Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE"

Transcript

1 Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Numero domanda: BO11A0007 CCIAA di deposito: BOLOGNA Data di deposito: 27/0/11 In data 27/0/11 il richiedente ha presentato a me sottoscritto la seguente domanda di brevetto per Invenzione Industriale. BOLOGNA, 27/0/11 L'Ufficiale Rogante Diritti di Segreteria Bollo Virtuale 1,00 EURO,00 EURO Pagina 1 di 4

2 Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 A. RICHIEDENTE Cognome Nome/ Denominazione GHIRARDELLI STEFANO Codice fiscale: GHRSFN63S14A191T Indirizzo: (FE) VIA MOLINETTO 19 cap località LONGASTRINO Natura Giuridica: Persona Fisica C. TITOLO Titolo ESSICCATORE PER UN IMPIANTO DI REALIZZAZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI. D. INVENTORE DESIGNATO Cognome Nome GHIRARDELLI GIAN CARLO Nazionalità: ITALIA E. CLASSE PROPOSTA Classe CC - TRATTAMENTO DELLA PECE, DELL'ASFALTO, DEL BITUME; ACIDO PIROLEGNOSO I. MANDATARIO ABILITATO PRESSO L'UIBM Mandatario Denominazione Studio Numero iscrizione albo: 1280 CONTI MARCO BUGNION S.P.A. Indirizzo: BOLOGNA (BO) VIA DI CORTICELLA 87 cap Lista documenti M. DOCUMENTAZIONE DICHIARATA Attestato Versamento Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 0 Pagina 2 di 4

3 Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Tavole Disegno Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 3 Rivendicazione in Italiano Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 4 Rivendicazione in Inglese Numero esemplari allegati : 0 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 1 Numero pagine per esemplare : 0 Descrizione in Italiano Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 19 Descrizione in Inglese Numero esemplari allegati : 0 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 1 Numero pagine per esemplare : 0 Riassunto in Italiano Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 1 Riassunto in Inglese Numero esemplari allegati : 0 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 1 Numero pagine per esemplare : 0 Designazione di Inventore Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 1 Pagina 3 di 4

4 Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Lettera di Incarico/Autocertificazione Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 1 Versamento in euro Copia autentica Anticipata accessibilità al pubblico Importo: 0,00 Richiesta Non concessa Pagina 4 di 4

5 1 1 RIASSUNTO Un essiccatore per un impianto di realizzazione di conglomerati bituminosi, comprende un tamburo (2) cilindrico sviluppantesi lungo un proprio asse centrale (A) tra una prima (2a) ed una seconda estremità (2b) e girevole attorno a detto asse centrale (A); detta prima estremità (2a) definendo una sezione di ingresso (3) di materiali inerti vergini (0), un bruciatore () posto in corrispondenza della seconda estremità (2b) del tamburo (2) cilindrico e configurato per generare una fiamma () sviluppantesi all interno del tamburo (2) cilindrico lungo detto asse centrale (A), una bocca di aspirazione (7) configurata per aspirare i fumi generati dalla fiamma () ed un apertura (9) di ingresso di materiali inerti riciclati (1). L essiccatore comprende inoltre un corpo tubolare (11) collocato all interno del tamburo (2) cilindrico in corrispondenza dell apertura (9) e presentante un sezione interna minore della sezione del tamburo (2) cilindrico in modo da definire una zona anulare (12) ed un anello deflettore (14) disposto tra la seconda estremità (2b) del tamburo (2) cilindrico ed il corpo tubolare (11) per deviare all interno del corpo tubolare (11) i fumi generati dalla fiamma (). [FIG.1]

