Volontariato. il linguaggio del dono. confini. senza. Åna Termar NOTIZIARIO DELLA CROCE ROSSA DEGLI ALTIPIANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Volontariato. il linguaggio del dono. confini. senza. Åna Termar NOTIZIARIO DELLA CROCE ROSSA DEGLI ALTIPIANI"

Transcript

1 senza confini Åna Termar NOTIZIARIO DELLA CROCE ROSSA DEGLI ALTIPIANI n. 15 novembre 2008 Per questo ci conviene, come l aria all aquilone e le ali all aquila, annunciare al mondo il gratuito, noi che sappiamo di non aver nulla che non ci sia stato donato Volontariato il linguaggio del dono

2 Anno 2, Numero 15 novembre 2008 senza confini Åna Termar NOTIZIARIO DELLA CROCE ROSSA DEGLI ALTIPIANI n. 15 novembre 2008 Per questo ci conviene, come l aria all aquilone e le ali all aquila, annunciare al mondo il gratuito, noi che sappiamo di non aver nulla che non ci sia stato donato Volontariato il linguaggio del dono redazione Erica Basso Luisa Cortese Giuliano Mittempergher Fiorenzo Nicolussi Elena Plotegher Silvana Rella sommario EDITORIALE AAA Volontari cercasi p. 3 LEGGI Pacchetto sicurezza: quello che è utile sapere p. 5 UN LIBRO AL MESE La casta bianca p. 7 TESTIMONIANZA La conclusione delle nostre interviste p. 8 sull immigrazione Il mondo delle badanti p. 10 Ultimissime dal Nazionale p. 12 dal Trentino p. 13 dagli Altipiani p. 14 sede redazione Folgaria Via Papa Giovanni XXIII, 2 Publistampa Arti grafiche - novembre 2008 carta ecologica con cellulosa proveniente da foreste amministrate, sbiancata senza uso di cloro Volontariato è preparazione costante: i nuovi allievi dell'ultimo corso si stanno esercitando

3 EDITORIALE 3 AAA Volontari cercasi di Giuliano Mittempergher Alcune settimane fa su un settimanale a diffusione provinciale ho letto un annuncio che mi ha incuriosito: AAA cercasi volontari per associazione umanitaria. Era la prima volta che leggevo un annuncio di questo tipo. Allora è proprio vero, il volontariato è in crisi. E nemmeno il Trentino, terra di volontari, non si può chiamare fuori. E non ci consola il fatto che non è solo un problema di Croce Rossa o dei paesi montani. È una crisi vocazionale che ha radici più profonde e che semmai da noi, vista la scarsità di popolazione giovane e l emigrazione verso il fondo valle, si acuisce ancora di più. Le adesioni al secondo step del corso per volontari non superano le quindici unità su tutti e tre i comuni degli Altipiani. Alla fine la speranza è che rimangano tutti, la realtà è che molti se ne andranno. Inoltre, per i tanti motivi che la vita ci pone davanti, anche qualche volontario veterano se ne va e non sempre si riesce a sostituirlo con nuovi ingressi. Non abbiamo dati certi a livello di Altipiani sulla situazione del volontariato. Certo che le facce che si vedono sono sempre le stesse, spesso in più associazioni, l età avanza e il futuro non si presenta roseo. Sperare che il problema si possa risolvere con accorati e ripetuti appelli, coinvolgendo parroci e sindaci, è illusorio. La crisi del volontariato, a detta di molti sociologi, nasce innanzitutto dalla società nella quale viviamo, dalla cultura e dallo stile di vita della popolazione, dal valore che ognuno di noi dà al proprio tempo; e infine dagli ideali e dalle motivazioni che ispirano le nostre azioni. È evidente che se i mass media ci spingono verso uno stile di vita dove i valori sono solo la possibilità di spendere, di apparire, diventa difficile pensare che ci sia posto anche per accorgerci di chi sta ai margini, di chi non ha le nostre possibilità, o di ha bisogni primari non soddisfatti, come l assistenza sanitaria, cui non sempre può sopperire l ente pubblico. Tutto diventa un diritto. Siccome paghiamo le tasse lo Stato deve darci tutti i servizi. In uno degli ultimi numeri, il periodico Focus, con un articolo dal titolo Volontariato la grande fuga, analizza questo fenomeno che riguarda tutte le società occidentali. Secondo l autore, in Italia sono due milioni circa i volontari in meno registrati negli ultimi anni, ma soprattutto, ed è questo il dato preoccupante, il calo si registra tra i giovani. Per di più, anche chi resta dedica meno tempo. Sempre secondo l articolista, a fronte di un calo del 15% di volontari si registra un aumento del 20% degli egoisti dichiarati, di quelle persone cioè che tranquillamente dichiarano di non avere tempo per gli altri, che la vita è loro e che vogliono viverla senza preoccuparsi delle sfighe altrui. E il problema non è soltanto etico. Il punto è che il terzo settore, il cosiddetto mondo del non profit, fattura circa 40 miliardi di euro l anno. Cosa vuol dire, allora, avere due milioni in meno di braccia, gambe, occhi che gratuitamente guidano ambulanze, trasportano carrozzine, puliscono boschi, distribuiscono pasti, si occupano dei sette milioni circa di utenti delle organizzazioni di volontariato? Da un indagine del settimanale Vita, specializzato in temi sociali, è emerso che da tre anni in Italia si assiste a un depauperamento del numero dei volontari, soprattutto nella fascia di età tra i 15 e i 24 anni. A confermarlo ci sono i dati. L ultima indagine nazionale è stata condotta da Astra Ricerche. Il sociologo Enrico Finzi, che ha coordinato il lavoro, chiarisce il metodo: «Siamo partiti da una definizione precisa di volontariato: cioè l impegno personale non retribuito a favore di soggetti bisognosi o di buone cause, esclusi i dipendenti del terzo settore che percepiscono un reddito ed escluse le donazioni. A quel punto abbiamo chiesto a un campione rappresentativo come sono cambiati i comportamenti dall aprile del 2006 all aprile del I risultati non incoraggiano». Oggi, stando al sondaggio, i volontari sono , ma nel 2006 erano in più. Al calo generalizzato del 15%, va aggiunto il calo di intensità: «Rispetto al passato, dedico meno tempo» ha risposto il 19% di chi si è sempre impegnato. Diminuiscono giovani e adulti, crescono gli anziani (+11%): il paradosso è che i 60-75enni che prestano aiuto sono più numerosi dei coetanei che lo ricevono. E sono diventate più egoiste le città con più di abitanti, dove la rinuncia al volontariato segna -20%. Perché si fa meno? Per logoramento (7%), per difficoltà economiche (15%), per problemi di lavoro o familiari (8%), per sfiducia e delusione dopo i grandi scandali (13%). «Quel che colpisce è il 9% che ammette di non volersi impegnare per egoismo: con candore e faccia tosta ammettono: penso solo ai fatti miei. E anche quanti rispondono che non hanno tempo (19%) nascondono spesso una scusa» prosegue Finzi. In questa indagine il Trentino ci fa ancora una bella figura. I volontari intensi infatti (media nazionale 22%) sono concentrati in Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia (25%). I grandi egoisti sono più presenti in Lazio, Abruzzo, Molise e Sardegna (42%, mentre la media nazionale è

4 4 EDITORIALE del 36%). Eppure una bella eccezione viene proprio da Roma, dove è radicata la Comunità di Sant Egidio. Ai suoi pranzi di Natale, tra il personale che serviva ai poveri, fino a poco tempo fa si potevano trovare tipi come Jim Nicholson, ministro dei Veteran s Affairs nell amministrazione Bush (all epoca ambasciatore Usa presso la Santa Sede) o la giornalista Lucia Annunziata. Parla per tutti Paolo Ciani, volontario della Comunità: «Sant Egidio è ancora una realtà di volontariato puro, dove la gratuità è centrale. Siamo presenti in settanta paesi con volontari, qui in Italia. Il calo? Non so se chiamarlo così. È cambiato l approccio. Prima sembrava normale dedicare tempo agli altri. Adesso manca questa naturalezza». Meno giovani. Anche la Caritas, che per missione forma i volontari, ha notato la flessione. «Il volontariato cattolico conta oltre duecentomila persone, metà delle quali vengono dalle parrocchie: operano con gli anziani, nelle comunità terapeutiche, con gli immigrati, i detenuti, i malati di mente...» osserva monsignor Vittorio Nozza, direttore di Caritas Italiana. «La flessione c è e riguarda soprattutto i ragazzi. Noi la leghiamo a due fattori: precarietà e mobilità. Chi rincorre lavori saltuari non può disporre del tempo libero come vorrebbe. E poi c è la mobilità: il dover cambiare città all improvviso per lavoro non ti aiuta ad impegnarti». Monsignor Nozza lamenta anche scarsi investimenti nel servizio civile da parte dello Stato. «Arrivano molte più domande di quante se ne riescano ad accogliere. Alla Caritas Italiana e a quella diocesana sono stati assegnati quest anno 1578 posti, 78 dei quali all estero. Bisognerebbe creare molte più opportunità». Tra gli italiani stanno crescendo tre convinzioni: credono che dei malati, poveri ed emarginati debbano occuparsi le istituzioni (aumento dal 42 al 50,3%); che pagando le tasse già assolvono al loro compito con gli ultimi (dal 26 al 34%) e che ci sono già tante organizzazioni impegnate in questo (dal 17 al 27%). Anche in Croce Rossa non si sta meglio. Parlando con i molti volontari esterni che transitano da Folgaria si sentono grandi numeri sulla carta, ma pochi e in calo i numeri dei volontari attivi. E anche la disponibilità a uscire dalla propria sede per fare esperienze di volontariato in altri gruppi è in forte calo. E in Trentino? A parte la nascita della Sezione femminile di Folgaria, fatto molto positivo riconosciuto a livello provinciale, sono anni che non nascono nuovi gruppi. Ma soprattutto alcuni dei gruppi storici hanno fortemente ridimensionato il loro impegno nel servizio 118. Per non parlare poi delle altre componenti dove la stagnazione è completa. Anche nella nostra provincia l età media è aumentata: segno che entrano più anziani che giovani. Che dire di tutto ciò? Sicuramente non saremo noi degli Altipiani a invertire questa tendenza. Come si è visto, è legata a fattori sociali trasver- sali a tutti i settori e presente più o meno accentuata in tutta Italia. Ricette infallibili non ce ne sono. Limitare l erosione è possibile partendo dalle ragioni per le quali siamo nati nelle nostre comunità. È illusorio pensare che la nostra presenza possa essere sostituita dall ente pubblico per il semplice fatto che, pagando le tasse, deve corrisponderci questo servizio. Se non ci fossimo, il servizio sarebbe sicuramente garantito perché è un obbligo di legge; ma la qualità, le disponibilità, l organizzazione attuale dobbiamo scordarcela. Inoltre, partendo dai nostri sette principi, che pongono al centro la persona, possiamo ritrovare le ragioni e le motivazioni della nostra presenza. E non solo come necessità e bisogno. Ma come risposta coerente ad alcune derive culturali che purtroppo anche sugli Altipiani cimbri sono presenti. E per questo serve ripensare anche alla nostra presenza che non sia solo legata al soccorso sanitario. Serve un nuovo approccio culturale al bisogno, servono percorsi nuovi, forse una lettura diversa anche della nostra società. Dobbiamo essere più presenti nel dibattito sociale. Deve emergere che l attuale livello dei servizi non è automaticamente garantito; occorre, magari in sinergia con le altre associazioni di volontariato presenti nelle nostre comunità, far capire ai giovani che impegnarsi per gli altri non è tempo sprecato. Che far volontariato è scuola di vita. E su questo, a partire dalla scuola, dalle istituzioni, ma anche da noi, l impegno deve essere continuo e costante. Noi siamo i primi testimoni della nostra missione. Da noi dipende molto la capacità di convincere, coinvolgere, conquistare. Far apparire bello quello che facciamo. Trasmettere la ricchezza che riceviamo quando aiutiamo qualcuno. È questo il messaggio. È questo che possiamo fare e che dobbiamo fare.

5 LEGGI 5 Pacchetto sicurezza: quello che è utile sapere Novità legislative. Il recente Decreto legge n. 92, convertito in Legge n. 125/2008, emanato col fine di «contrastare fenomeni di illegalità diffusa collegati all immigrazione illegale e alla criminalità organizzata», ha introdotto, fra le altre, anche modifiche agli artt. 186 e 187 del Codice della Strada in materia di guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l effetto di sostanze stupefacenti. Le novità introdotte dal decreto oltre che il nostro ruolo di cittadini interessano anche il nostro sapere di volontari. Il cosiddetto pacchetto sicurezza, approvato definitivamente dal Parlamento ed entrato in vigore il 25 luglio scorso, introduce molte novità normative. In sintesi esse riguardano: espulsioni più rapide per i clandestini; inasprimento delle pene per il trasgressore dell ordine di espulsione; maggiori poteri ai sindaci nelle funzioni di ufficiali di governo; militari con poteri di polizia nelle città; maggiore collaborazione tra polizia municipale e polizia di Stato; introduzione della clandestinità come circostanza aggravante dei reati; pene detentive più gravi per falsa attestazione di identità a un pubblico ufficiale; pena detentiva e confisca dell immobile a chi lo concede in uso a uno straniero clandestino; inasprimento della pena detentiva per i reati di lesioni colpose e omicidio colposo quando sono commessi con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale da soggetti in stato di ebbrezza o sotto l effetto di sostanze stupefacenti; modifiche agli artt. 186 e 187 del Codice della Strada in materia di guida in stato di ebbrezza alcolica e sotto l effetto di sostanze stupefacenti. Su qualcuno di tali argomenti si avrà modo di disquisire in prossime occasioni. Ora, ci limitiamo a esaminare quanto deciso circa la guida in stato di ebbrezza o sotto l effetto di sostanze stupefacenti. Il legislatore in questa materia si è dimostrato sensibile, e ha cercato di porvi rimedio, a recenti tristi e ripetuti fatti di cronaca che hanno visto come protagonisti conducenti ubriachi. Veri e propri pirati della strada, resisi responsabili di investimenti e uccisione di pedoni o altri utenti della strada, spesso cercando poi di far perdere le proprie tracce e omettendo il soccorso alle persone investite. In questo caso lo stato di ebbrezza diviene una aggravante e le relative sanzioni subiscono un pesante inasprimento. In buona sostanza, si è voluto dare ai conducenti un ulteriore segnale sulla necessità di non

6 6 LEGGI mettersi alla guida quando si è sotto l influenza di sostanze alcoliche o stupefacenti. Le modifiche che riguardano gli artt. 186 e 187 del Codice della Strada consistono principalmente nella: individuazione di tre diversi gradi di gravità del reato in relazione all entità del tasso alcolemico riscontrato, con previsione quindi di sanzioni progressivamente più pesanti; confisca del veicolo (salvo che appartenga a persona estranea al reato); inasprimento delle sanzioni penali e amministrative, come indicato nella tabella riportata sotto. art. 186 Comma 2, lettera a) Guidare veicoli con tasso alcolemico nel sangue compreso fra 0,51 e 0,80 g/l Ammenda da euro 500 a euro 2000 Sospensione della patente di guida da 3 a 6 mesi. Decurtazione di 10 punti dalla patente Comma 2, lettera b) Guidare veicoli con tasso alcolemico nel sangue compreso fra 0,81 e 1,50 g/l - Ammenda da euro 800 a euro Arresto fino a 6 mesi Sospensione della patente da 6 a 12 mesi. Decurtazione di 10 punti dalla patente. Svolgimento di attività sociale fino a 6 mesi Comma 2, lettera c) Guidare veicoli con un tasso alcolemico nel sangue superiore a 1,50 g/l - Ammenda da 1500 a 6000 euro - Arresto da 3 mesi a 1 anno Sospensione della patente da 1 a 2 anni. Decurtazione di 10 punti dalla patente. Confisca del veicolo Nel caso di cui al comma 2 lettera c) dell art. 186, la patente è sempre revocata quando il fatto è commesso dal conducente di un autobus, di un veicolo di massa superiore a 35 quintali, di un veicolo con rimorchio, o nel caso di recidiva nel biennio. Il provvedimento di confisca del mezzo è disposto dall autorità giudiziaria, ma gli agenti provvedono subito al sequestro, dopo aver accertato il tasso superiore a 1,50 g/l, togliendone la disponibilità al proprietario. Se il conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente, tutte le pene di cui al comma 2 sono raddoppiate ed è introdotto il fermo amministrativo del veicolo per 90 giorni nelle fattispecie delle lettere a) e b). Quando il conducente rifiuti di sottoporsi agli accertamenti alcolometrici, si applicano comunque le sanzioni di cui al comma 2 lettera c). Circa l art. 187, guida in stato di alterazione psicofisica per uso di sostanze stupefacenti, si applicano le stesse sanzioni di cui al comma 2 lettera c) dell art Idem nel caso di rifiuto di farsi accompagnare presso una struttura sanitaria per sottoporsi agli esami biologici e agli accertamenti medici. Tutte le sanzioni sopraindicate, anche quelle accessorie e di tipo amministrativo, essendo connesse con reati sono determinate e applicate sempre dall autorità giudiziaria (tribunale monocratico).

7 UN LIBRO AL MESE 7 La casta bianca di Paolo Cornaglia Ferraris Mondadori, Milano 2008, 16,00 Paolo Cornaglia Ferraris, pediatra genovese già autore dieci anni fa di Camici e pigiami, in cui aveva messo a nudo il sistema che stava corrompendo (con la complicità dei medici) la sanità italiana, con questo nuovo libro torna a denunciare quello che accade tra le corsie degli ospedali e negli ambulatori delle Asl, ma anche nelle segreterie dei partiti e nelle anticamere dei ministeri, dove per l appunto, regna la casta bianca. L inchiesta parte dalle truffe sui ricoveri (la cui durata non sarebbe decisa in base alle esigenze del malato, ma sulla base dei rimborsi delle regioni), svela i meccanismi di corruzione dell industria farmaceutica, per arrivare alla vera e propria parentopoli che governa la facoltà di Medicina e i policlinici universitari. Uno dei capitoli più interessanti del libro è dedicato al sofisticato meccanismo del fare denaro rubando soldi pubblici. Al centro di tutto ci sono i rimborsi dei ricoveri e delle prestazioni che gli ospedali o le strutture convenzionate ottengono dalle Asl. È sufficiente falsificarne il numero o moltiplicarne la quantità, indipendentemente dalle reali esigenze del paziente, per ottenere quantità di denaro a volte incredibili. Le truffe sono note, ma non sembrano diminuire. Spiega Cornaglia Ferraris: «Le tariffe sono diverse a seconda del tipo di ricovero. Quelli con dimissione in giornata o con una sola notte valgono poco. Quelli con due o più notti valgono di più. Dopo un certo numero di giorni, che si chiama valore soglia, scatta un aumento giornaliero che non conviene quasi mai. Ecco svelate le ragioni per cui spesso, dopo dieci giorni, vi buttano fuori, oppure vi dimettono e vi ricoverano il giorno dopo, un altra volta». Un altro capitolo interessante riguarda la prescrizione di farmaci, che molto spesso il medico somministra seguendo logiche tutte sue (regali, premi, tangenti), invece che il reale bisogno del malato. È stato stabilito che il 60% degli antibiotici viene assunto senza che ve ne sia un reale bisogno. Che siano le case farmaceutiche a dettare la necessità di certe prescrizioni è dimostrato dal fatto che l investimento più importante di Big Pharma (il cartello delle multinazionali produttrici di farmaci) non è dedicato alla ricerca e allo sviluppo di nuove molecole, bensì in marketing e amministrazione. Una ricerca condotta in Italia ha valutato, con risultati sorprendenti «le prescrizioni di alcuni farmaci prima e dopo che un certo numero di medici era stato invitato a convegni in alberghi lussuosi». Un capitolo a parte è quello della pubblicità che spinge all assunzione di farmaci inutili, della ricerca sponsorizzata e del lucrosissimo mercato dei brevetti. Se poi pensiamo che i soldi della sanità vogliono dire appalti, carriere nelle aziende ospedaliere, cattedre universitarie, che si tramandano di padre in figlio con concorsi truccati, il povero malato si sente del tutto impotente, in balia com è di poteri e meccanismi che non conosce e non controlla. Ma Cornaglia Ferraris aggiunge: «Questo non vuol dire che non ci siano aree sane, professionisti eccellenti, eppure noi oggi rischiamo di perdere un sistema sanitario pubblico buono come quello che ci siamo conquistati negli ultimi quarant anni. L allarme è forte, bisogna che la gente se ne renda conto».

8 8 TESTIMONIANZA La conclusione delle nostre interviste sull immigrazione di Giuliano Mittempergher Negli scorsi numeri del nostro notiziario abbiamo cercato di indagare sul fenomeno immigrazione sui nostri Altipiani; nelle interviste fatte, dai numeri che gli uffici anagrafici dei tre Comuni ci hanno fornito è risultato evidente che il fenomeno immigratorio è molto contenuto e riguarda soprattutto il settore dei servizi agli anziani, il settore turistico e in misura minore l edilizia. Proprio perché il fenomeno è contenuto, le persone hanno avuto modo di inserirsi gradualmente nel tessuto sociale ed economico, hanno quasi tutti un lavoro, una situazione abitativa normale, un rapporto corretto con la popolazione. Alcuni sono ormai presenti a Folgaria da decenni, altri meno. In questi anni, molti hanno fatto arrivare dal proprio paese la famiglia, i figli; alcuni hanno trovato da noi l amore, si sono sposati e si sono integrati nelle comunità. Non si sono registrati in quest ultimo decennio episodi di violenza, di vandalismo, furti e rapine che in qualche modo possano essere fatti risalire alla presenza di extracomunitari, segno che lo stereotipo dell extracomunitario potenzialmente delinquente è sbagliato e fuorviante. Quello che i mass media giornalmente ci trasmettono è un quadro che contrasta con la nostra realtà degli Altipiani; a sentire le notizie che radio e tv ci propinano, in Italia un reato su due è opera di extracomunitari. Episodi di violenza efferata opera di extracomunitari che trovano grande eco sulla stampa contribuiscono a creare tra noi la paura del diverso, ci inducono a pensare che in fondo in fondo ogni straniero prima o poi ci farà del male. E dimentichiamo i nostri nonni emigranti, la badante che ci aiuta nell accudire nostra mamma, il cameriere del nostro ristorante preferito che ha la pelle nera; dimentichiamo tutti coloro che tutti i giorni si guadagnano il pane onestamente, pagano le tasse, mandano i loro figli nelle nostre scuole; piangono, ridono, soffrono per le cose della vita come tutti noi. Dimentichiamo che le lacrime hanno per tutti lo stesso sapore, e quando si piange lontani da casa si è più soli e il pianto è più disperato. Come Croce Rossa siamo chiamati a guardare oltre, a leggere tra le righe, a non limitarci ad accettare supinamente il pensare comune; sappiamo che ogni uomo è unico, che la cultura, il paese di appartenenza, la lingua, il colore della pelle non possono fare la differenza; semmai vanno giudicati i comportamenti dei singoli, il rispetto delle leggi del paese che li ospita, la loro capacità di integrarsi, il modo corretto o no di rapportarsi con la comunità che li ha accolti. Tutto il resto ha il sapore triste della differenza, velata di razzismo, quel sapore che ci spinge a difendere i nostri privilegi, che tende a giudicare per sentito dire piuttosto che per aver verificato direttamente il problema. La collaborazione che la Croce Rossa Italiana ha assicurato al governo per il censimento dei bimbi romeni è, a mio parere, una pagina nera e vergognosa della storia di questa associazione, che stride con i nostri sette principi: parole come neutralità, indipendenza, universalità, sono state tranquillamente calpestate per acconsentire a un operazione che lo Stato, se avesse voluto, doveva organizzare con le proprie forze senza coinvolgere un associazione che per statuto e per convenzione internazionale deve essere al di sopra delle parti. Al di là dei facili moralismi, sappiamo che la strada della convivenza è ancora tutta in salita, ma sappiamo altresì che è una strada obbligata. Degli immigrati la nostra economia ha bisogno. Per fare tutti quei lavori che noi e i nostri figli non vogliamo più fare, perché sono lavori umilianti, degradanti; eppure fino a pochi anni fa questi lavori erano i nostri padri e i nostri nonni a farli; sono stati quei lavori che hanno permesso il nostro attuale vivere agiato. Ci siamo dimenticati che ogni lavoro onesto ha pari dignità. Che il lavoro prima di essere fonte di reddito è dignità. Dobbiamo abituarci alla presenza di extracomunitari nella nostra società, dobbiamo capire che gli immigrati non sono gli altri, i diversi, ma cittadini che nel rispetto delle leggi contribuiscono con il loro lavoro, la loro cultura, la loro presenza allo sviluppo di una società nuova. Quanto sta avvenendo in Italia è stato in precedenza sperimentato da molti altri paesi europei e d oltre oceano, in diversi dei quali gli italiani stessi sono stati immigrati. L immigrazione può apportare notevoli potenzialità allo sviluppo locale (pensiamo solo al lavoro stagionale nel settore turistico dei nostri Altipiani), ma richiede attenzione e accoglienza, in un quadro certo di diritti e doveri. Quello che di recente è successo negli Stati Uniti con l elezione di un presidente di colore, inimmaginabile solo fino a pochi

