Turismo, sostenibilità, occupazione Un indagine esplorativa in provincia di Rimini. Novembre 2008

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Turismo, sostenibilità, occupazione Un indagine esplorativa in provincia di Rimini. Novembre 2008"

Transcript

1

2

3 Turismo, sostenibilità, occupazione Un indagine esplorativa in provincia di Rimini Novembre 2008

4 equipe di ricerca Nicola De Luigi Antonella Giallombardo Tatiana Giorgetti Alessandro Martelli Luca Tonelli Valerio Vanelli Marco Vincenzi hanno collaborato Daniele Brandi Ufficio Turismo Sostenibile Provincia di Rimini Massimo Briani Ufficio Turismo Sostenibile Provincia di Rimini Symon Buda Ufficio Promozione Turistica e Marketing Territoriale Provincia di Rimini Antonella Coppola Ente Cescot di Rimini Giuseppe Del Magno Centro per l impiego Provincia di Rimini Massimo Gavelli Centro per l impiego Provincia di Rimini Alessandro Giorgetti Ufficio Turismo Sostenibile Provincia di Rimini Federica Mancini Centro per l impiego Provincia di Rimini Stefano Masini Centro per l impiego Provincia di Rimini Michela Montanari Centro per l impiego Provincia di Rimini Fausto Patelli Ufficio Studi Camera di Commercio di Rimini si ringrazia per il contributo portato alla realizzazione della ricerca il Servizio Politiche del Lavoro della Provincia di Forlì-Cesena il Servizio Politiche del Lavoro della Provincia di Ravenna il Servizio Politiche del Lavoro della Provincia di Ferrara il Servizio Politiche del Lavoro e Ufficio Statistica della Provincia di Foggia l Ente APT della Provincia di Foggia il Servizio Lavoro e l Ufficio Turismo della Provincia di Lucca l Osservatorio Provinciale sul Turismo della Provincia di Lucca il Servizio Turismo della Regione Toscana l Ufficio Studi della Camera di Commercio di Venezia l Ente Veneto Lavoro della Regione Veneto l Ente per il Turismo dell Istria l Ufficio Centrale di Statistica (Central Bureau of Statistics) della Repubblica di Croazia l Ufficio Studi della Camera di Commercio di Rimini l Ente Cescot di Rimini

5 gli intervistati Marta Agostini Presidentessa Consorzio Piccoli Alberghi di Qualità Luca Cevoli Direttore Associazione Italiana Albergatori di Riccione Stefano Giuliodori Albergatore Riccione Bike Hotels Massimo Gottifredi Presidente APT Emilia-Romagna Gabriele Guglielmi Presidente Ente Bilaterale Nazionale del Turismo Gianfranco Metalli Albergatore Hotel con Ecolabel Europeo Sandra Sazzini Responsabile Relazioni Internazionali Legambiente Turismo i partecipanti al focus group Daniele Santinelli Responsabile Ricerca e Sviluppo Ass. Albergatori di Riccione Roberta Tempera Albergatrice Hotel con Ecolabel Europeo Maria Luisa Todaro Coordinatrice Consorzio La strada dei vini e dei sapori Susanna Zamagna Albergatrice Consorzio Piccoli Alberghi di Qualità p.le Bornaccini, Rimini tl

6 Indice Introduzione p. 7 Considerazioni introduttive sul concetto di turismo sostenibile p. 7 Certificazioni e marchi di qualità ambientale p. 10 Alcuni indicatori di sostenibilità delle destinazioni e delle imprese turistiche p Rimini e il turismo: una lettura comparata p Il fenomeno turistico in provincia di Rimini p Mercato del lavoro e occupazione nel settore turistico p Il lavoro nel settore turistico a Rimini: un analisi attraverso i dati p. 49 dei Centri per l impiego 2.1 Premessa p Le caratteristiche degli avviamenti negli alberghi/ristoranti p Analisi serie storica con comparazione rispetto agli altri settori economici p Un confronto con altre province competitor di Rimini p Un analisi delle caratteristiche socio-demografiche per settore economico p Un tentativo di sintesi p Gli avviati nell estate 2001 e il loro percorso professionale. Un analisi longitudinale per settore e rispetto ad altre variabili p Premessa p Le caratteristiche della coorte dei lavoratori stagionali del 2001 p Il percorso professionale dei lavoratori stagionali del 2001: analisi della coorte per il periodo p. 79 Scheda 1 Alcuni profili di lavoratori stagionali avviati tra il 2001 e il 2004 nel settore alberghiero/ristorativo p Analisi di alcuni profili consolidati fra il 2001 e il 2007 p Il passaggio al lavoro autonomo e all imprenditoria p Dimensioni e caratteristiche p L attività autonoma nella provincia di Rimini p. 99 Scheda 2 L autocandidatura: un portale per il lavoro stagionale nel turismo p. 105

7 4. Sostenibilità e qualità del lavoro: un indagine presso gli albergatori di esercizi eco-sostenibili e presso i lavoratori stagionali del settore del turismo p Premessa p Le caratteristiche degli alberghi coinvolti nell indagine p La dimensione occupazionale p Il marchio Ecolabel di Legambiente p L indagine presso i lavoratori p Premessa p Le caratteristiche dei lavoratori stagionali intervistati p La soddisfazione p La certificazione di qualità ambientale p. 131 Scheda 3 Le Unioni di Prodotto p Il turismo sostenibile nella prospettiva degli attori locali p Premessa p Il significato del turismo sostenibile p La dimensione sociale del turismo sostenibile: il lavoro p Identità, cultura e territorio: risorse per la sostenibilità del turismo p Il turismo sostenibile: fattori trainanti, ostacoli e ruolo della comunità locale p. 165 Bibliografia p. 175

8 6

9 Introduzione Considerazioni introduttive sul concetto di turismo sostenibile La seconda metà del Novecento ha visto un impetuosa crescita dell industria turistica che si è progressivamente estesa dalle economie occidentali ai Paesi in via di sviluppo 1. Negli stessi anni si è assistito ad un mutamento degli orientamenti scientifici riguardo allo sfruttamento delle risorse naturali che ha portato ad una crescita nella consapevolezza sia dell ambiente come valore, sia della relazione tra ecosistema e comportamento umano. Questi importanti cambiamenti culturali hanno lentamente condizionato l agenda politica dei governi nazionali e degli organismi sovra-nazionali aprendo il dibattito su modelli alternativi di sviluppo socioeconomico. Nel 1987 Gro Harlem Brundtland, Presidente della Commissione Mondiale sull Ambiente e sullo Sviluppo delle Nazioni Unite, presenta un rapporto in cui si indica come sviluppo sostenibile quello in grado di rispondere alle necessità del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie esigenze 2. L anno seguente l Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) introduce per la prima volta il concetto di turismo sostenibile. Secondo l OMT esso deve essere il principio guida per una gestione delle risorse tale che i bisogni economici, sociali ed estetici possano essere soddisfatti e contemporaneamente possano essere preservati l integrità culturale, gli equilibri fondamentali della natura, la biodiversità ed il sostegno al miglioramento della qualità della vita. Durante la conferenza ONU su ambiente e sviluppo sostenibile, tenutasi a Rio de Janiero nel 1992, viene sottoscritto da oltre un centinaio di governi, un documento noto come Agenda 21 che individua specifici obiettivi e azioni per convertire i modelli di sviluppo verso i principi della sostenibilità. All interno dello stesso documento viene evidenziato il ruolo del turismo nella salvaguardia delle risorse naturali ed ambientali. Nel 1995 a Lanzarote (Spagna) si svolge la prima Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile al termine della quale viene redatta la Carta per un turismo sostenibile al cui interno si afferma che lo sviluppo del turismo deve essere [...] 1 Secondo le stime dell Organizzazione Mondiale del Turismo il movimento turistico internazionale è passato dai milioni di arrivi del 1950 agli oltre 800 milioni del G.H. Brundtland et al., Il futuro di noi tutti. Rapporto della commissione mondiale per l'ambiente e lo sviluppo, Milano, Bompiani,

10 TURISMO, SOSTENIBILITÀ, OCCUPAZIONE Un'indagine esplorativa in provincia di Rimini ecologicamente sostenibile nel lungo periodo, economicamente conveniente, eticamente e socialmente equo nei riguardi della comunità locale. Lo sviluppo sostenibile è un processo guidato che prevede una gestione globale delle risorse per assicurarne la redditività, consentendo la salvaguardia del nostro capitale naturale e culturale 3. L OMT nel 2004 ha riproposto una definizione di turismo sostenibile con l obiettivo di valorizzare i risultati raggiunti. Il turismo sostenibile dovrebbe: - tutelare le risorse ambientali, che costituiscono un elemento chiave nello sviluppo del turismo, conservando i processi ecologici essenziali e sostenendo la conservazione del patrimonio naturale e la biodiversità; - rispettare l autenticità socio-culturale della comunità ospitante, conservare il patrimonio culturale e le tradizioni, contribuendo alla comprensione e alla tolleranza interculturale; - garantire la prosperità economica nel lungo periodo, offrendo benefici socioeconomici equamente distribuiti a tutti gli interlocutori sociali; tra cui occupazione stabile, possibilità di conseguire un reddito e servizi sociali per le comunità ospitanti; nonché contribuendo alla riduzione della povertà. Non è questa la sede per entrare nel dibattito teorico sull argomento che con il passare del tempo si è notevolmente arricchito di contributi, senza peraltro giungere ad una definizione unanimemente riconosciuta 4. Tuttavia, dalle numerose Carte e Dichiarazioni prodotte a livello internazionale nell ultimo ventennio, è possibile individuare alcune caratteristiche essenziali del turismo sostenibile 5. Innanzitutto, il concetto di sostenibilità nell ambito dell attività turistica assume sia una valenza ecologica, riconducibile alla conservazione degli equilibri di tutte le componenti dell ambiente naturale (flora, fauna, clima, ecc.), sia una antropologica relativa alla persistenza della fruibilità di una destinazione per ondate successive di turisti 6. Risulta, perciò, essenziale una valutazione degli effetti a medio-lungo termine che renda il modello turistico durevole nel tempo e non centrato su una crescita a breve termine nella domanda di visitatori. Diviene, quindi, importante realizzare un corretto dimensionamento sia nel tempo che nello spazio del fenomeno turistico. Praticare la sostenibilità significa orientarsi verso una destagionalizzazione dei flussi turistici e porre una maggiore attenzione alla capacità di accoglienza del territorio. Tutto ciò comporta un attività di pianificazione e programmazione che, 3 Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile, Carta della Conferenza Mondiale sul turismo sostenibile, Lanzarote (Spagna), Aprile D. Weaver, Sustainable tourism: theory and practice, Butterworth-Heinemann, Boston, Anche l Unione Europea è intervenuta sul tema con una serie di documenti e risoluzioni che sono culminati nel 2007 in una Comunicazione della Commissione dal titolo Agenda per un turismo europeo sostenibile e competitivo. Al suo interno sono individuati una serie di principi per coniugare sostenibilità e competitività nel settore turistico. Cfr. Commissione delle Comunità Europee, Agenda per un turismo sostenibile e competitivo, COM (2007) 621 definitivo, Bruxelles, 19/10/ C. Bizzarri, G. Querini, Economia del turismo sostenibile. Analisi teorica e casi di studio, FrancoAngeli, Milano,

11 Introduzione partendo dall analisi delle condizioni iniziali, sia sostenuta da un monitoraggio continuo delle diverse variabili. Lo sviluppo turistico sostenibile dovrebbe essere il risultato di un processo guidato nel quale tutti gli attori coinvolti sono chiamati a partecipare nelle decisioni che riguardano la realtà locale 7. Un altro elemento importante concerne l integrazione dell esperienza turistica con le risorse del luogo che comprendono non solo il patrimonio naturale, ma anche le tradizioni popolari, la storia, l architettura, l eno-gastronomia e tutto quello che rimanda all identità culturale del territorio. La difesa dell ambiente naturale appare, infatti, strettamente collegata alla tutela e alla valorizzazione della cultura locale nelle sue diverse manifestazioni. Ovviamente la sostenibilità passa attraverso una riduzione degli impatti ambientali prodotti dall industria del turismo. Essa si realizza con una serie di azioni che vanno dal risparmio idrico ed energetico all incremento degli acquisti ecologici, da una corretta gestione dei rifiuti all uso di energie rinnovabili, dagli interventi specifici sulla mobilità alla tutela del paesaggio naturale. L attenzione agli equilibri ambientali non significa, però, rinunciare allo sviluppo economico ed agli effetti positivi che un attività turistica fiorente e competitiva può avere sulla comunità locale. La crescita del settore turistico in termini di sostenibilità dovrebbe migliorare il livello di vita della popolazione residente, creando nuovi posti lavoro e garantendo condizioni lavorative accettabili. Dal momento che la dimensione occupazionale costituisce la prospettiva principale con cui il presente rapporto analizza il fenomeno turistico, è interessante evidenziare alcuni riferimenti a questo aspetto specifico presenti nel dibattito sulla sostenibilità. Una della azioni raccomandate nella Carta di Rimini per il turismo sostenibile (giugno 2001) per assicurare una buona gestione delle infrastrutture turistiche consiste nel garantire il rispetto dei diritti dei lavoratori e nel promuovere la Certificazione Etica (SA 8000 o altri modelli riconosciuti) 8. Tra i dodici obiettivi per un turismo sostenibile individuati, nel 2005, dall OMT e dal Programma delle Nazioni Unite per l Ambiente (UNEP) viene espressamente indicata anche la qualità del lavoro. L invito rivolto è quello di...rafforzare il numero e la qualità dei posti di lavoro creati localmente e sostenuti dal turismo, compreso il livello delle paghe, le condizioni di servizio e la disponibilità verso tutti senza discriminazione di genere, razza, disabilità o altro 9. 7 Il programma di Agenda 21 Locale prevede la creazione di forum e di tavoli di discussione con la partecipazione dei principali attori sul territorio al fine di arrivare alla definizione di un Piano di Azione locale per lo sviluppo sostenibile. 8 Conferenza Internazionale sul Turismo Sostenibile, Carta di Rimini per il Turismo Sostenibile, Rimini, Giugno World Tourism Organization-United Nations Environment Programme, Making tourism more sustainable. A guide for policy makers,

12 TURISMO, SOSTENIBILITÀ, OCCUPAZIONE Un'indagine esplorativa in provincia di Rimini L ultimo rapporto del Gruppo per la Sostenibilità del Turismo (GST), creato dalla Commissione Europea, include il miglioramento della qualità del lavoro turistico tra gli otto obiettivi chiave per la sostenibilità del turismo europeo 10. Nello specifico vengono indicate quattro aree di intervento: - Livelli salariali e servizi previdenziali - Distribuzione, durata e uniformità dell orario di lavoro - Continuità del rapporto di lavoro - Avanzamento e opportunità di carriera Secondo il GST questi interventi devono essere accompagnati sia dallo sviluppo di una progettazione nella gestione delle risorse umane, sia dal rafforzamento del dialogo tra datori di lavoro, dipendenti e loro organizzazioni di rappresentanza 11. Infine, nel corso del 6º Forum europeo del turismo, che si è tenuto a Portimao (Portogallo) nell ottobre 2007, il dibattito tra amministratori europei, accademici e addetti ai lavori ha riguardato anche i modi per sviluppare l'occupazione nel comparto, individuando nuove figure professionali legate alla creazione e alla comunicazione della sostenibilità. Per concludere, si può osservare come il tema del lavoro sia presente nel dibattito sul turismo sostenibile, benché i riferimenti espliciti ad esso siano limitati rispetto ad altre questioni. L attenzione maggiore è senza dubbio rivolta all ambiente rispetto al quale sono stati introdotti specifici strumenti per rilevarne la qualità ed il tipo di impatti, che interessano sia le destinazioni turistiche che le strutture ricettive. Spiagge, porticcioli, comuni costieri e località dell entroterra possono ottenere riconoscimenti sotto il profilo della sostenibilità ambientale che hanno valore sul territorio nazionale (Bandiera Arancione, 5 Vele) o a livello internazionale (Bandiera blu). Per quanto riguarda le strutture ricettive, le azioni a favore del turismo sostenibile si sono tradotte fondamentalmente nell adozione di criteri ecologici e/o nell introduzione dei sistemi di gestione ambientale. Nelle pagine che seguono si porrà l attenzione su questi strumenti di politica ambientale, analizzandone la situazione relativamente agli alberghi e agli esercizi extra-alberghieri, i quali rappresentano l asse portante dell economia del turismo. Certificazioni e marchi di qualità ambientale Dopo aver introdotto il concetto di turismo sostenibile, in questo paragrafo si presenteranno alcuni dati relativi alle principali certificazioni e marchi di qualità 10 Gruppo per la Sostenibilità del Turismo, Azione per un turismo europeo più sostenibile, Febbraio Un azione efficace su tali questioni potrebbe contribuire sia a risolvere il problema del reclutamento di personale, sia a ridurre gli elevati tassi di turn over che interessano gli occupati del settore turistico. Ibidem, p

13 Introduzione esistenti in Italia. Per poter comparare tra loro i dati verranno analizzati solo gli esercizi ricettivi ai quali possono essere applicati tutti gli strumenti di politica ambientale presi in considerazione. Come si è detto, nel corso degli ultimi anni, diversi operatori del settore turistico hanno introdotto nelle loro imprese dei sistemi di gestione ambientale (SGA). Essi sono degli strumenti operativi con i quali le aziende garantiscono sia il controllo ed il miglioramento degli impatti ambientali prodotti, che un attività di sensibilizzazione verso i clienti ed il personale occupato 12. La metodologia su cui si basa un SGA è la cosiddetta spirale del miglioramento continuo che può essere sintetizzata in quattro fasi essenziali: pianificazione delle azioni, attuazione, controllo, riesame e miglioramento 13. Nella fase di pianificazione si definisce la posizione rispetto alla situazione ambientale. Ciò significa svolgere un accurata analisi iniziale, una ricognizione delle prescrizioni legislative, la definizione degli obiettivi e di un programma di gestione ambientale. Nella fase di attuazione del SGA, si identificano la struttura organizzativa, le responsabilità, le procedure e le risorse per conseguire, riesaminare e mantenere attiva la politica ambientale. Nella fase di controllo del SGA si esaminano le eventuali non conformità e si adottano le azioni correttive opportune. La fase finale coincide con la revisione generale del SGA per individuare eventuali azioni migliorative. Le principali norme internazionali che disciplinano i sistemi di gestione ambientale e consentono alle aziende di richiedere la certificazione, sono due: lo Standard UNI EN ISO 14001, riconosciuto a livello mondiale ed il Regolamento CE 761/2001 EMAS II, la cui applicazione interessa i Paesi europei. Lo Standard ISO è una norma di carattere volontario, introdotta per la prima volta nel 1996, che viene rilasciata da un organismo indipendente accreditato ed è riferibile a qualsiasi tipo di organizzazione, sia nel settore dei servizi sia in quello manifatturiero. Si tratta di una norma tecnica, dal momento che indica non solo gli obiettivi da raggiungere, ma anche come fare, definendo le caratteristiche del SGA di cui una organizzazione si deve dotare per ottenere il miglioramento delle performance ambientali. All inizio del 2007, l Italia, con organizzazioni certificate ISO 14001, si poneva al quarto posto nel mondo dietro il Giappone (21.779), la Cina (18.979) e la Spagna (8.081), mostrando comunque un numero di certificazioni nettamente più alto 12 Provincia di Rimini Assessorato al Turismo, L Ecolabel Europeo per il servizio di ricettività turistica. Linee guida per l applicazione e rassegna delle esperienze esistenti, in Manuali operativi per le imprese turistiche, n. 5, giugno Il metodo è meglio conosciuto con l acronimo inglese PDCA (plan do check act) che descrive le quattro fasi previste. Cfr. D. Stefano, E. Grato, G. Zurlini, I sistemi di gestione ambientale nelle strutture ricettive: Linee di indirizzo per la progettazione e la realizzazione, Manni, San Cesario di Lecce,

14 TURISMO, SOSTENIBILITÀ, OCCUPAZIONE Un'indagine esplorativa in provincia di Rimini di tutti gli altri Paesi europei ed anche degli Stati Uniti (8.081) 14. Il dato nazionale è in realtà ulteriormente cresciuto raggiungendo nel novembre del 2007 le organizzazioni certificate con un incremento di oltre unità rispetto alla situazione del 2002 (2.081 certificazioni) 15. In questo quadro è interessante osservare la situazione italiana relativamente agli alberghi ed alle altre strutture ricettive extraalberghiere 16. Nella primavera del 2008 erano 347 le organizzazioni, riconducibili a questa categoria, con un sistema di gestione certificato ISO e la tabella sottostante ne descrive la ripartizione su base provinciale. Tab. 1 Graduatoria delle prime 20 province italiane con strutture ricettive certificate ISO14001 (Aprile 2008) Province Strutture ricettive Napoli 79 Salerno 30 Livorno 18 Grosseto 16 Venezia 14 Messina 13 Palermo 11 Catania 10 Cosenza 9 Foggia 8 Avellino 6 Benevento 6 Cagliari 6 Sassari 6 Verona 6 Bari 5 Lecce 5 La Spezia 5 Teramo 5 Vibo Valenzia 5 Fonte: sito SINCERT. Elaborazione Centro Studi Anche se la tabella, per agevolarne la lettura, contiene solo le prime venti province, esistono imprese turistiche con sistema di gestione certificato ISO in 14 Un quadro sulla situazione mondiale delle certificazioni ISO è stato curato da R. Peglau dell Agenzia Ambientale Federale Tedesca e pubblicato sul sito 15 L APAT pubblica le statistiche sull evoluzione del numero delle certificazioni ISO rilasciate in Italia sul sito 16 Gli alberghi e gli esercizi extra-alberghieri si trovano all interno del settore di accreditamento Alberghi, ristoranti, bar che comprende anche i servizi di ristorazione collettiva e gli stabilimenti balneari. Nella costruzione della tabella sono state escluse tutte le organizzazioni/aziende non riconducibili agli esercizi alberghieri ed extra-alberghieri. 12

15 Introduzione altre 64 realtà provinciali che si trovano all interno di tutte le regioni italiane. Relativamente alle strutture ricettive la ripartizione delle certificazioni non è omogenea sul territorio nazionale, dal momento che il 70% di esse si trova nella parte meridionale e insulare, mentre il restante 30% risulta quasi equamente ripartito tra il Centro ed il Nord Italia. In testa alla graduatoria si trova la provincia di Napoli dove si registrano 79 aziende del settore con certificazione ISO14001, situate prevalentemente nelle zone più turistiche quali Ischia, Capri e Sorrento. Il secondo posto ottenuto da Salerno (soprattutto grazie alla Costiera amalfitana) conferma la Campania quale leader a livello nazionale, in linea con quanto già rilevato nel 2005 quando questa regione era la prima in Italia, nel settore Alberghi, ristoranti e bar, con 40 organizzazioni certificate 17. Insieme allo Standard ISO l altra certificazione ambientale riconosciuta a livello europeo è il regolamento EMAS (Environmental Management and Audit Scheme) che è stato adottato dalla Commissione Europea nel La sua introduzione nasce con l obiettivo del miglioramento volontario delle prestazioni ambientali di un impresa industriale ed è stato sostituito nel 2001 con il regolamento n. 761, noto con il nome di EMAS II 19. Questa nuova versione ha apportato alcune novità tra cui le più importanti sono da un lato l allargamento della registrazione EMAS anche al settore dei servizi e dall altro l introduzione, all interno del regolamento, della procedura ISO per quanto riguarda il sistema di gestione ambientale 20. Secondo i dati della Direzione Generale Ambiente della Commissione UE, alla fine di maggio nel registro EMAS italiano risultavano inserite 810 organizzazioni; un dato che pone il nostro Paese al terzo posto tra quelli europei dietro la capolista Germania, con e la Spagna che conta 964 organizzazioni registrate 22. Si tratta di un risultato di grande rilievo se si considera che, soltanto cinque anni prima, l Italia compariva alle spalle anche di Austria, Danimarca e 17 Nel febbraio 2005 le prime tre regioni italiane con aziende certificate nel settore Alberghi, ristoranti e bar erano la Campania (40), il Veneto (31) e la Sicilia (26). Cfr. L. Andriola, S. Sonnino, A. Vizzani, La gestione ambientale delle strutture ricettive in E. Becheri et al. (a cura di), Rapporto sul turismo italiano. XIV^ edizione , Mercury, Firenze, In realtà in Italia la prima registrazione EMAS è avvenuta solo alla fine del 1997 a causa del ritardo nell approvazione delle procedure nazionali per il funzionamento dello schema rispetto agli altri Paesi europei. Cfr. P. Molinas, S. Ubaldini, M. Soraci, EMAS: dieci anni di applicazione in Italia, in Regioni e Ambiente, n. 1, 2008, disponibile al sito 19 Il regolamento EMAS II fa esplicito riferimento al coinvolgimento dei dipendenti nel miglioramento delle prestazioni ambientali dell organizzazione. Inoltre, nell Analisi Ambientale Iniziale si prevede anche per il personale occupato una descrizione dettagliata che indichi: tipologia e numero; presenza media e zone di provenienza; modalità di spostamento da e per la struttura turistica. 20 Una differenza importante che rimane tra lo Standard ISO ed il regolamento EMAS II consiste nella presenza in quest ultimo di una fase specifica denominata Dichiarazione Ambientale che rappresenta uno strumento divulgativo del SGA verso l esterno. 21 Disponibili al sito 22 P. Molinas, S. Ubaldini, M. Soraci, op. cit. 13

16 TURISMO, SOSTENIBILITÀ, OCCUPAZIONE Un'indagine esplorativa in provincia di Rimini Svezia, che nel periodo considerato hanno avuto una flessione nel numero di registrazioni. Il trend crescente rilevato a livello nazionale è il risultato di un incremento che ha interessato sia il settore privato che quello pubblico e sta continuando a ritmi decisamente sostenuti. Per dare un idea di questo andamento è sufficiente ricordare che al dicembre 2007 risultavano inserite nel registro nazionale 740 organizzazioni, il che significa un aumento di circa il 10 % (70 unità) nel volgere di soli cinque mesi. A quella data, secondo un indagine dell Agenzia italiana per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici (APAT), la distribuzione delle registrazioni EMAS, per tipo di attività economica, vedeva al primo posto l industria alimentare (106), seguita dal comparto energetico (77) e quindi dalle società di smaltimento rifiuti e dalle Pubbliche Amministrazioni appaiate con 73 registrazioni. In questa graduatoria il settore Alberghi e ristoranti si collocava nelle posizioni di coda, facendo registrare 21 aziende certificate, pari a circa il 3% del totale. A livello territoriale l adesione ad EMAS, non risultava distribuita in modo uniforme dal momento che il 53% delle registrazioni si concentrava nell Italia settentrionale, il 27% in quella centrale ed il restante 20% nella parte meridionale e nelle isole. Attraverso i dati pubblicati sul sito dell APAT è possibile ricostruire un quadro più aggiornato delle registrazioni EMAS, ripartito su base provinciale e relativo ai soli esercizi ricettivi. Tab. 2 Le strutture ricettive con registrazione EMAS nelle province italiane (Aprile 2008) Graduatoria delle province Alberghi Strutture extraalberghiere Totale italiane Grosseto Rovigo Siena Perugia Roma Verbania Ogliastra Matera Messina Pescara Livorno Ancona Venezia Totale Italia Fonte: sito APAT, elaborazione Centro Studi La tabella 2 mostra una graduatoria delle 13 province italiane nelle quali sono presenti strutture ricettive con registrazione EMAS e da essa si possono trarre alcune considerazioni. Innanzitutto, sebbene i numeri siano ancora inferiori rispetto ad altre aree di attività economica, anche il settore turistico è interessato da un andamento 14

17 Introduzione crescente nel numero delle adesioni. All interno di quest ultimo, diversamente dagli altri strumenti per la sostenibilità presi in considerazione, le registrazioni EMAS sono più diffuse tra le strutture extra-alberghiere, soprattutto i campeggi, rispetto agli alberghi. Se si considera il totale delle strutture ricettive la provincia di Grosseto presenta la quantità maggiore di aziende che hanno adottato questo sistema di gestione ambientale, mentre a Rovigo spetta il primato tra gli esercizi alberghieri. Infine, in questo specifico settore non emerge la stessa ripartizione territoriale rilevata sul totale delle registrazioni EMAS, dal momento che delle 13 province elencate soltanto due appartengono al Nord, mentre le restanti undici si trovano nel Centro, nel Sud e nelle isole. Oltre alle certificazioni un altro importante strumento per uno sviluppo sostenibile del turismo è rappresentato dai marchi di qualità ambientale, attraverso cui le imprese del settore ricevono un riconoscimento esterno al loro impegno per la sostenibilità 23. All interno dell Unione Europea è stato istituito un marchio ufficiale di qualità ecologica, l Ecolabel europeo, con lo scopo di segnalare ai consumatori dei Paesi membri i prodotti e i servizi che hanno minori impatti ambientali rispetto agli altri, in quanto rispettano i criteri ecologici stabiliti a livello comunitario. Tali criteri, in sintesi, hanno lo scopo di ridurre i consumi idrici ed energetici, limitare la produzione di rifiuti, favorire l uso di risorse rinnovabili e di sostanze che sono meno nocive per l ambiente, nonché promuovere l educazione ambientale 24. Dal 2003 la richiesta di assegnazione dell Ecolabel europeo può essere inoltrata anche per i servizi di ricettività turistica quali alberghi, pensioni, residence, affittacamere e campeggi. L APAT ha reso noto che nel mese di marzo 2008 l Italia ha raggiunto le 200 certificazioni Ecolabel, considerando insieme sia i prodotti che i servizi. Si tratta di un valore limitato in termini assoluti, ma che assume grande rilievo in chiave comparativa poichè pone il nostro Paese in una posizione di netto vantaggio rispetto a tutti gli altri partner europei. La Francia, che occupa il secondo posto nella graduatoria, presenta la metà delle licenze Ecolabel e le altre nazioni che seguono, vale a dire Danimarca, la Germania e la Spagna mostrano un divario ancora maggiore avendo rispettivamente 61, 43 e 31 marchi di qualità europea. In Italia, il gruppo di prodotti e servizi al cui interno si registrano più Ecolabel è quello dei servizi di ricettività turistica, che con 91 licenze rappresentano oltre il 45% 23 L unico ecolabel riconosciuto a livello mondiale è Green Globe 21 che ha una buona diffusione nei Paesi anglofoni, nelle Americhe, in Asia e Oceania, mentre è meno presente in Europa. Cfr. D. Weaver, op.cit. 24 Essi sono complessivamente 84, di cui 37 obbligatori e 47 opzionali. A ciascuno di questi ultimi viene assegnato un punteggio e la struttura turistica per ricevere il marchio di qualità deve raggiungere un risultato minimo. Cfr. Provincia di Rimini Assessorato al Turismo, L Ecolabel Europeo per il servizio di ricettività turistica. Linee guida per l applicazione e rassegna delle esperienze esistenti, in Manuali operativi per le imprese turistiche, n. 5, giugno

18 TURISMO, SOSTENIBILITÀ, OCCUPAZIONE Un'indagine esplorativa in provincia di Rimini del totale. Se ad esse si aggiungono i 9 servizi di campeggio che hanno ottenuto questo marchio di qualità, si arriva ad un contributo del comparto turistico pari alla metà di tutte le licenze esistenti in ambito nazionale. La tendenza alla crescita riscontrata negli ultimi anni, si conferma anche a distanza di pochi mesi, come si vede dalla tabella 3 che riporta i dati relativi agli esercizi alberghieri e ai campeggi aggiornati al giugno Tab. 3 Le strutture ricettive con Ecolabel Europeo nelle province italiane (Giugno 2008) Graduatoria delle province Alberghi Strutture extraalberghiere Totale italiane Trento Cuneo Torino Livorno Rimini Ravenna Nuoro Asti Grosseto Firenze Brindisi Vicenza Ogliastra La Spezia Catanzaro Bari Trapani Udine Pistoia Venezia Perugia Totale Italia Fonte: sito APAT, elaborazione Centro Studi Dalla tabella si osserva come il marchio di qualità ambientale europeo risulti più diffuso tra gli esercizi alberghieri (66 aziende) che non tra le altre strutture ricettive (43 aziende). Rispetto all insieme di prodotti e servizi, le licenze Ecolabel riconducibili al settore turistico appaiono ancora più squilibrate sotto il profilo territoriale. Le province settentrionali comprendono, infatti oltre l 83% di servizi alberghieri ed extra-alberghieri certificati, quelle dell Italia centrale il 10%, mentre il Sud e le isole confermano una quota vicina al 6%. Tale supremazia è in larga parte dovuta al risultato della provincia di Trento che si distingue nettamente dalle altre realtà italiane con le sue 65 licenze Ecolabel, suddivise in prevalenza tra hotel e campeggi. Infine, Rimini si pone al quinto posto 16

19 Introduzione della graduatoria nazionale e risulta, insieme a Ravenna, l unica provincia dell Emilia-Romagna ad avere strutture turistiche con questo marchio di qualità. Dopo aver descritto la situazione relativamente ad alcuni strumenti di politica ambientale riconosciuti a livello mondiale ed europeo, è possibile concludere questa breve panoramica con alcuni dati sul principale marchio di qualità ambientale nazionale: l Ecolabel di Legambiente Turismo. La principale associazione ambientalista in Italia ha introdotto nel 1997 l'etichetta ecologica "Consigliato per l'impegno in difesa dell'ambiente" che contraddistingue le strutture ricettive (hotel, camping, agriturismi, ostelli per la gioventù, residence, B&B) con una particolare sensibilità in materia di impatto ambientale e di promozione del territorio circostante. Un azienda turistica con questo marchio di qualità deve attivarsi sia per migliorare la propria gestione ambientale riducendo i consumi critici, sia per sensibilizzare i propri ospiti sull'obiettivo comune di salvaguardare la qualità dell'ambiente. Legambiente Turismo ha realizzato un proprio decalogo che si articola in più versioni secondo la particolarità del territorio (aree balneari, città d'arte, aree interne e di montagna, ecc.) e racchiude in pochi punti le azioni richieste alle strutture aderenti. Tra i principi guida c è innanzitutto l'uso razionale delle risorse naturali, il sostegno alla mobilità collettiva e leggera, la sicurezza degli alimenti. Inoltre, si intende promuovere l articolazione del settore turistico in strutture piccole e qualificate, nonché valorizzare la specificità del territorio attraverso la riscoperta del patrimonio culturale, artistico ed eno-gastronomico. Nell arco di un decennio l'etichetta ecologica "Consigliato per l'impegno in difesa dell'ambiente" si è progressivamente diffusa su tutto il territorio nazionale, coinvolgendo sia gli alberghi che gli esercizi extra-alberghieri. La tabella 4 presenta la ripartizione su base provinciale delle strutture ricettive che, nella primavera del 2008, aderivano al progetto di sostenibilità ambientale promosso da Legambiente Turismo. Un primo elemento da evidenziare riguarda la prevalenza degli esercizi alberghieri (168 aziende) rispetto alle altre strutture ricettive (131 aziende) tra coloro che hanno acquisito il marchio di qualità ecologica di Legambiente. Dal punto di vista della ripartizione territoriale il 52% degli aderenti si colloca nelle regioni settentrionali (di cui ben 114, pari a circa il 40% del totale, nella sola Emilia- Romagna); il 36% circa nell Italia centrale ed il 12% nella parte meridionale e insulare. 17

20 TURISMO, SOSTENIBILITÀ, OCCUPAZIONE Un'indagine esplorativa in provincia di Rimini Tab. 4 Le strutture ricettive Consigliate per l impegno in difesa dell ambiente nelle province italiane (Aprile 2008) Province Alberghi Strutture extraalberghiere Totale Rimini Altre province dell Emilia-Romagna Ferrara Forlì-Cesena Ravenna Bologna Modena Parma Graduatoria delle altre province italiane Livorno Rovigo Ancona Brescia Salerno Grosseto Ascoli Piceno Macerata Latina Giulianova Palermo Teramo Firenze Reggio Calabria Udine Lucca Venezia Perugia Arezzo Totale Italia Fonte: sito Legambiente, elaborazione Centro Studi All interno della graduatoria spicca il primato della provincia di Rimini, che con 58 aziende alberghiere aderenti al progetto di Legambiente si pone nettamente alla guida delle province italiane e rappresenta circa un quinto del totale nazionale. Gli esercizi in possesso di questo marchio di qualità ambientale sono ripartiti lungo tutte le principali località del distretto turistico riminese che va da Cattolica (2 alberghi) a Bellaria-Igea Marina (18 alberghi), passando per Riccione e Rimini (rispettivamente 18 e 20 alberghi). Da questa breve rassegna sulle certificazioni e gli ecolabel presenti nel nostro Paese è possibile trarre qualche riflessione conclusiva. Innanzitutto, in una comparazione a livello internazionale l Italia si colloca ai vertici per numero di 18

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI Forlì, 15 giugno 2009 Premessa Nel 1800 meno del 3% della popolazione mondiale viveva nelle città. Nel 1900 erano 150 milioni le persone

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia CLASSIFICA CAPOLUOGHI ECOSISTEMA URBANO XXI edizione Dei 26 parametri Ecosistema da quest anno ne prende in considerazione 18. Il set di indicatori è composto ora da tre indici sulla qualità dell aria

Dettagli

Legambiente - Ecosistema Urbano

Legambiente - Ecosistema Urbano Comune di Palermo Ufficio Statistica Statistica flash (29/10/2012) Legambiente - Ecosistema Urbano Il Sole 24 Ore ha pubblicato i risultati del 19 Rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano. La di Palermo,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti Pubblicati oggi i risultati della ricerca Ecosistema Urbano, promossa da Legambiente e Ambiente Italia, che ha indagato sulle diverse situazioni ambientali nelle città: trasporto pubblico, verde, riciclo,

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione La classifica finale classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione 1 Verbania 85,61% 36 Aosta 54,42% 71 Grosseto 45,88% 2 Belluno 74,49% 37 Bergamo 54,07% 72 Prato 45,51% 3 Bolzano 70,65% 38 Modena

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti L indagine

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

Le ricadute sul territorio dell organizzazione degli eventi sportivi. Gilda Antonelli

Le ricadute sul territorio dell organizzazione degli eventi sportivi. Gilda Antonelli Le ricadute sul territorio dell organizzazione degli eventi sportivi Gilda Antonelli Event management? E l applicazione della pratica manageriale del project management per la creazione, l organizzazione,

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone Introduzione La politica integrata dei prodotti (IPP), secondo quanto riportato nel Libro Verde della Commissione

Dettagli

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92)

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) (sostituito dal Regolamento 1980/2000) Art. 1.1 Il marchio ha l obiettivo di promuovere prodotti

Dettagli

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - MONOPOLI DI STATO Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe al 31.12.2002 schede da compilare

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

SISTEMA DI REPORTISTICA DEL QSN AVANZAMENTO FINANZIARIO PER ASSE

SISTEMA DI REPORTISTICA DEL QSN AVANZAMENTO FINANZIARIO PER ASSE AVANZAMENTO FINANZIARIO PER ASSE Programma : 2007IT161PO006 - Pon Ricerca e competitivita' - Riprogrammazione - 30 ottobre 2014 Decisione CE : C(2014) 9363 del 03/12/2014 Programmazione Dati Finanziari

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

LA TARIFFA SOCIALE NEL SERVIZIO IDRICO

LA TARIFFA SOCIALE NEL SERVIZIO IDRICO FEDERCONSUMATORI NAZIONALE C.R.E.E.F. - Centro Ricerche Economiche Educazione e Formazione LA TARIFFA SOCIALE NEL SERVIZIO IDRICO Mauro Zanini Federconsumatori Milano 13 Dicembre 2013 1 FEDERCONSUMATORI

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

Mobility Management. NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

Mobility Management. NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Pag. 2/6 1 LA FASE INFORMATIVA 1.1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Con l accezione Mobility Management si intende affermare un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda che sviluppa

Dettagli

I percorsi di viaggio

I percorsi di viaggio I percorsi di viaggio L Italia ed il turismo internazionale nel 2005 Venezia 11 Aprile 2006 Paolo Sergardi Pragma Carla Natali TNS Infratest CONTESTO DI RIFERIMENTO Il contesto di analisi è costituito

Dettagli

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015)

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015) A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E ) NEL IL COSTO MEDIO DELLA TARI E DI 296 EURO, CON UN AUMENTO DI 10 EURO

Dettagli

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Premessa L attuazione di uno schema di certificazione prevede, al fine della sua credibilità,

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing

I.C.S. Iniziativa Car Sharing I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il car sharing in Italia, l esperienza di ICS Genova, 27 ottobre 2010 Cosa è il Car Sharing Servizio di mobilità alternativa che produce benefici economici per l automobilista

Dettagli

Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia)

Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia) Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia) Introduzione: Quali indicatori per l attuazione della Strategia

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto Il Progetto Dalla qualità dei dati alla qualità dell informazione statistica Trieste Palazzo Comunale, Sala del Consiglio Comunale 25-26 settembre 2014 Oltre il PIL si inserisce nell ampio dibattito volto

Dettagli

Il ruolo dei verificatori ambientali

Il ruolo dei verificatori ambientali Il ruolo dei verificatori ambientali Certiquality Direttore Marketing Armando Romaniello 1 CERTIQUALITY SALUTE E SICUREZZA Certiquality è stata fondata quasi vent anni fa da Federchimica ed Assolombarda

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare Nello scenario peggiore tutti i prodotti immobiliari fruttano il doppio dei Btp a 10 anni (2%) In Italia l investimento in immobili è sempre più

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA Indaginedell Osservatorioperiodicosullafiscalitàlocale dellauilserviziopoliticheterritoriali IMU:IL17SETTEMBRELA2 RATADELLAPRIMACASA STANGATINAAUTUNNALEDA44EUROMEDICONPUNTEDI154EURO ADOGGI34CITTA CAPOLUOGOHANNOAUMENTATOL

Dettagli

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it Comune di Vinchio Provincia di Asti - Italia www.comune.vinchio.at.it La certificazione ambientale come opportunità di sviluppo: l esempio del Comune di Vinchio Vinchio, 1 dicembre 07 - Andrea Laiolo,

Dettagli

SCHEDA IMPRESA. SEDI SECONDARIE E ALTRI SITI PRODUTTIVI (segnalare anche eventuali localizzazioni fuori dal territorio nazionale)

SCHEDA IMPRESA. SEDI SECONDARIE E ALTRI SITI PRODUTTIVI (segnalare anche eventuali localizzazioni fuori dal territorio nazionale) SCHEDA IMPRESA DENOMINAZIONE IMPRESA (INDICANDO ANCHE LA FORMA GIURIDICA SPA, SRL,COOP, ETC..) SETTORE DI ATTIVITA ECONOMICA PRINCIPALE (ATECO) A: Agricoltura B: Pesca C: Industria mineraria D: Manifatturiero

Dettagli

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari La sperimentazione e lo sviluppo di percorsi di pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari che partecipano al Progetto interregionale transnazionale

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana -

Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana - Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana - SICUREZZA STRADALE Politiche ed esperienze europee a confronto Bari, 11 luglio 2008 www.progettomost.org SINTESI DEL PROGETTO MO.S.T. www.progettomost.org

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

Lorenzo Bertuccio LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: INDAGINE SULLE PRINCIPALI 50 CITTA. Edizione 2012. Con il patrocinio di. Con il contributo di

Lorenzo Bertuccio LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: INDAGINE SULLE PRINCIPALI 50 CITTA. Edizione 2012. Con il patrocinio di. Con il contributo di LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti L indagine

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani 28 dicembre 2010 LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA LITOS Progetti srl Ing. Piero Lo Duca SPES Consulting

Dettagli

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Complementari 51828 Agrigento/Caltanissetta Totale Alberghiere 286547 Agrigento/Caltanissetta/Enna Totale Complementari 13157 Totale Alberghiere 339585 Alessandria

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali 10 gennaio 2014 Anni 2004-2011 LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI Nel 2011 l ammontare della spesa ambientale delle amministrazioni regionali italiane è pari a 4.094 milioni di euro, con

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI

Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI 1 Se g 1 è il peso proprio (carico permanente strutturale) e g 2 il carico permanente non strutturale e q il carico variabile, il carico sulla struttura si calcola:

Dettagli

PRINCIPALI NORME DI PREVENZIONE INCENDI SUGLI ALBERGHI IN ITALIA LEGGI E DECRETI

PRINCIPALI NORME DI PREVENZIONE INCENDI SUGLI ALBERGHI IN ITALIA LEGGI E DECRETI Aggiornamento dello Studio sugli Incendi negli Alberghi in Italia e raffronto con la Gran Bretagna (U.K.) (199 28) DIREZIONE CENTRALE PREVENZIONE e SICUREZZA TECNICA A cura del Dirigente Superiore l Ing.

Dettagli

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Smart City Exhibition, Bologna 16 18 ottobre 2013 Quando il Bes approda sul territorio diventa urbes Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Alessandra Ferrara, Istat Alberto Fiorillo,

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli