UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CATANIA CInAP - CENTRO PER L INTEGRAZIONE ATTIVA E PARTECIPATA - Coordinamento CInAP dott. Paolo Donzelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CATANIA CInAP - CENTRO PER L INTEGRAZIONE ATTIVA E PARTECIPATA - Coordinamento CInAP dott. Paolo Donzelli uds2@unict."

Transcript

1 UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CATANIA CInAP - CENTRO PER L INTEGRAZIONE ATTIVA E PARTECIPATA - Coordinamento CInAP dott. Paolo Donzelli LiberaMente notizie dal CInAP Hanno partecipato con riflessioni, poesie, idee, opere d ingegno Letizia Adriatico (articoli di legge) Alessandra Baudo Antonio Bonfiglio Antonio Luca Cuddè Simona Chillari Concetta Di Dio Rosario Di Mauro Massimo Estero Martino Florio Maria Carmela Frazzetto Francesco Grasso Camillo Mignemi Giovanna Morrello Giovanna Muzzetta Gaetano Sinatra Grazie Sutera aprile

2 Presentazione e se lo chiamassimo liberamente? aperto alla spontaneità degli studenti in cui ognuno possa partecipare con i propri pareri, le proprie idee, le proprie richieste, vivo in quanto dinamica sperimentazione del sentire, pronto a diventare vita perché promotore di consapevolezza, di partecipazione e di confronto. 3 Il progetto nasce dal desiderio del Centro di potere essere sempre più un luogo di riferimento per tutti gli studenti che ad esso si rivolgono, con particolare attenzione ai loro vissuti emotivi e a concrete opportunità di crescita personale e di inclusione sociale. Creare un gruppo di lavoro, uno spazio di confronto e di ascolto non giudicanti, un luogo di libera espressione rappresentano il pretesto di abitare i paesaggi della condivisione senza barriere, in cui venga favorita l appartenenza ad un Centro universitario che nasce per gli studenti e cresce grazie all apporto di ognuno di loro che diventa protagonista e promotore di inclusione e di partecipazione attiva. Il raggiungimento di obiettivi condivisi e concreti, come l idea di un notiziario, favorisce così la libera espressione di risorse personali e attitudini creative che vanno valorizzate. LiberaMente, oltre ad essere espressione di un integrazione tra libertà e pensiero, desidera proporsi come luogo di raccolta in cui, liberamente, gli studenti possano condividere richieste, conoscenze, pensieri, informazioni di diversa natura, testimonianze, riflessioni e opere d ingegno. 4

3 Come partecipare? Chi desidera partecipare attivamente curando alcune sezioni o ricevere copia, può inoltrare la richiesta inviando una mail a A cadenza trimestrale verrà inviato, tramite posta elettronica, a tutte le persone che, con ruoli diversi, fan parte del CInAP e/o collaborano con esso. Le aree che vengono trattate di volta in volta sono: Storie, parole, spunti Le Leggi Mi racconto (testimonianze e condivisione di storie di vita) Il territorio che abito (riflessioni, cronaca, difficoltà incontrate, proposte operative) Lo Sport In viaggio (esperienze di viaggio da condividere) PsicoRubrica: la conoscenza a servizio della persona. Lo psicologo risponde (raccolta di argomenti di pertinenza psicologica) Appunti e libri cerco Appunti e libri offro Bibliografia per tesine e per tesi (richieste e risposte per argomenti) La mia laurea (pagina riservata agli studenti laureati e alla presentazione del proprio lavoro di tesi) Il territorio si presenta (spazio riservato ad Associazioni e agli Enti territoriali per favorire conoscenza, consapevolezza e libera scelta) La bottega della creatività (raccolta di opere d ingegno create dagli studenti: disegni, quadri, recensioni di film, di cd musicali, di cortometraggi, di lavori teatrali e di libri, fotografie, ricette, fumetti, racconti, poesie, fiabe, progetti ) Spazio-richieste (approfondimenti, proposte cosa desideri che venga affrontato nel prossimo numero? Quale argomento?) La bacheca del CInAP (aggiornamenti e notizie) 5 6

4 Dedicato all accoglienza: gioco di delicati equilibri 7 IL CInAP - Centro per l Integrazione Attiva e Partecipata - Università degli Studi di Catania Il Centro per l Integrazione Attiva e Partecipata dell Università degli Studi di Catania è l Ufficio dedicato agli studenti universitari con disabilità e Disturbi Specifici dell Apprendimento, come previsto dalle Leggi 104/92, 17/99 e successive modifiche. L operatività del Centro è andata via via crescendo negli anni. Ad inizio anno accademico ogni studente incontra gli psicologi per elaborare congiuntamente un Piano Formativo Individualizzato volto a garantire ad ognuno condizioni di pari opportunità. Nel , gli studenti che afferiscono al Centro sono circa 700. Gli interventi proposti si concretizzano, a seconda del caso, nell attivazione di alcuni servizi, tra cui: tutor per il supporto didattico e per l accompagnamento all interno delle strutture universitarie, tutor specializzati nelle dinamiche relazionali, l erogazione di un contributo al trasporto, anche con mezzi attrezzati, da e per le sedi universitarie, l interpretariato LIS, il counseling orientativo, psicologico e sociale, la consulenza informatica e la divulgazione di strategie didattiche individualizzate (prove d esame equipollenti anche in remoto), l organizzazione di attività atte a favorire l inclusione e la partecipazione attiva degli studenti. L obiettivo del Centro diventa così lo sviluppo di una nuova cultura della disabilità nell Università e nel territorio. Figurandosi come un laboratorio permanente, un officina di idee e di servizi volti a favorire la partecipazione attiva degli 8

5 studenti in condizione di disabilità, in cui i lavori in corso diventano valori mettendosi quotidianamente in discussione, aggiornandosi e promuovendo cambiamento, educando e sensibilizzando attraverso l attivazione di corsi di formazione, iniziative, attività laboratoriali, iniziative di sensibilizzazione sociale, seminari e convegni. L idea progettuale di fornire notizie nasce proprio in quest ottica di condivisione, di partecipazione, di scambio e di integrazione. Storie, parole, spunti Non ci resta che augurare ad ognuno un buon lavoro, nella direzione di una presenza sempre più attiva e partecipata nella realtà e nel territorio che abitiamo. Il CInAP Gerlando Lo Savio, Università degli Studi di Catania CInAP -Centro per l Integrazione Attiva e Partecipata- Via A. di Sangiuliano, Catania Tel.: Fax: sito internet: indirizzo C era una volta un piccolo soffio di vento C era una volta un piccolo soffio di vento che, quando passava, lasciava su tutte le cose un senso di infinito e di fuga. Non aveva mai imparato a parlare eppure desiderava che ognuno potesse accorgersi del suo passaggio. Abitava sulle montagne dell Everest, in alto, lì dove nessun uomo si era mai inoltrato. 9 10

6 Quel giorno decise di farsi trasportare dalle correnti d aria per conoscere tutte le forme di vita esistenti sulla terra. Così volò via dai luoghi conosciuti, dalle pareti rocciose che gli erano state amiche, dalla neve candida della mattina e dai tramonti incantati della sera. Viaggiò a lungo tenendo gli occhi chiusi per la paura di ciò che non conosceva. Poi, ad un tratto, li aprì pian piano vedendo l oceano, le isole, terre di alberi e ruscelli, e sentì il profumo dei limoni e del gelsomino. Comprese allora che le paure si superano guardandole in faccia e che, nei pensieri, esse non fanno altro che alimentarsi. Comprese che il senso delle cose risiede nella capacità di ognuno di entrare in relazione con esse. Poi, ad un tratto, si fermò vedendo la più bella creatura che avesse mai avuto modo di vedere: l essere umano. Colse in esso tutte le particolarità dei paesaggi che aveva avuto modo di conoscere durante il viaggio: il sorriso era come un raggio di sole, le parole che esprimeva e il tono di voce erano incantevoli melodie a volte espresse su tappeti di silenzi, a volte pronunciate su un continuo fluire di suoni, i movimenti del suo corpo erano come i venti dell Everest e le danze delle farfalle, e tutto rinasceva in lui ogni momento, giorno dopo giorno. Poi colse un aspetto che più di tutti lo affascinò: la presenza, il semplice esserci di quella creatura. Anche senza dir nulla, né muoversi, tratteneva in sé la forza degli oceani e la calma delle acque sacre del Gange; 11 attraverso i suoi occhi, anche un semplice sguardo trasmetteva paesaggi in perenne movimento come foglie danzanti dell albero di quercia sulla collina più alta del monte Soffio. Nulla era scontato nell essere umano e ognuno possedeva somiglianze e differenze, punti di debolezza e punti di forza, allenamenti da compiere ed allenamenti compiuti, brillando di luce propria come Venere tra le costellazioni della Via Lattea. Il soffio di vento rimase incantato di come, in un essere così piccolo, potesse nascondersi il segreto di tutte le cose: quel potere che è moto perpetuo, instancabilità, voglia di rinascere ogni giorno, dinamismo, tenacia e coraggio insieme. Fu così che decise di addormentarsi nel cuore del mondo, per rinascere all interno degli esseri umani. Da allora, pensiero e immaginazione sono il regalo che ognuno di noi possiede da quel piccolo soffio di vento Paolo Donzelli 12

7 Le leggi Disabilità e Università Fino a non molti anni fa, gli studenti con disabilità che desiderassero intraprendere gli studi universitari si scontravano con parecchi problemi. Non si trattava solo, come per i loro coetanei, di dover scegliere il corso di laurea più adatto alle proprie inclinazioni, ma di affrontare difficoltà logistiche e didattiche (spazi inadeguati, un numero limitato di ausili speciali a disposizione, barriere culturali di vario tipo) tali da rendere difficoltoso l inserimento all Università. A partire dal 1992, quando è stata emanata la Legge 104 (Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate) la situazione ha iniziato lentamente a migliorare, e il numero di studenti universitari con disabilità, nel corso degli anni, è notevolmente aumentato, anche grazie all affermazione delle nuove tecnologie e a normative specifiche in materia di inserimento scolastico (soprattutto la Legge 17/1999, Integrazione e modifica della legge-quadro 5 febbraio 1992, n. 104, per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate e il DPCM 9 aprile 2001, Disposizioni per l'uniformità di trattamento sul diritto agli studi universitari, a norma dell'art. 4 della L. 2 dicembre 1991, n. 390). Il fine di questi interventi legislativi non è la semplificazione del percorso di studi, quanto piuttosto la rimozione degli 13 14

8 ostacoli di qualunque natura che impediscano un corretto inserimento dello studente con disabilità all interno del sistema scolastico ed universitario, secondo i principi stabiliti anche dalla nostra Costituzione. Vediamo ora più da vicino qualche norma particolarmente significativa: Legge 104/1992: - art. 13 (Integrazione scolastica): stabilisce che l integrazione scolastica e universitaria debba realizzarsi anche attraverso attrezzature tecniche e di sussidi didattici nonché di ogni forma di ausilio tecnico, ferma restando la dotazione individuale di ausili e presidi funzionali all'effettivo esercizio del diritto allo studio, anche mediante convenzioni con centri specializzati, aventi funzione di consulenza pedagogica, di produzione e adattamento di specifico materiale didattico (comma 1, lettera b). svolgere, eventualmente, prove equipollenti (comma 5, come modificato dalla Legge 17/1999). La Legge 17/1999 istituisce anche la figura del Delegato del Rettore, con funzioni di coordinamento, monitoraggio e supporto di tutte le iniziative concernenti l'integrazione nell'ambito dell'ateneo (comma 5 bis). DPCM 9 aprile 2001: disciplina gli aspetti economici dello studio universitario (diritto allo studio). Per quanto riguarda gli studenti con disabilità, stabilisce (art. 14) le forme di concessione di benefici economici e i criteri per il loro ottenimento, anche in relazione al merito. Francesco Paolo Grasso Inoltre è prevista, da parte dell Università, la programmazione di interventi adeguati sia al bisogno della persona sia alla peculiarità del piano di studio individuale (comma 1 lettera c). La Legge 17/1999 ha aggiunto a questo articolo il comma 6 bis, che garantisce agli studenti universitari con disabilità sussidi tecnici e didattici specifici, oltre al supporto di appositi servizi di tutorato. - art. 16 (Valutazione del rendimento e prove d'esame): stabilisce il diritto, per gli studenti con disabilità, di sostenere esami, anche universitari, utilizzando i necessari ausili (comma 4), previo accordo con il docente della materia e con il supporto del servizio di tutorato previsto dall art. 13, e la possibilità di 15 16

9 Dov è che si possono trovare le maggiori informazioni circa le leggi che riguardano la disabilità? La raccolta più aggiornata con i testi integrali delle varie norme, la trovate nel sito Informazioni utili si possono leggere su Altre informazioni le riportiamo di seguito NORMATIVA NAZIONALE - LEGGE 118/71 "CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 30 GENNAIO 1971, N. 5 E NUOVE NORME IN FAVORE DEI MUTILATI ED INVALIDI CIVILI"; - LEGGE 18/80 "INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO AGLI INVALIDI CIVILI TOTALMENTE INABILI"; - DECRETO LEGISLATIVO 509/1988 "NORME PER LA REVISIONE DELLE CATEGORIE DELLE MINORAZIONI E MALATTIE INVALIDANTI, NONCHÉ DEI BENEFICI PREVISTI DALLA LEGISLAZIONE VIGENTE PER LE MEDESIME CATEGORIE, AI SENSI DELL'ART. 2 COMMA 1, DELLA LEGGE 26 LUGLIO 1988, NUMERO 291"; - LEGGE N. 104/92 "LEGGE QUADRO PER L'ASSISTENZA, L'INTEGRAZIONE SOCIALE E I DIRITTI DELLE PERSONE HANDICAPPATE"; - LEGGE 17/1999 "INTEGRAZIONE E MODIFICA DELLA LEGGE QUADRO 5 FEBBRAIO 1992, N. 104, PER L'ASSISTENZA, L'INTEGRAZIONE SOCIALE E I DIRITTI DELLE PERSONE HANDICAPPATE"; - LEGGE 53/2000 "DISPOSIZIONI PER IL SOSTEGNO DELLA MATERNITÀ E DELLA PATERNITÀ, PER IL DIRITTO ALLA CURA E ALLA FORMAZIONE E PER IL COORDINAMENTO DEI TEMPI DELLE CITTÀ" - CIRCOLARE INPS N.133/2000 "BENEFICI A FAVORE DELLE PERSONE HANDICAPPATE. LEGGE 8 MARZO 2000, N. 53. ART. 33, COMMI 1,2,3 E 6 DELLA LEGGE N. 104/92"; - CIRCOLARE INPS N.138/2001 "PROVVIDENZE A FAVORE DI GENITORI DI DISABILI GRAVI"; - DECRETO LEGISLATIVO 26 MARZO 2001, N. 151 "TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE IN MATERIA DI TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA' E DELLA PATERNITA', A NORMA DELL'ARTICOLO 15 DELLA LEGGE 8 MARZO 2000, N. 53". - LEGGE 508/1988 "NORME INTEGRATIVE IN MATERIA DI ASSISTENZA ECONOMICA AGLI INVALIDI CIVILI, AI CIECHI CIVILI ED AI SORDOMUTI"; 17 18

10 BARRIERE ARCHITETTONICHE: - LEGGE 13/1989 "DISPOSIZIONI PER FAVORIRE IL SUPERAMENTO E L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI"; - DECRETO MINISTERIALE N. 236/1989 "PRESCRIZIONI TECNICHE NECESSARIE A GARANTIRE L'ACCESSIBILITÀ, L'ADATTABILITÀ E LA VISITABILITÀ DEGLI EDIFICI PRIVATI E DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA SOVVENZIONATA E AGEVOLATA, AI FINI DEL SUPERAMENTO E DELL'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE"; DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 503/1996 "REGOLAMENTO RECANTE NORME PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI UFFICI, SPAZI E SERVIZI PUBBLICI". LAVORO: - LEGGE 68/99 "NORME PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI"; - DECRETO MINISTERIALE 91/2000 "REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL FUNZIONAMENTO DEL FONDO NAZIONALE PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI, ISTITUITO DALL'ARTICOLO 13, COMMA 4, DELLA LEGGE 12 MARZO 1999, N. 68"; - CIRCOLARE DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE N. 4/2000 "DISCIPLINA GENERALE PER IL COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO". 19 Mi racconto Dall esperienza alla consapevolezza di un percorso Mi presento: sono Rosario Di Mauro, ho 24 anni ed attualmente sono iscritto al corso di laurea magistrale Electrical Engineering. In precedenza sono stato iscritto al corso di laurea triennale Ingegneria Elettrica, pertanto l argomento della mia tesi è attinente con gli impianti elettrici. In particolare mi sono occupato della progettazione dell impianto elettrico di un padiglione ospedaliero: il mio compito consisteva nel dimensionare correttamente le sezioni dei conduttori che portano l energia elettrica dalla cabina di trasformazione (da media a bassa tensione) dell ospedale fino alle stanze del padiglione, nel dimensionare in numero e nelle caratteristiche gli interruttori che servono a proteggere i circuiti elettrici in caso di sovraccarico e cortocircuito, e nel calcolare il numero di apparecchi illuminanti necessari per un illuminamento adeguato in relazione della tipologia di stanza da illuminare. Posso dire che ho visto la laurea come la prima grande sfida: ho dovuto portare a termine un compito in una data prestabilita e se non ci fossi riuscito, avrei avuto addosso la vergogna per il 20

