DOCUMENTO DI VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO D. LGS 81/08

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO D. LGS 81/08"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Sede: Via D Annunzio n. 25 MARCO POLLIONE VITRUVIO Castellammare di Stabia (NA) C.F Casella P.E.C. Fax 081/ CASTELLAMMARE DI STABIA (NA) CENTRALINO SITO: Tel. e Fax 081/ / DIRIGENTE SCOLASTICO: DR. ANDREA MARRA CODICE MECC. ISTITUTO SUPERIORE NAIS00900G INDIRIZZI Tecnico: Costruzioni, Ambiente e Territorio SOTTOCODICE Ambiente e Territorio NATD00901T Tecnico: TURISMO SOTTOCODICE Tecnico TURISMO NATD00900T Professionale: Servizi Commerciali SOTTOCODICE Servizi Commerciali NARC00901E DISTRETTO SCOLASTICO 038 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO D. LGS 81/08 ANNO 2014

2 Il presente DOCUMENTO DI VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO è stato redatto, ai sensi del decreto legislativo n 81/08, e decreto legislativo n 106/09 dal Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione nella persona dell arch. Paolo Campa con la collaborazione del Dirigente Scolastico dott. Andrea Marra e previa consultazione del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. Il documento riporta: La valutazione dei rischi ed i criteri adottati; La descrizione delle misure di prevenzione e protezione; Programma d attuazione delle misure di prevenzione e protezione. E previsto il riesame del documento con periodicità biennale o in caso di modifica delle condizioni di sicurezza. OBIETTIVI DEL PIANO Eliminare o ridurre, in termini accettabili, eventuali fonti di rischio attraverso una serie di strategie operative. Dare priorità alle misure di protezione collettiva rispetto a quelle individuali. Adottare misure d emergenza in ogni situazione di pericolo. Istituire un sistema permanente di vigilanza e monitoraggio dei rischi. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA L Istituto Polispecialistico M.P. Vitruvio è sito nel Comune di Castellammare di Stabia alla via G. D Annunzio. Il legale rappresentante è il dott. Andrea Marra con l incarico di Dirigente Scolastico. Il numero di dipendenti nell anno scolastico 2014/2015 è di 96 unità, di cui 77 docenti, 19 A.T.A.. Gli allievi sono complessivamente 648 di cui 16 disabili lievi e 6 con disabilità motoria, distribuiti su 31 classi. Per lo svolgimento delle attività istituzionali sono individuabili le seguenti categorie di lavoratori o di persone equiparate ai lavoratori: Docenti Personale di segreteria Personale ausiliario Allievi Personale del pubblico Lavoratori non dipendenti della scuola occasionalmente presenti. L Istituto è aperto per le attività didattiche dalle ore 8,10 alle ore 13,50 ed è frequentato da alunni di età compresa tra i 14 e i 18 anni. Le attività pomeridiane sono molto variabili perché dipendono dalla programmazione annuale degli organi collegiali; esse, comunque, sono principalmente legate allo svolgimento di corsi di recupero e di sostegno. DESCRIZIONE DEGLI AMBIENTI STRUTTURE, IMPIANTI ED ATTREZZATURE L Istituto Polispecialistico M. P. Vitruvio è formato: 2

3 a. da un Piano Seminterrato, da un Piano Terra, da un Piano Rialzato, da un Piano Primo, da un Piano Secondo, da un Piano Terzo, da un piano Quarto oltre che da un piano intermedio tra il piano rialzato e il primo, da un piano intermedio tra il piano primo ed il secondo, da un piano intermedio tra il piano secondo ed il terzo. Il corpo di fabbrica del punto a. ha una struttura verticale in c.a. L edificio è servito da due scale in c.a.: una posta centralmente, denominata varco A, l altra all estremità del corpo di fabbrica, denominata varco B. Sia quella centrale che quella laterale hanno rampe larghe m 1,85. Entrambe hanno pedate di cm 32 ed alzate di cm 16 e portano alla copertura. L EDIFICIO E DOTATO DI UNA SCALA ANTINCENDIO denominata varco C. LA STRUTTURA E SERVITA DA ASCENSORE ESTERNO CHE COLLEGA, DAL CORTILE, IL PIANO TERRA AL PIANO RIALZATO, AL PIANO PRIMO, AL PIANO SECONDO, AL PIANO TERZO. LA STRUTTURA E PROVVISTA DI SERVIZI PER DISABILI SOLO AL PIANO RIALZATO ED AL PIANO QUARTO Al Piano Terra si accede discendendo la scala centrale posta in corrispondenza del varco A. Su questo Piano troviamo: Bouvette; Laboratorio di grafica; Archivio Laboratorio trattamento testi; Aula Copisteria Laboratorio costruzioni; Aula disegno Laboratorio topografia Palestra. Al Piano seminterrato si accede discendendo la scala centrale posta in corrispondenza del varco A. Su questo piano troviamo: Archivi. Al Piano Rialzato, si accede mediante un ingresso posto centralmente e dopo aver salito tre rampe di gradini (tale ingresso verrà indicato come VARCO A ). Un secondo accesso è in corrispondenza della scala laterale ed è utilizzato esclusivamente come uscita d emergenza per gli occupanti la palestra (tale ingresso verrà indicato come VARCO B ). Su questo Piano troviamo: Servizi igienici; Segreteria; D.S.G.A. Dirigente Scolastico; Sala professori; Laboratorio trattamento testi; Biblioteca; Servizi igienici; Archivio. Un corridoio della larghezza di mt 3,25 posto assialmente in direzione Est Ovest conduce alla scala laterale ed al VARCO B. 3

4 Al Piano Primo si può accedere sia mediante la scala posta in corrispondenza del VARCO A che quella posta in corrispondenza del VARCO B. Su questo piano troviamo: N 8 aule Servizi igienici Archivio Un corridoio della larghezza di mt 3,25 posto assialmente in direzione Est Ovest conduce alla scala laterale ed al VARCO B. Al Piano Secondo si può accedere sia mediante la scala posta in corrispondenza del VARCO A che quella posta in corrispondenza del VARCO B. Su questo piano troviamo: N 8 aule Servizi igienici Archivio Un corridoio della larghezza di mt 3,25 posto assialmente in direzione Est Ovest conduce alla scala laterale ed al VARCO B. Al Piano Terzo si può accedere sia mediante la scala posta in corrispondenza del VARCO A che quella posta in corrispondenza del VARCO B. Su questo piano troviamo: N 7 aule Servizi igienici Un corridoio della larghezza di mt 3,25 posto assialmente in direzione Est Ovest conduce alla scala laterale ed al VARCO B. Al Piano Quarto si può accedere sia mediante la scala posta in corrispondenza del VARCO A che grazie all uso dell ascensore a servizio. Su questo piano troviamo: N 11 aule; Servizi igienici; Servizi per disabili; Laboratorio multimediale E ; Aula LIM ; Laboratorio fisica - chimica; Laboratorio L. Un corridoio della larghezza di mt 3,25 posto assialmente in direzione Est Ovest conduce alla scala laterale ed al VARCO A. Al Piano intermedio tra il piano rialzato e il primo, adibito a segreteria, si perviene percorrendo la rampa di scale: il suo ingresso è ubicato sul pianerottolo della rampa di scale che conduce dal piano rialzato al piano primo. La superficie è di 22,52 mq. L ambiente è ben illuminato dalla luce diurna e il grado di rifinitura complessivo è discreto. Al Piano intermedio tra il piano primo e il secondo, adibito ad aula n. 100, si perviene percorrendo la rampa di scale: il suo ingresso è ubicato sul pianerottolo della rampa di scale che conduce dal piano primo al piano secondo. La superficie è di 22,52 mq. 4

5 L ambiente è ben illuminato dalla luce diurna e il grado di rifinitura complessivo è discreto. Al Piano intermedio tra il piano secondo e il terzo, adibito ad aula n. 200, si perviene percorrendo la rampa di scale: il suo ingresso è ubicato sul pianerottolo della rampa di scale che conduce dal piano secondo al piano terzo. La superficie è di 22,52 mq. L ambiente è discretamente illuminato dalla luce diurna e il grado di rifinitura complessivo è discreto. CRITERI E FASI ADOTTATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO Per l identificazione e valutazione del rischio sono stati adottati i seguenti criteri: 1. Classificazione dei luoghi di lavoro e di studio nelle seguenti categorie: aule normali; aule speciali; aree comuni; uffici amministrativi; archivio; presidenza; servizi igienici. 2. Raccolta dei dati sui rischi per ogni ambiente utilizzando liste di controllo. 3. Individuazione dei rischi analizzando la serie storica dei dati sugli infortuni registrati, e, successivamente attraverso il confronto della situazione reale con quanto previsto dalla legislazione vigente, dalle norme tecniche e dai principi di buona pratica. 4. della gravità del rischio attraverso l analisi della frequenza dell accadimento e dell entità del possibile danno. Per l identificazione del rischio sono state utilizzate le check-list per il controllo puntuale e sistematico dei vari ambienti e delle varie situazioni. Per la valutazione del rischio i passaggi fondamentali sono stati: 1) Definizione delle scale di valutazione e matrice del rischio; 2) Stima della probabilità del verificarsi dell evento e contemporanea stima della magnitudo del danno; 3) Definizione e priorità degli interventi: Protezione: diminuzione dell entità del danno; Prevenzione: riduzione della probabilità dell evento. Per la valutazione del rischio stress lavoro correlato si sono analizzati gli aspetti dell organizzazione del lavoro che possono rappresentare pericoli per la salute. Ci si riferisce ad indicatori di rischio, quali controllo sul lavoro, supporto sociale, insicurezza, ritmi di lavoro e turni, variabili inserite nei documenti dell Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute del Lavoro e riprese nell accordo quadro. Cfr. Tabella 1. 5

6 Tabella 1 Fattori di rischio stressogeni (European Agency for Safety and Health at Work 2000) CULTURA ORGANIZZATIVA RUOLO NELL ORGANIZZAZIONE SVILUPPO DI CARRIERA AUTONOMIA DECISIONALE/CONTROLLO RELAZIONI INTERPERSONALI SUL LAVORO INTERFACCIA FAMIGLIA/LAVORO CONTESTO LAVORATIVO Scarsa comunicazione, bassi livelli di sostegno per la risoluzione di problemi e lo sviluppo personale, mancanza di definizione degli obiettivi organizzativi Ambiguità e conflitto di ruolo, responsabilità di altre persone. Incertezza/blocco della carriera insufficienza/eccesso di promozioni, bassa retribuzione, insicurezza dell impiego, scarso valore sociale attribuito al lavoro Partecipazione ridotta al processo decisionale, carenza di controllo sul lavoro(il controllo, specie nella forma di partecipazione rappresenta anche una questione organizzativa e contestuale di più ampio respiro) Isolamento fisico o sociale, rapporti limitati con i superiori, conflitto interpersonale, mancanza di supporto sociale Richieste contrastanti tra casa e lavoro, scarso appoggio in ambito domestico, problemi di doppia carriera. AMBIENTE DI LAVORO E ATTREZZATURE PIANIFICAZIONE DEI COMPITI CARICO/RITMI DI LAVORO ORARIO DI LAVORO CONTENUTI LAVORATIVI Condizioni fisiche di lavoro, problemi inerenti l affidabilità, la disponibilità, l idoneità, la manutenzione o la riparazione di strutture ed attrezzature di lavoro. Monotonia, cicli di lavoro brevi, lavoro frammentato o inutile, sottoutilizzazione, incertezza elevata. Sovraccarico o sottocarico di lavoro, mancanza di controllo sul ritmo, alti livelli di pressione temporale. Lavoro a turni, orari di lavoro rigidi, imprevedibili, eccessivamente lunghi o che alterano i ritmi sociali. PERCORSO METODOLOGICO PER LA VALUTAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO PSICOSOCIALE Nell ambito di questa metodologia si sono utilizzati gli indicatori verificabili (cfr. tabella 2), che inizia con la rilevazione di degli indicatori indiretti di stress, gli indicatori aziendali (AreaA) che riguardano gli indici infortunistici, le assenza dal lavoro, le ferie non godute. Quindi si procede con l analisi del contesto (Area B) e del contenuto lavorativo(area C), che raggruppano i parametri stressogeni, secondo le indicazioni dell Agenzia Europea per la Sicurezza e per la Salute del Lavoro. Ove si fosse reso necessario, si è proceduto ad integrare il primo livello d indagine effettuato con strumenti soggettivi per rilevare la percezione dello stress da parte dei lavoratori, fermo restando che la elaborazione dei dati raccolti deve essere riferita alla situazione-lavoro e non alle singole persone. Metodo di valutazione 6

7 Il metodo adottato si articola in tre fasi principali: FASE 1 Inquadramento degli indicatori oggettivi, ossia verificabili, che è possibile associare a condizioni di stress da lavoro; FASE 2 - Individuazione del livello di rischio stress lavoro-correlato che viene valutato in modo graduale(basso, MEDIO, ALTO). In questa fase sono già ipotizzate e pianificate azioni di miglioramento. FASE 3 Misura della percezione dello stress dei lavoratori, attraverso l utilizzo di strumenti specifici che verranno analizzati in modo aggregato, nel senso che non saranno considerate le singole condizioni di stress occupazionale, bensì quelle dell organizzazione. FASE 1 L intervento permette di acquisire, valutare e monitorare gli indicatori che la letteratura associa allo stress da lavoro. Tabella 2 Area indicatori aziendali Area indicatori contesto del Area indicatori contenuto del (Area A) 1. indici infortunistici 2. assenteismo 3. assenza per malattia 4. ferie non godute 5. rotazione del personale 6. cessazione rapporti di lavoro/turnover 7. procedimenti/sanzioni disciplinari 8. richieste visite mediche straordinarie 9. segnalazioni stress lavoro 10. istanze giudiziarie lavoro(area B) 1. funzione e cultura organizzativa 2. ruolo nell ambito dell organizzazione 3. evoluzione della carriera 4. autonomia decisionale controllo del lavoro 5. rapporti interpersonali sul lavoro 6. interfaccia casa lavoro conciliazione vita/lavoro lavoro (Area C) 1. ambiente di lavoro e attrezzature di lavoro 2. pianificazione dei compiti 3. carico di lavoro ritmo di lavoro 4. orario di lavoro FASE 2 La somma dei punteggi attribuiti alle tre aree consente di identificare il proprio posizionamento nella TABELLA DEI LIVELLI DI RISCHIO. Il punteggio finale verrà espresso come percentuale del punteggio complessivo che sarebbe risultato se, a tutte le criticità individuate, tutti i soggetti avessero attribuito il massimo del punteggio e verrà riferito ad una scala che prevede quattro livelli di criticità: bassa ( -), moderata(+-), alta(+), molto alta(++). Percezioni dei lavoratori CRITICITA - +/ RISCHIO NON RISCHIO RISCHIO RISCHIO SIGNIFICATIVO BASSO BASSO MEDIO 2 RISCHIO RISCHIO RISCHIO RISCHIO BASSO MEDIO MEDIO MEDIO 3 RISCHIO RISCHIO RISCHIO RISCHIO BASSO MEDIO ELEVATO ELEVATO 4 RISCHIO RISCHIO RISCHIO RISCHIO MEDIO MEDIO ELEVATO MOLTO 7

8 ELEVATO Nel caso che la valutazione del rischio stress lavoro-correlato per tutta l Istituzione scolastica o per le singole partizioni organizzative o per le mansioni, abbia rilevato un RISCHIO NON SIGNIFICATIVO, non è necessario procedere ulteriormente. Si dovrà monitorare il rischio, secondo le indicazioni normative, la presenza di eventi sentinella e, comunque, ogni due anni. FASE 3 IL COINVOLGIMENTO DEI LAVORATORI Completare l indagine oggettiva/verificabile con la valutazione soggettiva dello stress lavoro-correlato permette una lettura più completa e affidabile delle condizioni di vita e di lavoro. Il ricorso a tale valutazione è consigliabile là dove il numero di lavoratori consenta di ottenere un numero statisticamente significativo di questionari/interviste o di strutturare focus group. E da ritenersi obbligatorio, nelle Istituzioni scolastiche quando le valutazioni hanno evidenziato un livello di RISCHIO ELEVATO. Per una prima ricognizione dei rischi presenti all interno della scuola si è fatto riferimento agli infortuni annotati sul registro, di cui al DPR547/55, D.M.12/9/58 e d.lgs. 626/94. Risulta che gli incidenti avvenuti durante l attività ginnica, rappresentano per gli allievi la causa principale di rischio. Altri fattori di rischio sono legati soprattutto a cadute ed urti dovuti principalmente a spinte o a comportamenti scorretti; altri a distrazioni o banali dimenticanze. In linea di massima, la scuola rappresenta un luogo di lavoro abbastanza sicuro in cui, però, si possono verificare anche gli incidenti più improbabili, per il gran numero di persone presenti al suo interno, per l età degli allievi e, soprattutto, per un ancora scarsa sensibilizzazione alla prevenzione ed alla protezione. INDIVIDUAZIONE DEL RISCHIO, VALUTAZIONE E MISURE OPERATIVE PRIMO CORPO DI FABBRICA AULE 8

9 DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI Obbligo di vigilanza della pulizia generale dell aula. Disposizione dei banchi con illuminazione naturale proveniente da sinistra ed in modo e numero compatibile con l ambiente. Disposizione dei banchi in modo da lasciare sempre corridoi liberi per il passaggio. Custodia del materiale didattico. Chiusura della porta durante l assenza temporanea degli alunni e vigilanza da parte del personale addetto. Controllo del buono stato degli interruttori e delle prese di corrente affidato ai collaboratori scolastici ed ai docenti. Divieto agli alunni di utilizzare apparecchiature elettriche in assenza dei docenti. Graduale sostituzione delle lavagne a cavalletto con altre a parete. Verifica del buono stato degli arredi e delle suppellettili, affidata ai collaboratori scolastici ed ai docenti. PRESCRIZIONI 1. In tutte le aule provvedere alla sostituzione degli infissi esterni con altri di nuova concezione. 2. In tutte le aule provvedere alla sostituzione delle porte d ingresso danneggiate. 3. In tutte le aule provvedere alla ritinteggiatura delle pareti e soffitti. 4. In tutte le aule provvedere alla sostituzione dei corpi illuminanti non funzionanti. 5. Nelle aule ove sono presenti le lavagne a cavalletto sostituirle con quelle a parete. 6. Sostituire banchi, sedie e cattedre deteriorati. AULE SPECIALI AULA MULTIMEDIALE 9

10 DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI Obbligo di vigilanza della pulizia generale dell aula. Ancoraggio alle pareti degli armadi e delle scaffalature. Arredo specifico per il tipo d attività da svolgere. Custodia del materiale didattico. Controllo del buono stato degli interruttori e delle prese di corrente affidato ai docenti responsabili dell aula. Divieto agli alunni di utilizzare i videoterminali in assenza del docente. Disinserimento delle apparecchiature al termine dell attività didattica. Informazione dei rischi e sui mezzi di prevenzione e protezione. PRESCRIZIONI 1. Fornire le postazioni di sedile regolabile in altezza. 2. Graduale sostituzione degli infissi esterni con altri di nuova concezione illuminante e di agevole apertura e chiusura. 3. Schienale del sedile regolabile in altezza ed inclinazione. 4. Verificare la messa a terra di tutte le apparecchiature elettriche. SALA PROFESSORI E PRESIDENZA 10

11 DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI Obbligo di vigilanza della pulizia generale dei locali. Custodia dei registri e dei documenti in armadi blindati o provvisti di serrature. Controllo del buono stato degli interruttori e delle prese di corrente affidato ai docenti ed ai collaboratori scolastici. Verifica periodica del buono stato degli arredi. In assenza dei docenti, obbligo di vigilanza dei locali da parte dei collaboratori scolastici. PRESCRIZIONI 1. Ancorare alle pareti gli armadi e le scaffalature. 2. Sostituire gli armadietti rotti presenti nella sala professori. AREE COMUNI AREA ESTERNA su via G. D Annunzio (Ingresso ed uscita degli alunni) DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI 11

12 Obbligo di vigilanza della pulizia generale di tutta l area esterna. Al suono della campanella delle ore 8,10, gli alunni entreranno: per la sede centrale dall ingresso centrale ( VARCO A ) sorvegliati da uno o più collaboratori scolastici; Al termine delle lezioni gli alunni della sede centrale usciranno se occupanti la palestra, dall ingresso laterale (VARCO B ); se occupanti il piano terra, il piano primo, il piano secondo e il piano terzo usciranno dall ingresso centrale (VARCO A ). PALESTRE DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI Obbligo di vigilanza della pulizia generale. Estintori mobili in numero adeguato secondo le norme di sicurezza antincendio. Almeno un collaboratore è preposto alla sorveglianza degli alunni in uscita ed in entrata. Tenere costantemente libere da ingombri le vie di esodo indicate nel piano d evacuazione. 12

13 PRESCRIZIONI 1. Verificare la corrispondenza alle vigenti norme di sicurezza dei corpi illuminanti a soffitto. 2. Verifica e/o eventuale ripristino delle porte di emergenza. 3. Predisporre la regolamentare segnaletica di sicurezza. 4. Provvedere tempestivamente alla sostituzione degli estintori non funzionanti. 5. Verifica del corretto ancoraggio dell illuminazione a soffitto ed eventuale sostituzione con nuovo dispositivo di sostegno. 6. Posa in opera di ringhiera in ferro alle scale che conducono al cortile. 7. Ripristino della gomma paraspigoli. 8. Ripristino della pavimentazione in linoleum. 9. Ripristino del congegno di apertura e chiusura degli infissi esterni. 10. Verifica della corrispondenza alle vigenti norme di sicurezza dei corpi illuminanti a soffitto e periodico controllo del corretto fissaggio. 11. Verifica periodica dello stato delle pareti e della eventuale presenza di distacchi di intonaco e/o cavillature. 12. Ritinteggiatura periodica delle pareti. 13. Verifica periodica dello stato dell impianto elettrico e delle placche portafrutti. 14. Verifica periodica dello stato di manutenzione dei servizi igienici degli alunni, delle alunne, dei docenti e/o eventuale disostruzione. SCALE DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI Bande antiscivolo su tutte le pedate. 13

14 Nel salire e scendere le scale, gli alunni, sorvegliati dai collaboratori scolastici dei piani e dai docenti incaricati, procederanno in modo ordinato: - seguendo il percorso stabilito; - occupando la parte più vicina al muro; - mantenendo una giusta distanza dal compagno che li precede; - senza spingersi; - ponendo grande attenzione ad eventuali righe per il disegno che andranno riposte nelle cartelle e negli zaini in posizione verticale facendole fuoriuscire dalla parte superiore e non disposte orizzontalmente; - portando eventuali ombrelli verticalmente ed in aderenza al corpo. Nelle giornate di pioggia, dopo l ingresso degli alunni ed a lezioni iniziate, i collaboratori scolastici provvederanno immediatamente ad eliminare tracce di bagnato dai gradini. Prima dell inizio delle lezioni, i collaboratori scolastici dei singoli piani provvederanno a togliere i fermi alle porte di accesso alle scale laterali. PRESCRIZIONI 1. Applicare sui gradini le bande antiscivolo mancanti. 2. Tempestiva sostituzione delle pedate e/o alzate in marmo rotte e/o danneggiate. UFFICI AMMINISTRATIVI DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI Obbligo di vigilanza della pulizia del locale. 14

15 Corretta disposizione delle postazioni di lavoro rispetto alle fonti di luce naturale ed artificiale. Arredo specifico per le attività lavorative da svolgere. Controllo del buono stato degli interruttori e delle prese affidato al personale amministrativo. PRESCRIZIONI 1. Provvedere alla messa a terra di tutte le apparecchiature elettriche. 2. Verificare la corrispondenza alle vigenti norme di sicurezza dell impianto elettrico del locale. 3. Ancorare alle pareti tutte le scaffalature di altezza superiore a cm Adeguare gli arredi e le postazioni di lavoro alle norme vigenti. 5. Verifica del corretto ancoraggio delle plafoniere dell illuminazione al neon. SERVIZI IGIENICI DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI Il controllo della pulizia e la sorveglianza dei servizi igienici sono affidati ai collaboratori scolastici del piano. Gli alunni responsabili di danneggiamenti agli impianti e/o ai servizi hanno l obbligo del risarcimento. I collaboratori scolastici hanno l obbligo di rilevare i fatti illeciti dannosi commessi dagli alunni. 15

16 PRESCRIZIONI 1. Garantire la presenza all interno dei servizi di non più di quattro alunni per volta. 2. Verifica del corretto ancoraggio delle plafoniere dell illuminazione al neon. 3. Verifica e/o eventuale ripristino del sistema di apertura delle porte. 4. Verifica periodica e/o eventuale disostruzione dei vasi igienici e dei lavabi. 5. Verifica e/o eventuale ripristino di eventuale distacchi del rivestimento alle pareti e pavimenti. 6. Verifica e/o eventuale ripristino dei pozzetti di ispezione a pavimento. 7. Verifica e/o eventuale ripristino degli infissi esterni ed eventuale sostituzione delle guarnizioni di tenuta. LOCALE CALDAIA DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI Controllo periodico dell efficienza dell impianto. Possesso della relativa certificazione di idoneità dell impianto. Nomina di un responsabile per l immediata interruzione dell erogazione del gas di alimentazione in caso di necessità (incendi, forti scosse telluriche, fughe di gas, ecc.). Segnalazione della manopola d arresto con apposito cartello. Presenza di estintori da utilizzare in caso di eventi di modesta entità. RISCHI DERIVANTI DA COMPORTAMENTI UMANI 16

17 1) Tutela delle persone e dei beni mobili ed immobili. DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI Elaborazione del Piano di sfollamento dell edificio scolastico. Disposizione di estintori nel rispetto della normativa antincendio. Disposizione di planimetrie in ogni locale della scuola. Disposizione della segnaletica relativa alle vie di esodo ed alle uscite di sicurezza e di emergenza. Vigilanza sull osservanza delle norme e del piano di prevenzione. Rispondenza alle norme di sicurezza delle attrezzature in dotazione e da acquistare. Custodia dei beni mobili di particolare valore in locali blindati. 2) Mancata sorveglianza in occasione di sciopero del personale docente e/o non docente 17

18 DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI Comunicazione di servizio con invito, a chi intende aderire allo sciopero, di darne tempestivo avviso. Comunicazione alle famiglie dell azione di sciopero con indicazione delle modalità di funzionamento del servizio, compresa l eventuale sospensione dell attività didattica. Utilizzazione del personale docente e non docente in servizio secondo un orario che terrà conto dell esigenza primaria della vigilanza degli alunni. Eventuale sospensione, parziale o totale, dell attività didattica. Organizzazione di forme sostitutive di erogazione del servizio. 3) Mancata sorveglianza degli alunni in occasione di partecipazione del personale della scuola ad assemblee sindacali DESCRIZIONE DELLE ULTERIORI MISURE DI 18

19 Tramite circolare interna, avviso diretto a tutte le Componenti interessate con lo scopo di raccogliere le adesioni di partecipazione all assemblea sindacale. Disposizione di eventuali adattamenti di orario o di eventuali sostituzioni, per le sole ore di durata dell assemblea, per i docenti non partecipanti. Definizione, in intesa con le OO.SS. della scuola, della quota e dei nominativi di coloro che debbono garantire i servizi indispensabili (vigilanza, ingresso, etc.), se l adesione del personale ATA è in numero tale da non consentire l espletamento dei servizi indifferibili. ALTRI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE PER LA ELIMINAZIONE DI ULTERIORI FATTORI STRESSOGENI 1. DOCENTI Controllo presenza degli alunni Registrare con sistematicità il ritardo dei propri alunni. Registrare le assenze degli alunni sul diario di classe e controllare le giustifiche. Segnalare all ufficio di presidenza le assenze arbitrarie, prolungate, saltuarie. Ripetere l appello ad ogni cambio di classe. Possibilità di prelevamento anticipato degli alunni, per giustificati motivi o per indisposizione, da parte di un genitore o di altro familiare adulto identificato e solo dietro autorizzazione del Dirigente o suo diretto collaboratore. Gestione della classe Essere presenti a scuola almeno cinque minuti prima dell inizio delle lezioni. Effettuare tempestivamente i cambi di aula. In caso di allontanamento momentaneo dall aula, affidare sempre la classe ad un collaboratore scolastico. Porre particolare attenzione nell organizzare l attività e la vigilanza durante le lezioni. Evitare di tenere gli alunni fuori dall aula. In caso di infortunio durante le lezioni o altre attività, indagare e denunciare subito le eventuali cause e responsabilità. Far rispettare rigorosamente il Regolamento d Istituto. Visite guidate e viaggi d istruzione Attenersi alle disposizioni di cui alla C.M. 321/91 e ai criteri deliberati dal Consiglio d Istituto: a. Stilare il programma della visita e farlo conoscere alle famiglie. b. Designare un numero di accompagnatori sufficiente rispetto a quello degli alunni. 19

20 c. Sostituire eventuali accompagnatori assenti. d. Controllare che tutti i partecipanti siano assicurati. e. In caso di incidente, con conseguente ricovero ospedaliera dell alunno, è compito del docente responsabile del viaggio: - avvertire i genitori ed immediatamente denunciare l incidente; - restare, se libero da obblighi di sorveglianza, con l alunno infortunato; - affidarlo ai genitori e proseguire con il gruppo. f. Assicurare sempre la vigilanza degli allievi, anche durante le ore notturne. g. Denunciare subito eventuali danni causati dagli alunni. 2. COLLABORATORI SCOLASTICI Assicurare la vigilanza delle classi durante il cambio dei docenti. Impedire la permanenza prolungata di alunni nei servizi igienici. Agevolare il deflusso in fase di uscita. Assicurare assistenza agli alunni in situazione di handicap. Assicurare la vigilanza delle aule durante l ora di educazione fisica e le attività di laboratorio. Assicurare una quotidiana ed adeguata pulizia ed areazione dei locali scolastici. Assicurare un puntuale controllo dei visitatori esterni. Conclusioni: L edificio in oggetto, da una lettura degli spazi interni ed esterni, delle strutture in dotazione e degli impianti, risulta rispondente alla normativa vigente per l edilizia scolastica, pur se necessita di costante manutenzione ordinaria e straordinaria. Si richiedono, tuttavia, al fine di migliorare le condizioni di lavoro ed ambientali i seguenti interventi: 1. Ripristinare le scale di accesso al VARCO A e al VARCO B. 2. Ripristinare le bande antiscivolo sui gradini esterni e su tutti i gradini interni. 3. Realizzazione di una scala d emergenza esterna che dia direttamente sul cortile; 4. Ampliamento dell apertura del cancello esterno in corrispondenza dell uscita centrale; 5. Installazione di impianto di segnalazione d allarme, autoalimentato ed indipendente dalla rete principale; 6. Installazione di luci di emergenza; Installazione di impianto luminoso per la segnalazione delle vie di fuga; 10. Installazione di estintori in numero adeguato alle norme vigenti e verifica di quelli esistenti; 11. Installazione di frangisole per le aule esposte a sud; 12. Realizzazione di porte taglia fuoco a delimitazione dei vani scala per evitare, in caso d'incendio, che il vano scala faciliti il propagarsi di fiamme e fumo da un piano all'altro; 13. Controllo dell'efficienza e manutenzione dell'impianto di illuminazione di emergenza; 20

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Sede: Via D Annunzio n. 25 MARCO POLLIONE VITRUVIO 80053 Castellammare di Stabia (NA) C.F. 90044710631- E-MAIL:NAIS00900G@istruzione.it Casella P.E.C. nais00900g@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 1 Valutazione e gestione del rischio stress correlato V2-22/07/2013 A cura di Emanuela Guarise

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) Allegato 03 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO SULLA SICUREZZA D. Lgs. 81/08 e s.m.i. PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) PROCEDURE

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE CorsoCairoli, 10 70018 Rutigliano(BA) 080 4761018 - fax 080 4778168 Scuole dell Infanzia: Giovanni PaoloII 080 4761590; Gianni Rodari 080 4767426 http://www.scuolasettanni.it E- Mail: baee15500v @ istruzione.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

1 Istituto Comprensivo A. MORO P.VIRGILIO MARONE Francavilla Fontana (BR)

1 Istituto Comprensivo A. MORO P.VIRGILIO MARONE Francavilla Fontana (BR) 1 1 Istituto Comprensivo A. MORO P.VIRGILIO MARONE Francavilla Fontana (BR) Via Oratorio della Morte, 2-4 C.M. BRIC83100D C.F. 91071300742 tel: 0831/841857 fax: 0831/099021 Scuola Secondaria di 1 grado

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA Allegato 02 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO In caso di Incendio Chi rileva o viene a conoscenza di un qualsiasi principio d incendio dovrà immediatamente avvertire il personale scolastico

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI Via Appia 212, 04028 Scauri (LT) ( 0771614545 - fax 0771614808 - * LTIC855001@istruzione.it ---------------------------------------------------------

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI IN TUTTI I LOCALI SCOLASTICI E obbligo per tutto il personale: attenersi e far attenere gli alunni alle disposizioni ai fini della prevenzione e protezione individuale

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I. I. S. A. GENTILESCHI Di CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA ISTITUTO COMPRENSIVO ROVIGO 1 Via della Costituzione, 6 45100 ROVIGO Tel. 0425/30600 Fax 0425/30726 Codice Fiscale 93027540298 Cod. Mecc. ROIC82000Q - e-mail: roic82000q@istruzione.it Sito web: www.icrovigo1.gov.it

Dettagli

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi Capo 3. Funzionamento delle scuole Art.22. Premesse a) Il processo di realizzazione dell autonomia deve essere inteso come l acquisizione graduale, da parte di tutti i plessi dell Istituto, di responsabilità

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Il Liceo Scientifico Giovanni da Procida è ubicato in via De Falco, traversa di via Manganario, con succursale nell ex Seminario Regionale,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI Committente: ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI Ubicazione/riferimento: Scuola dell Infanzia di Lesignano Dè Bagni Scuola Primaria di Lesignano Dè Bagni Scuola Secondaria di

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013 Istituto Tecnico Commerciale e per Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere V. Bachelet Via Mons. Ruggero Bovelli, 7/13-44121 FERRARA Tel. 0532.20.9.346 20.32.66; Fax:0532.20.23.65; Via Azzo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6 Guida all Emergenza per il personale della scuola Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole 1 Definizione

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola)

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola) Sicurezza. Energia. Ambiente Guida all Emergenza ( per tutto il personale interno alla scuola) Consigli pratici e norme di comportamento in caso di emergenza Terremoto o Incendio nelle scuole (Agg. Settembre

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA ELEMENTARE DANTE ALIGHIERI TORREBELVICINO PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1- Introduzione 2- L edificio scolastico 3- Disposizione dei locali 4- Mensa scolastica 5- Emanazione ordine

Dettagli

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Redatto il 05. 10. 2011 dal Servizio di Prevenzione e Protezione della Scuola Definizione

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Documento sulla sicurezza

Documento sulla sicurezza Sede direzione: Via Rosso di S. Secondo, 1-90135 Palermo Direzione 091/403197 Segreteria 091/409294 091/401406 C.F. 80013720828 C.M. PAEE017009 www.deamicispa.govi.it e-mail paee017009@istruzione.it -

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola)

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola) Guida all Emergenza ( per tutto il personale interno alla scuola) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole (Agg. Novembre 2012) A cura dello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA Pag. 2 di 15 4.1 UNITA OPERATIVA 1 - PRIMARIA, XXV APRILE - SEDE DESCRIZIONE DELL UNITA

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs)

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART.28 DLgs 81/2008) S C H E D A N. 2 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) EDIFICIO SCOLASTICO Dante Alighieri ( SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA

RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREGANZIOL SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO VIA A. MANZONI, 1 PREGANZIOL (TV) RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 9 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno PERICOLO: proprietà intrinseca di un fattore (attrezzature, sostanze, pratiche di lavoro ecc.) di poter causare danni RISCHIO: è la probabilità che si verifichino

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO FASE -VALUTAZIONE INDICATORI OGGETTIVI STRESS LAVORO CORRELATO La valutazione dello stress lavoro correlato prevede la compilazione di una Check

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

Per opportuna conoscenza si invia la circolare in oggetto, affinché tutto il personale segua le disposizioni in essa contenute.

Per opportuna conoscenza si invia la circolare in oggetto, affinché tutto il personale segua le disposizioni in essa contenute. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ANTONIO ZANELLI Sezione Tecnica Agraria (Produzioni e trasformazioni Gestione ambiente e territorio) Sezione Tecnica Chimica, materiali e biotecnologie sanitarie Sezione

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione.

Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione. Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione. Presentato il IX Rapporto di Cittadinanzattiva su Sicurezza, qualità e comfort degli edifici

Dettagli

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di:

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di: Circ. n. 310 Milano, 28 maggio 2015 AL PERSONALE DOCENTE AL PERSONALE ATA LORO SEDI Oggetto: D.L.vo 81/08 s.m.i. Procedura evacuazione degli edifici scolastici in caso di emergenza o di prova di evacuazione.

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Relazione tecnica descrittiva La presente relazione è stata redatta al fine di descrivere le verifiche affrontate e gli interventi che dovranno essere realizzati per la messa in sicurezza della Scuola

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Procedure standardizzate per la valutazione dei rischi Pubblicato il Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012 Con il Decreto Interministeriale dei 30 novembre 2012 sono state recepite le procedure

Dettagli

Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE

Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE Torino, 19/11/2014 Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE Consegna individuale Oggetto: istruzioni in

Dettagli

Prot. 139 Nocera Inferiore 20/01/2014

Prot. 139 Nocera Inferiore 20/01/2014 Scuola Secondaria I grado Solimena De Lorenzo Via Nola N. 1 Nocera Inferiore 84014 (SA) 0815176356-Fax 081-3615856 e-mail: samm12100a@istruzione.it e-mail certificata: samm12100a@pec.istruzione.it Sito

Dettagli

Istituto Superiore Magnaghi Viale Romagnosi 7-43039 Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524-572270 Fax 0524-574401

Istituto Superiore Magnaghi Viale Romagnosi 7-43039 Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524-572270 Fax 0524-574401 CODICE FISCLE 91042640341 ISTRUZIONI D SEGUIRE Come da Piano di Emergenza sede TERREMOTO In caso di una scossa di terremoto comportarsi secondo i seguenti punti: Durante la scossa non cercare di abbandonare

Dettagli

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08)

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) SICUREZZA E SALUTE NEGLI ISTITUTI D ISTRUZIONE INFORMAZIONE AGLI STUDENTI (ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) La normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ad oggi vigente è quella

Dettagli

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione:

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 8 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico )

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) Requisiti generali - dotati del Certificato di Conformità Edilizia rilasciato dal Comune sulla base della verifica di conformità alla vigente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Cellatica Collebeato Viale Risorgimento, 23 25060 Cellatica (BS) Tel: 030.2770188-0302774730 - Fax: 030.2525792 C. F.

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza. ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole (Agg. Novembre 2012) A cura dello Studio Tecnico Si.En.A.

Dettagli

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA Relazione prevenzione incendio Pag. 1 di 16 NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli PROPRIETA : OGGETTO: ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA ELABORATO: RELAZIONE TECNICA Relazione prevenzione incendio

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. BERTHER Piazza Marconi, 2 25010 SAN ZENO (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Data 30-11-2009 Rev. N. 01 Pagina 1 di 5 MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Ddl RSPP RLS INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 30-11-2009 Rev.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

COLLABORATORI SCOLASTICI

COLLABORATORI SCOLASTICI COLLABORATORI SCOLASTICI La vita della scuola si esplica attraverso la responsabile collaborazione tra tutte le componenti nell esercizio delle rispettive competenze. Stili di comportamento improntati

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno Documento aggiornato al 27/10/2014 IL DATORE DI LAVORO Prof.ssa Lucia Castellana Mod Sic 01/0

Dettagli