Relazione attività. associazione I.rur Innovazione rurale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione attività. associazione I.rur Innovazione rurale"

Transcript

1 Relazione attività 2006 associazione I.rur Innovazione rurale

2 I.rur - Innovazione rurale è un associazione di ricerca e analisi, valutazione, formazione e comunicazione nel settore delle politiche rurali, agrarie e dello sviluppo locale. I SOCI FONDATORI di I.rur - Innovazione rurale Roberto Cagliero, Elisa Cerruti, Sara Levi Sacerdotti, Riccardo Marchisio, Luca Milanetto Composizione degli ORGANI DIRETTIVI dell Associazione al Il Presidente: Roberto Cagliero L Assemblea dei Soci: Bernardo Bertoldi, Roberto Cagliero, Elisa Cerruti, Riccardo Giovinetto, Sara Levi Sacerdotti, Riccardo Marchisio, Luca Milanetto, Stefania Tron Il Consiglio Direttivo: Bernardo Bertoldi, Roberto Cagliero, Riccardo Giovinetto, Luca Milanetto, Stefania Tron Il Collegio dei Revisori: Mario Montalcini, Stefano Motta, Marco Patella Gli AMICI DI I.RUR Roberto Avetrani, Patrizia Borsotto, Mario Cagliero, Massimo Di Gifico, Silvia Novelli, Giorgia Pastorino, Piergiorgio Sartori, Paolo Ugona, Azienda Agricola Filippo Gallino I.rur - Innovazione rurale si trova in Via del Carmine 10 a Torino. Tel , fax Fotografie: Roberto Cagliero (pag. 22 e 27, fotografie in basso), Stefania Tron Hanno collaborato: Roberto Cagliero, Luca Milanetto, Giorgia Pastorino La fotografia a pag. 14 è tratta dal sito internet della Regione Autonoma Vale d Aosta: Torino, maggio 2007 Relazione attività Associazione I.rur - Innovazione rurale A cura di Stefania Tron

3 indice indice... 1 premessa l associazione... 3 chi siamo... 3 che cosa ci proponiamo I.rur nel 2006: l apertura... 5 la sede... 5 l organizzazione interna... 5 i partner di i.rur... 7 con chi abbiamo lavorato i progetti... 9 comparto agro-alimentare politiche rurali territorio gli eventi il seminario 2006 un nuovo patto tra società e agricoltura? altri eventi a carattere scientifico eventi sociali attività di interpretazione le pubblicazioni i.rur nel il punto della situazione sul gli obiettivi

4 premessa Il 2006 è stato sotto tanti aspetti un anno particolare, soprattutto una anno importante. Il processo, faticoso, di consolidamento dell esperienza di I.rur è proseguito, con soddisfazione. Abbiamo lavorato molto e abbiamo conseguito risultati significativi. I rapporti con i nostri partner di lavoro sembrano essere ormai a regime; e il gruppo di lavoro condiviso con Ires Piemonte è ormai una realtà attiva e positiva. Molti progetti sono stati rilevanti nel 2006 e non è semplice parlarne in modo sintetico. Ma un filo rosso si può osservare: una apertura verso l esterno. Nel 2005 abbiamo consolidato la struttura e l organizzazione; nel 2006, in modo quasi naturale, abbiamo sentito il bisogno di guardarci intorno. E abbiamo aperto le porte. Abbiamo fatto un viaggio interessante e importante con gli ecomusei in Svezia, abbiamo conosciuto nuovi amici spagnoli e francesi, abbiamo provato nuove attività, come collaborare a progetti di pianificazione internazionali, abbiamo costituto gruppi di lavoro ( Adotta una filiera, Anguane) con partner nuovi, abbiamo cercato di rendere la sede un posto sempre più aperto a nuovi incontri, abbiamo avviato nuove attività interne di formazione e incontro e di partecipazione. Abbiamo lanciato nuove sfide, insomma, e abbiamo aumentato il livello di complessità di I.rur. E questo è molto positivo. Ma richiede anche un impegno maggiore. Il 2007 sarà un anno dove raccogliere i nuovi frutti. Sarà un altra annata di lavoro, certamente, ma sarà anche un altra annata maiuscola. Il Presidente di I.rur - Innovazione rurale Roberto Cagliero 2

5 1. l associazione chi siamo I.rur - Innovazione rurale nasce nel 2004 su iniziativa di un gruppo di giovani ricercatori attivi da una decina di anni nel settore dello sviluppo rurale e delle politiche agricole. L idea di costituire un associazione sottolinea il desiderio dei soci fondatori di approfondire il tema e le dinamiche del rurale con strumenti e approcci innovativi, frutto di un percorso di dialogo e condivisione di idee tra professionalità diverse. GLI ORGANI DELL ASSOCIAZIONE E QUADRO ASSOCIATIVO Nel corso del 2006 la base associativa ha avuto un incremento: I.rur ha acquisito un associato in più, Bernardo Bertoldi, entrato a far parte anche del Consiglio Direttivo. Sono inoltre diventati Amici di I.rur alcuni collaboratori dell associazione: innanzitutto Giorgia Pastorino, responsabile della segreteria e amministrazione di I.rur e operativa su alcuni progetti specifici e Patrizia Borsotto, collaboratrice I.rur sui progetti di ricerca in campo agricolo. Tra gli altri nuovi Amici di I.rur: Mario Cagliero, che occupa una delle postazioni di lavoro presenti in sede; Massimo Di Gifico, Piergiorgio Sartori e l Azienda Agricola Filippo Gallino, tutti coinvolti per l esposizione fotografica sulla vendemmia realizzata presso la sede a partire dal 2005 e tuttora in corso. In data i soci di I.rur erano sette e il Consiglio Direttiva risultava composto da cinque persone. IL GRUPPO DI LAVORO Le competenze riunite in I.rur - Innovazione rurale sono il risultato dell esperienza acquisita dai singoli ricercatori nel corso degli anni svolgendo attività di collaborazione nell ambito della ricerca, della valutazione e della formazione presso enti regionali e nazionali. Nel 2006 si è confermata sostanzialmente la composizione del gruppo di lavoro dell anno precedente. Sono stati, inoltre, coinvolti altri due ricercatori nell ambito di alcuni progetti specifici nell area di intervento Territorio e Politiche rurali. I ricercatori di I.rur - Innovazione rurale Roberto Cagliero, ricercatore, è il Presidente dell associazione e il coordinatore delle attività. Luca Milanetto, ricercatore, si occupa dei progetti di ricerca di economia agraria, sviluppo rurale. Giorgia Pastorino, si occupa della segreteria, amministrazione e della segreteria del progetto Adotta una filiera. Stefania Tron, ricercatrice, si occupa della comunicazione e partecipa ai progetti di ricerca, in particolare relativamente all area Territorio. 3

6 che cosa ci proponiamo Il problema della sostenibilità degli interventi viene posto con rilevanza dalle amministrazioni locali, sempre più impegnate in attività di pianificazione e programmazione. Di fronte alla crescente disponibilità di informazioni sulle opportunità, sulle dinamiche e sulla significatività dello spazio rurale, si sente sempre più spesso il bisogno di conoscenza, frutto di un processo di interpretazione e approfondimento. I.rur - Innovazione rurale vuole essere il punto di incontro tra l informazione e la programmazione, ponendosi l obiettivo di costruire conoscenza e interpretazione con metodi innovativi. LE AREE DI INTERVENTO I.rur Innovazione rurale è attiva nei dei seguenti settori: Comparto agro-alimentare Politiche rurali Territorio Sistema agricolo Politiche comunitarie Paesaggio rurale Distribuzione Politiche regionali Manutenzione del territorio Agroindustria Decentramento Cultura materiale Produzioni di qualità Sviluppo locale Ecomusei Integrazione Multifunzionalità Sociologia rurale LE ATTIVITÀ I.rur Innovazione rurale si occupa di promuovere e realizzare studi, ricerche, attività scientifiche, culturali e di interpretazione nei campi dello sviluppo territoriale, dell agricoltura e delle sue interrelazioni con il sistema agro-alimentare, il paesaggio, l ambiente e le comunità locali. L associazione pone particolare rilievo sull utilizzo di metodi innovativi, basati su un approccio integrato e multidisciplinare, guardando con grande interesse anche alle attività di interpretazione creativa del rurale. Ricerca e analisi Studi sul comparto agroindustriale Studi sull impatto dell agricoltura sul contesto socio-economico Analisi socio-economica e del patrimonio culturale delle aree rurali Analisi di Banche Dati e predisposizione di archivi Analisi della marginalità delle aree rurali Valutazione Valutazione dei cambiamenti nella Politica Agricola Comunitaria Valutazioni ex ante, intermedie e finali di programmi comunitari Valutazione di normative regionali Valutazione di protocolli internazionali Valutazione di azioni specifiche nella programmazione locale Formazione, divulgazione, comunicazione Formazione sulla gestione, sulla valutazione, sull analisi di filiera Corsi di marketing agroalimentare Attività seminariali e congressistiche Partecipazione a workshop e convegni Attività di divulgazione - produzione di artisti, newsletter, pubblicazioni, mostre 4

7 2. i.rur nel 2006: l apertura la sede La sede continua ad essere costantemente e lentamente oggetto di migliorie e completamento sia nell arredo, sia nell allestimento, sia nella strumentazione da ufficio. Nel 2006 è stata resa disponibile una terza postazione di lavoro part-time e quindi il numero di Amici dell associazione che lavorano presso la sede di I.rur è salito a tre. L ingresso della sede E stata acquistata una lavagna, utile soprattutto per i corsi di formazione, e una bacheca. Sono inoltre stati resi disponibili alcuni mobili dotati di chiave per la custodia dei documenti con dati sensibili. La sala riunioni continua ad essere utile per gli incontri formali (corsi di formazione, I.rurIncontra, riunioni), ma anche per quelli più ludici (aperitivi, cene, ecc.). La biblioteca di I.rur, collocata nel seminterrato, è sempre più ricca e comprende oramai quasi 500 testi, pubblicazioni, ricerche, documenti multimediali archiviati a livello informatico in base alle tre aree di I.rur: Comparto agroalimentare, Politiche rurali, Territorio. L archiviazione fisica e la sistemazione del locale della biblioteca sono per ora ancora da completare. l organizzazione interna IL GRUPPO DI LAVORO SI E AMPLIATO Il gruppo di lavoro I.rur è costituito da quattro persone che lavorano in modo continuativo per l associazione. Quest anno su due progetti in particolare ( Adotta una filiera, in collaborazione con l Ires Piemonte, e Anguana 2 dell IMONT Istituto Nazionale per la Montagna) sono stati coinvolti in totale altri quattro ricercatori. Si è cercato anche nel 2006 di mantenere la specializzazione dei ricercatori di I.rur sulle singole aree di intervento, mantenendo tuttavia un margine di flessibilità dovuto alle caratteristiche dei progetti specifici che vengono avviati di volta in volta. Un progetto che ha coinvolto l intero gruppo di lavoro è quello denominato Adotta una filiera, finalizzato ad realizzare attività di studio e ricerca sulle singole filiere agroalimentari del Piemonte: tutti hanno preso parte alle attività in modo che ogni ricercatore fosse responsabile di una o più filiere e della predisposizione di un report sulla base di un format comune. E stata costituita una segreteria comune per coordinare tutti i ricercatori coinvolti. Per il resto, come si è detto, si è mantenuta la suddivisione del lavoro in base alle tre aree di intervento, con un coinvolgimento sempre più diretto di Stefania Tron sull area Territorio e di Roberto Cagliero sulle Politiche rurali. Il Comparto agroalimentare è un tema sul quale occorre ancora approfondire dinamiche, contatti e possibilità di sviluppo. PRIME RIFLESSIONI SUGLI OBIETTIVI DELL ASSOCIAZIONE Verso la fine del 2006, prendendo spunto da un incontro organizzato da I.rur per i soci e i collaboratori (I.rurIncontra) dedicato alla programmazione strategica, si è cominciato a riflettere sulla necessità di 5

8 individuare obiettivi annuali specifici sia per l associazione nel suo complesso, sia per i singoli membri del gruppo di lavoro. Fino a questo momento gli obiettivi per l anno successivo erano indicati genericamente dal Presidente, mentre a fine 2006 si è deciso di provare a creare un sistema strutturato e condiviso utile per l individuazione di obiettivi specifici, abbinati, quando possibile, a indicatori per la verifica del raggiungimento degli obiettivi dichiarati. Questo lavoro sarà effettuato relativamente all anno 2007, la riunione ha avuto luogo a gennaio 2007 (cfr. Capitolo I.rur nel 2007 ). FORMAZIONE E INCONTRI DELL ASSOCIAZIONE Nel 2006 sono state avviate alcune attività di formazione interna, di cui si parlerà nel capitolo dedicato agli Eventi. Oltre agli incontri di formazione, ha avuto avvio un ciclo di appuntamenti periodici dedicati ai soci, ai collaboratori e agli Amici di I.rur per discutere su ricerche realizzate o in corso da I.rur o da altri enti, oppure per dibattere su tematiche di interesse comune, eventualmente anche non correlate in modo diretto ai temi di studio dell associazione. Tali incontri sono stati 3 nel corso del 2006 e sono stati denominati I.rurIncontra. Anche questi sono descritti nel dettaglio all interno del capitolo Eventi. ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE In vista del seminario annuale di dicembre 2006, per il quale sono stati coinvolti diversi relatori stranieri e italiani provenienti da altre regioni, si è deciso di strutturarsi meglio per l organizzazione dei viaggi ed è quindi stata stipulata una sorta di convenzione con il tour operator CISALPINA di Rosta (Torino). Sempre nell ottica di andare verso un maggior consolidamento organizzativo sono stati completati i due regolamenti interni di I.rur. In particolare è stato creato un regolamento dedicato a dare un minimo di norme di vita comune tra i vari utilizzatori degli spazi dell ufficio (es. sala riunioni, gestione dei contatti e delle strutture presenti); il secondo regolamento interno, invece, abbinato allo Statuto, è stato completato nei punti che erano rimasti in sospeso dall anno precedente (modalità di incontro, gestione e composizione degli organi associativi). Il gruppo di lavoro ha continuato ad incontrarsi settimanalmente il martedì all ora di pranzo. In totale sono state svolte circa 40 riunioni. Strettamente correlato al tema delle riunioni settimanali, è il lavoro di redazione del Memorandum, breve Newsletter interna con cadenza settimanale, al cui interno vengono riportate le novità relative ai progetti, all organizzazione, eventuale rassegna stampa di rilievo, il materiale disponibile e consultabile presso l associazione, convegni, l Ordine del Giorno e i verbali delle riunioni. Il Memorandum continua ad essere inviati ai soci, ai collaboratori e agli Amici di I.rur che lavorano presso la sede. In totale nel corso del 2006 sono stati redatti e inviati 42 Memorandum. Essi vengono regolarmente stampati e archiviati presso l associazione per conservare memoria di quanto avvenuto nell anno d attività e sono dunque consultabili. A partire da metà anno, il Memorandum è diventato a cura della segreteria e non più della responsabile della comunicazione. L homepage del sito di Il sito web di I.rur, alla url è stato completato quasi del tutto, mancano le sezioni dinamiche (es. ricerca progetti) e, almeno per ora, il completamento dello spazio per la Newsletter I.rurInforma è stato rimandato. Sono state realizzate alcune bozze, ma non c è ancora stata occasione di dare il via a questo tipo di comunicazione. Il sito nasce con l intenzione di essere al servizio dei visitatori, fornendo informazioni semplici, complete e aggiornate sui progetti e sulle metodologie utilizzate. Tutto ciò che viene prodotto e presentato nell ambito dei convegni viene reso disponibile sul sito. Sono state create per ogni singolo progetto delle schede descrittive che illustrano obiettivi, fasi di lavoro, metodologie, risultati raggiunti. I progetti sono consultabili per area di intervento. 6

9 i partner di i.rur L associazione I.rur crede molto nella collaborazione e nell apertura verso le altre realtà del settore. Per questo motivo, I.rur ha confermato la sua adesione all Associazione Alessandro Bartola e al Minom. Inoltre, nel 2006 è stata accettata la domanda di adesione di I.rur al Centro Studi per lo Sviluppo rurale della Collina, nato su iniziativa dell Università degli Studi di Torino e del Polo Universitario di Asti Studi Superiori. L accettazione della domanda di adesione ha dato formalità a un rapporto di collaborazione già avviato e stabile da diversi anni sotto forma di coinvolgimento e partecipazione del CSC in varie attività di ricerca e con la concessione, sin dal 2004, del patrocinio al seminario annuale organizzato da I.rur. ASSOCIAZIONE ALESSANDRO BARTOLA E una oramai storica associazione che opera senza fini di lucro e che intende promuovere e sviluppare studi e ricerche, attività scientifiche e culturali nel campo delle materie che interessano l'agricoltura e le sue interrelazioni con il sistema agro-alimentare, il territorio, l'ambiente e lo sviluppo delle comunità locali. L Associazione ha sede ad Ancona. Sito internet: MINOM Minom è l acronimo che indica il Movimento Internazionale per una Nuova Museologia. Si tratta di una organizzazione internazionale affiliata all ICOM che riunisce i maggiori esperti di museologia e sviluppo locale a livello mondiale intorno ai temi e alle pratiche della Nuova Museologia. La vision del movimento è promuovere lo sviluppo delle capacità di comprensione della società, per creare spazi di partecipazione volti al recupero del passato, al consolidamento del presente e alla visualizzazione del futuro. Esistono vari siti internet del Minom, tra i principali: CENTRO STUDI PER LO SVILUPPO RURALE DELLA COLLINA Promosso dalla Facoltà di Agraria, dal Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Forestale e Ambientale dell'università di Torino e dal Polo Universitario di Asti Studi Superiori, il CSC ha avviato la sua attività nel 2003, con sede operativa ad Asti, presso il Polo Universitario Asti Studi Superiori; amministrativamente il Centro dipende dal Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Forestale e Ambientale (DEIAFA) dell'università di Torino. Il Centro si occupa di promuovere e realizzare programmi di ricerca scientifica, tecnologica, sociale e culturale inerenti la valorizzazione e lo sviluppo rurale delle aree collinari e pedemontane. I temi di ricerca prioritari riguardano il territorio nei suoi differenti aspetti, i sistemi produttivi agroforestali, le altre attività economiche e, infine, la presenza umana nelle sue diverse manifestazioni. Sito internet: 7

10 con chi abbiamo lavorato Nel 2006 i ricercatori di I.rur - Innovazione rurale hanno lavorato e collaborato con vari enti e istituzioni, tra istituzioni pubbliche, organizzazioni e istituti di ricerca, agenzie di sviluppo. Negli ultimo due anni, I.rur si è impegnata per ampliare le collaborazioni attraverso la proposta di eventi e di progetti comuni e grazie al supporto degli enti con i quali sussistono rapporti oramai consolidati, quali ad esempio l Ires Piemonte. Regione Piemonte Ires Piemonte Politecnico di Torino Università di Torino PROgetto.VAlutazione INEA - Istituto Nazionale di Economia Agraria Regione Autonoma Valle d Aosta Sviluppo Italia LAMORO MINOM Agriconsulting S.p.A. Associazione Bartola Comunità Montana Val Ceronda PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Provincia Autonoma di Trento Comunità Montana Pinerolese pedemontano Università di Trento Centro Studi per lo Sviluppo Rurale della Collina Museo tridentino di Scienze Naturali IMONT Istituto Nazionale della Montagna Ecomuseo di Argenta Ecomuseo del Vanoi Ekomuseum Bergslagen 8

11 3. i progetti Le attività di ricerca svolte nel 2006 sono state finalizzate soprattutto a dare continuità e sviluppare ulteriormente i progetti e i rapporti di collaborazione avviati negli anni passati. Due i progetti che hanno impegnato maggiormente I.rur, affrontando varie difficoltà, ma dando anche grande soddisfazione, e cioè la Convenzione con l Ires Piemonte per lo svolgimento di attività di ricerca e di supporto alla Regione Piemonte e all Ires per la programmazione rurale e il progetto Terra e territorio, sempre coordinato dall Ires, ma rivolto al settore ecomuseale. Le attività realizzate nell ambito di queste due iniziative state molto varie ed articolate e questo ha permesso a I.rur di confrontarsi e aprirsi verso l esterno e di mettersi alla prova sotto vari aspetti. Caratteristica comune di entrambi i progetti è stata la necessità del lavoro di squadra, di organizzazione e di coordinamento con altri ricercatori e con gli altri operatori e funzionari coinvolti. Questo fattore, che implica un maggior impegno e sforzo da parte di tutti, è stata sicuramente una occasione di crescita per l associazione e per i suoi ricercatori. Alcuni aspetti hanno funzionato da subito con successo, altri probabilmente andranno rivisti e migliorati per le attività a venire, ma da questi progetti abbiamo sicuramente tutti appreso qualcosa. In particolare la Convenzione con Ires Piemonte in tema di agricoltura e sviluppo rurale ha dato l avvio a un progetto, Adotta una filiera, propedeutico alla costituzione di un futuro osservatorio agroalimentare del Piemonte, iniziativa nel quale I.rur crede molto e sulla quale ha quindi dedicato molte energie. Anche le attività dedicate alla redazione del nuovo PSR della Regione Piemonte hanno impegnato molto alcuni dei ricercatori dell associazione, con l obiettivo di fornire supporto scientifico agli uffici regionali e all Ires Piemonte in quello che, si diceva, è stato un grande lavoro di squadra (partecipazione al gruppo di lavoro Ires, partecipazione e collaborazione con i Tavoli di filiera, riunioni con i responsabili delle Misure per il PSR, ecc.). Sul fronte dell area Territorio, il progetto più significativo è stato quello legato alla ricerca Terra e territorio che, per le dinamiche, contenuti, modalità di rappresentazione previsti (realizzazione di una esposizione itinerante per gli ecomusei) è stata fonte di molti stimoli per i ricercatori di I.rur coinvolti e ha permesso di venire a conoscenza e confrontarsi con piccole ma significative realtà di gestione del territorio. Parallelamente, I.rur ha proseguito le attività legate alla Rete europea e nazionale degli ecomusei, partecipando ai vari workshop realizzati nel corso dell anno: quello nazionale, tenutosi in Lombardia a luglio 2006, e quello europeo, che ha avuto luogo ad ottobre 2006 in Svezia. Come sempre queste sono state occasioni per incontrare nuovi e vecchi amici degli ecomusei per poter creare occasioni di confronto e di collaborazione nell ambito della rete. Tra i progetti nuovi, di estremo interesse sono stati il progetto Anguana 2 realizzato con l Istituto Nazionale della Montagna e il Museo Tridentino di Scienze Naturali per la realizzazione di un portale sulla montagna, e l avvio del progetto Extramet, coordinato dalla Regione Piemonte, che ha permesso a I.rur di avvicinarsi al settore della pianificazione territoriale e approfondire le problematiche dell agricoltura periurbana. L area legata al Comparto agroalimentare è quello sul quale I.rur intende in futuro dedicare maggiori energie. Quest anno I.rur, cogliendo l importanza, ma anche le possibili incongruenze, della sfida delle energie rinnovabili in rapporto all agricoltura, ha partecipato ad un progetto sull utilizzo del girasole a scopo energetico, realizzando la parte metodologica di analisi e rilevazione dei dati presso le aziende. 9

12 comparto agro-alimentare Progetto Girasole Committente: ETS - Ecotermica Servizi Tipo di attività: studio e ricerca Gruppo di lavoro: Roberto Cagliero e Luca Milanetto (I.rur Innovazione rurale); Roberto Avetrani (collaboratore I.rur Innovazione rurale) L intervento, conclusosi nel corso del 2006, era finalizzato a produrre uno studio in merito alla fattibilità, dal punto di vista della produzione primaria, di una introduzione nella composizione colturale di coltivazioni utilizzabili come fonte bioenergetica; in particolare lo studio indagava le possibilità di introduzione della coltivazione del girasole, a partire dal quadro di sperimentazione già attivato dall azienda Ecotermica Servizi di Savigliano (CN). In senso generale, sono stati analizzati due aspetti, fortemente integrati tra loro: la componente agronomica; la componente economica. Il progetto, nonostante una prospettiva iniziale molto interessante e innovativa, ha conosciuto un certo ridimensionamento in fase di realizzazione. Il focus del progetto è stato quindi spostato su aspetti metodologici, quali il sistema di rilevazione e le tecniche analitiche. I.rur ha prodotto un inquadramento di contesto (economico e politico) della fattibilità di una filiera energetica a partire da produzioni erbacee. Tale analisi si è avvalsa anche di una specifica tecnica analitica basata sull osservazione di sensitività. Inoltre, si è predisposto un sistema di rilevazione diretta in azienda per valutare sia a livello aziendale che di processo la fattibilità in termini economici e tecnici. Nell ambito della ricerca sono state predisposte le schede di rilevazione (scheda aziendale e scheda di processo) ed è stata redatta una relazione metodologica, con l utilizzo dell analisi di sensività. I contenuti della ricerca sono stati illustrati dai ricercatori di I.rur nell ambito di un convegno intitolato Oli vegetali ad uso energetico, promosso dall azienda Ecotermica e tenutosi a Savigliano (CN) il 10 giugno

13 politiche rurali Convenzione Ires Piemonte I.rur 2006 Contributo di ricerca in materia di agricoltura e sviluppo rurale Committente: Ires Piemonte Stefano Aimone (referente e coordinatore) Tipo di attività: supporto scientifico, attività di ricerca e osservatorio Gruppo di lavoro: gruppo di lavoro I.rur, collaboratori esterni di I.rur, Ires Piemonte e collaboratori Ires Nel 2006 è stata rinnovata la Convenzione annuale tra Ires Piemonte e I.rur per lo svolgimento di attività di supporto di vario tipo all Ires Piemonte e alla Regione Piemonte Direzioni regionali 11, 12, 13. Esattamente come la Convenzione dell anno 2005, nell ambito dell incarico erano previste attività di tipo continuativo e attività su progetto, che danno continuità a quanto avviato nel corso dell anno precedente. Attività continuative: - supporto all attività di osservatorio già presente presso l Ires Piemonte; - realizzazione di prodotti editoriali e organizzazione di eventi legati alle attività di osservatorio, in particolare inerenti la Relazione annuale e triennale dell Ires Piemonte e l analisi congiunturale per la Relazione annuale di esecuzione del PSR della Regione Piemonte; - supporto scientifico e relazioni esterne, in particolare inerenti le metodologie utili alla programmazione all analisi dello sviluppo rurale e la gestione dei rapporti con le istituzioni locali, nazionali ed europee operanti nel settore. Attività a progetto: - supporto alla concezione del Piano di sviluppo rurale e ai Tavoli di filiera; - supporto metodologico all organizzazione del sotto-sistema informativo decisionale del PSR e alla valorizzazione a fini decisionali delle basi di dati di origine amministrativa; - implementazione del nuovo Osservatorio Agroalimentare del Piemonte. Si riporta il dettaglio delle attività svolte e delle metodologie utilizzate dei progetti prioritari realizzate nell ambito della Convenzione annuale Ires I.rur. SUPPORTO ALLA CONCEZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE E AI TAVOLI DI FILIERA, VALUTAZIONE EX-ANTE Nell ambito delle attività di redazione del nuovo PSR della Regione Piemonte, particolare importanza hanno rivestito due specifiche attività: la Valutazione ex-ante e la costituzione dei Tavoli di filiera. Una delle riunioni presso il Settore Agricoltura Regione Piemonte. In merito alla prima, I.rur ha affiancato Ires Piemonte, R&P e il team dei valutatori ambientali nelle attività di valutazione del Programma: analisi di contesto, analisi di coerenza, analisi del valore aggiunto, analisi dei sistemi di monitoraggio, VAS. I risultati di tali lavori sono stati raccolti nello specifico documento di Valutazione ex-ante, a cura di Ires Piemonte. La secondo attività ha interessato una modalità di consultazione innovativa, mirata ad acquisire sia informazioni sia indicazioni in merito alla stesura del Programma. La costituzione dei Tavoli di filiera, infatti, si proponeva un ciclo di lavoro partecipato, a cui hanno preso parte gli operatori, pubblici e privati, interessati alle singole filiere, dietro il coordinamento di 11

14 Ires Piemonte. I Tavoli di filiera hanno riguardato i più importanti comparti agroalimentari piemontesi e i settori della bioenergia e del legno. L'obiettivo era quello di individuare le criticità di ciascun settore ed elaborare le possibili soluzioni; infatti i gruppi di lavoro hanno presentato un report, contenente indicazioni utili per la predisposizione e l'attuazione del PSR 2007/2013. I.rur ha partecipato alla maggior parte dei Tavoli, collaborando attivamente sia in sede di incontri sia nella predisposizione e redazione finale dei documenti. Pubblicazioni e materiali disponibili Sezione del sito della Regione Piemonte dedicato al PSR dove è possibile scaricare gran parte delle relazioni e dei documenti di lavoro: SUPPORTO METODOLOGICO ALL ORGANIZZAZIONE DEL SOTTO-SISTEMA INFORMATIVO DECISIONALE DEL PSR E ALLA VALORIZZAZIONE A FINI DECISIONALI DELLE BASI DI DATI DI ORIGINE AMMINISTRATIVA Nell'ambito delle attività, delle riunioni e degli incontri svolti sono stati prodotti documenti e relazioni tecniche per la Regione Piemonte e per il CSI. Il lavoro svolto da I.rur ha interessato, nel dettaglio, l analisi delle informazioni disponibili in relazione alle future attività di sorveglianza, valutazione e monitoraggio per il prossimo PSR In collaborazione con Michela Sigliano del CSI i ricercatori I.rur hanno, inoltre, prodotto un articolo a carattere divulgativo sui cosiddetti cruscotti decisionali. Il cruscotto decisionale è uno strumento sintetico e semplice che consente di avere informazioni immediate sull andamento di un programma, a partire da un giudizio aggregato, fino ad arrivare alle informazioni di dettaglio. Attualmente il servizio è direttamente disponibile sul portale della Regione Piemonte. L articolo è di prossima pubblicazione sul Bollettino dell Osservatorio Politiche Strutturali dell Istituto Nazionale di Economia Agraria. Schermata dei cruscotti Pubblicazioni e materiali disponibili Sezione del sito della Regione Piemonte: 12

15 IMPLEMETAZIONE DEL NUOVO OSSERVATORIO AGROALIMENTARE DEL PIEMONTE \ PROGETTO ADOTTA UNA FILIERA Gruppo di lavoro: Patrizia Borsotto (coordinatore collaboratore I.rur); Roberto Cagliero - filiera COP; Luca Milanetto filiera Riso; Giorgia Pastorino filiere Zootecnia da carne bovini, suini, avicoli; Stefania Tron filiere Florovivaismo, Ortofrutta e Frutta a Guscio (I.rur - Innovazione rurale); Giovanna Perino - filiera Zootecnia da latte (Ires Piemonte); Corrado Germano filiere Bioenergie e Legno; Roberto Avetrani filiera Vite (collaboratori I.rur Innovazione rurale). Nel corso del 2006 ha avuto avvio un progetto piuttosto articolato denominato da I.rur Adotta una filiera e che rappresentava lo stadio preliminare per la costituzione dell Osservatorio agroalimentare del Piemonte. Il progetto ha avuto le seguenti fasi: - individuazione delle filiere di maggior interesse per la realtà agricola piemontese: per tale attività sono state utili le indicazioni date dall Ires Piemonte, la ricerca realizzata da I.rur sugli Osservatori agroalimentari in Italia, le informazioni acquisite nell ambito dei Tavoli di Filiera agroalimentare organizzati dalla Regione Piemonte in vista della programmazione rurale a cui ha partecipato anche I.rur. Le filiere individuate sono: zootecnia (bovino da latte, bovino da carne, suino, avicolo), ortofrutta e frutta a guscio, vino, riso, cereali (COP); florovivaismo; bioenergie e legno; - avvio del progetto denominato Adotta una filiera : si è formato un gruppo di lavoro multidisciplinare, opportunamente coordinato, composto da figure con formazione non esclusiva in ambito agricolo ma che si occupano a vario titolo di tematiche agricole. Ogni componente del gruppo è responsabile di una o più filiere delle quali cura l analisi congiunturale e l andamento annuale con riferimento alla regione Piemonte. L idea alla base dell iniziativa è che, appunto, ogni componente del gruppo adotti in senso metaforico una più filiere agroalimentari, prendendosene, dunque, cura e seguendone con attenzione gli sviluppi; - formazione: sono state organizzate giornate formative, in particolare sulla conoscenza e sull utilizzo delle principali fonti statistiche esistenti in agricoltura e sulla normativa comunitaria in ambito agricolo; - creazione di una segreteria organizzativa con il compito sia di fornire, organizzare e aggiornare il Data Base per il monitoraggio delle singole filiere, sia di favorire l aggiornamento informativo del gruppo di lavoro attraverso la redazione di una rassegna stampa settimanale delle principali riviste di settore che viene divulgata a mezzo newsletter; - realizzazione di una metodologia comune di analisi delle filiere: è stato messo a punto un protocollo di raccolta dati che permette, con cadenza bimestrale, di descrivere in modo omogeneo l andamento congiunturale delle singole filiere. I risultati più importanti raggiunti in questi primi mesi di attività è stata la produzione di una rassegna stampa settimanale a cura della segreteria, la redazione di due report bimestrali (luglio e ottobre 2006) e a fine 2006 erano in fase di predisposizione i report sull andamento annuale della filiera, anno Si prevede, inoltre, di realizzare una pubblicazione con i contenuti e i risultati del lavoro di ricerca sulle filiere per l anno Pubblicazioni e materiali disponibili E in corso di pubblicazione un articolo dal titolo Il progetto ADOTTA UNA FILIERA, a cura di P. Borsotto (INEA e collaboratrice I.rur) e G. Pastorino (I.rur Innovazione rurale), in collaborazione con l Ires Piemonte, che descrive i percorso e i risultati dell esperienza Adotta una filiera. 13

16 Strategia unitaria regionale per le politiche di sviluppo cofinanziabili dai fondi strutturali comunitari e dal fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale nel periodo 2007/13 (Gruppo di Sostegno Tecnico) Committente: Agrinconsulting S.p.A. Tipo di attività: valutazione Gruppo di lavoro: Francesco Luci (Agricolsulting Spa) referente. Roberto Cagliero e Luca Milanetto (I.rur Innovazione rurale). Si è conclusa nel 2006 l attività relativa alla redazione della strategia unitaria regionale da porre a base delle politiche di sviluppo cofinanziabili dai fondi strutturali comunitari e dal fondo per lo sviluppo rurale, nel periodo Lea attività a cui I.rur ha partecipato sono state: 1. analisi di secondo livello delle caratteristiche strutturali e dell evoluzione del contesto socio-economico, territoriale ed ambientale regionale; 2. analisi qualitativa del grado di integrazione delle strategie e delle linee di intervento dei programmi dei fondi strutturali del periodo 2000/2006 con i principali strumenti di pianificazione elaborati a livello regionale e del grado di integrazione nella gestione dei programmi; 3. costruzione di scenari condivisi delle evoluzioni attese nel contesto socioeconomico e territoriale anche attraverso il coinvolgimento di testimoni privilegiati del tessuto socio-economico e istituzionale della Regione; 4. individuazione degli obiettivi prioritari su cui articolare la strategia regionale delle linee di intervento da attuare in forma coordinata con ciascuno degli strumenti di programmazione disponibili nel nuovo periodo, con riferimento alle priorità di interesse della Valle d Aosta e ai corrispondenti ambiti tematici. Per quanto riguarda la metodologia utilizzata, a fianco di analisi di tipo desk della normativa presente e futura e dei progetti in corso, il progetto ha utilizzato diverse tecniche sul campo. In particolare, oltre a interviste semistrutturate, si sono utilizzate specifiche e innovative metodologie di focus (tecniche GOPP) e altre analisi qualitative. Da rilevare, inoltre, la predisposizione di tecniche ad hoc per l individuazione degli obiettivi finali in collegamento con le risultanze delle diverse fasi di ricerca e della SWOT condotta sui futuri strumenti di sostegno. Il progetto ha avuto risvolti operativi particolarmente significativi, poiché il risultato finale del lavoro operato dal CSC, a partire dalle relazioni del GST, è stato utilizzato per la stesura dei documenti di programmazione in Valle d Aosta (POR e PSR). Pubblicazioni e materiali disponibili Documento Strategico Preliminare - Proposta di strategia unitaria : 594?OpenDocument 14

17 Interreg III B MEDOCC - Progetto Extramet Committente: Regione Piemonte Settore Pianificazione territoriale operativa Tipo di attività: studio e ricerca Gruppo di lavoro: Mariella Olivier referente (Regione Piemonte). Roberto Cagliero e Luca Milanetto (I.rur Innovazione rurale). Il progetto, finanziato nell ambito del programma INTERREG III B MEDOCC, è finalizzato all elaborazione di una proposta metodologica orientata alla promozione della multifunzionalità delle aziende e ad accrescere la valenza ambientale delle aree periurbane per uno sviluppo più equilibrato dell area metropolitana torinese. Nell ambito del progetto comunitario, ogni partner deve sperimentare tale metodologia su un caso pilota: per la Regione Piemonte l area Il logo del progetto selezionata è quella del Chierese. Per la sviluppo delle attività relative al caso pilota ci si avvale degli studi e delle analisi redatte da varie istituzioni (Ires Piemonte, Regione Piemonte, Provincia di Torino, Comuni, Università) che costituiranno la base per l elaborazione del Piano integrato dell area interessata. La metodologia e il contenuto di tale strumento saranno costruiti e condivisi attraverso il dialogo e il confronto con le amministrazioni locali (Provincia e Comuni), gli operatori di settore, le associazioni di categoria e in stretto rapporto con le Direzioni regionali interessate. Le fasi previste del progetto sono: - analisi dei documenti di programmazione a livello comunitario, nazionale e regionale, secondo l approccio strategico, nonché di eventuale documentazione esterna (DSR di altre Amministrazioni); - valutazione del patrimonio relazionale dell agricoltura periurbana (organizzazioni professionali, associazionismo, cooperazione, rapporti tra diverse fasi); analisi del tessuto istituzionale, con valutazione di eventuale overlapping; analisi di altri soggetti esterni al mondo agricolo (es. ecomusei, associazioni culturali) potenzialmente interessanti; - individuazione di eventuali condizioni di organizzazione collettiva sia a carattere settoriale sia a carattere territoriale (filiera, cluster, ); - analisi Swot con tecnica relazionale sviluppata in chiave territoriale e rispetto all agroecosistema e alla struttura delle aziende; - individuazione di scenari possibili a partire dall esito dell analisi Swot; - valutazione ex ante del Piano (analisi di coerenza interna ed esterna, analisi logical framework, analisi di equilibrio delle risorse, definizione di indicatori piano specifici, anche in funzione di attività di monitoraggio); - analisi e individuazione di eventuali necessità di strumenti a carattere contrattuale; - individuazione di eventuali necessità di strumenti specifici di governance, a partire dalle analisi precedenti; - scelta di un territorio periurbano per definire un azione pilota e creazione di partnership con i comuni oggetto di approfondimento; - stesura di un rapporto che descriva l esperienza progettuale conclusa e che sappia illustrare contemporaneamente sia la componente metodologica che il progetto pilota. Oltre alla partecipazione agli aspetti di ricerca dell iniziativa, I.rur è stata coinvolta anche nel Comitato Scientifico dell intero progetto. Extramet è tuttora in corso e si prevede abbia termine a maggio Nell ambito del progetto sono stati organizzati diversi convegni, al quale i ricercatori I.rur hanno preso parte in qualità di relatori (Cfr. capitolo Eventi ). Pubblicazioni e siti Sito internet del progetto: Sono attualmente in corso di pubblicazione due volumi: uno a cura della Regione Piemonte e uno a cura del Comitato Scientifico del progetto. 15

18 territorio Terra e territorio / Genius Loci Committente: Ires Piemonte Tipo di attività: ricerca e analisi Gruppo di lavoro: Maurizio Maggi (Ires Piemonte) - referente. Roberto Cagliero, Stefania Tron (I.rur - Innovazione rurale); Donatella Murtas (Ecomuseo dei Terrazzamenti e della Vite). La ricerca è strettamente correlata alle attività della Rete nazionale ed europea degli ecomusei a cui I.rur partecipa sin dalla sua nascita. Il progetto è finalizzato all individuazione e allo studio di esperienze considerate virtuose di gestione del territorio e del patrimonio che mettano in evidenza le dinamiche, i protagonisti, i metodi di scelta, il modo di vivere il rapporto con il territorio. In altre parole, la finalità generale della ricerca è fornire uno strumento per stimolare la riflessione di comunità e istituzioni e trasmettere un messaggio che spinga alla presa di responsabilità e alla cura del paesaggio: il futuro delle singole realtà territoriali, chiamate nell ambito della ricerca mondi locali, dipende strettamente dalle comunità locali, dal valore dato al territorio e dall interazione che esse hanno con il contesto ambientale e sociale in cui si trovano. I risultati di questo lavoro di ricerca costituiranno il punto di partenza e i contenuti per l allestimento di una mostra itinerante, dal titolo Mondi locali, nome recentemente proposto anche per la Rete europea degli ecomusei. La mostra sarà ospitata nei vari ecomusei appartenenti alla Rete. Parallelamente la ricerca si propone di valorizzare le esperienze di partecipazione realizzate, quali le mappe culturali, in continuità e sintonia con un altra ricerca in corso presso l Ires Piemonte (M. Maggi, D. Murtas, Genius loci, Torino, Ires Piemonte, in corso di pubblicazione). Nell ambito del progetto di ricerca Terra e territorio sono previste le seguenti fasi di lavoro: - individuazione dei contenuti della mostra: essa sarà strutturata su tre isole". La prima isola sarà dedicata ad approfondire il tema delle comunità locali ; la seconda isola porrà in evidenza il valore di luoghi ; la terza isola metterà in relazione i due aspetti, cercando di evidenziare il valore della scelta, quindi i possibili scenari di sviluppo a seconda delle scelte effettuate. Sono previste attività di interazione con i visitatori (lasciare un segno, rispondere a delle domande inerenti il tema affrontato, ecc.); - proposta, individuazione e selezione dei possibili casi da studiare (circa una quindicina in totale su tutte e tre le isole); - studio e approfondimento sui singoli casi tramite interviste, analisi della letteratura esistente e dei dati disponibili; - redazione di report e schede sui singoli casi; - redazione dei testi nella versione definitiva, secondo lo stile e il modello di interpretazione e rappresentazione definito per il mostra con il gruppo di lavoro; - gestione dei contatti e dei rapporti con i fornitori per la realizzazione dell allestimento. La chiusura del progetto (compreso l allestimento della mostra) è prevista per giugno A fine 2006, il gruppo di lavoro era giunto alla selezione dei casi da approfondire, allo studio della letteratura e dati disponibili e stavano per essere avviate le attività di ricerca sul campo e le interviste con testimoni privilegiati. Mondi locali sarà ospitata per la prima volta dall ecomuseo che ospiterà il prossimo workshop della Rete europea degli ecomusei, l Ecomuseo del Casentino, nel settembre

19 Rete europea degli ecomusei Committente: I.rur Innovazione rurale / Ires Piemonte Tipo di attività: networking, formazione, analisi e schedatura Gruppo di lavoro: Maurizio Maggi (Ires Piemonte), Roberto Cagliero e Stefania Tron (I.rur Innovazione rurale). Nel 2006 l attività di I.rur nell ambito della Rete europea degli ecomusei è proseguita in parte in modo autonomo e in parte in stretta relazione con il progetto Terra e territorio dell Ires Piemonte. INCONTRI DELLA RETE NAZIONALE ED EUROPEA DEGLI ECOMUSEI Nel 2006 gli incontri della Rete degli ecomusei esistente sono stati due per la sezione italiana. Incontro nazionale. Trezzo d Adda. 7 9 luglio 2006 L esigenza di organizzare un incontro nazionale è stata sentita in modo congiunto da molti ecomusei ed era basata sulla necessità di discutere e arrivare preparati e con proposte concrete all incontro europeo della rete previsto per l ottobre 2006, soprattutto per quanto riguarda il tema dell organizzazione e dello status della rete. Ad ospitare questo primo workshop nazionale è stato l Ecomuseo Adda di Leonardo, a Trezzo d Adda, provincia di Milano. L incontro si è svolto su due giorni, collegati ad un week end, secondo la formula già sperimentata e apprezzata degli ecomusei di abbinare momenti di discussione e dibattito su temi di interesse locale, nazionale ed europeo, con momenti di visita in loco dell ecomuseo ospitante e attività sul campo. Purtroppo per motivi di lavoro e impegni imprevisti, non tutti gli ecomusei che avevano dato adesione hanno potuto partecipare fisicamente all incontro, tuttavia erano presenti ecomusei di cinque regioni (Lombardia, Trento, Friuli, Lazio e Sardegna e dal Piemonte erano presenti I.rur e Ires Piemonte). Il primo giorno si è discusso sui risultati ottenuti fino a quel momento dai gruppi di lavoro proposti nel corso dell incontro europeo ecomusei dell anno precedente: mostra itinerante, formazione, campi didattici, ricerca, proposta giuridica e organizzativa per la rete. Il dibattito ha riguardato soprattutto il tema della proposta organizzativa e giuridica per la rete, illustrata da Michele Cozzio, responsabile del gruppo di lavoro. Il gruppo discute alla stazione Stallazzo Maurizio Maggi (Ires Piemonte) illustra i risultati dei vari gruppi di lavoro Il secondo giorno, dopo la visita radio guidata al primo nucleo dell Ecomuseo Adda di Leonardo e il pranzo presso la stazione ecomuseale Stallazzo, è proseguito il dibattito in un clima informale e amichevole, finalizzato a definire una proposta concreta da sottoporre agli aderenti della rete che non avevano potuto partecipare al workshop lombardo. Il terzo giorno ha avuto luogo la visita al costituendo Ecomuseo Valtaleggio, con illustrazione del progetto ecomuseale locale e della rete degli ecomusei lombardi. In seguito all incontro nazionale è stata inviata una comunicazione a tutti i membri della rete nazionale con una sintesi dei risultati e delle proposte emerse a Trezzo d Adda. 17

20 Incontro Rete europea ecomusei, Bergslagen, Svezia, ottobre 2006 La ex-scuola del popolo di Brunnsvik L incontro è stato organizzato dall Ecomuseo di Bergslagen dal 10 al 15 ottobre Anche in questa occasione sono stati alternati momenti di dibattito all interno del gruppo, incontri con le istituzioni e le popolazioni locali e visite alle varie strutture e nuclei dell ecomuseo svedese. Erano presenti rappresentanti di ecomusei europei (provenienti da Italia, Polonia, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, oltre che, ovviamente, Svezia) e internazionali (presente un gruppo di ricercatori giapponesi). I.rur ha partecipato con due ricercatori. L alloggiamento era previsto a Brunnsvik nella ex-scuola del popolo, una struttura immersa nel verde vicino a laghi e foreste. Ciò che ha caratterizzato particolarmente questo workshop è stata la possibilità per i partecipanti sia di visitare le cellule ecomuseali, sia di sperimentare i metodi didattici utilizzati in Svezia, orientati prevalentemente al gioco di ruolo e al far vivere in prima persona la tradizione del passato. In altre parole tutti i partecipanti sono stati invitati a calarsi attivamente nella parte degli antichi abitanti del luogo, vestendo costumi e abiti tradizionali, provando a lavorare il ferro, a preparare il pasto per la comunità, a lavorare la terra, ecc., dando vita a momenti di convivialità e ilarità. I membri della rete sperimentano le attività didattiche Numerosi sono stati gli incontri con le comunità locali e con gli operatori ecomuseali del luogo, mentre le occasioni dedicate al dibattito all interno della rete sono stati prevalentemente serali. Le questioni più urgenti da affrontare erano quelle dedicate all organizzazione formale della rete e in particolare l identità della rete (la rete come comunità di pratica?), la posizione da prendere nei confronti di nuovi eventuali ecomusei (chi decide? Con quali criteri? Con che cadenza e con quali strumenti?), grado di formalità e di organizzazione necessario. Il gruppo italiano ha sottoposto ai partecipanti un possibile nome da dare alla rete, cioè Mondi locali, con sottotitolo Rete europea degli ecomusei (in inglese Local worlds. European Network of Ecomuseums ). Resta ancora aperta la questione dell organizzazione e dello status della Rete, probabilmente oggetto del workshop europeo 2007; sono, invece, già state definite e approvate delle Linee guida comuni finalizzate a esplicitare obiettivi, priorità, metodi e approcci metodologici della rete. La prima riunione serale della rete Ires Piemonte ha provveduto alla realizzazione di un nuovo sito per la rete, alla url dove è possibile scaricare anche la sintesi e il programma di tutti i workshop della rete. Il programma 11 ottobre 2006: visita a Gammelgården: primo incontro con le comunità locali e gli ecomusei del luogo. Living History con Britt-Marie Borgström - County Museum di Jamtli. Visita delle Miniere a cielo aperto di Stollberg. Meeting con I volontari che gestiscono il sito. Passeggiata attorno e dentro la miniera- barbecue presso le miniere. Alla sera dopo cena: primo dibattito fra alcuni aderenti della rete europea degli ecomusei. 12 ottobre 2006: visita a Red Earth e sperimentazione di attività legate alla fabbricazione del ferro e alla vita nei boschi con i volontari dell ecomuseo. Nel pomeriggio visita di Lokstallet, coffee-shop ricavato da una vecchia stazione di rifornimento delle vaporiere, e di Kopparverket, antico sito di produzione del rame, 18

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli