Il Kawasaki KLR è stato il primo a proporre di serie soluzioni come la distribuzione bialbero e il raffreddamento a liquido

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Kawasaki KLR è stato il primo a proporre di serie soluzioni come la distribuzione bialbero e il raffreddamento a liquido"

Transcript

1 I segreti del monocilindrico I motori con un solo pistone: come sono fatti e perché. Vantaggi e svantaggi, caratteristiche costruttive e scelte tecniche di Alberto Dell'Orto Il Ducati Supermono della metà degli anni Novanta, uno dei più sofisticati monocilindrici di tutti i tempi, dotato di numerose soluzioni esclusive, tra cui l'iniezione Il motore monocilindrico ha avuto una parte molto importante nella storia della moto. Moltissimi dei modelli più famosi, dagli albori a oggi, hanno avuto questo tipo di frazionamento. I motivi principali che hanno contribuito, almeno all inizio, alla sua diffusione, sono facilmente identificabili nella sua semplicità costruttiva, nella facilità di installazione in un telaio, nella possibilità di essere efficacemente raffreddati ad aria. Da non sottovalutare l aspetto delle dimensioni dei componenti: soprattutto in epoche in cui non erano pensabili grandi cilindrate e potenze su una motocicletta, era più conveniente produrre un unico cilindrico simile a quello di un automobile piuttosto che impegnarsi in un opera di miniaturizzazione dall esito incerto, specie con macchine utensili, materiali e lubrificanti dalle prestazioni molto lontane da quelle a cui oggi facciamo riferimento. In più un peso complessivo del motore, inferiore a quello di un frazionato di pari cilindrata, stressava meno telai e pneumatici, e il freno motore più efficace aiutava le decelerazioni.

2 L'Airone della Moto Guzzi adottava un 250 ad aste e bilancieri di schema complessivo molto simile al 500 del Falcone Le peculiarità del cilindro orizzontale e del volano esterno saranno riprese anche sulle vittoriose macchine da GP negli anni '40 e '50 Nelle cilindrate più elevate, il monocilindrico a quattro tempi ha vissuto una lunga storia di predominio fino a tutti gli anni Sessanta, quando una bicilindrica era un lusso per pochi e tre o più cilindri si vedevano solo nelle corse. Poi, un momento di declino dovuto alla corsa al frazionamento inaugurato dai giapponesi, che poi daranno una nuova giovinezza ai mono, a partire dalla Yamaha XT500 del Una sfida subito raccolta dalla Honda (XL500S, la prima con quattro valvole, e l unica con carter separati da un piano orizzontale) e dalla Suzuki (SP 370, seguita dalla DR 400) e poi sviluppata con nuovi motori (la Yamaha con l XT 550, poi 600 -montato anche su una stradale sportiva, la SRX-, infine 660 con cinque valvole e raffreddamento ad acqua; la Honda con il motore XL 500/600, poi cresciuto fino ai 650 cc della Dominator; la Suzuki con il DR 500 diventato anche 600 e 650, e poi i successivi -ma completamente nuovi- 750 e 800 "Big").

3 Il Kawasaki KLR è stato il primo a proporre di serie soluzioni come la distribuzione bialbero e il raffreddamento a liquido La Kawasaki è arrivata solo più tardi, con la KLR 570 bialbero raffreddata a liquido (l unica per qualche anno con queste caratteristiche) del 1984, mentre in Europa i primi passi li ha fatti la Cagiva (con un 350 per l Ala Rossa poi giunto fino a 600 cc), seguita dalla Rotax (distribuzione a cinghia dentata) e dalle Case votate al fuoristrada come Husqvarna e KTM. Singolare la genesi del mono Gilera, bialbero a cinghia dentata e raffreddato a liquido, nato 350/500 per la Saturno Bialbero e poi cresciuto fino a 570 cc per enduro anche molto specialistiche (come la RC) e la prima supermotard di serie, la Nordwest. ( 03/10/2002 ) I vantaggi

4 Il KTM LC4, nato alla fine degli anni Ottanta e ancora sulla breccia. Notare la compattezza e la semplicità, ancora oggi eccezionali: il basamento è derivato direttamente dal 500 a due tempi della Casa Ancora oggi molte categorie adottano motori monocilindrici: si tratta soprattutto di basse cilindrate unitarie a due tempi (da 50 a 200 cc) o di motori a quattro tempi destinati a muovere scooter ( cc) o motociclette da fuoristrada ( cc), dove i requisiti del contenimento del peso e delle dimensioni sono essenziali, mentre le prestazioni massime sono un aspetto di importanza tutto sommato relativa. Infatti in questi settori è più importante ottenere un erogazione della potenza dolce e gestibile e, nel caso delle cilindrate più piccole, un ampio range di utilizzo, consumi ed emissioni contenuti. Tra i pregi della scelta di una motorizzazione monocilindrica non ci sono, ovviamente, solo questioni di ingombri e di peso. Non è da sottovalutare l importanza del contenimento delle spese di gestione: in un monocilindrico di solito il numero delle candele e dei litri d olio da sostituire è inferiore, così come il numero delle valvole da regolare, e non c è quasi mai bisogno di sincronizzare carburatori.

5 .. Un bel disegno degli organi interni del mono Yamaha della serie XT/TT/SRX. Sono evidenti l'adamento dei condotti e la distribuzione monoalbero con bilancieri a doppio braccio, utile per contenere gli ingombi in altezza della testata rispetto a una più raffinata soluzione bialbero. In basso si distinguono chiaramente il filtro del lubrificante e il contralbero di bilanciamento (dietro alla base del cilindro) e i cuscinetti di banco a rotolamento Non dimentichiamo, poi, l economia di produzione: il costo di un motore dipende molto più dal numero dei pezzi che dalla loro dimensione, quindi un piccolo raffronto tra un "mono" e un "quattro" permette calcolare un risparmio di tre pistoni, nove segmenti, dodici valvole (di solito), ventiquattro molle, dodici camme, tre bielle, tre perni di biella e tre perni di banco, dodici bronzine, tre candele e almeno due carburatori e due collettori di scarico. Di solito, poi, anche un silenziatore. Inoltre, l albero motore può essere scomponibile e montato su cuscinetti a rotolamento, che permettono la realizzazione di impianti di lubrificazione decisamente più semplici. Da notare comunque, la diffusione anche in questo settore delle bronzine (Gilera, BMW).

