INDICE. 1. Scenario nazionale 2 2. Scenario regionale Scenario comunale Distretti del Commercio 40

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. 1. Scenario nazionale 2 2. Scenario regionale 16. 3. Scenario comunale 30 4. Distretti del Commercio 40"

Transcript

1 Report attività 2011

2

3 Noi abbiamo sempre sostenuto che ogni insegna che si spegne è un pezzo di città che muore. Oggi vorremmo rovesciare questa frase: ogni luce, ogni insegna che si accende è un pezzo di città che vive. E tutte le nostre città con le imprese in prima linea vogliono spegnere la crisi e riaccendersi. Tutti insieme ce la faremo. Carlo Sangalli

4

5 INDICE 1. Scenario nazionale 2 2. Scenario regionale Scenario comunale Distretti del Commercio Azioni del sistema Unione Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza Associazioni di categoria Associazioni territoriali Milano: eventi Milano: Feste di Via Milano: sviluppo territoriale Sviluppo associativo Attività collegate &Più Capac Centrimpresa Ente Mutuo Fidicomet Gruppo Giovani Imprenditori - Provincia di Milano Gruppo Terziario Donna Promo.Ter Unione Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni Sistema camerale Camera di Commercio di Milano Camera di Commercio di Monza e Brianza Camera di Commercio di Lodi Expo

6

7 Scenario Nazionale

8 1. SCENARIO NAZIONALE 2 GOVERNO ITALIANO Mercoledì 16 novembre è stato costituito il nuovo Governo. Il premier incaricato Professor Sen. Mario Monti ha proposto la lista dei Ministri che sono stati nominati dal Presidente della Repubblica. Compongono la nuova squadra di Governo 18 Ministri tecnici (di cui 6 senza portafoglio): Mario Monti (interim Economia) Anna Maria Cancellieri (Interni) Paola Severino (Giustizia) Giulio Maria Terzi di Sant Agata (Esteri) Giampaolo Di Paola (Difesa) Corrado Passera (Sviluppo Economico) Mario Catania (Agricoltura) Corrado Clini (Ambiente) Elsa Fornero (Lavoro e Pari Opportunità) Renato Balduzzi (Salute) Francesco Profumo (Istruzione) Lorenzo Ornaghi (Cultura). I 6 ministri senza portafoglio sono: Enzo Moavero (Affari europei) Piero Gnudi (Turismo e Sport) Fabrizio Barca (Coesione territoriale) Piero Giarda (Rapporti con il Parlamento) Andrea Riccardi (Cooperazione internazionale) Filippo Patroni Griffi (Funzione Pubblica e Semplificazione). Mario Monti ha nominato Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Antonio Catricalà. Il Governo ha ricevuto la fiducia del Senato il 17 novembre e della Camera il giorno successivo. NOMINE A LIVELLO CONFEDERALE A febbraio 2011 si è proceduto con le nuove nomine a livello confederale. Su incarico del presidente Carlo Sangalli, Luigi Taranto ha assunto il ruolo di Segretario Generale di Confcommercio e Francesco Rivolta è stato nominato Direttore Generale. Per quel che riguarda i rappresentanti di Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza si ricorda che: SCENARIO NAZIONALE

9 Dino Abbascià è stato confermato per acclamazione alla presidenza di Fida (Federazione italiana dettaglianti alimentazione) per il prossimo quadriennio; Luca Squeri, presidente Commissione Sicurezza e Legalità di Confcommercio, è stato nominato dal Cnel - Consiglio nazionale economia lavoro - componente effettivo del Comitato di solidarietà per le vittime delle estorsioni e dell'usura presso il Ministero dell'interno. CONFCOMMERCIO CARD: TESSERA ASSOCIATIVA E CARTA DI CREDITO Il 2011, per gli associati di Unione Confcommercio Milano, si è aperto con una novità: la possibilità di richiedere alla propria Associazione di riferimento Confcommercio Card. Progettata con Abcapital e realizzata da Deutsche Bank, Confcommercio Card unisce ai servizi previsti dalla tessera associativa Confcommercio la comodità di una carta di credito emessa a condizioni vantaggiose: come il canone (20 euro l'anno, gratuito con più di euro di spesa), il risparmio di valuta nell'addebito dei pagamenti, zero commissioni per il rifornimento carburante. Confcommercio Card è addebitabile su qualsiasi banca (non c'è obbligo di aprire un apposito conto corrente) e attraverso di essa si può accedere anche alle convenzioni locali stipulate dalle Ascom su tutto il territorio nazionale. TASK FORCE PER LA SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI Si è svolto il 1 febbraio a Roma un incontro tra i vertici dell Agenzia per le Entrate e i rappresentanti di Rete Imprese Italia (Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti) per fare il punto sulle norme introdotte dal decreto legge n. 78/2010 (tracciabilità delle spese sopra i 3000 euro, accelerazione della riscossione, compensazioni tra crediti e ruoli, nuovo redditometro). L Amministrazione finanziaria ha assunto l impegno di testare, non appena sarà pronto, il nuovo redditometro con la collaborazione delle Organizzazioni. In pieno spirito di cooperazione, è stato poi istituito un tavolo per snellire gli adempimenti contabili a carico delle imprese. Si tratta di un gruppo di lavoro ristretto che ha l obiettivo di portare, in tempi rapidi, alla formulazione di proposte per lo sfoltimento delle procedure tributarie. L Agenzia delle Entrate ha, infine, accolto la richiesta, sollevata dalle Associazioni di categoria, di studiare i margini di una riduzione della ritenuta del 10% sui bonifici effettuati tramite le banche o le Poste per il pagamento degli interventi di ristrutturazione edilizia e per il risparmio energetico, a valle delle analisi delle dichiarazioni dei redditi relative al periodo di imposta SCENARIO NAZIONALE

10 RETE IMPRESE ITALIA FIRMA INTESA SU CONCILIAZIONE LAVORO FAMIGLIA Il 7 marzo Rete Imprese Italia ha firmato con il Ministero del Lavoro e le altre parti sociali un intesa a sostegno delle politiche di conciliazione fra famiglia e lavoro. L intesa è finalizzata ad agevolare la migliore conciliazione tra i tempi da dedicare al lavoro e quelli da riservare alla cura della famiglia. L importanza dell iniziativa deriva dal fatto che è ormai indispensabile costruire un sistema di welfare che permetta alle donne di esprimere nel lavoro e nell impresa le proprie potenzialità, sostenendole nell impegno personale di cura della famiglia. L obiettivo è perseguibile attraverso la modulazione della flessibilità dell'orario di lavoro e un'azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali. In particolare, mediante l'introduzione di regimi di orario di lavoro modulati su base semestrale o annuale a fronte di impegni contrattuali per la conciliazione. 4 IL NUOVO LIBRO BIANCO SUI TRASPORTI Lo scorso marzo la Commissione Europea ha varato il nuovo Libro Bianco sui trasporti, che, in coerenza con le priorità della strategia Europa 2020, disegna il sistema europeo della mobilità del prossimo futuro. Il documento rivendica il ruolo cruciale svolto dai trasporti per la competitività delle imprese, la crescita economica e la qualità della vita complessiva dell Europa. In base alle proposte contenute nel documento l obiettivo di coniugare la crescita della mobilità con la riduzione delle emissioni inquinanti dovrebbe essere raggiunto, per la mobilità urbana, con il dimezzamento entro il 2030 e la totale eliminazione entro il 2050 dell uso di veicoli convenzionali e, per la mobilità tra città, con il trasferimento del 50% del traffico dalla gomma alla ferrovia e alle vie d acqua. Per quanto riguarda l autotrasporto, linee prioritarie di intervento sono l armonizzazione, il rafforzamento del sistema dei controlli e delle sanzioni, la realizzazione del registro europeo delle imprese di autotrasporto. La Commissione europea vuole, inoltre, procedere verso la liberalizzazione del cabotaggio, mentre, quanto al peso e alle dimensioni dei veicoli, si verificherà se, come sostenuto da alcuni produttori, l adozione di mezzi più lunghi e pesanti può accrescere l efficienza del trasporto senza pregiudicare la sicurezza stradale e lo stato delle infrastrutture. Infine, in materia di mobilità, la Commissione punta sia a rilanciare i Piani Urbani della Mobilità, quali strumenti integrati di pianificazione del sistema dei SCENARIO NAZIONALE

11 trasporti e del territorio, che a diffondere il Mobility management e la promozione dell innovazione nella logistica urbana. FORUM DI CERNOBBIO Si è svolto venerdì 18 e sabato 19 marzo 2011 a Cernobbio il tradizionale appuntamento con il Forum organizzato da Confcommercio (in collaborazione con Ambrosetti), quest anno dedicato a: I protagonisti del mercato e gli scenari per gli anni Nella dodicesima edizione si è parlato di politiche per il lavoro e relazioni sindacali, federalismo fiscale, scenario internazionale e ritorno alla crescita, commercio, turismo e servizi nel quadro di Europa 2020, 150 anni dell Unità d Italia e agenda delle riforme per il Paese. Molti gli ospiti illustri intervenuti, tra cui i Ministri Roberto Maroni, Maurizio Sacconi, Renato Brunetta, Paolo Romani e Giulio Tremonti, che ha chiuso i lavori. I punti programmatici indicati al Governo, considerati prioritari da Confcommercio, includono: concorrenza a parità di regole sostegno all innovazione del sistema dei servizi valorizzazione del nesso vitale tra città e commercio valorizzazione della risorsa straordinaria del turismo un Piano ed un Patto nazionale per la mobilità urbana un progetto strategico per la promozione congiunta dell efficienza energetica delle fonti rinnovabili e della cogenerazione la costruzione delle reti per la crescita delle piccole e medie imprese. In base alla stima elaborata dall'ufficio Studi di Confcommercio, presentata al Forum di Cernobbio, i consumi reali degli italiani sono fermi e alla fine del 2014 non saranno tornati ancora ai livelli pre-crisi. La preoccupazione aumenta se si pensa che ogni italiano dispone oggi, a parità di potere d'acquisto, mediamente di 570 euro all'anno in meno rispetto al primo trimestre del FIRMA CCNL TERZIARIO Il 6 aprile, Confcommercio, insieme a Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, ha definitivamente sottoscritto l accordo per il rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro del Terziario di mercato, distribuzione e servizi. Il contratto non è stato firmato da Filcams Cgil. Rappresenta certamente un risultato importante, che interessa oltre due milioni di lavoratori. Le principali disposizioni riguardano: il recupero della produttività la lotta all assenteismo per malattia la contrattazione di 2 livello il regolamento per la certificazione dei rapporti di lavoro SCENARIO NAZIONALE

12 La firma dell accordo conferma la volontà delle parti di sostenere la ripresa delle aziende del terziario, ma anche una forte spinta innovativa al sostegno della produttività, del secondo livello di contrattazione e del sistema di bilateralità e di welfare contrattuale. 6 SISTEMA DI TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI SISTRI Il "Roadshow" Sistri organizzato da Confcommercio con il patrocinio del Ministero dell'ambiente ha fatto tappa a Milano il 16 maggio L obiettivo dell incontro è stato quello di promuovere un confronto diretto tra tecnici e operatori sul nuovo Sistema informatico di controllo di tracciabilità dei rifiuti (Sistri), che sarebbe dovuto diventare operativo a partire dal 1 giugno In realtà, il nuovo sistema per la tracciabilità dei rifiuti (Sistri) è stato segnato, sin dall inizio, da profonde disfunzionalità di ordine operativo e tecnologico che hanno determinato reiterate proroghe e continui adeguamenti normativi e strutturali. Questo complesso cambiamento sulla gestione degli adempimenti ambientali ha messo a dura prova le imprese costringendole ad affrontare costi per l acquisizione e l installazione dei dispositivi elettronici, per l iscrizione al sistema e per la formazione del personale; contributi erogati a fronte di un servizio che non è mai entrato in piena operatività e che, allo stato attuale, mostra ancora profonde criticità. Le spese stimate sopportate dal mondo imprenditoriale per l avvio di Sistri, unicamente riferite ai contributi versati, ammontano (fonti Min. Ambiente) a oltre 70 milioni di Euro. Per questo Confcommercio, a fine ottobre, ha rilevato la necessità di avviare una forte iniziativa a valenza sindacale a tutela e a sostegno delle aziende, avviando e promuovendo sul territorio un'azione collettiva finalizzata alla richiesta di rimborso dei contributi versati e dei costi sostenuti per l'avvio del sistema. In altre parole, di un'azione risarcitoria esperita nei confronti del Ministero dell'ambiente. Il 21 novembre, presso la sede confederale, si è tenuto un incontro di approfondimento con i legali incaricati di avviare l azione legale. ACCORDO CONFCOMMERCIO SEAT SULL IMPRESA DIGITALE Negli ultimi anni l uso di internet è massicciamente entrato anche nelle piccole aziende. Per le pmi e le imprese dei servizi, in particolare, l innovazione tecnologica è diventata infatti un eccellente propellente per conseguire maggiore produttività. Per questo motivo Confcommercio ha sottoscritto lo scorso aprile un accordo con Seat per: interventi formativi sull utilizzo del web per il business SCENARIO NAZIONALE

13 erogazione di servizi convenzionati per clienti e associati creazione di prodotti e servizi specifici L obiettivo che la nostra Organizzazione intende raggiungere, in questo modo, è rafforzare la competitività delle nostre imprese valorizzandone le capacità innovative e creative. Partendo dal fatto che in Italia quasi due imprese su tre non hanno un proprio sito internet, con questo accordo Confcommercio si propone di favorire e accelerare la transizione al digitale. PREMIO NAZIONALE PER L'INNOVAZIONE NEI SERVIZI Anche quest'anno Confcommercio ha organizzato il "Premio nazionale per l'innovazione nei servizi", riconosciuto con decreto del ministro per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione, e dedicato alle migliori idee e applicazioni innovative nel commercio, nel turismo e nell'ict & service design nei servizi. Martedì 14 giugno si è svolta a Roma la cerimonia per il riconoscimento delle menzioni di merito alle imprese che si sono distinte per proposte particolarmente innovative. E nel pomeriggio, nel corso della cerimonia prevista al Quirinale, le imprese vincitrici della competizione organizzata da Confcommercio hanno ricevuto dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il "Premio dei premi". RIFORMA DELL APPRENDISTATO Lo scorso luglio Confcommercio ha deciso di non siglare l accordo sulla riforma dell apprendistato. Il Testo Unico ammette una disparità di trattamento tra l artigianato e tutti gli altri settori, giudicata incostituzionale dal nostro Sistema. Prevede infatti una distinzione di durata del contratto di apprendistato, a parità di figure professionali. Per questo non è stato sottoscritto l accordo. Finchè non verrà firmato il decreto attuativo, continueranno a rimanere in vigore (fino ad aprile 2012) le procedure attualmente vigenti. 7 AUMENTO DELL'IVA: "SCELTA ERRATA" L'incremento delle aliquote Iva, inserito nell'ultima versione della manovra economica del Governo, votata a fine estate, è stata giudicata da Confcommercio una scelta errata. Tenuto conto delle straordinarie difficoltà che sta affrontando il Paese, ciò di cui non c è bisogno sono proprio misure che indeboliscano una crescita del Paese già modestissima. Dell'aumento dell'iva ne risentiranno consumi, occupazione e crescita. E, alla fine, si rischia che l'italia paghi, tutta insieme, un conto davvero troppo pesante. Confcommercio ha ribadito che, al contrario, occorrerebbe agire SCENARIO NAZIONALE

14 con più determinazione sull'intero spettro della spesa pubblica: dai costi della politica alla spesa previdenziale. NUOVO SERVIZIO STREAMING È partito il 14 settembre, sul sito associativo di Confcommercio, il nuovo servizio streaming che andrà in onda tutti i mercoledì alle ore 9. Settimanalmente affronterà e approfondirà, con il contributo di esperti, un tema di attualità che investe gli interessi del sistema Confcommercio. Nel primo appuntamento di settembre il presidente Carlo Sangalli ha illustrato e raccontato la calda estate della manovra e gli aspetti specifici che riguardano l'universo confederale, come l'aumento dell'iva e gli orari dei negozi. Il tema di ogni appuntamento viene annunciato al Sistema qualche giorno prima, tramite mail e sms, con la possibilità per le Associazioni di inviare via mail domande all esperto. 8 CONFERENZA DI SISTEMA VILLASIMIUS Come consuetudine, si è svolta a fine settembre la Conferenza di Sistema a Villasimius. Un occasione per approfondire argomenti e temi di generale interesse, per promuovere iniziative di sviluppo della politica sindacale, con l obiettivo di rappresentare, tutelare e far crescere meglio le nostre imprese. Il Direttore Generale di Confcommercio Francesco Rivolta ha presentato il documento Rapporto sulle attese, uno strumento di lavoro in progress, quindi da integrare, aggiornare e predisporre annualmente, con l apporto di tutte le componenti del Sistema. Predisposto per portare a sintesi i bisogni e le aspettative delle imprese, delle categorie e della struttura territoriale, è uno strumento di lavoro che ha lo scopo di fornire agli Organi confederali ed all intero sistema indicazioni utili allo sviluppo della strategia e dell iniziativa politico-sindacale, avviare un confronto tra tutte le nostre articolazioni organizzative territoriali e di categoria. RINNOVO CONTRATTO NAZIONALE DIRIGENTI DEL TERZIARIO Il rinnovo, a ottobre, del Contratto nazionale dei dirigenti del Terziario ha rappresentato un risultato importante per la nostra Organizzazione. Con grande senso di responsabilità, sia Confcommercio che Manageritalia hanno posto al centro il riequilibrio del Fasdac che è il Fondo di assistenza sanitaria dei dirigenti. La strada scelta è partita dalla condivisione di mantenere appetibile, in termini di qualità delle prestazioni, l'adesione al fondo ripartendo però i costi in modo equo tra aziende/dirigenti attivi, pensionati e contributori volontari e rivedendo il nomenclatore. SCENARIO NAZIONALE

15 Un secondo aspetto affrontato con lungimiranza e determinazione riguarda la gestione del mercato del lavoro dei manager, dell'incontro tra domanda e offerta, della formazione necessaria per trovare un nuovo lavoro (progetto sperimentale affidato al CFMT - Centro di Formazione Management Terziario). Un altro punto importante è il ritorno del Fondo Antonio Pastore ad una gestione bilaterale. Confcommercio e Manageritalia collaboreranno insieme per rendere questo strumento ancora più performante nell'interesse degli aderenti e delle loro aziende. "ANZITUTTO L'ITALIA": A MILANO GLI STATI GENERALI DI CONFCOMMERCIO Martedì 25 ottobre si sono svolti gli Stati Generali di Confcommercio, con la presentazione di "Anzitutto l'italia", documento programmatico con l'obiettivo di fornire, attraverso analisi e proposte, il contributo delle pmi e dell'economia dei servizi per la crescita del Paese. Convocando a Milano (nella sede Confcommercio di corso Venezia) gli Stati Generali, Confcommercio ha voluto lanciare un forte richiamo "per riprendere il treno della crescita". Nel suo intervento il Presidente Sangalli ha sottolineato come il protrarsi della crisi in Italia e in Europa imponga un immediato cambio di passo, da realizzare sollecitando controllo e riduzione della spesa pubblica, riforma del sistema previdenziale e del fisco, cessioni di patrimonio pubblico, liberalizzazioni e semplificazioni, investimenti in infrastrutture e per l efficienza energetica. Servono politiche per la crescita. Non sono tollerabili rinvii e non bastano annunci. Perché il tempo della partita è già scaduto e siamo ai recuperi, ha affermato Carlo Sangalli -. E tempo di fare: con determinazione, con serietà, con rigore. Nel documento programmatico "Anzitutto l'italia" Confcommercio ha dunque ribadito la necessità di lavorare con serietà e rigore nell'affrontare e nel risolvere nodi strutturali di lungo corso. Nodi tutti sinteticamente riconducibili alla crescita lenta - divenuta lentissima - e alla competitività sempre più difficile. I lavori degli Stati Generali sono stati completati dagli interventi tematici in vari settori del terziario: dettaglio alimentare (con Dino Abbascià, presidente Fida); agenti e rappresentanti di commercio (con Adalberto Corsi, presidente Fnaarc); Ict e innovazione (con Giorgio Rapari, presidente Assintel); turismo e ricettività (con Giuseppe Roscioli, vicepresidente vicario di Federalberghi); pubblici esercizi (con la relazione di Lino Stoppani, presidente di Fipe); trasporti (con Paolo Uggè, presidente Fai-Conftrasporto). 9 SCENARIO NAZIONALE

16 L iniziativa ha registrato una grande partecipazione a conferma della validità della scelta di promuovere un confronto ampio partecipato sui contenuti del documento Anzitutto l Italia. 10 CONFCOMMERCIO E MINISTERO DELL'INTERNO INSIEME A TUTELA DI LEGALITÀ E SICUREZZA Confcommercio e Ministero dell'interno hanno siglato il 26 ottobre un Protocollo quadro per la Legalità e la Sicurezza. Un passo importante, perché il Protocollo è stato il punto di arrivo di un lungo cammino di collaborazione iniziato da alcuni anni. L obiettivo di questo protocollo quadro è garantire agli imprenditori del settore un contesto sicuro rispetto alla criminalità organizzata e alla criminalità diffusa. Alla firma erano presenti il ministro Roberto Maroni, il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli e il vicepresidente delegato di Confcommercio- Conftrasporto Paolo Uggè che ha firmato il primo protocollo attuativo relativo ai trasporti. Un altro impegno, importantissimo, contenuto sempre nel Protocollo, riguarda il supporto (nella denuncia e nell accesso agli aiuti) da assicurare agli imprenditori vittime di reati come l'estorsione e l'usura, reati che oggi restano in larga parte sommersi. Il prossimo passo sarà individuare prassi, meccanismi, indicatori in grado di contrastare efficacemente le infiltrazioni criminali nelle attività più esposte. A firmare il primo protocollo attuativo per il settore dei trasporti e della logistica è stata Conftrasporto. RETE IMPRESE ITALIA NELLA CABINA DI REGIA PER LA PROMOZIONE ALL'ESTERO E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Tra i più recenti successi di Rete Imprese Italia vi è il suo inserimento nella Cabina di Regia per la promozione e internazionalizzazione delle imprese. Viene così sanata una situazione (creatasi con il decreto legge 98 del 6 luglio 2011) del tutto arbitraria, che vedeva la partecipazione solo di Unioncamere, Confindustria ed Abi all interno della Cabina di Regia ed escludeva incomprensibilmente le rappresentanze delle categorie del commercio, del turismo, dei servizi e dell'artigianato. Si sta ora lavorando affinché venga presto costituita una struttura pubblica dotata della necessaria autonomia in grado di gestire le risorse pubbliche disponibili per la realizzazione di progetti di promozione all'estero, superando il disagio creato dalla recente soppressione dell'ice (Istituto Commercio Estero). SCENARIO NAZIONALE

17 PREMIO LIBERO GRASSI "Liberiamoci dal racket" è il tema scelto per la settima edizione del concorso dedicato a Libero Grassi, ideato da Solidaria e realizzato con la collaborazione di Confcommercio, dello Sportello Legalità della Camera di Commercio di Palermo e del Ministero dell'istruzione Università e Ricerca. Duplice l'obiettivo del tema scelto per il 2011: far riflettere gli studenti sulla necessità della lotta alle estorsioni, e realizzare una campagna di comunicazione sulla necessità di rifiutare le logiche mafiose che mortificano innanzitutto la libertà d'impresa. L'edizione 2011 del premio, nel ventennale della scomparsa di Libero Grassi, l'imprenditore ucciso dalla mafia nel 1991, ha premiato sette istituti scolastici: Santo Spirito (Bari), Catania, Vasto (Chieti), Sassuolo (Modena), Reggio Emilia, Campobello di Mazara (Trapani), Viterbo. Oltre 100 le scuole da tutta Italia che hanno partecipato al concorso, un record rispetto agli anni scorsi, a testimonianza anche dell attenzione crescente su questi temi da parte delle diverse articolazioni del sistema imprenditoriale. PREVIDENZA COMPLEMENTARE La nostra Organizzazione è da tempo attenta a forme di integrazione alla previdenza pubblica, sia attraverso il Fondo Mario Negri, che opera da oltre sessant anni per i dirigenti del Terziario, sia attraverso Fon.Te., il Fondo pensione complementare per i dipendenti delle imprese del Commercio, del Turismo e dei Servizi, costituito nel 1998 da Confcommercio, insieme a Filcams- CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL. Il 28 aprile 2011 Fon.Te. ha festeggiato i suoi primi dieci anni. In quell occasione sono stati presentati alcuni dati incoraggianti: anche in una fase economica particolarmente delicata come quella attuale, il Fondo ha registrato un andamento crescente in termini di adesioni, ponendosi oggi al secondo posto fra quelli di origine negoziale, con circa 22 mila imprese aderenti, fra le quali anche quelle di piccole e piccolissime dimensioni, e 182mila iscritti. Infatti, Fon.Te. è recentemente divenuto il Fondo di riferimento anche di aziende e lavoratori che precedentemente, in base ai propri contratti collettivi, aderivano ad altri Fondi pensione di categoria quali Previprof, Marco Polo ed Artifond. Tutto ciò a testimonianza della validità del Fondo pensione contrattuale, che vede il concorso del lavoratore e del datore di lavoro nel costruire una copertura previdenziale aggiuntiva senza scopi di lucro. Tuttavia, va preso atto che ci troviamo, nel nostro Paese, ancora di fronte ad un ritardo culturale che impedisce la comprensione del cambiamento epocale che sta attraversando il welfare italiano. E proprio per agevolare tale percorso di comprensione, 11 SCENARIO NAZIONALE

18 occorrerebbe assicurare una costante e lungimirante informazione per favorire una maggiore consapevolezza previdenziale tra i lavoratori. STATUTO DELLE IMPRESE L approvazione definitiva, da parte della Camera (3 novembre 2011), dello Statuto delle Imprese è un passaggio politicamente importante per la concreta attuazione, nel nostro Paese, di quel pensare anzitutto in piccolo, che, come è noto, costituisce il principio fondante dello Small Business Act, cioè della strategia europea per le Pmi. L importanza dello Statuto risiede nel fatto che lì troviamo risposte alle nostre aspettative per modificare l approccio dello Stato alle piccole e medie imprese e per liberarle da costi e vincoli che ne comprimono le potenzialità. Vanno, dunque, nella giusta direzione le previsioni dello Statuto volte a semplificare il rapporto delle pmi con le pubbliche amministrazioni, anche attraverso la valutazione d impatto d iniziative legislative e regolamentari e a favorirne l accesso ad incentivi ed appalti. Molto resta tuttavia ancora da fare: a partire da un più agevole accesso al credito e dall accelerazione dei tempi di pagamento delle pubbliche amministrazioni, questione espunta dal testo approvato. 12 PARTI SOCIALI SULLA CRISI Con un comunicato congiunto dell 11 novembre (prima dell affidamento dell incarico di formare un nuovo governo al Senatore a vita Mario Monti), Abi, Alleanza delle Cooperative, Ania, Confagricoltura, Confindustria, RETE Imprese Italia, Cisl, Ugl, Uil hanno voluto esprimere al Presidente della Repubblica la loro piena e totale fiducia nel suo operato, auspicando in tempi strettissimi la formazione di un nuovo Governo di emergenza nazionale con una guida autorevole e il più ampio consenso in Parlamento. Le parti sociali considerano questa scelta la condizione per garantire la crescita, la stabilità e soprattutto la salvezza del Paese. Tutte le forze politiche, nessuna esclusa, devono dare il proprio contributo. Chi si sottrarrà a questo impegno si assumerà la responsabilità di portare il Paese in una drammatica situazione di non ritorno si legge infine nel comunicato. FORUM GIOVANI IMPRENDITORI I Giovani Imprenditori di Confcommercio si sono riuniti a Venezia dal 18 al 19 novembre per i lavori del forum dal titolo Cercasi Futuro ostinatamente. Un'analisi comparativa tra i Paesi del Mediterraneo, un approfondimento sulla SCENARIO NAZIONALE

19 situazione economica e politica dell'italia e uno spaccato del panorama dei social network sono stati i principali argomenti al centro del dibattito. Il presidente Galimberti ha puntato l attenzione sull importanza di promuovere una vera politica per i giovani, che parta dal sistema formativo e che li accompagni nel mondo del lavoro. A proposito dell attuale situazione politica, il presidente dei Giovani Imprenditori ha affermato che servono interventi immediati e occorre partire velocemente con il cantiere delle riforme, mentre ha espresso un giudizio negativo sulla introduzione di tasse, di qualunque tipo esse siano. Bisogna condurre una vera lotta all evasione fiscale e bisogna spingere i consumi per avere crescita economica, riducendo i costi della spesa pubblica, in particolare quelli della politica ha affermato. 13 SCENARIO NAZIONALE

20

21 Scenario Regionale

22 2. SCENARIO REGIONALE FILTRI ANTI PARTICOLATO A PREZZI SCONTATI Confcommercio Lombardia ha sottoscritto il 15 novembre 2010 l'accordo con Pirelli Eco Technology S.p.A per la promozione e l'acquisto da parte degli Associati di Filtri Anti Particolato a prezzi convenzionati. L'accordo, presentato il 4 febbraio 2011 presso la sede di Confcommercio Lombardia, prevede che le Associazioni provinciali promuovano presso gli Associati, attraverso i diversi canali disponibili, (incontri, newsletter, informative e siti internet) le opportunità e vantaggi dell utilizzo dei Filtri Anti Particolato, evidenziando come questi consentano il rispetto delle normative regionali sulla restrizione alla circolazione dei veicoli inquinanti. L'offerta riservata ai soci delle Ascom provinciali prevede: uno sconto di almeno il 20% per l'acquisto del FAP (pari ad un prezzo finale di euro fino al 15 aprile 2011); uno sconto all'incirca del 25% sul costo della manodopera per l'installazione (pari a 600 euro per veicolo); un coupon rilasciato dall'ascom provinciale per usufruire dell'offerta a prezzi scontati. 16 CON MENO SALE NEL PANE C'È PIÙ GUSTO E GUADAGNI IN SALUTE Dopo il successo della sperimentazione realizzata lo scorso anno, Confcommercio Lombardia e Unione Regionale Panificatori Lombardia con Regione Lombardia (D.G. Sanità) hanno lanciato l iniziativa Con meno sale nel pane c'è più gusto e guadagni in salute sulla base del Protocollo di Intesa sottoscritto dalle parti il 31 dicembre Il progetto ha coinvolto circa 200 panificatori lombardi che si sono impegnati, su base volontaria, a produrre e vendere pane con ridotto contenuto di sale rispettando gusto, fragranza e qualità e senza differenza di prezzo. Le Associazioni aderenti al Protocollo si sono impegnate a promuovere presso i panificatori associati la produzione e la vendita di pane con un contenuto di sale pari al 1,8% fino al 31 dicembre 2011 e successivamente pari all'1,7% entro il 30 giugno L elenco dei panificatori aderenti è stato pubblicato sul sito di Confcommercio Lombardia a partire dal 22 febbraio Dallo scorso 14 settembre il Protocollo è stata allargato a anche CNA e Confartigianato. SCENARIO REGIONALE

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE

CARTA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE PROVINCIA DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Patto per Ferrara Un progetto di cittadinanza sociale delle imprese

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE Guida ragionata delle disposizioni normative Commissione Attività

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 di rinnovo del CCNL delle Attività Ferroviarie del 16 aprile 2003 1 PREMESSA (Nuovo CCNL della Mobilità) Le parti, visto il

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli