Sezione A.I.A. Conegliano Lega Fantacalcio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sezione A.I.A. Conegliano Lega Fantacalcio"

Transcript

1 Regolamento fantacalcio sezionale stagione (in rosso le modifiche approvate nell'assemblea di Lega del 22 giugno 2015) Art. 1 - Partecipanti Ogni partecipante assegnerà un nome alla sua squadra il quale non potrà più essere modificato, neanche nelle stagioni successive. Se uno vorrà assolutamente modificare il nome della squadra, la stessa sarà considerata fallita e sarà retrocessa ad un campionato inferiore rispetto a quello dove sarebbe stata iscritta. Al nome della squadra devono essere associati i colori sociali (massimo 3), anch'essi non potranno più essere modificati. Ogni associato può giocare con una sola squadra di fantacalcio, mentre una squadra può essere gestita da più associati. In quest ultimo caso però deve essere segnalato al momento dell iscrizione dal Presidente della squadra in carica chi ricoprirà questo ruolo nella squadra nella stagione successiva, a quest ultimo apparterrà la squadra in caso di divisione non consensuale. Per essere Presidente di una squadra bisogna farvi parte fin dalla sua fondazione o dall ultimo anno di Prima Divisione a cui la squadra abbia partecipato. Per una migliore suddivisione dei campionati è fissato a 36 il numero massimo di iscritti; per l accettazione di un numero superiore di iscritti, e quindi la composizione di un altro campionato, il numero complessivo di partecipanti deve essere superiore a 40. Art. 2 - Asta dei calciatori a) In ogni sessione d asta (una per ogni girone) è nominato dal Presidente di Lega un Segretario d Asta, preferibilmente non appartenente al campionato interessato e non necessariamente iscritto al FCS. b) Ogni squadra partirà con un saldo di 250 crediti che dovranno essere spesi per la composizione della propria rosa. c) Chi non potrà presentarsi ad un mercato potrà conferire delega a chi lo riterrà più opportuno, purché il delegato sia un associato AIA Conegliano e non sia già stato delegato per la stessa squadra nelle operazioni di mercato nella stagione in corso e nelle due precedenti. d) Si inizia l asta dai portieri per proseguire poi nell ordine con i difensori, centrocampisti e gli attaccanti. Non si passa al ruolo seguente fino a quando non saranno complete tutte le rose per il ruolo. Per l asta dei portieri si procede all acquisto in blocco di tre portieri del medesimo Club di Serie A TIM (base d asta 1). e) Si chiameranno uno per volta i calciatori, con base d asta 1, tutti potranno rilanciare quante volte vorranno fino a quando uno non si aggiudicherà il giocatore. L ordine con il quale vengono chiamati i calciatori è a discrezione del Segretario d Asta. f) Per completare i vari reparti per le rose incomplete durante l asta, il segretario d asta assegna un tempo congruo ai partecipanti per completare le operazioni. In caso di mancato completamento della rosa, verrà completata al termine dell asta. g) Non si possono acquistare più calciatori del limite previsto dello stesso ruolo. h) Durante l asta non si possono fare scambi tra squadre, eventuali operazioni di mercato possono essere effettuate al termine della stessa. Il tempo massimo per concludere tutte le operazioni, scambi, completamento delle rose, è stabilito, in base alle esigenze, dal Segretario d Asta, ma non può comunque superare i 30 minuti. Le rose saranno consegnate in serata e non subiranno variazioni fino al mercato di riparazione. i) E irregolare una rosa con meno di 25 giocatori. Le eventuali squadre che, al termine dell asta e del tempo per le operazioni conclusive stabilito dal Segretario d Asta, si troveranno ad avere una rosa con meno di 25 giocatori, sono obbligate ad avere crediti residui (almeno uno per ogni giocatore mancante), rimanendo con la rosa incompleta fino al Mercato di Riparazione. j) Non sono regolari rose con meno di 25 giocatori e con crediti insufficienti per completarla. Chi contravviene a tale disposizione verrà penalizzato di 10 punti in classifica. k) Ogni giocatore è responsabile dei conteggi del proprio mercato. Regolamento FCS Comparativo 01

2 Art. 3 - Mercato di Riparazione a) In ogni sessione di mercato (una per ogni girone) è nominato dal Presidente di Lega un Segretario d Asta, preferibilmente non appartenente al campionato interessato e non necessariamente iscritto al FCS. b) Chi non potrà presentarsi ad un mercato potrà conferire delega a chi lo riterrà più opportuno, purché il delegato sia un associato AIA Conegliano e non sia già stato delegato per la stessa squadra nelle operazioni di mercato nella stagione in corso e nelle due precedenti. c) Per velocizzare i tempi, è fatto obbligo di predisporre la lista delle cessioni prima dell inizio del turno di mercato di riparazione. I giocatori sono convocati per le ore 20.30, mentre l orario di inizio è fissato per le ore 21.00, così da avere il tempo necessario per la predisposizione delle liste con i calciatori da cedere. d) Non è permesso in nessun momento andare in rosso coi conti. e) Un calciatore ha valore pari all ultima valutazione ricevuta da La Gazzetta dello Sport. I calciatori svincolati, tranne i portieri, hanno invece valore 1 (riferito a quei calciatori che nel girone d andata non appartenevano a nessuna squadra di fantacalcio). f) In ogni rosa ci saranno i portieri di un club di Serie A TIM. Per il prezzo d acquisto e di vendita si farà riferimento al solo portiere più quotato. g) Il mercato di riparazione si svolgerà in due fasi. h) I fase: ii. Ogni squadra presenta al Segretario d Asta la lista dei calciatori che vuole cedere, il quale provvede a leggerli e ad immetterli nel mercato e ad accreditare la relativa somma alla squadra ceditrice. iii. Procedendo per ruoli (dai portieri agli attaccanti) ogni squadra consegna una lista di calciatori che intende acquistare per sostituire quelli ceduti scrivendo un offerta per ogni calciatore (Proposte d Acquisto). Tali offerte sono segrete e consegnate al Segretario d Asta. Una volta raccolte tutte le Proposte d Acquisto, egli provvederà alla loro lettura. Se un calciatore riceve una sola Proposta d acquisto si concretizza l acquisizione al prezzo indicato nella stessa. Se invece un calciatore è nominato su più Proposte d Acquisto esso sarà comprato dal maggiore offerente al prezzo offerto. In caso di parità di maggiore offerta il calciatore sarà acquistato dalla squadra peggio classificata. i) II fase: ii. Si può cedere un calciatore al mercato incassando il relativo valore. iii. Un calciatore ceduto non può essere acquistato ad un prezzo inferiore al suo valore. iv. Se due o più squadre intendono acquistare un giocatore si procede ad asta verbale con prezzo di partenza pari al valore del giocatore. v. La plusvalenza del calciatore dovuta all asta deve essere corrisposta alla squadra che lo ha ceduto inizialmente. vi. Deve essere sempre rispettato il numero massimo di calciatori aventi in rosa per ogni reparto. j) Durante il mercato non si possono fare scambi tra squadre, eventuali operazioni scambi o compravendite possono essere effettuate al termine della stessa. Il tempo massimo per concludere tutte le operazioni, scambi, completamento delle rose, è stabilito, in base alle esigenze, dal Segretario d Asta, ma non può comunque superare i 30 minuti. Le rose saranno consegnate in serata e non subiranno più variazioni. k) E vietata una rosa con meno di 25 giocatori. Le eventuali squadre che, al termine dell asta e del tempo per le operazioni conclusive stabilito dal Segretario d Asta, si troveranno ad avere una rosa con meno di 25 giocatori, sono obbligate ad avere crediti residui (almeno uno per ogni giocatore mancante), rimanendo con la rosa incompleta. l) Non sono regolari rose con meno di 25 giocatori e con crediti insufficienti per completarla. Chi contravviene a tale disposizione verrà penalizzato di 10 punti in classifica. m) Ogni giocatore è responsabile dei conteggi del proprio mercato. Regolamento FCS Comparativo 02

3 Art. 4 - La formazione a) La formazione deve essere fatta e inviata dal giocatore a cui appartiene la squadra, salvo causa di forza maggiore. b) Con la rosa a disposizione della squadra deve essere ricercata la massima competitività dei calciatori schierati. c) La formazione deve essere consegnata alla Segreteria di Lega prima dell orario d'inizio programmato della prima gara di Serie A TIM prevista per quella giornata. A partire dal 1 gennaio 2015 l'invio della formazione è consentito esclusivamente via sito. Rimane la possibilità via sms solo per casi di emergenza. d) L unica formazione valida è quella ricevuta dal segretario. e) Nel caso in cui la formazione verrà consegnata in ritardo (anche se solo di un secondo) o non verrà consegnata affatto la squadra rea parteciperà comunque alla sfida utilizzando l ultima formazione valida consegnata e le sarà assegnato un punto di penalità in classifica la prima volta, tre punti la seconda. Se ciò accade per tre volte (anche non consecutive) nel corso del campionato la squadra verrà esclusa dal campionato (Art. 5) e le saranno assegnati dieci punti di penalità in classifica. Farà fede l orario in possesso della Segreteria. In caso nella formazione precedente sia presente un giocatore squalificato, la squadra giocherà con un calciatore in meno (vedi art. 4 lett. h) f) Nel caso non ci sia una formazione disponibile (ad esempio per la prima giornata) la squadra che non ha presentato la formazione o non l ha inviata in tempo utile perderà a tavolino 3 a 0 e gli verranno assegnati due punti di penalizzazione in classifica. g) La formazione non consegnata per una gara di Coppa Nonno Firmino prevede lo schieramento d'ufficio dell ultima formazione disponibile valida e viene escluso il punteggio del giocatore con il miglior voto (voto Gazzetta+bonus/malus). h) La formazione deve essere composta da 11 titolari e 7 panchinari. Si deve giocare con almeno 3 difensori, almeno 3 centrocampisti e almeno un attaccante. Non si può giocare con più di 5 difensori, 5 centrocampisti o 3 attaccanti. i) Nel caso in cui la formazione consegnata presenti un numero di titolari superiore a 11 o inferiore a 7 o un modulo di gioco non consentito, la squadra in questione perderà a tavolino per 2-0, se invece i titolari sono compresi tra 7 e 10, non potranno essere aggiunti calciatori con le sostituzioni. j) In panchina devono essere presente un portiere e due calciatori per ogni altro ruolo, se questi limiti non saranno rispettati non verranno considerati altri calciatori oltre ai primi due dello stesso ruolo. La squadra avrà sempre il voto del portiere, se non gioca quello schierato come titolare si usufruirà di una delle tre sostituzioni a disposizione e il calciatore che effettivamente ha preso parte alla gara (qualsiasi dei portieri in rosa della squadra) prenderà il voto attribuito dalla GdS. Nel caso in cui sia specificatamente indicato al momento dell'inserimento della formazione, tra le "note", il nome di uno dei portiere della squadra perché non è possibile selezionarlo tra quelli disponibili, quel portiere verrà considerato come il titolare. k) Se nella formazione è presente un calciatore squalificato questo non potrà essere sostituito. l) Nel testo della formazione deve essere indicato nell ordine: il nome della squadra, il modulo di gioco, i calciatori titolari, i calciatori di riserva (sempre nel classico ordine portiere, difensori, centrocampisti, attaccanti). I calciatori devono essere indicati con il cognome e se necessario le iniziali del nome. m) Nel caso in cui si indichi un modulo di gioco diverso da quello effettivamente schierato si verrà diffidati una prima volta, se l errore si ripeterà si procederà inserendo solo i calciatori permessi dal modulo indicato. Art. 5 - Esclusione o ritiro dal campionato a) Un giocatore che si ritira o è colpito dalla sanzione di esclusione dal campionato non potrà giocare al fantacalcio sezionale per la stagione in corso e non potrà iscriversi alla stagione successiva. Se non sono state giocate almeno metà gare del campionato regolare (play-off/out o spareggi esclusi), tutte le partite giocate dalla squadra in questione saranno annullate. Se sono state giocate almeno metà gare del campionato regolare (play-off/out o spareggi esclusi) tutte le partite fin qui giocate non saranno annullate e la squadra verrà commissariata dal Consiglio di Lega. b) Nel caso in cui il Consiglio di Lega ravvisi che un giocatore escluso o ritirato dal campionato, possa partecipare attivamente e conformemente al regolamento nella stagione successiva, può sottoporre all Assemblea di Lega la deroga al punto precedente e quindi accettare la sua iscrizione se la maggioranza assoluta dell Assemblea di Lega è favorevole. In questo caso se il giocatore sarà nuovamente escluso dai campionati non potrà iscriversi per le successive due stagioni sportive. Regolamento FCS Comparativo 03

4 Art. 6 - Campionato c) l campionati si svolgono in parallelo rispetto a quello di Serie A TIM. Ogni squadra partecipante si scontrerà con le altre avversarie 3 volte in Serie A, Serie B e Prima Divisione Serie C. Verrà stilato un calendario con gare di andata, ritorno e un girone su campo neutro, dove il fattore campo influenzerà il risultato solo negli incontri di andata e ritorno. d) Per la conquista del titolo di campione sezionale se due squadre a fine campionato si trovano a pari punti in testa alla classifica, queste giocheranno uno spareggio in un'unica gara. Se le squadre ad occupare la testa della classifica sono più di due allora si applicherà l Art. 8 Classifica finale con squadre a pari punti per determinare le due squadre che si affronteranno nello spareggio. e) Serie A: ii. Vi partecipano 10 squadre. iii. La squadra classificata in 1 posizione diventa Campione Sezionale. iv. Le squadre classificate in 7 e 8 posizione disputeranno un Playout con gare di andata e ritorno se la differenza punti in classifica è inferiore a 5 punti, altrimenti retrocederà direttamente la 8 classificata. In caso di parità di reti segnate al termine delle due partite, resta in Serie A la meglio classificata. La gara di andata sarà giocata in casa dalla peggio classificata. v. Le squadre classificate in 9 e 10 posizione retrocederanno direttamente in Serie B. f) Serie B: i. Vi partecipano 12 squadre. ii. Le squadre classificate in 1 e 2 posizione saranno promosse direttamente in Serie A. iii. Le squadre classificate in 3 e 4 posizione disputeranno i Playoff con gare di andata e ritorno se la differenza punti in classifica è inferiore a 8 punti, altrimenti sarà promossa direttamente la 3 classificata. In caso di parità di reti segnate al termine delle due partite, è promossa in Serie A la meglio classificata. La gara di andata sarà giocata in casa dalla peggio classificata. iv. Le squadre classificate in 10 e 9 posizione disputeranno i Playout con gare di andata e ritorno se la differenza punti in classifica è inferiore a 5 punti, altrimenti retrocederà direttamente la 10 classificata. In caso di parità di reti segnate al termine delle due partite, resta in Serie B la meglio classificata. La gara di andata sarà giocata in casa dalla peggio classificata. v. Le squadre classificate in 12 e 11 posizione retrocederanno direttamente in Prima Divisione Serie C. g) Prima Divisione Serie C: i. Vi partecipano le rimanenti squadre. ii. Le squadre classificate in 1 e 2 posizione saranno promosse direttamente in Serie B. iii. Le squadre classificate in 3, 4, 5, 6, 7 e 8 posizione disputeranno i Playoff con gare di sola andata se la differenza punti in classifica tra 3 e 4 è inferiore a 8 punti, altrimenti sarà promossa direttamente la 3 classificata. Ogni gara dei Playoff si giocherà su campo neutro. Le squadre classificate al 3 e 4 posto accederanno direttamente alle semifinali, mentre quelle al 5, 6, 7 e 8 disputeranno i quarti di finale; in tutte le gare in caso di parità passa il turno la meglio classificata. h) Ripescaggi. Per integrare il numero di iscritti in seguito alla mancata iscrizione di uno o più giocatori o ad una loro esclusione saranno ripescate le squadre seguendo il seguente ordine: i. Associati che rientrano immediatamente dopo aver abbandonato per incompatibilità con la loro appartenenza alla CAN-A o CAN-B. ii. Perdenti Playoff della categoria inferiore; iii. Perdenti Playout della medesima categoria; iv. Classifica della categoria inferiore. v. Retrocessi diretti della medesima categoria I giocatori al punto i godono dell effetto dalla prima stagione del rientro e quelle successive fino a quando non si verifica uno dei seguenti due casi: 1. Il giocatore viene ripescato nella categoria originaria. 2. Il giocatore retrocede da una qualsiasi categoria. Regolamento FCS Comparativo 04

5 Art. 7 - Coppa Nonno Firmino Prosecco a) La competizione prevede la suddivisione delle squadre partecipanti in 4 fasce di merito in base alle classifiche della stagione precedente (vedi punto h.). b) Verranno sorteggiati gli 8 gironi, la cui composizione potrà variare a seconda delle iscrizioni, ma nel rispetto delle seguente linee guida: - i gironi saranno composti da un minimo di 4 squadre; - nel caso d'iscritti superiore a 32, si aumenteranno le squadre per girone, con la composizione più uniforme. c) La coppa prevede lo svolgimento di due fasi: la prima parte a gironi con gare di andata e ritorno con il fattore campo, dove passano il turno le prime due classificate di ciascun girone; la seconda parte ad eliminazione diretta con gare di andata e ritorno (ottavi di finale, quarti di finale e semifinali), per concludere con la finale in gara unica. d) Il sorteggio dopo la fase a gironi determinerà gli abbinamenti degli ottavi di finale, dove le prime classificate si scontreranno con le seconde (le migliori classificate giocano la gara di ritorno in casa). e) Il sorteggio successivo sarà quello per i quarti di finale, con la prima squadra scelta che giocherà l andata in casa; poi ci sarà l ultimo sorteggio della competizione, quello delle semifinali, in cui saranno composti gli abbinamenti con i relativi campi di gioco. f) In caso di parità di punteggio di più squadre nella fase a gironi si terrà conto di: punti conquistati negli scontri diretti (classifica avulsa), maggiore differenza reti negli scontri diretti, maggior numero di gol fatti in tutte le partite del girone, sorteggio. g) Solo nelle gare ad eliminazione diretta (dagli ottavi), per determinare la squadra vincente in caso di parità, si procederà alla disputa dei tempi supplementari ed eventuali tiri di rigore come stabilito nell art. 10 del presente regolamento. h) i) Lo schema è strutturato considerando l iscrizione complessiva di 36 squadre, in caso di numero inferiore di iscritti dovrà rimanere invariato il numero totale di componenti (8) nelle prime tre fasce. j) Le fasce da 1 a 3 saranno completate da squadre della stessa categoria giunte nelle posizioni successive in caso di mancanza di quelle eventi diritto, e se non ce ne saranno di disponibili saranno inserite in ordine squadre di Serie A, di Serie B e Prima Divisione (solo per questa stagione rimane nella tabella l indicazione Prima Divisione, essendo le fasce riferite alla scorsa stagione). k) In fascia 4 saranno inserite le squadre neo-iscritte a completamento dell'organico. l) Ogni girone sarà composto da almeno 1 squadra per ogni fascia e a completamento con le squadre di 4^ fascia, in base al numero complessivo di iscritti. Regolamento FCS Comparativo 05

6 Art. 8 - Classifica finale con squadre a pari punti Se due o più squadre alla fine del campionato occuperanno la medesima posizione in classifica si considereranno nell ordine i seguenti fattori: più punti conquistati negli scontri diretti (classifica avulsa), maggiore differenza reti negli scontri diretti, maggior numero di reti segnate in trasferta negli scontri diretti, maggiore differenza reti in tutte le partite del girone, maggior numero di gol fatti in tutte le partite del girone, sorteggio. Nel caso sia previsto uno spareggio, questo metodo sarà utilizzato per decidere le due squadre che dovranno disputarlo. Art. 9 - Risultato delle partite a) Il risultato delle partite si decide mediante i MagicVoti (con assist Fantacalcio.it) che ogni calciatore prende da La Gazzetta dello Sport. Si sommeranno i voti degli undici titolari, contando, al posto dei calciatori sostituiti, quelli entrati in seguito. b) Si possono fare al massimo tre sostituzioni, possono essere sostituiti solo giocatori non squalificati che non hanno avuto valutazione, dal primo calciatore con voto dello stesso ruolo indicato come riserva. c) Il punteggio della squadra indicherà i gol effettuati in base a quale intervallo appartiene. Con meno di 66 punti non viene riconosciuta alcuna rete, a partire da 66 e con meno di 72 ne viene riconosciuta una e così via ogni 6 punti. d) Chi gioca le partite in casa riceverà due punti bonus, tranne che nel girone neutro. e) Il comunicato dei risultati verrà pubblicato di norma entro le ore 24 del secondo giorno successivo alla giornata di campionato. f) I ricorsi saranno valutati se perverranno prima delle 21 del secondo giorno successivo in cui la Gazzetta dello Sport pubblica i MagicVoti. Il ricorso deve essere presentato al Presidente di Lega o al Vicepresidente. g) Nel caso in cui vengano rinviate alcune gare della Serie A TIM, ci atterremo alle decisioni de La Gazzetta dello Sport prendendo per buoni i voti che assegnerà. Art. 10 Tempi supplementari e Calci di rigore Tempi supplementari: Nel caso in cui, in partite ad eliminazione diretta, il punteggio complessivo risulta essere alla pari, verranno simulati i tempi supplementari. Per fare ciò si prende in esame la quantità di punti necessari ad ognuna delle due squadre per poter passare alla fascia gol superiore. La squadra che è più vicina alla fascia gol superiore vincerà il match e le verrà assegnato un gol in più, questo solo se l altra squadra servono almeno 3 punti in più per raggiungere la faccia gol necessaria. Nel caso in cui la squadra svantaggiata abbia un punteggio inferiore a 3 punti da recuperare per pareggiare con l avversario, allora si andrà ai calci di rigore. Esempio. A si scontra con B, è una gara di ritorno, l andata l ha vinta B per 2-1 e al ritorno vince A per 2-1. Pertanto il punteggio totale è di 3-3 ed entrambe le squadre hanno fatto un gol fuori casa. Se per esempio la somma voti è di 76 a 66, ad A servirebbero 2 punti per fare il terzo gol, mentre a B servirebbe 6 punti per fare la seconda rete, quindi B ha bisogno di 4 punti in più di A per raggiungere la soglia superiore, troppi. Quindi la partita terminerà per 3-1 ai tempi supplementari. Se B avesse fatto un è punteggio compreso tra 67,5 e 71,5, non si sarebbe assegnato nessun gol aggiuntivo e quindi si sarebbero simulati i calci di rigore. Calci di rigore: Per simulare i calci di rigore si rende necessaria la presenza dei presidenti delle squadre contendenti e di almeno una persona superpartes. La simulazione si basa sui voti presi dai calciatori senza considerare eventuali malus o bonus. I due presidenti presenteranno la lista ordinata dei calciatori che tireranno i calci di rigore. La simulazione è puramente aleatoria, ma le probabilità di realizzazione dei giocatori dipenderà dal proprio voto e dal voto del portiere. Regolamento FCS Comparativo 06

7 Dovrà essere stabilita una percentuale p di realizzazione, cioè la percentuale che un calciatore con valutazione 6 ha di realizzare un calcio di rigore dove il portiere ha preso valutazione 6. Naturalmente maggiore sarà il voto del calciatore e maggiore sarà p, viceversa maggiore sarà il voto del portiere, minore sarà p. Per esempio si può supporre che in media un calcio di rigore sia realizzato il 70% delle volte, pertanto si definisce p=70%. Si definisce con x la probabilità di realizzazione del singolo calcio di rigore come segue: x = p + 0,1*(Vc-6) 0,1*(Vp-6). La formula va interpretata come segue: la probabilità di realizzazione x aumenta del 5% ogni mezzo voto superiore al 6 del tiratore o ogni mezzo voto inferiore a 6 del portiere, viceversa la x diminuisce del 5% ogni mezzo voto superiore al 6 del portiere o ogni mezzo voto inferiore al 6 del tiratore.a questo punto basta estrarre un numero da 0 a 100, il tiro sarà andato a segno se il numero estratto n<=x, altrimenti il tiro sarà sbagliato. Art Vuoti regolamentari Tutto quello che non è previsto dal presente regolamento verrà gestito dal CdL usando nell ordine: regolamento del fantacalcio de La Gazzetta dello Sport, regolamento dell AIA, regolamento FIGC (NOIF), coscienza propria. Regolamento FCS Comparativo 07

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore )

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore ) REGOLAMENTO ART.11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001,430 CONCORSO A PREMI DENOMINATO MAGIC+3 CAMPIONATO 2014-2015 PROMOSSO DALLA SOCIETA RCS MEDIAGROUP SPA MILANO CL 410/2014 SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO STAGIONE 2011 2012 INTRODUZIONE Qui di seguito trovate le Regole Ufficiali della Federazione Fantacalcio. Ogni anno, se necessario, vengono modificate e aggiornate

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la

GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la pubblicazione dei componenti. Invitiamo gli utenti a

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

XXIX CAMPIONATO AMATORI A.S. 2014/15

XXIX CAMPIONATO AMATORI A.S. 2014/15 XXIX CAMPIONATO AMATORI A.S. 2014/15 CALENDARIO FASI FINALI PLAY-OFF PLAY-OUT FASI FINALI PLAY-OFF GIRONE A QUARTOPUNTO ZERO NEW KINGS 28/4/15 20,45 QUARTO Martedì CAPO HORN -A.FELICE- INTERPUTEOLANA M.P

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA.

REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA. REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA. 1) Il presente regolamento è valido dal 10.01.2012, sostituisce ogni altra precedente

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE Norme Integrative al Codice Internazionale del Bridge Edizione 2012 a cura di Maurizio Di Sacco Direttore della Scuola Arbitrale Italiana Modificata con Delibera del C.F.

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO GIOCATORI

LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO GIOCATORI Università Commerciale Luigi Bocconi Facoltà di Economia Corso di Laurea in Amministrazione, Finanza e Controllo LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA Liverpool FC Anfield - Liverpool Giovedì, 19 febbraio 2015 21.05CET (20.05 ora locale) Sedicesimi di finale, Andata Beşiktaş JK Ultimo aggiornamento

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

FAI IL PIENO DI CALCIO

FAI IL PIENO DI CALCIO REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI FAI IL PIENO DI CALCIO La Beiersdorf SpA, con sede in Via Eraclito 30, 20128 Milano, promuove la seguente manifestazione, che viene svolta secondo le norme contenute

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Regolamenti 2013: parti generali

Regolamenti 2013: parti generali Regolamenti 2013: parti generali Regole Generali Attraverso gli sport del nuoto, tuffi, sincronizzato, pallanuoto e nuoto in acque libere il programma Master deve promuovere il benessere, l'amicizia, la

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014.

REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014. REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014. 1. SOCIETA PROMOTRICE BARILLA G. e R. Fratelli Società per Azioni, con Socio Unico Via Mantova, 166-43122 Parma C.F. e iscrizione al registro

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento del Giuoco del Calcio corredato dalle Decisioni Ufficiali FIGC e dalla Guida Pratica AIA Edizione 2013 FEDERATION INTERNATIONALE DE FOOTBALL ASSOCIATION (FIFA)

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014)

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) REGOLE DI TENNIS Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) INDICE Prefazione pag. 2 Regola 1 Il campo pag. 3 Regola 2 - Arredi permanenti

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail. COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.it bollo di 16,00 da apporre solo se si richiedono copie conformi Al Responsabile

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA Agg. al 31/10/2014 1 INDICE Calendario Attività Agonistica 2014-2015 e scadenze pag. 3 Norme

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015

Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015 Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015 1. SOCIETÀ PROMOTRICE 2. PERIODO 3. PRODOTTO IN PROMOZIONE BARILLA G. e R. Fratelli Società per Azioni, con Socio Unico Via

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Banca Popolare Friuladria

Banca Popolare Friuladria La Voce Banca Popolare Friuladria Comunicato d informazione sindacale per gli iscritti - settembre 2007 SOMMARIO Aumento di capitale Credit Agricole 1 Conclusa la bozza Staututo FIM 3 18 settembre primo

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

Adotta il seguente regolamento:

Adotta il seguente regolamento: REGOLAMENTO RECANTE MODIFICAZIONI AL DECRETO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 19 GIUGNO 2003, n. 179 RECANTE NORME CONCERNENTI I CONCORSI PRONOSTICI SU BASE SPORTIVA, AI SENSI DELL ARTICOLO 16

Dettagli