journal D N. 5 OTTOBRE 2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "journal D N. 5 OTTOBRE 2012"

Transcript

1 N. 5 OTTOBRE 2012 journal Trasporto intelligente: la mobilità nel 21 secolo D urante un informale pranzo di lavoro, abbiamo l opportunità di assistere alla conversazione tra Piercarlo Ravasio, amministratore delegato di Akhela, e Flavio Bonomi, Cisco Fellow, su smart systems, smart cities, smart grid, intelligent transportation della quale pubblichiamo alcuni stralci. Insomma roba futuribile dalla quale traiamo alcuni interessanti spunti di innovazione tecnologica. Flavio è un valtellinese, un italiano nato in Argentina, cresciuto in Valtellina e residente a Palo Alto, la città intellettuale della Silicon Valley, California. Un Visionary, come dicono gli americani. Ci circondano le viti di Nebbiolo, da cui si produce lo stupendo Grumello Valtellinese, siamo seduti accanto ai resti di un antico castello, circondato dai muri a secco che i nostri nonni hanno costruito nei secoli passati, accumulando con intelligenza pietra su pietra, creando costruzioni con una statica fantastica che ha retto nei secoli, muretti a secco riempiti con pazienza da terra portata a spalla dalla valle sottostante nei gerli intrecciati con i rami giovani del gelso. Niente di più lontano da visioni fantascientifiche in cui i computer invisibili organizzano e facilitano la nostra vita. Ma il Grumello aiuta i due manager a liberare la fantasia. Flavio Bonomi: Ti ricordi Wall-E? Piercarlo Ravasio: Non lo ho visto ma se non sba- Piercarlo Ravasio, amministratore delegato di Akhela I sistemi di trasporto non sono riusciti a evolvere alla stessa velocità con cui si è modificata l urbanistica mondiale, si sono trasformate le abitudini delle persone e sono cambiati i modelli di business. La necessità oggi è avere uno smarter transportation ecosystem permeato di Information and Communication Technology glio è quel film della Pixar dove un robottino pulisce il mondo dai detriti che gli umani avevano lasciato in un globo super inquinato e sporco. Mi pare che poi si innamora della robottina Eve, inviata dagli umani che sopravvivevano in una stazione spaziale a cercare forme di vita biologica sul pianeta ormai morto e alla fine trova un trifoglio. Bonomi: Si proprio quello, ebbene la società umana in quel film aveva ipotizzato un sistema di trasporto intelligente, in cui ogni umano aveva un piccolo sistema intelligente che lo portava dove voleva, tratti in cui viaggiava da solo, sistemi di aggregazione intelligente, una forma di platooning, come quelle studiate alla University of California Los Angeles dal prof Mario Gerla. Io penso che il futuro sarà molto diverso da quello che conosciamo. Penso che forme nuove di sistemi intelligenti si stiano già formando. Ma serve una piattaforma su cui costruire i sottosistemi intelligenti che andranno a formare le smart cities, gli smart grids e tutte le smart-cose di cui stiamo parlando in vari convegni e che si stanno studiando in diversi laboratori di ricerca. Ravasio: Ma gli umani di Wall-E erano tutti grassi! Bonomi: Si ma... le nostre smart cities avranno un sacco di palestre!!! - potenza del Grumello!- Comunque, tornando per un momento seri, Cisco sta definendo una nuova architettura in cui differenti architetture di sistema ottimizzate per la gestione dei molti componenti che formeranno gli smart-system del futuro saranno in grado di interagire e complementarsi per realizzare smart-complex systems. In effetti se osserviamo quello che sta Flavio Bonomi, Cisco Fellow 1

2 succedendo notiamo che si è ormai realizzato il modello del cloud, diversi cloud offrono servizi e applicazioni a un insieme sempre più vasto di utenti, sia consumer sia business o enterprise. Nuove ricerche si stanno orientando a trovare i modi per creare applicazioni federate, applicazioni cioè costituite da componenti sparsi sui vari cloud e coordinate da applicativi che stanno vicini all utente, quasi a costituire una nebbiolina intorno al cloud che ne permette e ottimizza l utilizzo. Quello che in Cisco chiamiamo Fog Computing, e sui cui stiamo lavorando. Reti in cui lo storage e la potenza di calcolo sono messe laddove servono nell architettura complessiva. Potenza di calcolo e storage sono parte integrante dei servizi offerti dalla rete. Infine End-Point-Computing, ovvero la pletora vastissima dei terminali attraverso cui si accede alla rete o attraverso cui la rete assume informazioni: smart phones, tablets, sensori, connected cars. Ravasio: Molto di questo in maniera disintegrata esiste già. Bonomi: Esatto, ma proprio lì sta la grande opportunità da cogliere. Dobbiamo costruire un ecosistema di aziende e utenti che condividano questa visione e che cooperino per realizzare il tessuto connettivo intelligente che permetterà a tutte queste applicazioni sparse, e che oggi risolvono problemi puntuali, di cooperare e interagire in maniera intelligente. Pensa per esempio alla connected car, o ai nuovi meccanismi di driver assistance i cui primi prototipi sono già in circolazione; sono solo l inizio di un cambiamento che io prevedo non lineare. Ci sarà un cambiamento radicale dei sistemi di mobilità personale. Pensa ai costi di real estate necessari per costruire e manutenere parcheggi per macchine sempre più grandi e che stanno ferme tutto il giorno mentre il proprietario è in ufficio. Pensa a come si potrebbe ottimizzare l utilizzo delle fonti discontinue di energia rinnovabile attraverso una rete intelligente, la Smart_Grid su cui Cisco sta lavorando. Una Smart Grid che sappia utilizzare e immagazzinare, magari nelle batteria delle automobili, il surplus di energia che si generà quando soffia forte il vento per utilizzarlo quando c è bonaccia. Ravasio: Quindi qui, mi sembra, tu sei d accordo con Rifkin sul fatto che si sta andando verso un omomorfismo tra la Rete, intendo con essa Internet, e le altri reti di produzione e distribuzione di energia. Condizione questa, secondo Rifkin in cui si può prevedere l inizio di una nuova rivoluzione come sostiene nel suo ultimo libro. Bonomi: Se Rifkin sostiene questo, e io non ho ancora letto il libro che sta tra le centinaia di cose che devo leggere, sicuramente è un osservazione condivisibile. Ravasio: Si, ma Flavio cosa centra Akhela con tutto questo? Bonomi: Vedi, ho trovato nei tuoi collaboratori, nella tua azienda, competenze su Internet of Things, Embedded Software, Sicurezza Informatica e sulla Gestione di Sistemi Complessi che difficilmente si trovano sotto lo stesso tetto in un azienda di piccole dimensioni e quindi flessibile e reattiva. Siete un ottimo candidato a essere un membro stabile dell ecosistema che Cisco sta definendo e costruendo per realizzare gli smart-systems del futuro. Il Grumello mentre chiacchieriamo è evaporato, ritorniamo in città apprezzando la bellezza del borgo medioevale che ci ha accolto e con negli occhi la visione della citta del futuro. Sarà bella come questo borgo antico tra le vigne di Nebbiolo? Connected cars: la mobility e la user experience forzano l innovazione Molto spesso le discontinuità avvengono quando ci sono mondi diversi che collidono. L automotive transportation ha rappresentato un mondo che, fino a pochi anni fa, proseguiva autonomamente per la propria strada con esigenze e dinamiche evolutive specifiche del settore, comprese quelle tecnologiche. Oggi, l aspettativa di chi utilizza le autovetture è profondamente cambiata ed è influenzata da altri mondi che raggiungono l utente e lo seguono anche nella propria auto. Cambia così il modo di progettare le automobili, sempre più invase dall ICT sia per gli ambiti di controllo e sicurezza sia per l informazione e l intrattenimento di conducenti e passeggeri. Ce ne parla Diego Marchioni, Consulente Akhela che opera per supportare le aziende italiane alla ricerca di nuove opportunità nella Silicon Valley. Se pensiamo al fatto che solo pochi anni fa il navigatore satellitare in auto era un accessorio extra, privilegio di pochi utenti, e oggi, invece, possiamo usufruire di mappe aggiornate semplicemente con un telefono cellulare con collegamento 3G, capiamo bene che il servizio di navigazione embedded nell autovettura non è più considerato nemmeno un plus e che il settore dell automotive deve fare passi da giganti per portare della vera innovazione all interno dei veicoli, osserva Marchioni. E non è una scelta; è un passo obbligato. Lo chiedono gli utenti che, fuori dalle proprie auto, vivono già in un mondo fortemente interconnesso e sfruttano la potenza di smartphone e tablet in qualsiasi luogo e momento. Perché dunque non sfruttare tali strumenti anche nelle proprie autovetture?. L automotive è un industria che si muove lentamente, mentre quella del consumer electronics è in fortissima accelerazione e si evolve molto rapidamente. In questa battaglia l auto maker rischia di rimanere indietro, riflette Marchioni. I tempi di progettazione e realizzazione di una macchina sono di circa 5/7 anni; una volta lanciata rimane in produzione per una decina d anni; poi ci sono altri 5/7 anni di gestione dell usato. Un autovettura ha dunque un ciclo di vita che supera i 20 anni; uno smartphone quasi non supera i 20 mesi. Quando sono state progettate le auto di nuova generazione, in circolazione oggi, con le migliori tecnologie disponibili, l iphone, solo per fare un esempio, non esisteva e oggi siamo alla versione 5. È chiaro che la fabbrica dell automobile è stata di gran lunga superata, nell innovazione tecnologica, dalle aspettative degli utenti, abituati a una corsa innovativa molto più frenetica. 2 continua >>

3 >> continua Ma la mobility dell ICT, così come tecnologie dirompenti quali il cloud computing, il social networking e l Internet delle cose, possono rappresentare un nuovo volano d innovazione e riportare le aziende che producono veicoli i driver del cambiamento Rapida espansione della popolazione, crescita dell urbanizzazione, globalizzazione, pervasività dell ICT: questi i quattro fattori principali che Cevidenziano la necessità di cambiamento del sistema globale di trasporto he ci piaccia o no, la globalizzazione è la caratteristica dominante del nostro mondo attuale. Le barriere tra continenti, paesi e città stanno diminuendo sempre più, le ondate di urbanizzazione non sembrano arrestarsi e l accessibilità a mercati, materie prime, servizi, tradizioni e culture, è divenuta ormai piuttosto semplice e rapida. La densità urbanistica, vista a livello mondiale, accelera in un certo senso la globalizzazione economica (i grandi centri urbani, da soli, producono Pil che hanno un notevole impatto sull intera economia mondiale) e sociale (crescono le relazioni tra comunità e Paesi differenti). Ma affinché il fenomeno non diventi un problema e, soprattutto, un fattore di rallentamento del movimento delle persone e delle cose, è necessario che al crescere di tale densità corrisponda un efficiente network globale di trasporto (aereo, ferroviario, stradale, marittimo) strettamente connesso e integrato. È questo il grande tema dell Its, Intelligent Transportation Systems, che negli ultimi anni sta coinvolgendo sempre più massivamente analisti e ricercatori, amministrazioni pubbliche e governi, vendor di diverse industry (Automotive, Telecomunicazioni, Information Technology). Vediamo perché. Frost & Sullivan, in un recente white paper dal titolo A smarter transportation system for the 21st century, sottolinea come i sistemi di trasporto attuali risultino obsoleti rispetto alle esigenze delle persone, sia sotto il profilo personale sia rispetto al business (trasporti di beni e prodotti ma anche spostamenti delle persone per motivi di lavoro): i sistemi di trasporto non sono riusciti ad evolvere alla stessa velocità con cui si è modificata l urbanistica mondiale, si sono trasformate le abitudini delle persone e sono cambiati i modelli di business. La necessità oggi è avere un nuovo ecosistema fondato sull Information & Communication Technology per tutti i global transportation network (aereo, ferroviario, stradale e marittimo). Secondo la società di analisi americana, esistono quattro fattori principali che evidenziano la necessità di cambiamento del sistema globale di trasporto: di trasporto a una nuova fase evolutiva. Ciò che devono fare le aziende del settore spiega Marchioni è introdurre il massimo livello di integrazione dei sistemi embedded tradizionali (che però non significa obsoleti, anzi, tutt altro: basti pensare ai nuovi sistemi di controllo di guida inseriti nel volante oppure con tecnologia touchscreen sul cruscotto di ultima generazione o, addirittura, touch sul parabrezza o sui cristalli) con le nuove tecnologie dell ICT per migliorare l esperienza utente senza però perderne il controllo, ossia continuando a garantire la sicurezza sia del veicolo sia di chi lo guida e di chi viaggia a bordo. Una sfida un po complessa, certamente - conclude Marchioni -, ma è proprio grazie a queste evoluzioni che si consoliderà il mercato dell automotive. I produttori che non saranno in grado di sostenere tale trasformazione attraverso i propri laboratori di ricerca e sviluppo, nonché di progettazione/ produzione e di trovare le vie per nuove alleanze (per esempio con i produttori di software, gli ICT system integrator, ecc.), saranno destinati ad avere un ruolo marginale, se non addirittura a sparire di fronte a un offerta più vicina a ciò che richiedono gli utenti. Diego Marchioni, Consulente Akhela 1) Rapida espansione della popolazione All inizio del 20 secolo, quando sono stati pianificati i principali sistemi di trasporto attuali, la popolazione globale contava approssimativamente 1,6 miliardi di persone. Nel 1950 era già salita a 2,5 miliardi e alla fine del secolo era cresciuta fino ai 6 miliardi di persone: crescita inarrestabile, se pensiamo che alla fine della prima decade del 21 secolo eravamo già a 6,8 miliardi. La crescita della popolazione è stata, in media, dell 1,5% annuo negli ultimi 60 anni e ci si attende che cresca in media dell 1% annuo nei prossimi 20 anni. Secondo alcune stime (Review of Proposals and Alternative Concepts for Significant Systematic Expansions to the U.S. Highway Infrastructure - Cambridge Systematics, March 2007), la domanda dei sistemi di trasporto è destinata a crescere del doppio rispetto alla percentuale di crescita della popolazione. 3

4 2) Crescita dell urbanizzazione L alta densità urbanistica delle città, in crescente aumento, guida la necessità di un next generation transportation ecosystem. Gli studiosi di fenomeni demografici e sociali stimano che si svilupperanno sempre più megacity e mega-metropoli e si formeranno grandi agglomerati cittadini che riuniranno nuove e varie forme di community. In Sud Africa, per esempio, questo sta già avvenendo: Johannesburg e Pretoria stanno confluendo verso una megacity già comunemente nota come Jo-Toria. Le infrastrutture esistenti sono principalmente basate sul sistema stradale del tutto inadeguato allo sviluppo della megacity. San Paolo (Brasile) e Chennai (India), invece, stanno velocemente evolvendo in centri che riuniscono comunità composite ed eterogenee ma i sistemi di trasporto risultano essere una criticità perché non sono in grado di supportare tale evoluzione (queste community hanno spesso difficoltà di movimento per raggiungere i luoghi di lavoro, i centri urbani e le aree commerciali). 3) Globalizzazione La globalizzazione è stata, ed è, un fenomeno inevitabile e inarrestabile e ha avuto effetti diretti sulle aziende, sulle persone, sui governi, ecc. L impatto sui sistemi di trasporto è stata la crescita del traffico aereo, ferroviario, stradale e marittimo che ha consentito alle persone di spostarsi molto più rapidamente da un Paese all altro generando nelle persone aspettative sempre più elevate di velocità, sicurezza e affidabilità. Aspettative che inevitabilmente si riversano anche sui trasporti cittadini nei confronti dei quali le esigenze degli utenti continuano a crescere. È per questo che l evoluzione dei sistemi di trasporto deve andare nella direzione dell alto livello di servizio che deve i sistemi del futuro devono essere smart non solo attraverso una più veloce reattività alle esigenze che si manifestano ma in modo propositivo, anticipando evoluzioni dei contesti (globalizzazione, urbanizzazione, ecc.) e bisogni riguardare la distanza, senz altro, ma anche tutto ciò che c è nel mezzo, per connettere in modo sicuro, affidabile ed efficiente, il punto A al punto B. 4) Pervasività dell ICT Oggi più che mai è evidente lo spread che si è verificato tra l evoluzione dei sistemi di trasporto e quelli It. Sensori e microchip sono ormai inseriti in tutti i sistemi di trasporto e l innovazione tecnologica che ha interessato i trasporti negli ultimi 20 anni è innegabile. Tuttavia, i dati generati da questi sensori non sono ancora sfruttati a pieno (sono perlopiù utilizzati per un più efficace controllo e gestione dei sistemi); l It ha subìto un evoluzione molto più veloce e già oggi consentirebbe di utilizzare i dati raccolti dai sistemi di trasporto in modo più efficace: infotainment, tracking, applicazioni telematiche per i veicoli, real-time scheduling and notification per il trasporto aereo, security monitoring and threat detection per il trasporto dei container, ecc. Smart cities e intelligent transportation Mobilità come trasporto intelligente: servirebbe un po più di creatività, coraggio e tanta tecnologia. Molti progetti di Smart Transportation potrebbero già vedere la luce. Ne sono convinti l amministratore delegato di Akhela e il professor Gerla dell Università California... mart city assume, a seconda della disciplina a cui vogliamo far riferimento, significati diversi e come tutte le nuove keyword è Sdella ambigua e abusata. Innanzitutto dobbiamo definire cos è la City di fronte alla quale mettiamo l accezione smart : è il centro delle città del mondo avanzato o è la nuova megalopoli dei Paesi del terzo mondo? Non spetta certo a me, che sono un tecnologo, dare una definizione di City. Inizia così, con le parole di Piercarlo Ravasio, amministratore delegato di Akhela, un passato a capo della ricerca mondiale di Olivetti, Elsag Bailey (gruppo Finmeccanica) e Italtel, una conversazione informale con uno dei padri di Internet, il professor Mario Gerla, Docente nel dipartimento di Computer Science - Laboratorio di Reti Veicolari presso l Università della California a Los Angeles. Una conversazione che tocca una delle tematiche più calde degli ultimi tempi, quella dei trasporti intelligenti di nuova generazione completamente fondati sull It e, in particolare, sulla rete Internet. a sinistra, Piercarlo Ravasio, amministratore delegato di Akhela a destra, Mario Gerla, Docente nel dipartimento di Computer Science - Laboratorio di Reti Veicolari presso l Università della California a Los Angeles 4

5 Quando pensiamo a una smart city dobbiamo renderci conto del fatto che la città in quanto tale è un concetto altamente dipendente dalla cultura: probabilmente la concezione di città in un borgo del centro Italia o nella periferia di New York o in un Paese del terzo mondo ha una declinazione diversa; il modo di vedere la città dipende dal modo in cui la vivono i cittadini, suppone Gerla. Secondo me oggi la città si sta sempre più configurando come un insieme di periferie, non necessariamente fisiche - interviene Ravasio -. Parlo di periferie culturali: per esempio gli anziani possono essere visti come una periferia; i giovani, gli immigrati, gli immigrati clandestini sono tutte periferie della stessa città. E stanno crescendo inesorabilmente. Il mio sogno legato al concetto di smart city è costruire, attraverso la tecnologia, dei ponti tra queste periferie per riabilitare il tessuto connettivo della città. Un sogno irrealizzabile senza la tecnologia, ma la tecnologia abilitante questo sogno - riflette Gerla - è data dagli smart systems: alcuni già ci sono, altri sono in fase di progettazione e sperimentazione, ma parliamo di innovazione che è già fattibile oggi. Intelligent transportation: veicoli trasportatori di informazioni L Intelligent Transportation è uno dei punti focali nella tematica generale delle smart cities ed è qui che Gerla e Ravasio animano la loro conversazione. Gerla osserva che una delle prime vie che sta seguendo l industria automobilistica è quella dell evoluzione dei veicoli, perchè siano sempre più dei terminali, o meglio, cluster di terminali connessi alla rete per ricevere e trasmettere informazioni. Questa capacità di scambiare in modo intelligente informazioni con l autoveicolo, comporta applicazioni interessanti, riflettono i due visionari, che durante il loro dialogo ipotizzano anche alcuni esempi concreti, già oggi attuabili: Io utente segnalo al sistema inserito nella mia autovettura dove desidero andare; in maniera automatica il sistema calcola il percorso in base ad una serie di parametri più evoluti rispetto alle tradizionali mappe (informazioni su lavori in corso lungo il tragitto, previsioni meteo, segnalazioni di traffico o eventi quali incidenti, manifestazioni pubbliche, incontri politici, ecc.) calcolando così il percorso a me più comodo, secondo i miei desideri o le mie necessità, che può essere quello più veloce ma anche il più breve o quello che fa consumare meno benzina, o quello che mi fa avvicinare alla manifestazione che vorrei vedere o cui vorrei partecipare... Questi sono campi di applicazione che già oggi possiamo vedere precisa Gerla ma è un tipo di tecnologia che lascia inalterati i modelli fondamentali su cui oggi è articolata la mobilità. Se iniziassimo ad applicare le potenzialità tecnologiche in modo più creativo dice con entusiasmo Ravasio potremmo avere dei benefici anche su quest ultimo punto, la mobilità, intesa come trasporto intelligente. E dando spazio alla sua anima di ricercatore e visionario, Ravasio propone una carrellata di idee in chiave smart : la comunicazione tra veicoli associata a sistemi di misura dell affollamento dei mezzi pubblici permetterebbe in tempo reale l eventuale allocazione suppletiva di un bus sulla stessa linea; o la diagnosi 5 La lunga esperienza di Akhela: dai sistemi embedded alle connected cars Tocca a Gino Nuzzi, direttore tecnico dell area che in Akhela si occupa di sviluppare sistemi embedded per il settore automotive, e a due delle persone che lavorano con lui, Luca Garau, Responsabile dello sviluppo software per la sede di Maranello, e Stefania Basciu, TL gruppo Automotive Akhela, spiegare come e perché traguardare il mondo delle connected cars e portare nelle automobili l infotainment sia per Akhela un percorso evolutivo naturale: Conosciamo il mondo dell automotive molto bene perché progettiamo e sviluppiamo da moltissimi anni software per i sistemi elettronici all interno degli autoveicoli spiega Nuzzi e abbiamo seguito, anche attraverso una fortissima azione di ricerca e sviluppo, tutte le evoluzioni dei sistemi, sia che si tratti di body-computing, di Powertrain (controllo motore ibrido ed elettrico, controllo batterie) o di sistemi multimediali di informazione e/o intrattenimento (sistemi di navigazione, multimedia e gestione dei dispositivi, connettività, ecc.). È normale dunque che il passaggio alle connected cars, le cui tecnologie dovranno essere intergate con i sistemi di infotainment, sia per noi il passaggio obbligato verso il quale stiamo già lavorando in sinergia con i team di ricerca e sviluppo. L esperienza sui sistemi embedded ci vede particolarmente forti sotto il profilo delle cosiddette centraline elettroniche (body-computing) spiega Basciu ed in particolare sui sistemi di diagnostica e analisi in essi implementati che consentono di tenere sotto controllo la vettura run time ed ogni suo componente (sistemi elettronici che consentono l invio di informazioni quali pressione olio, temperatura acqua, numero giri motore ecc.). Ma l obiettivo oggi è andare verso sistemi che migliorino l esperienza di guida dell utente spiega Garau tramite servizi che sfruttano il cloud computing, la connettività a banda larga, la mobility intesa come l utilizzo dei dispositivi mobili personali degli utenti all interno delle automobili. Gino Nuzzi, direttore tecnico di Akhela continua >>

6 Luca Garau Responsabile dello sviluppo software per la sede di Maranello >> continua remota di questi permetterebbe di migliorare la qualità del servizio e una più celere soluzione al disguido. Le città moderne hanno dei punti di snodo del traffico pedonale nelle stazioni; un analisi dinamica del flusso dei cittadini in queste situazioni, sebbene fonte di studio degli ultimi anni, non ha mai preso in considerazione le problematiche dell anziano in una società come quella occidentale sempre più anziana. In questo caso si potrebbero sviluppare applicazioni che in base al rilevamento della quantità di folla e alla loro distribuzione etnografica e anagrafica siano in grado di far adattare al singolo utente i tornelli, le uscite di sicurezza, i percorsi obbligati, gli ascensori, ecc. E ancora, l integrazione tra la rete di sensori di inquinamento e la rete di gestione dei semafori è funzionale alla creazione di nuovi algoritmi di controllo del traffico basati anche sulla misura dell inquinamento. Oltre al...una delle prime vie che sta seguendo l industria automobilistica è l evoluzione dei veicoli, sempre più dei terminali, o meglio, cluster di terminali connessi alla rete per ricevere e trasmettere informazioni normale obiettivo di far defluire il traffico, un elemento di priorità potrebbe diventare quello di ridurre le emissioni, dando precedenza per esempio ad un ingorgo rispetto ad un altro. In questi casi probabilmente mancano ancora dei tasselli tecnologici ma è evidente che siamo di fronte ad un cambio di paradigma. E come tutti i cambi di paradigmi si introduce una forte discontinuità che richiede tempo per essere compresa e condivisa, riflette Gerla. I segnali non strutturati che provengono dalla grande quantità di device diventano parte sempre più importante del complesso di segnali che alimentano il sistema nervoso delle città digitali e dei trasporti intelligenti. Noi stiamo conclude Ravasio consciamente o inconsciamente, di fatto strumentando lo spazio tempo in cui viviamo con un insieme di sensori che ci portiamo addosso, che stanno sulle strade, nei veicoli, ecc. La quantità di informazioni che passa attraverso le reti è davvero infinita: potremmo a questo punto usarle in modo finalmente intelligente. Rimanendo invece ancorati al vecchio concetto di sistemi embedded prosegue Garau una delle innovazioni cui stiamo lavorando riguarda l head up display, un sistema che consente di proiettare le informazioni sul parabrezza del veicolo. Naturalmente, lo studio delle potenzialità legate a questi nuovi sistemi va sempre di pari passo con lo studio della sicurezza, dal momento che ogni tipo di tecnologia introdotta in auto o su un qualsiasi altro veicolo potrebbe anche procurare distrazioni e mettere a rischio il guidatore e i passeggeri. L esperienza maturata negli anni sui sistemi embedded e la lungimiranza che ha consentito di cavalcare da subito l onda delle nuove applicazioni per l automotive consentono oggi ad Akhela di giocare un ruolo primario nell evoluzione attuale dei sistemi inseriti egli autoveicoli: La piena integrazione degli smartphone e dei tablet nei veicoli diventerà presto uno standard sui nuovi modelli - riflette Nuzzi - non è un futuro così lontano. A confermare la vision di Akhela anche i dati di Juniper Research che in un recente report sulle Internet Connected Cars, stima che 92 milioni di veicoli saranno dotati della tecnologia per supportare gli smartphone entro il Gli smartphone diventeranno hub, abilitando l internet mobile, le app e l accesso ai contenuti tramite l autoveicolo di nuova generazione, conclude Nuzzi. L integrazione tra smartphone e sistemi embedded delle auto rappresenta perciò una nuova strada per il mobile internet e permetterà all infotainment di entrare nei veicoli di uso quotidiano. Stefania Basciu TL gruppo Automotive Akhela 6

7 Ricerca Akhela: per auto più intelligenti e più sicure LA NEXT REVOLUTION: le sfide da vincere Quali sono le sfide da vincere per realizzare la next revolution Pverso uno smarter transportation ecosystem? Frost & Sullivan ne identifica quattro I sistemi di trasporto attuali risultano spesso anacronistici rispetto alle nuove esigenze degli utenti, cioè di persone che si muovono sia per ragioni personali/private sia per motivi di lavoro ma anche aziende, siano esse del settore logistico/trasporti o imprese che, in ogni caso, necessitano delle reti di trasporti di nuova generazione per il proprio business. Secondo lo studio Frost & Sullivan (A smarter transportation system for the 21st century, vedi pagina 3), negli ultimi vent anni i sistemi di trasporto non sono riusciti a evolvere e a stare al passo con la velocità con cui si è trasformata l urbanistica delle città, da un lato, le abitudini delle persone e i nuovi modelli di business, dall altro. Per quello che abbiamo ormai iniziato a identificare come l Intelligent Transportation Systems (Its), ciò che serve è un nuovo ecosistema fondato sull Information and Communication Technology e che coinvolga tutti i global transportation network (aereo, ferroviario, stradale e marittimo). Infatti, in virtù dei driver che spingono verso un cambiamento dei sistemi di trasporto (illustrati nell articolo di pagina 3) e considerando, soprattutto, che i sistemi attuali, rispetto alle esigenze e alle aspettative di aziende, persone, governi, Ripensare il modo di vivere la mobilità e avvicinare l individuo a mete, altre persone e/o contenuti lontani è la vision che deve essere alla base del paradigma di smart transportation. Così la pensano Katiuscia Zedda, Responsabile Coordinamento Programmi di Ricerca di Akhela e Antonio Solinas, Responsabile Research Lab di Cagliari della società. La tematica è vasta e come Akhela ci siamo concentrati su due aspetti fondamentali sui quali, per la nostra esperienza, riusciamo meglio a focalizzarci: i sistemi mobile all interno dell automobile, riprogettati come sostituti del computer di bordo o come validi aiuti per la gestione dei servizi dell automobile (in un futuro non troppo lontano i mobile device o i tablet potranno essere forniti dalla casa produttrice del veicolo, per semplificarne l integrazione e rendere più accattivante il prodotto); la convergenza tra ICT e i tradizionali sistemi embedded nonché con sensori e apparati tecnologici inseriti all interno delle auto, dei bus e, in generale, dei veicoli. L integrazione tra ICT e sistemi di trasporto sarà attuata con nuovi servizi ICT in grado di rispondere a vecchie e nuove esigenze, esordisce Solinas. In particolare, Akhela impegna molte risorse nell ambito della Ricerca: Il nostro gruppo di ricerca e sviluppo è relativamente giovane; lavoriamo infatti da soli 3 anni, ma abbiamo all attivo 9 progetti di ricerca approvati da diversi enti di supporto alla ricerca, soprattutto europei, per un budget complessivo di alcuni milioni di euro per i prossimi anni, racconta Zedda. Concentriamo la ricerca su progetti molto vicini al nostro business o prodotti/servizi che crediamo possano essere sviluppati in un futuro non remoto e cerchiamo di trovare sempre il giusto bilanciamento, nei vari gruppi di ricerca, tra accademici, sviluppatori ed end-user. Scopo del laboratorio puntualizza Zedda è studiare le diverse tecnologie ed architetture che si stanno affermando sul mercato, come ad esempio le piattaforme mobili (ios, Android, Bada, Windows Phone) oppure l emergente paradigma del cloud computing. Akhelab è particolarmente impegnato in progetti avanzati nel settore degli smart systems (smart cities, smart grid, sensor networks e connected cars) e ha come obiettivi il completamento e aggiornamento tecnologico dell offerta, l individuazione di nuove aree di sviluppo e la creazione ed estensione della Katiuscia Zedda, Responsabile Coordinamento Programmi di Ricerca di Akhela continua >> 7

8 >> continua FIGURA Le 4 sfide da superare per sviluppare uno smarter transportation ecosystem ecc., risultano inefficienti, è necessario sviluppare un ecosistema più intelligente, dice Frost & Sullivan. I sistemi del futuro, si legge nel documento della società di analisi, devono essere smart non solo attraverso una più veloce reattività alle esigenze che si manifestano, ma in modo propositivo, anticipando evoluzioni dei contesti (globalizzazione, urbanizzazione, ecc.) e bisogni. Come? Secondo Frost & Sullivan le sfide da vincere riguardano quattro differenti ambiti (figura): - Mitigare la congestione e pianificare la capacità di gestione traffico grazie all utilizzo di sistemi di analisi che consentano di capire come e perché in passato si sono verificati episodi di congestione e come evitarli in futuro. - Migliorare la end-to-end transportation experience mettendo l utente in grado di scegliere tra una pluralità di opzioni che devono essere pianificate, controllate e gestite affinché la qualità del servizio sia ottimale. - Migliorare l efficienza riducendo gli impatti ambientali identificando risorse nuove per il funzionamento dei sistemi da sostituire o affiancare ai combustibili tradizionali. - Garantire la sicurezza minimizzando l esposizione ai rischi e proteggendo non solo l integrità fisica di persone, aziende, beni e prodotti ma anche tutti i dati e le informazioni ad essi riferiti e collegati. Riuscire a modellare uno smarter transportation ecosystem efficace in grado di rispondere a tutte queste esigenze richiede importanti capacità di governo: uno dei tasselli fondamentali, infatti, risiede nella visione/gestione olistica dei sistemi di trasporto, raggiungibile attraverso l integrazione di infrastrutture e sistemi di Intelligent Transportation interoperabili che permettano un concreto controllo real-time attraverso la condivisione di dati e informazioni. rete di partnership e collaborazioni con aziende, centri di ricerca, Università. Da qui, dunque, la ricerca continua di una integrazione sempre più intelligente tra sistemi tradizionali inseriti nelle auto a innovazione ICT di prossima generazione: Un ruolo determinante dell ICT all interno dei mezzi di trasporto è quello di identificare le tecnologie necessarie per integrare e aggregare le fonti di informazioni presenti sul web, rappresentate dalle piattaforme dei social network, dai servizi erogati dagli operatori (per esempio funzioni di mappatura e routing), dai portali di settore, il tutto nell ambito del più generale user generated content and information, spiega Solinas. Nei nostri studi non tralasciamo mai di disegnare l infrastruttura in base al livello di sicurezza necessaria per scambiare le informazioni fra il veicolo e i centri di servizio. La peculiarità dell ambiente di esecuzione delle applicazioni ed ancora di più la grande sensibilità ed importanza dei dati scambiati, presuppone l applicazione delle tecniche proprie dell ambito della sicurezza ; vero soprattutto se pensiamo che per avvicinare i sistemi di smart transportation alle persone potremmo, per esempio, pensare all interazione coi social network: attraverso i social network potremmo portare i paradigmi tipici di questi strumenti al mondo dell automotive per esempio ideando strumenti di condivisione delle abitudini di guida, dei percorsi e delle informazioni dei navigatori/automobilisti, ecc., osserva Solinas. Da questa condivisione ne potrebbero derivare sistemi di navigazione per autovetture molto più intelligenti e con aggiornamenti in real-time. Potremo anche avere, un giorno, il social network degli oggetti, conclude Solinas. Esempi di estensione di questi scenari sono innumerevoli: l auto potrà trovare in modo automatico (attraverso lo scambio di dati basato sull internet delle cose) il distributore o il centro di assistenza più vicino, suggerire il proprio piano di manutenzione, sfruttare e contribuire alle informazioni sul traffico. Ma da qui inizia un altra storia. Antonio Solinas, Responsabile Research Lab di Cagliari testi di Nicoletta Boldrini Next Editore srl via dei Martinitt, Milano 8 progetto grafico Blu GraphicDesign

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Security. Security. Security. Data Center & Cloud Services. Security. Internet of Things. Internet of Things Internet of Things Security

Security. Security. Security. Data Center & Cloud Services. Security. Internet of Things. Internet of Things Internet of Things Security managing complexity Azienda Akhela è un azienda innovativa in rapida crescita che è diventata un attore importante e riconosciuto nel mercato IT italiano e che si sta affacciando con successo nel mercato

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto Olga Landolfi TTS Italia I Trasporti in Italia Dati Nazionali 2004 (CNT 2004) Traffico passeggeri interno: 947.205 milioni di passeggeri km all

Dettagli

L Intervista. Il veicolo del futuro. Il punto di vista di Micro-Vett. con Gaetano Di Gioia. a cura di Patrizia Mantovani

L Intervista. Il veicolo del futuro. Il punto di vista di Micro-Vett. con Gaetano Di Gioia. a cura di Patrizia Mantovani L Intervista Il veicolo del futuro Il punto di vista di Micro-Vett con Gaetano Di Gioia a cura di Patrizia Mantovani Veicolo elettrico e mobilità ad impatto zero sono ormai divenuti termini di uso quasi

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities. Smart city. Intelligenza al servizio della sostenibilità. Intelligence.

L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities. Smart city. Intelligenza al servizio della sostenibilità. Intelligence. L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities Donatella Sciuto Smart city Intelligenza al servizio della sostenibilità Intelligence Sensors Model of the city Actuators Contesto urbano, sociale,

Dettagli

Accenture Innovation Center for Broadband

Accenture Innovation Center for Broadband Accenture Innovation Center for Broadband Il nostro centro - dedicato alla convergenza e alla multicanalità nelle telecomunicazioni - ti aiuta a sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie broadband.

Dettagli

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore.

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. L esperienza di Vodafone ci è utile anche per comprendere meglio quali tra le tante tecnologie

Dettagli

PICCOLA? MEDIA? GRANDE!

PICCOLA? MEDIA? GRANDE! PICCOLA? MEDIA? GRANDE! UNA NUOVA REALTÀ PER LE IMPRESE Il mondo odierno è sempre più guidato dall innovazione, dall importanza delle nuove idee e dallo spirito di iniziativa richiesti dalla moltitudine

Dettagli

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight CUSTOMER SUCCESS STORY April 2014 Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight PROFILO DEL CLIENTE: Azienda: S.p.A. Settore: logistica e trasporti Fatturato: 8,2

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------- www.vargroup.it Da 40 anni accompagniamo gli imprenditori. Sviluppare insieme progetti che partono dall innovazione pura per tradursi in processi più efficienti

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

PROVINCIA Barletta Andria Trani. Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Pubblica Istruzione. Progetto

PROVINCIA Barletta Andria Trani. Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Pubblica Istruzione. Progetto Barletta Andria Trani Progetto dei Servizi per il Lavoro della Provincia Barletta Andria Trani Premessa e contesto di riferimento Oltre il 25% della popolazione della Provincia di Barletta Andria Trani

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia

L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia Marco Vecchio ANIE Automazione Automazione Industriale Award Milano, 15 dicembre 2015 Federazione ANIE Federazione Nazionale Imprese

Dettagli

INNOVAZIONE, RETI E CITTÀ INTELLIGENTI:

INNOVAZIONE, RETI E CITTÀ INTELLIGENTI: INNOVAZIONE, RETI E CITTÀ INTELLIGENTI: VERSO LA MOBILITÀ DEL FUTURO Simone Gragnani Manager Lem REPLY Percorso di riflessione Un mondo di megalopoli La mobilità cresce e cambia L innovazione tecnologica

Dettagli

FOCUS ON BORSA TRASPORTI INTERVISTA AL GENERAL MANAGER Dott. Angelo Coletta

FOCUS ON BORSA TRASPORTI INTERVISTA AL GENERAL MANAGER Dott. Angelo Coletta 1. CHE COS E, COME NASCE L IDEA DI CREARE UNA BORSA MERCI E DA QUALI ESIGENZE? Borsa Trasporti è l ultima nata tra le borse merci telematiche ed è un portale interamente dedicato al mondo del trasporto

Dettagli

Scheda 5 «Smart City» SMART LIVING. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 5 «Smart City» SMART LIVING. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 5 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Con Smart Living si intendono stili di vita basati sull utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT), legate ai comportamenti

Dettagli

POLYEDRO. La migliore piattaforma tecnologica di sempre

POLYEDRO. La migliore piattaforma tecnologica di sempre POLYEDRO La migliore piattaforma tecnologica di sempre 1 Indice Chi siamo La tecnologia POLYEDRO LYNFA Studio LYNFA Azienda ALYANTE Start ALYANTE Enterprise 4 8 12 16 20 24 Siamo nati in Italia, siamo

Dettagli

La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi

La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi Dite addio ai vostri vecchi terminali di bordo, alle ore passate vicino alle colonnine in attesa di una chiamata, alle polemiche con i colleghi

Dettagli

SMART CITIES PER SMART COMMUNITIES Tecnologie e strumenti per comunicare al servizio dei territori

SMART CITIES PER SMART COMMUNITIES Tecnologie e strumenti per comunicare al servizio dei territori SMART CITIES PER SMART COMMUNITIES Tecnologie e strumenti per comunicare al servizio dei territori Emiliano Negrini Titolare di Kubasta laboratorio di comunicazione multimediale, progetto e sviluppo contenuti

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html

Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html E se l'innovazione passasse dall'università? Intervista al nuovo rettore dell'università di Torino Intervistatrice: Flavia Marzano Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html

Dettagli

Ecosistemi urbani in trasformazione. Smart cities, smarter town!!! Reti e connettività, web 2.0!!! Dove stiamo andando?

Ecosistemi urbani in trasformazione. Smart cities, smarter town!!! Reti e connettività, web 2.0!!! Dove stiamo andando? Ecosistemi urbani in trasformazione. Smart cities, smarter town!!! Reti e connettività, web 2.0!!! Dove stiamo andando? Michele Vianello Direttore Generale del VEGA Dove sta andando il mondo? New York

Dettagli

Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini

Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club. Città in movimento: pensare e progettare nuovi spazi di interazione

Dettagli

Copyright Allianz Telematics S.p.a. 2012 Confidenziale, vietata la divulgazione o la riproduzione. Documento destinato solo ad uso interno formativo.

Copyright Allianz Telematics S.p.a. 2012 Confidenziale, vietata la divulgazione o la riproduzione. Documento destinato solo ad uso interno formativo. 1 INDICE 1. Cos è Allie 2. Requisiti per l uso 3. Cosa offre 4. Come funziona 5. Numeri utili 6. Offerta per il Ministero della Difesa 2 1 Cos è Allie Allie: il compagno di viaggio ideale fatto di un dispositivo

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT CUSTOMER SUCCESS STORY Ottobre 2013 AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT PROFILO DEL CLIENTE Settore: Manifatturiero Azienda: AT&S Dipendenti: 7500

Dettagli

Noleggio Semplice. www.noleggiosemplice.it. Noleggio a lungo termine autovetture e veicoli commerciali per imprese e professionisti

Noleggio Semplice. www.noleggiosemplice.it. Noleggio a lungo termine autovetture e veicoli commerciali per imprese e professionisti Noleggio Semplice Noleggio a lungo termine autovetture e veicoli commerciali per imprese e professionisti La gestione della tua auto non è mai stata più semplice La gestione dei veicoli aziendali è diventata

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Rivoluzione HR. human resource revolution

Rivoluzione HR. human resource revolution Rivoluzione HR human resource revolution L a tecnologia sta modificando le abitudini e lo stile di vita delle persone ma, nel nuovo mondo che verrà sarà il loro modo di pensare che dovrà cambiare. Ogni

Dettagli

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Open Data, opportunità per le imprese Ennio Lucarelli Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Prendo spunto da un paragrafo tratto dall Agenda nazionale per la Valorizzazione del Patrimonio

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Vi offriamo il futuro, oggi. Esigenze diverse, un unica risposta. SIDIN S.r.l.

Vi offriamo il futuro, oggi. Esigenze diverse, un unica risposta. SIDIN S.r.l. Company Profile SIDIN S.r.l. sede: Via Umbria, 27/A - 10099 San Mauro Torinese - TO - Italy Cod. Fisc. e Registro Imprese di Torino 02592380105 Part. IVA 11038340011 Capitale Sociale Euro 100.000 i.v.

Dettagli

Il cloud per la tua azienda.

Il cloud per la tua azienda. Il cloud per la tua azienda. Questo è Microsoft Cloud Ogni azienda è unica. Dalla sanità alla vendita al dettaglio, alla produzione o alla finanza, non esistono due aziende che operano nello stesso modo.

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO

CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO Nell ambito del processo di rinnovamento aziendale avviato negli ultimi anni, si inserisce un sempre maggiore impegno nella Ricerca & Sviluppo (R&S) sia come motore

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

TELELAVORO 3.0 LA GRANDE TRASFORMAZIONE. Patrizio Di Nicola

TELELAVORO 3.0 LA GRANDE TRASFORMAZIONE. Patrizio Di Nicola TELELAVORO 3.0 LA GRANDE TRASFORMAZIONE Patrizio Di Nicola Correre due volte più forte "Be', nel nostro paese" disse Alice, ancora un po' trafelata, "di solito si arriva da qualche altra parte quando si

Dettagli

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO Dipartimento di Ingegneria dell Informazione ed Ingegneria Elettrica Università degli Studi di Salerno ESIGENZE ATTUALI Aumento delle funzioni/prestazioni

Dettagli

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI.

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS BROCHURE COSÌ TANTI DISPOSITIVI MOBILE. VOLETE SVILUPPARE UNA

Dettagli

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato Convegno Direzione Futuro Mobilità Elettrica e Autoriparazione 18 maggio 2013 ore 15.00 CROWNE PLAZA, via Po 197 -

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

COMPANY. Una stella di opportunità

COMPANY. Una stella di opportunità 'Non considero le macchine che portano il mio nome semplicemente delle macchine. Se non fossero che quello mi sarei occupato d altro. Per me sono la concreta realizzazione di una teoria che mira a fare

Dettagli

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity GEFRAN S.p.a. Utilizzata con concessione dell autore. GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity Partner Nome dell azienda GEFRAN S.p.a Settore Industria-Elettronica Servizi e/o

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

Michele Vianello Direttore Generale del VEGA

Michele Vianello Direttore Generale del VEGA L evoluzione degli ecosistemi urbani. L evoluzione del WEB. Smart cities, smarter town!!! Reti e connettività, web 2.0!!! Politiche di sostenibilità ambientale. Michele Vianello Direttore Generale del

Dettagli

C. D. G. chi siamo. la struttura. i nostri servizi. trovaci CORPORATE IDENTITY MILANO

C. D. G. chi siamo. la struttura. i nostri servizi. trovaci CORPORATE IDENTITY MILANO C. D. G MILANO chi siamo la struttura i nostri servizi trovaci CORPORATE IDENTITY CHI SIAMO PIATTAFORMA DIGITALE TEAM AFFIATATO LAB PREMEDIA 2 CREDIAMO FORTEMENTE NEL NOSTRO LAVORO CAPACE DI CONFERIRE

Dettagli

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba. Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.it Dipartimento di Informatica Università di Bari Centro di Competenza ICT:

Dettagli

azioni di rigenerazione sociale

azioni di rigenerazione sociale azioni di rigenerazione sociale I contenuti di questo libro possono essere condivisi rispettando la licenza Chi siamo Indice 3 Chi siamo 5 Cos è concretamente Change Community Model? 6 Quali sono gli ingredienti

Dettagli

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30.

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Proto Tilocca Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Intanto permettetemi di ringraziare, a nome del CTM, la Regione non solo per averci

Dettagli

Sviluppo di una piattaforma IoT open per la progettazione, lo sviluppo e l erogazione di servizi Smart nella città di Messina. apuliafito@unime.

Sviluppo di una piattaforma IoT open per la progettazione, lo sviluppo e l erogazione di servizi Smart nella città di Messina. apuliafito@unime. Sviluppo di una piattaforma IoT open per la progettazione, lo sviluppo e l erogazione di servizi Smart nella città di Messina apuliafito@unime.it Obiettivo Il progetto #SmartME si propone di creare una

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Soluzioni ITS per Smart Cities Gino Franco

Soluzioni ITS per Smart Cities Gino Franco SMIS0105I12XX SWARCO MIZAR S.p.A. Soluzioni ITS per Smart Cities Gino Franco Il Mondo sta cambiando > 7 000 000 000 popolazione mondiale > 60% in aree urbane nel 2050 Tasso di motorizzazione in crecita

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

Azienda 2.0. Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi. Stefano Ventura

Azienda 2.0. Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi. Stefano Ventura Azienda 2.0 Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi Stefano Ventura 1. Il nuovo scenario social 2. Necessaria strategia 2.0 3. La nostra esperienza 4. La gestione dei rischi 1.

Dettagli

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting Smart & Green Technologies Antonio Iossa R&D, Scouting SMART? GREEN? Le dimensioni della Smart City Fonte: http://www.smart-cities.eu Le dimensioni della Smart City Fonte: ForumPA C. Forghieri SCCI Smart

Dettagli

Smart Data: La liberazione della Conoscenza a supporto delle Politiche di Sviluppo locale (e non solo)

Smart Data: La liberazione della Conoscenza a supporto delle Politiche di Sviluppo locale (e non solo) Smart Data: La liberazione della Conoscenza a supporto delle Politiche di Sviluppo locale (e non solo) L esperienza INPS Luigi Sculco Dirigente Area Business Intelligence e Datawarehouse 1 Le sfide del

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations CUSTOMER SUCCESS STORY LUGLIO 2015 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Azienda: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business la soluzione PER IL MERCATO CHE CAMBIA Enerpoint, attiva da oltre 12 anni nel settore Fotovoltaico e da sempre in prima linea per promuovere il cambiamento,

Dettagli

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Fabrizio De Nisi, IC (Integrated Circuit) Consultant Il rapido sviluppo industriale in atto in numerose parti del mondo, sta generando

Dettagli

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK P r o v i d i n g S o l u t i o n s Forum Internazionale sull innovazione e la cooperazione per lo sviluppo del cluster marittimo del Mediterraneo MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK 2015 Mercoledì 16,

Dettagli

Smart Cities, Sistemi di Governo del Territorio: La Mobilità Urbana. Alcuni considerazioni sui Sistemi di Mobilità a basso impatto ambientale.

Smart Cities, Sistemi di Governo del Territorio: La Mobilità Urbana. Alcuni considerazioni sui Sistemi di Mobilità a basso impatto ambientale. Smart Cities, Sistemi di Governo del Territorio: La Mobilità Urbana. Alcuni considerazioni sui Sistemi di Mobilità a basso impatto ambientale. Prof. ing. Umberto De Martinis Ordinario di Gestione Razionale

Dettagli

BYOD e virtualizzazione

BYOD e virtualizzazione Sondaggio BYOD e virtualizzazione Risultati dello studio Joel Barbier Joseph Bradley James Macaulay Richard Medcalf Christopher Reberger Introduzione Al giorno d'oggi occorre prendere atto dell'esistenza

Dettagli

DELL e Project Milano

DELL e Project Milano DELL e Project Milano Premessa DELL non ha bisogno di presentazioni, è un marchio che in 30 anni di attività nella produzione di sistemi informatici, si è imposto a livello mondiale. Solo recentemente

Dettagli

Open City Platform OCP

Open City Platform OCP Open City Platform OCP Come rendere intelligente la città (un passo per volta)? Una piattaforma cloud aperta robusta, scalabile e flessibile per accelerare l attivazione digitale dei servizi della PA INFN

Dettagli

Radio R 4.0 IntelliLink Domande frequenti. Italiano. Ottobre 2015. Elenco dei contenuti

Radio R 4.0 IntelliLink Domande frequenti. Italiano. Ottobre 2015. Elenco dei contenuti Elenco dei contenuti 1. Audio... 1 2. Phone... 2 3. Apple CarPlay... 3 4. Android Auto... 3 5. Gallery... 5 6. Other... 5 1. Audio D: Come posso passare da una sorgente audio all altra (ad es. tra radio

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Kyoto Club e la formazione per la green economy. di Patricia Ferro

Kyoto Club e la formazione per la green economy. di Patricia Ferro Kyoto Club e la formazione per la green economy di Patricia Ferro Presentazione E un organizzazione non profit di più di 230 imprese, enti, associazioni e amministrazioni locali, impegnati nel raggiungimento

Dettagli

Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI

Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI LISBETH2014: rendiamo sicuri i nostri dispositivi La sicurezza informatica mediante software libero: 15 giornate di lavoro, 6 ore al giorno, 90 ore di creatività

Dettagli

centro di cura autosufficiente insieme di mondi entrocontenuti e autonomi limitato livello di relazione e interazione con l esterno

centro di cura autosufficiente insieme di mondi entrocontenuti e autonomi limitato livello di relazione e interazione con l esterno Dall ERP all Architettura Orientata ai Servizi (SOA): il CLOUD elemento abilitante nell e-health e nell e-government Alberto Steindler - Amministratore Delegato Insiel Mercato Udine, 30 novembre 2011 L

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

Case study. AkzoNobel: siti multipli operanti all unisono

Case study. AkzoNobel: siti multipli operanti all unisono Case study AkzoNobel: siti multipli operanti all unisono Le componenti utente configurabili di Quintiq consentono un certo grado di personalizzazione pur utilizzando un unica architettura software presso

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente.

Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente. Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente. Come funzionano le smart grids Le smart grids La rete elettrica intelligente In un futuro non troppo lontano la rete elettrica

Dettagli

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO A CURA DEL COORDINATORE DR. MICHELE VIANELLO DIRETTORE GENERALE VEGA- PST DI VENEZIA CONSIGLIERE APSTI

Dettagli

CBI 2003 - Roma 20 febbraio 2003

CBI 2003 - Roma 20 febbraio 2003 Tecnologie, Prodotti e Servizi per l Electronic Banking Dott.. Fausto Bolognini - Direttore Generale Punti chiave NECESSITÀ del mercato Cosa vogliono le aziende? Cosa offre il mondo web? Limiti dell attuale

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

56 NOTIZIARIO TECNICO I NOSTRI PRINCIPALI PARTNER TECNOLOGICI: CISCO E SAMSUNG

56 NOTIZIARIO TECNICO I NOSTRI PRINCIPALI PARTNER TECNOLOGICI: CISCO E SAMSUNG 56 NOTIZIARIO TECNICO I NOSTRI PRINCIPALI PARTNER TECNOLOGICI: CISCO E SAMSUNG Antonio Bosio, Max Locatelli 1/2015 57 In questo articolo si evidenzia il valore della collaborazione tra il Gruppo Telecom

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Smart Grid. La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore. M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010

Smart Grid. La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore. M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010 Smart Grid La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore Angelo Frascella ENEA, angelo.frascella@enea.it M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010 Sommario Perché le Smart Grid? Le Smart

Dettagli

Logistics & Supply Chain

Logistics & Supply Chain 21 Global Summit 25-26 Marzo Bologna Logistics & Supply Chain Chi sono Claudio Gagliardini Mi occupo di Web Marketing e comunicazione Online per aziende, organizzazioni e professionisti. Sono un esperto

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci SIMULWARE Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci Introduzione Il mercato di riferimento per la Business Intelligence è estremamente eterogeneo: dalla piccola azienda

Dettagli