Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23"

Transcript

1 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ) e per un dt crc lre (/S) l fttre d crc dpende dll ssett (C L ) e dll velctà d vl e qund esste un relzne che leg le grndezze n, e C L. Pché esstn de vlr lmt d queste grndezze, fsst n bse cnsderzn d crttere strutturle e erdnmc, ccrre tenere cnt d quest dpendenz, nftt, bst che un sl d esse ssum vlr nn mmssbl che l reltv cndzne d vl dvent un cndzne percls per ntegrtà dell struttur e de pssegger. A tle scp, per gn qut, s trcc un dgrmm d n n funzne dell velctà d vl, dett dgrmm d mnvr, che rppresent l nvlupp s tutte le pssbl e scure cndzn d vl del velvl. S trtt d un dgrmm che rssume e leg tr d lr tutte le lmtzn delle grndezze n esme (n, e C L ) ndvdund un re che è csttut d un nseme d punt che crrspndn cndzn d vl per le qul sn cntemprnemente rspettte tutte le lmtzn mpste, vcevers, qulss punt estern l dgrmm d mnvr è reltv d un vlre nn mmssble d lmen un delle grndezze sggette lmtzne. Prcedm per grd: l equzne n (cst) C L. rppresent nel pn (n-) un fsc d prble vente C L cme prmetr. Tnt pù è grnde C L tnt pù l prbl è vcn ll sse vertcle, e srà rvlt vers l lt se C L è pstv, vers l bss se C L è negtv (vl rvesc). Le prble estreme sn quelle reltve ll cnfgurzn per l qul l C L è mx e (curv d stll) e quell per l qule l C L è mn (stll n vl rvesc). S nt che l prbl C Lmn è men rpd d quell reltv l C Lmx n qunt generlmente rsult che C < C. I suddett rch d prbl pssn essere trcct utlzznd l relzne n L mn L mx ssegnnd de vlr l fttre d crc n e rcvnd crrspndent vlr dell velctà. S UNITA NILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 15

2 Gl rch d prbl trcct e l rett LIM ( dve LIM è l velctà mssm fscmente pssble) delmtn un zn che prende l nme d cmp d scurezz sslut (n gll n fgur) ed è l lug d tutte le pssbl mnvre esegubl dl velvl. 1 Un velvl che fsse n grd strutturlmente d spprtre tutele cndzn che crrspndn punt dell re del dgrmm (n gll) srebbe ndstruttble m srebbe nche nutlmente rbust pché è nutle che s cstruscn strutture che debbn spprtre vlr d n elevt qund lmt fslg del plt fssn d 8 l vlre d n mx per gunt cn l rsch d nn ruscre fr decllre l velvl per l eccessv pes strutturle. D tutte queste cnsderzn ne derv che le punte del dgrmm d scurezz sslut sn rppresenttve d cndzn nn relzzbl n prtc e qund nel dgrmm d mnvr (dett nche d scurezz reglmentre) scmpn. Trccnd le rette nn mx, lmte per l fttre d crc pstv e nn mn, lmte per l fttre d crc negtv s ttengn punt cn l ntersezne delle curve del C L. Il punt A ntersezne dell rett nn mx cn l prbl d stll C L mx è dett punt d mnvr e l velctà crrspndente A è dett d mnvr. Ess rppresent l velctà mnm ll qule s può effetture un mnvr n cndzn d n mx, ppure s può defnre cme l mssm velctà cu s può effetture un mnvr n cndzn d C L mx. Il punt E è l su equvlente nel cs d vl rvesc. Le velctà S e SR sn le velctà mnme d sstentment n vl drtt e n vl rvesc e s / S ttengn dll relzne ρ C utlzznd l C Lmx per l clcl d S e l C Lmn per quell d SR. L I punt B e D s ttengn, rspettvmente, cme ntersezn delle rette nn mx, nn mn cn l rett LIM. In reltà, l lmte per l velctà, nel dgrmm d mnvr, srà un velctà D, che sl nel cs d velvl crbtc e mltr è ugule LIM, mentre è mnre nel cs d velvl d trsprt pssegger. 1 l velctà rprtt sull sse delle scsse del dgrmm d mnvr è l velctà ndct (IAS) e nn l velctà effettv del velvl rspett ll r (TAS). L IAS rppresent l velctà ll qule bsgnerebbe vlre l lvell del mre per vere un dentc pressne dnmc che s h ll qut d vl, vver ρ IAS TAS, e pertnt dpende ltre che dll velctà ver ρ nche dll qut d vl. L utlzz dell velctà ndct è legt l ftt che crch erdnmc sn prprznl ll pressne dnmc. L IAS è fclmente rcvble sservnd l nemmetr d brd che trmte l tub d Ptt rcv l velctà rspett ll r. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 16

3 Cme vedrem successvmente s l velctà d mnvr A e quell d pccht D sn determnte d reglment d nvgbltà, n funzne dell velctà d crcer del velvl, secnd dell ctegr d pprtenenz dell stess. S ttene, n defntv, per l dgrmm d mnvr un grfc del tp: nel qule s pssn ndvdun le seguent cndzn d vl: Rm OA: l vl vvene d ssett per l qule l C L C L mx e qund d ssett d stll e qund ll velctà mnm per l crrspndente fttre d crc. A snstr d tle curv v è l zn che rppresent le cndzn d g-stll, vver d stll (C L > C L mx ) cn fttr d crc nrmle > 1 e crrspndent cndzn d vl n cu vene men l sstentzne erdnmc che vrebbe cme cnseguenz l cdut del velvl (lmte erdnmc); Rm AD: l vl vvene n cndzn per le qul rsult n n mx, l crescere dell velctà dmnuscn ceffcent d prtnz. I punt l d spr del trtt AD ndvdun cndzn d vl nelle qul s supern vlr lmt del fttre d cntngenz pstv e pertnt nelle qul s rsch che le strutture subscn defrmzn permnent (lmte strutturle); Rm DE: l vl vvene ll mssm velctà cnsentt ll qut n esme, prseguend lung l trtt l fttre d crc dmnusce fn d nnullrs per p dventre negtv. Il lmte destr vene stblt dunque dl ftt che s trv n cndzn d vl, ll qut n esme, che rchederebber un spnt prpulsv superre quell che l mtre può frnre (lmte prpulsv); UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 17

4 Anlgmente qunt vst per l prte superre, l dstt l dgrmm d mnvr vene delmtt dl segment EA R, crrspndente lle cndzn d vl nelle qul s rggunge l fttre d crc mssm negtv (vl rvesc) ed l trtt A R O cn l prte negtv dell sse delle rdnte ndvdu l zn de g-stll negtv. Osservm nltre che per l reglmentzne vgente mentre l fttre d crc pstv s estende fn ll velctà mssm D (trtt AD del dgrmm), l fttre d crc lmte negtv s può estendere fn ll velctà d crcer C dp d che vr lnermente tr C e D fn l vlre d n0 per velvl d ctegr nrmle,l vlre n-1 per velvl d ctegr crbtc e semcrbtc. S rcrd nfne che qunt fnr dett vle per cndzn d vl n r clm. Inftt l presenz d rffche mdfcherà, cme vedrem nel successv prgrf, puttst sensblmente l dgrmm d mnvr. Il dgrmm -n csì ttenut nn tene cnt degl effett dell cmprmbltà che nfluenzn: l vlre del ceffcente d prtnz mssm, che dmnusce ll'umentre del numer d Mch, per prblem d buffetng mputbl ll seprzne dell strt lmte, dvut ll'nterzne cn sstem d nde d'urt che s svluppn sul drs del prfl; l velctà mssm che rsult lmtt dl numer d Mch mssm, ltre l qule s vrebber ncrement sgnfctv d resstenz (Mch drg rse). Pertnt nel cs d velvl che prevedn numer d Mch mssm dell'rdne d 0,3-0,4, s pssn rtenere tl effett trscurbl, n cs cntrr ccrre tenerne cnt e defnre dvers dgrmm -n l vrre dell qut ed n tl cs s prefersce utlzzre l numer d Mch. All umentre del numer d Mch l fttre d crc nn vr pù cn legge prblc. uest mplc nche quell dffcltà nell stblre l velctà d mnvr ctt nel prgrf precedente. Per velvl certfct n mbt JAR 3 vengn d slt cstrut tre dgrmm: l prm lvell del mre, l secnd ll qut n crrspndenz dell qule s rggunge l numer d Mch mssm per l velvl n questne ed l terz ll qut d tngenz pertv. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 18

5 Inltre tl dgrmm vengn cmputt per dverse cnfgurzn tenend cnt delle vrzn ntrdtte dlle superfc d mnvr e dlle vrzn d pes, nnché dll presenz men del crrell retrttle. Per frnre un de cncret, s rprt d segut, l dgrmm d mnvr del velvl mltre Aermcch MB 339, csì cme rprtt nel mnule d vl del velvl stess. AERMACCHI MB 339 L'Aermcch MB-339 è un vgett mnmtre bpst d ddestrment vnzt e d ppgg tttc legger prdtt dll'zend tln Aermcch (r AlenAermcch). Dgl nn settnt e n dtzne prncplmente ll'aernutc Mltre. Grze ll su grnde mnvrbltà, l'mb-339, nell versne PAN, fu scelt nel 198 dll pttugl crbtc tln, Frecce Trclr, n ssttuzne de vecch Aertl G-91. L su cellul derv drettmente d quell d un ltr fms ere d ddestrment tln, l'mb-36. L prte nterre però fu cmpletmente rdsegnt per permettere l sclment n ltezz de due pst d pltgg per grntre mglre vsbltà (sprttutt n tterrgg) ll'struttre, sedut nel sedle psterre. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 19

6 . Il dgrmm d rffc Pché l clcl de crch gent su d un velvl n vl deve essere esegut cnsdernd, nn sl le mnvre esegute dl plt, m nche l mss d r che l crcnd, nn s pssn trscurre gl effett dell r n mvment ttrn d ess stt frm d vent e rffche. A fn dell determnzne de crch d rffc è n prtc sgnfctv l sl rffc vertcle, che ptrà essere scendente (se drett vers l lt) ppure dscendente, dl mment che quell rzzntle e quell perpendclre l pn d cd vertcle vengn d slt trscurte n qunt mdfcn d pc le frze erdnmche gent sul velvl. In rferment d un velvl che prcede n vl rzzntle cn un velctà v e cn un dt ncdenz gemetrc α, sservm che qund cstu entr n un rffc vertcle scendente, vente velctà w, s verfcn due cmbment: l ncdenz pss dl vlre α l vlre α subend un ncrement α rsultnd α α + α r r r l velctà ument pssnd dl vlre v vlre v rsultnd v v + w Trscurnd gl effett legt ll vrzne d velctà, pché w è pccl rspett v, l rffc scendente cmprt un stntne vrzne d ncdenz e qund d prtnz sul velvl 3. w In rferment ll fgur ptrem qund scrvere: tg α α e pché rsult per l velctà ndct v ρ v e per l vrzne d prtnz ρ L v C C L α α l ncrement d prtnz L, dvut ll ument d ncdenz cust dll rffc scendente w: C Lα w, pssm clclre L 1 ρ S C L v 1 ρ S C L v 1 ρ SC Lα w v v 1 ρ SC Lα w v L espressne del fttre d crc vertcle n presenz d rffc scendente srà qund: 1 ρ S CLα w v L + L + L L ρ CLα w v n f z S Per vent s ntende un grnde mss d r estes che h essenzlmente un mt prllel l terren che nn cmb drezne ed ntenstà n md repentn. L s può cnsderre tutt smmt un fenmen d tp sttc. L rffc, nvece, è un mt d dmensn lmtte cn cmpnent dell velctà nrml l terren e d ntenstà e drezne vrbl nel temp. L rffc può trvrs ll ntern del vent ed vere velctà d qulche decn d metr l secnd. 3 S suppne che l velctà dell rffc pss stntnemente dl vlre 0 l vlre w nche se n reltà nn esstn rffche stntnee. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 0

7 In defntv s ttene n 1 ± ρ C Lα S w v dve l segn è reltv d un rffc dscendente. Pché n è nversmente prprznle l crc lre (/S), gl effett dell rffc srnn men sgnfctv per velvl che hnn grss crch lr. Rppresentnd quest funzne nel dgrmm (n-v ) s ttengn le rette d rffc prmetrte n funzne dell velctà w. D ntre che per w0 (ssenz d rffc) l fttre d crc n1 pché l prtnz è ugule l pes (vl rzzntle). S sserv nfne che, per un dt rffc w, l fttre d crc è crescente lnermente cn l velctà d vl, qund per lmtre gl effett dell rffc l unc cs che può fre l plt è rdurre l velctà d vl. Pché cme precedentemente sservt, pché nn esstn rffche stntnee, per tener cnt del ftt che n reltà l velctà vertcle d rffc nn nteress stntnemente tutt punt del velvl m l cnvlge grdulmente, s crregge l frmul precedentemente ndct cn un fttre f che prende l nme d fttre d ttenuzne dell rffc. Il su vlre dpende dll frm del frnte dell rffc e deve essere mnre d 1. f ρ CL w v In defntv scrverem: n 1 ± α S Clcl del fttre d ttenuzne d rffc und f nn è ssegnt è pssble rcvrl utlzznd l espressne: 0,88 µ f 5,3 + µ g g dve µ g è l rpprt d mss che, su vlt, s clcl cn l relzne: c è l crd lre med gemetrc (m) S µ g dve CLα è l grdente dell rett d pr tn z del velvl ρ c CL α g g è l' ccelerzne d grvtà (m / s ) Nel cs n cu nn dvesse essere nt l C Lα, ess può essere clclt cn l frmul: (1 / rd) C L α CL CL 1 + π A R e dve CL è l ceffcente dell rett d e è l fttre d Oswld AR è l' llungment lre pr tn z del prfl (1 / rd) UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 1

8 .3 L nvlupp d vl e l nrmtv F.A.R. 3 Il dgrmm d nvlupp d vl s cstrusce svrppnend l dgrmm d mnvr quell d rffc e vene utlzzt nel dmensnment strutturle ll scp d delnere un cmp rele entr cu l velvl può vlre; quest cmp s ttene unend grfcmente punt pù estern del permetr dell fgur frmts dll svrppszne de dgrmm d cu spr. È frequente l cs n cu l dgrmm d mnvr è tutt cntenut nel dgrmm d rffc, quest ccde spess nel cs de grss velvl d trsprt lddve crch d rffc sn predmnnt rspett quell d mnvr; l stuzne ppst s verfc, evdentemente, nel cs d un velvl mltre d ctegr crbtc dve l dgrmm d rffc è qus ntermente cmpres n quell d mnvr. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg.

9 Occrre nfne rcrdre che n reltà nn s h un sl dgrmm nvlupp d vl per gn velvl, m ccrre cnsderre dvers grfc n qunt l velvl può trvrs n dfferent cndzn d crc. Ad esemp, per velvl d pccle dmensn, s devn tccre lmen due dgrmm, un reltv ll cnfgurzne d pes mssm l decll e l ltr per l pes mnm. Per trccre dgrmm d mnvr, quell d rffc e qund l crrspndente nvlupp d vl per un determnt velvl ccrre defnre vlr lmt de fttr d crc spprtbl dl velvl n questne e le velctà lmte cnsentte. uest prmetr sn vengn determnt, secnd dell ctegr d pprtenenz del velvl, d prtclr ent ernutc nrmtr. Ad esemp, negl USA, sn stte ntrdtte le nrme F.A.R. (Federl Avtn Regultn)che per lung temp sn stte nche le unche nrme uste. In Itl tl nrme sn stte recepte e trdtte dl R.A.I. (Regstr Aernutc Itln), dventt p ENAC, e ttulmente vengn utlzzte sseme lle nrme eurpee JAR, che hnn l grss vntgg d esprmere le grndezze fndmentl nelle untà d msur del sstem nternznle. D segut elencherem lcune delle prncpl cndzn stblte dlle FAR ed n prtclre dlle FAR 3, lle qul devn rspndere velvl cvl vent un pes mssm l decll nferre kg ( per velvl cn pes superre kg s pplcn le FAR 5). Tl nrmtve, ltre d ccuprs dell specfc de crch, clssfcn velvl n tre dfferent ctegre secnd delle specfche d prgett: ctegr nrmle ctegr semcrbtc ctegr crbtc Sn, per l mggr prte, ere cvl e d tursm destnt l trsprt del crc pgnte. Hnn un fttre d crc mggre d quell nrml m nn pssn spprtre crch mssm gent su velvl crbtc. Psseggn un struttur tle d cnsentre un mggre crc lmte e qund mggr ccelerzn g pstve e negtve crtterstche d mnvre prtclrmente spnte. È qund evdente che, n bse dvers tp d velvl, s vrnn de crch mssm rggungbl dfferent e, n prtclre, le FAR stblscn cndzn lmt s su fttr d crc lmte che sulle velctà crtterstche. Tl velctà sn l velctà d stll n vl drtt e rvesc, l velctà mssm n pccht, l velctà d crcer e l velctà d mnvr. ueste velctà, unte n un grfc fttr d crc, determnn un cmp lmte (dgrmm d mnvr) entr cu l velvl può vlre senz subre dnn d ntur strutturle. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 3

10 Nrmtv FAR 3 (vld per velvl cvl cn pes mssm l decll mx < kg N) Ctegr NORMALE n lm,1 + (kg) Ctegr SEMIACROBATICA Ctegr ACROBATICA n lm fttre d crc lmte e ll stes temp n lm 4,4 n lm 6,0 n lm 3,8 n lm R C (Km/h) fttre d crc lmte (vl rvesc) elctà d crcer n lm R - 0,4 n lm n lm R - 0,4 n lm n lm R - 0,5 n lm C 7, 67 S dve /S è n kg/m C 7, 67 S dve /S è n kg/m C 30, 19 S dve /S è n kg/m D(Km/h) elctà mssm D 1,40 C D 1,50 C D 1,55 C A (Km/h) elctà d mnvr A S nlm Inltre le nrme stblscn nltre che: Mentre l fttre d crc pstv s estende fn ll velctà mssm D, l fttre d crc lmte negtv s può estendere fn ll velctà d crcer C dp d che vr lnermente tr C e D fn l vlre d n0 per velvl d ctegr nrmle e l vlre n-1 per velvl d ctegr crbtc e semcrbtc. K ceffcente d scurezz d usre nel dmensnment strutturle 1,5 F lm crch lmt d cntngenz devn essere spprtt dll struttur senz subre defrmzn permnent F rb K F lm I crch d rbustezz ultm devn essere spprtt dll struttur senz subre cedment per lmen 3 secnd. CONDIZIONI d RAFFICA Per qunt rgurd l rffc le nrme FAR 3 fnn ncr rferment lle velctà d crcer C e quell mssm D. In prtclre esse ffermn che per l clcl del fttre d crc d rffc, fn ll velctà d crcer vnn cnsderte le rffche vertcl pstve (drette vers l lt) e quelle negtve (drette vers l bss) d velctà w ±15, m/s; mentre ll velctà mssm D devn essere cnsderte le rffche pstve e negtve d ntenstà w±7,6 m/s. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 4

11 .4 Cstruzne dell nvlupp d vl d un velvl d ctegr semcrbtc. Fcend rferment ll nrmtv FAR 3 trccre l dgrmm d mnvr, quell d rffc e qund l nvlupp d vl per un velvl d ctegr semcrbtc vente le seguent crtterstche: Pes ttle W tt.870 kg Crc lre W/S 1,73 kg/m Allungment lre A R 7,9 C p stll vl drtt C Lmx 1,5 C p stll vl rvesc C Lmn -0,9 C Lα ceff. nglre dell rett prtnz C Lα 4,96 1/rd Fttre d ttenuzne rffc f 0,718 1) Clcl de fttr d crc lmte Pché l pes mssm l decll è nferre kg s pplcn le FAR 3. Per velvl d ctegr semcrbtc rsult che - l fttre d crc lmte n vl drtt è n lm 4,4 - l fttre d crc lmte n vl rvesc è n lm R - 0,4 n lm - 1,76 ) Clcl delle velctà d stll n vl drtt S e vl rvesc SR W /S S 36,18 m / s 130,5 km /h ρcl mx W /S SR 46,71 m / s 168,17 km /h ρcl mn 3) Clcl delle velctà d crcer C e d pccht D C D W (kg) 7,67 7,67 1,73 306,54 km /h S (m ) 1,5 C 1,5 306,54 459,81 km /h 4) Clcl delle velctà d mnvr n vl drtt A e n vl rvesc AR A A R S S R n lm n 130,5 4,4 73, km / h lmr 168,17 1,76 3,09 km / h UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 5

12 5) Clcl delle velctà reltve lle prble del dgrmm d mnvr A quest punt, per trccre l dgrmm d mnvr, ccrre trvre punt dell prbl superre (trtt SA), utlzznd l espressne n e ssegnnd d n vlr cmpres tr 1 e 4,4. S Anlgmente, per punt dell prbl nferre S R A R, s utlzzerà l espressne SR n ssegnnd d n vlr cmpres -1 e -1,76. S ttene l seguente tbell cn reltv grfc: Punt (Km/h) n 130,5 0 S 130, ,1 5, ,51 4 A 73, 4,4 C 306,54 4,4 D 459,81 4,4 E 459,81-1,76 A R 3,09-1,76 05,95-1,5 S R 168, ,16 0 Osservm, nltre, che per l nrmtv, mentre l fttre d crc pstv s estende fn ll velctà mssm D (trtt AD del dgrmm), l fttre d crc lmte negtv s può estendere fn ll velctà d crcer C (punt F) dp d che vr lnermente tr C e D fn l vlre d vlre n-1 per velvl d ctegr crbtc e semcrbtc. 6) Clcl de fttr d crc d rffc Le FAR 3 prescrvn che per l clcl del fttre d crc d rffc ccrre utlzzre l seguente f ρ CL α w espressne: n 1 ± v W dve f, e C Lα sn dt nzl del prblem, ρ è l denstà dell r S lvell del mre pr 1,6 kg/m 3 e W/S è l crc lre espress n N/m. Per l velctà d crcer C vnn cnsderte le rffche vertcl pstve (drette vers l lt) e quelle negtve (drette vers l bss) d velctà w ±15, m/s; mentre ll velctà mssm D devn essere cnsderte le rffche pstve e negtve d ntenstà w±7,6 m/s. S ttengn n tl md seguent vlr per l fttre d crc e l seguente dgrmm: UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 6

13 Lne d rffc ±c Punt (Km/h) n C 306,54 3,35 0,00 1 F 306,54-1,35 Lne d rffc ± D Punt (Km/h) n D 459,81,76 0,00 1 E 459,81-0,76 7) Dgrmm d nvlupp Svrppnend l dgrmm d mnvr e l dgrmm d rffc precedentemente ttenut e unend grfcmente punt pù estern del permetr dell fgur frmts (cè punt mggr rdnte n s pstve che negtve) s ttene l dgrmm d nvlupp. S sserv che, nel nstr cs, l nvlupp cncde cn l dgrmm d mnvr pché l dgrmm d rffc è qus ntermente cmpres n quell d mnvr, crtterstc quest cmune velvl crbtc e mltr, per qul le cndzn d vl pù grvse sn quelle dervnt dlle mnvre. L stuzne nvers s verfc nel cs de grss velvl d trsprt lddve essend crch d rffc prevlent, l dgrmm d mnvr è tutt cntenut n quell d rffc. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 7

14 .5 Crc erdnmc gente sulle superfc prtnt: Rprtzne dell prtnz. Dp ver trcct dgrmm d mnvr, rffc e qund l nvlupp d vl, è pssble per gn punt del dgrmm ttenut, determnre crch gent nelle vre prt del velvl. In quest prgrf vluterem, d esemp, l crc erdnmc (prtnz) gente sulle superfc prtnt e cme ess è rprtt tr le seml e l pn d cd rzzntle. L vlutzne dell rprtzne dell prtnz cmplessv tr l l ed l pn d cd è mlt mprtnte n qunt d quest dpendn, d esemp, dgrmm d tgl e mment flettente dell fusler. Per determnre tle rprtzne fccm lcune ptes semplfctve: - cnsderm sl le zn vertcl (prtnz e pes); - trscurm l effett legt lle resstenze ( R pccle rspett P); - ptzzm che l pn lre e quell rzzntle d cd sn cncdent; S ttene l seguente schem d frze: dve x F è l dstnz tr l brcentr del velvl ed l fuc del prfl lre è l dstnz nterfcle, ss l dstnz tr l fuc del prfl lre e quell dell cd. Dll schem ppre evdente che l unc frz d mss pplct nel brcentr (vver l pes pprente n) è equlbrt dll prtnz dell l e d quell dell cd. Pché l prtnz dell l è pplct nel fuc, ccrre ggungere l mment fcle M 0. 4 S nt che l pn d cd nn s ggunge l reltv mment fcle, quest perché, n genere, tl prfl sn smmetrc e qund hnn un c m 0, ppure sn smmetrc e dnn lug d un cntrbut pccl che può essere trscurt. In rferment ll schem rprtt, pplcnd le equzn crdnl dell sttc, s ttengn le seguent equzn d equlbr: 4 Il mment fcle è l mment erdnmc, che s gener qund s trsprt l prtnz, pplct nel centr d pressne, nel fuc del prfl (vver n quel punt rspett l qule l mment erdnmc è sempre cstnte dfferenz del centr d pressne che vr nvece cn l ssett d vl. Il mment fcle dpende dl tp d prfl, n prtclre è null se l prfl è smmetrc, è mnre d 0 (cè pcchnte) se prfl sn smmetrc, è mggre d 0 (cè cbrnte) sl nel cs d utlzz d prfl utstbl. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 8

15 F 0 M 0 P M 0 n + P c + n x F 0 P c 0 Rslvend l sstem e clclnd l prtnz P, genert dlle l, e quell P C dell cd s ttene: P n Pc M0 + n x Pc F P P c M0 + n x n M0 + n xf F P P c n (M0 + n xf) M0 + n xf P Pc n ( x ) M F M + n x 0 F dve l mment fcle M 0 1 ρ S c c m Avend dspszne l dgrmm d nvlupp, per un dt cnfgurzne d pes, ccrre nvestgre, per dverse pszn del brcentr (x F ), ne dvers punt del dgrmm d mnvr e sceglere l cndzne pù grvs. Ad esemp, se utlzzm dt reltv l velvl l cu nvlupp d vl è stt clclt nel precedente prgrf.4, ssegnnd l prfl (e qund l c m ), l pszne del brcentr (vver x F, ) s ttene l seguente tbell d clcl: Rprtzne dell PORTANZA: CONFIGURAZIONE RELATIA l PESO MASSIMO l DECOLLO W TO 8.16 N; x F /c 0,08 ; 5m; c m -0,07875 Punt del [Km/h] n [m/s] dgrmm d mnvr M.t fcle Prtnz l [Nm] [N] 1 n( x ρ F) M0 S c cm Prtnz cd [N] M0 + n xf Prtnz Tt [N] P + P c (Pc/P) % Punt S 130,5 1 36,18-54, ,91 85,09 816,00 1,0% Punt A 73, 4,4 75, , ,01 154, ,40 1,0% Punt C 306,54 4,4 85, , ,90 675, ,40 0,55% Punt D 459,81 4,4 17, , ,35-844, ,40 -,5% Punt E 459, , , , ,4-816,00 33,96% Punt F 306,54-1,76 85, , ,66-413, ,76 9,30% Punt AR 3,09-1,76 61, , ,37-888, ,76 6,0% Punt SR 168, ,71-437,6-6484, ,13-816,00 6,0% dgrmm d rffc Punt C' 306,54 3,35 85, , ,89-160, ,55-0,17% Punt D' 459,81,76 17, , , , ,16-5,07% Punt E' 459,81-0,76 17, , , ,0-1378,16 48,07% Punt F' 306,54-1,35 85, , , , ,55 11,43% UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 9

16 Anlzznd l tbell de rsultt e mmgnnd d percrre l dgrmm d mnvr tp, prcedend n vl drtt d S vers D, s pssn fre le seguent cnsderzn n relzne lle sllectzn gent sull l: nel punt nel punt nel punt nel punt PS S rsult : M PA A rsult : M PC C rsult : M PD D rsult : M s A C D 1 ρ n n M n M M A n A s C S c c A D A m Nel punt S (stll) sull l gsce un prtnz pr l pes effettv ed un mment trcente dt dll espressne del mment fcle, clclt nel punt n questne. Ne cnsegue che l l, per effett dell prtnz, srà sggett nche d un mment flettente che tende fletterl vers l lt, ed un sfrz d tgl dstrbut lung l pertur e d ntenstà cmplessv pr ll prtnz. Nel punt A (mnvr) sull l gsce un prtnz pr l pes pprente. S può ffermre, n generle, che crch erdnmc gent sull l (prtnz e mment fcle) genern un mment flettente, un tgl ed un mment trcente pr quell rfert l punt S, mltplct per l fttre d crc mssm n lm. Nel punt C (crcer) s sserv che mentre l tgl ed l mment flettente rmngn ugul rspettv vlr del punt A, l mment trcente ument cus dell ncrement d velctà ( C > A ). Nel punt D (pccht) l tgl e l mment flettente rmngn ugul rspettv vlr del punt A, mentre l mment trcente rggunge l su vlre mssm. In generle, un vlt clclt crch gent, per prgettre e dmensnre un determnt cmpnente strutturle ccrre prcedere cn l prcedment clssc dell Scenz delle Cstruzn. Tle prcedment cnsste nell slre quell element (l, pn d cd, ) e pplcre d ess tutt crch che gl cmpetn vlutnd le crrspndent rezn vnclr. S pss qund ll determnzne delle sllectzn (tgl, mment flettente, ) nelle vre sezn d nteresse, e qund s prcede, sull scrt de vlr mssm clclt, l dmensnment dell element strutturle e ll successv fse d verfc. UNITA INILUPPO d OLO secnd le NORME F.A.R. 3 pg. 30

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght 2001-2008 Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns 2 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Motori Diesel raffreddati ad aria. 12.0-26.0 kw

Motori Diesel raffreddati ad aria. 12.0-26.0 kw Motori Diesel raffreddati ad aria 12.026.0 kw Motori Diesel raffreddati ad aria 12.026.0 kw EQUIPGGIMENTO STNDRD vviamento elettrico con motorino e alternatore 12V Comando acceleratore a distanza Pressostato

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica,

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica, ppur Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv clus nl Qut d Aprtur Prtic, grntit d Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv tiv utmticmnt clus nl Qut d iscriz, iz ssicurt t d In clbrz z cn 34

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

ilzzeíír : giugno Numero ISS Sabato, Le pagine destinate per Ic inserzioni, agli effetti del

ilzzeíír : giugno Numero ISS Sabato, Le pagine destinate per Ic inserzioni, agli effetti del Arrtrt: Mnstr Avvs SO ZZÍÍR ÍtÍRÍ8 DEL RE Gl\TO E ITALIA Ann 93 Bm Sbt : gugn Numr ISS Atbnrnnt Ann Sm Trm dmc d n In Rut sn prss l'ammnstrzn ch L tutt Rgn 65 86 30 All'str (Ps dll' Unn pstl) 50» 0 Un

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli