Si appresta a tagliare il filo di lana del campionato, IL COSENZA CHIEDE IL PASS AL BENEVENTO PER LA COPPA TIM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Si appresta a tagliare il filo di lana del campionato, IL COSENZA CHIEDE IL PASS AL BENEVENTO PER LA COPPA TIM"

Transcript

1 Via Timpone di Scifariello Zona P.I.P. 2ª traversa Castrovillari (CS) Telefax: Settimanale di Sport Anno XVIII n 8 Domenica 3 maggio COPIA OMAGGIO 0,50 IL COSENZA CHIEDE IL PASS AL BENEVENTO PER LA COPPA TIM Marco Segreto Si appresta a tagliare il filo di lana del campionato, il Cosenza. Interessanti gli ultimi 180 nel corso dei quali la squadra dovrà ottenere più punti possibile. Il terzo traguardo, dopo aver conquistato prima la salvezza, e successivamente quello (storico) della Coppa di Lega Pro, è rappresentato dal nono posto. Posizione che consentirebbe alla banda Roselli di partecipare di diritto alla Coppa Tim nella prossima stagione. Il tutto ufficializzato lo scorso 29 DIRIGENTI E SQUADRA RICEVUTI DAL SINDACO SCOSSONI IN LEGA PRO SQUALIFICATO MACALLI Aprile dalla Lega col comunicato n. 302/L. Ma ci sarà da battere la concorrenza del Melfi che in campionato si è rivelato formazione ostica e bene organizzata. Un solo punto separa lucani e rossoblù. Il Melfi dovrà incrociare in trasferta prima il Matera in un derby molto sentito e, successivamente, ospitare proprio il Cosenza. Rossoblù che oggi affronteranno al S. Vito il Benevento, forte del secondo posto con 72 punti. Ai sanniti basterà aggiungerne uno soltanto per staccare definitivamente Matera e Juve Stabia, impegnate entrambe nella corsa per la seconda posizione. continua a pag. 8

2 2 STATISTICHE Davide Franceschiello Questo Cosenza è imbattibile è importante confermare il gruppo ben amalgamato. Con qualche innesto di qualità, puntare a migliorare la posizione di classifica ottenuta in questa stagione Una frase in particolare ricordiamo di Giorgio Roselli appena arrivato a Cosenza: "dobbiamo trovare continuità". Questo è stato il chiodo fisso del mister umbro che ha sempre creduto che anche un pari fa classifica, ma soprattutto morale e di recuperare sotto l'aspetto psicologico aveva tanto la squadra rossoblù sei mesi fa circa. Mettendo in pratica questa filosofia il Cosenza è attualmente la squadra che ha pareggiato più di tutti nei campionati professionistici, ben 17 volte, solo il Lanciano (serie B) ha fatto un pareggio in più (18). Durante la gestione Roselli i rossoblù, dopo la prima sconfitta a Lecce, hanno incamerato la prima serie di risultati positivi, sei, con vittorie in casa e pareggi fuori per un totale di 12 punti. Una media promozione che ha permesso ai silani di distanziarsi dalla zona playout. Poi un altro breve periodo, non esaltante, coincidente con la fase del calcio mercato che ha un tantino distratto buona parte della rosa. In quel momento la tifoseria, con un grande atto di maturità, non ha mollato, specie dopo l'immeritata sconfitta di Catanzaro e anzi ha dato la carica necessaria ai propri giocatori per battere la Reggina e iniziare l'attuale lungo periodo di imbattibilità. Un momento di grande connubio tra la tifoseria e la squadra, così ha definito questo periodo il DS Meluso. Ad oggi sono ben 11 le giornate senza sconfitte, condite da 4 vittorie e sette pareggi, con 8 reti fatte e solo due subite di cui uno su rigore e per giunta inesistente. Non solo, il Cosenza di Roselli non ha mai perso in casa: dal 9 novembre, esordio casalingo con il Messina, finito a reti inviolate, fino ad oggi, 3 maggio, quindi ben 7 mesi e 13 partite senza sconfitte al S. Vito. Adesso l obiettivo è quello di finire il campionato imbattuti e puntare a quel nono posto che dovrebbe garantire l accesso alla Coppa Italia Tim. Infatti non esistono ancora note ufficiali sul criterio di scelta delle 27 compagini di serie C che dovranno partecipare alla Coppa Italia maggiore, ma il fatto di avere vinto anche la Coppa Italia di Lega Pro garantirà l accesso ai lupi. Questo risultato ha un doppio significato: oltre a quello puramente statistico, significa che il Cosenza ha raggiunto una quadratura di gioco, i ragazzi si conoscono alla perfezione ed hanno creato un gruppo forte che deve rappresentare la base per le squadra del futuro. È intenzione del DS e del tecnico umbro riconfermare gran parte della rosa su cui andranno inseriti tre o quattro elementi che possano colmare le lacune emerse in questa stagione. Pare che i nomi siano già sul taccuino tenuto assolutamente top secret da Meluso. Si tornerà certamente all'attacco di BiccioArcidiacono, uomo capace di garantire alla folla rossoblù entusiasmo a go go, oltre che indiscutibili qualità tecniche, poi basterà, a nostro avviso, inserire un alto giocatore per reparto ed il prossimo anno si potrà puntare a migliorare la posizione ottenuta in questa stagione.

3 Vincenzo Segreto AMARCORD 3 Dall'archivio dei ricordi: Bruno GIORGI, allenatore e gentiluomo Dopo la promozione in serie B al termine del campionato 1987/88, Gianni Di Marzio, tecnico artefice dell'impresa, non rinnovò il contratto con il Cosenza. I motivi del divorzio non furono mai pubblicamente chiariti. Fra lo sorpresa di molti, la panchina andò a Bruno Giorgi, reduce da una non felice esperienza a Brescia. A volerlo, nonostante le resistenze di qualche dirigente che non condivideva quella scelta, fu il d.s. Roberto Ranzani. Egli era convinto che la voglia di rivalsa di Giorgi, la possibilità di operare in un ambiente gonfio di entusiasmo ed il vantaggio di poter lavorare su una rosa già collaudata, con l'innesto di qualche giovane di qualità, alla fine avrebbe pagato. E mai intuizione si rivelò più felice ed azzeccata. Giorgi era lombardo, di origini pavesi, ma emiliano di adozione, per via dei suoi trascorsi da calciatore nella Reggiana. Amava il calcio ed il suo lavoro in maniera forte, appassionata. Custodiva gelosamente un quadernodiario su cui annotava le caratteristiche tecniche e fisiche degli avversari, il modo di giocare delle squadre ed ogni altro utile elemento che la quotidianità degli allenamenti gli suggeriva. Era di poche parole. Tutto casa e campo, poco incline all'apparire. Non amava le luci della ribalta. Avrebbe evitato volentieri, se avesse potuto, interviste e conferenze stampa. Ma non era scostante. Anzi. Si mostrava sempre cortese e disponibile con gli operatori dell informazione, avendo molto rispetto del lavoro altrui. All'interno dello spogliatoio, appariva spesso allegro e sorridente; se del caso, mostrava humor ed ironia. Conosceva bene l'indole dei calciatori, sapeva come sollecitarne l'orgoglio e come tenerli sulla corda. Ed era capace di tirare fuori il meglio da ciascuno di loro, migliorandoli molto, anche sotto l'aspetto tecnicotattico. Aveva grande ascendente sul gruppo, ne capiva le esigenze, ne interpretava i bisogni. Dava molto e pretendeva altrettanto. E chiedeva, al di sopra di ogni altra cosa, serietà ed impegno. Incarnava il prototipo del tecnico moderno, coraggioso, con idee sempre un passo avanti rispetto ai conservatori ed ai difensivisti di fine anni '80. Era convinto che il calcio fosse, per sua natura, un gioco di offesa. Molto lontano, quindi, dalla scuola di pensiero "breriano", che privilegiava la difesa ed il contropiede. Per questo preparava le sue squadre con spirito battagliero, aggressivo. Dovevano sempre fare la partita anzichè subirla. E se capitava di doversi difendere, era sicuramente merito di avversari più forti, non certamente una sua scelta. Era uomo di campo, leale, diretto, abile nel confezionare abiti tattici su misura. Capace di farsi capire e far applicare con naturalezza sistemi di gioco che modulava di partita in partita, scegliendo sempre gli interpreti più adatti. Curava molto la preparazione fisica. Difficile che le sue squadre andassero in debito di ossigeno. Correvano, e lo facevano bene; spesso sfiancavano l'avversario e questo consentiva, nei momenti topici della gara, di assestare il colpo vincente. In carriera, aveva avuto fino ad allora meno di quello che avrebbe meritato; in questo, non lo avevano certamente aiutato la ritrosia a coltivare amicizie influenti, la scarsa propensione alle relazioni extracampo, il non andare a cena con giornalisti e/o personaggi importanti. Ma Giorgi era uomo di sostanza, non di apparenze nè di convenienze. Il destino del "suo" Cosenza si consumò alla 36^ giornata, al San Vito contro l'udinese, in una gara spareggio, che restò famosa per il gran palo di Claudio Lombardo. Il Cosenza la dominò a lungo, ma i friulani tennero botta, grazie all esperienza di tanti dei suoi uomini. Il portiere Garella su tutti. Sonetti, tecnico dell'udinese, presentò una squadra votata alla difesa, sparagnina e speculativa. Nell'epoca dei due punti a vittoria, il pari sul campo di una diretta concorrente, valeva oro. Peccato davvero. A sorpresa, quel Cosenza andò ad un passo da una promozione storica. Lo avrebbe meritato anche per la qualità e la bellezza del gioco espresso. Ma il dio del calcio, purtroppo, non volle sorridere a Bruno Giorgi. Allenatore vero e gentiluomo.

4 4 CLASSIFICA SQuaDra punti g v n p gf gs +/ Salernitana Benevento Matera Juve StaBia CaSertana lecce Foggia (1) Catanzaro MelFi (2) CoSenza vigor lamezia Barletta (6) lupa roma Martina paganese acr MeSSina ischia isolav. (1) aversa (1) Savoia (4) reggina (6) * punti di penalizzazione PARTITE DI OGGI Domenica 3 maggio ore LUPA ROMA COSENZA REGGINA BARLETTA LECCE PAGANESE MATERA ACR MESSINA CASERTANA JUVE STABIA AVERSA BENEVENTO CATANZARO FOGGIA ISCHIA ISOL. MARTINA MELFI SALERNITANA SAVOIA VIGOR LAMEZIA MARCATORI 18 Eusepi (Benevento) 16 Caturano (Melfi) Calil (Salernitana) Iemmello (Foggia) 15 Di Carmine (J. Stabia) Moscardelli (Lecce) 11 Cissè (Casertana) Madonia (Matera) 10 De Vena (Aversa N.) Del Sante (Vigor L.) Montalto (Martina F.) Sarno (Foggia) Iannini (Matera) Corona (Messina) 9 Calederini (Cosenza) Montella (Vigor L.) Arcidiacono (Martina F.) Infantino (Ischia) Marotta (Benevento) Ripa (Juve Stabia) Cavallaro (Foggia) PROSSIMO TURNO Sabato 9 maggio ore ISCHIA ISOL. SALERNITANA BENEVENTO VIGOR LAMEZIA CATANZARO AVERSA SAVOIA MELFI FOGGIA MARTINA BARLETTA CASERTANA JUVE STABIA LECCE LUPA ROMA MATERA ACR MESSINA COSENZA PAGANESE REGGINA Eusepi (Benevento) Per la tua pubblicità chiama il SETTIMANALE SPORTIVO DI INFORMAZIONE Aut. Trib. di Cosenza n. 654 del 28/09/2000 Presidente Onorario nino rao Direttore Responsabile gianfranco Morelli Hanno Collaborato a questo numero: Marco Segreto, Davide FranCeSChiello, vincenzo D atri, vincenzo Segreto, Mimmo MuSaCChio, enzo Battaglia, Serena a. gabriele, Impaginazione: essedi graphic Stampa: tipografia agm Castrovillari (CS) Marketing & pubblicità: antonio tocci Foto: tony Mancina Shartella

5 5

6 6 ATTUALITà Enzo Battaglia Una vita da... mediano! Grandi lavoratori di centrocampo sempre pronti a far legna... Il testo della canzone del cantautore Ligabue, riferito ad una vita da calciatore vissuta nella veste di mediano, contempla una singolare ispirazione di stampo... esistenziale! Un ruolo che, in modo analogo, si richiama ad alcuni aspetti umani ed a singolari istanze della stessa vita. Ancor di più di quanto si possa pensare, lo sforzo atletico/tattico di un mediano, si orienta incontro ad alcune specifiche e prodighe caratteristiche di tanti protagonisti di verdi rettangoli di gioco, dediti a veementi azioni di contrasto, di forsennate rincorse, di decise contrapposizioni, di duri contrasti e di buonissime (talvolta davvero elevate) doti di ripartenza e di rilancio. Una sorta di più che immaginaria diga tesa ad arginare l altrui gioco ma anche abbastanza duttile (soprattutto se sollecitati da buoni piedi) nel far ripartire un efficace azione di rimessa, sgravando le difese e sostenendo registi ed attaccanti. Un vero cuore pulsante che può rinvenire autentiche similitudini in una società che ravvisa ampia necessità di un generoso, serio e fattivo impegno! Un esempio, fortemente legato ad un profondo significato etico, davvero capace di riuscire a descrivere alcuni opportuni provvedimenti finalizzati a ridimensionare alcuni perfidi colpi della stessa vita! Un diligente lavoro che, in diverse occasioni, offre la successiva opportunità di poter provare a ripartire con rinnovato coraggio, forza ed altrettanta fiducia, affrontando con maggiore tranquillità il domani. Una visione più che simbolica, esattamente così come prova ad avvenire in campo dove, dopo essere riusciti a contrastare uno scatenato avversario e carpito un difficile pallone, con tenacia, corsa e decisione, ci si proietta in avanti, proponendo una controffensiva tendente a produrre pericolose azioni. Un disegno agonistico che ama nutrirsi della buona speranza di riuscire a raggiungere l obiettivo di un fatidico... goal! Il mediano, dalla maglietta più intrisa di sudore, rispetto agli altri, dai polmoni a mantice e dai tratti segnati ma generosi, appare una figura che, normalmente, riesce ad incarnare l idea di un autentico lottatore! Naturalmente, in una vita che rinnova insistentemente istanze di stenti, di sacrifici e di molteplici privazioni, tale presenza, non può che essere accolta, con rinomato vigore ed entusiasmo! L intento è quello di poter contare un buon numero di tali protagonisti, capaci di sapersi opporre e contribuire a lottare per ottenere un am pia credibilità ed una totale fiducia, debitamente funzionali a donare coraggio e forza al fine di riuscire a superare tante criticità. Tra l altro, proprio quello spirito emulativo, sollecitato appunto da alacri interpreti di un rutilante quotidiano, smaniosi di svolgere tale tipo di gioco, rappresenta di sicuro qualcosa di positivo e di essenziale riguardo ai riflessi della nostra economia di vita! Ognuno di noi, soprattutto in alcuni importanti frangenti della propria esistenza, dovrebbe essere pungolato a tirar fuori quel ruolo di mediano che, almeno potenzialmente, potrebbe provare ad identificare una parte del nostro modo di essere, di quella decorosa misura nel saper affrontare determinate circostanze e che spesso, invece, tentiamo di nascondere nei meandri dell incertezza e dei timori spesso... falsi! Vivere da solerte e generoso mediano, inevitabilmente, può servire a sostenere la possibilità di riuscire a comprendere meglio alcune questioni ma, soprattutto, accarezza la circostanza di poter recuperare tanta dignità, donando un senso ancora migliore nel progettare un domani dai connotati certamente più positivi!

7 Mimmo Musacchio IL COMMENTO 7 Ora la programmazione Cessioni e riconferme Uno dei primi traguardi fissati dalla Società è stato conseguito con largo anticipo. Posizione di mezza classifica senza patemi d animo. D altronde l avvio disastroso del campionato con Cappellacci, aveva fatto presagire una stagione fosca, piena d insidie e con lo spettro di dover essere invischiati nella lotta per la salvezza. A prescindere dalla squadra, un merito và certamente al tecnico Roselli che, sottoscrivendo il contratto con il Cosenza, aveva accettato la sfida di raggiungere il traguardo prefissato. Un allenatore di categoria che aveva saputo dosare un mix tra il tecnico e psicologico dello stato d animo degli atleti a disposizione. Aveva immediatamente individuato quali erano le problematiche interne ed era riuscito a compattare il gruppo, ad unire lo spogliatoio, a galvanizzare quei giocatori che si sentivano messi da parte. Era riuscito anche a responsabilizzare gli atleti facendo capire che avrebbero giocato chi fosse stato stato più in forma, senza la rigidità di una formazione fissa ed inamovibile. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Roselli aveva saputo dosare il turn over anche per la concomitanza degli impegni di Coppa. Perciò spazio a tutti. A corollario di questa stagione la ciliegina sulla torta. La conquista della prestigiosa Coppa Italia di Lega Pro, traguardo mai raggiunto nella storia da nessuna squadra calabrese. Una Coppa da applausi per la squadra, il tecnico, la società. Una menzione particolare va al presidente Eugenio Guarascio. Il merito è quello di averci creduto fino in fondo. Aver creduto in questa squadra, nelle scelte del ds Meluso e soprattutto nelle qualità tecniche del trainer Roselli. Ci sono stati dei momenti critici, delle polemiche, delle accuse di inefficienza, ma il presidente ha tenuto testa ad alcune sterili diatribe, ha continuato nel suo impegno nella società, raccogliendo alla fine il giusto tributo che merita ampiamente. Ora siamo ad un bivio, è l ora delle scelte e delle decisioni. Non bisogna farci trovare impreparati per il prossimo campionato. Tutto va programmato con largo anticipo. In primis la conferma del ds Meluso e del tecnico Roselli, che la meritano ampiamente. Subito dopo viene la questione dei contratti, quali confermare, quali rescindere. Tenendo conto che lo zoccolo duro della squadra non deve essere toccato. A questo Cosenza bastano 4 o 5 elementi mirati e di categoria per sopperire ad alcune defezioni tecniche in ruoli ben definiti. Nessun stravolgimento, solo oculatezza e competenza. Il presidente Guarascio, al quale va il nostro plauso, ha capito che per far affluire più tifosi allo stadio, bisogna allestire una squadra competitiva che miri ai play off, altrimenti tutti i discorsi saranno inutili. Ora onoriamo queste ultime due gare di campionato, e togliamoci qualche sassolino dalle scarpe. Contro il Benevento che all andata vinse una gara che nel finale il Cosenza meritava di pareggiare. A tutti quei magnifici tifosi presenti nella serata storica di Coppa, l invito è di tornare allo stadio. Il Cosenza ha bisogno di noi, del nostro incitamento, della nostra fede, della nostra passione. Per sempre un solo grido: Forza Cosenza! Mimmo Musacchio e Tonino Toccci con il Leader degli Ultrà Claudio "BOCIA"

8 8 IN PRIMO PIANO Marco Segreto segue da pag. 1 Una matassa difficile da sbrogliare. Un fatto è certo. Nei due incontri il Cosenza dovrà andare a punti. Pesanti. Possibilmente arrivare con un margine di vantaggio agli ultimi 90 di Melfi, per poi giocarsi il tutto per tutto all Arturo Valerio. Impresa non impossibile. 180 che terranno viva l attenzione sulla formazione rossoblù. Nel frattempo la squadra ha fatto visita al sindaco e presidente della Provincia Mario Occhiuto che ha ringraziato società, staff tecnico e l intera rosa per quanto fatto in questa stagione, spronandola al raggiungimento di obiettivi sempre più importanti che Cosenza sportiva merita. Si è poi detto disponibile alla ristrutturazione dell area del S. Vito per gli allenamenti settimanali. Probabile il manto erboso in sintetico al Sanvitino. I presupposti per un torneo di alta classifica nel campionato ci sono tutti. A partire dalla riconferma del tecnico Roselli e del ds Meluso. Al gruppo attuale bisognerà aggiungere tre, quattro giocatori di qualità, per puntare a qualcosa di interessante. Il tempo dirà. Contro il Benevento che dopo l uscita di scena del tecnico Brini è stato affidato alla coppia CinelliLandaida, mancherà Ciancio per squalifica. A sostituirlo dovrebbe essere Zanini. Per il resto tutti abili e arruolati. Roselli ha chiesto ai suoi di accelerare per vendicare l inopinata sconfitta dell andata (32). Nelle ultime due trasferte contro Lecce e Matera, gli stregoni giallorossi sono usciti battuti. Non c è due senza tre (sconfitte), recita un abusato adagio. Arbitrerà l incontro Schirru di Nichelino (15.00). Ingresso gratuito per le donne, così ha deciso la società. Scossoni intanto in Lega Pro. Squalificato per 6 mesi il presidente Macalli in merito al caso Pergocrema <Per registrazione impropria dei marchi>. Una storia tutta da seguire. ATTUALITà Serena A. Gabriele Il calcio femminile Un mondo da scoprire Il calcio è senza alcun dubbio lo sport più amato in Italia. Il calcio femminile tuttavia, è ancora poco seguito nel nostro Paese, nonostante il fatto che, grazie a esso, siano state numerose le atlete italiane, oggigiorno conosciute in tutto il mondo, a guadagnare notorietà e fama. Molto probabilmente, tale carenza di spettatori e tifosi, specialmente donne, è da ricondursi a uno stereotipo comune, il quale ci ha sempre fatto credere che il calcio sia uno sport da maschi, e dunque non adatto a ragazze che vogliono intraprendere una pratica sportiva. Percorriamone brevemente le tappe principali, in modo tale da riportare alla ribalta uno sport femminile che non ha nulla da invidiare alle altre discipline agonistiche. A partire dal 1909, sempre più giovani italiane si appassionarono al mondo del calcio, assistendo alle partite e frequentando circoli sportivi. Nel 1974, il numero di frequentatrici di stadi si aggirava intorno a due milioni. Tuttavia, il numero delle atlete tesserate era molto inferiore se paragonato a quello delle sportive dei paesi scandinavi o della Germania, per non parlare delle atlete statunitensi. L anno in cui venne introdotto il vero e proprio calcio femminile in Italia fu il Le giocatrici avevano il compito di risvegliare negli spettatori sentimenti patriottici. Nel 1958 venne fondata l Associazione Italiana Calcio Femminile, sostenuta dalla baronessa napoletana Angela Attini di Torralbo. Dieci anni più tardi, a Milano, fu fondata la Federazione Italiana Calcio Femminile, promuovendo un campionato italiano per calciatrici donne. L anno 86 vide la svolta decisiva: la costituzione del Comitato Nazionale Calcio Femminile. In quegli anni, il Milan e la Lazio furono le uniche due squadre a ricevere una denominazione sociale di prima grandezza, mostrando la natura genuina e civile di questo sport così nobile. Altre squadre che acquisirono ben presto notorietà furono il Genova, il Piacenza e il Modena. Negli ultimi anni si è assistito all emersione di numerose squadre aziendali e dopolavoristiche, tra le più importanti ricordiamo la Falchi Astro di Montecatini e la Lubiam Lazio. Sebbene in maniera modesta, il calcio femminile italiano ha avuto un ruolo molto importante a livello internazionale. Durante i primi Campionati Europei, tenutisi dal 1982 al 1985, le azzurre hanno raggiunto il terzo posto. Negli anni successivi hanno raggiunto altri importanti traguardi, arrivando al secondo posto nel 93 e di nuovo nel 97. Le nostre atlete continuano tutt ora a spiccare nel panorama calcistico europeo, contendendosi di continuo il posto con le giocatrici norvegesi e tedesche. Tra le numerose giocatrici italiane di fama interazionale, ricordiamo Carolina Morace. Appena quattordicenne, esordì in nazionale nel 78. Indossò con onore la maglia della nazionale per 150 volte, prima di ritirarsi. Assunse il ruolo di allenatrice nella Viterbese, squadra di serie C1. La Morace è passata alla storia per il fatto di essere la prima donna in Europa a condurre una squadra maschile. Non ci resta che aspettare, e sperare che in futuro le giovani generazioni accolgano senza pregiudizi questo sport femminile, restituendogli la dignità e la rispettabilità che ogni sport merita.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO STAGIONE 2011 2012 INTRODUZIONE Qui di seguito trovate le Regole Ufficiali della Federazione Fantacalcio. Ogni anno, se necessario, vengono modificate e aggiornate

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore )

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore ) REGOLAMENTO ART.11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001,430 CONCORSO A PREMI DENOMINATO MAGIC+3 CAMPIONATO 2014-2015 PROMOSSO DALLA SOCIETA RCS MEDIAGROUP SPA MILANO CL 410/2014 SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE Qualche appunto sul perché è importante, in questo inverno della politica, raccontare storie Giovanna Cosenza e Annamaria Testa Quando su NeU e Dis.amb.iguando abbiamo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: DAY CAMP Peschiera del Garda dal 15 al 20 giugno / dal 22 al 27 giugno / dal 29 giugno al 4 luglio Centro Sportivo Parc Hotel Paradiso Borgo Roma dal 15 al 20 giugno Centro Sportivo

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 SOGGETTO PROMOTORE: F.C. Internazionale Milano Spa, Corso Vittorio Emanuele II 9, 20122 Milano P.IVA 04231750151 (di seguito Promotore ). SOGGETTO

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Lun 18/05. Ven 22/05 COLORNO. Mer 20/05. Gio 21/05. Mer 20/05. Ven 22/05. Gio 21/05 20.30 170. Gio 21/05. Ven 22/05 21.00 PRO CELLA.

Lun 18/05. Ven 22/05 COLORNO. Mer 20/05. Gio 21/05. Mer 20/05. Ven 22/05. Gio 21/05 20.30 170. Gio 21/05. Ven 22/05 21.00 PRO CELLA. CENTRO SPORTIVO ITALIANO CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI P A R M A P.le Matteotti, 9-43100 PARMA Telefono 0521281226-0521289870 Fax 0521.236626 e-mail: csi@csiparma.it web: www.csiparma.it

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento del Giuoco del Calcio corredato dalle Decisioni Ufficiali FIGC e dalla Guida Pratica AIA Edizione 2013 FEDERATION INTERNATIONALE DE FOOTBALL ASSOCIATION (FIFA)

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli