DIREZIONE CENTRALE DELLA POLIZIA DI PREVENZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE CENTRALE DELLA POLIZIA DI PREVENZIONE"

Transcript

1 DIREZIONE CENTRALE DELLA POLIZIA DI PREVENZIONE Nel corso del 2009, sul versante del terrorismo interno, sono stati eseguiti 10 arresti di appartenenti a formazioni marxiste leniniste e 3 arresti di appartenenti a formazioni anarcoinsurrezionaliste. Nell ambito dell attività di contrasto al terrorismo internazionale, sono stati tratti in arresto 13 fondamentalisti islamici, alcuni dei quali già emersi in precedenti indagini di settore. Altri 4 arresti hanno riguardato stranieri appartenenti ad organizzazioni terroristiche di matrice non religiosa. Sul versante dell estremismo di sinistra sono stati arrestati 67 militanti,mentre 1782 sono stati i denunciati all Autorità Giudiziaria. Per quanto riguarda gli appartenenti a gruppi di estrema destra, 19 sono stati gli arrestati e 166 i denunciatiall Autorità Giudiziaria. Inoltre, sono stati eseguiti 3 provvedimenti di espulsione per motivi di sicurezza nazionale, emessi dal Ministro dell Interno a carico di stranieri ritenuti pericolosi per le loro posizioni filojihadiste. SQUADRE TIFOSERIE: A seguito di indagini svolte dalle Squadre Tifoserie delle Digos su atti di intemperanza posti in essere in occasione di competizioni sportive, sono state arrestate 130 persone mentre 754 sono state quelle denunciate all'autorità Giudiziaria N.O.C.S.: Dalla data della sua fondazione (1978) ad oggi ha assicurato alla giustizia 242 criminali, procedendo altresì alla liberazione di 325 persone ed alla cattura di 39 sequestratori. Roma, 14 aprile 2010

2 QUANTI SIAMO RUOLI ORDINARI QUALIFICHE * UOMINI DONNE TOTALE DIRIGENTI DIRETTIVI RESTANTI RUOLI* TOTALE * Ispettori-Sovrintendenti-Assistenti/Agenti RUOLI DEI TECNICI, SANITARI E BANDA MUSICALE QUALIFICHE ** UOMINI DONNE TOTALE DIRIGENTI DIRETTIVI RESTANTI RUOLI** TOTALE ** Periti-Revisori-Collaboratori/Operatori-Orchestrali

3 Ordine Pubblico L attività della Polizia di Stato a tutela dell ordine e della sicurezza pubblica è stata interessata nel 2009 da manifestazioni di spiccato interesse, di cui su temi politici, a carattere sindacaleoccupazionale, 251 studentesche, 248 sull immigrazione, 176 a tutela dell ambiente, 267 sulla pace, 265 elettorali e su tematiche varie. Particolare impegno è stato dedicato alle principali consultazioni elettorali (europee amministrative 6/7 giugno - referendarie 21/22 giugno), con l impiego di circa unità di rinforzo della Polizia di Stato. Nel 2009 vi è stata la presenza di personalità straniere per visite ufficiali e private, tra cui 124 Capi di Stato e 74 Capi di Governo. Di particolare rilievo sono stati il World Summit on Food Security presso la sede FAO (cui hanno preso parte delegazioni di 180 Paesi, 26 Capi di Stato, 16 Capi di Governo, 10 Vice Capi di Governo ed 84 Ministri) e la visita ufficiale a Roma del Leader libico Gheddafi. La Presidenza italiana del G8 ha richiesto un eccezionale impegno per il sistema di sicurezza che ha mostrato una elevata capacità di risposta in particolare per il Vertice dell Aquila (8/10 luglio) cui hanno partecipato 39 Delegazioni (27 Paesi e 12 Organizzazioni Internazionali), 27 tra Capi di Stato e di Governo e numerosi Ministri. Per le esigenze di vigilanza, ordine e sicurezza del Summit, sono state impiegate dal 3 al 10 luglio circa unità di rinforzo della Polizia di Stato. L ottimale pianificazione e attuazione dei servizi di sicurezza a protezione delle personalità partecipanti al summit sono state assicurate con la costituzione, presso l Ufficio Ordine Pubblico, del Centro di Coordinamento per la sicurezza delle personalità e delegazioni, composto da esponenti della Polizia di Stato, dell Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Per le globali esigenze, nel 2009, è stata disposta la movimentazione di unità dei Reparti inquadrati della Polizia di Stato. Per la tutela e protezione di circa 14mila obiettivi sensibili sono stati impegnati operatori. Per quanto concerne gli eventi sportivi, sono stati monitorati incontri di calcio, di cui 377 di serie A, 465 di serie B, di I/II Divisione Lega PRO, 43 incontri internazionali e 554 di altri campionati, cui hanno assistito circa 15,5 milioni di spettatori. Per la gestione dei servizi di ordine pubblico in occasione degli incontri di calcio delle squadre professionistiche, è stato disposto l impiego di unità della Polizia di Stato. Nel corso delle manifestazioni sportive sono rimasti feriti 120 operatori della Polizia di Stato, rispetto ai 102 del 2008 (+ 17 %). Per quanto riguarda l attività di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza negli stadi, sono in atto i provvedimenti di divieto di accesso alle manifestazioni sportive (DASPO) di cui emessi durante l anno. Sono state tratte in arresto 185 perone e denunciate in stato di libertà.

4 Reparti Mobili I 14 Reparti Mobili, dislocati su tutto il territorio nazionale, con sede in alcune fra le più importanti città, contano circa operatori impegnati nella tutela dell ordine pubblico, nel soccorso pubblico in concorso con altri Enti, in operazioni di controllo del territorio e di pubblica sicurezza unitamente agli organi territoriali della Polizia di Stato. Di rilievo è l\'attività di addestramento, volta a rendere tali reparti duttili nell impiego e pronti a svolgere servizio in diversi scenari operativi, anche in materia di Difesa e Protezione civile, con nuclei NBC e di soccorso. La continua attività svolta nelle manifestazioni sportive, ha consentito di raggiungere una diminuzione degli incidenti e delle criticità, limitando l uso di mezzi di coazione. Tra le principali operazioni del 2009: il G8 di L Aquila, il terremoto in Abruzzo, il vertice FAO di Roma e l\'emergenza rifiuti in Campania. I Reparti partecipano altresì alla missione italiana di pace in Kosovo.

5 Immigrazione e polizia delle frontiere Immigrazione e Polizia delle Frontiere Nel 2009 è proseguita l attività di contrasto dell immigrazione clandestina condotta dalla Direzione centrale dell Immigrazione e della Polizia delle Frontiere, sia mediante il consolidamento della cooperazione con i Paesi di origine e di transito dei flussi migratori sia mediante la realizzazione di una efficace attività di rimpatrio. Sul piano del perfezionamento della collaborazione con le polizie estere sono state assunte numerose iniziative incentrate su programmi di assistenza tecnica, invio di esperti nazionali, addestramento del personale, scambio di informazioni strategiche, operative e investigative, pattugliamenti comuni e assistenza in materia di rimpatrio. Importante poi il rafforzamento di collaborazione diretta con le autorità consolari dei principali Paesi di origine dei flussi immigratori illegali. Questo sforzo operativo ha consentito di rintracciare sul territorio nazionale stranieri in posizione irregolare, dei quali sono stati effettivamente allontanati. Anche nei confronti di cittadini comunitari sono stati adottati provvedimenti di allontanamento per motivi di pubblica sicurezza. In tale contesto generale, sono state organizzate 25 operazioni di rimpatrio con voli charter. Per favoreggiamento dell immigrazione clandestina sono state arrestate 373 persone e sono state segnalate in stato di libertà. - Stranieri allontanati di cui Riammessi nei Paesi di provenienza Operazioni di rimpatrio con voli charter 25 - Provvedimenti di allontanamento di cittadini UE per motivi di sicurezza Persone arrestate per favoreggiamento dell\'immigrazione clandestina Persone segnalate in stato di libertà 2.491

6 Missioni estero Anche nel corso dell anno 2009 è proseguita l attività di invio all estero del personale della Polizia di Stato impegnato in missioni internazionali. In particolare, secondo i dati in possesso della Direzione Centrale per le Risorse Umane, risultano inviati in missione n. 47 appartenenti ai diversi ruoli della Polizia di Stato. Sono state, altresì, collocate in posizione di fuori ruolo, presso organismi internazionali, n. 28 unità di personale appartenente ai vari ruoli della Polizia di Stato di cui n. 21 impiegate in servizio all estero e n. 7 nell ambito del territorio nazionale.

7 Polizia Stradale Prevenzione, controlli, informazione: l attività della Polizia Stradale continua ad essere a tutto campo per elevare gli standard di sicurezza sulla grande viabilità. L obiettivo è quello di ridurre il numero dei morti e dei feriti dovuti ad incidente stradale. Le pattuglie hanno rilevato incidenti: mortali con vittime e incidenti con feriti. Particolare impegno nel contrasto dei comportamenti a rischio: più di un milione e mezzo i controlli con l etilometro con denunce per guida in stato di ebbrezza e per guida sotto l effetto di droghe, con il sequestro complessivo ai fini della confisca di veicoli. Contestate violazioni ai limiti di velocità, con patenti ritirate. Grande attenzione al settore dell autotrasporto con veicoli controllati e violazioni accertate. La prossimità al cittadino si è espressa anche nell attività di soccorso, con mezzo milione di automobilisti in difficoltà che hanno ricevuto ausilio dalle pattuglie su strada. Intensa l attività di polizia giudiziaria con persone denuciate e arrestate. La comunicazione come strumento di prevenzione: presupposto alla base delle campagne di sicurezza stradale promosse dalla Polizia Stradale. Prima fra tutte il Progetto Icaro, rivolto agli studenti, che nel 2009 ha messo in scena 14 spettacoli teatrali sulla sicurezza stradale IcaroYoung per gli adolescenti e IcaroJunior per i bambini, con la supervisione scientifica del Dipartimento di Psicologia della Sapienza, Università di Roma. Best practice italiana diventata nel 2009 progetto pilota in Europa con Icarus (Inter-Cultural Approaches for Road Users Safety) cofinanziato dalla Commissione europea. DATI 2009 Soccorsi ad automobilisti in difficoltà Incidenti rilevati Incidenti mortali rilevati Persone decedute Incidenti con feriti rilevati Persone ferite Superamento limiti di velocità Guida sotto l effetto di sostanze stupefacenti Guida in stato di ebbrezza Patenti ritirate Mancato utilizzo del casco Mancato utilizzo delle cinture di sicurezza Servizi con misuratori di velocità Controlli con etilometri Totale punti patente decurtati Persone denunciate Persone arrestate veicoli sequestrati ai fini della confisca per il reato di guida in stato di ebbrezza veicoli sequestrati ai fini della confisca per il reato di guida in stato di alterazione per l uso di sostanze stupefacenti 361 Attività di controllo nel settore trasporto merci Controlli di efficienza dei veicoli con i Centri Mobili di Revisione (dato annuale)

8 veicoli controllati infrazioni accertate Contrasto all abusivismo nel settore del trasporto merci veicoli controllati infrazioni accertate Contrasto al fenomeno c.d. Stragi del sabato sera conducenti controllati conducenti positivi patenti di guida ritirate

9 Campagne Guido con Prudenza e Brindo con Prudenza conducenti controllati infrazioni rilevate patenti di guida ritirate

10 Polizia Ferroviaria La polizia ferroviaria opera nei due importanti settori di prevenzione e repressione dei reati al fine di garantire la sicurezza a bordo dei treni e la sicurezza nelle stazioni attraverso l impiego di oltre uomini. La rete ferroviaria italiana è pari a km sulla quale transitano ogni giorno oltre treni e si muovono passeggeri. La Specialità è presente sul territorio nazionale con 15 Compartimenti da cui dipendono 17 sezioni, 36 sottosezioni e 169 posti di Polizia Ferroviaria. Sono le stazioni ferroviarie, molte delle quali protette da un sistema di videosorveglianza TVCC, ovunque in via di implementazione. L attività svolta dalla Polizia Ferroviaria evidenzia, sul fronte della prevenzione, una diminuzione di episodi delittuosi, quali i reati contro il patrimonio che, fra il 2008 ed il 2009, hanno registrato una flessione pari al 14%. Mantenendo un costante impegno nell attività di scorta ai treni ferroviari, sia diurni che notturni, la specialità ha contribuito ad aumentare la percezione di sicurezza sempre richiesta dagli utenti del mezzo ferroviario. Significativi risultati vengono conseguiti, inoltre, nel sequestro di sostanze stupefacenti e nella repressione del fenomeno dei furti di rame. Quest ultimo ha registrato peraltro una diminuzione di oltre il 50% fra il 2008 ed il ANNO 2009 PERSONE IDENTIFICATE PERSONE ARRESTATE PERSONE DENUNCIATE IN STATO DI LIBERTA SERVIZI VIGILANZA E CONTROLLO STAZIONI SERVIZI PATTUGLIAMENTO LUNGO TRATTE FERROVIARIE CONTROLLI STRAORDINARI PER BONIFICA AREE FERROVIARIE SERVIZI ANTIBORSEGGIO TRENI SCORTATI CONTRAVVENZIONI ELEVATE

11 Polizia Postale e delle Comunicazioni L anno 2009 è stato contrassegnato da un intensa attività di tutti gli Uffici della Polizia Postale e delle Comunicazioni e da importanti risultati nel contrasto al fenomeno della pedopornografia on line, illeciti informatici in generale, reati postali e in materia di diritto d autore, attività di tipo terroristico, condotte con mezzi informatici. Il 23 giugno 2009 è stato inaugurato il Centro Nazionale Anticrimine Informatico e Protezione delle Infrastrutture Critiche (CNAIPIC) quale centrale operativa di riferimento per tutti gli operatori, pubblici e privati, che gestiscono sistemi o servizi informatici strategici per il Paese e per tutti gli attori del settore della sicurezza informatica nazionale, nonché punto di contatto nazionale in seno a un network di omologhi organismi internazionali. Tale Centro è stato determinante nello svolgimento e nella positiva conclusione di una difficile indagine condotta alla fine dell anno sul defacement in danno della home page di Poste Italiane. È proseguita l importante opera di lotta alla pedopornografia on line condotta dal Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia sulla rete (CNAIPIC). In proposito si è dato impulso a campagne informative e formative in favore di scuole ed enti di protezione dei minori. Anche il monitoraggio sulla rete è stato più analitico nella gestione di flussi informativi ed i sistemi di filtraggio della navigazione sono stati affinati e orientati verso standard internazionali più elevati. Sono stati monitorati siti web e oscurati 127. Anche la tradizionale attività di contrasto ai reati che mettono a rischio la sicurezza del sistema postale è stata proficua, e ha registrato una diminuzione dell 1,42% rispetto al precedente anno degli attacchi agli ATM, di rapine e truffe. Importante infine il lavoro svolto dalla Specialità per arginare tutte quelle tipologie di reati afferenti il sistema dell home banking e della monetica, teso a contrastare fenomeni predatori quali il phishing e le clonazioni di carte di credito e bancomat: 113 le persone arrestate, 1568 i denunciati. Con riguardo all intera attività svolta le persone arrestate sono state 233, quelle denunciate in stato di libertà 9283 e le perquisizioni DATI STATISTICI ATTIVITA OPERATIVA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI ANNO 2009 PERSONE ARRESTATE 233 PERSONE DENUNCIATE IN STATO DI LIBERTA 9283 PERQUISIZIONI 1797 SITI WEB MONITORATI SITI WEB OSCURATI 127

12 Settore aereo Il Settore Aereo è impegnato in attività di soccorso, monitoraggio, recupero in mare e in montagna, attraverso aerei ed elicotteri efficienti e maneggevoli a disposizione di 11 Reparti volo dislocati su tutto il territorio nazionale. Nel 2009 ha svolto missioni (di cui operative ed addestrative e 578 per voli tecnici) per un totale di 9.256,85 ore di volo (8.875,55 operative ed addestrative e 381,30 per voli tecnici). In particolare sono state svolte 563 missioni di Polizia Giudiziaria, 855 di Vigilanza Stradale, 919 di Ordine Pubblico, di Controllo del Territorio, 213 di Soccorso, 141 di Ricognizione e Riprese Fotografiche, 320 di Collegamento, missioni per Trasporto di Sicurezza, 91 di Trasferimento, 75 per Trasporto Sanitario Urgente, 807 per Voli Prova ed altro per Addestramento e 3 per la navigazione strumentale. DATI 2009 Missioni ore di volo Operative Voli tecnici Totale

13 Polizia Marittima La Polizia Marittima svolge attività di controllo del territorio in ambiente marino, fluviale, lacuale e delle rispettive aree portuali al fine di contrastare reati ed infrazioni amministrative e immigrazione clandestina. Concorre nell attività di ricerca e soccorso di natanti e persone in difficoltà, nonché di controllo delle attività nautiche e della circolazione di imbarcazioni in genere. Le unità impiegate, in numero di 550, si avvalgono di un parco natanti di 146 Unità Navali, suddiviso tra 44 Squadre Nautiche ed del Centro Nautico e Sommozzatori di La Spezia, dove è presente il Nucleo Sommozzatori, costituito da n. 28 specialisti, Nel 2009 sono state effettuate n ore di navigazione per la vigilanza sulle attività marittime. Durante i servizi svolti a bordo di Unità Navali sono state controllate imbarcazioni e persone, tra le quali 116 denunciate e 4 arrestate con quasi un centinaio di natanti e reti sequestrati e 843 infrazioni contestate. Numerosi anche i servizi a bordo di autovettura con natanti/autovetture controllate, persone controllate, 28 denunciate, 15 arrestate e 930 infrazioni amministrative contestate, 155 sequestri. Importante l opera di soccorso a più di 700 persone e quasi 300 natanti. DATI La struttura della Polizia Marittima della Polizia di Stato, considerata nel suo articolato complesso ha conseguito, nel 2009, i seguenti risultati: Servizi svolti a bordo di Unità Navali: 1) Imbarcazioni controllate ) Persone controllate ) Persone denunciate 116 4) Persone arrestate 4 5) Infrazioni amministrative contestate 843 6) Soccorso a natanti 290 7) Soccorso a persone 695 8) Natanti sequestrati 20 9) Reti sequestrate 67 10)Ulteriori sequestri 154 Servizi svolti a bordo di autovettura: 1) Natanti/Autovetture controllate ) Persone controllate ) Persone denunciate 28 4) Persone arrestate 15 5) Infrazioni amministrative contestate 930 6) Soccorso a persone 15 7) Sequestro reti 20 8) Ulteriori sequestri 135 Servizi particolari: 1) O.P. per manifestazioni religiose 40 2) O.P. per manifestazioni sportive 260 3) O.P. per rinvenimento esplosivi in mare 2 4) O.P. per spettacoli pirotecnici in mare 20

14 5) O.P. per vigilanza navi militari 60 6) O.P. per altri motivi 185 7) Ricerca natanti dispersi in mare 7 8) Ricerche dispersi in mare 32 9) Scorte a personalità 45 10) Servizio anti immigrazione 56 11) Servizio anti terrorismo 4

15 Tiratori scelti Il settore dei Tiratori Scelti conta oggi 84 operatori che si avvalgono di armamento tecnologicamente avanzato e sono perfettamente addestrati non solo all uso delle armi ma anche di strumentazioni altamente sofisticate. Pur essendo organicamente dipendente dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza Servizio Reparti Speciali della Direzione Centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i Reparti Speciali della Polizia di Stato è posto alle dipendenze operative, tecnico-logistiche ed amministrativocontabile delle Questure competenti per territorio. L attività dei tiratori scelti della Polizia di Stato, espressa in termini di prevenzione (tutela personalità, obiettivi di particolare rilevanza, visite di capi di stato, manifestazioni, congressi) e repressione (sequestri, rapine con ostaggi e dirottamenti aerei), è stata assidua e mirata alla tutela dell incolumità pubblica e di singole personalità.

16 Polizia della Montagna La Polizia della Montagna produce da 50 anni sicurezza e soccorso ad alta quota. Attualmente il personale impiegato è pari a 237 unità, provenienti da tutta Italia, formate e coordinate dal Centro Addestramento Alpino di Moena. Gli specialisti, contraddistinti dalla tuta blu, sono presenti in 57 località sciistiche sparse tra Alpi e Appennini e assicurano innanzi tutto il mantenimento dell ordine sulle piste: questo particolare tipo di polizia di prossimità ha denunciato l anno scorso una settantina di persone e ne ha tratto in arresto tre, rilevando anche più di violazioni amministrative, di cui sulle piste da sci, 316 fuori pista; 235 all interno di snow-park o aree similari. Questa attività risulta sempre più importante a fronte dei tanti, troppi casi di infortuni, anche mortali, causati sulla neve da sciatori e snow-border spericolati. Per incidenti di natura diversa rilevati dagli agenti, le persone decedute l anno scorso in montagna sono state 13. In totale i soccorsi effettuati dalla Polizia della Montagna sono stati

17 Polizia a cavallo Il settore cavalieri della Polizia di Stato è si articola in un Centro di Coordinamento dei Servizi a Cavallo, prevalentemente occupato nell attività addestrativa delle unità ippomontate della Polizia di Stato e di supporto logistico per gli uffici periferici dipendenti, la Sezione di Roma, 8 Squadre a Cavallo, alle dipendenze operative delle Questure competenti per territorio, e operanti per le esigenze di ordine e sicurezza pubblica, e il Servizio Reparti Speciali per le altre tipologie di servizio. L organico ammonta a nr. 319 cavalieri e nr. 171 cavalli di varie razze, selezionati per l impiego nei servizi di Polizia. L attività operativa delle Squadre a Cavallo investe i servizi di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive, musicali e politico culturali, attività di prevenzione in occasione di grandi eventi, visite di alte personalità. Nel 2009 gli interventi sono stati più di 7000 e hanno portato al controllo di quasi 2000 persone, una trentina delle quali denunciate o arrestate. Sono stati controllati, inoltre, 340 mezzi con recupero di auto e moto rubati e comminate 89 contravvenzioni al Codice della Strada. DATI 2009 Interventi nr Controllati o identificati nr Persone Denunciate nr. 15 Persone Arrestate nr. 16 Mezzi Controllati nr. 340 Recupero auto/moto nr. 10 Sequestri Gen. e amm.vi nr. 15 Contravvenzioni C.d.S. nr. 89 Servizi di O.P. nr. 160 Servizi di Rappresentanza nr. 230

18 Settore artificieri Il personale artificiere della Polizia di Stato attualmente ammonta a 180 operatori distinti tra artificieri ordinari E.O.D. di 1 livello (Explosive Ordnance Disposal) ed artificieri antisabotaggio I.E.D.D. (Improvvised Explosive Device Disposal) e si avvale di materiali e mezzi altamente sofisticati. Tali Nuclei operano sul territorio secondo le modalità in uso alle Forze Armate italiane previste dagli STANAG-NATO e le disposizioni del Dipartimento della Pubblica Sicurezza. L attività degli artificieri, espressa in termini di prevenzione (ispezioni e bonifiche dei luoghi interessati a importanti visite di capi di Stato, manifestazioni, congressi), è stata assidua ed efficace, come, del resto, quella di contrasto alla vendita illegale di artifizi pirotecnici ed alla criminalità organizzata finalizzata all impiego di congegni esplosivi di circostanza. Gli interventi effettuati nel 2009 sono stati più di e hanno portato al sequestro di quasi Kg di materiale pirotecnico ed esplodente. DATI 2009 La struttura dei nuclei artificieri della Polizia di Stato ha conseguito i seguenti risultati: 1) Interventi effettuati ) Interventi positivi 96 3) Materiale pirotecnico sequestrato (espresso in Kg) ) Materiale esplodente sequestrato 780

19 Settore NBCR Il settore N.B.C.R. (Nucleare, Biologico, Chimico, Radiologico) della Polizia di Stato opera con personale altamente specializzato e addestrato presso la Scuola Interforze NBCR di Rieti per intervenire in caso di attacchi terroristici effettuati con impiego di sostanze pericolose e attacchi non convenzionali o incidenti di particolare natura, che richiedano attività di ordine pubblico. Personale esperto nella materia ha partecipato nel 2009 ai lavori della Task Force NBCR presso la Direzione Generale Libertà, Giustizia e Sicurezza del Consiglio d Europa a Bruxelles al fine di codificare gli interventi di risposta in caso di attentato NBCR.

20 Settore cinofilo Il settore Cinofilo della Polizia di Stato si articola nel Centro di Coordinamento dei Servizi Cinofili di Nettuno, occupato soprattutto nell attività addestrativa delle unità cinofile della Polizia di Stato e di quelle straniere a seguito di accordi bilaterali, e di 28 Squadre Cinofile sul territorio. Il personale cinofilo della Polizia di Stato attualmente ammonta a 196 conduttori cinofili e 220 cani di varie razze, prevalentemente pastori tedeschi e labrador, appositamente selezionati per l impiego nei servizi di polizia e, in particolare, nei servizi di ordine e sicurezza pubblica, vigilanza, ricerca di sostanze stupefacenti, ricerca di esplosivi o armi occultate e di persone. L attività cinofila ha una valenza preventiva (nei servizi di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive, musicali e politico culturali e nella prevenzione di attentati in occasione di grandi eventi, visite di alte personalità, nonché nella bonifica di obiettivi sensibili, tra i quali: sedi istituzionali e abitazioni di personalità a rischio) e repressiva (sequestri di rilevanti quantitativi di sostanze stupefacenti, esplosivi ed armi, concorso nell arresto di persone resesi irreperibili in particolari situazioni ambientali). Il lavoro del personale cinofilo ha determinato nel 2009 l arresto e la denuncia di numerose persone e il sequestro di più di gr di sostanze psicotrope, di una notevole quantità di armi ed esplosivi, nonché di valuta per un totale di ,00. DATI 2009 L attività nella quale ha particolarmente inciso l operato del settore cinofilo è risultato essere quella della lotta al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti che ha determinato l arresto e la denuncia di numerose persone e sequestri di sostanze psicotrope come di seguito elencati: 1) HASCHISC gr ) COCAINA gr ) MARIJUANA gr ) EROINA gr ) EXTASI nr. 65 6) PERSONE DENUNCIATE nr. 45 7) PERSONE ARRESTATE nr. 80 8) Armi da fuoco sequestrate nr. 10 9) Armi bianche sequestrate nr ) Munizioni e detonatori nr ) Esplosivo sequestrato gr ) Automezzi sequestrati nr. 5 13) Interventi antidroga nr ) Interventi di P.G.O.P nr ) Interventi antiesplosivo nr ) Interventi di ricerca e soccorso nr ) Servizi di rappresentanza nr. 84 Rilevante è stato anche il sequestro di valuta per un totale di ,00. A seguito della delicata situazione internazionale, si segnalano i numerosissimi interventi volti alla bonifica di luoghi ed oggetti sospetti per il rilevamento di materiali esplodenti.

21 Ced Il Servizio per il Sistema Informativo Interforze nel 2009 ha svolto l attività secondo i seguenti orientamenti: gestione operativa del CED; trasferimento presso il Polo Anagnina; completamento del potenziamento degli apparati e degli impianti tecnologici. L elaboratore ha garantito un volume di lavoro di transazioni mensili. L Help Desk ha supportato gli utenti evadendo 221 richieste su problematiche riguardanti le applicazioni SDI, ca interventi di aiuto alla periferia di cui 1500 sulle Banche Dati esterne. Il settore sicurezza ha gestito le utenze personali per l accesso al sistema normalizzando utenti, in attuazione delle disposizioni emanate dall Autorità Garante per la protezione dei dati personali in materia di sicurezza sugli accessi. Il trattamento delle informazioni in favore degli Uffici Operativi centrali e periferici delle Forze di Polizia per il sostegno alle indagini di P.G., per l analisi e lo studio dei fenomeni criminali, ha consentito di evadere 696 richieste di accertamenti su dati contenuti nel Sistema di Indagine e 560 elaborazioni statistiche. E stato inoltre effettuato il controllo della qualità delle Informazioni per una continua e puntuale verifica della correttezza e qualità delle informazioni inserite nel CED alla stregua della normativa vigente. Inoltre, ha riguardato: la rendicontazione periodica agli Uffici Centrali del Dipartimento in ordine alla situazione relativa alla forza ed ai presidi delle Forze di Polizia sul territorio; la pianificazione e l organizzazione dei corsi per gli operatori di Polizia destinati ad operare su procedure informatiche per l accesso alle informazioni delle banche dati.

22 Cooperazione Internazionale FESTA DELLA POLIZIA 2010 Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia Attraverso le sue cinque articolazioni, di cui due operanti in ambito internazionale - Interpol - e due in quello europeo S.I.Re.N.E. ed Europol - il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia assolve la funzione di raccordo informativo tra i differenti attori della lotta alla criminalità organizzata transnazionale, il cui settore di punta nel rintraccio in campo internazionale dei latitanti e nella loro consegna alle autorità giudiziarie. La centralità del ruolo che il Servizio assume nel panorama della cooperazione internazionale, oltre a consentire la visione complessiva delle esigenze della cooperazione stessa, l individuazione delle priorità e il monitoraggio dei progetti avviati, assicura il fattivo coinvolgimento dell Italia nelle principali iniziative (gruppi di lavoro, task forces, progetti operativi) intraprese dagli organismi preposti alla cooperazione di polizia nei confronti delle svariate fenomenologie criminali, valorizzando nei differenti ambiti il ruolo delle Forze di Polizia italiane che nel Servizio trovano univoca espressione. E nel Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia inoltre, che, in ragione del suo mandato istituzionale e della composizione interforze, viene sovente individuato il punto di contatto nazionale qualora l attuazione di normative internazionali o di strategie adottate dagli organismi di riferimento, oppure di operazioni congiunte ad alto impatto indette da Europol o dall O.I.P.C.-Interpol - richieda un azione nazionale coordinata. Orientando la propria attività al rafforzamento della cooperazione bilaterale, particolare impulso è stato conferito alla definizione di nuove intese tecniche con Paesi di emergente valenza strategica per il contrasto alla criminalità organizzata, quali la Federazione Russa, l Albania, la Spagna e l Olanda, gli Emirati Arabi Uniti, dando corso, altresì, all ampliamento della rete degli Uffici di collegamento con l apertura di nuove sedi in Bosnia-Erzegovina, Macedonia ed Ucraina. Operando in stretta collaborazione con i competenti Uffici investigativi italiani e stranieri, nel 2009 si è proceduto al rintraccio e alla cattura di n individui colpiti da provvedimenti restrittivi (di cui 481 effettuati all estero ai fini estradizionali verso l Italia), all espletamento di n. 928 procedure estradizionali (di cui 378 verso l Italia), nonché al trasferimento di n. 72 individui ai sensi della Convenzione di Strasburgo del 21 marzo1983 (di cui 49 verso l Italia). Fra le operazioni coordinate dal Servizio in campo internazionale, si citano, in particolare, quella relativa all arresto, in Olanda, di STRANGIO Giovanni - inserito nell elenco dei 30 latitanti più pericolosi - destinatario di provvedimenti di cattura internazionali emessi dalle Autorità Giudiziarie italiana e tedesca per il delitto di omicidio plurimo in quanto ritenuto uno degli autori della strage di Düisburg. Nella stessa circostanza veniva catturato anche il cognato del predetto, Francesco ROMEO, per traffico internazionale di stupefacenti ed inserito nell elenco dei 100 latitanti più pericolosi.

Questura di Bergamo FESTA DELLA POLIZIA 22 MAGGIO 2015 LA SICUREZZA IN CIFRE

Questura di Bergamo FESTA DELLA POLIZIA 22 MAGGIO 2015 LA SICUREZZA IN CIFRE Questura di Bergamo FESTA DELLA POLIZIA 22 MAGGIO 2015 LA SICUREZZA IN CIFRE 2 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO 3 REATI REGISTRATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO 01/05/2013 30/04/2014

Dettagli

Ufficio ROMA ROMA ROMA

Ufficio ROMA ROMA ROMA ALLA DIREZIONE CENTRALE DELLA POLIZIA CRIMINALE. Affari Generali. Servizio Centrale di Protezione. Servizio per il Sistema Informativo Interforze - Divisione 3 a Settore Addestramento. Servizio Affari

Dettagli

Polizia di Stato Questura di Pordenone. 15 maggio 2014 - Pordenone www.poliziadistato.it

Polizia di Stato Questura di Pordenone. 15 maggio 2014 - Pordenone www.poliziadistato.it 15 maggio 2014 - Pordenone www.poliziadistato.it L ATTIVITA DELLA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI PORDENONE NELL ANNO 2013 LA POLIZIA DI STATO NEL 2013 Prevenzione e contrasto Chiamate al 113 : 7.248

Dettagli

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE Polizia di Stato 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it L ATTIVITA DELLA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI PORDENONE

Dettagli

La Sicurezza nel Territorio Nazionale. Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato

La Sicurezza nel Territorio Nazionale. Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato La Sicurezza nel Territorio Nazionale Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato 1 2 PREVENZIONE : Attività informativa Enti preposti Attività controllo territorio PCCT; Poliziotto/

Dettagli

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32).

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32). DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA D AUSTRIA IN MATERIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE DI POLIZIA, FATTO A VIENNA

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 CONSUNTIVO DELL ATTIVITA OPERATIVA DEI REPARTI DEL TRIVENETO (periodo 1 gennaio

Dettagli

All. 1 SEDE SEDE SEDE SEDE SEDE

All. 1 SEDE SEDE SEDE SEDE SEDE N.500/C/AA2/9553 Roma, 16 luglio 2009 OGGETTO: delle principali attività corsuali specialistiche frequentate dal personale della Polizia di Stato e criteri per la valutazione dell apprendimento. All. 1

Dettagli

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA 195 196 15. SICUREZZA Progetto 15.1 Polizia Municipale Le attività della Polizia Municipale sono rivolte ad affermare e mantenere la legalità nella società civile, attraverso

Dettagli

All. 1 AI SIGG. DIRETTORI DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE, DI PERFEZIONAMENTO E CENTRI DI ADDESTRAMENTO DELLA POLIZIA DI STATO

All. 1 AI SIGG. DIRETTORI DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE, DI PERFEZIONAMENTO E CENTRI DI ADDESTRAMENTO DELLA POLIZIA DI STATO N.500/C/AA2/9553 Roma, 15 settembre 2009 OGGETTO: delle principali attività corsuali specialistiche frequentate dal personale della Polizia di Stato e criteri per la valutazione dell apprendimento. Tabella

Dettagli

Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona

Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona Attività di controllo Dal 1 gennaio al 31 dicembre 2010, la Polizia Stradale delle Marche ha effettuato 21.554 pattuglie di vigilanza stradale

Dettagli

QUESTURA DI LATINA UFFICIO STAMPA

QUESTURA DI LATINA UFFICIO STAMPA 1 QUESTURA DI LATINA UFFICIO STAMPA 160^ ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CONSUNTIVO RISULTATI APRILE 2011- APRILE 2012 ARRESTI : 552 DENUNCIE A P.L.: 1883 PERQUISIZIONI: 869 PERSONE

Dettagli

CIRCOLARE TELEGRAFICA ROMA, 26 MAGGIO 2015

CIRCOLARE TELEGRAFICA ROMA, 26 MAGGIO 2015 CIRCOLARE TELEGRAFICA, 26 MAGGIO 2015 333.D/9805.C.C.5.B.2 (17) OGGETTO: SELEZIONE DI PERSONALE PER LA FREQUENZA DEL 17 CORSO DI QUALIFICAZIONE PER CONDUTTORI CINOFILI ANTIESPLOSIVO. ALLA SEGRETERIA DEL

Dettagli

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S.

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. Tipo di attività dal 01/05/2012 al 30/04/2013 Persone controllate 52.598 Persone sottoposte ad obblighi 19.349

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

La Polizia e i giovani

La Polizia e i giovani Questura di Napoli La Polizia e i giovani a cura dell Ufficio Relazioni Esterne della Questura di Napoli 1. Incontri nelle scuole Educazione alla legalità La Questura di Napoli programma, per la durata

Dettagli

CIRCOLARE TELEGRAFICA ROMA, 24 gennaio 2013

CIRCOLARE TELEGRAFICA ROMA, 24 gennaio 2013 CIRCOLARE TELEGRAFICA, 24 gennaio 2013 333.D/9805.C.C.7 (1) OGGETTO: SELEZIONE DI PERSONALE PER LA FREQUENZA DEL SECONDO CORSO DI QUALIFICAZIONE PER CONDUTTORI CINOFILI PER RICERCA E SOCCORSO A PERSONE

Dettagli

Attività delle Forze di Polizia nel settore degli stupefacenti

Attività delle Forze di Polizia nel settore degli stupefacenti Cod. ISTAT INT 00013 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Giustizia Attività delle Forze di Polizia nel settore degli stupefacenti Titolare: Dipartimento della Pubblica

Dettagli

PROGRAMMA N. 12: PER LA SICUREZZA

PROGRAMMA N. 12: PER LA SICUREZZA PROGRAMMA N. 12: PER LA SICUREZZA 173 174 PROGETTO 12.1: SICUREZZA OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sicurezza urbana: Udine Smart Security : Attuare il piano denominato Udine Smart

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 ATTIVITA UNITA SEGRETERIA NOTIFICHE - CONTENZIOSO CODICE DELLA STRADA 2009 2010 VIOLAZIONI ACCERTATE 16.292 16.721 DIVIETI DI SOSTA 15.784 15.679 PARCHEGGI

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

DATI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE

DATI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE C U R R I C U L U M V I T A E DATI PERSONALI Guido Fabio ALLAIS, nato a Milano il 10 marzo 1966 ESPERIENZE LAVORATIVE Dal 4 marzo 2010 Comandante del Corpo di polizia locale di San Donato Milanese in posizione

Dettagli

PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008

PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008 STATO DI SERVIZIO DELLE FORZE DELL ORDINE NELLA CITTÀ DI MILANO E NELLA PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008 COMPARTIMENTO DELLA POLIZIA STRADALE PER LA LOMBARDIA L attività svolta

Dettagli

COMUNE DI GENOVA CORPO POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI GENOVA CORPO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI GENOVA CORPO POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE SULL ATTIVITÀ ISTITUZIONALE SVOLTA NEL 2012 RGANIZZAZIONE DEL CORPO La ricorrenza del nostro Santo Patrono, San Sebastiano, costituisce anche l'occasione

Dettagli

TERRORISMO INTERNAZIONALE

TERRORISMO INTERNAZIONALE TERRORISMO 1 Arrestati dall 11 settembre 2001 ad oggi ANNO 2001 7 ANNO 2002 29 ANNO 2003 36 ANNO 2004 15 ANNO 2005 22 ANNO 2006 11 ANNO 2007 11 ANNO 2008 43 ANNO 2009 17 ANNO 2010 21 ANNO 2011 16 ANNO

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 GUARDIA DI FINANZA DI PIACENZA BILANCIO OPERATIVO ANNUALE ANNO 2015 Nel 2015 è proseguita l attività delle Fiamme Gialle piacentine indirizzata al raggiungimento

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI GENOVA CORPO POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE SULL ATTIVITÀ ISTITUZIONALE SVOLTA NEL 2013 RGANIZZAZIONE DEL CORPO La ricorrenza del nostro Santo Patrono, San Sebastiano, costituisce anche l'occasione

Dettagli

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE L ATTIVITA' DELLA POLIZIA MUNICIPALE NELL ANNO 2014 1 SOMMARIO: ORGANIZZAZIONE E SERVIZI...3 LA POLIZIA MUNICIPALE...4 SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE...4 INFORTUNISTICA

Dettagli

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012 DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012 1 SOMMARIO: ORGANIZZAZIONE E SERVIZI...3 LA...4 SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE...5 SINISTRI STRADALI...6 VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE...7 ACCERTAMENTI ANAGRAFICI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE CAPO I ORGANIZZAZIONE DEL CORPO ART. 1 ORGANO DI GOVERNO Il presidente della Provincia, nell esercizio della funzione di indirizzo politico

Dettagli

MEDAGLIA DI BRONZO AL VALOR CIVILE

MEDAGLIA DI BRONZO AL VALOR CIVILE MEDAGLIA DI BRONZO AL VALOR CIVILE Conferita a un Assistente Capo della Polizia di Stato dell Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico di Cagliari Squadra Nautica - con motivazione : libero dal

Dettagli

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Premessa Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Il presente opuscolo riporta i dati emersi dal primo anno di sperimentazione del Progetto

Dettagli

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO PATTO PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO La Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo e l Amministrazione Comunale di Grosseto VISTE le direttive e le linee

Dettagli

PIACENZA 22 maggio 2015

PIACENZA 22 maggio 2015 163 PIACENZA 22 maggio 2015 Questura di Piacenza Benvenuti in questa sala dove stiamo celebrando il 163 anniversario della fondazione della Polizia di Stato. Ringrazio il Signor Prefetto, le autorità civili

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

Città di Bra Corpo Polizia Municipale

Città di Bra Corpo Polizia Municipale San Sebastiano 2013 Conferenza Stampa Attività Operativa POLIZIA MUNICIPALE Anno 2012 Bra, 17 gennaio 2013 . Controllo del territorio 1.315 servizi di pattugliamento diurno per un totale di 8.056 ore;

Dettagli

3.7 La Città per la sicurezza

3.7 La Città per la sicurezza 3.7 La Città per la sicurezza 3.7.1 Gli obiettivi di mandato «Vogliamo una città aperta perché libera e sicura, una città dove la sicurezza non sia rappresentata solo dal controllo del territorio esercitato

Dettagli

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Agenzia per la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

Dettagli

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Allegato Atto G.P. N.184 del 25/09/2008 SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Il Programma d azione europeo per la sicurezza stradale mette

Dettagli

Criminalità transfrontaliera. Piano sicurezza transfrontaliera per Expo 2015. Rapporto in adempimento del postulato Romano 14.3324

Criminalità transfrontaliera. Piano sicurezza transfrontaliera per Expo 2015. Rapporto in adempimento del postulato Romano 14.3324 Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di polizia fedpol 22 aprile 2015 Criminalità transfrontaliera. Piano sicurezza transfrontaliera per Expo 2015 Rapporto in adempimento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013

Dettagli

Professionisti e specialisti per la fornitura di servizi di sicurezza Leader nella fornitura di servizi di sicurezza di massima eccellenza la S.A.S.

Professionisti e specialisti per la fornitura di servizi di sicurezza Leader nella fornitura di servizi di sicurezza di massima eccellenza la S.A.S. Professionisti e specialisti per la fornitura di servizi di sicurezza Leader nella fornitura di servizi di sicurezza di massima eccellenza la S.A.S. INVESTIGATION con sede a Dimaro (TN) è una società presente

Dettagli

FREQUENZA DEL SEDICESIMO CORSO DI QUALIFICAZIONE PER

FREQUENZA DEL SEDICESIMO CORSO DI QUALIFICAZIONE PER CIRCOLARE TELEGRAFICA, 13 MAGGIO 2011 333.D/9805.F.C.1.2(16) OGGETTO: SELEZIONE DI PERSONALE PER LA FREQUENZA DEL SEDICESIMO CORSO DI QUALIFICAZIONE PER "TIRATORE SCELTO". - ALLA SEGRETERIA DEL Ufficio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

Dettagli

Estate 2015 L impegno di Viabilità Italia: i numeri. Intervento del Presidente di Viabilità Italia Dir. Sup. P. d. S. dr.

Estate 2015 L impegno di Viabilità Italia: i numeri. Intervento del Presidente di Viabilità Italia Dir. Sup. P. d. S. dr. Estate 2015 L impegno di Viabilità Italia: i numeri Intervento del Presidente di Viabilità Italia Dir. Sup. P. d. S. dr. Giuseppe Bisogno PIANO ESODO ESTIVO 2015 la comunicazione via web 2 L INFORMAZIONE

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

INTERVENTI DI POLIZIA STRADALE

INTERVENTI DI POLIZIA STRADALE 1 L ATTIVITA DELLA POLIZIA MUNICIPALE Nel corso di quest ultimo anno notevole è stato l impegno della Polizia Municipale di Livorno che, operando in molteplici ambiti di competenza, ha contribuito a garantire

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE 1. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO. 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. L Accordo, in piena coerenza con

Dettagli

Indicatori: A seconda delle caratteristiche di ogni singolo obiettivo si possono individuare

Indicatori: A seconda delle caratteristiche di ogni singolo obiettivo si possono individuare SCHEDA N 16 CENTRO DI RESPONSABILITA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE RESPONSABILE GIAN LUIGI BERNARDI PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Centro di costo e ricavo SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE ESERCIZIO FINANZIARIO 2013

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER GLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER GLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA N.500.C/AA2/2836 Roma, 17 febbraio 2010 OGGETTO: Disciplina dei corsi per il conseguimento e l aggiornamento delle qualifiche operativo professionali del Settore alpinistico

Dettagli

I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE)

I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE) 1 I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE) Come nascono i Patti per la sicurezza La legge finanziaria 2007 (Legge 296/2006,

Dettagli

CERVIA CITTA SICURA. Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI

CERVIA CITTA SICURA. Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI CERVIA CITTA SICURA Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI controlli effettuati per segnalazioni ricevute 3227 veicoli fermati e sottoposti a controllo 1686 posti di controllo

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER GLI AFFARI GENERALI DELLA POLIZIA DI STATO

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER GLI AFFARI GENERALI DELLA POLIZIA DI STATO ~ ~~-----~---- ------- M/C Post: Franciosl ~---- - ------ ---- ---- r: - ----,l- -..... ~ ' 559/C/2/A/27 Roma, 2 Ì! ii\ G. 2 O 14 OGGETTO: Soggiorni studio all'estero- Stati Uniti d'america ed Inghilterra-

Dettagli

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future Ing. Valentino Iurato Direzione Generale Sicurezza Stradale DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638

Dettagli

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Calabria Legge della Regione Calabria 7 marzo 2011, n. 4, recante Misure per garantire la legalità

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE "Blaise Pascal"

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Blaise Pascal ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE "Blaise Pascal" P.le Macrelli, 100-47521 Cesena (FC) Tel. +39 054722792 Fax +39 054724141 Cod.fisc. 81008100406 - Cod.Mecc. FOTF010008 www.ittcesena.gov.it fotf010008@istruzione.it

Dettagli

Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO

Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino COMUNICATO STAMPA Avellino, 23 giugno 2015 LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO Il Comando Provinciale

Dettagli

SEZIONE IV COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

SEZIONE IV COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SEZIONE IV COOPERAZIONE LINEAMENTI GENERALI... 49 GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE... 50 GLI ESPERTI E GLI UFFICIALI DI COLLEGAMENTO ANTIDROGA PRESSO LE RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE ITALIANE... 52 47 Annuale

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute OGGETTO: Potenziamento dei controlli di legalità nel settore del trasporto internazionale degli animali vivi. Attuazione del Regolamento (CE) n. 1/2005 del Consiglio dell Unione europea, del 22 dicembre

Dettagli

CAPITOLO 7 SICUREZZA

CAPITOLO 7 SICUREZZA CAPITOLO 7 SICUREZZA COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 Attività di prevenzione e controllo Gli agenti di Polizia Locale nel 2007 in servizio diurno sono dodici, cui se ne aggiungono tre

Dettagli

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO D INTESA TRA PREFETTURA UTG DI MODENA, AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE, DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO, INAIL, AZIENDA USL DI MODENA E AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI MODENA SULLE INIZIATIVE

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

Marco Andolfi Via Verdi n. 4 Castel San Giovanni (PC) msmandolf@gmail.com. Comune di Castel San Giovanni ( PC)

Marco Andolfi Via Verdi n. 4 Castel San Giovanni (PC) msmandolf@gmail.com. Comune di Castel San Giovanni ( PC) F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Indirizzo Marco Andolfi Via Verdi n. 4 Castel San Giovanni (PC) Telefono 320/4313949 Fax E-mail Codice fiscale msmandolf@gmail.com

Dettagli

Questura di Rovigo. Bilancio sociale 2008

Questura di Rovigo. Bilancio sociale 2008 Questura di Rovigo Bilancio sociale 2008 A cosa serve il bilancio? Fornire una corretta rappresentazione della realtà di un organizzazione capace di soddisfare le esigenze informative fondamentali di tutti

Dettagli

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE Dossier n. 113 Ufficio Documentazione e Studi 29 ottobre 2015 IL REATO DI OMICIDIO STRADALE L Aula della Camera ha approvato in seconda lettura il testo unificato che prevede l introduzione del reato di

Dettagli

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA La materia dei roghi tossici si presta ad una prima applicazione del «processo di legalità» che abbiamo

Dettagli

DA MARE NOSTRUM A TRITON

DA MARE NOSTRUM A TRITON DA MARE NOSTRUM A TRITON CONTROLLO FLUSSI MIGRATORI DAL 1959 DAL 2004 DAL 2004 DAL 18 OTT 2013 AL 31 OTT 2014 VIGILANZA PESCA OPERAZIONE NAZIONALE CONSTANT VIGILANCE PER IL CONTROLLO DEI FLUSSI MIGRATORI

Dettagli

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 OGGETTO: Modifiche al Codice della Strada. Legge 17 agosto 2005, n. 168, di conversione con modificazioni del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115 recante

Dettagli

COMUNE DI OSNAGO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OSNAGO PROVINCIA DI LECCO SETTORE 3 Polizia Locale SETTORE 3 POLIZIA LOCALE RESPONSABILE: Galbusera Gabriele CENTRO DI RESPONSABILITA UFFICIO POLIZIA LOCALE La Polizia Locale agisce quotidianamente con attività di prevenzione e

Dettagli

ARGOMENTI DELLA SERATA

ARGOMENTI DELLA SERATA IL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale VV.F.Varese Presentazione curata dal Capo Squadra Esperto Lorenzo Canazza ARGOMENTI DELLA SERATA RUOLO E COMPETENZE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99)

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Titolo/argomento: _T.U. delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura

Dettagli

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Polizia Provinciale Il presidio e controllo del

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

TANTO TUONO CHE PIOVVE!!!

TANTO TUONO CHE PIOVVE!!! Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Coordinamento Nazionale Ministero Interno Piazza del Viminale 1 00184 Roma tel. 06/46525905 fax 06/4871073 Sito web: www.uil-interno.it e-mail interno@uilpa.it

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA GIOVANI ED ALCOL

PROTOCOLLO D INTESA GIOVANI ED ALCOL Bozza rivista in data 26.11.2007 PROTOCOLLO D INTESA GIOVANI ED ALCOL TRA PREFETTURA DI LUCCA-UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO PROVINCIA DI LUCCA QUESTURA DI LUCCA COMANDO PROVINCIALE ARMA CARABINIERI

Dettagli

P IANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO E DI PROGRAMMA 2014. SETTORE 4 Servizi di Polizia Municipale

P IANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO E DI PROGRAMMA 2014. SETTORE 4 Servizi di Polizia Municipale P IANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO E DI PROGRAMMA 2014 SETTORE 4 Servizi di Polizia Municipale SETTORE 4 Servizi di Polizia Municipale SERVIZIO - POLIZIA MUNICIPALE PROGRAMMA SPECIFICO

Dettagli

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 900 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º LUGLIO 2013

Dettagli

Prefettura di Pordenone Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Pordenone Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO D'INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA Prefettura di Pordenone, Tribunale di

Dettagli

Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como

Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como 1 PREMESSO: - che la sicurezza è percepita dai cittadini come un diritto primario e una componente indispensabile della qualità della vita e che vi

Dettagli

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno Rete Antiviolenza Città di Livorno Comune di Livorno Questura di Livorno Arma dei Carabinieri Livorno Azienda USL 6 Livorno Ippogrifo Associazione PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI LIVORNO/ASSESSORATO

Dettagli

Polizia di Stato QUESTURA DI CATANZARO

Polizia di Stato QUESTURA DI CATANZARO QUESTURA DI CATANZARO CATANZARO, 22 maggio 2015 La Questura di Catanzaro Esserci Sempre Cambiano gli assetti sociali, nuovi fenomeni delinquenziali si affermano e gli uomini e le donne appartenenti alla

Dettagli

L anno 2009, il giorno 14 del mese di luglio, in Roma, nella sede del Presidenza del Consiglio dei Ministri sono presenti:

L anno 2009, il giorno 14 del mese di luglio, in Roma, nella sede del Presidenza del Consiglio dei Ministri sono presenti: PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA, E IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Ufficio Operazioni Sezione Stampa e Relazioni Esterne Milano, 5 febbraio 2014 LA GUARDIA DI FINANZA IN LOMBARDIA BILANCIO 2013 Nel 2013 la Guardia di Finanza

Dettagli

DETERMINAZIONE nr. 22/2007

DETERMINAZIONE nr. 22/2007 Dipartimento della Pubblica Sicurezza Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive DETERMINAZIONE nr. 22/2007 del 12 aprile 2007 Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero

Dettagli

LE AREE DI INTERVENTO

LE AREE DI INTERVENTO ATTIVITA ANNO 2013 LE AREE DI INTERVENTO SICUREZZA URBANA SICUREZZA STRADALE SICUREZZA DEL TERRITORIO SICUREZZA DEI CONSUMATORI e DEI LAVORATORI. IL CORPO della POLIZIA LOCALE 113 OPERATORI (-1 ) FRA CUI:

Dettagli

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE (schema 24 gennaio 2007)

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE (schema 24 gennaio 2007) DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE (schema 24 gennaio 2007) VISTA VISTO VISTO VISTA VISTO VISTO VISTO la legge 1 aprile 1981, n.121, recante il nuovo ordinamento dell'amministrazione

Dettagli

D. Giustizia e Affari Interni

D. Giustizia e Affari Interni D. La Presidenza si impegnerà a valutare l attuazione e la corretta applicazione delle misure già adottate e incoraggerà il Consiglio a contribuire alla piena attuazione degli orientamenti strategici per

Dettagli

VISTA la legge 1 aprile 1981, n.121, recante il nuovo ordinamento dell'amministrazione della pubblica sicurezza;

VISTA la legge 1 aprile 1981, n.121, recante il nuovo ordinamento dell'amministrazione della pubblica sicurezza; Titolo: Riorganizzazione Dipartimento P.S.. Schema decreto Riorganizzazione Dipartimento P.S.. VISTA la legge 1 aprile 1981, n.121, recante il nuovo ordinamento dell'amministrazione della pubblica sicurezza;

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3

Art. 1. Art. 2. Art. 3 1 ATTO DI ORGANIZZAZIONE RELATIVO ALLA SCUOLA REGIONALE DI POLIZIA LOCALE ED ALL OSSERVATORIO REGIONALE DI POLIZIA LOCALE DI CUI ALLA L.R. 2 AGOSTO 1997, N. 83 (Approvato con DGR n. 883 del 10.10.2001

Dettagli

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia per la Cgil Segreteria Nazionale

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia per la Cgil Segreteria Nazionale Prot. nr. 151/P/2013 Al Dipartimento della P.S. Ufficio per le Relazioni Sindacali R O M A Oggetto: Servizi ippomontati e cinofili della Polizia di Stato. Bozza di regolamento di attuazione ex art. 8 del

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI E PREMESSO 1. che l'art. 1, comma 1, del Codice della Strada prevede che "la sicurezza

Dettagli

CORRERE IN SICUREZZA

CORRERE IN SICUREZZA CORRERE IN SICUREZZA PROGETTO CORRERE IN SICUREZZA Codice della Strada Le figure in corsa Vetture in corsa Comportamento dei corridori La Federazione Ciclistica Italiana CODICE DELLA STRADA Il Codice della

Dettagli

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Indice Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Premessa... «17 La criminalità organizzata nel mondo...» 20 Stati Uniti Cosa Nostra...» 22 Cina - Le Triadi...» 24 Cina - I Tong...»

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBliCA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER GLI AFFARI GENERALI DELLA POLIZIA DISTATO

DIPARTIMENTO DELLA PUBBliCA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER GLI AFFARI GENERALI DELLA POLIZIA DISTATO DIPARTIMENTO DELLA PUBBliCA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER GLI AFFARI GENERALI DELLA POLIZIA DISTATO Prot.559/C/6/37 Roma, 2 9 OIC. 2015 Oggetto: Conferimento premi di studio ai figli ed agli orfani

Dettagli

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini.

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA COMUNITÀ EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI DA UN LATO, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL ALTRO, PER LOTTARE CONTRO LA FRODE

Dettagli