LAVORI 2-3 Polo scolastico, c è il progetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAVORI 2-3 Polo scolastico, c è il progetto"

Transcript

1

2

3 SOMMARIO LAVORI 2-3 Polo scolastico, c è il progetto SOCIALE 4-5 Integrazione, rifugiati a pesca di futuro Saharawi, per non dimenticare Case popolari, la graduatoria si aggiorna Ludoteche, nuovi laboratori per giocare TERRITORIO 6 Approvato il Piano Casa Foto di Copertina: Giardinieri al lavoro Antonio Biocca SPECIALE PUNTERUOLO ROSSO 7-10 Obiettivo da centrare Arriva dal sud-est asiatico Dai primi casi al Piano operativo EVENTI 11 Harbì punta sul teatro canzone Periodico di informazione del Comune di Grottammare Reg. Trib. Fermo n. 20 dell ANNO XIII - N Direttore responsabile: Pina Ventura Progetto grafico: Luisa Stipa Redazione e Impaginazione: Pina Ventura Stampa: Fast Edit-Acquaviva Picena Redazione e amministrazione Ufficio Stampa - Via Marconi, 50 Tel. e Fax Foto: Antonio Biocca Secondo Capriotti Massimiliano Binari Andrea Persiani Gessica Schiavi Pina Ventura Archivio Radio Incredibile Archivio Comune chiuso in tipografia il 12 gennaio 2010 BANDIERA BLU D EUROPA GUIDA BLU ECO-SCHOOLS CULTURA I lunedì d autore O che bel castello, il teatro ragazzi Letture animate in biblioteca SOCIETA Contributi per la sterilizzazione canina Lisa ritrova i gabbiani Albo pretorio on line Associazionismo: storie incredibili e volontariato IN AGENDA 16 Scadenze e contatti RUBRICA COMUNE Centralino Fax Ufficio Relazioni Pubblico Biblioteca comunale InformaGiovani Consulta stranieri Difensore Civico Sportello Legale Donna Polizia Municipale Protezione Civile Museo del Torrione MIC Ludoteca L isola che c è Ludoteca Stile Libero Gestor - riscossione tributi Distretto Sanitario Carabinieri UTENZE Enel Italgas Consorzio Idrico FARMACIE Comunale Dr. Cocci Grifoni Dr. Rivosecchi Ambulanze Misericordia UFFICIO POSTALE Via Etruria Via Pascoli FERROVIE DELLO STATO - INFORMAZIONI Bar della Stazione Ass.ne Lido degli Aranci TAXI Piazza San Pio V mobile SERVIZI AL TURISMO Ufficio turistico Visite guidate coop.girasole Noleggio auto e minibus NUMERO VERDE Manutenzioni Comunali

4 Architetture comunicanti LAVORI ed ecocompatibili per il futuro complesso in zona Ischia Polo scolastico, c è il La storia del polo scolastico inizia nel mese di luglio 2004, durante un assemblea pubblica che riunì una folta platea di giovani coppie residenti nelle zone in espansione a sud della città. Per la realizzazione il comune di Grottammare ha sperimentato una particolare modalità di gara, l appalto-concorso, in cui la progettazione è parte integrante dell offerta. Le tappe nodali: 19 gennaio 2007: la giunta comunale approva il progetto preliminare contenente le linee guida della progettazione. Il progetto è redatto dall ufficio tecnico comunale. 30 novembre 2007: scadenza del bando di appalto concorso, si mettono in evidenza due concorrenti, l ATI Asfaltronto- Imit e la Sipa spa. Nei mesi successivi, viene istituita la commissione giudicatrice - presieduta dall arch. Liliana Ruffini e composta dall arch. Fabio Viviani, dall ing. Fabio Sciarroni, l ing. Giuseppe Puglia, l ing. Diego Damer - per la valutazione dei progetti. 18 luglio 2008: aggiudicazione definitiva all associazione temporanea di impresa Asfaltronto-Imit. 13 ottobre 2009: approvazione del progetto definitivo. Il progetto del polo scolastico è un opera del valore totale di Come corrispettivo, la ditta appaltatrice otterrà, a conclusione dell opera, beni immobili di proprietà pubblica: l edificio scolastico in zona Ascolani e un area edificabile nei pressi della futura scuola, per una volumetria totale di metri cubi. Tali volumetrie sono state valutate dall impresa La differenza è stata versata nelle casse comunali. In merito all offerta temporale, cioè i tempi di realizzazione delle opere, la ditta vincitrice promette 650 giorni a partire dalla data di inizio dei lavori. Architetture comunicanti ed ecocompatibili. Dal progetto definitivo del nuovo polo scolastico destinato ai quartieri Ischia I e II emergono due interessanti caratteristiche che investono la nuova scuola già di un potere educativo ancor prima della posa del primo mattone: il valore delle relazioni e quello della sostenibilità. In queste pagine, ci si limiterà a fornire un illustrazione di massima più aderente agli aspetti funzionali del fabbricato, con la promessa che in futuro magari seguendone passo passo la costruzione - se ne potranno illustrare altri del complesso progetto del polo scolastico, elaborato da un pool di progettisti costituitosi per l occasione all interno dell associazione temporanea di imprese Asfaltronto-Imit: gli ingegneri Mauro Bracciani e Danilo Filiaggi e gli architetti Franco Core e Carla Pancaldi. Ambienti formativi stimolanti per una scuola inserita nel contesto sociale: è il primo dato che emerge e che non va confinato entro i perimetri interni. Nella relazione in cui i progettisti descrivono l idea si legge che l approccio alla progettazione è nato dalla necessità di stabilire un rapporto con le diverse parti che compongono la zona periferica del quartiere Ischia (centro commerciale l Orologio, attrezzature sportive, edifici residenziali di diverse tipologie, direttrici di traffico ad alto scorrimento) e dalla volontà di comprendere le aspettative dei futuri occupanti: bambini, ragazzi e adolescenti che si troveranno a convivere negli anni fondamentali della formazione scolastica e a condividere gli spazi di crescita sociale. In generale, è descritta una struttura di grande dinamismo, che tiene conto dei possibili movimenti delle persone sia negli spazi interni (aule per le atti- 4

5 progetto vità didattiche e extra didattiche, biblioteche, palestra), sia negli spazi esterni (giardini attrezzati, piazza, ecc.) al fine di garantire anche la flessibilità nell uso degli spazi. Inoltre, l intero complesso architettonico è stato concepito in modo tale da garantire possibili future trasformazioni, ampliamenti che potranno rendersi necessari in futuro sulla base dell andamento demografico. Quello qui annunciato si estende su una superficie totale di 6.265,31 mq e si sviluppa da est verso ovest. I volumi contenitori delle varie funzionalità scolastiche sono stati disposti in armonia con uno dei principi fondamentali della progettazione bioclimatica, secondo il quale la maggior parte del fabbisogno energetico di un edificio viene coperta dall irraggiamento solare, per cui l orientamento è di importanza fondamentale, come ben descrivono i bozzetti di queste pagine, di cui si cercherà di rendere ulteriori dettagli a parole. Scuola Infanzia L edificio è concepito come un unico blocco volumetrico a un piano, all interno del quale sono state inserite le seguenti funzionalità: - 6 sezioni con relativi bagni, spogliatoi e depositi, un atrio con una stanza per l assistenza all interno della quale sono stati ricavati sia un locale ufficio per il ricevimento delle famiglie che da un locale spogliatoio e servizio per gli insegnanti e una lavanderia; - un ambiente per le attività libere illuminato da grandi vetrate a tutta altezza, comunicante con il parco-giardino; - una mensa comunicante con il parco-giardino. Scuola primaria L edificio è composto da un blocco a due piani all interno del quale sono ospitati in parte al piano terra ed in parte al primo piano gli ambienti della scuola elementare: - disposte lungo i lati est ed ovest, 13 aule per le normali attività didattiche, alternate con i servizi igienici; una biblioteca insegnanti posta vicino all ingresso; 2 aule per le attività parascolastiche al piano terra e 2 aule per le attività di interciclo al primo piano, all interno delle quali potranno essere ricavati gli spazi per le lezioni di informatica, per le proiezioni video, per eventuali laboratori e musica. Scuola media Al primo piano dello stesso edificio sono posti gli ambienti della scuola media: -disposte lungo i lati est ed ovest 7 aule per le normali attività didattiche alternate con i servizi igienici; -una biblioteca comune con la scuola elementare e l aula di musica posta sul lato est; -le aule per le attività speciali e integrative poste sul lato ovest, all interno delle quali potranno essere ricavati gli spazi per le lezioni di informatica e per i laboratori. Mensa, Uffici e Sala riunioni La mensa al piano terra e gli uffici al primo piano formano un unico blocco strettamente legato agli ambienti della scuola elementare e media. In particolare, la mensa è illuminata sul lato est da una vetrata che si affaccia sulla piazza aperta dando la possibilità di consumare i pasti (nelle giornate calde) all aperto. Risulta composta dai seguenti locali: un disimpegno-corridoio per l ingresso alla mensa e alla cucina; una cucina e un ambiente di servizio composto da bagni, spogliatoio e docce per i dipendenti; la sala mensa e un ambiente di servizio per la distribuzione dei pasti; i servizi igienici per i fruitori e un locale lavatoio. Al primo piano gli uffici hanno l ingresso principale su via Ischia (lato SS16) e sono caratterizzati da una serie di ambienti comuni alle due scuole divisi secondo le seguenti funzioni: direzione, segreteria, segreteria didattica, ragioneria, sportello per il pubblico, disimpegno e servizi. All angolo del blocco uffici e biblioteca su via Ischia, è inserita una sala riunioni con capienza inferiore a 100 posti e ingresso indipendente dalla struttura scolastica. Palestra La palestra è un organismo architettonico ben riconoscibile composto da un volume illuminato sui lati est ed ovest da semplici vetrate che si inseriscono su fasce verticali. Ha due ingressi posti uno su via Ischia, che permette l accesso direttamente alla tribuna, e l altro ad est posto sul cortile attrezzato per lo sport all aria aperta. I corridoi interni, presenti sia al piano terra che al piano primo, consentono di raggiungere facilmente la palestra sia dagli studenti delle scuole elementari, sia dagli studenti delle scuole medie, attraverso la scala e l ascensore. 5 LAVORI

6 SOCIALE A pesca di Saharawi,un popolo L ultimo appello mondiale a favore del popolo Saharawi arriva da Algeri. La capitale nordafricana ha ospitato una grande conferenza internazionale per rilanciare la campagna sul riconoscimento del diritto del popolo saharawi a rientrare nelle proprie terre, occupate dal 1975 dal Marocco. Varie delegazioni da tutto il mondo hanno sostenuto l iniziativa; c era quella italiana, più numerosa, con le Marche rappresentate dai Comuni di Grottammare, Macerata e Monsano. Per quanto riguarda il comune di Grottammare, l impegno è quello di continuare a tutelare i bambini di quel popolo, attraverso il progetto, ormai decennale, di accoglienza per cure e assistenza sanitaria. Un percorso essenziale per garantire il futuro di quella comunità, costretta a vivere profuga nelle zone più inospitali del deserto del Sahara, in 6 Integrazione: si fa il punto Intanto il GUS prepara operatori del mare futuro P escatori si diventa con la voglia di fare e un progetto di formazione realizzato dal GUS* in collaborazione con l Istituto di formazione professionale IPSIA di San Benedetto, il Comune di Grottammare e i finanziamenti del Fondo nazionale di accompagnamento e integrazione. E così è successo che nel mese di novembre, l ong maceratese, attiva anche a Grottammare, ha aperto la strada della formazione professionale agli immigrati ammessi a protezione umanitaria, per garantire loro opportunità di integrazione sociale attraverso il lavoro, quello di pescatore, che caratterizza l economia dei nostri luoghi ma che non sembra essere particolarmente apprezzato dalle nuove generazioni. Il titolo confortante, Peschiamo il futuro, ha incoraggiato 6 giovani rifugiati politici a frequentarlo per sperare in una vita migliore nel paese che li ha accolti. Essere parte attiva della società, infatti, è il desiderio (e il dramma) che anima gli stranieri residenti a Grottammare (e non solo), volontà che gli stessi hanno ribadito nell incontro organizzato dai due organismi comunali la Consulta per la fratellanza tra i popoli e la Consulta degli Stranieri - che si occupano di integrazione, accoglienza, solidarietà e cooperazione internazionale. In un momento di bilancio e revisione delle attività, infatti, le due Consulte hanno l intenzione di coinvolgere gli stranieri in maniera più concreta nei vari progetti, per arricchire le azioni future con l esperienza di chi ne è o ne è già stato il destinatario, e da destinatario diventare protagonista, innescando, attraverso il confronto propositivo con le istituzioni un processo il più aderente alla realtà e alle necessità, nella consapevolezza che ormai la società è cambiata e che quindi le iniziative da intraprendere possono essere ragionate all interno di una dimensione multiculturale. Nulla di concreto, finora, ma la buona risposta degli stranieri a mettersi in gioco fa pensare che forse anche la parola integrazione può arricchirsi di nuovi fatti. *Il GUS è una ONG, Organizzazione non Governativa, che nasce a Macerata come associazione di volontariato nel Dal 2007 è presente a Grottammare, con uno sportello attivo all interno dell Informagiovani comunale (in via Crucioli) e per conto del Comune, appunto, gestisce il progetto Together, rivolto all accoglienza e all integrazione di rifugiati e titolari di protezione internazionale. Il progetto fa parte di una rete nazionale che coinvolge più di 100 enti locali e associazioni che insieme costituiscono il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR). Attualmente, i rifugiati politici presenti a Grottammare sono 15 e di varia provenienza Somalia (5), Camerun (2), Afghanistan (3), Turchia (1), Sudan (1), Nigeria (1), Costa d Avorio (1), Iran (1). Dall avvio del progetto Together ad oggi, le persone assistite sono finora 51. Giocando scopriamo Con le mani in pasta, per vedere gli oggetti prendere forma. La manualità e sicuramente tanto divertimento hanno caratterizzato in queste settimane le attività delle Ludoteche comunali, dove almeno 60 bambini, dai 6 agli 11 anni, sono stati coinvolti nei laboratori di ceramica e oggettistica natalizia - per i laboratori manuali - e di teatro, per l organizzazione di uno spettacolo di danza e recitazione ispirato alla fiaba del Re Leone. Grazie a un lavoro di squadra che ha impegnato tutti gli operatori delle ludoteche Stile Libero e L isola che c è, i genitori, alcuni professionisti e aziende private è stato possibile quest anno affiancare il tradizionale laboratorio di Natale ad altre esperienze creative, tra cui la scoperta di un mestiere antico, come quello della lavorazione della creta. Il laboratorio di ceramica si è tenuto nel centro ricreativo Stile Libero, su progetto degli artisti

7 da non dimenticare 7 territorio algerino. Il programma grottammarese è stato esposto dal sindaco Luigi Merli, invitato alla conferenza dal comitato nazionale algerino di Solidarietà al popolo Saharawi che ha organizzato la manifestazione, ed ha riscosso il plauso degli oltre 400 partecipanti. L obiettivo dell evento di Algeri, infatti, era quello di riunire i rappresentanti degli enti locali, dei gruppi interparlamentari di tutto il mondo che operano a favore dell autodeterminazione e dell indipendenza del Sahara Occidentale per fare un bilancio dei progetti attivati in tutto il mondo e condividere nuove azioni politiche che non facciano dimenticare l esistenza di questo popolo. Case popolari, il bando E tempo di rinnovare l elenco degli aventi diritto agli alloggi popolari, l ufficio Casa ha quindi provveduto a pubblicare il bando per l aggiornamento della graduatoria. Le domande potranno essere presentate entro il 28 gennaio La partecipazione è rivolta a coloro che necessitano di un alloggio di dimensioni idonee alle esigenze del proprio nucleo familiare ad un canone di locazione inferiore a quello del mercato degli affitti che verrà determinato dall Ente Regionale per l Abitazione (ERAP) della Provincia di Ascoli Piceno - e possano dimostrare di possedere i seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda: Si rinnova la graduatoria per l assegnazione degli alloggi essere cittadini italiani o di un Paese appartenente all Unione Europea ovvero cittadini di paesi che non aderiscono all Unione Europea, titolari di carta di soggiorno o possessori di permesso di soggiorno di durata biennale; b)avere la residenza o prestare attività lavorativa nel Comune di Grottammare; non essere titolari in tutto il territorio nazionale, della proprietà, uso, usufrutto o altro diritto reale di godimento, di un altra abitazione adeguata alle esigenze del nucleo familiare che sia stata dichiarata in condizione di non produrre reddito ai fini del pagamento dell imposta comunale sugli immobili (ICI). avere un reddito del nucleo familiare, calcolato secondo i criteri stabiliti dal D. Lgs. n. 109/1998, non superiore a ,00 di valore ISEE riferito all anno di imposta 2008; tale limite è aumentato del 20% per le famiglie monopersonali e in tal caso il valore ISEE non deve essere superiore a ,40. Per nucleo familiare si intende quello composto dal richiedente, dal coniuge non legalmente separato, dai soggetti con i quali convive e da quelli considerati a suo carico ai fini IRPEF. Va ricordato che non fanno parte del nucleo familiare le persone conviventi per motivi di lavoro. Le domande devono essere redatte in bollo. Vanno consegnate all ufficio Protocollo (piano terra sede municipale) che rilascerà attestazione di ricevuta, oppure, spedite via raccomandata con ricevuta di ritorno entro, appunto il 28 gennaio. Per i cittadini italiani residenti all estero il termine di presentazione scade il 12 febbraio Per le domande inviate a mezzo posta farà fede il timbro postale di partenza. La versione integrale del bando e il modulo di domanda possono essere ritirati all ufficio Casa o all URP, oppure, scaricati dal sito internet del Comune accesso diretto dalle news dell home page. Info: Ufficio Casa, (primo piano palazzo municipale). i mestieri antichi Ivonne Rosetti e Giancarlo Livori, rispettivamente decoratrice e modellatore, che hanno seguito i bambini in tutte le fasi della creazione di un oggetto: dalla sagomatura della forma, alla cottura - avvenuta nel laboratorio artigianale Argyla del vecchio incasato - fino alla decorazione. La novità dell annuale laboratorio di oggettistica natalizia al centro L isola che c è, invece, è stata la collaborazione di alcune aziende private che hanno donato il materiale di scarto delle proprie produzioni per la realizzazione delle calze di Natale. Una parte degli stessi materiali, verrà utilizzata per i costumi e la scenografia dello spettacolo musicale che chiuderà il laboratorio teatrale in corso nella ludoteca L isola che c è, al quale collaborano diversi genitori. Spettacolo in programma in primavera. SOCIALE

8 TERRITORIO Approvato il Piano Casa 8 D al 1 dicembre il Piano Casa è applicabile anche sul territorio comunale, fino ai prossimi 18 mesi. Lo strumento, proposto dal Governo e poi recepito dalla Regione Marche, con la legge n.22 dell'8 ottobre 2009, è un provvedimento generale di intervento in campo edilizio che consente operazioni di demolizione e di ricostruzione, oltre che di ampliamento, degli edifici residenziali e non, concedendo bonus fino al 35% di aumento delle volumetrie preesistenti alla demolizione o del 20% della volumetria di partenza, nel caso del solo ampliamento. Ai Comuni, è stata data facoltà di attuare il Piano Casa conformandolo alla propria dimensione locale, limitandone cioè gli effetti su alcune parti del territorio, secondo valutazioni di carattere urbanistico, paesaggistico e ambientale. A Grottammare, pertanto, l argomento Piano Casa è stato discusso e approvato nella seduta di consiglio comunale del 26 novembre L amministrazione comunale si è mossa apportando alcune modifiche alle prescrizioni derogative della legge regionale. Una di queste è l esclusione dall applicazione del Piano Casa delle aree inserite nei Piani di recupero urbano attuati con Accordi di programma: procedure, cioè, che regolano il rapporto tra pubblico e privato nella realizzazione di opere complesse e che sono, pertanto, già il risultato di una pianificazione urbanistica speciale. Sono quindi escluse dal Piano Casa le zone ex IP in zona Ischia, ex Ferriera i n TARSU Per aggiornare i dati necessari all applicazione della Tassa per la raccolta dei rifiuti urbani c è tempo fino al 20 gennaio. Se nel corso dell anno, infatti, le superfici dei locali soggetti a questo tipo di tassazione sono state modificate, o sono cambiate le destinazioni d uso, i titolari devono darne comunicazione all ufficio TARSU. Lo stesso termine vale per la denuncia iniziale. L ufficio TARSU ricorda che sono soggette a denuncia le superfici di tutti i locali, compresi garage, ripostigli, scantinati e soffitte. La tassa è corrisposta in base a tariffa commisurata ad anno solare e decorre dal bimestre solare successivo a quello a cui ha avuto inizio l utenza. Le dichiarazioni vanno fatte su appositi moduli a disposizione presso l ufficio Tributi. Sono esclusi centro storico lungomare e zone recuperate con accordi di programma zona omonima, ex San Biagio in zona Valtesino ed ex Cardarelli in zona Stazione. Sono inoltre escluse le aree a tutela integrale e quelle private demaniali inserite nel Piano di Spiaggia, per ragioni di tutela paesistico ambientale e, sempre per lo stesso motivo, tutti gli immobili compresi nella fascia di 10 metri dal lungomare. Fuori dall applicazione pure gli edifici abusivi per i quali non sia intervenuto il condono in nessun caso, infatti, gli interventi previsti possono essere considerati in sanatoria - e quelli vincolati dal PPAR (Piano paesistico ambientale regionale) sottoposti a restauro e a risanamento conservativo. Gli interventi riguardano gli edifici ultimati alla data del 31 dicembre In molti casi, è prevista la riduzione o l esenzione dal pagamento del contributo di costruzione. E comunque sempre prevista la monetizzazione delle aree necessarie per gli standard (cioè quelle aree che devono rimanere pubbliche ed essere destinate a verde o servizi), in luogo della loro cessione, che sarebbe risultata problematica e poco efficace in quanto frammentaria. Non sono previste specifiche semplificazioni alla procedura per attuare le operazioni contenute nel Piano Casa. I titoli abilitativi richiesti sono quelli indicati nel Testo unico sull Edilizia (dpr 380/2001). Informazioni più dettagliate possono essere assunte presso l area Assetto del Territorio ( III piano, palazzo municipale).

9 PUNTERUOLO ROSSO Obiettivo da centrare Prevenire è meglio che curare. La retorica qualche volta aiuta e in questo caso ben descrive un momento storico nella lotta al punteruolo rosso delle palme, il coleottero che sta letteralmente divorando il patrimonio palmizio di mezza Italia e che da un paio d anni è stato avvistato anche in Riviera. Gestire la prevenzione, infatti, è lo scenario che ha caratterizzato gli ultimi mesi del 2009 ma intervenire pare che non basti. E necessario intervenire con tempestività ma la tempestività è una qualità che prevede tanti occhi e tante mani che si uniscono e lavorano insieme. La tempestività, allora, è collaborazione e su questo fronte, la comunità può ancora fare molto. Il punteruolo rosso è arrivato in Italia tramite scambi commerciali. La prima segnalazione risale al 2004 presso un vivaio di Pistoia. Sono seguite quelle dalla Campania, Sicilia, Liguria, Lazio, Marche, Abruzzo, Puglia. Solo a Palermo si contano oggi più di esemplari di palme distrutte. Per il noto storico degli alberi Antimo Palumbo, il parassita potrebbe portare all'estinzione delle palme nella città di Roma entro il Nelle Marche, i comuni più colpiti sono quelli della cosiddetta Riviera delle Palme : San Benedetto del Tronto, Grottammare, Cupra Marittima. Ad oggi si contano circa 300 casi di infestazione a fronte di un patrimonio di palme. La causa della rapida diffusione è principalmente il commercio di esemplari di palma infestati dall'insetto e non riconosciuti tali. L infestazione, infatti, può essere a lungo asintomatica e manifestarsi solo in una fase avanzata. I primi sintomi sono rappresentati da un anomalo portamento della chioma, che assume un caratteristico aspetto divaricato "ad ombrello aperto". Nei casi più gravi si arriva alla perdita completa delle foglie, per cedimento del rachide fogliare, per cui la pianta appare come "capitozzata". Nello stadio terminale della infestazione si produce un vero e proprio "collasso" della pianta: solo a questo punto le colonie di curculionidi abbandonano la pianta attaccata migrando su un nuovo esemplare. Da qui, l importanza del monitoraggio continuo. A Grottammare è stato messo a punto e formalizzato dal Servizio Fitosanitario Regionale un metodo di sperimentazione alternativo all abbattimento: prevede una defogliazione completa della chioma fino a raggiungere lo strato più interno della corteccia e trattamenti con prodotti biologici con la finalità di colpire il parassita in tutte le sue fasi di sviluppo sensibile al trattamento. I risultati confortano: la ripresa vegetativa delle palme di proprietà comunale riguarda oltre il 60% dei casi trattati.

10 Dai primi c Arriva dal sud-est asiatico Il Punteruolo Rosso delle palme (Rhyncophorus ferrugineus) è un coleottero appartenente alla famiglia dei Curculionidi. E originario del sud-est asiatico e precisamente della Melanesia, zona dalla quale si è spostato nel corso degli anni, fino a raggiungere l Egitto, dove ha distrutto gran parte dei palmeti da datteri che rappresentano un punto di forza dell economia locale. L insetto supera l inverno sotto forma di larva matura all interno del bozzolo che si costruisce. Le larve sono i principali agenti responsabili del deperimento della palma che li ospita. Dopo la schiusa delle uova, infatti, si dirigono verso l'interno della pianta, scavando gallerie grazie al robusto apparato masticatorio e danneggiando soprattutto la zona del tronco immediatamente sottostante alla corona foliare, dove si trova, appunto, il cuore di palma. Il periodo larvale dura in media 55 giorni. A primavera inoltrata la larva si trasforma prima in pupa e poi in adulto, il quale rimane all interno del bozzolo dai 4 ai 17 giorni, tempo impiegato per raggiungere la maturità sessuale. Gli adulti si accoppiano a partire dalla fine di maggio, per tutto il periodo estivo. Ogni femmina depone in corrispondenza dell apice vegetativo delle palme, circa 200 uova con una fertilità dell 80%. Il nostro clima favorisce lo sviluppo di 2-3 generazioni all anno: circa 4 milioni di esemplari che si generano a partire da una sola femmina adulta. Gli adulti di Rhynchophorus ferrugineus sono abili volatori, in grado di raggiungere nuove pianteospiti nel raggio di 1 km. I primi casi di infestazione da Punteruolo Rosso sui palmizi della Riviera delle Palme (Grottammare, San Benedetto del Tronto, Cupramarittima) risalgono al L amministrazione comunale di Grottammare, quindi, allertata dalle esperienze di altre regioni italiane, si attiva immediatamente per denunciare e monitorare i casi esistenti sul proprio territorio. Il primo strumento operativo dedicato al problema è il Decreto Ministeriale del 9 novembre 2007 che dichiara obbligatoria nel territorio della Regione Marche la lotta contro il parassita. La prima misura attuata dalla Regione Marche è consistita nell abbattimento immediato e urgente degli esemplari attaccati. A questo punto, i Comuni interessati, unitamente alla Provincia di Ascoli Piceno, l ASSAM (l Agenzia di servizi del settore agroalimentare delle Marche), l Università Politecnica delle Marche e altri partner, propongono un protocollo di sperimentazione da sottoporre alla Regione Marche come metodo alternativo all abbattimento. L intento è quello di impedire la perdita totale del patrimonio arboreo che caratterizza la Riviera. Si ottiene una sospensione dell ordinanza di abbattimento. I primi interventi di lotta e contenimento dell infestazione risalgono al A partire da settembre, la struttura comunale si organizza su mandato della giunta. Il settore Area Manutenzioni, Patrimonio e Tutela Ambientale viene incaricato di coordinare le attività informative ed operative necessarie a fronteggiare la grave situazione di infestazione dei due parassiti Paysandysia Il registro del monitoraggio, avviato nel mese di maggio con un saldo già n Proprietà nuovi messe abba casi in sicurezza pubblica privata TOTALI

11 Ai primi sintomi di infestazione - riconoscibile dall appassimento dell apice fogliare - è obbligatorio avvisare il Servizio Fitosanitario Regionale. Il Comune di Grottammare mette a disposizione un addetto tecnico specializzato per sopralluoghi di accertamento dell insediamento del parassita. A questo, può seguire l adesione al programma sperimentale comunale (v. dettaglio pagina seguente), se la palma si trova ai primi stadi di attacco da parte del parassita e con una funzionalità delle strutture vegetative non eccessivamente compromessa. L accesso al programma di intervento comunale comporta una compartecipazione alla spesa effettiva da sostenere, pari a circa il 40%. L ispezione si può prenotare contattando l Ufficio Ambiente. Il sopralluogo è gratuito. Sopralluogo gratuito e con l adesione al programma sperimentale si aiuta la ricerca asi al Piano operativo archon e Rhyncophorus ferrugineus, che minano l integrità del patrimonio storico palmizio di proprietà comunale, in collaborazione con il Servizio Fitosanitario Regionale; dare il proprio contributo al protocollo di valutazione delle metodologie sperimentali nella lotta al Punteruolo Rosso delle Palme; successivamente, di attivare su tutto il territorio comunale il metodo alternativo all abbattimento sia su palme private che pubbliche. Il 2009 è caratterizzato da due aspetti legati in maniera consequenziale. Il primo riguarda la volontà di appaiare alla cura anche azioni sperimentali dedicate alla prevenzione, il secondo, necessariamente, di dotare la struttura comunale di una figura specializzata di riferimento, un tecnico per attuare il monitoraggio, eseguire osservazioni visive durante le operazioni svolte dagli operatori sulle palme colpite, interfacciarsi con il Servizio Fitosanitario Regionale, elaborare i dati del monitoraggio. Pertanto, all inizio della scorsa estate, in virtù di un incarico affidato a una giovane agronoma indicata dall istituto regionale, la dott.ssa Elisa Mauro, parte a Grottammare una campagna sperimentale di prevenzione e monitoraggio, finalizzata a verificare l efficacia dell identificazione precoce dei sintomi e la relativa cura nella lotta al parassita. La campagna si concentra su due principali aspetti: continuità nella sperimentazione dei metodi alternativi all abbattimento: potatura sferica e trattamenti con prodotti di sintesi e/o biologici; monitoraggio e controllo sull evoluzione dello sviluppo e diffusione del parassita che mettono in evidenza zone ad egativo di 62 esemplari infestati, riporta i seguenti dati al 31 dicembre: timenti da mettere reinfestazioni in sicurezza

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente.

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente. LABORATORIO-MUSEO TECNOLOGIC@MENTE Tecnologic@mente, coordinato e gestito dalla Fondazione Natale Capellaro, in questi anni ha svolto un importante e fondamentale lavoro volto per la conservazione e, soprattutto,

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE

LINEE PROGRAMMATICHE LINEE PROGRAMMATICHE SVILUPPO E LAVORO VALORIZZAZIONE AMBIENTE E TURISMO LAVORI PUBBLICI ED URBANISTICA SERVIZI SOCIALI E SANITARI ISTRUZIONE CULTURA E TEMPO LIBERO SERVIZI VARI SVILUPPO E LAVORO Agricoltura,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI Dove ci troviamo La scuola G. Mazzini si trova a Legnano in piazza Trento e Trieste. Si colloca in una zona strategica poiché comodamente raggiungibile dal centro di Legnano,

Dettagli

GIOVANI E POLITICHE SOCIALI

GIOVANI E POLITICHE SOCIALI GIOVANI E POLITICHE SOCIALI Le Politiche per i Giovani L Amministrazione Comunale si è posta l obiettivo di potenziare gli interventi a favore dei giovani attraverso lo sviluppo della loro creatività ed

Dettagli

I campi si avvalgono della professionalità degli animatori dell Ecomuseo impegnati da diversi anni in Valgerola nella gestione di scuole e gruppi.

I campi si avvalgono della professionalità degli animatori dell Ecomuseo impegnati da diversi anni in Valgerola nella gestione di scuole e gruppi. I campi estivi dell Ecomuseo sono dedicati a bambini e ragazzi dai 7 ai 13 anni. I campi si avvalgono della professionalità degli animatori dell Ecomuseo impegnati da diversi anni in Valgerola nella gestione

Dettagli

Ricerca contenuti. Elenco risultati. Servizio ricerca [Comune di Magnago]

Ricerca contenuti. Elenco risultati. Servizio ricerca [Comune di Magnago] Ricerca contenuti Elenco risultati 2014_commissione_paesaggio Ultima modifica: 24/09/2014 Termine presentazione candidature ore 12.00 di martedi 23 settembre 2014 2015 Orario estivo uffici postali Ultima

Dettagli

COMUNE DI CREDARO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CREDARO Provincia di Bergamo PIANO DEI SERVIZI: SCHEDA DI SINTESI SERVIZI DI COLLETTIVO: VALUTAZIONE DELLO STATO DI FATTO Studio Dott. Arch. Piergiorgio Tosetti via Paglia 22/A - Bergamo Tipologie di attrezzature valutate: MUNICIPIO

Dettagli

COMUNE DI CONCESIO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI CONCESIO PROVINCIA DI BRESCIA PROTOCOLLO D INTESA ANNO 2015 Le OO.SS: SPI-CGIL FNP-CISL UILP-UIL qui rappresentate dai Sigg.ri: - Sig. Pasinetti G. Franco - Sig. Stefana Sergio - Sig. Talenti Paolo - Sig. Bellini Lorenzo - Sig. Linetti

Dettagli

COMUNE DI BELLUSCO. Provincia di Monza e della Brianza

COMUNE DI BELLUSCO. Provincia di Monza e della Brianza COMUNE DI BELLUSCO Provincia di Monza e della Brianza CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DEL CAMPUS SCOLASTICO SPORTIVO DI VIA PASCOLI Art.1 Oggetto del concorso Il comune di Bellusco bandisce

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SEZIONE 4 ANNI BLU

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SEZIONE 4 ANNI BLU Istituto Comprensivo di Soliera Scuola dell infanzia Muratori Anno scolastico 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SEZIONE 4 ANNI BLU Insegnanti: Reggiani Simona, Drago Maria Concetta, Ciambellini

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo adolescenti

Livello CILS A2 Modulo adolescenti Livello CILS A2 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Progetto PARCO LETTERARIO CREATIVO

Progetto PARCO LETTERARIO CREATIVO Progetto PARCO LETTERARIO CREATIVO INDICE 1. Finalità Pag. 3 1.1. Il contesto 2. Presentazione 4 6 2.1. Le macro azioni 7 2.2. I destinatari dell iniziativa 10 2.3. Partecipazione e adesione al Concorso

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte le donne e agli uomini che vivono in questa nostra

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE A far data 01/03/2015 la struttura organizzativa dell Ente viene articolata in 5 macroaree suddivise in 9 Servizi, ai quali sono preposti i Responsabili individuati

Dettagli

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona Comune di Empoli Provincia di Firenze Settore VII Serviizii alllla Persona Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona Servizio Biblioteca - Organizzazione e funzionamento del servizio

Dettagli

Programma delle. a Pinarella di Cervia (RA)

Programma delle. a Pinarella di Cervia (RA) Programma delle a Pinarella di Cervia (RA) MUSICOPOLI-BIMBART LE VACANZE ARTISTICHE ITALIANE! EMILIA-ROMAGNA/RIVIERA ADRIATICA - Pinarella di Cervia (RA) VACANZE ARTISTICHE di Musicopoli, un mare di fantasia!

Dettagli

SINTESI DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

SINTESI DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2015-2016 Scuola dell Infanzia DAVIDE BERNASCONI Via V Giornate, 3 22012 Cernobbio CO Tel/fax 031. 512230 info@asilobernasconicernobbio.it www.asilobernasconicernobbio.it SINTESI DEL PIANO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà Approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n 47 del 05.11.2010 Modificato con atto deliberativo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze Dati di riferimento Denominazione: Associazione rimettere le ali onlus Tipologia: Associazione non Profit Onlus Riconoscimenti: Iscritta all anagrafe delle Onlus regionale del Lazio al protocollo 0036191

Dettagli

SERVIZIO CIVILE REGIONALE BANDO 2013 Sintesi del progetto

SERVIZIO CIVILE REGIONALE BANDO 2013 Sintesi del progetto SERVIZIO CIVILE REGIONALE BANDO 2013 Sintesi del progetto ENTE PROPONENTE A.V.I.S. Fidenza TITOLO DEL PROGETTO Donatori senza confini SEDE/I DI ATTUAZIONE E NUMERO DEI VOLONTARI RICHIESTI PER SEDE Sede

Dettagli

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi.

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi. ABC ORCHESTRA: UN ORCHESTRA IN OGNI SCUOLA Le orchestre sono molto più che strutture artistiche, ma modello di vita sociale perché cantare e suonare assieme significa coesistere profondamente e intimamente

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 165 DEL 04 APRILE 2011 OGGETTO: PATRIMONIO CONCESSIONE IN COMODATO D USO GRATUITO ALL ASSOCIAZIONE CULTURALE CORO GENZIANELLA DI

Dettagli

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA 2 SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA 28 Servizi per la prima infanzia 2 Sono servizi educativi che offrono ai bambini al di sotto dei tre anni uno spazio di gioco ed incontro con altri

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Immagine con sfondo bianco piccola

Immagine con sfondo bianco piccola Immagine con sfondo bianco piccola SGULP IN FIERA L'unica fiera per bambini dai 3 agli 11 anni, scuole e famiglie, con un giornale dedicato presente su 8 province e con 120.000 copie a settimana! Sgulp

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA.

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. Cari insegnanti, PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. dal 2011 Cinecittà si Mostra ha avviato un progetto specifico di

Dettagli

n 03 Marzo 2008 In questo numero: - Auguri di Buona Pasqua - Manifestazione Dai un senso alla Vita: Rispettala 2008 - Corso di Scrittura Creativa In breve...: - La prima tv on-line di sociologia sul sito

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento stabilisce

Dettagli

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO PUNTO DI INCONTRO E SPAZIO DI ASCOLTO 1. Premessa 1.1 - Il percorso fatto nella scuola e nel rione Esquilino L Associazione Genitori Scuola Di Donato nasce

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una nuova sede destinata ai bambini e ai ragazzi e che ha

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 22 del 10/07/2014 COPIA OGGETTO: SERVIZI PUBBLICI COMUNALI - TARIFFE E CONTRIBUZIONI PER L'ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici Poste Italiane Spa Tassa pagata Invii senza indirizzo AUT. DC/DCI/PD/7919/00/CS del 27-10-00 A tutte le Famiglie del Comune di Curtarolo ESTATe 2008 APeRTI

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

OGGETTO: NOTA INFORMATIVA SULLE SCUOLE DELL INFANZIA DI RUBANO ANNO SCOLASTICO 2015/2016

OGGETTO: NOTA INFORMATIVA SULLE SCUOLE DELL INFANZIA DI RUBANO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Prot. 26351 All. 2 Lì 22/12/2014 OGGETTO: NOTA INFORMATIVA SULLE SCUOLE DELL INFANZIA DI RUBANO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Ai sigg. genitori dei bambini nati tra il 1 gennaio 2012 e il 31 dicembre 2012

Dettagli

si presenta STAMPATO IN PROPRIO

si presenta STAMPATO IN PROPRIO Tutti i bambini sono semi di luce che cercano ispirazione, guida, la promessa di un mondo d armonia e generosità. Agli adulti spetta la grande responsabilità di offrire loro un terreno in cui fa germogliare

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza NOVARA la La e una risposta all umana ricerca di conoscenza PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO E INVESTIRE NELLA CONOSCENZA E NEL RISPETTO DELLA PROPRIA STORIA: Nuovo Spazio la Cultura PICCOLO COCCIA Nella

Dettagli

Festival delle Scuole 2015

Festival delle Scuole 2015 Un piccolo teatro Un grande festival Festival delle Scuole 2015 Il più grande Concorso di Teatro Scolastico d Italia un progetto partner istituzionali gemellaggi e progetti internazionali sponsor partner

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

REGOLE E MODALITA PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA FOTOGRAFICHE CINEMATOGRAFICHE ED AUDIOVISIVE NEL TERRITORIO COMUNALE DI CRACO

REGOLE E MODALITA PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA FOTOGRAFICHE CINEMATOGRAFICHE ED AUDIOVISIVE NEL TERRITORIO COMUNALE DI CRACO REGOLE E MODALITA PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA FOTOGRAFICHE CINEMATOGRAFICHE ED AUDIOVISIVE NEL TERRITORIO COMUNALE DI CRACO Tutte le produzioni cinematografiche, fotografiche e audiovisive da realizzarsi

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO ART. 1 - COMPITI 3 ART. 2 - COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. per l assegnazione in proprietà (VENDITA) di n. 10 alloggi e box in corso di costruzione siti nel comune di TREVIGLIO Via Peschiera

BANDO DI CONCORSO. per l assegnazione in proprietà (VENDITA) di n. 10 alloggi e box in corso di costruzione siti nel comune di TREVIGLIO Via Peschiera Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale della Provincia di Bergamo 24128 BERGAMO Via Mazzini, 32/a Tel. 035/259595 Fax 035/251185 www.alerbg.it info@alerbg.it L A.L.E.R. informa, in applicazione della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 I nostri spazi 5 sezioni 2 bagni con servizi igienici

Dettagli

Scuola dell Infanzia Scuola Primaria

Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola dell Infanzia Scuola Primaria certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:2008 L Istituto Gonzaga è accreditato come Test Center per il rilascio della patente informatica europea E.C.D.L. TRA PRESENTE

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 AVVISO PUBBLICO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 IL RESPONSABILE DEL in attuazione della deliberazione della Giunta Regionale n.19/04 dell 08/05/2012 e delle linee guida

Dettagli

Campus estivi Baby & Job Estate 2013

Campus estivi Baby & Job Estate 2013 Campus estivi Baby & Job Estate 2013 Indice Premesse I nostri campus estivi Tariffe Contatti 1 Premesse Nell ambito dei progetti di people caring, finalizzati al miglioramento della qualità della vita

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R.

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. 28/2004 A1 E tempo di una giornata per te Introduzione giornata

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Liceo Classico Statale UMBERTO I. Palermo. Tradizione e innovazione

Liceo Classico Statale UMBERTO I. Palermo. Tradizione e innovazione Liceo Classico Statale UMBERTO I Palermo F Tradizione e innovazione orti di una grande e ricca tradizione rivolgiamo lo sguardo al futuro accettando di gestire i cambiamenti sociali e culturali presenti

Dettagli

REPORT WORLD CAFÈ 07 E 14 MARZO 2015

REPORT WORLD CAFÈ 07 E 14 MARZO 2015 REPORT WORLD CAFÈ 07 E 14 MARZO 2015 Facciamo Centro è un percorso partecipativo promosso dal Comune di Reggiolo per costruire con i cittadini una decisione condivisa sulla rigenerazione e sul rilancio

Dettagli

Procedura per il ricongiungimento familiare

Procedura per il ricongiungimento familiare Associazione Amici della Casa di Accoglienza Casa di Betania ONLUS Via Carducci 4, 20089 Rozzano (MI) Tel. 02-30910226 www.casadibetania.org - accoglienza@casadibetania.org Procedura per il ricongiungimento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA U. POZZOLI E DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA U. POZZOLI E DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA U. POZZOLI E DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO Art. 1 Finalità Il Comune di Lecco favorisce la crescita culturale, civile e sociale dei cittadini, tutela e valorizza

Dettagli

2012 Associazione di Volontariato e Solidarietà Umana Giulia ONLUS

2012 Associazione di Volontariato e Solidarietà Umana Giulia ONLUS Iniziative 2012 Associazione di Volontariato e Solidarietà Umana Giulia ONLUS via Aldighieri, 40-44121 Ferrara - www.associazionegiulia.com - info@associazionegiulia.com Testata: La Nuova Ferrara Edizione:

Dettagli

Avviso n. 7 del 1 luglio 2011

Avviso n. 7 del 1 luglio 2011 Avviso n. 7 del 1 luglio 2011 Relazione sulle attività socio-culturali proposte e partecipate dal gruppo consiliare di maggioranza L attenzione e gli interventi messi in atto dall amministrazione nell

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

PIANO DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2009/2010

PIANO DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2009/2010 COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano PIANO DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Allegato a deliberazione C.C. n. del Pagina 1 di 13 Premessa Dall introduzione del regime di autonomia per le

Dettagli

Progetto Spazio sociale a Lamezia. Indice

Progetto Spazio sociale a Lamezia. Indice Indice Sommario 1. Manifesto... 2 2. Attività e progetti... 3 2.1. Attività per i giovani... 3 2.2. Attività per i bambini... 3 2.3. Attività per anziani... 4 2.4. Progetti nel lungo periodo... 4 3. La

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in possesso dell'amministrazione comunale Ultimo aggiornamento: 19/06/2015

Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in possesso dell'amministrazione comunale Ultimo aggiornamento: 19/06/2015 Amministrazione trasparente Comune di Prato Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in possesso dell'amministrazione comunale Ultimo aggiornamento: 19/06/2015 Ambito di Elenco attività/servizi

Dettagli

LA CITTA DEI GIOVANI

LA CITTA DEI GIOVANI LA CITTA DEI GIOVANI Provincia di Cuneo Comune di Bra Area tematica Informagiovani Minori/politiche giovanili/educativa territoriale Cultura/Biblioteca/Scuola di pace Turismo/manifestazioni/Cultura Numero

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AFFARI GENERALI Protocollo - Notifiche Centralino telefonico - Vice Segreteria Generale Deliberazioni e Determine - URP Informazione Albo Online Presidenza del

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia La ricostruzione di San Giuliano di Puglia Cronologia avvenimenti 11.32 GIOVEDÌ 31 OTTOBRE 2002: un terremoto di 5,4 gradi della scala Richter fa tremare il Molise. La zona più colpita è San Giuliano di

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA NIDO DON LUCIANO SARTI Segreteria: Via Palestro 38 40024 Castel San Pietro Terme 051 944590 donlucianosarti@libero.it Sede: Via Palestro 32 40024 Castel San Pietro Terme 051

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI E SOGGETTI PRIVATI Approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

Finanziamenti News. Opportunità di Sviluppo per gli Enti Locali. In collaborazione con

Finanziamenti News. Opportunità di Sviluppo per gli Enti Locali. In collaborazione con Finanziamenti News Opportunità di Sviluppo per gli Enti Locali In collaborazione con Rassegna periodica sui bandi e le agevolazioni per la Pubblica Amministrazione Locale ------ Newsletter informativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 31

Dettagli

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU FINALITA ED

Dettagli

EXPO 2015 lacittàteatrodeibambini

EXPO 2015 lacittàteatrodeibambini Associazione CittàTeatro per i bambini via A. Soffredini 75-20126 Milano tel. 02 27002476 - fax 02 27001084 direzionegenerale@teatrodelburatto.it - amministrazione@teatrodelburatto.it EXPO 2015 lacittàteatrodeibambini

Dettagli

Comune di Robecchetto con Induno Provincia di Milano. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2009 Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12.

Comune di Robecchetto con Induno Provincia di Milano. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2009 Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12. Comune di con Induno Provincia di Milano PIA DI GOVER DEL TERRITORIO 29 Legge Regionale 11 marzo 25, 12 Piano dei Servizi SA.3 Catalogo delle attrezzature pubbliche di uso pubblico Modificato a seguito

Dettagli

Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane.

Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane. Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane. Amedeo Urbano De Marco, Responsabile di Commessa, CNS Consorzio Nazionale Servizi Poste Italiane: un

Dettagli