Si è un'obbligo di Legge

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Si è un'obbligo di Legge"

Transcript

1 1 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva alberghiera La Provincia provvede prima a classificare la struttura alberghiera e sucessivamente il Comune rilascia l'autorizzazione amm.va per svolgere l'attività alberghiera 2 Quali documenti sono necessari per la classifica di un'albergo Come previsto dall'allegato H della L.R. 33/2002 i documenti necessari sono: certificato di agibilità, autorizzazione sanitaria dettagliata camera per camera, planimetrie con prospetti e sezioni quotate in scala 1:100, denuncia dell'attrezzatura e dei servizi e comunicazione dei prezzi, su modello fornito dalla Provincia Quanto tempo è necessario per ottenere la classificazione di una struttura alberghiera Posso denominare la R.T.A. Residence La dipendenza è classificata nella stessa categoria della casa madre Come previsto dall'art. 32 L.R.33/2002 comma 3 punto a), la richiesta di classifica deve essere evasa entro 60 giorni dalla data di acquisizione al protocollo generale della domanda corredata di tutta la documentazione No poiché la denominazione Residence identifica chiaramente le strutture extralberghiere Di norma le dipendenze sono classificate in una categoria inferiore alla casa madre possono altresì essere classificate nella medesima categoria qualora particolari circostanze di attrezzature consentano di offrire alla clientela il medesimo trattamento della sede principale 6 7 Posso applicare prezzi inferiori ai minimi dichiarati Quali sono i requisiti minimi per poter classificare un'albergo ad un stella Si a gruppi organizzati composti da almeno 10 persone, ospiti per periodi di soggiorno continuativo pari o superiori a 15 giorni, bambini al di sotto dei 12 anni, guide, accompagnatori ed interpreti al seguito dei gruppi organizzati, convenzioni con soggetti pubblici, società, enti o associazioni - detta comunicazione deve essere allegata alla denuncia prezzi annuale Avere la capacità ricettiva minima di 7 camere e i requisiti minimi previsti dall'allegato A L.R. 33/2002 Sono tenuto a compilare le 8 Si è un' obbligo di Legge schedine di P.S. 9 Sono tenuto a compilare il modello per la rilevazione statistica C/59 Si è un'obbligo di Legge

2 Come devo fare per fare un subentro nella gestione di una struttura alberghiera in seguito a successione ereditaria Devo rispettare i prezzi dichiarati ( minimo e il massimo) In una camera classificata a due letti posso metterne un terzo Compilare l'apposita domanda su modello fornito dalla Provincia allegando la documentazione richiesta in calce Si deve rientrare nella forbice del min. e max. dichiarato A richiesta del cliente è possibile inserire solo un letto aggiunto che deve essere rimosso alla partenza Devo esporre la tabella prezzi ed i cartellini prezzi In caso di subingresso posso modificare i prezzi della mia struttura ricettiva Si come previsto dalla L.R. 33/2002: tabella prezzi vidimata esposta in reception e i singoli cartellini nelle stanze, su modello fornito dalla Regione Veneto La variazione prezzi per cambio gestione va allegata alla domanda di subentro Ho l'obbligo di inviare 15 annualmente i prezzi della Si entro il primo ottobre di ogni anno mia struttura ricettiva Posso variare i prezzi dichiarati in qualsiasi momento Cosa si intende per bagno completo Bisogna comunicare la chiusura per ferie della struttura Quanti anni vale la classificazione Chi rilascia l'autorizzazione sanitaria No i prezzi possono essere variati due volte l'anno: entro il 1 marzo (facoltativo) a valere per il secondo semestre; entro il 1 ottobre (obbligatorio) per il primo semestre o l'intero anno Il bagno si intende completo se è composto di quattro elementi (lavabo,vaso al''inglese,vasca da bagno o doccia e bidet) Si comunicandolo preventivamente al Comune, Provincia e Uffici IAT La classificazione regionale ha validità quinquennale: se viene assegnata durante il quinquennio scadrà sempre e comunque a fine del quinquennio di riferimento Il Comune rilascia la licenza sanitaria previa parere ULSS competente

3 21 Chi rilascia l'agibilità Il Comune Come deve essere 22 Con l'indicazione dei letti autorizzati per ciascuna camera l'autorizzazione sanitaria Se mi pubblicizzo con una categoria che non è quella 23 Si. assegnata vado incontro a sanzioni Che differenza esiste tra un'albergo e una R.T.A Che differenza esiste tra una R.T.A e un Villaggio Albergo Che differenza esiste tra un'albergo e un Villaggio Albergo Le R.T.A devono essere composte solo da unità abitative, con un limite massimo del 40% senza angolo cottura - l'albergo è composto di camere con un limiti max del 40% attrezzate a unità abitative con angolo cottura Le R.T.A. sono composte di unità abitative in unico corpo di fabbrica; i Villaggi-albergo devono essere dislocati in più stabili con servizi centralizzati L'albergo si può comporre da camere e U.A.(limite massimo 40% delle camere) il villaggio albergo è composto solo da U.A. con angolo cottura 27 Se mancante il bidet è consentito l'uso del doccino munito Cosa si intende per doccia a di tubo flessibile presente in doccia o vasca da bagno.tale telefono in alternativa al bidet deroga è consentita solo alle strutture classificate ALBERGHI entro il 31,12,2005. Quante sono il minimo di 28 camere per essere Un minimo di n. 7 camere classificato Albergo Quale deve essere la distanza 29 massima tra l'albergo e la Non superiore ai 100 metri dipendenza Dove si consegnano le schede di notifica di P.S. Dove devo consegnare il modello per la rilevazione statistica Istat C/59 Alle autorità di Pubblica sicurezza o in alternativa ai Carabinieri o Vigili urbani del Comune di competenza Agli IAT (consegna a mano, via fax o posta), per Comuni sprovvisti di IAT, al settore Turistico Ricreativo della Provincia 32 Cosa devo fare per richiede il cambio di categoria Compilare l'apposita domanda su modello fornito dalla Provincia allegando la documentazione richiesta

4 33 richiedere la riclassifica con l'apposita domanda-fac-simile su modello fornito dalla Provincia allegando la Cosa devo fare per documentazione richiesta in calce aggiornata alla fine regolarizzare un'ampliamento lavori (planimetrie con prospetti e sezioni quotate in scala o riduzione ricettività 1/100-agibilità iniziale e Dia finale e sanitaria letti aggiornata) 34 Posso denominare la mia struttura Grand Hotel la denominazione Grand Hotel è attribuita solo alle strutture classificate nella categoria 5 stelle Posso denominare la mia 35 Si purché la classifica coincida con la categoria 4 stelle Struttura Palace Hotel 36 Posso denominare la mia struttura Garnì o Meublè Si se la struttura non effettua servizio di ristorazione: eroga solo pernottamento con prima colazione 37 Sono ancora necessari i bidet nei bagni Per le strutture classificate entro il 31/12/2005 in alternativa al bidet può essere usato il bidet a scomparsa - monoblocco o doccia a telefono con tubo flessibile. Successivamente a tale data i bagni devono essere completi di 4 elementi Come deve essere una camera per essere classificata suite Quali sono le caratteristiche della Junior Suite Quali sono le caratteristiche strutturali minime della categoria 4 stelle rispetto a un'albergo a 3 stelle Nel caso vi siano camere/junior/suite con ingresso indipendente dalla Hall come si identifica la classifica Sono camere composte da almeno due vani distinti, di cui uno allestito a salotto ed uno a camera da letto - Superficie minima prevista dall'all. E della L.r. 33/02 Sono camere composte da un unico vano avente una parte allestita a salotto e restante a camera da letto - Superficie minima prevista dall'all. E della L.r. 33/02 Locale bar in vano a sé stante: è ammessa separazione fisica anche con arredi/dotazioni. Sala Riunioni identificata in planimetria e attrezzata a tale scopo. Office/ripostigli a tutti i piani ove ubicate le camere/suite/junior che possono essere ora sostituite anche da armadiatura in corridoio - doppio impianto ascensore o 1 montacarichi di servizio oltre all'ascensore per Clienti Le stanze con accesso indipendente dalla hall/reception, anche se nello stesso corpo di fabbrica, vengono classificate nella tipologia Dipendenza Alberghiera

5 42 E' consentita la diversa assegnazione di tipologia Casa madre come Albergo e Dipendenza come R.T.A. Si se ricorrono i presuposti tipici delle Residenze Alberghiere, tutte u.a. nella dipendenza 43 I bagni disabili devono essere completi dei 4 sanitari tradizionali Il bagno privato delle camere si intende completo se è composto di quattro elementi (lavabo,vaso al''inglese,vasca da bagno o doccia e "bidet" o succ. deroghe regionali) tuttavia può coesistere nella struttura anche un numero variabile di bagni incompleti: dipende dalla categoria che la struttura vuole richiedere. Per le 4 e 5 stelle tutte le stanze devono avere il bagno completo e nella fattispecie le camere per disabili sono camere come le altre e devono concorrere al raggiungimento del 100% 44 Esiste il bidet per disabili Si. Pari al wc a norma anche il bidet è reperibile sul mercato La gestione alberghiera deve essere univoca. Se un'albergo effettua anche servizio di ristorazione e/o bar con altra gestione, previa contratto e patti a garanzia E' classificabile una struttura dell'espletamento dei servizi alberghieri negli orari dovuti che dispone di doppia rispetto alla categoria assegnata, è necessaria la gestione: una riservata fatturazione da parte del titolare della gestione alberghiera, all'hotel e l'altra destinata alla omnicomprensiva di tutti i servizi goduti all'interno della ristorazione, anche in struttura. Il Cliente deve rapportarsi esclusivamente con la affittanza? gestione titolare dell'esercizio alberghiero. Altra ipotesi ricorrente da ritenersi valida invece, è l'espletamento dei servizi tipici bar-ristorante con altra gestione, in presenza di doppie dotazioni con ingressi ben distinti e separati, Il bar in locale separato, nella categoria 4 stelle di un'albergo con dipendenza, è accettabile anche se fuori dalla Casa Madre Bisogna richiedere un subentro qualora avvenga donazione o successione ereditaria No. Il requisito minimo obbligatorio per la categoria 4 stelle, deve essere ubicato in Casa Madre. Ci può essere comunque un baretto supplementare anche in dipendenza Si. Con apposita domanda in bollo allegando anche atti registrati a comprova della disponibilità dell'immobile, volturando anche le licenze amm.ve

6 48 Quali sono le caratteristiche di una classifica MOTEL Il motel deve avere particolari spazi attrezzati per la sosta e l'assistenza di autovetture o imbarcazioni, godere di officina-riparazioni e rifornimento carburante - il tutto in aggiunta ai requisiti previsti all'all. C della normativa regionale 33/02 49 Come deve essere dotato il bagno comune di emergenza Qualora tutte le camere/junior/suites siano dotate di un bagno privato completo di lavabo, wc all'inglese, doccia/vasca e bidet, il bagno comune di emergenza può essere dotato di solo lavabo e wc all'inglese - 1 per tutta la struttura indipendentemente dalla categoria assegnata 50 Può coincidere il bagno comune d'emergenza con il bagno riservato al personale dipendente No. Il pubblico alloggiato non deve né può accedere ai vani riservati ai dipendenti e/o privati. 51 Devo esporre la tabella con le stelle assegnate E' obbligatorio esporla in entrata ed alla reception con logo previsto dalla Regione Devo comunicare la chiusura per manutenzione della struttura Cosa devo fare per riclassificare un struttura ricettiva in generale Cosa devo fare per un subentro Certamente, è obbligatorio comunicare ogni eventuale chiusura dell'esercizio alberghiero al Comune e alla Provincia competenti Domanda su apposito modulo predisposto dalla Provincia allegando la documentazione richiesta Domanda su apposito modulo predisposto dalla Provincia allegando la documentazione richiesta

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza?

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza? 1 2 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva extra alberghiera classificata? Quali documenti sono necessari per la classifica di un affittacamere? La Provincia provvede a

Dettagli

FAQ AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO

FAQ AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO FAQ AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO CODICE D O M A N D A 101 Cosa si deve fare per aprire un'agenzia di viaggi 102 E' possibile aprire come ditta individuale 103 se trattasi di società deve presentare subito

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA. Terreno sottoposto a scheda di indirizzo n. 67 del P.R.G.C. INTERVENTO TURISTICO RICETTIVO PROVINCIA DEL VCO

COMUNE DI VERBANIA. Terreno sottoposto a scheda di indirizzo n. 67 del P.R.G.C. INTERVENTO TURISTICO RICETTIVO PROVINCIA DEL VCO COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL VCO Terreno sottoposto a scheda di indirizzo n. 67 del P.R.G.C. INTERVENTO TURISTICO RICETTIVO La proprietà oggetto del presente intervento è affacciata sul Golfo Borromeo

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 20 21 22 23 febbraio 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 - Milano 1 2 3 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 6 7 8 12 novembre 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 Milano 0 1 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA Mod 5/Alb CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO Denominazione dell esercizio Comune.Frazione/località... Indirizzo.. Telefono.. Telex Telefax. www..e-mail

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI CAMPEGGI

DOMANDE FREQUENTI CAMPEGGI 1 le unità abitative mobili di pernottamento necessitano di concessione edilizia sulla base sia dell'articolo 30 punto 6 della legge regionale n. 33/02, sia in base all'articolo 4 della legge regionale

Dettagli

Settore Risorse Culturali e Turistiche, Lavoro, Sviluppo della Persona e delle Comunità. Servizio Turismo e Promozione dei Territori

Settore Risorse Culturali e Turistiche, Lavoro, Sviluppo della Persona e delle Comunità. Servizio Turismo e Promozione dei Territori ALLEGATO A Piazza Mantegna n 6-46100 Mantova tel. 0376 357521 fax 0376 357525 lara.rigoni@provincia.mantova.it PEC : provinciadimantova@legalmail.it www.provincia.mantova.it Settore Risorse Culturali e

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Settore 10 - T urismo DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE Comune di Validità dal 01 gennaio 2010 al 31 dicembre 2014

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1 Suppl. Ord. Del 14/12/2009 ALLEGATO

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA

REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA CITTÀ DI COLLEGNO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA Capo 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Articolo 1 Principi generali. 1. Il presente regolamento disciplina le attività di polizia amministrativa

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO A ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg. (Registrato alla Corte dei conti il 29.10.2003, registro 1, foglio 14) Regolamento di esecuzione della legge provinciale 15 maggio

Dettagli

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 Dopo il vademecum sulle attività commerciali e di somministrazione il Comune di Arezzo intende mettere a disposizione

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO B ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

Strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici

Strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 (Testo coordinato con la L.R. 17 gennaio 2005 n.

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera)

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera. (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

Campania. L.R. 15 marzo 1984, n. 15. Nuova Normativa per la classificazione delle aziende ricettive alberghiere ed all'aria aperta.

Campania. L.R. 15 marzo 1984, n. 15. Nuova Normativa per la classificazione delle aziende ricettive alberghiere ed all'aria aperta. Campania L.R. 15 marzo 1984, n. 15 Nuova Normativa per la classificazione delle aziende ricettive alberghiere ed all'aria aperta. Pubblicata nel B.U. 2 aprile 1984, n. 20. N.B.: Per la disciplina dei complessi

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE Allegato C Dgr n. del pag. 1 /5 ALLEGATOC alla Dgr n. 807 del 7 maggio 014 giunta regionale 9^ legislatura REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE N. REQUISITI DIMENSIONALI

Dettagli

C A S E P E R F E R I E

C A S E P E R F E R I E ASSESSORATO ATTIVITA' PRODUTTIVE E TURISMO SETTORE TURISMO COMUNICAZIONE DEI PREZZI E DELLE ATTREZZATURE ANNO 2 0 1 1 1 SEMESTRE _X_ 2 SEMESTRE PRIMA Comunicazione (solo in caso di nuova apertura) C A

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte

REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte dalle leggi regionali e, da ultimo, con il R.R. n.

Dettagli

Mod.Alberghisub OGGETTO: DICHIARAZIONE DI SUBINGRESSO IN STRUTTURA RICETTICA. Data di nasciata cittadinanza sesso M F. Luogo di nascita Prov Stato

Mod.Alberghisub OGGETTO: DICHIARAZIONE DI SUBINGRESSO IN STRUTTURA RICETTICA. Data di nasciata cittadinanza sesso M F. Luogo di nascita Prov Stato Timbro ufficiale (spazio riservato all ufficio) Mod.Alberghisub AL SINDACO DEL COMUNE DI PESARO SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE 61100 P E S A R O OGGETTO: DICHIARAZIONE DI SUBINGRESSO IN STRUTTURA RICETTICA.

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica Modello di autocertificazione per la classificazione di Country House o Residenze di campagna pag. 1 di 6 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina

Dettagli

Indicare ragione sociale dell Ente/Coop/Assoc. tel. fax. e mail. DICHIARA

Indicare ragione sociale dell Ente/Coop/Assoc. tel. fax. e mail. DICHIARA Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i. Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015. Classificazione per l esercizio

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ DI NUOVA APERTURA O DI SUBINGRESSO DELLA STRUTTURA RICETTIVA ALBEGHIERA.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ DI NUOVA APERTURA O DI SUBINGRESSO DELLA STRUTTURA RICETTIVA ALBEGHIERA. AL COMUNE DI LIGNANO SABBIADORO UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ DI NUOVA APERTURA O DI SUBINGRESSO DELLA STRUTTURA RICETTIVA ALBEGHIERA. l sottoscritt, sesso: M

Dettagli

Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici

Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici Art. 1 (Oggetto) (1) La presente legge disciplina l'esercizio, svolto in forma professionale, dell'attività di somministrazione

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive logo Comune REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SCIA STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE allegato alla

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 15 DEL 18-06-1981 REGIONE BOLZANO (Prov.) Classificazione delle aziende alberghiere

LEGGE PROVINCIALE N. 15 DEL 18-06-1981 REGIONE BOLZANO (Prov.) Classificazione delle aziende alberghiere LEGGE PROVINCIALE N. 15 DEL 18-06-1981 REGIONE BOLZANO (Prov.) Classificazione delle aziende alberghiere Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BOLZANO (Prov.) N. 34 del 7 luglio 1981 Il Consiglio Provinciale

Dettagli

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Alberghi, motels e villaggi albergo Gli alberghi sono esercizi ricettivi aperti al pubblico, a gestione unitaria, che forniscono alloggio, eventualmente vitto ed

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI GRADO

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI GRADO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia REGOLAMENTO IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE E PROCEDURE PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI ALL ESERCIZIO DI STRUTTURE RICETTIVE

Dettagli

ALLEGATO B-33sexies. Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Hostel o Ostelli in categoria Unica

ALLEGATO B-33sexies. Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Hostel o Ostelli in categoria Unica SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento:23/09/2015 ALLEGATO B-33sexies Modello di autocertificazione di classificazione Hostel o Ostelli Legge Regionale n 13 del 06/08/2007 e s.m.i. Regolamento

Dettagli

LIVELLI di CLASSIFICA

LIVELLI di CLASSIFICA ALLEGATO C REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI 1 PRESTAZIONI DI SERVIZI LIVELLI di CLASSIFICA DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 3 4 1.1 Numero di ore giornaliere in cui sono assicurati

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 04-11-2002 REGIONE VENETO TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 04-11-2002 REGIONE VENETO TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 04-11-2002 REGIONE VENETO TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO (..omissis..) TITOLO II Disciplina in materia di operatori turistici CAPO I Strutture ricettive

Dettagli

AFFITTACAMERE - TABELLA PREZZI -ANNO 20

AFFITTACAMERE - TABELLA PREZZI -ANNO 20 REGIONE TOSCANA MOD. TAB/AFR 1/2 PROVINCIA DI... AFFITTACAMERE - TABELLA PREZZI -ANNO 20 Denominazione completa dell'esercizio (scrivere a macchina o in stampatello) Gestore Indirizzo completo Via Località

Dettagli

Alberghi e altre attività ricettive Strutture ricettive alberghiere

Alberghi e altre attività ricettive Strutture ricettive alberghiere Alberghi e altre attività ricettive Strutture ricettive alberghiere Descrizione STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE 1. Sono esercizi alberghieri: a) gli alberghi; b) i motels; c) gli alberghi residenziali;

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA. Il sottoscritto: Cognome: Nome: Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA. Il sottoscritto: Cognome: Nome: Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F Allo Sportello Unico del Comune di POSITANO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 104 del 22.10.2007

Dettagli

Delibera della Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 2149 del 2.11.2004. Prot. n. (TUR/04/33617) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Delibera della Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 2149 del 2.11.2004. Prot. n. (TUR/04/33617) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera della Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 2149 del 2.11.2004 Prot. n. (TUR/04/33617) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Vista la legge regionale L.R. 28 luglio 2004, n. 16: "Disciplina

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015 Classificazione per l esercizio

Dettagli

TITOLO I NORME GENERALI. (Finalità e ambito di applicazione) (Convenzioni per la gestione unitaria) TITOLO II STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE

TITOLO I NORME GENERALI. (Finalità e ambito di applicazione) (Convenzioni per la gestione unitaria) TITOLO II STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE REGOLAMENTO n. 2/2009 testo coordinato con Regolamento regionale n. 1/2010 e con Regolamento regionale n. 4/2011 DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DISCIPLINA DELLE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE DI CUI

Dettagli

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE QUADRO A L.R. n. 33/2002. Richiesta di classificazione di esercizio di casa per ferie. l sottoscritt in qualità di dell ente / associazione / soc. coop. / società proprietario / locatario della struttura

Dettagli

VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO

VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO I T A L I A N O EXPO 2015 Per effettuare una scelta consapevole della struttura alberghiera che ti ospiterà per l evento Expo è necessario conoscere quali sono le tipologie

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015 Classificazione per l esercizio

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE -

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE - Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4375 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE - Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 6. DISCIPLINA DELLA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

MODULO DI DENUNCIA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (L.R. 03.05.1985, n 26)

MODULO DI DENUNCIA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (L.R. 03.05.1985, n 26) MODULO DI DENUNCIA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (L.R. 03.05.1985, n 26) Comune di SEZIONE 1 - GENERALITA DELL ESERCIZIO 1. Denominazione dell esercizio 2. Indirizzo Frazione o Località

Dettagli

ALBERGHI E ALBERGHI RESIDENZIALI

ALBERGHI E ALBERGHI RESIDENZIALI SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE, CULTURA E TURISMO COMUNICAZIONE DELLE ATTREZZATURE E DEI PREZZI ANNO 201 1 SEMESTRE (entro il 1 ottobre) 2 SEMESTRE (entro il 1 marzo) ALBERGHI E ALBERGHI RESIDENZIALI PRIMA

Dettagli

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/ALB DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE

Dettagli

L'altezza dei vani accessori, quali corridoi, disimpegni, bagni, gabinetti e simili, non può essere inferiore metri 2,40.

L'altezza dei vani accessori, quali corridoi, disimpegni, bagni, gabinetti e simili, non può essere inferiore metri 2,40. Legge Regione Friuli - Venezia Giulia : Legge regionale 23/08/1985 N. 44 Altezze minime e principali requisiti igienico-sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi.

Dettagli

attività ricettive strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici modello 3_01_05

attività ricettive strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici modello 3_01_05 AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente:

Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente: Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente: Modifiche regolamento regionale 24 ottobre 2008, n. 17 (Disciplina delle Strutture Ricettive Alberghiere) e successive modifiche.

Dettagli

Affittacamere. Scheda di dettaglio. Scheda di sintesi

Affittacamere. Scheda di dettaglio. Scheda di sintesi Affittacamere L.r. n 31 del 15/4/1985 Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Gli affittacamere sono strutture ricettive extra alberghiere. Come dice il nome trattasi di un affitto di camere

Dettagli

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE REGOLAMENTO COMUNALE L. R. 16 GENNAIO 2002 ART. 64 E SEGUENTI ALBERGO DIFFUSO

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE REGOLAMENTO COMUNALE L. R. 16 GENNAIO 2002 ART. 64 E SEGUENTI ALBERGO DIFFUSO STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE REGOLAMENTO COMUNALE L. R. 6 GENNAIO 2002 ART. 64 E SEGUENTI ALBERGO DIFFUSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 07.2.2002 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive logo Comune REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SCIA STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE allegato alla

Dettagli

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE ALLEGATO PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI ALBERGHI AD UNA STELLA SERVIZIO DI RICEVIMENTO assicurato 12 ore su

Dettagli

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres.

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. Regolamento concernente le modalità di rilascio e i requisiti del provvedimento di classificazione

Dettagli

AL SINDACO DELCOMUNE DI 63030 ACQUAVIVA PICENA

AL SINDACO DELCOMUNE DI 63030 ACQUAVIVA PICENA Applicare qui Marca da bollo da 14,62 OBBLIGATORIA Spazio per timbro Ufficio Protocollo AL SINDACO DELCOMUNE DI 63030 ACQUAVIVA PICENA OGGETTO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PER ESERCITARE L ATTIVITA di AFFITTACAMERE

Dettagli

(barrare la casella di interesse) per il seguente esercizio di attività extralberghiera di Case e appartamenti per vacanze :

(barrare la casella di interesse) per il seguente esercizio di attività extralberghiera di Case e appartamenti per vacanze : in forma non imprenditoriale ed in forma imprenditoriale Pag. 1 di 8 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i. Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Dettagli

Strutture ricettive: Alberghi Albergo diffuso e R.T.A. Avvio, trasferimento, variazione, subingresso (PUGLIA)

Strutture ricettive: Alberghi Albergo diffuso e R.T.A. Avvio, trasferimento, variazione, subingresso (PUGLIA) Mod. SCIA ALBERGO - ALBERGO DIFFUSO - R.T.A. SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE Comune di Laterza www.comune.laterza.ta.it attivitaproduttive.comunelaterza@pec.rupar.puglia.it NR. PRATICA DEL N. PROTOCOLLO

Dettagli

Tropea.biz. LEGGE REGIONALE 7 marzo 1995, n. 4 Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. (BUR n. 25 del 13 marzo 1995)

Tropea.biz. LEGGE REGIONALE 7 marzo 1995, n. 4 Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. (BUR n. 25 del 13 marzo 1995) Tropea.biz LEGGE REGIONALE 7 marzo 1995, n. 4 Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. (BUR n. 25 del 13 marzo 1995) Art. 1 Definizione 1. È attività ricettiva di tipo extralberghiero

Dettagli

PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015

PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015 1 PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015 Il Regolamento Regionale n.8/2015 Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere, che abroga il precedente regolamento n.16/2008 è, entrato

Dettagli

Strutture ricettive Alberghi e R.T.A avvio, trasferimento, variazione, subingresso

Strutture ricettive Alberghi e R.T.A avvio, trasferimento, variazione, subingresso Strutture ricettive Alberghi e R.T.A avvio, trasferimento, variazione, subingresso Al Comune di Vaglia 2 copie in carta semplice Il sottoscritto quale [ ] proprietario [ ] esercente attività Cognome Nome

Dettagli

REGIONE SARDEGNA PROVINCIA OGLIASTRA

REGIONE SARDEGNA PROVINCIA OGLIASTRA MOD. COM/ALB/RES REGIONE SARDEGNA PROVINCIA OGLIASTRA ALBERGO RESIDENZIALE Comunicazione delle attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 (obbligatorio entro il 1 ottobre) 01 DENOMINAZIONE COMPLETA DELL

Dettagli

C.F. con sede in Via n. iscritta al registro delle Imprese presso la CCIAA di al n. dal tel. Cell. Fax

C.F. con sede in Via n. iscritta al registro delle Imprese presso la CCIAA di al n. dal tel. Cell. Fax SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI SUBINGRESSO REINTESTAZIONE VARIAZIONI SOCIETARIE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità:

Dettagli

ALBERGO/DIPENDENZA. Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200

ALBERGO/DIPENDENZA. Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200 MOD.COM/ALB-DIP DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE di ALBERGO/DIPENDENZA Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI STRUTTURE RICETTIVE ALL'APERTO DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE

REGIONE DEL VENETO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI STRUTTURE RICETTIVE ALL'APERTO DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE REGIONE DEL VENETO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI STRUTTURE RICETTIVE ALL'APERTO DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE art. 32 legge regionale n. 33/2002 1 - Denominazione struttura

Dettagli

SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO. Telefono Fax e-mail. Generalità proprietario immobile. Indirizzo tel. Generalità dell affittuario

SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO. Telefono Fax e-mail. Generalità proprietario immobile. Indirizzo tel. Generalità dell affittuario REGIONE EMILIA ROMAGNA ASSESSORATO AL TURISMO Comune di: DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (Legge Regionale 30 Novembre 1981, n. 42 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI DIFFUSI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI DIFFUSI COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine * * * Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 09 di data 02/03/2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI DIFFUSI Gli alberghi diffusi

Dettagli

Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA - (strutture gia autorizzate) DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI,

Dettagli

IMPIANTI, INFRASTRUTTURE E COMPLEMENTI PER IL COMFORT DELLE CAMERE

IMPIANTI, INFRASTRUTTURE E COMPLEMENTI PER IL COMFORT DELLE CAMERE ALLEGATO A - REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ALBERGHIERE A2 IMPIANTI, INFRASTRUTTURE E COMPLEMENTI PER IL COMFORT DELLE CAMERE CLASSIFICAZIONE 1 stella 2 stelle 3 stelle

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A DUE STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015 (L.R.

Dettagli

ALLEGATI ALLA LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002. TABELLA A (riferita all articolo 175) ALLEGATO <>

ALLEGATI ALLA LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002. TABELLA A (riferita all articolo 175) ALLEGATO <<A>> ALLEGATI ALLA LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002. TABELLA A (riferita all articolo 175) QUALIFICA APT Dirigente Funzionario Consigliere Segretario Coadiutore Agente tecnico Commesso QUALIFICA RUOLO UNICO

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI DPP(22) 149_03 Pag: 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI TRENTO 25 Settembre 2003, n. 149 Regolamento di esecuzione della legge provinciale 15 maggio 2002, n. 7 «Disciplina degli esercizi alberghieri

Dettagli

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Città di Mondragone Provincia di Caserta Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 27 del 29.04.2005 INDICE pag. Art.

Dettagli

- L.R. 16/04 - Delibera G.R. 916/07 - Circolare esplicativa n. 3

- L.R. 16/04 - Delibera G.R. 916/07 - Circolare esplicativa n. 3 - L.R. 16/04 - Delibera G.R. 916/07 - Circolare esplicativa n. 3 PARTE PRIMA PROBLEMATICHE DI TIPO TECNICO ARCHITETTONICO. Ascensore Nella precedente normativa esisteva una deroga per gli edifici esistenti

Dettagli

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE AD UNA STELLA

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE AD UNA STELLA Allegato n. 1 - Circolare AVA n. 38/08 PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE STRUTTURE RICETTIVE

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA DEI REQUISITI POSSEDUTI AI FINI DELLA CLASSIFICAZIONE (Art. 47 D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA DEI REQUISITI POSSEDUTI AI FINI DELLA CLASSIFICAZIONE (Art. 47 D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000) Allegato "A" - versione settembre 2009 CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE E RICHIESTA DELLE SPECIFICAZIONI TIPOLOGICHE AGGIUNTIVE (L. R. n. 16 del 28/07/2004 e delibera G.R. n. 916 del

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri.

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA N. 25 del 13 marzo 1995 Il

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia. TUSR14 PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.it Sportello Unico Attività Produttive SUAP del Comune

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 04 03 1982 LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 04 03 1982 LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 04 03 1982 LIGURIA BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE 17 03 1982 N. 0011 SUPPLEMENTO ORDINARIO 00 00 1900 N. 0000 Norme per la classificazione delle aziende ricettive. ARTICOLO 1

Dettagli

CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi

CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi La classificazione degli esercizi alberghieri è regolata dalla legge.tutti gli esercizi alberghieri devono evidenziare all esterno, accanto alla propria

Dettagli

COMUNE DI PARMA Settore Servizi alla Persona e alle Imprese

COMUNE DI PARMA Settore Servizi alla Persona e alle Imprese Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica del 26 ottobre 1972, n. 642 e successive modifiche e integrazioni Marca da bollo del valore di COMUNE DI PARMA Settore Servizi alla Persona e alle Imprese

Dettagli

Le strutture extralberghiere definito dall art.2 del Regolamento Regionale n.16/2008 sono le seguenti:

Le strutture extralberghiere definito dall art.2 del Regolamento Regionale n.16/2008 sono le seguenti: PROMEMORIA PER L UTENTE Il Regolamento Regione Lazio n.16/2008 e ss.mm.ii con gli allegati A1 e A2, è il regolamento che disciplina le strutture ricettive extralberghiere in materia di classificazione.

Dettagli

Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Capo I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e ambito di

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A QUATTRO STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015

Dettagli

MODELLO «A1.2 bis» ALBERGO/DIPENDENZA

MODELLO «A1.2 bis» ALBERGO/DIPENDENZA MODELLO «A1.2 bis» ALBERGO/DIPENDENZA (strutture di nuova costruzione o ristrutturazione) DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE

Dettagli

VG44U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2012. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VG44U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2012. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2013 VG44U 55.10.00 Alberghi; 55.20.51 Affittacamere per brevi soggiorni,

Dettagli

Legge Regionale n. 27 del 06 04 1996

Legge Regionale n. 27 del 06 04 1996 Legge Regionale n. 27 del 06 04 1996 Norme per il turismo (Gazzetta Ufficiale Regione Siciliana 11 04 1996 n. 17) Regione Siciliana L'Assemblea Regionale Siciliana ha approvato Il Presidente regionale

Dettagli

(Dichiarazione ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445)

(Dichiarazione ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445) ALLEGATO H Modello di segnalazione certificata di inizio attività per esercizi di affittacamere (ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445 e dell art. 19 della L. 241/90) Al Comune

Dettagli