FAIR PLAY TIM CUP: LE PREMIAZIONI DI MAGGIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FAIR PLAY TIM CUP: LE PREMIAZIONI DI MAGGIO"

Transcript

1 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE PUGLIA VIA Nicola Pende, BARI TEL. 080/ FAX 080/ NUMERO VERDE SERVIZIO PRONTO A.I.A. 336/ SITO INTERNET : - Stagione Sportiva 2012/2013 Comunicato Ufficiale N 78 del 9 Maggio 2013 FAIR PLAY TIM CUP: LE PREMIAZIONI DI MAGGIO Siamo entrati ufficialmente nel rush finale della Fair Play TIM CUP, la manifestazione tenuta a battesimo in Puglia per la stagione sportiva 2012/2013 che premia mese per mese le società più corrette di Eccellenza, Promozione, Juniores, Allievi e Giovanissimi Regionali della Puglia. È già tutto pronto per la penultima tornata di eventi da celebrare nelle province pugliesi a cavallo tra la fine di Maggio e l inizio del mese di Giugno presso i Punti Vendita TIM più vicini alla sede delle società che si sono aggiudicate il prestigioso riconoscimento. Si ricorda che il premio viene attribuito da regolamento una volta sola, per cui le società che hanno già vinto nei mesi precedenti in una delle cinque categorie faranno spazio a quelle che le seguono nella classifica della Coppa Disciplina redatta ogni inizio del mese. A partire dal mese di Maggio, solo per le categorie Allievi e Giovanissimi, è stata tenuta in considerazione la classifica disciplina delle Fasi Finali in quanto i Campionati Regionali sono terminati nel mese di Marzo. Toccherà stavolta a A.S.D. MANFREDONIA CALCIO (terza classificata in Eccellenza), A.S.D. REAL ALBEROBELLO (quarta classificata in Promozione e quinta classificata nella Juniores), A.S.D. GIOVANI CRYOS (prima classificata negli Allievi), A.S.D. JUVENTUS S.MICHELE (prima classificata nei Giovanissimi), ricevere il premio che consiste in una muta da gioco personalizzata con i colori sociali del club e la patch Fair Play TIM CUP. Alle premiazioni, il cui calendario completo di date e orari sarà pubblicato su un prossimo Comunicato Ufficiale, prenderanno parte i rappresentanti del C.R. Puglia - LND e di TIM oltre ai tecnici, calciatori e dirigenti delle società coinvolte. Si ricorda, inoltre, che attraverso i siti internet e è possibile registrarsi per monitorare costantemente le classifiche relative alla Coppa Disciplina dei suddetti campionati. Una volta creato un account con i propri dati attraverso un indirizzo di posta elettronica valido, sarà possibile confermare l iscrizione cliccando sul link che arriverà sulla medesima casella di posta elettronica ed accedere all area riservata alla Fair Play TIM CUP (facilmente riconoscibile attraverso il banner con il logo ufficiale della manifestazione pubblicato su entrambi i siti internet sopra indicati).

2 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 2 di 49 CORSO PER L ABILITAZIONE A COLLABORATORE DELLA GESTIONE SPORTIVA PRESSO IL C.R. PUGLIA La Lega Nazionale Dilettanti, con il supporto del Settore Tecnico della Federazione Italiana Giuoco Calcio e la collaborazione dell Associazione Italiana dei Direttori e Segretari delle Società Sportive (A.DI.SE.), indice ed organizza il Corso per l abilitazione a Collaboratore della Gestione Sportiva, che avrà luogo presso il Comitato Regionale Puglia LND con inizio previsto il 10 Giugno Di seguito si pubblica un estratto del Bando di ammissione, le cui domande dovranno essere spedite per mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno o consegnate a mano presso la sede del C.R. Puglia LND entro e non oltre il 5 Giugno ESTRATTO DEL BANDO DI AMMISSIONE [ ] Il Corso si propone di fornire i necessari supporti formativi e culturali a soggetti che potranno essere chiamati a svolgere, per conto di Società e Associazioni Sportive della Lega Nazionale Dilettanti, attività concernenti l'assetto organizzativo e/o amministrativo della Società o Associazione, ivi compresa la gestione dei rapporti aventi ad oggetto il tesseramento ed il trasferimento dei calciatori, nonché il tesseramento dei tecnici, nel rispetto delle norme dettate dall'ordinamento della F.I.G.C.. Al termine del Corso, a quanti avranno superato l'esame finale, sarà rilasciato il Diploma, che costituirà il presupposto necessario per l iscrizione nell'apposita Sezione dell'elenco Speciale per Direttori Sportivi. La formalizzazione dell inserimento in tale sezione sarà comunque subordinata alla ulteriore produzione dei documenti previsti dal Regolamento per l'elenco Speciale in vigore. Il programma didattico si articolerà in quarantotto ore complessive di lezioni e un esame la cui data verrà comunicata durante il Corso. [ ] Il Corso avrà svolgimento presso una struttura che verrà comunicata per tempo dal COMITATO REGIONALE PUGLIA, con l obbligo di frequenza per gli ammessi, ed inizierà il , secondo il calendario e il programma delle lezioni che saranno comunicati per tempo. Inoltre, per motivi didattici, potranno essere previste trasferte di studio. Ad eventuale integrazione del numero massimo dei partecipanti previsto in 52 (cinquantadue), il Comitato di Direzione del Corso potrà prendere in considerazione eventualmente altre domande presentate da società appartenenti ad altri Comitati Regionali. [ ] La domanda di partecipazione al Corso (una per ogni candidato), con la specifica dell indirizzo tecnico o amministrativo (allegato A) e completa anche del Modulo (allegato B) riservato al candidato compilato in ogni sua parte e sottoscritto, dovrà essere firmata dal Presidente della Società segnalante. Dovrà essere presentata con documentazione in originale: direttamente o fatta pervenire per corriere o per posta a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, a cura degli interessati, entro il al seguente indirizzo: F.I.G.C. LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE PUGLIA CORSO COLLABORATORE DELLA GESTIONE SPORTIVA Via NICOLA PENDE, BARI. Alla domanda dovrà essere allegata copia del foglio di censimento depositato presso la Lega competente ovvero il tesseramento federale, così come descritto al precedente punto 8. Per l'invio a mezzo corriere o raccomandata vale la data di arrivo al Comitato Regionale certificata dal protocollo. Saranno prese in considerazione solo le domande pervenute o depositate entro le ore 20:00 del [ ] La graduatoria completa dei candidati ammessi al Corso dovrà essere esposta all' Albo presso la sede del Comitato Organizzatore oltre che essere pubblicata sul sito internet e su apposito Comunicato Ufficiale del Settore Tecnico. Si consiglia di prendere visione dell intero Bando di ammissione al suddetto Corso, che può essere scaricato cliccando su nell area corsi della regione Puglia sul sito del Settore Tecnico, per conoscere i requisiti di partecipazione e le modalità di pagamento della quota di partecipazione complessiva che è stata quantificata nella somma di 1.500,00 (millecinquececnto/00). Per eventuali chiarimenti, è possibile contattare gli Uffici del Comitato Regionale Puglia della Lega Nazionale Dilettanti dal lunedì al venerdì negli orari di servizio indicati sui Comunicati Ufficiali.

3 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 3 di COMUNICAZIONI F.I.G.C. COMUNICAZIONI 1.1. (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 164/A DEL 7 MAGGIO 2013) Nella riunione del 30 aprile 2013; Il Consiglio Federale ritenuto opportuno modificare l art. 19 delle Norme Organizzative Interne della F.I.G.C.; visto l art. 27 dello Statuto Federale; d e l i b e r a di approvare la modifica dell art. 19 delle Norme Organizzative Interne della F.I.G.C. secondo il testo allegato sub A). All. A) NORME ORGANIZZATIVE INTERNE F.I.G.C. VECCHIO TESTO NUOVO TESTO Art. 19 Impianto sportivo 1. Le società debbono svolgere la loro attività sportiva nell impianto sportivo dichiarato disponibile all'atto dell'affiliazione. 2. L impianto sportivo di cui al precedente comma 1) deve insistere sul territorio del Comune ove le società hanno la propria sede sociale. Su richiesta delle società, le Leghe, i Comitati e le Divisioni, in via eccezionale e per fondati motivi, possono, autorizzare, secondo la rispettiva competenza, le medesime società a svolgere le loro attività in impianti diversi. La Divisione Calcio a Cinque può autorizzare, in caso di mancanza di struttura idonea, le società che hanno l obbligatorietà di giocare su campi coperti a svolgere la propria attività in impianti sportivi di Province limitrofe, dotati di campi coperti. 3. In caso di diniego della autorizzazione di cui al precedente comma le società potranno chiedere il riesame dell istanza: -al Consiglio Federale se sono società del settore professionistico; -al Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti se sono società del settore dilettantistico ovvero di puro settore giovanile. 4. Salvo deroga, per quanto di competenza, della Federazione, delle Leghe, dei Comitati e delle Divisioni, non può essere considerato nella disponibilità di una società un impianto sportivo che sia già a disposizione di altra. Art. 19 Impianto sportivo 1. Le società debbono svolgere la loro attività sportiva nell impianto sportivo dichiarato disponibile all atto della iscrizione al Campionato. L impianto sportivo, dotato dei requisiti richiesti, deve essere ubicato nel Comune in cui le società hanno la propria sede sociale. 2. In ambito professionistico, l utilizzo di un impianto sportivo ubicato in un Comune diverso, è regolato dalle norme sulle Licenze Nazionali, emanate annualmente dal Consiglio Federale. 3. In ambito professionistico, le Leghe, su richiesta delle società o d ufficio, in situazioni eccezionali e di assoluta urgenza correlate alla singola gara, possono disporre secondo la rispettiva competenza e per fondati motivi, che le medesime società svolgano la loro attività in impianti diversi. 4. In ambito dilettantistico e di settore giovanile, su richiesta delle società, la L.N.D., i Comitati e le Divisioni, secondo la rispettiva competenza, possono autorizzare le medesime società, in via eccezionale e per fondati motivi, anche per situazioni di urgenza correlate alla singola gara, a svolgere la loro attività in impianti non ubicati nel Comune in cui hanno sede. La Divisione Calcio a Cinque può autorizzare, in caso di mancanza di struttura idonea, le società che hanno l obbligatorietà di giocare su campi coperti a svolgere la propria attività in impianti sportivi di province limitrofe, dotati di campi coperti.

4 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 4 di In ambito professionistico, le società neopromosse, ivi incluse quelle provenienti dal Comitato Interregionale, ove non disponessero di un impianto sportivo idoneo nel Comune in cui hanno sede, sono autorizzate a svolgere per tre stagioni successive alla promozione l attività in un impianto sportivo idoneo alla nuova categoria ubicato in altro Comune. L individuazione dell impianto sportivo è effettuata d intesa tra la società e le competenti Leghe. In caso di mancato accordo, ogni conseguente decisione è devoluta al Consiglio Federale. Al termine del campionato della terza stagione sportiva successiva alla promozione, ove l impianto sportivo del Comune in cui ha sede la società non fosse idoneo per la categoria di appartenenza di quest ultima, la società potrà trasferire la propria sede sociale in altro Comune della stessa provincia, dotato di impianto sportivo idoneo alla categoria e modificare la propria denominazione sociale. Il trasferimento di sede e la modifica della denominazione sociale sono approvati dal Presidente federale, sentita la Lega competente, e la relativa istanza corredata dei documenti e degli atti previsti dal comma 2 dell art. 17 e dal comma 3 dell art. 18 dovrà essere presentata entro il 30 giugno. La società, qualora non si avvalesse di tale facoltà, si intenderà rinunciataria al Campionato di competenza. 5. In caso di mancato accoglimento dell istanza di cui ai commi 3 e 4, le società possono chiedere il riesame della stessa: - al Consiglio Federale se sono società del settore professionistico; - al Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti se sono società del settore dilettantistico o di primo settore giovanile. 6. Salvo deroga, per quanto di competenza della Federazione, delle Leghe, dei Comitati e delle Divisioni, non può essere considerato nella disponibilità di una società un impianto sportivo che sia già a disposizione di altra (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 165/A DEL 7 MAGGIO 2013) - Nella riunione del 30 aprile 2013; Il Consiglio Federale - vista la comunicazione della Co.Vi.So.C., con cui l organo di controllo ha rappresentato che il rapporto VP/DF di cui all art. 85 delle N.O.I.F., possa essere determinato in misura non inferiore a 4 unità di valore della produzione per 1 unità di debiti finanziari; - visti l art. 27, comma 2 dello Statuto e l art. 85, lett. A), Par. VIII e lett. B), Par. VIII delle NOIF d e l i b e r a di fissare il rapporto VP/DF di cui all art. 85, lett. A), Par. VIII e lett. B), Par. VIII delle N.O.I.F, nella misura minima di 4 unità di valore della produzione per 1 unità di debiti finanziari.

5 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 5 di (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 170/A DEL 7 MAGGIO 2013) - Nella riunione del 30 aprile 2013; Il Consiglio Federale - visto il C.U. n. 82/A del 21 novembre 2012, con il quale si è stabilito che in caso di vacanza di organico nei Campionati di I Divisione e di II Divisione 2013/2014, determinatasi all esito delle procedure di rilascio delle Licenze Nazionali per l ammissione ai relativi campionati, non si procederà ad integrazione di organico, salvo che le non ammissioni determinino un organico complessivo inferiore a 69 squadre. In tal caso gli organici di I Divisione e di II Divisione 2013/2014, saranno integrati fino al raggiungimento del numero di 33 squadre in I Divisione e 36 squadre in II Divisione; - visto il C.U. 169/A del 7 maggio 2013, con il quale si è stabilito che in caso di vacanza di organico nel Campionato di Serie B determinatasi all esito delle procedure di rilascio delle Licenze Nazionali per l ammissione al relativo campionato, non si procederà ad integrazione di organico, salvo che le non ammissioni determinino un organico complessivo inferiore a 20 squadre. In tal caso l organico di serie B 2013/2014 sarà integrato fino al raggiungimento del numero di 20 squadre; - ritenuto opportuno e coerente con le suddette disposizioni in materia di ripescaggi che, nella prossima stagione sportiva, sia sospesa l applicazione dei commi 6, 7, 8 e 9 dell art. 52 delle NOIF; - ritenuto altresì di prevedere che l applicazione del comma 10 dell art. 52 soprarichiamato, debba essere estesa anche ai casi di eventuali non ammissioni ai Campionati di Serie A e di Serie B (2013/2014) d e l i b e r a è sospesa l applicazione per la stagione 2013/2014 dei commi 6, 7, 8 e 9 dell art. 52 delle NOIF; il comma 10 dell art. 52 delle NOIF troverà applicazione anche per i casi di eventuali non ammissioni ai Campionati di Serie A e di Serie B nella stagione sportiva 2013/2014.

6 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 6 di COMUNICAZIONI L.N.D (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 5 DEL 4 MAGGIO 2013 DEL COLLEGIO ARBITRALE) Si da atto che il Collegio Arbitrale presso la Lega Nazionale Dilettanti, istituito dalla Presidenza Federate a norma dell'art. 4 comma 5 della Legge 91 del marzo 1981, di cui al Comunicato Ufficiale n. 8/A, pubblicato il 14 settembre 1981, riunitosi a Roma, presso la sede Federale, e cosi composto: Presidente - Avv. Tito Lucrezio MILELLA Rappresentanti delle Società - Avv. Antonio BARATTA Dott. Cesare DOBICI Dott. Mario ROSSINI Rappresentanti degli Allenatori - Cav. Domenico CARRETTA Sig. Gianfranco RICCI Sig. Vittorio RUSSIANO Segretario - Dott. Luigi NERI ****OMISSIS**** VERTENZA: all. Sergio VOLTURO I A.S.D. A. TOMA MAGLIE ( 50/23) ARBITRI: sigg. Vittorio RUSSIANO e Cesare DOBICI L'allenatore dilettante Sergio Volturo, ufficialmente rappresentato e difeso dall' Avv. Giuseppe Violante in virtù di espresso mandato, in data 8 ottobre 2012 si rivolge a questo Collegio Arbitrate affinché gli venga riconosciuta dalla società. U.S.D. Toma Maglie, partecipante al campionato di Eccellenza regione Puglia, la somma di ,00 a pagamento del premio di tesseramento pattuito con la medesima in data 20 agosto 2011 e mai percepito e di ,80 a titolo di rimborso spese per i viaggi da lui sostenuti nello svolgimento delle sue funzioni di allenatore a favore della società nel periodo antecedente il suo esonero. A tale proposito viene riportato un dettagliato elenco dei chilometri percorsi dalla sua residenza al campo di gioco e del numero degli allenamenti e gare da lui effettuati. Chiede inoltre gli vengano riconosciuti oltre alla rivalutazione monetaria,gli interessi di mora. Dichiara di essere stato esonerato in data 3 gennaio 2012 e di aver comunicato alla società e agli Organi FIGC competenti di aver preso atto di tale decisione e di rimanere a disposizione della medesima sino al termine della stagione 2011/2012. AI ricorso vengono allegati: - contratto economico stipulato con la U.S.D. Toma Maglie nel quale si conviene che la società, nell'assumere il tecnico Sergio Volturo quale allenatore responsabile della prima squadra, si impegna a riconoscergli un compenso annuo di ,00 da pagarsi in 4 rate da.3.000,00 cadauna alle scadenze dei mesi di ottobre,dicembre 2011 e febbraio,marzo Alla lettera 2b dell'accordo viene previsto anche un rimborso spese peri viaggi da lui sostenuti - telegramma di esonero della società, datato 3 gennaio 2012, con il quale il tecnico viene sollevato dal suo incarico - lettera di riscontro all'esonero inviata dall'allenatore a Società, Settore Tecnico ed A.l.A.C. - mappa distanze chilometriche e prezzi carburante

7 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 7 di 49 - ricevuta della raccomandata attestante l'invio del ricorso alla controparte. Con raccomandata del 29 novembre 2012 il Segretario del Collegio invita la società U.S.D. Toma Maglie a presentare le proprie controdeduzioni al ricorso ed il tecnico Sergio Volturo ad inviare successivamente le proprie eventuali osservazioni. Alla richiesta del Collegio Arbitrale del 28 gennaio 2013 sull'avvenuto o meno deposito del contratto il Comitato Regionale Puglia risponde in modo affermativo inviando copia del medesimo unitamente a copia del tesseramento del tecnico ed alle pratiche inerenti il suo esonero. Il Collegio esaminata la documentazione pervenuta e considerato altresì che Ia società U.S.D. Torna Maglie non ha fatto pervenire alcuna controdeduzione ritiene il ricorso meritevole di parziale accoglimento. P.Q.M. Il Collegio Arbitrate accoglie parzialmente il ricorso del tecnico Sergio Volturo e prendendo come riferimento il massimale previsto per il campionato di appartenenza obbliga la società U.S.D. Toma Maglie al pagamento a suo favore della somma di ,00 a saldo del premio di tesseramento, di ,80 a titolo di rimborso spese e di. 180,00 per interessi equitativamente determinati per un totale complessivo di ,80 oltre agli interessi legali che andranno a maturare fino all'effettivo soddisfo. Nulla e dovuto per il risanamento della svalutazione monetaria in difetto di prova del relativo danno, come da costante orientamento di questa Collegio. Nulla e dovuto per le spese legali,in quanta non previste dalla giurisprudenza di questa Collegio. La presente delibera e inappellabile ed immediatamente esecutiva nei termini, modalità, tutele e sanzioni previste dalle disposizioni dell'art.94 ter comma 13 delle NOIF e collegato art.8 comma 15 del CGS (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 238 DEL 6 MAGGIO 2013) Approssimandoci alla conclusione della corrente Stagione Sportiva , si richiama l'attenzione dei Comitati e delle Divisioni sulla necessita di informare le rispettive Società in ordine alla corretta applicazione dell'art. 32 bis, delle N.O.I.F., inerente la durata del vincolo di tesseramento e lo svincolo per decadenza. Nel recente passato, infatti, numerose Società della L.N.D. e molti calciatori hanno erroneamente interpretato la valenza della svincolo per decadenza del tesseramento, nel senso cioè che - una volta ottenuto lo stesso - gli stessi ritengono di poter svolgere attività senza contrarre un nuovo vincolo che, ovviamente, ad eccezione dei casi previsti dall'art. 94 ter, comma 7, delle N.O.I.F., dovrebbe essere di durata annuale. La partecipazione di un calciatore all'attività federale deve prevedere necessariamente il tesseramento, da parte della stesso, e in caso contrario le Società e i calciatori incorrono nelle sanzioni previste dal Codice di Giustizia Sportiva. Per tale motivo, a specifica delle disposizioni di cui all'art. 32 bis, delle N.O.I.F., e opportuno chiarire che, fatta salva la previsione di cui al punto 7, dell'art. 94 ter, delle N.O.I.F., il calciatore che ottiene lo svincolo per decadenza del tesseramento, per svolgere attività federate deve assumere con la propria o con altra Società un vincolo della durata di una sola stagione sportiva, al termine della quale il tesseramento decade automaticamente. Tale procedura dovrà, ovviamente, essere ripetuta per ogni stagione sportiva nella quale il calciatore intenda partecipare all'attività federate. Si raccomanda a tutte le Società Ia scrupolosa osservanza delle suddette disposizioni.

8 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 8 di (STRALCIO CIRCOLARE N. 53 DEL 6 MAGGIO 2013) Con la presente, si ritiene opportune rammentare ai Comitati L.N.D., ai Dipartimenti interregionale e Calcio Femminile e alla Divisione Calcio a Cinque, il disposto di cui all'art. 94 ter, commi 12 e 13, delle N.O.I.F., in ordine ai termini individuati dalla norma citata ai fini dell'iscrizione al Campionato di competenza delle nostre Associate. Ai commi 12 e 13 e stabilito che, in presenza di decisioni della Commissione Accordi Economici divenute definitive entro il 31 Maggio nonché, sempre entro il predetto termine, in presenza di decisioni anch'esse divenute definitive della Commissione Vertenze Economiche e del Collegio Arbitrale presso Ia L.N.D., le somme poste a carico delle Società devono essere integralmente corrisposte agli aventi diritto entro il termine annualmente fissato per l'iscrizione ai rispettivi Campionati. Ciò significa che le Società interessate dovranno produrre al Comitato/Divisione competente documentazione incontestabile e dimostrativa della conoscenza e accettazione del percipiente, recante data successiva alia decisione divenuta definitiva entro il 31 Maggio di ciascuna Stagione Sportiva, dalla quale si evinca in maniera assolutamente inconfutabile l'avvenuto adempimento del debito sancito, in via definitiva, dall Organo competente. in caso contrario, la Società inadempiente deve essere esclusa dal Campionato di competenza. Si rappresenta, inoltre, al Dipartimento lnterregionale, al Dipartimento Calcio Femminile e alla Divisione Calcio a Cinque che, in caso di retrocessione della Società al Campionato regionale, gli stessi dovranno trasmettere al Comitato Regionale competente, entro il 15 giugno di ciascuna Stagione, un prospetto riepilogativo delle eventuali pendenze a carico della Società interessata rimaste inadempiute a seguito di decisioni divenute definitive entro il 31 Maggio precedente, adottate dalla Commissione Accordi Economici, dalla Commissione Vertenze Economiche e dal Collegio Arbitrale presso Ia LN. D.. I Comitati Regionali, invece, dovranno trasmettere al Dipartimento lnterregionale, al Dipartimento Calcio Femminile e alla Divisione Calcio a Cinque, le posizioni relative ad eventuali pendenze economiche delle Società promosse ai Campionati Nazionali organizzati dai citati Dipartimenti e Divisione Calcio a Cinque, per Ia stagione sportiva 2013/ (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 250 DEL 9 MAGGIO 2013) Si riporta di seguito l elenco delle Società che, dopo lo svolgimento delle fasi regionali, hanno acquisito il diritto di partecipazione alla fase nazionale del Campionato Juniores riservato alle squadre regionali: ABRUZZO: BASILICATA: CALABRIA: CAMPANIA: EMILIA R.: FRIULI V.G.: LAZIO: LIGURIA: LOMBARDIA: MARCHE: MOLISE: PIEMONTE V.A: PUGLIA: SARDEGNA: VASTO MARINA di Vasto (CH) GR VALDIANO di Lagonegro (PZ) ROCCELLA di Roccella Jonica (RC) PROGREDITUR MARCIANISE di Marcianise (CE) VINCENTE EMILIA ROMAGNA MANZANESE di Manzano (UD) NUOVA TOR TRE TESTE di Roma (RM) VADO di Vado Ligure (SV) VINCENTE LOMBARDIA GROTTAMMARE C di Grottammare (AP) VINCENTE MOLISE CITTA DI BAVENO 1908 di Baveno (VB) MANDURIA SPORT di Manduria (TA) TALORO GAVOI di Gavoi (NU)

9 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 9 di 49 SICILIA: TOSCANA: C.P.A. TRENTO: C.P.A. BOLZANO: UMBRIA: VENETO: ATLETICO GELA di Gela (CL) FIRENZE OVEST di Firenze (FI) ARCO 1895 di Arco (TN) BRIXEN di Bressanone (BZ) SAN SISTO di San Sisto (PG) VITTORIO FALMEC S.M. COLLE di Vittorio Veneto (TV) In linea con le disposizioni del Regolamento della Manifestazione, e nel rispetto dell art. 3, del suddetto Regolamento, pubblicato con C.U. N. 70, del 13 settembre 2012, le 20 squadre ammesse sono suddivise in 8 gironi così costituiti: n 4 da 3 squadre ciascuno (triangolari) n 4 da 2 squadre ciascuno (gare di andata e ritorno) Le relative composizioni, come dal richiamato C.U. N. 70, vengono stabilite nel modo seguente: Girone A: Girone B: Girone C: Girone D: Girone E: Girone F: Girone G: Girone H: CITTA DI BAVENO VADO VINCENTE LOMBARDIA (triangolare) ARCO BRIXEN MANZANESE (triangolare) VINC. EMILIA ROMAGNA VITTORIO FALMEC S.M. COLLE (andata e ritorno) FIRENZE OVEST SAN SISTO(andata e ritorno) NUOVA TOR TRE TESTE - TALORO GAVOI (andata e ritorno) GROTTAMMARE C VASTO MARINA VINCENTE MOLISE (triangolare) GR VALDIANO MANDURIA SPORT PROGREDITUR MARCIANISE (triangolare) ATLETICO GELA ROCCELLA (andata e ritorno) Il calendario della manifestazione viene confermato come segue: 15 maggio ª gara triangolari - ottavi andata 18 maggio ª gara triangolari ottavi ritorno ottavi andata 22 maggio ª gara triangolari - ottavi ritorno 29 maggio 2013 quarti andata 1 giugno 2013 quarti ritorno 8 giugno 2013 semifinali andata 12 giugno 2013 semifinali ritorno 19 giugno 2013 finale a Roma Ciò premesso, si riporta di seguito il programma della prima fase; l'ordine di svolgimento è stato stabilito da apposito sorteggio: mercoledì 15 maggio 2013 ore Girone A: CITTA DI BAVENO 1908 VADO Rip.: VINCENTE LOMBARDIA Girone B: MANZANESE ARCO 1895 Rip. : BRIXEN Girone D: SAN SISTO FIRENZE OVEST Campo Comunale Via Partigiani Baveno (VB) Campo Via Olivo 8 Manzano (UD) Stadio Comunale San Sisto (PG) - sintetico Girone E: TALORO GAVOI NUOVA TOR TRE TESTE Campo Maristiai Gavoi (NU) Girone F: GROTTAMMARE C.1899 VASTO MARINA Stadio Comunale Pirani Via San Martino - Grottammare (AP) Rip.: VINCENTE MOLISE Girone G: GR VALDIANO PROGREDITUR MARCIANISE Campo Comunale di Monte San Giacomo (SA) Rip.: MANDURIA SPORT Girone H: ATLETICO GELA ROCCELLA Campo Comunale Vincenzo Presti Gela (CL)

10 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 10 di 49 sabato 18 maggio 2013 ore Girone A: 2ª gara triangolare Girone B: 2ª gara triangolare Girone C: VITTORIO FALMEC VINC. EMILIA ROMAGNA Campo Comunale di Colle Umberto (TV) sintetico (ANDATA) Girone D: FIRENZE OVEST SAN SISTO Campo Firenze/Paoli Via Lombardia 30 Firenze (FI) Girone E: NUOVA TOR TRE TESTE TALORO GAVOI Campo Roberto Ielasi Via G. Candiani 4 Roma - sintetico Girone F: 2ª gara triangolare Girone G: 2ª gara triangolare Girone H: ROCCELLA ATLETICO GELA Campo Comunale di Roccella Jonica (RC) - sintetico mercoledì 22 maggio 2013 ore Girone A: 3ª gara triangolare Girone B: 3ª gara triangolare Girone C: VINCENTE EMILIA ROMAGNA VITTORIO FALMEC (RITORNO) Girone F: 3ª gara triangolare Girone G: 3ª gara triangolare COMUNICAZIONI ALLE SOCIETA 1) LIMITI DI ETA Le squadre partecipanti debbono essere esclusivamente formate da calciatori nati dal 1 gennaio 1994 in poi, e che comunque abbiano compiuto il 15 anno di età. E consentito l impiego, in assoluto, di non più di tre calciatori fuori quota, nati dal 1 gennaio 1993 in poi. 2) SOSTITUZIONI CALCIATORI Nel corso di tutte le gare del Torneo e consentita, in qualsiasi momento, la sostituzione di tre calciatori indipendentemente dal ruolo ricoperto (art. 74/1 comma delle N.O.I.F.) 3) ASSISTENZA MEDICA Nelle gare della fase nazionale della Campionato Juniores Dilettanti le Società ospitanti hanno l'obbligo di far presenziare in ogni gara un medico da esse designato, munito di documento che attesti l identità personale e l'attività professionale esercitata e a disposizione della squadra ospitante e della squadra ospitata. L'inosservanza di tale obbligo comporta l'applicazione della sanzione di cui all'art. 18, comma 1, lett. b), del Codice di Giustizia Sportiva. E fatto altresì obbligo di avere ai bordi del campo di giuoco una ambulanza munita di defibrillatore. 4) EFFICACIA PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PRECEDENTEMENTE ADOTTATI Le sanzioni dell'ammonizione, inflitte dagli Organi Disciplinari della L.N.D. in relazione alle gare della fase nazionale, non sono cumulabili con quelle precedentemente irrogate in occasione della precedente fase gestita dai Comitati Regionali.

11 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 11 di 49 Dovranno in ogni caso trovare esecuzione le sanzioni di squalifica o inibizione residuate dalla fase precedente quella nazionale, nel rispetto delle disposizioni regolamentari di cui all art. 22, commi 3 e 6, del C.G.S. 5) DISCIPLINA SPORTIVA Per la disciplina sportiva della fase finale del Campionato Juniores Dilettanti si rimanda alle disposizioni contenute nel C.U. N. 57/A della F.I.G.C., pubblicato il 22 agosto ) VARIE Si rende noto, alle società interessate, che ogni comunicazione inerente il Regolamento della manifestazione (pubblicato dalla L.N.D. con C.U. N. 70, del 13 settembre 2012) e in particolare quelle relative agli eventuali reclami, devono pervenire al seguente numero di FAX: 06/ La pubblicazione dei Comunicati Ufficiali inerenti lo svolgimento della fase finale del Campionato Juniores Dilettanti 2012/2013 avverrà sul sito web della L.N.D. all indirizzo 3. COMUNICAZIONI DEL COMITATO REGIONALE DEL CONI OGGETTO: " STELLE AL MERITO SPORTIVO CONI 2012 Com'è noto, annualmente, il Comitato Olimpico Nazionale Italiano assegna le Stelle al merito sportivo del CONI a Società e Dirigenti di Società che si sono particolarmente distinti per la loro attività nell'ambito della Lega Nazionale Dilettanti per un determinato periodo. Allo scopo di consentire allo scrivente Comitato Regionale di formulare le proposte nel rispetto dei diritti acquisiti da tutti i potenziali destinatari delle Stelle in questione, allegate, al presente Comunicato Ufficiale, si trasmettono le schede, afferenti la proposta per le Società con almeno 50 anni di attività per la Stella d oro, 30 per la Stella di argento e 20 anni per la Stella di bronzo per i Dirigenti di Società con almeno 30 anni di attività per la Stella d oro, 20 anni per la Stella di argento e 12 anni per la Stella di bronzo, avendo cura, però, di non segnalare quei Dirigenti ancora in carica, ma già premiati negli anni passati. Le schede di proposta, allegate al presente Comunicato Ufficiale, devono pervenire allo scrivente Comitato Regionale Puglia L.N.D. Via NICOLA PENDE, BARI - IMPROROGABILMENTE entro e non oltre LUNEDI 13 MAGGIO 2013, per l'esame preventivo delle stesse ed il successivo inoltro al Comitato Regionale Puglia del CONI nel rispetto della scadenza perentoria fissata dal Coni Puglia entro il 15 maggio Non saranno prese in considerazione le proposte pervenute oltre tale termine. Le Delegazioni Provinciali e Distrettuali della L.N.D. sono pregate di pubblicare quanto innanzi sui propri Comunicati Ufficiali.

12 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 12 di 49 DATI FORNITI DAL CANDIDATO COGNOME: NOME: NATO A: IL: ABITANTE IN: PROV. VIA CAP: N. TELEF. TITOLO DI STUDIO: PROFESSIONE: DIPENDENTE CONI: SI [ ] NO [ ] ONOREFICENZE CIVILI: ONOREFICENZE SPORTIVE: (specificare tipologia ed anno di assegnazione) EVENTUALI CARICHE PUBBLICHE RICOPERTE OD IN ATTO. ATTIVITA' DIRIGENZIALE: (specificare anno di inizio e tipo di attività) DISCIPLINE SPORTIVE NELL'AMBITO DELLE QUALI SVOLGE ATTUALMENTE LA PROPRIA ATTIVITA' DIRIGENZIALE: (specificare la data di inizio) DISCIPLINE SPORTIVE NELL'AMBITO DELLE QUALI HA SVOLTO LA PROPRIA ATTIVITA' DIRIGENZIALE (specificare gli anni): PRINCIPALI INCARICHI DIRIGENZIALI E SPORTIVI RICOPERTI (indicare gli anni di riferimento ed i rispettivi incarichi): - INTERNAZIONALI:

13 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 13 di 49 - FEDERALI A LIVELLO NAZIONALE: - FEDERALI A LIVELLO REGIONALE E/O PROVINCIALE: SOCIALI: - CARICHE SPORTIVE IN ATTO: PARTICOLARE ATTIVITA' SPORTIVA SVOLTA COME DIRIGENTE: EVENTUALI RISULTATI CONSEGUITI COME ATLETA: (tali risultati non sono elementi di valutazione per la concessione della stella al merito sportivo) DATA: FIRMA: CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI II candidato autorizza il CONI, previa lettura della informativa consegnata contestualmente al modello, ai sensi del D. Lgs. 196/03, alla utilizzazione ed al trattamento dei dati personali non sensibili ed alla loro comunicazione ad altri Enti pubblici o privati per le sole finalità istituzionali connesse al riconoscimento di Benemerenze Sportive. DATA: FIRMA: Allegato 3

14 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 14 di 49 C.O.N.I. COMMISSIONE BENEMERENZE SPORTIVE QUESTIONARIO PER LA SEGNALAZIONE - ANNO 2012 STELLE AL MERITO SPORTIVO A SOCIETA' GRADO DELLA STELLA (*) SOCIETA' SPORTIVA (INDICARE LA COMPLETA DENOMINAZIONE SOCIALE): NOTIZIE DI RILIEVO: DATA (**) (*) IN BASE ALL'ART. 10 PUNTI 9 E 10 DEL REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE ONORIFICENZE SPORTIVE, LA CONCESSIONE DELLE STELLE AL MERITO SPORTIVO AVVIENE PER GRADI SUCCESSIVI DI MERITO, TRA LA CONCESSIONE DELLA STELLA DI BRONZO E LA STELLA D'ARGENTO DEVE INTERCORRERE UN PERIODO DI ALMENO TRE ANNI E TRA LA CONCESSIONE DELLA STELLA D'ARGENTO E LA STELLA D'ORO DEVE INTERCORRERE UN PERIODO DI ALMENO SEI ANNI. (**) FIRMA E TIMBRO DELL'ENTE PROPONENTE: * PRESIDENTE DELLA FEDERAZIONE SPORTIVA NAZIONALE, OVVERO * PRESIDENTE DELLA DISCIPUNA SPORTIVA ASSOCIATA, OVVERO * PRESIDENTE DEL COMITATO REGIONALE CONI, ANCHE PER LE SEGNALAZIONI DEL DELEGATO PROVINCIALE C.O.N.I.

15 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 15 di 49 DATI FORNITI DALLA SOCIETA' SOCIETA' SPORTIVA (INDICARE LA COMPLETA DENOMINAZIONE SOCIALE): CON SEDE IN: PROV. VIA: CAP N. TELEF. ANNO DI FONDAZIONE: NUMERO DEI SOCI: ONORIFICENZE SPORTIVE: (specificare tipologia ed anno di assegnazione) PRESIDENTE IN CARICA: CONSIGLIO DIRETTIVO IN CARICA: PRESIDENTI CHE SI SONO SUCCEDUTI DALLA FONDAZIONE: (indicare gli anni nei quali hanno ricoperto la carica) SPORT NORMALMENTE PRATICATI: PRINCIPALI INIZIATIVE REALIZZATE PER LA DIFFUSIONE DELLO SPORT:

16 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 16 di 49 AFFERMAZIONI DI RILIEVO OTTENUTE DALLA SOCIETA' O DAI PROPRI ATLETI:. - GIOCHI OLIMPICI: - CAMPIONATI MONDIALI: - CAMPIONATI EUROPEI: - CAMPIONATI ITALIANI: - PRIMATI OLIMPICI: - PRIMATIMONDIALI: - PRIMATI EUROPE!: - PRIMATI ITALIANI: PRINCIPALI MANIFESTAZIONI SPORTIVE CUI HA DATO VITA: (indicare gli anni di riferimento) : TIMBRO FIRMA: DATA

17 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 17 di COMUNICAZIONI C.R. 3.1 COMUNICAZIONI SEGRETERIA CLASSIFICA UFFICIALE STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 Si pubblica, qui di seguito, la classifica ufficiale del Campionato Regionale Prima e Seconda Categoria girone -D-, organizzato da questo Comitato Regionale, relativo alla Stagione Sportiva 2012/2013 CAMPIONATO PRIMA CATEGORIA GIRONE A *============================================================================================================================* * I CLASSIFICA GENERALE I C L A S S I F I C A A V U L S A I *============================================================================================================================* I Societa' I PN! GC! VI! PE! NL! G.F! G.S! DIF! PEN I PN! GI! VI! PE! NL! G.F! G.S! DIF! * *! 1 A.S.D.CANOSA I 71! 30! 23! 5! 2! 65! 21! 44! 0 I 3! 2! 1! 1!! 2! 2! I! 2 A.S.D.REAL BAT I 71! 30! 22! 3! 5! 58! 15! 43! 0 I 3! 2! 1! 1!! 2! 2! I! 3 A.S.D.NUOVA DAUNIA I 63! 30! 19! 5! 6! 54! 23! 31! 0 I!!!!!!! I! 4 A.S.D.MONTE SANT ANGELO CALCIO I 62! 30! 19! 6! 5! 62! 29! 33! 0 I!!!!!!! I! 5 A.S.D.UNIONE CALCIO BISCEGLIE I 53! 30! 15! 7! 8! 54! 30! 24! 0 I 4! 2! 1!! 1! 3!! 3 I! 6 A.S.D.MINERVINO MURGE I 53! 30! 15! 7! 8! 33! 25! 8! 0 I 1! 2!! 1! 1!! 3! 3- I! 7 POL.D.ALEXINA I 46! 30! 13! 10! 7! 38! 26! 12! 0 I!!!!!!! I! 8 POL.D.SANSEVERESE I 44! 30! 13! 12! 5! 52! 44! 8! 0 I!!!!!!! I! 9 A.S.D.SPORTING DAUNIA I 38! 30! 10! 12! 8! 38! 44! 6-! 0 I!!!!!!! I! 10 G.S.D.AUDACE BARLETTA I 37! 30! 11! 15! 4! 45! 56! 11-! 0 I!!!!!!! I! 11 A.C. REAL SITI I 31! 30! 8! 15! 7! 31! 51! 20-! 0 I!!!!!!! I! 12 G.S.D.RAFFAELE CASTRIOTTA I 27! 30! 8! 19! 3! 32! 62! 30-! 0 I!!!!!!! I! 13 A.S.D.APRICENA I 26! 30! 7! 18! 5! 28! 61! 33-! 0 I!!!!!!! I! 14 A.S.D.ROCCHETTA S.ANTONIO I 25! 30! 7! 19! 4! 49! 57! 8-! 0 I!!!!!!! I! 15 A.S.D.ORDONA CALCIO I 19! 30! 5! 21! 4! 26! 66! 40-! 0 I!!!!!!! I! 16 A.S.D.CIVILIS ATLETICO I 7! 30! 2! 25! 3! 25! 86! 61-! 2 I!!!!!!! I *============================================================================================================================* La Società vincente gara di spareggio A.S.D.CANOSA - A.S.D.REAL BAT è promossa al Campionato Regionale di Promozione Stagione Sportiva 2013/2014. La Società perdente gara di spareggio A.S.D.CANOSA - A.S.D.REAL BAT (2 a Classificata) e le Società A.S.D.NUOVA DAUNIA (3 a Classificata), A.S.D.MONTE SANT ANGELO CALCIO (4 a Classificata), A.S.D.UNIONE CALCIO BISCEGLIE (5 a Classificata), acquisiscono il diritto a disputare le gare Play - off. Le Società A.S.D.CIVILIS ATLETICO (16 a Classificata) retrocede al Campionato Regionale di Seconda Categoria Stagione Sportiva 2013/2014. Le Società G.S.D.RAFFAELE CASTRIOTTA (12 a Classificata), A.S.D.APRICENA (13 a Classificata), A.S.D.ROCCHETTA S.ANTONIO (14 a Classificata), A.S.D.ORDONA CALCIO (15 a Classificata), acquisiscono il diritto a disputare le gare Play - out.

18 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 18 di 49 GIRONE B *============================================================================================================================* * I CLASSIFICA GENERALE I C L A S S I F I C A A V U L S A I *============================================================================================================================* I Societa' I PN! GC! VI! PE! NL! G.F! G.S! DIF! PEN I PN! GI! VI! PE! NL! G.F! G.S! DIF! * *! 1 A.S.D.REAL MODUGNO I 80! 30! 25!! 5! 90! 23! 67! 0 I!!!!!!! I! 2 U.S. BITONTO. I 74! 30! 23! 2! 5! 84! 19! 65! 0 I!!!!!!! I! 3 A.S.D.REAL GIOIA CALCIO I 57! 30! 17! 7! 6! 61! 36! 25! 0 I!!!!!!! I! 4 A.S.D.FORTIS MURGIA I 56! 30! 17! 8! 5! 62! 46! 16! 0 I!!!!!!! I! 5 U.S.D.PEZZE I 53! 30! 15! 7! 8! 48! 29! 19! 0 I!!!!!!! I! 6 A.S.D.VIRTUS CALCIO PUTIGNANO I 52! 30! 14! 6! 10! 43! 22! 21! 0 I!!!!!!! I! 7 A.S.D.GINOSA I 40! 30! 11! 12! 7! 42! 47! 5-! 0 I!!!!!!! I! 8 POL.D.CALCIO GRAVINA I 39! 30! 11! 13! 6! 54! 47! 7! 0 I!!!!!!! I! 9 A.S.D.NUOVA MOLFETTA I 37! 30! 11! 15! 4! 37! 66! 29-! 0 I!!!!!!! I! 10 A.S.D.CALCIO PALAGIANO I 32! 30! 8! 14! 8! 33! 47! 14-! 0 I!!!!!!! I! 11 U.S.D.R.SIBILLANO 1950 BARI I 31! 30! 9! 17! 4! 29! 45! 16-! 0 I!!!!!!! I! 12 A.S.D.UNITED MOTTOLA I 30! 30! 8! 16! 6! 44! 77! 33-! 0 I!!!!!!! I! 13 A.S.D.OMNIA BITONTO I 28! 30! 7! 16! 7! 35! 55! 20-! 0 I!!!!!!! I! 14 A.C.D.MOLFETTA SPORTIVA I 26! 30! 8! 20! 2! 31! 59! 28-! 0 I!!!!!!! I! 15 POL.D.GIOVINAZZO I 21! 30! 6! 21! 3! 37! 74! 37-! 0 I!!!!!!! I! 16 A.S.D.BITETTO I 19! 30! 5! 21! 4! 27! 65! 38-! 0 I!!!!!!! I *============================================================================================================================* La Società A.S.D.REAL MODUGNO è promossa al Campionato Regionale di Promozione Stagione Sportiva 2013/2014. Le Società U.S. BITONTO. (2 a Classificata) A.S.D.REAL GIOIA CALCIO (3 a Classificata), A.S.D.FORTIS MURGIA (4 a Classificata), U.S.D.PEZZE (5 a Classificata), acquisiscono il diritto a disputare le gare Play - off. Le Società A.S.D.BITETTO (16 a Classificata) retrocede al Campionato Regionale di Seconda Categoria Stagione Sportiva 2013/2014. Le Società A.S.D.UNITED MOTTOLA (12 a Classificata), A.S.D.OMNIA BITONTO (13 a Classificata), A.C.D.MOLFETTA SPORTIVA (14 a Classificata), POL.D.GIOVINAZZO (15 a Classificata), acquisiscono il diritto a disputare le gare Play - out.

19 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 19 di 49 GIRONE C *============================================================================================================================* * I CLASSIFICA GENERALE I C L A S S I F I C A A V U L S A I *============================================================================================================================* I Societa' I PN! GC! VI! PE! NL! G.F! G.S! DIF! PEN I PN! GI! VI! PE! NL! G.F! G.S! DIF! * *! 1 A.S.D.NOVOLI I 65! 30! 20! 5! 5! 64! 28! 36! 0 I!!!!!!! I! 2 U.S. GALATONE A.S.D. I 59! 30! 16! 3! 11! 50! 26! 24! 0 I!!!!!!! I! 3 A.S.D.MARITTIMA I 52! 30! 15! 8! 7! 62! 47! 15! 0 I!!!!!!! I! 4 A.S.D.MARUGGIO CALCIO I 51! 30! 16! 11! 3! 56! 46! 10! 0 I!!!!!!! I! 5 A.S.D.RUFFANO I 49! 30! 14! 9! 7! 52! 36! 16! 0 I!!!!!!! I! 6 A.S.D.ANDRANO I 45! 30! 13! 10! 7! 59! 51! 8! 1 I!!!!!!! I! 7 A.P. GIOVENTU CAMPI I 43! 30! 13! 13! 4! 45! 45! 0! 0 I!!!!!!! I! 8 A.S.D.LA SIRENA I 40! 30! 11! 12! 7! 42! 40! 2! 0 I 6! 4! 2! 2!! 7! 6! 1 I! 9 A.S.D.STELLA DEL COLLE I 40! 30! 12! 14! 4! 54! 48! 6! 0 I 6! 4! 2! 2!! 10! 10! I! 10 A.S.D.MINERVINO I 40! 30! 12! 14! 4! 51! 53! 2-! 0 I 6! 4! 2! 2!! 7! 8! 1- I! 11 U.S.D.AVETRANA I 39! 30! 11! 13! 6! 54! 57! 3-! 0 I!!!!!!! I! 12 A.S.D.REAL PARADISO BRINDISI I 36! 30! 10! 14! 6! 48! 57! 9-! 0 I!!!!!!! I! 13 A.S.D.UGGIANO CALCIO I 31! 30! 8! 15! 7! 47! 65! 18-! 0 I!!!!!!! I! 14 A.S.D.GIOVENTU PARABITA I 28! 30! 7! 16! 7! 35! 72! 37-! 0 I!!!!!!! I! 15 POL. CENTRO JONICO TARANTO I 24! 30! 7! 16! 7! 37! 65! 28-! 4 I!!!!!!! I! 16 A.S. VEGLIE I 22! 30! 4! 16! 10! 31! 51! 20-! 0 I!!!!!!! I *============================================================================================================================* La Società A.S.D.NOVOLI è promossa al Campionato Regionale di Promozione Stagione Sportiva 2013/2014. Le Società U.S. GALATONE A.S.D. (2 a Classificata) A.S.D.MARITTIMA (3 a Classificata), A.S.D.MARUGGIO CALCIO (4 a Classificata), A.S.D.RUFFANO (5 a Classificata), acquisiscono il diritto a disputare le gare Play - off. Le Società A.S. VEGLIE (16 a Classificata) retrocede al Campionato Regionale di Seconda Categoria Stagione Sportiva 2013/2014. Le Società A.S.D.REAL PARADISO BRINDISI (12 a Classificata), A.S.D.UGGIANO CALCIO (13 a Classificata), A.S.D.GIOVENTU PARABITA (14 a Classificata), POL. CENTRO JONICO TARANTO (15 a Classificata), acquisiscono il diritto a disputare le gare Play - out.

20 Comunicato Ufficiale n. 78 pag. 20 di 49 CAMPIONATO SECONDA CATEGORIA GIRONE D *============================================================================================================================* * I CLASSIFICA GENERALE I C L A S S I F I C A A V U L S A I *============================================================================================================================* I Societa' I PN! GC! VI! PE! NL! G.F! G.S! DIF! PEN I PN! GI! VI! PE! NL! G.F! G.S! DIF! * *! 1 A.S.D.SPORTINSIEME I 71! 30! 22! 3! 5! 68! 24! 44! 0 I!!!!!!! I! 2 A.S.D.AQUILE ALLISTE E FELLINE I 70! 30! 21! 2! 7! 79! 14! 65! 0 I!!!!!!! I! 3 A.S.D.UGENTO I 54! 30! 14! 4! 12! 61! 24! 37! 0 I!!!!!!! I! 4 POL.D.CALCIO SOLETO I 52! 30! 15! 8! 7! 47! 35! 12! 0 I 4! 2! 1!! 1! 4! 2! 2 I! 5 A.S.D.LUDO I 52! 30! 16! 10! 4! 53! 46! 7! 0 I 1! 2!! 1! 1! 2! 4! 2- I! 6 U.S.D.ALEZIO I 48! 30! 13! 8! 9! 44! 33! 11! 0 I!!!!!!! I! 7 A.S.D.PRESICCE I 43! 30! 12! 11! 7! 39! 34! 5! 0 I!!!!!!! I! 8 POL. ZOLLINO A.S.D. I 38! 30! 11! 14! 5! 39! 46! 7-! 0 I!!!!!!! I! 9 A.S.D.MATINO I 37! 30! 10! 13! 7! 35! 45! 10-! 0 I!!!!!!! I! 10 A.C.D.JURDINIANUM I 34! 30! 9! 14! 7! 51! 74! 23-! 0 I!!!!!!! I! 11 A.S.D.ATLETICO RACALE I 33! 30! 9! 15! 6! 50! 52! 2-! 0 I!!!!!!! I! 12 A.S.D.CAPO DI LEUCA I 31! 30! 9! 17! 4! 40! 57! 17-! 0 I!!!!!!! I! 13 P.G.S.DON BOSCO A.S.D. I 30! 30! 7! 14! 9! 43! 53! 10-! 0 I!!!!!!! I! 14 A.S.D.ATLETICO CAVALLINO I 29! 30! 8! 16! 6! 54! 62! 8-! 1 I 3! 2! 1! 1!! 9! 2! 7 I! 15 GIOVENTU CALCIO CUTRO I 29! 30! 6! 13! 11! 33! 56! 23-! 0 I 3! 2! 1! 1!! 2! 9! 7- I! 16 U.S.D.COLLEPASSO I 11! 30! 3! 25! 2! 21!108! 87-! 0 I!!!!!!! I *============================================================================================================================* La Società A.S.D.SPORTINSIEME è promossa al Campionato Regionale di Prima Categoria Stagione Sportiva 2013/2014. Le Società A.S.D.AQUILE ALLISTE E FELLINE. (2 a Classificata) A.S.D.UGENTO (3 a Classificata), POL.D.CALCIO SOLETO (4 a Classificata), A.S.D.LUDO (5 a Classificata), acquisiscono il diritto a disputare le gare Play - off. Le Società U.S.D.COLLEPASSO (16 a Classificata) retrocede al Campionato Provinciale di Terza Categoria Stagione Sportiva 2013/2014. Le Società A.S.D.CAPO DI LEUCA (12 a Classificata), P.G.S.DON BOSCO A.S.D. (13 a Classificata), A.S.D.ATLETICO CAVALLINO (14 a Classificata), GIOVENTU CALCIO CUTRO (15 a Classificata), acquisiscono il diritto a disputare le gare Play - out.

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N 47 del 28/05/2015

Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N 47 del 28/05/2015 Federazione Italiana Giuoco Calcio Delegazione Provinciale di Cremona Via Milano, 10 d - 26100 Cremona Tel. 0372-27590 Fax 0372-23943 Sito Internet: http://www.lnd.it E.Mail: del.cremona@lnd.it Stagione

Dettagli

Comunicato Ufficiale n. 21 del 05 Gennaio 2012 ATTIVITÀ DI SETTORE GIOVANILE 2011/2012

Comunicato Ufficiale n. 21 del 05 Gennaio 2012 ATTIVITÀ DI SETTORE GIOVANILE 2011/2012 Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DELEGAZIONE PROVINCIALE AVELLINO Via Carlo Del Balzo, 81 83100 Avellino Stagione Sportiva 20011/2012 Tel (0825) 31087 Fax (0825) 780011 Sito

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

Lun 18/05. Ven 22/05 COLORNO. Mer 20/05. Gio 21/05. Mer 20/05. Ven 22/05. Gio 21/05 20.30 170. Gio 21/05. Ven 22/05 21.00 PRO CELLA.

Lun 18/05. Ven 22/05 COLORNO. Mer 20/05. Gio 21/05. Mer 20/05. Ven 22/05. Gio 21/05 20.30 170. Gio 21/05. Ven 22/05 21.00 PRO CELLA. CENTRO SPORTIVO ITALIANO CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI P A R M A P.le Matteotti, 9-43100 PARMA Telefono 0521281226-0521289870 Fax 0521.236626 e-mail: csi@csiparma.it web: www.csiparma.it

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE C o m i t a t o P r o v i n c i a l e M e s s i n a Via Rossini, 4-98076 Sant'Agata Militello (Me) Tel. / Fax 0941/721948 e-mail: segreteria@pgsmessina - www.pgsmessina.it COMUNICATO UFFICIALE N 49 Stagione

Dettagli

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA ultati ECCELLENZA - GIRONI - Girone UNICO R 5 A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - ATLETICO GROSSETO 2012 1-1 R 6 GAVORR TIRRENO CARRELLI SER - C.C. e SPORT POLVEROSA 1-2 Squadra P.Ti G V N P RF RS DR CD Pen

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Focus regionale sulla depurazione:

Focus regionale sulla depurazione: Goletta Verde presenta i risultati del monitoraggio in Puglia Cariche batteriche elevate per 9 campionamenti su 30. Criticità alle foci di fiumi, torrenti e scarichi Focus regionale sulla depurazione:

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI * * * * NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA E SCUOLE NUOTO FEDERALI * * * * STAGIONE 2014 2015 APPROVATA CON DELIBERA C.F. 7/7/2014 AGGIORNATA AL 07/10/2014 INDICE

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 SOGGETTO PROMOTORE: F.C. Internazionale Milano Spa, Corso Vittorio Emanuele II 9, 20122 Milano P.IVA 04231750151 (di seguito Promotore ). SOGGETTO

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli