YET S O F A R F R O M SAF E T Y

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "YET S O F A R F R O M SAF E T Y"

Transcript

1 UNHCR / A. D Amato YET S O F A R F R O M SAF E T Y Totale di arrivi via mare MEDITERRANEO RIFUGIATI E MIGRANTI RISCHIANO LA VITA IN MARE PER RAGGIUNGERE L EUROPA È passato quasi un anno dalle terribili tragedie al largo della costa di Lampedusa, quando due imbarcazioni si sono rovesciate causando la morte di più di 600 rifugiati e migranti. Quanto avviene in Siria, Iraq, Repubblica Centrafricana, Sud Sudan e altrove ci ricorda che la necessità di garantire protezione internazionale ai rifugiati è più urgente che mai. Sono poche le possibilità per entrare in modo regolare in Europa, e così migliaia di persone minacciate da persecuzioni e gravi violazioni dei diritti umani nei loro paesi si trovano a intraprendere pericolose rotte marittime. Le tragedie avvenute nel mese di ottobre vicino a Lampedusa e il bilancio delle vittime nel Mar Mediterraneo, in costante crescita, sono un campanello d'allarme per un azione europea congiunta, fondata sulla solidarietà, la condivisione degli oneri e la garanzia di protezione a quanti fuggono da persecuzioni e violenze.

2 Come molte altre volte, il 3 ottobre Letebrhane stava sognando l'europa. Era fuggita dall Eritrea, aveva superato il deserto per salire a bordo di un gommone sovraffollato che le avrebbe fatto attraversare il Mar Mediterraneo. Al largo della costa di Lampedusa in Italia, alle porte d'europa, la barca si è capovolta e il suo viaggio si è trasformato in un incubo, che ha provocato la morte di 368 persone. Tra di esse, c era anche la sua migliore amica. Lete è stata salvata da tre pescatori. "Dopo il naufragio, sono stata portata via in elicottero e condotta in ospedale. Sapevo che la mia amica era morta, ma non ho avuto la possibilità di vedere i corpi e le bare e non riuscivo a crederci." Ancora adesso si aggrappa alla piccola speranza di poterla rivedere da qualche parte. Undici mesi dopo il naufragio, Lete dice che se la sta cavando bene, ha chiesto asilo in Norvegia e ha trovato un posto bello e sicuro in cui vivere. Ha anche iniziato a seguire le lezioni in una scuola di lingue. La possibilità di tornare a Lampedusa per la commemorazione la spaventava. Le sono improvvisamente tornate alla memoria immagini che aveva cercato di dimenticare. Ma dopo aver parlato con altri sopravvissuti, Lete ha superato le sue paure e ha capito quanto fosse importante per lei essere lì. "Ringrazio Dio", ha detto, "perché per me il 3 ottobre è stato come tornare alla luce." Un anno più tardi, potrà finalmente incontrare le persone che l'hanno tratta in salvo e ringraziarle per averle restituito la vita. "Siamo rimasti in contatto su Facebook, ma non parlavano inglese. Sono riuscita a dirgli solamente: Grazie, grazie, grazie"! Letebrhane, Eritrea, sopravvissuta alla tragedia del 3 ottobre. LAMPEDUSA 3 OTTOBRE 2013 Un anno dopo, arrivano sempre più persone e MUOIONO ALLE PORTE DELL EUROPA... Dall inizio del 2014 sono arrivati via mare nel Mediterraneo oltre rifugiati e migranti, rispetto ai arrivati nel L'Italia ha ricevuto più di arrivi nel 2014, al ritmo impressionante di arrivi al mese o 516 arrivi al giorno. La maggior parte di essi sono stati soccorsi in mare dall Italia nell ambito dell operazione navale Mare Nostrum. L'UNHCR stima che nel 2014 oltre persone sono morte o sono ancora disperse in mare, tra cui più di dall'inizio di giugno, rispetto ai poco più di 600 nel Quasi la metà delle persone che sono arrivate nel 2014 provengono dalla Siria e dall Eritrea. Guardando solo all Italia il numero di eritrei e siriani arrivati via mare dall inizio dell anno è aumentato di quasi il 400% e il 600%, rispetto allo stesso periodo del Tra questi, è in aumento il numero di donne, bambini e anziani che intraprendono la traversata, andando a incrementare la già elevata percentuale di persone vulnerabili a bordo di imbarcazioni non sicure. Dall inizio del 2014, oltre minori sono arrivati a Malta e in Italia via mare, di cui almeno non accompagnati. UNHCR / A. D Amato

3 NECESSARIA UN AZIONE URGENTE E COLLETTIVA PER SALVARE VITE UMANE La drammatica situazione alle frontiere marittime dell'europa richiede un'azione urgente e concertata, con l'obiettivo generale di salvare vite umane. Dopo un anno, si deve fare di più. Gli sforzi devono concentrarsi con maggiore urgenza sui seguenti aspet ti: UNHCR / I. Ibba 1. RAFFORZARE IL SOCCORSO IN MARE È necessario assicurare che venga mantenuta la consolidata tradizione di soccorso in mare, mantenendo un forte impegno nelle operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo anche con il supporto dell'unione Europea (UE) e degli Stati membri. 2. INCREMENTARE LE ALTERNATIVE LEGALI ALLE PERICOLOSE TRAVERSATE L'Europa deve aumentare le alternative legali a queste pericolose traversate. Ciò potrebbe avvenire attraverso un incremento delle quote di reinsediamento e l'accesso a visti pe ragioni umanitare destinati alle popolazioni in difficoltà che ricorrono a rotte marittime pericolose in cerca di sicurezza. Gli Stati possono anche facilitare i ricongiungimenti famigliari, dal momento che molti tra coloro che arrivano via mare stanno cercando di riunirsi con la famiglia in Europa, e promuovere il ricorso a schemi di sponsorizzazione private. Inoltre, gli Stati possono utilizzare programmi di visti per motivi di studio o lavoro. 3. GARANTIRE ALLE PERSONE IN CERCA DI PROTEZIONE ACCESSO ALLE PROCEDURE D ASILO E SOLUZIONI DUREVOLI Tra coloro che arrivano, in molti sono fuggiti dalle loro case a causa di conflitti e violenze e hanno bisogno di protezione. Gli Stati sono tenuti a fornire adeguate condizioni di accoglienza e un accesso rapido alle procedure di asilo. Con il sostegno dell'ue, potrebbero potenzialmente essere approntati ulteriori servizi di prima accoglienza e di assistenza nella procedura; potrebbero inoltre essere individuate soluzioni durevoli.. La risposta dell'europa deve rappresentare un vero sforzo collettivo, in grado di offrire modi più sicuri per trovare protezione, pur mantenendo una forte capacità di soccorrere le persone in mare. Se si fallisce, molte altre persone perderanno la vita alle porte dell'europa. António Guterres, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Un reale progresso sulla questione delle traversate via mare è possibile solo se si offrono alternative credibili. Esortiamo i paesi a considerare tutte le possibilità. Vincent Cochetel, Direttore dell Ufficio per l Europa, UNHCR Mahmoud è fuggito dalla Siria con le sue due figlie, Rose e Jasmine, dopo aver perso la moglie in un bombardamento a Yarmouk: "Avevo appena perso una delle persone più importanti della mia vita e non potevo rischiare le vite delle altre due, le mie figlie." Mahmoud e le sue figlie sono arrivati in Italia a notte fonda in aprile del Sono sbarcati dalla "San Giusto", una nave della Marina Militare italiana che li aveva appena soccorsi in mare. La barca su cui si erano imbarcati a Tripoli era mal equipaggiata per attraversare il mare e hanno dovuto trascorrere diversi giorni in mare, stipati sulla barca con altre 200 persone. Il loro viaggio dalla Siria all Italia è durato quattro mesi durante i quali hanno attraversato cinque frontiere, passando per il Libano, l'algeria, la Tunisia e la Libia. In Tunisia, dove sono rimasti bloccati per oltre tre mesi, hanno sofferto la fame e la sete.

4 DA DOVE VENGONO MIGRAZIONI FORZATE AL CENTRO DEGLI ARRIVI VIA MARE DA DOVE SI PARTE: SEMPRE PIÙ PERSONE COSTRETTE AD ANDARSENE 25% 21% 18% 13% 7% Eritrea 28,557 Siria 23,945 Altri 17,228 Altri (Africa subsahariana) 14,374 Mali 7,971 Le persone che hanno attraversato il Mediterraneo nel 2014 provengono da più di 40 paesi e da tre diversi continenti. Negli ultimi due anni, quasi la metà delle persone arrivate nel Mediterraneo provenivano dalla Siria e dall Eritrea. Oltre a loro, c erano anche persone provenienti dalla Somalia e dall Iraq in arrivo via mare in Italia in cerca di sicurezza. Da gennaio ad agosto 2014, più di eritrei, tra cui quasi minori non accompagnati, sono arrivati in Italia via mare, insieme ad altre persone provenienti dalla Somalia. Nello stesso periodo sono arrivati in Italia circa siriani. Le altre sono persone provenienti da paesi dell Africa subsahariana; vi è anche un numero crescente di palestinesi in fuga dalla Siria e più recentemente dalla Striscia di Gaza. Un elevata percentuale di coloro che arrivano e vengono soccorsi in mare sono rifugiati e richiedenti asilo in fuga da guerre, violenze e persecuzioni. È innegabile che vi sia un rapporto tra l'aumento dei migranti forzati (oltre 51 milioni di persone) e l'incremento del numero di persone che cercano di trovare la sicurezza in Europa. Inoltre, il peggioramento della situazione nei paesi in cui risiedevano i rifugiati contribuisce a costringere più persone a ulteriori spostamenti. Molti rifugiati e richiedenti asilo si trovano senza alternative legali e sicure e spesso si affidano a trafficanti, rendendosi ancora più vulnerabili agli abusi e allo sfruttamento, e venendo talvolta detenuti per lunghi periodi di tempo La maggior parte delle persone che arrivano in Europa partono dalla Libia. Nel 2013, su persone giunte in Italia, più di sono partite dalla Libia. Questa tendenza è destinata ad aumentare nel Il peggioramento della situazione in Libia sta anche costringendo più persone a correre il rischio di viaggiare a bordo di imbarcazioni non sicure nelle mani dei trafficanti. Una bambina siriana che ha viaggiato con il suo zaino di scuola dorme sul braccio del padre. Insieme sono fuggiti dagli scontri in corso vicino casa e hanno viaggiato per centinaia di chilometri. UNHCR / A. D Amato 5 % Nigeria 5,861 5 % 3 % 3 % Gambia 5,158 Somalia 3,646 Egitto 3,026

5 Cos altro poteva perdere? Amid è un padre di famiglia siriano. Amid è un rifugiato siriano che è stato salvato con la sua famiglia. Il momento in cui ha deciso di partire è stato anche il momento in cui capito che non aveva altro da perdere. Le tappe successive del suo viaggio verso la Libia hanno semplicemente rafforzato le sue convinzioni: quella era l'unica scelta che gli rimaneva da prendere. A BORDO DI BARCHE INSICURE NELLE MANI DEI TRAFFICANTI Questo aumento repentino e progressivo delle traversate del mar Mediterraneo ha portato ad un peggioramento delle già precarie condizioni di viaggio. Si tratta anche di un fenomeno di massa di traffico di persone, in cui i rifugiati e gli immigrati si trovano in una posizione vulnerabile, sottoposti ad abusi con l uso della forza, di minacce o con l inganno. Il tutto al solo scopo di sfruttarle il più possibile. Secondo quanto riferito dai rifugiati e dai migranti tratti in salvo, per avere un giubbotto di salvataggio bisogna pagare di più ma nella maggior parte dei casi non ci sono nemmeno pagando. Prima della partenza, può accadere che si trascorrano diversi giorni o settimane detenuti dai trafficanti, senza informazioni e nella costante paura di essere ingannati e abusati. Quando si arriva al momento della traversata, finiscono su imbarcazioni insicure e sovraffollate, stipati in pochi metri di spazio, senza cibo e acqua. I meno fortunati non hanno abbastanza aria per respirare. La durata del viaggio varia da 1 a 4 giorni, ma può protrarsi anche più a lungo, a seconda del tempo, delle condizioni del mare e della barca. In diversi casi di incidenti, le persone sono rimaste bloccate sulle barche per più di 2 settimane prima di essere tratte in salvo. L IMPORTANZA DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO IN MARE Con un numero crescente di persone che intraprendono la pericolosa traversata del mar Mediterraneo, l'unhcr ribadisce l'importanza cruciale delle operazioni di ricerca e soccorso in mare. È fondamentale che queste operazioni siano efficaci e sicure e che espongano le persone soccorse al minimo dei rischi. L'UNHCR ha accolto con favore l'operazione della Marina Militare italiana Mare Nostrum, che dal suo inizio, nel mese di ottobre 2013, all'indomani di due grandi tragedie, ha soccorso decine di migliaia di rifugiati e migranti. Il suo obiettivo dichiarato è quello di prevenire ulteriori tragedie in mare e catturare i trafficanti. Da ottobre 2013 ad oggi, Mare Nostrum ha contribuito al salvataggio di oltre persone, con una media di persone soccorse ogni settimana Ciononostante, nel 2014 oltre persone sono morte o sono disperse in mare. I pochi superstiti del recente naufragio al largo delle coste di Malta, dove hanno perso la vita tra le 300 e le 500 persone, hanno trascorso giorni in acqua, assistendo impotenti alla morte dei membri della loro famiglia e degli amici. L UNHCR esorta l'ue e gli Stati membri a rafforzare gli sforzi di salvataggio in mare, sulla base dei principi di solidarietà e di supporto congiunto. È necessario che la risposta collettiva mantenga una forte capacità di salvare le persone in mare. UNHCR / I. Ibba UNA STORIA DI FORZA E SPERANZA Amiir, somalo, è arrivato in Italia via mare nel maggio del 2014, dopo un lungo viaggio che lo ha portato ad attraversare l'etiopia, il Sudan e la Libia. Amiir è stato salvato da una nave italiana, nell ambito dell'operazione Mare Nostrum. Tre anni prima, quando ha lasciato la Somalia, Amiir non aveva nient altro che un paio di scarpe. Viveva con la sua famiglia in un campo profughi in Kenya quando ha deciso di intraprendere da solo il pericoloso viaggio attraverso il deserto. Ha incontrato la sua futura moglie al confine con l'etiopia, anche se lei era stata promessa in sposa a un capo guerrigliero. Sono fuggiti insieme e in Libia hanno avuto la loro prima figlia, ma l instabilità politica nel paese li ha costretti a intraprendere la pericolosa traversata alla volta dell Italia. Quando hanno raggiunto il suolo italiano, la figlia di Amiir aveva solo 2 mesi, 10 giorni dei quali trascorsi in una piccola barca sovraffollata.

6 25,000 20,000 Arrivi via mare in Italia: Siriani e arrivi complessivi, marzo agosto 2014 UNHCR / I. Ibba 15,000 10,000 5, / / / / / / / / / / / / / / / / / 1 4 A BORDO: L ESODO DEI RIFUGIATI SIRIANI VIA MARE Un numero crescente di persone in fuga dal conflitto siriano sono alla ricerca di sicurezza nei paesi al di fuori della regione circostante, che è sottoposta a un enorme pressione a causa del crescente numero di rifugiati in fuga dal conflitto. A partire da agosto 2014, tre milioni di rifugiati siriani sono stati registrati nei Paesi limitrofi alla Siria. L'UNHCR chiede da tempo maggiore sostegno per un piano di risposta umanitaria su base regionale che permetta di salvare vite umane e che rimane in gran parte senza fondi. L UNCHR chiede anche maggiore solidarietà verso questi paesi e le comunità ospitanti. In questo contesto, molti stanno intraprendendo viaggi lunghi e pericolosi per raggiungere la sicurezza in Europa. Continua ad aumentare il numero di siriani che sale a bordo di imbarcazioni nel Mediterraneo, soprattutto in partenza dalla Libia, dall Egitto e dalla Turchia. Alla fine del 2011, pochi mesi dopo l'esplosione della violenza in Siria, si stima che 320 siriani siano arrivati via mare in Italia. Anche se si tratta ancora di un numero relativamente basso, gli arrivi dei siriani ha raggiunto quota 580 alla fine del Alla fine del 2013, i siriani arrivati in Italia sono stati , la prima nazionalità tra gli arrivi, con un balzo dal 20 posto di soli due anni prima e un aumento di 1.800% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Questa tendenza è proseguita nel 2014, tanto è vero che alla fine di agosto erano già arrivati in Italia siriani, con un incremento di quasi sette volte rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Molti siriani che arrivano via mare nel Mediterraneo viaggiano con l intera famiglia, compresi i bambini piccoli, i genitori anziani e i nonni. I gruppi familiari rappresentano una parte significativa dei movimenti dei siriani verso l'europa. Dall inizio dell anno sono arrivati bambini siriani sulle coste italiane, rispetto ai del I bambini, in particolare i più piccoli, sono più a rischio di morire in mare se la loro barca si rovescia, perché può accadere che non sappiano nuotare, e, se viaggiano da soli, potrebbe non esserci nessuno a prendersi cura di loro. Abbiamo visto innumerevoli bambini sbarcare dalle navi che li avevano tratti in salvo, alcuni tra le braccia dei genitori, molti che cercavano di nascondere i traumi patiti durante il viaggio, tutti loro con addosso un carico di paura e insicurezza eccessivo per la loro giovane età. DODICI GIORNI ALLA DERIVA IN MARE Naar, dalla Siria all Italia, attraverso l Egitto. Naar e suo padre sono partiti da Alessandria d'egitto su una piccola barca fatta di ferro. Il quarto giorno della traversata hanno finito il cibo e l acqua e per non morire di sete sono stati costretti a bere l'acqua usata per pulire il motore, filtrata attraverso i loro abiti. Più di 130 bambini erano intrappolati sulla barca, con le condizioni del mare che peggioravano di giorno in giorno. Il loro viaggio è durato quasi due settimane. "La Marina Militare italiana ci ha salvato la vita", ha detto Husaam, "Non potrò mai esprimere a sufficienza la mia gratitudine. A un certo punto stavamo per affogare, poi un attimo dopo eravamo a bordo di una nave italiana, al sicuro dalla tempesta. Non puoi nemmeno immaginare quanto apprezziamo quello che la popolazione italiana sta facendo per noi.

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Seminario organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung e dalla Fondazione Italianieuropei Roma, venerdì 14 novembre ore

Dettagli

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Segreteria di Stato della migrazione SEM Scheda informativa Data: 18.09.2015 Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione 1.1 Situazione in Siria

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

Il progetto Praesidium

Il progetto Praesidium Il progetto Praesidium Marzo 2006 - Febbraio 2010 Strengthening of reception capacity in respect of migration flows reaching the island of Lampedusa Progetto inizialmente co/finanziato dalla Commissione

Dettagli

Sbarchi in aumento La situazione reale in Italia

Sbarchi in aumento La situazione reale in Italia Sbarchi in aumento La situazione reale in Italia La crescente instabilità politico-economica-sociale di tanti Paesi dell'africa sembra avere un effetto immediato sugli sbarchi degli migranti. Il peggioramento

Dettagli

INVASIONE? Le cifre del problema

INVASIONE? Le cifre del problema INVASIONE? Le cifre del problema 114.285 richiedenti asilo in Italia nei primi 8 mesi dell anno (2.000 in più rispetto allo stesso periodo del 2014 L Italia accoglie un numero molto modesto di profughi

Dettagli

MANAGE AL CONFINE. Copertina

MANAGE AL CONFINE. Copertina Copertina MANAGE AL CONFINE Carlotta Sami, classe 1970, da gennaio 2014 è portavoce per il Sud Europa dell Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. In precedenza è stata direttrice generale

Dettagli

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Emergenza Iraq Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Report finale Il progetto finanziato

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

Emergenza Siria. Forniamo tende e beni di primo soccorso e cerchiamo soluzioni durevoli per i rifugiati siriani

Emergenza Siria. Forniamo tende e beni di primo soccorso e cerchiamo soluzioni durevoli per i rifugiati siriani Emergenza Siria Forniamo tende e beni di primo soccorso e cerchiamo soluzioni durevoli per i rifugiati siriani Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Anno di finanziamento e realizzazione

Dettagli

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali?

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? Risoluzione 1971 (2014) Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? 1. L Assemblea parlamentare ha affrontato la situazione dei rifugiati siriani nella sua Risoluzione 1902

Dettagli

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Emergenza Iraq Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Anno di finanziamento e realizzazione del progetto: 2014 Sintesi del progetto

Dettagli

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO 1. Da Lampedusa alla coscienza europea. Dopo il naufragio di Lampedusa avvenuto il 3 ottobre 2013, dove persero la vita circa 366 migranti, il governo italiano

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA Consiglio Regionale del Molise IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA BREVE ANALISI DELLA SITUAZIONE IN ITALIA GRUPPO DI LAVORO IMMIGRAZIONE, POLITICHE SOCIALI E DIRITTI UMANI Le migrazioni forzate provocate da guerre,

Dettagli

I migranti forzati nel mondo 1

I migranti forzati nel mondo 1 33. i migranti forzati Nel mondo Capitolo 3 / I migranti forzati nel mondo 1 1 A cura di UNHCR in collaborazione con Cittalia. 175 I migranti forzati nel mondo 13,9 milioni I nuovi migranti forzati nel

Dettagli

L altra voce di Lampedusa

L altra voce di Lampedusa L altra voce di Lampedusa di Sofia Crosta, Andrea Forcada, Anastasia-Areti Gavrili Lampedusa, 2011. Le strade sembrano essere fatte di persone, invece che di cemento. E noi siamo da soli! È un emergenza,

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

L anno scorso oltre 3,400 persone hanno trovato la morte nel tentativo di migliorare la propria vita

L anno scorso oltre 3,400 persone hanno trovato la morte nel tentativo di migliorare la propria vita L anno scorso oltre 3,400 persone hanno trovato la morte nel tentativo di migliorare la propria vita Una famiglia ha deciso che non poteva stare a guardare Ha acquistato una nave, ha messo insieme un equipaggio

Dettagli

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti NUMERI EMERGENZA IN IRAQ Aggiornato al 1 dicembre 2014 1,9 milioni sfollati interni 150mila rifugiati iracheni nei Paesi confinanti +530mila sfollati assistiti con rifugi e aiuti umanitari primari 8mila

Dettagli

Sintesi dati. sull Immigrazione

Sintesi dati. sull Immigrazione Sintesi dati XXIII Rapporto sull Immigrazione 2013 Cresce la popolazione mondiale, crescono i migranti Oltre 232 milioni di persone più del 3% della popolazione mondiale hanno lasciato il proprio paese

Dettagli

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari La traversata del Mar Mediterraneo è la strada più mortale del mondo : così afferma l Agenzia Onu per i rifugiati, comunicando il bilancio record di 3.419

Dettagli

31 ottobre 2012 Lecce. È stata bloccata barca a vela con 13 migranti che tentavano di raggiungere la costa.

31 ottobre 2012 Lecce. È stata bloccata barca a vela con 13 migranti che tentavano di raggiungere la costa. Fuggiaschi, profughi e richiedenti asilo Eventi rilevanti ed episodi di discriminazione e violenza 14 gennaio 2012. Un barcone, partito dalla Libia con destinazione Malta, con 55 persone a bordo (tutte

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

in materia di immigrazione

in materia di immigrazione in materia di immigrazione Gruppo PPE al Parlamento Europeo in materia di immigrazione in materia di immigrazione 1 Sommario in materia di immigrazione 5 1. Risposta alla crisi del sistema di asilo 7 2.

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

Intervista a Yonous Muhammadi, President of Greek Forum of Refugees

Intervista a Yonous Muhammadi, President of Greek Forum of Refugees Carovana per i diritti dei migranti, per la dignità e la giustizia Lampedusa 22 novembre-torino 6 dicembre 2014 Ci può descrivere qual è la condizione che vivono i richiedenti asilo in Grecia? Intervista

Dettagli

RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE

RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE Il 2015 potrebbe essere un anno record per le migrazioni forzate in tutto il mondo Secondo l'ultimo rapporto "Global Trends" dell'unhcr sono quasi 60 milioni le persone costrette

Dettagli

INTERVENTO ON. BERGAMINI

INTERVENTO ON. BERGAMINI Informativa urgente del Governo sul trattamento riservato ai migranti nel Centro di soccorso e di prima accoglienza di Lampedusa, come emerso in un recente filmato trasmesso dalla RAI 21 dicembre 2013

Dettagli

Le migrazioni forzate a livello internazionale ed europeo 1

Le migrazioni forzate a livello internazionale ed europeo 1 Capitolo 4 / Le migrazioni forzate a livello internazionale ed europeo 1 Non fu il mare a raccoglierci Noi raccogliemmo il mare a braccia aperte. Calati da altopiani incendiati da guerre e non dal sole,

Dettagli

CIÒ CHE CI SPEZZA IL CUORE E CI TRASFORMA IN MISSIONARIE: NELLE VIE DELLA SPERANZA INSIEME AI MIGRANTI

CIÒ CHE CI SPEZZA IL CUORE E CI TRASFORMA IN MISSIONARIE: NELLE VIE DELLA SPERANZA INSIEME AI MIGRANTI CIÒ CHE CI SPEZZA IL CUORE E CI TRASFORMA IN MISSIONARIE: NELLE VIE DELLA SPERANZA INSIEME AI MIGRANTI Terezinha Lúcia Santin, Ivanir Ana Filipi, Gjeline Preçi 1 Questo scritto ha lo scopo di presentare

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

Presentare le operazioni militari e le capacità militari

Presentare le operazioni militari e le capacità militari Presentare le operazioni militari e le capacità militari Military PESD mission Rafforzare capacità dell Unione Europea ad agire in ambito esterno attraverso lo sviluppo delle capacità civili e militari

Dettagli

Emergenza: Immigrazione. Bene o Male? Nicholas Gares Giuseppe Bianchi - Alessandro Romano Alessandro Gatti Debora Danesi

Emergenza: Immigrazione. Bene o Male? Nicholas Gares Giuseppe Bianchi - Alessandro Romano Alessandro Gatti Debora Danesi Emergenza: Immigrazione Bene o Male? Nicholas Gares Giuseppe Bianchi - Alessandro Romano Alessandro Gatti Debora Danesi L Italia: il Nuovo Mondo? In Dettaglio Spesso si tende a credere che gli immigrati,

Dettagli

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 771 IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM 22 settembre 2014 INDICE 2 Introduzione Mare

Dettagli

L Europa affonda nella vergogna Il mancato soccorso di rifugiati e migranti in mare

L Europa affonda nella vergogna Il mancato soccorso di rifugiati e migranti in mare L Europa affonda nella vergogna Il mancato soccorso di rifugiati e migranti in mare Amnesty International è un movimento globale di oltre 7 milioni di persone impegnate in campagne per un mondo in cui

Dettagli

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014.

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. Colleghi, il ruolo che mi è stato affidato, di coordinatore del Gruppo di lavoro sull immigrazione della Calre, nel 2013, rappresenta un compito molto delicato

Dettagli

Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi. Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti

Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi. Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si è spostata in

Dettagli

Emergenza Siria. Aggiornamento sulla situazione e le attività dell UNHCR per

Emergenza Siria. Aggiornamento sulla situazione e le attività dell UNHCR per Emergenza Siria. Aggiornamento sulla situazione e le attività dell UNHCR per Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati 24 Giugno 2013 1 La situazione attuale I disordini attuali sono cominciati

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

CARITAS ITALIANA UFFICIO IMMIGRAZIONE

CARITAS ITALIANA UFFICIO IMMIGRAZIONE DOSSIER PROFUGHI UNA SITUAZIONE PREVEDIBILE Era il 27 ottobre 2014 e sulle colonne di Avvenire compariva un articolo sulla chiusura di Mare Nostrum dove si diceva che.. Guido Bolaffi, tra i massimi esperti

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE Progetto di mediazione linguistica e culturale per l integrazione di richiedenti asilo, rifugiati e beneficiari di protezione internazionale in Italia attraverso il volontariato

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno

Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno L'attenzione dei media e dell'opinione pubblica è gradualmente diminuita in questi anni, quando invece le problematiche legate al conflitto

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

ASSISTENZA UMANITARIA

ASSISTENZA UMANITARIA Consiglio dell'unione europea ASSISTENZA UMANITARIA Salvare vite e alleviare le sofferenze umane Italian Cooperation/Annalisa Vandelli UN ESPRESSIONE DI SOLIDARIETÀ Fornendo assistenza umanitaria, l Unione

Dettagli

Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania

Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania Fondazione AVSI www.avsi.org 20158 Milano Via Legnone 4 Tel. +39.02.67.49.881 - milano@avsi.org 47521 Cesena (FC) - Via Padre Vicinio da

Dettagli

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Cristina Molfetta Ufficio Pastorale Migranti di Torino Firenze 16 Gennaio 2015 1 Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Le Famiglie Cioè l importanza dei legami affettivi e relazionali

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori In viaggio Le parole per dirlo Emigranti -Migranti Immigrati Rifugiato Clandestino-irregolare Aree di accoglienza Flussi migratori Carta dei flussi migratori Condizioni di vita insostenibili Le cause economia

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno Intrappolato in una miniera d'oro La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno A Gorno c'erano le miniere di zinco e piombo, i proprietari gestivano anche le miniere d'oro in Australia. Spesso,

Dettagli

In cerca di salvezza. La sofferenza nascosta Le testimonianze dei migranti sbarcati in Italia.

In cerca di salvezza. La sofferenza nascosta Le testimonianze dei migranti sbarcati in Italia. Documento di Medici Senza Frontiere In cerca di salvezza. La sofferenza nascosta Le testimonianze dei migranti sbarcati in Italia. MSF chiede alle autorità italiane di migliorare nettamente le condizioni

Dettagli

Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1

Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1 Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1 Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo status

Dettagli

LETTERE DEI MIGRANTI CHE HANNO PERSO LA VITA NEL MEDITERRANEO

LETTERE DEI MIGRANTI CHE HANNO PERSO LA VITA NEL MEDITERRANEO RESTIAMO UMANI LETTERE DEI MIGRANTI CHE HANNO PERSO LA VITA NEL MEDITERRANEO QUASI 60 MILIONI DI MIGRANTI FORZATI GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO Lettere LETTERE DEI MIGRANTI CHE HANNO PERSO LA VITA NEL

Dettagli

impegno è la risposta!

impegno è la risposta! Se l abbandono è una emergenza il mio impegno è la risposta! campo di studio e sensibilizzazione A LAMPEDUSA la porta di ingresso verso una nuova vita Lampedusa, la porta di ingresso verso una nuova vita?

Dettagli

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne Newsletter n 6 Ottobre e Novembre 2011 Newsletter mensile pubblicata da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società in arabo, inglese, italiano Promozione delle opportunità di pace attraverso la fine dello

Dettagli

ENEA. www.inmigrazione.it. Esercizi. collana LINGUA ITALIANA L2

ENEA. www.inmigrazione.it. Esercizi. collana LINGUA ITALIANA L2 ENEA Esercizi www.inmigrazione.it collana LINGUA ITALIANA L2 Consigli per l uso: abbiamo affiancato questo allegato al PP La storia di Enea con il testo stampabile (aiuta molto farlo su fogli colorati)

Dettagli

Solo le montagne non s incontrano mai

Solo le montagne non s incontrano mai Laura Boldrini Solo le montagne non s incontrano mai Storia di Murayo e dei suoi due padri Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06364-7 Prima edizione: marzo

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

vista la Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali,

vista la Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, Risoluzione del Parlamento europeo del 23 ottobre 2013 sui flussi migratori nel Mediterraneo, con particolare attenzione ai tragici eventi al largo di Lampedusa (2013/2827(RSP)) Il Parlamento europeo,

Dettagli

Un impegno di cittadinanza europea responsabile: il diritto dei migranti ad avere diritti e la tutela dei minori non accompagnati

Un impegno di cittadinanza europea responsabile: il diritto dei migranti ad avere diritti e la tutela dei minori non accompagnati Un impegno di cittadinanza europea responsabile: il diritto dei migranti ad avere diritti e la tutela dei minori non accompagnati Suscita orrore la strage che si è consumata nella notte del 3 ottobre di

Dettagli

Immigrati Irregolari e Rifugiati: una Questione Italiana?

Immigrati Irregolari e Rifugiati: una Questione Italiana? Immigrati Irregolari e Rifugiati: una Questione Italiana? Francesco Fasani (Queen Mary and CReAM) - 14 Giugno 2015 Giornate nfa 2015-13-14 giugno 2015 Istituto Universitario Europeo (Firenze) Francesco

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Sociologia delle migrazioni I RIFUGIATI. A.a. 2003/2004. Gottardi Elisabetta, Medeghini Bibiana, Pollino Simona

Sociologia delle migrazioni I RIFUGIATI. A.a. 2003/2004. Gottardi Elisabetta, Medeghini Bibiana, Pollino Simona 1 Sociologia delle migrazioni I RIFUGIATI A.a. 2003/2004 Gottardi Elisabetta, Medeghini Bibiana, Pollino Simona 2 IRO e UNRRA 1943: nasce l UNRRA, Amministrazione delle Nazioni Unite per i soccorsi e la

Dettagli

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale Dr. Miriam Sabatini Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria Quando muore un neonato: Eccessivo coinvolgimento e senso di responsabilità dei

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

SINTESI CONCLUSIVA VITE ALLA DERIVA

SINTESI CONCLUSIVA VITE ALLA DERIVA SINTESI CONCLUSIVA VITE ALLA DERIVA RIFUGIATI E MIGRANTI A RISCHIO NEL MEDITERRANEO CENTRALE Amnesty International è un movimento globale di oltre tre milioni di sostenitori, soci e attivisti in più di

Dettagli

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti Dipartimento Immigrazione 7 aprile 2008 L'arrivo di minori stranieri soli sui nostri territori non è un fenomeno nuovo - risale significativamente

Dettagli

Anthony Lake Direttore Generale UNICEF

Anthony Lake Direttore Generale UNICEF 5 ANNI DI GUERRA IN SIRIA NESSUN LUOGO SICURO PER I BAMBINI La crisi in numeri L impatto di 5 ANNI DI GUERRA sui bambini siriani e la loro infanzia 5 ANNI: UN ETÀ CRUCIALE PER UN BAMBINO Per i 3,7 milioni

Dettagli

COVER Carla 12-03-2001 11:00 Pagina 1. L ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI PRESENTA Piccoli rifugiati, bambini come noi

COVER Carla 12-03-2001 11:00 Pagina 1. L ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI PRESENTA Piccoli rifugiati, bambini come noi COVER Carla 12-03-2001 11:00 Pagina 1 dei rifugiati in Europa sta diventanto una delle più importanti L integrazione questioni morali e politiche che la nostra società deve affrontare. Piccoli rifugiati,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

MSF Progetti Missione Italia 2014

MSF Progetti Missione Italia 2014 MSF Progetti Missione Italia 2014 Chiara Montaldo, - Coordinatrice Progetto Sicilia SALUTE E MIGRANTI Le possibili sinergie tra servizi sanitari e organizzazioni umanitarie Aula Morgagni - Policlinico

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA

Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA Se si guarda l andamento degli arrivi dei minori nel 2008 (2201 in totale), sia accompagnati che non, per mese, si nota come questi siano passati dai 174

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

MIGRAZIONI DEI POPOLI JUGOSLAVI ALLA FINE DEL XX SECOLO

MIGRAZIONI DEI POPOLI JUGOSLAVI ALLA FINE DEL XX SECOLO MIGRAZIONI DEI POPOLI JUGOSLAVI ALLA FINE DEL XX SECOLO Le migrazioni esistono. La morte non esiste! Miloš Crnjanski, Migrazioni II 1 Introduzione Le migrazioni per motivi di lavoro non rappresentavano

Dettagli

Interviste ai genitori Classi 3 C e 3 D

Interviste ai genitori Classi 3 C e 3 D Interviste ai genitori Classi 3 C e 3 D Domande : 1. Conosci persone che sono state costrette a spostarsi da Perugia in altri paesi o che sono venute a Perugia da altri paesi? 2. Conosci i motivi di questi

Dettagli

L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza. Monza, 26 novembre 2014

L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza. Monza, 26 novembre 2014 L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza Monza, 26 novembre 2014 L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza di Alessio Menonna, Università degli Studi Milano-Bicocca

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

La via del mare verso l Europa: 1 luglio 2015. Il passaggio del Mediterraneo nell era dei rifugiati

La via del mare verso l Europa: 1 luglio 2015. Il passaggio del Mediterraneo nell era dei rifugiati La via del mare verso l Europa: 1 luglio 2015 Il passaggio del Mediterraneo nell era dei rifugiati Rifugiati afghani lasciano il loro gommone e scendono a terra a Mitilene, sull isola greca di Lesbo. UNHCR/Jowan

Dettagli

Mi chiamo. Django Sissoukuo. Vengo dal Mali. Il mio viaggio è durato 3 anni e ho fatto 7800 KM. Il mio nuovo mondo è una bicicletta

Mi chiamo. Django Sissoukuo. Vengo dal Mali. Il mio viaggio è durato 3 anni e ho fatto 7800 KM. Il mio nuovo mondo è una bicicletta Mi chiamo Django Sissoukuo Vengo dal Mali Il mio viaggio è durato 3 anni e ho fatto 7800 KM Il mio nuovo mondo è una bicicletta che gli permette di andare al lavoro in un tempo più breve. La Repubblica

Dettagli

Lo scenario migratorio italiano e lombardo e gli orientamenti dei migranti verso il ritorno al Proprio Paese d origine

Lo scenario migratorio italiano e lombardo e gli orientamenti dei migranti verso il ritorno al Proprio Paese d origine Lo scenario migratorio italiano e lombardo e gli orientamenti dei migranti verso il ritorno al Proprio Paese d origine d di Alessio Menonna Fondazione Ismu Milano, 12 marzo 2015 Negli ultimi 18 anni, dal

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Centro Missionario Diocesano di Trento. Progetto Missionario Annuale 2014-2015 CON I BAMBINI NEI CAMPI PROFUGHI IN ETIOPIA

Centro Missionario Diocesano di Trento. Progetto Missionario Annuale 2014-2015 CON I BAMBINI NEI CAMPI PROFUGHI IN ETIOPIA Centro Missionario Diocesano di Trento Progetto Missionario Annuale 2014-2015 CON I BAMBINI NEI CAMPI PROFUGHI IN ETIOPIA NOTIZIE SULL IMMIGRAZIONE viaggio della speranza L aiuto che diamo ai bambini del

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Rifugiati, vite nell ombra

Rifugiati, vite nell ombra Rifugiati, vite nell ombra Perché sono costretti a fuggire, quanti sono nel mondo e in Italia, quali le forme di protezione e assistenza Le cause delle migrazioni forzate Il genocidio del Ruanda, l esodo

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli

La Gestione del soccorso medico in mare. Dott. Manlio Leonardi

La Gestione del soccorso medico in mare. Dott. Manlio Leonardi La Gestione del soccorso medico in mare Dott. Manlio Leonardi Il CISOM - fondato il 24 Giugno 1970 è l articolazione dedicata alla protezione civile del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM). Assistenza

Dettagli