INDICE 2. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 2. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA"

Transcript

1 INDICE PREMESSA 1. SCELTE EDUCATIVE 2. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA 3. PROFILI IN USCITA E PIANI DI STUDIO - Istituto Professionale Servizi socio- sanitari - Liceo delle Scienze umane - Liceo Scientifico opzione scienze applicate 4. PERCORSO FORMATIVO 5. PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA 6. I FATTORI 7. LE STRUTTURE DI PARTECIPAZIONE DELLA SCUOLA 8. LE RISORSE 9. LA VALUTAZIONE 10. INTERAZIONE SCUOLA GENITORI 11. IL CALENDARIO 12. ORARI DI RICEVIMENTO 1

2 PREMESSA L'Istituto "Maria Ausiliatrice" di Via Bonvesin de la Riva, 12 Milano si propone come scuola che fonda il suo "essere" nel carisma salesiano e s ispira alla pedagogia di Don Bosco. Essa promuove quindi lo sviluppo integrale della persona dell'allievo nei suoi aspetti etici, umani, sociali, religiosi, attraverso l'assimilazione critica e sistematica della cultura. Criterio base dell'educazione impartita nella scuola è la preventività, che consiste nel far crescere nell'allievo il senso del bello, del buono, del vero" mediante proposte ed esperienze positive, capaci di risvegliare e coinvolgere le sue risorse interiori, prima di altre. All'interno dell'istituto si trovano: Scuola dell'infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Scuola Secondaria di 2 grado: Istituto professionale Servizi socio- sanitari Liceo delle Scienze umane Liceo Scientifico opzione scienze applicate Tutte queste scuole, oltre ad aver ottenuto nel corso degli anni, secondo la loro attivazione, il legale riconoscimento, sono state dichiarate paritarie nel Si rilasciano titoli di studio aventi valore legale. L Istituto è sede degli Esami di Stato ed è certificato secondo le norme ISO dal Il Piano dell Offerta Formativa (POF), che tiene presente le linee di continuità dell'azione pedagogica/formativa e didattica, in coerenza con le caratteristiche cognitive e psicologiche, tipiche delle diverse età, è la rispo- sta, conforme alle leggi, che la nostra scuola Istituto Maria Ausiliatrice delle salesiane di don Bosco offre alla domanda educativa dei genitori, degli alunni e del territorio, secondo il proprio Progetto educativo, in armonia con la Costituzione, ai sensi della disposizione del D.P.R. n. 275/1999 (articolo 3), della Legge n. 62/2000 (articolo unico, comma 4, lettera a), della legge n. 53/2003 e del decreto legislativo 59 del

3 1. SCELTE EDUCATIVO- DIDATTICHE Le finalità dell Istituto, che danno vita all azione culturale ed educativa, scaturiscono dalla pedagogia salesiana e dalla visione antropologica ispirata all umanesimo cristiano, così che la Scuola divenga luogo di formazione integrale e di educazione alla fede per coloro che hanno fatto e intendono fare questa scelta. Tali finalità si esplicitano attraverso l animazione come metodo, la festa come pedagogia della gioia, il gruppo come luogo educativo in cui si vivono relazioni interpersonali costruttive. In questa logica la Scuola cerca, fin dall inizio, di cogliere il punto di partenza di ogni alunno, le domande implicite ed esplicite e coltiva la dimensione affettiva, sociale ed etica in vista di un processo di crescita verso l autonomia e la responsabilità civile e cristiana. Privilegia il metodo induttivo, di ricerca e di soluzione dei problemi per far acquisire conoscenze e competenze, tipiche della funzione culturale. Vuole essere una risposta alle nuove generazioni che si caratterizzano per carenze verbali, per l annullamento di barriere spazio- temporali, per la presunta possibilità di fare contemporaneamente più cose, per cui chiedono che la scuola sia orientativa nell individuazione e potenziamento delle loro capacità e nell utilizzo di strategie di apprendimento. 3

4 2. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA Poiché la missione della nostra scuola risponde alla domanda di educazione che emerge dalle famiglie, l Istituto riconosce che la famiglia rimane il primo soggetto responsabile ed attore dell educazione, sicché l attività didattico- formativa della scuola nasce dalla collaborazione tra la famiglia e gli altri soggetti appartenenti alla comunità educante (dirigenti, insegnanti, animatori e collaboratori, comunità religiosa). Tale cooperazione si concretizza nella sottoscrizione di un Patto Educativo di Corresponsabilità tra scuola e famiglia, che sancisce l impegno reciproco nel rispetto delle specifiche aree di competenza. Comune obiettivo è la condivisione di metodi e obiettivi della proposta formativa ed educativa salesiana. Il Patto Educativo impegna la famiglia, fin dal momento dell iscrizione, a condividere con la scuola il progetto educativo attraverso le seguenti azioni: - prendere visione insieme ai figli del POF - valorizzare le linee educative dell Istituto creando un positivo clima di dialogo e partecipazione - favorire un assidua frequenza e puntualità dei propri figli alle lezioni - informarsi costantemente del percorso educativo- didattico dei propri figli, - controllando sistematicamente le comunicazioni provenienti dalla scuola partecipare alla vita dell Istituto attraverso le diverse proposte: incontri di formazione tavole rotonde come occasione di riflessione e orientamento celebrazioni e feste Il Patto Educativo non è solamente un atto formale che si attua con l iscrizione, ma ha bisogno di essere alimentato attraverso la presenza, partecipazione e collaborazione dei genitori in tutto l arco del periodo in cui il ragazzo frequenta la scuola. Va inoltre sottolineato che, proprio perché il nostro Istituto, ispirato al Sistema Preventivo di Don Bosco, crede nella centralità del ragazzo accolto nelle sue diverse potenzialità, prevede, in alcune situazioni particolarmente problematiche per l aspetto comportamentale o per quello legato all impegno scolastico, la formulazione di un Contratto Formativo, studiato dal Consiglio di Classe per elaborare un cammino personalizzato che sia condiviso dagli alunni e dalle loro famiglie. 4

5 3. PROFILI IN USCITA E PIANI DI STUDIO La scuola fa propri gli obiettivi previsti dal Profilo Formativo in uscita al termine della Scuola Secondaria di 2 grado (Legge 53/03) e dal profilo culturale, educativo e professionale (DPR ) previsti per i nuovi percorsi liceali e istituti professionali, in particolare ciò che uno studente dovrebbe sapere e fare per essere l uomo e il cittadino che è giusto attendersi. Le lezioni si svolgono dal Lunedì al Sabato con il seguente orario: ore e, dove prevista la 6^ ora, secondo i piani di studio dettati dalla normativa vigente. Il monte ore scolastico è pari al numero degli interventi didattici settimanali di sessanta minuti. ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO- SANITARI L istituto Professionale si propone di dare ad ogni studente l opportunità di crescita umana, relazionale e spirituale, di acquisire competenze per formare figure professionali in grado di progettare e attuare interventi idonei a rispondere alle esigenze di tipo sociale in riferimento a persone e comunità, di preparare ad affrontare una facoltà universitaria. L asse portante che caratterizza il percorso quinquennale è la visione integrale della persona nella sua dimensione bio- psico- sociale mediante lo sviluppo di competenze comunicative, relazionali oltre che tecnico- scientifiche, con l apporto delle seguenti discipline: scienze umane/psicologia generale e applicata, legislazione socio- sanitaria, cultura medico- sanitaria, metodologie operative, tecnica amministrativa. Un apporto particolarmente interessante è dato dallo studio di due lingue comunitarie in funzione di approccio comunicativo, utile in una società multiculturale ed etnica. Le discipline espressive integrano il profilo educando la sensibilità, l emozione, la comunicazione verbale e non verbale. Il profilo in uscita prevede di far acquisire competenze, certificabili presso Enti autorizzati, che permettano di formare figure quali educatori negli asili nido, animatori sociali e animatori di residenze per anziani con un percorso di professionalizzazione articolato con giornate residenziali, attività pomeridiane e tirocini vissuti presso Enti durante l anno scolastico, per un ammontare di 650 ore nel quinquennio. 5

6 Nel primo biennio il percorso mette al centro lo sviluppo della persona mediante l utilizzo di una didattica personalizzata e laboratoriale che permette la riflessione sulla figura dell animatore, sulle modalità di intrattenere bambini, adolescenti e anziani, sulla sperimentazione delle differenze e risorse di ogni età della vita. Nel secondo biennio, l utilizzo di saperi, metodi e strumenti specifici dell asse scientifico- tecnologico consente allo studente di rilevare e interpretare i bisogni di un gruppo, di una comunità, del territorio; di allenarsi a leggere i dati e a pianificare soluzioni in ordine all ambito sociale, sanitario, educativo. Le discipline afferenti all asse storico- sociale consentono di riconoscere le problematiche relative alle diverse tipologie di persona, anche per azioni specifiche di supporto. Un ampio spazio è riservato allo sviluppo di competenze organizzative e gestionali con la partecipazione ai tirocini e alle proposte di professionalizzazione della scuola in cui l attenzione va sulle qualità dell animatore salesiano, sulle relazioni, sulla costruzione di materiali per rilevare la soddisfazione di un operazione, ecc. Il percorso permette, al decimo anno di scolarizzazione, l assolvimento dell obbligo scolastico (normativa 2010) e il rilascio della certificazione di competenza redatta secondo la normativa vigente sui cinque assi disciplinari. Il titolo finale è di Tecnico servizi socio- sanitari. 6

7 * Ore in codocenza 1 biennio 2 biennio 5 Classi 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e e Letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed Economia 2 2 Scienze integrate 2 2 Scienze motorie e sport. 1 +1* 1 +1* IRC Fisica/Chimica 2 2 Scienze umane - Psicologia Storia dell arte ed elementi grafici 1 +1* 1 Musica 1 +1* Metodologie operative 2+2* 2+2* 3 1 Seconda lingua Igiene/cultura medico-s Diritto e legislazione Tecnica amministrativa 2 3 Tot. ore Percorsi ed esperienze caratterizzanti: - Laboratorio sul gioco (classe 1^) - Laboratorio Comunicare le emozioni (classe 2^) - I cinque sensi : la danza come animazione (classe 3^) - Corso di Linguaggio Italiano dei Segni (classe 4^) - Avviamento all ambito ospedaliero e Corso di Primo Soccorso (classe 4^) ESPERIENZE PROFESSIONALIZZANTI - Corsi residenziali (due per ogni annualità di tre giorni) - Percorsi professionalizzanti, pomeridiani, settimanali: Laboratorio musicale, Laboratorio teatrale, Laboratorio di comunicazione - Tirocinio: classi 3^ e 4^ (tre settimane a fine anno scolastico, dal 18 maggio al 5 giugno 2015; classe 5^ (due settimane nel mese di gennaio) - Simulazioni di situazioni e attività in preparazione agli stage - Learning weeek: sviluppo di competenze personali e relazionali (classe 4^) quando è possibile accedere ai Bandi 7

8 LICEO DELLE SCIENZE UMANE - Il Liceo delle Scienze umane, attraverso la relazione tra le discipline, si propone di favorire nello studente un sapere integrato che lo metta in grado di rispondere agli interrogativi della società complessa di oggi e rispecchi l integralità della persona. La proposta culturale della nostra scuola, che ha come perno il concetto di persona in un ottica cristiana, diviene proposta formativa; il conoscere diviene un conoscersi, il semplice sapere diviene saper fare e saper essere attraverso l uso della razionalità, la capacità critica, l esercizio della logica, l esperienza in campo e l esercizio della libertà, matrice della produzione della cultura. Nel primo biennio il percorso di studi si incentra sullo studio delle discipline in una prospettiva sistematica e storica; vengono acquisite abilità di osservazione e relazione, documentazione, analisi e lettura comparata, valorizzando così il metodo nel processo di apprendimento. Questo porta lo studente a ricercare il perché dei fenomeni, il senso del sapere e la consapevolezza metacognitiva, padroneggiando gli strumenti espressivi e argomentativi. Il secondo biennio e il quinto anno sono caratterizzati da una comprensione approfondita della realtà, affinché lo studente si ponga con approccio razionale, creativo, progettuale e critico di fronte alle situazioni, ai fenomeni e ai problemi ed acquisisca conoscenze, abilità e competenze adeguate alla propria crescita personale, al proseguimento degli studi di ordine superiore e all inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro. Lo studio è caratterizzato dalla pratica dei metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari: l esercizio di lettura, analisi, interpretazione di testi letterari, filosofici, storici, saggistici e di opere d arte. Al raggiungimento di questo profilo contribuiscono gli approfondimenti che gli studenti possono scegliere tra i due che la scuola propone: espressivo- musicale e psicologico. Ambedue offrono, grazie all approccio didattico di tipo laboratoriale, opportunità di sperimentarsi in differenti situazioni, attraverso cui maturare competenze comunicative, relazionali, espressive e critiche che danno un valore aggiunto al percorso liceale proprio sotto la dimensione culturale e umana, in tutti i suoi aspetti. Il profilo è arricchito dalla possibilità data agli alunni del 3 e 4 anno di vivere, nel periodo estivo, l esperienza lavorativa attraverso l alternanza scuola- lavoro. Ogni percorso o esperienza che porti ad acquisire una competenza disciplinare e/o di cittadinanza viene registrata nel portfolio di cui ogni studente è dotato fin dalla classe prima. 8

9 Il percorso permette, al decimo anno di scolarizzazione, l assolvimento dell obbligo scolastico (normativa 2010) e il rilascio della certificazione di competenza redatta secondo la normativa vigente sui cinque assi disciplinari. Il titolo finale è di diploma di Liceo delle Scienze umane (LSU). Classi 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e Letteratura italiana Lingua e cultura latina Storia e Geografia 3 3 Storia Filosofia Scienze umane Diritto ed Economia 2 2 Lingua e cultura straniera: Inglese Matematica Fisica Scienze naturali Storia dell arte Scienze motorie e sportive IRC Approfondimento espressivomusicale oppure Approfondimento Psicologia applicata Tot. ore ore facoltative Percorsi ed esperienze caratterizzanti: - Corso formazione Animatori (classe 3^) - Progetto EXPO (percorso solidarietà) - Alternanza scuola lavoro (classi 3^ e 4^) - La forza della parola : percorso letterario filosofico- psicologico (cl. 3^ e 4^) - Educazione all interculturalità (classe 4^) - Laboratorio espressivo- teatrale 9

10 LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Il Liceo scientifico scienze applicate intende favorire lo sviluppo di tutte le risorse della persona, vista nella sua integralità. Con l interazione delle scienze matematiche, fisiche, naturali e la peculiarità dell informatica e della didattica laboratoriale, il percorso scientifico favorisce l accostamento a diversi metodi disciplinari così che lo studente impari a valutare i criteri di affidabilità dei risultati in essi raggiunti, possa condurre ricerche e approfondimenti personali in un processo graduale e continuativo di progettualità. Lo studente impara ad argomentare e a cogliere la differenza tra la ricerca dei perché di ambiti fenomenici particolari e quella di un perché della totalità, in cui sia incluso il suo essere persona aperta alla trascendenza. La persona, nella sua integralità, è infatti il centro e il perno dell attività educativa e conoscitiva. Sullo sfondo, come linee guida dell apprendimento, sono declinate e sviluppate, a tutti i livelli, le competenze chiave di cittadinanza. Nel primo biennio l attività scolastica si fonda prevalentemente sullo studio di strutture logico- formali, con particolare riferimento all osservazione e alla descrizione dei fenomeni, all acquisizione e interpretazione delle informazioni, sviluppando competenze comunicative, di collaborazione e di partecipazione, abilità di sintesi e di metacognizione, avviando lo studente all utilizzo degli strumenti espressivi ed argomentativi. Nel secondo biennio e nel quinto anno lo studente va gradualmente a intersecare contenuti di diverse discipline, padroneggiandone le procedure e i metodi di indagine propri. Interpreta le informazioni e individua collegamenti e relazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, la propensione a risolvere problemi e ad agire in forma autonoma e responsabile: competenze adeguate alla crescita personale, al proseguimento degli studi di ordine superiore e all inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro. La nostra scuola, in autonomia, offre allo studente l opportunità di scegliere tra due approfondimenti, a partire dalle sue attitudini personali: uno di fisiologia sportiva, attraverso la teoria e la pratica dell allenamento, e l altro di informatica. Tali opportunità permettono di sviluppare processi di apprendimento, linguaggi e stili comunicativi che consentono un ulteriore esercizio delle abilità logiche e arricchiscono lo studente di nuovi punti di vista sulla realtà. Il profilo è arricchito dalla possibilità data agli alunni del 3 e 4 anno di vivere, nel periodo estivo, l esperienza lavorativa attraverso l alternanza scuola- lavoro. Ogni percorso o esperienza che porti ad acquisire una competenza disciplinare e/o di cittadinanza viene registrata nel portfolio di cui ogni studente è dotato fin dalla classe prima. 10

11 Il percorso permette, al decimo anno di scolarizzazione, l assolvimento dell obbligo scolastico (normativa 2010) e il rilascio della certificazione di competenza redatta secondo la normativa vigente sui quattro assi disciplinari. Il titolo finale è di liceo scientifico scienze applicate (LS sa). Classi 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e Letteratura italiana Lingua e cultura straniera Storia e Geografia 3 3 Storia Filosofia Matematica Informatica Fisica Scienze naturali Disegno e storia dell arte Scienze motorie IRC Approfondimento sportivo oppure Approfondimento informatico Tot. ore ore facoltative Percorsi ed esperienze caratterizzanti: - Musei aziendali: Ducati e MUMAC (classi 3^) - Percorso sull acquisizione del metodo scientifico - Progetto EXPO 2015 (percorso naturalistico ambientale) - Alternanza scuola lavoro (classi 3^ e 4^) - Lezioni di chimica e fisica in lingua inglese - Kangourou della matematica e dell informatica - Percorsi sportivi: canoa, judo, arrampicata, atletica, rugby, fitness, rieducazione traumatologica sportiva 11

12 4. PERCORSO FORMATIVO Lo slogan scelto per questo anno scolastico è: Ci sto... con stile che racchiude prima l idea di una risposta personale ad un invito, quello di una proposta di cultura umana e fondata sul vangelo, quale quella delle scuole salesiane sviluppata attraverso una serie di atteggiamenti e scelte che qualificano una vita che mira alla libertà e alla felicità piena, la beatitudine. L itinerario propone obiettivi, atteggiamenti e contenuti da declinare e approfondire a seconda dei destinatari. Tale percorso è curato attraverso il buongiorno e gli apporti delle diverse discipline e viene ripreso durante le giornate formative, le celebrazioni e le feste. E un attività collegiale volta a favorire negli alunni atteggiamenti positivi, a promuovere valori, a perseguire risultati che si vogliono documentare come fattori di benessere con se stessi, con gli altri, con Dio. In particolare viene così articolato: Per le classi 1^: percorso di educazione alla conoscenza di sé e alla formazione del gruppo classe a partire da alcune regole e valori fondanti il Sistema preventivo. Per le classi 2^: educazione all autovalutazione e alla gestione delle proprie emozioni attraverso il confronto con figure significative dell ambito salesiano per apprendere i fondamentali della spiritualità salesiana. E previsto il percorso di educazione affettiva. Per le classi 3^: riflessioni e confronto a partire dalla ricerca di senso operata da Sant Agostino Non uscire fuori di te, rientra in te stesso; la verità sta nell'intimo dell'anima umana per conoscere ed elaborare intelligenza emotiva, vissuto empatico e relazionale, bisogni e fatiche al fine di costruire una solida identità personale orientata alla pienezza della vita e alla trascendenza. Per le classi 4^: riflessioni e confronto sul tema della libertà dai condizionamenti propri e sociali e il confronto con pensieri, autori, figure che hanno cercato di interpretare e testimoniare degli stili di vita piena. Per le classi 5^: confronto con tematiche di valore etico che portino a sviluppare senso critico, autonomia nelle scelte, ad orientarsi nella propria vocazione per costruire un progetto di vita fondato su una visione antropologico- cristiana della vita. 12

13 5. PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA Cittadinanza e Costituzione Il progetto di Cittadinanza e Costituzione per l a.s ( PartecipAnima 2015 ) segue la scansione tematica di quello ispettoriale, che prevede il tema Impegno e responsabilità, e si basa sulla teoria e pratica salesiana dell animazione, intesa come (provocazione alla) partecipazione libera, (cor)responsabile e creativa. L'animazione che, come afferma Franco Floris, ha anche una dimensione politica1 è infatti capace di creare quei legami comunitari che danno senso al principio di legalità come presidio/custodia dell'essere insieme2. Le feste, le occasioni culturali e ludiche, le elezioni studentesche e la partecipazione degli studenti agli OOCC sono, dunque, occasioni di protagonismo e creatività (in particolare in occasione dell Expo 2015) che il presente progetto desidera trasformare in veri e propri compiti in situazione per implementare le competenze chiave di cittadinanza (DM 22 agosto 2007). Il progetto si propone la finalità di formare buoni cittadini (cfr competenze chiave di cittadinanza, in particolare agire in modo autonomo e responsabile, collaborare e partecipare e progettare, nello spirito del Sistema preventivo). L essere buoni cittadini implica dunque l azione responsabile e la collaborazione all interno della cornice rappresentata dalle norme (dal regolamento d Istituto alla Costituzione della Repubblica), all interno di un ethos condiviso di matrice evangelica. 1 Franco Floris, Quando si può parlare di animazione? Riflessioni a partire dal lavoro con adolescenti, in AAA Sistema preventivo cercasi Studi (materiali del seminario nazionale SP, Roma, Salesianum, 8-11 dicembre 2005), pp Adriano Patti, Perché la legalità? Le ragioni di una scelta, Vita e Pensiero, Milano 2013, pp

14 Il progetto si pone, quindi, come organizzatore di una serie di attività di raccordo- fra/funzionali- ad alcuni importanti processi educativi avviati nell Istituto (tra i quali, buongiorno, elezioni, formazione RdC e comitato studentesco, progetto Expo ecc.). Interculturalità Opportunità di sostenere e riconoscere le esperienze di scuola all estero accompagnando gli studenti nel recupero delle conoscenze disciplinari nel momento del rientro. Progetto educazione affettiva e sessuale Il percorso, destinato alle classi 1^, 2^ e 3^ liceo e 1^, 2^, 3^ e 4^ IP, ha l obiettivo di presentare la sessualità come valore e come dimensione fondante la persona umana. Il progetto è basato sul concetto portante di relazione da considerarsi come bisogno fondamentale dell uomo di incontrare l altro nella sua integralità e in tutte le sue dimensioni: corporea, relazionale e spirituale. Progetto orientamento Le attività di Orientamento sono coordinate da una commissione che ha il compito, unitamente al Collegio Docenti e ai rispettivi Consigli di Classe, di promuovere e curare attività relative a: 1. Orientamento alla conoscenza di sé e alla costruzione del gruppo classe 2. Ri- orientamento o sviluppo delle proprie risorse in ordine al corso di studio e ad uno sviluppo armonico della personalità 3. Orientamento all Università e al lavoro. In particolare, per l orientamento all Università, le attività annualmente previste sono: Incontro formativo- progettuale per offrire criteri per una scelta consapevole del futuro percorso di studio Intervento dei responsabili dell orientamento delle Università Milano Cattolica e Ingegneria o Politecnico, Sportello di incontro con ex- allievi studenti universitari e neo- laureati Incontro con alcune figure professionali che presentino le peculiarità del mondo del lavoro e le sue esigenze. Possibilità di un test per consolidare la conoscenza delle proprie attitudini (COSPES) 14

15 Viaggi di istruzione e visite guidate Sulla base delle programmazioni annuali possono essere organizzati: - un viaggio di istruzione (di uno o più giorni a seconda delle classi) in località di interesse culturale; - alcune visite guidate (della durata di una giornata) relative ad interessi presenti nella programmazione del Consiglio di Classe. - non si effettuano viaggi di istruzione nell ultimo mese di lezione; - la responsabilità dell organizzazione è sempre di un docente del Consiglio di Classe, previa approvazione dello stesso. Sono organizzate settimane culturali all estero per il consolidamento della lingua o in località di montagna per progetti ambientali o sportivi (tempo di carnevale ed estivo). Manifestazioni sportive In relazione all attività sportiva proposta dagli Insegnanti di Educazione fisica, gli alunni di tutte le classi possono partecipare ad alcune manifestazioni interne (gare di atletica e tornei sportivi) ed esterne, che la scuola seleziona, organizzate da Enti della Provincia, del Comune o di Associazioni private. Progetto accompagnamento e recupero A partire dalla valutazione del 1 bimestre, gli insegnanti, all interno della propria disciplina, organizzano momenti di ripresa dei contenuti e di recupero delle lacune anche attraverso il lavoro individualizzato e a piccoli gruppi in tempo scolastico e/o extrascolastico. Nel secondo quadrimestre si intensificano le attività di recupero e/o gli sportelli didattici, in particolare per le discipline di italiano, matematica, inglese in relazione alle necessità della classe in vista del superamento delle criticità. Nel mese di giugno, al termine delle lezioni, si organizzano corsi di recupero per gli studenti che, nello scrutinio finale, presentano sospensione di giudizio. Attività pomeridiane extrascolastiche Nell ambito dell ampliamento dell offerta formativa la scuola propone attività complementari che mirano anzitutto all associazionismo, all acquisizione o perfezionamento di abilità e all esercizio di proprie attitudini; tali attività richiedono un contributo economico. Esse sono: - cineforum (Associazione CGS) - laboratorio di teatro (Associazione CGS) - gruppo musicale (Associazione CGS) - gruppo animatori salesiani (MGS) 15

16 attività di volontariato con l Associazione VIDES certificazione competenze europee (PET, FIRST certificate) patente Europea di Informatica (ECDL) studio assistito Alternanza Scuola- Lavoro per i Licei Dal terzo anno gli studenti possono, nel periodo estivo, vivere l esperienza lavorativa, così come il corso di formazione al lavoro tenuto da esperti dell ambito. La parte preparatoria e introduttiva viene vissuta presso la scuola con: - Giornate formative tenuti da esperti - Simulazioni relative al colloquio di lavoro - Stesura del curriculum vitae L esperienza vera e propria si svolge presso: - Centri psicopedagogici - Agenzie di comunicazione - Associazioni ONLUS - Scuole dell Infanzia - Comunità di accoglienza - Laboratorio ospedaliero Tali esperienze sono seguite da tutor aziendali e scolastici e vengono raccolte nel fascicolo personale con attribuzione di crediti formativi. 16

17 6. I FATTORI La Scuola "Maria Ausiliatrice" realizza i profili e i percorsi per mezzo di alcuni fattori che ne esprimono l identità quali: A. uno specifico modello comunitario di educazione B. i processi di insegnamento e di apprendimento di qualità con caratteristiche ispirate alla tradizione educativa e pedagogica salesiana C. un ambiente scolastico culturalmente ed educativamente salesiano A. La comunità educante della scuola La scuola Maria Ausiliatrice è strutturata fondamentalmente in comunità Vi entrano a diverso titolo, con pari dignità e nel rispetto delle vocazioni, dei ruoli e delle competenze specifiche, religiosi e laici: personale docente e non docente, genitori, allievi ed exallievi, uniti da un patto educativo che li vede impegnati nel reciproco processo di formazione e che costituisce la Comunità educante. Persone di riferimento: La Direttrice dell Istituto: è, per procura del Legale Rappresentante dell Ente Gestore, il gestore della scuola. Nella tradizione salesiana la Direttrice: - mantiene vivo lo spirito e lo stile dei Fondatori tra i Docenti, i genitori e gli allievi e si fa garante del carisma nei confronti della comunità ecclesiale e della società civile; - promuove la collaborazione, la corresponsabilità e la formazione permanente delle componenti la Comunità Educativa; - fa parte di diritto del Consiglio d Istituto e ha facoltà di partecipare ai Collegi Docenti e alle Assemblee; - si avvale della collaborazione di: - Coordinatrice educativo- didattica/preside per quanto riguarda la programmazione didattica, l'andamento disciplinare, i rapporti con le famiglie, le autorità scolastiche, - Commissione educazione alla fede - il personale docente a cui è affidata la conduzione del progetto educativo - didattico della scuola. - la Segretaria didattica ed amministrativa per tutti gli adempimenti istituzionali. 17

18 B. I processi di insegnamento e apprendimento Nella scuola i processi di insegnamento e di apprendimento, come le di- scipline di studio, il metodo di lavoro, l ambiente e la vita intera introducono all incontro vivo e vitale con il patrimonio culturale in dialogo fecondo con la Rivelazione cristiana. Secondo lo spirito del sistema preventivo, nella relazione educativa didattica il docente: - va incontro all alunno nella sua situazione personale - aiuta a superare le difficoltà di apprendimento e di metodo - - fa appello alla ragione dell alunno con amorevolezza sviluppa il suo sentimento di appartenenza, collaborazione e simpatia verso i colleghi e l autorità. Ne conseguono alcune convinzioni, caratteristiche del sistema preventivo: - possiede una conoscenza chi la comunica in modo da essere compresa dall interlocutore - comunica chi riceve una risposta al proprio messaggio - nell educazione non basta voler bene all alunno: è necessario che egli si accorga ed accetti di essere guidato. C. L ambiente Secondo la tradizione salesiana la nostra Comunità Educante favorisce rapporti interpersonali tra docenti e alunni al di là delle relazioni didattiche, per accompagnarli e orientarli. Le attività non si riducono allo svolgimento del programma curricolare, ma comprendono altre esigenze dell alunno, per cui il tempo di permanenza nella scuola si estende oltre l orario scolastico. In orario pomeridiano e/o serale le strutture scolastiche sono utilizzate, secondo lo specifico calendario, per le attività extrascolastiche e per l Oratorio parrocchiale feriale e festivo. 18

19 7. LE STRUTTURE DI PARTECIPAZIONE DELLA SCUOLA Ai sensi della lettera c), comma 4, articolo unico della legge n. 62/2000, nella nostra Scuola sono attivate le seguenti strutture di partecipazione: 1. il Consiglio d Istituto che verifica la congruenza delle proposte educativo- didattiche ai criteri espressi nel PENS; 2. il Collegio dei Docenti che programma gli orientamenti educativo- didattici nei momenti di proposta, discussione e verifica; 3. il Consiglio di Classe /Equipe pedagogica che analizza i problemi della classe, ne ricerca soluzioni adeguate e valuta il progresso di ogni alunno nella maturazione personale e nell apprendimento; 4. l Assemblea di classe dei genitori che condivide la programmazione educativo- didattica, dà il proprio apporto alla ricerca di soluzione dei problemi della classe, fa proposte in ordine al miglioramento della qualità del servizio scolastico; 5. il Comitato dei rappresentanti di classe dei genitori che collabora all organizzazione e animazione di alcune iniziative scolastiche e formative; 6. l Assemblea di classe degli alunni della Scuola Superiore che tratta i problemi della classe, propone gli impegni educativi che intende assumere nell anno scolastico e ne verifica l attuazione; 7. la Consulta dei rappresentanti degli alunni della Scuola Superiore che anima la partecipazione dei compagni alle attività e proposte for- mative della scuola. 19

20 8. LE RISORSE La gestione delle risorse di personale, economiche, degli immobili e delle attrezzature viene fatta secondo il Progetto Educativo e con la dovuta trasparenza ai sensi delle disposizioni della legge n. 62/2000. La Scuola è gestita da un Ente con personalità giuridica, senza fine di lucro. Agli effetti fiscali la nostra Scuola è un Ente non commerciale, che esercita attività di impresa. L attività scolastica è esente da IVA e la retta alunni è considerata come corrispettivo. La Comunità religiosa contribuisce in maniera consistente al bilancio della Scuola con il lavoro dei propri membri, mettendo a disposizione ambienti e strutture e sollecitando il contributo pubblico e privato per consentire la frequenza della scuola anche a ragazzi di famiglie non abbienti. Le risorse che la nostra Scuola mette a disposizione sono: - il personale - gli immobili - le strutture - le attrezzature - le risorse finanziarie - le associazioni promosse dall Ente CIOF Le risorse finanziarie La retta della nostra Scuola viene commisurata alle necessità di bilancio; è valutata nelle sue conseguenze apostoliche e sociali e calcolata sui costi reali di gestione, distinguendo tra attività didattica ed extra- didattica. Viene annualmente definita e proposta dal Consiglio della Casa e approvata dal Consiglio d Istituto. Agli effetti sindacali il personale laico della scuola è, generalmente, dipendente; i diritti- doveri sono assicurati dal Contratto Nazionale di Lavoro AGIDAE. Esso ne assicura lo stato giuridico di docente, ne precisa i diritti e doveri e definisce anche i diritti- doveri dell istituzione scolastica. Ai fini della trasparenza amministrativa, ai sensi dell articolo 1, comma 4, lettera a), legge n. 62/2000, viene indicato che: - gli edifici, le attrezzature e gli spazi di cui gode la scuola sono di proprietà dell Ente Giuridico Istituto Maria Ausiliatrice delle Salesiane di Don Bosco con sede in Milano - Via Bonvesin de la Riva, 12 - la gestione amministrativa della scuola è affidata all Amministratrice. 20

INDICE PREMESSA 1. SCELTE EDUCATIVE 2. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

INDICE PREMESSA 1. SCELTE EDUCATIVE 2. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA INDICE PREMESSA 1. SCELTE EDUCATIVE 2. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA 3. PROFILI IN USCITA E PIANI DI STUDIO - Istituto Professionale Servizi socio-sanitari - Istituto Professionale per i Servizi

Dettagli

INDICE 2. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA 5. PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

INDICE 2. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA 5. PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE PREMESSA 1. SCELTE EDUCATIVE 2. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA 3. PROFILI IN USCITA 4. PERCORSO FORMATIVO 5. PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA 6. I FATTORI 7. LE STRUTTURE

Dettagli

INDICE PREMESSA 1. SCELTE EDUCATIVE 2. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ 3. SCUOLA PRIMARIA 3.1 PROFILO IN USCITA 3.

INDICE PREMESSA 1. SCELTE EDUCATIVE 2. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ 3. SCUOLA PRIMARIA 3.1 PROFILO IN USCITA 3. INDICE PREMESSA 1. SCELTE EDUCATIVE 2. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ 3. SCUOLA PRIMARIA 3.1 PROFILO IN USCITA 3.2 PIANO DI STUDI 4. PERCORSI FORMATIVI 5. PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA

Dettagli

INDICE PREMESSA 1. SCELTE EDUCATIVE 2. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ 3. SCUOLA PRIMARIA 3.1 PROFILO IN USCITA 3.

INDICE PREMESSA 1. SCELTE EDUCATIVE 2. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ 3. SCUOLA PRIMARIA 3.1 PROFILO IN USCITA 3. INDICE PREMESSA 1. SCELTE EDUCATIVE 2. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ 3. SCUOLA PRIMARIA 3.1 PROFILO IN USCITA 3.2 PIANO DI STUDI 4. PERCORSI FORMATIVI 5. PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA 2015/2016 1 PREMESSA Come specificato nelle Nuove Indicazioni, la scuola primaria, insieme alla scuola secondaria

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011 PEI Pagina 1 LA DOMANDA FORMATIVA La nostra scuola è consapevole di essere una risposta alle esigenze formative delle famiglie del territorio come descritto nel PEN:

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA

PIANO OFFERTA FORMATIVA PIANO OFFERTA FORMATIVA La scuola Falcone Borsellino appartiene all Istituto comprensivo Arbe Zara SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FALCONE BORSELLINO scuola PRIMARIA S.T.Fabbri di viale Zara 96 ISTITUTO

Dettagli

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA UFFICIO LEGISLATIVO Schema di decreto legislativo concernente le norme generali relative al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione ed i livelli essenziali delle prestazioni in materia

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PIANO dell OFFERTA FORMATIVA

PIANO dell OFFERTA FORMATIVA PIANO dell OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA S. AGOSTINO ANNO SCOLASTICO 2013/14 INDICE Premessa pag. 3 La scuola primaria parificata S. Agostino.. pag. 4 Capitolo 1: Progettazione educativa

Dettagli

S uo u l o a l M e M di d a M T A E T R E IA I I I I R ligi g on o e n catt t o t l o ica Ita t liano

S uo u l o a l M e M di d a M T A E T R E IA I I I I R ligi g on o e n catt t o t l o ica Ita t liano SALESIANI DON BOSCO LA STORIA Una tradizione più che centenaria I SALESIANI OGGI A FIRENZE La Scuola Media Il Liceo Scientifico Residenza universitaria ParrocchiaOratorio Casa per ferie Sala Esse STILE

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2015/2016 CLASSE I I I E

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2015/2016 CLASSE I I I E ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE I I I E COORDINATRICE: prof.ssa Cristina Friso Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate

Dettagli

La scuola in Italia Un diritto - dovere Informarsi

La scuola in Italia Un diritto - dovere Informarsi La scuola in Italia Un diritto - dovere La Costituzione italiana riconosce il diritto all istruzione e alla formazione per tutti. L istruzione e la formazione non sono solo un diritto, ma sono anche un

Dettagli

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn)

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Liceo Russell. Investire in cultura conviene Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Il profilo e l identità culturale del liceo contemporaneo rispondono alle esigenze di un presente sempre

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL GESTORE ISTITUTO SALESIANO DELL IMMACOLATA a.s. 2015/2016

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL GESTORE ISTITUTO SALESIANO DELL IMMACOLATA a.s. 2015/2016 DOMANDA DI ISCRIZIONE MOD 1 Pag. 1 di 3 DOMANDA DI ISCRIZIONE AL GESTORE ISTITUTO SALESIANO DELL IMMACOLATA a.s. 2015/2016 _l_ sottoscritt (Cognome e nome) nat a il padre madre tutore dell alunn (Cognome

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

ISTITUTO CAMILLO FINOCCHIARO APRILE PALERMO

ISTITUTO CAMILLO FINOCCHIARO APRILE PALERMO POF: contenuti essenziali per una consultazione rapida ISTITUTO CAMILLO FINOCCHIARO APRILE PALERMO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Il POF o Piano dell Offerta Formativa è il documento con cui l Istituto definisce

Dettagli

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.)

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) Chi siamo? È questa la tua scuola? La nostra scuola c è dal 1870. Prima come Istituto Magistrale, poi

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

Piano dell Offerta Formativa

Piano dell Offerta Formativa Piano dell Offerta Formativa 2014-2015 1 Indice Presentazione della scuola... 3 Carta di identità... 3 Finalità... 3 Filosofia della scuola... 3 AGeSC... 4 Contratto formativo... 5 Premessa... 5 Docenti...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 1 PREMESSA Come specificato nelle Nuove Indicazioni la scuola primaria, insieme alla scuola secondaria di I grado

Dettagli

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma Linee programmatiche Pof 2013/2014 Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado Nella consapevolezza della relazione che unisce cultura, scuola e persona, la finalità della scuola è lo sviluppo armonico

Dettagli

Regolamento interno personale direttivo e docente

Regolamento interno personale direttivo e docente Istituto Maria Ausiliatrice di Giaveno Scuola Primaria Parificata Paritaria e Secondaria di 1 grado Paritaria Via Maria Ausiliatrice, 55-10094 Giaveno (TO) Tel. 011.937.60.71 - Fax 011.936.30.11 e-mail:

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale

Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale Piazzale San Sepolcro, 4100 Parma Tel. 051/8176 Fax 051/0641 e-mail albertina@sanvitale.net Web www.sanvitale.net Dove siamo Sede: Piazzale San Sepolcro,

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Via F.lli Cervi, 4 27011 Belgioioso (PV) Tel. 0382 969143 0382 960306-fax. 038 2972315 e-mail uffici : sms.adanegri.belg@libero.it

Dettagli

PREMESSA. Nell Istituto Maria Ausiliatrice la Scuola dell Infanzia e la Scuola Primaria :

PREMESSA. Nell Istituto Maria Ausiliatrice la Scuola dell Infanzia e la Scuola Primaria : Pag. 1 di 6 PREMESSA Il presente Regolamento intende disciplinare i rapporti interni tra l'ente Giuridico Istituto Maria Ausiliatrice delle Figlie di Maria Ausiliatrice con sede legale in Novara (NO),

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO "BIANCHI DOTTULA"

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO BIANCHI DOTTULA I NUOVI LICEI D.Lgs 226/ 05 Moratti D.L 112/ 08 conv L 133/ 08 razionalizzazione uso risorse DPR 89 del 15.03.2010 Gelmini Indicazioni nazionali Liceo Artistico Liceo Classico Liceo Linguistico Liceo delle

Dettagli

Scuola Primaria Trento TROVA

Scuola Primaria Trento TROVA Scuola Primaria Trento TROVA Carissimi genitori e bambini, sono lieto di farvi giungere il mio più cordiale saluto e, al tempo stesso, presentarvi il Collegio Arcivescovile. È una scuola di lunga tradizione

Dettagli

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali LICEO SCIENTIFICO Viale San

Dettagli

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino Carissimi alunni, gentili genitori, questo opuscolo è stato pensato per far conoscere l offerta formativa della nostra scuola a

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Progetti comuni ai vari indirizzi e confermati negli anni: Progetti caratterizzanti

Progetti comuni ai vari indirizzi e confermati negli anni: Progetti caratterizzanti I Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché egli si ponga, con atteggiamento razionale, creativo,

Dettagli

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale p.za S. M. Ausiliatrice, 60 Roma INTEGRAZIONE P.O.F. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Premessa Il presente documento è una integrazione al POF valido per il triennio 2013-2015. Di seguito sono presentati i dati

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan. Il ponte non è sostenuto da LA CONCRETEZZA DELL'INVISIBILE Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, -

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE. Finalità e percorsi formativi della Sezione Primavera

SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE. Finalità e percorsi formativi della Sezione Primavera SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE l Ente Giuridico CASA MARIA AUSILIATRICE delle Salesiane di Don Bosco, con sede in Varese, Piazza Libertà, 9, in persona del Legale Rappresentante pro tempore Vilma Maria

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2014/15

ISCRIZIONI a.s. 2014/15 - 0652209322 ISCRIZIONI a.s. 2014/15 27/01/2014 ISCRIZIONI entro il 28 febbraio SCUOLA SECONDARIA I grado: on line 27/01/2014 Adempimenti delle famiglie - individuare la scuola d interesse (anche attraverso

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Asse* LINGUAGGI Materia SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATORE/I MAROTTA ROBERTO VINCENZO 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Da acquisire al

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado CHI SIAMO La SSF Rebaudengo di Torino è un istituzione universitaria affiliata alla Facoltà di Scienze

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 1 un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI per il MARKETING SISTEMI

Dettagli

Piano Offerta Formativa Sintesi del POF anno scolastico 2009-2010

Piano Offerta Formativa Sintesi del POF anno scolastico 2009-2010 S C U O L A P R I M A R I A M A R I A C O N S O L AT R I C E Piano Offerta Formativa Sintesi del POF anno scolastico 2009-2010 Identità L istituto Maria Consolatrice ospita una Scuola dell Infanzia (con

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA

Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA LICEO SCIENTIFICO COSSATO & VALLEMOSSO LICEO DELLE SCIENZE UMANE COSSATO LICEO LINGUISTICO COSSATO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE (Potenziamento Linguistico - Antropologico) Il Liceo delle Scienze Umane completa la formazione umanistica con materie relative all area psicologica, sociale e formativa allo

Dettagli

LICEO CLASSICO VIRGILIO. Dirigente Scolastico: Prof.ssa Maria Carmela Taronna

LICEO CLASSICO VIRGILIO. Dirigente Scolastico: Prof.ssa Maria Carmela Taronna LICEO CLASSICO VIRGILIO con sezione staccata del Liceo Scientifico di Carpino tel.0884-991220 Fax. 0884967098 E-mail: fgpc090002@istruzione.it P.E.C.fgpc090002@pec.istruzione.it Dirigente Scolastico: Prof.ssa

Dettagli

Z. Bauman, rielaborato da studenti di prima liceo

Z. Bauman, rielaborato da studenti di prima liceo Non esistono nè maestri nè allievi, o meglio, ognuno impara da se stesso, ma soprattutto dal mondo che lo circonda; lo stesso fa chi ci sta a fianco, che prenderà insegnamenti da noi e così il mondo è

Dettagli

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Oberdan: la strada per il mio futuro Liceo Liceo delle Scienze Umane Liceo Economico Sociale (LES) Tecnico economico Amministrazione, finanza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015-2016 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

4. INDIRIZZI E PIANI DI STUDIO

4. INDIRIZZI E PIANI DI STUDIO Liceo G.F. Porporato anno scolastico 2013-2014 4. INDIRIZZI E PIANI DI STUDIO 4.1 Profilo Indirizzo Classico Corso di studi quinquennale Titolo di studio: Diploma di Liceo Classico L indirizzo classico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATORE: prof. Alessandro Pepe COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE Pepe Alessandro

Dettagli

Istituto comprensivo M. Anzi di Bormio

Istituto comprensivo M. Anzi di Bormio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO M. ANZI DI BORMIO Piazza V Alpini, 5-23032 Bormio (SO) - Tel. e fax: 0342/901467 C.F. 93022020148 Sito web: http://www.comprensivobormio.gov.it/

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI (D.P.C.M. 15/06/1995 n. 138) Anno scolastico 2016/2017

CARTA DEI SERVIZI (D.P.C.M. 15/06/1995 n. 138) Anno scolastico 2016/2017 CARTA DEI SERVIZI (D.P.C.M. 15/06/1995 n. 138) Anno scolastico 2016/2017 Ente promotore e gestore E il Centro Studi Don Bosco ONLUS - Società Cooperativa Sociale, con sede legale in Perugia via Cortonese,

Dettagli

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico.

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico. Le proposte dal 2010-2011 Il Liceo Galilei attua la Riforma Gelmini, varata il 4 febbraio 2010, avvalendosi di un esperienza didattica e formativa maturata negli anni e supportata da un attento piano di

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SANDRO PERTINI. Istituto comprensivo MARGHERITA HACK

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SANDRO PERTINI. Istituto comprensivo MARGHERITA HACK SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SANDRO PERTINI Istituto comprensivo MARGHERITA HACK SITO SCOLASTICO www.istitutocomprensivodiassago.gov.it NELLA SCUOLA SECONDARIA Strutture Aule dotate di L.I.M. Aula

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo.

Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo. Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo.it Sito: www.istitutomattei.it INDICE Chi siamo Profilo culturale,

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LA NOSTRA IDENTITÀ Liceo Linguistico Regina Mundi Siamo una scuola cattolica e questa appartenenza ci definisce come uomini e professionisti Siamo impegnati a verificare

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA

LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Montebelluna 2 LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Accertata IL CONSIGLIO DI ISTITUTO il DPR 275/99

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

garantire la coerenza e la gradualità del percorso formativo di ogni alunno;

garantire la coerenza e la gradualità del percorso formativo di ogni alunno; Indicazioni nazionali per il curricolo L'OFFERTA FORMATIVA Nel rispetto e nella valorizzazione dell autonomia delle Istituzioni scolastiche, le Indicazioni nazionali costituiscono il quadro di riferimento

Dettagli

SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE

SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE 2015/2016 2015/2016 2015/2016 CALENDARIO SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE VIA DALMAZIA ROMA SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Indicazioni Nazionali per il Curricolo Indicazioni Nazionali per il Curricolo Scuola dell infanzia e primo ciclo di istruzione Conferenza Stampa Mercoledì 6 Marzo 2013 MIUR- Sala della Comunicazione Ore 15:00-17:00 #InScuola Le nuove Indicazioni

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali 4.1 Le discipline IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali Il Regolamento in materia di autonomia scolastica consente alle Istituzione scolastiche di definire i curricoli e le quote orarie

Dettagli

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale p.za S. M. Ausiliatrice, 60 Roma INTEGRAZIONE P.O.F. ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Premessa Il presente documento è una integrazione al POF valido per il triennio 2013-2015. Di seguito sono presentati i dati

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGETTO: Con-TE-Sto

PROGETTO: Con-TE-Sto ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: Con-TE-Sto TITOLO DEL PROGETTO: Con-TE-Sto SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione culturale Area d'intervento: Centri di aggregazione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE CORSO SARDEGNA 86-16142 GENOVA GE TEL 010 8313718 (CENTRALINO) - FAX 010 8313719 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di primo

Dettagli

LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it

LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it Liceo delle Scienze Umane ed Economico - Sociale Dati generali Numero totale studenti 80 Numero totale docenti 85 Numero totale non docenti Numero classi

Dettagli