11 fallimento, in quanto avrei dovuto comunicare ad amici e parenti che la dissertazione della tesi e il ricevimento erano annullati, ed inoltre avrei dovuto pagare nuovamente la tassa per sostenere l esame. Tutto ciò ha fatto sì che io mettessi su di me molta pressione. Sentivo che lo stress e l ansia aumentavano di giorno in giorno (e tuttora sento questo accumulo di stress), questo perché c era la concreta possibilità che saltassi la sessione di laurea poiché ho iniziato la stesura della tesi a Febbraio inoltrato e contavo di laurearmi a Marzo. Sebbene sono riuscito nel mio intento, non posso dire di aver vinto la sfida: ho ritardato di una settimana la consegna della tesi in segreteria e non ho avuto il tempo di farmela revisionare dal professore in maniera approfondita, ma solo in maniera superficiale per correggere eventuali errori grossolani e concettuali. Più per lo stress e le notti insonni che non per la sconfitta morale catalogo nella mia mente i momenti antecedenti la laurea come un brutto periodo e non mi piace ricordarli. Per questo motivo sono arrivato alla conclusione che è meglio impiegare più tempo, coprirsi anche di vergogna, ma conservare l integrità mentale, ossia è meglio lavorare con serenità, perché la tranquillità aiuta la comprensione e fa sì che tutto proceda in armonia, contribuendo così a creare un bel ricordo nella nostra mente, di contro, lo stress agevola la 21 confusione, non aiuta a riflettere e spesso rende difficile l apprendimento e la memorizzazione di concetti chiave, stancando la mente più del dovuto, e questo fatto va poi a ripercuotersi sulla vita ordinaria. Ovviamente affermo tutto ciò a posteriori, perché dopo la laurea, ma anche dopo l ultimo esame sostenuto, ho visto che alcune cose di cui mi sfuggiva il senso, il significato, sono diventate chiare trascorsi due giorni dall esame, dopo aver smaltito lo stress che avevo accumulato. 22

12 Il territorio che abito Abitare la città? Sono un ragazzo fortunato perché mi hanno regalato un sogno, sono fortunato perché non c è niente che ho bisogno Chissà quante volte avrete canticchiato questa canzoncina andando in giro per i negozi, fermandovi ad osservare le vetrine e, magari, entrando dentro per comperare qualcosa. Poi, uscendo, magari avrete avvertito un languorino e avrete deciso di fermarvi a mangiare qualcosa in un bar o in una pizzeria. Quindi, cosa fate? Entrate con le vostre borsettine colorate e piene di cose nuove appena comprate, magari andate in bagno a lavarvi le mani e, giocando con l acqua, riintonate nuovamente lo stesso motivetto, poi uscite dal bagno e comodamente vi sedete per ordinare da mangiare; sempre con in testa lo stesso ritornello. Adesso, fermatevi un attimo. Tornate indietro e immaginate di essere diversamente abili e di fare le stesse cose appena fatte e, soprattutto, provate a canticchiare lo stesso motivetto. 23 Scommetto che le parole non vi escono neanche dalla bocca, le vostre corde vocali si rifiutano di intonare tali parole. Adesso tutto vi sembra più difficile. Naturalmente, trovandovi in una situazione nella quale molte persone si trovano e a cui noi non facciamo nemmeno caso, la vostra passeggiata diventa impossibile. Provate a tenere gli occhi chiusi e, senza aprirli, rifare lo stesso percorso fatto; sicuramente, dopo il primo passo vi siete fermati perché vi era impossibile continuare. Provate ad immaginarvi su una sedia a rotelle, le vetrine dei negozi sembrano le stesse, ma provate ad entrare in uno di questi negozi. Niente da fare, lo scalino che prima vi sembrava una pianura, adesso appare come una gigantesca montagna, difficile da scalare. Quindi, niente compere. Decidete, tuttavia, di andare a mangiare qualcosa, ma anche lì vi si presenta una montagna da valicare. Supponiamo, adesso, che la montagna sia una piccola collinetta e che, pur sempre, non con molta facilità, siate riusciti ad entrare ed accedere nel locale; ma non fate in tempo a rallegrarvi per l ostacolo appena superato che subito ve ne si pone un altro di fronte: il BAGNO!!!!!! Il locale non possiede un bagno per disabili, oppure il bagno per disabili c è, ma di disabile ha solo l etichetta appesa fuori la porta. 24

13 Cosa provate? Amarezza, rabbia, vi sentite come se il mondo, la città, il locale stesso non volessero che voi faceste parte di questa civiltà, come se vi avessero escluso da tutto e da tutti. E allora, non vi sentite più quei ragazzi fortunati della canzone. Lo sport Io vi capisco perché questa è la situazione che è capitata a me... Salvo Comitato Italiano Paralimpico Il Comitato italiano Paralimpico è l'ente deputato dal Legislatore (Legge n 189 del 15 luglio 2003 e Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri dell 8 aprile 2004) a riconoscere e coordinare le Federazioni Sportive Paralimpiche che organizzano l'attività sportiva per le persone disabili sul territorio nazionale. Tra i suoi compiti istituzionali vi è la preparazione delle squadre agonistiche top level in vista dei Giochi Paralimpici Estivi ed Invernali, oltre che la promozione a tutti i livelli e in ogni fascia di età e di popolazione della pratica sportiva delle persone disabili. COMUNICAZIONE: Presso i locali del CInAP è possibile richiedere, gratuitamente, gli adesivi da apporre sul vetro delle Informazioni: CIP Via Flaminia Nuova, ROMA macchine che, poco attente, occupano il parcheggio riservato alle persone con disabilità. Aiutateci a diffondere una cultura CENTRALINO C.O.N.I. PREFISSO PER TUTTI GLI INTERNI 06/ della maggiore attenzione verso gli altri vi aspettiamo oppure 06/ i 4 numeri dell'interno desiderato FAX 06/ numerosi

14 In viaggio notte, i corpi che dormono sul fango che fa da letto, le stelle, i cuscini d'erba, le distese di praterie e di montagne, il sorriso di un giorno che nasce, il brulichio di risciò, la solitudine che fugge perchè nessuno l'ascolta, e di nuovo, la notte, con i corpi vicini per trovare conforto nelle notti d'oriente. A volte là si medita, tra l'odore forte dei mercati indiani e il fluire del Gange, tra i boschi di Keylong e le pianure di Betland. A volte si rimane a guardare lavandosi gli occhi riflessi in una pozzanghera d'acqua. Non sembra stagione di morte ma ciclo di vita, un incessante fluire di tempo sospeso, senza acrobati in volo. Qualcuno poi cade. E rimane il ricordo, lo spazio lasciato per giorni, l'onore di un uomo che cambia stagione. Mi chiedo, ritornato in questa nostra realtà, quale mistero rimanga tra gli occhi di un uomo e una mente che pensa. Il vero viaggio di scoperta non è visitare nuove terre ma avere nuovi occhi. M. Proust Riflessioni al rientro dall India L'India è una terra che non abbandona. Tornato in Italia mi accorgo di quanto il mondo sia pieno di prospettive al contrario. La mente ritorna spesso allo sguardo del Gange, al fumo dei corpi che ardono per celebrare la loro esistenza mentre il sole riscalda il pianeta. E il silenzio della 27 Non da turista son partito, ma da turista mi son trovato a osservare la vita e la morte che bevevano dallo stesso bicchiere. Le scimmie, le mucche, i cani, le capre, le foreste, i serpenti, i colori, i rumori del vento, le aquile in volo, un momento di incanto e poi di sgomento, magia di sapori, gli odori d'incenso, la sorpresa di essere capitato su un altro pianeta. E davanti ai ricordi, i bambini, come voci soffuse, parole che corrono a inseguire pensieri da me non tradotti. E ancora quegli occhi che mi tornano in mente, quel sorriso, come tela che copre gli eterni sospiri dell'uomo. E poi quelle gambe che corrono, pur vedendo le ossa. E ancora i sorrisi... Tornato dall'india, ma forse ancora là con il pensiero, mando a tutti un abbraccio e un saluto grande, augurando ad ognuno di salpare con la propria mente al di là di ogni giudizio in ogni giorno della propria esistenza. Paolo 28

15 L infanzia rappresenta il massimo momento di apprendimento Psico-Rubrica IL TRATTAMENTO DELLA BALBUZIE NEI BAMBINI Consigli per i genitori 29 Paolo Donzelli Se il bambino viene criticato, impara a condannare. Se vive nell'ostilità, impara ad aggredire. Se vive deriso, impara la timidezza Se vive vergognandosi, impara a sentirsi colpevole. Se vive trattato con tolleranza, impara ad essere paziente. Se vive nell'incoraggiamento, impara la fiducia. Se vive nell'approvazione, impara ad apprezzare. Se vive nella lealtà, impara la giustizia. Se vive con sicurezza, impara ad aver fede. Se vive volendosi bene, impara a trovare amore e amicizia nel mondo Dorothy Law Nolte dell essere umano, quando ancora nulla è scritto e tutto è in via di organizzazione: gli odori, i ricordi, le persone conosciute, i giocattoli, i propri bisogni cominciano a definirsi e a confrontarsi con le risposte che le figure di riferimento danno ogni volta che si cerca di comunicare con loro. Il bambino impara da tutto ciò che sente, vede, percepisce dell ambiente che lo circonda. Anche una semplice parola o uno sguardo del genitore assumono il valore di un insegnamento. Come quando i leoncini imparano a cacciare accompagnati dalla propria mamma, così i piccoli d uomo apprendono dai genitori, osservando ogni loro modalità di interazione, ritenendole indispensabili al fine della propria sopravvivenza ( se mamma e papà dicono o fanno questo, allora deve necessariamente essere vero e importante per riuscire a sopravvivere ). È proprio durante il periodo dell infanzia che insorge il problema della balbuzie. Si stima, infatti, che l esordio si abbia tra i tre e i cinque anni d età (M. C. Strocchi, 2003). Ma quale significato il bambino attribuisce alla parola? Essa assume un ruolo importante nello sviluppo: attraverso essa, il bambino può dominare il mondo e comunicare agli altri il proprio dominio. Gli oggetti lontani diventano subito raggiungibili, le esperienze condivisibili, i desideri esplicitabili. Inoltre, il mondo degli adulti, sovrasta con le proprie parole il mondo in costruzione del bambino. Immaginate, pertanto, come 30

16 un giudizio dell adulto, una preoccupazione, una punizione, una correzione o un interruzione possano creare nel bambino una forte ansia che, riversata sull incertezza del dir bene le parole, diventa automaticamente balbuzie. Il circolo vizioso si reitera facilmente quando la disapprovazione del genitore ( devi parlare bene, non devi sbagliare! Ma che, non ce la fai? L hai fatto così tante volte! Lo fai apposta! ) diviene pretesa, per cui il bambino non può sbagliare ovvero, non gli si consente di apprendere i significati di autocorrezione, accoglienza, disponibilità e flessibilità nell educare. Il come dire le cose finisce così per sostituirsi al cosa dire. Ma in tutto questo, dato che ogni problema ha anche i suoi vantaggi che lo mantengono in vita, quali potrebbero essere quelli relativi alla balbuzie per un bambino? Non possiamo non menzionare i seguenti: - l attenzione di mamma e papà viene automaticamente canalizzata sul bambino; - l ambiente circostante è sempre pronto a sostituirsi a lui per evitargli ulteriori sofferenze e facilitarlo nello svolgimento delle normali attività di relazione; questo, tuttavia, comporta, a lungo andare, che il bambino trovi una giustificazione al suo non volere far nulla, perché tanto tutto dipende dagli altri, pretendere dagli altri, sentirsi incompreso alla seppur minima frustrazione si prova un grande sollievo dall ansia subito dopo aver pronunciato la parola balbettata. Per tali ragioni, nel trattamento infantile della balbuzie i genitori diventano i principali promotori di cambiamento nel bambino. Risulta indispensabile che essi accettino il loro ruolo di allenatori e comprendano le modalità da seguire al fine di allenare il proprio bambino al non giudizio e all autostima. Ricordiamo alcune azioni educative indispensabili ai genitori per contrastare lo sviluppo della balbuzie: - mostrarsi disponibili all ascolto e all accoglienza. Ogni situazione può essere importante per trasmettere al bambino un senso di soddisfazione in quello che dice; - evitare di concentrarsi su come dice le cose il bambino, mostrando per lo più attenzione su cosa dice ; - utilizzare un linguaggio chiaro, facile da comprendere e rallentato, in modo che il bambino faccia esperienza di messaggi ben definiti e non ansiogeni né, tanto meno, confusivi, - mostrarsi distesi nell eloquio utilizzando frasi brevi e concise; - non sovrapporsi al bambino che balbetta mentre parla, rispettandone i turni, le pause e facendo in modo che sia egli stesso a concludere le parole, 32

17 - attendere con disponibilità e attenzione che il bambino termini la frase o il discorso iniziato; - commentare ciò che il bambino dice più che imbottirlo di domande e richieste; - valorizzare, oltre che la comunicazione verbale, forme di comunicazione ludico-espressive alternative (disegno, gestualità del corpo ) - giocare a far parlare tra loro bambole o pupazzi permettendo al bambino di rilassarsi, sperimentando toni di voce differenti a seconda del personaggio scelto. Nel contesto ludico, succede spesso che il bambino non si senta responsabile delle parole che dice e parli meglio in quanto è la bambola o il pupazzo che stanno parlando! ; - evitare pressioni sul bambino costringendolo a raccontare eventi ad amici o parenti; - evitare di distogliere lo sguardo o aggrottare le sopraciglia dinanzi ai suoi blocchi verbali; - prepararlo ad affrontare situazioni nuove simulando, ad esempio, gli avvenimenti tramite l utilizzo di scenette teatrali; - non evidenziare le difficoltà del bambino con parole del tipo calma, prendi il fiato e poi parla, pensa a quello che devi dire prima di dirlo. Tali suggerimenti potrebbero inibire la parola in quanto il bambino potrebbe avvertirli come richiami; 33 - valorizzare gli aspetti positivi del bambino più che attenzionare quelli maggiormente critici, limitando, pertanto, i rimproveri all essenziale ed aumentando gli incoraggiamenti per i comportamenti verbali desiderabili; - se il bambino esprime le sue difficoltà nel parlare, è bene ricordargli che molte persone hanno difficoltà quando sono stanche o particolarmente agitate; - fornire esperienze positive di socializzazione in un ambiente in cui il bambino possa più facilmente sentirsi accettato e possa interagire con altri bambini divertendosi; - tenere sempre presente che, fino a 6-7 anni, molti bambini hanno delle disfluenze fisiologiche e di sviluppo che regrediscono spontaneamente all interno di relazioni parentali positive, valorizzanti e propositive. Seguendo con attenzione e piena disponibilità queste azioni educative, il genitore assicura al proprio bambino la costruzione di una visione positiva del mondo e di se stesso, evitando ansia e giudizio, titubanza e perplessità, incertezza e fuga dalle situazioni sociali. É importante che il genitore diventi il massimo esperto nel problema della balbuzie comprendendo quali bisogni abitano la mente del bambino. 34

18 Quest ultimo ha bisogno di sapere che le emozioni esistono e che anche il papà e la mamma le provano senza che queste prendano il sopravvento su di loro. Sarebbe opportuno che ogni genitore facesse propri i seguenti assiomi facendone continua pratica: - quanto più sono positivo, tanto più regalerò a mio figlio la possibilità di diventare, quando crescerà, un ragazzo forte. - Anche se ho paura, provo ad affrontare le situazioni che mi spaventano in quanto se le penso soltanto, i problemi non faranno altro che ingigantirsi. I miei figli imparano da ciò che vedono. - Anche se mi sento molto dispiaciuto, non mi lascio sopraffare dal dolore pertanto reagisco. - Sbagliare è importante per comprendere l errore e migliorarsi. Mi impegnerò a far meglio la prossima volta e dirò questo a mio figlio, ogni volta che un errore potrà turbarlo. - Non si è stupidi, sciocchi, incapaci, bensì in situazioni circoscritte ci si può comportare da stupidi, sciocchi, incapaci e anche quando ci si comporta in questo modo, non è poi la fine del mondo!. - Anche se sono stanco e non riesco a giocare con mio figlio, posso sempre sorridergli, passare accanto a lui e 35 fargli una carezza sulla testolina, dicendogli bravo! per tutto ciò che di positivo fa. Inoltre, tanto più il genitore ammette i propri limiti, tanto più il bambino impara ad essere flessibile verso se stesso. Si consiglia vivamente, ai genitori, di utilizzare più spesso la seguente frase di conferma affettiva rivolta verso il proprio bambino: - anche se mi innervosisco e ti sgrido, nulla toglie il bene che ti voglio e che provo per te In conclusione, potremmo dire che ogni bambino, sia con problemi di balbuzie che non, vive la relazione con i propri genitori come un modello di confronto tra ciò che sono le proprie competenze e quello che sono le reazioni dell ambiente: ogni valorizzazione dell adulto risulta, quindi, necessaria al fine di stimolare nel bambino un pensiero positivo e la fiducia di base che lo accompagneranno per il corso di tutta la vita. 36

19 Appunti e libri cerco Portiamo a conoscenza di tutti gli studenti che stiamo predisponendo un area, all interno della biblioteca del CInAP, in cui raccogliere appunti e libri di ogni Facoltà. Chi desiderasse contribuire può mettersi in contatto con noi attraverso i seguenti recapiti: Vi attendiamo numerosi! tel Appunti e libri offro Porto a conoscenza di tutti i miei colleghi interessati che ho messo a disposizione, presso il CInAP, i seguenti testi di Giurisprudenza a carattere ingrandito: - Diritto amministrativo, S. Sabataro, - Diritto canonico, Lo Castro, - Diritto commerciale, Auletta-Salnitro, - Diritto del lavoro, Roccella-Caruso, - Diritto di famiglia, Auletta - VIII Edizione, - Diritto internazionale, Sapienza-Boschero, - Diritto penale, Fiandaca-Musco, - Diritto privato, Galgano, - Diritto processuale civile, Mandrioli, - Diritto processuale penale, Siracusano-Galati- Tranchina-Zappalà-Beccaria, - Diritto Tributario, La Rosa- II Edizione, - Economia politica, Mankiw-Franzoni, - Filosofia del diritto, Barcellona, - Istituzioni di diritto romano, Rubbettino, - Storia del diritto medievale e moderno, Espano- Grossi. Giovanni 37 38

20 Bibliografia per tesine e per tesi Bettini M., Lo straniero ovvero l identità culturale a confronto,laterza, Bari Colombo A., Sciortino B., Gli Immigrati in Italia assimilati o esclusi: gli immigrati, gli italiani, le politiche, il Mulino, Bologna, Carissimi operatori del CInAP, sto costruendo una bibliografia di riferimento dalla quale partire per approfondire l argomento della tesi di laurea su Donne, migrazione e processi di integrazione. Il mio lavoro desidererebbe analizzare la specificità delle donne immigrate, dei loro percorsi di inserimento, in bilico sul confine che separa il rischio della marginalità e l obiettivo dell emancipazione. Mi piacerebbe potere approfondire le normative sull immigrazione e l inserimento lavorativo. Carissima studentessa, riportiamo di seguito alcuni libri di riferimento da poter considerare buon lavoro, sempre Bauman Z., La società dell incertezza, Il Mulino, Bologna Berger P.L., Luckmann T., La realtà come costruzione sociale, Il Mulino, Bologna D Ignazi P., Persi R., Migrazione femminile, discriminazione e integrazione tra teoria e indagine sul campo, Franco Angeli, Milano Franceschetti L., Regolare l immigrazione, il management dei flussi per lavoro in Europa, Franco Angeli, Milano Habermas J.,Tylor C., Multiculturalismo. Lotte per il riconoscimento,edizione Feltrinelli, Milano Panizza G., Io sono un grande sognatore,sfide e opportunità degli stranieri ad una terra accogliente, Laruffa editore SRL, Reggio Calabria, Revelli M., Fuori luogo, Boringhieri, Torino Sartori G., Pluralismo, Multiculturalismo e estranei,saggio sulla società multietnica, BUR, Milano Sirna Terranova C.,Pedagogia Interculturale concetti, problemi, proposte, Guerini Studio, Milano,

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO Osservazione e primo approccio L accompagnamento e il distacco tra una madre e il suo bambino comportano per entrambi un grosso sforzo di AMBIENTAMENTO alla nuova situazione

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Recitiamo! Fantasia, colore e divertimento!

Recitiamo! Fantasia, colore e divertimento! Glossario 1. I bambini imparano ciò che vivono! 2. Un po di me 3. Recitiamo! Fantasia, colore e divertimento! 4. Obbiettivi 5. Tempi e costi 6. Altre piccole chicche 1. I bambini imparano ciò che vivono

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 NAIC86400X@istruzione.it - http://www.icsdelpozzo.it C.MEC. NAIC86400X C.F.

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili Fondazione Ariel 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili La Paralisi Cerebrale Infantile Una malatti a non prevenibile In Italia, un bambino su 500 nuovi nati è affetto da

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE IL PERCORSO DELLA DONAZIONE D ORGANI A. O. S. GIOVANNI ADDOLORATA Sala Folchi Roma, 7 dicembre 2012 La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE Dott.ssa Francesca Alfonsi La relazione di aiuto BASE

Dettagli

PROGETTO AspieRANTI AMICI Sviluppo delle competenze emotive e delle abilità socio-comunicative.

PROGETTO AspieRANTI AMICI Sviluppo delle competenze emotive e delle abilità socio-comunicative. PROGETTO AspieRANTI AMICI Sviluppo delle competenze emotive e delle abilità socio-comunicative. CHI PRESENTA IL PROGETTO: L ASSOCIAZIONE DI IDEE ONLUS GRUPPO ASPERGER ONLUS L Associazione di Idee Onlus

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it Educare

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Difficoltà di linguaggio o di comunicazione?

Difficoltà di linguaggio o di comunicazione? Dott.ssa Mariangela Varotto Logopedista Ass. La Nostra Famiglia IRCCS E.Medea Conegliano, TV Difficoltà di linguaggio o di comunicazione? La balbuzie in età evolutiva: quali possibili conseguenze nei principali

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!!

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!! Il è parte dell Area Rimettere le Ali del Borgo Ragazzi Don Bosco, insieme alla Casa Famiglia, al Centro diurno, al Centro di ascolto psico-educativo SOS Ascolto Giovani. Dal 2002 si occupa di sensibilizzare,

Dettagli

Nati per la Musica. Informazioni e strumenti per operatori e promotori

Nati per la Musica. Informazioni e strumenti per operatori e promotori Nati per la Musica Informazioni e strumenti per operatori e promotori NATI PER LA MUSICA INFO natiperlamusica.it natiperlamusica@csbonlus.org natiperlamusica.blogspot.it Segreteria Nazionale c/o Centro

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Anno Scolastico 2013-2014 SITUAZIONE MOTIVANTE In una società dove le immagini proposte dai mass-media hanno un

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI Anno scolastico 2012/2013 I collegamenti con le Indicazioni Nazionali e il Piano dell'offerta Formativa La programmazione dell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado CHI SIAMO La SSF Rebaudengo di Torino è un istituzione universitaria affiliata alla Facoltà di Scienze

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 CONTENUTI Aspetti psicologici del soccorritore I bisogni psicologici del paziente Strategie

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini.

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. 6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. (Dante Alighieri) LUCIA RIZZI è una pedagogista, scrittrice e personaggio televisivo (reality «S.O.S.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA Jone Galli Lo scialle magico PAURA Esprimere, in forma ludica ed espressiva, le proprie emozioni riguardo il tema della paura. 20-30 minuti Lo scialle magico, I. Mylo e M.J. Sacré, Ed. Arka Uno scialle,

Dettagli

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico il primo giorno era un po strano tra noi ragazzi c era molto silenzio poi la situazione è migliorata penso che

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Scuola dell Infanzia Via Bonn Docente: Virdis Cristina PROGETTO Accogliere per includere A.S. 2013/14 2014/15 COMPETENZE CHIAVE Traguardi di sviluppo specifici

Dettagli

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu LA LUNA AL GUINZAGLIO Presenta UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu Laboratorio teatrale per le scuole primarie sul tema della tolleranza e della diversità DESCRIZIONE Ci sono molti modi per

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S. A.S. 2013-2014 CURRICOLO VERTICALE PER ALUNNI CON DISABILITÀ La scuola è luogo di apprendimento e di costruzione dell identità personale, civile e sociale. Nessuno, questo è l obiettivo, deve rimanere

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Claudia Azzaro Parlare GIOCANDO Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Armando editore 3 AZZARO, Claudia Parlare giocando. Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene ;

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA La progettazione dell insegnante è un lavoro molto impegnativo che richiede tempo e accuratezza: una buona programmazione semplifica molto il lavoro di gruppo

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia diocesi di Termoli Larino Centro per la Famiglia nella Cittadella della Carità Di cosa si occupa un centro per la famiglia? Informazione sui servizi, le risorse e le opportunità, istituzionali e informali,

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Oltre il muro: i disturbi sensoriali come chiave di lettura dei comportamenti problematici nelle esperienze di integrazione scolastica

Oltre il muro: i disturbi sensoriali come chiave di lettura dei comportamenti problematici nelle esperienze di integrazione scolastica Oltre il muro: i disturbi sensoriali come chiave di lettura dei comportamenti problematici nelle esperienze di integrazione scolastica Dott.ssa Chiara Pezzana Dott.ssa Lorenza Fontana (ANGA Novara Onlus)

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

CAPISCI QUELLO CHE STAI LEGGENDO? ATTI 8,30

CAPISCI QUELLO CHE STAI LEGGENDO? ATTI 8,30 CAPISCI QUELLO CHE STAI LEGGENDO? ATTI 8,30 LEGGERE IL VANGELO A BAMBINI E RAGAZZI CON DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO dott.sa Stefania Cucconi 1. CHI ABBIAMO DI FRONTE? CHI SONO I RAGAZZI CON DSA (DISTURBI

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Costruiamo la qualità dell integrazione

Costruiamo la qualità dell integrazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA Centro Servizi di Ateneo per Studenti Disabili Responsabile: Ch.mo Prof. Franco Larocca Delefato del Rettore per i problemi della disabilità (1994-2011) Costruiamo la qualità

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli