Analisi delle soluzioni logistiche per il sourcing dal Far East

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi delle soluzioni logistiche per il sourcing dal Far East"

Transcript

1 GLOBAL SOURCING Analisi delle soluzioni logistiche per il sourcing dal Far East La globalizzazione dei mercati rende sempre più importante la gestione della supply chain su scala globale. In questo articolo si presenta uno studio delle aree di impiego delle soluzioni logistiche per l'importazione da paesi extra-europei (in primis del Far East), valutando la relazione delle soluzioni proposte con l'organizzazione del processo d'acquisto di Fabrizio Dallari, Gino Marchet e Marco Melacini Fabrizio Dallari, Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica - Università Carlo Cattaneo LIUC. Gino Marchet e Marco Melacini, Politecnico di Milano, Dipartimento di Ingegneria Gestionale. &( INTRODUZIONE Il processo di globalizzazione, in cui le relazioni economiche, politiche e sociali si estendono in un ambito geografico sempre più vasto, sta modificando l'intera catena di fornitura, che è stata riorganizzata passando da una configurazione locale ad una globale, dalla produzione, attraverso i fornitori, i distributori e i dettaglianti, fino al consumatore finale. Riferendoci alla definizione elaborata dal Fondo Monetario Internazionale, la globalizzazione riguarda la crescente interdipendenza dei Paesi del mondo attraverso transazioni sempre più numerose, da un confine all'altro, di beni, servizi e flussi di capitale internazionale, e riguarda anche una più rapida ed ampia diffusione della tecnologia. Il grado di interdipendenza tra le aree geografiche è stato rafforzato e incrementato dallo sviluppo delle reti di comunicazione e dal processo Logistica Management >giugno/luglio 2006< 47

2 tecnologico. Come effetto di tali sviluppi è aumentata la tendenza al decentramento della produzione che ha favorito la nascita di insediamenti produttivi anche a grande distanza dalle case-madri e dai mercati di sbocco. Già da diversi anni ormai molte aziende italiane ed europee hanno delocalizzato alcune fasi del proprio processo produttivo, soprattutto verso i Paesi dell'est (Europa e Asia), che generalmente non sono dotati di un rapporto autonomo col mercato perché eseguono solo una fase del ciclo produttivo. La tendenza alla globalizzazione viene ulteriormente sottolineata dalla crescente importanza che stanno assumendo i mercati di fornitura globale (global sourcing). L'Unione Europea continua a rappresentare il mercato di fornitura preferito dalle industrie manifatturiere europee (oltre il 70% degli acquisti dei paesi UE è fatto con partner europei), pur essendo in forte crescita la quota di importazioni dai paesi dell'europa dell'est e dai paesi del Far East (fonte AT Kearney, 2004). A questo risultato, e all'accelerazione delle importazioni e delle esportazioni dei paesi di nuova industrializzazione, hanno contribuito, soprattutto in questo periodo, la crescente internazionalizzazione delle attività di produzione, l'integrazione dei mercati in ambito regionale, le politiche di liberalizzazione degli scambi commerciali, oltre che la riduzione dei costi unitari di comunicazione e di trasporto (Demattè, 2004). Le telecomunicazioni, infatti, aiutano e supportano anche le stesse attività di trasporto, nella misura in cui consentono di seguire tutti gli spostamenti che le merci subiscono nel loro percorso da una fase produttiva o da un mercato all'altro, rendendoli più sicuri e affidabili, anche su percorsi molto lunghi o in quei casi in cui si verificano numerose rotture di carico. Tale rivoluzione nel settore dei servizi ha creato grandi opportunità di sviluppo alle imprese che vi operavano e che hanno saputo coglierle con tempestività. Nei paesi più dinamici o che si trovavano in una posizione geografica particolarmente favorevole, quali ad esempio l'olanda in Europa o Hong Kong e Singapore in Asia, nel settore della movimentazione delle merci e della logistica sono nati grandi operatori multinazionali, che hanno dato vita a una rete di servizi in grado di garantire la movimentazione e lo stoccaggio delle merci su tutte le principali direttrici del traffico commerciale, offrendo un'elevata affidabilità nei servizi a un costo unitario molto ragionevole. Constatata la maggior facilità di scambio delle merci e delle informazioni su scala globale, con questo articolo si vogliono analizzare quali soluzioni le aziende possano intraprendere per sfruttare le opportunità offerte. Nonostante l'oggetto sia centrato sulle strategie di approvvigionamento su scala globale, buona parte delle argomentazioni riportate possono estendersi anche sul processo di commercializzazione sui mercati internazionali. Il termine global sourcing conferisce un'accezione ben diversa dal puro acquisto internazionale in termini di ambito e complessità. Consiste nell'integrare e coordinare proattivamente materiali e items comuni, processi, progetti, tecnologie e fornitori attraverso gli approvvigionamenti (Trent e Monczka, 2003). Tale definizione evidenzia come fattore chiave la capacità di programmare, coordinare e sincronizzare la molteplicità degli scambi e dei flussi di merci e informazioni a monte e a valle. Il trasporto e la logistica, concepiti secondo la nuova ottica, si trasformano da variabile di costo da tenere sotto controllo a leva strategica alla base del ridisegno della catena di fornitura e di vendita (Dallari F, Marchet G., 2003). Fino a pochi anni fa nel trasporto marittimo containerizzato dal Far East (Cina in particolare) all'europa vi era un forte squilibrio tra domanda (sempre più alta) e offerta. Tale squilibrio comportava la necessità di pianificare con notevole anticipo le spedizioni con forte rischio di errori di timing e quindi di disservizio 48 >giugno/luglio 2006< Logistica Management

3 alle fabbriche o ai clienti finali; per ovviare a tale problema alcune aziende, caratterizzate da un ridotto controllo della supply chain, tendevano a far arrivare la merce con forte anticipo rispetto al momento del consumo, con conseguente aumento dei costi logistici (immobilizzo in scorte e occupazione dei magazzini e dei terminal container). Oggi, pur in un contesto migliore in termini di equilibrio fra domanda e offerta, questa esigenza di sincronizzare i flussi rimane e l'attenzione delle aziende è posta proprio sulla scelta ottimale di gestione dei flussi fisici e informativi. Nel paragrafo successivo si presentano le soluzioni logistiche utilizzabili per l'approvvigionamento dai paesi extra-ue, evidenziandone le principali caratteristiche. Successivamente si analizzano le aree di impiego di tali soluzioni, considerando anche l'organizzazione del processo d'acquisto. I risultati proposti rappresentano la prima parte di una ricerca congiunta in corso presso il Dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano e il Centro di Ricerca sulla Logistica (C-LOG) dell'università Carlo Cattaneo LIUC di Castellanza, che ha coinvolto sia operatori di trasporto (Exel, gruppo Maersk, gruppo Due Torri, NYK lines, FedEx) sia aziende di produzione (Olivetti-Tecnost, ABB Sace, Fhp) e aziende di distribuzione (Upim, Mercatone Uno). SOLUZIONI LOGISTICHE PER GLI ACQUISTI DAL FAR EAST Le modalità di trasporto utilizzabili su scala intercontinentale sono principalmente la nave e l'aereo, mentre per quanto riguarda il collegamento dal fornitore al porto/aeroporto di imbarco e dal porto/aeroporto di sbarco alla destinazione finale viene usato prevalentemente l'autotrasporto e, in alcuni casi, il trasporto intermodale. L'aereo, in virtù di un costo di trasporto almeno 5 volte superiore a quello della nave [1], trova il suo impiego naturale nelle situazioni in cui è elevato il valore unitario della merce (ad esempio i vini pregiati o i prodotti di alta moda) o il suo valore implicito, in cui il vincolo di servizio impone un rapido collegamento anche a costi decisamente superiori (come ad esempio per il trasporto di hard disk o la gestione di urgenze). La nave, per le caratteristiche di basso costo del nolo e mancanza di particolari restrizioni in termini di peso o volume della spedizione, rappresenta la modalità più impiegata per i prodotti industriali in genere, nonostante i lunghi lead time (mediamente occorrono dalle 4 alle 6 settimane per il trasporto da un porto del Sud Est Asiatico a un porto italiano). Volendo concentrare l'analisi sull'approvvigionamento via nave dal Far East (o in genere extra-ue), si possono identificare tre soluzioni principali (si veda la figura 1): A) Container completo (Full Container Load, FCL). Vale a dire il container è caricato unicamente da un fornitore ed è destinato a un solo cliente. Tipicamente il costo di trasporto è a carico del destinatario, con acquisto della merce in modalità F.O.B. (Free On Board). È da notare come tale servizio sia offerto agli utenti sia dagli spedizionieri sia dagli armatori stessi. B) Container groupage (Less than Container Load, LCL). I quantitativi provenienti da più fornitori vengono consolidati in partenza presso lo spedizioniere; trasportati via container nel mercato di destinazione, dove vengono smistati verso i destinatari. I container contengono le merci caricate da più fornitori e destinate a più clienti. C) Utilizzo di un Hub di consolidamento. Le merci vengono consolidate in un magazzino localizzato in un'area baricentrica rispetto a un gruppo di fornitori e da lì spedite tramite container completo multifornitore al punto di destinazione. Contrariamente a quanto avviene per la logica LCL, in questo caso esiste un magazzino di consolidamento, in cui la merce staziona per un certo periodo. Per ciascuna delle soluzioni descritte, vi sono poi ulteriori gradi di libertà, quali ad esempio la possibilità di scegliere la capacità del container (20 piedi, 40 piedi, 40 piedi high cube) e la modalità di imballaggio (su pallet, su slip-sheet, a colli). L'alternativa B (container groupage) comporta costi di trasporto superiori all'alternativa A (modalità Full Container Load - FCL), dovuti alla maggiore movimentazione, nonché alla minore saturazione dell'unità di trasporto al di fuori della tratta principale. Per ovviare a tale criticità, nell'offerta del servizio di LCL per il mercato cinese gli spedizionieri si affidano spesso a compagnie specializzate (denominate caricatori ), che hanno il compito di consolidare le singole 50 >giugno/luglio 2006< Logistica Management

4 spedizioni in partenza dal medesimo porto di imbarco. La logica di funzionamento dell'alternativa C (HUB di consolidamento) è simile al servizio LCL. La differenza principale consiste, oltre che nella gestione dei soli flussi dell'azienda, nella possibilità di stoccare la merce per un periodo di tempo nella piattaforma di consolidamento. Tale soluzione si traduce in un miglior livello di servizio verso i mercati di destinazione, oltre alla possibilità di una migliore pianificazione delle attività. Il miglioramento della pianificazione deriva anche da una migliore garanzia della qualità dei prodotti in arrivo, in quanto il controllo della qualità può essere svolto prima della spedizione. Oggi la maggior parte delle aziende tendono a utilizzare la prima soluzione (FCL), soprattutto per la notevole semplicità operativa. Non necessariamente però tale soluzione rappresenta quella più conveniente. La convenienza fra le soluzioni dipende soprattutto dal volume in gioco e dalla frequenza di spedizione. La scelta di una bassa frequenza di approvvigionamento comporta necessariamente un aumento delle quantità trasportate, dato che l'ammontare complessivo dei fabbisogni sull'orizzonte temporale (ad esempio un anno) viene ripartito su di un numero inferiore di spedizioni. Tuttavia, così facendo aumenta la necessità di una corretta pianificazione dei volumi. Al contrario, una frequenza elevata di approvvigionamento si riflette nel maggiore frazionamento del volume importato in quantitativi più piccoli, con le conseguenze che ne derivano in termini di potenziale aumento dei costi di trasporto. La scelta della frequenza di spedizione è strettamente connessa ai volumi movimentati per tratta originedestinazione. Infatti, tanto minori saranno i flussi annui movimentati per singola tratta, tanto più un azienda che utilizza un servizio FTL tenderà a fare poche spedizioni all'anno per non incrementare i costi di trasporto. Tale soluzione però penalizza i costi di mantenimento a scorta, con il rischio di deprezzamento/obsolescenza della merce, oltre alla crescita del fabbisogno di stoccaggio nei magazzini dei paesi di destinazione (fenomeno ben noto a molti distributori operanti sul territorio italiano). A titolo esemplificativo, in figura 2 è rappresentato l'andamento del costo logistico (trasporto + pianificazione + mantenimento a scorta) al crescere del FIGURA 1 SOLUZIONI LOGISTICHE PER L'APPROVVIGIONAMENTO DAL FAR EAST 52 >giugno/luglio 2006< Logistica Management

5 FIGURA 2 ANDAMENTO DEL COSTO LOGISTICO (ESPRESSO COME PERCENTUALE SUL VALORE DELL'ACQUISTATO) AL VARIARE DEL FLUSSO ACQUISTATO DA UN GENERICO FORNITORE LOCALIZZATO NEL FAR EAST (DATI CONSIDERATI: 30 CODICI DAL VALORE MEDIO PARI A 22 /UNITÀ; TASSO ANNUO DI MANTENIMENTO A SCORTA PARI AL 20%) flusso movimentato. Come evidenziato nell'esempio proposto, il trasporto FTL ha una potenziale non convenienza quando la complessità logistica è elevata, ossia i flussi sulla tratta origine-destinazione sono bassi. Pertanto si può ritenere conveniente per un'azienda utilizzare la soluzione A (trasporto FCL) quando la complessità logistica è bassa (tabella 1), ossia i flussi sulla tratta origine-destinazione sono alti. Mentre le soluzioni B (Container groupage o LCL) e C (HUB di consolidamento) risultano potenzialmente convenienti TABELLA 1 quando la complessità logistica è elevata. La scelta fra queste ultime due alternative dipende principalmente dall'importanza strategica dell'area di approvvigionamento SOLUZIONI LOGISTICHE PER L'APPROVVIGIONAMENTO DAI PAESI DEL FAR EAST in esame per l'azienda. Tanto maggiore sarà l'importanza strategica (e quindi il numero di fornitori/stabilimenti e i volumi complessivi), tanto più avrà senso investire nella realizzazione del magazzino di consolidamento. Viceversa conviene affidarsi al network logistico degli operatori di trasporto, utilizzando un servizio LCL. Il valore del flusso sulla tratta originedestinazione (e quindi la complessità logistica) dipende non solo dal volume di produzione del fornitore (importanza del fornitore), ma anche dal valore della produzione assorbito dal punto di destinazione, a sua volta funzione della supply chain globale. Infatti, nel caso di assetto della supply chain basato sull'approvvigionamento a un deposito centrale europeo, da cui smistare la merce ai mercati nazionali, i flussi complessivi del fornitore coincidono con quelli del punto di destinazione. Nel caso invece di salto del deposito centrale, per servire direttamente i depositi nazionali, il flusso sulla tratta fornitore-destinazione risulterebbe minore della produzione complessiva del fornitore, incrementando la complessità logistica. 53 >giugno/luglio 2006< Logistica Management

6 VALUTAZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DEL PROCESSO D'ACQUISTO Per comprendere appieno i campi d'applicazione delle soluzioni logistiche identificate è importante analizzare la tipologia di interlocutori/fornitori di paesi extra-europei con cui l'azienda si relaziona e il relativo impatto sulla pianificazione della supply chain. Sono tipicamente utilizzate tre tipologie principali di intermediari: trader commerciali ; trader completi ; produttori. Nel primo caso l'azienda si relaziona tipicamente con un intermediario commerciale (chiamato anche contract manufacturer), il quale fa da tramite con i produttori locali. La relazione clientefornitore avviene senza intraprendere delle visite programmate o comunque senza sviluppare un contatto continuo nel tentativo di avere un forte controllo del processo. Spesso l'unico contatto avviene effettuare tale attività può essere costituita una Trade Unit, che permette di avere un rapporto diretto con i fabbricanti e, come il trader completo, può farsi carico di numerose attività relative alla gestione e alla misurazione delle performances del processo di approvvigionamento, fino a creare delle relazioni con il fornitore tali da permetterne la condivisione della pianificazione della produzione. Evidentemente, a differenza dei casi precedenti, vi è la possibilità di presidiare in maniera concreta gli aspetti relativi alla qualità e al controllo del know-how. Esempio sono i sourcing center del gruppo Basicnet, il Global Purchaising Asia (GPA) della Black & Decker, la World Non-Food Sourcing team (WNFS) di Tesco, la Virgilio di Trudi e Sevi. Riprendendo gli assi di classificazione delle soluzioni logistiche, le scelte di organizzazione del processo di acquisto (ossia le modalità di relazione con il fornitore) possono essere classificate in base all'importanza strategica dell'area di approvvigionamento e alla complessità della relazione con il fornitore (necessità di presidio pianificazione, controllo dei flussi, della qualità dei prodotti, etc.). Tanto maggiore è la complessità della relazione, tanto più servirà un presidio forte del processo. Tale presidio sarà di competenza di un trader completo nel caso di valutazione di una bassa importanza strategica per l'azienda (si veda la tabella 2). Viceversa l'azienda potrà investire per realizzare una trade unit, che oltre alle funzioni suddette svolgerà anche una forte funzione di sourcing. Nel caso la complessità della relazione non sia elevata in via preliminare per la contrattazione delle condizioni d'acquisto (ad esempio durante le fiere). Una relazione di questo tipo si adatta in maniera naturale a un processo poco complesso, in cui non vi è la necessità di sviluppare uno stretto controllo sulla qualità e sullo sviluppo dell'articolo approvvigionato. Nel secondo caso l'azienda si affida a un operatore completo dal punto di vista dei servizi offerti, che si fa carico completamente del presidio delle attività di fornitura, dal controllo qualità alla ricerca e valutazione dei fornitori, fino a garantire, in molti casi, anche la gestione del processo logistico e del sourcing (Lee, 2000; Nassimbeni e Sartor, 2005). In quest'ultimo caso è interessante osservare che alcuni trader completi possiedano un magazzino di consolidamento a cui il cliente si può appoggiare per l'organizzazione del processo logistico. Da ultimo, nel caso l'azienda si rivolga direttamente ai produttori aumenta la complessità in termini di controllo della relazione e pianificazione delle attività. Per TABELLA 2 SOLUZIONI PER L'ORGANIZZAZIONE DEL PROCESSO D'ACQUISTO PER APPROVVIGIONAMENTO DAI PAESI DEL FAR EAST 54 >giugno/luglio 2006< Logistica Management

7 TABELLA 3 SINTESI DELLE SOLUZIONI PER L'APPROVVIGIONAMENTO DAL FAR EAST l'azienda potrà rivolgersi a intermediari commerciali, mantenendo relazioni sporadiche. Evidentemente al crescere dell'importanza strategica di un'area (ad esempio a seguito della scelta di saltare un po' alla volta l'intermediario per aumentare il proprio margine) si potrebbe utilizzare comunque la trade unit, che avrebbe funzioni più di carattere commerciale. CONCLUSIONI Sulla base dell'analisi delle soluzioni logistiche (sintetizzate in tabella 1) e delle soluzioni per l'organizzazione del processo d'acquisto dai paesi del Far East (sintetizzate in tabella 2), è possibile definire alcuni scenari di riferimento (tabella 3): in primis è verosimile affermare che il grado di competitività dell'industria manifatturiera dipenderà, in futuro, sempre più dalla qualità dei servizi logistici e di movimentazione delle merci ad essa collegati lungo tutta la catena del valore. I sistemi territoriali in grado di offrire tali servizi a livelli di eccellenza saranno maggiormente favoriti nell'arena mondiale, potendo di conseguenza beneficiare di maggiori investimenti dall'estero, redditi più elevati e di una maggiore disponibilità di beni e servizi per i propri abitanti/consumatori; nel caso di bassa importanza strategica di un'area di approvvigionamento, se la complessità logistica non è elevata conviene utilizzare la soluzione FCL sia verso trader puramente commerciali, sia verso trader completi. Se la complessità logistica risulta rilevante, si utilizzerà il trasporto LCL per relazioni con trader commerciali, mentre, dove possibile, si potrà appoggiarsi all'hub di consolidamento del trader completo ; nel caso di forte importanza strategica dell'area d'acquisto in esame occorrerà creare una trade unit, che avrà funzione soprattutto di pianificazione e sourcing nel caso di bassa complessità del processo logistico, mentre sarà accompagnata da un hub di consolidamento quando la complessità logistica sarà elevata. È bene sottolineare che le due tipologie di complessità (logistica e di relazione) sono fra loro collegate. Infatti, se l'azienda intende perseguire una strategia degli acquisti volta a minimizzare il costo d'acquisto ricorrendo a un numero elevato di fornitori (in altre parole per ogni fornitore scelgo solo i codici più convenienti), avrà meno interesse ad avere rapporti di collaborazione con i fornitori (bassa complessità di relazione), mentre i volumi per singolo fornitore saranno non elevati (alta complessità logistica). Viceversa, in una strategia orientata a lavorare con alcuni fornitori principali aumenta la complessità della relazione, mentre si riduce la complessità logistica a seguito del peso maggiore di ogni fornitore. Il lavoro presentato ha evidenziato da una parte l'importanza di una gestione degli acquisti in ottica di supply chain management, dall'altra ha proposto alcune aree d'azione per una gestione della supply chain su scala globale. Il prosieguo della ricerca è volto a studiare con maggiore dettaglio gli aspetti di pianificazione e di coordinamento. bibliografia Campbell R.M., Hexter J., Yin K. (2005), Getting sourcing right in China, Mc Kinsey Quarterly, Giugno Camuffo A., Romano P., Vinelli A. (2002), L'evoluzione di un network per la competizione globale. Il caso Benetton, Economia & Management, n. 1 Dallari F. & Marchet G. (2003), Rinnovare la Supply Chain, ed. Il Sole 24 Ore Demattè C. (2004), La triplice leva vincente: riduzione dei costi, innovazione ed espansione internazionale, Economia & Management, n. 1 Jiang B. (2002), How international firms are coping with supply chain issues in China, Supply Chain Management: An International Journal, Vol. 7, n. 4 Magretta, (1998), Fast, global, and entrepreneurial: supply chain management, hong kong style: an interview with Victor Fung, Harvard Business Review Mattsson L.G. (2003), Reorganization of distribution in globalization of market: the dynamic context of the supply chain management, Supply Chain Management: An International Journal, Vol. 8, n. 5 Nassimbeni G., Sartor M. (2004), Approvvigionamenti in Cina. Strategie, metodi, esperienze, ed. Il Sole 24 Ore Prasad S., Sounderpandian J. (2003), Factors influencing global supply chain efficiency: implications for information systems, Supply Chain Management: An International Journal, Vol. 8, n. 3 Trent R.J. & Monczka R.M. (2003), Understanding integrated global sourcing Intenational Journal of Physical Distribution & Logistics Management, Vol. 33, n. 7 Zeng Z. (2003), Global sourcing: process and design for efficient management, Supply Chain Management: An International Journal, Vol. 8, n. 4 nota * A titolo esemplificativo si consideri che un trasporto di un container da 40 piedi in modalità f.o.b, dal porto di Hong Kong al porto di Genova, con successiva consegna in un deposito del Piemonte, costa circa 3.500, mentre per la stessa tratta il costo del trasporto aereo è di 3,5 /kg. 55 >giugno/luglio 2006< Logistica Management

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua CONTENUTO Conosciamo CONOSCIAMO IL VOSTRO SETTORE Conosciamo Nell ultimo decennio il settore dell energia solare ha registrato una crescita senza

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Il controllo della catena logistica come leva di competitività per le PMI

Il controllo della catena logistica come leva di competitività per le PMI Come esportare a casa del cliente Il controllo della catena logistica come leva di competitività per le PMI Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo Cattaneo

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

LOGISTICS NETWORK ALTERNATIVES FOR GLOBAL SOURCING

LOGISTICS NETWORK ALTERNATIVES FOR GLOBAL SOURCING Gaeta 0 settembre 008 LOGISTICS NETWORK ALTERNATIVES FOR GLOBAL SOURCING Alessandro Creazza Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo Cattaneo LIUC Centro di Ricerca sulla Logistica Agenda Il

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN GESTIONE E OTTIMIZZAZIONE DEI TRASPORTI www.mip.polimi.it/scm/trasporti OBIETTIVI Fornire un quadro d insieme delle

Dettagli

RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN

RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN Le strategie adottate dalle imprese nel gestire le fasi a monte del processo produttivo sono cambiate seguendo una traiettoria ben precisa. Le tappe

Dettagli

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico 1. Introduzione Le Scorte sono costituite in prevalenza da materie prime, da accessori/componenti, da materiali di consumo. Rappresentano

Dettagli

Il nostro concetto di business

Il nostro concetto di business Il nostro concetto di business Il concetto di business GOANDPLY ruota attorno a tre elementi principali: la volontà di mettere a disposizione delle aziende le proprie idee, creatività, knowledge ed esperienza

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO TRASPORTI E LOGISTICA Articolazione LOGISTICA Cos è la logistica Insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano i flussi di materiali e delle relative

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Capitolo sette. Investimenti diretti esteri. Investimenti diretti esteri nell economia mondiale

Capitolo sette. Investimenti diretti esteri. Investimenti diretti esteri nell economia mondiale EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sette Investimenti diretti esteri Investimenti diretti esteri nell economia mondiale 7-3 Il flusso di IDE è l ammontare di investimenti esteri realizzati in un dato

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

Logi.C.A. Consulting 1

Logi.C.A. Consulting 1 La Logistica La logistica, nell ambito del processo di gestione della supply chain : Pianifica Implementa Controlla l efficiente ed efficace flusso e immagazzinamento dei beni commerciali, l efficiente

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

Reti logistiche. Agilità globale. ecentemente, il panorama economico internazionale ha subito una serie di cambiamenti di rilievo, con evidenti

Reti logistiche. Agilità globale. ecentemente, il panorama economico internazionale ha subito una serie di cambiamenti di rilievo, con evidenti Management Creare supply chain resilienti I sistemi logistici vengono studiati e progettati per poter svolgere al meglio il loro scopo principale: mettere in comunicazione fisica luoghi di produzione e

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

La logistica nella gestione d impresa

La logistica nella gestione d impresa La logistica nella gestione d impresa Introduzione alla logistica Definizioni e obiettivi Sistema logistico e suoi sottosistemi Costi logistici Livello di servizio Evoluzione della logistica Prof. Luigi

Dettagli

Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile.

Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile. Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile. Business Logistics Salerno Moving Your Business Smyb SMYB Srl Salerno Moving Your Business è un courier specializzato nel trasporto delle merci a groupage

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Casale SA.. Utilizzata con concessione dell autore. Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Partner Nome dell azienda Casale SA Settore EPC

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

ATI SPEED AUTOMAZIONE

ATI SPEED AUTOMAZIONE DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI SPEED AUTOMAZIONE - SPEED AUTOMAZIONE Srl Milano - SALMOIRAGHI Spa Monza (MB) - SPEED R&D Srl (ex IICS Srl) Milano

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Outlook finanziario dell agricoltura europea

Outlook finanziario dell agricoltura europea Gian Luca Bagnara Outlook finanziario dell agricoltura europea I prezzi agricoli hanno colpito i titoli dei giornali negli ultimi cinque anni a causa della loro volatilità. Tuttavia, questa volatilità

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Il processo logistico ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Il processo logistico

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

XIV Convention Nazionale

XIV Convention Nazionale XIV Convention Nazionale LA LOGISTICA ITALIANA, LEVA STRATEGICA PER L ECONOMIA INTERNAZIONALE Riccardo Fuochi, Presidente The International Propeller Club Port of Milan Milano, 23 ottobre 2015 Benvenuti

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento La gestione delle scorte ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA La gestione

Dettagli

MARINE WILLIS NEL MONDO E IN ITALIA WILLIS E IL MARINE

MARINE WILLIS NEL MONDO E IN ITALIA WILLIS E IL MARINE MARINE MARINE WILLIS NEL MONDO E IN ITALIA Willis è uno dei principali Gruppi di brokeraggio assicurativo e di risk management a livello mondiale con riconosciute competenze in tutti i settori dell industria

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011 IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO Modena, 4 aprile 2011 1 PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA Strumento per la Competitività del Paese In un paese

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

CASO DI STUDIO - Gerbione Spa

CASO DI STUDIO - Gerbione Spa CASO DI STUDIO - Gerbione Spa Monica lavora per la divisione di approvvigionamento e fornitura di parti e ricambi di Gerbione Spa, una multinazionale produttrice di motori, trasmissioni e frizioni per

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006

Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006 a cura di Maria

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE Il Benchmarking sui bilanci è un fondamentale supporto alla gestione dell azienda Cerved ha appena pubblicato i dati di bilancio

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

Logistica e trasporti

Logistica e trasporti Logistica e trasporti La logistica per crescere nelle aziende e nel Paese quando la libertà diventa licenza, può tramutarsi nella peggiore delle schiavitù Antonio Turco LOGISTICA E TRASPORTI LA LOGISTICA

Dettagli

COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE

COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE Agenda Il mercato e le spinte all ottimizzazione dei costi Le leve potenziali di ottimizzazione I centri di consolidamento come leva di ottimizzazione inbound La riduzione

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Introduzione 1 IL PUNTO DI PARTENZA MICROLOGISTICA: tutto ciò che concettualmente è (o avviene o viene

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN EXECUTIVE OPEN PROGRAMS La Divisione Executive Open Programs di MIP disegna ed eroga Programmi a catalogo, ovvero percorsi

Dettagli

IL REPORTING DIREZIONALE

IL REPORTING DIREZIONALE IL REPORTING DIREZIONALE Il Reporting Direzionale è uno degli strumenti chiave necessari al management per governare l azienda e rappresenta il momento di sintesi delle rilevazioni contabili che permettono

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale Academy Lindt Academy Percorso di Formazione Manageriale EDIZIONE 2010-2011 Academy Da dove siamo partiti Dal desiderio di definire un percorso che miri a soddisfare i fabbisogni formativi di giovani con

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

ALLEGATO TRANSITO VERSO LA RUSSIA

ALLEGATO TRANSITO VERSO LA RUSSIA Transito verso la Russia Nel trasporto di ogni bene tra due nazioni sono coinvolti di norma vari soggetti, quali: venditore, trasportatore, dogana, acquirente ed assicurazione. Come dimostra l esperienza,

Dettagli

tntswisspost.com +41 800 55 55 55 2016-01-25 TNT SWISS POST AG SERVIZI Su misura per le vostre esigenze THE PEOPLE NETWORK 1/12

tntswisspost.com +41 800 55 55 55 2016-01-25 TNT SWISS POST AG SERVIZI Su misura per le vostre esigenze THE PEOPLE NETWORK 1/12 tntswisspost.com +41 800 55 55 55 2016-01-25 TNT SWISS POST AG Su misura per le vostre esigenze THE PEOPLE NETWORK 1/12 TNT SWISS POST AG AFFIDABILITÀ DEI Tra il 2014 e il 2017, in quanto a puntualità,

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

L innovazione logistica. Un industria in formazione tra territorio, ambiente e sistema economico

L innovazione logistica. Un industria in formazione tra territorio, ambiente e sistema economico Seminario I fondamenti concettuali della Logistica Economica Politecnico di Milano, Dipartimento di Architettura e Pianificazione Aula I.1.2, 29 maggio 2003 L innovazione logistica. Un industria in formazione

Dettagli

Geodis Logistics, la Divisione Logistica del Gruppo Geodis

Geodis Logistics, la Divisione Logistica del Gruppo Geodis Geodis firma un nuovo contratto triennale con LG Electronics per la gestione delle attività di logistica e tr Per il cliente LG Electronics, società leader nell'offerta di prodotti di elettronica a largo

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA

RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA In questi ultimi anni la crisi economica, in particolare europea, ha inferto colpi durissimi alle PMI. Alcune piccole e medie imprese

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity GEFRAN S.p.a. Utilizzata con concessione dell autore. GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity Partner Nome dell azienda GEFRAN S.p.a Settore Industria-Elettronica Servizi e/o

Dettagli

Collaborazione estesa delle supply chain

Collaborazione estesa delle supply chain Il progetto di ricerca FLUID-WIN nell ambito del sesto Programma Quadro Panoramica generale Integrazione dei fornitori di servizio di terze parti con l intera Trend dell economia globale La globalizzazione

Dettagli

Analisi dei costi di produzione

Analisi dei costi di produzione Analisi dei costi di produzione industriale Analisi dei costi 1 Comportamento dei costi La produzione è resa possibile dall impiego di diversi fattori. L attività di produzione consuma l utilità dei beni

Dettagli

IL DECENTRAMENTO PRODUTTIVO. Opportunità, Strategie, Modelli

IL DECENTRAMENTO PRODUTTIVO. Opportunità, Strategie, Modelli IL DECENTRAMENTO PRODUTTIVO Opportunità, Strategie, Modelli Gianfranco Dondarini 1.1 Chi sono Gianfranco Dondarini A.D. e Direttore Generale Curriculum Vitae Dal 1989 ad oggi: VIRO S.p.A. Zola Predosa

Dettagli

ready Italian Van Lines

ready Italian Van Lines ready Italian Van Lines è la nuova rete intermodale di traslocatori internazionali. Il nostro Gruppo è nato dalla fusione di diverse aziende che insieme sviluppano un fatturato annuale di circa 8 mln di

Dettagli

qualità e certificazione

qualità e certificazione Globalizzazione, standard di qualità e certificazione Maria Angela Perito INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria Campobasso, 19 maggio 2008 Complessità del problema Cambiamenti delle esigenze del

Dettagli