Centro di Documentazione Missionaria Francesco Saverio RASSEGNA STAMPA. c/o Missionari Saveriani tel. 0362/630591

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro di Documentazione Missionaria Francesco Saverio RASSEGNA STAMPA. c/o Missionari Saveriani tel. 0362/630591"

Transcript

1 Centro di Documentazione Missionaria Francesco Saverio Febbraio 2011 RASSEGNA STAMPA c/o Missionari Saveriani tel. 0362/ via don Milani Desio (MI) internet: Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 1

2 ARTICOLI... 3 Rivista: Cem Mondialità Febbraio Titolo: Ri-fare l'italia insieme ai "nuovi" italiani Titolo: Il bisogno di senso Titolo: Decolonizzare l'educazione Titolo: Vedere doppio Titolo: Talenti Extravaganti Titolo: Promotori del cambiamento... 5 Rivista: Missione Oggi Febbraio Titolo: L Italia non è come ce la raccontano Titolo: Kenya. La nuova Costituzione alla prova Titolo: Il Sinodo, un processo in corso. Intervista a Pius Rutechura Titolo: Brasile, le comunità di discepolato. Intervista a Domenico Borrotti... 7 Rivista: Mondo e missione Febbraio Titolo: Maghreb gioventù bruciata Titolo: La scuola nel monastero Titolo: Occhi di speranza per il Ghana Titolo: Un tuffo nella storia missionaria Titolo: L angelo degli aborigeni Titolo: Per la vita tra Lahu e Akha... 9 Rivista: Nigrizia Febbraio Titolo: Quel che sussurrano i diplomatici Titolo: Saldi di regime Titolo: Benzina sul fuoco Titolo: Magri Bilanci Titolo: Coerenza politica cercasi Titolo: Lo scoglio fondamentalista DOSSIER / INSERTI Rivista: Cem Mondialità Febbraio Titolo: Adesso! Per una cittadinanza glocale, dalle paure al coraggio civile. La politica Rivista: Missione Oggi Febbraio Titolo: Filippine. Migrazioni, Chiesa e politica Rivista: Mondo e Missione Febbraio Titolo: Nuove energie per lo sviluppo Rivista: Nigrizia Febbraio Titolo: Tra le righe migranti Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 2

3 ARTICOLI Rivista: Cem Mondialità Febbraio Titolo: Ri-fare l'italia insieme ai "nuovi" italiani Tema: Immigrazione, politica Area geografica: Europa / Italia Autori: Antonella Fucecchi, Antonio Nanni pag.: 3 Sintesi: Da un sondaggio in alcune scuole italiane emerge che sono soprattutto i giovani stranieri a provare maggior interesse per la ricorrenza del 150 dell'unità d'italia e a "voler sapere tutto del Risorgimento". L'immigrazione in Italia è un fenomeno ormai irreversibile. Oggi gli stranieri residenti nel nostro paese hanno raggiunto quota 5 milioni, appartengono a 190 etnie diverse e rappresentano il 7% della popolazione. Essi offrono un contributo notevole all'economia nazionale poichè producono l'11% del Pil italiano e costituiscono il 10% totale degli occupati. Il loro peso è destinato ad aumentare anche grazie ai matrimoni misti e ai figli che ogni anno nascono sempre più numerosi. E' necessario cogliere l'apporto di rinascita e di risorse che può venire dalle seconde generazioni per promuovere una più efficace partecipazione politica di tutti i cittadini nelle scelte della comunità. Escludendo fasce della popolazione giovanile perchè l'italia è la terra di nascita, ma non quella in cui sono nati i loro padri, il rischio è che migliaia di diciottenni nati e vissuti in Italia rimangano stranieri e, col tempo, abbiano una buona ragione in più per recriminare contro l'unico paese che conoscono e nel quale vivranno tutta la vita. 2. Titolo: Il bisogno di senso Tema: Psicologia Area geografica: Generale Autore: Lucrezia Pedrali pag.: 5-6 Sintesi: I modi e i criteri con i quali noi pensiamo il mondo ed esprimiamo giudizi etici lo dobbiamo al nostro essere culturalmente in dialogo incessante con il contesto dal quale proveniamo e con il quale interagiamo costantemente. L'idea di una mente come agente solitario è verosimilmente la proiezione della nostra ideologia occidentale individualistica. E' grazie ai significati condivisi ed elaborati collettivamente nella cultura di appartenenza che si determina la conoscenza di sè e degli altri e che si apprende a giudicare, ad attribuire valore alle situazioni e alle cose. Se il senso della nostra vita lo deriviamo dal rapporto con gli altri, è essenzialmente sul piano della comunicazione che generiamo anche i processi di sviluppo della conoscenza. Comunicare è sempre dire di sè, narrarsi. La narrazione esprime il nostro senso del mondo e lo misura con quello degli altri. Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 3

4 Rivista: Cem Mondialità Febbraio Titolo: Decolonizzare l'educazione Tema: Educazione, panorama internazionale Area geografica: America meridionale / Bolivia Autore: Alessio Surian pag.: 33 Sintesi: A fine 2010 è stata promulgata in Bolivia una nuova legge sull'educazione. La confederazione sindacale Centrale Operaia Boliviana ha definito la legge un evento storico sia per il modo partecipativo in cui è stata elaborata, sia per i suoi contenuti. Vi è stato il concorso non solo degli insegnanti, ma anche dell'insieme dei diversi settori sociali, economici e politici che si rivolgono all'educazione. La legge riprende uno dei temi più cari al presidente Evo Morales: la difesa della madre tierra e la promozione di misure adeguate e sostenibili rispetto al cambiamento climatico. 4. Titolo: Vedere doppio Tema: Mass-media Area geografica: America settentrionale / Stati Uniti Autore: Roberto Alessandrini pag.: 39 Sintesi: L'attacco terroristico dell' 11 settembre 2001 alle torri gemelle è stato l'avvenimento più fotografato nella storia del giornalismo, ma anche quello meno diversificato dal punto di vista del trattamento mediatico. Le prime pagine dei giornali americani di quei giorni privilegiarono solo sei soggetti: l'esplosione, la nuvola di fumo, lo schianto dell'aereo, la rovina, il panico, i tre pompieri che innalzano sulle macerie la bandiera a stelle e striscie. Parallelamente, i canali televisivi americani trasmisero in continuazione le stesse immagini. Molti giornali riportarono in prima pagina la fotografia della nuvola di fumo e nei titoli la parola Infamy, con esplicito rinvio all'attacco su Pearl Harbour del 7 dicembre 1941, quando di Usa vennero attaccati all'improvviso dalle forze aeree giapponesi, e al memorabile discorso radiofonico di Roosevelt. Anche la foto dei tre pompieri che issano la bandiera a stelle e striscie sulle macerie delle torri ha rievocato una delle più celebri icone della seconda guerra mondiale, l'immagine dei sei marines che il 23 febbraio 1945 sollevano la bandiera Usa a Iwo Jima, punto strategico nell'avanzata Usa verso il Giappone. Quella foto, insignita del premio Pulitzer, è apparsa su milioni di poster, francobolli, distintivi, porta-chiavi, ha ispirato libri, canzoni, balletti e film. Anche l'immagine dei pompieri che issano la bandiera americana sulle rovine delle torri crollate è diventata un'icona nazionale, riprodotta in francobolli e gadget commemorativi. Convocando la storia secondo un processo di comparazione che traduce gli attentati terroristici in atti di guerra, le foto di quei giorni hanno contribuito a preparare l'opinione pubblica e il Congresso ad accettare l'agenda militare dell'amministrazione Bush e quindi l'invasione dell'afghanistan e dell'iraq. Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 4

5 Rivista: Cem Mondialità Febbraio Titolo: Talenti Extravaganti Tema: Intercultura Area geografica: Europa / Italia Autore: Candelaria Romero pag.: 42 Sintesi: Il progetto Talenti Extravaganti, promosso dalla Provincia di Milano e realizzato dal Centro COME, si propone di rintracciare nelle comunità immigrate presenti nel territorio provinciale le espressioni culturali e artistiche manifestatesi in questi anni e diffuse a seguito dell'incontro interculturale. L'idea di fondo è che si è cittadini attivi e integrati non solo quando si accede ai diritti essenziali, ma anche quando si partecipa attivamente alla produzione di cultura e di senso. L'intento è quello di raccogliere e dare visibilità e diffusione a saperi, espressioni, voci, linguaggi di singoli e di gruppi, che talvolta in modo silenzioso e poco visibile si esprimono negli spazi intracomunitari o negli spazi comuni di incontro. La mappa, visibile sul web e disponibile su cd rom, si articola in sezioni diverse, che corrispondono ad altrettanti linguaggi e campi espressivi, anche se le contaminazioni e gli sconfinamenti sono numerosi: scrittura e narrazione, in italiano e in lingua d'origine; teatro e animazione interculturale; musica; danza; espressione grafica, pittorica e della scultura; fotografia; cinema. Per info: 6. Titolo: Promotori del cambiamento Tema: Finanza etica, commercio equo Area geografica: Generale Autore: Eugenio Scardaccione pag.: 45 Sintesi: Il limite di chi è impegnato nella finanza etica è quello di parlare solo agli addetti ai lavori, quello di chi opera come volontario in una bottega del commercio equo e solidale è di avvicinare solo i già sensibilizzati sul tema. Per riuscire ad avvicinare la gente, sempre più distratta e intenta a rincorrere un modello economico di cui non riesce neanche a comprendere la ragione, occorrerebbe fare qualcosa di più. Ad esempio: una banca che si apre al territorio e che s'inventa un evento culturale al suo interno; una bottega che propone la vendita di prodotti biologi e che si organizza come un piccolo supermercato, mostrando al suo interno grandi scritte che richiamano il valore della pace come impegno quotidiano o quello della Banca Etica come una scelta di coerenza, e ancora, una bacheca informativa sui temi dell'economia civile. Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 5

6 Rivista: Missione Oggi Febbraio Titolo: L Italia non è come ce la raccontano Tema: Povertà Area geografica: Europa / Italia Autore: Marco Revelli pag.: 7-9 Sintesi: A fronte di una ristretta Italia privilegiata, che denuncia al fisco un imponibile superiore ai euro annui e che compare nel gossip e sugli schermi televisivi, l ultima rilevazione Istat, risalente al 2009, fissa a circa 8 milioni (il 13% della popolazione) gli italiani in condizioni di povertà relativa ; ad essi si aggiungono i vulnerabili (30% della popolazione), cioè coloro che non sarebbero in grado di far fronte in un anno ad una spesa imprevista di euro. Un minore su tre è povero, un giovane su tre è disoccupato. Cresce in modo preoccupante, infine, sia la disoccupazione del ceto medio (quadri tecnici, settori impiegatizi, lavoratori autonomi, addetti alle nuove tecnologie) sia la schiera dei nuovi poveri - la zona grigia, stando alla definizione adottata dalla Caritas Ambrosiana -, vittime non solo della disoccupazione, ma anche degli indebitamenti causati dalla compulsione all acquisto, fino a poco tempo fa abituati ad un livello di vita agiato. 2. Titolo: Kenya. La nuova Costituzione alla prova Tema: Politica internazionale Area geografica: Africa / Kenya Autore: Oluoch Japheth Ogola pag.: Sintesi: Nel 1978, alla morte di Jomo Kenyatta, con il quale nel 1963 il Kenya aveva ottenuto l indipendenza dal Regno Unito, cominciano a dilagare nel Paese corruzione, crisi economica, repressione del dissenso, attentati da parte di fondamentalisti islamici. Una svolta si attende ora dalla nuova Costituzione, approvata da oltre sei milioni di kenyoti nel referendum del 4 agosto 2010 (con il 67,2% di sì ) e promulgata il 27 agosto. In base ad essa il presidente, eletto dal popolo con la maggioranza assoluta, è sia capo dello Stato che dell esecutivo, essendo stata abolita la carica di primo ministro; i suoi poteri sono bilanciati dal Parlamento - composto dall Assemblea Nazionale e dal Senato -, che approva le nomine effettuate dal presidente e può destituirlo. La Costituzione introduce anche una riforma fondiaria, volta a limitare l estensione massima della proprietà terriera privata e ad abolire la proprietà perpetua per gli stranieri. 3. Titolo: Il Sinodo, un processo in corso. Intervista a Pius Rutechura Tema: Chiesa Area geografica: Africa Autore: Franco Ferrari (cur.) pag.: Sintesi: Per rendere attuative le indicazioni emerse dal secondo Sinodo dei Vescovi africani - evidenzia Pius Rutechura, presbitero di una diocesi della Tanzania e segretario generale dell Associazione delle Conferenze Episcopali in Africa Orientale -, si considera quale obiettivo prioritario la costituzione, laddove ancora non esistano, delle Commissioni Giustizia e Pace e delle Caritas, che dovranno approntare un piano congiunto per la costruzione della pace; inoltre si raccomanda al Simposio delle Conferenze Episcopali di Africa e Madagascar (Sceam) di creare un gruppo di lavoro per studiare le proposizioni del Sinodo riguardanti in modo specifico le donne. Il Sinodo si è occupato anche della cosiddetta Religione Tradizionale Africana e delle sette; mentre la prima non pone problemi rilevanti, ma richiede soprattutto il proseguimento del dialogo da parte della Chiesa cattolica, tra le sette ve ne sono alcune che utilizzano la religione per tenere la gente in uno stato di dipendenza e di paura, ed è con queste che il confronto è più difficile. Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 6

7 Rivista: Missione Oggi Febbraio Titolo: Brasile, le comunità di discepolato. Intervista a Domenico Borrotti Tema: Chiesa Area geografica: America meridionale / Brasile Autore: Mauro Castagnaro (cur.) pag.: Sintesi: Da trent anni in Brasile, Padre Domenico Borrotti, superiore regionale dei Saveriani del Brasile Sud, ha sempre operato per formare nuove parrocchie e per motivare i cattolici ad impegnarsi nella nuova evangelizzazione. Circa 15 anni fa migliaia di volontari furono mobilitati nell ambito delle missioni popolari per visitare cattolici poco o per nulla praticanti; da due anni, invece, si utilizza il metodo del Sine (Sistema integrale di nuova evangelizzazione), sperimentato per la prima volta in Messico, con cui si cerca di far vivere ai parrocchiani un momento forte un incontro vivo con Cristo, attraverso la comunicazione di esperienze significative da parte di annunciatori preparati, in genere laici (i preti, oltre a celebrare i Sacramenti, sono piuttosto coordinatori a livello parrocchiale), con gruppi di una quarantina di persone. Quando la fede si ravviva, è inoltre preferibile accompagnare i nuovi praticanti con momenti di discepolato all interno di comunità, che si riuniscono mensilmente per condividere esperienze di solidarietà sociale. Così tutti diventano gradualmente missionari, conclude Padre Domenico, e, dopo un anno e mezzo, ogni nuovo membro può impegnarsi in un attività di nuova evangelizzazione verso coloro che sono distanti dalla Chiesa. Rivista: Mondo e missione Febbraio Titolo: Maghreb gioventù bruciata Tema: Giovani Area geografica: Africa Autore: Anna Pozzi pag.: 6-8 Sintesi: Una situazione di povertà, miseria, frustrazione riguarda gran parte della popolazioni dei Paesi del Nord Africa. In questa regione, negli ultimi anni, è aumentato in maniera esponenziale il tasso dei suicidi. Il suicidio non è più un fenomeno individuale, ma rappresenta ormai un fatto sociale. Così come l uso sempre più diffuso di sostanze stupefacenti e alcolici, rifugi effimeri o vie di fuga, luoghi di trasgressione o di autodistruzione. Queste situazioni riguardano soprattutto i giovani che covano rabbia dentro di loro anche per la drammatica mancanza di lavoro e quando non ne possono più si rivoltano talvolta contro la società divenendo violenti. Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 7

8 Rivista: Mondo e missione Febbraio Titolo: La scuola nel monastero Tema: Istruzione Area geografica: Medio Oriente / Libano Autore: Chiara Zappa pag.: Sintesi: Padre Naji Abi Saloum è monaco dell Ordine libanese maronita. Nel 2007 si oppose all intenzione del suo superiore di chiudere la storica scuola nel monastero di Mayfouk, in una zona montuosa da diversi anni in via di spopolamento. Rilanciò con una proposta coraggiosa: creare una scuola gratuita per chi non poteva permettersi di pagare la retta, aperta a tutti i ragazzi provenienti da qualunque classe sociale e di ogni religione. Inoltre voleva aprire le porte del monastero per ospitare allievi orfani o con contesti familiari problematici. In poco più di tre anni gli allievi sono triplicati, possono ottenere un istruzione qualificata senza abbandonare i propri villaggi, inoltre l aumento degli allievi ha creato anche nuovi posti di lavoro per insegnanti, bidelli, autisti di scuolabus. 3. Titolo: Occhi di speranza per il Ghana Tema: Sanità Area geografica: Africa / Ghana Autore: Serena Sartini pag.: Sintesi: Ad Asafo, villaggio di circa tremila abitanti nella regione occidentale del Ghana al confine con la Costa d Avorio sorge l Ospedale San Giovanni di Dio, gestito dai Fatebenefratelli. Accanto alla struttura principale c è un centro nuovissimo costruito negli ultimi anni grazie all aiuto di numerosi benefattori. Il centro è pensato per allestire centri specializzati, principalmente di oculistica. Questo centro rappresenta una fonte di speranza per decine e decine di persone che ha causa della cateratta non possono vedere. Questa causa di cecità costituisce un emergenza non solo sanitaria ma anche sociale. 4. Titolo: Un tuffo nella storia missionaria Tema: Missione Area geografica: Europa / Italia Autore: Laura Badaracchi pag.: Sintesi: Il 9 dicembre scorso, a Roma, è stato inaugurato nelle sale del Museo missionario di Propaganda Fide uno spazio espositivo con migliaia di fotografie che ritraggono momenti del vissuto in terra di missione a cavallo tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo. Un percorso interattivo su tre piani del museo ha l obiettivo di recuperare un bagaglio culturale e storico di grande rilevanza documentaria, capace di testimoniare lo spirito di missione che ha sospinto tanti sacerdoti a diffondere i valori cristiani nei più reconditi angoli della terra. Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 8

9 Rivista: Mondo e missione Febbraio Titolo: L angelo degli aborigeni Tema: Testimoni Area geografica: Oceania / Australia Autore: Stefano Girola pag.: Sintesi: Don Angelo Confalonieri fu nel diciannovesimo secolo un pioniere della presenza missionaria tra gli aborigeni dell Australia. Dopo essere entrato in contatto con gli indigeni, allora descritti dall opinione pubblica coloniale come selvaggi e cannibali, Confalonieri fece una scelta del tutto eccezionale fra i missionari di allora decidendo di seguire il più possibile gli aborigeni nei loro spostamenti, adottando il loro semi-nomadismo. In pochissimo tempo riuscì ad apprendere il linguaggio degli aborigeni e a tradurre in questo idioma alcune preghiere e letture del Nuovo Testamento. Purtroppo la sua attività missionaria durò solo due anni perché fu vittima di una febbre malarica che lo portò alla morte prematura. 6. Titolo: Per la vita tra Lahu e Akha Tema: Diritto alla vita Area geografica: Asia / Thailandia Autore: Giorgio Bernardelli pag.: Sintesi: Nella missione del Pime di Fang, nel Nord della Thailandia sui monti al confine con il Myanmar è attivo dal 2005 il progetto di Aiuto alla vita che nasce. Lo scopo è evidentemente quello di offrire sostegno alle famiglie con neonati presenti nella cinquantina di villaggi che la missione segue. Non è facile la vita per le popolazioni delle tribù dei monti: lasciate ai margini della società thailandese perché portatrici di lingue e culture proprie, vivono in condizioni estremamente povere. Rivista: Nigrizia Febbraio Titolo: Quel che sussurrano i diplomatici Tema: Politica internazionale Area Geografica: Africa / Generale Autore: François Misser pag.: Sintesi: Le rivelazioni di WikiLeaks hanno portato allo scoperto le informazioni diplomatiche americane che dovevano rimanere sottotraccia. Informazioni che interessano anche l Africa e i paesi interlocutori degli Usa. Sono stati analizzati i comportamenti dei capi di stato e sono state evidenziate le loro debolezze vere o presunte. Un tema ricorrente delle informazioni riguarda la corruzione presente in tanti paesi africani in cui le risorse per lo sviluppo vengono dirottate per affari riservati. L espansione della Cina, considerata un concorrente economico aggressivo e pericoloso, in Africa è un altro elemento di preoccupazione. Gli Stati Uniti sono preoccupati anche per le decisioni del Tribunale speciale per la Sierra Leone perché temono che possa rimettere in libertà l ex presidente della Liberia, Charles Taylor, per ragioni economiche. Altro motivo di preoccupazione la penetrazione dei cartelli della droga, sud-americani o asiatici che si avvalgono di diverse reti per trasportarla. Molte informazioni riguardano il cattivo coordinamento dei paesi africani nella lotta contro AL-Qaida; molte altre riguardano il petrolio, al centro degli interessi Usa, soprattutto quello nigeriano. Va ricordato però che queste informazioni non si riferiscono a fatti necessariamente dimostrabili, ma sono discorsi o analisi fatti da diplomatici Usa. Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 9

10 Rivista: Nigrizia Febbraio Titolo: Saldi di regime Tema: Democrazia Area Geografica: Africa / Tunisia Autore: Carlo Stella pag.: Sintesi: In Tunisia è crollato l impero di Ben Alì che nei suoi 23 anni di potere aveva messo sotto controllo ogni forma di comunicazione che potesse danneggiare il regime. Negli ultimi anni erano stati soprattutto i giovani blogger a farne le spese ma alla fine sono loro che hanno vinto impedendo che la contestazione restasse come le altre volte isolata e facile da soffocare. La protesta iniziata con un gesto disperato, non si è fermata. Partita dai giovani che chiedevano in primo luogo lavoro ha poi coinvolto altre categorie sociali. La reazione della polizia è stata brutale, con l impiego di armi da fuoco e le aperture di Ben Alì sono giunte troppo tardi. La ribellione, spontanea e non organizzata, è dilagata e il dittatore è fuggito in Arabia Saudita. La transizione non sarà facile perché i manifestanti vogliono la completa rottura con il passato. La rivoluzione dei gelsomini rischia di naufragare sotto spinte divergenti perché durante la dittatura i partiti politici d opposizione non hanno avuto modo di entrare in contatto con la società. Ci si interroga sul possibile irrompere sulla scena dei fondamentalisti; il rischio esiste ma solo una transizione che perpetui corruzione e ingiustizia offrirebbe all Islam radicale le condizioni per un ritorno di massa. Il terrorismo è stato il grande alibi del dittatore e molti paesi europei, tra cui l Italia, hanno sostenuto il regime come fattore di stabilità. I giovani sono i veri protagonisti, giovani con alte aspettative che non si sono arresi e hanno rifiutato di farsi fagocitare dal sistema di corruttela e ingiustizia. 3. Titolo: Benzina sul fuoco Tema: Terrorismo Area Geografica: Africa / Nigeria Autore: Elizabeth Donnelly pag.: Sintesi: La Nigeria, nazione ricca e popolosa, è spesso teatro di violenze e attentati. Negli ultimi tempi addirittura è stata la capitale ad essere scossa da due attentati terroristici. I denominatori comuni all aggressività di questo periodo sono da ricercarsi nella competizione elettorale che scatena la sete di potere e la sfrenata bramosia delle risorse. Intanto l organizzazione terroristica del Mend sta cambiando pelle e non si sa ancora se continuerà ad essere il principale gruppo armato o se sorgerà un altra formazione come forza trainante. La politica nel paese africano è sempre stata contrassegnata da contrapposizioni e violenze per le alte poste in palio. Le violenze sono esasperate da torti, rancori e lagnanze, molto presenti tra le popolazioni e riconducibili all industria petrolifera. Gli stati del Delta sono tra i più ricchi della federazione e numerosi i candidati che pur di accaparrarseli sono disposti a tutto e finanziano bande di squadracce. La violenza è comunque presente in tutto il paese e dimostra ancora una volta come la Nigeria sia vulnerabile agli attentati. Una bella sfida per il presidente che dovrà affrontare il problema nel voto di Aprile. Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 10

11 Rivista: Nigrizia Febbraio Titolo: Magri Bilanci Tema: Cooperazione internazionale Area Geografica: Europa / Africa Autore: Stefano Squarcina pag.: Sintesi: Il summit che si è tenuto a Tripoli per analizzare i risultati dei dieci anni di relazioni Europa - Africa ha mostrato la pochezza dei risultati raggiunti dagli accordi tra i due continenti. L accento posto su investimenti, crescita e occupazione ha reso ancora più evidenti i magri risultati finanziari. Cresce il disinteresse politico e la riduzione costante di fondi pubblici alla cooperazione nonostante l Africa si orienti strategicamente verso l Europa. Il potenziale politico ed economico delle relazioni euro-africane è enorme, ma i problemi restano sul tavolo. Il primo problema è la prospettiva strategica che l Europa ritiene vincente per l Africa: l inserimento nel mercato mondiale nel rispetto delle regole dell organizzazione mondiale del commercio. Strategia che finora non ha dato ai paesi africani garanzie sufficienti. Il secondo problema riguarda la concezione dei diritti umani troppo diversa tra le due parti. Per superare questo scoglio si sta lavorando a una strategia comune di difesa dei diritti umani. Per ora non sembra ci siano le condizioni perché la partnership euro-africana possa evolversi. La realtà dimostra che i rapporti economici sono ancora regolati secondo la vecchia impronta coloniale e l Ue dovrebbe proporre nuove regole e costruire le sue relazioni con l Africa su rinnovate basi di equità e solidarietà. 5. Titolo: Coerenza politica cercasi Tema: Cooperazione Area geografica: Italia / Generale Autore: Francesco Petrelli pag.: Sintesi: Il dossier di Nigrizia sulla cooperazione costituisce un punto di partenza per incentrare un dibattito sul tema. La crisi globale costituisce una opportunità di analisi e di riflessione per tutte le organizzazioni e per tutti coloro che sono chiamati, per il ruolo che ricoprono, ad affrontare questo non facile passaggio. Per una nuova stagione della cooperazione si deve considerare la povertà come privazione di potere, spossessamento della capacità di autodeterminare la propria vita. Il tema della povertà è inscindibile dal tema dell esclusione sociale e l elemento decisivo per superare le disuguaglianze appare il riappropriarsi del potere cioè il processo che consente di uscire dalla povertà e di riprendere in mano il proprio destino. Vuol dire promuovere una cittadinanza attiva che abbia voce e diritti e la costruzione di uno stato efficiente, agente di crescita inclusiva. Nonostante le contraddizioni del nostro stato la cooperazione italiana decentrata ha continuato in questi anni a costituire una buona pratica. La relazione tra autorità locali, comunità e territori si basa sulla partecipazione e amplia il numero dei soggetti coinvolti. Viene posta al centro la partnership e cambia il modo di concepire lo sviluppo che recupera una visione integrale del territorio in cui la povertà e l esclusione sociale cessano di essere indicazioni formali dettate dall esterno. Ma senza una azione politica coerente che produca nuove regole sul commercio, senza la cancellazione del debito o la definizione di politiche sostenibili concordate sui flussi migratori, nessuna dichiarazione internazionale ridarà credibilità e convinzione ai paesi donatori e alle stesse ong. Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 11

12 Rivista: Nigrizia Febbraio Titolo: Lo scoglio fondamentalista Tema: Dialogo interreligioso Area geografica: Medio Oriente / Generale Autore: a cura di Franco Moretti pag.: Sintesi: In Medio Oriente in questi ultimi tempi i cristiani sembrano essere sotto tiro tanto che si parla apertamente di persecuzione. Padre Scattolin ha analizzato da più punti di vista il fenomeno. Il Medio Oriente ha conosciuto una storia recente fatta di violenza e di guerra e la questione palestinese rimane sempre sullo sfondo come un punto di crisi. Gruppi estremisti sono cresciuti mentre le politiche occidentali hanno reso più drammatici i problemi; minoranze cristiane o altre possono essere prese come punti deboli per aprire una crisi in questo o quel paese. Il pericolo del fondamentalismo è l unione tra religione e politica, che porta a tensioni, abusi e violenze. I copti hanno alle spalle una lunga storia di discriminazione che ha creato in loro un senso di assedio e quindi di autodifesa. Ma permane il ricordo di una convivenza, con le comunità islamiche, fondamentalmente pacifica. La soluzione sta nell iniziare un profondo cambiamento culturale in grado di portare uno stato di diritto per tutti e la formazione di un pensiero critico con il sostegno incondizionato ai diritti umani fondamentali. Bisogna però ricordare che il pensiero moderno che significa ricerca scientifica, libera e razionale e centralità della persona in Europa è maturato nell epoca moderna illuminista e che la chiesa ebbe difficoltà ad accettarlo. Un dialogo serio fra le parti in causa costituisce il mezzo migliore per superare i problemi di questi paesi. Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 12

13 DOSSIER / INSERTI Rivista: Cem Mondialità Febbraio 2011 Titolo: Adesso! Per una cittadinanza glocale, dalle paure al coraggio civile. La politica. Tema: Politica Area geografica: Generale Autore: Autori vari pag.: Sintesi: La partecipazione alla vita politica è diretta conseguenza della presa di coscienza dei rapporti interumani che legano vitalmente ogni individuo alla società e che rendono perciò illusorio ogni atteggiamento di individualismo autosufficiente. La partecipazione dei cittadini alla politica ha da sempre rappresentato la chiave di volta di ogni istituzione realmente democratica, in cui ogni cittadino è idealmente "proprietario" dello Stato, pur esercitando i propri diritti tramite delega. Ai nostri giorni la politica appare spogliata della sua dimensione progettuale ma volta unicamente ad occupare posizioni di potere per fare incetta di benefit, di ricchezze, di risorse materiali ed immateriali da utilizzare a proprio esclusivo uso e consumo. Questo non può che provocare insoddisfazione e sfiducia generalizzate, che aumentano con i sempre più diffusi fenomeni di inefficienza e corruzione. L'insoddisfazione e la sfiducia contribuiscono, a loro volta, ad una generalizzata disaffezione dei cittadini verso la cosa pubblica. Peraltro tutto ciò non ha fatto venire meno la voglia di partecipare. Venuto a mancare il carattere "ideologico" dell'appartenenza politica, assistiamo a una sorta di slittamento dal "politico" verso il sociale, dove le attività sono ispirate da motivazioni differenti. Il termine "politica" sfuma sempre più in "partecipazione attiva", che non può essere distinta dalla necessità del prendersi cura di sè, degli altri più vicini, del mondo. La politica; Marialuisa Damini; pag.: 17-20, 22, 27, Profeti di glocalità. Zeno Saltini; Stefano Curci; pag : 21 L'ora delle religioni. Religioni a scuola. Una prospettiva laica e plurale; Giuseppe Tacconi; pag.: Luoghi - Non esiste un abitare senza luoghi; Davide Bazzini; pag.: Cinema - a cura di Lino Ferracin; Milk, regia di Gus Van Sant; pag.: Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 13

14 Rivista: Missione Oggi Febbraio 2011 Titolo: Filippine. Migrazioni, Chiesa e politica Tema: Panorama internazionale Area geografica: Asia / Filippine Autore: AA.VV. pag.: Sintesi: Dopo la prima rivoluzione nonviolenta dell Asia, che portò nel 1986 alla caduta del regime dittatoriale di Ferdinand Marcos, la storia recente delle Filippine è stata un susseguirsi di speranze e delusioni in un tormentato cammino verso la democrazia, la ripresa economica, la lotta contro la corruzione, il contenimento della guerriglia islamica e comunista. Con una Chiesa cattolica sempre attiva nel campo dei diritti umani, dal giugno 2010 le aspettative si concentrano sul nuovo presidente, Beniño Aquino, impegnato in un programma di riforme e di moralizzazione della vita pubblica. Nonostante i passi avanti non manchino, i posti di lavoro sono insufficienti rispetto alla crescita della popolazione, Manila è oberata dalle baraccopoli e i filippini restano un popolo di migranti. A ciò si aggiunga il disinteresse dei giovani, bombardati dai media, per la scuola e per la religione, atteggiamento diffuso che pone alla Chiesa importanti sfide nel creare ambienti comunitari in cui le persone imparino ad incontrarsi e ad incontrare Dio. Filippine, dalla dittatura alla democrazia, di Stefano Vecchia, pag.: La svolta c è stata, i cambiamenti non ancora. Intervista a Benjamin T. Tolosa jr., a cura di Federico Tagliaferri, pag.: Filippine, un popolo di migranti. Intervista a Graziano Battistella, a cura di Mario Menin, pag.: Filippine, quattro ap-punti di un missionario, di Giacomo Rigali, pag.: Impressioni di un diplomatico. Intervista all ambasciatore italiano nelle Filippine, a cura di Federico Tagliaferri, pag.: 32 Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 14

15 Rivista: Mondo e Missione Febbraio 2011 Titolo: Nuove energie per lo sviluppo Argomento: Sviluppo Area geografica: Generale Autore: a cura della redazione pag.: Sintesi: Il dossier affronta temi quali la corsa al nucleare o le energie rinnovabili. Offrendo anche qualche esempio controcorrente di iniziative in cui, anziché sulle grandi centrali, si punta su piccole infrastrutture che cambiano la qualità della vita in territori rimasti ai margini del mappamondo energetico. Anche nel campo dell energia è dalla disponibilità ad un esame di coscienza sui consumi che dipende la possibilità di una maggiore equità nel mondo d oggi. Le centrali? Eque e solidali, di Giorgio Bernardelli, pag.: : un terzo di energia in più, di Alessandro Armato, pag.: 39 Tentazione nucleare, di Anna Pozzi, pag.: Biocarburanti: da speranza a incubo, di Alessandro Armato, pag.: La tecnologia micro che cambia la vita, di Chiara Zappa, pag.: Il ritorno delle grandi dighe, di Chiara Zappa, pag.: 50 Rivista: Nigrizia Febbraio Titolo: Tra le righe migranti Tema: Cultura Area Geografica: Italia / Generale Autore: AA.VV. pag.: Sintesi: Le chiamano scritture migranti e non ci sono definizioni più incisive perché è impossibile costringere dentro una formula ciò che la migrazione produce quando i migranti entrano nel nostro mondo e dimorano con la parola scritta nella nostra lingua. Scritture che appartengono alla lingua in cui vengono scritte ma in cui affiorano le culture di origine. Lo scrittore migrante ci offre un esperienza immediata, vissuta e profonda di che cosa sia la globalità in cui viviamo: è la contestazione vivente e creativa di ogni punto di vista che cerchi di dominare il mondo. Per questo motivo le scritture migranti non sono una corrente letteraria ma una esperienza che diventa significativa per i movimenti di persone, lingue e culture e narra per reinventare il mondo. E il coro della molteplicità delle esperienze. In questo orizzonte molte le popolazioni largamente presenti nelle scritture migranti mentre altre popolazioni sono ancora pressoché assenti nel panorama delle scritture migranti, certo per ragioni di più difficile mediazione linguistico - culturale. Molto presente l universo femminile che narra per dialogare. Una vita interculturale che, nonostante tutto, è già qui presente tra noi, densa e vivace. Narro quindi dialogo; pag.: Quella distanza che avvicina; pag.: Non ancora italiani più che italiani; pag.: Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 15

16 Rassegna stampa - Febbraio 2011 pag. 16

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme.

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I numeri della Provincia di Madrid, cioè della Spagna. I Redentoristi in Spagna (che storicamente formano la Provincia

Dettagli

La scommessa della pastorale missionaria oggi

La scommessa della pastorale missionaria oggi Commissione Missionaria Regionale Lombardia La scommessa della pastorale missionaria oggi Orientamenti per una pastorale missionaria delle Chiese di Lombardia Desideriamo che l attività missionaria della

Dettagli

PROGETTO FINESTRE FOCUS

PROGETTO FINESTRE FOCUS Obiettivo Fornire, alle classi che hanno già realizzato negli anni precedenti il progetto Finestre, la possibilità di approfondire il tema del diritto d asilo attraverso specifici percorsi. La musica,

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011 PEI Pagina 1 LA DOMANDA FORMATIVA La nostra scuola è consapevole di essere una risposta alle esigenze formative delle famiglie del territorio come descritto nel PEN:

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA della Caritas Diocesana della LA SPEZIA TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetto LE DONNE DI BUTARE RWANDA. Rapporto della missione (24/11/2013 08/12/2013) UMUBYEYI MWIZA ONLUS e ROMAMULTISERVIZI SPA

Progetto LE DONNE DI BUTARE RWANDA. Rapporto della missione (24/11/2013 08/12/2013) UMUBYEYI MWIZA ONLUS e ROMAMULTISERVIZI SPA Progetto LE DONNE DI BUTARE RWANDA Rapporto della missione (24/11/2013 08/12/2013) UMUBYEYI MWIZA ONLUS e ROMAMULTISERVIZI SPA Umubyeyi Mwiza è una espressione della lingua kinyarwanda che può essere tradotto

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

CONCORSO PER GIOVANI ARTISTI

CONCORSO PER GIOVANI ARTISTI CONCORSO PER GIOVANI ARTISTI Tema: Africa e Daniele Comboni: appassionante avventura Gli enti promotori, MUSEO DIOCESANO SAN FERMO VERONA MISSIONARI COMBONIANI - CASA MADRE IN VERONA, offrono ai giovani

Dettagli

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA Il Cammino Della Musica a cura di Andrea Zuin www.ilcamminodellamusica.it Mentre camminavo per l America Latina in cerca di musica (vedi la pagina web), ho conosciuto

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

LA SENSIBILITA RELIGIOSA DEGLI AFRICANI IMMIGRATI IN ITALIA Don Denis Kibangu Malonda Coordinatore Nazionale Africani francofoni

LA SENSIBILITA RELIGIOSA DEGLI AFRICANI IMMIGRATI IN ITALIA Don Denis Kibangu Malonda Coordinatore Nazionale Africani francofoni LA SENSIBILITA RELIGIOSA DEGLI AFRICANI IMMIGRATI IN ITALIA Don Denis Kibangu Malonda Coordinatore Nazionale Africani francofoni Dopo più di un secolo dalla sua seconda Evangelizzazione, il cammino di

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

La Nostra Africa Onlus

La Nostra Africa Onlus CHI SIAMO LA NOSTRA AFRICA ONLUS Dal 2008 l'associazione di volontariato "" di Bologna sta realizzando progetti a sostegno della Popolazione Maasai del Kenya, nel distretto di Kajiado. Facendo nostro il

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare?

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? di Alessandra Repetto Se la Camera di Commercio di Genova continua a svolgere il ruolo di osservatore sui mercati esteri è anche e soprattutto per

Dettagli

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Fundraising. Un altro welfare è possibile Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Premessa: il senso dell itinerario Fundraising un altro Welfare

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Una sintesi della ricerca Parrocchie e internet. Paolo Mancini - Rita Marchetti 1

Una sintesi della ricerca Parrocchie e internet. Paolo Mancini - Rita Marchetti 1 Una sintesi della ricerca Parrocchie e internet Paolo Mancini - Rita Marchetti 1 Presentiamo di seguito alcuni dati tratti dalla ricerca Parrocchie e internet commissionata al Dipartimento Istituzioni

Dettagli

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno di Anna Lindh Foundation www.euromedalex.org Acting

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ENRICO FERMI - NUORO INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA. PROGRAMMI SVOLTI classe prima D A.S. 2010/2011

LICEO SCIENTIFICO ENRICO FERMI - NUORO INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA. PROGRAMMI SVOLTI classe prima D A.S. 2010/2011 classe prima D INTERROGATIVI ESISTENZIALI E RISPOSTE DATE NEL CORSO DELLA STORIA - l uomo e le sue domande - fattori che ritardano le risposte alle domande di senso nell adolescenza - senso della vita

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 E indubbio che dobbiamo fare molto di più in favore della donna, se vogliamo ridare più

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Master universitario di I livello in Management della cooperazione internazionale allo sviluppo

Master universitario di I livello in Management della cooperazione internazionale allo sviluppo Master universitario di I livello in Management della cooperazione internazionale allo sviluppo Contratti internazionali, modelli di agreement internazionale e ONG Attilio Ascani L evoluzione della Società

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

Rassegna del 05/10/2015

Rassegna del 05/10/2015 Rassegna del 05/10/2015 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 05/10/2015 Si parla di noi Avvenire 30/09/2015 p. 2 IL PAPA CONFORTA L'IMPEGNO CON L'AFRICA Mario Raffaelli 1 Corriere Del Trentino 01/10/2015

Dettagli

Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo

Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo Convegno Internazionale di Pedagogia Salesiana Roma 19-21 marzo 2015 Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo SEDE DEL CONVEGNO: Salesianum (via della Pisana), UPS (Università Pontificia Salesiana)

Dettagli

VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1

VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1 VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1 Presenti: Lucia, Emma, Gabriella, Nadia, Fabrizia, Anna, Gabriele, Vittorio, Mauro, Alberto, Massimo, Anna, Valeria, Elisa. 1. Si ritiene necessaria e importante

Dettagli

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Nel precedente tema ho evidenziato come l umanità nel lungo percorso della sua storia si è determinata e configurata,

Dettagli

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Da vari anni nel territorio della città di Roma e provincia stiamo cercando di realizzare un progetto, cominciato quasi 10 anni fa da alcuni

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Pietro Greco. Roma, 4 marzo 2009

Pietro Greco. Roma, 4 marzo 2009 Pietro Greco Roma, 4 marzo 2009 L era della conoscenza Lo aveva già annunciato quasi sessant anni fa Norbert Wiener, il padre fondatore della cibernetica in un libro (The human use of human beings. Cybernetics

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA. Volontari richiesti: 2

ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA. Volontari richiesti: 2 ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA Volontari richiesti: 2 SEDE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Brescia Descrizione del contesto territoriale:

Dettagli

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE III - Questionario Le seguenti domande permettono alle Chiese particolari

Dettagli

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione!

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! Il concetto di sottosviluppo è stato introdotto, al termine della seconda guerra mondiale, da H.S.Truman

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Istituzioni scolastiche, famiglie e territorio uniti in un esperienza finalizzata a incoraggiare e orientare i ragazzi nell avventura

Dettagli

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011 Mani Unite Unite Onlus Presentiamo anche quest anno, come doverosa consuetudine, la sintesi delle attività realizzate nel corso del 2011 a favore dei bambini che soffrono ingiustizie, fame e carenze non

Dettagli

Informagiovanikr. Bollettino periodico di informazione MARZO 2007. News

Informagiovanikr. Bollettino periodico di informazione MARZO 2007. News Bollettino periodico di informazione MARZO 2007 News RUBRICHE EUROPA: Festeggiamo 50 anni dal trattato di Roma 2/3 POLITICHE GIOVANILI :Il Piano d Azione Giovani 4 OPPORTUNITA : Lavora con SKY /lavora

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona LA FONDAZIONE AVSI La Fondazione AVSI è un organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 37 paesi del mondo di Africa, America

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

Le Giornate del lavoro culturale

Le Giornate del lavoro culturale www.viveredicultura.it Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Le Giornate del lavoro culturale con l adesione di Progetto di Roma, Auditorium - Parco della Musica 24-25 giugno 2011 con

Dettagli

CARTA DEI VALORI. San Leonardo Murialdo diceva: "Facciamo il bene, ma facciamolo insieme".

CARTA DEI VALORI. San Leonardo Murialdo diceva: Facciamo il bene, ma facciamolo insieme. CARTA DEI VALORI San Leonardo Murialdo diceva: "Facciamo il bene, ma facciamolo insieme". Nello spirito originario del suo messaggio vogliamo, oggi come allora, condividerne i riferimenti spirituali ma

Dettagli

Prot. 262/09. Venezia, 18 dicembre 2009

Prot. 262/09. Venezia, 18 dicembre 2009 Prot. 262/09 Venezia, 18 dicembre 2009 Ogg.: Presentazione del Progetto Europeo Sensibilizzazione ed educazione allo sviluppo in Europa anno 2010-2011 Egregi Signori/Direttori scolastici, siamo lieti di

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili?

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? INTRODUZIONE: a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? Il Novecento è stato uno dei secoli più contraddittori della storia dell umanità. Da un lato, abbiamo avuto, soprattutto

Dettagli

Come strutturare una Unità di Apprendimento di geografia regionale

Come strutturare una Unità di Apprendimento di geografia regionale Cristiano Giorda Università di Torino Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento Interateneo Territorio AIIG- Sezione Piemonte cristiano.giorda@unito.it Come strutturare una Unità di Apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI #NOVIOLENZA CONTRO LO STALKING, IL FEMMINICIDIO, ED OGNI ALTRA FORMA DI VIOLENZA SULLE DONNE IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI CONCRETI Durante le due settimane (dal 16 al 29 aprile) dell iniziativa No

Dettagli

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Indagine demografica (1981-2013) con dati aggiornati al

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

Allegato A. Integrazione della Programmazione annuale 2015 della. Giunta Provinciale riferita alle iniziative di solidarietà internazionale

Allegato A. Integrazione della Programmazione annuale 2015 della. Giunta Provinciale riferita alle iniziative di solidarietà internazionale Allegato parte integrante Integrazione della Programmazione annuale 2015 della Giunta Provinciale riferita alle iniziative di solidarietà internazionale Allegato A Integrazione della Programmazione annuale

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

LaRepubblica.it 24/09/2010

LaRepubblica.it 24/09/2010 LaRepubblica.it 24/09/2010 La scuola che vorrei Vizi e virtù delle nostre classi L indagine di Milano- Bicocca con la fondazione Intercultura ha prodotto tre tabelle basate sui risultati della ricerca

Dettagli

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta)

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) FIABA ONLUS FIABA si propone di abbattere tutte le barriere, da quelle architettoniche a quelle culturali,

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli