PM e LEGO: un gioco molto serio La figura del project manager

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PM e LEGO: un gioco molto serio La figura del project manager"

Transcript

1 I DENTIFICAZIONE AUTOMATICA - TRACCIABILITÀ - MOBILITÀ DATACollection - Anno 12 n. 9 Novembre PT MAGAZINE In caso di mancato recapito inviare al CMP di Roserio per la restituzione al mittente previo pagamento resi. PROJECT MANAGEMENT PM e LEGO: un gioco molto serio La figura del project manager Unione Europea NOVITÀ SULLA RFID

2 Progettare giocando Di Michel Rousseau Un punto comune a qualsiasi progetto RFID è la necessità di provare nel minor tempo possibile l'utilità e i ritorni d'investimento. L'analisi preliminare del progetto è quindi fondamentale per garantire uno sviluppo sereno del pilota o del sistema stesso. Usare per questo un grande tavolo pieno di costruzioni Lego? È una proposta molto più seria di quanto può sembrare 38 DATACollection NOVEMBRE 2006

3 Arrivare alla definizione completa di un progetto attraverso il gioco: è questa l'idea alla base di Lego Serious Play, un concetto sviluppato all'inizio del 2000 dall'imagination Lab (www.imagilab.org), fondazione senza fini di lucro situata a Losanna, in Svizzera, per conto della società Lego. Questo laboratorio dell'università di Losanna, finanziato da Lego insieme con altre importanti realtà internazionali, sviluppa studi e ricerche sul gioco e l'immaginazione applicati in ambito organizzativo e manageriale. LSP è uno strumento che favorisce la condivisione delle decisioni e accelera il processo di definizione delle soluzioni. Il suo obiettivo principale è quello di portare i partecipanti a "costruire con le proprie mani" un modello tridimensionale del proprio problema, sia esso di carattere strategico, operativo o relazionale. Il principale vantaggio di questo sistema di lavoro è che permette di affrontare i progetti in modo molto rapido, richiedendo in generale un tempo fino a tre volte inferiore rispetto a quello necessario con metodi più convenzionali. Si tratta in effetti di giocare, pur molto seriamente, coinvolgendo tutte le persone implicate nella realizzazione di un progetto. Secondo il paradigma di Lego Serious Play, infatti, ogni persona può contribuire alla discussione, alle decisioni e al conseguimento del risultato finale. Praticamente, i partecipanti utilizzano le costruzioni Lego e una metodologia molto flessibile per immaginare, descrivere e simulare il progetto che si intende sviluppare, interagendo gli uni con gli altri. Questo permette, da una parte, di liberare la creatività di ciascuno, e dall'altra, attraverso la simulazione tridimensionale così realizzata, non solo di definire un linguaggio comune per condividere i concetti, ma anche di sviluppare una conoscenza specifica, frutto di questa esperienza. Altro punto di forza, la possibilità di usare un metodo retrospettivo, cioè di risalire a ritroso fino a ritrovare passo passo le cause di un problema o di evento. E meglio si definiscono le cause di un problema, più si sarà in grado di darne una soluzione soddisfacente. Costruendo il progetto in questo modo inoltre si instaura un dialogo permanente fra i partecipanti e l'oggetto che essi stanno elaborando, cosa che avvicina gli uni agli altri e tutti quanti al progetto stesso. Con un progetto sviluppato in Lego Serious Play, si stimolano ben tipologie di immaginazione: - l'immaginazione descrittiva, quella che serve per descrivere il mondo esterno; - l'immaginazione creativa, che permette di aprire nuove possibilità partendo dalla combinazione, ricombinazione o trasformazione di cose o concetti; - l'immaginazione critica, quella che serve per distruggere o criticare ciò che è stato proposto. Quella che permette di rendersi conto se un elaborato debba essere buttato via per ricominciare daccapo (il solo rischio, in questo caso, è di proporre una soluzione di qualità inferiore a quella elaborata precedentemente). Ecco i quattro passaggi tipici della metodologia LSP. - si stabiliscono gli obiettivi del progetto; - vengono raggruppate intorno a un tavolo le persone coinvolte dal progetto, che si dedicano al lavoro di elaborazione sotto la guida di un tutor certificato Lego Serious Play, che ha il compito di orientare gli interventi dei partecipanti agli obiettivi strategici stabiliti; - i partecipanti costruiscono un modello, dapprima individualmente, poi collettivamente. Nel costruire il modello, ciascun partecipante ne evidenzia e condivide il significato metaforico; - attraverso la condivisione delle "storie organizzative" attribuite al modello, viene costruito un panorama collettivo e vengono stabiliti i principi guida, utili a determinare un orizzonte condiviso di azione. In sintesi la metodologia Lego Serious Play permette di elaborare in tempi brevi una strategia progettuale che permette di costruire un'identità chiara e condivisa dall'insieme dei partecipanti, avendo tutti sempre e costantemente in mente il contesto del progetto e offrendo la possibilità di scegliere quei principi fondamentale che permetteranno di portare il progetto alla sua piena realizzazione. DATACollection NOVEMBRE

4 Quale utilità per un progetto RFID Un progetto elaborato in questo modo potrà rivelarsi estremamente utile nel caso dell'applicazione di tecnologie particolari, prima fra tutte l'rfid. La metodologia Lego Serious Play, infatti, consente di quantificare l'impatto sui processi di ciascun elemento componente l'azienda (reparto, sistema fisico, sistema informatico e così via). E visto che l'rfid tipicamente rimette in discussione gli equilibri fra i vari elementi, ecco che sviluppare un progetto con LSP permette di ridefinire i loro impatti in modo estremamente realistico. Identificando, creando e posizionando questi elementi nel modello in costruzione, si scoprirà con largo anticipo l'entità dell'impatto dei vari elementi sul progetto, potendo di conseguenza decidere in tempo utile quali misure adottare. Si viene a definire insomma non un modello teorico, ideale, ma uno scenario molto concreto - anzi, normalmente il metodo porta alla realizzazione di tre scenari, per altrettanti livelli di risultato. Vale la pena riportare, per esempio, il caso di una simulazione RFID realizzata a proposito di un magazzino. Durante la progettazione LSP, è risultato evidente che l'utilizzo di un portale fisso, inizialmente stabilito dal progetto, poneva più problemi di quelli che andava a risolvere. Dopo molti test ed evoluzioni simulate, soprattutto dopo aver dibattuto con i mulettisti quali fossero le procedure più ergonomiche da adottare, è stato infine deciso di utilizzare degli scanner RFID mobili montati sui muletti. E questa soluzione non sarebbe stata individuata nel corso di una simulazione classica. Ancora una volta, è l'orizzonte della pratica quello che fa la differenza. Si comprenderà quindi perché un approccio come quello sviluppato da Lego Serious Play sia particolarmente adatto a progetti RFID. È noto infatti che, quando si tratta di RFID, il problema non è solo la raccolta dei dati, quanto la rilevazione di eventi pertinenti e significativi, e la possibilità di far derivare da questi, al più presto, le azioni da mettere in atto, di qualunque natura esse siano. Nel contesto di un sistema RFID, l'attivazione di una estremità della rete dovrebbe automaticamente provocare una reazione all'altra estremità: ma come si fa a simulare queste connessioni in modo assolutamente preciso e a prevedere ogni reazione? E questo, a maggior ragione se si tratta di applicazioni in contesto aperto, quelle che un domani dovrebbero essere maggiormente impattate dall'introduzione delle tecnologie RFID. Proprio da questo punto di vista sarà particolarmente utile la capacità di Lego Serious Play di permettere la visualizzazione di queste connessioni e di individuare il modo in cui esse possono evolvere nel tempo e nello spazio. L'uso della metodologia Lego Serious Play per sviluppare progetti come l'implementazione dell'rfid nell'azienda offre un altro vantaggio: la possibilità di rilevare al più presto l'insorgere di situazioni inattese, che molto facilmente possono verificarsi in ambienti complessi, e che la metodologia LSP permette di individuare in modo immediato. Per esempio, durante un workshop Lego Serious Play, un produttore americano di computer, Gateway, scoprì che poteva essere utile proporre non solo hardware, ma anche un servizio di accesso a Internet e soluzioni di finanziamento per l'acquisto dei computer stessi. Per concludere, Lego Serious Play permette praticamente di calare le ipotesi teoriche, di partenza, nella realtà, di costruire un'identità progettuale chiara e condivisa, di delineare l'evoluzione del progetto stesso. Il fatto di concretizzare dei concetti con mattoncini Lego permette di scoprire insieme ciò che funzionerà e ciò che non funzionerà, potendo evitare o uscire al più presto da situazioni critiche. In poche parole, si tratta di comprendere tutte le necessità, per trovare insieme una soluzione ottimale. Per ulteriori informazioni consultate il sito Internet dove troverete tutte le informazioni necessarie, eventualmente anche per una proposta di partnership. Al momento, i partner italiani di Lego Serious Play sono Apricot (www.apricot.it), primo Official Partner italiano, e Trivioquadrivio (www.triq.it), che ne è Certificate Partner dal novembre DATACollection NOVEMBRE 2006

5 Il ruolo del project manager: una responsabilità organizzativa Di Mario Damiani A cura di Mario Damiani, uno dei membri fondatori del PMI North Chapter, un ampia riflessione sulla figura del project manager: il suo ruolo, i suoi compiti, le sue responsabilità. Tenendo presente l importanza, per qualsiasi tipo di azienda, di una chiara e consapevole riflessione sulla progettazione in sé, e sulle opportunità che essa apre Un progetto è l'insieme di attività complesse correlate tra loro e finalizzate al raggiungimento di un obiettivo definito nel rispetto di vincoli temporali, economici e qualitativi, spesso molto serrati. Tali azioni si susseguono senza soluzione di continuità in un processo in cui ciascun passo assume una grande importanza. Questa definizione, condivisa in sostanza da tutti, practitioner e ricercatori, proprio a causa della sua genericità, non aiuta molto a distinguere nella pratica che cosa è progetto da che cosa non lo è. Generalmente, possiamo distinguere l insieme delle attività in corso in ogni organizzazione tra processi a flusso e processi ad impulso. Ipotizzando che tutte le azioni intraprese quotidianamente da un impresa, siano esse iniziative strategiche od operazioni ricorrenti, rientrino in queste due macro categorie, cosa davvero caratterizza un azione in modo tale che si possa con certezza definirla progetto? Il dilemma project or not project attanaglia tutte le aziende che iniziano ad avviare processi formalizzati di project management. Non tutte le nuove iniziative possono essere considerate alla stregua di progetti; questi ultimi poi spesso non sono omogenei tra loro e non pos

6 sono pertanto essere affrontati tutti con il medesimo approccio. Occorre quindi stabilire dei criteri di selezione in modo tale da applicare metodi e processi di lavoro congruenti alla natura, alla dimensione, alla strategicità e ad altre caratteristiche dell iniziativa da intraprendere. Consideriamo per esempio cosa avviene all interno di una multinazionale in occasione della selezione ed assunzione di un nuovo collaboratore. È facilmente immaginabile che il tutto si svolga in modo piuttosto routinario, seguendo regole, compiti e processi definiti e noti ai vari interessati. Ipotizziamo ora la stessa azione intrapresa da una piccola azienda artigianale, composta ad esempio dal titolare, dal figlio e da due soli dipendenti. In questo caso, l inserimento di una nuova risorsa può costituire un cambiamento rilevante sotto molti aspetti. Magari occorre provvedere alla logistica, attrezzare un nuovo posto di lavoro, per non parlare della necessità di ridistribuire i compiti e così via. Inoltre, ben difficilmente all interno di questa piccola azienda saranno presenti processi codificati di assunzione del personale. Se nel primo caso la nuova assunzione è sostanzialmente gestita attraverso un processo a flusso sufficientemente consolidato, nel secondo è innegabile che rappresenti un impulso rilevante. Eppure in apparenza si tratta della stessa azione. Ciò che cambia è la prospettiva di questa azione e l impatto che essa ha sull organizzazione in termini di cambiamento dello status-quo. Un progetto, infatti, viene di norma intrapreso per effettuare un cambiamento, per realizzare qualcosa di unico, che prima non c era o era diverso. Ogni novità rappresenta da un lato qualcosa di avvincente, ma dall altro comporta inevitabilmente un grado più o meno alto di incertezza. La strategia determina i cambiamenti che l organizzazione deve intraprendere, cambiamenti che possono essere posti in atto attraverso l implementazione di diversi tipi di progetto... L esistenza di progetti in azienda è una chiara indicazione che l azienda stessa sta intraprendendo il cambiamento.... Il concetto di unicità deve essere comunque letto e interpretato alla luce delle specifiche situazioni. Se pensiamo ad esempio alle aziende di Information Technology specializzate nella realizzazione di progetti complessi per conto terzi, noteremo che spesso le soluzioni da loro realizzate sono per così dire simili nella forma e nei contenuti. Anzi, proprio attraverso l esperienza maturata (e dimostrabile) su casi simili riescono meglio di altre a catturare l attenzione dei propri clienti. Se interpretassimo il concetto di unicità alla lettera, potremmo affrettatamente concludere che queste aziende in realtà non fanno progetti, perché in pratica rielaborano e ridefiniscono soluzioni già messe a punto per altri clienti in precedenza. In realtà, per queste aziende l unicità e quindi l ambito a maggior rischio risiede prevalentemente nel contesto del progetto (organizzazione del cliente, caratteristiche del business, cultura aziendale, bisogni specifici), più che nel suo contenuto (architettura della soluzione, tecnologie da impiegare, metodi di lavoro, risultati da produrre). È questo il caso dei progetti cosiddetti ripetitivi, ossia che possono avvalersi dell esperienza maturata in precedenza su casi simili e che consentono di dominare con sufficiente sicurezza la parte tecnica e metodologica. Come abbiamo già avuto modo di accennare, il progetto ha sempre a che fare con il cambiamento; nella situazione appena descritta, con il cambiamento altrui, nel senso che le organizzazioni che lavorano per commessa sono coinvolte nella gestione del cambiamento generato dal progetto intrapreso nelle organizzazioni clienti. Il project management: cultura e organizzazione Parlare di progetti significa parlare di project management. Un efficace project management è il fattore di successo più importante per il raggiungimento dei risultati sperati in ogni progetto. Il project management non è ormai più riservato esclusivamente ai campi della cantieristica, delle forze armate e dell ingegneria. La diffusione del project management risponde a pressanti necessità di natura economica e organizzativa: la rapida evoluzione tecnologica che richiede una sempre più forte specializzazione, la continua evoluzione dei metodi di lavoro e dei modelli organizzativi, l obbligo di gestire al meglio i tre vincoli fondamentali di ogni progetto rappresentati da costi, tempi e qualità. Il cliente detta legge: vuole la qualità ma anche la varietà, obbligando in tal modo le aziende a creare vaste opportunità di scelte personalizzate a prezzi da grande serie, cercando continuamente nuovi metodi di produzione. Progetti e project management stanno ricevendo progressivamente sempre più attenzione da parte di vari interlocutori. Si pensi ad esempio che Fortune ha indicato il project management come first career choice in un articolo dal titolo Planning a Career in a World without Managers già nel giugno del Parallelamente anche la riflessione e i contributi più speculativi e accademici sono andati crescendo esponenzialmente. Tuttavia fino a qualche anno fa i progetti erano considerati exceptional affairs e il project management era, nella maggior parte dei casi, niente più che una pratica informale riservata ad alcuni ambiti ristretti. Oggi i progetti sono invece una pratica molto diffusa e trasversale a molti settori applicativi. 42 DATACollection NOVEMBRE 2006

7 Anostro avviso il project management è destinato a rappresentare un cambiamento profondo e duraturo; alcuni ipotizzano perfino che sarà uno dei mutamenti organizzativi più profondi e diffusi di questo periodo (Lundin, 1998). Nel passato, infatti, le imprese lanciavano un numero limitato di progetti, generalmente di grandi dimensioni, che coinvolgevano poche persone all interno dell organizzazione. Oggi nella maggior parte delle aziende i progetti crescono continuamente di numero e coinvolgono sempre più attori, rendendo conseguentemente più diffusa, articolata e critica la figura del project manager. Il project management incontra tuttavia ancora oggi alcuni ostacoli rilevanti all interno delle aziende, in quanto rappresenta un cambiamento che muta anche considerevolmente la ripartizione dei poteri e pone in discussione la stabilità dei ruoli. Il principio su cui si basa è rappresentato da una concezione orizzontale dell organizzazione, che implica nel medesimo tempo la riduzione dei livelli gerarchici e la ridistribuzione delle responsabilità. Il capo progetto, infatti, si vede conferire la responsabilità di costituire attorno a se stesso e di dirigere un team di persone multidisciplinare, con specializzazioni e responsabilità specifiche. Questo approccio consente di superare i limiti rappresentati dalla frammentazione di responsabilità proprie dei singoli gruppi funzionali, favorisce decisioni più rapide e focalizza l attenzione sugli obiettivi del progetto. Questo fenomeno impatta più o meno esplicitamente la maggior parte delle organizzazioni dove i progetti crescono continuamente di numero e coinvolgono sempre più le risorse interne. Tutto ciò in un quadro di riferimento complessivo in cui la performance media dei progetti non ha ancora raggiunto un livello ottimale. L indagine statistica più citata da riviste e pubblicazioni del settore, The Standish Group s Chaos Report, descrive uno scenario non molto tranquillizzante. Dal 1994 Standish Group conduce un indagine periodica su parecchie migliaia di progetti del settore IT. Il documento relativo alla ricerca del 2000 riporta che solo il 28% dei progetti arriva in porto secondo i tempi, i costi ed i contenuti stabiliti inizialmente. Un altro 49% richiedono costi superiori al previsto, terminano in ritardo e con risultati inferiori, per qualità o per numero di funzioni, rispetto a quanto prestabilito. Ciò che più colpisce è il dato relativo ai progetti cancellati prima del loro completamento: ben il 23%. Tra i fattori che determinano il successo dei progetti, la stessa ricerca identifica ai primi due posti il supporto del management e il coinvolgimento degli utenti, a dimostrazione del fatto che il project management non è un insieme di strumenti ad esclusivo appannaggio del capo progetto, ma un aspetto culturale ed organizzativo che investe direttamente e con specifiche responsabilità tutti gli attori sociali coinvolti. Se un organizzazione intraprende progetti solo occasionalmente, non ha bisogno di sviluppare capacità sistematiche di project management; sarebbe come dare la caccia ad una mosca usando il bazooka. Se invece l impresa dispiega una parte considerevole delle sue energie a ideare, pianificare e realizzare progetti, allora l approccio individuale al project management non solo appare limitato, ma anche pericoloso. Il cosiddetto project management by heroism vincola i risultati dell azienda alle capacità dei singoli e non consente di trarre dall esperienza individuale un vantaggio per l organizzazione consistente, durevole e ripetibile. Il project manager: una figura in continua ridefinizione Come abbiamo accennato nel paragrafo precedente, secondo noi il project management è un fatto organizzativo che non può essere ristretto al solo capo progetto. È un modo di concepire il lavoro da svolgere, di organizzarsi e di agire conseguentemente. In quest accezione, possiamo identificare tre categorie di attori sociali rilevanti ciascuna delle quali deve esercitare in modo esplicito e manifesto la propria specifica ownership: - la committenza, responsabile delle decisioni di investimento e del varo di iniziative progettuali concretamente eseguibili; - le altre figure aziendali, tra cui in particolare i membri del team di lavoro, che devono essere responsabili della corretta execution delle porzioni di progetto o delle singole attività loro affidate; - il project manager, quale responsabile finale della corretta execution dell intero progetto. Ciò non toglie, ovviamente, che il capo progetto sia fondamentale. Citando ancora una volta il Chaos Report, scopriamo infatti che il terzo fattore di successo dei progetti in ordine di importanza è costituito dalla presenza di project manager esperti. Questo fattore ricorre nel 97% dei progetti definiti di successo e pone, una volta di più, il project manager al centro dell attenzione. Poiché il project management è una disciplina professio- DATACollection NOVEMBRE

8 nale fortemente orientata al fare, parlare di project manager esperti significa porre l accento su figure che negli anni hanno avuto modo di sviluppare la propria expertise e di affermare il proprio ruolo sul campo. Sebbene la figura del project manager sia ormai entrata di fatto nella maggior parte delle organizzazioni, allo stato attuale non esiste un consenso unanime intorno al suo ruolo e alle caratteristiche salienti che lo definiscono. Ciò è in buona parte spiegato dalle diverse interpretazioni che le organizzazioni ne danno. Alcune si avvicinano al ruolo tracciato dalla cosiddetta letteratura classica, che riconosce al project manager il ruolo di leader e manager del progetto, attribuendogli caratteristiche importanti di guida e integratore del gruppo di lavoro, di decisore o influenzatore rilevante di decisioni altrui, di abile comunicatore e tessitore infaticabile di trame relazionali. Una figura insomma piuttosto complessa, più vicina a un manager di medio-alto livello che a quella del tecnico. Se esaminiamo da vicino ciò che accade nelle organizzazioni, però, ci rendiamo conto che i modelli citati in letteratura sono spesso lontani dal rappresentare la realtà. Il project manager è ancora nella maggior parte dei casi un tecnico, un buon conoscitore della materia trattata dal progetto, ma non è altrettanto abile nella costruzione della relazione con il committente e nella gestione sistemica del progetto in relazione agli obiettivi dell organizzazione. Ciò comporta che non di rado il committente tenda a scavalcarlo, alla ricerca di interlocutori più consistenti. Inoltre, il proliferare dei progetti, molti dei quali di piccole o medie dimensioni, all interno delle organizzazioni ha posto la necessità di avere molte figure di coordinamento, in numero certamente superiore ai project manager disponibili. Si diffondono così figure quali gli Accidental-PM, che operano di norma all interno di una specifica funzione aziendale e vengono nominati occasionalmente per gestire un progetto in virtù delle loro capacità specialistiche inerenti i contenuti tecnici del progetto stesso. Ecco quindi che la connotazione tecnica di nuovo prevale. L Accidental-PM non ha però, di norma, competenze nella gestione dei progetti e potrebbe benissimo non ripetere in futuro l esperienza che in quel momento è chiamato a vivere. In alcuni casi, poi, il project manager si trasforma, o per meglio dire si snatura, fino a ricoprire il ruolo di focal point per tutte le problematiche inerenti ai rapporti tra cliente e fornitore, perdendo gran parte delle caratteristiche peculiari di agente del cambiamento e assumendo in sé un compito prevalente di gestione della quotidianità, fino a doversi occupare dei problemi più spiccioli. In questo quadro di riferimento, in cui le organizzazioni attribuiscono al project manager compiti molto diversi e in alcuni casi tra loro contradditori, parlare di ruolo in modo generalizzato, senza tenere conto del contesto specifico in cui il capo progetto opera è a nostro parere un impresa inutile. Le ragioni sono diverse. Innanzitutto possiamo osservare che il ruolo del project manager cambia non solo in base al settore di mercato e alla tipologia di progetto ma anche, diremmo soprattutto, in funzione della cultura dell organizzazione in cui opera. Capita così che all interno di organizzazioni tra loro omogenee per area di business il project manager abbia ruoli che differiscono anche sensibilmente sia per responsabilità assegnate, sia per compiti da svolgere. Non solo: talvolta queste differenze si palesano tra diverse business unit della stessa organizzazione o addirittura all interno della stessa business unit al cambio del suo top manager. Insomma, parafrasando un vecchio proverbio: organizzazione che vai, project manager che trovi. Se poi consideriamo i livelli tipici di inquadramento e la media retributiva, scopriamo che spesso i project manager sono più allineati ai membri del team di lavoro che devono coordinare rispetto ai capi gerarchici delle risorse con cui devono negoziare (spesso litigare) quotidianamente. Sarà pure una visione mercantilista, ma se la retribuzione è proporzionale al ruolo e alle responsabilità, allora possiamo dedurre che organizzazioni non possono (o non vogliono?) chiedere molto ai loro project manager. Tutto ciò con buona pace delle varie associazioni professionali, alcune ben note a livello internazionale, come il Project Management Institute (PMI), che attraverso pubblicazioni, riviste e convegni si prodigano per diffondere la cultura di project management e per sostenere il ruolo visibile e consistente del capo progetto. Con risultati non sempre incoraggianti. In effetti nella nostra comunità professionale capita troppo spesso di parlarci addosso. Le riviste di settore circolano per la maggior parte solo tra capi progetto, i convegni sono seguiti prevalentemente da project manager o da formatori e consulenti che operano nel settore. Di fatto il management aziendale risulta in buona parte assente, per disinteresse o semplicemente perché non coinvolto in modo opportuno. E così le organizzazioni continuano in larga parte ad ope- 44 DATACollection NOVEMBRE 2006

9 rare secondo abitudini generate dalle regole gerarchiche, le stesse che il project management cerca di superare, attraverso processi in cui la struttura aziendale viene per così dire attraversata e vista con un ottica focalizzata al risultato del progetto. Le funzioni aziendali non determinano il progetto ma forniscono risorse e competenze al project manager, che negozia un mandato con la committenza e impiega le risorse e le competenze a lui fornite per il successo del progetto stesso. Senza una condizione culturale favorevole al lavoro a progetto, senza quindi il coinvolgimento e il committment ad operare in tal senso da parte del management aziendale, parlare di ruolo del project manager appare sterile. Il rischio è di definire per l ennesima volta in modo teorico ciò che nei fatti l organizzazione dimostra di vivere ancora come corpo estraneo. Anche nelle organizzazioni in cui la pratica della gestione progetti è diffusa e consolidata, i project manager non hanno in genere lo stesso lo stesso potere di altri manager di pari livello. Ciò in virtù della temporaneità del loro lavoro, che non consente di inserirsi in modo opportuno nella gerarchia aziendale. Ciò che possono al massimo fare è costruirsi una reputazione personale basata sul successo dei progetti precedenti da loro gestiti. A ulteriore dimostrazione del fatto che il ruolo organizzativo del project manager è ancora ben poco consolidato, accade non di rado che i migliori project manager, nel loro precorso di carriera, diventano capi funzionali, venditori o business manager, abbandonando così la loro practice di riferimento. Se da un lato ciò testimonia che il project management è una disciplina professionale complessa, che può preparare in modo egregio a compiti e responsabilità aziendali più elevate, dall altro si evidenzia che in pratica le organizzazioni non ritengono il project management importante o strategico come le funzioni aziendali più tradizionali. Capita spesso di sentire manager più o meno affermati dire: mi ricordo che quando facevo io il capo progetto, configurando in tal modo il project manager come un ruolo di passaggio, una sorta di trampolino di lancio che porta da mansioni prevalentemente tecniche a responsabilità più tradizionalmente manageriali. Resta da interrogarsi dove le organizzazioni vanno a scovare quel 97% di project manager esperti che, secondo l indagine dello Standish Group sopra menzionata, assicurano il successo dei progetti. Conclusioni A differenza di quanto accadeva venti o anche solo dieci anni fa, oggi sono disponibili innumerevoli contributi letterari e formativi che ben descrivono ruoli, competenze e compiti del capo progetto, sia in termini generali, sia relativamente a specifici settori di mercato e persino in ordine a ben determinate tipologie di progetti. Alcuni sono lavori originali che hanno il merito di aver tracciato delle linee precedentemente inesistenti, altri sono la riproposizione più o meno elaborata di concetti già noti. Da parte nostra, in questo articolo abbiamo tentato di porre la questione da una prospettiva diversa, sicuramente meno ortodossa e più scomoda, che possiamo riassumere in una battuta finale volutamente provocatoria: ogni organizzazione ha i project manager che si merita. Più volte ci è capitato di sentire affermazioni come: se i nostri PM non si dimostreranno all altezza anche dopo l investimento che sosteniamo per la loro formazione (magari di due o tre giorni, sigh!) allora dovremo cambiarli, perché noi vogliamo il successo. E se poi scopriamo che ci sono scelte organizzative palesemente contrarie all applicazione dei principi su cui si basa il project management, che si fa? Cambiamo tutti quelli che reggono l organizzazione? Ci farebbe piacere che attorno a questa considerazione si potesse sviluppare un dibattito a cui invitare tutti gli attori sociali rilevanti, a partire da coloro che più di altri, per ruolo aziendale, sono in grado di influenzare le scelte culturali e organizzative dell impresa. Mario Damiani ha conseguito il Master s Certificate in Project Management (G. Washington University) e il Certified Project Management Professional (PMP ). È membro fondatore del PMI North Italy Chapter (VP formazione e certificazione dal 1997 al 2005). Revisore PMBOK Guide 2000 Edition, contributore e revisore del PMBOK Guide Svolge attività di consulenza, docenza e formazione nell ambito del project e program management, implementando strutture di PMO per diverse imprese nazionali ed internazionali. Ha inoltre realizzato programmi di apprendimento di project e program management, di process consulting, di solution selling. Autore di numerosi articoli, ha scritto e pubblicato i libri: Project Management - Basic principles and project life cycle, nelle versioni italiana e francese (1997) e Le dimensioni del Project Management: organizzazione, metodi, relazione, edito dal Sole 24 Ore nel DATACollection NOVEMBRE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Interpretive Project Management

Interpretive Project Management Interpretive Project Management (quando la complessità dei progetti su commessa è nel contesto) Quale complessità La complessità caratterizza in varia misura ogni progetto La valutazione di tale complessità,

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

La Certificazione epmq

La Certificazione epmq La Certificazione epmq Pier Paolo Maggi AICA pierpaolomaggi@aicanet.it Saper gestire progetti articolati, correlati con altre funzioni, saper tenere sotto controllo il loro andamento rispetto a tempi,

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Che cos è Agenquadri

Che cos è Agenquadri 1 Che cos è Agenquadri Agenquadri intende rappresentare con autonomia politica, giuridica, amministrativa e di iniziativa, in forma organizzata, quadri, dirigenti e lavoratori di alta professionalità,

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Nuove frontiere per le attività formative E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Fiera Milano, 26 Ottobre 2012 Obiettivo Il Project Management può rappresentare per gli organismi formativi un ambito di business

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

Management & Innovazione. Seminario PMI-NIC - Milano, 15 Dicembre 2006. Presentazione del libro: Project Management di Successo Mario Damiani, PMP

Management & Innovazione. Seminario PMI-NIC - Milano, 15 Dicembre 2006. Presentazione del libro: Project Management di Successo Mario Damiani, PMP Management & Innovazione Seminario PMI-NIC - Milano, 15 Dicembre 2006 Presentazione del libro: Project Management di Successo Mario Damiani, PMP Le motivazioni Gli obiettivi I criteri ispiratori I messaggi

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management Progetto di ricerca del CeRCA Centro di Ricerca sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo Prof. Vittorio D'Amato Direttore CeRCA 2 Indice Il CeRCA

Dettagli

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006 Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso Carlo Notari, PMP Martedì 24 Ottobre 2006 Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa L innovazione E la trasformazione di una nuova idea e

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con della società René Faigle AG La René Faigle AG svolge la sua attività con successo da più di ottant anni. L azienda svizzera a conduzione familiare

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Teeled S.r.l. PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ

Teeled S.r.l. PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ Teeled S.r.l. PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ Teeled S.r.l. - Sede in Rapallo (GE), Corso Italia n.36/6 C.F. e P.IVA: 01931930992 - Capitale sociale: 10.000,00 - Iscritta presso la C.C.I.A.A. di Genova - R.E.A.446248

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Global Professional System La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Il contesto di riferimento Le organizzazioni si trovano a fronteggiare

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

Da Manager a Consulente

Da Manager a Consulente Da Manager a Consulente Valutare in modo consapevole un opportunità Pianificare l avvio professionale Elisabetta Castagneri - Tullio Miscoria elisabetta.castagneri@formatelier.it - t.miscoria@harrisitalia.it

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

la prima volta di un piatto non sarà mai ottimale ogni nuova ricetta 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing.

la prima volta di un piatto non sarà mai ottimale ogni nuova ricetta 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing. la prima volta di un piatto non sarà mai 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing.it ottimale ogni nuova ricetta richiede uno specifico know how che si apprende nel tempo Il

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

Copyright 2013 www.creazioneecommerce.com

Copyright 2013 www.creazioneecommerce.com Per non perderti nella giungla legislativa in materia di e-commerce Ecco le 5 cose che devi sapere per poter aprire un ecommerce Ti aiuteranno ad inquadrare i principali capitoli legali per sentirti più

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati.

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 1 ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 2 Indice generale Abstract...3 Integrare: perché?...3 Le soluzioni attuali...4 Cos'è un ESB...5 GreenVulcano ESB...6 3 Abstract L'integrazione

Dettagli

MBO - Management by objectives

MBO - Management by objectives DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it MBO - Management by objectives Una breve guida all introduzione in azienda

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE

CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE Innovazione e ostacoli relativi L innovazione è il fattore chiave per la creazione di valore nell economia del 21 secolo e determina significativamente

Dettagli

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni COACHING CREATIVO la metodologia per liberare soluzioni La metodologia per liberare soluzioni Il Coaching Creativo è la metodologia che abbiamo elaborato in anni di ricerca e sviluppo per progettare e

Dettagli

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO GLI OBIETTIVI LE INIZIATIVE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SONO INTRINSECHE ALLA MISSION DI GI GROUP E AL LAVORO SVOLTO QUOTIDIANAMENTE DALLE PERSONE CHE OPERANO ALL INTERNO DEL GRUPPO. 90 Le iniziative di

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

ADHOCRAZIA. Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia.

ADHOCRAZIA. Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia. http://www.sinedi.com ARTICOLO 24 GIUGNO 2008 ADHOCRAZIA LE ORIGINI DEL NEOLOGISMO Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia.

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Chi siamo Essere innovativi ma concreti, scommettere assieme sui risultati. Fare le cose che servono per creare valore nel miglior modo possibile. Questa è Makeitalia.

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Le comunità di pratica: definizione La ricerca accademica definisce le comunità di pratica come un insieme di

Dettagli

Master in Private Banking

Master in Private Banking Master in Private Banking 2 Premessa Di fronte ai cambiamenti e alle evoluzioni del mercato che si susseguono con sempre maggiore forza, il private banker riveste un ruolo insostituibile fondato su una

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Rivoluzione HR. human resource revolution

Rivoluzione HR. human resource revolution Rivoluzione HR human resource revolution L a tecnologia sta modificando le abitudini e lo stile di vita delle persone ma, nel nuovo mondo che verrà sarà il loro modo di pensare che dovrà cambiare. Ogni

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Presentazione della metodologia volta a graduare le particolari posizioni organizzative ai fini della corresponsione della retribuzione di posizione

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

il modello Nokana e Takeuchi

il modello Nokana e Takeuchi www.librishop.it il modello Nokana e Takeuchi Considerazioni sul processo di creazione e condivisione della conoscenza indice il processo di creazione e condivisione il modello di creazione e condivisione

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

HR Primo Business Partner Aziendale

HR Primo Business Partner Aziendale HR Primo Business Partner Aziendale di Luca Battistini Direttore HR Phone & Go Spa; Presidente della web community Fior di Risorse Le persone al centro. H1 Hrms sistema integrato di gestione del personale

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Cambiare il Sistema Informativo

Cambiare il Sistema Informativo Cambiare il Sistema Informativo avvertenze e consigli per la partenza ex-novo o per la sostituzione di quello esistente Febbraio 2008 1 Contenuti Premessa Caratteristiche di un buon Sistema Informativo

Dettagli

MIO FIGLIO OGGI FESTEGGIA 3 ANNI. DI MATRIMONIO.

MIO FIGLIO OGGI FESTEGGIA 3 ANNI. DI MATRIMONIO. MIO FIGLIO OGGI FESTEGGIA 3 ANNI. DI MATRIMONIO. Il tuo domani è più vicino di quello che pensi. Progettalo già da oggi risparmiando passo dopo passo. L importanza di pianificare già da oggi per essere

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli