LA PENNA Notiziario straordinario Natale 2011 a cura dell'associazione Volontari di Protezione Civile Le Aquile Oglio-Po

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PENNA Notiziario straordinario Natale 2011 a cura dell'associazione Volontari di Protezione Civile Le Aquile Oglio-Po"

Transcript

1 Notiziario straordinario Natale 2011 a cura dell'associazione Volontari di Protezione Civile Le Aquile Oglio-Po TEMPO DI SPECIALIZZARSI Cercasi cuoco. Cercasi autista con patente B+E. Cercasi operatore cucina. Cercasi magazziniere. Cercasi operatore radio. Cercasi operatore motosega. Cercasi impiegato d'ufficio. Cercasi camionista. Con annunci di lavoro come questi abbiamo tappezzato una bacheca all'interno del gazebo che abbiamo allestito alla fiera di Martignana di Po lo scorso settembre. Il messaggio che volevamo far giungere ai passanti più o meno incuriositi è proprio quello che dà il titolo a questo articolo, che vuole a sua volta riassumere come stiano evolvendo in questi anni ruolo e modalità di operare del volontario all'interno del sistema Protezione Civile. Professionale ma non professionista, questo potrebbe essere lo slogan che deve caratterizzare il volontario che nel momento del bisogno si mette in gioco con la propria disponibilità e le proprie capacità. Una precisazione ora è però d'obbligo: occorre sottolineare che l'obiettivo non è quello di formare un volontario tuttofare o addirittura tuttologo, quanto piuttosto quello di ottenere un cittadino attivo che sia desideroso e consapevole di mettere a disposizione le proprie professionalità in un contesto emergenziale coordinato. Tempo di specializzarsi quindi, tempo di andare incontro alle esigenze operative con una rete di volontari che insieme ed in sinergia riescano a moltiplicare i frutti delle singole capacità individuali. Uno dei passi fondamentali è quello di arrivare quanto prima grazie alla formazione ma soprattutto grazie anche allo scambio reciproco tra realtà ed esperienze a standard operativi condivisi per le numerose specializzazioni necessarie. È quello che si sta cercando di fare anche nella nostra provincia con il progetto Colonna Mobile Provinciale, progetto di cui vi abbiamo parlato negli scorsi anni e che si sta finalmente concretizzando con l'assegnazione ai 9 gruppi che la compongono degli ultimi mezzi e attrezzature in arrivo: camion, fuoristrada, moduli speciali (cucina, bagni, docce), tende, motopompe, ecc... per fare in modo che le squadre di volontari possano essere autonome e autosufficienti quando sono chiamate ad intervenire in emergenza. All'interno di questo progetto, come già anticipato negli scorsi anni, il nostro gruppo si sta impegnando e specializzando in due settori specifici per un campo di Protezione Civile: le funzioni di segreteria e cucina. Arriviamo ora alle novità che siamo lieti di annunciarvi! Per far fronte agli impegni due nuovi mezzi da quest'anno sono in dotazione al nostro gruppo: un veicolo Fiat Doblò 7 posti con gancio di traino, acquistato con un recente contributo di Regione Lombardia che ne ha finanziato l'80% e la cucina da campo della Colonna Mobile. Entrambi i mezzi sono stati inaugurati e collaudati dai nostri volontari in occasione dell'ultima esercitazione provinciale che si è tenuta all'inizio di novembre a Rivolta d'adda. I nuovi mezzi si aggiungono agli altri ormai ben noti e operativi: un Ford Transit 6 posti con cassone aperto, un Fiat Ducato 3 posti con cassone centinato ed un Iveco Massif (di Colonna Mobile) con carrello appendice. Concludiamo con il consueto appello finale. Nella primavera del 2012 nel Casalasco si terrà un corso base per volontari di Protezione Civile: quale miglior occasione per conoscerci più da vicino? L'Associazione intende porgere a tutta la cittadinanza i migliori auguri di un Buon Natale e dioglio-po un Felice Anno Nuovo Associazione Volontari di Protezione Civile Le Aquile

2 Dal Palazzo municipale, 17 dicembre 2011 Penso che quest anno sia d obbligo, oltre che fare i migliori auguri a tutti i volontari della Protezione Civile, ricordare Mariano Marcheselli di cui è stata celebrata recentemente una Messa in sua memoria e che ha lasciato un bellissimo ricordo di sé a tutta la comunità. I volontari della Protezione Civile anche quest anno hanno avuto l occasione di dimostrare il loro valore intervenendo UN ANNO CON NOI Eccoci a riassumere un altro anno di attività, dare un'idea di cosa facciano Le Aquile durante l'anno e allo stesso tempo scrivere una sorta di maxididascalia per le numerose foto stampate nelle prime pagine del nostro ormai tradizionale calendario. In primavera, come di consueto, prevenzione e sensibilizzazione per l'ambiente, grazie al progetto provinciale Fiumi Sicuri iniziativa aperta ai gruppi di Protezione Civile e alle Giornata Verde (per i grandi) e Giornata Verde Junior (per i più piccini), iniziative organizzate come lo scorso anno in collaborazione con Comune, Scuole, Sezione Cacciatori, Oratorio e Pro Loco di Martignana di Po. Sempre in primavera è ricominciato l'allenamento cinofilo con la ripresa degli addestramenti in campo aperto ossia al di fuori della nostra Area Tecnica di Addestramento (quando possibile nelle zone golenali) del nuovo anno con le nostre Unità Cinofile. Nel mese di marzo i nostri istruttori cinofili hanno tenuto a Piadena una serata informativa sul tema ricerca dispersi con l'ausilio di Unità Cinofile: il metodo di apprendimento per immagine mentale e il ruolo dei logistici nella ricerca. Presenti in aula una trentina di volontari dei gruppi Platina di Piadena e Grande Fiume di Casalmaggiore. anche in Liguria in situazione d emergenza, ma la Protezione Civile che ha sede nel nostro piccolo paese va anche ringraziata per la costante presenza sul nostro territorio e la disponibilità a tanti aiuti nelle varie iniziative presenti nella nostra comunità. Allora un grazie di cuore a nome di tutti i martignanesi ed un felice continuazione del percorso intrapreso. Il sindaco Gozzi Dr. Alessandro Nel mese di aprile ci siamo impegnati nell'inconsueta Operazione Rotelli : alcuni dei volontari che lo scorso anno hanno partecipato al corso di formazione sulla messa in sicurezza dei beni culturali hanno collaborato, naturalmente a titolo gratuito, con la ditta incaricata al restauro dell'organo della nostra chiesa per le operazioni di smontaggio, imballaggio e trasporto dello strumento stesso nel laboratorio di restauro. Il lavoro dei volontari è stato coordinato dall'organaro Diego Bonato e da Fabio Rapuzzi, presidente del Circolo Atlante di Cremona, un gruppo specializzato nella messa in sicurezza delle opere d'arte in caso di emergenza. Molto spazio è stato dedicato anche alla formazione, con corsi di formazione specifici abbinati ad esercitazioni locali e provinciali (a Casalmaggiore nel mese di aprile, a Cremona nel mese di maggio e a Rivolta d'adda all'inizio di novembre). In esercitazione abbiamo cercato di mettere alla prova i servizi di segreteria (in collaborazione anche con i gruppi Lo Sparviere di Camisano, Lo Stagno di Stagno Lombardo e A.N.A.I. di San Bassano) e cucina (utilizzando la cucina mobile della Colonna Mobile Regionale prima dell'arrivo della nostra cucina) e le nostre Unità Cinofile. Non sono mancate purtroppo le emergenze reali, con l'attivazione di logistici ed Unità Cinofile per la ricerca di persone disperse a Dovera e Cremona, il monitoraggio delle aree golenali durante l'ultima piena e la recente partenza di 2 volontari del gruppo assieme ad altri volontari della Colonna Mobile Provinciale

3 PER CHI C'È E PER CHI NON C'È PIÙ per il primo turno, che è durato una settimana, sono stati richiesti operatori motosega e fuoristrada per prestare soccorso alla popolazione coinvolta dagli eventi alluvionali che hanno colpito la Liguria e la Toscana. Oltre ai volontari della nostra associazione, del Gruppo A.N.A.I. di San Bassano, del Gruppo di OstianoVolongo e di Stagno Lombardo e dei Gruppi Comunali di Casalmaggiore e Casaletto Ceredano, la colonna mobile cremonese si è unita alla Colonna Mobile Regionale con 4 fuoristrada, 1 pulmino 9 posti e 10 motoseghe. A febbraio è iniziata inoltre un'emergenza un po' più lunga e anomala rispetto alle emergenze che hanno coinvolto la Protezione Civile provinciale. Il 12 febbraio infatti è stato dichiarato lo stato di emergenza umanitaria nel territorio nazionale per l eccezionale afflusso di cittadini provenienti dai Paesi del Nord Africa, situazione resa ancora più complessa dal conflitto nel territorio libico e dall'evoluzione degli assetti politicosociali nei paesi della fascia del Maghreb e in Egitto. Tale emergenza ha coinvolto il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, le Amministrazioni regionali e delle Province Autonome, gli Enti Locali (tra cui il nostro) per la prima accoglienza, l equa distribuzione sul territorio italiano e l assistenza dei profughi e dei migranti. I volontari dei gruppi di CMP sono stati impegnati in attività di accoglienza e trasferimento (con cadenza circa settimanale) dei migranti dai vari punti di arrivo/ammassamento sino ai centri di accoglienza definiti sul nostro territorio. Venerdì 10 giugno, grazie anche al contributo di Cassa Padana, per festeggiare i nostri primi 10 anni di vita, abbiamo offerto alla cittadinanza la rappresentazione teatrale di Fabrizio Caraffini (Teatro Itinerante di Cremona) intitolata Per amore, solo per amore. Come spiegato nel precedente articolo, ora che il parco mezzi è moderno ed adeguato, nel 2012 continuerà il percorso di specializzazione del gruppo. Come ogni anno di dedicare non solo a momenti formativi ed esercitativi ma anche a momenti di condivisione e collaborazione con la comunità martignanese. Ehi, ma che mi hai combinato? Stai lassù a guardarmi mentre mi hai lasciato qui solo a riempire questo tuo angolino? Ma come può essere ancora lo stesso questo spazio se non si distingue con le parole uscite dalla tua amata macchina da scrivere? Puntuale, come ogni anno, sarebbe arrivata la mia richiesta di scrivere qualcosa per La Penna. D'altronde, come avrei potuto fare a meno di chiederti di trasmettere il tuo contagioso entusiasmo raccontando, attraverso i tasti di una macchina da scrivere ed i tratti di una biro, le emozioni vissute insieme a noi? Prima però ci saremmo incontrati a quattrocchi, davanti ad un caffè. Allora, di che si parla quest'anno? Facciamo un bilancio di un altro anno di Protezione Civile che volge al termine... Mi accorgo che senza volerlo sto imitando il tuo stile nello scrivere. Frasi brevi e incalzanti. Talvolta caratteri chiari e decisi, talvolta pensieri informali e a ruota libera. Apparentemente. Quante delusioni e soddisfazioni ci saremmo scambiati al termine di quest'anno così denso di prove! Avremmo certamente constatato assieme, ancora una volta, quanto sia stato tanto faticoso quanto più gratificante provare a fare sistema. A sentirsene parte. Ci saremmo convinti di quanto, in fondo, valga la pena sforzarsi di collaborare. Ma anche di quanto sia facile essere fraintesi, e di quanto faccia comodo fraintendere. Di quanto carità, altruismo, generosità non possano essere sinonimi di individualismo e apparenza. Di quanto possa essere deleteria la competizione quando smette di essere sana e costruttiva... Avremmo scherzato sulla fantomatica cucina che alla fine è arrivata davvero. Ancora increduli ci saremmo detti come non avremmo mai pensato di andare assieme dal concessionario per scegliere un mezzo nuovo per l'associazione... e anche quanto in fin dei conti dopo anni di sacrifici ce lo meritiamo! Nel selezionare le foto per il calendario non ti ho visto. Ma c'eri. Sappiamo bene che ci saresti stato in tutte. Sei stato con noi, e come tu vuoi abbiamo continuato a ridere di ciò che ci faceva ridere assieme, abbiamo sorriso, pensato a te, pregato per te. A quanti pensa se ci fosse stato... ho assistito! Detti da una voce un poco tremante a cui rispondevano un occhio lucido ed un cenno di sorriso. Sei stato con noi con le tue battute nello smontare le canne del nostro organo. Con la tua allegria nel girare tra i tavoli della mensa Aquile per verificare che fosse tutto impeccabile. E per elargire qualche sorriso e lanciare qualche frecciatina. Nel vedere quanto son bravi i nostri cagnofili. Nel commuoverci insieme con l'amico Caraffini. Nel raccontare in giro, con orgoglio, dei nostri volontari scesi in Liguria. Ma non finisce qui. Continueremo a farne ancora di tratti di strada insieme, con te dall'altro lato del cammino. Ciao Mariano, un abbraccio da tutti noi. Umberto Bresciani

4 CIAO SPARTACO Quest'anno non è partito nei migliori dei modi: il nostro caro amico a quattro zampe ci ha lasciato. Spartaco è stato colui che ci ha spronato a lavorare con i cani, ci ha insegnato quanto sia bello e appagante avere un compagno di vita a quattro zampe, ma soprattutto ci ha insegnato a credere in un ideale e a non mollare mai. Per le persone comuni crediamo non sia facile capire quanto un comunissimo cane può darti, ma lui ci ha fatto capire molte cose. È stato grazie a lui che siamo in Protezione Civile e che ora siamo una squadra che opera per dare un contributo nella ricerca delle persone disperse. Per questo e per altri motivi noi lo ringraziamo. Ciao SPA. Il nostro impegno per migliorare è proseguito e tra l'altro ora Simone, dopo un corso abbastanza lungo ed impegnativo, è diventato istruttore di ricerca in superficie per la Protezione Civile con un titolo riconosciuto dal Ministero dell'interno. Questo ci ha permesso, oltre che ad avere un riconoscimento nazionale, di scambiare esperienze e punti di vista con diverse realtà. È nato ad esempio un gemellaggio con un gruppo di Fossombrone, comune in provincia Pesaro e Urbino. Tra esperienze varie c'è stata una simulazione di una ricerca dispersi in montagna, con una discesa in corda con cane imbragato anche se nella nostra realtà non serve ma fa esperienza. Diverse sono state le esercitazioni in cui siamo stati coinvolti: a Casalmaggiore, Martignana, Cremona e Rivolta d'adda. Tutte con scenari, gruppi e modi differenti di gestire le ricerche. 11 Aprile. Il giorno dopo l'esercitazione a Casalmaggiore hanno richiesto il nostro intervento per una signora anziana che dal giorno prima non aveva fatto rientro a casa. Giunti sul posto (Dovera) abbiamo riscontrato fin da subito un'ottima partecipazione dei gruppi di Protezione Civile limitrofi (oltre 40 volontari). La signora è stata ritrovata viva poco dopo. 23 Luglio. In collaborazione stavolta con i Vigili del fuoco, un altro intervento ci ha messo alla prova a luglio; questa volta però non è stata a lieto fine in quanto le ricerche sono state sospese dopo poche ore per il ritrovamento del cadavere nel fiume Po. Il lavoro del volontario a volte lascia l'amaro in bocca, ma certo questo Ciao a tutti, siamo Kathy e Simone, volontari specializzati ad addestrare Unità Cinofile da ricerca in superficie. Questo tipo di intervento riguarda la ricerca di persone che per qualsiasi circostanza non fanno ritorno a casa nei tempi previsti. Il metodo da noi adottato è chiamato a zona, utilizzato da molti anni in diversi gruppi cinofili. Prevede che il cane venga addestrato a percepire l odore nell aria e a spaziare a zig zag, coprendo una zona circoscritta gestita dal conduttore, il quale valuta come impostare la ricerca in base alla morfologia del terreno, alla direzione del vento, ecc... Questo metodo permette di coprire una vasta area, suddivisa in varie zone, con più Unità Cinofile. I vantaggi riscontrati sono molti, ad esempio la ricerca non è condizionata dagli eventi atmosferici, dai tempi di intervento o dall odore di altre persone passate in zona. Nel corso delle attività di ricerca, ma non solo, il cane si diverte e non è un ostacolo per continuare ad aiutare persone in difficoltà. Con l'anno nuovo speriamo di allargare il nostro gruppo: 4 nuovi volontari si stanno preparando per entrare nelle Unità Cinofile. A casa nostra una cucciola è entrata a far parte della nostra famiglia ed è già all'opera per diventare un cane da ricerca. Come abbiamo sempre fatto, continueremo a seguire corsi e scambi di esperienza con vari gruppi; questo per allargare sempre di più il nostro bagaglio culturale in materia. In progetto c'è anche la possibilità ad aprile di fare uno stage di due giorni sulla ricerca con un istruttore di Milano (al campo di Martignana e/o zone limitrofe). Anche alcune serate informative con i gruppi della nostra zona sono servite per capire quanto anche i volontari logistici siano interessati al lavoro di ricerca. Con l'anno nuovo speriamo di poter fare incontri dove insegniamo a gestire una ricerca anche con altri volontari di associazioni della provincia. Un grazie particolare va al nostro presidente Umberto e al vice Maurizio, che nonostante alcune piccole incomprensioni, hanno sempre creduto e sostenuto il nostro lavoro con i cani. Grazie anche ai nostri amici volontari che, oltre ai loro impegni di logistici, ci aiutano ad allenare i cani in ricerca. Auguriamo infine un buon Natale e un anno pieno di soddisfazioni! Simone Satto e Kathy Brunoni l addestramento non è assolutamente coercitivo. In caso di coercizione, si otterrebbe l esatto contrario rispetto agli obiettivi di lavoro prefissati. In caso di emergenza di fatto il cane svolge il ruolo del protagonista, deve essere fisicamente preparato ad una lunga sessione di lavoro, mentalmente sereno e aperto ad ogni tipo di situazione che potrebbe incontrare. Deve inoltre avere la massima fiducia nel suo proprietario, sapere che non lo metterà mai in una situazione pericolo. Il programma di lavoro che viene effettuato al campo di addestramento di Martignana di Po non ha solo il fine di rafforzare l intesa tra cane e proprietario, ma anche quello di fornire un servizio utile a livello sociale. Gioco, agility, obedience, rally-obedience e attivazione mentale sono alcune delle attività da noi proposte. Chiunque fosse interessato non esiti a contattarci!

5 TANTO TUONÒ CHE PIOVVE!...Scomodiamo Socrate per annunciare che dopo anni di rinvii, la Colonna Mobile della Provincia di Cremona e nello specifico Le Aquile di Martignana hanno avuto in assegnazione la tanto agognata, attesa e aggiungerei indispensabile cucina da campo. Ah si!?!?...cosa c'è di speciale in questa notizia? Una cucina per la Protezione civile? Perché? Rispondiamo ad alcune domande che chi non è addentro alle cose di Protezione Civile potrebbe porsi... Ma in cosa consiste questa cucina da campo? È un modulo (un piccolo container) carrellato (trasportabile su un carrello tipo roulotte) su cui opereranno gli addetti alla cucina e contenente tutte le attrezzature che servono a cucinare, lavorare e conservare i pasti per i volontari della Colonna Mobile Provinciale (circa 50/60 volontari). Perché questa struttura è così indispensabile? È indispensabile in quanto i volontari di Colonna Mobile, in caso di prima emergenza, devono essere totalmente autosufficienti e per installare il proprio campo non devono aver bisogno di appoggiarsi ad altre realtà locali. Il che vuol dire essere immediatamente operativi sull'emergenza con la consapevolezza che dopo una dura giornata di lavoro, al ritorno al campo un pasto caldo è assicurato (e credeteci... non è poco!) Si possono preparare solo 60 pasti alla volta o se ne possono preparare anche di più? La cucina è strutturata per la preparazione dei pasti suddetti, integrando però alcune attrezzature, espandendo tramite gazebo mobili l'area di preparazione e con un menu che sfrutti al massimo le attrezzature presenti nel modulo, in teoria non c'è limitazione al numero di pasti. Il tutto però deve essere studiato e pianificato attentamente a tavolino in precedenza. Ma in cosa consistono le attrezzature presenti sul modulo? Il modulo è fornito di una piccola cella frigorifera, un due fuochi, due cuocipasta, un forno a convenzione a sei teglie, una cappa di aspirazione, un lavello, uno scaldabagno, suppellettili e piani vari... e per la gioia degli addetti alla cucina un condizionatore ed una piccola veranda esterna (come potete immaginare in estate il microclima che si forma all'interno di un container con accesi dei fuochi è tutto meno che salubre). Ma come è alimentata? Funziona con bombole di gas GPL, deve essere attaccata ad un generatore di corrente e collegata con allacci e scarichi per l'acqua. Tolte di mezzo spero buona parte delle curiosità sul come, passiamo brevemente al chi. La cucina come detto è stata affidata alla nostra associazione in quanto è quella che ha tra le proprie fila addetti che sono in grado di farla funzionare al meglio, in possesso di un'adeguata preparazione sia professionale che normativa. Eh si... perché la nostra cucina dal punto di vista legislativo è parificata alla cucina di un qualsiasi locale, quindi gli operatori, oltre ad essere dei cuochi provetti, devono essere formati su tutto quello che prevede la legge riguardo acquisizione, lavorazione e conservazione dei cibi. Una prima esperienza sul campo c'è già stata. Ai primi di novembre c'è stata un'esercitazione provinciale a Rivolta d'adda durata tre giorni, dove i nostri operatori hanno potuto sperimentare l'effettiva praticità della cucina. La prova è stata particolarmente severa in quanto le condizioni climatiche avverse hanno reso il tutto molto reale. I pasti erogati sono stati mediamente intorno ai 100 a servizio, con punte di 140. Inutile dire che nonostante alcuni piccoli ed ovvi inconvenienti del lavorare in una struttura nuova, la tre giorni è stata un successo sia dal punto di vista nostro (come esperienza acquisita), sia dai riscontri da parte dei volontari delle varie associazioni, sotto forma di complimenti per il lavoro svolto. In conclusione, il modulo cucina è una grande opportunità, ma anche una grossa responsabilità, ci pone in una posizione tale che solo chi lo ha provato sa cosa vuole dire e chi non lo ha provato può solo immaginarlo; cioè, dopo ore passate sotto l'acqua o sotto un sole cocente con intorno a te persone sconvolte dalla perdita di cose materiali o purtroppo anche peggio, il volontario che ritorna al campo oltre che al riposo fisico ha un assoluto bisogno di un sostentamento che in qualche maniera lo gratifichi e gli permetta di staccare da tutto quello che ha visto o provato durante il proprio lavoro. La nostra funzione è quindi sì, ricaricare il corpo con del cibo, ma riteniamo soprattutto che debba essere la qualità dello stesso, il servizio che gli offriamo, la cordialità e la professionalità con cui ci proponiamo un'occasione per farlo risentire a casa anche solo per un'ora e quindi permettergli di ricaricare il corpo, ma sopratutto la mente. Credeteci è FONDAMENTALE! Giorgio Della Noce

6 VOLONTARIO DI PROTEZIONE CIVILE IERI... OGGI... E FORSE DOMANI Dieci anni fa, quando insieme ad altre persone abbiamo fondato questa associazione, lo spirito che ci animava era quello della solidarietà e dell aiuto verso il prossimo, in particolare verso le persone in difficoltà colpite da calamità naturali; questa azione, inizialmente pensata e destinata solamente alla popolazione cremonese colpita dalle alluvioni del 2000 e del 2002, ci ha visto poi andare in aiuto di popolazioni di tutta Italia. Non sentendoci sfruttati appieno in tempo di pace con il gruppo abbiamo iniziato collaborazioni laddove ci è stata richiesta una mano, come è successo per esempio nel caso di alcune associazioni che aiutano i disabili; questo per riaffermare che la nostra scelta non era quella di restare in attesa, ma di metterci a disposizione di chi avesse bisogno di un aiuto o di un semplice sostegno morale. Cercavamo con l esempio di contagiare le altre persone alcune divenute nuovi volontari poi ad aumentare il senso civico, a superare un individualismo diffuso ed abbracciare la strada della solidarietà gratuita che contraddistingue il volontario. Naturalmente la nostra scelta di un volontario molto specifico ci ha fatto entrare in un sistema a livello nazionale, quello della Protezione Civile appunto, che è caratterizzato da regole, da procedure, da leggi specifiche, ecc... Se da una parte questo è senza dubbio positivo si consideri l obbligo di assicurare il volontario, l obbligo di una continua formazione-informazione e la tutela del posto di lavoro, dall altro con il tempo ci ha per certi versi rinchiusi in una gabbia amministrativo-burocratica con gli enti pubblici di riferimento, a livelli diversi, che da collaboratori sembrano talvolta diventare censori, da dispensatori di indicazioni utili e di spunti di condivisione sembrano divenire elargitori di giudizi e promotori di individualismi. Guardiamo l esempio dell ultima alluvione in Toscana e Liguria. Benché parecchi volontari di Protezione Civile 3 squadre solo del nostro gruppo, ma lo stesso vale per molti gruppi fossero pronti a partire in aiuto di quelle popolazioni ne sono stati attivati solo 12 della nostra provincia (una tra le più vicine all'evento tra l'altro) per una sola settimana. Mancanza di risorse? Di denaro pubblico? (Ma molti gruppi come il nostro sono autonomi, in grado di autofinanziarsi e con volontari che chiederebbero le ferie pur di poter aiutare quelle popolazioni.) Mancanza di condivisione del nostro spirito di volontari? Non saprei... rimane il fatto che la gente quella più attenta si chiede perché in quelle zone si siano visti più ragazzi con le mani nude intendiamoci, tanto di cappello per lo slancio di generosità, ma i volontari di Protezione Civile si strutturano e si addestrano continuamente proprio per far fronte in maniera organizzata alle emergenze che volontari con le nostre divise gialle e blu. Ci sentiamo talvolta come leoni in gabbia, ben addestrati e ben attrezzati, ma in gabbia, e in una gabbia le cui chiavi vengono tenute da un custode che ha il compito di tenerci a bada e controllarci. Come conciliare allora questo spirito altruistico e solidaristico che ci contraddistingue con questa realtà che sembra volerci operativamente limitati alla sola preparazione? Questo andrebbe fatto capire alla gente che ci osserva, ma soprattutto va fatto capire ma ci si riesce molto meno ai nostri volontari che entrano carichi e desiderosi di operare e poi si trovano fermi, sotto osservazione. O addirittura sotto inchiesta, come son riusciti a fare i media nei confronti dei volontari per il caso di Yara. Oppure nel processo mediatico che ha gettato fango su Guido Bertolaso e di conseguenza anche i suoi collaboratori, volontari compresi. Riprendendo le sue parole... «In più, il fango nel ventilatore e coloro che a secchi alimentano questa operazione, colpiscono senza alcuno scrupolo non solo la vittima designata, ma anche tutte le persone che costituiscono la rete dei rapporti di vita di ciascuno, la moglie, i figli, i parenti, gli amici. Nel mio caso, anche le migliaia di persone che lavorano nella Protezione Civile italiana, specie coloro che vi si impegnano da volontari, che inevitabilmente si accorgono che qualche schizzo di questa tempesta puzzolente arriva anche sulle loro uniformi.» Ci accontentiamo allora di scorrazzare con i nostri bei mezzi o vogliamo che con questi mezzi si porti aiuto gratuito a gente e/o persone che ne hanno bisogno? Dobbiamo restare nella nostra torre d avorio oppure essere attivi nella comunità che ci ospita e ci ha sempre aiutato, simbolo di senso civico, esempio di collaborazione con altre associazioni di volontariato operanti e promotori di attività continue? È questa la Protezione Civile che vogliamo? È questa la direzione che si vuol prendere dopo aver fatto fuori Bertolaso? Che futuro hanno in mente per noi i nostri politici? E noi, ci sentiamo ancora appagati da tale scelta di volontariato oppure, vedendo quello che ci succede attorno, siamo portati a chiederci se scegliere un altra tipologia di volontariato, come, ad esempio, un associazione di mutuo aiuto libera da pastoie burocratiche? In ogni caso io e tutte le persone che si stanno impegnano vogliamo essere VOLONTARI di solidarietà gratuita e mettere il proprio tempo libero al servizio del prossimo in difficoltà......lasciatecelo fare vi prego! Maurizio Stradiotti

7 QUELLO CHE LE AQUILE NON HANNO MAI FATTO Tramontano i ruoli ma non l amicizia e la stima ed eccomi allora per quest anno! a scrivere ancora qualche riga per il giornalino di Natale. Di solito, quando si pensa alle Aquile, vengono subito in mente le tante attività e servizi che svolgono. In queste poche righe vorrei invece ricordare alcune cose che davvero, carissimi amici delle Aquile, non avete mai fatto. Inizierò a dire che, per quanto mi riguarda, NON AVETE MAI DETTO DI NO quando vi è stato chiesta la collaborazione: in un mondo in cui ritorna spesso il ritornello non ho tempo, non posso, ho altro da fare, ecc. ecc. siete una piccola rarità... A questo proposito mi accorgo che NON AVETE MAI AVUTO PAURA DI SPORCARVI LE MANI, anche materialmente ricordandomi che non è sufficiente decidere o comandare che c è da fare questa o quella cosa, ma bisogna mettersi a farla in prima persona se ci si tiene, senza troppe deleghe! Rovisto tra i ricordi e, fra tanti momenti vissuti insieme, rivedo le uscite del Grest, le processioni, la notte in Oratorio con i ragazzi, lo smontaggio dell organo, tanto per fare qualche esempio e mi accorgo che NON AVETE MAI GUARDATO L OROLOGIO: ogni operazione è sempre stata iniziata e portata a termine, anche quando tutti se ne erano andati e rimanevano da svolgere le operazioni dietro le quinte, più o meno sporche, noiose e ingloriose dove non c è nessuno che applaude e dice che bravi!. NON AVETE MAI AVUTO PAURA DELLE NOVITÀ O DEGLI IMPREVISTI, della serie questo non l abbiamo mai fatto e/o questo non tocca a noi : ecco perché, in barba all anagrafe, siete sempre tutti giovani: basta avere l occhio alle necessità delle persone e aver voglia di imparare cose nuove! Penso ai miei anni martignanesi e vi ringrazio e con voi sicuramente tanti altri perché NON AVETE MAI AVUTO PAURA DI COLLABORARE, con disponibilità e schiettezza e soprattutto con la libertà di dirci sempre tutto, anche quando abbiamo constatato con vivacità che le opinioni non coincidevano... un modo sicuro e indispensabile per crescere e maturare come persone e come comunità. Termino... se non altro per smentire la diceria che sono sempre un po' lungo, ma mi piace ricordare che mentre sto scrivendo è l 11 dicembre: un anno fa il nostro amico Mariano, se vogliamo restare in tema di Aquile, ha davvero spiccato il volo più alto: in questa piccola litania di non avete mai... vedo un modo per tratteggiare il suo ritratto; mi sembra di fargli un torto indugiando nella nostalgia: molto semplicemente voglio dirgli ancora grazie per essermi ed esserci stato amico in questo modo. Ho detto all inizio che questo è il giornalino di Natale : e, allora gli auguri più cari!!! Vorrei farli arrivare a tutte le persone che formano la comunità, ma a questo provvedo ogni giorno con la preghiera che, tra l altro, so ricambiata da molti: grazie! Di cuore! Ma l ultimo pensiero è giusto che sia per gli editori del giornalino: carissimi amici delle Aquile grazie perché non avete mai fatto quanto detto sopra ma... a voi piace fare, lo so, e di cose ne fate tante. Non dimenticate mai allora che: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l avete fatto a me, parola di Gesù (Mt 25, 40), altro che don Luigi!!! Don Luigi Carissimi volontari della Protezione Civile di Martignana, sono contento di essere venuto in mezzo a voi con le braccia e soprattutto col cuore spalancato! La missione alla quale il Signore mi ha chiamato nella vostra comunità cristiana è un avventura che sto per iniziare ad esplorare, ma sono felice di potervi conoscere, di stare con voi, e soprattutto di potervi sostenere in tutte quelle iniziative che nel campo del volontariato fanno ricco il cuore dell uomo mentre si mette al servizio del fratello bisognoso. Tuttavia mi pare che sia indispensabile che nella vita del nostro paese impariamo a creare tutti quei presupposti per cui sia più facile collaborare, aiutarci e sostenerci... Sono certo che non mancheranno certamente, nel nostro ambiente, le occasioni per fare della vita un dono generoso verso il prossimo: si tratta di avere occhi aperti e soprattutto un cuore che non si assopisca all'ombra quando altri bruciano nel fuoco! Allora, sarà più facile anche per il Signore rinnovare le sue proposte e bussare a delle porte che si aprono! La mia porta è aperta... per voi, per ogni uomo di buona volontà... o che abbia anche soltanto bisogno di una parola che lo faccia sentire amato... Buon lavoro dunque... o sarebbe meglio dire: buona condivisione di forze e di ideali! Don Luciano

8 Per qualsiasi informazione non esitare a contattarci! ORGANIZZAZIONE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE LE AQUILE OGLIO-PO Via Libertà, Martignana di Po (CR) La sede, salvo impegni istituzionali, è aperta tutti i sabati dalle 15 alle 18. I nostri recapiti telefonici: CELLULARE TEL./FAX SEDE Forse anche per il 2012 la dichiarazione dei redditi prevederà la possibilità di destinare ad un' Associazione di Volontariato ONLUS il 5 per mille della stessa imposta. La scelta non comporta alcun esborso aggiuntivo per i contribuenti. La destinazione dell otto e del cinque per mille non sono inoltre in alcun modo alternative fra loro: possono pertanto essere espresse entrambe. Per devolvere a Le Aquile Oglio-Po il 5 per mille occorre firmare e riportare nell'apposito riquadro nella dichiarazione dei redditi (CUD, 730 o UNICO) il codice fiscale dell'associazione: UN GRAZIE AI NUMEROSI SPONSOR DI QUEST'ANNO!

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli