Società della Conoscenza e sviluppo sostenibile: le ICT finalizzate all efficienza energetica.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Società della Conoscenza e sviluppo sostenibile: le ICT finalizzate all efficienza energetica."

Transcript

1 Provincia Autonoma di Trento Servizio Rapporti Comunitari e Sviluppo Locale Stage presso l Ufficio per i Rapporti con l Unione Europea Bruxelles Società della Conoscenza e sviluppo sostenibile: 12/05/08 01/08/08 Bruxelles Dott.

2 INDICE -INTRODUZIONE...4 -I. IL QUADRO EUROPEO DI RIFERIMENTO...9 -I.1 i2010 Una società europea dell informazione per la crescita e l occupazione I.1.1 i2010 Mid-term review I.2 Competitiveness and Innovation Framework Programme I.3 Il Settimo Programma Quadro I.3.1 ICT Work Programme I.3.2 European Technology Platforms e Joint Technology Initiatives I.4 Sustainable Development Strategy I.4.1 L Energy Efficiency Action Plan e il Piano SET II. ICT, SVILUPPO SOSTENIBILE ED EFFICIENZA ENERGETICA II.1 ICT ed efficienza energetica: il punto di vista europeo II.2 La Comunicazione della Commissione Europea COM (2008) 241 del 13/05/ II.3 Studi e analisi riguardanti le ICT finalizzate all efficienza energetica II.3.1 Il report dell AeA Europe II.3.2 Il report Smart 2020: Enabling the Low Carbon Economy in the Information Age

3 -II.3.3 Conferenze III. PROGETTI IN AMBITO EUROPEO III.1 Il Sesto Programma Quadro III.1.1 HYCON III.1.2 TEAHA III.1.3 Iniziativa Concerto III.1.4 Iniziativa Eco-Buildings III.1.5 INTECO BUILD III.1.6 InPro III.1.7 Smart-Eco III.2 Il Settimo Programma Quadro III.2.1 AIM III.2.2 AmI-MoSES III.2.3 BE AWARE III.2.4 E4U III.2.5 Genesys III.2.6 IntUBE III.2.7 Pobicos III.2.8 REEB III.2.9 SmartHouse/SmartGrid IV. CONCLUSIONI IV.1 Finanziamenti e Call IV.2 Prospettive per l UE e la Provincia Autonoma di Trento RIFERIMENTI WEB

4 INTRODUZIONE Le peculiarità della cosiddetta Knowledge Age si riflettono in ogni ambito della società odierna. Non è più possibile parlare di fenomeno in via di affermazione. Le tecnologie dell informazione e della comunicazione (Information Communication Technologies-ICT), gli sviluppi dei protocolli Internet, la diffusione di nuovi servizi elettronici riguardano ogni settore della nostra realtà e hanno profondamente modificato abitudini e sistemi consolidati. Tutti questi cambiamenti, dai teorici spesso definiti rivoluzione digitale, vengono inquadrati in una prospettiva globale di sviluppo sociale e miglioramento delle condizioni di vita dell uomo. L applicazione delle ICT ad ambiti quali la medicina, l istruzione, la politica, l economia hanno indotto a parlare di svolta epocale, di democratizzazione dei processi decisionali, di immaterialità della cultura e di apertura e libertà. In parte le previsioni di tecnici e studiosi si sono avverate, spesso l applicazione pratica delle nuove tecnologie ha portato un valore aggiunto al servizio e alla società in toto. I passi più rilevanti si sono compiuti nella digitalizzazione dei servizi pubblici (vedi Pubblica Amministrazione), nella diffusione di Internet e degli elementi che lo caratterizzano (immaterialità e pluralità dei contenuti; strumenti Web 2.0; miglioramento della banda larga; ecc.) e nel settore economico, mentre elearning, edemocracy, ehealth e telelavoro sono ancora in una fase di sviluppo e consolidamento. In generale, il fattore decisivo riscontrabile oggi è certamente l accresciuta consapevolezza delle rivoluzionarie potenzialità delle ICT e delle conseguenti ripercussioni benefiche sulla società. Per contro permangono, anche se attenuate, le previsioni e i pareri negativi che hanno, fin dall esordio della rete di reti, profetizzato catastrofiche conseguenze per privacy e libertà dell individuo. Ad uno sguardo più attento comunque è possibile individuare i progressi, anche concettuali, che caratterizzano questa fase di maturazione della Società dell Informazione. Sia a livello locale che nazionale i singoli Stati hanno, negli ultimi 4

5 anni, investito energie e fondi nello sviluppo e diffusione delle nuove tecnologie, nel tentativo di cogliere le opportunità offerte e istruire la società ai cambiamenti in atto. Gli stessi Paesi in via di sviluppo guardano con attenzione alle ICT come motore di progresso sociale ed economico, nella speranza che le tecnologie dell informazione e della comunicazione possano giocare un ruolo decisivo nel presente e nel futuro. A questo riguardo bisogna metter in luce anche l altra faccia della medaglia: il cosiddetto digital divide. Il divario digitale che si viene a creare tra chi può accedere e usufruire degli strumenti della Società della Conoscenza e chi invece rischia di rimanerne escluso per motivi legati al genere, all età, alla collocazione geografica o alla condizione economica, può addirittura aggravare in maniera determinante le già profonde disuguaglianze sociali che caratterizzano i diversi Paesi. Al pari delle rivoluzioni industriali del XVIII e XIX secolo e degli altri cambiamenti epocali che hanno segnato la storia dell uomo, le opportunità offerte dallo sviluppo di nuove dinamiche e tecnologie risultano decisive tanto in senso positivo quanto in senso negativo. Poter accedere e usufruire dei progressi che vanno affermandosi si rivela essere motore di sviluppo, mentre restarne esclusi comporta l acuirsi di problemi esistenti e del divario tra Stati. Proprio per tali implicazioni vari Paesi, organizzazioni internazionali e istituzioni si stanno impegnando da tempo per promuovere la diffusione di infrastrutture e strumenti delle ICT in Stati in via di sviluppo (per esempio si è pensato a computer molto economici dotati di software open source e gratuiti). A livello di Unione Europea le sfide e le opportunità della Società della Conoscenza sono state colte appieno e da diverso tempo le istituzioni comunitarie mostrano di avere un occhio di riguardo per il settore delle ICT. In generale fin dagli anni ottanta si è iniziato a prendere in considerazione le nuove tecnologie, allora in una fase di sviluppo decisiva, come strumenti atti a favorire il progresso economico e sociale. In un testo comunitario, il Libro bianco del 1993 Crescita, Competitività e Occupazione (presentato da Jacques Delors), si trova il primo riferimento alla Società dell Informazione, termine che doveva sostituire il concetto di autostrade dell informazione in voga negli Stati Uniti. L anno seguente viene elaborato il primo Piano d azione ad essa diretto, A Europe s way to the Information Society, e lanciata 5

6 l Iniziativa Interregionale per la Società dell Informazione (IRIS). In seguito si sono predisposti diversi Libri verdi: Vivere e lavorare nella Società dell Informazione, priorità alla dimensione umana (1996); Convergenza delle Telecomunicazioni, dei Media e della Tecnologia dell Informazione (1997); L Informazione nel settore pubblico (1999). A livello di organizzazione europea, nel 1999 venne istituita la Direzione Generale Società dell Informazione, che dal 2002 ha assunto nuove competenze e la denominazione di DG Società dell Informazione e Media. Questo percorso ha condotto ad una presa di coscienza delle opportunità collegate allo sviluppo delle ICT. A partire dal Consiglio Europeo di Lisbona del 2000, in cui si è definito il noto obiettivo di rendere l economia europea la più competitiva al mondo entro il 2010, la politica comunitaria riguardante la Società dell Informazione si è articolata tramite Piani d azione organici. Nel giugno 2000 viene infatti adottato il Piano d azione globale eeurope 2002, con tre obiettivi specifici: favorire un accesso più economico, rapido e sicuro a Internet; investire nelle risorse umane e nella formazione; promuovere l utilizzo di Internet. Nel corso del 2002 tale Piano è stato integrato con eeurope 2005, che aveva come priorità la diffusione di servizi pubblici in rete (attraverso appositi programmi di egovernment, elearning e ahealth) e l accesso ad Internet tramite banda larga. Attualmente è in corso l iniziativa i2010-una Società dell Informazione europea per la crescita e l occupazione, predisposta nel giugno 2005 con quattro obiettivi principali: creazione di uno Spazio Unico Europeo dell Informazione; innovazione e investimento nella ricerca; inclusione, miglioramento dei servizi pubblici e della qualità della vita; governance dello sviluppo. La Società della Conoscenza ha rapidamente guadagnato attenzione e ora si trova al centro di politiche di sviluppo, finanziamenti e piani organizzativi per il futuro. Le opportunità offerte dalle ICT rappresentano spesso la soluzione a problemi, limiti o inefficienze che si presentano in diversi ambiti. Attualmente la sfida più grande che la nostra società si trova ad affrontare riguarda la tematica ambientale. I cambiamenti climatici che minacciano il nostro pianeta, insieme alla sempre più precaria condizione di risorse naturali e qualità dell ambiente, stanno prepotentemente mostrando l urgenza di interventi drastici e mirati. Negli ultimi anni si è diffusa una consapevolezza crescente della necessità di una 6

7 strategia globale e coordinata di sviluppo sostenibile. Tale processo abbisogna sia di politiche di incentivo per la ricerca sulle nuove fonti energetiche, sia di iniziative tese a ridurre i consumi e migliorare l efficienza dei sistemi esistenti. La tutela dell ambiente e la predisposizione di un modello economico dinamico e sostenibile rappresentano delle assolute priorità per governi e istituzioni. L Unione Europea promuove fortemente politiche mirate a tali obiettivi, sia attraverso finanziamenti diretti sia tramite la creazione di programmi di ricerca e progetti dimostrativi. Le sfide che la nostra società deve affrontare dal punto di vista ambientale hanno indotto l identificazione di alcuni punti critici da superare e la determinazione di finalità specifiche da raggiungere. L UE, in particolare, si è prefissata tre obiettivi molto ambiziosi da conseguire entro il 2020: riduzione del 20% delle emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990; 20% di energia prodotta da fonti rinnovabili; riduzione del 20% del consumo energetico europeo comparato alle proiezioni attuali per il Per poter rispettare questi impegni le istituzioni europee hanno predisposto numerosi programmi e iniziative che mirano a promuovere la ricerca, l eco-innovazione e in generale lo sviluppo sostenibile. In tale ambito rientrano, come si approfondirà nel seguente dossier, anche le tecnologie dell informazione e della comunicazione. Attualmente infatti è abbastanza diffusa la consapevolezza sul valore delle ICT per numerosi ambiti della nostra società, ma la loro applicazione per affrontare le sfide ambientali sono ancora in parte in ombra. Spesso parlando della Società dell Informazione si omette di considerare le opportunità offerte all ambito dell efficienza energetica e dello sviluppo sostenibile. Per contro si riscontrano opinioni che sottolineano il crescente consumo di energia da parte del comparto ICT, senza considerare il rispettivo risparmio che tali tecnologie possono comportare. Nel corso del presente dossier si prenderà in considerazione l applicazione di strumenti della Società dell Informazione che possano contribuire a raggiungere gli obiettivi che l UE si è prefissata. A tale riguardo si procederà ad illustrare il quadro europeo di riferimento, al quale farà seguito una presentazione delle varie opportunità connesse alle ICT per lo sviluppo sostenibile della nostra società. Con l obiettivo di approfondire questo argomento, si illustreranno anche i progetti portati a termine e quelli 7

8 attualmente in corso riguardanti le tecnologie dell informazione e della comunicazione finalizzate all efficienza energetica. Il presente lavoro deriva direttamente dalla constatazione del particolare interesse che tali applicazioni possono rivestire per la Provincia Autonoma di Trento e per il relativo Distretto Tecnologico, che attualmente sta puntando proprio sullo sviluppo di soluzioni per migliorare l efficienza energetica negli edifici. Nel determinare l argomento di questo dossier, inoltre, hanno influito anche altre due considerazioni. In primo luogo, va palesandosi l attenzione crescente rivolta a questo particolare ambito di utilizzo delle ICT, che nel prossimo futuro risulterà determinante per la sostenibilità dello sviluppo europeo. In secondo luogo, le indicazioni a riguardo espresse da Viviane Reding, Commissario europeo per la Società dell Informazione, dimostrano che le tecnologie dell informazione sono al centro delle prospettive di innovazione dell Europa, anche dal punto di vista della sostenibilità ambientale. 8

9 I. IL QUADRO EUROPEO DI RIFERIMENTO L Unione Europea fin dai primi anni novanta ha operato attivamente nel tentativo di promuovere lo sviluppo e la diffusione della tecnologie dell informazione e della comunicazione. Nell introduzione al presente dossier si è già ricordato il percorso seguito nella predisposizione delle norme di indirizzo in materia. A partire dal Libro bianco del 1993, presentato da Jacques Delors, le istituzioni comunitarie hanno elaborato regolamenti e piani d azione dettagliati tesi a fondare una strategia comunitaria in materia di ICT. Nel corso degli anni novanta si sono predisposti dei Libri verdi che hanno segnato la strada europea verso la Società dell Informazione: Vivere e lavorare nella Società dell Informazione, priorità alla dimensione umana (1996); Convergenza delle Telecomunicazioni, dei Media e della Tecnologia dell Informazione (1997); L Informazione nel settore pubblico (1999). Nel 1999, inoltre, viene istituita la Direzione Generale Società dell Informazione, che dal 2002 ha assunto nuove competenze e la denominazione di DG Società dell Informazione e Media. Il Consiglio Europeo di Lisbona del marzo 2000 ha segnato la politica europea fissando l obiettivo di "rendere l economia europea la più competitiva al mondo entro il 2010". Le ICT rientrano appieno in tali linee direttive, rappresentando un fattore essenziale di sviluppo economico e sociale. Con il nuovo millennio e l entrata delle nuove tecnologie nella fase di maturazione, la politica comunitaria in materia si è articolata in una serie di Piani d azione dettagliati con obiettivi precisi e relativi budget di riferimento. Il percorso per la stesura di tali linee d azione è iniziato nel dicembre 1999, quando l allora Presidente della Commissione Romano Prodi ha presentato una comunicazione relativa alla stesura di un primo Piano d Azione, definito eeurope: una Società dell Informazione per tutti. 1 1 Il documento eeurope An Information Society for All è rintracciabile all indirizzo Internet 9

10 In questo documento si sottolineava quanto il passaggio all'economia digitale basata sulla conoscenza rappresentasse un importante fattore di crescita, di competitività e di moltiplicazione dei posti di lavoro. Si metteva in luce, inoltre, come questa intervenisse a migliorare la qualità di vita dei cittadini e l'ambiente. Nel giugno 2000 viene di conseguenza predisposto il Piano d azione globale eeurope 2002, 2 comprendente una serie di finalità da raggiungere con la collaborazione degli Stati membri. I tre obiettivi principali indicati nel documento erano: favorire un accesso più economico, rapido e sicuro a Internet; investire nelle risorse umane e nella formazione; promuovere l utilizzo di Internet. Successivamente tale iniziativa è stata integrata dal Piano eeurope+ 3 dedicato appositamente ai Paesi candidati all ingresso nell Unione Europea. A questo primo Piano d azione in materia di ICT ha fatto seguito, nel maggio 2002, quello denominato eeurope In particolare, le priorità individuate riguardavano due elementi: la predisposizione di servizi pubblici in rete (con programmi specifici di egovernment, elearning e ehealth); la diffusione dell accesso a Internet tramite la banda larga e lo sviluppo di un adeguata infrastruttura di protezione dell informazione. Tale Piano d azione era sostenuto finanziariamente dal Progetto Modinis, i cui scopi erano monitorare l attuazione del programma eeurope 2005 da parte degli Stati membri, incentivare la diffusione di buone prassi, condurre analisi e discussioni strategiche e migliorare la sicurezza della rete e delle informazioni. Tutto questo processo ha permesso all UE di promuovere in maniera proficua le potenzialità offerte dalle ICT, cercando contemporaneamente di favorire lo sviluppo di ulteriori nuovi servizi. Tale progresso tecnologico, infatti, deve andare di pari passo con un adeguata alfabetizzazione informatica e una costante ricerca tramite progetti e sperimentazioni. 2 Il documento eeurope 2002-An Information Society for All è rintracciabile all indirizzo Internet 3 Il testo di eeurope+ è consultabile all indirizzo Internet 4 Il documento eeurope 2005 è rintracciabile all indirizzo Internet it.pdf 10

11 I Piani d azione qui sommariamente illustrati hanno posto le basi per l attuale politica comunitaria sulla Società della Conoscenza. Nel giugno del 2005 la Commissione Europea ha presentato i2010 Una società europea dell informazione per la crescita e l occupazione. I.1 i2010 Una società europea dell informazione per la crescita e l occupazione Nel 2005 i Piani d azione illustrati nel paragrafo precedente terminarono, con l eccezione di alcuni programmi specifici che, tramite costanti aggiornamenti, sono stati prolungati nel tempo (per esempio elearning è poi sfociato nell attuale Life Long Learning Program, mentre eten è terminato nel 2006). Nel giugno 2005 la Commissione Europea ha predisposto una comunicazione alle varie istituzioni europee per lanciare la nuova iniziativa denominata i2010 Una società europea dell informazione per la crescita e l occupazione. 5 Nel preambolo a tale documento si ritrovano le motivazioni e le finalità connesse al nuovo programma europeo. Viene infatti messo in evidenza che la convergenza digitale richiede la convergenza delle politiche e la volontà di adattare, ove necessario, i quadri normativi per renderli coerenti con l economia digitale emergente. 6 La Commissione quindi si propone di attuare il quadro strategico i2010 (società europea dell informazione 2010) che definisce gli orientamenti strategici di massima, promuove un economia digitale aperta e competitiva e conferisce alle TIC un ruolo di primo piano nella promozione dell inclusione e della qualità della vita. 7 5 Il sito Internet dell iniziativa i2010 è 6 Introduzione alla Comunicazione della Commissione Europea COM (2005) 229 def. del 01/06/05 i2010 Una società europea dell informazione per la crescita e l occupazione. Testo disponibile all indirizzo Internet 7 Ibidem 11

12 La nuova iniziativa comunitaria riguardante la promozione delle ICT si colloca nel generale rilancio della cosiddetta Strategia di Lisbona, che proprio nella primavera del 2005 è stata rinnovata e focalizzata sulla crescita economica e sull occupazione. Gli obiettivi esplicitamente indicati per i2010 riguardano tre punti precisi: 1) creare uno spazio unico europeo dell informazione; 2) rafforzare l innovazione e gli investimenti nella ricerca sulle ICT per promuovere crescita e occupazione; 3) porre le basi per una società europea dell informazione basata sulla inclusione, che stimoli una crescita economica e sociale coerente con uno sviluppo sostenibile. In particolare il primo obiettivo è stato predisposto per favorire le comunicazioni a banda larga a costi accessibili, la sicurezza dei contenuti e la creazione di servizi digitali. A questo è direttamente collegata la valorizzazione dell interoperabilità dei dati, in particolare per la gestione dei diritti digitali. Il secondo punto definisce le priorità della Commissione nell ambito dell innovazione nelle ICT. L attenzione viene focalizzata sulla ricerca strategica nei settori in cui il valore aggiunto europeo è maggiore e nei quali l impatto sulla crescita e l occupazione risulta più rilevante. L ultimo obiettivo è invece diretto a favorire l inclusione nella Società dell Informazione, tramite servizi di elevato valore e la promozione della qualità della vita dei cittadini. In tale ambito rientrano varie iniziative prettamente dedicate all einclusion, eaccessability, egovernment, ehealth. Inoltre si fa riferimento alla promozione delle cosiddette Flagship Initiative, dei progetti modello tesi a sfruttare le potenzialità delle ICT nei settori dei trasporti, della tutela del patrimonio culturale, dello sviluppo sostenibile e dei servizi agli anziani. Attualmente le Flagship Initiative attivate sono: Intelligent Car ; Ageing Well in the Information Society ; European Digital Libraries. Di particolare interesse per l argomento trattato nel presente dossier risulta la previsione di attivare una nuova Flagship Initiative per le ICT e lo sviluppo sostenibile. L obiettivo è accelerare l adozione e lo sviluppo di soluzioni basate sulle tecnologie dell informazione e della comunicazione per favorire uno sviluppo sostenibile. Questo 12

13 ambito applicativo delle ICT, come analizzeremo anche nel prosieguo del dossier, si afferma come contributo essenziale alla generale Strategia Europea di Sviluppo Sostenibile, all Agenda di Lisbona e al Piano d azione europeo su risorse ed efficienza energetica. Le priorità della Commissione Europea a riguardo, per il periodo , sono contenute nella comunicazione del 13 maggio 2008 Affrontare la sfida dell efficienza energetica con le tecnologie dell informazione e della comunicazione, che verrà illustrata nel secondo capitolo del presente dossier. L iniziativa europea i2010 è stata predisposta per organizzare, nel corso dei cinque anni in cui rimarrà attiva, la promozione delle ICT in diversi ambiti in maniera coerente e dettaglia. L attuazione dei vari programmi correlati e l avanzamento dei progetti vengono valutati attraverso dei report annuali. I.1.1 i2010 Mid-term review 2008 Attualmente i2010 si trova a metà del suo percorso attuativo e proprio quest anno si è tenuta una valutazione complessiva a riguardo. Il 17 aprile 2008 la Commissione Europea ha stilato una comunicazione definita Preparare il futuro digitale dell Europa. Riesame intermedio dell iniziativa i2010. In tale documento viene attentamente analizzata l attuazione dei programmi di i2010, con l intento di individuare i punti di forza e le criticità su cui rafforzare l intervento. La valutazione della Commissione mette in evidenza gli importanti passi avanti compiuti nella direzione di una Società dell Informazione europea, ma evidenzia che per quanto metà degli Stati membri abbiano rafforzato le politiche in materia di R&S e di TIC, numerose regioni dell UE sono in ritardo nell adozione delle TIC. 8 A questo riguardo viene posto l accento sulla necessità di accelerare ulteriormente la diffusione 8 Comunicazione della Commissione Europea COM (2008) 199 def. del 17/04/08 Preparare il futuro digitale dell Europa. Riesame intermedio dell iniziativa i2010, pag.4. Il testo completo del documento della Commissione Europea è disponibile all indirizzo Internet 13

14 della banda larga, sfruttando anche le possibilità offerte dalla tecnologia wireless per raggiungere le zone rurali. Per quanto riguarda lo spazio unico europeo dell informazione, uno dei principali obiettivi di i2010, si riscontrano delle difficoltà nel coordinamento tra diversi Paesi. La frammentazione della normativa tra i 27 Stati membri, anche per quanto riguarda l attuazione dei rimedi, rischia di diventare un grave ostacolo allo sviluppo del mercato unico e potrebbe bloccare lo sviluppo di servizi paneuropei. 9 La Commissione si augura, a tal proposito, che la libera circolazione della conoscenza e dell innovazione sia elevata a quinta libertà del mercato interno europeo. Per quanto concerne il secondo obiettivo di i2010, la promozione dell innovazione e degli investimenti nella ricerca sulle ICT, si mette in luce l attenzione degli Stati membri per il settore delle nuove tecnologie (più del 14% degli investimenti finanziati con i fondi strutturali nel periodo è dedicato allo sviluppo tecnologico e all innovazione). Nonostante ciò, comunque, l obiettivo del 3% del PIL investito nella ricerca entro il 2010 resta ancora decisamente lontano. Per migliorare le attività in questo ambito la Commissione vuole promuovere il lancio di iniziative tecnologiche congiunte e le piattaforme tecnologiche europee, incoraggiando la cooperazione. Inoltre il documento in esame ricorda il ruolo essenziale del settore pubblico come primo acquirente di innovazione. In particolare, nell interesse del presente dossier dedicato all applicazione delle ICT allo sviluppo sostenibile, è necessario mettere in evidenza come all interno del i2010 Mid-term review si preannuci la pubblicazione di una comunicazione della Commissione appositamente indirizzata alle ICT per l efficienza energetica (si affronterà in seguito l analisi della comunicazione del 13/05/08). In merito al terzo obiettivo dell i2010, la Commissione sottolinea che l iniziativa einclusion crea un quadro strategico per incoraggiare la partecipazione effettiva dei gruppi a rischio di esclusione e per migliorare la qualità della vita mediante l uso delle TIC, una tematica, quest ultima, al centro delle iniziative di punta dell i2010 (...) che sono diventate linee politiche a pieno titolo. 10 Per conseguire tali finalità è necessario 9 Ivi, pag.7 10 Ivi, pag.11 14

15 predisporre finanziamenti e progetti mirati alla creazione di accessibilità e di un ampia alfabetizzazione informatica. Per quanto riguarda la fruizione dei contenuti digitali, inoltre, viene messo in luce il lancio del programma Safer Internet dedicato alla tutela dei minori e alla lotta contro i contenuti illegali. Terminando quest analisi del documento Preparare il futuro digitale dell Europa. Riesame intermedio dell iniziativa i2010, è necessario un accenno alle conclusioni finali dello stesso. La Commissione in definitiva conferma il valore dell iniziativa i2010 come quadro di riferimento per le politiche sulla Società dell Informazione, ma sottolinea che bisogna promuovere ulteriormente la competitività e la diffusione delle ICT in Europa. In proposito, nel periodo la Commissione elaborerà anche un programma a lungo termine per le politiche in materia di società dell informazione e di media e preparerà una valutazione del contributo complessivo delle TIC ai risultati economici dell Europa. 11 I.2 Competitiveness and Innovation Framework Programme All interno della strategia generale europea sulle ICT, predisposta tramite l iniziativa i2010, si trovano diversi strumenti e programmi. Uno degli ambiti verso cui vengono indirizzati i maggiori finanziamenti è quello definito dal Competitiveness and Innovation Framework Programme (CIP). 12 Il programma quadro su competitività e innovazione si estende per il periodo ed è diviso in tre programmi operativi: 1) Entrepreneurship and Innovation Programme (EIP); 2) Information Communication Technologies Policy Support Programme (ICT PSP); 3) Intelligent Energy Europe (IEE); Il primo riguarda principalmente il settore delle PMI, offrendo strumenti e fondi diretti all innovazione nelle imprese. In particolare tale programma è orientato alle eco- 11 Ivi, pag Il sito Internet del programma è 15

16 innovations, prodotti e processi che contribuiscono allo sviluppo sostenibile (applicazioni commerciali di conoscenze che possono avere un effetto diretto o indiretto sul miglioramento dell ambiente). Il secondo punto, ICT PSP, corrisponde alla predisposizione di un programma di supporto alle politiche europee riguardanti le ICT. Il budget previsto per il periodo ammonta a 730 milioni e le finalità indicate riprendono gli obiettivi sia della strategia integrata i2010 sia delle precedenti iniziative e-ten, e-content e Modinis. In particolare, lo scopo di ICT PSP è quello di promuovere e supportare la diffusione delle varie applicazioni delle tecnologie dell informazione e comunicazione. Gli obiettivi, quindi, che ricadono in tale ambito sono: -sviluppare lo spazio unico europeo dell informazione; -rafforzare il mercato interno europeo per le ICT; -incoraggiare l innovazione tramite investimenti e un maggiore utilizzo delle ICT; -sviluppare una Società dell Informazione più efficiente e servizi in aree di pubblico interesse; -migliorare la qualità della vita dei cittadini; Il terzo programma del CIP è l Intelligent Energy Europe (IEE), che è prettamente indirizzato a promuovere delle politiche collegate allo sviluppo sostenibile. Le priorità principali dell IEE sono: -sostenere l efficienza energetica e un uso razionale delle risorse energetiche; -promuovere risorse nuove e rinnovabili e la diversificazione energetica; -incentivare l efficienza energetica e le nuove fonti nel settore dei trasporti; In generale il CIP offre delle ottime opportunità per tutte le iniziative che riguardano l innovazione. Per la materia oggetto del presente dossier risultano particolarmente interessanti l ICT PSP e l IEE. Il primo offre un supporto alle varie iniziative coordinate all interno della strategia i2010, proponendo finanziamenti a progetti riguardanti la promozione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione. All interno di questa categoria sono ricompresi anche i programmi che intendono favorire le applicazioni delle ICT per lo sviluppo sostenibile e il miglioramento della qualità della vita. 16

17 L Intelligent Energy Europe, invece, riguarda più da vicino il tema dell efficienza energetica, ambito nel quale possono e devono essere utilizzate le ICT. Proprio a tale riguardo sono in corso diversi progetti per incentivare la ricerca e la sperimentazione di nuove tecnologie dell informazione che rendano intelligente la gestione, la fornitura e l utilizzo dell energia. Un esempio delle iniziative che si sono attivate nell ambito del programma Intelligent Energy Europe, è la campagna Sustainable Energy Europe (Campagna Energia Sostenibile per l Europa-SEE) 13 per modificare la prospettiva sull energia. L obiettivo della campagna è accrescere la consapevolezza e promuovere la produzione e l utilizzo di energie rinnovabili tra organizzazioni, autorità locali, società private e associazioni dell industria. Come verrà ampiamente discusso nel corso di questo dossier, per riuscire a conseguire gli obiettivi europei in materia di sviluppo sostenibile è essenziale promuovere l applicazione delle ICT anche in questo campo. I programmi qui presenti, alcune recenti iniziative dell EU e vari interventi della Commissione Europea hanno infatti messo in luce la necessità di conferire maggiore attenzione alle ICT dedicate all efficienza energetica. I.3 Il settimo programma quadro Il Seventh Framework Programme (FP7) 14 dell Unione Europea è l ultimo programma di ricerca comunitario. Questo fa seguito ai precedenti periodi di programmazione, è entrato in vigore nel 2007 e durerà fino al I programmi quadro europei sono il principale strumento comunitario in materia di finanziamento della ricerca e dello sviluppo tecnologico. Al suo interno ricadono tutte le iniziative e i programmi attivati nei diversi ambiti di interesse dell EU. Il budget totale previsto per i sette anni di 13 Maggiori informazioni sulla campagna SEE sono disponibili all indirizzo Internet 14 Il sito Internet dedicato al FP7 si trova all indirizzo 17

18 validità del FP7 ammonta a circa 50 miliardi e viene suddiviso tra le quattro macroaree del programma: 1)Cooperation: categoria dedicata al finanziamento di progetti di ricerca improntati alla creazione della leadership europea in dieci ambiti chiave. A questa macroarea viene dedicato circa il 64% del budget totale (circa 32,4 miliardi ) e tramite esso si incentiva la cooperazione tra enti e organizzazioni che lavorano oltre i confini dei singoli Stati membri. Gli ambiti che ricadono all interno della Cooperazione sono: -Salute (19%); -Agricoltura, prodotti alimentari, pesca e biotecnologie (6%); -Tecnologie dell informazione e della comunicazione (28%); -Nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione (11%); -Energia (7%); -Ambiente (6%); -Trasporti (13%); -Scienze socio-economiche e umanistiche (2%); -Sicurezza; -Spazio; Come si può chiaramente notare il settore delle ICT è quello a cui vengono dedicati i maggiori finanziamenti, che ammontano a circa 9,1 miliardi. 2)Capacities: è dedicato allo sviluppo delle infrastrutture per la ricerca e al miglioramento del loro utilizzo, promuovendo la condivisione di conoscenza e stimolando il potenziale innovativo dell Unione Europea. A tale ambito è destinato circa il 9% del budget del FP7 (circa 4,1 miliardi ) e comprende anche il settore delle einfrastructures in cui ricadono alcune applicazioni ICT (vi sono dedicati circa 600 milioni ). 3)Ideas: a questa categoria l UE riserva circa il 15% del budget del FP7 (circa 7,5 miliardi ). I finanziamenti vengono gestiti direttamente tramite il Consiglio Europeo della Ricerca e sono diretti al settore delle ricerche ad alto rischio. 4)People: questa categoria comprende le attività volte a supportare l apprendimento, la mobilità e la carriera dei ricercatori europei e assorbe circa il 9% del budget (circa 4,7 miliardi ). 18

19 Alle quattro macroaree principali viene dedicata la maggior parte del budget, mentre la percentuale restante, circa il 3%, è destinata al finanziamento di alcune attività del Joint Research Centre. I Programma Quadro sono il centro della politica europea dedicata alla ricerca e all innovazione. Tramite tale programmazione vengono individuate le priorità e la rispettiva suddivisione dei fondi. A questa operazione organizzativa fa seguito la predisposizione di un dettagliato Work Programme per ogni singola area tematica individuata. La Commissione Europea elabora il Programma di Lavoro specifico per i vari settori presi in considerazione, mettendo in evidenza le sfide su cui concentrarsi e la relativa suddivisione dei fondi assegnati. I Work Programme coprono una programmazione corrispondente a un periodo da uno a tre anni. In tal modo è possibile indirizzare gli interventi e i progetti verso finalità precise, agevolando anche il successivo lavoro di valutazione. I.3.1 ICT Work Programme La ricerca e l innovazione nel settore delle tecnologie dell informazione e della comunicazione sono l ambito a cui vengono dedicati i maggiori finanziamenti previsti dal FP7. Il relativo Work Programme, che dettaglia le aree di intervento e le priorità da affrontare, mette in luce l attenzione rivolta alle potenzialità delle ICT in diversi settori. Il Settimo Programma Quadro copre il periodo di programmazione e il primo Programma di Lavoro per le ICT è il Work Programme Il FP7 ha destinato al settore delle ICT circa 9,1 miliardi nell arco dei sette anni di validità della programmazione. Attualmente ci si trova in un periodo a cavallo tra la conclusione del Work Programme e l elaborazione della successiva programmazione relativa al biennio Il testo completo del documento ICT Work Programme è disponibile all indirizzo Internet ftp://ftp.cordis.europa.eu/pub/fp7/ict/docs/ict-wp _en.pdf 19

20 Per quanto riguarda il Programma di Lavoro per le ICT ancora attivo, i finanziamenti europei alla ricerca sono stati focalizzati su sette obiettivi chiave con l intento di rendere l Unione Europea il leader mondiale nel settore delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (l ICT Work Programme ha un budget di oltre 2 miliardi ). Tre di questi riguardano in particolare la leadership industriale, mentre gli altri quattro sono guidati da fattori socio-economici. -Challenge 1: Reti e infrastrutture penetranti e affidabili; -Challenge 2: Sistemi cognitivi, interazione, robotica; -Challenge 3: Componenti, sistemi, ingegneria; -Challenge 4: Librerie e contenuti digitali; -Challenge 5: Assistenza sanitaria sostenibile e personalizzata; -Challenge 6: ICT per la mobilità, la sostenibilità ambientale e l efficienza energetica; -Challenge 7: ICT per l autosufficienza e l inclusione; Per quanto riguarda l argomento trattato nel presente dossier risulta di evidente interesse il Challenge 6, che tratta direttamente l applicazione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione per lo sviluppo sostenibile. All interno dell ICT Work Programme Challenge 6 viene messa in evidenza la necessità di una maggiore spinta nel campo della ricerca sulle ICT applicate alla sostenibilità, in collegamento con i cambiamenti climatici e il bisogno di energia pulita. In particolare, si fa riferimento diretto allo sviluppo di un sistema di trasporti, di un modello produttivo e di consumo sostenibili. Questo processo deve coinvolgere vari stakeholders apparteneti sia al settore privato che a quello pubblico. In proposito la Commissione Europea sottolinea che il principale scenario e banco di prova per attuare i progetti in merito possono essere proprio le singole città e regioni. Per quanto riguarda la ricerca sulle ICT per il settore dei trasporti, come identificato nella Strategic Research Agendas della ERTRAC European Technology Platform e del esafety Forum, deve essere indirizzata proprio alla predisposizione di sistemi intelligenti. Questo significa studiare delle soluzioni ICT ad hoc che possano essere applicate ai veicoli (si veda l Intelligent Car Initiative dell i2010), ai sistemi di trasporto, alla logistica e alla gestione diretta del traffico. Tali interventi, oltre a 20

Piattaforme Tecnologiche Europee (PTE) Ing. Luigi Lombardi MUR Roma 29 marzo 2007

Piattaforme Tecnologiche Europee (PTE) Ing. Luigi Lombardi MUR Roma 29 marzo 2007 Piattaforme Tecnologiche Europee (PTE) Ing. Luigi Lombardi MUR Roma 29 marzo 2007 PTE (costruire la conoscenza per la crescita) Le PTE (massa critica di risorse europee) si concentrano su questioni strategiche

Dettagli

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali ForumPA - Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano flavia.marzano2@unibo.it Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano 1 Ricerca europea? Arrivare al 3% del

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

Fondo Crescita Sostenibile

Fondo Crescita Sostenibile Fondo Crescita Sostenibile AGENDA DIGITALE (G.U. n.282 del 04/12/2014) e INDUSTRIA SOSTENIBILE (G.U. n.283 del 05/12/2014) Il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso operativi due interventi del Fondo

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

L agenda digitale europea

L agenda digitale europea Agenda digitale, alfabetizzazione e competenze digitali: verso un Piano nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali Rosamaria Barrese * L agenda digitale europea L Agenda Digitale

Dettagli

e delle imprese di servizi 2014/2015 Laurea magistrale in Servizio sociale e politiche sociali Fondi e finanziamenti Tipologie di Fondi Fondi pubblici: derivano dall attuazione di obiettivi politici locali

Dettagli

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Realizzare l Unione Energetica europea Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Mappa concettuale della Ricerca Contesto di riferimento : un elemento chiave

Dettagli

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Principali Fonti UE di aggiornamento Eur-Lex Legislazione in vigore e in preparazione a cura dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

Sapere e Saper fare: il Sistema Nazionale di Certificazione delle Competenze e gli orientamenti Europei

Sapere e Saper fare: il Sistema Nazionale di Certificazione delle Competenze e gli orientamenti Europei UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO CONGRESSO NAZIONALE AICA 2013 Sapere e Saper fare: il Sistema Nazionale di Certificazione delle Competenze e gli orientamenti Europei Fisciano, 19 settembre 2013 Rosamaria

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Le Piattaforme Tecnologiche Europee ed Italiane

Le Piattaforme Tecnologiche Europee ed Italiane Le Piattaforme Tecnologiche Europee ed Italiane Ing. Aldo Covello Punto di contatto nazionale per le PTE CAGLIARI 11 dicembre 2006 Cagliari - 11 dicembre 2006 Aldo Covello 1 SOMMARIO Descrizione generale

Dettagli

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici MAYORS ADAPT Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici Webinar, Pratiche di sostenibilità, 30 Aprile 2014 Karl-Ludwig Schibel, Alleanza per il Clima Italia Indice presentazione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE Anna Allodi Rappresentante pro tempore del Cluster Alisei e Direttore Generale CIRM Le Scienze della vita (1/2) Il settore "Scienze

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

INTRODUZIONE AL 7 PQ Spoleto

INTRODUZIONE AL 7 PQ Spoleto INTRODUZIONE AL 7 PQ Spoleto 28 marzo 2007 Renato Fa renato.fa@miur.it Obiettivi politici: rafforzare il ruolo della ricerca UE Obiettivo di Lisbona: diventare la più dinamica e competitiva economia knowledge-based

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

ICT NELLE STRATEGIE A LIVELLO. all applicazione. Susanna LONGO Regione Piemonte Assessorato Innovazione, Ricerca, Industria e Energia

ICT NELLE STRATEGIE A LIVELLO. all applicazione. Susanna LONGO Regione Piemonte Assessorato Innovazione, Ricerca, Industria e Energia ICT NELLE STRATEGIE A LIVELLO EUROPEO, NAZIONALE E REGIONALE Dalla ricerca, all innovazione, all applicazione Susanna LONGO Regione Piemonte Assessorato Innovazione, Ricerca, Industria e Energia Bruxelles

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

Bergamo Smart City. Sustainable Community

Bergamo Smart City. Sustainable Community Bergamo Smart City & Sustainable Community 1 Evoluzione delle Smart Cities nei secoli SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse,

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 Il nuovo piano si basa su quello presentato a marzo 2015, accelerando la creazione di valore nell ambito dei quattro principi fondamentali ed aggiungendone

Dettagli

L Agenda 21 del Comune di Pianezza: insieme per un futuro sostenibile

L Agenda 21 del Comune di Pianezza: insieme per un futuro sostenibile L Agenda 21 del : insieme per un futuro sostenibile L Agenda 21 Locale, come sarà meglio descritto nei paragrafi successivi, è un processo partecipato il cui obiettivo prioritario è quello informare e

Dettagli

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Il settore strategico delle acque: come l innovazione chimica può aumentarne la sostenibilità Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Stefano Toffanin Ferrara, 21 maggio 2010 Quartiere

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane L importanza delle risorse umane per il successo delle strategie aziendali Il mondo delle imprese in questi ultimi anni sta rivolgendo

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

Alcune sfide europee dell innovazione energetica italiana

Alcune sfide europee dell innovazione energetica italiana Alcune sfide europee dell innovazione energetica italiana Prof. Ing. Massimo La Scala Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari Roma, 22 maggio 2014 Key Enabling Technologies

Dettagli

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale Azienda leader nel campo della nutrizione, della salute e del benessere, Nestlé ambisce a migliorare

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Carta di Siracusa sulla Biodiversità

Carta di Siracusa sulla Biodiversità Carta di Siracusa sulla Biodiversità Noi, Ministri dell ambiente del G8 di concerto con i Ministri di Australia, Brasile, Cina, Repubblica Ceca,Egitto,India,Indonesia,Messico,RepubblicadiCorea,SudAfrica,SveziaeconleOrganizzazioni

Dettagli

Innovazione, Ricerca & Finanziamenti Europei

Innovazione, Ricerca & Finanziamenti Europei Innovazione, Ricerca & Finanziamenti Europei Nicoletta Marchiandi Quatraro Camera di commercio di Torino Formazione Poli di Innovazione Mod.1, 14.05.2010 Agenda UNA PREMESSA Stratetgia di Lisbona target

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

P.A. in tema di rinnovabili. Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese

P.A. in tema di rinnovabili. Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese Sinergie i tra aziende private e P.A. in tema di rinnovabili Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese La sfida industriale dell energia rinnovabile Tecnologie a basso impatto ambientale ancora poco competitive

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare PATTO PER L AMBIENTE per la lotta ai cambiamenti climatici e all inquinamento, per un Italia che,

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE RELAZIONE

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE RELAZIONE TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Infoday on Horizon 2020 - Research PPPs on Factories of the Future, Energy-efficient Buildings, Green Vehicles and Sustainable Process Industry 16-17 Dicembre 2013 Commissione

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia:

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Le Province all avanguardia nell innovazione tecnologica! Premesse Lunedì 15 Novembre è stato presentato a

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE SOMMARIO TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE CAPITOLO PRIMO LE ORIGINI DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE 1. Introduzione 1.1 La definizione di società dell informazione 1.2 La Società

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta Richiesta contributi Le regioni partner di THE ISSUE Progetto FP7 e Nereus - Rete delle regioni europee utilizzatrici di Tecnologie Spaziali - richiedono contributi

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia.

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. Oggetto: Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. L Assessore dell Industria ricorda che con la deliberazione della Giunta regionale

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli