CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion-1. Project Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion-1. Project Management"

Transcript

1 PROJECT MANAGEMENT Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi Lion-1

2 Project Management 1. Introduzione al Project Management 2. L impostazione del progetto 3. La pianificazione del progetto 4. Il controllo del progetto 5. Case Study Esercizio Project Management 2

3 Introduzione al Project Management a. Obiettivi e funzionamento del corso b. Evoluzione dellʼ organizzazione aziendale c. Il progetto: definizioni e caratteristiche d. Il Project Management e. Condizioni per gestire progetti Project Management 3

4 Clip Apollo Progetti Project Management 4

5 Obiettivi del corso Cos è un progetto? C è differenza tra progetti e processi? Come funziona un progetto? Quali dinamiche si sviluppano all interno dei progetti? Quali ruoli sono necessari in un progetto? Quali fattori influenzano il successo di un progetto? Quali strumenti e tecniche esistono per gestire i progetti? Come si controllano economicamente i progetti? Project Management 5

6 Pubblicazioni & Materiale didattico Lezioni scaricabili dal sito: Reference: Russell D. Archibald, Managing High-Technology Programs and Projects, John Wiley & Sons, Inc., ISBN: X. A concise yet thorough text, it presents a practical proven system for managing all types of programs and projects, with an emphasis on high-technology projects. John R. Adams, Principles of Project Management Project Management Institute Publications, Sylva, NC. ISBN This is an excellent broad based coverage of project management, including some special information on negotiating and contracting for project management. Baglieri, Biffi e altri, Organizzare e gestire progetti, Etas libri ISBN Good reference in italian language. Project Management 6

7 Come funziona il corso (regole) Il docente spiega la teoria e gli strumenti durante le lezioni Una parte del corso sarà dedicata al team-work (3 lezioni) Il team-work non è obbligatorio, ma se si sceglie di parteciparvi è obbligatorio frequentare le lezioni dedicate alla presentazione del lavoro di gruppo I gruppi di lavoro esporranno i risultati del team-work pubblicamente Il lavoro all interno del team sarà valutato dai membri del gruppo in un processo di autovalutazione in tre fasi, la terza valutazione sarà assunta e farà media (peso: 25% del voto finale) L esposizione e la dinamica delle soluzioni saranno valutate dal docente (peso: 15% del voto finale) L esame finale sarà scritto: una parte teorica per chi ha frequentato l intero team-work (peso: 60% del voto finale) Per chi non ha frequentato tutto il team-work, l esame finale consisterà nella parte teorica e nella soluzione di un caso (in questo caso il peso della prova scritta sarà il 100% del voto finale) Project Management 7

8 Introduzione al Project Management a. Obiettivi del corso b. Evoluzione dellʼ organizzazione aziendale c. Il progetto: definizioni e caratteristiche d. Il Project Management e. Condizioni per gestire progetti Project Management 8

9 Evoluzione dellʼ organizzazione Le diverse forme organizzative che hanno assunto le aziende nella storia, possono essere lette come in un immaginario viaggio che parte alla metà del 18 secolo Il problema che l organizzazione deve risolvere è: come dividere il lavoro, come comunicare gli obiettivi, come coordinare (gestire) le persone, come controllare il raggiungimento dei risultati nel modo migliore La prima teoria dell organizzazione dell azienda nasce all inizio del 900, ed era molto simile ad una organizzazione militare Da allora, ogni successiva teoria, modello o approccio, tentò di risolvere il problema di base dell organizzazione, alcune ponendo più enfasi sul Compito e la Gerarchia, altre sulle persone e sulla motivazione Project Management 9

10 Evoluzione dell organizzazione Le origini dell organizzazione aziendale Frederick the Great of Prussia ( ) Project Management 10

11 Evoluzione dell organizzazione L origine della moderna organizzazione aziendale è la cosiddetta Organizzazione meccanicistica Federico il Grande ereditò il Regno di Prussia nel 1740 e subito trovò un esercito composto di criminali, contadini, straccioni. Egli si pose l obiettivo di creare un esercito moderno ed efficiente. Nella sua vita fu molto attratto dai primi giochi meccanici che al tempo venivano sviluppati partendo dalle tecniche dell orologeria. Così Federico riformò il proprio esercito con l idea di creare dei soldati-automi attraverso: La creazione di diversi ruoli e specialità militari L istituzione di uniformi e gradi La specializzazione La standardizzazione del comportamento L istituzione di uno specifico linguaggio L addestramento ripetitivo La separazione dei ruoli di staff da quelli di line L utilizzo della paura quale leva di motivazione Project Management 11

12 Evoluzione dell organizzazione Il Modello Razionale ( ): la maggior parte delle idee di Federico il Grande vennero riconosciute ottime per risolvere i problemi organizzativi derivanti dall incremento drammatico delle dimensioni delle fabbriche: per raggiungere gli obiettivi dell organizzazione in modo efficiente è necessaria una chiara definizione dei ruoli, processi e funzioni. L organizzazione deve essere un orologio perfetto: la burocrazia è la forma più efficace di organizzazione. L individuo è un ingranaggio. (F. Taylor, M. Weber) Project Management 12

13 Clip Tempi Moderni 916 Assembly line Project Management 13

14 Evoluzione dell organizzazione Il Modello Razionale, principi: 1. Ogni lavoratore deve avere un solo capo 2. La Catena di Comando è l unico canale di trasmissione delle informazioni, direttive, decisioni 3. Ogni capo deve controllare un numero di lavoratori non troppo grande da dare problemi di comunicazione e coordinamento 4. Staff & line 5. Specializzazione 6. L autorità deve essere centrale e bilanciata con la responsabilità 7. Disciplina 8. I bisogni individuali sono secondari rispetto a quelli collettivi 9. Supervisione 10. La giustizia deve incoraggiare le risorse nell esecuzione dei compiti 11. Ottica di rapporti di lungo periodo Project Management 14

15 Evoluzione dell organizzazione Il Modello Sociale (1930): costituisce la reazione al modello razionale, conseguenza anche dellʼ instabilità sociale degli anni ʼ 30. Prestare attenzione positiva alle persone influisce notevolmente sulla produttività e sui risultati. Attenzione ai bisogni delle risorse motivazioni - sono quelli che ne guidano lʼ azione. (E. Mayo, A. Maslow, F. Hertzberg); Project Management 15

16 Evoluzione dell organizzazione Il Modello Sociale, principi: 1. Le persone sono organismi psicologicamente complessi che combattono per soddisfare i loro bisogni, con l obiettivo di crescere in modo completo 2. Le persone sono motivabili nella misura in cui riescono a soddisfare tali bisogni 3. La burocrazia è in grado di motivare solo attraverso la remunerazione del tempo dedicato dal lavoratore, o attraverso la sicurezza del posto di lavoro, ma restringe la prospettiva di crescita delle persone 4. E possibile ridisegnare le relazioni di lavoro e le mansioni per creare delle condizioni di sviluppo e crescita dei lavoratori 5. Dare importanza ai lavoratori, assegnare compiti anche impegnativi in funzione della loro crescita professionale, assegnare più autonomia, responsabilità e coinvolgimento 6. Lo stile di leadership passa da autoritario a partecipativo, meno burocrazia, meno autoritarismo Project Management 16

17 Evoluzione dell organizzazione Il Modello Strutturale ( ): nuova attenzione agli aspetti meccanicisti e strutturali dellʼ organizzazione. Ambiente à strategia à struttura. Minore attenzione alla sfera individuale. Le strutture organizzative sono classificabili in due gruppi: organica (attività non routinarie, ruoli dinamici, coordinamento informale attraverso la comunicazione, potere diffuso basato sulla competenza compatibile con settori ad evoluzione veloce) meccanicistica (basata sulla standardizzazione, dalla rigida divisione dei compiti, dall autoritarismo, gerarchia, ruoli adatta per settori ad evoluzione lenta). Uno dei risultati più significativi di questa corrente organizzativa è lʼ elaborazione della struttura a matrice come risposta allʼ esecuzione dei progetti. (A. Chandler, P. Lawrence e J. Lorsch) Project Management 17

18 Evoluzione dellʼ organizzazione Il Modello Strutturale, principi: 1. Il modello organizzativo dipende dall attitudine al cambiamento dell ambiente: le organizzazioni meccanicistiche sono adatte ad ambienti a bassa dinamicità, le organizzazioni organiche sono più adatte ad affrontare ambienti ad alta turbolenza (Burns & Stalker) 2. Non esiste quindi un solo modello organizzativo valido in ogni contesto, ma le caratteristiche da attribuire al modello adottato sono funzione dell ambiente 3. Le organizzazioni sono divise in diverse funzioni: produzione, amministrazione, vendite, R&D, ecc. 4. Ogni singola parte è specializzata in una particolare disciplina, ed è in connessione con una particolare parte dell ambiente: le vendite con i clienti, gli acquisti con i fornitori, l amministrazione con le banche, ecc (Lawrence & Lorsch) 5. Questo deriva dalla complessità dell ambiente, il quale richiede l adattamento dell organizzazione attraverso le specializzazioni. Ogni funzione sviluppa la capacità di Leggere la parte di ambiente con la quale è in contatto e cambia in funzione della turbolenza, perseguendo i propri obiettivi di area Project Management 18

19 Evoluzione dell organizzazione Il Modello Strutturale, principi: 6. Quindi, R&D sarà più Organico, la produzione più meccanicistica, le vendite organiche, l amministrazione? 7. In questo modo ogni funzione dell organizzazione può sviluppare obiettivi che risultano in opposizione a quelli delle altre funzioni. Nasce un problema di armonizzazione e coordinamento 8. Ogni funzione organizzativa combatte per ottenere risorse 9. Quindi è necessaria una forma di integrazione organizzativa se si vogliono raggiungere obiettivi Di sistema 10. Le organizzazioni hanno quindi cominciato a modificarsi, adottando semplici strumenti di integrazione basati sulle regole e la gerarchia 11. verso forme più sofisticate di integrazione: ruoli di integrazione, procedure cross, strutture trasversali per progetto 12. In questo contesto nascono le organizzazioni per progetti, che modificano le tradizionali strutture funzionali in strutture sempre più integrate orizzontalmente, fino alle organizzazioni a matrice Project Management 19

20 Evoluzione dell organizzazione Il Modello Culturale ( ): rappresenta una rifocalizzazione sul sociale: le risorse umane devono trovare nelle organizzazioni un sistema di valori comuni; il punto di forza dell azienda è la capacità di evolversi e di innovarsi. Maggiore è la cultura condivisa, minore è la necessità di formalizzazione. Fine dellʼ organizzazione basata sui valori della struttura rigida e monolitica. Il management è responsabile della formazione dei valori dell organizzazione à organizzazione che apprende. (C. Barnard, P. Selznick, R.Watermann, J. March, K. Wieck) Project Management 20

21 Evoluzione dell organizzazione Il Modello Culturale, principi: 1. Le organizzazioni sono micro-società con i loro modelli culturali e subculturali 2. Modelli, credenze e comportamenti popolari, significati condivisi sono rinforzati da rituali, linguaggi, metafore, immagini e regole e hanno una grande influenza sui risultati dell azienda 3. I leader dell organizzazione hanno una grande possibilità di definire ed influire sui modelli culturali, sui valori e sulle linee guida, attraverso comportamenti e con poche esplicite regole 4. In questo caso, la storia delle organizzazioni ha una grandissima importanza perché definisce l identità, trasmette esperienze e i valori dal passato 5. Infine la cultura organizzativa è molto più importante delle procedure, degli organigrammi e delle regole, definendo di fatto gli standard comportamentali Project Management 21

22 Evoluzione dell organizzazione Il Learning Model ( ): modello che rappresenta l organizzazione attraverso la metafora neurologica: organizzazione come cervello. Il cervello ha la capacità di adattarsi all ambiente attraverso la possibilità di imparare, e di imparare ad imparare attraverso la messa in critica di regole e strutture. Come il cervello, l organizzazione è allo stesso tempo diffusa e concentrata. I migliori risultati si hanno instrutture basate su processi autonomi, connessi da un corpo di regole semplici e in grado di evolversi velocemente per adattarsi ai cambiamenti dell ambiente. L attuale era dell informazione e delle tecnologie di comunicazione, mettono a disposizione delle organizzazioni una grande massa di informazioni in tempo reale. Il mondo cambia in modo rapidissimo, quindi le organizzazioni aziendali devono imparare a cambiare velocemente e continuamente, ma soprattutto devono imparare a modificare regole e procedure lasciando il calmo porto della gerarchia e della burocrazia (G. R. Taylor, H. Simon, R. Watermann, J. March, K. Wieck) Project Management 22

23 Evoluzione dell organizzazione Il Learning Model, principi: 1. Gli esperimenti di G.R. Taylor dimostrarono che rimuovendo progressivamente da un topo parti del tessuto cerebrale, permaneva la capacità di ritrovare la via corretta in un labirinto anche senza il 90% del cervello 2. Questo permise di concludere che il cervello ha una capacità diffusa (olographic metaphore) 3. L azione intelligente di un sistema può quindi essere il risultato di processi semiautonomi, connessi attraverso un limitato numero di regole chiave che rendono il sistema integrato e orientato al risultato (Genghis Robot experiment) 4. Le organizzazioni sono quindi sistemi che gestiscono informazioni a assumono decisioni 5. In vece che minimizzare l incertezza ambientale, le organizzazioni dovrebbero invece accettarla e aprire il sistema (la mente) al fine di ricercare e trovare processi decisionali che superino i limiti del modello razionale 6. La cibernetica ci aiuta a definire la learning organization. Ci sono due tipologie di modelli organizzativi: i modelli a una via e i modelli a due vie Project Management 23

24 Evoluzione dell organizzazione Il Learning Model, principi: 7. Le organizzazioni vincenti sono quelle che hanno sviluppato la capacità di imparare ad imparare 8. In questa idea, le organizzazioni troppo burocratizzate falliscono nella misura in cui le regole e le procedure sono rigide e poco modificabili, opponendosi ai processi di apprendimento. Le organizzazioni burocratiche creano comportamenti di rottura e strutture di pensiero monolitiche, creano differenze tra diversi gruppi all interno dell organizzazione, sottosistemi politici che aumentano gli ostacoli al cambiamento 9. Le organizzazioni di successo sviluppano le capacità di apprendimento delle persone come focus della struttura, in modo da fronteggiare la complessità ambientale; esse devono essere in grado di: Osservare e anticipare i cambiamenti organizzativi Sviluppare la capacità di modificare regole, processi e procedure operative Sviluppare la capacità di modificare strategia e modello organizzativo in modo da adattarsi all ambiente Sviluppare strutture in grado di apprendere con routines a due vie per evitare di bloccare la struttura sui tradizionali processi mentali ad una via brain (atteggiamenti difensivi) Project Management 24

25 Evoluzione dell organizzazione Approcci recenti: Comunicazione e linguaggi (1980): comunicazione alla base dei sistemi sociali. Esiste una comunicazione per ogni situazione; la comunicazione è contenuto e relazione. Eʼ efficace/efficiente in relazione al conseguimento di obiettivi organizzativi (Luhman, Watzlawick) Empowerment (1980): approccio globalizzante con al centro la persona. Condizione organizzativa nella quale ognuno gestisce se stesso autonomamente e può interagire con chiunque altro nel sistema. Leadership che controlla, convince, aiuta, ma soprattutto fa crescere, cioè un capo allenatore. Utilizzo totale delle potenzialità. (Piccardo). Project Management 25

26 Evoluzione dell organizzazione? Analitic/rational approach Social approach Project Management 26

27 Evoluzione dell organizzazione Le organizzazioni aziendali nascono storicamente di tipo funzionale Si caratterizzano per: la specializzazione tecnica, la dimensione verticale, i meccanismi di coordinamento di tipo gerarchico. Sono organizzazioni che esprimono il meglio in ambienti stabili, con produzioni di massa, a bassa intensità di innovazione, a scarsa concorrenzialità (Taylor). Project Management 27

28 Evoluzione dell organizzazione All aumentare della complessità ambientale e di mercato, le organizzazioni sperimentano una crescente difficoltà a raggiungere i propri obiettivi. Scoprono che i problemi non risiedono NELLE funzioni, ma TRA le funzioni Nasce il concetto di processo e di organizzazione per processi Focus sulla catena delle attività che creano valore per il mercato; abolizione delle barriere interfunzionali, quindi: trasferimento delle responsabilità verso le risorse operative organizzazione meno gerarchica, owner di processo, comunicazione trasversale incoraggiata Project Management 28

29 Evoluzione dell organizzazione Tipiche strutture organizzative che timidamente approcciano i processi sono le organizzazioni funzionali modificate, con l introduzione di ruoli trasversali deboli (Product Manager generalmente referenti di prodotto) che, fuori dalla logica gerarchica, sono responsabili di una parte del processo (creazione prodotto, gestione commerciale prodotto, ecc ). Complessità relazionale perché il PM non ha potere gerarchico sulle risorse (di line) che coinvolge. Project Management 29

30 Evoluzione dell organizzazione Quando i processi non sono ripetitivi e i risultati sono strettamente correlati alle variabili tempo e risorse impiegate, allora si attenua la dimensione di stabilità dell organizzazione; Si parla di organizzazione per progetti, caratterizzata da: lavoro organizzato in team temporanei eterogeneità di specializzazioni forte focus sul risultato, sui tempi e sulle risorse impiegate Project Management 30

31 Evoluzione dell organizzazione La caratteristica principale dellʼ organizzazione per progetti integrale è che ogni progetto ha una organizzazione funzionale ad hoc completamente sotto il suo controllo. Alto grado di controllo da parte del capo progetto su tutto lʼ ambiente di progetto Per alcuni progetti importanti (non necessariamente di grosse dimensioni) lʼ organizzazione ha il controllo totale sulla vita del progetto. Project Management 31

32 Evoluzione dell organizzazione Lʼ organizzazione integrale per progetti Vantaggi Completa autorità di linea del capo progetto Progetti non produttivi possono essere facilmente individuati ed eliminati Forti canali di comunicazione Non esiste condivisione risorse Lealtà verso il progetto da parte del personale Sensibilità verso il cliente esterno Sensibilità verso i cambiamenti dellʼ ambiente Il management di livello superiore ha più tempo a disposizione per le decisioni strategiche. Svantaggi Alti costi di mantenimento in organizzazioni multi progetto Tendenza a trattenere le risorse su un progetto anche quando non è necessario La tecnologia soffre perché è più difficile essere competitivi (i.e. la perpetuazione della tecnologia non è un obiettivo prioritario) Non cʼ è interscambio tecnologico tra i progetti Discontinuità nella carriera e nella crescita delle risorse umane Project Management 32

33 Evoluzione dell organizzazione Lʼ organizzazione per progetti si sviluppa inizialmente nelle imprese di produzione a commessa, dove la variabile unicità di prodotto si associa agli obiettivi di tempo/costo; In queste imprese non esiste una produzione standard (serie, flusso, lotti), ma ogni prodotto è unico e richiede una successione complessa di azioni da parte di diverse risorse; Tipiche aziende di questo genere sono quelle che si occupano di costruzioni navali, aeronautiche, grandi opere infrastrutturali, ma anche proprie del settore spazio In queste realtà, più che una struttura organizzativa rigida, si sono sviluppate le tecniche di gestione dei progetti. Project Management 33

34 Evoluzione dell organizzazione Tutte le organizzazioni hanno obiettivi o risultati da conseguire che giustificano lo stanziamento di risorse per il loro conseguimento. Ma tutte sperimentano la difficoltà di coordinare e controllare le risorse impegnate affinché tali obiettivi siano raggiunti nei tempi prefissati, ai costi previsti e con la qualità attesa. Si sono dunque mutuate le tecniche di project management proprie delle esperienze delle organizzazioni che lavorano a commessa. Con un effetto rivitalizzazione su molte organizzazioni cotte, caratterizzate da alta conflittualità interfunzionale. Project Management 34

35 Evoluzione dell organizzazione Esprimono atteggiamenti tipici di realtà in cui una eccessiva frammentazione del lavoro in unità gerarchiche specializzate rende difficilmente visibile il risultato dello sforzo (sembra che ogni funzione tenda a massimizzare il proprio obiettivo dʼ area) e quindi poco incentivante lo sforzo personale per la buona riuscita dei processi. Project Management 35

36 Evoluzione dell organizzazione L introduzione di una cultura di PM agevola la partecipazione di figure aziendali diverse al raggiungimento di un risultato l approccio strutturato e multidisciplinare aiuta a percorrere strade nuove e creative per il raggiungimento dei risultati facilita l attivazione di nuovi processi ed attività collaterali per migliorare può quindi essere un forte supporto ai processi di innovazione. Project Management 36

37 Evoluzione dell organizzazione L organizzazione che metabolizza una cultura di PM può facilmente ottenere: una rinnovata e forte motivazione delle persone a darsi e a raggiungere obiettivi; la possibilità di anticipare le derive e di opporre opportune azioni correttive; un forte stimolo all apprendimento continuo e allʼ innovazione; lo svincolo delle risorse dalla pura dipendenza gerarchica, con conseguente attivazione di energie personali orientate all efficienza, efficacia, e alla dimensione di gruppo del lavoro. Project Management 37

38 Introduzione al Project Management a. Obiettivi del corso b. Evoluzione dellʼ organizzazione aziendale c. Il progetto: definizioni e caratteristiche d. Il Project Management e. Condizioni per gestire progetti Project Management 38

39 39 Definizione di Progetto I progetti intendono produrre determinati risultati entro un dato istante di tempo ed un dato budget. Essi tagliano le linee (funzionali) dell organizzazione. Sono compiti unici e mai completamente uguali a progetti precedenti Un progetto può essere visto come lʼ intero processo di creazione di un nuovo prodotto, una nuova industria o altri risultati specifici. Il risultato da ottenere, spesso, riceve molta più attenzione del processo con il quale è ottenuto. Di fatto entrambi, prodotto e processo, devono essere oggetto di una gestione efficace da R.D. Archibald, Managing High-Technology Programs and Projects, New York,Wiley, 1976.

40 40 Definizione di Progetto Qualsiasi iniziativa non di routine Finalizzata al raggiungimento di precisi risultati operativi Con determinati limiti: Di tempo Di costo Di qualità Che coinvolge più unità o ruoli organizzativi di funzioni diverse aggregate temporaneamente in un team interfunzionale

41 Processo Definizione di Progetto OWNER 41 INPUT OUTPUT OBIETTIVI/ CLIENTE Insieme organizzato di attività e decisioni, finalizzato alla creazione di un output effettivamente domandato da un cliente al quale attribuisce un valore ben definito Indice perf. 1 Indice perf. 2 Indice perf. 3 KPI

42 42 Definizione di Progetto Progetto come processo a impulso Processo Ripetitivo standardizzato Obiettivi impliciti Permanenza Interdipendenze sequenziali Progetto Unicità dellʼ output Obiettivi espliciti Tempo definito Interdipendenze parallele Processo a flusso Processo a impulso

43 43 Definizione di Progetto Progetti e processi Processo a impulso Innovazione gestionale Sviluppo prodotto Innovazione organizzativa Iniziative di marketing Cliente interno Ricerca Produzione interna Manutenzione Pianificazione Amministrazione e controllo Vendita Assistenza cliente Cliente esterno Processo a flusso

44 44 Definizione di Progetto Progetti e processi Processi a impulso Processi a flusso Filosofia di controllo Attenzione su Standardizzaz. report Periodicità Informazioni Feed-fwd (previsioni) Efficacia (le cose succedono) Bassa Basata sugli eventi Tempestività Feed-back (report) Efficienza (impiego risorse) Alta Ad intervalli definiti Accuratezza

45 Definizione di Progetto 45 Processi e progetti INPUT OWNER PROCESSO OUTPUT OBIETTIVI OBIETTIVI RISORSE TEMPI PIANO MIGLIORAMENTO EFFICACIA MIGLIORAMENTO EFFICENZA PROGETTO Indice perf. 1 Indice perf. 2 Indice perf. 3 KPI

46 46 Definizione di Progetto Tipici progetti aziendali sono: Introduzione di una nuova procedura organizzativa; Implementazione di un diverso sistema di raccolta e analisi dei costi; Realizzazione di un nuovo sito produttivo; Trasferimento della produzione da un sito ad un altro; Penetrazione di un nuovo mercato; Lancio di un nuovo prodotto; Riorganizzazione di una data area o settore o servizio;

47 47 Definizione di Progetto Quindi un progetto: Ha un obiettivo definito Ha un inizio e una fine Viene realizzato da una specifica organizzazione Ha un Project Manager responsabile del suo sviluppo Eʼ definito identificando il punto di partenza, le attività intermedie e il punto di arrivo Eʼ un impegno unico per realizzare un obiettivo esplicito in un tempo determinato Eʼ unico anche se possono esistere progetti simili

48 48 Definizione di Progetto Le persone: la risorsa più preziosa Il progetto è un luogo in cui le persone lavorano insieme Lo spirito con il quale le persone operano insieme con efficacia è la collaborazione Lo Spirito del progetto : prendere parte allʼ impresa, dare aiuto, raggiungere insieme e con uguale dignità il risultato.

49 Introduzione al Project Management a. Obiettivi del corso b. Evoluzione dellʼ organizzazione aziendale c. Il progetto: definizioni e caratteristiche d. Il Project Management e. Condizioni per gestire progetti Project Management 49

50 50 Il Project Management Evoluzione storica Chi di voi volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolarne la spesa, e se ha i mezzi per portarla a compimento? Per evitare che, se getta le fondamenta e non può finire il lavoro, tutti quelli che vedono comincino a deriderlo dicendo: costui ha iniziato a costruire ma non è stato capace di finire il lavoro. Oppure quale re, partendo in guerra con un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre lʼ altro è ancora lontano, gli manda unʼ ambasceria di pace. (Lc 14, 28-32)

51 51 Il Project Management Il problema della gestione dei progetti si sviluppa fin dallʼ antichità in diversi ambiti (militare, costruzioni, ingegneria, ecc ) Assume valore di disciplina informale di studio a cominciare dalla fine dellʼ 800 (Gantt) Subisce un notevole impulso durante la Seconda Guerra Mondiale sullʼ onda dello sviluppo dellʼ industria militare americana (Es: progetto Liberty) Verso la metà degli anni ʼ 50 si sviluppano le prime tecniche formalizzate (Pert/CPM) per la gestione di progetti militari e aerospaziali A partire dagli anni ʼ 60 entra come sistema di gestione nelle aziende più evolute (DuPont, Remington Rand, ecc ) Negli anni ʼ 80 si diffonde a diverse tipologie di aziende Negli anni ʼ 90 si afferma come metodologia largamente diffusa e definita non solo in ambito aziendale

52 52 Il Project Management Evoluzione storica: il progetto Apollo

53 Il Project Management 53 Eʼ un approccio organizzativo/metodologico che considera un Progetto come un obiettivo aziendale da raggiungere nel rispetto di tempi, costi e qualità prefissati. Eʼ lʼ applicazione sistematica di conoscenza, capacità, strumenti e tecniche alle attività di progetto al fine di conciliare i bisogni e le aspettative aziendali. Questo richiede il bilanciamento tra: scopo, tempo, costo e qualità bisogni diversi dei vari attori coinvolti fabbisogni definiti e quelli non definiti (aspettative).

54 54 Il Project Management Elementi di base del Project Management Definire gli obiettivi (Goal Setting) Pianificare le attività per raggiungere i risultati Definire i criteri di valutazione dei risultati Definire le risorse necessarie Controllare periodicamente lʼ avanzamento delle attività, correggendo gli eventuali scostamenti Valutare i risultati raggiunti Clip Coach Carter Goal setting

55 55 Definizione di Progetto Clip Coach Carter 103 Goal setting

56 56 Definizione di Progetto Clip Coach Carter Goal setting

57 57 Definizione di Progetto L obiettivo del progetto Non è sempre facilmente definibile Non è sempre facilmente comunicabile Quanto meglio è definito e condiviso, tante maggiori sono le probabilità di raggiungerlo (importanza della chiarezza di obiettivo goal setting) Una volta definito è difficilmente modificabile Accanto allʼ obiettivo primario esistono obiettivi secondari che determinano altrettanti filoni di progetto (da analizzare e sviluppare) Bilanciamento obiettivo-tempo

58 58 Definizione di Progetto Lʼ obiettivo del progetto: S.M.A.R.T. Specific l obiettivo deve essere specifico e non generico Measurable l obiettivo deve essere quantificabile e misurabile Achievable l obiettivo deve essere raggiungibile enon impossibile Relevant l obiettivo deve essere significativo Timed l obiettivo deve essere riferito ad un limite di tempo

59 59 Il Project Management Valutazione dei risultati Qualità dell obiettivo raggiunto Rispetto dei tempi previsti Adeguato utilizzo delle risorse disponibili Soddisfazione dei partecipanti

60 60 Il Project Management La pianificazione È la tecnica di base del PM Ha lo scopo di prevedere e anticipare gli eventi del progetto, in modo da prepararsi ad affrontarli al meglio Eʼ lo strumento che permette, di fronte agli imprevisti, di capirne gli impatti e di scegliere le opportune azioni correttive Lungi dall essere portatore di rigidità, è invece un alleato per l esercizio della flessibilità

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli