Come far piacere le verdure ai bambini?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come far piacere le verdure ai bambini?"

Transcript

1 Un maggior consumo di verdure passa attraverso una ricerca della diversità e della varietà del gusto: da qui nasce l importanza di incoraggiare i bambini, che sono nella fase di sviluppo delle loro preferenze alimentari, a consumare questo genere di alimenti. Come far piacere le verdure ai bambini? In un contesto di offerta di alimenti così ampio, la formazione del gusto alimentare nei bambini è divenuto un tema importante e di grande attualità. Se viene generalmente ammesso che un alimentazione varia aiuti l organismo a mantenersi in buona salute, oggi restano da determinare le condizioni ottimali favorevoli alla sua realizzazione. Ora, più che l adulto, il bambino si mostra particolarmente selettivo e reticente a consumare un certo numero di alimenti, in particolare le verdure. Ma questa tendenza naturale non ha nulla di drammatico. Dallo sviluppo del gusto all analisi del comportamento alimentare, con l ausilio di vari stratagemmi, la Fondazione Bonduelle vi offre in queste poche pagine le varie chiavi per far aprire la bocca ai bambini davanti ad un piatto di verdure! Innanzitutto, poniamoci la domanda: perché ai bambini non piacciono le verdure? Le sfere affettive ed emozionali sono particolarmente importanti nella percezione del gusto e nel suo apprendimento. Quindi, una semplice esperienza negativa (una consistenza spiacevole, un gusto amaro a cui non si è abituati) può bastare a provocare un rifiuto. L atteggiamento negativo che ne risulta può essere compensato da altri aspetti più allettanti (un occasione di degustazione, presentazione, sapore, consistenza, ecc.). Da questo punto di vista, in generale, le verdure sono piuttosto svantaggiate in rapporto ad altre categorie di alimenti. La prima ragione è che hanno un livello calorico relativamente basso e hanno dunque meno effetti fisiologici percepibili, come ad esempio il senso di sazietà, mentre il bambino ha un bisogno calorico rilevante per il suo sviluppo. Oltre a questo, la maggior parte delle verdure è poco dolce e numerosi vegetali contengono dei composti che hanno un gusto amaro o addirittura un retrogusto di zolfo. È il caso, ad esempio, degli spinaci, del finocchio, del cavolfiore o dei cavoletti di Bruxelles. Alcune persone saranno più sensibili di altre a questi composti e percepiranno quindi in questi ortaggi un gusto amaro più o meno forte. Un maggior consumo di verdure passa dunque più che altro attraverso una ricerca della diversità e della varietà del gusto: da qui nasce l importanza di incoraggiare i bambini, che sono nella fase di sviluppo delle loro preferenze alimentari, a consumarle. E piuttosto che cadere nel fatalismo, vediamo l aspetto positivo delle cose: è possibile che la finezza e la complessità del gusto delle verdure ci aiutino a variare l alimentazione dei bambini, che spesso tendono invece a desiderare ed apprezzare sempre le stesse cose.z

2 Fare cambiare durevolmente i comportamenti alimentari In teoria In utero e in lacto, abituare il bambino al gusto delle verdure Le preferenze sono il risultato del vissuto alimentare, che ha inizio nell utero, e sono in costante evoluzione per tutto il corso della vita. Le esperienze chimico-sensoriali precoci verso la fine della vita fetale e durante l allattamento materno (come l esposizione al sapore delle verdure) favoriscono il consumo di verdure quando si realizza la diversificazione alimentare. In quello stadio, il gusto si acquisisce... gustando! Alcuni studi hanno dimostrato che dei neonati di sei mesi, che erano stati allattati al seno, apprezzavano maggiormente le verdure rispetto a coloro che erano stati nutriti con latte artificiale [1-2]. La causa di questo fenomeno è da ricondurre al sapore degli alimenti consumati dalla madre, che si ritrovano nel liquido amniotico [3], e quindi nel latte materno [4]. Il gusto e l accettazione delle verdure si sviluppa, dunque, nei primi anni di vita per trasformarsi in seguito in abitudine alimentare.z Forti sensibilità gustative e olfattive possono spiegare alcune reticenze A partire dalle prime ore di vita, perfino in quella intrauterina (intorno all 8 mese di gravidanza), il dolce viene accettato, contrariamente all acido e all amaro, che vengono universalmente rifiutati. Il gusto amaro di alcuni tipi di frutta e verdura può dunque spiegare il rifiuto che la maggior parte dei bambini ha verso questi alimenti. Composti solforati che determinano una sensazione spiacevole in bocca, come il PROP (6-n-propiltiouracile) o la PTC (feniltiocarbammide), contribuiscono alla sensazione di amaro. Alcune persone sono estremamente sensibili a questa sensazione (i soggetti cosiddetti degustatori ), mentre altre li percepiscono solo a un elevata concentrazione (i soggetti cosiddetti non degustatori, circa il 30 % della popolazione europea e americana). Quindi, è dimostrato che questa sensibilità al PROP va di pari passo con una minore accettazione dei prodotti amari [5]. Malgrado ciò, numerose persone, benché sensibili geneticamente all amaro, superano questa eventuale avversione genetica grazie al piacere per la scoperta di nuovi gusti. I ricercatori dello studio Opaline (Osservatorio delle Preferenze Alimentari del Lattante e del Bambino) hanno, d altro canto, cercato di comprendere se i bambini che presentano una tipologia specifica sul piano alimentare (un bambino difficile, con numerosi rifiuti, neofobo, selettivo...) si siano rivelati particolarmente reattivi sul piano olfattivo. In altri termini, un bambino che non ama, per esempio, il cavolfiore, non è semplicemente più sensibile a uno dei composti olfattivi che contribuiscono al suo gusto? In effetti, gli odori non sono oggetto di risposte edonistiche (relative al piacere) universali. Ogni bambino possiede un profilo di sensibilità geneticamente determinato che gli è caratteristico. Le analisi sono in corso, ma i risultati preliminari lasciano pensare che l ipotesi fatta si verifichi realmente: i bambini più difficili sul piano alimentare sarebbero effettivamente i più reattivi sul piano olfattivo. Nel corso della diversificazione e dopo, ripetere le esposizioni Per comprendere la tendenza naturale del bambino a preferire le patate fritte agli spinaci, bisogna ammettere che esiste un profilo sensoriale caratteristico dei gusti del bambino. Nel suo libro La naissance du goût (La nascita del gusto) [6], Natalie Rigal, psicologa e ricercatrice specializzata negli studi sul gusto all università Paris X Nanterre, ha constatato, alla luce dei dati ottenuti in seguito all indagine, l esistenza di questo gusto infantile al di là delle distinzioni di sesso, origine sociale o geografica. Per quanto riguarda le preferenze, troviamo gli alimenti zuccherati, gli alimenti salati e semplici, certe carni e latticini; mentre, per quanto riguarda il rifiuto, si trovano le frattaglie, certi prodotti dal gusto molto forte, la maggior parte delle verdure. Crescendo, i bambini imparano a superare i loro rifiuti sensoriali: le verdure e gli alimenti dal gusto forte sono sempre più accettati. Perché? Col passare del tempo, il bambino impara a conoscere e ad apprezzare questi alimenti, grazie al processo di familiarizzazione. Così la proposta quotidiana, senza tuttavia forzare il bambino, di una verdura poco apprezzata ha effetti favorevoli in termini di gusto e di consumo e trasformerà il rifiuto in accettazione. >> p. 2 - Come far piacere le verdure ai bambini?

3 NiDerLander - Fotolia.com >> AGIRE PRIMA DEI 3 ANNI Fino a circa 18 mesi, i bambini accettano di mangiare gli alimenti che sono loro proposti. Questa facilità ad accettare un alimento nuovo può essere rinforzata con l esposizione a una maggiore varietà di alimenti. Verso i due anni, in compenso, la metà dei bambini diventa difficile e si presentano comportamenti di neofobia (la reticenza ad assaggiare prodotti sconosciuti) e di selettività (l accettazione di un numero ristretto di alimenti tra quelli noti). Questa fase di neofobia/selettività ha conseguenze sul consumo alimentare: i bambini cosiddetti difficili hanno, infatti, un regime meno variato. Tra i due e i nove anni, i bambini neofobi mangiano meno frutta e soprattutto meno verdura, in termini sia di varietà che di quantità. In generale, il registro alimentare si amplia dopo il periodo di neofobia alimentare. Tuttavia, i bambini che mangiavano in modo meno vario nella prima infanzia sono anche quelli che mangiano in modo meno vario successivamente, fino all inizio dell età adulta. Così, un alimento nuovo ha maggiori possibilità di essere apprezzato se è presentato prima del periodo di neofobia/selettività piuttosto che durante questo periodo. L accesso a una grande varietà d alimenti dovrebbe essere incoraggiato fin dalla più tenera età, eccetto che nel caso di sospette allergie alimentari. Quando il bambino raggiunge l età dei sei mesi, la sua alimentazione passa dall esclusivo allattamento all introduzione progressiva di alimenti solidi. Sophie Nicklaus, ricercatrice presso l INRA, nell ambito dell unità mista di ricerca FLAVIC (FLAveur Vision Comportement du consommateur) spiega che a quell'età la presentazione di alimenti nuovi è nella maggioranza dei casi ben accolta: È stato dimostrato che tanto più un bambino ha assaporato alimenti diversi a quell età, quanto più apprezzerà le novità in seguito. La ripetizione e la varietà degli alimenti giocano un ruolo importante fin dall inizio del processo di diversificazione nella formazione del gusto e favoriscono il consumo di alimenti nuovi e in particolare di verdure. La prima infanzia costituisce, inoltre, un periodo privilegiato di formazione delle preferenze alimentari. Sophie Nicklaus ha studiato le scelte alimentari di bambini in nidi d infanzia (all età di 2-3 anni), e li ha poi seguiti per diversi anni (fino a 22 anni di età per i più grandi). Abbiamo dimostrato, da un lato, che a 2-3 anni le verdure erano il gruppo di alimenti scelto meno frequentemente dai bambini e per il quale le scelte erano le meno variate; dall altro lato, i bambini che sceglievano la maggiore quantità di verdure a 2-3 anni erano anche quelli che ne consumavano una maggiore varietà, una volta divenuti adulti, spiega la ricercatrice. Così, nella prima infanzia, anche se le verdure sono consumate in quantità inferiore rispetto agli altri alimenti, il loro livello di apprezzamento è indice di quello che sarà il loro successivo apprezzamento. In altre parole, l apprezzamento delle verdure e la varietà consumata sono in parte acquisite già a partire dai tre anni di età. Per quanto riguarda il numero delle ripetizioni, sarebbero necessarie da otto a dieci e- sposizioni per fare accettare un alimento a un bambino di 2-3 anni [7]. Una cifra che sembra valere anche per i bambini di età inferiore [8]. D altra parte, determinate condizioni rinforzano gli effetti positivi di un esposizione ripetuta. Per esempio, un prodotto che sazia poco, come la maggior parte delle verdure, sarà più apprezzato se associato a un farinaceo. Tuttavia, una volta passato il periodo della prima infanzia, propenso alla scoperta delle verdure, e nel corso della quale i genitori sono particolarmente attenti all alimentazione dei loro figli, si osserva una diminuzione della quantità di verdure assunte se non si mantiene un elevata vigilanza sull alimentazione.z Stop al condizionamento selvaggio Fare attenzione a influire sulle scelte alimentari utilizzando le strategie di condizionamento tradizionali poiché potrebbe avere presto un effetto controproducente. In effetti, una frase del tipo Se mangi tutti gli spinaci, alla fine puoi mangiare il gelato come dolce costituisce un condizionamento selvaggio che abbassa ancor più la palatabilità (gradevolezza di gusto) degli spinaci e rinforza quella del gelato. Proprio tutto il contrario di quanto si desiderava ottenere. Se non mangi gli spinaci, non andrai al maneggio oggi pomeriggio, un ricatto che abbassa allo stesso modo l appetibilità degli spinaci. Bisogna invece proporre il cibo senza forzare, in nessuna maniera. In questo ambito, la pazienza resta la virtù migliore! Come far piacere le verdure ai bambini? - p. 3

4 Fare cambiare durevolmente i comportamenti alimentari Genitori e professori: adottate comportamenti corretti Oltre all alimentazione in senso stretto, l influenza del contesto familiare sembra essere essenziale per il bambino. Abituare il bambino ad andare a scuola con un frutto nella cartella, vedere i propri genitori che fanno un consumo regolare di frutta e verdura, conoscere le raccomandazioni in materia di salute, sono parametri strettamente correlati al consumo osservato nei bambini di undici anni [9-10]. NÉ TROPPO PERMISSIVI, NÉ TROPPO AUTORITARI I bambini, più degli adulti, sono in grado di regolare il proprio consumo alimentare in base al pasto precedente (ad esempio se hanno consumato un pranzo ricco, opteranno per una merenda leggera). Ad eccezione del caso di ricatto alimentare, è quindi essenziale, per rispettare questa naturale capacità di adattamento ai propri bisogni, non incitarli sistematicamente a finire quello che hanno nel piatto. Il bambino che ha già mangiato la metà delle verdure che ha davanti deve avere la libertà di dire basta, non ho più fame. Si tratta di preservare le sue sensazioni di fame e di replezione. Allo stesso modo, il comportamento del bambino che rifiuta di finire i suoi broccoli e reclama un dessert non deve essere considerato dal punto di vista dell inganno ma piuttosto come una forma di piacere. Bisogna tuttavia restare vigili affinché il dessert non sostituisca sistematicamente quello che il bambino gradisce un po meno. Il buon esempio dei genitori può aiutare ad aumentare il consumo di frutta e verdura Nonostante l importanza dell esempio dei genitori sul comportamento dei figli, non si può non constatare che in materia di alimentazione i genitori sono per la maggior parte lontani dall essere un buon esempio quotidiano. In Europa un alta percentuale di madri consuma meno di un frutto o di una verdura al giorno e soltanto il 27 % segue le raccomandazioni dell OMS di consumare più di 400 g di frutta e di verdura al giorno [11]. I ricercatori coinvolti nello studio Opaline hanno indagato la possibile esistenza di un legame tra il grado di selettività alimentare del bambino e le consuetudini educative familiari. Fino a questo momento pochi studi avevano tentato di comprendere se un educazione alimentare permissiva (come il rispetto dell appetito e delle preferenze del bambino al punto di preparargli il suo menu personale), intermedia (l incoraggiamento ad assumere delle quantità basate sull appetito del bambino) o autoritaria (i genitori che obbligano il bambino a finire quello che ha nel piatto senza tener conto, ad esempio, della fame o dello stato di stanchezza del bambino) potesse avere una simile influenza. I risultati dello studio indicano che il 25 % del grado di selettività alimentare del bambino dipende dalle abitudini familiari. Così, tra i cinque fattori predittivi di una più accentuata selettività del bambino, tre dipendono dalla volontà della madre di soddisfare i desideri di quest ultimo: uno stile educativo permissivo, un comportamento alimentare guidato dalle preferenze del genitore ed una strategia Limitare il tempo trascorso davanti al televisore I dati riguardanti i condizionamenti esterni sull alimentazione del bambino relativamente al piccolo schermo sono davvero sconfortanti: i bambini in sovrappeso (e ancora di più i bambini obesi) identificano la pubblicità degli alimenti meglio dei bambini magri [12]; tutti i bambini aumentano i loro consumi alimentari davanti alla televisione, gli obesi più degli altri [13-14]; ridurre il tempo passato davanti al televisore è sufficiente a diminuire il sovrappeso [15]; la televisione aumenta il consumo di bibite gassate o di alimenti salati [16] e riduce il consumo di frutta e verdura [17]. alimentare basata sulle preferenze del bambino. Gli altri due fattori predittivi della selettività del bambino, cioè l utilizzo della coercizione e dell alternativa, sono i testimoni di un comportamento dei genitori autoritario volto a obbligare il bambino ad assaggiare l alimento che rifiuta. I nostri risultati confermano esattamente gli studi precedenti che sottolineano come le strategie autoritarie e permissive siano, le une come le altre, associate alla neofobia del bambino, riassume il Dr Sandrine Monnery-Patris, ricercatrice presso l INRA, nell ambito dell unità mista di ricerca FLA- VIC (FLAveur Vision Comportement du consommateur). DARE IL BUON ESEMPIO I genitori grandi consumatori di frutta e verdura incoraggeranno i loro figli sia attraverso le loro raccomandazioni, sia attraverso il proprio comportamento. Al contrario, le madri poco sensibili a questo argomento, spesso di ceto modesto, trasmetteranno le loro cattive abitudini alimentari ai propri figli. Allo stesso modo, i bambini possono modellare il loro comportamento sull esempio di una terza persona. I maschi saranno facilmente influenzati dalla reazione entusiastica di un professore del loro stesso sesso di fronte ad un nuovo alimento, mentre quella di un loro compagno di classe avrà su di essi un impatto nettamente minore. Le bambine invece si fideranno prima di tutto del parere della loro amica del cuore piuttosto che del loro professore. z Mettere a disposizione frutta e verdura Spesso i bambini scelgono la via più semplice e bisogna approfittarne. Perché cercare ovunque un pacchetto di dolciumi per fare merenda se c'è della frutta sul tavolo della cucina? E gli studi lo confermano: oltre alle preferenze sensoriali, la disponibilità e l accessibilità della frutta e della verdura rappresentano i fattori maggiormente determinanti del loro consumo da parte dei bambini tra i sei e gli undici anni [18]. Uno studio condotto sugli adolescenti ha persino mostrato che, quando la preferenza per la frutta e la verdura era debole, i consumi di questi alimenti potevano aumentare se i prodotti erano facilmente disponibili [19]. p. 4 - Come far piacere le verdure ai bambini?

5 Monkey Business - Fotolia.com Genitori e professori: affrontate la questione dell'alimentazione nella sua globalità In tema di educazione alimentare, gli esperti concordano nel dire che è preferibile favorire un'educazione sensoriale, legata alla storia del prodotto, al modo di prepararlo e al piacere di condividerlo in modo da portare il bambino ad apprezzare il sapore delle verdure, piuttosto che fornirgli un'educazione nutrizionale costituita da consigli legati alla salute, spesso difficili da comprendere per il bambino e dunque poco efficaci. Questa conclusione parte da una constatazione: il miglioramento delle conoscenze dietetiche non è sufficiente a cambiare le preferenze, le scelte e il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini. La Fondazione Bonduelle finanzia uno studio dell'institut Pasteur di Lille su questo argomento. Lo studio Sensored cerca di valutare se un'operazione di educazione sensoriale, realizzata in classe su 500 studenti di 11 anni, generi un'evoluzione positiva delle preferenze di frutta e verdura da parte dei ragazzi oltre che un miglioramento delle scelte e un aumento del consumo di questi alimenti. I risultati di questo studio, cominciato nel settembre 2008, saranno disponibili a marzo In attesa dei risultati, è interessante notare che secondo la ricerca Crédoc CCAF (2007), i bambini dichiarano di interessarsi all'alimentazione innanzitutto per la sua importanza nutrizionale e poi per la sua dimensione di piacere [20]. Da ciò nasce la necessità di parlare di alimentazione in modo globale. BISOGNA PARLARE DI NUTRIZIONE AI BAMBINI? Per Marlène Dreyfus, psicologa clinica all'ospedale Armand Trousseau di Parigi, gli adulti devono rispettare i gusti dei bambini e devono parlare loro di nutrizione con l obiettivo di farne bambini con una testa ben fatta piuttosto che con una testa ben piena. La ragione: senza l'approvazione del bambino, cioè senza tener conto delle sue capacità, della sua affettività e del suo piacere, l'approccio educativo in materia nutrizionale rischia, nel migliore dei casi, di non raggiungere gli obiettivi e, nel peggiore, di generare dei disturbi del comportamento alimentare. Genitori, insegnanti, educatori sono dunque chiamati a non confondere l insegnamento con l educazione. I messaggi di natura educativa non devono essere insegnati come delle lezioni da imparare a memoria e da recitare ma utilizzando degli strumenti e una metodologia specifici. UNA SANA ALIMENTAZIONE NELLE SCUOLE Paesi diversi mostrano grandi differenze gli uni dagli altri, ma globalmente le cifre sottolineano che i giovani europei non consumano a sufficienza verdura. In media, la percentuale dei bambini dagli 11 ai 15 anni che consumano verdure meno di una volta al giorno si aggira intorno al %. Malta, Spagna e Italia si posizionano in fondo alla classifica con meno del 25 % di bambini che mangiano verdure quotidianamente, mentre la Francia raggiunge una percentuale dal 33 al 50 % di verdure. Per migliorare questi livelli di consumo, la Fondazione Bonduelle agisce a livello europeo sostenendo delle operazioni di educazione alimentare in ambito scolastico. In Benelux, per esempio, il professor Louis Veggie ha il compito di informare i bambini dai 3 ai 12 anni dell'importanza nutrizionale delle verdure con lo scopo di indurne un consumo maggiore [21]. Da quasi un anno un sito internet ospita il laboratorio della frutta e della verdura. Questo sito può essere utilizzato in due modi diversi: o il bambino vi naviga liberamente per ricevere spiegazioni o vedere dei video, oppure gli insegnanti utilizzano i kit pedagogici a loro disposizione nel sito, in funzione di diversi livelli di età. Questo progetto attualmente è oggetto di una collaborazione con delle scuole dei Paesi Bassi. In Italia la Fondazione Bonduelle ha costituito una partnership con Slow Food volta a sviluppare tre programmi di educazione alimentare e diffondere una cultura gastronomica di alto profilo qualitativo. Il programma Orto in Condotta è un'operazione destinata esclusivamente ai bambini dai 6 ai 14 anni. L obiettivo è di insegnare loro a mangiare sano rispettando l'ambiente. Questo progetto, in attesa di ricevere l'attribuzione del logo Guadagnare Salute rilasciato dal Ministero della Salute italiano (l'equivalente del logo PNNS in Francia), comprende delle attività da svolgere in classe, in cucina e nell'orto. Il bambino viene così guidato alla scoperta delle diverse tappe dell alimento, dal campo al piatto e in questo contesto l'orto consente di imparare e sperimentare divertendosi. Il programma include anche un percorso di formazione per gli insegnanti e delle riunioni informative con i genitori.z Come far piacere le verdure ai bambini? - p. 5

6 Fare cambiare durevolmente i comportamenti alimentari In pratica In giardino, al mercato, in cucina... fategli mettere le mani in pasta E' familiarizzando un po' alla volta con le verdure che i bambini fi niscono per apprezzarle. La familiarizzazione del bambino con i diversi alimenti può svolgersi a lungo termine, come precedentemente presentato, attraverso un'esposizione ripetuta all alimento, oppure a breve termine attraverso l'apprendimento di quello che sono gli alimenti, la loro forma, la loro provenienza ecc. ed anche attraverso la preparazione del pasto. L obiettivo è di sviluppare una qualsiasi forma di contatto tra il bambino e l'alimento prima che questo gli sia presentato nel piatto. Nel caso delle verdure crude, per esempio, esistono degli stratagemmi efficaci che la Fondazione Bonduelle ha sperimentato sui bambini e sugli adolescenti. FAMILIARIZZARE CON LA MATERIA PRIMA Sulle bancarelle dei fruttivendoli, al mercato, fate in modo che il bambino apprezzi i colori, i profumi e le forme delle varie verdure. Insegnategli a identificare la frutta e la verdura. Poi chiedetegli il suo parere: che cosa ti incuriosisce?, di cosa avresti voglia?, guarda i broccoli. Un'altra possibilità è quella di andare a cogliere con lui le verdure nell'orto. Il fatto di essere coinvolto è già un passo avanti, in quanto il bambino sente che le verdure non gli sono imposte anzi, al contrario, è lui che sa e che decide. CUCINARE CON LUI I più grandi potranno sbucciare le carote con il pelapatate e i più piccoli potranno lavare, scolare e aiutare gli adulti a mettere le verdure in pentola. Possono inoltre collaborare alla preparazione di ricette appetitose, il che permette loro di sentirsi fieri del risultato ottenuto. ADATTARE IL PIATTO AI LORO GUSTI È importante presentare al bambino le verdure fresche in quantità ridotte e a pezzettini, mescolandole a ciò che lui ama mangiare: pasta fredda, patate, frutta, ecc. È consigliabile condire questi alimenti con aromi freschi che ne addolciscano il sapore (come il basilico), dell olio extra vergine di oliva oppure con salse leggere a base di yogurt ed un pizzico di sale. Tentare inoltre associazioni verdure fresche/frutta e duro/morbido.z Rendere attraenti le verdure a tavola Il modo in cui le verdure vengono preparate ha la sua importanza. Nella sua tesi in neuroscienze e cognizione, David Morizet, dell'institut Paul Bocuse di Lione, ha esaminato la rappresentazione delle verdure da parte dei bambini dagli 8 agli 11 anni. L unione di più verdure è generalmente poco apprezzata, e per una verdura unica, la maniera in cui è cucinata conta molto, spiega il ricercatore. Per esempio, le carote grattugiate sono apprezzate dalla stragrande maggioranza mentre il purè di carote lo è meno. Un altra constatazione: i bambini sembrano preferire i piatti nei quali sono in grado di riconoscere i cibi che li compongono. VERDURE IN MILLE FORME Forti di queste indicazioni circa la percezione che i bambini hanno della verdura, è necessario trovare una soluzione per far cambiare idea ai refrattari al cavolfiore gratinato, alla zuppa di porri e ai fagioli al vapore: cambiarne l'aspetto. E in questo senso non mancano certo le opzioni. Le verdure possono essere servite: sotto forma di tortino: questi sformati a base di verdure grattugiate (zucchine, patate, carote, ecc.) unite ad altri ingredienti e cotte al forno, funzionano quasi sempre. sotto forma di torta salata o quiche: le verdure vengono facilmente accettate con il vantaggio che in questa forma costituiscono un pasto completo. sotto forma di frittata: anche in questo caso si tratta di un piatto completo nel quale si può inserire quasi ogni tipo di verdura. sotto forma di ripieno: questo piatto può essere preparato con l'aiuto dei bambini ed il ripieno può diventare una sorta di pasta da modellare. Un trucco: il ripieno di carne può essere sostituito con il tonno ma anche con dei cereali (riso, grano, semola...). sotto forma di flan o mousse: la consistenza cremosa piace ai bambini e, per limitare le materie grasse, si può utilizzare del formaggio fresco cremoso al posto della panna. sotto forma di purè: in questo caso non è la forma o la consistenza delle verdure ad attrarre i bambini quanto i colori. Quelli che normalmente sono meno graditi se associati alle verdure (spesso il verde) >> p. 6 - Come far piacere le verdure ai bambini?

7 Ilike - Fotolia.com >> diventano piacevoli quando si tratta di purè. Un trucco: per addolcire il sapore, aggiungere un po' di ricotta. VESTITE DI DOLCE NEI DESSERT Alcune verdure possono essere utilizzate anche nei dessert. Molte sono dolci o contengono fibre che danno una consistenza cremosa senza avere un gusto troppo intenso. Ad esempio: La zucca e la zucchina: in una torta conferiscono una consistenza pastosa e permettono di ridurre le materie grasse. Si abbinano molto bene con il miele e le noci. La carota e la barbabietola: dolci per natura, la loro morbidezza fa sì che le torte si sciolgano in bocca. La torta di carote può essere preparata alla noce di cocco, alle mandorle, alla semola ecc. Il finocchio: il suo aroma lievemente all'anice si abbina perfettamente al miele. La zucca e la patata dolce: per queste due verdure non ci sono limiti. Sono indicate per qualunque ricetta (torta, crostata, flan, gaufre, crumble...) QUALCHE ALTRO TRUCCHETTO Per spiluccare qualcosa in attesa dell'ora di pranzo, invece di dare un biscotto o un pezzetto di pane, si può far assaggiare ai bambini un fagiolino, dei piselli, una fettina di carota cotta. Una volta a tavola, uno stratagemma per i più piccoli: trasformate il loro menu in una storiella. Raccontate una storia inventata che narri del suo piatto di verdure. Fate vivere il suo piatto, ad esempio con personaggi da divorare; per le verdure crude, disegnate i capelli con delle scaglie di carote, gli occhi con delle rondelle di cetriolo, il naso con un pomodorino ciliegia e la bocca con una strisciolina di peperone; per il purè, dei piselli per fare gli occhi, dei fagiolini per le sopracciglia e la bocca, dei funghetti champignon per le orecchie. Attenzione però, perché alcuni bambini si identificano nel personaggio e non lo vogliono mangiare. Lasciate che si servano da soli. Impareranno progressivamente a dosare il cibo secondo i loro desideri e il loro appetito e si tratta di un segno di fiducia a cui saranno sensibili. Condite la pasta con dadini di pomodoro, dei fagiolini, delle zucchine, per proporre qualcosa di diverso dalla solita salsa di pomodoro. Di fronte ad una zuppa o a un purè, giocate a indovinare gli ingredienti. I bambini adorano gli indovinelli. E per finire, è importante valorizzare il ruolo del bambino rispetto alla sua alimentazione. Fargli i complimenti per le scelte che fa, ringraziarlo per il suo aiuto se ha partecipato alla preparazione del pasto o della tavola. In senso generale, i genitori devono dimostrarsi convinti e convincenti e possono anche mostrarsi aperti alle critiche chiedendo al bambino recalcitrante dei suggerimenti per la prossima volta. z I bambini e l educazione alimentare Oltre 1500 alunni di scuole elementari e medie italiane che partecipano a Orto in Condotta, il programma triennale di educazione ambientale e alimentare curato da Slow Food, hanno compilato dei questionari preparati dalla Fondazione Bonduelle, sostenitore ufficiale del progetto. Dai questionari emerge che solo la metà del campione, il 49 %, dichiara di consumare ortaggi e legumi più di 4 volte la settimana. Tuttavia, il 76 % dichiara di apprezzare la verdura a tavola, mentre solo il 10 % non ne gradisce il gusto. Un aspetto positivo è rappresentato dal miglioramento avvenuto nella conoscenza delle verdure: l 83 % infatti dimostra di saper identificare con sicurezza le varie tipologie di ortaggi. Infine, il 69 % trascorre da meno di 1 ora a un massimo di 2 ore al giorno davanti alla televisione e il 74 % dei bambini svolge attività fisica. Come far piacere le verdure ai bambini? - p. 7

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Egregio Collega, Qual è la migliore copertura di cioccolato al latte? Quali sono le sue potenzialità? oppure Che sapore assume quando utilizzato in

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Latte & Co. Cucinare senza lattosio. Abitudini alimentari e tendenze. Alimentazione equilibrata. Una guida per più gusto e benessere.

Latte & Co. Cucinare senza lattosio. Abitudini alimentari e tendenze. Alimentazione equilibrata. Una guida per più gusto e benessere. free.salute Alimentazione Benessere Una guida per più gusto e benessere. Latte & Co. Quando il malessere nasce a tavola. Cucinare senza lattosio. Menu leggero di 3 portate. Abitudini alimentari e tendenze.

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli