Una mostra al binario 21 della Stazione Centrale di Milano - Grandi Stazioni S.p.A. - Direzione Valorizzazione Commerciale - Eventi e Promozione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una mostra al binario 21 della Stazione Centrale di Milano - Grandi Stazioni S.p.A. - Direzione Valorizzazione Commerciale - Eventi e Promozione"

Transcript

1 6 il due notizie Un questionario per i visitatori a cura della redazione de IL DUE NOTIZIE Domande che aspettano le vostre risposte 1 In questa mostra riconoscete il clima di San Vittore? 2 Le foto sui giornali rendono sempre l idea del carcere? 3 Quale è la foto che vi è piaciuta di più? (indicare il numero).. Perché? 4 E quale foto vi ha colpito, per qualche motivo speciale? 5 Se aveste potuto scattare una foto sul tema di questa mostra, quale sarebbe stata la vostra scelta? Una mostra al binario 21 della Stazione Centrale di Milano - Grandi Stazioni S.p.A. - Direzione Valorizzazione Commerciale - Eventi e Promozione Enrico Aliotti Amministratore Delegato Grandi Stazioni IN STAZIONE NON SOLO PER PARTIRE Da sempre le stazioni sono nodi centrali per la mobilità metropolitana; spazi pubblici dalle eccezionali potenzialità a lungo sottovalutate. Negli ultimi decenni, infatti, le stazioni hanno vissuto un processo di graduale scadimento, che ha influenzato negativamente l immaginario collettivo. Rilanciare il valore funzionale e sociale di questi spazi è l obiettivo prioritario del programma Grandi Stazioni: diffondere un nuovo concetto di stazione, intesa non più come luogo di passaggio ma come piazza urbana, ricca di servizi innovativi e opportunità per il tempo libero in cui tutti, viaggiatori e cittadini, possono incontrarsi non solo per partire, ma anche per condividere idee e valori. L esperienza avviata a Roma Termini nel 1998 è un concreto segnale del cambiamento in atto: un processo di portata culturale e sociale imponente ha trasformato una stazione simbolo del degrado in uno tra i più audaci e innovativi spazi per vivere la città, la cui riqualificazione ha grandemente contribuito anche al recupero delle zone circostanti. Tutto questo, che a Roma Termini è ormai una realtà consolidata, in un futuro molto prossimo verrà esteso anche alle altre 12 grandi stazioni del network. La realizzazione degli interventi di riqualificazione darà vita a tante e nuove occasioni di interscambio culturale: sempre più frequentemente, infatti, le stazioni vengono scelte per organizzare eventi, concerti, incontri, mostre e appuntamenti letterari. Nell ultimo anno le stazioni, in particolare Milano Centrale e Roma Termini, sono state teatro di numerose e importanti iniziative culturali. Il successo di pubblico ottenuto da queste iniziative testimonia che le stazioni possono diventare, se correttamente valorizzate, straordinari centri catalizzatori della vita metropolitana. Ospitare San Vittore, Custodiscili nella Stazione Centrale di Milano, in questa straordinaria piazza, è anche un modo per avvicinare e far riflettere le persone su un argomento e su una realtà a volte dimenticati e troppo spesso ignorati. Ogni giorno passano alla stazione Centrale più di 320 mila persone e grazie a questa mostra avranno la possibilità di dedicare un momento della loro vita per avvicinarsi ad un mondo per tanti sconosciuto e lontano. Le fotografie pubblicate non devono far supporre che le persone ritratte siano o siano state giudicate colpevoli di qualche reato. Questa pubblicazione nasce anche con la collaborazione editoriale volontaria di Franco Malaguti e Marco Micci Con il patrocinio del Consiglio Regionale dell Ordine dei Giornalisti della Lombardia. Stampato in proprio

2 Numero speciale / 7 febbraio 2005 La mostra di un fotografo che per 12 anni ha frequentato i raggi del carcere. Incontri, volti, stagioni e momenti fissati con l obiettivo. 1 Casa Circondariale Milano San Vittore Piazza Filangeri 2 Corridoio del primo raggio 7-25 febbraio 2005, ore 16,30 Stazione Centrale di Milano Binario marzo 2005 ROBY SCHIRER SAN VITTORE, CUSTODISCILI Chi visita la mostra è invitato a rispondere alle domande che si trovano nel questionario preparato dalla redazione de IL DUE NOTIZIE. Le osservazioni più interessanti saranno pubblicate nel prossimo numero con la foto più votata. In questo numero speciale de IL DUE NOTIZIE ospitiamo alcuni contributi che figurano nel catalogo pubblicato in occasione della mostra di foto di Roby Schirer, allestita nel corridoio del primo raggio di San Vittore. Siamo lieti di questa iniziativa perché, in futuro. ci potranno essere altre occasioni, per rendere questo luogo, da dove molti di noi passano, meno anonimo, un punto di incontro e un momento per fermarsi a pensare. E ci fa piacere che la prima volta porti il nome di Roby Schirer, che in dodici anni, ha raccontato con la sua macchina, senza pregiudizi o forzature la vita quotidiana dietro le sbarre. Raccomandiamo a chi vede la mostra di rispondere al questionario che abbiamo predisposto. Le opinioni saranno molto utili. Le redazioni del Maschile e del Femminile Tiziana Maiolo Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Milano DENTRO UN ALTRO UNIVERSO Gloria Manzelli Direttore Casa Circondariale San Vittore di Milano CARCERE E SOCIETÀ CIVILE Franco Abruzzo Presidente dell Ordine dei Giornalisti della Lombardia IL SENSO DI UN PATROCINIO Enrico Aliotti Amministratore Delegato Grandi Stazioni BINARI, NON SOLO PER PARTIRE

3 2 il due notizie ROBY SCHIRER Roby Schirer nasce a Zurigo nel 1951, ma vive da sempre a Milano dove nel 1973 inizia la sua attività di fotografo per vari giornali, in particolare per il Corriere della Sera, il Giornale, il manifesto e la Repubblica. Nel 1974 si laurea in giurisprudenza con una tesi sui rapporti tra agenti e detenuti nelle carceri. Nel 1977 fonda l agenzia fotogiornalistica Tam Tam, che dirige tuttora. Dal 1978 al 1986 scrive per Il Secolo XIX e per altre testate. Come fotografo, lavora soprattutto in bianco e nero, fino al 2000, anno in cui passa al digitale. Dal 1996 al 1998 è presidente di Fotografia & Informazione, l associazione dei giornalisti italiani dell immagine, e in questa veste organizza e cura mostre fotografiche con l intento di rivalutare una figura professionale troppo spesso assimilata a quella del paparazzo. Gloria Manzelli Direttore Casa Circondariale San Vittore di Milano CARCERE E SOCIETÀ CIVILE Il carcere di S.Vittore è una piccola città dentro la metropoli. All interno di esso si muove un mondo che alla gran parte dei cittadini, milanesi e non, è completamente sconosciuto, da qualcuno forse immaginato, per altri da scoprire. Le immagini fotografiche realizzate in questo decennio da Roby Schirer, al quale va il nostro personale ringraziamento per il notevole tempo della sua attività dedicato a questo istituto, rappresentano un occasione per far conoscere all esterno l universo carcerario e, soprattutto, per iniziare e approfondire una riflessione sulla realtà penitenziaria, consentendo ai cittadini di avvicinarsi ad un mondo che è pur sempre parte della società e non separato da esso. La moderna società in cui viviamo procede secondo schemi che sempre di più contribuiscono a disperdere dalla coscienza di tutti noi il senso reale delle cose. Queste sono le ragioni che ci hanno indotto a realizzare una mostra che attraverso le immagini raccontasse il carcere nelle sue più intense sfaccettature: la disperazione, la rabbia, la solitudine, l umanità, la vita di chi è detenuto e di chi vi lavora. Un racconto che non è fine a se stesso: finché il carcere ci sarà, non potrà esistere senza una partecipazione attiva e organizzata dalla società civile. Se si vuole che il carcere sia vissuto non come realtà di emarginazione e non come luogo di addestramento al crimine e alla violenza, ma si pensa realmente che debba offrire al detenuto delle oggettive possibilità di reinserimento sociale, allora il carcere non può restare separato dalla società libera. Mi sembra che le immagini raccolte, oltre all intrinseco valore artistico ed estetico, rappresentino una preziosa testimonianza di come le istituzioni e la comunità esterna in questi anni sia entrata dentro il carcere, interagendo con gli operatori e i detenuti nel processo di risocializzazione. Un percorso iniziato che auspichiamo continui nel futuro di questo e di altri carceri. Tiziana Maiolo Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Milano DENTRO UN ALTRO UNIVERSO Il carcere è un universo parallelo in cui le vicende della vita normale che vi è possibile vivere assumono connotati diversi. Forse perché quando tutto ciò che si ha può stare contenuto in una borsa da viaggio o un sacchetto della spesa, ogni cosa diventa preziosa. Forse perché il rimpianto la fa da padrone: per l essere lontani dai propri cari, per la vita che fugge fuori di lì, per il male commesso e anche per quello non commesso. Forse perché il tempo, scandito da ritmi imposti e sempre uguali, rende prezioso ogni diversivo: un gatto che gioca tra le sbarre delle finestre, un evento organizzato dal Comune, che diventa un fatto di cui parlare per giorni e da ricordare per sempre. E poi il senso della privazione, rispetto al resto del mondo: della libertà, naturalmente, ma anche della privacy, dell'affettività In questo universo parallelo si respirano, con gli odori, i sentimenti del dolore, della rabbia, della voglia di riscatto, della nostalgia. È un universo in cui le persone addette alla custodia condividono parte delle privazioni e delle suggestioni con le persone recluse. Per comprendere queste cose occorre sensibilità, per descriverle come fa Roby Schirer nelle sue immagini occorre qualcosa di più: poesia, oltre a una tecnica raffinata. Questi scatti ci restituiscono quel mondo, per farcelo comprendere di più e per farci riflettere sul nostro. Franco Abruzzo Presidente dell Ordine dei Giornalisti della Lombardia IL SENSO DI UN PATROCINIO Esporre foto di carcere e di carcerati dentro un carcere è un autentica scommessa: Cogliendone il senso più profondo il Consiglio dell Ordine dei Giornalisti della Lombardia dà volentieri il suo patrocinio, a questa mostra. Roby Schirer, fotografo di attualità e di costume da molti anni, ha sempre avuto sensibilità e pudore nel selezionare i mille e mille clic che come testimone dell istante ha scattato. È noto che i protagonisti della cronaca nera e giudiziaria hanno opinioni negative e motivi di antipatia nei confronti di giornalisti e fotografi Le ragioni, umanamente comprensibili, sono evidenti, quasi ovvie. Eppure la stampa vorrebbe poter svolgere il proprio lavoro, anche in questo campo, con la massima correttezza attingendo a fonti certe. Per questo, ad esempio, il mio predecessore Carlo De Martino, propose ed ottenne formalmente la creazione di una sala stampa presso il carcere. Negli anni ci sono stati mutamenti nei rapporti anche per parallele attività di volontariato sociale tese a far conoscere gli strumenti della professione giornalistica, stimolando la nascita di pubblicazioni interne alle carceri per far conoscere meglio i problemi del dentro al fuori e viceversa. Questa mostra è un altro significativo passo avanti per un dialogo: lo spaccato della realtà quotidiana dentro le mura osservate dall obbiettivo di Schirer fa da specchio a chi questa realtà vive, diventa motivo di riflessione e si propone poi perché anche fuori al di là di polemiche talvolta pretestuose, nel pur affrettato e sofferto passo di ogni giorno, si possa lanciare uno sguardo meno superficiali alle immagini fredde e dolenti di una cittadella senza gioia.

4 il due notizie 5 Da allora le mostre diventano la sua seconda attività: dà vita, insieme a Giuseppe Castelnovi, a Il Giro Racconta, presentata dal 1998 in almeno diciotto sedi diverse, anche all estero, e nel 2004 fonda l associazione onlus Bel Vedere, che nella galleria di via S. Maria Valle a Milano ospita mostre di autori importanti. Prosegue nel frattempo la sua attività fotografica, che comprende i frequenti reportages a San Vittore da cui è nato il catalogo della mostra. IL FOTOGRAFO DELLA CRONACA SI È FERMATO A RIFLETTERE LA VITA MESSA A FUOCO I n un celebre esperimento psicologico alcuni studenti vennero rinchiusi per molti giorni, divisi in guardie e carcerati, per controllare lo sviluppo delle reciproche reazioni aggressive. Dopo poco tempo gli studenti, ragazzi normalissimi, avevano già sviluppato decise identità di gruppo, guardie con guardie, carcerati con carcerati, e si comportavano di conseguenza, innnescando forti conflitti. Un film tedesco, Cercasi cavie, si è ispirato a quell esperimento, aumentandone l intensità emotiva, fino a trasformare le guardie in aguzzini, e i carcerati, e gli stessi scienziati che li controllavano, in vittime. Due morti e molti feriti, il risultato prima dei titoli di coda. È quel che pensiamo tutti del carcere: un concentrato di violenza, di abuso, di sofferenza compressa. C è una sterminata filmografia, ci sono libri, articoli, testimonianze: c è la nostra stessa immaginazione. Ma per fortuna poi c è gente come Roby Schirer, che sa mettere bene a fuoco le cose. Nessuno naturalmente dice che il carcere sia una passeggiata, e di certo la costrizione e la violenza ne sono colonne portanti, ma a giudicare dalle foto di Schirer non è solo così. Provate a seguire il percorso di queste foto, come se le aveste scattate voi: attraversate quei corridoi vuoti, passate le sbarre, guardate in quelle celle e in quei cortili, e troverete lo squallore e l intonaco scrostato, la tristezza di un oggetto quotidiano, di un vestito, di uno sguardo perduto. Ma poi, improvvisamente, c è qualcuno che sorride. P oi ci sono molti che ridono, allegramente e sgangheratamente; c è una colomba che vola via, e anche lì sorridono tutti, e poi due magnifici Blues Brothers, straordinariamente somiglianti, che danzano marciando perfettamente a tempo, così che quasi sentiamo davvero la musica; e una struggente signora, su uno sfondo di muri umidi e strappati come in un basso napoletano, che si prepara a cucinare qualcosa indossando una T-shirt con scritto IO PENSO AL FUTURO. Guardatela bene, questa signora, guardate come fissa l obbiettivo, e il genere di sorriso appena accennato che ha. Potrebbe essere una fotografia disperata, ma non lo è: quella scritta ironica, ma nemmeno tanto, ci fa uscire da lì, rapidamente, come ci fanno uscire i SAINT VICTOR S BOYS e lo sguardo di Schirer in generale, che tocca ogni cosa con garbo e leggerezza, e perché no, con ironia. Forse c è qualcosa di blasfemo, di apertamente sovversivo, a parlare d ironia in carcere. Dov è il cazzotto allo stomaco, dove sono l orrore, la violenza, i Dannati della terra? Beh: mi sa che qui non ci sono, dicono le fotografie di Schirer. E non perché non esistano in assoluto, ma perché lì lui non li ha visti: per forza, non c erano. Ha visto una noia infinita, circondata di muri sbrecciati e sbarre arrugginite, e pelouches ordinati sopra a un lettino, e una camera con improbabili racchette da tennis appese; ha visto un Padre Pio incollato alla porta del Casellario-Perquisizione, e agenti penitenziari con i calzoni larghi e i gesti lenti, e ci racconta che il carcere è un tempo che passa nel vuoto, e chi ci sta dentro è gente non così diversa da noi. È questo che è veramente sovversivo: rinunciare alla retorica, all effetto, a quel che ci si aspetta, per raccontare la verità. Quello che ogni buon fotografo di «straight photography» dovrebbe fare. Vedere quello che c è da vedere, raccontare quello che c è da raccontare, trovando la poesia, il sorriso o il dolore là dove sono, senza andarseli per forza a cercare. Senza inventarli. E così va a finire che le fotografie non sono più solo documenti, ma salgono di categoria e parlano di qualcos altro. Una volta Schirer mi ha detto che le fotografie devono essere tutte bene a fuoco. Può sembrare una banalità, e invece è un estetica. È il rifiuto dell accademia, della leziosità, del giochetto per strappare la meraviglia, la sorpresa, l applauso. È l affermazione di chi ha un identità così forte che non ha bisogno di cercarla nella sofferenza altrui, e si può permettere di dire la verità anche quando gli chiedono finzioni. È quello che fanno sempre i bravi reporter, perché sanno che alla fine il senso della loro vita è lì. G uardate la foto dei due carcerati con le gabbiette in mano. Nell innocenza di quei sorrisi, nel paradosso delle gabbie dentro alle gabbie, non vi sembra che ci sia una storia un po più grande? Non vi è mai capitato di svegliarvi una mattina e di scoprire che siete voi a tenere la gabbietta del canarino in mano senza accorgervi di quella più grande, quella in cui vivete? È a questo che servono le buone fotografie, le fotografie a fuoco. Guardatene ancora una, per favore: la detenuta che cammina nel corridoio con tutte le porte delle celle aperte. Lo vedete com è dritta la sua schiena, com è orgoglioso il suo passo? Non è una detenuta, quella. È una persona umana. Ve n eravate accorti? Luca Rossi

5 il due notizie PASSEGGIATA VIRTUALE TRA I RAGGI DI SAN VITTORE 3 San Vittore è un nome che ricorre spesso nei titoli dei giornali, nelle trasmissioni radiofoniche e in quelle televisive: chi lo nomina non deve aggiungere che si tratta di un carcere e nemmeno che si trova a Milano. San Vittore è praticamente un logo e produce notizie di ogni tipo, sia, come si usava dire un tempo, di cronaca nera, sia di cronaca bianca. È lo specchio di un microcosmo sociale, nel positivo e nel negativo, e un esempio di come la società si interroga e si confronta con se stessa. I detenuti seguono le vicende del mondo con molta attenzione: in ogni cella c è un televisore, entrano giornali (non tutti) e riviste. Su ciò che succede fuori c è la massima informazione. Ma fuori che ne sanno di cosa succede dentro e di come è strutturato quel complesso delimitato da alte mura, con agenti di sentinella, ventiquattro ore al giorno, a controllare che non ci siano tentativi di evasione? Una visita virtuale a San Vittore può cominciare riportando il numero dei detenuti e dei Paesi da cui provengono. La registrazione dell ufficio matricola, alla data del 25 gennaio 2005, elenca in totale 1398 detenuti (126 donne e 1268 uomini) oltre a sei bambini sotto i tre anni, che vivono con le mamme carcerate. Prevalgono marocchini, tunisini, albanesi e romeni, ma sono praticamente rappresentate tutte le nazioni, tanto che in «Campo corto», un documentario girato qualche anno fa dagli stessi detenuti, si immaginava dentro il carcere un campionato mondiale di calcio (il campo era ridotto negli spazi e si giocava sul cemento) al quale partecipavano squadre rappresentative di più di cento Paesi. Non è facile spiegare San Vittore, anche se spesso ci provano, le televisioni, documentando le attività formative, culturali e ricreative prescritte dall ordinamento penitenziario o svariati tra giornalisti e scrittori, che lo descrivono in un modo sempre diverso. Forse l unica cosa certa di San Vittore è proprio che si tratta di un carcere diverso, una diversità che è anche ricchezza sociologica, tanto che numerose facoltà universitarie organizzano interessanti seminari che mettono insieme studenti e detenuti. Ufficialmente la sua denominazione è Casa Circondariale vale a dire che dovrebbe ospitare soltanto detenuti in attesa di giudizio o condannati a pene non superiori a tre anni. Per antica tradizione, però, tutta la tipologia del mondo carcerario vi è rappresentata: un ventaglio completo degli errori dell uomo, l intera casistica dei reati contemplati. L a data di nascita di San Vittore è nel maggio del 1879, la capienza di ottocento posti su un area di cinquantamila metri quadrati, ma già nel luglio di quell anno il carcere era sovraffollato, e continuò ad esserlo, sempre. I massimi storici furono raggiunti tra il settembre 1943 e l aprile 1945, quando nazisti e fascisti vi stiparono fino a cinquemila persone. Gli arrestati ebrei non venivano nemmeno registrati con nome e cognome; soltanto un numero e la sigla E, che stava appunto per Ebreo. Un altro picco si registrò negli anni novanta, per via di Tangentopoli: per lungo tempo la media fu di duemila presenze. Oggi, come si è visto, si è attestati intorno ai 1300 reclusi (di cui più del 50 per cento extracomunitari), ma c è da tener presente che un raggio e mezzo sono inagibili. Da anni ritorna l idea di trasferire questo carcere altrove, lontano dal cuore topografico di Milano, con piani e progetti che prevedono l abbandono del vecchio complesso, giudicato antiquato e inadeguato, per un nuovo insediamento in periferia, con criteri architettonici e di sicurezza più funzionali, e l eliminazione del cronico sovraffollamento. Nell area resa libera, a parte la parte storicamente più rappresentativa, vincolata dalle sovrintendenze artistiche (che potrebbe diventare sede museale o biblioteca) c è chi ipotizza ghiottamente la nascita di una zona verde punteggiata da qualche grattacielo. Chi è invece contrario a cancellare questo pezzo di storia della città, sostiene che il trasferimento di San Vittore da via Filangieri creerebbe disagi e scomodità a tutti coloro che hanno rapporti diretti con il carcere. Si tratta di centinaia di persone: i familiari dei detenuti, insieme a tutti coloro che vi operano quotidianamente magistrati, avvocati, personale, educatori, assistenti sociali e volontari delle ventisette associazioni accreditate. Polemiche e discussioni sullo spostamento vanno avanti da anni, ma per il momento il carcere è ancora lì. Il valore storico è dato anche dalla struttura, consistente in sei «raggi» che confluiscono in una rotonda. Originariamente, sul modello di un carcere di fine settecento di Filadelfia a costruzione pentagonale, funzionava il principio del Panopticon, per cui dal centro si poteva vedere tutto intorno e fino ai piani alti, perché non c erano soffitti tra un livello e l altro e le celle si affacciavano su ballatoi. Oggi è tutto murato, ma dalla Rotonda centrale si accede sempre ai sei raggi cui vanno aggiunti il «femminile» e il settimo reparto, diversamente dislocati. Nel è stato ammodernato il terzo mentre lavori sono in corso al quinto, ma ognuno dei raggi, dentro, ha le sua popolazione e le sue attività. Al pianterreno del primo raggio, detto anche intermedio, le celle sono state trasformate in uffici. È il corridoio con più «traffico», perché attraversato dai detenuti che vengono accompagnati ai colloqui con i familiari; dai lavoranti, riconoscibili perché indossano bluse color grigioazzurro (e suddivisi in scopini, spesini, tabellieri e porta-vitto); dagli agenti che si spostano per servizio da e verso i raggi; dai volontari che svolgono attività di assistenza integrativa o culturale, per corsi regolari o occasionali. È qui che sono state esposte le fotografie, con un allestimento previsto per altre mostre in futuro. A metà del corridoio si sale al «penale», riservato a chi deve scontare molti anni di detenzione. L ultimo piano del raggio ospita un laboratorio di pelletteria, la cooperativa Spes che controlla le ricette farmaceutiche e la redazione de Il Due, giornale on line del carcere diretto da Emilia Patruno (che i detenuti redigono ma non leggono perché non è ammesso l accesso a Internet). Nel secondo raggio è situato il COC Centro di osservazione criminale nato per iniziativa del criminologo Garavaglia. I primi due piani sono riservati a tossicodipendenti e alcolisti. segue a pagina 4

6 4 il due notizie segue dalla pagina 3 Nel terzo raggio, quello rinnovato con celle dotate di docce, il regime carcerario è «avanzato», c è maggiore libertà di movimento e vi si svolgono attività lavorative e culturali. Ci sono aule scolastiche per i regolari corsi di studio, un laboratorio audio-video e la biblioteca centrale fornita di oltre tredicimila volumi: qui si riunisce la redazione de Il Due notizie, della quale fanno parte redattori italiani, della Costa d Avorio, di Bulgaria e Romania. Al quarto piano vive attualmente un gruppo di ex-tossicodipendenti che hanno sottoscritto un impegno personale di rieducazione; si chiama La Nave e ha chiamato L Oblò il proprio mensile. Dal fondo di questo corridoio, si può vedere il panorama esterno, uno sguardo verso la città (dalle altre celle, solo il «cielo a quadretti», come recita il titolo della poesia di un detenuto). Nel quarto raggio ha sede l infermeria e sono collocate le «celle a rischio». Un piano del quarto, come tutto il quinto raggio è chiuso per impraticabilità, perché interessato dalla ristrutturazione. Al sesto raggio vengono sistemati i «nuovi giunti» termine con il quale nel linguaggio del carcere sono definiti appunto i nuovi arrivati, in attesa di una collocazione «personalizzata». Il secondo piano è riservato ai cosiddetti «protetti», i detenuti per reati che richiedono sorveglianza particolare. Al quarto piano, un altra cooperativa, la Out Side, che controlla gli abbonamenti Rai e il call center della Telecom, al quale lavorano quaranta detenuti che hanno superato una severa selezione. Il settimo reparto è riservato al Centro clinico con un Osservatorio neuropsichiatrico, il Conp. Il reparto femminile (le presenze sono in media meno del 10% del totale dei reparti maschili) è situato prima dell intermedio ed è, a sua volta, un microcosmo con diverse articolazioni: il penale, i laboratori (in particolare la sartoria gestita dalla Cooperativa Alice e quello di informatica), gli stanzoni per detenute con figli. Anche al femminile, attualmente, è in funzione un call center. Questo è San Vittore: dentro ti accompagna come sottofondo il rumore dei cancelli che si aprono e chiudono con chiavi di foggia antica. Celle e corridoi sono ribollenti: di problemi, di idee, di emozioni, di propositi, di speranze, ma le regole di vita possono sembrare assurde. Come le «domandine», che servono per qualsiasi richiesta extra-regolamento, dall acquisto di qualcosa di non previsto: dalla richiesta di iscrizione a un corso o di un colloquio con gli appartenenti alle strutture (dal direttore in giù). Ma le domande che premono di più non si possono scrivere sui moduli. Restano nel cuore. Continuano ad essere speranze. E, come diceva Albert Camus, «quando non abbiamo più speranze, ce le dobbiamo inventare». Emilio Pozzi (con la redazione de Il due notizie) NOTIZIE NOTIZIE NOTIZIE NOTIZIE NOTIZIE NOTIZIE NOTIZIE NOTIZIE NOTIZIE NOTIZIE Per la La Giornata della memoria al III raggio si è svolta una manifestazione intitolata Non solo Auschwitz- Contro tutte le violenze. Sono intervenuti dall esterno Liliana Segre deportata ad Auschwitz a 13 anni, Monsignor Giovanni Barbareschi, torturato a San Vittore nel 1944, e gli attori Umberto Ceriani, Caterina Cidda,che hanno interpretato pagine di Primo Levi, Renato Sarti autore e regista di una rappresentazione dedicata alla Risiera di San Sabba, a Trieste e Emanuela Carcano e Silvano Tombini che hanno progettato un allestimento teatrale de La tregua per la quale chiedono una speciale collaborazione di detenuti di San Vittore. Seif Mohamed ha detto parole di fratellanza ispirate al Corano. Alcuni redattori de Il due notizie hanno letto brani da Il libro della memoria di Liliana Picciotto Fargion a proposito delle condizioni di vita a San Vittore fra il 1943 e il In apertura hanno parlato la nuova direttrice Gloria Manzelli, il Provveditore per la Lombardia dell Amministrazione penitenziaria Luigi Pagano ( ben tornato fra noi) e Cinzia Pignoli, che al Consiglio di zona 1 presiede la commissione carceri. Tutti senza retorica. Nuovo Presidente del Tribunale di sorveglianza è Francesco Castellano, 61 anni, nativo di Bitonto, che sostituisce Manlio Minale. In questi mesi il ruolo, ad interim, era stato svolto con molta efficienza dalla dottoressa Sodano. Il dottor Castellano è stato eletto dal Csm con 14 voti; 9 voti sono andati ad Antonio Lombardi. Due gli astenuti. Castellano ha gestito negli ultimi anni molti processi importanti: quello sui fondi neri della Montedison, quello sull acquisto dei terreni prospicienti la villa di Macherio, a carico di Berlusconi e di manager della Fininvest e ha presieduto il collegio giudicante del processo stralcio Sme che nello scorso dicembre ha assolto Silvio Berlusconi. Era presidente di Sezione del tribunale a Milano dal Esponente della corrente Unità per la Costituzione è stato anche vice presidente dell Associazione nazionale magistrati. (Fonte Ansa del 27 gennaio) Se non si può portare la gente comune in carcere, si può tentare di portare il carcere fra la gente comune. Da questo pensiero di Ivano De Matteo è nato il film Codice a Sbarre che documenta un evento realizzato a Roma il giorno dell arrivo di Bush: in piazza Trilussa dentro un cubo di plexiglas (una cella di 4 metri per 4) quattro detenuti vivono la loro giornata. E fuori, nella piazza la gente osserva e commenta. In anteprima il documentario è stato presentato nel carcere di Rebibbia. Adesso è proiettato al Politecnico Fandango. In Parlamento è in corso una raccolta di firme per far sì che il film sia acquistato dalla Rai.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA Corso di Laurea Specialistica in PSICOLOGIA CLINICA DINAMICA Elaborato Finale PERICOLOSITA SOCIALE UNO STUDIO ETNOGRAFICO CONDOTTO ALL INTERNO DEL

Dettagli

Le città e l istituzione penitenziaria

Le città e l istituzione penitenziaria SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONVEGNO NAZIONALE 2 Aprile 2012 - Firenze Sala Brunelleschi - Palagio di parte Guelfa - Piazzetta di parte Guelfa Le città e l istituzione penitenziaria

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI La Casa Circondariale di Locri è stata edificata nel 1862, secondo il modello architettonico c.d. filadelfiano ovvero a bracci, per contrastare il banditismo particolarmente

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma)

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Renato Frisanco (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Vorrei portare un contributo come ricercatore. Avendo coordinato alcune indagini sul volontariato di settore

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Paolo Polo Universitario Centro Diurno Conca. Teatro Gusto: Ottobre 2013/Giugno 2014

Azienda Ospedaliera San Paolo Polo Universitario Centro Diurno Conca. Teatro Gusto: Ottobre 2013/Giugno 2014 Conca PROLOGO Teatro Gusto: Ottobre 2013/Giugno 2014 Il progetto si è rivolto agli utenti dei servizi psichiatrici (fino ad un massimo di 10) del Dipartimento Salute Mentale A.O San Paolo e seguiti dai

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono:

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono: SOLIDARIETA La nostra scuola pone come elemento fondante della sua azione formativa lo sviluppo di condizioni di esercizio attivo del diritto-dovere di cittadinanza, coinvolgendo, in questo, tutte le componenti

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia o nel mondo data da un giornalista per mezzo CARTACEOLa dei giornali (stampa, trasmissione televisiva,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOVANNI XXIII PIANIGA (VE) REDAZIONE DI RISTRETTI CASA DI RECLUSIONE DUE PALAZZI - PADOVA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOVANNI XXIII PIANIGA (VE) REDAZIONE DI RISTRETTI CASA DI RECLUSIONE DUE PALAZZI - PADOVA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOVANNI XXIII PIANIGA (VE) REDAZIONE DI RISTRETTI CASA DI RECLUSIONE DUE PALAZZI - PADOVA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOVANNI XXIII PIANIGA (VE) Anno scolastico 2012/2013

Dettagli

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 I dati nazionali Al 31 maggio 2014, nelle carceri italiane erano presenti 58.861 detenuti, 2.543

Dettagli

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente.

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente. LABORATORIO-MUSEO TECNOLOGIC@MENTE Tecnologic@mente, coordinato e gestito dalla Fondazione Natale Capellaro, in questi anni ha svolto un importante e fondamentale lavoro volto per la conservazione e, soprattutto,

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

Il medico di Welby condanato o assolto? Lo decidono gli studenti-giudici

Il medico di Welby condanato o assolto? Lo decidono gli studenti-giudici NAPOLI ALL'UNIVERSITÀ SUOR ORSOLA BENINCASA L'INIZIATIVA «I GRANDI PROCESSI» Il medico di Welby condanato o assolto? Lo decidono gli studenti-giudici Al termine di un finto processo quindici ragazzi assolveranno

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Liceo Tasso Il viaggio della Memoria 2012

Liceo Tasso Il viaggio della Memoria 2012 Liceo Tasso Il viaggio della Memoria 2012 Al professor Sandro Baldi e alla presidenza del Liceo classico T. Tasso di Roma Da domenica 1 a martedì 3 aprile 2012 si è tenuto il Viaggio della Memoria, patrocinato

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

COOPERATIVA SOLIDARIETÀ

COOPERATIVA SOLIDARIETÀ L argomento in questione oggi è la riabilitazione sociale e lavorativa di detenuti ed ex detenuti, spesso non considerata importante o essenziale ma che invece può e deve essere una vera e propria risorsa

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro.

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro. Normalmente si usa la parola giornale per una pubblicazione quotidiana dove si trovano le notizie del giorno. In un senso più largo però, questa parola si usa anche per pubblicazioni settimanali, quindicinali

Dettagli

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari Arriva dalla Corte costituzionale il primo via libera al processo di superamento degli Opg Ordinanza

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security

Programme Prevention of and Fight against Crime European Commission Directorate General Justice Freedom and Security Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security JUST. Juvenile Justice. Development of child rights based methods of intervention

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Popolazione detenuta 1990 29133 1991 35469 1992 47316 1993 50348 1994 51165 1995 46908 1996 47709 1997 48495 1998 47811 1999 51814 2000 53165

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI SCIENZE STORICHE, FILOSOFICO-SOCIALI, DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN FORMAZIONE INTERMEDIATORI DEL

Dettagli

La Famiglia nell era digitale

La Famiglia nell era digitale La Famiglia nell era digitale sabato 22 gennaio 2011 Firenze - Convitto della Calza Alcuni siti web che possono essere utilmente consultati per Navigare sicuri bambini e adulti Siti che possono essere

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

idealfoto wedding & fashion photographers

idealfoto wedding & fashion photographers Cari Sposi, in questo documento troverete le domande che spesso ci vengono poste, relative al servizio fotografico di matrimonio. E importante che leggiate perchè vi daranno alcune informazioni molto utili

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 01 luglio 2009

COMUNICATO STAMPA 01 luglio 2009 COMUNICATO STAMPA 01 luglio 2009 Carceri la UIL visita San Vittore: condizioni indegne! Le condizioni che abbiamo riscontrato nel corso della visita odierna alla Casa Circondariale di Milano S.Vittore

Dettagli

Comunità Papa Giovanni XXIII associazione internazionale di fedeli di diritto pontificio www.apg23.org

Comunità Papa Giovanni XXIII associazione internazionale di fedeli di diritto pontificio www.apg23.org Progetto CEC Comunità Educante con i Carcerati La Comunità APGXXIII opera nel mondo carcerario sin dai primi anni 90. in Italia oggi: 290 detenuti ed ex detenuti comuni seguono un percorso educativo personalizzato

Dettagli

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Noi come Voi è un associazione che accoglie tutti i giorni mol ti giovani con disabilità

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1 ANNO ACCADEMICO 2013-2014 COGNOME NOME MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO TEMPO MASSIMO PER LA CONSEGNA DELLA PROVA: 90 MINUTI 1.Inserisci gli articoli determinativi corretti.

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO Il protocollo operativo tra Ministero della Giustizia, e Tribunali di Sorveglianza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Sicurimpariamo al Ferrante Aporti

Sicurimpariamo al Ferrante Aporti Sicurimpariamo al Ferrante Aporti Presentazione risultati del progetto (disponibili anche su www.sicurezzaelavoro.org/sicurimpariamo.html) Prefettura di Torino, lunedì 5 maggio 2014 Il progetto Sicurimpariamo

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo Educa 2012: invito ai giovani GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo 1. Il nucleo tematico Il nostro tempo è adesso, qui e ora. Il progetto è qui e ora, il futuro è qui e ora, l orizzonte

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Questa non è una lezione

Questa non è una lezione Questa non è una lezione Sono appunti, idee su Internet tra rischi e opportunità. Che vuol dire non dobbiamo stare a guardare? È il Web 2.0... i cui attori siete voi Chi vi ha insegnato ad attraversare

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 529 568 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La criminalità oltre l emotività Negli ultimi tre anni la criminalità in

Dettagli

Pic Of Difference Amare le differenze

Pic Of Difference Amare le differenze Movidabilia e Officine della Fotografia Presentano Pic Of Difference Amare le differenze Contest Fotografico REGOLAMENTO ORGANIZZATORI Il concorso fotografico Pic Of Difference (di seguito denominato Contest),

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

"Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia

Mostra Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD Maria Chiara Strappaveccia "Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia Il Memorandum. Festival di fotografia storica, arrivato ormai alla IV

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 DC.DP.00.33 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE aiutare i bambini ONLUS "aiutare i bambini" è una fondazione italiana, laica e indipendente, nata

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

UN REGALO INASPETTATO

UN REGALO INASPETTATO PIANO DI LETTURA dai 5 anni UN REGALO INASPETTATO FERDINANDO ALBERTAZZI Illustrazioni di Barbara Bongini Serie Bianca n 64 Pagine: 48 Codice: 566-0469-6 Anno di pubblicazione: 2012 L AUTORE Scrittore e

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione INSERTO DA STACCARE E CONSERVARE Patriarcato di Venezia, UFFICIO COMUNICAZIONI SOCIALI Dall esperienza di quest anno della Scuola di Comunicazione ecco una guida pratica per parrocchie, movimenti, gruppi,

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

ADOLESCENZA E SOCIAL NETWORK I RISCHI DELLA RETE: RAGAZZI IN TRAPPOLA.

ADOLESCENZA E SOCIAL NETWORK I RISCHI DELLA RETE: RAGAZZI IN TRAPPOLA. I.N.PE.F. ISTITUTO NAZIONALE di PEDAGOGIA FAMILIARE (Reg. Ag. Entrate Roma P.I. 11297531003 - Cod. Att. 855920 Formazione ed Aggiornamento Professionale) Ente di Formazione Accreditato presso l'ufficio

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI #NOVIOLENZA CONTRO LO STALKING, IL FEMMINICIDIO, ED OGNI ALTRA FORMA DI VIOLENZA SULLE DONNE IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI CONCRETI Durante le due settimane (dal 16 al 29 aprile) dell iniziativa No

Dettagli

Per chi viaggia in direzione ostinata e contraria col suo marchio speciale di speciale disperazione e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi

Per chi viaggia in direzione ostinata e contraria col suo marchio speciale di speciale disperazione e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi Per chi viaggia in direzione ostinata e contraria col suo marchio speciale di speciale disperazione e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi per consegnare alla morte una goccia di splendore

Dettagli

Oltre i luoghi comuni Le donne di Andrea Vitali appartengono ad un mondo tutto loro, sono la Lunatica, creatura

Oltre i luoghi comuni Le donne di Andrea Vitali appartengono ad un mondo tutto loro, sono la Lunatica, creatura inquietudine Poi - Ci Sembrano Mentre C' Esistono Poi E n Figure STORED DONNE PERMMAGN Giancarloe Andrea Vitali esplorano l ' universo femminile «Nel microcosmo di Bellano si riflette il resto del mondo»

Dettagli