UN AUSER INFORMA TUTTO NUOVO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN AUSER INFORMA TUTTO NUOVO"

Transcript

1

2 EDITORIALE INSIEME PER UN PROGETTO PAESE UN AUSER INFORMA TUTTO NUOVO Direttore responsabile GIUSEPPINA COLMO Hanno collaborato a questo num ero SEVERINO BENETTELLI MARIA ANTONIETTA BRIGIDA GIUSY COLMO LUIGI DE VITTORIO NADIA LUPPI MICHELE MANGANO GIOVANNI MELLI FABIO PICCOLINO Direzione, redazione, am m inistrazione VIA NIZZA, ROMA Tel Fax Im paginazione e progetto grafico PAN Advertising Editore AUSER NAZIONALE - ONLUS Aut. Trib. N /91 del 09/04/91 Distribuzione gratuita Michele Mangano, Presidente Nazionale Auser Stiamo attraversando una delle fasi più difficili e complesse della vita economica e sociale del nostro Paese. Stanno venendo al pettine i nodi di una politica del governo nazionale che inciderà profondamente nella vita dei cittadini. Un Governo che non ha saputo affrontare in modo adeguato la crisi che stiamo vivendo. Procede a vista, dimostrando di non avere idee sufficientemente chiare sulle strategie da adottare. Alcuni provvedimenti hanno determinato un ulteriore appesantimento del potere d acquisto dei salari e delle pensioni; hanno ridotto gli investimenti produttivi ed i consumi; hanno determinato una divisione fra le forze sociali. E il Paese affonda e perde credibilità a livello internazionale. Un Paese che vede la democrazia quotidianamente svilita, i diritti calpestati, la legalità considerata un optional. Abbiamo bisogno di costruire un nuovo Progetto Paese come avanza strategicamente la Cgil in vista del suo Congresso. Una sfida che dobbiamo affrontare tutti insieme, le forze sindacali e la società civile ognuno per la sua parte. Sono tante le battaglie che abbiamo di fronte, la sfida è rappresentata da un nuovo modello di sviluppo capace di vincere la battaglia per il lavoro, di superare le disuguaglianze presenti nella società, il dualismo fra il Nord e il Sud del Paese. Un Progetto Paese che includa e non escluda, che valorizzi il capitale umano e sociale, che promuova il benessere dei cittadini, che abbia il coraggio di scelte innovative che, soprattutto, sia in sintonia con i valori fondamentali della Costituzione che è e rimane attuale per i principi che sancisce sui temi del lavoro, dell uguaglianza, della laicità, della giustizia, della legalità e della libera informazione. Un Progetto Paese che sia un progetto di sviluppo che rimetta in moto le forze sane, creative e produttive dell Italia, alternativo all attuale politica economica e sociale. Questo è il Progetto a cui pensiamo anche noi, che sta dalla parte dei cittadini e che non lascia indietro nessuno. L Auser intende fare la sua parte e già lo sta facendo con le sue proposte concrete. La politica sociale del Governo punta in modo chiaro ad una riduzione dell intervento dello Stato nel sistema dei servizi pubblici lasciando più spazio all intervento privato. Noi intendiamo ribadire la nostra idea di ruolo integrato e sussidiario del volontariato e di intervento complementare del terzo settore nella vita sociale del Paese. UNA NUOVA GRAFICA E UN NUOVO SISTEMA DI SPEDIZIONE. LA TESTATA STORICA DELL AUSER NAZIONALE ARRIVERÀ IN TUTTE LE SEDI Giusy Colmo DIVENTA CORRISPONDENTE DI AUSER INFORMA Scrivi un articolo, racconta una storia, parlaci di un progetto Il notiziario associativo è uno strumento che incrementa il entusiasmante che la tua associazione ha promosso. Saremo senso di appartenenza, veicola informazioni, sviluppa il felici di pubblicarlo. Manda il tuo contributo a: redazione di collegamento fra le sedi. Siamo partiti da queste Auser Informa Via Nizza 154, Roma considerazioni per dare forma alla nuova avventura editoriale mail di Auser Informa, il notiziario mensile prodotto dall Auser Nazionale che, a partire da questo numero, avrà una nuova veste grafica colorata e più leggibile e soprattutto arriverà a tutte le sedi Auser d Italia. Il panorama dell editoria del terzo settore rappresenta oggi un ampio e variegato mondo ed è in crescita. Il notiziario associativo continua ad essere qualcosa di irrinunciabile per molte associazioni, un punto fermo, per diffondere informazione, uno strumento utile per implementare consapevolezza e senso di appartenenza associativo. Veicolo per diffondere le proprie idee, la propria visione della realtà, le opinioni. I notiziari associativi rappresentano strumenti di forte integrazione tra i componenti di un organizzazione e creano un effetto di condivisione delle esperienze e dei risultati raggiunti. Ecco perchè abbiamo investito sulla nostra testata storica Auser Informa, decidendo di migliorarlo, aumentarne la tiratura, e spedirlo a tutte le sedi auser. Vogliamo dare conto della ricchezza delle cose che facciamo, incentivare lo scambio e la voglia di confrontarsi, creare una rete di collegamento fra la sede nazionale e il mondo auser. Puntiamo ad un associazione che si racconta di più attraverso la viva voce dei suoi protagonisti, che fa parlare di sè dentro e fuori il mondo associativo. Per raggiungere questi obiettivi UNA FOTO PER AUSER INFORMA abbiamo bisogno della collaborazione di Siete appassionati di fotografia? avete tutti, di creare sul territorio una vera e partecipato ad un corso di fotografia nel propria rete di corrispendenti pronti a vostro circolo o in una università auser? Avete raccontare ciò che di meglio l Auser fa e partecipato a mostre fotografiche? promuove. Il nuovo Auser Informa sarà Mandateci le vostre foto più belle, la insomma patrimonio di tutti. redazione di Auser Informa selezionerà quelle più significative e le pubblicherà sulla rivista. Per contatti e informazioni: redazione di Auser Informa via Nizza Roma tel. 06/

3 Foto di Francesco Cavalli Fonte: LA SPERANZA DELLA PACE DALL ITALIA LA PIÙ GRANDE MISSIONE DI PACE IN MEDIO ORIENTE, LA TESTIMONIANZA DELL AUSER Luigi De Vittorio Dal 10 al 17 ottobre si è svolta a Gerusalemme, in Israele e nei territori palestinesi occupati, una delle più grandi Missioni di Pace mai realizzate dall Italia. Nel nome di San Francesco, di Giorgio La Pira e di Aldo Capitini. E di Barack Obama. Oltre quattrocento persone, semplici cittadini, giovani, studenti e insegnanti, sportivi e artisti, giornalisti, amministratori locali e rappresentanti di associazioni hanno preso parte a Time for Responsibilities (il tempo delle nostre responsabilità), questo infatti era il titolo della Missione. Ho partecipato anche io, in rappresentanza dell Auser, a questa bellissima esperienza che mi ha segnato profondamente e dalla quale sono scaturite delle riflessioni che voglio condividere con i lettori. Abbiamo verificato nei luoghi e negli incontri il dato di fondo del conflitto: ci sono gli oppressi e gli oppressori. Credo che dobbiamo guardarci dal rischio di frettolose assimilazioni tra la Shoah e l oppressione che sta subendo il popolo palestinese. Sarebbe un errore storico e, soprattutto, un gravissimo errore politico: noi dobbiamo costruire ponti di comunicazione con gli amici israeliani: dobbiamo parlare alle loro menti ed ai loro cuori; proprio in nome della Shoah, coinvolgerli nel giudizio sulla situazione che si chiama oppressione dei palestinesi da parte dello stato di Israele, evitare di arroccarli, rafforzare quei settori della società israeliana che si interrogano su quanto sta accadendo ed operano contro l oppressione. La seconda considerazione: si è parlato di quello che noi possiamo fare in Italia cercare di contrastare la falsa informazione, le omissioni ciniche ed opportunistiche. Siamo consapevoli dei limiti di ciascuno di noi possiamo contenerli, facendo rete rete di controinformazione. Si è parlato di organizzazione del boicottaggio, fare pressioni a livello di reti europee per un applicazione rigorosa da parte della UE del trattato di associazione che obbliga Israele al rispetto dei diritti STRUMENTI MUSICALI PER I BAMBINI PALESTINESI In occasione della Missione di Pace Time for Responsabilities Luigi De Vittorio, Vicepresidente Nazionale di Auser, ha consegnato a Betlemme, nel corso di una cerimonia ufficiale, 20 strumenti musicali e 20 divise, donati dalla Filarmonica di Carpi (MO), in collaborazione con il Comune, Progetto Sviluppo e Auser per la creazione di una banda musicale formata da ragazzi palestinesi a Ramallah. La musica è un linguaggio universale, di pace e concordia ricorda De Vittorio - e ci auguriamo che questo piccolo gesto contribuisca a fare crescere nei più giovani la speranza in un futuro senza odio, anche la musica può essere un prezioso strumento di pace. 4 umani, Diritti che sono costantemente violati: sul lavoro, sulla casa, sulla mobilità, sulle libertà personali. Anche qui torna il valore strategico della rete. Infine la terza considerazione: abbiamo verificato l articolazione delle posizioni che attraversano le due società civili, quella palestinese e quella israeliana, sul futuro delle prospettive di pace Due popoli due stati; un solo stato non spetta a noi intervenire in questo confronto ma in ogni caso, è evidente che bisogna intraprendere un percorso. Sono stato coinvolto, come molti, in una proposta che è quella della non violenza: è un coinvolgimento non solo emotivo. Il dolore e la sofferenza possono alimentare il conflitto o la condivisione. Nel primo caso, il conflitto LE BUONE PRATICHE SUL SITO moltiplica il dolore, nel secondo si Sul sito è stato attivato un nuovo servizio interattivo. È possibile alimentano i fattori che ci uniscono inserire, consultare, vedere le buone pratiche che l'associazione ha realizzato nei rispetto a quelli che ci separano. La pace suoi vari settori di attività. Tante bellissime esperienze dal Nord al Sud dell'italia, oggi è un sogno, ma la condivisione del tante azioni positive che costituiscono un vero e proprio patrimonio da valorizzare dolore, della comune identità della ed utilizzare. condizione umana, della priorità assoluta Basta cliccare sul banner "Il meglio dell'auser- le buone pratiche che abbiamo dei diritti umani, la possono alimentare. realizzato" per accedere alla pagina dedicata alle buone pratiche, all'interno della La speranza è quella della profezia di quale si può consultare l'archivio, scaricare la scheda da compilare. Isaia: Il Signore farà scorrere su La pagina si arricchirà via via grazie ai contributi di tutti. Invitiamo pertanto tutte Gerusalemme un fiume di pace e di le associazioni a visitare sul sito la sezione delle Buone Pratiche e a salvezza. compilare la scheda che è stata predisposta. SCUOLA AUSER DI FORMAZIONE, I DIRIGENTI TORNANO SUI BANCHI PARTITI I CORSI CHE AIUTERANNO I PRESIDENTI A RAFFORZARE LE LORO COMPETENZE E SVOLGERE AL MEGLIO IL LAVORO QUOTIDIANO Fabio Piccolino Sono iniziati i corsi di formazione destinati ai Presidenti territoriali e regionali in attuazione del Progetto sperimentale di Scuola Auser di formazione, finanziato con il contributo del Fondo per l Associazionismo del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. Una vera e propria scuola, che aiuterà i dirigenti dell associazione a rafforzarsi e a svolgere con maggiore facilità e al meglio i difficili compiti che gli sono assegnati. Ma come si articola il programma di lavoro? I partecipanti al corso saranno oltre 150, provenienti da tutte le regioni italiane. Quattro diversi moduli formativi, per quattro gruppi, divisi sulla base della provenienza regionale: Nord-Ovest, Nord-Est, Centro e Sud. Il primo modulo, a cura dello Studio Mastropasqua Tirdi e Associati, ha lo 5

4 scopo di accrescere e sviluppare le conoscenze su un tema cruciale della funzione di supporto: gli adempimenti civilistici e fiscali, le convenzioni, il bilancio e la rendicontazione. A seguire, i dirigenti Auser saranno alle prese con il modulo relativo alla funzione di guida e rappresentanza: posizioni e proposte Auser, a cura del professor Alessandro Montebugnoli e con contributi di Michele Mangano, di Luigi De Vittorio e di altri dirigenti. I temi trattati in aula saranno quelli della sussidiarietà, dell associazionismo familiare, dell invecchiamento attivo. Questo modulo è destinato a migliorare la coerenza tra la qualità delle proprie attività e di quelle delle associazioni locali Auser di volontariato e di promozione sociale, rispetto alle finalità istituzionali, alla elaborazione e alle proposte dell Associazione. Non vuole essere un modulo di formazione teorica, ma di concreto approfondimento sulla direzione e sul senso dello sviluppo delle pratiche Auser, e una ricerca per superare difficoltà operative e politiche. Il terzo modulo è invece dedicato alla funzione di supporto per la pianificazione, la comunicazione esterna e la raccolta fondi: la pianificazione dello sviluppo delle strutture Auser, la comunicazione esterna, le relazioni pubbliche, l organizzazione di campagne di comunicazione sociale, e Il complesso tema della raccolta fondi, che saranno esaminati e spiegati da Comunicazioni Sociali, società di comunicazione e consulenza che supporta Auser nazionale nella raccolta fondi e nella comunicazione esterna. Scopo del modulo è rafforzare la capacità di definire obiettivi operativi di crescita del proprio ambito Auser di competenza (regione o territorio) e di individuare e strutturare gli strumenti di comunicazione esterna più efficaci per creare consenso e partecipazione intorno alle proprie iniziative e ai propri valori. Approfondisce e valuta le modalità organizzative e i risultati raggiunti dalle attività correnti di raccolta fondi e pone le basi per una loro maggiore efficacia e finalizzazione. L ultimo step, invece, ha come oggetto la funzione di coordinamento e di comunicazione interna: gli strumenti e i processi per la comunicazione organizzativa e il coordinamento delle associazioni, i sistemi di documentazione e diffusione della conoscenza, ma anche il nuovo Portale Auser, attualmente in fase di sviluppo, che diventerà presto un importante strumento di lavoro per tutte le strutture. Questo modulo è destinato a rafforzare la capacità di garantire la comunicazione e l informazione tra strutture, attualmente dispersiva e spesso non efficace. Mira anche a creare strumenti e modalità di lavoro finalizzati a meglio raccogliere, diffondere e trasferire la vastissima quantità di esperienze e riflessioni elaborate dalle strutture Auser a tutti i livelli (nazionale, regionale, territoriale, locale). Presenta le funzioni e le modalità di lavoro collaborativi per rinforzare la comunicazione di tutta l Associazione, per dar voce ai volontari e agli associati e creare un organizzazione a rete più coesa. Una formazione a tutto tondo, dunque, che mira al rafforzamento delle competenze dei dirigenti di Auser, e ad una preparazione sempre più specifica. Alle lezioni in aula, si accompagna un percorso online, che offre approfondimenti, strumenti di lavoro e occasioni di confronto: dall area riservata del sito di Auser nazionale, è infatti possibile accedere a tutti i contenuti. Spazi dedicati anche sul forum del sito, strumento attraverso il quale ottenere approfondimenti, confrontarsi sui programmi, condividere le conoscenze. Una piattaforma virtuale di confronto, aperta a tutti i partecipanti. Siamo partiti insieme, dopo la Conferenza di Organizzazione di Chianciano del 2007, nell ambito del Progetto di adeguamento e sviluppo organizzativo, con ricerche sul campo che hanno focalizzato i bisogni formativi dei nostri dirigenti per indirizzare, sostenere ed accompagnare lo sviluppo dell Associazione. Auser ha l esperienza, la sensibilità e le competenze per saper avviare una vera e propria Scuola Auser, un processo di formazione continua dei propri dirigenti, per rendere ancora più solida l Associazione e porre le basi per la Conferenza di Organizzazione della primavera del Ce la faremo, afferma Alberto Cannonieri, direttore generale di Auser e responsabile del progetto. IN ABRUZZO LA SOLIDARIETÀ TARGATA AUSER DA GIUGNO A SETTEMBRE 120 VOLONTARI LOMBARDI SI SONO ALTERNATI NEL CAMPO DI COPPITO. ORA SI PENSA AL FUTURO. Giovanni Melli La nostra presenza in Abruzzo al campo di Coppito, è stata qualcosa di importante, di molto più importante di quanto noi stessi potessimo immaginare. Con queste parole Sergio Veneziani, Presidente di Auser Lombardia, ha aperto lo scorso 24 ottobre a Milano, l incontro organizzato a conclusione del progetto di solidarietà verso le popolazioni terremotate abruzzesi, progetto che ha mobilitato 120 volontari auser da tutta la Lombardia che si sono alternati al Campo di Coppitto da giugno fino alla fine di settembre. L'iniziativa si è svolta presso la Sala Umanitaria cornice deliziosa ed appropriata per contenere ed esaltare le emozioni sincere che si sono liberate, come energia rinnovabile e linfa vitale per l'associazione. Personalmente sono convinto che questa esperienza collettiva di solidarietà sia da annoverare tra le più significative che Auser ha svolto da quando è nata venti anni or sono. Motivo questa valutazione perchè, avendo avuto la fortuna di esserne partecipe, in essa ho potuto scorgere la felice sintesi tra la spinta motivazionale dei singoli volontari, la forza collettiva della condivisione, la sobrietà dello stile Auser, la capacità di integrarsi nei contesti e la convinzione di tutti di aver ricevuto tanto e di essere cresciuti perchè fare del bene, fa star bene. Molti volontari hanno, per la prima volta, conosciuto, oltre l'ambito del proprio circolo, la vera dimensione di Auser e le potenzialità che può generare attraverso la capacità di costruire concrete sinergie intergenerazionali. Quest'estate in Volontari dell Auser Brianza danno una mano in cucina nel progetto di solidarietà verso le popolazioni terremotate Abruzzesi. Fotografie e diario di bordo dell esperienza della Lombardia sul sito 6 7

5 Volontari dell Auser di Lodi prestano servizio in Abruzzo al campo Coppito. Abruzzo - ha concluso Sergio Veneziani - Auser Lombardia ha ritrovato se stessa ed ha trovato tanti volontari capaci, motivati, disponibili, un vero gruppo... C'è testimonianza di tutto ciò nella pagine del diario che è stato realizzato e che contiene le riflessioni e le emozioni di ogni gruppo che si è alternato. Pagine intense, efficaci, vissute, assemblaggio di calligrafie differenti, segno di ricchezza generazionale, pagine da socializzare e condividere. Sono esperienze collettive da valorizzare a cui è necessario dare una prospettiva. In esse c'è traccia evidente delle relazioni intrecciate, delle sofferenze condivise, dei sorrisi ricevuti e dei silenzi operosi e degli sguardi spaesati...della forza contenuta nelle risa dei bambini. La chiusura del campo di Coppitto ha aperto una nuova e delicata fase che rende cogente la rimodulazione delle priorità per non disperdere il capitale di credibilità, di affidabilità e di esperienze acquisite in questi mesi. Occorre consolidare Auser Volontariato Aquila, nata come prima risposta alla domanda di aiuto e solidarietà verso le persone colpite dal terremoto e che ora deve poter svolgere un ruolo da protagonista nella ricostruzione del tessuto sociale oggi scompaginato e compromesso. L'impegno di Auser, quindi, continua e coinvolge tutta l'associazione attraverso la realizzazione del Progetto Aquila viva e solidale che potrà avvalersi delle risorse raccolte nei Circoli e nei Centri delle nostre Associazioni locali. Due sono le direttrici su cui concentrare gli sforzi e le attività. La prima: dar vita e consolidare il Filo d'argento, quale contributo integrativo e non sostitutivo alla rete dei servizi pubblici, per qualificare ed integrare la gamma delle risposte fornite ai bisogni delle persone anziane, mirando a soddisfarne le necessità immateriali; La seconda: migliorare la qualità della vita sociale delle persone anziane, con attenzione particolare a quelle a rischio di solitudine non voluta, onde promuovere un maggior senso di sicurezza e di socialità sostenendo percorsi di autorganizzazione di spazi dedicati alla aggregazione ed alla socializzazione e valorizzazione degli anziani. Questi obiettivi sono sicuramente ambiziosi. All'atto della semina si hanno tante speranze e qualche timore poi si concima e si cura il germoglio, si fa di tutto perchè la pianta cresca e solo il passare del tempo dimostrerà se la nostra cura è stata efficace. I volontari lombardi, e non solo, che si sono avvicendati a Coppitto hanno preparato il terreno ed aiutato l'auser Abruzzo ad impiantare l'auser Volontariato Aquilana. Abbiamo individuato coloro che in prima persona si prendono cura di farla crescere (Nicola, Marco, Assunta, i volontari aquilani). Spetta a tutti noi non lasciarli soli. Spetta a noi sostenerli. Spetta a noi vigilare e verificare e se necessario indicare soluzioni ai problemi. Però è già successo una volta...a Coppitto la realtà ha superato la nostra immaginazione. Perchè non una seconda volta? L AUSER DI TARANTO SI RACCONTA, PRESENTATO IL PRIMO RAPPORTO DI MISSIONE Maria Antonietta Brigida Storia, progetti, iniziative, attività, dal 2006 fino al settembre del 2009.L Auser di Taranto lo scorso 20 ottobre ha presentato con meritato orgoglio il suo primo, importante, Rapporto di Missione che illustra le molteplici attività svolte dall Auser su l territorio provinciale. Un analisi frutto di una esperienza che l associazione ha compiuto lavorando su se stessa. Un Rapporto nato dal bisogno di comprendere meglio le potenzialità dell associazione, i possibili sviluppi delle attività, la portata e la qualità delle prestazioni offerte in particolare alle persone anziane e a chi necessita di assistenza in generale. Ma soprattutto ha voluto dare il giusto valore al contributo offerto dai volontari che attraverso la loro attività, contribuiscono a rafforzare l esercizio della cittadinanza attiva, così come assume importanza dar peso alla forte valorizzazione della risorsa anziani attraverso le iniziative di relazione, dove i soci e i volontari sono promotori ed attori diretti. I dati ci raccontano del ruolo trainante dei circoli in seno all associazione. La maggior parte delle strutture comunali ha una forte impostazione polifunzionale, le proposte sono combinate con più di una tipologia d azione ed integrate tra di loro, esiste altresì una contaminazione tra volontariato e promozione sociale. La presenza di queste due forme di intervento è fondamentale ai fini dello sviluppo di un sistema di servizi integrati e territoriale che rispondano in modo più efficace ai bisogni in gioco e crea le condizioni ideali per lo sviluppo del tessuto associativo. Il totale degli iscritti è pari oggi a 1500 e conferma il trend di crescita positivo realizzato negli ultimi tre anni(erano 818 nel 2006). Siamo cresciuti del 70%. Tale incremento riguarda tutti i circoli, in particolare quelli dei quartieri Tamburi e Talsano. Incremento realizzato anche grazie all apertura di sedi proprie (prima eravamo presso le strutture Cgil). Altro dato interessante che si evince è la maggiore presenza femminile. Le donne iscritte all Auser sono il 60%. In crescita anche il numero dei volontari ma con un rapporto ancora molto basso tra iscritti e volontari. La percentuale è infatti pari al 13%. L Auser di Taranto si pone quindi come soggetto che mette in campo iniziative ad ampio spettrotra volontariato e promozione sociale; per rispondere ai vecchi e nuovi bisogni della popolazione, alle vecchie e nuove povertà. Il nostro volontariato si distingue da altre organizzazioni del terzo settore perché non si limita ad esaurire la propria funzione nella creazione e gestione dei servizi, ma a trarre spunto e motivazione dalla presa in carico del bisogno e quindi nella valorizzazione del diritto di cittadinanza attiva. Le iniziative di socializzazione di Auser Taranto vedono un deciso protagonismo 8 9

6 Gruppo di volontari Auser di Taranto che condividono relazioni sociali ed esperienze di vita. degli anziani, qualità dei programmi e una grande apertura a nuove platee e soggetti. Le attività di divertimento e tempo libero vanno dalle cene sociali alle feste, dai giochi ai tornei e tanto altro ancora, con una partecipazione pari al 30% degli iscritti; per tutti opportunità di coltivare interessi e soddisfare la creatività con i corsi di attività artistiche, laboratori, spettacoli, musica, con una partecipazione pari al 20%; le attività di cura del corpo e benessere fisico, attività motoria, ballo raccolgono il 20% di interesse mentre le gite e i soggiorni climatici e turistici il 30%. L educazione permanente organizzata in forma di Università popolare della terza età nei circoli di Laterza e di Monteiasi non pensa tanto ad una cultura alta fine a se stessa, ma quanto a mettere in moto relazioni sociali e le esperienze di vita delle persone. In questi circoli oltre all attività prevalente si programmano gite d istruzione, ginnastica ed è nata anche una compagnia teatrale. I corsi sono frequentati dall 80% dei soci. Le attività di volontariato che Auser Taranto mette in campo comprendono l ascolto telefonico che è formato oggi da 7 postazioni del Filo d Argento (Taranto città, Tamburi, Talsano, Montemesola, Martina Franca, Monteiasi, Manduria) dove tutti possono chiamare per sottoporre il proprio problema, ricevendo conforto ed aiuto concreto. Il Filo d Argento è anche un osservatorio privilegiato della realtà sociale ionica, soprattutto dei bisogni degli anziani. Siamo impegnati nei servizi di compagnia telefonica e a domicilio, di accompagnamento presso strutture sanitarie, per spesa o passeggiate. Basti pensare che se nel 2006 nel quartiere centrale di Taranto abbiamo effettuato 150 servizi di accompagnamento verso strutture sanitarie, a settembre del 2009 questa cifra è schizzata a 213. Con questo primo rapporto abbiamo voluto guardarci dentro per capire come meglio organizzare le attività che rispondono alle esigenze della collettività. L educazione permanente sarà il filo conduttore delle attività del 2010, infatti sono in fase di realizzazione due nuovi circoli che avranno come obiettivo la realizzazione delle Università a Crispiano e Mottola. TRA PELLE E CUORE, IL SUCCESSO DEL PROGETTO MAQUILLAGE DI AUSER BOLOGNA Nadia Luppi Da dieci anni un gruppo numeroso di volontarie di Auser Bologna si impegna nel progetto Maquillage, grazie al quale ogni anno un migliaio di anziani ospiti di alcune case protette trova uno spazio per la cura di sè e del proprio aspetto fisico ma anche preziose occasioni di relazione, di socializzazione e di incontro. Ecco le testimonianze di alcune delle tante volontarie che hanno reso possibile questo progetto. Era il 1999 quando Lia Brusa, esperta di estetica e volontaria di Auser Bologna, pensò all opportunità di proporre momenti dedicati alla cura di sé e al benessere anche agli ospiti delle strutture protette della città. Volevamo aiutare gli anziani a volersi bene spiega - curando il loro aspetto fisico e dando loro la possibilità di vivere giornate un po speciali, fatte di trattamenti estetici ma anche di relazioni e di comunicazione sincera. Quell idea si è trasformata in un impegno costante, che vede le volontarie di Auser recarsi con regolarità presso le strutture dell Asp Giovanni XXIII, armate di prodotti di bellezza sicuri e testati e di tutto ciò che occorre per rendere più luminoso un volto e più vivace un sorriso. Ma quello che allestiscono le volontarie presso le strutture e talvolta anche in occasione di feste promosse dalle reti associative e dai Comuni - è qualcosa di ben più ricco di un centro estetico itinerante. Elda e Viviana, che hanno affiancato Lia fin dagli esordi del progetto, così descrivono lo spirito con cui lavorano: Prima di tutto cerchiamo di creare un clima sereno e amichevole, offrendo qualche caramella e a avvicinandoci con delicatezza agli anziani. L intento è quello di far sentire ogni persona importante, coccolandola con trattamenti individualizzati e pensati proprio per lei, per la sua pelle e per i suoi gusti. E notare come i volti segnati da crucci e malanni, grazie ad una maschera, un filo di trucco e qualche chiacchiera diventano più luminosi e vivaci, è per noi la soddisfazione più grande. Il fatto poi aggiunge Sara - che i trattamenti vengano offerti contemporaneamente a molti anziani che si ritrovano così a conversare insieme sul proprio passato e sui propri amori di gioventù, contribuisce a creare un allegra atmosfera di condivisione che finisce per contagiare anche i più scettici. Ho visto donne e uomini dapprima disinteressati, che tra una caramella e una chiacchiera hanno iniziato a incuriosirsi, finendo per affezionarsi a noi, cercandoci, e chiedendo di ricevere le nostre cure estetiche. Lia Brusa, esperta di estetica e volontaria di Auser Bologna impegnata nel progetto Maquillage

7 adottare per combattere il fenomeno. A questo punto, le realtà associative del territorio, la Municipalità e la Direzione Politiche Sociali del Comune di Venezia, costituirono un gruppo di lavoro, onde avviare un piano di informazione sui comportamenti da adottare per arginare il fenomeno delle buggerate. In concreto, sono stati promossi 50 eventi pubblici, con il coinvolgimento diretto di 31 associazioni impegnate nella terza età e la diretta collaborazione degli over 70 residenti in città per la distribuzione di 22 mila opuscoli e 10 mila depliant. Nei tre anni di Ocio ciò, di fatto, si sono ridotti i raggiri perché molti anziani non ci cascano più: la diminuzione delle denunce per truffe e raggiri sono diminuite del 33%, passando dalle 1644 del 2007 alle 1090 dell anno scorso. Sono percentuali incoraggianti, ma non bisogna dimenticare che i truffatori non scarseggiano d inventiva e, a ragione di ciò, l anziano va costantemente informato e sollecitato a non abbassare la guardia, approfittando di tutte le occasioni di socialità. Molte manifestazioni, per esempio come Ocio che si balla, diventano un opportunità per aprire una finestra informativa di 10 minuti, per ricordare, in questo caso, ai ballerini in pista, le migliori regole per prevenire le fregature. La percezione del livello di sicurezza da parte dei cittadini non passa necessariamente attraverso l installazione di telecamere o l aumento degli agenti di polizia. Una persona, specie se anziana, si sente sicura quando sa di poter contare su strutture e servizi che sono in grado di prevenire gli abusi e alleviare, per quanto possibile, la sofferenza fisica e psicologica derivante dall essere stata vittima di una qualsiasi truffa o rapina. Ocio ciò, sensibilizzando la cittadinanza, ha tentato di umanizzare il problema puntando sul singolo, i parenti e i vicini di casa, con appelli e consigli a favore del benessere psico-sociale dell anziano. Nel contempo, spronando la persona sola a vagliare semplici suggerimenti per aumentare la sua sicurezza come: non aprire la porta a sconosciuti, farsi accompagnare quando si prelevano o si versano soldi, ecc.ricordando a tutti, parenti e vicini di casa, compresi, che se anche gli anziani non lo chiedono, hanno bisogno di loro. Nell ambito di Ocio ciò s inserisce ora Ocio al tacuin (attento al portafoglio) il nuovo fondo di garanzia ideato dal Comune di Venezia per rimborsare gli ultra 70enni dei reati subiti. Chiunque, tra i 52 mila ultrasettantenni quasi un quinto della popolazione cittadina subisca un furto, uno scippo o una rapina, dopo aver presentato regolare denuncia dell accaduto negli uffici delle forze dell ordine, è nella condizione di ottenere, a titolo di risarcimento del danno patito, un contributo fino a 500 euro. Nell iniziativa sono coinvolti l Auser ed il Movimento consumatori: l associazione di volontariato gestirà uno sportello di supporto telefonico, disponibile non appena sarà aperta la nuova sede; il secondo, si occuperà dell attività di consulenza specifica Parlando con le volontarie si comprende bene che il valore del progetto va ben al di là della pelle, arrivando a toccare il cuore: Ho sempre creduto nel volontariato, e mi impegno a fondo e volentieri nel progetto Maquillage spiega Rossana PROGETTO MAQUILLAGE, NUOVI VOLONTARI CERCASI perché posso toccare con mano il Servono nuovi volontari per portare avanti il progetto "Maquillage" che da anni regala momenti di benessere agli ospiti delle strutture per anziani, attraverso cure bene che facciamo: gli anziani ci accolgono sempre con un tale estetiche, coccole e chiacchiere. Nuovi volontari disposti a trascorrere un po' di entusiasmo e si mostrano tanto sereni tempo con gli anziani regalando loro piacevoli momenti di benessere. dopo aver passato un pomeriggio con Parlando di benessere nella terza età non si può dimenticare l'importanza della cura noi, che resta sempre più forte la gioia di sè, di momenti dedicati alla propria bellezza, necessari per sentirsi meglio con sè di dare rispetto alla fatica che questo stessi e con gli altri. dare a volte implica. All inizio ero Per dare il proprio contributo al progetto non servono competenze particolari o disponibilità di tempo precise: è sufficiente diventare volontari di Auser Bologna ri- titubante e avvertivo un senso di inadeguatezza racconta poi Viviana - volgendosi alla sede dell'associazione in via della Beverara 6. ma sono stati proprio gli anziani coi Per informazioni: Auser Bologna tel: 051/ loro sorrisi e le loro parole affettuose a N.L farmi sentire importante e ad aiutarmi a comprendere il valore del nostro fare. Da simili testimonianze emerge forte l emozione dell incontro, quella stessa emozione che le volontarie trovano negli occhi degli anziani, e che talvolta può trasformarsi in nostalgia: L altra faccia dei legami di amicizia e vicinanza che si creano nelle ore spese insieme è quella del timore di non ritrovare più qualcuno, un timore che tutte noi condividiamo confessa Lia con tono malinconico. Ma la paura di non essere all altezza, il timore di doversi separare o la tristezza che può prenderci quando ascoltiamo i racconti di un passato ormai lontano non sono altro che stimoli per dare di più, per spenderci e per regalare a queste persone altri pomeriggi, altre carezze, altri momenti di benessere concludono le volontarie. OCIO AI TRUFFATORI L AUSER DI VENEZIA COINVOLTO IN UN PROGETTO DI AIUTO E PREVENZIONE PER GLI ANZIANI VITTIME DI REATI Severino Benettelli Ocio, ciò!, in dialetto veneto significa stai attento ed ha il senso di una confidenziale esortazione. Un appello rivolto a quanti sono il bersaglio prediletto di malfattori e di furfanti, perché facciano attenzione agli sconosciuti. Ma è anche il nome dato al progetto nato nei primi mesi del 2007, su proposta del Vice Questore Aggiunto di Marghera (VE), con l intenzione di avviare dei percorsi di sensibilizzazione e informazione rivolti agli anziani, spesso esposti,più di altri, ai pericoli di truffe e scippi. Furono coinvolti i gruppi anziani autogestiti del territorio, il Sindacato Pensionati, l Auser ed il Vicariato di Marghera. Inizialmente, era necessario analizzare le fregature e i borseggi subiti dagli anziani per trarne delle indicazioni, dei suggerimenti per l acquisizione di nuove competenze e risorse da QUANDO SI DICE SFORTUNA! LA STORIA DI EGLE Ocio al tacuin, sono in molti a ripeterglielo alla signora Egle: 91 anni, pensionata e vedova di guerra che, negli ultimi anni, per ben tre volte è stata alleggerita del portafoglio. In pieno giorno, a Mestre, secondo la malcapitata, per due volte a borseggiarla è stata una ragazza sui trent anni, in motorino con tanto di casco. Mentre, più o meno nella stessa zona, una mattina appena uscita da un negozio, la signora Egle si sente toccare una spalla. Si gira e di fronte si trova una donna elegante e profumata che, scusandosi per averla importunata, le fa presente che ha il soprabito macchiato di colore e, come una vecchia amica, con tono pacato, le suggerisce che, per eliminarla, bisogna intervenire in fretta prima che la tinta si rapprenda. La Egle, contrariata per l incidente, si toglie l impermeabile aiutata dalla sconosciuta e glielo consegna. L anonima, armata di una salviettina inumidita, prontamente interviene strofinando la sul tessuto. Sparita la chiazza e apparentemente soddisfatta per il risultato ottenuto, aiuta la proprietaria dell indumento ad rindossarlo. I ringraziamenti si sprecano e, di rimando, i non è il caso. La Egle, felice per non averci rimesso il soprabito ancora in buono stato, una volta salutata con effusione la salvatrice, entra dal fornaio. Compera il solito e, al momento di pagare l acquisto sorpresa e sconcerto il portamonete nella tasca destra dello spolverino non c è più, se n è andato con la macchia. Qualche settimana dopo, la Egle si trova a viaggiare su un pullman strapieno. In piedi, riuscendo a malapena ad aggrapparsi al sostegno per non cadere. Seppur impegnata a non farsi sballottare, ad un tratto nota che l uomo attaccato all appoggio accanto, sta infilando una mano nella sua borsa. Con prontezza gliela afferra e urlando, non lascia la presa sino a quando il farabutto, guadagnando l uscita, a autobus fermo, lascia cadere il borsellino e si dilegua. Applaudita dagli astanti, indenne e contenta, finalmente era riuscita a bloccare un furto che, se andava a segno, sarebbe stato compiuto, ancora una volta, a suo danno. S.B.

8 La locandina della presentazione a Roma del decimo rapporto sulla condizione dell infanzia e dell adolescenza a cura di Eurispes e Telefono Azzurrro I GIOVANI ITALIANI NEL RAPPORTO EURISPES E TELEFONO AZZURRO PRESENTATO A ROMA IL DECIMO RAPPORTO SULLA CONDIZIONE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Fabio Piccolino Lo scorso 17 novembre è stato presentato a Roma il Rapporto Nazionale sulla condizione dell infanzia e dell adolescenza. Giunto alla decima edizione, a cura di Eurispes e Telefono Azzurro, il Rapporto è un efficace fotografia della condizione di bambini e adolescenti nel nostro Paese. La ricerca, condotta su un campione di tra bambini e adolescenti, contiene infatti dati interessanti e rappresentativi, suddivisi nel volume in macroaree tematiche: abuso e disagio, famiglia, scuola ed educazione, cultura e tempo libero, media e comunicazione. La scelta della data per la presentazione del Rapporto non è casuale: in questi giorni, infatti, si celebra il ventennale della Convenzione Onu sui diritti per l infanzia. Appare dunque necessario, come sostenuto da Ernesto Caffo, presidente di Telefono Azzurro, nel corso della presentazione della ricerca, dare il proprio contributo affinché nel nostro paese si sviluppi una vera cultura dell infanzia. I dati raccolti stimolano molteplici riflessioni: a cominciare dal tema del bullismo, sempre più spesso oggetto di cronaca nei media, e costante motivo di preoccupazione per genitori e ragazzi. E significativo il numero di ragazzi che si sono trovati di fronte a episodi di prevaricazione, anche se, rispetto al 2008, cresce il numero di bambini che soccorre la vittima, spesso più debole per condizione fisica, psicologica, sociale. Aumenta il numero (11,1% tra i bambini, 19,5% tra gli adolescenti) di ragazzi che rimangono indifferenti a questo tipo di episodi, ma cresce anche il numero di ragazzi che prova divertimento di fronte a episodi di bullismo (9,5% nel 2008, 13% nel 2009). Il Rapporto Eurispes-Telefono Azzurro analizza con attenzione il grave problema dello sfruttamento sessuale dei minori, evidenziando la necessità di misure più efficaci per il contrasto e la lotta a questo fenomeno. Ogni 5 minori sfruttati, 4 sono di sesso femminile. Una realtà drammatica, che trova nuovi sbocchi 14 attraverso le nuove tecnologie di comunicazione, internet e social network in primis, che possono rendere i minori più vulnerabili di fronte ad attacchi telematici. Numeri interessanti giungono poi dallo studio relativo alle abitudini di bambini e adolescenti riguardo a fumo e alcol. Preoccupanti i numeri: tra i 14 e i 7 anni, il 6,7% degli adolescenti fuma, e il numero sale, 22,4%, tra i 18 e i 19 anni, e il 27,3% tra i 20 e i 24, contro una media sulla popolazione complessiva del 22,1%. L età media della prima sigaretta è 16 anni. Ancora peggiori i dati relativi al consumo di alcolici: l Italia detiene il primato negativo dell età più bassa del primo contatto con l alcol. L età media in cui avviene l iniziazione è infatti di 12 anni e mezzo. Secondo i ricercatori,, l approccio dei giovani all alcol somiglia sempre di più ad un eccesso ritualizzato, figlio cioè di uno stordimento collettivo divenuto moda o addirittura stile di vita. La ricerca invita poi a riflettere sui consumi e le abitudini dei giovani, sempre più dirette dal marketing e dalle mode. I giovani assegnano maggiore peso all abbigliamento, a cui attribuiscono una funzione sociale, oltre che pratica: status symbol in piena regola, come quelli legati alle tecnologie, telefonini in primis. Basti pensare TANTI STRUMENTI IN PIÙ PER LA NOSTRA COMUNICAZIONE che oltre la metà dei bambini fra i 7 e gli 11 Dal sito - appositamente creato per auser - è anni possiede un telefonino, e tra i 12 e i 19 possibile scaricare, pronti per la stampa, i materiali della nuova campagna di anni, la percentuale è di oltre il 96%. comunicazione dell'auser "Energia rinnovabile", presentata all'assemblea nazionale Nel corso della presentazione del volume, dei soci lo scorso 26 giugno Ernesto Caffo, presidente di Telefono La campagna veicola in modo moderno ed innovativo la mission di Auser. Al centro Azzurro, ha auspicato una maggiore della campagna infatti, c'è l'idea che l'anziano - il senior- non è solo una grande attenzione da parte della politica ai temi risorsa da valorizzare, ma una vera e propria "Energia Rinnovabile" per tutta la dell infanzia, denunciando l inefficacia delle comunità. misure fino ad ora adottate. Difendere Inoltre con l'obiettivo di coordinare al meglio l'utilizzo del logo associativo, dallo l infanzia significa difendere i cittadini di stesso sito è possibile anche scaricare ed adattare alle proprie esigenze altri domani, e quindi, tutta la nostra società. materiali di comunicazione come carta intestata e biglietti da visita. LA FOTO DEL MESE Foto di Guido Turus. È la foto di copertina del libro fotografico La speranza dei Vergini realizzato dall Auser Volontariato Napoli Centro in collaborazione con il Csv di Napoli. Il libro ha dato un volto e una voce ai tanti anziani che popolano uno dei quartieri più difficili dell area napoletana i Vergini, e che grazie ai volontari dell Auser hanno trovato serenità e speranza. 15

9 PAN Advertising 12/09 La società ha una nuova fonte di energia VENTI DI SOLIDARIETà I senior sono una risorsa preziosa per la nostra società. È la nuova generazione di anziani che ha esperienza, disponibilità e ancora tanta voglia di fare. Quella che rifiuta gli stereotipi e riprende i suoi diritti svolgendo un ruolo attivo nella società. Auser, con la sua struttura presente su tutto il territorio nazionale, è il maggiore interprete di questo cambiamento che vede nel volontariato, nella solidarietà e nella partecipazione un punto di riferimento con al centro di tutto la persona.

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Costruiamo insieme una nuova cultura! Cittadinanza &Costituzione - Programma nazionale di EducAzione alla pace e ai Diritti Umani La mia scuola per la pace promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO DAL LAVORO AL PENSIONAMENTO 1 GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Chiara Cassurino, Genova Modulo 1 Il Percorso formativo dal lavoro al pensionamento : a chi si rivolge e perché?

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Corri con la tua Azienda la maratona della solidarietà con la Lilt!

Corri con la tua Azienda la maratona della solidarietà con la Lilt! Domenica 12 aprile 2015 Corri, dona, vinci Corri con LILT la Milano Marathon Trasforma una passione in una Missione Solidale Corri con la tua Azienda la maratona della solidarietà con la Lilt! Il 12 aprile

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) C E F O L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) L animatore socio culturale è un professionista che, attraverso attività ludico-espressive, stimola la partecipazione attiva degli

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64.

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64. 1 PROPOSTA PROGETTUALE.. CORSO di RISPARMIO ENERGETICO PREMESSA Il presente progetto rappresenta una proposta formativa il cui obiettivo è sensibilizzare i bambini verso una nuova consapevolezza di rispetto

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013

CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013 CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013 CHEFORTE! Nasce nel 2011 TARGET: Mamme con bambini dai 3 ai 13 anni. Content Labs Presenza sul mercato di siti e blog quasi esclusivamente

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

AfrikaSì / Emergency DIRITTI NEGATI Testimonianze dalle ingiustizie del mondo di oggi

AfrikaSì / Emergency DIRITTI NEGATI Testimonianze dalle ingiustizie del mondo di oggi AfrikaSì / Emergency DIRITTI NEGATI Testimonianze dalle ingiustizie del mondo di oggi Afrikasì ed Emergency hanno deciso di promuovere insieme una due giorni, il 14 e il 15 maggio 2014, avente come filo

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

MAGAZINE, community Ed EvENtI FoRMAto FAMIGLIA

MAGAZINE, community Ed EvENtI FoRMAto FAMIGLIA MAGAZINE, community Ed EvENtI FoRMAto FAMIGLIA FattoreFamiglia è il Magazine online dedicato alla famiglia è la Community formato famiglia è Party Kids Events: eventi per privati e corporate è FaFaNetwork:

Dettagli

VISION a Casa del Volontariato VOCE

VISION a Casa del Volontariato VOCE Un oasi di solidarietà, nel cuore della città. VISION a Casa del Volontariato VOCE LVolontari al Centro è il luogo che racchiude in modo nuovo la dimensione comunitaria della vita a Milano e nella sua

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Visita del Dr. Simi Deputato nella tua scuola Inter di Milano Prova Enlace Colazione per Giorni Migliori Opera Teatrale di Fondazione ALPURA

Visita del Dr. Simi Deputato nella tua scuola Inter di Milano Prova Enlace Colazione per Giorni Migliori Opera Teatrale di Fondazione ALPURA Visita del Dr. Simi Deputato nella tua scuola Inter di Milano Prova Enlace Colazione per Giorni Migliori Opera Teatrale di Fondazione ALPURA Testimonianza dei benefattori Giorno dei Morti Bazare Natalizio

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

PROGETTO UILP Basilicata SPORTELLO ASCOLTO UN PROGETTO SPERIMENTALE E INNOVATIVO

PROGETTO UILP Basilicata SPORTELLO ASCOLTO UN PROGETTO SPERIMENTALE E INNOVATIVO Potenza,19 settembre 2014 PROGETTO UILP Basilicata SPORTELLO ASCOLTO UN PROGETTO SPERIMENTALE E INNOVATIVO I primi segni di invecchiamento iniziano con il pensionamento, perché nella nostra società l uomo

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa Cari Oratori, ci stiamo avvicinando alla settimana diocesana degli Oratori, un momento forte che ci permette di concentrare l attenzione sulle nostre realtà educative.

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima.

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima. Si è svolta stamani, 1 ottobre, la prevista Conferenza Stampa, promossa dalla Cooperativa A.S.S.O. di Pescara sull'iniziativa di Assistenza gratuita agli anziani di Pescara svolta nei mesi di Agosto e

Dettagli

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI IDEE DI IMPRESA IN GARA UN RACCONTO DI COSA SIGNIFICA FARE IMPRESA ATTRAVERSO UNA PIATTAFORMA WEB DEDICATA E UN VERO E PROPRIO CONTEST

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Ginestra, Valmontone

dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Ginestra, Valmontone Corso di formazione: VIOLENZA ALLE DONNE E PROFESSIONI DI AIUTO Associazione Ponte Donna dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Panoramica generale sui Centri Antiviolenza e per donne

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante.

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante. chi siamo prefazione L età adulta è lo specchio della nostra infanzia. Infanzia che può diventare un aiuto o un ostacolo, nella vita futura. Quali possono essere le basi per il nostro sviluppo futuro,

Dettagli

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP PRESENTAZIONE DEL PROGETTO La CISL ha organizzato questo incontro perché

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Premessa Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Giovanna Baldini e Cristiana Vettori Libera Scuola Pisa Creare comunità consapevoli,

Dettagli

MESSAGGI IN BOTTIGLIA SOS contro la violenza

MESSAGGI IN BOTTIGLIA SOS contro la violenza MESSAGGI IN BOTTIGLIA SOS contro la violenza IL NOSTRO TEAM Siamo tre ragazze ed un ragazzo, studenti universitari di Giurisprudenza e Relazioni internazionali e Diritti umani. Siamo appassionati di musica,

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Associazione S.D. GAM - Gioco Animazione in Movimento CORSO DI FORMAZIONE PER ANIMATORI PROFESSIONALI 2015

Associazione S.D. GAM - Gioco Animazione in Movimento CORSO DI FORMAZIONE PER ANIMATORI PROFESSIONALI 2015 CORSO DI FORMAZIONE PER ANIMATORI PROFESSIONALI 2015 L idea del progetto nasce da una parte dall esigenza di formare nuovi operatori con l intento di creare un più ampio bacino di risorse e dall altra

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

FONDAZIONE PANGEA ONLUS

FONDAZIONE PANGEA ONLUS FONDAZIONE PANGEA ONLUS Le donne rappresentano il più vasto numero di persone soggette a discriminazioni, violenze, povertà e processi di impoverimento nel mondo, semplicemente perché appartenenti al genere

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE La 4 a Conferenza Europea sulle Scuole che promuovono salute: Equità, Istruzione e Salute 7-9 Ottobre 2013 IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ, ISTRUZIONE E SALUTE LA DICHIARAZIONE DI ODENSE: IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA IL PANE A CHI SERVE

RASSEGNA STAMPA IL PANE A CHI SERVE RASSEGNA STAMPA IL PANE A CHI SERVE A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA CRISI: ACLI ROMA, "4% ROMANI VIVE SOTTO SOGLIA DI POVERTÀ, IL 7% MANGIA IN MANIERA ADEGUATA OGNI DUE GIORNI" Progetto

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli