Il Kawasaki KLR è stato il primo a proporre di serie soluzioni come la distribuzione bialbero e il raffreddamento a liquido

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Kawasaki KLR è stato il primo a proporre di serie soluzioni come la distribuzione bialbero e il raffreddamento a liquido"

Transcript

1 I segreti del monocilindrico I motori con un solo pistone: come sono fatti e perché. Vantaggi e svantaggi, caratteristiche costruttive e scelte tecniche di Alberto Dell'Orto Il Ducati Supermono della metà degli anni Novanta, uno dei più sofisticati monocilindrici di tutti i tempi, dotato di numerose soluzioni esclusive, tra cui l'iniezione Il motore monocilindrico ha avuto una parte molto importante nella storia della moto. Moltissimi dei modelli più famosi, dagli albori a oggi, hanno avuto questo tipo di frazionamento. I motivi principali che hanno contribuito, almeno all inizio, alla sua diffusione, sono facilmente identificabili nella sua semplicità costruttiva, nella facilità di installazione in un telaio, nella possibilità di essere efficacemente raffreddati ad aria. Da non sottovalutare l aspetto delle dimensioni dei componenti: soprattutto in epoche in cui non erano pensabili grandi cilindrate e potenze su una motocicletta, era più conveniente produrre un unico cilindrico simile a quello di un automobile piuttosto che impegnarsi in un opera di miniaturizzazione dall esito incerto, specie con macchine utensili, materiali e lubrificanti dalle prestazioni molto lontane da quelle a cui oggi facciamo riferimento. In più un peso complessivo del motore, inferiore a quello di un frazionato di pari cilindrata, stressava meno telai e pneumatici, e il freno motore più efficace aiutava le decelerazioni.

2 L'Airone della Moto Guzzi adottava un 250 ad aste e bilancieri di schema complessivo molto simile al 500 del Falcone Le peculiarità del cilindro orizzontale e del volano esterno saranno riprese anche sulle vittoriose macchine da GP negli anni '40 e '50 Nelle cilindrate più elevate, il monocilindrico a quattro tempi ha vissuto una lunga storia di predominio fino a tutti gli anni Sessanta, quando una bicilindrica era un lusso per pochi e tre o più cilindri si vedevano solo nelle corse. Poi, un momento di declino dovuto alla corsa al frazionamento inaugurato dai giapponesi, che poi daranno una nuova giovinezza ai mono, a partire dalla Yamaha XT500 del Una sfida subito raccolta dalla Honda (XL500S, la prima con quattro valvole, e l unica con carter separati da un piano orizzontale) e dalla Suzuki (SP 370, seguita dalla DR 400) e poi sviluppata con nuovi motori (la Yamaha con l XT 550, poi 600 -montato anche su una stradale sportiva, la SRX-, infine 660 con cinque valvole e raffreddamento ad acqua; la Honda con il motore XL 500/600, poi cresciuto fino ai 650 cc della Dominator; la Suzuki con il DR 500 diventato anche 600 e 650, e poi i successivi -ma completamente nuovi- 750 e 800 "Big").

3 Il Kawasaki KLR è stato il primo a proporre di serie soluzioni come la distribuzione bialbero e il raffreddamento a liquido La Kawasaki è arrivata solo più tardi, con la KLR 570 bialbero raffreddata a liquido (l unica per qualche anno con queste caratteristiche) del 1984, mentre in Europa i primi passi li ha fatti la Cagiva (con un 350 per l Ala Rossa poi giunto fino a 600 cc), seguita dalla Rotax (distribuzione a cinghia dentata) e dalle Case votate al fuoristrada come Husqvarna e KTM. Singolare la genesi del mono Gilera, bialbero a cinghia dentata e raffreddato a liquido, nato 350/500 per la Saturno Bialbero e poi cresciuto fino a 570 cc per enduro anche molto specialistiche (come la RC) e la prima supermotard di serie, la Nordwest. ( 03/10/2002 ) I vantaggi

4 Il KTM LC4, nato alla fine degli anni Ottanta e ancora sulla breccia. Notare la compattezza e la semplicità, ancora oggi eccezionali: il basamento è derivato direttamente dal 500 a due tempi della Casa Ancora oggi molte categorie adottano motori monocilindrici: si tratta soprattutto di basse cilindrate unitarie a due tempi (da 50 a 200 cc) o di motori a quattro tempi destinati a muovere scooter ( cc) o motociclette da fuoristrada ( cc), dove i requisiti del contenimento del peso e delle dimensioni sono essenziali, mentre le prestazioni massime sono un aspetto di importanza tutto sommato relativa. Infatti in questi settori è più importante ottenere un erogazione della potenza dolce e gestibile e, nel caso delle cilindrate più piccole, un ampio range di utilizzo, consumi ed emissioni contenuti. Tra i pregi della scelta di una motorizzazione monocilindrica non ci sono, ovviamente, solo questioni di ingombri e di peso. Non è da sottovalutare l importanza del contenimento delle spese di gestione: in un monocilindrico di solito il numero delle candele e dei litri d olio da sostituire è inferiore, così come il numero delle valvole da regolare, e non c è quasi mai bisogno di sincronizzare carburatori.

5 .. Un bel disegno degli organi interni del mono Yamaha della serie XT/TT/SRX. Sono evidenti l'adamento dei condotti e la distribuzione monoalbero con bilancieri a doppio braccio, utile per contenere gli ingombi in altezza della testata rispetto a una più raffinata soluzione bialbero. In basso si distinguono chiaramente il filtro del lubrificante e il contralbero di bilanciamento (dietro alla base del cilindro) e i cuscinetti di banco a rotolamento Non dimentichiamo, poi, l economia di produzione: il costo di un motore dipende molto più dal numero dei pezzi che dalla loro dimensione, quindi un piccolo raffronto tra un "mono" e un "quattro" permette calcolare un risparmio di tre pistoni, nove segmenti, dodici valvole (di solito), ventiquattro molle, dodici camme, tre bielle, tre perni di biella e tre perni di banco, dodici bronzine, tre candele e almeno due carburatori e due collettori di scarico. Di solito, poi, anche un silenziatore. Inoltre, l albero motore può essere scomponibile e montato su cuscinetti a rotolamento, che permettono la realizzazione di impianti di lubrificazione decisamente più semplici. Da notare comunque, la diffusione anche in questo settore delle bronzine (Gilera, BMW).

6 Gli svantaggi Il Suzuki DR Big (che ha raggiunto la cilindrata eccezionale di 779 cc nella versione 800) è il campione di cubatura tra i mono moderni. L'alesagio ha raggiunto il valore record di 105 mm, ma questo ha richiesto l'adozione di camere di una fluidodinamica ad alta turbolenza e della doppia accensione per garantire i necessari rendimenti. Oggi di certe cilindrate unitarie non si parla più. Notare il sistema di equilibratura a doppio albero Accanto ai pregi, questo tipo di frazionamento presenta una serie di svantaggi che ne limitano la diffusione ad altri segmenti del mercato motociclistico. Nei motori a quattro tempi la regolarità di rotazione dell albero motore è minata dal ciclo stesso di funzionamento: l albero tende ad accelerare, sotto la spinta del pistone e della biella, durante la fase di espansione, cioè quella in cui i gas incendiati aumentano di temperatura e volume spingendo il pistone lontano dalla camera di combustione, una volta ogni due giri. In tutte le fasi successive (scarico dei gas combusti, aspirazione della carica fresca, compressione dei gas da bruciare) il sistema non produce potenza ma ne assorbe, disperdendola in attriti e rallentando così la corsa del pistone e, di conseguenza, la rotazione dell albero a gomiti. In un pluricilindrico le combustioni vengono "sfalsate" tra loro in modo da ridurre quella che si chiama irregolarità ciclica, mentre nei mono si può

7 solo fare affidamento sulle masse volaniche (generatore di corrente, albero motore, campana della frizione ): maggiore è il prodotto delle masse per il loro diametro, maggiore sarà l inerzia disponibile. Ciò manterrà più costante la rotazione ai bassissimi regimi, ma poi costituirà un limite notevole alla brillantezza nel prendere i giri. Emblematico in questo senso il volano esterno del motore Moto Guzzi 500 che, in varie versioni e allestimenti, ha accompagnato la casa per quasi mezzo secolo: il regime minimo molto basso deriva, oltre che dalla fasatura "stretta" della distribuzione, proprio dalle masse volaniche eccezionalmente dimensionate. Per questo, è normale che in un monocilindrico odierno, con potenze dagli 80 CV/litro in su, il volano venga mantenuto ragionevolmente leggero, e questo provoca spesso irregolarità ai bassi regimi. I motori a due tempi di solito soffrono in misura minore di questo problema, perché hanno una combustione ogni 360 di rotazione, cioè ogni giro.

8 Il motore della Aprilia Pegaso 650 può essere considerato una sorta di "anello di congiunzione" nell'evoluzione dei monocilindrici. Cilindrata, dimensioni e pesi risentono dei canoni nati negli anni Ottanta, ma raffinatezze come le cinque valvole a disposizione radiale, la distribuzione bialbero con camme troncoconiche, il raffreddamento a liquido e, ultimamente, l'iniezione ne fanno ancora un riferimento nella categoria dei mono stradali In più attualmente i motori a due tempi sono di cilindrata ridotta (fino a 250 cc): e il loro campo di impiego praticamente esclude i regimi più bassi, quelli ai quali è più sensibile il fenomeno. Dal punto di vista delle prestazioni, poi, un monocilindrico è più svantaggiato dei frazionati, soprattutto nelle grandi cilindrate. Le esigenze termodinamiche, infatti, rendono difficoltosa l'adozione di alesaggi molto grandi (oltre i 100 mm), perchè diventerebbe difficile mantenere le necessarie caratterstiche di rapidità e completezza della combustione in camere tanto ampie. Ne consegue che, data la cilindrata, la corsa non può essere particolamente contenuta e questo pone dei limiti al regime raggiungibile e quindi, complice un sistema di alimentazione difficile da realizzare con le caratteristiche adatte (per motivi di ingombro e fluidodinamici), la potenza erogabile. Ne sono la conferma i più recenti (e moderni) motori da fuoristrada: per raggiungere i giri necessari e avere lo spazio necessario a una fluidodinamica adeguata (condotti efficienti, carburatori di dimensioni ragionevoli, air-box di volume adeguato), la cilindrata si è assestata tra 400 e 450 cc. Un altro punto debole dei monocilindrici è la rumorosità: le pulsazioni di aspirazioni e scarico sono più "energiche" dei frazionati di pari cilindrata e questo impone studi approfonditi per silenziare adeguatamente il motore senza "strozzarlo".

9 Le vibrazioni Un metodo decisamente soddisfacente per equilibrare un monocilindrico è l'impiego di due alberi controrotanti disposti in posizione opposte rispetto all'albero motore. Le frecce indicano la direzione e il verso delle forze in gioco. Notare come, con l'albero a 90 dai punti morti, l'accelerazione quasi nulla del pistone ne renda trascurabile la trsmissione di forze all'albero motore, e quindi la propria influenza sul sistema complessivo Un altro degli aspetti critici del monocilindrico è l equilibratura delle masse alterne: il pistone, lo spinotto e quella metà -in massa- della biella a cui convenzionalmente si attribuisce un moto alternato, si muovono generando delle forze di inerzia, che, per effetto delle accelerazioni (positive e negative) dovute all inversione del loro moto, si scaricano sugli organi adiacenti (albero, cuscinetti, carter) creando delle vibrazioni. Le masse alterne non possono essere bilanciate al 100% con i contrappesi dell albero motore: questi contrasterebbero perfettamente le inerzie degli organi dotati di moto alternato solo al PMS (punto morto superiore) e al PMI (punto morto inferiore), quando il verso e il "vigore" delle due forze sarebbe il medesimo, ma con direzione opposta. In ogni altra posizione, e in particolare nei punti intermedi tra i due punti morti, si avrebbero degli squilibri (e quindi delle vibrazioni) enormi, perché le inerzie dei contrappesi acquistano verso e direzioni variabili, diversi da quelli delle masse alterne. Per questo si tende a bilanciare con i contrappesi dell albero motore il 100% delle masse rotanti (perno di manovella e porzione di biella considerata a moto prevalentemente rotatorio) e circa il 50-

10 60% delle masse alterne. A partire da una ventina di anni fa, comunque, con le Yamaha XT550 e le Honda XL500 si è generalizzata l adozione di alberi di equilibratura controrotanti, quasi sempre singoli, ma alcune volte (Honda, Suzuki) doppi, soluzione più complessa ma più efficace (riduce l insorgere di coppie tra i contrappesi dell albero motore e quelli del contralbero). Pur se meno efficiente, per ragioni di semplicità (costi, persi, ingombri) la soluzione più diffusa è l'impiego di un solo albero di equilibratura controrotante Contribuiscono alle vibrazioni dei motori di cilindrata maggiore anche le necessità di compattezza: i cilindri di questi motori sono invariabilmente verticali o solo leggermente inclinati, e la corsa non può essere troppo contenuta per non scontrarsi con pistoni di dimensioni eccessive, che sarebbero afflitti da problemi di peso o di resistenza dei pistoni stessi, oltre al problema di dover gestire con adeguata efficienza la combustione all interno di una camera di combustione molto larga e quindi (per raggiungere un adeguato rapporto di compressione) piuttosto "schiacciata". Per questo si impiegano corse raramente inferiori a 75/80 mm, e quindi per limitare l ingombro in altezza dei gruppi termici si ricorre all impiego di bielle piuttosto corte in relazione alla corsa. Ne deriva una forte inclinazione della biella durante la corsa del pistone, che provoca delle spinte laterali sul pistone non trascurabili, che si trasmettono al cilindro facendolo vibrare. Queste forze, però non possono essere in alcun modo equilibrate.

11 Lo stato attuale Il motore della Ducati Supermono, stretto parente dei bicilindrici da competizione della Casa, ha la particolarità di un sistema di equilibratura a bielletta oscillante. In pratica si simula la presenza di un altro gruppo termico a 90, una configurazione intrinsecamente efficiente sotto questo aspetto Notare la rettilineità del condotto di aspirazione Gli aspetti costruttivi degli attuali motori monocilindrici sono strettamente legati alla loro storia e all impiego a cui sono destinati. I motori a due tempi appaiono confinati a nicchie di mercato come le moto da cross fino a 250 cc (le 500 a 2T sono ormai quasi scomparse), le 125 di elevate prestazioni (stradali o enduro) e gli scooter fino a 200 cc caratterizzati da un basso prezzo d acquisto o da una personalità sportiva. In assenza di ulteriori, sconvolgenti sviluppi sulla gestione dell alimentazione e della combustione, comunque, il futuro di queste motorizzazioni appare piuttosto buio a causa delle crescenti restrizioni sulle emissioni inquinanti. I motori a quattro tempi, invece, dominatori incontrastati delle grandi cilindrate, sono apparsi prepotentemente anche nelle piccole cilindrate. Le strade seguite sono differenti: i motori meno votati alle prestazioni hanno il raffreddamento ad aria e, in molti scooter, due valvole per cilindro. Le quattro valvole appaiono comunque una dotazione obbligata per i mono di cilindrata superiore, perché permettono non solo prestazioni più credibili, ma anche forme più efficienti della camera di combustione. Quest ultima caratteristica appare irrinunciabile non solo nel caso dei motori più prestanti, come i 250 e i 400/450/500 che spopolano nel cross e nell enduro, ma anche per i motori turistici di cilindrata superiore per garantire un adeguata efficienza di combustione in presenza di alesaggi anche superiori ai 100 mm. Interessanti in questo senso le valvole radiali del mono Honda montato su Dominator e Vigor (con un comando monoalbero piuttosto complesso) e le cinque valvole per cilindro di Yamaha (660, 250, 400/426) e Aprilia (con valvole radiali).

12 Il sistema di raffreddamento a liquido adottato dai motori più performanti (nel disegno, lo Yamaha XTZ/SRZ 660) ricalca in tutto gli schemi dei più sofisticati motori supersportivi Non è un caso, nell ottica dell efficienza, che i grandi mono raffreddati ad aria ancora in produzione (Honda, Suzuki, Yamaha, Rotax) abbiano condotti di aspirazione orizzontali, pensati cioè per assicurare più una elevata turbolenza alla carica che entra nel cilindro (a garanzia di completezza della combustione), che un elevata potenza specifica. Il raffreddamento a liquido è anch esso diventato una caratteristica quasi obbligata, tranne nei casi di propulsori con destinazione turistico-utilitaria. Nei motori più prestanti, infatti, la temperatura può essere distribuita in modo più uniforme, esigenza sentita soprattutto per minimizzare il rischio di deformazioni termiche della testata e del cilindro: nella testata ciò può portare a una perdita di coassialità tra guide e sedi e minare così la tenuta delle valvole, mentre nel cilindro, in particolare quelli di alesaggio maggiore, si possono verificare peggioramenti della tenuta dei segmenti con conseguente passaggio di lubrificante nella camera di combustione, attraverso il gioco pistone-canna o dal recupero dei gas di sfiato del basamento. Infatti, tutti i motori di nuova progettazione vengono dotati di raffreddamento ad acqua, che ha anche una efficace funzione fonoisolante.

Motori 4 tempi a ciclo Otto

Motori 4 tempi a ciclo Otto Motori 4 tempi a ciclo Otto 1. Premessa I motori automobilistici più comuni sono del tipo a combustione interna quattro tempi e appartengono a due grandi famiglie, a seconda del tipo di combustibile impiegato

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

PROGETTO ORAL MOTO 3 - INFORMATIVA TECNICA DEL 15-09-11

PROGETTO ORAL MOTO 3 - INFORMATIVA TECNICA DEL 15-09-11 Per adeguarsi alle modifiche regolamentari che hanno portato all introduzione della categoria Moto3, l Oral Engineering ha realizzato il nuovo propulsore OR-250M3R progettato esclusivamente per le corse.

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

CANDIDATO: William Berardi. RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli

CANDIDATO: William Berardi. RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica A.A. 2010/2011 - Sessione III CANDIDATO: William Berardi RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli

Dettagli

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE asdf I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA : UN PRIMO SGUARDO 31 March 2012 Introduzione Il seguente articolo vuole essere una prima introduzione a quelli che sono i motori alternativi a combustione

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

Introduzione ai Motori a Combustione Interna

Introduzione ai Motori a Combustione Interna IPS Mario Carrara Guastalla (RE) Tecnologie e Tecniche di Installazione e Manutenzione Docente: Prof. Matteo Panciroli Introduzione ai Motori a Combustione Interna 1 Classificazione delle macchine MACCHINE

Dettagli

LA SCELTA PIU AFFIDABILE PER MOTORI CON PIU DI 1900 Kw

LA SCELTA PIU AFFIDABILE PER MOTORI CON PIU DI 1900 Kw LA SCELTA PIU AFFIDABILE PER MOTORI CON PIU DI 1900 Kw Anglo Belgian Corporation (ABC) è uno dei principali costruttori di motori diesel a media velocità d'europa. L'azienda ha quasi un secolo di esperienza

Dettagli

ALL INTERNO DEL MOTORE, QUANDO UN PISTONE VIENE SPINTO VERSO IL BASSO PER COMPRESSIONE, VIENE IMPRESSO IL MOVIMENTO ALTERNATO ALL ALBERO MOTORE CHE VIENE QUINDI MESSO IN ROTAZIONE. PER EVITARE CHE L ALBERO

Dettagli

TSI. Turbocharger stratified injection 1.2 CC 105 CV

TSI. Turbocharger stratified injection 1.2 CC 105 CV TSI Turbocharger stratified injection 1.2 CC 105 CV DATI TECNICI: DESCRIZIONE DATI PREFISSO CODICE MOTORE CBZ DISPOSIZIONE E N CILINDRI 4 CILINDRI IN LINEA CILINDRATA 1197 centimetri cubi ALESAGGIO X CORSA

Dettagli

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Motori endotermici Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari I MOTORI ENDOTERMICI Il motore converte l energia termica del

Dettagli

http://users.iol.it/debiasioandrea

http://users.iol.it/debiasioandrea CAP.3 -IL MOTORE http://users.iol.it/debiasioandrea e-mail: editodb@iol.it Pagine successive: ENTER o PG DOWN Pagine precedenti : PG UP Finestra principale Acrobat : ESC Modalità pieno schermo: CTRL +

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 09 Motori diesel lenti a due tempi A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo Nel motore a due tempi l intero

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

CRF150R. 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5

CRF150R. 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5 CRF150R 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5 Introduzione Colorazioni La rivoluzionaria CRF150R e la gemella CRF150R2 con cerchi da 19, sono le prime moto racing da cross di piccola cilindrata. Equipaggiate

Dettagli

Prima di analizzare i sistemi di compressione

Prima di analizzare i sistemi di compressione AO automazioneoggi appunti Un aria produttiva appunti L aria compressa è utilizzata in svariate applicazioni ma deve avere caratteristiche operative differenti a seconda della tipologia di impiego: ecco

Dettagli

Anglo Belgian Corporation (ABC) è uno dei principali costruttori di motori diesel a

Anglo Belgian Corporation (ABC) è uno dei principali costruttori di motori diesel a Anglo Belgian Corporation (ABC) è uno dei principali costruttori di motori diesel a media velocità d Europa. L azienda ha quasi un secolo di esperienza in motori affidabili e poteni. Originariamente, la

Dettagli

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Il parametro fondamentale per la valutazione di un compressore alternativo è l efficienza volumetrica: η v = (Portata volumetrica effettiva) / (Volume

Dettagli

www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION

www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION www.gilera.com PIù DI 100 ANNI NEL SEGNO DELLA SPORTIVITà E DELLO STILE ITALIANO. Dagli epici pionieri degli inizi del XX secolo, la storia di Gilera

Dettagli

Motori e cicli termodinamici

Motori e cicli termodinamici Motori e cicli termodinamici 1. Motore a scoppio 2. Motore diesel 3. Frigoriferi 4. Centrali elettriche XXII - 0 Trasformazioni Trasformazioni reversibili (quasistatiche: Ciascun passo della trasformazione

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

SIGLA E IDENTIFICAZIONE. Pag. 5 CARATTERISTICHE. CURVE CARATTERISTICHE Di POTENZA, COPPIA MOTRICE, CONSUMO SPECIFICO

SIGLA E IDENTIFICAZIONE. Pag. 5 CARATTERISTICHE. CURVE CARATTERISTICHE Di POTENZA, COPPIA MOTRICE, CONSUMO SPECIFICO SIGLA E IDENTIFICAZIONE CARATTERISTICHE CURVE CARATTERISTICHE Di POTENZA, COPPIA MOTRICE, CONSUMO SPECIFICO MANUTENZIONE - OLIO PRESCRITTO - RIFORNIMENTI ELIMINAZIONE INCONVENIENTI INGOMBRI COPPIE DI SERRAGGIO

Dettagli

Motore endotermico ed ibrido

Motore endotermico ed ibrido Motore endotermico ed ibrido Sommario Prefazione... 5 1. Il Motore dell'auto in generale... 6 1.1.Introduzione - motori a combustione interna... 6 1.2 Il Motore dell'auto... 8 2. Il Motore Diesel... Errore.

Dettagli

ANALISI DEL MOTORE BMW K 1200 RS

ANALISI DEL MOTORE BMW K 1200 RS TECNICA ANALISI DEL MOTORE BMW K 1200 RS Il quadricilindrico bavarese esaminato in dettaglio rivela particolaritˆ di eccezionale interesse, a testimonianza di una illuminata filosofia di progetto e di

Dettagli

MOTORI A DUE TEMPI TUTTI I PREGI E I DIFETTI

MOTORI A DUE TEMPI TUTTI I PREGI E I DIFETTI MOTORI A DUE TEMPI TUTTI I PREGI E I DIFETTI Dalle teorie di Clerk del 1879 alla sperimentazione di Benz nel 1880 Molto usati nelle auto di piccola cilindrata dopo essere stati utilizzati anche in campo

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

ELABORAZIONI CHE TRASFORMANO UNA LAMBRETTA IN UNA VELOCE, AFFIDABILE E SICURA LAMBRETTA

ELABORAZIONI CHE TRASFORMANO UNA LAMBRETTA IN UNA VELOCE, AFFIDABILE E SICURA LAMBRETTA ELABORAZIONI CHE TRASFORMANO UNA LAMBRETTA IN UNA VELOCE, AFFIDABILE E SICURA LAMBRETTA IMOLA RACING TEAM IMOLA RACING TEAM MONZA 200 CC SPRINTER Barone - Tarlazzi - Pirini Si è conclusa la stagione con

Dettagli

Tecnologia rivoluzionaria Evoluzione progettuale. La nuova èra del motore a combustione interna è arrivata

Tecnologia rivoluzionaria Evoluzione progettuale. La nuova èra del motore a combustione interna è arrivata Tecnologia rivoluzionaria Evoluzione progettuale La nuova èra del motore a combustione interna è arrivata Che cos è un motore a ripartizione del ciclo? I motori a ripartizione del ciclo suddividono i quattro

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Motori diesel 4T Sezione motore Wärtsilä L46 Componenti principali: 1. Incastellatura; 2. Sportelli di visita per manutenzioni; 3. Asse a camme; 4. Pompa iniezione combustibile; 5. Circuito combustibile;

Dettagli

Parte 2. Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche

Parte 2. Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche Utilizzo in sicurezza e manutenzione delle motoseghe Parte 2 Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche Al termine di questo modulo sarai in grado di: descrivere la struttura e il funzionamento

Dettagli

Le punterie idrauliche

Le punterie idrauliche Le punterie idrauliche Prima di parlare delle punterie idrauliche, sarà bene ricordare cosa sia esattamente una punteria. Si tratta precisamente di un organo della distribuzione, intendendosi per "distribuzione"

Dettagli

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05)

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Sostituzione guarnizione della testa, rovinata a causa di una perdita dell acqua dal tubo inferiore del radiatore (la vettura ha circolato senza liquido

Dettagli

Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ.

Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ. Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ. Il modello 2014 è l'esemplare di una nuova specie e Yamaha è pronta a scatenare il suo purosangue da competizione, per dominare i circuiti di tutto il

Dettagli

Dimensionamento di massima di un motore diesel bicilindrico 2T senza manutenzione per aviazione ultraleggera

Dimensionamento di massima di un motore diesel bicilindrico 2T senza manutenzione per aviazione ultraleggera UNIVERSITA' DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA INSEGNAMENTO: Disegno Tecnico Industriale Dimensionamento di massima di un motore diesel bicilindrico 2T senza manutenzione

Dettagli

Banco prova trasportabile per verifiche pre e post gara dei motori a due tempi da competizione. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica TESI DI LAUREA

Banco prova trasportabile per verifiche pre e post gara dei motori a due tempi da competizione. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica TESI DI LAUREA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Meccanica TESI DI LAUREA Banco prova trasportabile per verifiche pre e post gara dei

Dettagli

DESIGN INNOVATION PASSION RACING

DESIGN INNOVATION PASSION RACING www.gilera.com DESIGN INNOVATION PASSION RACING 100 ANNI NEL SEGNO DELLA SPORTIVITA E DELLO STILE ITALIANO. Dagli epici pionieri degli inizi del XX secolo, alla vittoria di Marco Simoncelli nel Motomondiale

Dettagli

Un amico affidabile. Grizzly 125 www.yamaha-motor.it

Un amico affidabile. Grizzly 125 www.yamaha-motor.it Un amico affidabile. Se hai deciso di prenderti un compagno di lavoro a quattro ruote che ti dia una mano, l'hai trovato: Grizzly 125. Pratico e resistente, è fatto apposta per essere guidato anche da

Dettagli

Nuovo Yamaha NMAX. Con te, ogni giorno.

Nuovo Yamaha NMAX. Con te, ogni giorno. Nuovo Yamaha NMAX. Con te, ogni giorno. Grazie alla guida sportiva del nuovo NMAX Yamaha, ogni spostamento in città non sarà più un fastidio, ma un divertimento. NMAX è un urban commuter sportivo, pensato

Dettagli

Sali e guida! MT-07 www.yamaha-motor.it

Sali e guida! MT-07 www.yamaha-motor.it Sali e guida! MT-07 è una nuova specie di moto, progettata per riportare sulla strada il divertimento e il piacere di guidare, a un prezzo accessibile. Tutto in questa MT è fuori dall'ordinario: la coppia

Dettagli

Informazioni per la stampa WR250R e WR250X Model Year 2008

Informazioni per la stampa WR250R e WR250X Model Year 2008 Informazioni per la stampa WR250R e WR250X Model Year 2008 Yamaha Motor Europe N.V. Pagina 1 di 13 YAMAHA WR250R E WR250X L inizio di un entusiasmante nuova era Dieci anni fa Yamaha ha sorpreso il mondo

Dettagli

DALLA MACCHINA A VAPORE AL MOTORE A SCOPPIO

DALLA MACCHINA A VAPORE AL MOTORE A SCOPPIO Pagina 1 di 12 DALLA MACCHINA A VAPORE AL MOTORE A SCOPPIO Pagina 2 di 12 LA MACCHINA A VAPORE La macchina di Watt Nella metà del 1700 gli industriali del settore metallurgico avevano la necessità di azionare

Dettagli

1. Premessa. 2. Forme di energia

1. Premessa. 2. Forme di energia 1. Premessa. Sinteticamente, il rendimento rappresenta il rapporto tra quanto si ottiene e quanto si spende in un trasferimento di energia. Ad esempio, se la potenza prelevata dal motore (spesa) è 50 KW

Dettagli

YAMAHA TMAX. UN CORPO CHE RESPIRA. 2008 by Julian VanDamme. Prima di cominciare

YAMAHA TMAX. UN CORPO CHE RESPIRA. 2008 by Julian VanDamme. Prima di cominciare YAMAHA TMAX UN CORPO CHE RESPIRA 2008 by Julian VanDamme Prima di cominciare questo documento descrive in sintesi i meccanismi chiave che entrano in gioco durante il funzionamento di un motore a scoppio

Dettagli

ENDURO CATALOGO 2016

ENDURO CATALOGO 2016 ENDURO CATALOGO 2016 IT 4 TEMPI 250 SEF-R 3 Sono quasi dieci anni che la Sherco 250 a 4 tempi è stata presentata sul mercato per competere ad altissimo livello nel Campionato mondiale Enduro. I cambiamenti

Dettagli

SMORZATORI TORSIONALI TREVI

SMORZATORI TORSIONALI TREVI SMORZATORI TORSIONALI TREVI CONSIDERAZIONI GENERALI Per meglio comprendere l utilità e la funzionalità degli smorzatori torsionali, sempre più utilizzati e perfezionati (soprattutto con la diffusione dei

Dettagli

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE Stefano Frigo, Ettore Musu, Riccardo Rossi, Roberto Gentili (Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi) Montecatini Terme,

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Motori alternativi a combustione interna

Motori alternativi a combustione interna 8 AUTOTRAZIONE 8.1 Motori alternativi a combustione interna 8.1.1 Introduzione Principio di funzionamento Un motore termico è una macchina che effettua la conversione di energia termica (calore) in energia

Dettagli

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30 Indice Premessa 9 parte prima Base A Tavola A1 Carosello motociclette 13 Tavola A2 Manovellismi motori due cilindri 14 Tavola A3 Velocità media 15 Tavola A4 Supporto a filo di un carico 16 Tavola A5 Supporto

Dettagli

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Classe: 5 Meccanica Docente prof. Angelo Rinaldi Ore settimanali previste: 4 ore ro totale di ore 4x33=132 ore Libro di testo Corso di Meccanica

Dettagli

Motori commerciali Tra le varie applicazioni del motore Stirling, esistono anche motori commerciali, realizzati e testati in laboratorio. Tra questi possiamo illustrarne alcuni: Stirling Power System V160

Dettagli

STUDIO ED OTTIMIZZAZIONE DEL SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO PER UN MOTORE FUORIBORDO

STUDIO ED OTTIMIZZAZIONE DEL SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO PER UN MOTORE FUORIBORDO STUDIO ED OTTIMIZZAZIONE DEL SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO PER UN MOTORE FUORIBORDO Tesi di laurea di: FEDERICO MORSELLI Relatore: Prof. Ing. LUCA PIANCASTELLI Università degli Studi di Bologna Facoltà di

Dettagli

1. Rispondere con V (vero) o F (falso) alle affermazioni seguenti concernenti la corsa del pistone:

1. Rispondere con V (vero) o F (falso) alle affermazioni seguenti concernenti la corsa del pistone: Data Cand. N o Punti ottenuti Esame finale MECCANICO (CA) DI MANUTENZIONE D AUTOMOBILI VEICOLI UTILIRI Conoscenze professionali II - Serie 00 Esperto Esperto Tempo 60 min.. Rispondere con V (vero) o (falso)

Dettagli

IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA

IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA Entriamo nel dettaglio del funzionamento del carburatore motociclistico ed esaminiamo i legami tra le grandezze che regolano l erogazione del combustibile.

Dettagli

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 -

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 - Capitolo 6 Impianto Pneumatico - 6.1 - 6.1 Introduzione In diversi casi è conveniente sfruttare energia proveniente da aria compressa; questo è soprattutto vero quando il velivolo possiede dei motori a

Dettagli

Braccio Σ Yanmar. Midi-escavatore

Braccio Σ Yanmar. Midi-escavatore Midi-escavatore Braccio Σ Yanmar Il nuovo midi-escavatore B7Σ, con il braccio articolato in tre punti unisce tutti i vantaggi operativi fino ad ora ottenibili solo parzialmente da ogni singola tipologia

Dettagli

Progetto H 2 Filiera Idrogeno

Progetto H 2 Filiera Idrogeno WP 4 MOTORI AD IDROGENO CON INIEZIONE DIRETTA A BASSA PRESSIONE Un ostacolo all uso dell idrogeno negli autoveicoli è portarne a bordo la quantità necessaria per una ragionevole autonomia. La densità energetica

Dettagli

GILERA RUNNER 125 200 4T

GILERA RUNNER 125 200 4T GILERA RUNNER 125 200 4T PREMESSA: Questo documento è riservato al sito gilera runner forum.it il quale si declina da ogni responsabilità derivante dal suo contenuto; ricordiamo essere una guida amatoriale

Dettagli

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico.

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. Trasmissione meccanica rof. apuzzimati Mario - ITIS Magistri umacini - omo TASMISSIONE MEANIA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. apita molto spesso che il carico meccanico

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Meccanica e macchine DOCENTE:Colica CLASSE :IV SEZ.A A.S.

FONDAZIONE MALAVASI. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Meccanica e macchine DOCENTE:Colica CLASSE :IV SEZ.A A.S. FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Meccanica e macchine DOCENTE:Colica CLASSE :IV SEZ.A A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI COMPORTAMENTALI -Potenziare

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria Impieghi Test di resistenza Collaudo componenti elettronici Simulazione trasporto merci Emulsionamento Agitazione e miscelazione prodotto Compattazione entro stampi Caratteristiche tecniche principali

Dettagli

MUFFATO. www.muffatopresse.com

MUFFATO. www.muffatopresse.com MUFFATO Presse Meccaniche www.muffatopresse.com Le presse MUFFATO, nate da una esperienza pluriennale nel settore dello stampaggio di minuterie metalliche, sono state progettate e costruite con nuove tecnologie

Dettagli

GRIDO TNT MOTOR. Acsud si riserva il diritto di modificare i suoi veicoli senza preavviso.

GRIDO TNT MOTOR. Acsud si riserva il diritto di modificare i suoi veicoli senza preavviso. GRIDO TNT MOTOR MANUBRIO 01 STRUMENTAZIONE 19 FORCELLA ANTERIORE 02 FARO ANTERIORE 20 RUOTA ANTERIORE 03 FARO POSTERIORE 21 FRENO ANTERIORE 04 PARTI ELETTRICHE 22 MARMITTA 05 PEDALINA AVVIAMENTO 23 FILTRO

Dettagli

Indice. Sala 1. Sala 2 Sala 3

Indice. Sala 1. Sala 2 Sala 3 Indice Sala 1 - Introduzione Pag. 4 - E il momento Pag. 5 - Postazione dei metalli Pag. 6 - Frizione Pag. 7 - Pit stop Pag. 8 - Desmopower Pag. 9 - Sedia a molla Pag. 10 - Piano senza attrito Pag. 11 -

Dettagli

DIO SALVI LA REGINA. Per quasi un trentennio, tra il 1959 e il 1988. Triumph Bonneville

DIO SALVI LA REGINA. Per quasi un trentennio, tra il 1959 e il 1988. Triumph Bonneville DI ALBERTO CECOTTI In viaggio a Oxford per compiere un balzo indietro di quarant anni. E rivivere le emozioni motocilcistiche dei bellissimi anni sessanta grazie alla riesumata Bonneville: una moto che

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

9-10 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA e MOTORE DIESEL

9-10 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA e MOTORE DIESEL 9-10 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA e MOTORE DIESEL DIFFERENZE TRA MOTORE A SCOPPIO E DIESEL Il motore a scoppio aspira attraverso i cilindri una miscela esplosiva di aria e benzina nel carburatore, questa

Dettagli

Moto della carica nel cilindro

Moto della carica nel cilindro Moto della carica nel cilindro Il moto della carica nel cilindro ha una grande influenza sulla miscelazione di aria- combustibile e sul processo di combustione. Lo scopo di una corretta introduzione della

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 08 parte D A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo Lubrificazione In tutte le macchine costituite da

Dettagli

COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke)

COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke) COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke) Salve a tutti. In questa recensione spiegherò la composizione e il funzionamento del motore a scoppio Quattro Tempi, in inglese 4-stroke.

Dettagli

MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA

MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA ALTERNATIVI ROTATIVI CORSO DI MACCHINE 3 - PROF. FEOLA 5 Rappresentazione schematica del gruppo: cilindro, pistone, biella, manovella. Motore alternativo azionato

Dettagli

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO Di autogiri ne esistono di tutti i tipi e la gamma spazia dalle costruzioni amatoriali ai velivoli certificati. Parimenti è altrettanto vasta la gamma dei sistemi impiegati

Dettagli

SURFLEX: VINCERE DOVE E PIU DIFFICILE VINCERE FRIZIONI

SURFLEX: VINCERE DOVE E PIU DIFFICILE VINCERE FRIZIONI rflexsurflexsurflexsurflexsurflexsurflexsurfle FRIZIONI RICAMBIO 4 MOLLE 6 MODIFICHE 8 COMPONENTI ERGAL 10 FRIZIONI COMPLETE 12 ANTISALTELLAMENTO 14 EPOCA 18 SURFLEX: VINCERE DOVE E PIU DIFFICILE VINCERE

Dettagli

Criteri di selezione martinetti

Criteri di selezione martinetti Criteri di selezione martinetti I martinetti meccanici trasformano il moto rotatorio in un movimento lineare. Questa trasformazione avviene con una perdita di potenza fra vite e madrevite. Questa perdita

Dettagli

Renault Clio II 1.2 16V Motore benzina D4F 712 (00 06) Difetto: spia iniezione accesa e funzionamento al minimo irregolare, causa valvole bruciate.

Renault Clio II 1.2 16V Motore benzina D4F 712 (00 06) Difetto: spia iniezione accesa e funzionamento al minimo irregolare, causa valvole bruciate. Renault Clio II 1.2 16V Motore benzina D4F 712 (00 06) Difetto: spia iniezione accesa e funzionamento al minimo irregolare, causa valvole bruciate. Soluzione: sostituzione valvole. Note: La vettura di

Dettagli

L efficienza incontra la potenza. MAN TGX con nuovi motori D38.

L efficienza incontra la potenza. MAN TGX con nuovi motori D38. L efficienza incontra la potenza. MAN TGX con nuovi motori D38. Prestazioni in una nuova dimensione. In questo prospetto sono raffigurati anche equipaggiamenti che non fanno parte della dotazione di serie.

Dettagli

Dimensionamento di massima di una compressore volumetrico alternativo

Dimensionamento di massima di una compressore volumetrico alternativo Dimensionamento di massima di una compressore volumetrico alternativo Giulio Cazzoli Giugno 2013 v1.0 Si chiede di eettuare il dimensionamento di massima di un compressore volumetrico alternativo che aspiri

Dettagli

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel Termodinamica Applicazioni del secondo principio ovvero Macchine a vapore a combustione esterna: macchina di Newcomen e macchina di Watt Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Dettagli

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA Anno Scolastico 2009/2010 Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA Prof. Matteo Intermite 1 4. FUNZIONAMENTO DEL MOTORE A 4 TEMPI 4.1 LE 4 FASI DEL CICLO

Dettagli

50cc. Enduro. Supermotard Naked &Scrambler...quando le due ruote sono passione. www.valentiracing.com

50cc. Enduro. Supermotard Naked &Scrambler...quando le due ruote sono passione. www.valentiracing.com 20851 LISSONE (MB) V.le Martiri della Libertà, 238 Tel. +39 039 2450192 - Fax +39 039 2452993 e-mail: info@valentiracing.com Rivenditore autorizzato: www.valentiracing.com Valenti consiglia lubrificanti:

Dettagli

OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO

OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO Pag 1 di 9 COLONNA ESSICCATOIO STRAHL SERIE AR La colonna di essiccazione è realizzata con pannelli in lamiera zincata strutturale con montanti esterni quantità variabile

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Valutazioni di massima sui motori a combustione interna

Valutazioni di massima sui motori a combustione interna Valutazioni di massima sui motori a combustione interna Giulio Cazzoli v 1.0 Maggio 2014 Indice Elenco dei simboli 3 1 Motore ad accensione comandata 4 1.1 Dati........................................

Dettagli

TECNOLOGIE Strumenti per vivere meglio.

TECNOLOGIE Strumenti per vivere meglio. 1. Technologies TECNOLOGIE Strumenti per vivere meglio. È l invenzione che si traduce in atto, l intuizione che diventa applicazione, il particolare che si moltiplica. Con un altro sguardo, la tecnologia

Dettagli

Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ.

Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ. Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ. L'innovativa YZ250F di ultima generazione nel 2015 è più che mai l'arma letale in MX2, con le numerose modifiche a particolari del motore e del design.

Dettagli

Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo

Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo Contate su di noi Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo Il mondo si evolve velocemente. Cambia il modo di lavorare, le vostre esigenze si fanno più articolate, le normative sempre più strette.

Dettagli

P ROVA KAWASAKI KLE 500

P ROVA KAWASAKI KLE 500 P ROVA KAWASAKI KLE 500 Voglia di curve Le moto da enduro da guidare prevalentemente su strada si suddividono in due grandi filoni: le snelle e agili monocilindriche che hanno decretato il successo della

Dettagli

News. Logo MOTORE 105-115 30 MARZO 2015 DESCRIZIONE

News. Logo MOTORE 105-115 30 MARZO 2015 DESCRIZIONE Logo News 30 MARZO 2015 MOTORE 105-115 Chi non l'avrebbe mai detto? Un motorkit per i motori più blasonati della serie ALFA ROMEO 105/115. L'idea e' nata durante una visita all'autodromo di Monza nel 2010

Dettagli

Il motore a scoppio (Ciclo Otto)

Il motore a scoppio (Ciclo Otto) Il motore a scoppio (Ciclo Otto) Se l industria automobilistica si sviluppò solo agli inizi del XX sec. negli Stati Uniti, la ricerca scientifica sul motore a scoppio si estese per tutto il corso del XIX

Dettagli

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA/OLIO

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA/OLIO Il moltiplicatore di pressione sfrutta una combinazione di aria/olio ottenendo notevoli pressioni. Il principio si basa sulla differenza della superficie dei due pistoni collegati tra di loro da un unico

Dettagli

IL MOTORE A QUATTRO TEMPI

IL MOTORE A QUATTRO TEMPI IL MOTORE A QUATTRO TEMPI LE QUATTRO FASI Con il nome di ciclo motore si indica il complesso delle trasformazioni subìte dalla msicela di aria e benzina all'interno del cilindro e che si ripetono periodicamente

Dettagli

Scheda tecnica Lancia Fulvia Coupè 1,6 HF 2 a Serie

Scheda tecnica Lancia Fulvia Coupè 1,6 HF 2 a Serie ANNO DI PRODUZIONE: 1970 1973 ESEMPLARI PRODOTTI: 3.690 TELAIO Scheda tecnica Lancia Fulvia Data emissione: febb 2010 Pag 1 di 6 Tipo: 818.740 guida a sinistra 818.741 guida a destra MOTORE Tipo: 818.540,

Dettagli

Elementi di Meccanica agraria parte seconda

Elementi di Meccanica agraria parte seconda Corso di Meccanica agraria Istituto Agrario S. Michele Elementi di Meccanica agraria parte seconda Classe 3^S a.s. 2009-10 con il coordinamento e la supervisione del prof. Maines Fernando Giugno 2010 Elementi

Dettagli