Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE"

Transcript

1 Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Numero domanda: BO11A0007 CCIAA di deposito: BOLOGNA Data di deposito: 27/0/11 In data 27/0/11 il richiedente ha presentato a me sottoscritto la seguente domanda di brevetto per Invenzione Industriale. BOLOGNA, 27/0/11 L'Ufficiale Rogante Diritti di Segreteria Bollo Virtuale 1,00 EURO,00 EURO Pagina 1 di 4

2 Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 A. RICHIEDENTE Cognome Nome/ Denominazione GHIRARDELLI STEFANO Codice fiscale: GHRSFN63S14A191T Indirizzo: (FE) VIA MOLINETTO 19 cap località LONGASTRINO Natura Giuridica: Persona Fisica C. TITOLO Titolo ESSICCATORE PER UN IMPIANTO DI REALIZZAZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI. D. INVENTORE DESIGNATO Cognome Nome GHIRARDELLI GIAN CARLO Nazionalità: ITALIA E. CLASSE PROPOSTA Classe CC - TRATTAMENTO DELLA PECE, DELL'ASFALTO, DEL BITUME; ACIDO PIROLEGNOSO I. MANDATARIO ABILITATO PRESSO L'UIBM Mandatario Denominazione Studio Numero iscrizione albo: 1280 CONTI MARCO BUGNION S.P.A. Indirizzo: BOLOGNA (BO) VIA DI CORTICELLA 87 cap Lista documenti M. DOCUMENTAZIONE DICHIARATA Attestato Versamento Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 0 Pagina 2 di 4

3 Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Tavole Disegno Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 3 Rivendicazione in Italiano Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 4 Rivendicazione in Inglese Numero esemplari allegati : 0 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 1 Numero pagine per esemplare : 0 Descrizione in Italiano Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 19 Descrizione in Inglese Numero esemplari allegati : 0 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 1 Numero pagine per esemplare : 0 Riassunto in Italiano Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 1 Riassunto in Inglese Numero esemplari allegati : 0 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 1 Numero pagine per esemplare : 0 Designazione di Inventore Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 1 Pagina 3 di 4

4 Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Lettera di Incarico/Autocertificazione Numero esemplari allegati : 1 Numero esemplari di cui si riserva la presentazione: 0 Numero pagine per esemplare : 1 Versamento in euro Copia autentica Anticipata accessibilità al pubblico Importo: 0,00 Richiesta Non concessa Pagina 4 di 4

5 1 1 RIASSUNTO Un essiccatore per un impianto di realizzazione di conglomerati bituminosi, comprende un tamburo (2) cilindrico sviluppantesi lungo un proprio asse centrale (A) tra una prima (2a) ed una seconda estremità (2b) e girevole attorno a detto asse centrale (A); detta prima estremità (2a) definendo una sezione di ingresso (3) di materiali inerti vergini (0), un bruciatore () posto in corrispondenza della seconda estremità (2b) del tamburo (2) cilindrico e configurato per generare una fiamma () sviluppantesi all interno del tamburo (2) cilindrico lungo detto asse centrale (A), una bocca di aspirazione (7) configurata per aspirare i fumi generati dalla fiamma () ed un apertura (9) di ingresso di materiali inerti riciclati (1). L essiccatore comprende inoltre un corpo tubolare (11) collocato all interno del tamburo (2) cilindrico in corrispondenza dell apertura (9) e presentante un sezione interna minore della sezione del tamburo (2) cilindrico in modo da definire una zona anulare (12) ed un anello deflettore (14) disposto tra la seconda estremità (2b) del tamburo (2) cilindrico ed il corpo tubolare (11) per deviare all interno del corpo tubolare (11) i fumi generati dalla fiamma (). [FIG.1]

6 1 1 DESCRIZIONE Annessa a domanda di brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE avente per titolo: ESSICCATORE PER UN IMPIANTO DI REALIZZAZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI. A nome: GHIRARDELLI Stefano, residente in LONGASTRINO (FE), Via Molinetto n. 19, di nazionalità italiana. Inventore: Sig. Gian Carlo GHIRARDELLI. Mandatario: Ing. Marco CONTI c/o BUGNION S.p.A., Via di Corticella Bologna. ******* La presente invenzione ha per oggetto un essiccatore per un impianto di realizzazione di conglomerati bituminosi. Come è noto, i conglomerati bituminosi sono utilizzati per realizzare pavimentazioni stradali di vario tipo, come aree pedonali, parcheggi e, ovviamente, strade. Essi costituiscono il materiale generalmente utilizzato sia per la realizzazione dello strato superficiale (o di usura) delle pavimentazioni che, con diverse caratteristiche, per la costruzione del sottofondo stradale. In genere, i conglomerati bituminosi sono costituiti da aggregati inerti, che nel gergo del settore sono chiamati filler, mescolati attraverso opportuni procedimenti con una miscela di idrocarburi (bitume) che funge da legante. I materiali inerti di cui sopra sono tipicamente di tipo naturale, come ghiaia e sabbia molto fine, oppure di tipo artificiale, come pietrischi e graniglie che si ottengono per estrazione dalle cave e successiva frantumazione.

7 2 1 2 Ovviamente, le caratteristiche del conglomerato dipendono dalle percentuali dei diversi materiali nella composizione. Come è noto, esistono numerosi impianti per la produzione di conglomerati di tale genere, i quali lavorano (in ciclo continuo o discontinuo ) trasformando i singoli componenti nel conglomerato bituminoso pronto per l'uso. Per consentire la miscelazione tra gli aggregati (materiali inerti) ed il bitume è necessario che i suddetti materiali siano privi di umidità e di conseguenza è necessaria un'essiccazione degli stessi a monte della miscelazione. A tale proposito, gli impianti della tecnica nota comprendono ciascuno almeno un essiccatore preposto ad eseguire tale compito. Gli essiccatori noti comprendono, generalmente, un cilindro rotante attorno al proprio asse centrale ed inclinato rispetto al terreno di un angolo tale da consentire il flusso del materiale da una sezione di ingresso, posta ad una quota più alta, ad una sezione di uscita, posta ad una quota più bassa. Nella prassi, al materiale vergine (ovvero il materiale inerte proveniente dalle zone di stoccaggio) viene aggregato del materiale riciclato, ovvero proveniente da manti vecchi stradali, che sono stati fresati/smantellati e di cui è opportuno il recupero. In corrispondenza della sezione di uscita, il cilindro è dotato di un bruciatore atto a realizzare una fiamma orientata in controcorrente rispetto alla direzione di avanzamento dei materiali inerti (favorito dalla

8 3 1 2 presenza di una bocca di aspirazione collocata in corrispondenza dalla sezione di ingresso dei materiali inerti). Tale fiamma ha la funzione di riscaldare gli aggregati in modo da eliminarne l'umidità al fine di consentire, in una fase successiva, la corretta miscelazione con il bitume. Svantaggiosamente, la combustione degli aggregati, ed in particolare del materiale riciclato, porta alla formazione ed al rilascio di fluidi inquinanti incombusti (tipicamente gas oleosi) contenenti grando quantità di oli incombusti, i quali una volta immessi nell'ambiente creano gravi problemi di inquinamento o incrementano i costi di abbattimento per il produttore. In conseguenza di ciò, la percentuale di riciclato utilizzabile nella realizzazione dei conglomerati subisce una forte limitazione, impedendone un efficiente riutilizzo. Peraltro, nella prassi è frequente che il bruciatore presenti un funzionamento imperfetto, il che comporta la formazione (e conseguente volatilizzazione) di particelle di oli incombusti particolarmente inquinanti. Ciò risulta particolarmente critico in quanto tale tipologia di inquinanti è difficilmente abbattibile tramite l'utilizzo di semplici filtri, i quali necessiterebbero di numerose e frequenti sostituzioni, comportando costi di manutenzione insostenibili per il produttore. Scopo del presente trovato è rendere disponibile un essiccatore per la realizzazione di conglomerati bituminosi che superi gli inconvenienti della tecnica

9 4 1 2 nota sopra citati. In particolare, è scopo del presente trovato mettere a disposizione un essiccatore per la realizzazione di conglomerati bituminosi in grado di abbattere gli inquinanti in modo efficiente ed economico. Inoltre, è scopo della presente invenzione mettere a disposizione un essiccatore per la realizzazione di conglomerati bituminosi particolarmente semplice e che consenta la lavorazione di un alta percentuale di materiale riciclato. Detti scopi sono pienamente raggiunti dall'essiccatore per la realizzazione di conglomerati bituminosi oggetto del presente trovato, comprendente un tamburo cilindrico sviluppantesi lungo un proprio asse centrale tra una prima ed una seconda estremità e girevole attorno a detto asse centrale; detta prima estremità presentando una sezione di ingresso di materiali inerti vergini; un bruciatore posto in corrispondenza della seconda estremità del tamburo cilindrico e configurato per generare una fiamma sviluppantesi all interno del tamburo cilindrico lungo detto asse centrale; una bocca di aspirazione collocata in prossimità della prima estremità di detto tamburo cilindrico e configurata per guidare i fumi generati dalla fiamma dalla seconda estremità verso la prima estremità del tamburo cilindrico; un apertura di ingresso di materiali inerti riciclati ricavata in una parete laterale del tamburo cilindrico e collocata in corrispondenza di una sezione intermedia dello stesso Secondo l'invenzione, l essiccatore si caratterizza per il fatto di comprendere un corpo tubolare collocato

10 1 2 all interno del tamburo cilindrico tra la sezione intermedia e la prima estremità, in prossimità della sezione intermedia, al fine di subire un azione di surriscaldamento da parte della fiamma e presentante un sezione interna minore della sezione del tamburo cilindrico in modo da definire una zona anulare tra una parete interna del tamburo cilindrico ed il corpo tubolare stesso ed un anello deflettore disposto tra la seconda estremità del tamburo cilindrico ed il corpo tubolare, in prossimità di detto corpo tubolare, ed in corrispondenza di detta zona anulare per deviare all interno del corpo tubolare i fumi generati dalla fiamma, al fine di consentire la combustione degli oli incombusti generati dal surriscaldamento dei materiali inerti riciclati. In altre parole, l essiccatore della presente invenzione comprende un corpo tubolare (preferibilmente in acciaio refrattario) posizionato internamente al tamburo cilindrico ad una distanza dalla fiamma tale da subire un elevato riscaldamento. In questo modo, il corpo tubolare viene portato ad incandescenza e funge sostanzialmente da bruciatore (inceneritore) degli oli incombusti presenti nei gas oleosi nascenti dalla combustione del materiale riciclato. Infatti, il corpo tubolare presenta una sezione trasversale minore del cilindro per aumentare lo scambio termico e favorire la combustione delle particelle inquinanti. Per aumentare l efficienza di combustione, il corpo tubolare presenta una sezione interna notevolmente

11 6 1 2 minore rispetto alla sezione interna del tamburo cilindrico. In questo modo, tra il corpo tubolare e la parete interna del tamburo cilindrico è definita la suddetta zona anulare, in corrispondenza della quale è posizionato l anello deflettore. Vantaggiosamente, la presenza dell anello deflettore consente di impedire il deflusso dei fumi (vapore e gas) lateralmente al corpo tubolare (ovvero dove non avrebbe alcun effetto bruciatore). Ovviamente, con anello deflettore è intesa anche una pluralità di corpi tra loro combinati in modo da coprire sostanzialmente tutta la zona anulare attorno al corpo tubolare. Preferibilmente, l anello deflettore è utilizzato come scivolo di ingresso dei materiali riciclati ed è collocato in corrispondenza dell apertura di ingresso di tali materiali. Vantaggiosamente, con l anello deflettore ed il corpo tubolare così posizionati si ottiene la purificazione dell aria in uscita dal tamburo cilindrico. Preferibilmente, il corpo tubolare 11 presenta una pluralità di condotti tubolari disposti all interno del corpo tubolare stesso e rigidamente connessi ad esso. In altre parole, il corpo tubolare contiene al proprio interno una pluralità di condotti tubolari tra loro affiancati e distanziati in modo da consentire il passaggio dei fumi sia all interno di ciascun condotto tubolare che tra un condotto tubolare e l altro, aumentando così la superficie di scambio termico per facilitare la combustione degli oli incombusti.

12 7 1 2 Il numero di condotti tubolari varia in funzione del diametro del corpo tubolare. Vantaggiosamente, la ridotta dimensione dei condotti fa si che l efficienza di combustione del corpo tubolare sia fortemente innalzata. Preferibilmente, l anello deflettore presenta un corpo a forchetta disposto in corrispondenza di una propria estremità libera al fine di deviare il flusso di gas in parte verso l apertura di ingresso di materiali inerti riciclati ed in parte verso l interno del corpo tubolare. Più preferibilmente, il corpo a forchetta presenta sostanzialmente una sezione al L in modo da separare i fumi (ovvero il flusso degli stessi) guidandolo in parte all interno del corpo tubolare ed in parte in corrispondenza dell apertura di ingresso del materiale riciclato così da iniziarne l essiccazione. Questa ed altre caratteristiche risulteranno maggiormente evidenziate dalla descrizione seguente di una preferita forma realizzativa, illustrata a puro titolo esemplificativo e non limitativo nelle unite tavole di disegno, in cui: - la figura 1 illustra una vista schematica laterale di un essiccatore per la realizzazione di conglomerati bituminosi secondo la presente invenzione; - la figura 2 mostra un particolare dell'essiccatore di figura 1; - la figura 3 mostra una vista schematica frontale di un particolare zona dell'essiccatore di figura 1. Con riferimento alle allegate figure, con il numero 1 è indicato un essiccatore per un impianto di realizzazione

13 8 1 2 di conglomerati bituminosi secondo la presente invenzione. L essiccatore 1 può fare parte di un impianto per la realizzazione di conglomerati bituminosi sia di tipo continuo, che di tipo discontinuo. L essiccatore 1 comprende un tamburo cilindrico 2 sviluppantesi lungo un proprio asse centrale A tra una prima 2a ed una seconda estremità 2b (o base). Il tamburo 2 cilindrico è sostanzialmente un corpo cilindrico cavo definente al proprio interno una camera di combustione 2c in cui i materiali inerti atti alla realizzazione dei conglomerati bituminosi vengono essiccati (i.e. privati dell umidità). Tale camera di combustione 2c è definita da una parete laterale interna 2d del tamburo e dalle due basi 2a, 2b (o estremità). In particolare, il tamburo 2 cilindrico è inclinato rispetto ad una superficie di appoggio dello stesso (il suolo od apposite strutture di sostegno) in modo che la prima estremità 2a sia disposta ad una quota superiore rispetto alla seconda estremità 2b. In altre parole, l asse centrale A del tamburo 2 forma con l orizzontale un angolo acuto, preferibilmente compreso tra 3 e 8 gradi (nella forma realizzativa illustrata, il tamburo 2 è inclinato rispetto all orizzontale di gradi). La prima estremità 2a definisce una sezione di ingresso 3 di materiali inerti vergini 0 (o aggregati vergini), ovvero materiali inerti come sabbia, ghiaia, argilla espansa, vermiculite e perlite al loro primo utilizzo. Nella forma realizzativa illustrata, in corrispondenza

14 9 1 2 di tale sezione di ingresso 3 è collocato un trasportatore 3a di materiali inerti vergini 0. Vantaggiosamente, l inclinazione del tamburo 2 fa sì che tali materiali inerti vergini 0 siano forzati a fluire (ovvero discendere) dalla prima estremità 2a verso la seconda estremità 2b. Nella forma realizzativa illustrata, il tamburo 2 presenta un condotto di uscita dei materiali inerti essiccati in corrispondenza della seconda estremità 2b. In altre forme realizzative (non illustrate), la seconda estremità potrebbe essere direttamente collegata ad un mescolatore/miscelatore dei materiali inerti con il bitume. Inoltre, il tamburo 2 presenta un apertura 9 di ingresso di materiali inerti riciclati 1 (o materiale riciclato) ricavata nella parete laterale 2d del tamburo 2 cilindrico stesso. Si noti che nel seguito con l espressione materiali inerti verrà indicato genericamente il materiale fluente all interno del tamburo 2 senza distinzione tra vergine e riciclato. Tale apertura 9 di ingresso è collocata in corrispondenza di una sezione intermedia 2e del tamburo 2 stesso. Preferibilmente, l apertura 9 è ricavata circa a metà del tamburo 2, per ragioni che verranno meglio chiarite nel prosieguo. Nella forma realizzativa preferita, in corrispondenza dell apertura 9 è predisposta una tramoggia la cui funzione è quella di facilitare l ingresso del materiale riciclato 1 nel tamburo 2. In corrispondenza della seconda estremità 2b del tamburo

15 1 2 2 è invece collocato un bruciatore, configurato per generare una fiamma 6 sviluppantesi all interno del tamburo 2 cilindrico stesso, sostanzialmente lungo l asse centrale A, per innalzare la temperatura dei materiali inerti vergini 0 e riciclati 1 ed eliminarne l umidità. La fiamma 6 produce un innalzamento della temperatura in corrispondenza della seconda estremità 2b del tamburo 2 ed un corrispondente flusso di calore verso la prima estremità 2a. In particolare, in prossimità della fiamma 6 sono raggiunte temperature comprese tra 00 e 00 gradi centigradi, preferibilmente tra 700 e 800 gradi centigradi. A tale proposito, si noti che l apertura 9 di ingresso del materiale riciclato 1 in modo da immettere tale materiale in una zona prossimale alla fiamma 6 e conseguentemente ad alta temperatura. Per favorire tale flusso, l essiccatore 1 comprende una bocca di aspirazione 7 (preferibilmente collocata in prossimità della prima estremità 2a del tamburo 2) configurata per aspirare i fumi generati dalla fiamma 6 in modo da farli fluire dalla seconda estremità 2b verso la prima estremità 2a. In altre parole, la bocca di aspirazione 7 favorisce l orientazione del flusso di calore e velocizza la fuoriuscita dei fumi dal tamburo 2. Tale flusso di calore attraversa il tamburo 2 in controcorrente rispetto agli aggregati (vergini e riciclati) in modo da aumentare l efficienza di scambio termico con gli stessi ed incrementare l efficacia di

16 essiccazione (ovvero l eliminazione dell umidità negli aggregati). Per favorire sia la movimentazione dei materiali inerti 0, 1 lungo il tamburo 2 che la loro essiccazione, il tamburo 2 cilindrico è girevole attorno al proprio asse centrale A. Più precisamente, l essiccatore 1 comprende mezzi di movimentazione (non illustrati) operativamente attivi sul tamburo per metterlo in rotazione attorno al proprio asse centrale A. Inoltre, lungo la propria parete laterale interna 2d, il tamburo comprende una pluralità di pale (o palette) 4 aventi forme differenti a seconda della zona di tamburo 2 occupata e della funzione che svolgono. La presenza di tali pale 4 consente di aumentare l efficienza dell essiccatore in quanto consente di distribuire i materiali inerti 0, 1 in modo uniforme nel tamburo 2, ed in particolare in attraversamento del flusso di calore. Più precisamente, in prossimità della prima estremità 2a del tamburo 2 presenta una prima pluralità di pale (non illustrate in dettaglio) a forma sostanzialmente elicoidale per favorire l avanzamento del materiale inerte vergine 0 appena immesso. Successivamente (ovvero in una zona prossimale alla seconda estremità 2b rispetto alla prima pluralità di pale), è presente una seconda pluralità di pale a forma incurvata per sollevare il materiale inerte lungo la parete interna 2d del tamburo 2 fino ad una posizione sollevata, in cui la geometria di tali pale fa sì che il materiale cada liberamente in una zona centrale del

17 tamburo 2 al fine di attraversare il flusso di calore. In prossimità della fiamma 6 (ovvero a valle dell apertura 9), il tamburo 2 presenta una terza pluralità di pale (o pale di recupero) 4a, ciascuna avente la forma di una tasca in grado di contenere il materiale inerte e di trasportarlo lungo la parete laterale interna 2d senza che questo cada una volta giunto in posizione sollevata. In altre parole, il materiale all interno della tasca si riscalda per conduzione attraverso la tasca stessa senza venire in contatto con la fiamma 6. Inoltre, tale tipologia di pale consente di schermare la dispersione di calore del tamburo 2 verso l ambiente esterno. In uso, la combustione del materiale riciclato 1 in corrispondenza della fiamma 6 porta alla rilascio di oli incombusti volatili, i quali si aggregano ai fumi della combustione generando un flusso di gas oleosi. Infatti, i materiali inerti riciclati vengono recuperati dalla fresatura di manti stradali già esistenti e di conseguenza già aggregati al bitume. Al fine di abbattere le emissioni tossiche (ovvero i gas oleosi), l essiccatore 1 prevede la presenza di un gruppo inceneritore 8 disposto all interno del tamburo 2 e configurato per bruciare le particelle di incombusti contenute nei suddetti gas oleosi. Più precisamente, l essiccatore 1 (ovvero il gruppo inceneritore 8) comprende un corpo tubolare 11 collocato all interno del tamburo 2 cilindrico tra la sezione intermedia 2e e la prima estremità 2a, in prossimità della sezione intermedia 2e.

18 Tale corpo tubolare 11 presenta un sezione minore della sezione del tamburo 2 cilindrico in modo da definire una zona anulare 12 tra la parete (laterale) interna 2d del tamburo 2 cilindrico ed il corpo tubolare 11 stesso. Con sezione si intende la sezione esterna del corpo tubolare 11, in modo che esternamente ad esso sia definita la zona anulare 12. Tuttavia, la sezione interna e la sezione esterna del corpo tubolare 11 differiscono unicamente di un limitato spessore del corpo tubolare 11. Tale corpo tubolare 2 è collegato al tamburo 2 (in particolare alla sua parete interna 2d) tramite una flangia di collegamento o, preferibilmente, tramite una pluralità di supporti 13 disposti lungo la periferia del corpo tubolare 2 stesso ed orientati radialmente rispetto ad esso. Tali supporti 13 fungono altresì da distanziatori tra la parete interna 2d del tamburo 2 ed il corpo tubolare 11 e contribuiscono a definire la zona anulare 12 di cui sopra. Vantaggiosamente, in questo modo il corpo tubolare 11 p montabile anche su essiccatori già esistenti, senza la necessità di sostituzione dell intero essiccatore. Si noti che la collocazione in prossimità della sezione intermedia 2d del tamburo 2 fa sì che il corpo tubolare 11 subisca un forte surriscaldamento, diventando così un inceneritore (combustore) degli oli incombusti che lo attraversano. In altre parole, il corpo tubolare 11 viene portato ad incandescenza così da bruciare (incenerire) gli oli incombusti presenti nei gas oleosi nascenti dalla

19 combustione del materiale riciclato 1. Preferibilmente, il corpo tubolare 11 è disposto coassialmente al tamburo 2. In altre parole, l asse centrale A di sviluppo del tamburo 2 corrisponde ad un asse centrale B di sviluppo del corpo tubolare 11. Di conseguenza, anche la zona anulare 12 è sostanzialmente coassiale al tamburo 2. Per aumentarne l efficienza di combustione, il corpo tubolare 11 presenta una sezione notevolmente minore rispetto alla sezione interna del tamburo 2 cilindrico. Nella forma realizzativa illustrata, il corpo tubolare 11 è circa la metà della sezione interna del tamburo 2 cilindrico. In questa luce, la zona anulare 12 presenta una dimensione non trascurabile. Si noti che la zona anulare 12 definisce anche una sezione di passaggio del materiale vergine 1. A tale proposito, l essiccatore 1 comprende un anello deflettore 14 disposto tra la seconda estremità 2b del tamburo 2 cilindrico ed il corpo tubolare 11, in prossimità del corpo tubolare 11, ed in corrispondenza della zona anulare 12, in modo da deviare all interno del corpo tubolare 11 i fumi (vapore e gas oleosi) generati dalla fiamma 6. In altre parole, l anello deflettore 14 funge da convogliatore dell aria al corpo tubolare 11 (inceneritore), evitando che i fumi attraversino la zona anulare 12. Vantaggiosamente, ciò consente di incenerire gli oli incombusti generati dal surriscaldamento del materiale

20 1 1 2 riciclato 1 con un elevata efficienza. In questo modo è possibile aumentare la percentuale di materiale riciclato 1 utilizzabile fino al 0% - 60%, senza che le emissioni dell impianto superino i valori di inquinamento stabiliti dalla normativa vigente. Preferibilmente, l anello deflettore 14 è posizionato in modo che il suo sviluppo trasversale (ovvero in un piano ortogonale all asse centrale A del tamburo 2) copra la maggior parte della zona anulare 12. Più preferibilmente, l anello deflettore 14 è posizionato in modo che il suo sviluppo trasversale (ovvero in un piano ortogonale all asse centrale A del tamburo 2) sia sostanzialmente corrispondente (o equivalente) allo sviluppo in tale piano della zona anulare 12. Preferibilmente, anche l anello deflettore 14 è disposto coassialmente al tamburo 2 cilindrico. Nella forma realizzativa preferita, l anello deflettore 14 è collocato in corrispondenza dell apertura 9 di ingresso del materiale riciclato 1 e definisce uno scivolo di entrata di tale materiale a partire dalla parete laterale 2d del tamburo 2 cilindrico verso l interno dello stesso. In particolare, l anello deflettore 14 definisce una parete laterale di un tronco di cono avente una base maggiore affacciata al corpo tubolare 11 e una base minore affacciata alla seconda estremità 2b del tamburo 2 cilindrico. In altre parole, l anello deflettore 14 è rastremato verso la seconda estremità 2b del tamburo 2. Alternativamente, l anello deflettore 14 potrebbe essere

21 ruotato al contrario. Si noti che, sia l anello deflettore 14 che il corpo tubolare 11 ruotano rigidamente con il tamburo 2. In questo modo, l anello deflettore 14 trasporta il materiale riciclato 1 lungo la parete laterale 2d del tamburo 2 stesso in modo da facilitarne la miscelazione con gli aggregati vergini 0. In una prima forma realizzativa, il corpo tubolare 11 presenta al proprio interno una parete sviluppantesi trasversalmente all asse centrale A del tamburo 2 cilindrico e presentante una pluralità di fori passanti tra loro affiancati e definenti una corrispondente pluralità di luci di passaggio per i fumi della combustione. Vantaggiosamente, ciò riduce la dimensione delle singole sezioni di attraversamento dei fumi, aumentando l efficienza di combustione del corpo tubolare 11. Preferibilmente, il corpo tubolare 11 presenta una pluralità di condotti tubolari 19 disposti all interno del corpo tubolare 11 e rigidamente connessi ad esso. Tali condotti tubolari 19 sono tra loro affiancati e si sviluppano preferibilmente lungo l asse centrale A del tamburo 2 cilindrico. In altre parole, il corpo tubolare 11 contiene al proprio interno una pluralità di condotti tubolari 19 tra loro affiancati e distanziati in modo da consentire il passaggio dei fumi sia all interno di ciascun condotto tubolare 19 che tra un condotto tubolare 19 e l altro, aumentando così la superficie di scambio termico per facilitare la combustione degli oli incombusti.

22 Il corpo tubolare 11 dunque suddivide il tamburo 2 (ovvero l essiccatore) in una zona di combustione 17 ed una zona di deflusso 18 dei fumi. Al fine di consentire il corretto surriscaldamento del corpo tubolare 11, esso è preferibilmente realizzato in acciaio refrattario. Vantaggiosamente, in questo modo il corpo tubolare 11 resiste alla alte temperature presenti all interno della camera di combustione 2c senza reagire con gli altri componenti/elementi ivi presenti. Alternativamente, il corpo tubolare potrebbe essere realizzato con un altro tipo di materiale refrattario, purché questo sia in grado di sopportare le alte temperature che si vengono a creare all interno della camera di combustione. Preferibilmente, il corpo tubolare 11 presenta una porzione svasata 11a affacciata all anello deflettore 14 al fine di definire un invito per il flusso di gas verso l interno del corpo tubolare 11 stesso. Più preferibilmente, il corpo tubolare 11 presenta inoltre un diffusore 11b terminale affacciato alla prima estremità 2a del tamburo cilindrico 2 per consentire un miglior scambio termico tra i fumi (vapore e gas ripuliti ) uscenti dal corpo tubolare 2 stesso ed i materiali inerti vergini 0. Infatti, il diffusore 11b consente di guidare i fumi caldi anche in corrispondenza della parete laterale 2d del tamburo e delle pale 4. Di conseguenza, il corpo tubolare 11 presenta sostanzialmente una porzione convergente di imbocco ed una porzione divergente di uscita.

23 Si noti che la presenza del corpo tubolare 11 (specie così conformato) favorisce il risucchio dei fumi al proprio interno, rendendo meno gravoso il lavoro dell anello deflettore 14. Preferibilmente, l anello deflettore 14 presenta un corpo a forchetta disposto in corrispondenza di una propria estremità libera 14a (prossimale alla seconda estremità 2b del tamburo 2) al fine di deviare i fumi in parte verso l apertura 9 di ingresso di materiali inerti riciclati 1 ed in parte verso l interno del corpo tubolare 11. In altre parole, il corpo a forchetta è un deviatore/divisore del flusso di fumi che consente di evitare trafilamenti dei fumi stessi nella zona anulare 12. Nella forma realizzativa illustrata, il corpo a forchetta non è altro che un elemento anulare presentante sostanzialmente una sezione al L, in cui una prima porzione a è protesa verso la seconda estremità 2a del tamburo 2 cilindrico ed una seconda porzione b, trasversale alla prima a, è orientata verso l asse centrale A del tamburo 2 cilindrico. L invenzione raggiunge gli scopi preposti e consegue importanti vantaggi. Infatti, la presenza di un corpo tubolare collocato centralmente al tamburo e di un anello deflettore per guidare i fumi all interno del corpo assicura la quasi completa combustione degli oli incombusti e rende l essiccatore particolarmente ecologico. Inoltre, la possibilità di eliminare gli inquinanti che nascono dall introduzione del materiale riciclato

Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale

Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale Premessa Obiettivo: stimare le emissioni di CO2 prodotte dall attività

Dettagli

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI)

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) PIANO DI GESTIONE OPERATIVA (PGO) n. 13010308 PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI SANDRIGO Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) Partnership Ambientale PIANO

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATO BITUMINOSO. Position paper for hot mixing asphalt plants

EMISSIONI IN ATMOSFERA DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATO BITUMINOSO. Position paper for hot mixing asphalt plants Associazione Italiana Bitume Asfalto Strade EMISSIONI IN ATMOSFERA DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATO BITUMINOSO Position paper for hot mixing asphalt plants 1. PREMESSA E FINALITA DEL DOCUMENTO

Dettagli

OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO

OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO Pag 1 di 9 COLONNA ESSICCATOIO STRAHL SERIE AR La colonna di essiccazione è realizzata con pannelli in lamiera zincata strutturale con montanti esterni quantità variabile

Dettagli

La gestione dei rifiuti

La gestione dei rifiuti La gestione dei rifiuti Se consideriamo l aspetto quantitativo del problema rifiuti vediamo che negli ultimi anni la produzione di rifiuti è cresciuta notevolmente. In particolare dal 1976 al 1993 il loro

Dettagli

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1 Appendice al Cap. 3 (della Parte Seconda del Corso) Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1. Generalità Per quanto riguarda l Italia, il Decreto Legislativo n 22 del 5/02/97 (Decreto Ronchi),

Dettagli

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI SOMMARIO ATTIVITÀ DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE

Dettagli

BERNARDI IMPIANTI INTERNATIONAL S.p.A.

BERNARDI IMPIANTI INTERNATIONAL S.p.A. BERNARDI IMPIANTI INTERNATIONAL S.p.A. RELAZIONE TECNICA DELLA MACCHINA TIPO MCCF 200 TRASPORTABILE Firmato LA DIREZIONE TECNICA Zibido S. Giacomo, 09 set 09 Pagina 1 di 7 RELAZIONE DESCRITTIVA D UN IMPIANTO

Dettagli

COMUNE di ROCCAVIONE

COMUNE di ROCCAVIONE REGIONE PIEMONTE COMUNE di ROCCAVIONE PROVINCIA di CUNEO AUA Autorizzazione Unica Ambientale ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 13 marzo 2013 n.59 TITOLO: Procedimento di Verifica Impatto Ambientale

Dettagli

LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE

LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE PERCHÉ UTILIZZARE IL MATERIALE DI RICICLO? Perché è buono : ha caratteristiche prestazionali paragonabili a quelle degli agli

Dettagli

Autorizzazione Betonaggio - Domanda

Autorizzazione Betonaggio - Domanda Autorizzazione Betonaggio - Domanda ALLEGATO 1 BOLLO 14,62 Alla PROVINCIA DI ASTI Servizio Ambiente. Ufficio Risanamento Atmosferico Piazza Alfieri, 33 14100 Asti e p. c. Sindaco del Comune di...... A.R.P.A.

Dettagli

Soluzioni per l industria mineraria HED-13. Essiccatore. Efficienza energetica. Riduzione CO 2. Incentivi. mineraliindustriali.it

Soluzioni per l industria mineraria HED-13. Essiccatore. Efficienza energetica. Riduzione CO 2. Incentivi. mineraliindustriali.it HED-13 Essiccatore Efficienza energetica Riduzione CO 2 Incentivi Essiccatore ad alta efficienza HED-13 L evoluzione tecnologica degli essiccatori a tamburo rotante Aria ambiente per asciugare la sabbia

Dettagli

Ciclo tecnologico delle opere di asfaltatura

Ciclo tecnologico delle opere di asfaltatura 1 Ciclo tecnologico delle opere di asfaltatura 1. Le opere di asfaltatura 2. Asfaltatura di strade esistenti 3. Asfaltatura di nuove strade e marciapiedi 2 unità 27 Cantieri stradali 1 Le opere di asfaltatura

Dettagli

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale).

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale). I FORNI FUSORI La fusione avviene in appositi forni fusori che hanno la funzione di fornire alla carica la quantità di calore necessaria per fonderlo e surriscaldarlo (cioè portarlo ad una temperatura

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

( I ) - DESCRIZIONE del PROCESSO di ESSICCAZIONE di Inerti Calcarei fini per successiva micronizzazione

( I ) - DESCRIZIONE del PROCESSO di ESSICCAZIONE di Inerti Calcarei fini per successiva micronizzazione RELAZIONE TECNICA Breve descrizione del tipo di attività e produzione. ( I ) - DESCRIZIONE del PROCESSO di ESSICCAZIONE di Inerti Calcarei fini per successiva micronizzazione Impianto di tipo equicorrente

Dettagli

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Corso di Impianti Meccanici Laurea Triennale Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Dott. Ing. Michele Gambuti

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Il gas fuoriuscente da un motore Diesel viene convogliato nel primo stadio del convertitore catalitico, dove si ha l ossidazione del monossido

Dettagli

PROCEDURA DI VERIFICA (Screening)

PROCEDURA DI VERIFICA (Screening) REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI TERAMO COMUNE DI PENNA SANT ANDREA COMMITTENTE: CONGLOMERATI BITUMINOSI VOMANO di Di Sabatino Oscar & C Srl PROGETTAZIONE: C.I.A. LAB S.r.l. Via Mutilati del lavoro, 29 Zona

Dettagli

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione di Renato Rota - Politecnico di Milano Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria chimica G. Natta Tra le numerose postazioni presenti negli

Dettagli

SMA srl RELAZIONE TECNICA. Dichiarazione di Inizio Attività Produttiva. Unità produttiva: Strada Vicinale della Castella 25100 Brescia (BS)

SMA srl RELAZIONE TECNICA. Dichiarazione di Inizio Attività Produttiva. Unità produttiva: Strada Vicinale della Castella 25100 Brescia (BS) SMA srl SERVIZI MINERARI AMBIENTALI Provincia di Brescia Comune di Brescia RELAZIONE TECNICA Dichiarazione di Inizio Attività Produttiva La Ditta: GABURRI S.p.A. Via Buffalora n. 54 25129 Brescia Unità

Dettagli

COMUNE DI PORTOFERRAIO PROVINCIA DI LIVORNO. SALES S.p.A.

COMUNE DI PORTOFERRAIO PROVINCIA DI LIVORNO. SALES S.p.A. COMUNE DI PORTOFERRAIO PROVINCIA DI LIVORNO SALES S.p.A. RELAZIONE TECNICA SU EMISSIONI LOCALIZZATE E DIFFUSE NONCHE MODALITA E CRITERI DI BAGNATURA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI CUMULI, PIAZZALI E STRADE

Dettagli

Esercizi non risolti

Esercizi non risolti Esercizi non risolti 69 Turbina idraulica (Pelton) Effettuare il dimensionamento di massima di una turbina idraulica con caduta netta di 764 m, portata di 2.9 m 3 /s e frequenza di rete 60 Hz. Turbina

Dettagli

Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente

Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Attività PROBIO della Regione Lombardia - Annualità 2000 Stato di avanzamento del progetto: Energia dall agricoltura Pellet Allegato 5 Individuazione delle modifiche da introdurre nella attuale offerta

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con

Dettagli

IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI

IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI Eliminazione efficiente di sostanze inquinanti e recupero energetico Un azienda di Bayer e LANXESS Soluzioni estremamente pulite Fornitore competente di servizi,

Dettagli

PiroVas ThermoVas. Caldaie a legna a combustione tradizionale e pirolitica

PiroVas ThermoVas. Caldaie a legna a combustione tradizionale e pirolitica PiroVas ThermoVas a combustione tradizionale e pirolitica 2 PiroVas - ThermoVas a combustione tradizionale e pirolitica PiroVas - ThermoVas Bongioanni Caldaie da sempre sensibile ai problemi energetici

Dettagli

ALL INTERNO DEL MOTORE, QUANDO UN PISTONE VIENE SPINTO VERSO IL BASSO PER COMPRESSIONE, VIENE IMPRESSO IL MOVIMENTO ALTERNATO ALL ALBERO MOTORE CHE VIENE QUINDI MESSO IN ROTAZIONE. PER EVITARE CHE L ALBERO

Dettagli

appunti di ESSICCAMENTO vers_1 by Prof.A.Tonini

appunti di ESSICCAMENTO vers_1 by Prof.A.Tonini appunti di ESSICCAMENTO vers_1 by Prof.A.Tonini 1) GENERALITA : L essiccamento è una operazione unitaria in cui un liquido viene allontanato da un solido per evaporazione verso un mezzo gassoso opportuno

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA DGRV 26 settembre 2006, n 2966 n. 13010308 PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI SANDRIGO

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA DGRV 26 settembre 2006, n 2966 n. 13010308 PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI SANDRIGO RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA n. 13010308 PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI SANDRIGO Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) Settore Partnership Rif. interno

Dettagli

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova Caldaie a legna ad alta efficienza Solo Innova Caldaie a legna L ampia proposta di prodotto Baxi, accoglie un articolata scelta di caldaie a legna per il comfort ed il riscaldamento domestico. Baxi infatti

Dettagli

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica Comune di SELARGIUS Provincia di CAGLIARI Relazione geotecnica OGGETTO: OPERE DI INFRASTRUTTURAZIONE RURALE. LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE RURALI BIA E MESU E SESTU SETTIMO COMMITTENTE: Comune

Dettagli

Riscaldamento efficiente di manti in conglomerato bituminoso Riscaldatrice HM 4500

Riscaldamento efficiente di manti in conglomerato bituminoso Riscaldatrice HM 4500 Riscaldamento efficiente di manti in conglomerato bituminoso Riscaldatrice HM 4500 L HM 4500 riscalda i manti in conglomerato bituminoso ammalorati Perfetto lavoro di squadra con il Remixer 4500 Per il

Dettagli

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI B R E V E T TAT O Calcestruzzo drenante e fonoassorbente a elevate prestazioni, ideale per la realizzazione di pavimentazioni DrainBeton

Dettagli

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo.

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. Alla Provincia della Spezia Il/la sottoscritto/a... legale rappresentante/titolare della (riportare l esatta

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Integrazione fra la produzione della biomassa ed il suo riutilizzo a fini energetici Massarosa, 8 novembre 2013 Ing. Simone Bonari P&I srl 09/11/2013 Comune

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA PREMESSA La presente relazione riguarda il dimensionamento della sovrastruttura che andrà a costituire la pavimentazione del piazzale da adibire a deposito dei mezzi ARST. S.p.A da realizzare nella zona

Dettagli

Per uso civile, industriale, agricolo per teleriscaldamento

Per uso civile, industriale, agricolo per teleriscaldamento CALDAIE CON BRUCIATORE A GASSIFICAZIONE Per uso civile, industriale, agricolo per teleriscaldamento Principio di funzionamento Le caldaie a gassificazione; sono particolarmente adatte per impianti di media

Dettagli

Reazioni di combustione

Reazioni di combustione Forni Vengono utilizzati nei casi sia necessario riscaldare il fluido ad una temperatura molto alta non raggiungibile con gli scambiatori di calore convenzionali. Reazioni di combustione La reazione di

Dettagli

Generatori di vapore

Generatori di vapore Generatori di vapore Con il termine generatore di vapore si intende quel complesso di apparecchiature di scambio termico opportunamente interconesse e completato da macchinari ausiliari e sistemi di regolazione

Dettagli

AIR FILTRATION AIR FILTRATION

AIR FILTRATION AIR FILTRATION AIR FILTRATION AIR FILTRATION IMPIANTI DI CONGLOMERATO BITUMINOSO Filtro per fumi e polvere da macchine per il taglio termico RECOFIL EASYFILL Filtro per fumi e polvere da macchine per il taglio termico

Dettagli

TEL 06 47055800 - FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI BREVETTO PER MODELLO DI UTILITA MU-RI

TEL 06 47055800 - FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI BREVETTO PER MODELLO DI UTILITA MU-RI MINISTERO DELL0 SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE LOTTA CONTRAFFAZIONE - UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI 00187 ROMA- VIA MOLISE N 19 SALA DEL PUBBLICO/PATLIB 00187 ROMA -VIA S. BASILIO N 14 Indirizzo

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE 2009 STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE Arch. Riccardo Giacobazzi CISA Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale 15/09/2009 INDICE Introduzione... pag. 3 Analisi energetica della struttura.....pag.

Dettagli

Multi Heat - Solo Innova

Multi Heat - Solo Innova Multi Heat - Solo Innova Caldaie per biocombustibili ad alta efficienza Indice Caldaie a biocombustibile 3 Multi Heat 4 Solo Innova 6 Dati tecnici 8 Consumi-Aspetti Economici 10 2 Multi Heat - Solo Innova

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

GAS NATURALE O METANO

GAS NATURALE O METANO Composto prevalentemente da un idrocarburo: metano da da cui prende il nome. GAS NATURALE O METANO Alto potere calorifico. Mancanza di tossicità e impurità. È un'ottima risorsa energetica. È l'energia

Dettagli

Integrazioni e modifiche alle attuali tipologie di combustibili utilizzati

Integrazioni e modifiche alle attuali tipologie di combustibili utilizzati Industria Cementi Giovanni Rossi Spa Stabilimento di Piacenza Via Caorsana, 14 Piacenza Integrazioni e modifiche alle attuali tipologie di combustibili utilizzati Fase progettuale Valutazione di Impatto

Dettagli

TERMODISTRUTTORI PER EFFLUENTI DERIVATI DALLA LAVORAZIONE DEI SOTTOPRODOTTI E DEGLI SCARTI DI MACELLAZIONE

TERMODISTRUTTORI PER EFFLUENTI DERIVATI DALLA LAVORAZIONE DEI SOTTOPRODOTTI E DEGLI SCARTI DI MACELLAZIONE TERMODISTRUTTORI PER EFFLUENTI DERIVATI DALLA LAVORAZIONE DEI SOTTOPRODOTTI E DEGLI SCARTI DI MACELLAZIONE - SERIE BSD CON CALDAIA A RECUPERO PER OLIO DIATERMICO O PER PRODUZIONE VAPORE La tecnologia del

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI TELERISCALDAMENTO Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO UFFICIO DI STATO BREVETTI E MARCHI

REPUBBLICA DI SAN MARINO UFFICIO DI STATO BREVETTI E MARCHI REPUBBLICA DI SAN MARINO UFFICIO DI STATO BREVETTI E MARCHI DOMANDA DI BREVETTO DI INVENZIONE DOMANDA GIA DEPOSITATA PER FAX IL../ /. DOMANDA DIVISIONALE RIFERIMENTO ALLA PRATICA DI ORIGINE * NUMERO DELLA

Dettagli

Per saperne di piu sul condizionatore

Per saperne di piu sul condizionatore Per saperne di piu sul condizionatore LE BASI FISICHE IL CONDIZIONATORE FUNZIONAMENTO FILTRI DISIDRATATORI NORME D USO INTRODUZIONE LE BASI FISICHE APPLICATE AL CONDIZIONATORE LE LEGGI FISICHE E LA TERMINOLOGIA

Dettagli

EDIZIONE 1 / Volume 3

EDIZIONE 1 / Volume 3 EDIZIONE 1 / Volume 3 Raccomandazioni per l impiego di elementi grigliati per pavimentazioni erbose e per il consolidamento dei terreni e criteri per la valutazione della qualita di tali prodotti ASSOBETON

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

3. TIPOLOGIE DI FORNI DI INCENERIMENTO. 3.1.1 Classificazione generale

3. TIPOLOGIE DI FORNI DI INCENERIMENTO. 3.1.1 Classificazione generale 3. TIPOLOGIE DI FORNI DI INCENERIMENTO 3.1.1 Classificazione generale Sono disponibili varie tipologie di forni di incenerimento, a seconda delle caratteristiche del rifiuto. Le principali, che godono

Dettagli

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Francesco Pepe Dipartimento di Ingegneria Università del Sannio, Benevento LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI La gestione

Dettagli

Prima di analizzare i sistemi di compressione

Prima di analizzare i sistemi di compressione AO automazioneoggi appunti Un aria produttiva appunti L aria compressa è utilizzata in svariate applicazioni ma deve avere caratteristiche operative differenti a seconda della tipologia di impiego: ecco

Dettagli

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 GUIDA GESTIONE DELL ENERGIA SOMMARIO ILLUMINAZIONE...

Dettagli

Generatore di aria calda

Generatore di aria calda Generatore di aria calda A legna - A pellet LPA Combinato Automatico legna/pellet Movimentabile con un normale transpallet Funzionamento legna-pellet automatico Con bruciatore a pellet brevettato Camera

Dettagli

PROGETTO PER L APPLICAZIONE AD UN FORNO PER PIZZERIA

PROGETTO PER L APPLICAZIONE AD UN FORNO PER PIZZERIA Depurazione - Refrigerazione - Riscaldamento Via DOSSO FAITI, 50 59100 PRATO Tel. 0574 815410 - Fax. 0574 816823 E-mail: info@mastertechnology.it Sito web: www.mastertechnology.it PROPRIETARIA DEL BREVETTO

Dettagli

TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI

TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI Principi generali combustione potere calorifico bilanci di massa: stechiometria, volume fumi, eccessi d aria Recupero energetico bilanci termici, rendimenti

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI CENTRALE TERMICA/ FRIGORIFERA COLLEGAMENTI TUBI/CANALI ELEMENTI TERMINALI La Centrale Termicasolitamente trova spazio in luoghi chiusi di edifici civili ed industriali. La progettazione deve scrupolosamente

Dettagli

LA CENTRALE TORINO NORD

LA CENTRALE TORINO NORD LA CENTRALE TORINO NORD Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per teleriscaldamento

Dettagli

Impianti di sollevamento

Impianti di sollevamento Idraulica Agraria. a.a. 2008-2009 Impianti di sollevamento Idraulica Agraria-prof. A. Capra 1 Impianto di sollevamento Nel campo gravitazionale, per effetto del dislivello piezometrico esistente tra due

Dettagli

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Studio del caso nella provincia di Forlì Luca Golfera, Marco Pellegrini, Augusto Bianchini, Cesare Saccani DIEM, Facoltà di

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

Progetto ECODENS Ecostabilizzazione delle sanse mediante densificazione

Progetto ECODENS Ecostabilizzazione delle sanse mediante densificazione Progetto ECODENS Ecostabilizzazione delle sanse mediante densificazione Misura 124 - Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e forestale

Dettagli

Inceneritori. Tale rifiuto può seguire solo le seguenti strade:

Inceneritori. Tale rifiuto può seguire solo le seguenti strade: Inceneritori L inceneritore è un sistema per lo smaltimento dei rifiuti solidi, ad oggi è già presente in alcune aree urbane un esempio è l inceneritore di Vienna il cui design è stato elaborato dall architetto

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS Il pannello di vetro cellulare POLYDROS si ottiene partendo dalla polvere di vetro, la quale, mediante un processo termico-chimico, si trasforma in

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO DEPURAZIONE EMISSIONI GASSOSE INDUSTRIALI

RISPARMIO ENERGETICO DEPURAZIONE EMISSIONI GASSOSE INDUSTRIALI RISPARMIO ENERGETICO DEPURAZIONE EMISSIONI GASSOSE INDUSTRIALI Agente esclusivo di vendita: U & ME ONE BRANCH OF U.M.E. S.r.l. Direzione ed uffici: Via Piero della Francesca, 2 59100 Prato (PO) Italia

Dettagli

3. Igiene del lavoro 6. Impianti di ventilazione e aspirazione localizzata

3. Igiene del lavoro 6. Impianti di ventilazione e aspirazione localizzata Depuratore dell aria (Filtro) Dispositivo destinato a trattenere gli inquinanti trasportati dal fluido. Ha lo scopo di abbattere i materiali trasportati dall aria aspirata sotto forma sia di particolato

Dettagli

RECUPERATORE DI CALORE AD ALTISSIMA EFFICIENZA ENERGETICA

RECUPERATORE DI CALORE AD ALTISSIMA EFFICIENZA ENERGETICA RECUPERATORE DI CALORE AD ALTISSIMA EFFICIENZA ENERGETICA BEAM POWER ENERGY SRL SVILUPPA UNA PARTICOLARE ATTIVITÀ DI SERVIZIO DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO PER LE INDUSTRIE O GRANDI STRUTTURE INCENTRATA

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

Progetto degli impianti di aspirazione

Progetto degli impianti di aspirazione Progetto degli impianti di aspirazione Componenti una o + cappe di aspirazione uno o + condotti di collegamento al depuratore un elettroventilatore un condotto per lo scarico dell aria in atmosfera CAPPA

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500

Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500 Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500 Dati tecnici Riscaldamento Larghezza max. di riscaldamento Potenza calorifica max. Radiatori Lunghezza del gruppo radiante anteriore Lunghezza del gruppo radiante posteriore

Dettagli

RIGENERATORE DI SOLVENTI E ACQUA SERIE AV

RIGENERATORE DI SOLVENTI E ACQUA SERIE AV RIGENERATORE DI SOLVENTI E ACQUA SERIE AV Concettualmente (Fig. 1) il distillatore si compone di una camera (bollitore) in cui è immesso il solvente che, per essere distillato, deve essere riscaldato fino

Dettagli

Zero scorie, cento vantaggi

Zero scorie, cento vantaggi è un azienda situata nella zona industriale di Padova in grado di recuperare le scorie di acciaieria ed ottenere un inerte artificiale per l utilizzo negli aggregati in genere. L azienda nasce quindi dalla

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

Sistemi ad adsorbimento

Sistemi ad adsorbimento Sistemi ad adsorbimento Il ciclo in oggetto impiega un solido capace di adsorbire su uno strato superficiale il fluido frigorigeno. Sostanze che presentano tali caratteristiche sono ad esempio zeolite

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

TEL 0647055800 - FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI DISEGNO O MODELLO (DIS-RI)

TEL 0647055800 - FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI DISEGNO O MODELLO (DIS-RI) MINISTERO DELL0 SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE LOTTA CONTRAFFAZIONE- UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI 00187 ROMA- VIA MOLISE N 19 SALA DEL PUBBLICO/PATLIB 00187 ROMA -VIA S. BASILIO N 14 Indirizzo

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

un caldo consiglio ELCOCUENOD piccoli bruciatori ad olio e gas ELCOGAS ELCOPLUS piccoli bruciatori

un caldo consiglio ELCOCUENOD piccoli bruciatori ad olio e gas ELCOGAS ELCOPLUS piccoli bruciatori un caldo consiglio ELCOCUENOD piccoli bruciatori ad olio e gas ELCOGAS ELCOPLUS piccoli bruciatori Piccolo bruciatore ad olio della serie E 01B pronto per il futuro Diagnosi semplicissima con SatroPen

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA TECNOLOGIA AUTORECUPERATIVA SU DI UN FORNO CONTINUO PER LA RICOTTURA IN BIANCO DI TUBI SALDATI

APPLICAZIONE DELLA TECNOLOGIA AUTORECUPERATIVA SU DI UN FORNO CONTINUO PER LA RICOTTURA IN BIANCO DI TUBI SALDATI APPLICAZIONE DELLA TECNOLOGIA AUTORECUPERATIVA SU DI UN FORNO CONTINUO PER LA RICOTTURA IN BIANCO DI TUBI SALDATI Attilio Mattarini Livio Minoggio Sommario Recupero di calore in un forno Storicamente,

Dettagli

Petroltecnica S.p.A.

Petroltecnica S.p.A. Petroltecnica S.p.A. Dr. Alessandro Nicolini Recupero Bitumi stradali ed industriali Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica (AIDIC) Università La Sapienza Roma, 21 ottobre 2011 Normativa di riferimento

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - PADOVA UFFICIO BREVETTI TELEFONO: 0498208236 / 143 / 235 e-mail : brevetti@pd.camcom.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - PADOVA UFFICIO BREVETTI TELEFONO: 0498208236 / 143 / 235 e-mail : brevetti@pd.camcom. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - PADOVA UFFICIO BREVETTI TELEFONO: 0498208236 / 143 / 235 e-mail : brevetti@pd.camcom.it ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI REGISTRAZIONE

Dettagli

Piccoli impianti Di produzione energia da biomasse C-reaktor con ORC

Piccoli impianti Di produzione energia da biomasse C-reaktor con ORC Piccoli impianti Di produzione energia da biomasse C-reaktor con ORC marketing@renex.it www.renex.it La nostra tecnologia di recupero energetico da biomassa è rappresentato dai sistemi C-Reaktor, C ossia

Dettagli

Cogenerazione: tecnologie a confronto

Cogenerazione: tecnologie a confronto CESI RICERCA Cogenerazione: tecnologie a confronto MILANO 8 ottobre 2008 Fabio Armanasco fabio.armanasco@cesiricerca.it 1. Definizione di CHP 2. Motori primi convenzionali Turbine a vapore Turbine a gas

Dettagli

Cenni sulla filtrazione dell aria

Cenni sulla filtrazione dell aria Cenni sulla filtrazione dell aria La filtrazione tessile è un processo di abbattimento del particolato solido che si realizza facendo passare il flusso d aria contaminato attraverso dei filtri costituiti

Dettagli