AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DEL PARCO E DEL RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DEL PARCO E DEL RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE"

Transcript

1 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DEL PARCO E DEL RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE CPV CUP I62H Il Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane, intende conferire l incarico professionale per la redazione del Piano del Parco e del relativo regolamento di attuazione, secondo finalità, contenuti e procedure indicate nella legge istitutiva (Legge Regionale 47/97) e nello statuto. L'elaborazione del suddetto piano dovrà essere effettuata in coerenza col piano di gestione delle aree Sic e Zps del parco, in corso di avanzata definizione, e mediante l utilizzo degli studi propedeutici inerenti gli aspetti florostici, faunistici, e cartografici già realizzati dal Parco. L incarico sarà conferito ai sensi dell art. 91 del Decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163 e del D.P.R. n. 544/99. Possono proporre la candidatura i soggetti abilitati alla progettazione di opere pubbliche e quindi in possesso dei titoli professionali previsti dall art. 90 comma d (solo se associati con le altre figure richieste nel presente bando), e, f, g, ed h del Decreto legislativo 12 aprile 2006, n Tali soggetti debbono avere i requisiti previsti dagli articoli della legge richiamata, a fianco di ciascuna figura professionale, per quanto riguarda le società professionali, anche quelli previsti dall'art. 54 del D.P.R n Gli interessati dovranno rimettere la propria richiesta, stesa su carta semplice, sottoscritta con firma leggibile da: libero professionista, legale rappresentante di società o da tutti i componenti della A.T.P. e dovrà essere allegata copia del documento di riconoscimento, in corso di validità temporale al momento della data di presentazione dell'istanza, ai sensi del D.P.R. 445/2000. La richiesta dovrà pervenire a mezzo del servizio postale ovvero mediante agenzia di recapito autorizzata o consegna a mano presso il protocollo generale dell Amministrazione, Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Loc. Palazzo snc ACCETTURA (MT), entro il termine ultimo del ore 14:00. Sul plico, oltre che il nome e l'indirizzo del mittente, dovrà essere apposta la dicitura

2 "bando per il conferimento di incarico professionale per l affidamento piano del Parco". Per informazioni Formazione del gruppo professionale richiesto per l espletamento dell incarico: Il gruppo professionale dovrà essere composto dalle seguenti figure: 1. Un esperto in pianificazione territoriale, pianificazione urbanistica, infrastrutture. (a tale figura professionale sarà conferito l incarico di capogruppo ed esso terrà i rapporti con l Amministrazione del parco) Istruzione e Formazione: Laurea in Architettura, Ingegneria e/o Pianificazione Territoriale (vecchio ordinamento). Esperienze lavorative: dovranno essere comprovate esperienze in una o più delle seguenti attività: esperienza in attività di progettazione di opere difesa ambientale e/o di redazione di piani e regolamenti di aree parco. 2. n. 2 Esperti in materie ambientali. Esperto 1: Istruzione e Formazione: Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio e/o difesa del suolo, Scienze Ambientali, Laurea in Biologia, e/o Scienze Naturali. (tutte vecchio ordinamento e con conseguimento di Master e/o di un Dottorato di ricerca e/o borse di studio e/o assegni di ricerche). Esperienze lavorative. 1 Elaborazione di progetti complessi di salvaguardia e valorizzazione di siti e aree naturali protette (Parchi, Riserve, aree SIC, ZPS). 2 Esperienze di lavoro pluridisciplinare per la redazione di piani di caratterizzazione, valutazioni di impatto ambientale, etc. 3 Collaborazioni con Privati, Enti Pubblici e/o Istituti di Ricerca nella elaborazione di studi di funzionamento degli ecosistemi e della loro gestione, di studi sulla conservazione dell'ambiente con particolare riferimento agli aspetti fisici e biologici, studi di protezione del territorio con particolare riferimento alle opere di difesa. Esperto 2: Istruzione e Formazione: Laurea Geologia, Scienze Forestali, Veterinario faunista (tutte vecchio ordinamento e con conseguimento di Master e/o di un Dottorato di ricerca e/o

3 borse di studio e/o assegni di ricerche). Esperienze lavorative : 1 Elaborazione di progetti complessi di salvaguardia e valorizzazione di siti e aree naturali protette (Parchi, Riserve, aree SIC, ZPS). 2 Esperienze di lavoro pluridisciplinare per la redazione di piani di caratterizzazione, valutazioni di impatto ambientale, etc. 3 Collaborazioni con Privati, Enti Pubblici e/o Istituti di Ricerca nella elaborazione di studi di funzionamento degli ecosistemi e della loro gestione, di studi sulla conservazione dell'ambiente con particolare riferimento agli aspetti floro - faunistici, studi di protezione del territorio con particolare riferimento alle opere di difesa. 4. Esperto Paesaggista. Istruzione e Formazione: Laurea in Architettura e/o Ingegneria (vecchio ordinamento). Esperienze lavorative (dovranno essere comprovate esperienze in una o più delle seguenti attività): comprovata esperienza nel settore della redazione di piani paesistici, nella progettazione direzione dei lavori di parchi urbani ed extraurbani, di parchi naturalistici. Termine per il completamento dei servizi: II tempo massimo per il completamento delle prestazioni richieste, complete della consegna di tutti gli elaborati, (dettagliatamente descritti nell allegato 1 : capitolato d affidamento ) è indicata in otto mesi naturali e consecutivi decorrenti dalla data della stipula della convenzione di incarico secondo la seguente articolazione: FASE 1, da completare in mesi 3, comprendente: Lettura dei dati esistenti; Sintesi dei dati esistenti; Integrazioni; «Progetto di Piano del Parco - preliminare; FASE 2, da completare in mesi 5, comprendente Progetto di Piano del Parco - definitivo; Piano del Parco - esecutivo Regolamento e norme di attuazione;

4 I lavori dovranno avere effettivamente avvio entro 15 giorni dalla stipula della convenzione di incarico. Del loro formale avvio dovrà essere data comunicazione scritta alla stazione appaltante. Il calcolo del tempo utile per l'espletamento dell'incarico verrà computato a partire dalla data della comunicazione di avvio dei lavori. I tempi necessari all'espletamento della fase 2 saranno conteggiati a far data dalla comunicazione di approvazione della stesura preliminare dei piani da parte dell'ente appaltante. Compensi e modalità di pagamento Per ciascuno degli incarichi è previsto il seguente compenso lordo onnicomprensivo, da intendersi al lordo di IVA, se dovuta, e di ogni ritenuta previdenziale e di ogni rimborso spese: Esperto in Pianificazione Territoriale e Urbanistica (capogruppo) ,00 Esperto in Materia Ambientali (1) ,00 Esperto in Materia Ambientali (2) ,00 Esperto Paesaggista ,00 TOTALE ,00 I pagamenti avverranno, dietro presentazione di regolare fattura, con le seguenti modalità: il 10 % all'atto della sottoscrizione della convenzione di incarico; ulteriore 30% alla consegna del stesura preliminare dei piani; ulteriore 40% all'approvazione del definitivo da parte dell'ente appaltante; il restante 20% a saldo dopo la avvenuta approvazione degli enti superiori. Modalità di presentazione delle candidature La richiesta di affidamento dovrà contenere i seguenti dati: a) indicazione completa dei dati personali utili ai fini professionali, di ciascun componente il gruppo, compreso il numero e l anno di iscrizione al relativo Ordine professionale e recapito presso cui inviare eventuali comunicazioni; b) ragione sociale del concorrente: studio associato di liberi professionisti, liberi professionisti temporaneamente raggruppati (A.T.P.)

5 dovranno essere indicati i nominativi ed i dati di tutti i partecipanti, del capogruppo con cui l Amministrazione terrà i rapporti e stipulerà apposita convenzione; ciascun componente dovrà produrre dichiarazione di non trovarsi in nessuna delle cause di esclusione previste dalle leggi vigenti. Alla suddetta istanza dovrà essere allegata la seguente documentazione: curriculum professionale di ciascun componente contenente prioritariamente i dati necessari all attribuzione dei punteggi di cui alla modalità di affidamento del presente bando, dovrà allegarsi, inoltre, copia fotostatica di un documento di identità; (il curriculum professionale dovrà essere presentato singolarmente per ciascuna figura professionale a cui ci si candidi). Modalità per l affidamento. Trattandosi di incarico professionale inferiore ai ,00 euro, si procederà all affidamento nel rispetto dei principi di non discriminazione, parità di trattamento, proporzionalità e trasparenza, secondo la procedura prevista dall art. 57 comma 6 del Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 ed al gruppo professionale che otterrà il punteggio maggiore attribuiti in base ai seguenti criteri: Punteggio da attribuire all Esperto in pianificazione territoriale, pianificazione urbanistica, infrastrutture, secondo la seguente griglia: 1) progettazione di opere difesa ambientale e/o di redazione di piani e regolamenti di aree parco: per ogni opera di progettazione o piani parco saranno assegnati punti 5. Punteggio massimo attribuibile 50; Punteggio da attribuire agli Esperti in materie ambientali, secondo la seguente griglia: 1) progettazione complesse di salvaguardia e valorizzazione di siti e aree naturali protette, piani di bonifica e/o caratterizzazioni, studi geologici e/o biologici o floro faunastici: - per ogni opera suddetta saranno assegnati punti 5. Punteggio massimo attribuibile 30;

6 Punteggio da attribuire all Esperto Paesaggista, secondo la seguente griglia: 1) redazione di piani paesistici, progettazione e direzione dei lavori di parchi urbani ed extraurbani, di parchi naturalistici: per ogni opera suddetta saranno assegnati punti 10. Punteggio massimo attribuibile 20; In caso di parità di punteggio si riterranno prioritarie le seguenti valutazioni: presenza nel gruppo di tecnici che hanno svolto nell ambito di amministrazioni pubbliche e/o aziende pubbliche funzioni Dirigente e/o Responsabile di Area Tecnica, Responsabile del Procedimento, Responsabile di Conferenze di Servizi, e qualsiasi altra funzione di natura che richieda atti di determinazioni con valenza esterna, ecc., ammissioni a corsi di qualificazione tenuti da Enti Pubblici, Master e/o Dottorato di ricerca e/o borse di studio e/o assegni di ricerche di natura universitaria. I suddetti requisiti di precedenza si applicheranno nell ordine su riportato, e con l applicazione anche singola. Dalla rosa dei candidati che si proporranno, la stazione appaltante, sulla base del rispetto dei principi di non discriminazione, parità di trattamento, proporzionalità e trasparenza di coloro che si sono proposti, e, comunque, verificata e tenuta presente l'esperienza e la capacità professionale dei candidati, sceglierà il gruppo professionale associato o partecipante in forma societaria, al quale attribuire l'incarico. Si informa che, a sensi e per gli effetti di cui all art. 10 della L n. 675 e s.m.i., i dati personali forniti dal professionista, obbligatori per le finalità connesse al conferimento dell incarico, saranno trattati dal Parco in conformità alle disposizioni contenute nella legge medesima. I dati saranno comunicati, ai sensi dell art. 27 della precitata legge, ai soggetti aventi titolo in virtù di leggi e regolamenti ed all Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici. Il professionista/i partecipante ha la facoltà di esercitare i diritti previsti dall art. 13 della legge stessa. Costituirà ulteriore titolo preferenziale la documentata conoscenza delle problematiche ambientali dell'eco-sistema del Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane, mediante la redazione di studi effettuati in precedenza con committenza dello stesso Ente. Pubblicità: Il presente bando sarà pubblicato: all albo del Parco e dei Comuni di area parco;

7 sul sito del Parco: sul sito : Per la valutazione delle candidature, si provvederà a redigere la graduatoria finale con apposito verbale, redatto da una commissione di n.3 esperti (interni e/o esterni) presieduta dal Direttore del Parco Arch.Remo Votta ACCETTURA, lì II Responsabile del Procedimento Arch.Remo Votta

8 (All. 1) AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI REDAZIONE DEL PIANO DEL PARCO E DEL REGOLAMENTO ATTUATIVO DEL PARCO NATURALE REGIONALE GALLIPOLI COGNATO CAPITOLATO D AFFIDAMENTO

9 Art. 1- Oggetto dell affidamento Il presente capitolato riguarda le modalità di redazione degli strumenti di pianificazione e gestione del parco, previsti dalla Legge Regionale n 47/97. L area di riferimento è quella del Parco Naturale Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane cosi come individuato dalla Legge Regionale, istitutiva del Parco 47/97. La progettazione dovrà tener conto delle indicazioni riportate nella richiamata legge regionale, nonché di tutte le leggi Comunitarie, Nazionali e Regionali vigenti. Piano del Parco Il Piano per il parco dovrà contenere: a) le analisi di base; b) la relazione di sintesi, l'illustrazione degli obiettivi da conseguire e l'indicazione dei modi e dei tempi per l'attuazione del piano medesimo; c) il perimetro definitivo del parco e la relativa zonazione riportata su cartografia catastale e su cartografia del territorio del parco in scala 1: e 1: d) l'organizzazione del territorio e la sua zonazione caratterizzata da forme differenziate di tutela, godimento ed uso, l'individuazione delle probabili aree contigue; e) la normativa ed eventuali regolamenti di settore; f) le destinazioni d'uso pubblico o privato e le relative norme di attuazione con riferimento alle varie aree; g) i diversi gradi e tipi di accessibilità veicolare e pedonale, prevedendo in particolare percorsi, accessi e strutture idonee per i disabili, portatori di handicap e gli anziani; h) i sistemi di attrezzature e servizi per la funzione sociale del parco, quali: musei, centri di visita, uffici informativi, aree di campeggio e attività agrituristiche, sentieri attrezzati, segnaletica; i) gli indirizzi ed i criteri per gli interventi sulla flora, sulla fauna,sugli habitat, sui paesaggi e sui beni naturali e culturali in genere; l) la cartografia monotematica o pluridisciplinare che esplicita gli interventi principali e le peculiarità naturalistiche dell area; m) le aree-corridoio ed i sistemi di collegamento col sistema delle aree protette lucane utili per la fauna selvatica. Regolamento Il Regolamento del parco dovrà disciplinare: a) la tipologia e le modalità di costruzione di opere e manufatti; b) lo svolgimento delle attività artigianali, commerciali, di servizio e agro-silvopastorali; c) lo svolgimento delle attività sportive, ricreative ed educative; d) il soggiorno e la circolazione del pubblico e dei mezzi di trasporto; e) lo svolgimento delle attività di ricerca scientifica e biosanitaria; f) i limiti delle emissioni sonore, luminose o di altro genere, nonché dei fattori di disturbo;

10 g) lo svolgimento delle attività da affidare a interventi di occupazione giovanile e di volontariato, con particolare riferimento alle comunità terapeutiche, e al servizio civile alternativo; h) l'accessibilità nel territorio dell'area protetta attraverso percorsi e strutture per anziani e disabili; i) il regime sanzionatorio previsto dalla normativa vigente relativo alle infrazioni individuate nel regolamento medesimo; l) le modifiche ed i criteri di priorità per le liquidazioni e la corresponsione di affitti, acquisti, espropriazioni ed indennizzi. Il regolamento fa salvi i diritti reali e gli usi civici delle collettività locali. Sono comunque da applicare i principi statuiti dai commi 3 e 4 dell art. 11 della legge 394/91. Costituiscono inoltre riferimento metodologico le linee guida per la gestione dei siti Natura del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio, Servizio Conservazione Natura - e la normativa comunitaria, nazionale, regionale e provinciale ad esse correlata. Art. 2- Ammontare dell affidamento L affidamento ammonta a ,00 comprensivo di IVA, rimborso spese, e di ogni onere relativo a vitto, alloggio,trasporto, assicurazioni e spese del personale utilizzato e comunque di ogni altro onere necessario a rendere le prestazioni fornite a perfetta regola d arte Il costo è comprensivo di tutti gli elementi necessari alla perfetta esecuzione degli elaborati richiesti. In particolare sono compresi eventuali rilievi, campionamenti, materiali, spese di ogni genere, sopralluoghi, eventuali modifiche ed integrazioni richieste durante l iter approvativi, partecipazioni a riunioni e incontri e quant altro necessario a conseguire il miglior risultato dei lavori da svolgere e fino alla definitiva approvazione degli strumenti di pianificazione. Art. 3- Pianificazione Il Piano del Parco, dovrà rapportarsi in maniera diretta al contesto territoriale e in particolare ai PRGC o RU vigenti e agli altri strumenti di pianificazione operanti sul territorio e di competenza di altri soggetti istituzionali. L iter progettuale dovrà: - comprendere fasi di confronto con i piani urbanistici e territoriali; - verificare la compatibilità tra le destinazioni d uso in atto o previste e le finalità istituzionali del Parco; - prevedere fasi di partecipazione e confronto con tutti i soggetti istituzionali, i cittadini e le associazioni ambientaliste, sia attraverso le consultazioni sia attraverso l uso di forme idonee di comunicazione; - individuare e proporre protocolli d intesa, intese, patti istituzionali o accordi con le amministrazioni territoriali per coordinare le azioni di concreta realizzazione del piano. Art. 4- Redazione elaborati richiesti La redazione degli elaborati di piano deve essere comprensiva di tutte le integrazioni o revisioni richieste dagli enti preposti, fino al provvedimento regionale di approvazione del piano, senza che ciò comporti alcun onere aggiunto. Dovranno essere predisposti: -il progetto preliminare di piano, contenente il quadro conoscitivo dell area, l individuazione

11 delle emergenze,la fase di interpretazione e sintesi, la valutazione dei fattori di criticità e dei fattori qualificanti e lo schema di zonizzazione - il progetto definitivo, con le norme di attuazione. Durante le suddette fasi di elaborazione dovranno essere predisposti ( a cura e spese del soggetto aggiudicatario della gara) appositi strumenti di comunicazione (pannelli espositivi, proiezioni multimediali, convegni, ecc.) in grado rendere informata la popolazione residente nell area del Parco. Art.5- Coordinamento All interno del gruppo di progettazione sarà individuato un coordinatore scientifico che dovrà curare i rapporti con la Direzione dell Ente Parco che svolgerà le funzioni di coordinamento generale del progetto. Art. 6- Struttura del Piano La struttura del Piano dovrà essere la seguente: 1. Quadro informativo di base: Si tratta di indagini che richiedono: - valutazione e individuazione delle specificità (risorse, caratteri, problemi) dell area e delle richieste sociali; - individuazione dei territori esterni limitrofi all area protetta che completano gli ecosistemi presenti all interno del Parco, - verifica dei dati cartografici esistenti per assicurarne la coerenza ai fini della formazione del Sistema Informativo del Parco. I dati analitici dei diversi settori disciplinari vanno ordinati in tre sistemi (fisico, biologico e antropico). Vanno prese in esame le relazioni esistenti all interno di ciascun sistema e fra i diversi sistemi sulla base delle problematiche prevalenti dell area oggetto di studio. Vanno specificamente valutate le emergenze ambientali considerate nel loro ambito relazionale, sulla base di criteri quali la rappresentatività, la tipicità, la fragilità, la rinnovabilità, la naturalità, ecc. Tutte le indagini dovranno essere eseguite ed articolate tenendo conto delle specificità delle zone costituenti il Parco. Le indagini, gli studi e le restituzioni dovranno essere estese anche zone di reperimento di eventuali aree contigue. Dovrà essere curata la raccolta di tutte le informazioni sull area pubblicate e/o disponibili presso gli Enti pubblici competenti territorialmente e presso il Centro Cartografico Regionale. Le rappresentazioni cartografiche di analisi devono essere in forma digitalizzata in scala 1/ con rappresentazioni d insieme in scala 1/ e approfondimenti in scala 1/ Sistema Fisico 1.1 Inquadramento biogeografico e territoriale e realizzazione di base topografica

12 omogenea, su scala 1: su base IGM digitalizzata.o sul sistema cartografico regionale, sulla quale andranno eseguite verifiche e integrazioni, in particolare per quanto riguarda la toponomastica e la viabilità. 1.2 Proprietà pubbliche e private, riportate su base cartografica 1: e su scala catastale omogenea, tutto in formato digitale. 1.3.Carta geomorfologia e della stabilità dei versanti: su base IGM scala 1/ digitalizzata. confrontata con le ortofoto in scala 1:10.000, le fotografie aeree e le carte tematiche (idrogeologiche, geologiche, forestali, ecc. in possesso della Regione Basilicata). I dati dovranno essere acquisisti ed analizzati al fine della caratterizzazione del paesaggio, per la presenza di nicchie ecologiche, per la composizione del suolo. 1.4 Carta dell assetto e del rischio idrogeologico: su base IGM scala 1/ digitalizzata. da predisporre anche attraverso l acquisizione e la valutazione critica di quanto contenuto nei PRG dei Comuni del Parco e nella pianificazione della Autorità di bacino in base a quanto disposto dalla legge 183/89 e s.m.i. e dalla legge 365/00. L acquisizione dei dati generali dovrà avvenire attraverso l uso di stazioni metereologiche e con riferimento ad un arco temporale significativo. Dovrà essere finalizzata all individuazione del mesoclima dell area e dovrà inoltre evidenziare la presenza di eventuali microclimi. 1.5 Carta delle isoterme e delle isoiete:in scala Carta della idrologia ed oroidrografia: in scala 1: L acquisizione dei dati dovrà essere finalizzata alla conoscenza del reticolo idrografico anche sotto l aspetto qualitativo. 1.7 Confini: occorre riportare la delimitazione cartografica dei confini e della zonizzazione secondo le specificazioni migliorative a scala catastale. Sempre in formato digitale in scala 1: e in base IGM digitalizzata. Sistema Biologico 1.8. Carta delle tipologie ambientali, in scala 1/ e in base IGM digitalizzata 1.9. Uso del suolo, scala 1/ e in base IGM digitalizzata 1.10 Carta dei tipi forestali, scala 1/ e in base IGM digitalizzata 1.11 Carta delle presenze e delle emergenze faunistiche: scala 1/ e in base IGM digitalizzata. Comprende: l acquisizione dei dati esistenti e la definizione delle emergenze faunistiche; la definizione dei siti sul territorio vulnerabili e delle aree potenziali per progetti di reintroduzione; l individuazione di specie e aree critiche per gli interventi gestionali Carta delle emergenze floristiche e vegetazionali: scala 1/ e in base IGM digitalizzata.

13 Comprende: l acquisizione dei dati esistenti e loro valutazione caratterizzata sotto gli aspetti fisionomici, tassonomici e fitosociologici. Lo studio dovrà porre in evidenza il grado di copertura, la diversità specifica, lo stato di degrado, gli endemismi, le specie rare e quelle in pericolo di conservazione, il censimento degli alberi monumentali e di interesse storico; l'inventario forestale Carta pedologica: scala 1: e in base IGM digitalizzata. Comprende:L acquisizione dei dati e la loro valutazione dovrà essere finalizzata all individuazione delle influenze esercitate sulle diverse biocenosi. Sistema Antropico 1.14 Inventario dei sistemi urbani: dei nuclei storici, degli agglomerati rurali, degli insediamenti industriali storici, delle presenze monastiche, delle infrastrutture e dei servizi; sistemi di attrezzature e servizi per la gestione e la fruizione sociale del arco inventario delle realtà museali esistenti ed in progetto, del tessuto scolastico, delle infrastrutture pubbliche di interesse culturale e sportivo, degli eventuali insediamenti e testimonianze preistorici, dei siti archeologici; 1.16 inventario della ricettività turistica per tipologia e capacità di accoglienza: valutazione dei flussi turistici attuali e potenziali; cartografia 1:25.000; 1.17 inventario delle strutture produttive, forestali ed agricole, sia in fase produttiva che in abbandono; 1.18 Accessibilità e infrastrutturazioni: sentieri escursionistici, viabilità forestale, strade a transito veicolare con necessità di regolamentazione, trasporti pubblici, parcheggi. Da integrare e completare con aggiornamenti relativi anche all accessibilità veicolare e pedonale, con particolare riguardo a: percorsi, accessi e strutture riservate disabili, portatori di handicap e anziani; sistemi di attrezzature e servizi per la fruizione sociale del Parco Destinazioni urbanistiche: Da integrare e completare con aggiornamenti delle previsioni di assetto del territorio, risultanti da programmi e piani generali, particolareggiati e di settore vigenti 1.20 Analisi e valutazione degli aspetti socio-economici: inventario dei progetti di sviluppo a livello comunale e sovra -comunale, che abbiano effetti sull area a Parco. 2. Quadro interpretativo Le rappresentazioni cartografiche di analisi e di sintesi devono essere in forma digitalizzata, in scala 1/ con approfondimenti in scala 1/ Carta degli elementi strutturanti e caratterizzanti, che rappresenti una visione d insieme degli elementi e dei sistemi di relazione più significativi per una lettura complessiva del territorio del Parco, in scala 1/ e approfondimenti in scala 1/ Carte delle interferenze e dei fattori di criticità da organizzare secondo le categorie del

14 rischio, del degrado e della deperibilità delle risorse, anche ai fini della gradualità livello di protezione, in scala 1/ e approfondimenti in scala 1/ del Tali fattori di criticità, da valutare in relazione all intensità delle pressioni e alla vulnerabilità delle componenti ambientali, possono riguardare, ad esempio: - sistema fisico: dissesti; aspetti legati al campo della protezione civile (alluvioni, frane, incendi); alterazione dell equilibrio idrologico superficiale (bacini artificiali, captazioni e derivazioni, regimazione dei corsi d acqua,) ecc. - sistema biologico: equilibrio degli ecosistemi; vulnerabilità delle risorse primarie; inquinamento; aree agricole interessate da frequentazioni di selvatici; strade, distruzione della vegetazione naturale per scopi agricoli o turistici; criticità per elettrodotti e aereogeneratori ecc. - sistema antropico: carico antropico in aree di rilevante interesse naturalistico; previsioni insediative sovradimensionate; nuclei con alto numero di edifici in stato di abbandono; emergenze storico-culturali in stato di abbandono; degrado del paesaggio agrario tradizionale; usi impropri di aree di interesse architettonico e archeologico; livello di tutela della cultura tradizionale, ecc. In particolare, ai sensi della normativa vigente sulle acque e in particolare dell art. 28 della Legge n. 136/1999, sono da verificare i fattori di criticità legati agli equilibri biologici dei corsi d acqua più a rischio, definendo la: 2.3 Carta dei fattori qualificanti, individuati nei tre sistemi, in scala 1/ e approfondimenti in scala 1/10.000; ad es. per il sistema biologico, presenza di habitat di interesse comunitario, emergenze naturalistiche, biodiversità elevata, corsi d acqua non regimati, sorgenti; per il sistema fisico, emergenze geomorfologiche e geologiche; per il sistema antropico, beni paesistici e architettonici isolati, paesaggio agrario storico, nuclei con impianto originario ben conservato, aspetti di cultura locale, percorsi storici, produzioni agricole o artigianali di pregio, ecc. 2.4 Carta delle unità di paesaggio, in scala 1/ e approfondimenti in scala 1/ intese come parti di territorio, di dimensioni variabili, caratterizzati da uno specifico sistema di relazioni (ecologiche, funzionali, culturali e percettive) tra componenti eterogenei interagenti, che conferiscono un identità e un immagine riconoscibile e distinguibile Aspetti giuridici: inventario delle norme (idrogeologiche, paesistiche, ecc.) agenti sull area; individuazione della legislazione rivolta alla tutela operante nel territorio del Parco; rapporti con gli strumenti di pianificazione territoriale e di settore (piani paesistici, piano di bacino, piani forestali,piani di azione nazionale, ecc.); vincoli e destinazioni d uso esistenti, usi civici, normativa europea in materia ambientale, direttive, protocolli di attuazione. 6. Progetto del piano Le rappresentazioni cartografiche del progetto di piano devono essere in forma digitalizzata in scala 1/ con approfondimenti in scala 1/ gli interventi di tutela attiva per il controllo dei fattori di criticità; - gli interventi di monitoraggio delle condizioni ambientali e le aree di monitoraggio intensivo; - le attrezzature pubbliche o di uso pubblico a servizio delle finalità del parco; - le aree destinate ad interventi di restauro ambientale;

15 - le aree a destinazione forestale o agricola con le relative norme di utilizzazione; - le infrastrutture a servizio dell agricoltura, della silvocultura e della zootecnia e le zone in cui tali attività sono consentite; - le aree attrezzate per la fruizione turistica,naturalistica e culturale e la eventuale previsione di strutture turistico ricettive, commerciali e artigianali; - l individuazione dei possibili piani di settore e i progetti speciali di attuazione, definiti nelle loro caratteristiche principali, nei criteri e nelle scelte progettuali; 6.2 Norme di Attuazione, contenenti: - la normativa per settori tematici; accessibilità e percorsi veicolari e pedonali; sistemi di attrezzature e servizi per la gestione e la funzione sociale del parco; attività ricettive, agro-turistiche e per il turismo all aria aperta; indirizzi e criteri per gli interventi sulla flora, sulla fauna e sull ambiente naturale in genere; modalità di esercizio delle attività agro-silvo-pastorali; definizione dei modi di utilizzazione dell'area protetta per scopi scientifici, culturali e ricreativi; l'individuazione degli interventi conservativi di restauro edilizio e di riqualificazione urbana ed i criteri per la sperimentazione del risparmio e della produzione energetica alternativa non deturpante, il riciclaggio, la raccolta differenziata e l utilizzo dei materiali locali rinnovabili con un piano ecologico i criteri fondamentali per la formazione e la revisione degli strumenti urbanistici comunali. Art. 7 Studi preliminari L Ente Parco mette a disposizione dei partecipanti lo studio preliminare al piano del parco elaborato e composto dai seguenti allegati: Analisi flogistica e vegetazionale Cartografia catastale, ortofoto e IGM 1: Piano faunistico del parco Piano gestione aree Sic e Zps Banca dati flora, fauna, emergenze geologiche, architettura Art. 8 - Struttura del Regolamento del Parco Il Regolamento disciplina le attività consentite entro il territorio del Parco ai sensi delle normative vigenti. Contiene le prescrizioni necessarie alla corretta fruizione delle risorse del Parco e al rispetto della compatibilità ambientale; disciplina le attività e le strutture a cui è affidato l esame delle richieste per il rilascio del nulla osta. L incarico comporta la corretta definizione sotto il profilo giuridico dei contenuti normativi che dovranno essere coerenti con le analisi e il progetto di piano e con le norme di attuazione di esso.

16 Argomenti del Regolamento del Parco 1. Tutela del suolo e del territorio, urbanistica e paesaggio: - Tutela del suolo; - Tutela delle acque e dei corpi idrici in genere ; - Tipologia e modalità di costruzione, manutenzione e restauro di opere e manufatti; utilizzo di modelli, tecniche costruttive e materiali tradizionali, recupero di elementi costruttivi (portali, balconi, inferriate, soglie, cornicioni, camini, ecc.) e tipologici compatibili. - Modalità e utilizzo dei materiali nelle riqualificazioni urbane e nei nuovi insediamenti; - Cartelli e insegne pubblicitarie, svolgimento di attività pubblicitarie 2.Attività economiche, artigianali, commerciali, di servizio e agrosilvopastorali: - Attività compatibili - Attività agro-pastorali - Pianificazione, gestione e miglioramenti forestali, controllo fitopatologico - Attività commerciali, artigianali e di servizio 3.Soggiorno e circolazione del pubblico con qualsiasi mezzo di trasporto - Circolazione con mezzi motorizzati - Viabilità e parcheggi - Accessibilità pedonale - Accessibilità attraverso percorsi e strutture per disabili 4.Tutela della flora, della fauna e delle componenti geologiche - Raccolta delle specie vegetali, di funghi e di altri prodotti del sottobosco - Introduzione di specie vegetali - Tutela della fauna omeoterma ed eteroterma - Abbattimenti e catture - Refusione danni fauna selvatica - Reintroduzioni e ripopolamenti - Asportazione di rocce, minerali, reperti fossili e archeologici - Attività estrattiva e mineraria 5.Norme di utilizzo e di fruizione - Circolazione e sosta con mezzi motorizzati - Attività sportive e ricreative - Sorvolo di aeromobili - Abbandono di rifiuti - Trasporto armi od altri mezzi di cattura - Esplosivi e fuochi pirotecnici - Accensione di fuochi e abbruciamenti - Disturbo della quiete e dell ambiente naturale - Campeggio e bivacco all aperto - Pascolo - Introduzione di cani - Attività di educazione - Attività di ricerca scientifica - Attività turistica, turismo all aria aperta, ecoturismo 6. Sanzioni e Deroghe Art. 9 - Termini di consegna La durata dell incarico per la redazione degli strumenti di pianificazione del Parco è di massimo 240 giorni a partire dalla data della firma della convenzione di incarico.

17 Art Penali Qualora una o più condizioni del presente capitolato non siano rispettate, l Ente si riserva la non corresponsione del pagamento del lavoro svolto in difformità rispetto alle condizioni indicate. Qualora non sia rispettato il termine stabilito per la consegna degli elaborati, imputabili a negligenza del soggetto aggiudicatario, l Ente Parco applicherà una penale giornaliera pari all 0,1% dell importo contrattuale. Art Svolgimento del servizio L incarico si svolgerà secondo le fasi individuate nel bando, salvo motivate variazioni. Il coordinatore e il gruppo di progettazione sono tenuti ad aggiornare periodicamente l Ente Parco sullo stato di avanzamento dei lavori, ai fini del più ampio coordinamento funzionale dei soggetti coinvolti. Art Cauzioni e garanzie Il gruppo aggiudicatario dovrà produrre apposita cauzione garanzia dell esatto adempimento del contratto, nella misura del 10 per cento dell importo netto di affidamento Art.13- Condizioni di pagamento I pagamenti avverranno alle condizioni previste nel bando. Tutti i pagamenti sono comunque subordinati al parere di conformità alla convenzione espressa dalla Direzione dell Ente entro 15 gg. dalla consegna degli elaborati e dietro presentazione di relativa fattura. Art Variazioni al progetto I professionisti aggiudicatari dovranno introdurre al progetto, anche se già elaborato e presentato, le modifiche che saranno ritenute necessarie a giudizio insindacabile dell Ente Parco, fino all approvazione degli strumenti di pianificazione da parte degli enti competenti, senza che ciò dia diritto a speciali e maggiori compensi ma con eventuale proroga dei termini di consegna stabiliti. Art Proprietà dei dati e degli elaborati I dati raccolti e gli elaborati prodotti sono di totale ed esclusiva proprietà dell Ente Parco e andranno forniti in originale alla conclusione dell incarico sia su supporto digitale, in formato consultabile, sia su supporto cartaceo in 5 copie. L Ente Parco si riserva di utilizzarli per i propri fini istituzionali nel modo e con i mezzi che riterrà più opportuni,senza che dai professionisti aggiudicatari possano essere sollevate obiezioni, sempre che non vengano modificati sostanzialmente nei criteri informatori essenziali. Art Divulgazione dei risultati Qualora i professionisti aggiudicatari dell affidamento dell incarico si facciano promotori di e/o partecipino a congressi, convegni e seminari, nel corso dei quali vengano utilizzati i risultati del presente disciplinare, saranno tenuti a concordarne preventivamente le forme con l Ente Parco.

18 Art. 17- Approvazioni La stesura preliminare è sottoposta a parere del Consiglio Direttivo dell Ente Parco. La stesura definitiva del Piano del Parco e del Regolamento sarà adottato dal Consiglio Direttivo, approvato dalla Comunità del parco e dal Consiglio Regionale.. Art Revisione prezzi Non è ammessa alcuna revisione dei prezzi pattuiti, che si intendono comprensivi di ogni onere. Art Clausola risolutiva espressa L incarico si intenderà risolto in caso di mancata ottemperanza a quanto previsto dal presente capitolato. Accettura li Responsabile del Procedimento Arch.Remo Votta

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

ART. 1 Ente appaltante

ART. 1 Ente appaltante La Scuola è sede di progetti Istituto Omnicomprensivo Statale San Demetrio Corone (CS) Dirigenza ed Uffici Amministrativi Via Dante Alighieri, n. 146 87069 San Demetrio Corone (CS) Tel. +39 0984 956086

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO A FAVORE DI GIOVANI LAUREATI (Determinazione del Direttore Generale n. 642 del 06/12/2012) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C Il presente concorso è disciplinato dalla Direttiva 2004/18/CE. I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli