Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23"

Transcript

1 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ) e per un dt crc lre (/S) l fttre d crc dpende dll ssett (C L ) e dll velctà d vl e qund esste un relzne che leg le grndezze n, e C L. Pché esstn de vlr lmt d queste grndezze, fsst n bse cnsderzn d crttere strutturle e erdnmc, ccrre tenere cnt d quest dpendenz, nftt, bst che un sl d esse ssum vlr nn mmssbl che l reltv cndzne d vl dvent un cndzne percls per ntegrtà dell struttur e de pssegger. A tle scp, per gn qut, s trcc un dgrmm d n n funzne dell velctà d vl, dett dgrmm d mnvr, che rppresent l nvlupp s tutte le pssbl e scure cndzn d vl del velvl. S trtt d un dgrmm che rssume e leg tr d lr tutte le lmtzn delle grndezze n esme (n, e C L ) ndvdund un re che è csttut d un nseme d punt che crrspndn cndzn d vl per le qul sn cntemprnemente rspettte tutte le lmtzn mpste, vcevers, qulss punt estern l dgrmm d mnvr è reltv d un vlre nn mmssble d lmen un delle grndezze sggette lmtzne. Prcedm per grd: l equzne n (cst) C L. rppresent nel pn (n-) un fsc d prble vente C L cme prmetr. Tnt pù è grnde C L tnt pù l prbl è vcn ll sse vertcle, e srà rvlt vers l lt se C L è pstv, vers l bss se C L è negtv (vl rvesc). Le prble estreme sn quelle reltve ll cnfgurzn per l qul l C L è mx e (curv d stll) e quell per l qule l C L è mn (stll n vl rvesc). S nt che l prbl C Lmn è men rpd d quell reltv l C Lmx n qunt generlmente rsult che C < C. I suddett rch d prbl pssn essere trcct utlzznd l relzne n L mn L mx ssegnnd de vlr l fttre d crc n e rcvnd crrspndent vlr dell velctà. S UNITA NILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 15

2 Gl rch d prbl trcct e l rett LIM ( dve LIM è l velctà mssm fscmente pssble) delmtn un zn che prende l nme d cmp d scurezz sslut (n gll n fgur) ed è l lug d tutte le pssbl mnvre esegubl dl velvl. 1 Un velvl che fsse n grd strutturlmente d spprtre tutele cndzn che crrspndn punt dell re del dgrmm (n gll) srebbe ndstruttble m srebbe nche nutlmente rbust pché è nutle che s cstruscn strutture che debbn spprtre vlr d n elevt qund lmt fslg del plt fssn d 8 l vlre d n mx per gunt cn l rsch d nn ruscre fr decllre l velvl per l eccessv pes strutturle. D tutte queste cnsderzn ne derv che le punte del dgrmm d scurezz sslut sn rppresenttve d cndzn nn relzzbl n prtc e qund nel dgrmm d mnvr (dett nche d scurezz reglmentre) scmpn. Trccnd le rette nn mx, lmte per l fttre d crc pstv e nn mn, lmte per l fttre d crc negtv s ttengn punt cn l ntersezne delle curve del C L. Il punt A ntersezne dell rett nn mx cn l prbl d stll C L mx è dett punt d mnvr e l velctà crrspndente A è dett d mnvr. Ess rppresent l velctà mnm ll qule s può effetture un mnvr n cndzn d n mx, ppure s può defnre cme l mssm velctà cu s può effetture un mnvr n cndzn d C L mx. Il punt E è l su equvlente nel cs d vl rvesc. Le velctà S e SR sn le velctà mnme d sstentment n vl drtt e n vl rvesc e s / S ttengn dll relzne ρ C utlzznd l C Lmx per l clcl d S e l C Lmn per quell d SR. L I punt B e D s ttengn, rspettvmente, cme ntersezn delle rette nn mx, nn mn cn l rett LIM. In reltà, l lmte per l velctà, nel dgrmm d mnvr, srà un velctà D, che sl nel cs d velvl crbtc e mltr è ugule LIM, mentre è mnre nel cs d velvl d trsprt pssegger. 1 l velctà rprtt sull sse delle scsse del dgrmm d mnvr è l velctà ndct (IAS) e nn l velctà effettv del velvl rspett ll r (TAS). L IAS rppresent l velctà ll qule bsgnerebbe vlre l lvell del mre per vere un dentc pressne dnmc che s h ll qut d vl, vver ρ IAS TAS, e pertnt dpende ltre che dll velctà ver ρ nche dll qut d vl. L utlzz dell velctà ndct è legt l ftt che crch erdnmc sn prprznl ll pressne dnmc. L IAS è fclmente rcvble sservnd l nemmetr d brd che trmte l tub d Ptt rcv l velctà rspett ll r. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 16

3 Cme vedrem successvmente s l velctà d mnvr A e quell d pccht D sn determnte d reglment d nvgbltà, n funzne dell velctà d crcer del velvl, secnd dell ctegr d pprtenenz dell stess. S ttene, n defntv, per l dgrmm d mnvr un grfc del tp: nel qule s pssn ndvdun le seguent cndzn d vl: Rm OA: l vl vvene d ssett per l qule l C L C L mx e qund d ssett d stll e qund ll velctà mnm per l crrspndente fttre d crc. A snstr d tle curv v è l zn che rppresent le cndzn d g-stll, vver d stll (C L > C L mx ) cn fttr d crc nrmle > 1 e crrspndent cndzn d vl n cu vene men l sstentzne erdnmc che vrebbe cme cnseguenz l cdut del velvl (lmte erdnmc); Rm AD: l vl vvene n cndzn per le qul rsult n n mx, l crescere dell velctà dmnuscn ceffcent d prtnz. I punt l d spr del trtt AD ndvdun cndzn d vl nelle qul s supern vlr lmt del fttre d cntngenz pstv e pertnt nelle qul s rsch che le strutture subscn defrmzn permnent (lmte strutturle); Rm DE: l vl vvene ll mssm velctà cnsentt ll qut n esme, prseguend lung l trtt l fttre d crc dmnusce fn d nnullrs per p dventre negtv. Il lmte destr vene stblt dunque dl ftt che s trv n cndzn d vl, ll qut n esme, che rchederebber un spnt prpulsv superre quell che l mtre può frnre (lmte prpulsv); UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 17

4 Anlgmente qunt vst per l prte superre, l dstt l dgrmm d mnvr vene delmtt dl segment EA R, crrspndente lle cndzn d vl nelle qul s rggunge l fttre d crc mssm negtv (vl rvesc) ed l trtt A R O cn l prte negtv dell sse delle rdnte ndvdu l zn de g-stll negtv. Osservm nltre che per l reglmentzne vgente mentre l fttre d crc pstv s estende fn ll velctà mssm D (trtt AD del dgrmm), l fttre d crc lmte negtv s può estendere fn ll velctà d crcer C dp d che vr lnermente tr C e D fn l vlre d n0 per velvl d ctegr nrmle,l vlre n-1 per velvl d ctegr crbtc e semcrbtc. S rcrd nfne che qunt fnr dett vle per cndzn d vl n r clm. Inftt l presenz d rffche mdfcherà, cme vedrem nel successv prgrf, puttst sensblmente l dgrmm d mnvr. Il dgrmm -n csì ttenut nn tene cnt degl effett dell cmprmbltà che nfluenzn: l vlre del ceffcente d prtnz mssm, che dmnusce ll'umentre del numer d Mch, per prblem d buffetng mputbl ll seprzne dell strt lmte, dvut ll'nterzne cn sstem d nde d'urt che s svluppn sul drs del prfl; l velctà mssm che rsult lmtt dl numer d Mch mssm, ltre l qule s vrebber ncrement sgnfctv d resstenz (Mch drg rse). Pertnt nel cs d velvl che prevedn numer d Mch mssm dell'rdne d 0,3-0,4, s pssn rtenere tl effett trscurbl, n cs cntrr ccrre tenerne cnt e defnre dvers dgrmm -n l vrre dell qut ed n tl cs s prefersce utlzzre l numer d Mch. All umentre del numer d Mch l fttre d crc nn vr pù cn legge prblc. uest mplc nche quell dffcltà nell stblre l velctà d mnvr ctt nel prgrf precedente. Per velvl certfct n mbt JAR 3 vengn d slt cstrut tre dgrmm: l prm lvell del mre, l secnd ll qut n crrspndenz dell qule s rggunge l numer d Mch mssm per l velvl n questne ed l terz ll qut d tngenz pertv. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 18

5 Inltre tl dgrmm vengn cmputt per dverse cnfgurzn tenend cnt delle vrzn ntrdtte dlle superfc d mnvr e dlle vrzn d pes, nnché dll presenz men del crrell retrttle. Per frnre un de cncret, s rprt d segut, l dgrmm d mnvr del velvl mltre Aermcch MB 339, csì cme rprtt nel mnule d vl del velvl stess. AERMACCHI MB 339 L'Aermcch MB-339 è un vgett mnmtre bpst d ddestrment vnzt e d ppgg tttc legger prdtt dll'zend tln Aermcch (r AlenAermcch). Dgl nn settnt e n dtzne prncplmente ll'aernutc Mltre. Grze ll su grnde mnvrbltà, l'mb-339, nell versne PAN, fu scelt nel 198 dll pttugl crbtc tln, Frecce Trclr, n ssttuzne de vecch Aertl G-91. L su cellul derv drettmente d quell d un ltr fms ere d ddestrment tln, l'mb-36. L prte nterre però fu cmpletmente rdsegnt per permettere l sclment n ltezz de due pst d pltgg per grntre mglre vsbltà (sprttutt n tterrgg) ll'struttre, sedut nel sedle psterre. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 19

6 . Il dgrmm d rffc Pché l clcl de crch gent su d un velvl n vl deve essere esegut cnsdernd, nn sl le mnvre esegute dl plt, m nche l mss d r che l crcnd, nn s pssn trscurre gl effett dell r n mvment ttrn d ess stt frm d vent e rffche. A fn dell determnzne de crch d rffc è n prtc sgnfctv l sl rffc vertcle, che ptrà essere scendente (se drett vers l lt) ppure dscendente, dl mment che quell rzzntle e quell perpendclre l pn d cd vertcle vengn d slt trscurte n qunt mdfcn d pc le frze erdnmche gent sul velvl. In rferment d un velvl che prcede n vl rzzntle cn un velctà v e cn un dt ncdenz gemetrc α, sservm che qund cstu entr n un rffc vertcle scendente, vente velctà w, s verfcn due cmbment: l ncdenz pss dl vlre α l vlre α subend un ncrement α rsultnd α α + α r r r l velctà ument pssnd dl vlre v vlre v rsultnd v v + w Trscurnd gl effett legt ll vrzne d velctà, pché w è pccl rspett v, l rffc scendente cmprt un stntne vrzne d ncdenz e qund d prtnz sul velvl 3. w In rferment ll fgur ptrem qund scrvere: tg α α e pché rsult per l velctà ndct v ρ v e per l vrzne d prtnz ρ L v C C L α α l ncrement d prtnz L, dvut ll ument d ncdenz cust dll rffc scendente w: C Lα w, pssm clclre L 1 ρ S C L v 1 ρ S C L v 1 ρ SC Lα w v v 1 ρ SC Lα w v L espressne del fttre d crc vertcle n presenz d rffc scendente srà qund: 1 ρ S CLα w v L + L + L L ρ CLα w v n f z S Per vent s ntende un grnde mss d r estes che h essenzlmente un mt prllel l terren che nn cmb drezne ed ntenstà n md repentn. L s può cnsderre tutt smmt un fenmen d tp sttc. L rffc, nvece, è un mt d dmensn lmtte cn cmpnent dell velctà nrml l terren e d ntenstà e drezne vrbl nel temp. L rffc può trvrs ll ntern del vent ed vere velctà d qulche decn d metr l secnd. 3 S suppne che l velctà dell rffc pss stntnemente dl vlre 0 l vlre w nche se n reltà nn esstn rffche stntnee. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 0

7 In defntv s ttene n 1 ± ρ C Lα S w v dve l segn è reltv d un rffc dscendente. Pché n è nversmente prprznle l crc lre (/S), gl effett dell rffc srnn men sgnfctv per velvl che hnn grss crch lr. Rppresentnd quest funzne nel dgrmm (n-v ) s ttengn le rette d rffc prmetrte n funzne dell velctà w. D ntre che per w0 (ssenz d rffc) l fttre d crc n1 pché l prtnz è ugule l pes (vl rzzntle). S sserv nfne che, per un dt rffc w, l fttre d crc è crescente lnermente cn l velctà d vl, qund per lmtre gl effett dell rffc l unc cs che può fre l plt è rdurre l velctà d vl. Pché cme precedentemente sservt, pché nn esstn rffche stntnee, per tener cnt del ftt che n reltà l velctà vertcle d rffc nn nteress stntnemente tutt punt del velvl m l cnvlge grdulmente, s crregge l frmul precedentemente ndct cn un fttre f che prende l nme d fttre d ttenuzne dell rffc. Il su vlre dpende dll frm del frnte dell rffc e deve essere mnre d 1. f ρ CL w v In defntv scrverem: n 1 ± α S Clcl del fttre d ttenuzne d rffc und f nn è ssegnt è pssble rcvrl utlzznd l espressne: 0,88 µ f 5,3 + µ g g dve µ g è l rpprt d mss che, su vlt, s clcl cn l relzne: c è l crd lre med gemetrc (m) S µ g dve CLα è l grdente dell rett d pr tn z del velvl ρ c CL α g g è l' ccelerzne d grvtà (m / s ) Nel cs n cu nn dvesse essere nt l C Lα, ess può essere clclt cn l frmul: (1 / rd) C L α CL CL 1 + π A R e dve CL è l ceffcente dell rett d e è l fttre d Oswld AR è l' llungment lre pr tn z del prfl (1 / rd) UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 1

8 .3 L nvlupp d vl e l nrmtv F.A.R. 3 Il dgrmm d nvlupp d vl s cstrusce svrppnend l dgrmm d mnvr quell d rffc e vene utlzzt nel dmensnment strutturle ll scp d delnere un cmp rele entr cu l velvl può vlre; quest cmp s ttene unend grfcmente punt pù estern del permetr dell fgur frmts dll svrppszne de dgrmm d cu spr. È frequente l cs n cu l dgrmm d mnvr è tutt cntenut nel dgrmm d rffc, quest ccde spess nel cs de grss velvl d trsprt lddve crch d rffc sn predmnnt rspett quell d mnvr; l stuzne ppst s verfc, evdentemente, nel cs d un velvl mltre d ctegr crbtc dve l dgrmm d rffc è qus ntermente cmpres n quell d mnvr. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg.

9 Occrre nfne rcrdre che n reltà nn s h un sl dgrmm nvlupp d vl per gn velvl, m ccrre cnsderre dvers grfc n qunt l velvl può trvrs n dfferent cndzn d crc. Ad esemp, per velvl d pccle dmensn, s devn tccre lmen due dgrmm, un reltv ll cnfgurzne d pes mssm l decll e l ltr per l pes mnm. Per trccre dgrmm d mnvr, quell d rffc e qund l crrspndente nvlupp d vl per un determnt velvl ccrre defnre vlr lmt de fttr d crc spprtbl dl velvl n questne e le velctà lmte cnsentte. uest prmetr sn vengn determnt, secnd dell ctegr d pprtenenz del velvl, d prtclr ent ernutc nrmtr. Ad esemp, negl USA, sn stte ntrdtte le nrme F.A.R. (Federl Avtn Regultn)che per lung temp sn stte nche le unche nrme uste. In Itl tl nrme sn stte recepte e trdtte dl R.A.I. (Regstr Aernutc Itln), dventt p ENAC, e ttulmente vengn utlzzte sseme lle nrme eurpee JAR, che hnn l grss vntgg d esprmere le grndezze fndmentl nelle untà d msur del sstem nternznle. D segut elencherem lcune delle prncpl cndzn stblte dlle FAR ed n prtclre dlle FAR 3, lle qul devn rspndere velvl cvl vent un pes mssm l decll nferre kg ( per velvl cn pes superre kg s pplcn le FAR 5). Tl nrmtve, ltre d ccuprs dell specfc de crch, clssfcn velvl n tre dfferent ctegre secnd delle specfche d prgett: ctegr nrmle ctegr semcrbtc ctegr crbtc Sn, per l mggr prte, ere cvl e d tursm destnt l trsprt del crc pgnte. Hnn un fttre d crc mggre d quell nrml m nn pssn spprtre crch mssm gent su velvl crbtc. Psseggn un struttur tle d cnsentre un mggre crc lmte e qund mggr ccelerzn g pstve e negtve crtterstche d mnvre prtclrmente spnte. È qund evdente che, n bse dvers tp d velvl, s vrnn de crch mssm rggungbl dfferent e, n prtclre, le FAR stblscn cndzn lmt s su fttr d crc lmte che sulle velctà crtterstche. Tl velctà sn l velctà d stll n vl drtt e rvesc, l velctà mssm n pccht, l velctà d crcer e l velctà d mnvr. ueste velctà, unte n un grfc fttr d crc, determnn un cmp lmte (dgrmm d mnvr) entr cu l velvl può vlre senz subre dnn d ntur strutturle. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 3

10 Nrmtv FAR 3 (vld per velvl cvl cn pes mssm l decll mx < kg N) Ctegr NORMALE n lm,1 + (kg) Ctegr SEMIACROBATICA Ctegr ACROBATICA n lm fttre d crc lmte e ll stes temp n lm 4,4 n lm 6,0 n lm 3,8 n lm R C (Km/h) fttre d crc lmte (vl rvesc) elctà d crcer n lm R - 0,4 n lm n lm R - 0,4 n lm n lm R - 0,5 n lm C 7, 67 S dve /S è n kg/m C 7, 67 S dve /S è n kg/m C 30, 19 S dve /S è n kg/m D(Km/h) elctà mssm D 1,40 C D 1,50 C D 1,55 C A (Km/h) elctà d mnvr A S nlm Inltre le nrme stblscn nltre che: Mentre l fttre d crc pstv s estende fn ll velctà mssm D, l fttre d crc lmte negtv s può estendere fn ll velctà d crcer C dp d che vr lnermente tr C e D fn l vlre d n0 per velvl d ctegr nrmle e l vlre n-1 per velvl d ctegr crbtc e semcrbtc. K ceffcente d scurezz d usre nel dmensnment strutturle 1,5 F lm crch lmt d cntngenz devn essere spprtt dll struttur senz subre defrmzn permnent F rb K F lm I crch d rbustezz ultm devn essere spprtt dll struttur senz subre cedment per lmen 3 secnd. CONDIZIONI d RAFFICA Per qunt rgurd l rffc le nrme FAR 3 fnn ncr rferment lle velctà d crcer C e quell mssm D. In prtclre esse ffermn che per l clcl del fttre d crc d rffc, fn ll velctà d crcer vnn cnsderte le rffche vertcl pstve (drette vers l lt) e quelle negtve (drette vers l bss) d velctà w ±15, m/s; mentre ll velctà mssm D devn essere cnsderte le rffche pstve e negtve d ntenstà w±7,6 m/s. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 4

11 .4 Cstruzne dell nvlupp d vl d un velvl d ctegr semcrbtc. Fcend rferment ll nrmtv FAR 3 trccre l dgrmm d mnvr, quell d rffc e qund l nvlupp d vl per un velvl d ctegr semcrbtc vente le seguent crtterstche: Pes ttle W tt.870 kg Crc lre W/S 1,73 kg/m Allungment lre A R 7,9 C p stll vl drtt C Lmx 1,5 C p stll vl rvesc C Lmn -0,9 C Lα ceff. nglre dell rett prtnz C Lα 4,96 1/rd Fttre d ttenuzne rffc f 0,718 1) Clcl de fttr d crc lmte Pché l pes mssm l decll è nferre kg s pplcn le FAR 3. Per velvl d ctegr semcrbtc rsult che - l fttre d crc lmte n vl drtt è n lm 4,4 - l fttre d crc lmte n vl rvesc è n lm R - 0,4 n lm - 1,76 ) Clcl delle velctà d stll n vl drtt S e vl rvesc SR W /S S 36,18 m / s 130,5 km /h ρcl mx W /S SR 46,71 m / s 168,17 km /h ρcl mn 3) Clcl delle velctà d crcer C e d pccht D C D W (kg) 7,67 7,67 1,73 306,54 km /h S (m ) 1,5 C 1,5 306,54 459,81 km /h 4) Clcl delle velctà d mnvr n vl drtt A e n vl rvesc AR A A R S S R n lm n 130,5 4,4 73, km / h lmr 168,17 1,76 3,09 km / h UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 5

12 5) Clcl delle velctà reltve lle prble del dgrmm d mnvr A quest punt, per trccre l dgrmm d mnvr, ccrre trvre punt dell prbl superre (trtt SA), utlzznd l espressne n e ssegnnd d n vlr cmpres tr 1 e 4,4. S Anlgmente, per punt dell prbl nferre S R A R, s utlzzerà l espressne SR n ssegnnd d n vlr cmpres -1 e -1,76. S ttene l seguente tbell cn reltv grfc: Punt (Km/h) n 130,5 0 S 130, ,1 5, ,51 4 A 73, 4,4 C 306,54 4,4 D 459,81 4,4 E 459,81-1,76 A R 3,09-1,76 05,95-1,5 S R 168, ,16 0 Osservm, nltre, che per l nrmtv, mentre l fttre d crc pstv s estende fn ll velctà mssm D (trtt AD del dgrmm), l fttre d crc lmte negtv s può estendere fn ll velctà d crcer C (punt F) dp d che vr lnermente tr C e D fn l vlre d vlre n-1 per velvl d ctegr crbtc e semcrbtc. 6) Clcl de fttr d crc d rffc Le FAR 3 prescrvn che per l clcl del fttre d crc d rffc ccrre utlzzre l seguente f ρ CL α w espressne: n 1 ± v W dve f, e C Lα sn dt nzl del prblem, ρ è l denstà dell r S lvell del mre pr 1,6 kg/m 3 e W/S è l crc lre espress n N/m. Per l velctà d crcer C vnn cnsderte le rffche vertcl pstve (drette vers l lt) e quelle negtve (drette vers l bss) d velctà w ±15, m/s; mentre ll velctà mssm D devn essere cnsderte le rffche pstve e negtve d ntenstà w±7,6 m/s. S ttengn n tl md seguent vlr per l fttre d crc e l seguente dgrmm: UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 6

13 Lne d rffc ±c Punt (Km/h) n C 306,54 3,35 0,00 1 F 306,54-1,35 Lne d rffc ± D Punt (Km/h) n D 459,81,76 0,00 1 E 459,81-0,76 7) Dgrmm d nvlupp Svrppnend l dgrmm d mnvr e l dgrmm d rffc precedentemente ttenut e unend grfcmente punt pù estern del permetr dell fgur frmts (cè punt mggr rdnte n s pstve che negtve) s ttene l dgrmm d nvlupp. S sserv che, nel nstr cs, l nvlupp cncde cn l dgrmm d mnvr pché l dgrmm d rffc è qus ntermente cmpres n quell d mnvr, crtterstc quest cmune velvl crbtc e mltr, per qul le cndzn d vl pù grvse sn quelle dervnt dlle mnvre. L stuzne nvers s verfc nel cs de grss velvl d trsprt lddve essend crch d rffc prevlent, l dgrmm d mnvr è tutt cntenut n quell d rffc. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 7

14 .5 Crc erdnmc gente sulle superfc prtnt: Rprtzne dell prtnz. Dp ver trcct dgrmm d mnvr, rffc e qund l nvlupp d vl, è pssble per gn punt del dgrmm ttenut, determnre crch gent nelle vre prt del velvl. In quest prgrf vluterem, d esemp, l crc erdnmc (prtnz) gente sulle superfc prtnt e cme ess è rprtt tr le seml e l pn d cd rzzntle. L vlutzne dell rprtzne dell prtnz cmplessv tr l l ed l pn d cd è mlt mprtnte n qunt d quest dpendn, d esemp, dgrmm d tgl e mment flettente dell fusler. Per determnre tle rprtzne fccm lcune ptes semplfctve: - cnsderm sl le zn vertcl (prtnz e pes); - trscurm l effett legt lle resstenze ( R pccle rspett P); - ptzzm che l pn lre e quell rzzntle d cd sn cncdent; S ttene l seguente schem d frze: dve x F è l dstnz tr l brcentr del velvl ed l fuc del prfl lre è l dstnz nterfcle, ss l dstnz tr l fuc del prfl lre e quell dell cd. Dll schem ppre evdente che l unc frz d mss pplct nel brcentr (vver l pes pprente n) è equlbrt dll prtnz dell l e d quell dell cd. Pché l prtnz dell l è pplct nel fuc, ccrre ggungere l mment fcle M 0. 4 S nt che l pn d cd nn s ggunge l reltv mment fcle, quest perché, n genere, tl prfl sn smmetrc e qund hnn un c m 0, ppure sn smmetrc e dnn lug d un cntrbut pccl che può essere trscurt. In rferment ll schem rprtt, pplcnd le equzn crdnl dell sttc, s ttengn le seguent equzn d equlbr: 4 Il mment fcle è l mment erdnmc, che s gener qund s trsprt l prtnz, pplct nel centr d pressne, nel fuc del prfl (vver n quel punt rspett l qule l mment erdnmc è sempre cstnte dfferenz del centr d pressne che vr nvece cn l ssett d vl. Il mment fcle dpende dl tp d prfl, n prtclre è null se l prfl è smmetrc, è mnre d 0 (cè pcchnte) se prfl sn smmetrc, è mggre d 0 (cè cbrnte) sl nel cs d utlzz d prfl utstbl. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 8

15 F 0 M 0 P M 0 n + P c + n x F 0 P c 0 Rslvend l sstem e clclnd l prtnz P, genert dlle l, e quell P C dell cd s ttene: P n Pc M0 + n x Pc F P P c M0 + n x n M0 + n xf F P P c n (M0 + n xf) M0 + n xf P Pc n ( x ) M F M + n x 0 F dve l mment fcle M 0 1 ρ S c c m Avend dspszne l dgrmm d nvlupp, per un dt cnfgurzne d pes, ccrre nvestgre, per dverse pszn del brcentr (x F ), ne dvers punt del dgrmm d mnvr e sceglere l cndzne pù grvs. Ad esemp, se utlzzm dt reltv l velvl l cu nvlupp d vl è stt clclt nel precedente prgrf.4, ssegnnd l prfl (e qund l c m ), l pszne del brcentr (vver x F, ) s ttene l seguente tbell d clcl: Rprtzne dell PORTANZA: CONFIGURAZIONE RELATIA l PESO MASSIMO l DECOLLO W TO 8.16 N; x F /c 0,08 ; 5m; c m -0,07875 Punt del [Km/h] n [m/s] dgrmm d mnvr M.t fcle Prtnz l [Nm] [N] 1 n( x ρ F) M0 S c cm Prtnz cd [N] M0 + n xf Prtnz Tt [N] P + P c (Pc/P) % Punt S 130,5 1 36,18-54, ,91 85,09 816,00 1,0% Punt A 73, 4,4 75, , ,01 154, ,40 1,0% Punt C 306,54 4,4 85, , ,90 675, ,40 0,55% Punt D 459,81 4,4 17, , ,35-844, ,40 -,5% Punt E 459, , , , ,4-816,00 33,96% Punt F 306,54-1,76 85, , ,66-413, ,76 9,30% Punt AR 3,09-1,76 61, , ,37-888, ,76 6,0% Punt SR 168, ,71-437,6-6484, ,13-816,00 6,0% dgrmm d rffc Punt C' 306,54 3,35 85, , ,89-160, ,55-0,17% Punt D' 459,81,76 17, , , , ,16-5,07% Punt E' 459,81-0,76 17, , , ,0-1378,16 48,07% Punt F' 306,54-1,35 85, , , , ,55 11,43% UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 9

16 Anlzznd l tbell de rsultt e mmgnnd d percrre l dgrmm d mnvr tp, prcedend n vl drtt d S vers D, s pssn fre le seguent cnsderzn n relzne lle sllectzn gent sull l: nel punt nel punt nel punt nel punt PS S rsult : M PA A rsult : M PC C rsult : M PD D rsult : M s A C D 1 ρ n n M n M M A n A s C S c c A D A m Nel punt S (stll) sull l gsce un prtnz pr l pes effettv ed un mment trcente dt dll espressne del mment fcle, clclt nel punt n questne. Ne cnsegue che l l, per effett dell prtnz, srà sggett nche d un mment flettente che tende fletterl vers l lt, ed un sfrz d tgl dstrbut lung l pertur e d ntenstà cmplessv pr ll prtnz. Nel punt A (mnvr) sull l gsce un prtnz pr l pes pprente. S può ffermre, n generle, che crch erdnmc gent sull l (prtnz e mment fcle) genern un mment flettente, un tgl ed un mment trcente pr quell rfert l punt S, mltplct per l fttre d crc mssm n lm. Nel punt C (crcer) s sserv che mentre l tgl ed l mment flettente rmngn ugul rspettv vlr del punt A, l mment trcente ument cus dell ncrement d velctà ( C > A ). Nel punt D (pccht) l tgl e l mment flettente rmngn ugul rspettv vlr del punt A, mentre l mment trcente rggunge l su vlre mssm. In generle, un vlt clclt crch gent, per prgettre e dmensnre un determnt cmpnente strutturle ccrre prcedere cn l prcedment clssc dell Scenz delle Cstruzn. Tle prcedment cnsste nell slre quell element (l, pn d cd, ) e pplcre d ess tutt crch che gl cmpetn vlutnd le crrspndent rezn vnclr. S pss qund ll determnzne delle sllectzn (tgl, mment flettente, ) nelle vre sezn d nteresse, e qund s prcede, sull scrt de vlr mssm clclt, l dmensnment dell element strutturle e ll successv fse d verfc. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 30

Design. ALOHA Cod.art.: 03007. DOTS Cod.art.: 03006 SWEETY EYE EVIL. Qu al è il tu o lo ok? HERBIE SKULL. Tanti stili diversi, tanto te.

Design. ALOHA Cod.art.: 03007. DOTS Cod.art.: 03006 SWEETY EYE EVIL. Qu al è il tu o lo ok? HERBIE SKULL. Tanti stili diversi, tanto te. IT Desn ll e d M Tnt stl dvers, tnt te. Il tchmetr pù ll md per mstrre l tu persnltà nche n bc. Scel l tu mdell prefert e v dvertrt n bc sfnd l tu stle persnle. Il clre del tu MySpeedy e de su cmpnent

Dettagli

Breve compendio su trigonometria e funzioni goniometriche (senza pretesa di completezza)

Breve compendio su trigonometria e funzioni goniometriche (senza pretesa di completezza) dtt. ng. Frnc Burtt, 4.09.006 Msur degl ngl n rdnt Breve cmpend su trgnmetr e funzn gnmetrche (senz pretes d cmpletezz) In un crcnferenz vente centr nell rgne degl ss e rgg rbtrr, cnsderm l ngl rentt.

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA 5. VALUTAZIONE DI PROGETTI ECONOMICO-FINANZIARI

MATEMATICA FINANZIARIA 5. VALUTAZIONE DI PROGETTI ECONOMICO-FINANZIARI MATEMATICA FINANZIARIA Pro. Andre Berrd 999 5. VALUTAZIONE DI PROGETTI ECONOMICO-FINANZIARI Corso d Mtemtc Fnnzr 999 d Andre Berrd Sezone 5 PROGETTO ECONOMICO-FINANZIARIO Un progetto economco-nnzro è un

Dettagli

Satelliti artificiali geostazionari ed orientamento delle antenne (*)

Satelliti artificiali geostazionari ed orientamento delle antenne (*) e s e r c i t z i n i Stelliti rtificili estzinri ed rientment delle ntenne (* prf. in. Nzzren Crilin * Immini trtte d http://www.nuticrtili.lu.it/didttic/estzinri/estzinri.htm IIS Mrcni -Bri / ASI / IM

Dettagli

Modalità di accesso e documentazione ambulatoriale

Modalità di accesso e documentazione ambulatoriale Mdlità di ccess e dcumentzine mbultrile Mdlità di prentzine prime visite Utenti esterni inviti d Medic di Medicin Generle Specilist intern ll Aziend Medic del Prnt Sccrs Specilist estern ll Aziend Crtter

Dettagli

APPENDICE 5. Altezza effettiva di rilascio delle emissioni dalle torce di combustione e/o dai motori di recupero energetico della discarica

APPENDICE 5. Altezza effettiva di rilascio delle emissioni dalle torce di combustione e/o dai motori di recupero energetico della discarica APPENDICE 5 Altezz effettiv di rilsci delle eissini dlle trce di cbustine e/ di tri di recuper energetic dell discric L ltezz effettiv di rilsci delle eissini dlle trce e/ di tri dell discric viene clclt

Dettagli

dal 9 novembre al 18 dicembre 2015 dal '11 gennaio al 15 aprile 2016 lunedì a venerdì dal e ore 8:30 alle 12:00 e dalle 15:30 alle 18:00

dal 9 novembre al 18 dicembre 2015 dal '11 gennaio al 15 aprile 2016 lunedì a venerdì dal e ore 8:30 alle 12:00 e dalle 15:30 alle 18:00 COMUNE PADOVA Anche nell stgne nvernle 2015/2016 l Cmune d Pdv dtt msure per cntenere l'nqunment tmsferc e rdurre le cncentrzn d PM10 nel terrtr. Tl msure sn dttte sull bse delle dspszn del Tvl tecnc znle

Dettagli

Come Vendere AdWords. Programma Agenzie QUalificate AdWords

Come Vendere AdWords. Programma Agenzie QUalificate AdWords Cm Vndr Prgrmm Agnz QUlfct 1 Pt frz PERTINENZA PERTINENZA Rggg Rggg clt clt nl nl mmnt mmnt tt tt mstr mstr gl gl nnc nnc ptnzl ptnzl clt clt mntr mntr stnn stnn ttvmnt ttvmnt crcnd crcnd 'ttvtà 'ttvtà

Dettagli

F = 0, per t > T. sis tema m eccanico. elettrico. t T. t T

F = 0, per t > T. sis tema m eccanico. elettrico. t T. t T pl 3 Msure d spsmen 3 3. MISUE I SPOSMENO 3. IL SUOE PIEZOELEIO I SPOSMENO Ques p d rsdure sfru l prpreà de merl pezelerc d generre crche elerche, Q, prprznl ll defrmzne cus dll spsmen, che s vule msurre

Dettagli

Partner locali. Basilicata. Comune di Potenza

Partner locali. Basilicata. Comune di Potenza Prtner lcl del prgett Regne Bslct Cmune d Ptenz c v Regne Bslct Cmune d Ptenz t s Grupp d Lvr Regnle - Uffc Trsprt Ing. Angel Snt LUONGO - Drgente Uffc Trsprt Ing. Dnt ARCIERI - Respnsble Prgett Dtt. Guseppe

Dettagli

I luoghi.. La ludoteca e la Casa dell Amicizia

I luoghi.. La ludoteca e la Casa dell Amicizia Il Cmtt Amc ONLUS cn l ptrcn del Cmune d Almese present stv mcz E ll A ntr Il Ce Cs de???? à t l v l! e gl,!! n d m e e l v l f n sn nb gn s r n Qul.E. cmp genze d C es un d delle e sprt LI!!! n r G c

Dettagli

Mission e modello di business

Mission e modello di business eby: ch è? Fnd nel 1995 d un cpp d cllezns mercn, Perre Omydr e su mgle, eby è un cmmuny d cmprvend nlne dve un buyer e un seller s ncnrn senz l presenz d nermedr. Dl 98 è qu n brs e h sede Sn Jse (CA)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Gnmr Mrtn UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Fcoltà d Ingegner Isttuzon d Econom Lure Trennle n Ingegner Gestonle Lezone 9 Domnd del mercto Prof. Gnmr Mrtn Unverstà degl Stud d Bergmo Fcoltà d Ingegner

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. (Poste italiane) NUOVI anno 2012 ESCLUSIVAMENTE FRANCOBOLLI MUNITI DI CODICE A BARRE

REPUBBLICA ITALIANA. (Poste italiane) NUOVI anno 2012 ESCLUSIVAMENTE FRANCOBOLLI MUNITI DI CODICE A BARRE REPUBBLICA ITALIANA fnll n (Pst tln) NUOVI nn ESCLUSIVAMENTE FRANCOBOLLI MUNITI DI CODICE A BARRE A pt l 6 ntsm Gnt ll fltl l 8, l t vl pstl tln sn mht u. Qull lfnum pp ll z stt qull ll Pst Itln. Qust

Dettagli

Unità didattica N 27. Il campo magnetico

Unità didattica N 27. Il campo magnetico Untà Ddattca N 27 : Il camp magnetc 1 Untà ddattca N 27 Il camp magnetc 1) I magnet e le lr nterazn 2) Le nterazn tra magnet e crrent e tra crrent e crrent 3) Camp magnetc e vettre 4)Secnda legge d Laplace

Dettagli

Modellazione e Identificazione Dinamica della Cupola della Basilica di S. Gaudenzio in Novara

Modellazione e Identificazione Dinamica della Cupola della Basilica di S. Gaudenzio in Novara Modellzone e Identfczone Dnmc dell Cupol dell Bslc d S. Gudenzo n Novr Ing. Slvno Erlcher Sommro Nell prm prte dell rtcolo s present un modello gl element fnt dell Cupol dell Bslc d S. Gudenzo. S mostrno

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Unverstà d Npol Prthenope Fcoltà d Ingegner Corso d Trsmssone Numerc docente: Prof. Vto Psczo 3 Lezone: /0/004 4 Lezone: /0/004 Sommro Quntzzzone sclre (unforme e non unforme) Quntzzzone vettorle (VQ)

Dettagli

ITALIA REPUBBLICA Francobolli nuovi

ITALIA REPUBBLICA Francobolli nuovi ITALIA REPUBBLICA Fnll nuv n 113 A pt l l 6 6 ntsm ntsm Gnt Gnt ll ll fltl fltl l 8, l l 8, t vl l t pstl vl tln pstl sn mht u. Qull lfnum pp ll z stt qull ll Pst stt Itln. qull Qust ll llzn Pst Itln..Qust

Dettagli

Capitolo V MACCHINE SPECIALI

Capitolo V MACCHINE SPECIALI Captl ACCHINE SPECIALI 5..0. tre asncrn mnfase Il mtre asncrn mnfase è csttut da un statre prvvst d un unc avvlgment, bplare multplare, e da un rtre generalmente a gabba. Almentand l avvlgment statrc cn

Dettagli

TOPOGRAFIA E TECNICHE DI RILEVAMENTO

TOPOGRAFIA E TECNICHE DI RILEVAMENTO POLITECNICO DI BRI CORSO DI LURE IN INGEGNERI EDILE TOPOGRFI E TECNICHE DI RILEVMENTO FRNCESCO MNCINI f.mncn@lb. NOT: l dsens nende llusrre le enzlà delle msure grfche rdznl e GPS nell rsluzne d lcun rblem

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Il Progress Test nei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie

Il Progress Test nei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie Il Pgss Tst n Cs d Lu dll Pfssn Snt Pl Pllstn (Psdnt C.d.L. n Fstp) Luc Btzz (Cdnt C.d.L. n Fstp) Unvstà d Blgn 1 Pgss Tst Infm Fstpst PROFESSIONI CHE HANNO PARTECIPATO Osttch (ch hnn sgut un pcdu plll)

Dettagli

i~j.1-.. ~ ~~. n. 40 del i?-llo\ 2ro . e ~'t .!L' ~ ~ CITI A' DI GUIDONIA MONTECELIO Città. Metropolitana di Roma Capitale

i~j.1-.. ~ ~~. n. 40 del i?-llo\ 2ro . e ~'t .!L' ~ ~ CITI A' DI GUIDONIA MONTECELIO Città. Metropolitana di Roma Capitale .!L' r r : A(( :,;> _:.: / _/,_, \ '-',..,, L/ '; f l. J.1-.. r. Q "'. e 't -"" CITI A' DI GUIDONIA MONTECELIO Cttà. Metrpltana d Rma Captale I: DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE AREA IX_ SVILUPPO ECONOMICO

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Il Circuito Elementare

Il Circuito Elementare Corso d IMPIEGO INDUSRIALE dell ENERGIA L ener, ont, trsormzon ed us nl Impnt vpore I enertor d vpore Impnt turbos Ccl combnt e coenerzone Il mercto dell ener 1 Corso d IMPIEGO INDUSRIALE dell ENERGIA

Dettagli

Misura masse molecolari

Misura masse molecolari Msur msse molecolr Le propretà de mterl polmerc dpendono dll mss molecolre. E possble conoscere l mss molecolre de sstem polmerc msurndo tl propretà Qul propretà? meccnche, fsche, n soluzone? Qule mss

Dettagli

I.M.G. S.r.l. SEZIONE A-A. PIANTA A Q.ta CAMERA D'ISPEZIONE. PIANTA A Q.ta POZZETTO MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI SEZIONE B-B

I.M.G. S.r.l. SEZIONE A-A. PIANTA A Q.ta CAMERA D'ISPEZIONE. PIANTA A Q.ta POZZETTO MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI SEZIONE B-B N Q.t MER 'SEZNE N Q.t ZZE SEZNE FGN V ESSENE FGN V ESSENE os.10 MER 'SEZNE ESSENE MER 'SEZNE ESSENE os.2 os.8 os.2 mcropl Ø240 rmt con tubo Ø193.7 12.5 L=15.00m mcropl Ø240 rmt con tubo Ø193.7 12.5 L=15.00m

Dettagli

L OCCHIO. L OCCHIO: Proprietà Ottiche

L OCCHIO. L OCCHIO: Proprietà Ottiche L OCCHIO La truttura dell cch può esser trvata svarat test, put fdametal per quat rguarda l str teresse: studad l spettr Elettr-Magetc s s trvat due ftrecettr c (per l rss, l blu ed l verde) bastcell (vse

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

PROGETTO E VERIFICA DI UN CONVERTITORE V/I CONN AMPLIFICATORE OPERAZIONALE CON CARICO COLLEGATO A MASSA INVERTENTE, NON INVERTENTE, DIFFERENZIALE.

PROGETTO E VERIFICA DI UN CONVERTITORE V/I CONN AMPLIFICATORE OPERAZIONALE CON CARICO COLLEGATO A MASSA INVERTENTE, NON INVERTENTE, DIFFERENZIALE. POGETTO E EFCA D UN CONETTOE / CONN AMPFCATOE OPEAZONAE CON CACO COEGATO A MASSA NETENTE, NON NETENTE, DFFEENZAE. CONFGUAZONE NETENTE cham terc alr lmte per e l crcut funznerà n md lneare, ssa, fntant

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

VALORI MEDI (continua da Lezione 5)

VALORI MEDI (continua da Lezione 5) VALORI MEDI (cotu d Lezoe 5) Dott.ss Pol Vcrd 6. L ed rtetc è lere coè è vrte per trsforzo ler de dt. S u dstrbuzoe utr d ed A. Effettuo u trsforzoe lere delle osservzo coè b c d dove c e d soo due costt

Dettagli

Creato e Distribuito da

Creato e Distribuito da a P ap e n z u tr e h g n U c R z z l t U d e t Sn l e G t t d ed Pr Creat e Dtrbut da WWW.PICSNAILS.COM Manuale d Rctruzne Unghe n Gel dedcat alla prva de Prdtt per Unghe Ft Indurent Snte d Utlzz de Prdtt

Dettagli

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori a collettore e Sincroni

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori a collettore e Sincroni Azonment Elettrc Prte 2 Tpologe de motor e reltv zonment: Motor collettore e Sncron Prof. Alberto Tonell DEIS - Unverstà d Bologn Tel. 051-6443024 E-ml ml: tonell@des des.unbo.tt Prte 1 Indce generle del

Dettagli

GLI I M PIANTI SONO LA SOLUZIONE!

GLI I M PIANTI SONO LA SOLUZIONE! QUALI SONO I VANTAGGI DI UN IMPIANTO DENTALE? TESTIMONIANZE Mglra dl cfrt dlla qutà d vta Dnqu Mastcazn ffic, 4 8 n UNO O PIU DENTI MANCANTI? prvav dlrs dd a dvat a fr r l lt l ld «Il st acvl cn l ca udn.

Dettagli

COMPARATORI. Comparatore invertente

COMPARATORI. Comparatore invertente COMPAATOI Un cmpaate è un ccut ce a due pssbl val d uscta, medante qual gnala l sultat del cnfnt delle tensn su due ngess amplfcate peaznale ad anell apet csttusce un cmpaate mplce, ce cnfnta un gnale

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

RETROAZIONE A V. = segnale d ingresso del blocco dell amplificatore retroazionato. = segnale d uscita A = amplificatore β = rete di retroazione

RETROAZIONE A V. = segnale d ingresso del blocco dell amplificatore retroazionato. = segnale d uscita A = amplificatore β = rete di retroazione ETOZOE Un amplcat è sggtt a azn quand una pat dl sgnal d uscta vn ptat n ngss smmat algbcamnt al sgnal d ngss. n un amplcat taznat è psnt una t β (bta) d tazn ch pta n ngss una pat dl sgnal d uscta. l

Dettagli

apertura autunno 2012

apertura autunno 2012 CSTRUZI STI IMPITI SPRTIVI pwrd by prur uunn 22 CMP BBMTI DLL IU 22 r r LU MR DI T MR DI I CLDI V -22 7 V DI SB RDI 7-22 DM T 7-22 I C 22 L 22 d fn r r chu ndc d 3 m -2 nu 3 pr m c nd r c LU r MR M TT

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Tab. A TERMINE PAGAMENTO. Entro il mese successivo alla scadenza. Entro il mese successivo alla scadenza. Entro il mese successivo alla scadenza

Tab. A TERMINE PAGAMENTO. Entro il mese successivo alla scadenza. Entro il mese successivo alla scadenza. Entro il mese successivo alla scadenza Press gli sprtelli del RTI IA.r.l. / RT.p.A. è pssibile il pgment del BOLLO AUTO reltiv qulsisi utveicl, mtveicl, ciclmtre, ecc. per tutti i residenti nell RGION MOLI. RIPILOGO IMPORTI DA PAGAR PR IL RINNOVO

Dettagli

POLITECNICO DI BARI - DICATECh Corso di Laurea in Ingegneria Ambientale e del Territorio IDRAULICA AMBIENTALE - A.A. 2015/2016 ESONERO 15/01/2016

POLITECNICO DI BARI - DICATECh Corso di Laurea in Ingegneria Ambientale e del Territorio IDRAULICA AMBIENTALE - A.A. 2015/2016 ESONERO 15/01/2016 POLITECNICO DI BARI - DICATECh Corso d Laurea n Ingegnera Ambentale e del Terrtoro IDRAULICA AMBIENTALE - A.A. 015/016 ESONERO 15/01/016 ESERCIZIO 1 S consder la rete aperta n fgura, nella quale le portate

Dettagli

ROTAZIONI ( E TEOREMA DI PITAGORA

ROTAZIONI ( E TEOREMA DI PITAGORA ROTAZIONI ( E TEOREMA DI PITAGORA ) Defnzone Defnmo rotzone nel pno R un funzone (,) --> f(,) = (',') R, tle che : ) f(,) = f(,) + ort(f(,), per ogn (,) R dove : ort(,b) := (-b,) "ortogonle (ntorro)" d

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Inps - Messaggio 27 marzo 2009, n. 6952

Inps - Messaggio 27 marzo 2009, n. 6952 Fondo Tesorer: v lber ll procedur per l pgmento dretto delle prestzon Antonno Cnnoto Esperto n mter prevdenzle Guseppe Mccrone Consulente del lvoro n Rom Inps - Messggo 27 mrzo 2009, n. 6952 Oggetto: Erogzone

Dettagli

CORROSIONE DEI METALLI

CORROSIONE DEI METALLI CORROSON D MTALL 7. PROCSS D CORROSON nduimente l ivilizzzine e l svilupp dell umnità sn legti ll dispniilità e ll pità di utilizzre i metlli, he sn diventti sempre più prte dell nstr vit qutidin. Un prte

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE Rpg vutzn p Cs Lu Ann ccmc 010/011 S Bsc Fctà FACOLTA' DI SCIENZE ATEATICHE,FISICHE E NATURALI Cs Lu ATEATICA (L) Dt stzn t 10/0/011 UNIERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE utzn ssfzn g stunt (Lgg 0/1) Rpg

Dettagli

OPERAZIONE MANI PULITE

OPERAZIONE MANI PULITE Tl: OPERAZIONE MANI PULITE Aur: Lur Css Prcrs ddc ssc: 1. L u pug d rr AVVERTENZA: L dmd ch sgu s spr l prcrs prcrs dc h cm b qull d rfcr l pdrz d lcu cmpz (l cpcà cè d pplcr cscz ccul prcdurl ch cs drs

Dettagli

Sicurezza Online La gestione del rischio come opportunità di business. Luigi Altavilla Resp. Internet e Remote Banking UniCredit Banca

Sicurezza Online La gestione del rischio come opportunità di business. Luigi Altavilla Resp. Internet e Remote Banking UniCredit Banca Scurezz Ole L gese del rsch cme ppruà d busess Lug Alvll Resp. Iere e Reme Bkg UCred Bc Ml, 06 febbr 2007 Iere: bu per l busess. Sregc per UCred Bc. Sempre pù perz le Olre l 30% delle dspsz d pgme vveg

Dettagli

MUSEI PROVINCIALI. termine di conclusione. Orario di apertura al pubblico degli uffici. Soggetto incaricato del potere sostitutivo e indirizzo e-mail

MUSEI PROVINCIALI. termine di conclusione. Orario di apertura al pubblico degli uffici. Soggetto incaricato del potere sostitutivo e indirizzo e-mail MUSEI PROVINCIALI PROCEDIMENTO Riferimen nrmvi termine di cnclusine mx gg. cmp descritv: Servizi Respnsbile del prcediment e indirizz e-mil Telef n P.E.C. Mdulisc Sggett incrict del ptere sstuv e indirizz

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

Capitolo 1. Il principio di equivalenza e la sua verifica. 1.1 Il principio di equivalenza. 1.1.1 Definizione e cenni storici

Capitolo 1. Il principio di equivalenza e la sua verifica. 1.1 Il principio di equivalenza. 1.1.1 Definizione e cenni storici Cptolo 1 Il prncpo d equvlenz e l su verfc 1.1 Il prncpo d equvlenz 1.1.1 Defnzone e cenn storc Il prncpo d equvlenz è un prncpo d fondentle portnz per l fsc odern, poché st ll bse delle teore etrche dell

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

COMUNE DI SENEGHE. 52b. L-<\( Mura & Tomasello Associati ~ are ra 1 g a a s ca. Provincia di ORISTANO

COMUNE DI SENEGHE. 52b. L-<\( Mura & Tomasello Associati ~ are ra 1 g a a s ca. Provincia di ORISTANO COMUNE DI SENEGHE Prvnca d ORISTANO VERIFICA DI CONFORMITA' E VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO IN ADEGUAMENTO AL P.P.R. PROGETTO STUDIO MURA-TOMASELLO Dtt. Ing. Gvann MURA GRUPPO

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Linee guida per la determinazione dell ammontare dei crediti

Linee guida per la determinazione dell ammontare dei crediti Linee guida per la determinazine dell ammntare dei crediti edilizi Nta di lavr Antnella Faggiani, Mesa srl Venezia, 15 ttbre 2008 L biettiv della nta è di illustrare i criteri per determinare l ammntare

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MDELLI SCHEDA DI LAVR 1 Luci sul palc La ptenza elettrica P assrbita da ciascuna lampada utilizzata per illuminare un palcscenic segue la seguente legge: Pr () V R = R Rr r dve V indica la tensine

Dettagli

I RIFIUTI DI NOVARA. Altieri ASSA S.p.a. 28/02/2013

I RIFIUTI DI NOVARA. Altieri ASSA S.p.a. 28/02/2013 2013 I RIFIUTI DI NOVARA Alr ASSA S.p.. 28/02/2013 2 Rfu L Cmmss Eurp c l Drv 2008/98/CE dc l v d rur r l 2020 ll s d rfu ssd u rul crl ll prvz quv qulv d rfu. L Il h rcp l v c l DLs 205 dl 3 dcmr 2010

Dettagli

'.:1-t':;;: 3 aprile. tf,*bqè 1726I.; -"'..--"'l'- nato a siena. _-- r'1i ottobre -.--;-- - ,ilr*{rrh. G!(t0u6I(tlT+z fr. ,rrl*d;

'.:1-t':;;: 3 aprile. tf,*bqè 1726I.; -'..--'l'- nato a siena. _-- r'1i ottobre -.--;-- - ,ilr*{rrh. G!(t0u6I(tlT+z fr. ,rrl*d; 9.2. *@,b9".! -41.2,2-.,%-. L # \ ' '.1-t';; 'f nn m lnv"".,t.,,ràt#*t+-ér", rtts{*ct d1 ms d Gnn.,s (l n rr) n Sn,.tr sttscrtt Sgnr -c) r-) Brcf ORENZO nt Sn 3 prl t-t' \ 1V; tf,*bqè rsdnt, Vl V.Vnt,

Dettagli

Campionato Regionale Serie D Femminile 2014 2015 Progetto Giovane

Campionato Regionale Serie D Femminile 2014 2015 Progetto Giovane Reginale Serie D Femminile 2014 2015 Prgett Givane Appendice alla circlare di indizine Campinati Reginali serie C e D 2014 2015 Reglamentazine PG 2014-2015 In prsecuzine del Prgett Givane iniziat nella

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

DEFIBRILLAZIONE CARDIACA

DEFIBRILLAZIONE CARDIACA DEFBRLLAZONE CARDACA NTRODUZONE n quest captl analzzerem l us della stmlazne cardaca fnalzzata all arrest delle artme che pssn nsrgere nel funznament del cure. n partclare fcalzzerem la nstra attenzne

Dettagli

Guida pratica al diritto d accesso

Guida pratica al diritto d accesso PREMESSA Il Cmune di Perugia garantisce il diritt ai cittadini di accedere agli atti amministrativi del Cmune stess, al fine di assicurare la trasparenza e l'imparziale svlgiment dell'attività amministrativa.

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

5. Coperture in acciaio: applicazione

5. Coperture in acciaio: applicazione 5. Coperture n cco: pplczone Le coperture n cco, d solto rservte costruzon non bttve, hnno tpologe costruttve bbstnz tpche ( FIGURA 1). Gl element costruttv ordnr sono: sol; le trv, sezone pen (rcrecc)

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE sugli IMMOBILI

IMPOSTA COMUNALE sugli IMMOBILI OMUNE DI EGGIO ALABIA Uffc Tut II IMPOSTA OMUNALE su IMMOBILI ------ TABELLE DEI VALOI DEI TEENI IDONEI ALLA EDIFIAZIONE O SOGGETTI AD ESPOPIO A fn d cc d Impst mun su Imm ( t. 6 d mnt mun p dscpn d II)

Dettagli

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo:

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo: FUNZIONI MATEMATICHE Le relzioni mtemtihe utilizzte per desrivere fenomeni nturli, in iologi ome in ltre sienze, possono ovvimente essere le più svrite. Per lo più si trtt di equzioni lineri, qudrtihe,

Dettagli

VEA - PROTOCOLLO ITACA 2011 Mod. Energia

VEA - PROTOCOLLO ITACA 2011 Mod. Energia VEA - PROTOCOLLO ITACA 2011 Md. Energa Manuale d us Destnazne d us: Uffc Ambt d applcazne: Edfc Tplga ntervent: Nuva cstruzne Rstrutturazne Aggrnament: Ottbre 2011 Redazne a cura d SBE Itala e ITC- CNR

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I) Elettronic dei Sistemi Digitli Il test nei sistemi elettronici: gusti ctstrofici e modelli di gusto (prte I) Vlentino Lierli Diprtimento di Tecnologie dell Informzione Università di Milno, 26013 Crem e-mil:

Dettagli

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale Studo grafco-analtco d una funzon reale n una varable reale f : R R a = f ( ) n Sequenza de pass In pratca 1 Stablre l tpo d funzone da studare es. f ( ) Determnare l domno D (o campo d esstenza) della

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

I TRASDUTTORI. Trasduttori Primari. Trasduttori Secondari

I TRASDUTTORI. Trasduttori Primari. Trasduttori Secondari I TRASDUTTORI Un trasduttre ( sensre) è un dispsitiv in grad di rilevare una grandezza fisica di tip qualsiasi (termic, lumins, magnetic, meccanic, chimic, eccetera) e di trasfrmarla in una grandezza di

Dettagli

MODULO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI RECESSO

MODULO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI RECESSO MODULO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI RECESSO Mittente Nme: Cgnme: Indirizz: CAP: Città: E-mail: Telefn: Numer d rdine: Data di cnsegna: Cp.va Venditrice: DESTINATARIO MERCE COOP ITALIA CONS.NAZ.NON ALIM.

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MDELLI SCHEDA DI LAVR 1 La siepe Sul retr di una villetta deve essere realizzat un piccl giardin rettanglare di m riparat da una siepe psta lung il brd Dat che un lat del giardin è ccupat dalla

Dettagli

ELEMENTI DI STABILITA

ELEMENTI DI STABILITA tbilità Per stbilità di un nve si intende, in generle, l fcoltà di conservre l su posizione di equilibrio, cioè l su ttitudine resistere lle forze che tendono inclinrl e l cpcità di rddrizzrsi spontnemente

Dettagli

Localizzare gli oggetti

Localizzare gli oggetti NDC SUU 3^ UN FUNZN CUNCV : Chiedere e dire l'età, il mese e la stagione del compleanno Chiedere che colore è un elemento Chiedere qual è il giocattolo /colore preferito Saper dire cosa una persona ha

Dettagli

COME AIUTARE TUO FIGLIO A STUDIARE E A FARE I COMPITI A CASA

COME AIUTARE TUO FIGLIO A STUDIARE E A FARE I COMPITI A CASA Istitut Cmprensiv Enric Fermi Scula Secndaria di prim grad G.B. Rubini Rman di Lmbardia Rman di Lmbardia - BG! COME AIUTARE TUO FIGLIO A STUDIARE E A FARE I COMPITI A CASA LE INDICAZIONI DELLA SCUOLA PER

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI Illuminazine e sicurezza gallerie Ultim aggirnament: 1 nv. 2006 IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

Freschezza in Svizzera

Freschezza in Svizzera Fschzz Svzz Tutt l sd l md s dspbl ll dzz mch-stutscm tt v Rc u l d t I l st p d st g 012! 2 1 1 26 g k C As sudtl d Spcltà dll As Mché! Dvtt f d fcbkcm/mchrstutsschwz mch-stutscm pp cs d P u st &g Islt

Dettagli

PROVE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DI GEOGRAFIA IN USCITA DALLA SCUOLA PRIMARIA

PROVE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DI GEOGRAFIA IN USCITA DALLA SCUOLA PRIMARIA Isttut Cmpresv Cmpet Rme Fusr V De Gsper, 30-26823 CASTIGLIONE D ADDA (LO) te. 0377/900482 fx 0377/901508 sttutfusr@ber.t PROVE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DI GEOGRAFIA IN USCITA DALLA SCUOLA

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Nelle ipotesi fatte (popolazione di dimensione infinita), il numero di chiamate offerte assume una distribuzione di Poisson.

Nelle ipotesi fatte (popolazione di dimensione infinita), il numero di chiamate offerte assume una distribuzione di Poisson. Esercizi n 1 Una centralina telefnica per piccl uffici (PBX) sddisfa le richieste di chiamata mediante l impieg di circuiti. Si assuma che le richieste di chiamata arrivin da una pplazine di utenti di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "FERMI"

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE STATALE "EMI" TEVISO GAA NAZIONALE DI MECCANICA 212 ropost di soluzione rim rov cur di Benetton rncesco (vincitore edizione 211 unzionmento: L gru bndier girevole sopr riportt

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche Università Plitecnica delle Marche Oggett: DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DI CARRIERA Matr. Il sttscritt nat a il iscritt press questa Università al ann del crs di laurea in sede nell A.A., nel cnfermare la

Dettagli