9 TESTIMONIANZA 9 anni fa, ci deve far riflettere sul nostro futuro, sulle potenzialità che ogni uomo ha, sul come luoghi comuni radicati possono cambiare. Vedere il più grande paese del mondo, quel paese in cui la schiavitù è stata legale fino al 1865, eleggere come proprio presidente, vale a dire l uomo più potente del mondo, un americano che non appartiene alla élite bianca e protestante deve aiutarci a capire le grandi trasformazioni culturali, sociali, economiche che il nostro mondo sta vivendo. Vivere queste trasformazioni epocali con spirito positivo, promovendo occasioni di confronto, tolleranza, comprensione è compito di tutti, soprattutto di chi milita in un associazione come la nostra che ha fatto della dignità dell uomo, del valore assoluto della vita la propria bandiera. Cogliendo l occasione della presentazione ufficiale del dossier statistico 2008 da parte della Caritas nazionale sul fenomeno immigrazione in Italia, possiamo capire molte cose e in parte cambiare la nostra percezione del problema. Secondo questo rapporto, il numero di immigrati regolari residenti in Italia sono circa 3 milioni e mezzo, con una presenza del 62% al nord, del 25% al centro e del rimanente al sud e nelle isole. Le regioni con il maggior numero di immigrati stranieri sono la Lombardia e il Lazio. Le previsioni future vedono un aumento della presenza di stranieri in Italia a fronte di nuove richieste di manodopera, soprattutto di bassa manovalanza. Secondo le previsioni, nel 2051 gli stranieri in Italia oscilleranno attorno ai 10 milioni circa, con un incidenza pari al 14-16% della popolazione residente. È il livello di stranieri presente oggi in alcuni paesi a forte immigrazione come il Canada, l Australia e la Svizzera. Questo non ci deve far preoccupare su una possibile estinzione della razza italiana nei prossimi anni. D altronde i dati parlano chiaro: oggi gli ultrasessantacinquenni in Italia superano i 12 milioni, nel 2050 saranno 22 milioni, vale a dire un cittadino su tre. Una proporzione che deve indurci a ragionare. E quindi a capire che in futuro avremo ancora più bisogno di immigrati. Ma questo sarà una opportunità non una condanna. Perché saranno giovani, lavoreranno e aiuteranno a tenere in piedi il sistema produttivo e a pagare le pensioni dei molti anziani previsti. Non è fantascienza. Sono semplici numeri e proiezioni statistiche. Serve allora una politica aperta e realistica, chiamata a rapportarsi, su più fronti, con questa presenza indispensabile per ragioni demografiche e lavorative. La politica migratoria non si esaurisce in provvedimenti sulla sicurezza, con presidi di polizia e con leggi speciali. Immigrazione non è sinonimo di delinquenza. Le leggi ci sono e chi viene in Italia per delinquere va perseguito senza sconti né indulgenza. Sempre nell indagine della Caritas leggiamo che gli immigrati che giungono nel nostro paese sono decisi a rimanervi, e sempre di più in maniera stabile. Se si analizzano in maniera approfondita i dati si coglie, per esempio, che gli immigrati regolari (quelli che hanno lavoro, casa ecc.) di solito non hanno pendenze con la giustizia e il loro tasso di criminalità è uguale a quello degli italiani. Si tratta di circa 4 milioni di persone che, da una parte sono i primi a concordare con le misure necessarie per garantire l ordine pubblico e la convivenza civile, e, dall altra, sostengono che serve un piano integrazione che permetta a tutti di affrontare questo tema in modo corretto e con comportamenti coerenti. D altronde non possiamo aver bisogno dell immigrazione per far andare avanti i servizi di tutti i giorni e non volere gli immigrati. Non basta considerarli lavoratori nelle fabbriche, negli alberghi, nelle famiglie, bisogna ritenerli partner accettati nella quotidianità delle nostre città e in ogni contesto di vita, anche dopo il loro orario di lavoro. I provvedimenti da adottare sono semplici, indispensabili per favorire una convivenza civile: casa per chi ha lavoro, regolamentazione degli ingressi affinché le nuove presenze siano gestite da un punto di vista normativo e demografico, stabilire sostegni adeguati ai processi di integrazione (nella scuola, negli uffici pubblici, nelle diverse attività sociali), offrendo spazi di partecipazione democratica affinché la loro vita abbia una dignità pari alla nostra. Molti italiani pensano che integrazione significhi che gli immigrati devono limitarsi ad accettare le nostre abitudini, convenienze, culture. Convivenza significa invece sforzo comune per incontrarsi su un terreno nuovo dove l apporto dell altro è considerato un valore, dove i passi avanti vengono fatti insieme. Abbiamo un patrimonio comune con tutti gli uomini della terra: dal colore del sangue al sapore delle lacrime, dall amore per i figli alla sofferenza per la morte; non possiamo fermarci per il colore della pelle o perché la nostra lingua è diversa. Il futuro che incombe non ce lo permette. Come ultimo contributo alla nostra indagine, vi presentiamo la storia di tre badanti che vivono in una grande città: Milano.

10 10 TESTIMONIANZA Il mondo delle badanti Entro in contatto con il mondo delle badanti nel Fino ad allora la mia esperienza si era limitata ad articoli di giornale, dibattiti sull immigrazione, senza il diretto coinvolgimento nella vita di quelle donne che avevano lasciato la propria famiglia e il proprio paese per cercare un lavoro e un futuro migliore nel nostro. Poi, all inizio del 2007, i miei suoceri quasi novantenni, e sino a quel momento autosufficienti, cominciano ad aver bisogno di un aiuto, dapprima sporadico, poi con il passar dei mesi sempre più continuativo: ecco che la presenza della badante diventa una costante indispensabile nelle nostre vite. Il contatto diretto con le tre donne moldave che da quasi due anni sono entrate a fare parte della nostra famiglia mi ha fornito uno spaccato della vita, dei problemi, delle difficoltà, e spesso delle vessazioni con cui queste immigrate, cui affidiamo la cura e l assistenza dei nostri figli e dei nostri anziani, devono fare i conti ogni giorno. E in una grande città come Milano, dove vivo, tutto è reso più difficile dalle distanze, dal peso di una burocrazia kafkiana e inefficiente, dai controlli, a volte arroganti a volte paradossali, da parte delle forze dell ordine e non ultimo da una latente xenofobia. Tre donne, tre storie, diverse eppure simili nella loro quotidiana lotta per una vita migliore. Tre donne arrivate in Italia dalla stessa cittadina della provincia moldava, con le medesime convinzioni religiose, le stesse abitudini e tradizioni, ma che, per la differenza generazionale e il diverso tempo di permanenza nel nostro paese, hanno fatto scelte di vita e hanno aspettative differenti. V., una cinquantenne giunonica, ha lasciato il paese, un marito violento e inizialmente anche i figli circa dieci anni fa per arrivare in Italia da clandestina. Da lei ho saputo delle giornate trascorse all aperto senza un tetto o un rifugio insieme ad altre donne come lei e dei pasti consumati in un giardino pubblico estate e inverno, finché non è arrivato l aiuto del parroco e delle autorità di un comune dell hinterland milanese, che hanno messo a loro disposizione un locale riscaldato. Finalmente, con il permesso di soggiorno, è arrivata anche la possibilità di prendere in affitto due camere, ovviamente in condivisione con altre connazionali. V., in tutti questi anni ha solo lavorato niente vacanze o visite a casa con l unico obiettivo di poter un giorno far ritorno nell amata Moldavia. Quando le ore che V. poteva dedicare ai miei anziani non sono più state sufficienti ho conosciuto S., la seconda donna di questa storia, una giovane ventiduenne, fidanzatina del figlio di V. Quando S. mi è stata presentata, sono rimasta colpita dalla sua bellezza: altissima, snella, lunghi capelli, jeans a vita bassa, maglietta attillata, incarnava perfettamente lo stereotipo della ragazza dell Est. S. inoltre parlava un italiano corretto e spigliato, nonostante fosse in Italia da soli due anni e dimostrava tutta la vitalità e l entusiasmo tipico della sua età. Immediatamente mi sono chiesta se il lavoro che potevo proporle le sarebbe piaciuto e se si sarebbe adattata al contatto con due anziani. Lei però non ha avuto dubbi e ha accettato senza esitazioni il lungo orario, qualsiasi tipo di lavoro e di assistenza. È stato facile entrare in confidenza con S. A mio marito, che probabilmente rappresentava una figura paterna, S. confidava problemi e speranze. Non aveva alcuna intenzione di ritornare in Moldavia, nonostante i continui ostacoli che doveva affrontare e risolvere da sola. Dopo un primo lavoro presso un insegnante, da cui aveva imparato la nostra lingua, aveva lavorato in un ristorante, ovviamente in nero con orari massacranti e paga modesta. Era sempre in attesa dell agognato permesso di soggiorno che le avrebbe concesso di girare per Milano come qualsiasi altra ventenne. A differenza però di molti ventenni nostrani S. ama leggere: Dostoevskij e i classici russi, ma anche romanzi italiani che la aiutano a capire e conoscere meglio usi e costumi del nostro paese. Ma la vita di S. non è quella di una qualsiasi ragazza spensierata nella Milano dell happy hour e della moda. Alcuni mesi fa la polizia inizia a fermare gli stranieri sui mezzi di trasporto e a controllare i loro documenti. Anche S. è stata fermata, fatta scendere da un autobus e accompagnata in questura con l accusa di avere un permesso di soggiorno falso. Dopo quattro ore nel commissariato di polizia, vissute nel terrore di essere espulsa, le è stata riconosciuta la validità del documento. Di fronte a una bella ragazza alcuni poliziotti non hanno resistito alla tentazione di fare i bulli, ben sapendo che la paura di ritorsioni non avrebbe permesso a S. di rispondere per le rime, come avrebbero invece fatto le nostre ragazze. Poi un giorno, mia suocera, malata di Alzheimer, è uscita di casa di nascosto e si è recata al vicino mercato rionale, per comprarsi un paio di pantofole. Da principio S., impegnata con mio suocero, non si è accorta

11 TESTIMONIANZA 11 della sua assenza. Ma poco dopo si è precipitata alla sua ricerca e l ha trovata nell atto di acquistare qualcosa di assolutamente inadatto ai suoi novant anni. È così intervenuta con il negoziante che ha capito la situazione, come avrebbe fatto qualsiasi amorevole nipotina, ma una signora, presente in quel momento, l ha apostrofata malamente facendole presente che non era che una straniera, accolta nel nostro paese per lavorare e non per fare la padrona. Anche questa volta S. non ha aperto bocca per paura, pur sapendo che aveva la nostra totale fiducia. Quando i rapporti con il fidanzato si sono guastati, S. ha deciso di cambiare casa e si è messa alla ricerca di un alloggio. Affittare un appartamento a Milano è già proibitivo per un italiano, ma quando S. ha chiesto a mio marito di accompagnarla nelle visite, ci siamo resi conto di quanto avveniva se il cittadino era straniero. Se poi anche di bell aspetto Si tratta di appartamenti, se così si possono chiamare scantinati o solai orrendi, senza riscaldamento, senza finestre e spesso in subaffitto, a prezzi che possono raggiungere gli 800 euro mensili. Ma niente paura il pagamento può avvenire anche in natura. La ricerca di un alloggio è continuata nei paesi intorno a Milano. S. però ha bisogno di un regolare contratto d affitto, per avere il quale è necessario essere in possesso del permesso di soggiorno, che a sua volta non si può ottenere se non si ha un contratto d affitto. Il permesso di soggiorno è stato finalmente rilasciato a pochi giorni della scadenza annuale e S. ha trovato una casa in condivisione con una signora, che accetta di inserirla nel suo contratto d affitto, ma alla modica cifra di 1000 euro una tantum più l affitto mensile di 350 euro. Dieci minuti di bicicletta, 45 minuti di treno, 20 minuti di metropolitana il tempo richiesto per raggiungere il posto di lavoro. Piccola nota a margine: il ragazzo di S., che lavorava come muratore, ha dovuto lasciare l Italia, perché il suo datore di lavoro non aveva mai presentato la documentazione necessaria per il permesso di soggiorno, era fallito e non aveva pagato lo stipendio degli ultimi quattro mesi. A marzo S. mi ha annunciato che sarebbe presto venuta a Milano M., sua sorella. Sarebbe arrivata con un pulmino dopo aver attraverso mezza Europa in un viaggio che si sarebbe rivelato un incubo. Arrivo previsto per sabato alle 4 del mattino a Mestre; in realtà, a causa di un guasto al pulmino che la portava dalla Moldavia, M. arriva a Milano dopo una settimana di girovagare per l Europa e il cambio di vari pulmini. Il suo timore era di non riuscire a raggiungere l Italia e quindi di dover pagare di nuovo a organizzazioni locali tutt altro che trasparenti varie migliaia di euro per documenti e costi di viaggio. Ho proposto a M. di dormire dai miei suoceri, gestendo insieme alla sorella la loro casa. All inizio non riuscivamo a capirci e parlavamo a gesti. Solo dopo alcuni mesi ho iniziato a sapere qualcosa della sua vita in patria e delle sue aspettative per il futuro. M. aveva 25 anni, sposata ma già separata, lasciava in Moldavia una figlia di 5 anni, affidata alla nonna. La grande città la spaventava, temeva di perdersi e di non riuscire a farsi capire. A differenza della sorella, M. era più riflessiva e prudente; di uomini non voleva sentir parlare: l esperienza del matrimonio finito le bruciava ancora. Nel suo paese ci si sposa molto presto e quasi sempre sono le donne a dover portare il peso, anche economico, della famiglia. La nostalgia della figlia si faceva sentire e M. non voleva mai uscire e conoscere altre persone, nonostante avesse gran parte della giornata a disposizione. Con il passare del tempo la situazione è certamente migliorata: M. è andata a lezione di italiano, si è fatta alcuni amici, ma, nonostante la sua giovane età, è sempre piena di pensieri e preoccupazioni: per la sua bimba, per la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno e il ricongiungimento familiare, per riuscire ad avere una casa tutta per sé e chissà in un futuro anche un nuovo compagno. Sono solo tre storie, accennate a grandi linee, ma in cui possono riconoscersi gran parte di quelle donne che abbandonano tutto, non per effimero spirito di avventura, ma per necessità, guerre, povertà e carestie, per cercare in Italia una vita dignitosa. Sempre di più si rafforza in me la convinzione che viviamo in un paese ricco, ma egoista, del tutto indifferente alla vita difficile e precaria di tanti stranieri, che però ci sono utili e spesso sfruttiamo. Vogliamo la collaborazione di persone fidate, a basso costo, che non accampino diritti e non pensino mai di poter essere cittadini uguali a noi: ma ricordiamoci che la schiavitù è stata abolita.

12 12 NEWS Ultimissime dal Nazionale Si è svolto a Roma, presso la sede del Comitato Centrale, l incontro tra la Commissione incaricata per la redazione delle proposte di riforma statutaria e la delegazione di Ginevra, composta dal presidente della Commissione congiunta CICR-Federazione per gli Statuti delle Società Nazionali Davey, e i rappresentanti del CICR e della Federazione. L incontro ha consentito di approfondire alcune tematiche di particolare rilevanza per una nuova organizzazione della CRI, dando modo agli esponenti del Movimento Internazionale di prendere diretto contatto con le problematiche dell attuale ordinamento istituzionale della CRI. Per contro, i membri della Commissione hanno avuto modo di acquisire direttamente indicazioni e suggerimenti atti a rendere conforme il futuro ordinamento dell Associazione con i principi e le norme della Croce Rossa Internazionale. Particolare insistenza è venuta dal presidente della Commissione congiunta CICR-Federazione sul tema dell indipendenza della Croce Rossa Italiana, il cui concreto riconoscimento nel testo del nuovo Statuto è condizione dell essenziale recupero di identità e potenzialità di sviluppo della nostra Società Nazionale. Grande rilievo è stato anche attribuito al fondamentale e dibattuto tema della natura giuridica dell Associazione, con particolare riferimento a ipotesi innovative quali la possibilità di introdurre opportune forme di privatizzazione dei comitati locali. Gli esponenti del Movimento, nell apprezzare l attività condotta finora dalla Commissione, hanno incoraggiato la CRI a proseguire con determinazione in questa attività propositiva, mirante a rivedere nel profondo l organizzazione della Croce Rossa Italiana, da essi giudicata essenziale per consentire a quest ultima di tornare nella piena ortodossia del Movimento, per troppo tempo violata. Il Presidente Davey ha infine raccomandato alla Croce Rossa Italiana di attivare gli opportuni contatti con le autorità di governo allo scopo di pervenire a una riforma dei provvedimenti legislativi vigenti, indispensabili per il varo di un nuovo Statuto. Centocinquant anni di Croce Rossa racchiusi in un agenda La Croce Rossa entra in farmacia e si racconta in un vademecum rivolto ai cittadini, che è stato distribuito venerdì e sabato 7 e 8 novembre dai volontari CRI nei negozi con la croce verde di tutta la penisola. Agli interessati è stato chiesto un contributo minimo di 5 euro e il ricavato sarà interamente devoluto all organizzazione umanitaria. «Una bella occasione per dare una mano e diventare così partecipi dei principi e dello spirito di solidarietà che animano la Croce Rossa». Una «grande idea nata sul campo di battaglia di Solferino il 24 giugno 1859» ricorda la CRI in una nota, «che è cresciuta e si è trasformata in un organizzazione che tutti conoscono e che coinvolge oltre 100 milioni di persone». Ma l obiettivo della speciale agenda non è solo commemorativo. La nuova guida «nasce con l ambizione di avvicinare il cittadino non solo al mondo della Croce Rossa, ma anche a quello della sanità. Se nelle prime pagine si trovano notizie che riguardano la Croce Rossa, nell ultima parte si trovano i numeri di emergenza, l elenco delle principali associazioni di volontariato, una serie di informazioni tutte all insegna del servizio», spiega il comunicato. Qualche esempio? «Come e quando rivolgersi al Pronto soccorso; come ottenere le esenzioni per patologia; cosa fare nelle situazioni di emergenza in attesa dell ambulanza», e molto altro ancora. Altre pagine sono dedicate al mondo dei farmaci e alla loro dispensazione: si spiega la differenza tra Otc, Sop e farmaci con obbligo di ricetta, che cos è un farmaco equivalente o che cosa si intende per dispensazione di emergenza.

13 NEWS 13 Commissariata dal governo la Croce Rossa Italiana È con il decreto del presidente del Consiglio dei Ministri, datato 30 ottobre 2008, registrato alla Corte dei Conti in data 10 novembre 2008, che la Croce Rossa Italiana viene ufficialmente commissariata. Nuovo commissario straordinario dell Associazione è stato nominato il dottor Francesco Rocca, che è stato insignito con tale decreto di poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, fino alla ricostituzione degli organi statutari (per un periodo comunque non superiore ai 12 mesi). dal Trentino È con piacere che l Ispettorato Volontari del Soccorso del Trentino comunica il cambio dei vertici alla guida delle Unità cinofile CRI provinciali. A Mario Decarli (ex delegato tecnico regionale alle UC) e Giuseppe Costa (ex collaboratore tecnico regionale VdS alle UC) sono da poco subentrati rispettivamente i volontari Silvia Nardin (VdS CRI Mezzocorona) e Roberto Mayr (VdS CRI Basso Sarca). Nel ringraziare i vertici uscenti per tutto quello che hanno fatto in questi anni per il gruppo, vogliamo anche augurare un buon lavoro ai neoincaricati Silvia e Roberto! Attivata la collaborazione tra la Croce Rossa provinciale e ITAS Mutua Assicurazioni La Croce Rossa provinciale ha raggiunto un importante accordo di collaborazione con il gruppo ITAS assicurazioni. In una condivisione di intenti rivolta al sociale, la società assicurativa vuole dare un concreto contributo al lavoro che giornalmente la CRI trentina svolge; per questo ITAS mutua si impegna a garantire per tutti i mezzi, attuali e futuri, della Croce Rossa in carico ai Comitati trentini una garanzia Kasko, volta a coprire i danni causati ai mezzi, e per i quali non ci sia responsabilità di terzi. Tale importante copertura che prevede una franchigia di 2000 euro che non tutela il mezzo da danni di lieve entità, coprirà, oltre ai danni al mezzo, anche i danni causati agli allestimenti, quali per esempio, nel caso di ambulanze, dispositivi multiparametrici, lettini, assi spinali e quant altro in dotazione. La franchigia non si applica se il danno supera i euro. L intervento per ogni singolo danno non può superare i euro. A fronte di quanto sopra i Comitati si impegnano a porre sui mezzi in dotazione una striscia adesiva che pubblicizza l impegno del gruppo ITAS in favore della CRI.

14 14 NEWS dagli Altipiani Arrivati due nuovi mezzi al servizio degli Altipiani Sono stati ritirati da alcuni giorni presso le officine Aricar di Cavriago due nuovi mezzi al servizio degli Altipiani: si tratta di un ambulanza Volkswagen T5 tetto alto syncro per la postazione di Lavarone e di un pulmino Scudo Maxi per la postazione di Folgaria. I mezzi sono in attesa delle targhe e poi diventeranno immediatamente operativi. L investimento complessivo sfiora per poco i euro. Dalla Sezione femminile: incontro con l ispettrice nazionale Al convegno nazionale di Firenze la Sezione femminile di Folgaria sarà rappresentata dall ispettrice e da una volontaria. Sabato 11 ottobre 2008, presso la sede CRI di Trento, abbiamo avuto il piacere di incontrare l ispettrice nazionale della Sezione femminile CRI Ludovica Lucifero, in visita alle sezioni provinciali. Il nostro gruppo ha partecipato numeroso, ordinato e curioso per l ufficialità dell evento. La signora Lucifero, accolta dal saluto di benvenuto dell ispettrice provinciale, Maria Chiara Gerosa, ha, a sua volta, salutato i gruppi presenti, provenienti dalle valli del Trentino. Nel suo discorso, Ludovica Lucifero ha ricordato, velocemente ma efficacemente, il nostro ruolo nella CRI, i principi, fondamento e spirito di questa associazione e ha ribadito che fare parte della Croce Rossa non significa solo immedesimarsi per il tempo in cui si indossa la divisa, ma significa comportarsi e vivere, sempre, in sintonia con gli ideali che questa divisa rappresenta. Si è proseguito con lo scambio di idee, informazioni ed esperienze; per tutte noi presenti è stata una bellissima occasione, che ha dato ossigeno e ci incoraggia a proseguire con maggior entusiasmo nelle nostre attività. In conclusione, l ispettrice ha salutato, rinnovando l invito a intervenire al raduno nazionale di Firenze il prossimo 21 e 22 novembre. L impressione prodotta su tutte le partecipanti è stata ottima, sia come persona (concreta, semplice, schietta), sia come degna rappresentante della Sezione femminile.

15

16 Prossimamente sulle strade degli Altipiani

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

L ufficio dell Anagrafe è aperto: lunedì-venerdì dalle 8.30 alle 15.30, sabato dalle 8.30 alle 12.

L ufficio dell Anagrafe è aperto: lunedì-venerdì dalle 8.30 alle 15.30, sabato dalle 8.30 alle 12. Compila oralmente la carta d identità con i tuoi dati: nome..., cognome..., nato il..., a..., cittadinanza..., residenza..., via..., stato civile..., professione..., statura..., capelli..., occhi... Qual

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli