news Protezione Civile SPECIALE CONCORSO Disastri quotidiani, come uscirne? (a pagina 2) Esercitazione della Colonna Mobile Regionale (a pagina 8)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "news Protezione Civile SPECIALE CONCORSO Disastri quotidiani, come uscirne? (a pagina 2) Esercitazione della Colonna Mobile Regionale (a pagina 8)"

Transcript

1 Bimestrale dell Unità Organizzativa della Regione Lombardia Disastri quotidiani, come uscirne? (a pagina 2) news Anno 4 Luglio-Agosto 2002 numero 20 spedizione in abbonamento postale c. 20/c art. 2 legge 662/96 filiale di Milano - taxe perçue - cmp Milano Roserio - non contiene pubblicità SPECIALE CONCORSO Lombardia sicura (a pagina 3/4/5/6) Esercitazione della Colonna Mobile Regionale (a pagina 8)

2 2 Disastri quotidiani. Come uscirne? Ancora frane, ancora morti, ancora danni per milioni (di euro). Le precipitazioni di maggio, le più intense registrate in Lombardia negli ultimi 30 anni, hanno provocato sconquassi e fatto velocemente pentire quanti invocavano la pioggia nel lungo periodo di siccità che l aveva preceduta. Non è un equazione, dicono i meteorologi, che dopo un lungo periodo di siccità vengano piogge violente e abbondanti. Sarà, ma è un fatto che va registrato: dal 3 al 12 maggio la provincia di Varese (ma anche Como, Bergamo e in parte Milano) è stata devastata da 400 millimetri di pioggia caduta in poco più di ventiquattro ore. Un enormità, che infatti è stata mal digerita dai torrenti e dai versanti soprattutto del lago Maggiore, a cui si sono pure aggiunte le piogge in Svizzera e in Piemonte, nel piovosissimo bacino del Toce. In breve, il lago è straripato in più punti: Laveno Mombello, Angera, e più giù a Sesto Calende è andato in crisi il Ticino. A seguire, l Olona, il Seveso, il Lambro, e il lago di Como. Dopo dieci giorni di piogge alterne, si contano quasi 200 comuni colpiti, oltre 60 milioni di euro di danni segnalati, e soprattutto i tre morti di Colzate, in Val Seriana, per una caduta massi che è certamente una fatalità, ma che comunque si inquadra in un periodo in cui il tempo non riusciva a decidersi tra estate e inverno, e dove gli sbalzi di temperatura tra notte e giorno possono aver giocato un ruolo decisivo. E a fine maggio è stata la volta di Maslianico, sopra Como, con un altra frana; a Collio Val Trompia, nel Bresciano, si è riattivata una frana che si era aperta ad aprile; ai primi di giugno trombe d aria e grandinate si sono abbattute sulla pianura, nel Mantovano e nel Cremonese, dando i primi assaggi di un estate in bilico tra afa nordafricana e acquazzoni tropicali. Anche in questo caso, danni alle colture, a case e capannoni industriali: invio di schede da parte dei comuni, e solita attivazione dei pronti interventi da parte della Regione quando si tratta di danni alle infrastrutture o al territorio. Porte chiuse, invece, ai danni a cose private finché non subentra il cosiddetto stato di emergenza nazionale, cioè proclamato dal Governo, da Roma. La Regione, come si dice in questi casi, ha le mani legate, perché le leggi affidano allo Stato la competenza sugli eventi calamitosi. Ma dopo la riforma costituzionale del Titolo V, qualcosa potrebbe cambiare. Vediamo come. La gestione degli eventi di livello regionale potrebbe essere presa in carico direttamente dalla Regione se lo Stato trasferisse le risorse necessarie a farvi fronte, e soprattutto se contemporaneamente si trovasse un modo per coinvolgere tutti gli enti locali (comuni e province) e renderli corresponsabili delle scelte e degli interventi. Solo con una loro diretta partecipazione a un ipotetico fondo comune si potrebbe cioè pensare di far fronte ad eventi di dimensione non eccezionale come quelli che abbiamo menzionato. Solo con una loro responsabilizzazione si potrebbe evitare o ridurre lo stillicidio dell invio di schede per segnalare danni con la solita ottica di scaricare su qualcun altro i costi di una urbanizzazione spesso scriteriata. Interrompere la catena della irresponsabilità potrebbe essere un obiettivo del Governo regionale, se anche lo Stato lo vorrà. Perché è chiaro che, nel caos attuale della normativa sulla protezione civile, questa ipotesi richiede almeno un assenso dello Stato, e anzi, un reale trasferimento di risorse verso la Regione. Un trasferimento vero e non fittizio come finora è avvenuto, a dispetto delle Bassanini. Ma i fondi trasferiti dallo Stato (teorici) arrivano fino al E dopo? Dopo dovrebbe entrare in vigore il federalismo fiscale, e quindi più o meno ognuno dovrebbe pagare per il proprio vicino. Ecco perché l idea del fondo comune va approfondita, e da parte nostra la studieremo e la porteremo al confronto con gli enti locali. Perché o ci rendiamo tutti responsabili della cura del nostro territorio, o si continua come prima, a chiedere soldi a uno Stato che ne avrà sempre meno. (RR)

3 SPECIALE CONCORSO Lombardia sicura Vincitori e premi della prima edizione del concorso nelle scuole sui temi dell ambiente e della protezione civile 3 Il concorso Lombardia Sicura bandito a metà aprile ha suscitato interesse e curiosità. Il concorso mirava a sollecitare attenzione e sensibilità verso la conservazione del patrimonio ambientale e stimolare l assunzione di comportamenti corretti in caso di rischio, considerando tali problematiche in un ottica di prevenzione del rischio. Tante le scuole che hanno scritto o telefonato per comunicare il rammarico di non poter partecipare per i tempi troppo ristretti e comunque a ridosso del periodo dedicato alle valutazioni e alla preparazione degli esami finali. Sicuramente ci saranno altre edizioni del concorso e faremo in modo che i tempi siano più correlati alle esigenze delle scuole. Ciò nonostante, il 3 giugno scorso la commissione giudicatrice del concorso si è trovata di fronte a oltre duecento elaborati tra disegni, testi, opere multimediali. Selezionare i migliori non è stato semplice. Forse erano lavori tecnicamente imperfetti ma originali nell idea, oppure un po confusi ma freschi, partecipati. Alla fine, dopo molte incertezze, la giuria ha proclamato i vincitori delle tre categorie di scuole (elementari, medie, medie superiori).

4 4 I vincitori delle Scuole Elementari Opere collettive 1 Premio: soggiorno verde di 5 giorni a contatto con la natura, partenza l 11 luglio 2002 offerto da Regione Lombardia + Digital Kid collana di cdrom formativi di Didael Scuola Elementare Lechi di Montirone (BS) classi 4ª A e 5ª B Disegno sulla frana e sull incendio 2 Premio: Front Page 2002 Microsoft Scuola Elementare Sardegna Cinisello B.mo (MI) Cdrom: Renata la lattina rifiutata 3 Premio: 30 biglietti di ingresso omaggio per Smau 2002 A pari merito: - Scuola Elem. Lincoln Cinisello B.mo (MI) Progetto Educazione alla sicurezza - Scuola Elem. Giosuè Carducci - Castel D Ario (MN) Cdrom AAA... sicurezza cercasi! Opere singole 1 Premio: 1 stampante HP mod. Color Inkjet CP1700 Alfredo Cotugno 5ª Scuola Elem. Mori - Stagno Lombardo (CR) 2 Premio: 6 occhiali da sole Polaroid Alex Salvi 5ª Scuola Elem. Mori - Stagno Lombardo (CR) Tommaso Grassi 5ª A Scuola Elem. Pascoli - Cusago (MI) Filippo Redaelli 5ª A Scuola Elem. Pascoli- Cusago (MI) Luca Laurieri 5ª A Scuola Elem. Pascoli - Cusago (MI) Federico Pegoiani 1ª B Scuola Elem. Lechi - Montirone (BS) Maria Laura Savoldi 2ª A Scuola Elem. Lechi - Montirone (BS) 3 Premio: 5 schede telefoniche prepagate OmnitelVodafone Matteo Bonazza 2ª Scuola Elem. Lechi - Montirone (BS) Giulia Pagati 2ª Scuola Elem. Lechi (BS) Celeste Hu 2ª Scuola Elem. Lechi - Montirone (BS) Alessandro Zanardi 5ª Scuola Elem. Mori - Stagno Lombardo (CR) Michela Marcello 5ª A Scuola Elem. Pascoli - Cusago (MI) SPECIALE CONCORSO I vincitori delle Scuole Medie Opere collettive 1 Premio: soggiorno verde di 5 giorni a contatto con la natura, partenza l 11 luglio 2002 offerto da Regione Lombardia + English Learning Didael, ambiente per apprendere online la lingua inglese secondo i nuovi standard europei Scuola Media Pastor Angelicus - Milano - Classe 2ª A - Calendario sulla sicurezza 2 Premio: Front Page 2002 Microsoft Collegio De Amicis - Cantù (CO) Classe 1ª - Videocassetta sui comportamenti da tenere in caso di rischio 3 Premio: 30 biglietti di ingresso omaggio per Smau 2002 S.M.S. Giovanni XXIII - Galbiate (LC) - Classe 3ª A - B - C - D - Percorsi casa - scuola Opere singole 1 Premio: 1 cellulare Motorola Mod. Talkabout 192 Chiara Daffini 2 Premio: 6 occhiali da sole Polaroid Lorenzo Abeni Rosa Foresti Marco Venturini Clelia Filippini Emma Piazza 3ª B Sc. Media Casorati - Pavia Riccardo Henin 3ª B Sc. Media Casorati - Pavia 3 Premio: 5 schede telefoniche prepagate OmnitelVodafone Francesco Sacchi 3ª B Sc. Media Angeli - Brescia Giulio Montini 3ª B Sc. Media Angeli - Brescia Silvia Ruocco 3ª B Sc. Media Angeli - Brescia Federica Limone Camilla Loda 3ª B Sc. Media Angeli - Brescia I vincitori delle Scuole Superiori Opere collettive 1 Premio: soggiorno verde di 5 giorni a contatto con la natura, partenza l 11 luglio 2002 offerto da Regione Lombardia + ECDL Online Didael ambiente di e-learning finalizzato al conseguimento della patente europea dell informatica I.P. Agroambientale San Vincenzo - Albese con Cassano (CO) - Classe 2ª Approfondimento sull inquinamento dei corsi d acqua 2 Premio: Front Page 2002 Microsoft I.P.S.S. Giovanni XXIII - Milano - Classe 1ª A Pannello decorativo sul patrimonio boschivo lombardo 3 Premio: 30 biglietti di ingresso omaggio per Smau 2002 I.T.A.S. di Bergamo - Classe 5ª B - Sito web sulla gestione del territorio montano Opere singole 1 Premio: 1 cellulare Motorola Mod. Talkabout 192 Milagros Garagate 1ª E I.P. Caterina da Siena - Milano 2 Premio: 6 occhiali da sole Polaroid Camillo Pala -3ª E I.P. Caterina da Siena - Milano David Oku -1ª E I.P. Caterina da Siena - Milano Gaetano Lipari - 3ª E I.P. Caterina da Siena - Milano F. Severino - 3ª E I.P. Caterina da Siena - Milano Valeriano Vinci 3ª E L.S. Einstein - Milano Lorenzo Sada Ist. Magistrale Cairoli - Pavia 3 Premio: 5 schede telefoniche prepagate OmnitelVodafone Mauro Paredi I.P. S. Vincenzo - Albese con Cassano (CO) Jacopo Calatroni Ist. Magistrale Cairoli - Pavia Laura Sorrentino Ist. Magistrale Cairoli - Pavia Giulia Sandolini Ist. Magistrale Cairoli - Pavia Francesca Pintoni - 3ª C I.P. Caterina da Siena - Milano

5 SPECIALE CONCORSO Campi-scuola di per i vincitori del concorso Cinque giorni di giochi e attività per scoprire l ambiente e come proteggerlo 5 Dopo il lavoro, il premio. Gli alunni e gli studenti vincitori del primo premio per le opere collettive del concorso Lombardia Sicura hanno partecipato dall 11 al 16 luglio ai campi-scuola organizzati dalla regionale in collaborazione con la Croce Rossa regionale, con la Comunità Montana Valle Brembana e con il Consorzio Parco Lombardo della Valle del Ticino. I tre campi sono stati organizzati con finalità didattico-educative strutturate in base alle diverse età dei ragazzi: - Campo-scuola di Abbiategrasso (Milano) per gli alunni delle scuole elementari, gestito dal Consorzio Parco Lombardo della Valle del Ticino; - Campo-scuola di Salò (Brescia) per gli alunni delle scuole medie inferiori, gestito dalla Croce Rossa regionale; - Campo-scuola di Valle Brembana (Bergamo) per gli studenti delle scuole medie superiori, gestito dalla Comunità Montana Valle Brembana. Ciascun campo con il proprio programma di attività ha voluto rappresentare un momento di integrazione con l ambiente, offrendo ai ragazzi, grazie alle esercitazioni, alle escursioni, alle visite guidate da personale specializzato, la possibilità di vivere in prima persona la protezione civile. Campo-scuola di Abbiategrasso Presso la Foresteria Colonia Enrichetta sono stati alloggiati i venti alunni delle classi IV A e IV B della Scuola elementare Lechi di Montirone (Brescia). La prima giornata è stata dedicata all accoglienza, alla sistemazione e alla conoscenza dei tutori, dei gestori della foresteria e dei volontari di civile, momento importante per l integrazione dei partecipanti. Nei giorni successivi il programma si è sviluppato con visite ai Volontari di Sesto Calende, gite in motobarca sul Lago Maggiore, momenti di svago quali passeggiate sul Ticino alla ricerca dell oro, pic-nic, giochi e tuffi in piscina. Non sono mancate esercitazioni e dimostrazioni di montaggio di qualche tenda da campo-base da parte dei volontari del Parco con la partecipazione attiva dei ragazzi, oltre ad una serie di simulazioni quali incendio boschivo, sversamento di idrocarburi, preparazione di sacchi di sabbia per arginare il fiume e altre attività.

6 6 SPECIALE CONCORSO Campo-scuola di Salò Presso l Istituto Climatico della Croce Rossa sono stati ospitati gli undici alunni della classe II A della Scuola Media Pastor Angelicus di Milano. Anche per loro la prima giornata è stata dedicata principalmente al trasferimento e alla sistemazione presso l Istituto Climatico. Sono seguite visite alle località di Solferino e San Martino (presso Mantova), luoghi delle battaglie della seconda guerra d Indipendenza. Oltre alle lezioni teoriche di primo soccorso, diverse esercitazioni di protezione civile (ricerca dispersi, incidente d auto, triage) delle Unità Cinofile e delle Unità di soccorso sanitario della C.R.I., hanno coinvolto i ragazzi che in molti casi sono stati i protagonisti nella simulazione di eventi. Campo-scuola di Valle Brembana Per i quindici studenti della classe II A dell Istituto Professionale Agroambientale San Vincenzo di Albese con Cassano (Como), la prima giornata è stata dedicata alla sistemazione presso l Ostello dei Tasso a Camerata Cornello. Nei giorni successivi i ragazzi hanno visitato la centrale idroelettrica della Italcementi di Olmo al Brembo e osservato alcuni sistemi di regimazione idrica sul fiume e sui torrenti, cui è seguita la visita al Museo Etnografico di Valtorta. In Val Fondra sono stati presentati i lavori di regimazione idraulica e di difesa contro il rischio valanghe nella zona. È seguita la visita alla diga e alla centrale ENEL di Carona ove, date le piogge intense di quei giorni i ragazzi hanno potuto verificare gli effetti sul territorio circostante e assistere all utilizzo dei sistemi di misurazione e controllo dell impianto. Interessante la visita al Distaccamento dei Vigili del fuoco di Zogno, con esercitazione di spegnimento di incendio. Il maltempo non ha permesso lo svolgimento di tutte le attività programmate, sostituite da visite a località storiche e artistiche.

7 Prepararsi all emergenza: nasce l Accademia Regionale di 7 L Accademia Regionale della diventa realtà presso il Centro Polifunzionale di Emergenza della Regione Lombardia di Bresso, alle porte di Milano. Lo studio di fattibilità del centro di formazione per la protezione civile approvato lo scorso anno ne aveva già definito la mission e le caratteristiche ed evidenziato le esigenze di cui tener conto per indirizzare in modo coerente il disegno funzionale complessivo. All Accademia il compito di organizzare corsi di formazione permanente per gli operatori professionali anche a supporto delle attività formative istituzionali in corso e per i volontari di protezione civile, promuovere studi, approfondimenti e sperimentazione di modelli. La scelta del Centro Polifunzionale di Emergenza di Bresso come sede dell Accademia non è casuale; la posizione lo rende facilmente raggiungibile, dispone di spazio per la costruzione di aule che potranno essere attrezzate anche telematicamente, di laboratori e uffici, alloggi e sale comuni nonché servizi didattici e di supporto per l erogazione di corsi di formazione e incontri di informazione. La regionale indirizzerà e coordinerà il progetto, ma all interno del consiglio direttivo saranno rappresentati gli Enti locali, i Vigili del Fuoco, la Sanità, l Ambiente, il Territorio e la Formazione regionali. Altri partner saranno di certo i Carabinieri, la Guardia di Finanza, la Polizia di Stato e il Corpo Forestale per gli aspetti istituzionali, la Croce Rossa e altre associazioni di volontariato per gli aspetti sanitari, le associazioni di categoria (Federchimica e Federtrasporti) per tematiche specifiche; la Direzione Regionale Scolastica, le Università lombarde e l IREF (Istituto regionale di Formazione) per gli aspetti scientifici. È prevista la costituzione di un comitato scientifico per la programmazione e la gestione didattica e di un consiglio d amministrazione per la gestione organizzativa e amministrativa. Sarà insomma realizzato un progetto articolato e differenziato per i molteplici target a cui si rivolge l offerta formativa dell Accademia. Si svilupperanno le modalità dell e-learning come utilizzo della telematica per la più ampia diffusione della cultura e della formazione a distanza in materia di protezione civile. Inoltre, con la Regione Veneto (Centro di Longarone) con la quale da tempo è operante un protocollo d intesa per iniziative comuni nel campo della protezione civile, sarà realizzato a scala nazionale un network formativo specializzando la Regione Lombardia sul rischio industriale e tecnologico e la Regione Veneto sul rischio idrogeologico e valanghivo. E-learning: perché? La prospettiva della formazione continua è ormai condivisa da tutti gli operatori della formazione. Questo significa che i sistemi formativi non gestiscono più i corsi ma le risorse umane lungo tutto l arco della vita, scolastica e lavorativa. Significa anche che lo sforzo complessivo della formazione e dell aggiornamento è distribuito nel tempo e deve poter evolvere nelle forme e nelle tecnologie. Nell aula tradizionale si svolgono le attività didattiche che implicano la presenza fisica e contemporanea di docenti e allievi. L aula multimediale per l e-learning è invece l ambiente fisico nel quale le persone si recano in orari liberi per svolgere attività in autoformazione che richiedono l uso di un Pc. Nulla vieta la presenza di un docente o di un tutor, ma la sua funzione tipica è quella di consentire agli utenti di lavorare in autonomia, eventualmente assistiti a distanza dal tutor e di svolgere compiti ed esercitazioni in modalità collaborativa, inserendo nella comunità in presenza anche altri soggetti (colleghi, esperti) che invece sono fisicamente distanti.

8 giugno 2002, esercitazione della Colonna Mobile Regionale di La Colonna Mobile Regionale di è ormai una realtà che alla prova dei fatti dell esercitazione di giugno ha dimostrato di essere in grado di integrarsi nei tempi e nelle attività. Era necessario verificare e confrontare le capacità di interazione delle Associazioni di Volontariato facenti parte della Colonna Mobile Regionale: ANA (Associazione Nazionale Alpini), Gruppo Volontari di dell AEM, CRI (Croce Rossa Italiana) e Fir-CB. L esercitazione si è svolta nelle località della Valtellina e della Valchiavenna, con tre campi base a Morbegno, Tirano e Semogo. Ben cinquantasette Amministrazioni comunali hanno aderito all iniziativa e presentato la richiesta di intervento per un complesso di circa settanta cantieri attivati. I volontari sono stati impegnati in opere di riqualificazione del territorio per la prevenzione del rischio idrogeologico e degli incendi boschivi. Sono state ridotte all essenziale le modalità di esercitazione meramente simulative e virtuali, privilegiando pertanto interventi, anche in quota, di pulizia degli alvei di torrenti, di ripristino di sentieri, di allestimento di direttrici taglia-fuoco, di costruzione di manufatti di servizio (quali ad esempio piazzole per elicotteri) e di sistemazione di opere di tutela da piccoli dissesti, secondo le indicazioni preventivamente concordate e definite con i Comuni interessati. Il vice-comandante dei pompieri di New York in visita al Pirelli Milano e New York, un filo sottile di solidarietà li unisce, quello tracciato dai Vigili del fuoco. Nel mese di giugno, Thomas Cashin, il vice-comandante dei vigili del fuoco di New York è stato a Milano, per un duplice impegno, professionale e morale. Cashin era a Milano per prendere parte al convegno dal titolo Gestire le emergenze, organizzato dall Aem in collaborazione con l assessorato alla della Regione Lombardia. A lui il compito di raccontare l esperienza di quel drammatico 11 settembre, vissuta attraverso le emozioni, le esperienze e le procedure adottate dai vigili del fuoco di New York, nello strenuo tentativo di contenere il numero delle vittime in questa tragedia senza precedenti. Una sorta di parallelismo ha unito le due città, tristemente legate da tragedie di proporzioni diverse, ma comunque simili. Il comandante americano ha incontrato i vigili del fuoco milanesi con i quali ha stretto una sorta di gemellaggio suggellato dallo scambio di elmetti. Insieme al Presidente Formigoni e all Assessore regionale alla protezione civile Carlo Lio ha anche voluto visitare il ventiseiesimo piano del grattacielo Pirelli, dove il 18 aprile scorso si è consumata una nuova tragedia e incontrare gli alunni della scuola di Via Galvani, situata di fronte al Pirelli e anch essa danneggiata. Direzione Generale Opere pubbliche, Politiche per la casa e civile Direttore Responsabile Raffaele Raja Redazione Unità Organizzativa Via Fara, Milano Coordinamento Sandra Tabarri, Carla Ferrario, Claudia Sella Articoli e notizie sono liberamente riproducibili con l obbligo di citare la fonte Per informazioni sandra Progetto grafico, impaginazione e stampa: Il Guado scrl - Via Pablo Picasso 21/ Corbetta (MI) Tel Fax guado.it Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 386 del 21 maggio 1999

08-MAR-2013. www.coobiz.it

08-MAR-2013. www.coobiz.it 08-MAR-2013 www.coobiz.it 08-MAR-2013 www.freeonline.org 04-APR-2013 www.avedisco.it 16-APR-2013 www.novaratoday.it 16-APR-2013 www.novaratoday.it 18-APR-2013 www.lodinotizie.it Nelle scuole primarie

Dettagli

Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino

Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino Luogo dell Evento: Parco degli Etruschi (compreso nell area tra via Gramsci, Cimitero Maggiore,

Dettagli

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile Assessorato alla Protezione Civile La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Provincia di Alessandria La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Sempre

Dettagli

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MASTER DI PRIMO LIVELLO IN: SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN. - VARESE Anno accademico 2010-2011 Varese, settembre 2010 PREMESSA Il progresso civile, sociale

Dettagli

PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE SCHEDA TECNICA

PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE SCHEDA TECNICA Allegato B CONCORSO DI IDEE #LAMIASCUOLASICURA PER L INDIVIDUAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI PER LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE Indicazione soggetto e/o soggetti proponenti: SCHEDA TECNICA ISTITUTO

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

T INTERESSA QUESTO PROGETTO? CLICCA QUI E COMPILA LA DOMANDA. Protezione civile, emergenze ambientali, monitoraggio zone a rischio

T INTERESSA QUESTO PROGETTO? CLICCA QUI E COMPILA LA DOMANDA. Protezione civile, emergenze ambientali, monitoraggio zone a rischio nome ambito d intervento Binomio Civile 2015 Rete Bianca e Bernie Protezione civile, emergenze ambientali, monitoraggio zone a rischio 5 volontari senza vitto e alloggio, presso le associazioni: Posti

Dettagli

CORSO BASE PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Percorso Sperimentale

CORSO BASE PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Percorso Sperimentale Corso nell ambito del Piano di formazione anno 2013 della Scuola Superiore di Protezione Civile CORSO BASE PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Percorso Sperimentale (Codice: SPC3018/BE) 5 e 6 ottobre 2013

Dettagli

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO SCUOLA: Istituto comprensivo di Crespellano (Valsamoggia, Bologna) MUSEO: Museo civico archeologico Arsenio Crespellani di Bazzano (Valsamoggia, Bologna) ALTRI PARTNER:

Dettagli

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR COMUNICATO STAMPA 26/2003 Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra e MIUR (TORINO, 17 MARZO 2003) Valentino Castellani, presidente del e la senatrice Maria Grazia Siliquini, sottosegretario

Dettagli

p_bg.p_bg.registro UFFICIALE.U.0029773.09-04- 2015.h.15:12

p_bg.p_bg.registro UFFICIALE.U.0029773.09-04- 2015.h.15:12 p_bg.p_bg.registro UFFICIALE.U.0029773.09-04- 2015.h.15:12 Regione Lombardia - Giunta ASSESSORE A SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE E IMMIGRAZIONE SIMONA BORDONALI Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano

Dettagli

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009 newsletter N 2 - Dicembre 2009 Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno Come ogni anno, nel mese di dicembre, ha luogo a Roma la Cerimonia di Premiazione dei progetti vincitori del Label

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CIRIE II SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI SAN CARLO C.SE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Insegnante: Alonzi

Dettagli

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive Paolo Tortiglione E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive 2007 Paolo@tortiglione.com Evoluzione dei sistemi di apprendimento Perché fare E-Learning anche in campo musicale? Si è pensato di

Dettagli

il milite...non più ignoto

il milite...non più ignoto il milite...non più ignoto concorso nazionale anno scolastico 2015-16 1 ottobre 2015-31 marzo 2016 www.milite.ana.it IL MILITE... NON PIÙ IGNOTO L Associazione Nazionale Alpini, in collaborazione con Ministero

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore Chi siamo? Dal 1994 l'adm, Associazione Didattica Museale, è responsabile dei Servizi Educativi del Museo Civico

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PROMOSSO DA REGIONE LOMBARDIA, EXPO 2015 S.P.A

BANDO DI CONCORSO PROMOSSO DA REGIONE LOMBARDIA, EXPO 2015 S.P.A BANDO DI CONCORSO PROMOSSO DA REGIONE LOMBARDIA, EXPO 2015 S.P.A., MINISTERO DEL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA IN ACCORDO CON ANCI LOMBARDIA,

Dettagli

Protocollo Y1.2015.0010374 del 30/12/2015. CORPO FORESTALE DELLO STATO Comando Regionale Lombardia Email: coor.lombardia@pec.corpoforestale.

Protocollo Y1.2015.0010374 del 30/12/2015. CORPO FORESTALE DELLO STATO Comando Regionale Lombardia Email: coor.lombardia@pec.corpoforestale. Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE E IMMIGRAZIONE Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it sicurezza@pec.regione.lombardia.it Tel 02 6765.1

Dettagli

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE 2^ SESSIONE Settore Gestione Viabilità e Protezione Civile Servizio Protezione Civile ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE Programma-calendario del corso di base per volontari di Associazioni e Gruppi

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 Esercitazioni Provinciali 13 novembre 2010 Provincia ESERCITAZIONI PROVINCIALE PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO Scenari di rischio incendi boschivi

Dettagli

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org In collaborazione con ti, ia! n o r P za, v en t r a p www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org MONZA APRIPISTA DEL PROGETTO: UN CONCORSO E 100 IDEE PER LA FASE PILOTA Sono state le scuole dell

Dettagli

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014 Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015 Perugia, 23 ottobre 2014 Cultura di Protezione Civile Cultura di protezione civile è cultura della sicurezza, della solidarietà, del rispetto, della

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

seveso un laboratorio di idee a partire dal bosco delle querce proposta anno scolastico 2008-2009

seveso un laboratorio di idee a partire dal bosco delle querce proposta anno scolastico 2008-2009 seveso un laboratorio di idee a partire dal bosco delle querce proposta anno scolastico 2008-2009 Per l anno scolastico 2008-2009 il parco naturale Bosco delle Querce propone un percorso di educazione

Dettagli

La visita di istruzione è un occasione formativa e di apprendimento che consente di allargare i propri orizzonti culturali.

La visita di istruzione è un occasione formativa e di apprendimento che consente di allargare i propri orizzonti culturali. REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE Art.1 FINALITA E PRINCIPI La visita di istruzione è un occasione formativa e di apprendimento che consente di allargare i propri orizzonti culturali. In particolare consente

Dettagli

IL VOLONTARIATO IL RUOLO DEL VOLONTARIATO NEL SERVIZIO NAZIONALE

IL VOLONTARIATO IL RUOLO DEL VOLONTARIATO NEL SERVIZIO NAZIONALE 18 IL VOLONTARIATO Il volontariato di Protezione Civile è nato sotto la spinta delle grandi emergenze che hanno colpito l'italia negli ultimi 50 anni: l'alluvione di Firenze del 1966 e i terremoti del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO PROJECT MANAGEMENT PER LA MONTAGNA METODOLOGIE E STRUMENTI DI GESTIONE DI UN PROGETTO

CORSO DI PERFEZIONAMENTO PROJECT MANAGEMENT PER LA MONTAGNA METODOLOGIE E STRUMENTI DI GESTIONE DI UN PROGETTO CORSO DI PERFEZIONAMENTO PROJECT MANAGEMENT PER LA MONTAGNA METODOLOGIE E STRUMENTI DI GESTIONE DI UN PROGETTO 46 10 44 N 10 19 48 E In attuazione dell Accordo di Programma tra MIUR e UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

Conosci il tuo ambiente

Conosci il tuo ambiente Conosci il tuo ambiente Progetto di sensibilizzazione alla tutela dell'ambiente Attuazione del protocollo d intesa tra il Corpo forestale e di Vigilanza Ambientale e l'ufficio Regionale Scolastico per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE Art. 1 - Oggetto, finalità, tipologia Per viaggi d istruzione si intendono i viaggi organizzati dalla scuola che presentano come caratteristica essenziale

Dettagli

FORMAZIONE DEL PERSONALE PROPOSTA DI ATTIVAZIONE DI UN CORSO DI FORMAZIONE

FORMAZIONE DEL PERSONALE PROPOSTA DI ATTIVAZIONE DI UN CORSO DI FORMAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA RIPARTIZIONE RISORSE UMANE UFFICIO FORMAZIONE E RAPPORTI SINDACALI FORMAZIONE DEL PERSONALE PROPOSTA DI ATTIVAZIONE DI UN CORSO DI FORMAZIONE PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

COMUNICO PER MOTIVARE

COMUNICO PER MOTIVARE COMUNICO PER MOTIVARE Motivare allo studio e promuovere l autoefficacia degli studenti attraverso una comunicazione efficace Corso di Alta Formazione Facoltà di Psicologia SPAEE - Servizio di Psicologia

Dettagli

corso di laurea in consulente del lavoro e delle relazioni industriali laurea per sindacalisti

corso di laurea in consulente del lavoro e delle relazioni industriali laurea per sindacalisti corso di laurea in consulente del lavoro e delle relazioni industriali laurea per sindacalisti L O M B A R D I A Anno Accademico 2007-2008 università progetto Il Congresso per meglio adeguare l organizzazione

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Vederci Chiaro!

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Vederci Chiaro! ADM Associazione Didattica Museale Progetto Vederci Chiaro! Chi siamo? Dal 1994 l'adm, Associazione Didattica Museale, è responsabile del Dipartimento dei Servizi Educativi del Museo Civico di Storia Naturale

Dettagli

CONCORSO SCIENTIFICO NAZIONALE TORRICELLI-WEB TEMA ANNO 2013/2014

CONCORSO SCIENTIFICO NAZIONALE TORRICELLI-WEB TEMA ANNO 2013/2014 CONCORSO SCIENTIFICO NAZIONALE TORRICELLI-WEB TEMA ANNO 2013/2014 LE NUOVE FRONTIERE DELL INTELLIGENZA ARTIFICIALE Oggi siamo di fronte a un possibile cambiamento di paradigma per l intelligenza artificiale.

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica,

Dettagli

Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Politecnico di Milano. Allegato 2. Relazione Finale

Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Politecnico di Milano. Allegato 2. Relazione Finale Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Politecnico di Milano Allegato 2 Relazione Finale Insegnante: prof. Giorgio Ravanelli a.s. 2006/2007 1. Descrizione di contenuti,

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ASSOCIAZIONE CULTURALE SCUOLA DI MUSICA I MINIPOLIFONICI TRENTO VILLAZZANO-POVO RAVINA-ROMAGNANO COGNOLA SOPRAMONTE BESENELLO SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN

Dettagli

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 17 ottobre 2013 IIS A.

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO

PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO Cerro al Lambro Melegnano Opera Rozzano San Donato Milanese San Giuliano Milanese Vizzolo Predabissi PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO

Dettagli

------------------------------------------------------------------------------ PROGETTO FORMATIVO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

------------------------------------------------------------------------------ PROGETTO FORMATIVO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI piazza I Maggio, 26-33100 Udine - Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale: 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Con il patrocinio di: e con il contributo di:

Con il patrocinio di: e con il contributo di: L Azienda USL di Modena, in collaborazione con l Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale e il Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva, organizza il Concorso Marketing

Dettagli

1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE

1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE 1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE 1.1 Il presente regolamento contiene i criteri per la programmazione e l'attuazione dei viaggi d'istruzione. Per l organizzazione e lo svolgimento dei viaggi si fa riferimento

Dettagli

L alunno con ADHD (disturbo dell attenzione e/o iperattività) a scuola: Costruzione del Piano Didattico Personalizzato e gestione in classe

L alunno con ADHD (disturbo dell attenzione e/o iperattività) a scuola: Costruzione del Piano Didattico Personalizzato e gestione in classe L alunno con ADHD (disturbo dell attenzione e/o iperattività) a scuola: Costruzione del Piano Didattico Personalizzato e gestione in classe Corso di Alta Formazione Facoltà di Psicologia SPAEE - Servizio

Dettagli

A SPASSO NELL UNIVERSO CON LA TUA FANTABICI

A SPASSO NELL UNIVERSO CON LA TUA FANTABICI promuove CONCORSO GRAFICO/LETTERARIO PER LE SCUOLE A SPASSO NELL UNIVERSO CON LA TUA FANTABICI Viaggio a 2 ruote verso nuovi mondi possibili Rivolto ai bambini e ai ragazzi delle Scuole dell Infanzia,

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

ATTIVITA ESERCITATIVE IN IPOTESI DI EMERGENZA SIMULATA: RISCHIO IDROGEOLOGICO ALLUVIONE TORRE - ISONZO 2007

ATTIVITA ESERCITATIVE IN IPOTESI DI EMERGENZA SIMULATA: RISCHIO IDROGEOLOGICO ALLUVIONE TORRE - ISONZO 2007 Protezione civile della regione Comune di RUDA Distretto di Protezione Civile Destra Torre (Aiello, Campolongo, Ruda, S.Vito al Torre, Tapogliano,Villa Vicentina, Visco) ATTIVITA ESERCITATIVE IN IPOTESI

Dettagli

CORPO FORESTALE DELLO STATO Comando Regionale Lombardia. Email: coor.lombardia@pec.corpoforestale.it

CORPO FORESTALE DELLO STATO Comando Regionale Lombardia. Email: coor.lombardia@pec.corpoforestale.it Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE E IMMIGRAZIONE Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it sicurezza@pec.regione.lombardia.it Tel 02 6765.1

Dettagli

MUSEIALTOVICENTINO per la

MUSEIALTOVICENTINO per la Città di Valdagno Assessorato alle Politiche Culturali Museo Museo Civico D. Dal Lago Civico Palazzo Festari - Corso Italia, 63-36078 Valdagno (VI) MUSEIALTOVICENTINO per la Orario di apertura: sabato

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI INDICE: PREMESSA 1. FINALITA 2. CONTENUTI 3. LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA 4. PRIMA FASE DI ACCOGLIENZA

Dettagli

LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE

LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE Scuola: Istituto comprensivo Fratelli Cervi - Scuola secondaria di I grado Dante Alighieri di Nonantola (Modena) MUSEO:

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER VIAGGI DI ISTRUZIONE (approvazione con delibera del Consiglio d'istituto del 07/10/2013)

REGOLAMENTO INTERNO PER VIAGGI DI ISTRUZIONE (approvazione con delibera del Consiglio d'istituto del 07/10/2013) ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO, ISTITUTO STATALE D ARTE V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) tel. 0588 86055 - fax 0588

Dettagli

Obiettivi delle iniziative

Obiettivi delle iniziative Iniziative didattiche FAI Scuola D elegazione di Roma a.s. 2014/2015 Obiettivi delle iniziative Ampliare la conoscenza del FAI e delle sue iniziative attraverso un coinvolgimento diretto di studenti e

Dettagli

COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI

COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI La piattaforma, per l anno scolastico 2013/2014, prevede l implementazione dei temi legati al solo rischio sismico. Per gli anni successivi

Dettagli

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Roma, 22 aprile 2008

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Roma, 22 aprile 2008 Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene Roma, Progetto Città Mia: un impegno comune per l ambiente Il progetto La comunicazione I risultati 2 Progetto Città Mia: il modello La Banca Popolare

Dettagli

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività:

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, convegni, mostre, eventi artistici, ma anche: soggiorni per

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

avvicinare le nuove generazioni alla lettura dei quotidiani il percorso di preparazione degli articoli di un quotidiano

avvicinare le nuove generazioni alla lettura dei quotidiani il percorso di preparazione degli articoli di un quotidiano Il Campionato di giornalismo promosso da Il Giorno si prefigge l obiettivo di avvicinare le nuove generazioni alla lettura dei quotidiani attraverso una competizione stimolante e coinvolgente. La nostra

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 AREA SERVIZI ALLO STUDENTE Divisione Orientamento e Diritto allo Studio Ufficio Orientamento e Tutorato PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 Tutte

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER RAGIONIERI E GEOMETRI

ISTITUTO TECNICO STATALE PER RAGIONIERI E GEOMETRI ISTITUTO TECNICO STATALE PER RAGIONIERI E GEOMETRI GAETANO MARTINO via delle Isole Curzolane, 71-00139 ROMA XII Distretto Tel. O6.87189842 - fax 06.87198602 - e-mail istmart@tin.it PROGETTO DI RICERCA

Dettagli

RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Master Universitario annuale di II livello in RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2015/2016 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE E VALUTARE PER COMPETENZE. RIFERIMENTI NORMATIVI SU INDICAZIONI E VALUTAZIONE

CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE E VALUTARE PER COMPETENZE. RIFERIMENTI NORMATIVI SU INDICAZIONI E VALUTAZIONE CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE E VALUTARE PER COMPETENZE. RIFERIMENTI NORMATIVI SU INDICAZIONI E VALUTAZIONE DIRETTORE DEL CORSO Dirigente Scolastico Dr.ssa Daniela Oliviero ENTE FORMATORE Istituto Benalba

Dettagli

Internet e telematica Mauro Nanni

Internet e telematica Mauro Nanni Internet e telematica Mauro Nanni Connessione ad Internet ad uso didattico A partire dalla seconda metà degli anni 90 le scuole hanno iniziato ad utilizzare strumenti telematici per le attività didattiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE

ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE Ferraro Adele Anno Scolastico 2013 2014 ATTIVITA di Continuità educativo - didattica Accoglienza PROGETTO Conoscere per

Dettagli

L apprendimento più sicuro.

L apprendimento più sicuro. SW Italy è formazione integrata studiamo piani formativi che soddisfino esigenze trasversali: lingue straniere gestione fondi interprofessionali L apprendimento più sicuro. La nostra filosofia: IL GUADAGNO

Dettagli

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Si veda foglio firme PRESENTI ORDINE DEL GIORNO 1) Insediamento della Consulta

Dettagli

Progetto OULXLAB. Io sono un cantautore. II edizione. Concorso nazionale per studenti - scuola secondaria di II grado.

Progetto OULXLAB. Io sono un cantautore. II edizione. Concorso nazionale per studenti - scuola secondaria di II grado. Progetto OULXLAB Io sono un cantautore II edizione Concorso nazionale per studenti - scuola secondaria di II grado Oulx (Torino) Soggetti promotori Presentazione del progetto M.I.U.R. Ufficio Scolastico

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO

ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO ALLA LARGA DAI PERICOLI A.S. 2013/2014 CON IL PATROCINIO IN COLLABORAZIONE Per l anno scolastico 2013/2014 ANCI Umbria, forte di un esperienza di 5 anni nella divulgazione di

Dettagli

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Regolamento concorso Scuole e Studenti Zero Emissioni Anno scolastico 2015-2016 Acqua: risorsa infinita? Informazioni preliminari Per l anno scolastico 2015-2016 il

Dettagli

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Contenuti Il ruolo del SSUEm 118 nel sistema di protezione civile La Funzione 2 Sanità Interazione dell'intervento sanitario con gli altri

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

PERCHÈ ASSUMERE UNA PERSONA DISABILE? PIANO PROVINCIALE DISABILI: SPECIALE FORMAZIONE INDICE DEI CONTENUTI

PERCHÈ ASSUMERE UNA PERSONA DISABILE? PIANO PROVINCIALE DISABILI: SPECIALE FORMAZIONE INDICE DEI CONTENUTI Settembre 2009 PERCHÈ ASSUMERE UNA PERSONA DISABILE? Newsletter n 2 PER MAGGIORI INFORMAZIONI: Per adempiere ad un obbligo di Legge Perché si ha la possibilità di: offrire ad una persona disabile l opportunità

Dettagli

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 Dicembre 2011 Maggio 2012 secondo anno di collaborazione Italia Nostra Onlus- MIUR MIUR ITALIA NOSTRA più di 10 anni

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Leonardo da Vinci

Istituto Tecnico Industriale Leonardo da Vinci Regione Piemonte INAIL Piemonte USR Piemonte Promozione della cultura della sicurezza nelle scuole 01 Questionario di valutazione Istituto Scolastico capofila di rete Istituto Tecnico Industriale Leonardo

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12)

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) 1 «Jacopo Barozzi» REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) Art. 1 FINALITA I viaggi di istruzione devono scaturire

Dettagli

Mattinate FAI per la scuola, in collaborazione con il MIUR. Obiettivi delle iniziative

Mattinate FAI per la scuola, in collaborazione con il MIUR. Obiettivi delle iniziative Iniziative didattiche Delegazione di Roma a.s. 2012/2013 Obiettivi delle iniziative Ampliare la conoscenza del FAI e delle sue iniziative attraverso un coinvolgimento diretto di studenti e corpo docenti.

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO

CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO Premesse L'Università degli Studi di Bergamo e il Comune di Bergamo intendono instaurare un rapporto non episodico di collaborazione,

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

I NUOVI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO (MA03)

I NUOVI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO (MA03) I NUOVI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO (MA03) MASTER ANNUALE DI I LIVELLO 1500 h 60CFU a.a. 2012-2013 Struttura proponente Centro Servizi Territoriali IRSAF/Università Telematica UNITELMA SAPIENZA in cooperazione

Dettagli

METODI E LABOR ATORI PR ATICI DI EUROPROGETTAZIONE PER GLI ARCHITETTI

METODI E LABOR ATORI PR ATICI DI EUROPROGETTAZIONE PER GLI ARCHITETTI METODI E LABOR ATORI PR ATICI DI EUROPROGETTAZIONE PER GLI ARCHITETTI Concessi n.15 Crediti Formativi ai fini della formazione continua agli Architetti iscritti ad un Ordine d Italia. 21-28 OTTOBRE 2015

Dettagli

Prot. n. AOODRPI /U/C27c/1 TORINO 29 SETTEMBRE 2014

Prot. n. AOODRPI /U/C27c/1 TORINO 29 SETTEMBRE 2014 Prot. n. AOODRPI /U/C27c/1 TORINO 29 SETTEMBRE 2014 CONCORSO A PREMI DEDICATO AL SINDACALISTA PINO VIRGILIO SUL TEMA INFORTUNI, SICUREZZA E PREVENZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI COME DEFINITI NELL

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

Romanico Idee - concorso parte del progetto RomaniComo - didattica multimediale del territorio

Romanico Idee - concorso parte del progetto RomaniComo - didattica multimediale del territorio Romanico Idee - concorso parte del progetto RomaniComo - didattica multimediale del territorio con il sostegno della Provincia di Como - Assessorato alla Cultura e Regione Lombardia progetto realizzato

Dettagli