6 1 1 DESCRIZIONE Annessa a domanda di brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE avente per titolo: ESSICCATORE PER UN IMPIANTO DI REALIZZAZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI. A nome: GHIRARDELLI Stefano, residente in LONGASTRINO (FE), Via Molinetto n. 19, di nazionalità italiana. Inventore: Sig. Gian Carlo GHIRARDELLI. Mandatario: Ing. Marco CONTI c/o BUGNION S.p.A., Via di Corticella Bologna. ******* La presente invenzione ha per oggetto un essiccatore per un impianto di realizzazione di conglomerati bituminosi. Come è noto, i conglomerati bituminosi sono utilizzati per realizzare pavimentazioni stradali di vario tipo, come aree pedonali, parcheggi e, ovviamente, strade. Essi costituiscono il materiale generalmente utilizzato sia per la realizzazione dello strato superficiale (o di usura) delle pavimentazioni che, con diverse caratteristiche, per la costruzione del sottofondo stradale. In genere, i conglomerati bituminosi sono costituiti da aggregati inerti, che nel gergo del settore sono chiamati filler, mescolati attraverso opportuni procedimenti con una miscela di idrocarburi (bitume) che funge da legante. I materiali inerti di cui sopra sono tipicamente di tipo naturale, come ghiaia e sabbia molto fine, oppure di tipo artificiale, come pietrischi e graniglie che si ottengono per estrazione dalle cave e successiva frantumazione.

7 2 1 2 Ovviamente, le caratteristiche del conglomerato dipendono dalle percentuali dei diversi materiali nella composizione. Come è noto, esistono numerosi impianti per la produzione di conglomerati di tale genere, i quali lavorano (in ciclo continuo o discontinuo ) trasformando i singoli componenti nel conglomerato bituminoso pronto per l'uso. Per consentire la miscelazione tra gli aggregati (materiali inerti) ed il bitume è necessario che i suddetti materiali siano privi di umidità e di conseguenza è necessaria un'essiccazione degli stessi a monte della miscelazione. A tale proposito, gli impianti della tecnica nota comprendono ciascuno almeno un essiccatore preposto ad eseguire tale compito. Gli essiccatori noti comprendono, generalmente, un cilindro rotante attorno al proprio asse centrale ed inclinato rispetto al terreno di un angolo tale da consentire il flusso del materiale da una sezione di ingresso, posta ad una quota più alta, ad una sezione di uscita, posta ad una quota più bassa. Nella prassi, al materiale vergine (ovvero il materiale inerte proveniente dalle zone di stoccaggio) viene aggregato del materiale riciclato, ovvero proveniente da manti vecchi stradali, che sono stati fresati/smantellati e di cui è opportuno il recupero. In corrispondenza della sezione di uscita, il cilindro è dotato di un bruciatore atto a realizzare una fiamma orientata in controcorrente rispetto alla direzione di avanzamento dei materiali inerti (favorito dalla

8 3 1 2 presenza di una bocca di aspirazione collocata in corrispondenza dalla sezione di ingresso dei materiali inerti). Tale fiamma ha la funzione di riscaldare gli aggregati in modo da eliminarne l'umidità al fine di consentire, in una fase successiva, la corretta miscelazione con il bitume. Svantaggiosamente, la combustione degli aggregati, ed in particolare del materiale riciclato, porta alla formazione ed al rilascio di fluidi inquinanti incombusti (tipicamente gas oleosi) contenenti grando quantità di oli incombusti, i quali una volta immessi nell'ambiente creano gravi problemi di inquinamento o incrementano i costi di abbattimento per il produttore. In conseguenza di ciò, la percentuale di riciclato utilizzabile nella realizzazione dei conglomerati subisce una forte limitazione, impedendone un efficiente riutilizzo. Peraltro, nella prassi è frequente che il bruciatore presenti un funzionamento imperfetto, il che comporta la formazione (e conseguente volatilizzazione) di particelle di oli incombusti particolarmente inquinanti. Ciò risulta particolarmente critico in quanto tale tipologia di inquinanti è difficilmente abbattibile tramite l'utilizzo di semplici filtri, i quali necessiterebbero di numerose e frequenti sostituzioni, comportando costi di manutenzione insostenibili per il produttore. Scopo del presente trovato è rendere disponibile un essiccatore per la realizzazione di conglomerati bituminosi che superi gli inconvenienti della tecnica

9 4 1 2 nota sopra citati. In particolare, è scopo del presente trovato mettere a disposizione un essiccatore per la realizzazione di conglomerati bituminosi in grado di abbattere gli inquinanti in modo efficiente ed economico. Inoltre, è scopo della presente invenzione mettere a disposizione un essiccatore per la realizzazione di conglomerati bituminosi particolarmente semplice e che consenta la lavorazione di un alta percentuale di materiale riciclato. Detti scopi sono pienamente raggiunti dall'essiccatore per la realizzazione di conglomerati bituminosi oggetto del presente trovato, comprendente un tamburo cilindrico sviluppantesi lungo un proprio asse centrale tra una prima ed una seconda estremità e girevole attorno a detto asse centrale; detta prima estremità presentando una sezione di ingresso di materiali inerti vergini; un bruciatore posto in corrispondenza della seconda estremità del tamburo cilindrico e configurato per generare una fiamma sviluppantesi all interno del tamburo cilindrico lungo detto asse centrale; una bocca di aspirazione collocata in prossimità della prima estremità di detto tamburo cilindrico e configurata per guidare i fumi generati dalla fiamma dalla seconda estremità verso la prima estremità del tamburo cilindrico; un apertura di ingresso di materiali inerti riciclati ricavata in una parete laterale del tamburo cilindrico e collocata in corrispondenza di una sezione intermedia dello stesso Secondo l'invenzione, l essiccatore si caratterizza per il fatto di comprendere un corpo tubolare collocato

10 1 2 all interno del tamburo cilindrico tra la sezione intermedia e la prima estremità, in prossimità della sezione intermedia, al fine di subire un azione di surriscaldamento da parte della fiamma e presentante un sezione interna minore della sezione del tamburo cilindrico in modo da definire una zona anulare tra una parete interna del tamburo cilindrico ed il corpo tubolare stesso ed un anello deflettore disposto tra la seconda estremità del tamburo cilindrico ed il corpo tubolare, in prossimità di detto corpo tubolare, ed in corrispondenza di detta zona anulare per deviare all interno del corpo tubolare i fumi generati dalla fiamma, al fine di consentire la combustione degli oli incombusti generati dal surriscaldamento dei materiali inerti riciclati. In altre parole, l essiccatore della presente invenzione comprende un corpo tubolare (preferibilmente in acciaio refrattario) posizionato internamente al tamburo cilindrico ad una distanza dalla fiamma tale da subire un elevato riscaldamento. In questo modo, il corpo tubolare viene portato ad incandescenza e funge sostanzialmente da bruciatore (inceneritore) degli oli incombusti presenti nei gas oleosi nascenti dalla combustione del materiale riciclato. Infatti, il corpo tubolare presenta una sezione trasversale minore del cilindro per aumentare lo scambio termico e favorire la combustione delle particelle inquinanti. Per aumentare l efficienza di combustione, il corpo tubolare presenta una sezione interna notevolmente

11 6 1 2 minore rispetto alla sezione interna del tamburo cilindrico. In questo modo, tra il corpo tubolare e la parete interna del tamburo cilindrico è definita la suddetta zona anulare, in corrispondenza della quale è posizionato l anello deflettore. Vantaggiosamente, la presenza dell anello deflettore consente di impedire il deflusso dei fumi (vapore e gas) lateralmente al corpo tubolare (ovvero dove non avrebbe alcun effetto bruciatore). Ovviamente, con anello deflettore è intesa anche una pluralità di corpi tra loro combinati in modo da coprire sostanzialmente tutta la zona anulare attorno al corpo tubolare. Preferibilmente, l anello deflettore è utilizzato come scivolo di ingresso dei materiali riciclati ed è collocato in corrispondenza dell apertura di ingresso di tali materiali. Vantaggiosamente, con l anello deflettore ed il corpo tubolare così posizionati si ottiene la purificazione dell aria in uscita dal tamburo cilindrico. Preferibilmente, il corpo tubolare 11 presenta una pluralità di condotti tubolari disposti all interno del corpo tubolare stesso e rigidamente connessi ad esso. In altre parole, il corpo tubolare contiene al proprio interno una pluralità di condotti tubolari tra loro affiancati e distanziati in modo da consentire il passaggio dei fumi sia all interno di ciascun condotto tubolare che tra un condotto tubolare e l altro, aumentando così la superficie di scambio termico per facilitare la combustione degli oli incombusti.

12 7 1 2 Il numero di condotti tubolari varia in funzione del diametro del corpo tubolare. Vantaggiosamente, la ridotta dimensione dei condotti fa si che l efficienza di combustione del corpo tubolare sia fortemente innalzata. Preferibilmente, l anello deflettore presenta un corpo a forchetta disposto in corrispondenza di una propria estremità libera al fine di deviare il flusso di gas in parte verso l apertura di ingresso di materiali inerti riciclati ed in parte verso l interno del corpo tubolare. Più preferibilmente, il corpo a forchetta presenta sostanzialmente una sezione al L in modo da separare i fumi (ovvero il flusso degli stessi) guidandolo in parte all interno del corpo tubolare ed in parte in corrispondenza dell apertura di ingresso del materiale riciclato così da iniziarne l essiccazione. Questa ed altre caratteristiche risulteranno maggiormente evidenziate dalla descrizione seguente di una preferita forma realizzativa, illustrata a puro titolo esemplificativo e non limitativo nelle unite tavole di disegno, in cui: - la figura 1 illustra una vista schematica laterale di un essiccatore per la realizzazione di conglomerati bituminosi secondo la presente invenzione; - la figura 2 mostra un particolare dell'essiccatore di figura 1; - la figura 3 mostra una vista schematica frontale di un particolare zona dell'essiccatore di figura 1. Con riferimento alle allegate figure, con il numero 1 è indicato un essiccatore per un impianto di realizzazione

13 8 1 2 di conglomerati bituminosi secondo la presente invenzione. L essiccatore 1 può fare parte di un impianto per la realizzazione di conglomerati bituminosi sia di tipo continuo, che di tipo discontinuo. L essiccatore 1 comprende un tamburo cilindrico 2 sviluppantesi lungo un proprio asse centrale A tra una prima 2a ed una seconda estremità 2b (o base). Il tamburo 2 cilindrico è sostanzialmente un corpo cilindrico cavo definente al proprio interno una camera di combustione 2c in cui i materiali inerti atti alla realizzazione dei conglomerati bituminosi vengono essiccati (i.e. privati dell umidità). Tale camera di combustione 2c è definita da una parete laterale interna 2d del tamburo e dalle due basi 2a, 2b (o estremità). In particolare, il tamburo 2 cilindrico è inclinato rispetto ad una superficie di appoggio dello stesso (il suolo od apposite strutture di sostegno) in modo che la prima estremità 2a sia disposta ad una quota superiore rispetto alla seconda estremità 2b. In altre parole, l asse centrale A del tamburo 2 forma con l orizzontale un angolo acuto, preferibilmente compreso tra 3 e 8 gradi (nella forma realizzativa illustrata, il tamburo 2 è inclinato rispetto all orizzontale di gradi). La prima estremità 2a definisce una sezione di ingresso 3 di materiali inerti vergini 0 (o aggregati vergini), ovvero materiali inerti come sabbia, ghiaia, argilla espansa, vermiculite e perlite al loro primo utilizzo. Nella forma realizzativa illustrata, in corrispondenza

14 9 1 2 di tale sezione di ingresso 3 è collocato un trasportatore 3a di materiali inerti vergini 0. Vantaggiosamente, l inclinazione del tamburo 2 fa sì che tali materiali inerti vergini 0 siano forzati a fluire (ovvero discendere) dalla prima estremità 2a verso la seconda estremità 2b. Nella forma realizzativa illustrata, il tamburo 2 presenta un condotto di uscita dei materiali inerti essiccati in corrispondenza della seconda estremità 2b. In altre forme realizzative (non illustrate), la seconda estremità potrebbe essere direttamente collegata ad un mescolatore/miscelatore dei materiali inerti con il bitume. Inoltre, il tamburo 2 presenta un apertura 9 di ingresso di materiali inerti riciclati 1 (o materiale riciclato) ricavata nella parete laterale 2d del tamburo 2 cilindrico stesso. Si noti che nel seguito con l espressione materiali inerti verrà indicato genericamente il materiale fluente all interno del tamburo 2 senza distinzione tra vergine e riciclato. Tale apertura 9 di ingresso è collocata in corrispondenza di una sezione intermedia 2e del tamburo 2 stesso. Preferibilmente, l apertura 9 è ricavata circa a metà del tamburo 2, per ragioni che verranno meglio chiarite nel prosieguo. Nella forma realizzativa preferita, in corrispondenza dell apertura 9 è predisposta una tramoggia la cui funzione è quella di facilitare l ingresso del materiale riciclato 1 nel tamburo 2. In corrispondenza della seconda estremità 2b del tamburo

15 1 2 2 è invece collocato un bruciatore, configurato per generare una fiamma 6 sviluppantesi all interno del tamburo 2 cilindrico stesso, sostanzialmente lungo l asse centrale A, per innalzare la temperatura dei materiali inerti vergini 0 e riciclati 1 ed eliminarne l umidità. La fiamma 6 produce un innalzamento della temperatura in corrispondenza della seconda estremità 2b del tamburo 2 ed un corrispondente flusso di calore verso la prima estremità 2a. In particolare, in prossimità della fiamma 6 sono raggiunte temperature comprese tra 00 e 00 gradi centigradi, preferibilmente tra 700 e 800 gradi centigradi. A tale proposito, si noti che l apertura 9 di ingresso del materiale riciclato 1 in modo da immettere tale materiale in una zona prossimale alla fiamma 6 e conseguentemente ad alta temperatura. Per favorire tale flusso, l essiccatore 1 comprende una bocca di aspirazione 7 (preferibilmente collocata in prossimità della prima estremità 2a del tamburo 2) configurata per aspirare i fumi generati dalla fiamma 6 in modo da farli fluire dalla seconda estremità 2b verso la prima estremità 2a. In altre parole, la bocca di aspirazione 7 favorisce l orientazione del flusso di calore e velocizza la fuoriuscita dei fumi dal tamburo 2. Tale flusso di calore attraversa il tamburo 2 in controcorrente rispetto agli aggregati (vergini e riciclati) in modo da aumentare l efficienza di scambio termico con gli stessi ed incrementare l efficacia di

16 essiccazione (ovvero l eliminazione dell umidità negli aggregati). Per favorire sia la movimentazione dei materiali inerti 0, 1 lungo il tamburo 2 che la loro essiccazione, il tamburo 2 cilindrico è girevole attorno al proprio asse centrale A. Più precisamente, l essiccatore 1 comprende mezzi di movimentazione (non illustrati) operativamente attivi sul tamburo per metterlo in rotazione attorno al proprio asse centrale A. Inoltre, lungo la propria parete laterale interna 2d, il tamburo comprende una pluralità di pale (o palette) 4 aventi forme differenti a seconda della zona di tamburo 2 occupata e della funzione che svolgono. La presenza di tali pale 4 consente di aumentare l efficienza dell essiccatore in quanto consente di distribuire i materiali inerti 0, 1 in modo uniforme nel tamburo 2, ed in particolare in attraversamento del flusso di calore. Più precisamente, in prossimità della prima estremità 2a del tamburo 2 presenta una prima pluralità di pale (non illustrate in dettaglio) a forma sostanzialmente elicoidale per favorire l avanzamento del materiale inerte vergine 0 appena immesso. Successivamente (ovvero in una zona prossimale alla seconda estremità 2b rispetto alla prima pluralità di pale), è presente una seconda pluralità di pale a forma incurvata per sollevare il materiale inerte lungo la parete interna 2d del tamburo 2 fino ad una posizione sollevata, in cui la geometria di tali pale fa sì che il materiale cada liberamente in una zona centrale del

17 tamburo 2 al fine di attraversare il flusso di calore. In prossimità della fiamma 6 (ovvero a valle dell apertura 9), il tamburo 2 presenta una terza pluralità di pale (o pale di recupero) 4a, ciascuna avente la forma di una tasca in grado di contenere il materiale inerte e di trasportarlo lungo la parete laterale interna 2d senza che questo cada una volta giunto in posizione sollevata. In altre parole, il materiale all interno della tasca si riscalda per conduzione attraverso la tasca stessa senza venire in contatto con la fiamma 6. Inoltre, tale tipologia di pale consente di schermare la dispersione di calore del tamburo 2 verso l ambiente esterno. In uso, la combustione del materiale riciclato 1 in corrispondenza della fiamma 6 porta alla rilascio di oli incombusti volatili, i quali si aggregano ai fumi della combustione generando un flusso di gas oleosi. Infatti, i materiali inerti riciclati vengono recuperati dalla fresatura di manti stradali già esistenti e di conseguenza già aggregati al bitume. Al fine di abbattere le emissioni tossiche (ovvero i gas oleosi), l essiccatore 1 prevede la presenza di un gruppo inceneritore 8 disposto all interno del tamburo 2 e configurato per bruciare le particelle di incombusti contenute nei suddetti gas oleosi. Più precisamente, l essiccatore 1 (ovvero il gruppo inceneritore 8) comprende un corpo tubolare 11 collocato all interno del tamburo 2 cilindrico tra la sezione intermedia 2e e la prima estremità 2a, in prossimità della sezione intermedia 2e.

18 Tale corpo tubolare 11 presenta un sezione minore della sezione del tamburo 2 cilindrico in modo da definire una zona anulare 12 tra la parete (laterale) interna 2d del tamburo 2 cilindrico ed il corpo tubolare 11 stesso. Con sezione si intende la sezione esterna del corpo tubolare 11, in modo che esternamente ad esso sia definita la zona anulare 12. Tuttavia, la sezione interna e la sezione esterna del corpo tubolare 11 differiscono unicamente di un limitato spessore del corpo tubolare 11. Tale corpo tubolare 2 è collegato al tamburo 2 (in particolare alla sua parete interna 2d) tramite una flangia di collegamento o, preferibilmente, tramite una pluralità di supporti 13 disposti lungo la periferia del corpo tubolare 2 stesso ed orientati radialmente rispetto ad esso. Tali supporti 13 fungono altresì da distanziatori tra la parete interna 2d del tamburo 2 ed il corpo tubolare 11 e contribuiscono a definire la zona anulare 12 di cui sopra. Vantaggiosamente, in questo modo il corpo tubolare 11 p montabile anche su essiccatori già esistenti, senza la necessità di sostituzione dell intero essiccatore. Si noti che la collocazione in prossimità della sezione intermedia 2d del tamburo 2 fa sì che il corpo tubolare 11 subisca un forte surriscaldamento, diventando così un inceneritore (combustore) degli oli incombusti che lo attraversano. In altre parole, il corpo tubolare 11 viene portato ad incandescenza così da bruciare (incenerire) gli oli incombusti presenti nei gas oleosi nascenti dalla

19 combustione del materiale riciclato 1. Preferibilmente, il corpo tubolare 11 è disposto coassialmente al tamburo 2. In altre parole, l asse centrale A di sviluppo del tamburo 2 corrisponde ad un asse centrale B di sviluppo del corpo tubolare 11. Di conseguenza, anche la zona anulare 12 è sostanzialmente coassiale al tamburo 2. Per aumentarne l efficienza di combustione, il corpo tubolare 11 presenta una sezione notevolmente minore rispetto alla sezione interna del tamburo 2 cilindrico. Nella forma realizzativa illustrata, il corpo tubolare 11 è circa la metà della sezione interna del tamburo 2 cilindrico. In questa luce, la zona anulare 12 presenta una dimensione non trascurabile. Si noti che la zona anulare 12 definisce anche una sezione di passaggio del materiale vergine 1. A tale proposito, l essiccatore 1 comprende un anello deflettore 14 disposto tra la seconda estremità 2b del tamburo 2 cilindrico ed il corpo tubolare 11, in prossimità del corpo tubolare 11, ed in corrispondenza della zona anulare 12, in modo da deviare all interno del corpo tubolare 11 i fumi (vapore e gas oleosi) generati dalla fiamma 6. In altre parole, l anello deflettore 14 funge da convogliatore dell aria al corpo tubolare 11 (inceneritore), evitando che i fumi attraversino la zona anulare 12. Vantaggiosamente, ciò consente di incenerire gli oli incombusti generati dal surriscaldamento del materiale

20 1 1 2 riciclato 1 con un elevata efficienza. In questo modo è possibile aumentare la percentuale di materiale riciclato 1 utilizzabile fino al 0% - 60%, senza che le emissioni dell impianto superino i valori di inquinamento stabiliti dalla normativa vigente. Preferibilmente, l anello deflettore 14 è posizionato in modo che il suo sviluppo trasversale (ovvero in un piano ortogonale all asse centrale A del tamburo 2) copra la maggior parte della zona anulare 12. Più preferibilmente, l anello deflettore 14 è posizionato in modo che il suo sviluppo trasversale (ovvero in un piano ortogonale all asse centrale A del tamburo 2) sia sostanzialmente corrispondente (o equivalente) allo sviluppo in tale piano della zona anulare 12. Preferibilmente, anche l anello deflettore 14 è disposto coassialmente al tamburo 2 cilindrico. Nella forma realizzativa preferita, l anello deflettore 14 è collocato in corrispondenza dell apertura 9 di ingresso del materiale riciclato 1 e definisce uno scivolo di entrata di tale materiale a partire dalla parete laterale 2d del tamburo 2 cilindrico verso l interno dello stesso. In particolare, l anello deflettore 14 definisce una parete laterale di un tronco di cono avente una base maggiore affacciata al corpo tubolare 11 e una base minore affacciata alla seconda estremità 2b del tamburo 2 cilindrico. In altre parole, l anello deflettore 14 è rastremato verso la seconda estremità 2b del tamburo 2. Alternativamente, l anello deflettore 14 potrebbe essere

21 ruotato al contrario. Si noti che, sia l anello deflettore 14 che il corpo tubolare 11 ruotano rigidamente con il tamburo 2. In questo modo, l anello deflettore 14 trasporta il materiale riciclato 1 lungo la parete laterale 2d del tamburo 2 stesso in modo da facilitarne la miscelazione con gli aggregati vergini 0. In una prima forma realizzativa, il corpo tubolare 11 presenta al proprio interno una parete sviluppantesi trasversalmente all asse centrale A del tamburo 2 cilindrico e presentante una pluralità di fori passanti tra loro affiancati e definenti una corrispondente pluralità di luci di passaggio per i fumi della combustione. Vantaggiosamente, ciò riduce la dimensione delle singole sezioni di attraversamento dei fumi, aumentando l efficienza di combustione del corpo tubolare 11. Preferibilmente, il corpo tubolare 11 presenta una pluralità di condotti tubolari 19 disposti all interno del corpo tubolare 11 e rigidamente connessi ad esso. Tali condotti tubolari 19 sono tra loro affiancati e si sviluppano preferibilmente lungo l asse centrale A del tamburo 2 cilindrico. In altre parole, il corpo tubolare 11 contiene al proprio interno una pluralità di condotti tubolari 19 tra loro affiancati e distanziati in modo da consentire il passaggio dei fumi sia all interno di ciascun condotto tubolare 19 che tra un condotto tubolare 19 e l altro, aumentando così la superficie di scambio termico per facilitare la combustione degli oli incombusti.

22 Il corpo tubolare 11 dunque suddivide il tamburo 2 (ovvero l essiccatore) in una zona di combustione 17 ed una zona di deflusso 18 dei fumi. Al fine di consentire il corretto surriscaldamento del corpo tubolare 11, esso è preferibilmente realizzato in acciaio refrattario. Vantaggiosamente, in questo modo il corpo tubolare 11 resiste alla alte temperature presenti all interno della camera di combustione 2c senza reagire con gli altri componenti/elementi ivi presenti. Alternativamente, il corpo tubolare potrebbe essere realizzato con un altro tipo di materiale refrattario, purché questo sia in grado di sopportare le alte temperature che si vengono a creare all interno della camera di combustione. Preferibilmente, il corpo tubolare 11 presenta una porzione svasata 11a affacciata all anello deflettore 14 al fine di definire un invito per il flusso di gas verso l interno del corpo tubolare 11 stesso. Più preferibilmente, il corpo tubolare 11 presenta inoltre un diffusore 11b terminale affacciato alla prima estremità 2a del tamburo cilindrico 2 per consentire un miglior scambio termico tra i fumi (vapore e gas ripuliti ) uscenti dal corpo tubolare 2 stesso ed i materiali inerti vergini 0. Infatti, il diffusore 11b consente di guidare i fumi caldi anche in corrispondenza della parete laterale 2d del tamburo e delle pale 4. Di conseguenza, il corpo tubolare 11 presenta sostanzialmente una porzione convergente di imbocco ed una porzione divergente di uscita.

23 Si noti che la presenza del corpo tubolare 11 (specie così conformato) favorisce il risucchio dei fumi al proprio interno, rendendo meno gravoso il lavoro dell anello deflettore 14. Preferibilmente, l anello deflettore 14 presenta un corpo a forchetta disposto in corrispondenza di una propria estremità libera 14a (prossimale alla seconda estremità 2b del tamburo 2) al fine di deviare i fumi in parte verso l apertura 9 di ingresso di materiali inerti riciclati 1 ed in parte verso l interno del corpo tubolare 11. In altre parole, il corpo a forchetta è un deviatore/divisore del flusso di fumi che consente di evitare trafilamenti dei fumi stessi nella zona anulare 12. Nella forma realizzativa illustrata, il corpo a forchetta non è altro che un elemento anulare presentante sostanzialmente una sezione al L, in cui una prima porzione a è protesa verso la seconda estremità 2a del tamburo 2 cilindrico ed una seconda porzione b, trasversale alla prima a, è orientata verso l asse centrale A del tamburo 2 cilindrico. L invenzione raggiunge gli scopi preposti e consegue importanti vantaggi. Infatti, la presenza di un corpo tubolare collocato centralmente al tamburo e di un anello deflettore per guidare i fumi all interno del corpo assicura la quasi completa combustione degli oli incombusti e rende l essiccatore particolarmente ecologico. Inoltre, la possibilità di eliminare gli inquinanti che nascono dall introduzione del materiale riciclato

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C Maggiore efficienza per i motori elettrici Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C E l e v a t i v a n t a g g i p e r i l C l i e n t e I cuscinetti radiali rigidi a sfere Generation C... 35

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

02. Alta Riflettività. Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività

02. Alta Riflettività. Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività 02. Alta Riflettività Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività Alta riflettanza ed emissività si traducono in un maggior risparmio energetico e di denaro, oltre che in un applicazione sicura

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CENNI STORICI Nell anno 1946, l ingegnere americano Ray Arden, un vero pioniere della progettazione dei micromotori ed indiscusso genio in materia, ideò e perfezionò

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora...

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora... Impianti Carpigiani per Artigianale a Norme HACCP Tutte le macchine Carpigiani sono progettate e realizzate per rispettare appieno le norme internazionali di sicurezza ed igiene. Il Gelatiere professionista

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

L'importanza di una corretta carteggiatura

L'importanza di una corretta carteggiatura L'importanza di una corretta carteggiatura La preparazione delle superfici, ed in particolare la carteggiatura, concorrono al risultato finale del trattamento di pitturazione, giocando un ruolo fondamentale

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli