news NIKOLAJEWKA INFORMAZIONI - Periodico della Cooperativa Sociale Nikolajewka ONLUS Brescia - anno 6 - numero 3 - dicembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "news NIKOLAJEWKA INFORMAZIONI - Periodico della Cooperativa Sociale Nikolajewka ONLUS Brescia - anno 6 - numero 3 - dicembre 2012"

Transcript

1 nikolajewka news NIKOLAJEWKA INFORMAZIONI - Periodico della Cooperativa Sociale Nikolajewka ONLUS Brescia - anno 6 - numero 3 - dicembre 2012 Poste Italiane Spa -spedizioni in abbonamento postale - DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 2 DCB Brescia. ieri Un tuffo nel mondo di Picasso oggi Tu prova ad avere un mondo nel cuore e non riesci ad esprimerlo con le parole domani Nikolajewka sempre pronta al cambio

2 nikolajewka news n i k o l a j e w k a NIKOLAJEWKA INFORMAZIONI Periodico della Cooperativa Sociale Nikolajewka ONLUS - Brescia Anno 6 - Numero 3 Dicembre 2012 Direttore Responsabile: Comitato di Redazione : Capo Redattore: Roberto Zani Massimiliano Malè, Helga Marciano, Donata Montagnoli, Andrea Poisa, Flavio S i m o n e l l i, G i u l i a n o S o r m a n i, S i l v i a U n g a r o Paola Bertelli Collaboratori: Dino Beretta, Simona Campesan, Tiziana Cretti, Arilda Ismaili, Patrizia Luss i g n o l i, Francesca Mang iarini, Helga Marciano, Alfredo Parmeg g iani, Annalisa Pedrini, N i c o l e t t a Q u a r e s m i n i, S i l v i a V i v a l d i Hanno collaborato: Progetto Grafico: Progetto Editoriale: Progetto Fotografico: Disegno di Copertina: Angelo Acerbis, Agata Ambrosetti, Walter Ambrosini, Alberto Anelli, Chiara Avenoso, Mariuccia Beffa, Stefania Bettera, Paolo Borghi, Maria Buonanno, Simona Campesan, Flaviano Codignola, Arnaldo Conti, Sonia Cristini, Lucia Di Pasquale, Chiara Ferrari, Rosary Iafisco, Arilda Ismaili, Fabio Lavagnini, Daniele Lombardo, Anna Mazzocchi, Sergio Paderni, Alfredo Parmeggiani, Michela Piovanelli, Nicoletta Quaresmini, Riccardo Quaresmini, Maria Luisa Radaelli, Silvia Romelli, Adriana Sandrini, Gianmario Scalvinelli, Francesco Senini, Giovanni Tonini, Paola Tosoni Paola Bertelli Tipografia Squassina s.n.c. Realizzato in proprio E n r i c a S a r a s i n i, L i d i a Ve n z Cooperativa Soci al e Nikolajewka ONLUS - B rescia Via Nikolajewka Brescia tel fax Registrazione Tribunale di Brescia n. 31/2003 del 17 luglio 2003 La presente pubblicazione è inviata, utilizzando servizi esterni di imbustamento e recapito, su richiesta diretta degli interessati o a nominativi ricavati da pubblici elenchi. Il destinatario ha sempre la possibilità di richiedere la correzione o la cancellazione del proprio nominativo dagli elenchi dei futuri invii comunicando tale intenzione a mezzo telefono, fax, lettera o posta elettronica direttamente al Capo Redattore o al Responsabile dei trattamenti di dati personali presso i recapiti della Cooperativa.

3 S ommario Cari Lettori... Editoriale Premessa I E R I pag. 2 pag. 4 pag. 5 Archivio Recensione di libri di nostra pubblicazione e non Presentazione di lavori e prodotti Nuovo programma: emula mouse con tastiera facilitata pag. 6 Agenda Avvenimenti speciali Un tuffo nel mondo di Picasso Una giornata da rivivere! Il fantasma di Padernello pag. 8 pag. 10 pag. 12 O G G I Tavola Rotonda Riflessioni di vita E in principio fu la meraviglia pag. 14 Movies Piccolo Oz Nuovo ciclo per movies pag. 16 Info e news Informazioni medico-scientifiche, Politiche socio-sanitarie Corea di Huntington: interventi assistenziali infermieristici pag. 18 Servizi Servizi offerti dalla Cooperativa, attività proposte Convenzione Domus Salutis & Cooperativa Nikolajewka Park.nik pag. 20 pag. 22 Opinioni Approfondimenti generali, Esperienze di vita Tu prova ad avere un mondo nel cuore... pag. 24 Spazio Volontari Notizie, riflessioni personali Cercasi volontari per l Associazione pag. 26 SAV e CTVAI Fondazione Brescia Solidale: Progetti Territoriali per l Autonomia Interventi architettonici per un rientro a domicilio senza barriere pag. 28 D O M A N I Progettiamo La qualità della vita Nikolajewka sempre pronta al Cambio pag. 30 Ultime Notizie e Informazioni dalla Cooperativa e dalla Fondazione Notizie flash pag. 32

4 2 News IERI Cari lettori... N ei giorni scorsi il Consiglio di Amministrazione della Cooperativa ha affrontato il tema della determinazione delle rette per l anno Le previsioni economiche imporrebbero un consistente aumento del contributo a carico delle famiglie così da poter raggiungere l auspicato equilibrio economico che è condizione imprescindibile per poter garantire l assistenza ai nostri ospiti anche nel futuro. Nel 2011 le conseguenze delle manovre Statali e Regionali di contenimento della spesa pubblica hanno comportato per la Nikolajewka una riduzione dei ricavi derivanti dalle quote sul FSR rispetto al 2010 di circa euro mentre per il 2012 si profila un ulteriore contrazione di oltre euro. La riduzione dei ricavi si è inoltre accompagnata da un aumento dei costi di gestione. Il costo dell energia elettrica e del riscaldamento dal 2009 hanno subito un forte aumento e il rinnovo dei contratti collettivi del personale ha fortemente inciso sul costo del lavoro. L ultimo aumento delle rette risale al 2009 e già lo scorso anno si era comunicato alle famiglie che per il 2012 sarebbe stato necessario applicare un aumento pari almeno all aumento ISTAT, quantificato in (1,30 per i CDD e 1,80 per la RSD). La Cooperativa, in un contesto di forte crisi economica generale, ha invece sospeso gli aumenti per non aggravare ulteriormente le famiglie di costi in aggiunta ai consistenti aumenti fiscali e tariffari. Per il 2011 e il 2012 si sono contenuti in parte gli effetti negativi con opportune razionalizzazioni che, senza incidere sulla qualità del servizio di assistenza diretta, hanno consentito di contenere i costi. Inoltre, un grande contributo è venuto dall aiuto dei Gruppi Alpini e da tutti coloro che, con la propria attività di volontariato o con il sostegno economico alla Fondazione Scuola Nikolajewka ONLUS, ci hanno permesso di mantenere inalterato il servizio di assistenza senza aumentare la retta. Nel 2013 il percorso dovrà continuare, ma la strada da coprire si fa più impervia. I finanziamenti regionali non dovrebbero diminuire ulteriormente. Le risorse regionali sono state assegnate per i primi quattro mesi del 2013 in misura uguale a quelle del Anche se restassero tali per tutto l esercizio bisogna tener presente che i prezzi di beni e servizi subiranno incrementi (l inflazione attesa per il 2013 è superiore al 2%) e sul costo del personale graveranno gli scatti previsti nel corso del 2013 dal CCNL. L effetto cumulato di diminuzione dei ricavi e di aumento dei costi si riflette sulle rette, per cui sarebbe necessario un aumento medio per giornata di oltre 8 euro al giorno per ospite. Il Consiglio e il management della Cooperativa hanno lungamente dibattuto su come affrontare la situazione ponendosi due punti fermi:

5 3 Non ridurre la qualità del servizio. Tagliare sull assistenza, ridurre o non concedere, a un nostro utente ciò di cui ha bisogno per una qualità di vita dignitosa significherebbe disattendere le finalità istituzionali della nostra Cooperativa, significherebbe non mantenere fede agli impegni presi. Non aggravare la condizione delle famiglie.la grave crisi con cui conviviamo ormai dal 2008 e che pare peggiorare ogni giorno di più, è una pesante preoccupazione per le famiglie dei nostri ospiti e bisogna cercare di far gravare il meno possibile sulle stesse la riduzione di risorse derivante dalle varie manovre statali e regionali di taglio alla spesa sanitaria. I due punti, apparentemente inconciliabili, hanno trovato una sintesi solo grazie all impegno della Fondazione Scuola Nikolajewka, la quale si è presa carico di un contributo straordinario per il contenimento delle rette (previsto in circa 5 euro al giorno per ospite) che, unitamente al fatto che la Cooperativa prevede di farsi carico della parte mancante, consentirà anche per il 2013 di sospendere l aumento delle rette. Questa decisione tuttavia non è indolore e non potrà essere a lungo sostenuta. Le risorse della Fondazione e della Cooperativa sono state destinate al miglioramento strutturale e funzionale della Nikolajewka e solo in una situazione di crisi straordinaria devono essere utilizzate per garantire l equilibrio della gestione. Sia la Cooperativa che la Fondazione sono infatti impegnate ad affrontare nuovi investimenti perché i bisogni di assistenza di chi si rivolge a noi sono sempre più complessi e solo ulteriori miglioramenti strutturali consentiranno in futuro di rispondere meglio a queste esigenze. Ovviamente, questo impegno potrà continuare a realizzarsi solo con la solidarietà e l aiuto di chi è vicino agli ospiti della Nikolajewka. In previsione del periodo di grande difficoltà che dovremo affrontare ci permettiamo, tuttavia, di chiedere un aiuto. Chi desiderasse sostenerci con un contributo potrà farlo utilizzando il bollettino allegato alla rivista o tramite il C/C bancario i cui riferimenti sono riportati sull ultima pagina. Chi volesse, invece, affiancarsi ai volontari che già operano a favore degli ospiti e dedicare del tempo per contribuire a migliorare la loro qualità di vita, potrà mettersi in contatto con la Direzione. Nel ringraziare tutti coloro che ci sono stati e ci saranno vicini, a nome di tutti gli ospiti della Nikolajewka, vi auguriamo un Sereno Natale. Il Presidente della Cooperativa Alberto Anelli Il Presidente della Fondazione Flaviano Codignola

6 4 News E ditoriale L apertura alla disabilità in molti settori della società, una volta ritenuta impensabile, è innegabile, per quanto molto spesso ancora teorica, ed è il frutto di un lungo cammino che coinvolge un infinità di attori e di contesti diversi. Un cammino che passa attraverso leggi, battaglie per i diritti, sviluppo culturale e sociale, che ha portato dalla esclusione alla conquista dell integrazione ed al riconoscimento di nuovi bisogni. Negli ultimi venti anni, si è assistito al superamento di una logica assistenziale verso una progressiva inclusione realizzando servizi per tutti, con attenzione alle differenze individuali qualunque sia la causa della diversità. Si è passati dalla lettura tradizionale dell incapacità come problema individuale e medico, alla presa d atto che le persone con disabilità sono discriminate e senza pari opportunità per responsabilità della società; dalla condizione di essere considerati cittadini invisibili in quanto esclusi dalla società- a quella di divenire persone titolari di diritti umani; dall approccio basato sulle politiche dell assistenza e della sanità a quello che rivendica politiche inclusive; dal venir considerati oggetti di decisioni prese da altri a diventare soggetti consapevoli che vogliono decidere della propria vita. Un cambiamento che ha avuto come principi ispiratori: - la centralità della persona disabile e della sua famiglia da cui consegue la globalità dell intervento; - la persona posta al centro dei servizi non più utente che subisce interventi, ma cliente di servizi nei quali si impegna con un contratto definito nell ambito del progetto educativo individualizzato; - il passaggio da persona portatrice di handicap a persona portatrice di diritti e doveri, di esigenze e di potenzialità che devono essere riconosciute e che deve essere messa in condizione di esprimere e realizzare nella vita di ogni giorno. Allo stesso tempo le strutture per disabili non sono più luoghi di custodia assistenzialistica, ma luoghi dove le persone disabili possono trovare risposte mirate ai loro bisogni e ai loro desideri; luoghi per il benessere e per migliorare la qualità della vita; luoghi dove vengono attivati interventi orientati al prendersi cura. Se pensiamo ai servizi negli anni 80 i centri per disabili erano l unico servizio sul territorio a disposizione delle famiglie (e per fortuna c erano!) che fungevano da contenitore per ogni tipologia e gravità di disabilità tendente ad escludere il disabile dall integrazione sociale. Oggi i servizi rappresentano i luoghi della risposta ai bisogni indotti dalla disabilità, che forniscono alla persona quegli strumenti e quelle opportunità per vivere una vita dignitosa, unendo e utilizzando le prestazioni socio-assistenziali, educative e socio-sanitarie in un progetto personalizzato costruito con la persona stessa, sui suoi bisogni sulle sue diverse abilità, insieme alla sua famiglia, il più possibile nel suo contesto di vita. Una grande trasformazione, dunque, molto impegnativa ma stimolante, basata sul raccordo valoriale ed operativo tra l ente pubblico, il privato sociale e il mondo delle associazioni. La trasformazione dei servizi è stata possibile grazie ad una lettura dei bisogni, alla conoscenza dei problemi e alla collaborazione e confronto nella ricerca di risposte più adeguate. I servizi cambiano proprio per la capacità che qualcuno ha di viverli, conoscerli, capirli e modificarli; fondamentale è stato il confronto tra il servizio pubblico e gli enti gestori delle strutture per capire la necessità di cambiamento, producendo continui aggiustamenti e modifiche avendo cura di capire quali progetti, nuovi interventi potevano esistere, se richiesti o se ritenuti necessari, all interno di indicazioni normative apparentemente rigide. Pertanto, ispirandosi al principio della centralità della persona e della famiglia ed in relazione ai bisogni crescenti e nuovi di assistenza e di cura, si è prodotta nel giro di vent anni una straordinaria diversificazione di offerte, una ricchezza di interventi, servizi e strutture della rete sociale e socio-sanitaria per le diverse forme di protezione delle persone disabili. Si è ottenuto un miglioramento della qualità delle prestazioni erogate e soprattutto un sistema di offerta in grado di adattarsi alle diverse necessità determinate da livelli di fragilità differente. Si è creata una maggiore collaborazione tra operatori appartenenti a realtà istituzionali diverse per accompagnare la persona disabile nell attuazione del proprio progetto di vita. Da parte dei gestori dei servizi vi è stata la promozione di interventi innovativi per offrire risposte flessibili, finalizzate a sviluppare servizi e interventi di prossimità, di forte sostegno alle persone disabili ed alle famiglie per una maggiore qualità della vita (iniziative di sollievo in RSD e in CSS, organizzazione di esperienze di vita al di fuori della famiglia, di tempo libero..) Tutti gli Enti gestori dei servizi diurni e residenziali presenti nel territorio di Brescia e provincia hanno contribuito in modo determinante alla realizzazione di nuovi servizi ed all adeguamento di quelli esistenti mediante un sistema di concertazione costante e di partecipazione attiva di operatori pubblici e del privato sociale, attraverso interazioni, collaborazioni, scambi e confronti, consulenze reciproche, eventi formativi condivisi, dove ognuno ha avuto responsabilità precise, idee da trasmettere e finalità da condividere.

7 5 Nell ottica di poter accogliere i diversi bisogni delle persone si sono orientati i servizi, in modo da poter rispondere ad obiettivi diversi, impostando progettualità differenziate. Per questo motivo sono state individuate diverse tipologie di servizi diurni e residenziali con possibilità di potenziamento flessibile delle prestazioni erogate. Inoltre, visto l elevato numero di unità d offerta del nostro territorio, ed in virtù di finalità statutarie e di competenze specialistiche, è stato possibile connotare alcune strutture con specifiche vocazioni (disabilità intellettiva - pluridisabilità - disabilità intellettiva con disturbo della relazione e del comportamento - disabilità motoria) per potersi dare una organizzazione adeguata, con personale appositamente preparato ed attività mirate. Tra i vari Enti gestori della rete dei servizi socio sanitari la Cooperativa Nikolajewka, specializzata nell assistenza alle persone con disabilità motoria, ha partecipato al cambiamento dei propri servizi realizzando una Residenza socio sanitaria per disabili e due Centri Diurni per disabili, avendo come presupposto valoriale quello di costruire le condizioni per una buona qualità della vita delle persone disabili e delle loro famiglie. La Cooperativa Nikolajewka, attraverso il costante dialogo con la persona disabile, con la sua famiglia, con gli operatori e con la comunità, è riuscita a leggere i bisogni sociali ed emotivi sui quali ha basato la propria pianificazione assistenziale con flessibilità, creatività ed innovazione. Nel tempo, si è prodigata per creare nuove opportunità da ogni punto di vista progettuale, architettonico, gestionale, organizzativo, educativo, avendo attenzione anche ai nuovi bisogni emergenti: l invecchiamento delle persone disabili e delle loro famiglie e le nuove disabilità acquisite (gravi cerebro-lesioni, malattie degenerative come SLA e sclerosi multipla). Credo che per raggiungere l attuale organizzazione dei servizi sia stato determinante l aiuto e l impegno di tutti per consentire alle famiglie di affrontare le difficoltà e di trovare nelle istituzioni un aiuto e un sostegno efficaci. Si tratta ora di proseguire come operatori dell ente pubblico o del privato sociale, stando accanto a chi vive una condizione di bisogno per un pezzo di strada, con il compito di svolgere nuove funzioni, di dispiegare, se possibile, diverse potenzialità. Io il mio pezzo di strada l ho concluso e desidero ringraziare tutte le persone che ho incontrato in questo lungo percorso lavorativo e di vita e che mi hanno arricchito sia dal punto di vista professionale che dal punto di vista umano. Anna Mazzocchi (per anni Responsabile del Nucleo Disabilità dell ASL di Brescia) Premessa I l filo conduttore di questo nostro periodico è il concetto di scambio. Non a caso, in copertina, due persone si scambiano un cuore, simbolicamente usato per rappresentare tutto ciò che ha valore, che è importante. In realtà, il nostro scambio si avvicina di più al preistorico concetto di baratto : nella nostra quotidianità cerchiamo nell altro qualcosa di cui abbiamo bisogno e offriamo in cambio qualcosa che per noi è valido, nella speranza che soddisfi il bisogno altrui. Non si pensi sempre e necessariamente a qualcosa di materiale, bensì a ciò che nell operato di tutti i giorni arricchisce e dà valore: un sorriso, un gesto affettuoso, una parola di conforto, una sana risata, un pensiero, un opinione, un bagaglio di competenza e professionalità, il racconto di un esperienza, un vissuto emotivo. Dall apertura con l editoriale, dove emerge come lo scambio di professionalità, opinioni, punti di vista abbia portato all attuale organizzazione dei servizi socio-sanitari-assistenziali, alla chiusura della rivista con la formalizzazione di una scelta della Direzione della Cooperativa che vede le Responsabili dei servizi CDD e RSD scambiarsi di ruolo in un ottica di flessibilità e innovazione. In mezzo: uno scambio di punti di vista ha portato l Informatica Facilitante a rispondere ad un nuovo bisogno comunicativo; lo scambio di emozioni ha trasformato le uscite sul territorio in avvenimenti veramente speciali; lo scambio di vissuti ha reso piacevole discutere sul concetto di meraviglia; lo scambio di opinioni sulle attività offerte dal CDD ha portato alla decisione di modificare l impostazione dell attività di movies; lo scambio di informazioni consente ai medici e al gruppo infermieristico di operare al meglio per il benessere degli ospiti affetti da Corea di Huntington; lo scambio di vissuti concreti porta un gruppo di utenti del CDD a sottolineare la fruibilità o meno dei parchi della nostra città. Ancora: lo scambio di competenze ha portato un operatrice scolastica a vivere l Attività Informatica Facilitante come un percorso necessario, volto a colorare di autonomia la quotidianità di persone con disabilità motoria; lo scambio di emozioni nella relazione con i nostri ospiti consente ai volontari dell associazione di aggiungere valore alla propria e altrui vita. Infine: lo scambio di esperienze professionali è alla base di interventi architettonici che facilitano il rientro a domicilio nelle situazioni in cui un trauma può modificare l ordine delle priorità. Non sempre nell atto dello scambio ci si rende veramente conto di ciò che si offre, ma, soprattutto, di ciò che si riceve in cambio. La frenesia di tutti i giorni distoglie la nostra attenzione da ciò che c è, ma non sempre è visibile agli occhi. Questo rischia di rendere il nostro operato apparentemente normale, sempre uguale in ogni momento. Solo occasioni di tranquillità e momenti di riflessione ci riportano al vero significato dei nostri gesti. E allora: prendetevi del tempo e buona lettura! Paola Bertelli

8 6 News IERI archivio Recensione di libri di nostra pubblicazione e non Presentazione di lavori e prodotti NUOVO PROGRAMMA: emula mouse con TASTIERA FACILITATA I l mouse per l'utilizzo di un computer è ormai un ausilio necessario e la sua introduzione ha portato gradualmente alla creazione di sistemi sempre più intuitivi per l'utilizzatore, favorendone l'usabilità. La sua nascita risale al 1967 da un'idea di Douglas Engelbart allo scopo di utilizzare il computer come estensione delle capacità cognitive e di comunicazione. Tuttavia per alcuni utenti con particolari difficoltà motorie il suo utilizzo non è sempre possibile poiché è necessario un certo grado di mobilità e di controllo. Anche la classica tastiera di un computer presenta una serie di svantaggi che in casi di mobilità limitata o distonie devono essere risolti affinché risulti usabile. I tasti infatti possono risultare troppo piccoli o vicini tra loro, causando difficoltà nella pressione e selezione degli stessi. Inoltre la disposizione dei tasti può essere causa di una difficile localizzazione. Per questo motivo esistono tastiere facilitate che risolvono gran parte dei problemi citati e che molti dei nostri utenti del laboratorio di informatica facilitante utilizzano quotidianamente. In aggiunta sulle tastiere possono essere anche applicati scudi per evitare la pressione involontaria di più tasti, aiutando l'utente ad eseguire una corretta pressione del tasto voluto. Nella fotografia che mostra una di queste tastiere facilitanti notiamo subito che i tasti sono 4 volte più grandi e che la loro disposizione è differente rispetto a quelle classiche. Una cosa importante da notare è che questa tastiera presenta un numero di tasti inferiore ed in particolare è priva del tastierino numerico. La cosa curiosa è che sistemi operativi come Windows prevedono una particolare modalità in cui è possibile spostare il cursore del mouse mediante tastiera (e quindi senza l'utilizzo fisico del mouse), ma ciò è possibile solo attraverso il tastierino numerico. Questa limitazione di fatto rendeva impossibile ad alcuni nostri utenti l'utilizzo di tale funzione di emulazione con le tastiere facilitate. Il problema poteva essere aggirato acquistando un tastierino numerico facilitato da affiancare alla tastiera (per informazione il prezzo Tastiera Facilitata Tastiera Standard Interfaccia del SW Simulatore Mouse

9 In breve medio delle tastiere facilitate oscilla tra i 160 e i 180 e un tastierino numerico facilitato può costare in alcuni casi anche 70 ), ma questa soluzione risultava ergonomicamente scomoda ed inapplicabile. La tastiera facilitata infatti occupa già uno spazio significativo ed aggiungendo il tastierino numerico lo spazio occupato arriverebbe fino a 63 cm di larghezza contro i 46cm di una tastiera standard, peggiorando l'ergonomia durante l'utilizzo. L'area di interazione risulterebbe quindi più grande costringendo l'utente a raggiungere uno spazio più ampio per premere i tasti voluti. Per evitare ulteriori sforzi da parte dell'utente e limitare l'area d'azione, si è creato un programma in grado di muovere il cursore del mouse utilizzando la tastiera facilitata scegliendo tasti facilmente raggiungibili senza introdurre ulteriori ausili. Ciò ha permesso quindi di emulare un mouse assegnando ai tasti scelti le funzioni dei quattro movimenti possibili (sinistra, destra, su, giù) e le funzioni di click (tasto sinistro, tasto destro e doppio click sinistro) trasformando all'occorrenza la tastiera in un emulatore di mouse completamente configurabile a discrezione dell'utente. L'applicazione si presenta mediante una finestra sempre in primo piano dalla quale è possibile abilitare o disabilitare l'emulazione, associare ad un tasto scelto da tastiera una determinata azione del mouse da emulare, ed una funzione permette anche di impostare la velocità di spostamento del cursore in modo tale da raggiungere più o meno velocemente determinate aree dello schermo. L'applicazione consiste in un semplice file eseguibile che può essere copiato all'occorrenza su un computer dotato di sistema operativo windows senza bisogno di effettuare particolari procedure di installazione. L'utente per il quale è stato creato questo programma può ora in autonomia gestire il movimento del puntatore e accedere anche ad internet. Questo nuovo strumento sarà messo a disposizione per tutti gli utenti che lo ritengano funzionale ai loro bisogni Un altro obiettivo raggiunto con successo e soddisfazione mediante la nostra attività di informatica facilitante! Daniele Lombardo Robotica 2012 Venerdì 9 Novembre ci siamo recati allo spazio fiera di Milano per l'evento fieristico Robotica 2012, unico evento fieristico italiano nel campo della robotica umanoide e di servizio. Durante la mattinata abbiamo assistito ad alcune dimostrazioni e conferenze legate alla robotica e alle tecnologie di Brain Computer Interface. Una dimostrazione di particolare interesse è stata quella di un esoscheletro robotico che permette ad una persona che ha perduto l'uso delle gambe di deambulare. Non si può infatti parlare di camminare, tuttavia la persona in questione è riuscita a percorrere una parte dello spazio fieristico in posizione verticale. La tuta robotica in questione ha un peso di circa 30Kg e l'utente per indossarla deve spostarsi dalla carrozzina alla sedia su cui è sistemata la tuta. La tuta si indossa fissando gli arti inferiori dell'utente ad arti robotici che inducono il movimento e per essere completamente indossata necessita l'utilizzo di almeno una persona. Dietro la schiena si trova uno zainetto comprensivo di una batteria per una durata totale di 4h; una volta pronto, l'utente si prepara a raggiungere la posizione eretta puntando le stampelle davanti a se. Un operatore utilizzando un telecomando invia l'input ai motori della tuta affinché possa essere raggiunta la posizione verticale sollevando letteralmente l'utente mediante una distensione indotta degli arti inferiori. Successivamente aiutandosi con le stampelle l'utente sbilancia il proprio corpo e questo disequilibrio induce il movimento agli arti inferiori spostando una gamba dopo l'altra in avanti. L'utente dopo la dimostrazione durata pochi minuti è risultato stanco, ma questo è stato forse dato dalle numerose dimostrazioni. Sicuramente è una tecnologia molto interessante anche se per ora sperimentale ed in dotazione solo ad alcuni ospedali. L'azienda californiana che produce questa tuta si chiama ekso bionics (sito Per ora la tuta è venduta al proibitivo costo di $ ma si spera che i costi possano presto diminuire in modo significativo.

10 8 News IERI agenda Avvenimenti speciali un TUFFO nel mondo d i P I C A S S O P ablo Ruiz Picasso nasce il 25 Ottobre 1881, a Malaga, in Plaza de la Mercede. Il padre, Josè Ruiz Blasco, è professore alla Scuola delle Arti e dei Mestieri, durante il tempo libero è anche pittore. Si racconta che la prima parola pronunciata dal piccolo Picasso non sia stata la tradizionale mamma ma piz, da lapiz che significa matita. Prima ancora di incominciare a parlare Pablo disegna, gli riesce talmente bene che, qualche anno dopo, il padre lo lascia collaborare ad alcuni suoi quadri, affidandogli proprio la cura e la definizione dei particolari. Il risultato sorprende tutti: il giovane Picasso rivela subito una precoce inclinazione per il disegno e la pittura.. Inizia così la vita di un icona dell arte contemporanea che passa la sua vita diviso tra Spagna e Francia. Dal 20 settembre al 6 gennaio 2013, le opere di questo meraviglioso esempio di creatività sono esposte al Palazzo Reale di Milano. La mostra documenta opere straordinarie, circa 100 dipinti, cui si aggiungono opere su carta, sculture e ceramiche. Duecento opere in tutto che mostrano il vulcanico percorso creativo di Picasso, dagli esordi spagnoli, ai primi contatti con l ambiente artistico parigino, dai periodi blu e rosa alla sperimentazione cubista, dal ritorno all ordine della parentesi neoclassica alla metamorfosi stilistica degli anni Trenta, dalle opere di denuncia contro l oscurantismo fascista, fino all ultima vitalissima stagione creativa. Non potevamo perdere l occasione di fare un tuffo in questo mondo così straordinario, quante persone possono dire. ho visto dal vivo le opere di Picasso!!?? Eravamo un bel gruppo numeroso, la mattina del 25 Ottobre 2012 di buon ora, con alla guida Giuseppe Domeneghini e la dolce signora Luisa: siamo partiti alla volta della Patria dei pulentù, come l ha definita il nostro Paolo!! Il resto del gruppo era composto da Luisa, Mariuccia, Riky Q. e le educatrici Rosary e Silvia.

11 9 Arrivati a Milano siamo stati fortunati perché il tempo, dopo giorni di pioggia è stato molto clemente e non abbiamo neppure trovato traffico. Alle dieci e mezzo eravamo già nei corridoi di palazzo Reale e iniziavamo il nostro tour per vedere le opere di Picasso. Mariuccia è rimasta colpita e affasciata dall uso dei colori, così vivaci e stravaganti. Paolo e Riccardo si sono impegnati per cogliere il messaggio lanciato dall artista attraverso i suoi quadri. L opera L uomo con il mandolino ci ha impegnato tutti notevolmente: quadrati e linee che si compongono per rappresentare un immagine che a prima vista non riuscivamo a distinguere; con l aiuto di un simpatico signore siamo riusciti a cogliere l immagine e il messaggio proposto dal quadro. Che emozione poi vedere dal vivo l opera Guernica, con sorpresa, una volta percorso il corridoio, si è presentata grandissima e imponente, riprodotta sullo sfondo di una bellissima sala del Palazzo. L ultimo quadro, il bacio rappresentante due amanti appassionati, ha fatto arrossire Mariuccia che si domandava chi fossero i protagonisti rappresentati da quelle figure così bizzarre e divertenti. Finita la mostra, dopo aver nutrito lo spirito, avevamo proprio bisogno di nutrire lo stomaco. Ci siamo avventurati per le vie di Milano; la tranquillità delle prime ore del mattino aveva lasciato il posto a un brulichio di persone dinamico e variopinto. Ne abbiamo approfittato per guardare le vetrine dei negozi, la moda parte da Milano, solo più tardi arriva da noi è il commento di Riki Q., abbiamo colto l occasione per dare ancora qualche occhiata alle vetrine sulla via che portava al nostro ristorante. Una pizza o un piatto di pasta hanno colmato la nostra fame, e una bella tavolata un po appartata ci ha permesso di mangiare tranquilli. Non poteva mancare qualche foto per immortalare questa giornata, il Duomo, le vie dello shopping, il negozio della Ferrari. Alla fine di quest avventura, ci siamo trovati a riparlare della giornata trascorsa insieme, e un pensiero è nato spontaneo. Un artista attraverso le sue creazioni vuole mandare un messaggio a chi lo osserverà, ma le interpretazioni di quell opera d arte possono essere infinite. Questo dipende dalla sensibilità e dell esperienza di chi la ammira. Ognuno ha un bagaglio personale e questo diventa la chiave di lettura del mondo che lo circonda. e.p. Rosary, e.p. Silvia, Paolo, Luisa, Riky e Mariuccia.

12 10 News IERI agenda Avvenimenti speciali! P ROVATE UN PO AD INDOVINARE: DOVE SIAMO? La risposta non è molto difficile; basta osservare bene la fotografia! Ebbene sì! Dopo tanta attesa, siamo riusciti ad organizzare un uscita per provare dal vivo a giocare a bowling. Già avevamo provato utilizzando la wii, durante la giornata del riferimento. Ma sperimentarlo davvero è stata tutta un altra cosa. Al momento della partenza eravamo molto emozionati, anche se in un primo momento non c era nulla di diverso rispetto alle altre gite. Ma quando siamo arrivati alla Freccia Rossa ed entrati, ci siamo resi conto che sarebbe stata una giornata nuova ed emozionante. Niente shopping o colazione al bar, ma ci siamo subito lanciati verso la sala giochi del centro commerciale. una GIORNATA da R I V I V E R E Mentre qualcuno si è precipitato subito sulla pista del bowling il resto del gruppo è rimasto letteralmente a bocca aperta di fronte alla miriade di giochi e divertimenti. Nessuno ci era mai stato prima! Siamo riusciti a giocare sia il mattino che il pomeriggio, facendo varie partite. Abbiamo provato tutti, fra mille risate, gaffes e anche un po di fatica. E ognuno ha studiato e messo in atto le sue strategie.

13 11 C è anche chi ha avuto il tempo di mettersi in posa Siamo stati veramente bravi! Tutti gli allenamenti fatti alla wii sono serviti a qualcosa. Dopo un primo momento di riscaldamento le varie partite sono state davvero combattute e avvincenti! Ci sono stati vari speare e strike, ma qualcuno (di cui teniamo nascosta l identità) ha anche buttato la boccia fuori dalla pista: risate a non finire. Possiamo dirvi però chi sono stati i vincitori: Paola e Fabio! Come tutte le cose belle anche questa giornata è trascorsa in modo troppo veloce. Naturalmente ci siamo ripromessi di tornarci il prima possibile! Lo consigliamo anche a voi. E ricordate che le bocce, anche se rosse come mele mature, non si possono mangiare come invece ha tentato di fare qualcuno. Paola, Angelo, Fabio, Walter, e.p. Chiara e Michela

14 12 News IERI agenda Avvenimenti speciali I l f a n t a s m a di PADERNELLO Q ualcuno è interessato a vedere un fantasma? Noi possiamo aiutarvi! Sappiamo che nel castello di Padernello ogni dieci anni è possibile vedere il fantasma della Dama Bianca. L'ultima volta è accaduto nell'anno La leggenda, infatti, vuole che lei, la dolce fanciulla morta nel secolo XV cadendo dalla camminata di ronda del maniero Martinengo, si rifaccia viva ogni dieci anni, la stessa notte in cui perì: il 20 luglio. Si chiamava Biancamaria, era figlia di Gaspare Martinengo, fratello di Bernardino che viveva nel maniero sito tra i grandi boschi della Bassa. La sua bellezza era tale che sulla soglia della giovinezza era già stata chiesta in moglie da una schiera di nobili e incantati pretendenti. Si mostra vestita di bianco e reca in mano un libro aperto, tutto d'oro. Il volume pare veramente prezioso, non perché realizzato col giallo metallo, bensì perché tra le sue pagine è nascosto un segreto. In quella tragica notte di luglio, nel cielo notturno e buio di Padernello la fanciulla scoprì una magia: migliaia di luci volavano sopra le acque del fossato vibrando come fuochi fatui. Erano lucciole: Bianca, incantata, si sporse dalle alte finestre del maniero e cadde nel fossato del Castello. Perché il suo fantasma vaga ancora? Perché la Dama vuole rivelare il suo segreto, che sta scritto nel libro. Ma a Padernello non ha ancora trovato nessuno che si sia degnato di starla a sentire. Noi di Quelli dell arte siamo andati in visita al castello, ovviamente senza vedere il fantasma, perché devono passare ancora otto anni, ma è una meta che merita veramente di essere visitata: edificato nel 1485 da Bernardino Martinengo, (anche se recentemente sono emersi documenti che ne confermano l esistenza di un nucleo più antico ben prima di questa data), si erge ancora oggi nelle sue belle forme di maniero circondato dalla fossa, a dominare l antico borgo dei Marti-

15 nengo. Il castello, pur corrispondendo pienamente alle esigenze di una residenza signorile, presenta anche evidenti caratteri fortificati. Anche se i piani superiori non sono accessibili, è stata una meta molto apprezzata dal nostro gruppo: lasciamo giudicare a voi dalle fotografie che abbiamo fatto quel giorno. Arilda, Alfredo, Francesco, e.p. Nicoletta e Simona 13

16 E i n p r i n c i p i o f u L A M E R A V I G L I A... I l meravigliarsi, lo sgranare gli occhi, l accendere l emotività.la curiosità la scoperta è una capacità che facciamo fatica ad attribuirci da adulti, ma che riconosciamo come propria dei bambini. 14 News OGGI tavola rotonda Riflessioni di vita Gruppo RSD G. D Ercole Riccardo: è più frequente nei bambini ed è più facile...per noi adulti è più difficile ma una cosa desiderabile. Sonia: è vero, siamo tutti grandi e sappiamo com è fatto il mondo e non ci meravigliamo più. Il bambino vuole conoscere soltanto per il gusto di farlo, meravigliato dalla diversità, dalla ricchezza, dalla novità che lo circonda. Il grande filosofo Platone e il suo discepolo Aristotele erano d accordo sul fatto che la meraviglia era alla base dell idea dell origine della filosofia. Il primo aveva fatto dire a Socrate: È proprio del filosofo questo che tu provi, di esser pieno di meraviglia, né altro cominciamento ha il filosofare che questo (Teeteto 155 d). Il secondo, dal canto suo, aveva ribadito: Gli uomini, sia ora sia in principio, cominciarono a filosofare a causa della meraviglia (Metafisica I, 2, 982 b 12-13). La meraviglia di cui parlano Platone e Aristotele non è un sentimento estetico, ma un attitudine cognitiva, una sospensione che chiede di rendere ragione delle cose che sorprendono per la loro apparente incomprensibilità; di cercarne, dunque, la spiegazione, di conoscerne il perché. Paolo: per me è meno da bambini...perché loro si stupiscono con niente. Marco: da bambini ci si stupisce senza una reale motivazione...è più spontanea...da adulti la meraviglia è più ragionata. Stupirsi è una peculiarità degli esseri umani, questa capacità è innata. Più che mai in questo momento storico, di anestesia delle emozioni, sentiamo il bisogno di riappropriarci dello stu-

17 pore, di guardare il mondo con gli occhi di un bambino. Proust diceva che: Il vero viaggio di scoperta non è nel conoscere nuove terre, ma nel guardare con nuovi occhi. Luisa: la capacità di meravigliarsi non sta scomparendo...siamo noi che la stiamo soffocando, siamo troppo occupati con le cose di tutti i giorni per meravigliarci ancora credo che ognuno di noi dovrebbe meravigliarsi una volta ogni tanto...ci arricchirebbe interiormente. Siamo troppo irrigiditi nei nostri schemi di quotidianità, automatizzati nella sequenza delle azioni che giornalmente compiamo: gli stessi orari, le stesse persone, i medesimi gesti, i saluti sempre uguali, stessa strada, solito posto a tavola, i discorsi affrontati e le battute ripetute all infinito. Lucia: non ci si meraviglia più di niente...ormai siamo abituati alla solita vita. La cosa più bella è riuscire a meravigliarci davanti a gesti consueti, ascoltare le nostre emozioni e le passioni interiori e i desideri che fanno capolino ed hanno voglia di esprimersi. Maria: per me ogni giorno è una meraviglia anche essendo in carrozzella posso uscire, vedere cose, girare vedo tanta tristezza e malcontento intorno a me e ciò mi dispiace, per la gente è tutto scontato. Chiara: io ho 28 anni e sono ancora in grado di meravigliarmi delle piccole cose che mi accadono ogni giorno. Paolo: un motivo per meravigliarti lo trovi sempre..un pizzico di meraviglia e stupore nella nostra vita Marco: l anno scorso non mi aspettavo che la Juve vincesse lo scudetto senza perdere una partita. Sonia: in negativo, quando ho scoperto d essere malata. Riccardo: mi stupivano e rendevano orgoglioso i piccoli progressi di mio figlio. Paolo: la festa che mi hanno fatto l ultimo giorno al Cdd non me l aspettavo...ero felicissimo! Maria: ricordo ancora i 21 gladioli che mia mamma mi fece trovare per il mio ventunesimo compleanno. Walter: trovare dei nuovi amici anche qui all Rsd. Luisa: quando ero piccola mio padre era dovuto emigrare per lavoro quando è tornato ha chiamato me e mia sorella, che eravamo al piano di sopra, ci ha detto di scendere mentre percorrevamo le scale abbiamo trovato mille bolle di sapone ad accoglierci erano il regalo di mio padre. Lucia: io invece sono rimasta affascinata da uno spettacolo naturale l Orecchio di Dioniso a Siracusa meraviglioso. Non pensiamo che stia scomparendo la capacità di meravigliarci, ma crediamo ci si debba rendere conto che ci meravigliamo meno ed è interessante e importante recuperare la nostra freschezza, la spontaneità, la semplicità, la vitalità nell osservare ogni cosa come se la vedessimo per la prima volta. Penso che nel cuore di un uomo ci sia un luogo creato per la meraviglia.. Per tutta la vita raduniamo tesori per riempirlo. A volte sono minuscoli gioielli che brillano: un fiore che sboccia al riparo di un albero caduto, l arco della fronte di una bambina combinato con la curva della guancia. (Robin Hobb, LA NAVE DEI PIRATI) Walter, Chiara, Paolo, Maria, Sonia, Lucia, Riccardo, Maria Luisa, e.p. Francesca 15

18 NUOVO ciclo per Movies A noi di Movies piace cambiare, quindi abbiamo deciso di modificare un po la nostra rubrica. Il titolo non cambia, resta Movies perché sempre di cinema vi andremo a raccontare. Diciamo la verità, il cambiamento è avvenuto anche per cause di forza maggiore. La videoteca che poteva procurarci film non commerciali e di difficile reperibilità ha chiuso i battenti. Essendo Movies un attività molto gradita a tutto il gruppo, abbiamo pensato di aggirare l ostacolo avvalendoci della nostra videoteca interna, sicuramente più commerciale ma ricca di titoli interessanti. Il nostro intento è quello di valorizzare la videoteca del Piccolo Oz, invogliando chi ci legge a scegliere dei titoli fra i numerosi presenti. Stando così le cose certo non potevamo continuare a lavorare esclusivamente sul tema della diversità. 16 News OGGI Movies Piccolo Oz Gruppo Culturale CDD P. Pifferetti

19 La prima fase del nuovo ciclo è consistita nello spulciare i titoli più accattivanti presenti sui nostri scaffali scegliendone alcuni che avessero una tematica affine tra loro. Li abbiamo riuniti in gruppi di tre film, come abbiamo fatto precedentemente con il tema della diversità. La nostra scelta è caduta su tematiche non leggere, anzi complesse e spesso drammatiche. Certo non ci siamo dati un compito facile, speriamo di riuscire a svolgerlo nel migliore dei modi. Crediamo che la visione dei film scelti ci permetta di approfondire tematiche stimolanti e impegnative. Vogliamo solo anticiparvi che il primo argomento che tratteremo sarà il SENSO DI COLPA. 17 Gruppo Movies

20 Corea di Huntington L a Corea di Huntington è una malattia neurodegenerativa ad evoluzione progressiva e graduale. I sintomi che la caratterizzano nel tempo sono gravi e molto invalidanti. Questo determina problemi assistenziali complessi che rendono necessario l approccio multidimensionale. In questa breve rassegna affrontiamo l aspetto dell assistenza infermieristica in questa malattia. La corea colpisce il sistema nervoso centrale e porta alla progressiva impossibilità di deambulazione autonoma con presenza di movimenti involontari degli arti. 18 News OGGI info e news Informazioni medico-scientifiche Politiche socio-sanitarie Altri sintomi variamente associati possono essere presenti in momenti evolutivi diversi della malattia:depressione del tono dell umore, insonnia, difficoltà della parola fino alla afasia completa, disturbi della deglutizione fino alla disfagia assoluta ( assoluta impossibilità di assumere liquidi e cibi per bocca per soffocamento e ripetute broncopolmoniti da inalazione ab ingestis), disturbi comportamentali con gravi episodi di agitazione psichica e motoria. Il peggioramento evolutivo della malattia, per la quale non esiste attualmente alcuna cura in grado di modificarne la storia, porta con sè una serie molto lunga di complicazioni cliniche che molto impegna il personale sanitario medico e infermieristico. Consideriamo le varie aree cliniche problematiche che prevedono l osservazione e l intervento degli infermieri professionali. Area motoria: deambulazione impossibile, decondizionamento e decadimento muscolare, dolore articolare e muscolare da contratture e da traumi correlati ai movimenti involontari. E necessario da parte del personale infermieristico una corretta posturazione e movimentazione passiva, e una scrupolosa attenzione per evitare cadute nella fase in cui il paziente cammina. Area vescicale: disfunzione nello svuotamento della vescica con incontinenza e talvolta ritenzione urinaria con rischio di infezioni urinarie ricorrenti; ne consegue un necessario monitoraggio della diuresi e delle caratteristiche della urina, manovre specifiche di ausilio allo svuotamento vescicale fino al cateterismo vescicale. Area cutanea: alto rischio di sviluppare lesioni da decubito. E importante una scrupolosa protezione cutanea e sorveglianza clinica. Area digestiva: stipsi da rallentamento intestinale con frequente sviluppo di fecalomi e necessità di svuotamento manuale delle feci; rischio di ab ingestis con la neces-

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA)

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) Modena, Maggio 2011 Presenta TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) INTRODUZIONE... 2 COME UTILIZZARE LA TASTIERA... 6 DETTAGLI TASTIERE... 8 1 INTRODUZIONE Assieme ad altre tastiere

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Asilo Nido La Montagna dei Balocchi

Asilo Nido La Montagna dei Balocchi Asilo Nido La Montagna dei Balocchi Anno Educativo 2011.2012 Il mestiere di un narratore non è quello di raccontare grandi eventi, ma di rendere i piccoli eventi interessanti. Arthur Schopenhauer Abbiamo

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA)

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) Modena, dicembre 2007 Presenta TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) INTRODUZIONE...2 COME UTILIZZARE LA TASTIERA...5 DETTAGLI TASTIERE...7 1 INTRODUZIONE Assieme ad altre tastiere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA 1 INS. BORTOLATO GIUSEPPINA CLASSE E7 RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA Il progetto LA STORIA OLTRE LA STORIA è stato realizzato per far comprendere al bambino, che quando, ci sono modifiche

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGETTI DELL AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

GUIDA PER L INSEGNANTE

GUIDA PER L INSEGNANTE LEGGO IO CONCORSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Progetto didattico: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis - Milano Illustrazioni: Archivio Piemme 2015 - Edizioni Piemme S.p.A., Milano

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI Comune di Cerro Maggiore Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato Piazza Concordia 1 - Cerro Maggiore Un

Dettagli

FONDAZIONE NIKOLAJEWKA RELAZIONE AL BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011

FONDAZIONE NIKOLAJEWKA RELAZIONE AL BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011 Brescia 8 Marzo 2012 FONDAZIONE NIKOLAJEWKA RELAZIONE AL BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011 La gestione 2011 si chiude con un avanzo dell esercizio di 223.404 euro con un ulteriore consolidamento della situazione

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Tutta un altra storia

Tutta un altra storia Elisabetta Maùti Tutta un altra storia Come spiegare ai bambini la diversità Illustrazioni di Salvatore Crisà Indice Introduzione 9 Il principe con due piedi destri (Cos è normale?) 13 E tu da dove vieni?

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo.

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. PAOLA LIPAROTO Classe F3 - Anno scolastico 2008 2009 MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. Relazione finale Titolo del progetto: Piccoli Narratori Contenuti:

Dettagli

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE ALLA PERSONA CON DISABILITÀ INDICE A FINALITÀ 1 B OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Il lavoro condotto ha portato alla realizzazione di tre sistemi: - Ingranditore e Lettore di testi - Controller digitale - Comunicatore

Il lavoro condotto ha portato alla realizzazione di tre sistemi: - Ingranditore e Lettore di testi - Controller digitale - Comunicatore Il progetto Freedom è nato dalla volontà di applicare alcune moderne ed innovative tecnologie alle semplici attività giornaliere. L obiettivo del progetto è stato quello di fornire nuovi e semplici strumenti

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Bambini e nonni insieme per una vita più bella. incontro con la Malattia di Alzheimer

Bambini e nonni insieme per una vita più bella. incontro con la Malattia di Alzheimer Bambini e nonni insieme per una vita più bella incontro con la Malattia di Alzheimer Società Cooperativa Sociale Occhio Magico BAMBINI E NONNI INSIEME PER UNA VITA PIÙ BELLA incontro con la Malattia di

Dettagli

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011 Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Studio e riflessione sui distinguo teorici e analisi delle affinità

Dettagli

ALBUM di VITA La tecnica dello sketchbook per curare con le immagini

ALBUM di VITA La tecnica dello sketchbook per curare con le immagini RIASSUNTO SINTETICO DEL PROGETTO (come nasce, come si sviluppa, le finalità, struttura del progetto, etc) ALBUM di VITA La tecnica dello sketchbook per curare con le immagini Il progetto album di vita

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ Convegno sull inserimento lavorativo delle persone con disabilità: iniziative, servizi, esperienze e riflessioni Esperienze aziendali tratte dal video prodotto

Dettagli

Centro Attività Diurne. 18 Piano. Carta del Servizio Referente: Roberto Vendrame

Centro Attività Diurne. 18 Piano. Carta del Servizio Referente: Roberto Vendrame Centro Attività Diurne 18 Piano Carta del Servizio Referente: Roberto Vendrame Presentazione della struttura 18 PIANO è un CENTRO ATTIVITA DIURNE (d ora in avanti CAD) dedicato alla costruzione di strumenti

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

SIAMO TUTTI POETI. Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning. Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13

SIAMO TUTTI POETI. Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning. Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13 SIAMO TUTTI POETI Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13 Docente Anna Maria Pirisi Premessa La poesia è un tipo di testo a misura dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AREA DEL BISOGNO RAGIONI DELLA SCELTA Anche quest anno le scuole dell infanzia di Leno proseguono

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

2011 Anno Europeo del volontariato

2011 Anno Europeo del volontariato L'avete fatto a me Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. Medici, infermieri, psicologi, educatori e amministrativi Volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 8, n.

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

Immagini per raccontare... La storia del bambino ieri e oggi

Immagini per raccontare... La storia del bambino ieri e oggi Immagini per raccontare... La storia del bambino ieri e oggi Lo scolaro, Albert Anker, 1855 Cosa ci mostra questo quadro? Certamente, uno scolaro. Ma uno scolaro molto diverso da come li conosciamo oggi.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Il centro diurno per disabili secondo me

Il centro diurno per disabili secondo me Gruppo Solidarietà Il centro diurno per disabili secondo me Il Gruppo Solidarietà ha promosso lo scorso 5 novembre presso la propria sede un seminario di ricerca, dal titolo Il centro diurno per disabili

Dettagli

Enti e Territorio. Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini

Enti e Territorio. Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini Enti e Territorio Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini Progetto di alternanza scuola lavoro realizzato dagli alunni di una classe terza del Liceo economico sociale

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it indice 1. FINALITA pag. 2 2. CRITERI DI AMMISSIONE E DIMISSIONE pag. 2 3. RETTA E SPESE PERSONALI pag.

Dettagli

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA)

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) Modena, Maggio 2011 Presenta TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) INTRODUZIONE... 2 COME UTILIZZARE LA TASTIERA... 6 DETTAGLI TASTIERE... 8 1 INTRODUZIONE Assieme ad altre tastiere

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

b b T A n www.babytraining.it proposto da T.& C. Group S.r.l. Training & Consulting Allegato 1 Descrizione Progetto

b b T A n www.babytraining.it proposto da T.& C. Group S.r.l. Training & Consulting Allegato 1 Descrizione Progetto Allegato 1 Descrizione Progetto b b T A n www.babytraining.it proposto da T.& C. Group S.r.l. Training & Consulting T.& C. Group S.r.l. Tutti i diritti riservati. Cos è Baby Training. Baby Training è un

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE

PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE - PREMESSE E OBIETTIVI DEL PROGETTO - Dopo il nucleo familiare, senza dubbio, è la scuola a rappresentare per il bambino il principale punto di

Dettagli

L ipertesto multimediale o ipermedia

L ipertesto multimediale o ipermedia Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:45 Pagina 19 multimediale o ipermedia Il programma di scrittura Word, che già conosci, ti permette anche di creare ipertesti multimediali o ipermedia. R Cerchiamo

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE

PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE MOTIVAZIONI In questi ultimi anni stiamo vivendo nei bambini,un accentuata forma di irrequietezza, mancanza di attenzione e difficoltà nell accettazione di regole e dei

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO LEGALITÀ riflessione critica sull importanza e la motivazione delle regole; scelta consapevole di rispettarle MEMORIA storia e storie riflessione critica e interazione tra

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli