AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DEL PARCO E DEL RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DEL PARCO E DEL RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE"

Transcript

1 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DEL PARCO E DEL RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE CPV CUP I62H Il Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane, intende conferire l incarico professionale per la redazione del Piano del Parco e del relativo regolamento di attuazione, secondo finalità, contenuti e procedure indicate nella legge istitutiva (Legge Regionale 47/97) e nello statuto. L'elaborazione del suddetto piano dovrà essere effettuata in coerenza col piano di gestione delle aree Sic e Zps del parco, in corso di avanzata definizione, e mediante l utilizzo degli studi propedeutici inerenti gli aspetti florostici, faunistici, e cartografici già realizzati dal Parco. L incarico sarà conferito ai sensi dell art. 91 del Decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163 e del D.P.R. n. 544/99. Possono proporre la candidatura i soggetti abilitati alla progettazione di opere pubbliche e quindi in possesso dei titoli professionali previsti dall art. 90 comma d (solo se associati con le altre figure richieste nel presente bando), e, f, g, ed h del Decreto legislativo 12 aprile 2006, n Tali soggetti debbono avere i requisiti previsti dagli articoli della legge richiamata, a fianco di ciascuna figura professionale, per quanto riguarda le società professionali, anche quelli previsti dall'art. 54 del D.P.R n Gli interessati dovranno rimettere la propria richiesta, stesa su carta semplice, sottoscritta con firma leggibile da: libero professionista, legale rappresentante di società o da tutti i componenti della A.T.P. e dovrà essere allegata copia del documento di riconoscimento, in corso di validità temporale al momento della data di presentazione dell'istanza, ai sensi del D.P.R. 445/2000. La richiesta dovrà pervenire a mezzo del servizio postale ovvero mediante agenzia di recapito autorizzata o consegna a mano presso il protocollo generale dell Amministrazione, Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Loc. Palazzo snc ACCETTURA (MT), entro il termine ultimo del ore 14:00. Sul plico, oltre che il nome e l'indirizzo del mittente, dovrà essere apposta la dicitura

2 "bando per il conferimento di incarico professionale per l affidamento piano del Parco". Per informazioni Formazione del gruppo professionale richiesto per l espletamento dell incarico: Il gruppo professionale dovrà essere composto dalle seguenti figure: 1. Un esperto in pianificazione territoriale, pianificazione urbanistica, infrastrutture. (a tale figura professionale sarà conferito l incarico di capogruppo ed esso terrà i rapporti con l Amministrazione del parco) Istruzione e Formazione: Laurea in Architettura, Ingegneria e/o Pianificazione Territoriale (vecchio ordinamento). Esperienze lavorative: dovranno essere comprovate esperienze in una o più delle seguenti attività: esperienza in attività di progettazione di opere difesa ambientale e/o di redazione di piani e regolamenti di aree parco. 2. n. 2 Esperti in materie ambientali. Esperto 1: Istruzione e Formazione: Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio e/o difesa del suolo, Scienze Ambientali, Laurea in Biologia, e/o Scienze Naturali. (tutte vecchio ordinamento e con conseguimento di Master e/o di un Dottorato di ricerca e/o borse di studio e/o assegni di ricerche). Esperienze lavorative. 1 Elaborazione di progetti complessi di salvaguardia e valorizzazione di siti e aree naturali protette (Parchi, Riserve, aree SIC, ZPS). 2 Esperienze di lavoro pluridisciplinare per la redazione di piani di caratterizzazione, valutazioni di impatto ambientale, etc. 3 Collaborazioni con Privati, Enti Pubblici e/o Istituti di Ricerca nella elaborazione di studi di funzionamento degli ecosistemi e della loro gestione, di studi sulla conservazione dell'ambiente con particolare riferimento agli aspetti fisici e biologici, studi di protezione del territorio con particolare riferimento alle opere di difesa. Esperto 2: Istruzione e Formazione: Laurea Geologia, Scienze Forestali, Veterinario faunista (tutte vecchio ordinamento e con conseguimento di Master e/o di un Dottorato di ricerca e/o

3 borse di studio e/o assegni di ricerche). Esperienze lavorative : 1 Elaborazione di progetti complessi di salvaguardia e valorizzazione di siti e aree naturali protette (Parchi, Riserve, aree SIC, ZPS). 2 Esperienze di lavoro pluridisciplinare per la redazione di piani di caratterizzazione, valutazioni di impatto ambientale, etc. 3 Collaborazioni con Privati, Enti Pubblici e/o Istituti di Ricerca nella elaborazione di studi di funzionamento degli ecosistemi e della loro gestione, di studi sulla conservazione dell'ambiente con particolare riferimento agli aspetti floro - faunistici, studi di protezione del territorio con particolare riferimento alle opere di difesa. 4. Esperto Paesaggista. Istruzione e Formazione: Laurea in Architettura e/o Ingegneria (vecchio ordinamento). Esperienze lavorative (dovranno essere comprovate esperienze in una o più delle seguenti attività): comprovata esperienza nel settore della redazione di piani paesistici, nella progettazione direzione dei lavori di parchi urbani ed extraurbani, di parchi naturalistici. Termine per il completamento dei servizi: II tempo massimo per il completamento delle prestazioni richieste, complete della consegna di tutti gli elaborati, (dettagliatamente descritti nell allegato 1 : capitolato d affidamento ) è indicata in otto mesi naturali e consecutivi decorrenti dalla data della stipula della convenzione di incarico secondo la seguente articolazione: FASE 1, da completare in mesi 3, comprendente: Lettura dei dati esistenti; Sintesi dei dati esistenti; Integrazioni; «Progetto di Piano del Parco - preliminare; FASE 2, da completare in mesi 5, comprendente Progetto di Piano del Parco - definitivo; Piano del Parco - esecutivo Regolamento e norme di attuazione;

4 I lavori dovranno avere effettivamente avvio entro 15 giorni dalla stipula della convenzione di incarico. Del loro formale avvio dovrà essere data comunicazione scritta alla stazione appaltante. Il calcolo del tempo utile per l'espletamento dell'incarico verrà computato a partire dalla data della comunicazione di avvio dei lavori. I tempi necessari all'espletamento della fase 2 saranno conteggiati a far data dalla comunicazione di approvazione della stesura preliminare dei piani da parte dell'ente appaltante. Compensi e modalità di pagamento Per ciascuno degli incarichi è previsto il seguente compenso lordo onnicomprensivo, da intendersi al lordo di IVA, se dovuta, e di ogni ritenuta previdenziale e di ogni rimborso spese: Esperto in Pianificazione Territoriale e Urbanistica (capogruppo) ,00 Esperto in Materia Ambientali (1) ,00 Esperto in Materia Ambientali (2) ,00 Esperto Paesaggista ,00 TOTALE ,00 I pagamenti avverranno, dietro presentazione di regolare fattura, con le seguenti modalità: il 10 % all'atto della sottoscrizione della convenzione di incarico; ulteriore 30% alla consegna del stesura preliminare dei piani; ulteriore 40% all'approvazione del definitivo da parte dell'ente appaltante; il restante 20% a saldo dopo la avvenuta approvazione degli enti superiori. Modalità di presentazione delle candidature La richiesta di affidamento dovrà contenere i seguenti dati: a) indicazione completa dei dati personali utili ai fini professionali, di ciascun componente il gruppo, compreso il numero e l anno di iscrizione al relativo Ordine professionale e recapito presso cui inviare eventuali comunicazioni; b) ragione sociale del concorrente: studio associato di liberi professionisti, liberi professionisti temporaneamente raggruppati (A.T.P.)

5 dovranno essere indicati i nominativi ed i dati di tutti i partecipanti, del capogruppo con cui l Amministrazione terrà i rapporti e stipulerà apposita convenzione; ciascun componente dovrà produrre dichiarazione di non trovarsi in nessuna delle cause di esclusione previste dalle leggi vigenti. Alla suddetta istanza dovrà essere allegata la seguente documentazione: curriculum professionale di ciascun componente contenente prioritariamente i dati necessari all attribuzione dei punteggi di cui alla modalità di affidamento del presente bando, dovrà allegarsi, inoltre, copia fotostatica di un documento di identità; (il curriculum professionale dovrà essere presentato singolarmente per ciascuna figura professionale a cui ci si candidi). Modalità per l affidamento. Trattandosi di incarico professionale inferiore ai ,00 euro, si procederà all affidamento nel rispetto dei principi di non discriminazione, parità di trattamento, proporzionalità e trasparenza, secondo la procedura prevista dall art. 57 comma 6 del Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 ed al gruppo professionale che otterrà il punteggio maggiore attribuiti in base ai seguenti criteri: Punteggio da attribuire all Esperto in pianificazione territoriale, pianificazione urbanistica, infrastrutture, secondo la seguente griglia: 1) progettazione di opere difesa ambientale e/o di redazione di piani e regolamenti di aree parco: per ogni opera di progettazione o piani parco saranno assegnati punti 5. Punteggio massimo attribuibile 50; Punteggio da attribuire agli Esperti in materie ambientali, secondo la seguente griglia: 1) progettazione complesse di salvaguardia e valorizzazione di siti e aree naturali protette, piani di bonifica e/o caratterizzazioni, studi geologici e/o biologici o floro faunastici: - per ogni opera suddetta saranno assegnati punti 5. Punteggio massimo attribuibile 30;

6 Punteggio da attribuire all Esperto Paesaggista, secondo la seguente griglia: 1) redazione di piani paesistici, progettazione e direzione dei lavori di parchi urbani ed extraurbani, di parchi naturalistici: per ogni opera suddetta saranno assegnati punti 10. Punteggio massimo attribuibile 20; In caso di parità di punteggio si riterranno prioritarie le seguenti valutazioni: presenza nel gruppo di tecnici che hanno svolto nell ambito di amministrazioni pubbliche e/o aziende pubbliche funzioni Dirigente e/o Responsabile di Area Tecnica, Responsabile del Procedimento, Responsabile di Conferenze di Servizi, e qualsiasi altra funzione di natura che richieda atti di determinazioni con valenza esterna, ecc., ammissioni a corsi di qualificazione tenuti da Enti Pubblici, Master e/o Dottorato di ricerca e/o borse di studio e/o assegni di ricerche di natura universitaria. I suddetti requisiti di precedenza si applicheranno nell ordine su riportato, e con l applicazione anche singola. Dalla rosa dei candidati che si proporranno, la stazione appaltante, sulla base del rispetto dei principi di non discriminazione, parità di trattamento, proporzionalità e trasparenza di coloro che si sono proposti, e, comunque, verificata e tenuta presente l'esperienza e la capacità professionale dei candidati, sceglierà il gruppo professionale associato o partecipante in forma societaria, al quale attribuire l'incarico. Si informa che, a sensi e per gli effetti di cui all art. 10 della L n. 675 e s.m.i., i dati personali forniti dal professionista, obbligatori per le finalità connesse al conferimento dell incarico, saranno trattati dal Parco in conformità alle disposizioni contenute nella legge medesima. I dati saranno comunicati, ai sensi dell art. 27 della precitata legge, ai soggetti aventi titolo in virtù di leggi e regolamenti ed all Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici. Il professionista/i partecipante ha la facoltà di esercitare i diritti previsti dall art. 13 della legge stessa. Costituirà ulteriore titolo preferenziale la documentata conoscenza delle problematiche ambientali dell'eco-sistema del Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane, mediante la redazione di studi effettuati in precedenza con committenza dello stesso Ente. Pubblicità: Il presente bando sarà pubblicato: all albo del Parco e dei Comuni di area parco;

7 sul sito del Parco: sul sito : Per la valutazione delle candidature, si provvederà a redigere la graduatoria finale con apposito verbale, redatto da una commissione di n.3 esperti (interni e/o esterni) presieduta dal Direttore del Parco Arch.Remo Votta ACCETTURA, lì II Responsabile del Procedimento Arch.Remo Votta

8 (All. 1) AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI REDAZIONE DEL PIANO DEL PARCO E DEL REGOLAMENTO ATTUATIVO DEL PARCO NATURALE REGIONALE GALLIPOLI COGNATO CAPITOLATO D AFFIDAMENTO

9 Art. 1- Oggetto dell affidamento Il presente capitolato riguarda le modalità di redazione degli strumenti di pianificazione e gestione del parco, previsti dalla Legge Regionale n 47/97. L area di riferimento è quella del Parco Naturale Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane cosi come individuato dalla Legge Regionale, istitutiva del Parco 47/97. La progettazione dovrà tener conto delle indicazioni riportate nella richiamata legge regionale, nonché di tutte le leggi Comunitarie, Nazionali e Regionali vigenti. Piano del Parco Il Piano per il parco dovrà contenere: a) le analisi di base; b) la relazione di sintesi, l'illustrazione degli obiettivi da conseguire e l'indicazione dei modi e dei tempi per l'attuazione del piano medesimo; c) il perimetro definitivo del parco e la relativa zonazione riportata su cartografia catastale e su cartografia del territorio del parco in scala 1: e 1: d) l'organizzazione del territorio e la sua zonazione caratterizzata da forme differenziate di tutela, godimento ed uso, l'individuazione delle probabili aree contigue; e) la normativa ed eventuali regolamenti di settore; f) le destinazioni d'uso pubblico o privato e le relative norme di attuazione con riferimento alle varie aree; g) i diversi gradi e tipi di accessibilità veicolare e pedonale, prevedendo in particolare percorsi, accessi e strutture idonee per i disabili, portatori di handicap e gli anziani; h) i sistemi di attrezzature e servizi per la funzione sociale del parco, quali: musei, centri di visita, uffici informativi, aree di campeggio e attività agrituristiche, sentieri attrezzati, segnaletica; i) gli indirizzi ed i criteri per gli interventi sulla flora, sulla fauna,sugli habitat, sui paesaggi e sui beni naturali e culturali in genere; l) la cartografia monotematica o pluridisciplinare che esplicita gli interventi principali e le peculiarità naturalistiche dell area; m) le aree-corridoio ed i sistemi di collegamento col sistema delle aree protette lucane utili per la fauna selvatica. Regolamento Il Regolamento del parco dovrà disciplinare: a) la tipologia e le modalità di costruzione di opere e manufatti; b) lo svolgimento delle attività artigianali, commerciali, di servizio e agro-silvopastorali; c) lo svolgimento delle attività sportive, ricreative ed educative; d) il soggiorno e la circolazione del pubblico e dei mezzi di trasporto; e) lo svolgimento delle attività di ricerca scientifica e biosanitaria; f) i limiti delle emissioni sonore, luminose o di altro genere, nonché dei fattori di disturbo;

10 g) lo svolgimento delle attività da affidare a interventi di occupazione giovanile e di volontariato, con particolare riferimento alle comunità terapeutiche, e al servizio civile alternativo; h) l'accessibilità nel territorio dell'area protetta attraverso percorsi e strutture per anziani e disabili; i) il regime sanzionatorio previsto dalla normativa vigente relativo alle infrazioni individuate nel regolamento medesimo; l) le modifiche ed i criteri di priorità per le liquidazioni e la corresponsione di affitti, acquisti, espropriazioni ed indennizzi. Il regolamento fa salvi i diritti reali e gli usi civici delle collettività locali. Sono comunque da applicare i principi statuiti dai commi 3 e 4 dell art. 11 della legge 394/91. Costituiscono inoltre riferimento metodologico le linee guida per la gestione dei siti Natura del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio, Servizio Conservazione Natura - e la normativa comunitaria, nazionale, regionale e provinciale ad esse correlata. Art. 2- Ammontare dell affidamento L affidamento ammonta a ,00 comprensivo di IVA, rimborso spese, e di ogni onere relativo a vitto, alloggio,trasporto, assicurazioni e spese del personale utilizzato e comunque di ogni altro onere necessario a rendere le prestazioni fornite a perfetta regola d arte Il costo è comprensivo di tutti gli elementi necessari alla perfetta esecuzione degli elaborati richiesti. In particolare sono compresi eventuali rilievi, campionamenti, materiali, spese di ogni genere, sopralluoghi, eventuali modifiche ed integrazioni richieste durante l iter approvativi, partecipazioni a riunioni e incontri e quant altro necessario a conseguire il miglior risultato dei lavori da svolgere e fino alla definitiva approvazione degli strumenti di pianificazione. Art. 3- Pianificazione Il Piano del Parco, dovrà rapportarsi in maniera diretta al contesto territoriale e in particolare ai PRGC o RU vigenti e agli altri strumenti di pianificazione operanti sul territorio e di competenza di altri soggetti istituzionali. L iter progettuale dovrà: - comprendere fasi di confronto con i piani urbanistici e territoriali; - verificare la compatibilità tra le destinazioni d uso in atto o previste e le finalità istituzionali del Parco; - prevedere fasi di partecipazione e confronto con tutti i soggetti istituzionali, i cittadini e le associazioni ambientaliste, sia attraverso le consultazioni sia attraverso l uso di forme idonee di comunicazione; - individuare e proporre protocolli d intesa, intese, patti istituzionali o accordi con le amministrazioni territoriali per coordinare le azioni di concreta realizzazione del piano. Art. 4- Redazione elaborati richiesti La redazione degli elaborati di piano deve essere comprensiva di tutte le integrazioni o revisioni richieste dagli enti preposti, fino al provvedimento regionale di approvazione del piano, senza che ciò comporti alcun onere aggiunto. Dovranno essere predisposti: -il progetto preliminare di piano, contenente il quadro conoscitivo dell area, l individuazione

11 delle emergenze,la fase di interpretazione e sintesi, la valutazione dei fattori di criticità e dei fattori qualificanti e lo schema di zonizzazione - il progetto definitivo, con le norme di attuazione. Durante le suddette fasi di elaborazione dovranno essere predisposti ( a cura e spese del soggetto aggiudicatario della gara) appositi strumenti di comunicazione (pannelli espositivi, proiezioni multimediali, convegni, ecc.) in grado rendere informata la popolazione residente nell area del Parco. Art.5- Coordinamento All interno del gruppo di progettazione sarà individuato un coordinatore scientifico che dovrà curare i rapporti con la Direzione dell Ente Parco che svolgerà le funzioni di coordinamento generale del progetto. Art. 6- Struttura del Piano La struttura del Piano dovrà essere la seguente: 1. Quadro informativo di base: Si tratta di indagini che richiedono: - valutazione e individuazione delle specificità (risorse, caratteri, problemi) dell area e delle richieste sociali; - individuazione dei territori esterni limitrofi all area protetta che completano gli ecosistemi presenti all interno del Parco, - verifica dei dati cartografici esistenti per assicurarne la coerenza ai fini della formazione del Sistema Informativo del Parco. I dati analitici dei diversi settori disciplinari vanno ordinati in tre sistemi (fisico, biologico e antropico). Vanno prese in esame le relazioni esistenti all interno di ciascun sistema e fra i diversi sistemi sulla base delle problematiche prevalenti dell area oggetto di studio. Vanno specificamente valutate le emergenze ambientali considerate nel loro ambito relazionale, sulla base di criteri quali la rappresentatività, la tipicità, la fragilità, la rinnovabilità, la naturalità, ecc. Tutte le indagini dovranno essere eseguite ed articolate tenendo conto delle specificità delle zone costituenti il Parco. Le indagini, gli studi e le restituzioni dovranno essere estese anche zone di reperimento di eventuali aree contigue. Dovrà essere curata la raccolta di tutte le informazioni sull area pubblicate e/o disponibili presso gli Enti pubblici competenti territorialmente e presso il Centro Cartografico Regionale. Le rappresentazioni cartografiche di analisi devono essere in forma digitalizzata in scala 1/ con rappresentazioni d insieme in scala 1/ e approfondimenti in scala 1/ Sistema Fisico 1.1 Inquadramento biogeografico e territoriale e realizzazione di base topografica

12 omogenea, su scala 1: su base IGM digitalizzata.o sul sistema cartografico regionale, sulla quale andranno eseguite verifiche e integrazioni, in particolare per quanto riguarda la toponomastica e la viabilità. 1.2 Proprietà pubbliche e private, riportate su base cartografica 1: e su scala catastale omogenea, tutto in formato digitale. 1.3.Carta geomorfologia e della stabilità dei versanti: su base IGM scala 1/ digitalizzata. confrontata con le ortofoto in scala 1:10.000, le fotografie aeree e le carte tematiche (idrogeologiche, geologiche, forestali, ecc. in possesso della Regione Basilicata). I dati dovranno essere acquisisti ed analizzati al fine della caratterizzazione del paesaggio, per la presenza di nicchie ecologiche, per la composizione del suolo. 1.4 Carta dell assetto e del rischio idrogeologico: su base IGM scala 1/ digitalizzata. da predisporre anche attraverso l acquisizione e la valutazione critica di quanto contenuto nei PRG dei Comuni del Parco e nella pianificazione della Autorità di bacino in base a quanto disposto dalla legge 183/89 e s.m.i. e dalla legge 365/00. L acquisizione dei dati generali dovrà avvenire attraverso l uso di stazioni metereologiche e con riferimento ad un arco temporale significativo. Dovrà essere finalizzata all individuazione del mesoclima dell area e dovrà inoltre evidenziare la presenza di eventuali microclimi. 1.5 Carta delle isoterme e delle isoiete:in scala Carta della idrologia ed oroidrografia: in scala 1: L acquisizione dei dati dovrà essere finalizzata alla conoscenza del reticolo idrografico anche sotto l aspetto qualitativo. 1.7 Confini: occorre riportare la delimitazione cartografica dei confini e della zonizzazione secondo le specificazioni migliorative a scala catastale. Sempre in formato digitale in scala 1: e in base IGM digitalizzata. Sistema Biologico 1.8. Carta delle tipologie ambientali, in scala 1/ e in base IGM digitalizzata 1.9. Uso del suolo, scala 1/ e in base IGM digitalizzata 1.10 Carta dei tipi forestali, scala 1/ e in base IGM digitalizzata 1.11 Carta delle presenze e delle emergenze faunistiche: scala 1/ e in base IGM digitalizzata. Comprende: l acquisizione dei dati esistenti e la definizione delle emergenze faunistiche; la definizione dei siti sul territorio vulnerabili e delle aree potenziali per progetti di reintroduzione; l individuazione di specie e aree critiche per gli interventi gestionali Carta delle emergenze floristiche e vegetazionali: scala 1/ e in base IGM digitalizzata.

13 Comprende: l acquisizione dei dati esistenti e loro valutazione caratterizzata sotto gli aspetti fisionomici, tassonomici e fitosociologici. Lo studio dovrà porre in evidenza il grado di copertura, la diversità specifica, lo stato di degrado, gli endemismi, le specie rare e quelle in pericolo di conservazione, il censimento degli alberi monumentali e di interesse storico; l'inventario forestale Carta pedologica: scala 1: e in base IGM digitalizzata. Comprende:L acquisizione dei dati e la loro valutazione dovrà essere finalizzata all individuazione delle influenze esercitate sulle diverse biocenosi. Sistema Antropico 1.14 Inventario dei sistemi urbani: dei nuclei storici, degli agglomerati rurali, degli insediamenti industriali storici, delle presenze monastiche, delle infrastrutture e dei servizi; sistemi di attrezzature e servizi per la gestione e la fruizione sociale del arco inventario delle realtà museali esistenti ed in progetto, del tessuto scolastico, delle infrastrutture pubbliche di interesse culturale e sportivo, degli eventuali insediamenti e testimonianze preistorici, dei siti archeologici; 1.16 inventario della ricettività turistica per tipologia e capacità di accoglienza: valutazione dei flussi turistici attuali e potenziali; cartografia 1:25.000; 1.17 inventario delle strutture produttive, forestali ed agricole, sia in fase produttiva che in abbandono; 1.18 Accessibilità e infrastrutturazioni: sentieri escursionistici, viabilità forestale, strade a transito veicolare con necessità di regolamentazione, trasporti pubblici, parcheggi. Da integrare e completare con aggiornamenti relativi anche all accessibilità veicolare e pedonale, con particolare riguardo a: percorsi, accessi e strutture riservate disabili, portatori di handicap e anziani; sistemi di attrezzature e servizi per la fruizione sociale del Parco Destinazioni urbanistiche: Da integrare e completare con aggiornamenti delle previsioni di assetto del territorio, risultanti da programmi e piani generali, particolareggiati e di settore vigenti 1.20 Analisi e valutazione degli aspetti socio-economici: inventario dei progetti di sviluppo a livello comunale e sovra -comunale, che abbiano effetti sull area a Parco. 2. Quadro interpretativo Le rappresentazioni cartografiche di analisi e di sintesi devono essere in forma digitalizzata, in scala 1/ con approfondimenti in scala 1/ Carta degli elementi strutturanti e caratterizzanti, che rappresenti una visione d insieme degli elementi e dei sistemi di relazione più significativi per una lettura complessiva del territorio del Parco, in scala 1/ e approfondimenti in scala 1/ Carte delle interferenze e dei fattori di criticità da organizzare secondo le categorie del

14 rischio, del degrado e della deperibilità delle risorse, anche ai fini della gradualità livello di protezione, in scala 1/ e approfondimenti in scala 1/ del Tali fattori di criticità, da valutare in relazione all intensità delle pressioni e alla vulnerabilità delle componenti ambientali, possono riguardare, ad esempio: - sistema fisico: dissesti; aspetti legati al campo della protezione civile (alluvioni, frane, incendi); alterazione dell equilibrio idrologico superficiale (bacini artificiali, captazioni e derivazioni, regimazione dei corsi d acqua,) ecc. - sistema biologico: equilibrio degli ecosistemi; vulnerabilità delle risorse primarie; inquinamento; aree agricole interessate da frequentazioni di selvatici; strade, distruzione della vegetazione naturale per scopi agricoli o turistici; criticità per elettrodotti e aereogeneratori ecc. - sistema antropico: carico antropico in aree di rilevante interesse naturalistico; previsioni insediative sovradimensionate; nuclei con alto numero di edifici in stato di abbandono; emergenze storico-culturali in stato di abbandono; degrado del paesaggio agrario tradizionale; usi impropri di aree di interesse architettonico e archeologico; livello di tutela della cultura tradizionale, ecc. In particolare, ai sensi della normativa vigente sulle acque e in particolare dell art. 28 della Legge n. 136/1999, sono da verificare i fattori di criticità legati agli equilibri biologici dei corsi d acqua più a rischio, definendo la: 2.3 Carta dei fattori qualificanti, individuati nei tre sistemi, in scala 1/ e approfondimenti in scala 1/10.000; ad es. per il sistema biologico, presenza di habitat di interesse comunitario, emergenze naturalistiche, biodiversità elevata, corsi d acqua non regimati, sorgenti; per il sistema fisico, emergenze geomorfologiche e geologiche; per il sistema antropico, beni paesistici e architettonici isolati, paesaggio agrario storico, nuclei con impianto originario ben conservato, aspetti di cultura locale, percorsi storici, produzioni agricole o artigianali di pregio, ecc. 2.4 Carta delle unità di paesaggio, in scala 1/ e approfondimenti in scala 1/ intese come parti di territorio, di dimensioni variabili, caratterizzati da uno specifico sistema di relazioni (ecologiche, funzionali, culturali e percettive) tra componenti eterogenei interagenti, che conferiscono un identità e un immagine riconoscibile e distinguibile Aspetti giuridici: inventario delle norme (idrogeologiche, paesistiche, ecc.) agenti sull area; individuazione della legislazione rivolta alla tutela operante nel territorio del Parco; rapporti con gli strumenti di pianificazione territoriale e di settore (piani paesistici, piano di bacino, piani forestali,piani di azione nazionale, ecc.); vincoli e destinazioni d uso esistenti, usi civici, normativa europea in materia ambientale, direttive, protocolli di attuazione. 6. Progetto del piano Le rappresentazioni cartografiche del progetto di piano devono essere in forma digitalizzata in scala 1/ con approfondimenti in scala 1/ gli interventi di tutela attiva per il controllo dei fattori di criticità; - gli interventi di monitoraggio delle condizioni ambientali e le aree di monitoraggio intensivo; - le attrezzature pubbliche o di uso pubblico a servizio delle finalità del parco; - le aree destinate ad interventi di restauro ambientale;

15 - le aree a destinazione forestale o agricola con le relative norme di utilizzazione; - le infrastrutture a servizio dell agricoltura, della silvocultura e della zootecnia e le zone in cui tali attività sono consentite; - le aree attrezzate per la fruizione turistica,naturalistica e culturale e la eventuale previsione di strutture turistico ricettive, commerciali e artigianali; - l individuazione dei possibili piani di settore e i progetti speciali di attuazione, definiti nelle loro caratteristiche principali, nei criteri e nelle scelte progettuali; 6.2 Norme di Attuazione, contenenti: - la normativa per settori tematici; accessibilità e percorsi veicolari e pedonali; sistemi di attrezzature e servizi per la gestione e la funzione sociale del parco; attività ricettive, agro-turistiche e per il turismo all aria aperta; indirizzi e criteri per gli interventi sulla flora, sulla fauna e sull ambiente naturale in genere; modalità di esercizio delle attività agro-silvo-pastorali; definizione dei modi di utilizzazione dell'area protetta per scopi scientifici, culturali e ricreativi; l'individuazione degli interventi conservativi di restauro edilizio e di riqualificazione urbana ed i criteri per la sperimentazione del risparmio e della produzione energetica alternativa non deturpante, il riciclaggio, la raccolta differenziata e l utilizzo dei materiali locali rinnovabili con un piano ecologico i criteri fondamentali per la formazione e la revisione degli strumenti urbanistici comunali. Art. 7 Studi preliminari L Ente Parco mette a disposizione dei partecipanti lo studio preliminare al piano del parco elaborato e composto dai seguenti allegati: Analisi flogistica e vegetazionale Cartografia catastale, ortofoto e IGM 1: Piano faunistico del parco Piano gestione aree Sic e Zps Banca dati flora, fauna, emergenze geologiche, architettura Art. 8 - Struttura del Regolamento del Parco Il Regolamento disciplina le attività consentite entro il territorio del Parco ai sensi delle normative vigenti. Contiene le prescrizioni necessarie alla corretta fruizione delle risorse del Parco e al rispetto della compatibilità ambientale; disciplina le attività e le strutture a cui è affidato l esame delle richieste per il rilascio del nulla osta. L incarico comporta la corretta definizione sotto il profilo giuridico dei contenuti normativi che dovranno essere coerenti con le analisi e il progetto di piano e con le norme di attuazione di esso.

16 Argomenti del Regolamento del Parco 1. Tutela del suolo e del territorio, urbanistica e paesaggio: - Tutela del suolo; - Tutela delle acque e dei corpi idrici in genere ; - Tipologia e modalità di costruzione, manutenzione e restauro di opere e manufatti; utilizzo di modelli, tecniche costruttive e materiali tradizionali, recupero di elementi costruttivi (portali, balconi, inferriate, soglie, cornicioni, camini, ecc.) e tipologici compatibili. - Modalità e utilizzo dei materiali nelle riqualificazioni urbane e nei nuovi insediamenti; - Cartelli e insegne pubblicitarie, svolgimento di attività pubblicitarie 2.Attività economiche, artigianali, commerciali, di servizio e agrosilvopastorali: - Attività compatibili - Attività agro-pastorali - Pianificazione, gestione e miglioramenti forestali, controllo fitopatologico - Attività commerciali, artigianali e di servizio 3.Soggiorno e circolazione del pubblico con qualsiasi mezzo di trasporto - Circolazione con mezzi motorizzati - Viabilità e parcheggi - Accessibilità pedonale - Accessibilità attraverso percorsi e strutture per disabili 4.Tutela della flora, della fauna e delle componenti geologiche - Raccolta delle specie vegetali, di funghi e di altri prodotti del sottobosco - Introduzione di specie vegetali - Tutela della fauna omeoterma ed eteroterma - Abbattimenti e catture - Refusione danni fauna selvatica - Reintroduzioni e ripopolamenti - Asportazione di rocce, minerali, reperti fossili e archeologici - Attività estrattiva e mineraria 5.Norme di utilizzo e di fruizione - Circolazione e sosta con mezzi motorizzati - Attività sportive e ricreative - Sorvolo di aeromobili - Abbandono di rifiuti - Trasporto armi od altri mezzi di cattura - Esplosivi e fuochi pirotecnici - Accensione di fuochi e abbruciamenti - Disturbo della quiete e dell ambiente naturale - Campeggio e bivacco all aperto - Pascolo - Introduzione di cani - Attività di educazione - Attività di ricerca scientifica - Attività turistica, turismo all aria aperta, ecoturismo 6. Sanzioni e Deroghe Art. 9 - Termini di consegna La durata dell incarico per la redazione degli strumenti di pianificazione del Parco è di massimo 240 giorni a partire dalla data della firma della convenzione di incarico.

17 Art Penali Qualora una o più condizioni del presente capitolato non siano rispettate, l Ente si riserva la non corresponsione del pagamento del lavoro svolto in difformità rispetto alle condizioni indicate. Qualora non sia rispettato il termine stabilito per la consegna degli elaborati, imputabili a negligenza del soggetto aggiudicatario, l Ente Parco applicherà una penale giornaliera pari all 0,1% dell importo contrattuale. Art Svolgimento del servizio L incarico si svolgerà secondo le fasi individuate nel bando, salvo motivate variazioni. Il coordinatore e il gruppo di progettazione sono tenuti ad aggiornare periodicamente l Ente Parco sullo stato di avanzamento dei lavori, ai fini del più ampio coordinamento funzionale dei soggetti coinvolti. Art Cauzioni e garanzie Il gruppo aggiudicatario dovrà produrre apposita cauzione garanzia dell esatto adempimento del contratto, nella misura del 10 per cento dell importo netto di affidamento Art.13- Condizioni di pagamento I pagamenti avverranno alle condizioni previste nel bando. Tutti i pagamenti sono comunque subordinati al parere di conformità alla convenzione espressa dalla Direzione dell Ente entro 15 gg. dalla consegna degli elaborati e dietro presentazione di relativa fattura. Art Variazioni al progetto I professionisti aggiudicatari dovranno introdurre al progetto, anche se già elaborato e presentato, le modifiche che saranno ritenute necessarie a giudizio insindacabile dell Ente Parco, fino all approvazione degli strumenti di pianificazione da parte degli enti competenti, senza che ciò dia diritto a speciali e maggiori compensi ma con eventuale proroga dei termini di consegna stabiliti. Art Proprietà dei dati e degli elaborati I dati raccolti e gli elaborati prodotti sono di totale ed esclusiva proprietà dell Ente Parco e andranno forniti in originale alla conclusione dell incarico sia su supporto digitale, in formato consultabile, sia su supporto cartaceo in 5 copie. L Ente Parco si riserva di utilizzarli per i propri fini istituzionali nel modo e con i mezzi che riterrà più opportuni,senza che dai professionisti aggiudicatari possano essere sollevate obiezioni, sempre che non vengano modificati sostanzialmente nei criteri informatori essenziali. Art Divulgazione dei risultati Qualora i professionisti aggiudicatari dell affidamento dell incarico si facciano promotori di e/o partecipino a congressi, convegni e seminari, nel corso dei quali vengano utilizzati i risultati del presente disciplinare, saranno tenuti a concordarne preventivamente le forme con l Ente Parco.

18 Art. 17- Approvazioni La stesura preliminare è sottoposta a parere del Consiglio Direttivo dell Ente Parco. La stesura definitiva del Piano del Parco e del Regolamento sarà adottato dal Consiglio Direttivo, approvato dalla Comunità del parco e dal Consiglio Regionale.. Art Revisione prezzi Non è ammessa alcuna revisione dei prezzi pattuiti, che si intendono comprensivi di ogni onere. Art Clausola risolutiva espressa L incarico si intenderà risolto in caso di mancata ottemperanza a quanto previsto dal presente capitolato. Accettura li Responsabile del Procedimento Arch.Remo Votta

REGIONE CALABRIA. ASSESSORATO AMBIENTE E BENI AMBIENTALI TUTELA DELLE COSTE - PARCHI ED AREE PROTETTE Via Cosenza - 88063 Catanzaro Lido

REGIONE CALABRIA. ASSESSORATO AMBIENTE E BENI AMBIENTALI TUTELA DELLE COSTE - PARCHI ED AREE PROTETTE Via Cosenza - 88063 Catanzaro Lido REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AMBIENTE E BENI AMBIENTALI TUTELA DELLE COSTE - PARCHI ED AREE PROTETTE Via Cosenza - 88063 Catanzaro Lido Allegato 2 - BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER LA REDAZIONE DEL

Dettagli

Consorzio del Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline

Consorzio del Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE PER N. 6 ESPERTI PER LA REDAZIONE DEL PIANO DEL PARCO, DEL RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE E DEL PIANO DI RISANAMENTO URBANISTICO

Dettagli

PROGETTAZIONE DEGLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE DEL PARCO CAPITOLATO D APPALTO

PROGETTAZIONE DEGLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE DEL PARCO CAPITOLATO D APPALTO PROGETTAZIONE DEGLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE DEL PARCO CAPITOLATO D APPALTO OTTOBRE 2002 PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO VIA DELLA ROCCA 47 10123 TORINO TEL. 011 8606211 FAX 011 8121305 E-MAIL : segreteria@pngp.it

Dettagli

. per l incarico professionale per la. redazione del Piano antincendio del Parco Nazionale Gran Paradiso,

. per l incarico professionale per la. redazione del Piano antincendio del Parco Nazionale Gran Paradiso, Contratto tra il Parco Nazionale GRAN PARADISO e. per l incarico professionale per la redazione del Piano antincendio del Parco Nazionale Gran Paradiso, ex art. 8, comma secondo, della L. n. 353 del 2000.

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30. Istituzione del Parco naturale regionale. Costa Otranto-S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase.

LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30. Istituzione del Parco naturale regionale. Costa Otranto-S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase. 19196 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 3-11-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30 Istituzione del Parco naturale regionale Costa Otranto-S.

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

COMUNE DI COMO. Riqualificazione di Piazza Roma, Piazza Grimoldi e della Via Pretorio

COMUNE DI COMO. Riqualificazione di Piazza Roma, Piazza Grimoldi e della Via Pretorio COMUNE DI COMO Riqualificazione di Piazza Roma, Piazza Grimoldi e della Via Pretorio PREMESSA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE La presente relazione viene redatta ai sensi degli articoli 93 del

Dettagli

PREMESSE. Allegato sub A)

PREMESSE. Allegato sub A) Allegato sub A) SITI RETE NATURA 2000. DIRETTIVE PER L'APPLICAZIONE DELL'ALLEGTO A) ALLA DGR N. 3173/2006 GUIDA METODOLOGICA PER LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA AI SENSI DELLA DIRETTIVA 92/43/CEE. PREMESSE

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO POST LAUREA PER LO SVOLGIMENTO DI UNA RICERCA DAL TITOLO: GRASTEPP, TRA GRAVINE E STEPPE"

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO POST LAUREA PER LO SVOLGIMENTO DI UNA RICERCA DAL TITOLO: GRASTEPP, TRA GRAVINE E STEPPE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO POST LAUREA PER LO SVOLGIMENTO DI UNA RICERCA DAL TITOLO: GRASTEPP, TRA GRAVINE E STEPPE" Articolo 1 Oggetto del concorso L Ente Parco Nazionale dell Alta

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

CAPVT LIBERVM. Comune di Capoliveri

CAPVT LIBERVM. Comune di Capoliveri CAPVT LIBERVM Comune di Capoliveri 1.Premessa Questa Società, Caput Liberum s.r.l., in esecuzione della Delibera di C.C. n.60 dello 03/11/2010, deve procedere, in qualità di stazione appaltante, all attribuzione

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE via Vincenzo Verrastro, 5-85100 POTENZA dirigente: ing. Maria Carmela BRUNO tel. 0971668875,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SOLAROLI

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SOLAROLI COMUNE DI BRIONA - Provincia di Novara - BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SOLAROLI Vista la deliberazione della Giunta comunale n. 44 del 05/07/2012 con la quale sono stati approvati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO Art.1 Oggetto del regolamento L Ente Parco nei limiti delle

Dettagli

Comune di Ciminà (Provincia di Reggio Calabria) Codice Fiscale 81001890805 Partita IVA 00311550800

Comune di Ciminà (Provincia di Reggio Calabria) Codice Fiscale 81001890805 Partita IVA 00311550800 Comune di Ciminà (Provincia di Reggio Calabria) Codice Fiscale 81001890805 Partita IVA 00311550800 UFFICIO TECNICO Tel. Fax 0964/334012 Prot. 1015 Data 19,04,2013 SCHEMA AVVISO PUBBLICO PER FORMAZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ Allegato alla determinazione n. 91 del 07.08.2009 AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ 1. PREMESSA L Agenzia regionale denominata Conservatoria delle Coste della Sardegna è stata istituita con l art. 16 della legge

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

DIREZIONE LAVORI PUBBLICI Servizio Amministrativo Ufficio Appalti Via Pasini, 76 3605 SCHIO Tel 0445 691318 691325 fax 0445-531075

DIREZIONE LAVORI PUBBLICI Servizio Amministrativo Ufficio Appalti Via Pasini, 76 3605 SCHIO Tel 0445 691318 691325 fax 0445-531075 DIREZIONE LAVORI PUBBLICI Servizio Amministrativo Ufficio Appalti Via Pasini, 76 3605 SCHIO Tel 0445 691318 691325 fax 0445-531075 Prot. n. 56236 3 ottobre 2008 AVVISO PUBBLICO DI PREINFORMAZIONE (art.

Dettagli

DIRETTIVA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ATTINENTI ALL ARCHITETTURA ED ALL INGEGNERIA, ANCHE INTEGRATA, DI IMPORTO COMPLESSIVO PRESUNTO INFERIORE A 100

DIRETTIVA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ATTINENTI ALL ARCHITETTURA ED ALL INGEGNERIA, ANCHE INTEGRATA, DI IMPORTO COMPLESSIVO PRESUNTO INFERIORE A 100 DIRETTIVA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ATTINENTI ALL ARCHITETTURA ED ALL INGEGNERIA, ANCHE INTEGRATA, DI IMPORTO COMPLESSIVO PRESUNTO INFERIORE A 100.000,00 EURO, OGNI ONERE ESCLUSO. (Decreto Rettorale

Dettagli

DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000.

DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000. DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000. IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO Vista la direttiva n. 79/409/CEE del Consiglio del 2 aprile 1979, concernente

Dettagli

COMUNE DI DUGENTA Provincia di Benevento Via Nazionale, 139 cap 82030 - tel.0824/978003 - Fax 0824/978381 E-mail: utc@comune.dugenta.bn.

COMUNE DI DUGENTA Provincia di Benevento Via Nazionale, 139 cap 82030 - tel.0824/978003 - Fax 0824/978381 E-mail: utc@comune.dugenta.bn. COMUNE DI DUGENTA Provincia di Benevento Via Nazionale, 139 cap 82030 - tel.0824/978003 - Fax 0824/978381 E-mail: utc@comune.dugenta.bn.it Prot. 3319 Del 15/06/2010 AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO DI

Dettagli

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Srl Headquarters: Lungo Po Antonelli 21 10153, Torino P.IVA: 10189620015 Telefono: (+39) 011.81.28.684 Fax: (+39) 011.81.27.528 Web: www.envicons.com

Dettagli

un gruppo di progettazione un gruppo operativo Art. 2 Requisiti soggettivi e professionali richiesti.

un gruppo di progettazione un gruppo operativo Art. 2 Requisiti soggettivi e professionali richiesti. AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI CONSULENZA PER LA PREDISPOSIZIONE DI UN PIANO DI MARKETING E COMUNICAZIONE DELLA VALLECAMONICA NEL CONTESTO DEL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL

Dettagli

COMUNE DI CADEO. Provincia di Piacenza Via Emilia n. 149 29010 Roveleto di Cadeo

COMUNE DI CADEO. Provincia di Piacenza Via Emilia n. 149 29010 Roveleto di Cadeo 1 COMUNE DI CADEO Provincia di Piacenza Via Emilia n. 149 29010 Roveleto di Cadeo (schema tipo)(*) DISCIPLINARE D INCARICO PROFESSIONALE ATTINENTE LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA per la realizzazione

Dettagli

PROVINCIA di POTENZA. SETTORE Lavoro, Formazione, Politiche Sociali, Politiche Comunitarie e Giovanili, Internazionalizzazione PMI

PROVINCIA di POTENZA. SETTORE Lavoro, Formazione, Politiche Sociali, Politiche Comunitarie e Giovanili, Internazionalizzazione PMI PROVINCIA di POTENZA SETTORE Lavoro, Formazione, Politiche Sociali, Politiche Comunitarie e Giovanili, Internazionalizzazione PMI AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE FINALIZZATA AL CONFERIMENTO DI N. 3 INCARICHI

Dettagli

BANDO PER CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE ED URBANA DI LARGO MARCO BIAGI

BANDO PER CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE ED URBANA DI LARGO MARCO BIAGI BANDO PER CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE ED URBANA DI LARGO MARCO BIAGI ART. 1: TEMA DEL CONCORSO Tema del presente concorso di idee è la progettazione della riqualificazione ambientale

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

C O M U N E D I A L M E S E P R O V I N C I A D I T O R I N O. Regolamento per l affidamento di incarichi

C O M U N E D I A L M E S E P R O V I N C I A D I T O R I N O. Regolamento per l affidamento di incarichi C O M U N E D I A L M E S E P R O V I N C I A D I T O R I N O P i a z z a M a r t i r i d e l l a L i b e r t à, 4 8 - C A P 1 0 0 4 0 A L M E S E ( T O ) T e l. 0 1 1. 9 3. 5 0. 4 1 8 F a x 0 1 1. 9 3.

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

GABINETTO DELLA PRESIDENZA

GABINETTO DELLA PRESIDENZA FUNZIONIGRAMMA GABINETTO DELLA PRESIDENZA GABINETTO DELLA PRESIDENZA Comunicazione e URP Servizi culturali e Valorizzazione Beni del Territorio Unità Operativa Comunicazione e URP Supporto alle attività

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI A DESTINAZIONE RESIDENZIALE:

CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI A DESTINAZIONE RESIDENZIALE: CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI A DESTINAZIONE RESIDENZIALE: Procedure, Sistema di Accreditamento dei soggetti abilitati al rilascio, Rapporto con la Certificazione Energetica e integrazione

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE

AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE IL DIRIGENTE DEL SETTORE ATTIVITÀ DI CONTROLLO PARTECIPAZIONI SOCIETARIE SISTEMA INFORMATIVO PREMESSO che la Provincia di Imperia intende

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA OGGETTO: Conferimento di incarico professionale per la revisione del Piano Regolatore Generale del Comune di

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA OGGETTO: Conferimento di incarico professionale per la revisione del Piano Regolatore Generale del Comune di BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA OGGETTO: Conferimento di incarico professionale per la revisione del Piano Regolatore Generale del Comune di Trapani, mediante procedura aperta sottosoglia ai sensi

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI Progetto, approvazione, affidamento dott. ing. Orazio

Dettagli

(Legge Regionale 7-6-1990 N.70) Sede: Via della Medicina, 4-02021 Corvaro di Borgorose (RI) Tel e fax 0746 306493

(Legge Regionale 7-6-1990 N.70) Sede: Via della Medicina, 4-02021 Corvaro di Borgorose (RI) Tel e fax 0746 306493 Corvaro di Borgorose, 06/08/2012 RIISERVA NATURALE REGIIONALE MONTAGNE DELLA DUCHESSA (Legge Regionale 7-6-1990 N.70) Sede: Via della Medicina, 4-02021 Corvaro di Borgorose (RI) Tel. e fax 0746-306493

Dettagli

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto.

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. SCRITTURA PRIVATA TRA la Diocesi/Parrocchia di..., con sede in..., Via/Piazza,..., codice fiscale/partita iva..., in persona del legale rappresentante pro-tempore, di seguito denominato anche Committente

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER I CRITERI DI RIPARTIZIONE E PER LA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROCEDURA INERENTE I CONTRIBUTI INTROITATI DAL COMUNE A TITOLO DI ONERI DI URBANIZZAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DEGLI STUDI E INDAGINI DI MICROZONAZIONE SISMICA E ANALISI DELLA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) ANNUALITA' 2012 (III

PROGRAMMA REGIONALE DEGLI STUDI E INDAGINI DI MICROZONAZIONE SISMICA E ANALISI DELLA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) ANNUALITA' 2012 (III PROGRAMMA REGIONALE DEGLI STUDI E INDAGINI DI MICROZONAZIONE SISMICA E ANALISI DELLA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) ANNUALITA' 2012 (III Annualità) DISCIPLINARE DI INCARICO PROFESSIONALE INGEGNERI/ARCHITETTI

Dettagli

90 91 163/2006 1. OGGETTO DELL AVVISO

90 91 163/2006 1. OGGETTO DELL AVVISO Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER ISCRIVERSI ALL ELENCO DI PROFESSIONISTI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI PROGETTAZIONE E ALTRI SERVIZI CONNESSI DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

Sito di Interesse Comunitario ITB040019 Stagni di Colostrai e delle Saline

Sito di Interesse Comunitario ITB040019 Stagni di Colostrai e delle Saline Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale per la Sardegna 2007/2013. Asse 4 Attuazione dell approccio Leader. Misura a regia regionale 323, azione 1, sottoazione 1 Tutela

Dettagli

DISCIPLINARE DI CONCORSO

DISCIPLINARE DI CONCORSO DISCIPLINARE DI CONCORSO Art. 1 PREMESSA ED OBIETTIVI DEL COMMITTENTE L amministrazione comunale, nella realizzazione del proprio programma di riqualificazione di alcuni spazi urbani, ha scelto per l intervento

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Comune di Carovigno Provincia di Brindisi Via Verdi, 1-72012 Carovigno - Telefax: 0831.992020 - Internet: http://www.comune.carovigno.br.

Comune di Carovigno Provincia di Brindisi Via Verdi, 1-72012 Carovigno - Telefax: 0831.992020 - Internet: http://www.comune.carovigno.br. Comune di Carovigno Provincia di Brindisi Via Verdi, 1-72012 Carovigno - Telefax: 0831.992020 - Internet: http://www.comune.carovigno.br.it Servizio Gestione del Territorio Avviso pubblico per integrazione

Dettagli

PROVINCIA DI TARANTO

PROVINCIA DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO Codice Fiscale 80004930733 AVVISO DI MOBILITA ESTERNA AI SENSI DELL ART. 30 DEL D.LGS. N. 165/2001 PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO CAPO UFFICIO STAMPA

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

LICEO STATALE "M. L. King" E-mail agpm02000q@istruzione.it - sito web www.mlking.gov.it

LICEO STATALE M. L. King E-mail agpm02000q@istruzione.it - sito web www.mlking.gov.it Prot.n.55/A40 Favara 07/01/2015 LICEO STATALE "M. L. King" E-mail agpm02000q@istruzione.it - sito web www.mlking.gov.it Viale Pietro Nenni, 136 - FAVARA (AG) Tel./fax 0922 32516 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

Dettagli

SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO

SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO L'ANPIL del Monteferrato è gestita in maniera unitaria mediante una convenzione del 4.5.2000

Dettagli

C O M U N E D I R A G A L N A PROVINCIA DI CATANIA ******

C O M U N E D I R A G A L N A PROVINCIA DI CATANIA ****** C O M U N E D I R A G A L N A PROVINCIA DI CATANIA ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI VIGILANZA VOLONTARIA AMBIENTALE, DECORO

Dettagli

Settore Tecnico Amministrativo

Settore Tecnico Amministrativo C I V I T A S T I E M P L All. alla determinazione n. 771 del 14/08/2007 COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 - PIAZZA GALLURA N 3 - PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) Codice Fiscale e Partita I.V.A. 00253250906

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE D.G. Affari Internazionali Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE D.G. Affari Internazionali Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Programma Operativo Nazionale Con l Europa, investiamo nel vostro futuro MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE D.G. Affari Internazionali Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA A VIA (Screening)

DOCUMENTAZIONE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA A VIA (Screening) Allegato 2 DOCUMENTAZIONE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA A VIA (Screening) Indice: 1. Contenuti del Progetto preliminare di coltivazione e sistemazione finale 2. Contenuti della Relazione di individuazione

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO Assessorato Ambiente Ufficio Parchi

PROVINCIA DI VITERBO Assessorato Ambiente Ufficio Parchi PROVINCIA DI VITERBO Assessorato Ambiente Ufficio Parchi BANDO PER UN CORSO SULLE TECNICHE DI CONDUZIONE DI VISITE E ATTIVITA EDUCATIVE IN AMBITO ESCURSIONISTICO La Provincia di Viterbo, Ente Gestore delle

Dettagli

RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI SICILIA FARO DI BRUCOLI, AUGUSTA (SR)

RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI SICILIA FARO DI BRUCOLI, AUGUSTA (SR) RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI SICILIA FARO DI BRUCOLI, AUGUSTA (SR) 1. IL PROGETTO Valore Paese DIMORE E LA RETE Fari, torri ed edifici costieri Valore Paese DIMORE è un progetto volto al rafforzamento

Dettagli

SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE ED I SERVIZI PROFESSIONALI CORRELATI ALL ESECUZIONE DI LAVORI.

SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE ED I SERVIZI PROFESSIONALI CORRELATI ALL ESECUZIONE DI LAVORI. SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE ED I SERVIZI PROFESSIONALI CORRELATI ALL ESECUZIONE DI LAVORI Disciplinare Disciplinare Sistema di Selezione - Pagina 2 di 6 INDICE 1. Oggetto................................................................................

Dettagli

CITTA DI CERNOBBIO Provincia di Como

CITTA DI CERNOBBIO Provincia di Como CITTA DI CERNOBBIO Provincia di Como C.A.P.22012 CODICE FISCALE 00432060135 TEL.031343211-FAX 031511147 AVVISO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI CONSULENZA TECNICA PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

PROVINCIA DI NAPOLI AREA EDILIZIA SCOLASTICA

PROVINCIA DI NAPOLI AREA EDILIZIA SCOLASTICA PROVINCIA DI NAPOLI AREA EDILIZIA SCOLASTICA Ufficio Specialistico Supporto Tecnico -Programmazione Affidamento incarico professionale per l Anagrafe Edilizia Scolastica di edifici Scolastici di competenza

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Provincia di Napoli

COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Provincia di Napoli AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER CONFERIMENTO INCARICO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE CON QUALIFICA DI ISTRUTTORE DIRETTIVO TECNICO MEDIANTE CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO E PIENO EX ART. 110 - C. 2 - D. LGS.

Dettagli

DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA ROMA Via dell Acqua Traversa, 151 00135 - Roma AVVISO

DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA ROMA Via dell Acqua Traversa, 151 00135 - Roma AVVISO DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA ROMA Via dell Acqua Traversa, 151 00135 - Roma AVVISO per la formazione di elenchi di soggetti idonei al conferimento di incarichi di progettazione, coordinatori

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Città di Alcamo SETTORE SERVIZI TECNICI, MANUTENTIVI E AMBIENTALI

REGIONE SICILIANA. Città di Alcamo SETTORE SERVIZI TECNICI, MANUTENTIVI E AMBIENTALI UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA Città di Alcamo SETTORE SERVIZI TECNICI, MANUTENTIVI E AMBIENTALI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FOTOGRAFIA, PUBBLICAZIONE A STAMPA, ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Città di Melegnano (Città Metropolitana di Milano)

Città di Melegnano (Città Metropolitana di Milano) Città di Melegnano (Città Metropolitana di Milano) Area Governo del Territorio PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELL'INCARICO DI STUDIO TECNICO RELATIVO ALLA INDIVIDUAZIONE E QUANTIFICAZIONE PRELIMINARE

Dettagli

Azienda Regionale Veneto Agricoltura Viale dell Università, 14 35020 Legnaro (PD)

Azienda Regionale Veneto Agricoltura Viale dell Università, 14 35020 Legnaro (PD) DISCIPLINARE DI GARA Veneto Agricoltura, Azienda Regionale per il settori Agricolo Forestale ed Agroalimentare, in esecuzione della DAU n. 423 del 10.09.2009, indice procedura aperta, ai sensi dell art.

Dettagli

Regione Lazio. DIREZIONE AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO Atti dirigenziali di Gestione 31/12/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N.

Regione Lazio. DIREZIONE AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO Atti dirigenziali di Gestione 31/12/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. Regione Lazio DIREZIONE AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 16 dicembre 2013, n. G05012 D.G.R. n. 325 del 17 ottobre 2013 "Piano turistico annuale della Regione Lazio

Dettagli

OGGETTO: Avviso Pubblico per la selezione di docente/i di L2 per Corsi di Lingua Italiana a cittadini non comunitari. IL DIRIGENTE SCOLASTICO

OGGETTO: Avviso Pubblico per la selezione di docente/i di L2 per Corsi di Lingua Italiana a cittadini non comunitari. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Regione Puglia I S T I T U T O C O M P R E N S I V O G. PASCOLI -TRICASE Centro Territoriale Permanente CENTRO RISORSE INTERCULTURALI DI TERRITORIO Via Umberto I 107 73039 TRICASE (LE)Tel. e Fax 0833/544046

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

ALLEGATO A ALL AVVISO PUBBLICO

ALLEGATO A ALL AVVISO PUBBLICO ALLEGATO A ALL AVVISO PUBBLICO SCHEMA DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO INCARICO PROFESSIONALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (PGT) DEL COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Art. 1 L Amministrazione

Dettagli

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A COMUNI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

Secondo Bando. Provincia di Roma

Secondo Bando. Provincia di Roma Provincia di Roma Programma per la formazione di interventi integrati di valorizzazione e sviluppo degli insediamenti storici della Provincia di Roma - PRO.V.I.S. 2007 Secondo Bando Programma per la formazione

Dettagli

PROT. N. 4590 B/15 ROMA, 09.12.2013

PROT. N. 4590 B/15 ROMA, 09.12.2013 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO "RAFFAELLO" Via Giuseppe Capograssi, 23 00173 ROMA - Tel. 0672633026 Fax 0672633380

Dettagli

Prot. n. 5.658 Barcis, li 7 dicembre 2012 AVVISO PUBBLICO

Prot. n. 5.658 Barcis, li 7 dicembre 2012 AVVISO PUBBLICO COMUNITA MONTANA DEL FRIULI OCCIDENTALE Piazzale Vittoria, 1 33080 BARCIS (PN) Tel. 0427-76038 Fax 0427-76301 - www.cmfriulioccidentale.it Cod. Fisc. 90009080939; P. IVA 01493030934 Settore Servizi Tecnici

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

COMUNE DI CINISELLO BALSAMO. Piazza Confalonieri,3. 20092 Cinisello Balsamo. Provincia di Milano SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. Ufficio Urbanistica

COMUNE DI CINISELLO BALSAMO. Piazza Confalonieri,3. 20092 Cinisello Balsamo. Provincia di Milano SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. Ufficio Urbanistica COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piazza Confalonieri,3 20092 Cinisello Balsamo Provincia di Milano SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO Ufficio Urbanistica BANDO DI GARA A PUBBLICO INCANTO Per l affidamento del

Dettagli

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA IL DIRETTORE DELL UFFICIO PER LA CITTA STORICA DIPARTIMENTO VI POLITICHE DELLA PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO E ROMA CAPITALE RENDE NOTO Predisposizione di elenchi

Dettagli

ALLEGATI AL BANDO. comune\urbanistica\piano regolatore\norme tecniche e scaricare il file formato pdf: Norme tecniche attuazione P.R.G.

ALLEGATI AL BANDO. comune\urbanistica\piano regolatore\norme tecniche e scaricare il file formato pdf: Norme tecniche attuazione P.R.G. ALLEGATI AL BANDO ALLEGATO A Corredo Cartografico Mappe catastali storiche Mappe catastali attuali Rilievo dell area 1:500 Fotopiano Restituzione grafica Fotopiano Variante al P. R. G. In scala 1:1000

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO: PALESTRA ANNESSA ALLA SCUOLA L.DA VINCI In esecuzione della Delibera di Giunta n.

BANDO DI GARA PER LA GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO: PALESTRA ANNESSA ALLA SCUOLA L.DA VINCI In esecuzione della Delibera di Giunta n. BANDO DI GARA PER LA GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO: PALESTRA ANNESSA ALLA SCUOLA L.DA VINCI In esecuzione della Delibera di Giunta n.151-2013 e Determinazione del Responsabile del Settore 2 n97/2013

Dettagli

Comune di Amalfi Provincia di Salerno www.comune.amalfi.sa.it

Comune di Amalfi Provincia di Salerno www.comune.amalfi.sa.it 1/6 Provincia di Salerno www.comune.amalfi.sa.it Prot. n. 7790 del 30/07/2007 AVVISO PUBBLICO Incarico professionale per la redazione: - del Piano Urbanistico Comunale (P.U.C.); - del Regolamento Urbanistico

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

Contributi per il Restauro di Ville Venete

Contributi per il Restauro di Ville Venete Contributi per il Restauro di Ville Venete CARATTERE DEI FINANZIAMENTI L Istituto regionale per le Ville venete promuove l erogazione di contributi a fondo perduto per il consolidamento, manutenzione e

Dettagli

RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI FARO DI MURRO DI PORCO, SIRACUSA

RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI FARO DI MURRO DI PORCO, SIRACUSA RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI FARO DI MURRO DI PORCO, SIRACUSA 1. IL PROGETTO Valore Paese DIMORE E LA RETE Fari, torri ed edifici costieri Valore Paese DIMORE è un progetto volto al rafforzamento

Dettagli

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Il PSR Marche e le aree Natura 2000 Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Workshop provinciale - 16 aprile 2013 Sede Provincia di Macerata - Sala Convegni Località Piediripa

Dettagli

COMUNE DI NUGHEDU SANTA VITTORIA Provincia di Oristano

COMUNE DI NUGHEDU SANTA VITTORIA Provincia di Oristano COMUNE DI NUGHEDU SANTA VITTORIA Provincia di Oristano Via del Parco, 1/3 09080 Nughedu Santa Vittoria 0783 69026 0783 69384 e-mail nughedsv@tin.it c.f. 80005850955 SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE BANDO DI

Dettagli

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Il turismo e le aree protettein Italia. Verso gli Stati generali Fabriano 8-9 ottobre 2014 Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Giuseppe Dodaro Realizzazione di un approfondimento

Dettagli

Soggetti ammessi alla partecipazione

Soggetti ammessi alla partecipazione Piazza Mercatale, 31 59100 Prato Tel 0574. 1836669 1835621 Fax 0574.183.7364 Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it Orario d ufficio: Lunedì e giovedì 9.00-13.00 / 15.00-17.00 Martedì, mercoledì

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura MISURA 313 INCENTIVAZIONE DI ATTIVITA TURISTICHE PSR SICILIA 2007/2013 MISURA 313 Comunicazione a cura del Dipartimento Interventi Infrastrutturali

Dettagli

Club Alpino Italiano Fondo Stabile Pro Rifugi Bando 2015

Club Alpino Italiano Fondo Stabile Pro Rifugi Bando 2015 FONDO STABILE PRO RIFUGI (Istituito dall Assemblea dei Delegati di Varese 2006) BANDO 2015 (*) Importo presunto per il 2015: euro _751.000,00 SOMMARIO 1 Finalità 2 Soggetti beneficiari (requisiti soggettivi

Dettagli

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti FUNZIONI DEL SERVIZIO 1. Attività su bonifica dei siti contaminati Il Servizio ha il compito di emettere la certificazione di avvenuta bonifica dei siti contaminati.

Dettagli