6 Gli svantaggi Il Suzuki DR Big (che ha raggiunto la cilindrata eccezionale di 779 cc nella versione 800) è il campione di cubatura tra i mono moderni. L'alesagio ha raggiunto il valore record di 105 mm, ma questo ha richiesto l'adozione di camere di una fluidodinamica ad alta turbolenza e della doppia accensione per garantire i necessari rendimenti. Oggi di certe cilindrate unitarie non si parla più. Notare il sistema di equilibratura a doppio albero Accanto ai pregi, questo tipo di frazionamento presenta una serie di svantaggi che ne limitano la diffusione ad altri segmenti del mercato motociclistico. Nei motori a quattro tempi la regolarità di rotazione dell albero motore è minata dal ciclo stesso di funzionamento: l albero tende ad accelerare, sotto la spinta del pistone e della biella, durante la fase di espansione, cioè quella in cui i gas incendiati aumentano di temperatura e volume spingendo il pistone lontano dalla camera di combustione, una volta ogni due giri. In tutte le fasi successive (scarico dei gas combusti, aspirazione della carica fresca, compressione dei gas da bruciare) il sistema non produce potenza ma ne assorbe, disperdendola in attriti e rallentando così la corsa del pistone e, di conseguenza, la rotazione dell albero a gomiti. In un pluricilindrico le combustioni vengono "sfalsate" tra loro in modo da ridurre quella che si chiama irregolarità ciclica, mentre nei mono si può

7 solo fare affidamento sulle masse volaniche (generatore di corrente, albero motore, campana della frizione ): maggiore è il prodotto delle masse per il loro diametro, maggiore sarà l inerzia disponibile. Ciò manterrà più costante la rotazione ai bassissimi regimi, ma poi costituirà un limite notevole alla brillantezza nel prendere i giri. Emblematico in questo senso il volano esterno del motore Moto Guzzi 500 che, in varie versioni e allestimenti, ha accompagnato la casa per quasi mezzo secolo: il regime minimo molto basso deriva, oltre che dalla fasatura "stretta" della distribuzione, proprio dalle masse volaniche eccezionalmente dimensionate. Per questo, è normale che in un monocilindrico odierno, con potenze dagli 80 CV/litro in su, il volano venga mantenuto ragionevolmente leggero, e questo provoca spesso irregolarità ai bassi regimi. I motori a due tempi di solito soffrono in misura minore di questo problema, perché hanno una combustione ogni 360 di rotazione, cioè ogni giro.

8 Il motore della Aprilia Pegaso 650 può essere considerato una sorta di "anello di congiunzione" nell'evoluzione dei monocilindrici. Cilindrata, dimensioni e pesi risentono dei canoni nati negli anni Ottanta, ma raffinatezze come le cinque valvole a disposizione radiale, la distribuzione bialbero con camme troncoconiche, il raffreddamento a liquido e, ultimamente, l'iniezione ne fanno ancora un riferimento nella categoria dei mono stradali In più attualmente i motori a due tempi sono di cilindrata ridotta (fino a 250 cc): e il loro campo di impiego praticamente esclude i regimi più bassi, quelli ai quali è più sensibile il fenomeno. Dal punto di vista delle prestazioni, poi, un monocilindrico è più svantaggiato dei frazionati, soprattutto nelle grandi cilindrate. Le esigenze termodinamiche, infatti, rendono difficoltosa l'adozione di alesaggi molto grandi (oltre i 100 mm), perchè diventerebbe difficile mantenere le necessarie caratterstiche di rapidità e completezza della combustione in camere tanto ampie. Ne consegue che, data la cilindrata, la corsa non può essere particolamente contenuta e questo pone dei limiti al regime raggiungibile e quindi, complice un sistema di alimentazione difficile da realizzare con le caratteristiche adatte (per motivi di ingombro e fluidodinamici), la potenza erogabile. Ne sono la conferma i più recenti (e moderni) motori da fuoristrada: per raggiungere i giri necessari e avere lo spazio necessario a una fluidodinamica adeguata (condotti efficienti, carburatori di dimensioni ragionevoli, air-box di volume adeguato), la cilindrata si è assestata tra 400 e 450 cc. Un altro punto debole dei monocilindrici è la rumorosità: le pulsazioni di aspirazioni e scarico sono più "energiche" dei frazionati di pari cilindrata e questo impone studi approfonditi per silenziare adeguatamente il motore senza "strozzarlo".

9 Le vibrazioni Un metodo decisamente soddisfacente per equilibrare un monocilindrico è l'impiego di due alberi controrotanti disposti in posizione opposte rispetto all'albero motore. Le frecce indicano la direzione e il verso delle forze in gioco. Notare come, con l'albero a 90 dai punti morti, l'accelerazione quasi nulla del pistone ne renda trascurabile la trsmissione di forze all'albero motore, e quindi la propria influenza sul sistema complessivo Un altro degli aspetti critici del monocilindrico è l equilibratura delle masse alterne: il pistone, lo spinotto e quella metà -in massa- della biella a cui convenzionalmente si attribuisce un moto alternato, si muovono generando delle forze di inerzia, che, per effetto delle accelerazioni (positive e negative) dovute all inversione del loro moto, si scaricano sugli organi adiacenti (albero, cuscinetti, carter) creando delle vibrazioni. Le masse alterne non possono essere bilanciate al 100% con i contrappesi dell albero motore: questi contrasterebbero perfettamente le inerzie degli organi dotati di moto alternato solo al PMS (punto morto superiore) e al PMI (punto morto inferiore), quando il verso e il "vigore" delle due forze sarebbe il medesimo, ma con direzione opposta. In ogni altra posizione, e in particolare nei punti intermedi tra i due punti morti, si avrebbero degli squilibri (e quindi delle vibrazioni) enormi, perché le inerzie dei contrappesi acquistano verso e direzioni variabili, diversi da quelli delle masse alterne. Per questo si tende a bilanciare con i contrappesi dell albero motore il 100% delle masse rotanti (perno di manovella e porzione di biella considerata a moto prevalentemente rotatorio) e circa il 50-

10 60% delle masse alterne. A partire da una ventina di anni fa, comunque, con le Yamaha XT550 e le Honda XL500 si è generalizzata l adozione di alberi di equilibratura controrotanti, quasi sempre singoli, ma alcune volte (Honda, Suzuki) doppi, soluzione più complessa ma più efficace (riduce l insorgere di coppie tra i contrappesi dell albero motore e quelli del contralbero). Pur se meno efficiente, per ragioni di semplicità (costi, persi, ingombri) la soluzione più diffusa è l'impiego di un solo albero di equilibratura controrotante Contribuiscono alle vibrazioni dei motori di cilindrata maggiore anche le necessità di compattezza: i cilindri di questi motori sono invariabilmente verticali o solo leggermente inclinati, e la corsa non può essere troppo contenuta per non scontrarsi con pistoni di dimensioni eccessive, che sarebbero afflitti da problemi di peso o di resistenza dei pistoni stessi, oltre al problema di dover gestire con adeguata efficienza la combustione all interno di una camera di combustione molto larga e quindi (per raggiungere un adeguato rapporto di compressione) piuttosto "schiacciata". Per questo si impiegano corse raramente inferiori a 75/80 mm, e quindi per limitare l ingombro in altezza dei gruppi termici si ricorre all impiego di bielle piuttosto corte in relazione alla corsa. Ne deriva una forte inclinazione della biella durante la corsa del pistone, che provoca delle spinte laterali sul pistone non trascurabili, che si trasmettono al cilindro facendolo vibrare. Queste forze, però non possono essere in alcun modo equilibrate.

11 Lo stato attuale Il motore della Ducati Supermono, stretto parente dei bicilindrici da competizione della Casa, ha la particolarità di un sistema di equilibratura a bielletta oscillante. In pratica si simula la presenza di un altro gruppo termico a 90, una configurazione intrinsecamente efficiente sotto questo aspetto Notare la rettilineità del condotto di aspirazione Gli aspetti costruttivi degli attuali motori monocilindrici sono strettamente legati alla loro storia e all impiego a cui sono destinati. I motori a due tempi appaiono confinati a nicchie di mercato come le moto da cross fino a 250 cc (le 500 a 2T sono ormai quasi scomparse), le 125 di elevate prestazioni (stradali o enduro) e gli scooter fino a 200 cc caratterizzati da un basso prezzo d acquisto o da una personalità sportiva. In assenza di ulteriori, sconvolgenti sviluppi sulla gestione dell alimentazione e della combustione, comunque, il futuro di queste motorizzazioni appare piuttosto buio a causa delle crescenti restrizioni sulle emissioni inquinanti. I motori a quattro tempi, invece, dominatori incontrastati delle grandi cilindrate, sono apparsi prepotentemente anche nelle piccole cilindrate. Le strade seguite sono differenti: i motori meno votati alle prestazioni hanno il raffreddamento ad aria e, in molti scooter, due valvole per cilindro. Le quattro valvole appaiono comunque una dotazione obbligata per i mono di cilindrata superiore, perché permettono non solo prestazioni più credibili, ma anche forme più efficienti della camera di combustione. Quest ultima caratteristica appare irrinunciabile non solo nel caso dei motori più prestanti, come i 250 e i 400/450/500 che spopolano nel cross e nell enduro, ma anche per i motori turistici di cilindrata superiore per garantire un adeguata efficienza di combustione in presenza di alesaggi anche superiori ai 100 mm. Interessanti in questo senso le valvole radiali del mono Honda montato su Dominator e Vigor (con un comando monoalbero piuttosto complesso) e le cinque valvole per cilindro di Yamaha (660, 250, 400/426) e Aprilia (con valvole radiali).

12 Il sistema di raffreddamento a liquido adottato dai motori più performanti (nel disegno, lo Yamaha XTZ/SRZ 660) ricalca in tutto gli schemi dei più sofisticati motori supersportivi Non è un caso, nell ottica dell efficienza, che i grandi mono raffreddati ad aria ancora in produzione (Honda, Suzuki, Yamaha, Rotax) abbiano condotti di aspirazione orizzontali, pensati cioè per assicurare più una elevata turbolenza alla carica che entra nel cilindro (a garanzia di completezza della combustione), che un elevata potenza specifica. Il raffreddamento a liquido è anch esso diventato una caratteristica quasi obbligata, tranne nei casi di propulsori con destinazione turistico-utilitaria. Nei motori più prestanti, infatti, la temperatura può essere distribuita in modo più uniforme, esigenza sentita soprattutto per minimizzare il rischio di deformazioni termiche della testata e del cilindro: nella testata ciò può portare a una perdita di coassialità tra guide e sedi e minare così la tenuta delle valvole, mentre nel cilindro, in particolare quelli di alesaggio maggiore, si possono verificare peggioramenti della tenuta dei segmenti con conseguente passaggio di lubrificante nella camera di combustione, attraverso il gioco pistone-canna o dal recupero dei gas di sfiato del basamento. Infatti, tutti i motori di nuova progettazione vengono dotati di raffreddamento ad acqua, che ha anche una efficace funzione fonoisolante.

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

CANDIDATO: William Berardi. RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli

CANDIDATO: William Berardi. RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica A.A. 2010/2011 - Sessione III CANDIDATO: William Berardi RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

http://users.iol.it/debiasioandrea

http://users.iol.it/debiasioandrea CAP.3 -IL MOTORE http://users.iol.it/debiasioandrea e-mail: editodb@iol.it Pagine successive: ENTER o PG DOWN Pagine precedenti : PG UP Finestra principale Acrobat : ESC Modalità pieno schermo: CTRL +

Dettagli

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Motori endotermici Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari I MOTORI ENDOTERMICI Il motore converte l energia termica del

Dettagli

www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION

www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION www.gilera.com PIù DI 100 ANNI NEL SEGNO DELLA SPORTIVITà E DELLO STILE ITALIANO. Dagli epici pionieri degli inizi del XX secolo, la storia di Gilera

Dettagli

CRF150R. 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5

CRF150R. 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5 CRF150R 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5 Introduzione Colorazioni La rivoluzionaria CRF150R e la gemella CRF150R2 con cerchi da 19, sono le prime moto racing da cross di piccola cilindrata. Equipaggiate

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

Motore endotermico ed ibrido

Motore endotermico ed ibrido Motore endotermico ed ibrido Sommario Prefazione... 5 1. Il Motore dell'auto in generale... 6 1.1.Introduzione - motori a combustione interna... 6 1.2 Il Motore dell'auto... 8 2. Il Motore Diesel... Errore.

Dettagli

DESIGN INNOVATION PASSION RACING

DESIGN INNOVATION PASSION RACING www.gilera.com DESIGN INNOVATION PASSION RACING 100 ANNI NEL SEGNO DELLA SPORTIVITA E DELLO STILE ITALIANO. Dagli epici pionieri degli inizi del XX secolo, alla vittoria di Marco Simoncelli nel Motomondiale

Dettagli

Anglo Belgian Corporation (ABC) è uno dei principali costruttori di motori diesel a

Anglo Belgian Corporation (ABC) è uno dei principali costruttori di motori diesel a Anglo Belgian Corporation (ABC) è uno dei principali costruttori di motori diesel a media velocità d Europa. L azienda ha quasi un secolo di esperienza in motori affidabili e poteni. Originariamente, la

Dettagli

Sali e guida! MT-07 www.yamaha-motor.it

Sali e guida! MT-07 www.yamaha-motor.it Sali e guida! MT-07 è una nuova specie di moto, progettata per riportare sulla strada il divertimento e il piacere di guidare, a un prezzo accessibile. Tutto in questa MT è fuori dall'ordinario: la coppia

Dettagli

Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ.

Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ. Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ. Il modello 2014 è l'esemplare di una nuova specie e Yamaha è pronta a scatenare il suo purosangue da competizione, per dominare i circuiti di tutto il

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

DALLA MACCHINA A VAPORE AL MOTORE A SCOPPIO

DALLA MACCHINA A VAPORE AL MOTORE A SCOPPIO Pagina 1 di 12 DALLA MACCHINA A VAPORE AL MOTORE A SCOPPIO Pagina 2 di 12 LA MACCHINA A VAPORE La macchina di Watt Nella metà del 1700 gli industriali del settore metallurgico avevano la necessità di azionare

Dettagli

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05)

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Sostituzione guarnizione della testa, rovinata a causa di una perdita dell acqua dal tubo inferiore del radiatore (la vettura ha circolato senza liquido

Dettagli

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE Stefano Frigo, Ettore Musu, Riccardo Rossi, Roberto Gentili (Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi) Montecatini Terme,

Dettagli

Banco prova trasportabile per verifiche pre e post gara dei motori a due tempi da competizione. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica TESI DI LAUREA

Banco prova trasportabile per verifiche pre e post gara dei motori a due tempi da competizione. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica TESI DI LAUREA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Meccanica TESI DI LAUREA Banco prova trasportabile per verifiche pre e post gara dei

Dettagli

1. Rispondere con V (vero) o F (falso) alle affermazioni seguenti concernenti la corsa del pistone:

1. Rispondere con V (vero) o F (falso) alle affermazioni seguenti concernenti la corsa del pistone: Data Cand. N o Punti ottenuti Esame finale MECCANICO (CA) DI MANUTENZIONE D AUTOMOBILI VEICOLI UTILIRI Conoscenze professionali II - Serie 00 Esperto Esperto Tempo 60 min.. Rispondere con V (vero) o (falso)

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

1. Premessa. 2. Forme di energia

1. Premessa. 2. Forme di energia 1. Premessa. Sinteticamente, il rendimento rappresenta il rapporto tra quanto si ottiene e quanto si spende in un trasferimento di energia. Ad esempio, se la potenza prelevata dal motore (spesa) è 50 KW

Dettagli

Parte 2. Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche

Parte 2. Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche Utilizzo in sicurezza e manutenzione delle motoseghe Parte 2 Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche Al termine di questo modulo sarai in grado di: descrivere la struttura e il funzionamento

Dettagli

GILERA RUNNER 125 200 4T

GILERA RUNNER 125 200 4T GILERA RUNNER 125 200 4T PREMESSA: Questo documento è riservato al sito gilera runner forum.it il quale si declina da ogni responsabilità derivante dal suo contenuto; ricordiamo essere una guida amatoriale

Dettagli

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30 Indice Premessa 9 parte prima Base A Tavola A1 Carosello motociclette 13 Tavola A2 Manovellismi motori due cilindri 14 Tavola A3 Velocità media 15 Tavola A4 Supporto a filo di un carico 16 Tavola A5 Supporto

Dettagli

Dimensionamento di massima di un motore diesel bicilindrico 2T senza manutenzione per aviazione ultraleggera

Dimensionamento di massima di un motore diesel bicilindrico 2T senza manutenzione per aviazione ultraleggera UNIVERSITA' DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA INSEGNAMENTO: Disegno Tecnico Industriale Dimensionamento di massima di un motore diesel bicilindrico 2T senza manutenzione

Dettagli

Motori alternativi a combustione interna

Motori alternativi a combustione interna 8 AUTOTRAZIONE 8.1 Motori alternativi a combustione interna 8.1.1 Introduzione Principio di funzionamento Un motore termico è una macchina che effettua la conversione di energia termica (calore) in energia

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria industriale Corso di laurea in Ingegneria meccanica. Sedi di Piacenza Anno accademico 2003-2004

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria industriale Corso di laurea in Ingegneria meccanica. Sedi di Piacenza Anno accademico 2003-2004 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria industriale Corso di laurea in Ingegneria meccanica Sedi di Piacenza Anno accademico 2003-2004 Corso di Laboratorio Progettuale di Disegno Assistito dal Calcolatore

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

YAMAHA TMAX. UN CORPO CHE RESPIRA. 2008 by Julian VanDamme. Prima di cominciare

YAMAHA TMAX. UN CORPO CHE RESPIRA. 2008 by Julian VanDamme. Prima di cominciare YAMAHA TMAX UN CORPO CHE RESPIRA 2008 by Julian VanDamme Prima di cominciare questo documento descrive in sintesi i meccanismi chiave che entrano in gioco durante il funzionamento di un motore a scoppio

Dettagli

DIO SALVI LA REGINA. Per quasi un trentennio, tra il 1959 e il 1988. Triumph Bonneville

DIO SALVI LA REGINA. Per quasi un trentennio, tra il 1959 e il 1988. Triumph Bonneville DI ALBERTO CECOTTI In viaggio a Oxford per compiere un balzo indietro di quarant anni. E rivivere le emozioni motocilcistiche dei bellissimi anni sessanta grazie alla riesumata Bonneville: una moto che

Dettagli

P ROVA KAWASAKI KLE 500

P ROVA KAWASAKI KLE 500 P ROVA KAWASAKI KLE 500 Voglia di curve Le moto da enduro da guidare prevalentemente su strada si suddividono in due grandi filoni: le snelle e agili monocilindriche che hanno decretato il successo della

Dettagli

esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895

esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895 esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895 NOTE: Svolgere le esercitazioni su fogli A3 lisci, preferibilmente tipo cartoncino.

Dettagli

GRIDO TNT MOTOR. Acsud si riserva il diritto di modificare i suoi veicoli senza preavviso.

GRIDO TNT MOTOR. Acsud si riserva il diritto di modificare i suoi veicoli senza preavviso. GRIDO TNT MOTOR MANUBRIO 01 STRUMENTAZIONE 19 FORCELLA ANTERIORE 02 FARO ANTERIORE 20 RUOTA ANTERIORE 03 FARO POSTERIORE 21 FRENO ANTERIORE 04 PARTI ELETTRICHE 22 MARMITTA 05 PEDALINA AVVIAMENTO 23 FILTRO

Dettagli

Elementi di Meccanica agraria parte seconda

Elementi di Meccanica agraria parte seconda Corso di Meccanica agraria Istituto Agrario S. Michele Elementi di Meccanica agraria parte seconda Classe 3^S a.s. 2009-10 con il coordinamento e la supervisione del prof. Maines Fernando Giugno 2010 Elementi

Dettagli

Il motore a scoppio (Ciclo Otto)

Il motore a scoppio (Ciclo Otto) Il motore a scoppio (Ciclo Otto) Se l industria automobilistica si sviluppò solo agli inizi del XX sec. negli Stati Uniti, la ricerca scientifica sul motore a scoppio si estese per tutto il corso del XIX

Dettagli

Nuova Honda CRF1000L Africa Twin 2016 Una leggenda che si rinnova. La nuova maxi-enduro Honda si prepara al debutto

Nuova Honda CRF1000L Africa Twin 2016 Una leggenda che si rinnova. La nuova maxi-enduro Honda si prepara al debutto 24 luglio 2015 Comunicato stampa Nuova Honda CRF1000L Africa Twin 2016 Una leggenda che si rinnova. La nuova maxi-enduro Honda si prepara al debutto Maxi-enduro da 1000cc dotata di un nuovo compatto motore

Dettagli

Honda CRF450R e CRF250R 2015 PREGI Ciclistiche al top e nuove forcelle DIFETTI Setting delle forcelle complicato Prezzo da 7.490. Bingo!

Honda CRF450R e CRF250R 2015 PREGI Ciclistiche al top e nuove forcelle DIFETTI Setting delle forcelle complicato Prezzo da 7.490. Bingo! Honda CRF450R e CRF250R 2015 PREGI Ciclistiche al top e nuove forcelle DIFETTI Setting delle forcelle complicato Prezzo da 7.490 prova motocross Bingo! Le nuove CRF fanno centro. La ciclistica era già

Dettagli

COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke)

COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke) COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke) Salve a tutti. In questa recensione spiegherò la composizione e il funzionamento del motore a scoppio Quattro Tempi, in inglese 4-stroke.

Dettagli

Nuovo L200. con motore diesel MIVEC a basso impatto

Nuovo L200. con motore diesel MIVEC a basso impatto Nuovo L200 con motore diesel MIVEC a basso impatto Nella filosofia di Mitsubishi Motors Corporation, tra le responsabilità d impresa rientra anche offrire una gamma di veicoli con il minor impatto possibile

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO TESI DI LAUREA

POLITECNICO DI TORINO TESI DI LAUREA POLITECNICO DI TORINO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica TESI DI LAUREA Applicazione dell iniezione diretta di benzina in un motore a 2 tempi di tipo innovativo Relatori Prof.

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 4 Componentistica di base: alberi, trasmissione per cinghie e catene, giunti Alberi Appunti

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ.

Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ. Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ. L'innovativa YZ250F di ultima generazione nel 2015 è più che mai l'arma letale in MX2, con le numerose modifiche a particolari del motore e del design.

Dettagli

Fissaggio e giochi dei cuscinetti

Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio dei cuscinetti 9 Fissaggio radiale 9 Fissaggio assiale 91 Posizionamento su un unico supporto 91 Posizionamento su due supporti 92 Processi di fissaggio assiale

Dettagli

Valentino Rossi: con o contro le leggi della fisica?

Valentino Rossi: con o contro le leggi della fisica? Valentino Rossi: con o contro le leggi della fisica? Simone Zuccher E-mail: zuccher@sci.univr.it Web page: http://profs.sci.univr.it/ zuccher/ Liceo Scientifico E. Medi e Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

DESIGN PASSION SPORT

DESIGN PASSION SPORT DESIGN PASSION SPORT GP 800 UNA NUOVA DIMENSIONE. Gilera GP 800: la potenza di un idea. Motore bicilindrico a V di 90, 839cc, 4 valvole per cilindro, 75CV di potenza. Nasce con Gilera GP 800 una nuova

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Braccio Σ Yanmar. Midi-escavatore

Braccio Σ Yanmar. Midi-escavatore Midi-escavatore Braccio Σ Yanmar Il nuovo midi-escavatore B7Σ, con il braccio articolato in tre punti unisce tutti i vantaggi operativi fino ad ora ottenibili solo parzialmente da ogni singola tipologia

Dettagli

GENERATORI EOLICI (AEROGENERATORI) PARTI PRINCIPALI E CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

GENERATORI EOLICI (AEROGENERATORI) PARTI PRINCIPALI E CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE GENERATORI EOLICI (AEROGENERATORI) PARTI PRINCIPALI E CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE La trasformazione dell energia cinetica posseduta dal vento in energia elettrica richiede macchine complesse e molto sofisticate.

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico.

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. Trasmissione meccanica rof. apuzzimati Mario - ITIS Magistri umacini - omo TASMISSIONE MEANIA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. apita molto spesso che il carico meccanico

Dettagli

TRE PER TE PIAGGIO MP3. ha cambiato il mondo degli scooter. Un

TRE PER TE PIAGGIO MP3. ha cambiato il mondo degli scooter. Un SPORT LT LT TRE PER TE mp3 è l originale tre ruote che ha cambiato il mondo degli scooter. Un modo speciale di spostarsi in città e fuori città, con un eleganza irresistibile ed una sicurezza superiore.

Dettagli

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO Di autogiri ne esistono di tutti i tipi e la gamma spazia dalle costruzioni amatoriali ai velivoli certificati. Parimenti è altrettanto vasta la gamma dei sistemi impiegati

Dettagli

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO 10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO Pompa Centrifuga mono stadio con corpo e girante in lega leggera Avviamento Manuale a strappo Questa pompa è progettata per un utilizzo dove viene

Dettagli

B1.3 Analisi armonica del sistema biella-manovella

B1.3 Analisi armonica del sistema biella-manovella .3 Analisi armonica del sistema biella-manovella Meccanica, Macchine ed Energia articolazione Meccanica e Meccatronica 3 Giuseppe Anzalone, Paolo Bassignana, Giuseppe Brafa Musicoro Copyright Ulrico Hoepli

Dettagli

Software Soft-Engine - Vybro

Software Soft-Engine - Vybro Software Soft-Engine - Vybro Caratteristiche generali Il VYBRO è un programma della SOFT-ENGINE per il calcolo di qualsiasi architettura di cilindri dal mono al 4 cilindri, di tutte le grandezze inerenti

Dettagli

Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo

Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo 1 Prefazione Lo scopo principale di queste cabine è quello di ottenere

Dettagli

Codice dei motori. Dati tecnici. 1.2 8v 69 CV 169A4000. 1.4 16v 100CV 169A3000. 1.3 16v Multijet 169A1000

Codice dei motori. Dati tecnici. 1.2 8v 69 CV 169A4000. 1.4 16v 100CV 169A3000. 1.3 16v Multijet 169A1000 Codice dei motori Dati tecnici Versioni Codice motore 1.2 8v 69 CV 169A4000 1.4 16v 100CV 169A3000 1.3 16v Multijet 169A1000 1.2 bz 1.3 Multijet 1.4 bz Carburante benzina diesel benzina Livello ecologia

Dettagli

CUBOGAS, la miglior soluzione per il rifornimento metano CNG SOLUTIONS

CUBOGAS, la miglior soluzione per il rifornimento metano CNG SOLUTIONS CUBOGAS, la miglior soluzione per il rifornimento metano CNG SOLUTIONS www.cubogas.com C O M P A N Y P R O F I L E CNG SOLUTIONS COMPRESSORI CUBOGAS CNG SOLUTIONS www.cubogas.com EROGATORI STOCCAGGIO GAS

Dettagli

Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo

Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo Contate su di noi Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo Il mondo si evolve velocemente. Cambia il modo di lavorare, le vostre esigenze si fanno più articolate, le normative sempre più strette.

Dettagli

7. Uscita di Raffreddamento

7. Uscita di Raffreddamento 7. Uscita di Raffreddamento 7.1. L uscita di raffreddamento La figura 1 mostra due apparecchi molto simili. Si tratta di motori elettrici ai quali si possono allacciare diversi utensili. Uno trova ut i-

Dettagli

Motori endotermici alternativi

Motori endotermici alternativi Scheda riassuntiva 9 capitolo 16 Motori endotermici alternativi Molto diffusi nell autotrazione, i motori endotermici alternativi o motori a combustione interna (c.i.) sono impiegati anche nella propulsione

Dettagli

La tecnica dell Automobile. Il motore diesel principi di funzionamento.

La tecnica dell Automobile. Il motore diesel principi di funzionamento. La tecnica dell Automobile Il motore diesel principi di funzionamento. Proseguiamo in questo numero di Motor la serie di articoli di approfondimento tecnico. Tante volte, infatti, leggendo un articolo

Dettagli

Cilindrata contenuta, tecnologia Saab. Il prototipo Saab 9-X Air ha una meccanica ultraefficiente che abbina i pregi di una

Cilindrata contenuta, tecnologia Saab. Il prototipo Saab 9-X Air ha una meccanica ultraefficiente che abbina i pregi di una INFORMAZIONI Prestazioni responsabili: Cilindrata contenuta, tecnologia Saab BioPower ed assistenza ibrida Il prototipo Saab 9-X Air ha una meccanica ultraefficiente che abbina i pregi di una cilindrata

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE Prof. Sergio Baragetti Allievi del corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (VO) Testi delle esercitazioni per l Anno Accademico

Dettagli

- ottimale trasferimento della coppia motrice al cambio; - massima accelerazione e maggiore comfort di guida.

- ottimale trasferimento della coppia motrice al cambio; - massima accelerazione e maggiore comfort di guida. MONDO BARDAHL la molecola di Fullerene C60 è composta da 60 atomi di carbonio con dei legami che formano una struttura sferica costituita da 12 pentagoni e 20 esagoni. TECHNOLOGY CLUTCH PERFORMANCE I lubrificanti

Dettagli

F 18 WARRIOR 125-4 T INDICE TAVOLE TELAIO INDICE TAVOLE MOTORE TAV. A TAV. B TAV. C TAV. D TAV. E TAV. F TAV. G TAV. H TAV. I TAV.

F 18 WARRIOR 125-4 T INDICE TAVOLE TELAIO INDICE TAVOLE MOTORE TAV. A TAV. B TAV. C TAV. D TAV. E TAV. F TAV. G TAV. H TAV. I TAV. F 18 WARRIOR 125-4 T INDICE TAVOLE TELAIO TAV. A TAV. B TAV. C TAV. D TAV. E TAV. F TAV. G TAV. H TAV. I TAV. L TAV. M TAV. N TAV. OO TAV. O INDICE TAVOLE MOTORE TAV. R (1) TAV. S (1) TAV. T (1) TAV. U

Dettagli

DINAMICA DELL ASSETTO IN UN AUTOMODELLO RC

DINAMICA DELL ASSETTO IN UN AUTOMODELLO RC DINAMICA DELL ASSETTO IN UN AUTOMODELLO RC INDICE 1 ANGOLO DI CAMBER STATICO Pag. 2 1.1 Indicazioni Generali per Avantreno e Retrotreno Pag. 2 1.2 Camber Avantreno Pag. 2 1.3 Camber Retrotreno Pag. 2 2

Dettagli

Barry Pickthall Il motore diesel Guida per individuare e risolvere ogni tipo di problema. Traduzione di Marco Tisselli

Barry Pickthall Il motore diesel Guida per individuare e risolvere ogni tipo di problema. Traduzione di Marco Tisselli Barry Pickthall Il motore diesel Guida per individuare e risolvere ogni tipo di problema Traduzione di Marco Tisselli INDICE Introduzione pag. 7 1. FUNZIONAMENTO DI UN MOTORE DIESEL Funzionamento di pag.

Dettagli

Cogenerazione: tecnologie a confronto

Cogenerazione: tecnologie a confronto CESI RICERCA Cogenerazione: tecnologie a confronto MILANO 8 ottobre 2008 Fabio Armanasco fabio.armanasco@cesiricerca.it 1. Definizione di CHP 2. Motori primi convenzionali Turbine a vapore Turbine a gas

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

MANUALE DI RIPARAZIONE E MANUTENZIONE MOTO E SCOOTER

MANUALE DI RIPARAZIONE E MANUTENZIONE MOTO E SCOOTER Marco Zacchetti MANUALE DI RIPARAZIONE E MANUTENZIONE MOTO E SCOOTER VOLUME 1. LA DIAGNOSTICA Piano dell opera del manuale. Volumi pubblicati: 1 - LA DIAGNOSTICA Di prossima pubblicazione: 2 - ATTREZZATURA

Dettagli

Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza

Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza Leonardo Vita Leonardo.vita@ispesl.it Marco Pirozzi marco.pirozzi@ispesl.it L albero cardanico L albero cardanico é un organo meccanico

Dettagli

Da an accom arna r Husqv HMCT11CAI

Da an accom arna r Husqv HMCT11CAI HMCT11CAI Husqvarna raccomanda HUSQVARNA: venti di cambiamento, di passione Di idee nuove e obiettivi importanti. Le nuove 449/511 irrompono nel mondo off road con soluzioni tecniche d avanguardia, design

Dettagli

Compressori Corso base

Compressori Corso base Compressori Funzione I compressori hanno la funzione di produrre la necessaria portata di aria compressa in un automezzo per alimentare tutti gli utilizzatori d'aria compressa. I compressori WABCO sono

Dettagli

Un eredità di innovazioni tecnologiche

Un eredità di innovazioni tecnologiche Un eredità di innovazioni tecnologiche Leverkusen, 23 Giugno 2010. Mazda Motor Corporation celebra quest anno il suo 90 anniversario puntando su ciò che ha fatto dell azienda un successo novanta anni e

Dettagli

PRESE DI FORZA A COMANDO IDRAULICO/PNEUMATICO

PRESE DI FORZA A COMANDO IDRAULICO/PNEUMATICO HF PRESE DI FORZA A COMANDO IDRAULICO/PNEUMATICO PRESE DI FORZA HF HFO - PER APPLICAZIONI CON CARICO RADIALE Cuscinetto singolo ingrassato a vita Cuscinetto pilota lato motore non necessario HFR Giunto

Dettagli

Un brivido per il tuo lato oscuro.

Un brivido per il tuo lato oscuro. Un brivido per il tuo lato oscuro. Nata per offrirti ancora più azione ed emozioni, Yamaha ha incendiato il mondo delle medie cilindrate con la sua coppia eccezionale e l'agilità della ciclistica. Un concetto

Dettagli

STUDIO DI MASSIMA DI UN MOTORE DIESEL A DUE TEMPI AD INIEZIONE DIRETTA PER USO AERONAUTICO

STUDIO DI MASSIMA DI UN MOTORE DIESEL A DUE TEMPI AD INIEZIONE DIRETTA PER USO AERONAUTICO STUDIO DI MASSIMA DI UN MOTORE DIESEL A DUE TEMPI AD INIEZIONE DIRETTA PER USO AERONAUTICO Relatore: Prof. Ing.. L. Piancastelli Correlatori: Prof. Ing.. F. Persiani Prof. Ing.. A. Liverani Candidato:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

SUPER BIKE SUPER SCOOTER

SUPER BIKE SUPER SCOOTER BIKE SUPER SCOOTER SRV 850 SRV 850 ABS-ATC SCOOTER SUPER BIKE Se la potenza, la sportività e le emozioni più assolute sono il tuo mondo, SRV 850 è il tuo scooter. Nato dall esperienza di decenni di sfide

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

Funzioni aziendali. Mercati

Funzioni aziendali. Mercati Prodotto Storia Gestione Funzioni aziendali Indirizzo Internet: - www.ducati.it - Sito ducati. Indirizzo stradale: -Via Cavaliere Ducati, 3. -Bologna Quartiere Borgo Panigale Mercati Bisogno Prodotto Bene

Dettagli

Motore Cilindrata Alesaggio x Corsa Carburante Rapporto di compressione Potenza max all albero Coppia max Scarico Distribuzione Accensione

Motore Cilindrata Alesaggio x Corsa Carburante Rapporto di compressione Potenza max all albero Coppia max Scarico Distribuzione Accensione ROSSO EMOTION NERO GRAFITE Motore Cilindrata Alesaggio x Corsa Carburante Rapporto di compressione Potenza max all albero Coppia max Scarico Distribuzione Accensione Avviamento Raffreddamento Cambio Frizione

Dettagli

Cinghia distribuzione

Cinghia distribuzione Cinghia distribuzione 1 CASA COSTRUTTRICE: AUDI MODELLO: A3 1.8 Turbo CODICE MOTORE: APP ANNO: 1999-03 Intervallo di sostituzione raccomandato Ogni 180.000 km - sostituire. Danni al motore ATTENZIONE:

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1 SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1 Svolgimento : Analizzando le caratteristiche del motore per autoveicolo funzionante a ciclo Diesel, possiamo determinare, in primi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Meccanica per l Energetica DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA DEI SISTEMI MECCANICI XX CICLO 2004 2007 SOLUZIONI

Dettagli

CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA

CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA MOTORE DIESEL GRANDEZZE CARATTERISTICHE I motori a combustione interna vengono caratterizzati con alcuni importanti parametri

Dettagli

ST7. SILENZIATORI Coppia di silenziatori con design a taglio trasversale, conformi sia ai rigidi standard ambientali che acus ci.

ST7. SILENZIATORI Coppia di silenziatori con design a taglio trasversale, conformi sia ai rigidi standard ambientali che acus ci. ST7 1 CRUSCOTTO Il crusco o ha un tachimetro con un'ampia lance a, che migliora la visibilità ed un LCD mul funzione. SILENZIATORI Coppia di silenziatori con design a taglio trasversale, conformi sia ai

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 03 Motori a combustione interna A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo 02 Il motore a combustione interna

Dettagli

Maserati GranTurismo Sport

Maserati GranTurismo Sport Maserati GranTurismo Sport Maggiore potenza, più coppia, linea più aggressiva e interni più spaziosi per la nuova Maserati GranTurismo Sport. La GranTurismo Sport rilancia la tradizione Maserati che unisce

Dettagli

Motori Volumetrici a Combustione Interna (MCI)

Motori Volumetrici a Combustione Interna (MCI) Motori Volumetrici a Combustione Interna (MCI) I MCI sono macchine endotermiche volumetriche funzionanti a circuito aperto (con scambio di massa) Le varie trasformazioni termodinamiche dei cicli di riferimento

Dettagli

seriev6 Rotopressa a camera variabile La scelta professionale

seriev6 Rotopressa a camera variabile La scelta professionale seriev6 Rotopressa a camera variabile La scelta professionale 1 Le nostre specifiche: 1. Scatola di rinvio La scatola principale comanda con il rinvio sinistro le cinghie e i rulli della camera di pressatura,

Dettagli

TURBOEVOLUZIONI QUATTRORUOTE

TURBOEVOLUZIONI QUATTRORUOTE LA TECNICA DELLA SOVRALIMENTAZIONE HA FATTO GRANDI PASSI AVANTI DA QUESTA PRIMA APPLICAZIONE. LA PORSCHE RSR DEL 1974, PRIMO TURBOGRUPPO CHE GAREGGIA NELLE GARE USA. OGGI LA SOVRALIMENTAZIONE E' DI NUOVO

Dettagli

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

Dettagli

Multipurpose All Terrain Vehicle

Multipurpose All Terrain Vehicle FRESIA F18 4X4 Multipurpose All Terrain Vehicle Mezzo Speciale per Trasporto Materiale Logistico in condizioni estreme su ogni tipo di terreno 4 Ruote Motrici 4 Ruote Sterzanti L F18 4x4 è un veicolo leggero

Dettagli

Elementi di macchine 9 Elementi di macchine Generalità La costruzione di una macchina si basa anche sull utilizzo di componenti commerciali normalizzati; tali componenti possono essere impiegati come reperiti

Dettagli

Manovellismi per coffe machine a cialde

Manovellismi per coffe machine a cialde g Elvio Bonisoli - Dipartimento di Ingegneria Gestionale e della Produzione Politecnico di Torino Manovellismi per coffe machine a cialde La progettazione di macchine per espresso casalinghe ha visto in

Dettagli