loro completamento nel mese di marzo L intervento è stato eseguito dalla Cooperativa Il Cedro che ha provveduto alla potatura delle piante lungo le sponde, alla pulizia dell alveo, ed anche alla raccolta di quintali di materiale di plastica e rifiuti di ogni genere. Purtroppo l abitudine di alcune persone di abbandonare rifiuti e materiali ingombranti lungo le sponde dei torrenti, o nei terreni, oltre a svilire il paesaggio richiede poi un importante impegno economico da parte dell Amministrazione per mettere in atto operazioni di bonifica; fondi preziosi che potrebbero invece essere destinati alla manutenzione e all abbellimento del territorio. a cura di: Angelo Fiali LAVORI IN BREVE... ALLACCIAMENTO FOGNARIO AL DEPURATORE DI TRUCAZZANO A breve partiranno i lavori per completare lavori si completerà l allacciamento al 100% di l allacciamento delle nostre fogne al tutte le fogne di Ornago. I lavori verranno eseguiti depuratore. entro l estate in via Ciucani, dove sono previste E stato approvato il progetto esecutivo presentato da Idra Patrimonio SPA per l allacciamento dell ultimo tratto di fognatura (zona via Ciucani - Via Roma) al depuratore di Trucazzano. Con questi una vasca di raccolta acqua di prima pioggia e una stazione di pompaggio forzata. L importo complessivo dell opera è previsto in Euro. 08 ORNAGO 04_2012.indd 8 23/04/12 17:56

9 r e venti acconti I cinquant anni del Circolino La storica cooperativa festeggia mezzo secolo di attività L occasione è certamente da celebrare, così, la storica cooperativa di Ornago ha deciso di festeggiare la ricorrenza con alcune iniziative dedicate ai soci e a tutti clienti del negozio Ricorre nel 2012 il cinquantesimo anniversario del Circolo cooperativo Don Carlo Villa ( ). L appuntamento è per il mese di giugno, nella settimana tra il 18 e il 24. In particolare nelle giornate di giovedì 21 e venerdì 22 giugno il punto vendita in piazza Martiri praticherà una campagna sconti a tutti i clienti e i soci, mentre sabato 23 i prezzi ribassati saranno riservati esclusivamente ai soci del Circolo. Per domenica 24 giugno il programma prevede, dopo la Santa messa in parrocchia alle 10.30, l aperitivo in piazza e il pranzo sociale. Per l occasione ai soci sarà distribuito un volume ricordo, voluto dal Consiglio d Amministrazione, che racconta attraverso documenti e immagini la vicenda della Don Carlo Villa, dalle origini ai giorni nostri. Si tratta di una storia che si inserisce nel solco del cooperativismo italiano, in particolare in quello cattolico: potremmo dire una storia d altri tempi! La cooperativa nasce nel 1962 negli anni del Concilio Vaticano II, quando i cattolici riflettevano sulle encicliche vaticane in tutte le parrocchie d Italia. L idea fu di Don Giuseppe Rognoni ( ), allora giovane coadiutore del parroco Don Giovanni Viganò, che riusciva ad aggregare attraverso il bar del Circolino giovani e adulti, proponendo loro momenti culturali, conviviali e occasioni di formazione alla luce della Dottrina sociale della Chiesa. Il Circolo cooperativo ufficialmente costituito in forma giuridica il 22 giugno 1962 da nove soci fondatori fu intitolato a un altro sacerdote che ebbe meriti in paese: Don Carlo Villa, scomparso nel Egli fu cappellano del sanatorio di Ornago dal 1911, Consigliere Comunale negli anni Venti sino all arrivo del Podestà nel E poi ancora, Vice Sindaco dal 1951 al Da allora i tempi sono cambiati e la cooperativa ne ha seguito l evoluzione. Nei primi anni, infatti, l attività preminente del Circolo era quella del bar. Poi, a partire dagli anni Settanta, inizia l implementazione del punto vendita alimentare, per arrivare nel 1980 all adesione del Consorzio Cooperativo (As. co). Infine è del 2011 l adesione della Don Carlo Villa al consorzio Famiglia Cooperativa del Trentino Coop, del quale oggi è ben visibile il logo nell insegna del negozio. Nel corso del tempo lo spirito cooperativistico che anima i soci è rimasto immutato: oggi come allora la Don Carlo Villa resta al servizio della comunità, per la quale oltre al servizio offerto attraverso il punto vendita elargisce fondi a favore di enti e associazioni locali come la sezione ornaghese dell Avis, la Parrocchia Sant Agata di Ornago, la scuola dell infanzia Don Ambrogio Rosa, il gruppo della Giovane Montagna. Nel mese di aprile, in occasione del cinquantesimo, è stata riaperta la campagna soci per raccogliere nuove adesioni. Far parte della cooperativa significa anzitutto aderire agli scopi sociali del sodalizio, che si pone come obiettivo quello di essere al servizio della comunità locale, garantendo un offerta di prodotti con un buon rapporto qualità prezzo. La proposta è caratterizzata dalla cordialità con la quale i collaboratori del negozio si rivolgono alla clientela, favorendo lo sviluppo di relazioni amichevoli e familiari, soprattutto per quella parte di popolazione che per diversi motivi non può spostarsi verso i centri della grande distribuzione organizzata 09 ORNAGO 04_2012.indd 9 23/04/12 17:56

10 B BREVI brevi dal comunale DAL COMUNE B La Dote Scuola è un contributo erogato dalla Regione Lombardia, sotto forma di voucher, spendibile presso esercizi convenzionati e scuole accreditate, rivolto agli studenti residenti nella Regione Lombardia. Le famiglie con figli iscritti per il prossimo anno scolastico alla scuola elementare, media o superiore e che hanno un ISEE inferiore o uguale a ,00 possono fare richiesta entro e non oltre il 7 maggio. Per maggiori informazioni rivolgersi all ufficio scuola del Comune o sul sito internet regione.lombardia.it DOCUMENTI PER ESPATRIO MINORI A partire dal 26 giugno 2012, i minori che viaggiano devono avere ciascuno il proprio documento di viaggio individuale e non possono pertanto essere iscritti sul passaporto dei genitori. Al fine di assicurare particolari forme di garanzia nei confronti dei minori che intendono espatriare, è necessario, anche in presenza di figli minori naturali conviventi con uno solo dei genitori o di figli legittimi affidati ad uno solo dei genitori separati, ottenere l assenso di entrambi i genitori. Tale disposizione è applicata anche nel caso di rilascio ai minori di carta di identità valida per l espatrio. Dal i passaporti dei genitori con iscrizione di figli minori rimangono validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza. B B DISTRIBUZIONE SACCHETTI PER RACCOLTA DIFFERENZIATA L Amministrazione Comunale informa che la distribuzione dei sacchetti per la raccolta differenziata dei rifiuti, avverrà PRESSO IL DEPOSITO COMUNALE DI. VIA MORO ADIACENZA UFFICIO POSTALE, nei seguenti giorni: DALLE ORE 9,00 ALLE ORE 12,00 LUNEDi 7 MAGGIO 2011 MERCOLEDi 9 MAGGIO 2011 VENERDi 11 MAGGIO 2011 SABATO 12 MAGGIO 2011 DALLE ORE 14,00 ALLE ORE 17,00 MARTEDI 8 MAGGIO 2011 GIOVEDI 10 MAGGIO 2011 N.B. : per il ritiro dei sacchetti occorre presentare il tagliando allegato al bollettino TARSU. Si avverte che il mancato ritiro dei sacchetti comporterà la decadenza del diritto alla fornitura. L Amministrazione Comunale AIUTIAMO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PER MIGLIORARE L AMBIENTE IN CUI VIVIAMO 10 ORNAGO 04_2012.indd 10 23/04/12 17:56

11 BREVI DAL COMUNE B brevi dal comunale Ornago e Burago Comuni associati È partita la gestione in forma associata delle funzioni della Polizia Locale e dei Servizi Sociali Come trasformare un vincolo imposto dalla Legge in opportunità e risorsa: questa la sfida delle Amministrazioni Comunali di Burago ed Ornago, pioniere nell avventura delle gestioni associate delle funzioni comunali. I Comuni di Ornago e Burago di Molgora hanno fatto proprio il motto l unione fa la forza. A fine dicembre infatti i rispettivi consigli comunali hanno approvato una convenzione per la gestione in forma associata delle funzioni comunali relative alla polizia locale e al settore sociale. Si tratta di un primo ma significativo passo verso la condivisione di varie funzioni comunali, che la normativa vigente impone di attuare entro il 31/12/2013 a tutti i comuni che abbiano meno di 5000 abitanti. I sindaci Maurizia Erba e Giorgio Stringhini firmando questa convenzione hanno gettato le fondamenta di un edificio che nei prossimi mesi verrà costruito e consolidato con l apporto degli uffici e che avrà importanti ricadute sui cittadini. Fisicamente distinti e separati continueranno a restare i due palazzi comunali, aventi entità giuridica propria, mentre la gestione dei servizi sociali e della polizia locale (comprendenti anche l ufficio commercio) avrà sempre più una regia unitaria che si tradurrà in omogeneità dei servizi erogati sui territori dei due Comuni, puntando al miglioramento degli stessi e al risparmio nella spesa complessiva. a cura di: Michela Quadri Gli ornaghesi quindi non avranno da stupirsi nel vedere circolare per Ornago gli automezzi della Polizia Locale e dei Servizi Sociali con la scritta Comune di Burago e trarranno invece benefici da queste nuove risorse e dal personale ad esso dedicato. I due agenti della Polizia Locale di Ornago (dal febbraio è in servizio il nuovo agente Emiliano Borgo) verranno infatti supportati dai colleghi di Burago e accorpati in un unico comando sotto la guida del Commissario Aggiunto Marco Maoloni già in servizio a Burago e ora Responsabile anche della Polizia Locale di Ornago. 11 ORNAGO 04_2012.indd 11 23/04/12 17:57

12 ABILANCO ASSESSORATO AL BILANCIO BILANCIO 2012: NON SOLO NUMERI! Occorre saper leggere, dentro e oltre i numeri, i criteri e le scelte che hanno guidato l Amministrazione Comunale nella stesura del bilancio. a cura di: Giovanna Ronco Qualche premessa Il Consiglio Comunale, che si tenuto il 29 marzo, ha approvato il bilancio preventivo La stesura del bilancio di previsione di quest anno è stata particolarmente impegnativa a seguito delle grosse novità in materia tributaria previste dal Governo. Si sono dovute applicare regole assolutamente nuove in un contesto di non poche incertezze, sia per quanto riguarda la misura dei trasferimenti statali per l anno 2012 e in generale per il triennio, sia per la mancanza di banche date catastali aggiornate per un calcolo attendibile della nuova Imposta Municipale Propria (IMU), in particolare per la possibile incidenza delle detrazioni previste. Con l introduzione di questa nuova imposta, che sostituisce l ICI e che peserà in maniera più significativa sui cittadini, si è scelto di non intervenire sull Addizionale Comunale che è rimasta inalterata sia in termini di aliquota, sia come quota di esenzione per i redditi fino a Per quanto riguarda la spesa, non c erano molti margini di riduzione perché di spese non strettamente necessarie non se ne sono mai fatte. Quei capitoli di spesa che i vari governi sollecitavano a ridurre, quali spese di rappresentanza, consulenze e le spese per le cosiddette auto blu, da noi non sono mai esistite. Le spese che si trovano nel bilancio comunale sono quelle che direttamente o indirettamente sono rivolte a garantire i servizi ai cittadini. La conferma dei servizi esistenti è un risultato che fino a pochi anni fa poteva apparire ovvio e facile da conseguire; oggi invece per le difficoltà economiche in cui ci si trova, esso costituisce un risultato non scontato che si può ottenere solo con grande rigore. Inoltre il nostro Comune, in ottemperanza alle disposizioni di Governo che invitavano gli Enti Locali al di sotto dei abitanti ad associarsi nella gestione dei servizi comunali, ha scelto di iniziare già da quest anno la gestione associata dei servizi di Polizia Locale e dei Servizi Sociali convenzionandosi con il Comune di Burago di Molgora. E un percorso che richiede un certo tempo per il coordinamento delle attività, ma che va nella direzione di dare un miglior servizio ai cittadini e che consentirà, a regime, di avere dei risparmi economici ottimizzando le risorse di ciascun Comune. Per quanto riguarda le spese in conto capitale, l opera più importante prevista in bilancio è la realizzazione della bretella di collegamento di via Burago con via Cavenago che permetterebbe di completare la circonvallazione nord-sud nel versante ovest dell abitato. Ci sono poi altri interventi di minore entità finalizzati al miglioramento del territorio. Il bilancio in cifre: I dati dell anno 2011 a confronto con i dati del 2012 ENTRATE CORRENTI ENTRATE TRIBUTARIE (dettagliate nella tabella successiva) , ,00 ENTRATE DA TRASFERIMENTI DA REGIONE E PROVINCIA , ,00 ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , ,00 AVANZO D AMMINISTRAZIONE (parte applicata a spese correnti una tantum) ,65 TOTALE ENTRATE CORRENTI , ,00 12 ORNAGO 04_2012.indd 12 23/04/12 17:57

13 ASSESSORATO AL BILANCIO Dettaglio entrate tributarie (il cui totale è riportato nella prima riga dell entrate correnti): ABILANCIO COMPARTECIP. IVA per i COMUNI RSO (dallo Stato) ,0 0,0 ADDIZIONALE IRPEF , ,0 IMPOSTA COMUNALE IMMOBILI , ,0 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA SPERIM. 0, ,0 IMPOSTA PUBBLICITÀ E ALTRE ENTRATE , ,0 TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI , ,0 TASSA OCCUPAZIONE AREE E ALTRE , ,0 FONDO SPERIMENTALE DI RIEQUILIBRIO per i COMUNI RSO (dallo Stato) , ,0 TOTALE ENTRATE TRIBUTARIE , ,0 Le entrate correnti finanziano le: SPESE CORRENTI SPESE CORRENTI , ,00 SPESE PER RIMBORSO DI CREDITI , ,00 destinate ai servizi di seguito dettagliati: FUNZIONI AMMINISTRAZIONE GENERALE Organi istituzionali, Segreteria, Servizi Finanziari, Tributi, Ufficio Tecnico, Anagrafe, Patrimonio , ,00 POLIZIA LOCALE , ,00 ISTRUZIONE PUBBLICA Scuola primaria, secondaria, contributi scuola materna CULTURA Biblioteca e attività culturali SPORT E TEMPO LIBERO Centro sportivo, Palestre e manifestazioni sportive , , , , , ,00 VIABILITA E ILLUMINAZIONE PUBBLICA , ,00 AMBIENTE E TERRITORIO Urbanistica, ecologia, parchi e giardini SETTORE SOCIALE Asilo Nido, prevenzione e riabilitazione, assistenza e beneficenza, assistenza scolastica. Servizio cimiteriale ALTRE FUNZIONI , , , ,00 Quote capitale mutui in ammortamento , ,0 TOTALE SPESE CORRENTI , ,00 13 ORNAGO 04_2012.indd 13 23/04/12 17:57

14 ABILANCO ASSESSORATO AL BILANCIO La parte di bilancio che riguarda gli investimenti è finanziata con entrate in conto capitale quali alienazione di beni dell ente, oneri di urbanizzazione, avanzo di amministrazione eventuali trasferimenti da Stato, Regione o Provincia. Per il 2012 sono previste le seguenti voci di entrata: ALIENAZIONE DI BENI PATRIMONIALI: alienazione aree ENTRATE IN CONTO CAPITALE ,00 TRASFERIMENTI DI CAPITALE da Regione 0,00 TRASFERIMENTI DI CAPITALE da Provincia ,00 TRASFERIMENTI DI CAPITALE DA ALTRI SOGGETTI: proventi da concessioni edilizie ,00 TOTALE ENTRATE IN CONTO CAPITALE ,00 che finanziano le spese di investimento di seguito elencate: INVESTIMENTI IN CONTO CAPITALE Arredi e attrezzature informatiche 1.500,00 Abbattimento barriere architettoniche ed erogazione fondo 8% ,00 Acquisizione aree standard ,00 Interventi straordinari adempimenti L.626/94 500,00 Manutenzione straordinaria scuola primaria e secondaria ,00 Arredi e attrezzature biblioteca e palestra comunale 9.400,00 Realizzazione bretella stradale zona sud ,00 Manutenzione straordinaria strade comunali (con devoluzione mutuo) ,00 Manutenzione straordinaria impianto illuminazione 2.500,00 Manutenzione straordinaria aree verdi ,00 Interventi straordinari cimitero comunale ,00 TOTALE ,00 Questi sono i criteri e le scelte che hanno guidato l Amministrazione nella stesura del bilancio di previsione Assessore al Bilancio e Finanze Giovanna Ronco ORNAGO 04_2012.indd 14 23/04/12 17:57

15 ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI E BILANCIO Abilancio : LA NUOVA IMPOSTA Dalla legge n. 23 del Disposizioni in materia di federalismo fiscale, ha origine l Imposta Municipale Propria (IMU) a cura: Giovanna Ronco L Imposta Municipale Propria istituita dal Governo Berlusconi e che il Governo Monti ha anticipato in via sperimentale a partire dal 2012 e fino al 2014, ha sostituito l ICI apportando significative novità in materia di imposte comunali. Nella seduta del 29 marzo 2012, il Consiglio Comunale ha deliberato sia la misura delle aliquote, sia il regolamento comunale per l applicazione dell IMU. Sono soggetti al versamento dell IMU i possessori di immobili compresa l abitazione principale. La prima novità è quindi, la reintroduzione dell imposta sull abitazione principale e sulle pertinenze della stessa, cioè quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di una unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali. Il Governo ha stabilito le modalità per il calcolo dell imposta e le aliquote base, lasciando facoltà ai Comuni di modificare le aliquote in più o in meno secondo alcuni criteri definiti. In concreto, la base imponibile su cui calcolare l imposta è costituita dal valore ottenuto applicando alla rendita catastale rivalutata un moltiplicatore in funzione della categoria catastale. L aliquota base indicata dal Governo è dello 0,76 per cento; i Comuni possono aumentarla o diminuirla fino a 0,3 punti percentuali. Un particolare trattamento è riservato all abitazione principale e alle relative pertinenze; in questo caso l aliquota è ridotta allo 0,4 per cento con possibilità di aumentare o diminuire sino a 0,2 punti percentuali. Dall imposta risultante, si detraggono 200 rapportati alla percentuale di proprietà e al periodo durante il quale si protrae tale destinazione; inoltre la detrazione è maggiorata di 50 per ciascun figlio di età non superiore a ventisei anni. Per gli altri immobili il Consiglio Comunale ha deliberato di aumentare l aliquota base in quanto metà dell imposta (ovvero 0,38 su 0,76) è riservata allo Stato lasciando al Comune la parte eccedente. E evidente che passare dallo 0,7 dell ICI a 0,38 (quota base prevista) avrebbe significato far mancare delle risorse finanziarie al bilancio comunale: è questa la ragione dell aumento dell aliquota base stabilita dal Governo. Le aliquote determinate sono le seguenti: aliquota abitazione principale 0,40% aliquota fabbricati rurali ad uso strumentale 0,20 % aliquota base 0,93 % aliquota fabbricati locati 0,90 % Si è voluto comunque dare un segnale, con un leggero ritocco in diminuzione dell aliquota, per i fabbricati dati in locazione. 15 ORNAGO 04_2012.indd 15 23/04/12 17:57

16 Aservizi sociali ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI AIUTI IN TEMPO DI CRISI Il Bonus Sociale per l energia elettrica consente alle famiglie in condizioni di disagio economico (in possesso di un reddito Isee inferore a euro), e alle famiglie numerose (con almeno 4 figli e un Isee inferiore a euro) un risparmio pari a circa il 20% della spesa annua presunta (calcolata per famiglia tipo e al netto delle imposte, ad esempio per una famiglia di 3-4 persone il bonus elettrico annuo è di 81 euro). Il Bonus Gas è una riduzione sulle bollette del gas riservata alle famiglie a basso reddito e numerose. Il Bonus è stato introdotto dal Governo e reso operativo dalla delibera ARG/gas dell Autorità per l energia elettrica e il gas. Hanno diritto a usufruire dell agevolazione quei clienti domestici che utilizzano gas naturale con un contratto di fornitura diretto o con un impianto condominiale in presenza di un reddito ISEE o di condizioni familiari uguali quelle richieste per il bonus elettrico. Per richiedere il bonus elettrico ed il bonus gas rivolgiti in Comune telefonando al numero per fissare un appuntamento. SOCIAL CARD - carta acquisti I pensionati con più di 65 anni e le famiglie con figli fino ai 3 anni che versano in condizioni economiche svantaggiate possono chiedere la social card, ovvero una carta prepagata su cui verrà caricata ogni bimestre una somma di denaro di importo pari a 80 euro. Requisiti necessari per richiederla sono: un reddito Isee non superiore a 6.499,82 euro (oppure un reddito non superiore a 8.666,43 euro per coloro che hanno compiuto 70 anni); un patrimonio mobiliare, rilevato nella dichiarazione Isee, non superiore a euro. Occorrono anche altri requisiti, da verificare attentamente (relativi alle utenze gas e luce, al numero di autoveicoli e immobili posseduti, etc.). Il rilascio della social card non è automatico ma occorre compilare e presentare apposito modulo di domanda (scaricabile da vari siti internet oppure richiedibile in Comune, all ufficio protocollo,) da consegnare presso qualsiasi ufficio postale. Ricordiamo che le carte acquisti già assegnate non hanno vincoli di scadenza, purchè si sia sempre in possesso di un attestazione in corso di validità (l Isee scade ogni 12 mesi). Assegno per il nucleo familiare I nuclei familiari con almeno tre figli minori possono ottenere un assegno a carico dell INPS per tredici mesi l anno (riducibili in presenza di determinate condizioni reddituali) che per il 2012 è pari a euro135,43 mensili (se spettante nella misura intera). L ottenimento dell assegno è condizionato ad una soglia ISE, determinata annualmente dall INPS, con riferimento a nuclei familiari-tipo con 5 componenti, che per l anno 2012 è pari a euro ,39 L assegno può essere richiesto, rivolgendosi ai Servizi Sociali del Comune (previo appuntamento da fissare al n ) entro il 31 gennaio dell anno successivo a quello di riferimento da parte di cittadini italiani e comunitari. Assegno di maternità E una prestazione che spetta alle madri cittadine italiane, comunitarie, non comunitarie in possesso di carta di soggiorno di lungo periodo CE, non comunitarie in possesso della carta di soggiorno per familiare di cittadino dell Unione quinquennale oppure della carta di soggiorno permanente per familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro, residenti in Italia, che non hanno diritto ad alcuna indennità di maternità ad altro titolo, o che hanno copertura previdenziale per la maternità solo parziale. In questo caso verrà concesso un assegno pari alla differenza fra l indennità percepita e il totale dell assegno di maternità spettante. L assegno deve essere richiesto entro 6 mesi dalla nascita del bambino rivolgendosi ai Servizi Sociali del Comune (previo appuntamento da fissare al n ). L assegno di maternitàè concesso nel limite massimo di cinque mensilità per un importo che per l anno 2012 è pari a euro 324,79 mensili (se spettante nella misura intera) ed è condizionato ad una soglia ISE, determinata annualmente dall INPS (prendendo come riferimento una famiglia con tre componenti la soglia Ise per l anno 2012 è pari a euro ,81) 16 ORNAGO 04_2012.indd 16 23/04/12 17:57

17 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Aservizi sociali FONDO SOSTEGNO ALLA NATALITA Un buono di 650 euro per famiglie con bimbi di età fino a 36 mesi a cura: Michela Quadri Il Comune di Ornago aveva conservato nel proprio bilancio delle risorse economiche residue che l azienda consortile Offertasociale aveva messo a disposizione nell anno 2008, attraverso il cosiddetto Piano di Zona, e che erano destinate a sostenere le famiglie in condizioni di fragilità economica e sociale nella cura e nell accudimento dei minori dai 0 ai 3 anni (36 mesi). Queste risorse si trasformeranno nei prossimi mesi in dieci buoni natalità da euro 650 ciascuno che spetteranno a dieci famiglie di Ornago che possiedano i requisiti necessari seguendo la graduatoria redatta dall Ufficio Servizi Sociali sulla base dei criteri stabiliti. La Giunta Comunale nel mese di aprile infatti ha approvato i requisiti, i criteri e le modalità per poter richiedere il buono natalità. Chi può chiedere il buono natalità? Le famiglie residenti ad Ornago con almeno un bambino con età compresa tra 0 e 3 anni e un ISEE inferiore a ,00 euro. Come si fa a fare la richiesta? Si compila una domanda e la si consegna in Comune entro e non oltre il 15/06/2012. La domanda può essere compilata insieme all Assistente Sociale dott.ssa Valentina Bombaglio prenotando con lei un appuntamento (da fissare telefonando il martedì al n ) oppure presentandosi presso l Ufficio Servizi Sociali nei seguenti giorni ed orari: -- martedì 8 maggio dalle ore alle ore martedì 22 maggio dalle ore alle ore martedì 5 giugno dalle ore alle ore Il modulo da compilare è anche scaricabile dal sito internet www. comune.ornago.mb.it nella sezione Ufficio Servizi Sociali ed in home page. Il 5 per mille al tuo Comune: Per migliorare i servizi ai cittadini Per il 5x1000 al tuo Comune, firma qui. La Legge Finanziaria consente di destinare il 5 per mille delle imposte IRPEF al Tuo Comune, senza alcun aumento del prelievo fiscale. Destinando il 5 per mille al Tuo Comune di residenza, il Comune lo utilizzerà per migliorare i servizi sociali rivolti ai cittadini, per sostegno alle famiglie, per l assistenza agli anziani e ai disabili, per le attività culturali e ricreative, per sostenere il volontariato e per tutti quei servizi sociali che permettono di migliorare la qualità della vita delle persone ad Ornago. Per destinare il 5 per mille al Tuo Comune devi semplicemente apporre la Tua firma nel riquadro del modello di dichiarazione dei redditi come da immagine qui sotto riportata. 17 ORNAGO 04_2012.indd 17 23/04/12 17:57

18 PiedibuS PATTO EDUCATIVO DI COMUNITÀ Il Piedibus è una carovana di bambini in movimento accompagnata da adulti che segue un percorso prestabilito all interno del paese con capolinea, fermate ed orari. a cura: Gabriella Marson Durante l anno scolastico è stata lanciata l iniziativa Piedibus ai bambini della scuola primaria di Ornago. Il servizio è stato previsto nella giornata del Venerdì, nel percorso casa-scuola per tutto l anno scolastico creando un appuntamento fisso settimanale. L esperienza è stata ben accolta dai bambini della scuola che hanno partecipato numerosi sfidando anche le giornate più fredde e non perdendo l occasione di gustare una bella passeggiata verso la scuola in compagnia e in un clima allegro e vivace. Camminare insieme è diventato un modo per conoscersi, per parlare e cogliere molti aspetti del paese e dell ambiente. Dal mutare delle stagioni attraverso il cambio d abito dei giardini; alla luce, più avara nei giorni invernali e brillante al cominciare della primavera, alle sensazioni di freddo e calore. E poi gli incontri... le persone che ci incrociavano, quelle che lavoravano, il camion della raccolta differenziata, i cagnolini a passeggio e gli uccellini che chiaccheravano. Con il Piedibus abbiamo anche dato il nostro piccolo contributo all ambiente, riducendo il traffico in prossimità della Scuola e alla salute perché una passeggiata di prima mattina mette energia e buon umore. Ci auguriamo dunque di ripetere l iniziativa anche l anno prossimo grazie alla disponibilità dei genitori che hanno prestato servizio volontario come accompagnatori e invitiamo i papà e le mamme, ma anche coloro che abbiano un pò di tempo, a dare disponibilità perché il Piedibus possa continuare ad esserci anche ad Ornago. HO UNA FIABA DA RACCONTARE Le fiabe hanno un valore universale che seppur nelle diverse forme da paese a paese raccontano sempre la storia dell uomo. Il Comitato genitori insieme ad alcune mamme e papà della scuola primaria di Ornago hanno organizzato presso la Biblioteca di Ornago alcuni incontri di lettura sulle fiabe dal mondo. Ascoltare e raccontare storie è un esperienza comune e si pone come gesto di amore nei confronti dei bambini. Le fiabe fanno compagnia e raccontano il mondo diventando uno strumento di comprensione della realtà che ci circonda. Nei racconti si tramandano le esperienze dell uomo: le prove, le conquiste, i sentimenti e i valori, le difficoltà e le paure e ci permettono di conoscere molto su noi stessi e sugli altri. L idea quindi di proporre storie dal mondo, nasce dal desiderio di fare esperienza, attraverso il racconto, delle diverse culture che convivono ad Ornago. Gli incontri sono stati strutturati in tre momenti: La lettura della fiaba: lettura che è stata realizzata in doppia lingua in modo da far comprendere la storia ai bambini, ma allo stesso tempo far sperimentare la sonorità di un idioma differente. La merenda: che attraverso cibi e ricette tipiche richiamasse i sapori di una tradizione lontana dalla nostra. Il laboratorio: che è stato pensato per realizzare insieme ai bambini un oggetto che richiamasse alcuni elementi della fiaba e del paese di origine della stessa. Questa esperienza è stata possibile grazie alla disponibilità e all impegno di mamme e papà che del loro paese di origine ci hanno portato e condiviso storie, suoni e sapori. 18 ORNAGO 04_2012.indd 18 23/04/12 17:57

19 CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI consiglio comunale dei ragazzi CERCASI VOLONTARI DOPOSCUOLA Il Centro di Aggregazione Giovanile (Progetto Spazio Giovani), in collaborazione con la Scuola Media e l Amministrazione Comunale, cerca persone che possano offrire un po di tempo da dedicare ad alcuni ragazzi per lo studio e lo svolgimento di compiti. Il servizio sarà innaugurato con l inizio dell anno scolastico (settembre 2012) con giorni e orari ancora da definire. Chi fosse interessato/a a dare la propria disponibilità o chiedere ulteriori informazioni, può presentarsi presso il Centro di Aggregazione Giovanile (c/o Centro Socio Culturale) nei seguenti giorni e orari: Mercoledì - Giovedì - Venerdì dalle ore 16 alle ore 18 ENTO IL 31 MAGGIO 2012 PROGETTO C.C.R. Nella foto gli alunni della scuola secondaria di Ornago che sono stati eletti nel Consiglio Comunale dei Ragazzi (C.C.R.) in occasione delle elezioni svoltesi a scuola il 02/11/2011 e che resteranno in carica fino alla conclusione dell anno scolastico. Di seguito i loro nomi e le cariche ricoperte: GIACOMO LAMPERTI SINDACO I RAGAZZI DEL C.C.R HANNO ORGANIZZATO PER VENERDI 11 MAGGIO LA GIORNATA ECOLOGICA : GLI ALUNNI DELLA SCUOLA MEDIA ANDRANNO SCUOLA A PIEDI O IN BICICLETTA ELISA LAMPIS VICESINDACO ANDREA CARVELL SEGRETARIO GIORGIA CAIOZZO ASSESSORE CHRISTIAN RICCARDI ASSESSORE LUCIA FOTI ASSESSORE ANNA STUCCHI ASSESSORE SILVIA CAFAGNA ASSESSORE ANNALISA CICALA ASSESSORE MATTEO DADOMO ASSESSORE LORIS REGAZZETTI ASSESSORE ANNA PRUNA ASSESSORE LA LEGALITÀ SPIEGATA DAGLI ESPERTI Le classi terze della scuola secondaria di primo grado di Ornago verso la seconda metà di febbraio hanno partecipato ad un incontro sulla legalità proposto dall Amministrazione Comunale. Erano presenti uno psicologo, Andrea Rebosio e un assistente sociale, Laura Petroni. Durante questo incontro i due esperti hanno spiegato ai ragazzi che, dopo aver compiuto i 14 anni, si può essere denunciati per aver commesso un reato, cioè un azione che va contro la legge. È importante sapere che si può commettere un reato anche in gruppo, ad esempio anche chi fa da palo è imputabile e può essere denunciato. In seguito gli esperti hanno spiegato cosa succede ad un ragazzo minore dopo la denuncia; per prima cosa un assistente sociale viene incaricato di conoscere il ragazzo e la sua famiglia, il percorso penale del minore continua poi in tribunale dove un giudice può decidere di assolverlo o condannarlo oppure di metterlo alla prova per dargli la possibilità di rimediare all errore. Abbiamo poi imparato cos è il Codice Penale e alcuni di noi hanno cercato e spiegato alcuni articoli di legge. Questo intervento è stato molto utile a tutti i ragazzi delle terze perché abbiamo imparato ad essere consapevoli delle nostre azioni. Davide Fumagalli, Giorgia Meregalli, Matteo Dadomo e Riccardo Carzaniga 19 ORNAGO 04_2012.indd 19 23/04/12 17:57

20 c.a.g. RUBRICA DEI ragazzi centro aggregazione giovanile POMERIGGI INSIEME AL CAG: TI ASPETTIAMO!! Continuano i pomeriggi insieme con i ragazzi delle medie e quelli delle superiori, con tante iniziative coinvolgenti! E questa volta facciamo anche un appello agli adulti Le attività del centro di aggregazione giovanile proseguono tra sfide di calcetto, carte, playstation, laboratori espressivi manuali gare di abilità e molto altro..vieni a scoprire tutte le attività! Tra le novità per i ragazzi delle scuole medie segnaliamo un ulteriore apertura per loro: oltre al giovedì dalle 16:00 alle 18:00 anche il venerdì dalle 16:00 alle 18:00, in compresenza con i ragazzi più grandi. Ogni inizio mese consegniamo ai ragazzi delle scuole medie, distribuendolo in ogni classe,un calendario delle attività che svolgeremo insieme;vi presentiamo qui a fianco il calendario di maggio: tornei, gimcane e trasmissioni radio da ideare e realizzare! Prosegue anche la collaborazione tra il cag e la scuola media iniziata a settembre: noi educatori del centro stiamo conducendo il laboratorio New Media nell ambito dei laboratori pomeridiani dell Istituto. Insieme agli alunni stiamo facendo un percorso finalizzato alla registrazione alla radio di spot sulla prevenzione; i primi lavori realizzati (sulla prevenzione del fumo e dell alcol) si possono già trovare sulla radio web della cooperativa Aeris, it, nella sezione podcast: ascoltateli anche voi e scoprirete quanto sono stati bravi gli alunni che hanno partecipato fino ad ora al progetto! Sempre legato alla scuola, c è un altro progetto che stiamo sostenendo. E lo spazio compiti Cosa aspetti?? Leggi l avviso che trovi a pag. 19: il cag ha bisogno anche di te! Continuate anche a diffondere le nostre iniziative: passate parola ai vostri amici e state attenti al display digitale posizionato fuori dal comune, ai programmi in giro per il paese e alla bacheca vicino all auditorium, nel plesso vicino alla biblioteca e a scuola. Il CAG è aperto per i ragazzi delle medie il giovedì e il venerdì dalle 16:00 alle 18:00, per quelli delle superiori il mercoledì e i venerdì dalle ore 16:00 alle ore19:00, tel Siamo anche su facebook, it, diventa nostro amico! Vi aspettiamo per fare nuove esperienze e divertirci insieme,passate a trovarci! A presto maddalena e stefano ORNAGO 04_2012.indd 20 23/04/12 17:57

Comune di Vernate Provincia di Milano

Comune di Vernate Provincia di Milano SINTESI RISULTANZE FINALI BILANCIO DI PREVISIONE COMUNE DI VERNATE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 IL BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 E STATO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 15 APRILE

Dettagli

BILANCIO 2015 CONSIGLIO COMUNALE 26 MARZO 2015. Relazione del Sindaco con delega al Bilancio dott. Davide Casati

BILANCIO 2015 CONSIGLIO COMUNALE 26 MARZO 2015. Relazione del Sindaco con delega al Bilancio dott. Davide Casati BILANCIO 2015 Comune di Scanzorosciate CONSIGLIO COMUNALE 26 MARZO 2015 Relazione del Sindaco con delega al Bilancio dott. Davide Casati IL TERRITORIO Superficie complessiva Kmq 11 Strade Km 70 Numero

Dettagli

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione Giovani idee in. Porto Partecipo al Bilancio Com è strutturato il bilancio del Comune A cura dell Ufficio Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è un insieme di documenti necessari per l organizzazione

Dettagli

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE 1. MONETA ELETTRONICA PER LE PENSIONI 2. LIBRETTI DI DEPOSITO AL PORTATORE BANCARI O POSTALI 3. I.S.E.E. 4. DETRAZIONI RISTRUTTURAZIONI ED INTERVENTI PER RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Per la documentazione da portare al seguito vedere l allegato vademecum.

Per la documentazione da portare al seguito vedere l allegato vademecum. ASSISTENZA FISCALE MOD. 730/2008 - CONVENZIONE SAPAF Molise/F.A.B.I. Anche quest anno abbiamo rinnovato, a livello regionale, la convenzione con il CAF-F.A.B.I., il CAF del Sindacato Autonomo dei lavoratori

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE

BILANCIO DI PREVISIONE Comune di Cernusco Lombardone BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2015 al 19 maggio 2015 www.comune.cernuscolombardone.lc.it BILANCIO COME FUNZIONA Il bilancio di previsione del Comune risulta in pareggio: il

Dettagli

Comune di Vernate Provincia di Milano

Comune di Vernate Provincia di Milano SINTESI RISULTANZE FINALI BILANCIO DI PREVISIONE COMUNE DI VERNATE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 IL BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 E STATO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 29.04.2015

Dettagli

IMU IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA GUIDA AGLI ADEMPIMENTI. 1 - Cos è l IMU pag. 2. 56 - Base Esenzioni imponibili, calcolo imposta e aliquote pag. pag.

IMU IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA GUIDA AGLI ADEMPIMENTI. 1 - Cos è l IMU pag. 2. 56 - Base Esenzioni imponibili, calcolo imposta e aliquote pag. pag. COMUNE DI ANCONA IMU IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER L ACCONTO L ANNO 01 013 1 - Cos è l IMU pag. 1 - Cos è Presupposto l IMU d imposta e soggetti passivi pag. pag. 3 - Novità Abitazione

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

Il Bilancio di Previsione per il Cittadino

Il Bilancio di Previsione per il Cittadino Comune di Vicopisano Il Bilancio di Previsione per il Cittadino 2014 PREMESSA La riduzione ormai costante della contribuzione dello Stato nei confronti degli enti locali e l'avvio del cosiddetto "federalismo

Dettagli

TASI: Guida alla Tassa sui Servizi Indivisibili

TASI: Guida alla Tassa sui Servizi Indivisibili 2 TASI: Guida alla Tassa sui Servizi Indivisibili La prima casa La TASI è, dopo la cancellazione dell IMU, l unica imposta sul valore dell immobile che viene pagata dal contribuente a livello comunale.

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA DA ALLEGARSI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA DA ALLEGARSI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI CORTANDONE Provincia di Asti RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA DA ALLEGARSI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PREMESSA Il Comune di Cortandone ha una popolazione residente al 31/12/2013 di

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI)

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI) COMUNE DI VALERA FRATTA PROVINCIA DI LODI P.zza Vittoria, 6 Tel. 0371.99000 Fax 0371.99348 c.a.p. 26859 E-mail: comunevalerafratta@virgilio.it RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

Relazione previsionale e programmatica

Relazione previsionale e programmatica Comune di Inveruno Provincia di Milano RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2009-20112011 Relazione previsionale e programmatica La relazione previsionale e programmatica rende conto delle scelte, delle

Dettagli

COMUNE DI LORIA. Provincia di Treviso. ACCONTO I.M.U. 2013 Informazioni per i cittadini aggiornate al 22 maggio 2013

COMUNE DI LORIA. Provincia di Treviso. ACCONTO I.M.U. 2013 Informazioni per i cittadini aggiornate al 22 maggio 2013 COMUNE DI LORIA Provincia di Treviso ACCONTO I.M.U. 2013 Informazioni per i cittadini aggiornate al 22 maggio 2013 Si forniscono di seguito le istruzioni pratiche sulla determinazione dell acconto I.M.U.

Dettagli

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014 COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014 Prot. n. 24405 1 E istituita con decorrenza dal 1 gennaio 2014 l imposta comunale (IUC), con la Legge 27/12/2013,

Dettagli

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012 mod-tribici-015-06.doc5 rev. 6 del 31/05/12 CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it Mini-guida IMU 2012 NOVITA RILEVANTI:

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

S.O.S. famiglia. ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

S.O.S. famiglia. ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) S.O.S. famiglia Città di Avigliana - Assessorato Politiche Sociali ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) Manuale riservato ai cittadini di Avigliana per usufruire di esenzioni e sconti

Dettagli

Come contattare l Ufficio Tributi. Che cosa è l IMU. Chi la paga. Su quali immobili si paga. Vuoi porre quesiti specifici?

Come contattare l Ufficio Tributi. Che cosa è l IMU. Chi la paga. Su quali immobili si paga. Vuoi porre quesiti specifici? Che cosa è l IMU Come contattare l Ufficio Tributi É la nuova imposta, istituita in via sperimentale dall anno 2012, che sostituisce l imposta comunale sugli immobili (ICI). Chi la paga I cittadini che

Dettagli

ORGANI ISTITUZIONALI SERVIZI AMMINISTRATIVI. da finanziare 29.748. Amministrazione comunale Villa d'adda Proposta Bilancio di previsione 2009

ORGANI ISTITUZIONALI SERVIZI AMMINISTRATIVI. da finanziare 29.748. Amministrazione comunale Villa d'adda Proposta Bilancio di previsione 2009 ORGANI ISTITUZIONALI Indennità al sindaco, assessori e cons. comunali 28.000,00 Spese diverse per il consiglio e la giunta municipale 700,00 Polizza Amministratori 1.048,00 da finanziare 29.748 SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà Approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n 47 del 05.11.2010 Modificato con atto deliberativo

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Cari Concittadini, presentiamo questo opuscolo che ha lo scopo di fornire a tutti voi una semplice e migliore conoscenza di alcuni servizi che l Amministrazione

Dettagli

IMU Guida esplicativa

IMU Guida esplicativa Città di Trecate Settore ragioneria economato tributi Ufficio tributi IMU Guida esplicativa Aggiornato al 27 novembre 2012 1. Che cos è, dove e da quando si applica? L IMU è un imposta che sostituisce:

Dettagli

Per Pombia, Grazioli Sindaco PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2016-2021. attraverso accorgimenti tecnico-legali connessi all incasso delle somme previste, e

Per Pombia, Grazioli Sindaco PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2016-2021. attraverso accorgimenti tecnico-legali connessi all incasso delle somme previste, e PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2016-2021 Imposte e tributi: - riduzione addizionale IRPEF per il bilancio 2017: opereremo una prima riduzione dell addizionale IRPEF, portandola dallo 0,7 allo 0,65%. Questo sarà

Dettagli

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE OSASCO UNIONE DI COMUNI SIGLA PROV. TO CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 Pag. 3 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE o UNIONE DI COMUNI DI OSASCO SIGLA

Dettagli

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO PROVENTI CONCESSIONI EDILIZIE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO MONETIZZAZIONI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: ALIENAZIONI

Dettagli

ELENCO CAPITOLI USCITA

ELENCO CAPITOLI USCITA ELENCO CAPITOLI USCITA DESCRIZIONE 2010 2011 Indennità a Sindaco, Assessori e Consiglieri Indennità missione e rimborso spese per amministratori Rimborso datori di lavoro permessi amm.ri 18.400,00 18.400,00

Dettagli

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014. Nota informativa aggiornata alla data del 5/08/2014

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014. Nota informativa aggiornata alla data del 5/08/2014 COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014 Prot. n. 24405/2014 1 Nota informativa aggiornata alla data del 5/08/2014 E istituita con decorrenza dal 1 gennaio

Dettagli

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA L art. 13 del Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011 cd Manovra Monti o decreto salva Italia convertito con modificazioni dalla Legge n. 214 del 22 dicembre 2011 - ha anticipato l istituzione dell Imposta

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO ENTRATE COMUNE DI BRUGHERIO - ESERCIZIO 2012 BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA Valuta: EURO Pag.1

Dettagli

TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI

TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI COMUNE DI ANCONA TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER L ANNO 2014 1 - Cos è la TASI pag. 2 2 - Presupposto d imposta e soggetti passivi pag. 2 3 - Definizione di

Dettagli

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative Il Bilancio 2012 Le risorse e le principali iniziative Lelio De Santis Assessore al Bilancio Massimo Cialente Sindaco I perché di un bilancio quasi alla fine dell anno Il Bilancio di previsione per il

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Come contattare l Ufficio Tributi. Che cosa è l IMU. Chi la paga. Su quali immobili si paga. Vuoi porre quesiti specifici?

Come contattare l Ufficio Tributi. Che cosa è l IMU. Chi la paga. Su quali immobili si paga. Vuoi porre quesiti specifici? Che cosa è l IMU Come contattare l Ufficio Tributi É la nuova imposta, istituita in via sperimentale dall anno 2012, che sostituisce l imposta comunale sugli immobili (ICI). Chi la paga I cittadini che

Dettagli

Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO

Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO Relatori: Bazzarello Antonella: Dottore Commercialista e revisore contabile

Dettagli

Bilancio per il cittadino

Bilancio per il cittadino Bilancio il cittadino Comune di Marano Vicentino 1 informa informa 1 BILANCIO CONSUNTIVO 2008 DEL COMUNE DI VICENTINO Spiegare in modo semplice e capibile a tutti i cittadini il Bilancio Comunale non è

Dettagli

Comune di SOMMA VESUVIANA ELENCO DEI RESIDUI ATTIVI ESERCIZIO 2014 ESERCIZIO DI PROVENIENZA 1992

Comune di SOMMA VESUVIANA ELENCO DEI RESIDUI ATTIVI ESERCIZIO 2014 ESERCIZIO DI PROVENIENZA 1992 ESERCIZIO DI PROVENIENZA 1992 30/04/2015 Pag. 1 D E S C R I Z I O N E Insussistenze Maggiori da ENTRATE EXTRATRIBUTARIE 3.02.3063 FITTI REALI DI FABBRICATI 387,34 387,34 TOTALE CATEGORIA 02 387,34 387,34

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO)

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO) febbraio 9 Relazione al bilancio di previsione 2015 Comune di Spilamberto (MO) 1. Il bilancio Il Bilancio di Previsione è il documento di programmazione e controllo dell'ente; deve assolvere contemporaneamente

Dettagli

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 61.562,42 61.562,42 61.562,42 di cui: VINCOLATO 61.562,42 NON VINCOLATO 61.562,42

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO, - STRUMENTO di GESTIONE - STRUMENTO di PROGRAMMAZIONE delle RISORSE di una ORGANIZZAZIONE Bilancio preventivo 1) Strumento per determinare bisogni

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Servizio Tributi

COMUNE DI CESENA. Servizio Tributi COMUNE DI CESENA SETTORE ENTRATE TRIBUTARIE E SERVIZI ECONOMICO FINANZIARI Servizio Tributi TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI ( IUC-TASI ) - ANNO 2015 L art. 1, comma 639, della Legge n. 147/2013 (c.d.

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO Albo Pretorio online n. Registro Pubblicazione pubblicato il C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O ORIGINALE N. IUC

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA UNA NUOVA IMPOSTA SUGLI IMMOBILI FONTI decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504 decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 decreto legge 06 dicembre

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ

V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @@ cüéä Çv t w w ctwéät @@ I.M.U. Imposta municipale propria anno 2013 NOVITA 2013 Con il Decreto legge 30 novembre 2013, n. 133, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 281

Dettagli

COMUNE di BRACIGLIANO BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2010 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1

COMUNE di BRACIGLIANO BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2010 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA 1 TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE 1 1 Categoria 01 - IMPOSTE 1010020 I.C.I 354.100,00 374.003,00 6.731,37 367.271,63 1010021

Dettagli

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 Si informa che a seguito del Dpr 5 dicembre 2013, n.159 e del DM 7 novembre 2014 a partire dal 1^ gennaio 2015 entra in vigore

Dettagli

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI Il programma garantisce il funzionamento degli uffici e dei servizi di carattere generale: tra questi i più importanti riguardano: a) la segreteria generale dell ente per

Dettagli

ABITAZIONE IN USO AI FAMILIARI

ABITAZIONE IN USO AI FAMILIARI COMUNE DI MAGNAGO (Provincia di Milano) - Servizio Tributi - INFORMATIVA I.U.C. ANNO 2014 Con la Legge n. 147 del 27dicembre 2013 (Legge di stabilità per l anno 2014) all articolo 1 comma 639 è stata istituita,

Dettagli

GIOVANI PROTAGONISTI

GIOVANI PROTAGONISTI Sei un ragazzo o una ragazza fra i 14 ed i 29 anni che vive, studia o lavora in Emilia Romagna? Ti piacerebbe impegnare entusiasmo, intelligenza, ed energie in nuovi progetti per lasciare il tuo segno

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008

GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008 COMUNE DI IMPRUNETA GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008 Ufficio Relazioni con il Pubblico Piazza Buondelmonti, 41 Lunedì/martedì/giovedì/venerdì/sabato dalle 8.30 alle 12.30 Lunedì e giovedì dalle 15.00

Dettagli

L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2

L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2 L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2 Con il Decreto 147 del 26 giugno 2012 convertito in legge ad agosto, sono cambiate le regole inerenti la detrazione

Dettagli

Consiglio Comunale 18 dicembre 2009

Consiglio Comunale 18 dicembre 2009 Consiglio Comunale 18 dicembre 2009 IL BILANCIO E STATO REDATTO TENENDO CONTO DELLA LEGGE N. 133/2008 GESTIONE CORRENTE Per la gestione ordinaria è prevista per l esercizio 2010 una spesa complessiva di

Dettagli

I.M.U. VERSAMENTO RATA SALDO ENTRO il 17/12/2012

I.M.U. VERSAMENTO RATA SALDO ENTRO il 17/12/2012 COMUNE DI TRIUGGIO Provincia di Monza e Brianza I.M.U. VERSAMENTO RATA SALDO ENTRO il 17/12/2012 Gentile Contribuente, le aliquote per il calcolo del saldo IMU sono cambiate rispetto alle aliquote che

Dettagli

Quaderni di fiscalità immobiliare

Quaderni di fiscalità immobiliare Quaderni di fiscalità immobiliare Massimo Pipino Guida alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie 2014 Guida completa alla disciplina attuale Situazione pregressa anno per anno 102 casi

Dettagli

COMUNE DI CREDARO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CREDARO Provincia di Bergamo PIANO DEI SERVIZI: SCHEDA DI SINTESI SERVIZI DI COLLETTIVO: VALUTAZIONE DELLO STATO DI FATTO Studio Dott. Arch. Piergiorgio Tosetti via Paglia 22/A - Bergamo Tipologie di attrezzature valutate: MUNICIPIO

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N. 12 Seduta del 16/05/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI D'IMPOSTA

Dettagli

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO COMUNE DI BAREGGIO Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO Con la legge di Stabilità 2014 (L. 147 del 27/12/2013) è stata istituita, con decorrenza 1 gennaio 2014, la I.U.C. (Imposta

Dettagli

IUC Imposta unica comunale. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU per l anno 2016

IUC Imposta unica comunale. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU per l anno 2016 Città di Tarcento IUC Imposta unica comunale La legge 147 del 27 dicembre 2013 (legge di stabilità 2014) ha istituito la nuova imposta unica comunale (IUC) che si basa su due presupposti impositivi: uno

Dettagli

ULTIME NOTIZIE TASI. Di seguito, la situazione di alcune province:

ULTIME NOTIZIE TASI. Di seguito, la situazione di alcune province: 1 ULTIME NOTIZIE TASI Il Consiglio comunale di Lecce il 10 settembre ha dato via libera alle aliquote Tasi: il 16 ottobre pertanto è fissata la scadenza per il pagamento della prima rata Tasi. Aliquota

Dettagli

Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale

Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI MEZZAGO Provincia di Monza e della Brianza COPIA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Seduta pubblica di prima convocazione NR. 26 DEL 29-07-2015 OGGETTO: APPROVAZIONE

Dettagli

IMU INSERTO STACCABILE

IMU INSERTO STACCABILE IMU SCHEDE INFORMATIVE PER LA GUIDA AL CALCOLO DELL ACCONTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU ANNO 2012 valevole per il contribuente residente e dimorante nel Comune di Piazzola sul Brenta per il solo

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO *

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * SCHEMA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE * PROT. N 21051 DEL 15/06/2010 UFFICIO ISTRUTTORE: RAGIONERIA * CAPO SETTORE:

Dettagli

Comune di Ossona GUIDA AL CALCOLO ACCONTO IMU E TASI 2015

Comune di Ossona GUIDA AL CALCOLO ACCONTO IMU E TASI 2015 Comune di Ossona GUIDA AL CALCOLO ACCONTO IMU E TASI 2015 SI AVVISA CHE I PAGAMENTI IN ACCONTO (50% DELL IMPOSTA DOVUTA) CON SCADENZA 16 GIUGNO 2015 DI IMU E TASI DOVRANNO ESSERE EFFETTUATI UTILIZZANDO

Dettagli

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE Avanzo di amministrazione 1.000.00 Entrate tributarie (titolo I) 63.778.705,00 Entrate da trasferimenti (titolo II) 15.725.005,58 Entrate extratributarie (titolo III)

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 999999 10 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0.00.0000 999999 20 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Comune di Refrontolo Provincia di Treviso

Comune di Refrontolo Provincia di Treviso ------ IMPOSTE COMUNALI AN 2015 COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO Aggiornato al 12 maggio 2015 Con Legge n. 147/2013 è stata istituita, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l'imposta Unica Comunale - IUC - che comprende

Dettagli

COMUNE DI ROSETO DEGLI ABRUZZI

COMUNE DI ROSETO DEGLI ABRUZZI IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) linee guida PREMESSA L'art. 13 del D.L. 6.12.2011, n. 201, convertito, nella Legge 22.12.2011, n. 214 (Cd. Decreto salva Italia), così come, da ultimo, modificato dal

Dettagli

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 1) IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) La Legge di Stabilità 2014 n. 147 del 27 dicembre 2013 (articolo 1 commi da 639 a 731) ha istituito, a partire dal 1/01/2014, l Imposta

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA Signore Consigliere e Signori Consiglieri, Mai, dal dopoguerra ad oggi, ci siamo trovati ad affrontare una crisi economica e sociale delle dimensioni e della durata pari a quella che stiamo vivendo. Negli

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 Nel complesso quadro normativo di riferimento della programmazione e previsione economico-finanziaria degli enti locali, predisporre il bilancio di previsione

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 Residui conservati N. di Conto del tesoriere Determinazione dei Maggiori o e stanziamenti riferimento residui minori CODICE DESCRIZIONE definitivi allo Riscossioni

Dettagli

RISANAMENTO FINANZE PUBBLICHE 2011-2014 peso su comune di Rivalta

RISANAMENTO FINANZE PUBBLICHE 2011-2014 peso su comune di Rivalta RISANAMENTO FINANZE PUBBLICHE 2011-2014 peso su comune di Rivalta TAGLIO DL 201/2011 esercizio 2011 525 mila TAGLIO DL 78/2010 esercizio 2011/2012 565 mila TAGLIO DL 95/2012 esercizio 2012-2014 510 mila

Dettagli

Comune di Budrio Provincia di Bologna. Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica

Comune di Budrio Provincia di Bologna. Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica In Italia c èc un grande debito pubblico. Ma come è suddiviso? (fonte Presidenza del Consiglio dei Ministri, 29 settembre 2010) Debito pubblico sul

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE COMUNALE PRESENTA IL BILANCIO DI PREVISIONE 2012

L AMMINISTRAZIONE COMUNALE PRESENTA IL BILANCIO DI PREVISIONE 2012 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE PRESENTA IL BILANCIO DI PREVISIONE 2012 Il difficile percorso del Bilancio Il quadro nel quale presentiamo questo bilancio di previsione 2012 è particolarmente indefinito e complesso,

Dettagli

Comune di San Quirico d Orcia Provincia di Siena

Comune di San Quirico d Orcia Provincia di Siena ACCORDO BILANCIO COMUNALE PREVENTIVO 2013 Nei giorni 22 gennaio e 28 febbraio 2013, alle ore 9,30, presso il Comune di San Quirico d Orcia, si sono incontrati il Sindaco Roberto Rappuoli, l Assessore alle

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA

BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA PARTE I - ENTRATA avanzo di amministrazione di cui : Avanzo di amministrazione di cui : I TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE 24.852,2 0,00 24.852,2 0,00 24.852,2 0,00 24.852,2 0,00 0 Categoria ª - imposte imposta

Dettagli

COMUNE DI VILLAR PELLICE

COMUNE DI VILLAR PELLICE COMUNE DI VILLAR PELLICE BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 0 PARTE PRIMA ENTRATA 9., Avanzo di Amministrazione 9., Avanzo di Amministrazione vincolato (BOX VIA FAVALE) Avanzo di Amministrazione

Dettagli

Informativa n. 24 INDICE. del 20 giugno 2013

Informativa n. 24 INDICE. del 20 giugno 2013 Informativa n. 24 del 20 giugno 2013 Novità in materia di detrazioni per gli interventi di recupero edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici (DL 4.6.2013 n. 63) INDICE 1 Premessa... 3 2

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Comune di Roccavione

Comune di Roccavione Tipo: ENTRATA RISORSA ACCERTAMENTO Avanzo di Amministrazione 473.546,34 473.546,34 di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti 90.000,00 90.000,00 Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati 383.546,34

Dettagli

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Art. 1 - Promotore FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS 1 AVVISO ANNO 2015 Scuole aperte e promozione della cittadinanza attiva La Fondazione della

Dettagli

COMUNE DI AZZATE. Provincia di Varese. Via C. B. Castellani, 1 21022 AZZATE ************ AREA RISORSE ECONOMICHE E FINANZIARIE

COMUNE DI AZZATE. Provincia di Varese. Via C. B. Castellani, 1 21022 AZZATE ************ AREA RISORSE ECONOMICHE E FINANZIARIE COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese Via C. B. Castellani, 1 21022 AZZATE ************ AREA RISORSE ECONOMICHE E FINANZIARIE Aggiornato al 02.11.2015 INFORMATIVA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015

Dettagli

COMUNE DI MONTALBANO JONICO CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 16/04/2015 10:28 Pag. 1

COMUNE DI MONTALBANO JONICO CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 16/04/2015 10:28 Pag. 1 GESTIONE DELLE ENTRATE 16/04/2015 10:28 Pag. 1 Residui conservati N. di Conto del tesoriere Determinazione dei Maggiori o e stanziamenti riferimento residui minori CODICE DESCRIZIONE definitivi allo Riscossioni

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Con la legge di Stabilità 2014 Legge 27.12.2013 n.147 è stata istituita dal 1 gennaio 2014 l imposta unica comunale (IUC) basata su due presupposti impositivi: il primo costituito

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2013 (Art. 151 comma 6 D.to Lgs. 267/2000) Premessa: L art.151 c.6 del D.to Lgs. 267/2000 prevede

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE

del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE Circolare n. 24 del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE 1 Premessa... 2 2 Detrazione IRPEF per interventi di recupero

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli