ISBN RCS Libri S.p.A. Milano. Ristampe: Stampa: L.E.G.O. S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN 978-88-5280511-0 2012 RCS Libri S.p.A. Milano. Ristampe: 2012 2013 2014 2015 2016 2017 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11. Stampa: L.E.G.O. S.p.A."

Transcript

1

2 ISBN RCS Libri S.p.A. Milano Ristampe: Stampa: L.E.G.O. S.p.A., Vicenza Copertina Progetto grafico Redazione Impaginazione Foto di copertina Studio Mizar, Bergamo CD & V, Firenze MiMa Studio Editoriale Datacomp Valselice, Imola Shutterstock I diritti di traduzione e riproduzione, totali o parziali anche ad uso interno e didattico con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Corso di Porta Romana 108, Milano, La realizzazione di un libro presenta aspetti complessi e richiede particolare attenzione nei controlli: per questo è molto difficile evitare completamente errori e imprecisioni. L Editore ringrazia sin da ora chi vorrà segnalarli alle redazioni. Per segnalazioni o suggerimenti relativi al presente volume scrivere a: Direzione Editoriale RCS Libri S.p.A. Divisione Education Via Rizzoli, n Milano fax L Editore è presente su Internet all indirizzo: Indicazioni e aggiornamenti relativi al presente volume saranno disponibili sul sito. L Editore è a disposizione degli aventi diritto con i quali non gli è stato possibile comunicare per eventuali involontarie omissioni o inesattezze nella citazione delle fonti dei brani o delle illustrazioni riprodotte nel volume. L Editore si scusa per i possibili errori di attribuzione e dichiara la propria disponibilità a regolarizzare. Le immagini utilizzate in questo libro non vanno interpretate come una scelta in merito da parte dell Editore, né come invito all acquisto di prodotti. Le illustrazioni o riproduzioni sono state riportate a scopo esclusivamente didattico. Nomi e marchi citati nel testo sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive case produttrici. I contenuti del tuo libro non si trovano solo sulla carta. Adesso puoi trovare esercizi, espansioni e molto altro sul web, all indirizzo Tali strumenti ti consentiranno di integrare lo studio sul testo cartaceo con la possibilità di ripassare, prepararti alle verifiche orali e scritte, approfondire quanto affrontato in classe, ecc. Su ogni pagina del sito troverai un campo in cui digitare il codice che hai trovato nel volume, così avrai accesso diretto ai materiali digitali ad esso relativi. Potrai scaricare e salvare i materiali sul tuo computer in modo che tu possa poi ritrovarli facilmente in qualsiasi momento.

3 Presentazione Il corso di Meccanica, macchine ed energia è stato pensato per i nuovi Istituti Tecnici Tecnologici (indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia). L opera, concepita in tre volumi, tocca tutti gli argomenti previsti dalle nuove indicazioni ministeriali. Vengono affrontati tutti gli argomenti essenziali della meccanica applicata e delle macchine a fluido, anche se, dato l esiguo numero di ore di lezione previste, sarà compito del Docente fare le scelte operative e inserire gli opportuni approfondimenti proposti. L elemento di forza del corso è rappresentato dagli esempi e dagli esercizi svolti collocati alla fine dei singoli paragrafi, uno strumento estremamente utile per comprendere meglio gli argomenti teorici affrontati. Alla fine di ogni unità, inoltre, un ricco apparato esercitativo (esercizi svolti, proposti e un questionario) supporta ulteriormente lo studio e la valutazione delle conoscenze acquisite. All inizio del primo volume vengo proposti materiali che riprendono le nozioni di base di trigonometria, strumento indispensabile per trattare gli argomenti che seguono, quelli canonici della statica, della cinematica, della dinamica e delle resistenze passive. Prima di introdurre lo studio delle macchine, invece, si è inserita un ampia analisi delle problematiche, sempre attuali, legate alla produzione e all uso dell energia. Segue poi la trattazione dell idraulica, propedeutica per lo studio delle macchine idrauliche. Nel secondo volume vengono sviluppate le conoscenze relative alla resistenza dei materiali e il dimensionamento di semplici organi meccanici. Segue la parte della trasmissione del moto con ruote di frizione, dentate e con cinghie. Per le macchine, dopo aver trattato la termologia e la termodinamica, si sono sviluppati i concetti riguardanti il funzionamento delle macchine pneumofore. Nel terzo volume viene sviluppata la parte riguardante la trasmissione del moto con il sistema biella-manovella e lo studio degli organi regolatori del moto; successivamente vengono analizzati alcuni organi meccanici di collegamento. Come conclusione sono stati trattati i motori a combustione interna e le turbine a vapore e a gas. Alla fine di ogni volume è stata inserita un appendice di approfondimento dedicata agli argomenti trattati in ciascun tomo. L opera, infine, è accompagnata da una sezione digitale in continuo aggiornamento, pubblicata su in cui vengono proposti materiali di approfondimento, grafici e tabelle tecniche, rassegne fotografiche, brevi filmati e test di autoverifica. Gli Autori Presentazione III

4 Guida alla lettura In queste pagine trovi indicazioni utili per organizzare lo studio al meglio, attraverso gli strumenti che il corso di Meccanica, macchine ed energia ti mette a disposizione: l il tuo libro di testo cartaceo; l le espansioni che puoi consultare o scaricare collegandoti all indirizzo Il libro cartaceo è suddiviso in due parti articolate in moduli e unità: l la prima parte è dedicata alla meccanica applicata: vengono affrontati gli argomenti relativi alla statica, alla cinematica e alla dinamica; l la seconda è dedicata alla meccanica applicata alle macchine: vengono sviluppate le conoscenze relative all energetica, all idraulica, alle macchine operatrici e motrici idrauliche. Il volume si chiude con un appendice dedicata agli impianti di produzione di energia elettrica. Fig Motore ad accensione comandata a 4 tempi (Punto Fiat). Fig Ciclo teorico di un motore ad accensione comandata a 4 tempi. Le valvole sono aperte da un bilanciere mosso dallo stelo il quale a sua volta è azionato dall albero a camme. La candela serve ad accendere la miscela di aria e benzina che è stata compressa nella camera di combustione dal pistone. Il ciclo teorico di funzionamento di un motore a carburazione a 4 tempi è rappresentato in figura 13.4; in esso si riportano in ordinate le pressioni assolute in bar e in ascisse i volumi V in m 3 occupati dal fluido nel cilindro. Nel diagramma di figura 13.4, V 2 rappresenta il volume della camera di combustione, V 1 è il volume totale del cilindro, V 1 2 V 2 5 V è la cilindrata del cilindro. Nella fase di aspirazione 0-1 il pistone si sposta (fig. 13.5) dal punto morto superiore al punto morto inferiore creando all interno del cilindro una depressione che consente l entrata Un ricco e puntuale apporto grafico agevola la coprensione dei concetti teorici più ostici della materia. Poiché si vuole ottenere la stessa tensione s in tutte le sezioni, si eguagliano le due espressioni precedenti e si ottiene: da cui si ricava: 6 F # L b # h F # x y # h 2 L b 5 x y Assegnando le dimensioni in base a questa proporzione, si ottiene la tensione s costante. Per ridurre l ingombro della larghezza b della molla a lamina triangolare si costruiscono molle a balestra, ottenute sovrapponendo diverse lamine dello stesso spessore h della lamina triangolare, ma di larghezza ridotta b9 (fig. 8.7). Fig Cilindro, pistone, valvole, biella. 209 <UP[n 4V[VYPHJVTI\Z[PVULPU[LYUH Fig. 8.6 Lamina a sezione variabile. Fig. 8.7 Molla a balestra. ESERCIZIO 1 Dimensionare una molla a lamina di sezione rettangolare in acciaio C60 che ha rigidità K 5 6 N/mm, lunghezza L mm, in grado di accumulare un lavoro di deformazione di W 5 80 Nmm. Soluzione Le parti teoriche sono sempre associate a numerosissimi esercizi svolti, punto di forza dell opera, che consentono di acquisire i concetti esposti. Dalla formula della rigidità si ha K 5 F f e, con i dati della traccia, 6 5 F f Dall espressione del lavoro di deformazione si ha W 5 f # F 2. ovvero F 5 6 f. sostituendo nell espressione precedente si ottiene W 5 f # F f 2 ; passando ai valori numerici: f 2 80 da cui si ottiene, scartando il valore negativo, f ,16 mm. Å 3 Sostituendo il valore ricavato nell espressione della freccia: f 5 2 s # am L2 si ricava l altezza della sezione della lamina: 3 E # h h 5 2 s # am L2 3 E # 5 f valore approssimato a 3 mm. 2 # 238 # # # 5 2,15 mm 5,16 Avendo assunto per l acciaio C 60 un carico unitario di rottura di 1250 N/mm 2 e ipotizzando un carico dinamico pulsante, si ha un carico unitario dinamico di 238 N/mm 2. La larghezza b della lamina si ricava dall espressione del lavoro: da cui: valore portato a 16 mm. b 5 18 E # W h # L # s 2 am W 5 b # h # L # sam 2 18 E 5 18 # # 80 3 # 120 # ,5 mm <UP[n 4VSSL 113 IV Guida alla lettura

5 1.3.2 L iniezione elettronica APPROFONDIMENTO di biella Velocità del piede funzione del può essere scritta in mento del piede di biella L espressione dello sposta tempo essendo: q 5v? t L iniezione elettronica in un motore a scopp io a 4 tempi costituisce ma di controllo, gestit un complesso sisteo da una centrale elettr onica e basato sul rileva dezze (fig ): mento di 6 gran1. posizione acceleratore ; 2. volume d aria entran te; 3. quantità di ossige no nello scarico; 4. temperatura dell a ria entrante; 5. temperatura del motor 6. velocità di rotazione e; dell albero sen v t 2 cos v t) sc 5 r( m "m erazione di deridi biella si effettua un op tà istantanea del piede Per ottenere la veloci, ottenendo: tempo al to rispet vazione dello spostamento 2 sen v t # cos v t b vc 5 v r asen v t 1 2"m2 2 sen2 v t 2 trascurabile rispetto considerando sen vt e t è stata effettuata vt? cos vt 5 sen 2 v Ricordando che 2 sen a della velocità, in cui l espressione approssimat a m2, si può scrivere : q 5 t v zione la sostitu sen 2q b vc 5 v r asen q 1 2 m per cui: ondenza dei punti velocità è nulla in corrisp e q ; quindi la Si ha vp 5 0 per q 5 0 biella vc in funvelocità del piede di morti. to un diagramma della onenti vr sen q esenta comp rappr due è le 1.8 In figura evidenziate manovella q, in cui sono zione dell angolo di scomposta la velocità. essere può quali e vr sen 2q/2m nelle il moto armonico Confronto con eo alternato. di biella è un moto rettilin si avvicinano tanto ico, il moto del piede e Come il moto armon piede di biella e del piston à e accelerazione del m 5 l/r, ovvero quanto Le espressioni di velocit grande è il parametro più o, si quant ico armon sen2 q/2m e cos2 q/m più a quelle del moto trascurabili i termini infatti o erand Consid più lunga è la biella. ico: tipiche del moto armon ottengono le espressioni 2 ac 5 v r cos q vc 5 vr sen q corsa, nullo al centro della è rettilineo con 2valore il diagramma ac 2 sc In queste condizioni 1 v2r e 2 v r. estremità sono pari a alle valori due i e mentr vale vmax 5 vr. à cade a metà corsa e velocit della o Il massim APPROFONDIMENTO Fig Schema di principio del motore a iniezione elettronica. Le grandezze vengono rilevate mediante oppor tuni trasduttori, con period i segnali relativi vengo no convertiti in codici icità di 1 ms; binari e le parole binari vengo acquisite da una e che ne risultano scheda a logica progr ammata, gestita da un (ECU, Electronic Contr microcontrollore ol Unit). L obiettivo del contro llo è adeguare il nume ro dei giri del motore per mezzo dell acceler al comando fornito atore, tenendo conto di due esigenze fonda mentali: a. un corretto rappo rto di miscelazione aria-c arburante, regolato per minimo inquinamen ottenere: to dovuto ai gas di scarico massimo rendimento ; del motore con riduzi one dei consumi; b. un controllo ottim ale dell istante di accen sione della miscela, al massima potenza dal fine di ottenere la motore. A tale scopo, l ECU dispon e di una memoria nella parole binarie) i valori quale sono tabulati (sotto ottimali di afflusso del forma di carburante e della fase funzione dell insieme dei dati rilevati dai trasdu di accensione, in ttori. della velocità Fig. 1.8 Andamento di manovella. in funzione dell angolo (9;, 4,**(50*( (7730*(;( (33, ]LSSH <UP[n )PLSSH THUV 4(**/05, Nel testo vengono proposte schede di approfondimento, corredate da schemi e diagrammi, dedicate ad argomenti specifici. Sostitu Alla fine di ogni unità vengono raccolte le principali formule e un glossario in lingua inglese utile per la consultazione di materiali tecnici specifici del settore. endo ne ll espres sione (3.1) della variazio ne di en ergia si L5 1# # in cui ottiene J è il m : 2 J ( v22 2 v 2 ) gomiti omento 1 5 J # molle di tipi vari i e re d # v2 d te onosce inerzia C e sta di bi disitorsion di in flessione ese el di di la molle m le. ca re as sa di tu Conosce d inerzia ale con Jm il m elicoid molla tt una o om sionare (3.3) il di mas ento d sistem Saper dimen sa del a rota volano inerzia di m nte vo assa de si ha: lano, al gli orga Osserv bero a ando ch ni rota nti e co può co e J5J nsiderar il momento n Jv il m m1 J omento e: d inerzia v di mas sa del Per calco volano lare il è il 90 massa m om % en m di quel J<J tro della della corona to d inerzia lo tota v le, si di de ipotesi, corona stessa l volano, ip massa del vo Rassegne fotografiche ot il mom lano si ento d e che sia po izzando che tiene qu Tipi di molle sta a di es inerzia stanza sa sia tutta co indi conto di mas solo de r rispe sa del ncentra In ques Grafici e tabelle tto vo lla ta la ta al no vale nel l asse di relazio i per la costruzione di molle il 10% : ne sono Materiali utilizzat rotazio baricenjv 5 m 2. ne. In state tra r tali Dalla re scurate lazione le mas (3.3) L se degl 5J #d # 2 i organi v, ne rotant l rispetto i, che in cidono dell ip e sosti otesi J per tuendo < Jv si : e dei carigeneralità L ottiene J 5 l azion v sotto e : # v2 si deformano elasticament d che nici mecca i Le molle sono organ Poiché che senza he L v elastic chi applicati. rilevanti deformazioni 5 v? acciaio molto in r, si ottie grado di sopportare d # v 2 5 m # r2 ne: Esse devono essere in motivo sono realizzate la resistenza; per questo ne sia compromessa to nelle molle sotto m L Ricoazzina ati è immag resistente. 5 applic i o carich rd ai quand o andodalla L dovut ente che ilmolla d # v2 5 è possi Il lavoro di deformazione restituito totalm le ga e. bisua d # v 2 # 2 [kg] inizial ziale elastica e viene le ric forma r avare la me tra la velo Il ista forma di energia poten risulla la molla riacqu ta cità v e deforma; in tal modo sa an quadra to dimostra masurti il nu cessa l azione che la chare to. per attenu e la m eche se è noto mero n dei (3.4) anche obili, Da as giri al m autom il lla sa delle num del vola (3.4) si nelle sospensioni deduce no è fu ero dei giri. inuto è: v 5 il diag Le molle si utilizzano ra ch nzione n # 2p # r relazio mma del mom e è possibile della su vibrazioni. 60, ne, è ne calcola a velocit ento, si 8.1): gi (fig. ce re in ri à perif ssa e del caricoric n o di Le molle si suddividono fissare ; ava il valo la massa del erica al velol azionrio sotto La veono re del il volano à, che si inflett locità fa cit la lamine di varie forme a, v) e il raggio valore della qu all altrso elalibere molle di flessione: velocit voro eccedent ando, cono remitàvo rg de ni in gh inun à perif scendo barre incastrate a un est e L; pe di pe ere forza ce lla traietto col insor molle di torsione: er per struitigereisa in accia r v # 40 m/s, ntrifuga sulla ria del baricen ica (in termin r utilizzare la una forza, si deformano di e l azion sotto che, io. ma se la velo corona del vo tro della coro i di numero di cità pe elica che si comprimomento torcente; di spire a riferica lano per cui na del volano Ca formate da una serie è supera molle elicoidali:. più usate. lcolo di m da i 40 m/s bene costruire di una forza, sono le l coeffic In fase mono sotto l azione i volani di prog ie nt vanno e statistic di flutt et a, il lavo tazione, il ua zi on Il calco coeffic ew lo pren ro massimo iente di di flu de avvio fluttua po zi dai segu ttuazione tenza che do one consen P enti da re te vrà esse gime di 5 v? Mme [k ti: re asso di valutare, d W rotazio rbito da su ne med ]; l volano base Dalla (3 io n [g..2) si ot iri/min ] o velo tiene: cità an golare Ricava v [rad/s]. ndo M L 5 2p med dai?w?m dati in iziali e med sostitu endo si ha: M P med 5 v, pertanto: # 2p f #P L5 34 v unità 8. Molle Obiettivi 8.1 Fig. 8.1 Principali forme delle molle. 7(9;, 4,* *( Guida alla lettura 1# J # (v 22 2 v 12 ) 2 f5 L L 5 Lmed 2p # Mmed v2 2 v1 v L5 v r # p # b # d2 8 5 Jv # 4 d2 r # p # b # d4 Jv 5 32 m5 m 5 r # V 5 r # 2p # d # # h b Jv 5 Jv 5 m # d2 4 2p # f # P d # v3 Fc 5 r # A # v2 s5 v# Variazione di energia Coefficiente di fluttu cinetica (lavoro eccede nte) azione Grado d irregolarità L L 5 d # v2 d # v2 # r 2 2p # f # P m5 F 5 r # v2 A sam Å r Massa in funzione del momento motore Lavoro eccedente in funzione del coefficiente di fluttuazione Massa del volano a disco Momento d inerzia del pieno volano a disco pieno Massa del volano a razze Momento d inerzia del volano a razze Momento d inerzia del volano in funzione del coefficiente di fluttu azione Forza centrifuga in un Tensione di trazione volano a razze causata dalla forza centri Condizione limite della fuga velocità periferica Glossary Flywheel Degree of irregularity Operating surplus Flywheel races 50*( (7 73 0*(;( Le definizioni principali e le formule di riferimento di ciascun argomento sono evidenziate graficamente in modo da individuare agevolmente i passaggi principali della spiegazione. L5 d5 (3.5) (7730*(;( 7(9;, 4,**(50*( 110 Formulario Volano Grado di irregolarità Lavoro eccedente Volano a razze 38 7(9;, 4,**(50*( (7730*(;( V

6 lti Esercizi svo 1 Proporzionare vare un caric plice per solle un gancio sem o massimo di 2 Verificare la stab ilità della gru co da sollevare in figura se il cari- Con i dati vale Q C N, della traccia si N, il contrapp il peso del brac ricava: eso cio P N, il momento ribal il peso della zavo e controbraccio è tante: La lunghezza rra è Z del braccio della 000 N. Mr 5 Q (b gru vale b la lunghezza max 2 d) 1 P (b il mom del controbracci 0 2 d) max = 30 m, ento stab dimensione della o è b ilizzante: m e la zavorra è 2d Ms 5 C9 (b9 1 della torre pesa 5 7 m. La strut d) 1 Z d 1 T T N. tura ossi?d a: 2 tonnellate. Mr (30 Essendo: 590, per il designato Fe aio non legato Soluzione 620 N. il gancio un acci N/mm2. valgono a 19 per costruire e strappi si 2 tonnellate equi o tra 590 e 910 come materiale posto ad urti pres tare sotto com è adot ra io di Si decide carico di rottu ndo che il ganc sui manuali un m2 e considera quale si trova io: sr N/m valore intermed 2 Si sceglie un pari a 6, per cui: o di sicurezza s 5 67 N/mm sceglie un grad sollecitate N/mm2 e ta 5 0,57 a 5 maggiormente 5 sa che vengono 6 ni del gancio tenza delle sezio verifiche di resis le poi,, Si eseguono portata di mento. una iona di a funz il tato spondenz durante del gambo filet ndo che, in corri tenza a trazione calcola considera Verifica di resis del gambo del gancio si 1). ma a lato di fig lla La sezione mini tabe ( d 5 36 mm 2 tonnellate, 2 2 3,5) (9,5 2 3,5) Nm b0 5 L 1 br 2 br ,5 m 2 Ms ( Nm 3,5) ? 3, ? 3,5 Per tenere la gru in condizion i di stabilità deve M essere s. 1,5. Mr Nel nostro caso ,578, per cui la gru in condizioni è di stabilità. Esercizi pro posti Soluzione Sulla gru si ha un momento ribal ze Q e P per le rispettive dista tante dato dalle fornze rispetto al 2. Invece le forze C9, Z e punto T per i rispe creano un mom ttivi bracci ento stabilizza nte. 1 Calcolare la forza da applicare alla un verricello manovella di differenziale per sollevare un 1100 N sape carico ndo che le pule gge hanno diam di D mm e d etro manovella è mm. La lunghezz a della mm e il rendimen to vale 0,88. R. F Calcolare il caric o che può solle lo differenziale vare un verricelcon diametro dei tamburi D mm e d = 280 = 360 mm, applican manovella di do una forza 100 N e ipoti sulla zzando un rend 0,86. La man imento di ovella è lunga 350 mm. R. Q 5 5 Questionario Indica se le segu enti afferma zioni sono vere o false. Gli apparecchi di movimentazio lungo traiettorie ne discontinua, prefissate. in genere, muo vono le masse I paranchi veng ono utilizzati per spostare verticalmente Nelle taglie veng i carichi. ono impiegat e puleggie fisse e mobili. Nelle gru a cava lletto il carrello portaparanco scorre su una I carrelli semoven monorotaia a ti vengono impi sbalzo. egati nella mov imentazione disc ontinua. V F V F V F V F V F <UP[n :VS SL]HTLU[V L [YHZ WVY[V UNI Ganci semplici Fig [YHZWVY[V SL]HTLU[V L <UP[n :VS Alla fine di ogni unità vengono proposti numerosi esercizi svolti, esercizi proposti e un questionario di verifica. Nella parte conclusiva del volume viene proposta un appendice di approfondimento dedicata alle tecniche di progettazione e prototipizzazione. Il volume si chiude con un ampia sezione dedicata agli esami di stato In figura 1.5 è riportato un esempio di mod software Creo PTC. ello tridimen sionale realizza to mediante il naria 2009 Sessione ordi a a scritt Seconda prov Fig. 1.5 Mod ello tridimen sionale realizzat o mediante il softw are Creo PTC. Andamenti temporali Se nel dispositi vo namenti di tipo in fase di progettazione sono presenti mec cani co, mov pne lisi del processo umatico o elet imenti che rich tromeccanico iedono aziosi ricorda che operativo del dispositivo, occorre effe stesso. nella maggior ttuare un anapart a controlli di processo in cate e dei sistemi in cui è pres ente un auto mezzi, avente na chiusa: essi matismo, si rico lo scopo di far costituiscono rre ottenere. evolvere il proc l interazione di un insieme esso in base Lo schema a alle specifich di e del prodotto blocchi di un comando in schema si indi da catena chiusa viduano: è ripo rtat o in figura 1.6; a) blocco di comando (o in tale elaborazione mento delle ): è l un operazioni rela b) interfacce: tive al comand ità di governo che effettua costituiscono o pneumatico il coordinagli elementi ; parti costitue per lo nti l interfaccia il comando. In particolare: scambio delle informazion i tra le altre elaborazione /attuazione dall unità d el (E/A) gestisce abo razi one l interfaccia agli attuator il flusso di i; informazion attuazione/e i laborazione senta la retr (A/E) gestisce c) blocco di pote oazione (feedback); il flusso cont rario, che rapp rerealizza l operaz nza: detto anche di lavo ro o ione da auto matizzare per d attuazione, è la parte del mezzo di opp ortuni attuator comando che i. Fig. 1.6 Sche ma generale di un azioname nto in catena chiusa. 306 Appendice Tecniche di prog LE O INDUSTRIA ITUTO TECNIC DI STATO DI IST M296 ESAME AMENTO DIN OR DI CORSO CCANICA Indirizzo: ME ZIONE NO, PROGETTARIALE Tema di: DISEG INDUST NE ZIO E ORGANIZZA nza di 100 kw mette una pote albero che tras resentato un drici a profili cilin allegato è rapp giri/min. ilo scanalato Nel disegno 1450 prof di del e e: zo olar rich mez ang met per alla velocità a su di esso, tteristiche geo tata calettat le seguenti cara La ruota den T), presenta (UNI ; dei denti z 5 numero m 5 5 mm; modulo 20 ; pressione u 5 50 mm. angolo di dentata b T) a della fascia (UNI larghezz profilo scanalato to di un ulteriore ndo estremità è dota to. formativo, tene orso perc L albero alla sua gliere la flangia di un giun il isite durante destinato ad accobase alle conoscenze acqu opportune in dalle sue ati Il candidato, plet com indicati e conto dei dati ua: assunzioni, eseg a ruota denta albero e dell di stabilità dell ente i materiali; la verifica di duraopportunam ta, scegliendo inetti fissando un obiettivo cusc dei la scelta quote, completo di ta di 8000 ore; ivo dell albero, onali) e gradi di rutt cost gno ensi il dise metriche e dim tolleranze (geo sità. rugo ato numero un determin riferimento a lavorazione Inoltre, facendo urre, definisca il ciclo di enze delle prod sequ dei pezzi da evidenza le parmettendo in, il grezzo di udo colla dell albero, di e taglio e i produzione parametri di i operazioni di sili, uten chine, gli tenza, le mac ici. disegno a fian trattamenti term indicate si ricavano dal è ione 1:2. non di rappresentaz Le dimensioni o che la scala co, considerand Traccia ettazione e prot otipi zzazione (WWLUKPJL L KP :[H[V H WYV]H KLSS»,ZHT JVUK ;LTP KLSSH ZL 346 VI Guida alla lettura

7 Il tuo libro su web I contenuti del tuo libro proseguono sul web all indirizzo Internet Sulle pagine del testo trovi i rimandi alle espansioni: digitando il codice che hai trovato all interno di questo volume, potrai accedervi direttamente e scaricarle sul tuo computer. A partire dalla pagina iniziale, che vedi qui riportata, puoi navigare nei contenuti digitali suddivisi per modulo: l approfondimenti; l grafici e tabelle; l rassegne fotografiche; l filmati; l test. Strumenti sempre disponibili: l indicazioni utili per l uso del foglio di calcolo (tutorial); l linkografia a siti di interesse; l calcolatrice; l tavola periodica; l unità di misura; l normativa di riferimento del settore (UNI e normativa macchine). VII

8 Indice parte 1 Meccanica. applicata Modulo 1 l Organi delle macchine Biella-manovella Meccanismi e manovellismi Manovellismo di spinta rotativa Elementi.costruttivi Cinematica del manovellismo Spostamento.del.piede.di.biella Velocità.del.piede.di.biella Accelerazione.del.piede.di.biella Dinamica del manovellismo Forze agenti in un motore a 4 tempi ad accensione comandata Il momento motore Formulario Glossary Esercizi svolti Esercizi proposti Questionario Eccentrici e camme Generalità Cinematica del moto Tipi di eccentrici a camme Camme.a.cuore VIII IndIce

9 Camme.dei.motori.a.combustione.interna Camme.per.macchine.automatiche Forze agenti Camme elettroniche Glossary Esercizi proposti Questionario Regolazione del periodo nel moto rotatorio Generalità Lavoro eccedente Calcolo del volano Soluzioni costruttive Verifica della resistenza alla forza centrifuga Formulario Glossary Esercizi svolti Esercizi proposti Questionario Bilanciamento delle forze d inerzia Generalità Bilanciamento della forza d inerzia centrifuga Bilanciamento delle forze alterne Configurazione degli alberi a gomiti Motore.monocilindrico Motore.bicilindrico Motori.a.più.cilindri Formulario Glossary Esercizi svolti Esercizi proposti Questionario Dimensionamento delle bielle Caratteristiche delle bielle Forze agenti nel meccanismo biella-manovella Biella.allineata.alla.manovella.con.pistone. al.punto.morto.superiore Biella.perpendicolare.alla.manovella.in.posizione. di.quadratura Dimensionamento delle bielle Bielle.lente Bielle.veloci Formulario Glossary Esercizi svolti Esercizi proposti Questionario IndIce IX

10 . 6. Alberi, perni e i cuscinetti Generalità Dimensionamento degli assi e degli alberi Calcolo.degli.assi Calcolo.degli.alberi.di.trasmissione Verifica.di.rigidità Cuscinetti e supporti Cuscinetti. volventi Perni di estremità Perni.lenti.(verifica.a.pressione.specifica) Perni.veloci.(verifica.a.dispersione.di.calore) Perni portanti intermedi e d estremità Principi.di.progetto Elementi.strutturali.particolari Pressione.specifica.e.surriscaldamento Perni di spinta Formulario Glossary Esercizi svolti Esercizi proposti Questionario Dimensionamento delle manovelle Generalità Dimensionamento della manovella di estremità Dimensionamento.del.bottone Dimensionamento.del.perno.di.banco Dimensionamento del braccio di manovella Verifica.della.sezione.tangente.al.mozzo.del.perno. di.manovella Verifica.della.sezione.tangente.al.mozzo.dell albero Calcolo della manovella intermedia Formulario Glossary Esercizi proposti Questionario Molle Generalità Molle di flessione Molle di torsione Molle elicoidali Formulario Glossary Esercizi svolti Esercizi proposti Questionario X IndIce

11 Modulo 2 l La regolazione Regolatori meccanici Sistemi, controllo e regolazione Sistemi.di.controllo.automatico Modelli.matematici.e.funzione.di.trasferimento Regolazione della velocità di rotazione Regolatori di Watt e di Porter Regolatore.di.Watt Regolatore.di.Porter Regolatore di Hartung Tensioni.massima.e.minima.delle.molle Dimensionamento.del.regolatore.di.Hartung Formulario Glossary Esercizi svolti Esercizi proposti Questionario Modulo 3 l Organi di collegamento, giunti, innesti e freni Organi di collegamento Generalità Giunzioni saldate Verifiche.di.resistenza.su.saldature Giunzioni chiodate Verifiche.di.resistenza Collegamenti filettati Viti.di.collegamento.con.filettatura.ISO Serraggio.e.calcolo.di.resistenza Verifica.nei.casi.di.unione Chiavette e linguette Alberi scanalati Formulario Glossary Questionario Giunti, innesti e freni Generalità Giunti rigidi Giunti elastici Giunti.idraulici Giunti articolati Innesti Innesti.a.frizione Innesti.centrifughi Innesti.a.denti IndIce XI

12 Freni Formulario Glossary Esercizi svolti Esercizi proposti Questionario Modulo 4 l Apparecchi di movimentazione Sollevamento e trasporto Generalità Martinetti e binde Paranchi Verricelli e argani Taglie Sistemi.frenanti Ganci Criteri di calcolo Gru e carroponte Montacarichi e ascensori Carrelli semoventi Trasportatori per movimentazione continua Formulario Glossary Esercizi svolti Esercizi proposti Questionario In Auladigitale Approfondimenti Modellazione solida del sistema biella-manovella-cilindro Applicazione degli alberi a camme elettronici Tipi di alberi a gomiti Le bielle in titanio Sollecitazione sulla biella: flessione Evoluzione storica dei sistemidi controllo Grafici e tabelle Grado di irregolarità per diversi tipi di macchine Cuscinetti: valori di L h Perni: pressione specifica ammissibile Perni: coefficienti di attrito Materiali utilizzati per la costruzione di molle Schemi di saldatura Chiodi Rivetti Filettature Rassegne fotografiche Alberi, perni e cuscinetti Tipi di molle Giunti Viti Dadi Collegamenti filettati Giunti Innesti Freni Dispositivi di movimentazione Test Unità 1 Unità 2 Unità 3 Unità 4 Unità 5 Unità 6 Unità 7 Unità 8 Unità 9 Unità 10 Unità 11 Unità 12 XII IndIce

13 parte 2 Meccanica.applicata. alle.macchine Modulo 5 l Macchine e impianti termici motori a combustione interna Generalità Motori ad accensione comandata Distribuzione Carburazione.e.iniezione.elettronica Accensione Alimentazione.a.gas.liquidi Motori ad accensione comandata a 2 tempi Motore Diesel a 4 tempi Common rail Principio.di.funzionamento Circuito.ad.alta.pressione Motore Diesel a 2 tempi Motori navali Raffreddamento Lubrificazione Rendimenti. Potenze. Curve caratteristiche Sovralimentazione Inquinamento Formulario Glossary Esercizi proposti Questionario Impianti frigoriferi e di climatizzazione Generalità Ciclo termodinamico inverso Ciclo reale Fluidi frigoriferi Pompa di calore Climatizzazione degli edifici Cogenerazione Struttura.di.un.impianto.di.cogenerazione Trigenerazione Formulario Glossary Questionario IndIce XIII

14 Modulo 6 l Protezione e sicurezza Impianti antincendio Impianti di spegnimento Impianti.ad.azoto Impianti.a.miscela.argon-azoto Impianti.a.CO 2.(anidride.carbonica) Impianti.idranti Impianti.sprinkler.antincendio Impianti.schiuma Impianti.Halocarbon Impianti.a.polvere Impianti.Water.Mist Agente estinguente ad aerosol Compartimentazione REI Serramenti.antincendio.REI Stazioni di pompaggio Evacuazione fumi Glossary Sistemi antinquinamento Difese dall inquinamento Filtri.per.aria Sistemi di depurazione industriale Depurazione.delle.nebbie.d olio.e.di.emulsione Le camere bianche Sistemi di sicurezza contro le esplosioni Sistemi.di.soppressione.e.controllo.esplosioni Rumore negli impianti di aerazione Ventilatori Ventilazione.negli.ambienti.industriali Tipologie.di.ventilatori Estrattori Raffrescamento Glossary In Auladigitale Approfondimenti Sovralimentazione dei motori endotermici a pistoni Rassegne fotografiche Il motore Wanklel Classi di consumo energetico Impianti di estinzione Segnaletica di sicurezza Grafici e tabelle Fluidi frigoriferi Caratteristiche dei filtri per aria Test Unità 13 Unità 14 Unità 15 Unità 16 XIV IndIce

15 Appendice Tecniche.di.progettazione. e.prototipizzazione Elementi del progetto Procedura di progetto Disegnazione.e.diagrammi.temporali Analisi.del.progetto Prototipazione Temi.della.seconda.prova. dell Esame.di.Stato Sessione ordinaria Sessione ordinaria Sessione ordinaria Sessione ordinaria Sessione ordinaria Sessione ordinaria Sessione ordinaria Sessione ordinaria Sessione ordinaria Sessione ordinaria IndIce

16 parte 1 Meccanica applicata Le macchine motrici si possono suddividere in due grandi categorie: l l a regime di moto assoluto: sono tutte le macchine che funzionano a energia cinetica costante; tra queste ci sono, per esempio, le turbine idrauliche e quelle a gas; a regime di moto periodico: sono le macchine in cui l energia cinetica varia in modo periodico; a questo consegue una variazione periodica della velocità degli organi in movimento, pur rimanendo costante il valor medio; appartengono a questa categoria le motrici a vapore e i motori a combustione interna. In queste macchine occorre trasformare il moto alternativo del pistone in moto rotatorio uniforme dell albero motore. La trasformazione si effettua per mezzo del meccanismo biella-manovella, e questo determina una modifica periodica della coppia motrice tra un valore massimo e uno minimo. Di conseguenza la velocità angolare dell albero non si mantiene costante ma oscilla, garantendo la costanza del valor medio in un periodo. Obiettivo di questo modulo è lo studio del funzionamento e del dimensionamento degli organi che trasformano il moto alternativo in moto rotatorio e permettono di ottenere un valor medio pressoché costante della velocità di moto dell albero motore. Il meccanismo di trasformazione del moto da alternativo a rotatorio è la coppia biellamanovella, mentre quello che determina una velocità media relativamente uniforme è il volano. Quest ultimo è costituito da una massa rotante, dimensionata in modo da immagazzinare energia durante la fase d aumento della velocità e restituirla durante quella di diminuzione. Il progetto del volano deve essere contestuale a quello del meccanismo biella-manovella perché ne costituisce parte integrante a causa del fatto che soltanto con un corretto bilanciamento delle masse in moto all interno del motore si eliminano le vibrazioni e gli effetti di discontinuità. Un ulteriore organo essenziale al funzionamento delle motrici (sia a regime assoluto sia a regime periodico) è il regolatore. La funzione svolta dal regolatore è quella di mantenere costante la velocità angolare dell albero motore al variare degli effetti di carico (momento resistente). I regolatori intervengono in modo automatico, modificando la quantità di fluido che giunge al motore in modo inversamente proporzionale alle modifiche della coppia resistente; questo avviene, naturalmente, nell ipotesi che a un maggior afflusso di fluido motore corrisponda un aumento della coppia motrice e viceversa. Una funzione fondamentale del regolatore è quella di non opporsi a modifiche della velocità o della coppia motrice comandate dall esterno; in altri termini, se chi controlla la motrice richiede una maggior coppia (per esempio mediante il comando dell acceleratore in un auto), il regolatore non solo non vi si deve opporre, ma deve favorire il raggiungimento della velocità o della coppia desiderata. Aula digitale Approfondimenti Grafici e tabelle Rassegne fotografiche Filmati Test

17 Modulo 1 l Organidellemacchine Unità 1 Biella-manovella Unità 2 Eccentrici e camme Unità 3 Regolazione del periodo nel moto rotatorio Unità 4 Bilanciamento delle forze d inerzia Unità 5 Dimensionamento delle bielle Unità 6 Alberi, perni e cuscinetti Unità 7 Dimensionamento delle manovelle Unità 8 Molle In questo modulo verranno trattati gli organi principali delle macchine. In particolare verranno affrontati i temi relativi a: l meccanismi e manovellismi; l eccentrici e camme l volani; l bilanciamenti delle forze d inerzia; l alberi; l perni; l cuscinetti e le molle. Fig. 1 Albero a camme.

18 1. Biella manovella unità Obiettivi Conoscere il funzionamento della bielle-manovella Saper calcolare velocità e accelerazione del piede di biella Conoscere le forze agenti sulla biella-manovella Approfondimenti n Modellazione solida del sistema biella-manovella-cilindro 1.1 Meccanismi e manovellismi Un meccanismo è una catena di organi rigidi tra loro collegati in modo che il moto si trasmetta da uno all altro; gli organi componenti vanno a costituire una catena cinematica. La struttura fissa a cui possono essere collegati uno o più elementi del meccanismo è denominata telaio. In figura 1.1 è riportato l esempio di un meccanismo utilizzato per la trasformazione del moto da rotatorio a traslatorio (glifo). Il moto relativo tra due elementi rigidi a contatto avviene mediante le coppie cinematiche, realizzate attraverso superfici o punti di contatto che combaciano tra loro consentendo uno o più gradi di libertà. Esempi tipici di coppie cinematiche sono: l l l l la coppia prismatica (guida), in cui il contatto è tra superfici cilindriche o prismatiche e il moto libero è quello di traslazione, come per esempio nel caso di pistone e stantuffo; la coppia rotoidale (cerniera), che consente un moto di rotazione attorno a un asse; la coppia sferica, con il contatto in un punto e la possibilità di rotazione attorno a tre assi; la coppia elicoidale (vite-madrevite), con cui si realizza un moto relativo di rotazioneavanzamento che dà luogo al moto elicoidale. Fig. 1.1 Manovellismo a glifo per la trasformazione del moto rotatorio in moto traslatorio. 4 Parte 1 Meccanica applicata

19 Sono manovellismi i meccanismi formati da più aste collegate tra loro mediante delle cerniere (sistemi articolati). Un tipico esempio di manovellismo è il quadrilatero articolato (fig. 1.2); questo è il sistema articolato più semplice, costituito da quattro coppie rotoidali e, conseguentemente, da quattro aste. AB è il lato fisso (telaio); i lati adiacenti AD e BC, collegati con cerniere al lato fisso, si chiamano manovelle se possono compiere un intera rotazione attorno all asse della coppia che li collega al telaio o bilancieri se compiono una corsa limitata a un settore; DC, che costituisce il lato opposto al telaio, prende il nome di biella. Quest ultima si muove attorno a Fig. 1.2 Quadrilatero articolato. un centro istantaneo di rotazione o CIR. Nel moto piano di un corpo rigido per ogni piccolo spostamento esiste (non necessariamente all interno del corpo, ma solidale con esso) un punto a velocità nulla attorno a cui avviene una pura rotazione: esso è denominato centro istantaneo di rotazione (CIR). Si definisce istantaneo perché il punto è centro di rotazione solo in quell istante; a ogni istante successivo si ha un nuovo CIR. Per qualunque punto del corpo, nel moto istantaneo l espressione della velocità è: dove: v 5 v # r l v è la velocità di rotazione attorno al CIR; l r è la distanza tra il punto e il CIR. Conoscendo le traiettorie di due punti del moto rigido piano (guide del moto), è possibile individuare la posizione del centro istantaneo di rotazione nel punto di intersezione delle perpendicolari alle guide del moto. Nel caso del moto rotatorio il CIR non cambia posizione nel tempo: esso coincide con la traccia dell asse di rotazione sul piano del moto. Quando sono stabilite le caratteristiche geometriche, è sufficiente un solo parametro per definire la posizione del meccanismo: questo, per esempio, può essere un angolo di manovella. 1.2 Manovellismo di spinta rotativa Il meccanismo di biella-manovella, o manovellismo di spinta rotativa, trova larga applicazione nelle costruzioni delle macchine. Il meccanismo, rappresentato schematicamente in figura 1.3, consente di trasformare il moto alterno rettilineo dello stantuffo, e quindi del piede di biella, in moto rotatorio dell albero motore (motori alternativi), mentre permette di fare il contrario nel caso delle macchine operatrici alternative (pompe e compressori). Fig. 1.3 Schema di manovellismo di spinta rotativa. Unità 1 Biella-manovella 5

20 Un estremo della biella (piede) è collegato, tramite un cuscinetto, al perno C dello stantuffo, mentre l altro (testa) è collegato al bottone B di manovella; questa è solidale all albero motore. Il moto della manovella m è continuo e circolare, mentre quello del piede di biella C è rettilineo alterno; tutti i punti intermedi della biella hanno traiettorie ellittiche. Il bottone di manovella B descrive una traiettoria circolare di centro O e raggio r uguale alla lunghezza della manovella; il piede di biella e lo stantuffo, che è a esso solidale, descrivono una traiettoria rettilinea i cui punti estremi, punto morto superiore P ms e punto morto inferiore P mi, delimitano la corsa s, che è uguale al doppio del raggio di manovella. Indicando con v la velocità angolare della manovella, la velocità del bottone di manovella B vale: v 5 v # r La velocità media dello stantuffo (pistone) è data da: v 5 2 # s t 5 2 # s # n 60 [m/s] Fig. 1.4 Biella. in cui n è il numero di giri al minuto dell albero ed s è la corsa espressa in metri. Si parla di velocità media perché il piede di biella C ha moto alterno e quindi velocità variabile nel tempo. La biella, schematizzata con un segmento in figura 1.3, in realtà è un organo di forma allungata costituito da un corpo centrale, detto fusto, alla cui estremità sono raccordati due supporti cilindrici ad assi paralleli e di diametro diverso (fig. 1.4). L estremità di diametro maggiore è denominata testa della biella, costituita da due semigusci uniti tra loro mediante bulloni; l altra estremità, di diametro minore, è denominata piede di biella. Il fusto ha sezione crescente dal piede alla testa e presenta una sezione a doppia T o, in qualche caso, circolare cava a seconda che la biella sia utilizzata in macchine veloci o lente. In alcuni motori a combustione interna alternativi, che erogano elevate potenze, il piede di biella, invece di essere collegato direttamente allo stantuffo, si articola con un organo intermedio chiamato testa a croce, costituito da pattini che consentono la traslazione, riducendo l attrito all interno di una guida. Il testa-croce è collegato al pistone tramite un asta chiamata stelo (fig. 1.5). Fig. 1.5 Articolazione della biella con il pistone e la manovella. 6 Parte 1 Meccanica applicata

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Classe: 5 Meccanica Docente prof. Angelo Rinaldi Ore settimanali previste: 4 ore ro totale di ore 4x33=132 ore Libro di testo Corso di Meccanica

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE asdf I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA : UN PRIMO SGUARDO 31 March 2012 Introduzione Il seguente articolo vuole essere una prima introduzione a quelli che sono i motori alternativi a combustione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE Prof. Sergio Baragetti Allievi del corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (VO) Testi delle esercitazioni per l Anno Accademico

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 09 Motori diesel lenti a due tempi A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo Nel motore a due tempi l intero

Dettagli

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002 Esercizio 0 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 00 er regolare il regime di rotazione di un gruppo elettrogeno, viene calettato sull albero di trasmissione del motore un volano in ghisa.

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 4 Componentistica di base: alberi, trasmissione per cinghie e catene, giunti Alberi Appunti

Dettagli

Introduzione ai Motori a Combustione Interna

Introduzione ai Motori a Combustione Interna IPS Mario Carrara Guastalla (RE) Tecnologie e Tecniche di Installazione e Manutenzione Docente: Prof. Matteo Panciroli Introduzione ai Motori a Combustione Interna 1 Classificazione delle macchine MACCHINE

Dettagli

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO:

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO: RSISTZA D MZZO R m 1 C X ρ A v Adimensionale Massa volumica kg/m 3 Velocità m/s Sezione maestra m Valori medi dei coefficienti: Superfici piane normali al moto: acqua: K9,81 60, aria: K9,81 0,08 1 K C

Dettagli

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Motori endotermici Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari I MOTORI ENDOTERMICI Il motore converte l energia termica del

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Meccanica e Macchine esame 006 MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Sessione ordinaria 006 Si debba trasmettere una potenza di 7,5 kw da un motore elettrico avente velocità angolare di 1450 giri/min

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto

Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto Premessa Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto 1 La gru a cavalletto si caratterizza per la presenza di un proprio sostegno che le permette di essere installata in ambienti esterni senza

Dettagli

PIANO DI LAVORO. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) Anno Scolastico 2015 2016

PIANO DI LAVORO. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) Anno Scolastico 2015 2016 pag. 1 di 5 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Meccanica Macchine ed Energia Classe: V^ Mecc.

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30 Indice Premessa 9 parte prima Base A Tavola A1 Carosello motociclette 13 Tavola A2 Manovellismi motori due cilindri 14 Tavola A3 Velocità media 15 Tavola A4 Supporto a filo di un carico 16 Tavola A5 Supporto

Dettagli

I.T.I.S. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it ww.itismarconipadova.

I.T.I.S. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it ww.itismarconipadova. PAG. 1/5 I.T.I.S. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it ww.itismarconipadova.it DIPARTIMANTO DI MECCANICA E MACCHINE A FLUIDO Rev.

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 7 Componentistica di base: alberi. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 7 Componentistica di base: alberi. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 7 Componentistica di base: alberi Introduzione ai componenti di macchine I componenti meccanici

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 La trasmissione del moto pag. 2 1.1 I motori 2 1.2 Trasmissione del moto mediante i

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO. Disciplina MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA Classe 3^ Meccanica meccatronica

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO. Disciplina MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA Classe 3^ Meccanica meccatronica Anno Scolastico2015/2016 Istituto Tecnico Tecnologico E. Barsanti Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA

Dettagli

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma d'esame CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE prof. Sergio Baragetti Allievi dei corsi di Laurea in Ingegneria Meccanica e Ingegneria Gestionale Testi delle esercitazioni

Dettagli

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29 Romane.pdf 19-09-2008 13:20:05-9 - ( ) Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti Simboli xxi xix Parte 1 Fondamenti 2 1 Introduzione 3 xvii 1 1 Il progetto 4 1 2 La progettazione meccanica 5 1 3

Dettagli

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica Anno scolastico: 2014-2015 Classe: 4^BMM MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia Insegnante: Gaspare Di Como Insegnante Compresente: Francesco Porco DIPARTIMENTO DI Meccanica PROGRAMMAZIONE SVOLTA MODULO

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

1 A DISEGNO PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE. T n. =C, con C = 366 ed n = 0.25, Motore

1 A DISEGNO PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE. T n. =C, con C = 366 ed n = 0.25, Motore Disegno, Progettazione ed rganizzazione Industriale esame 03 DISEGN PRGETTZINE RGNIZZZINE INDUSTRILE Sessione ordinaria 03 L albero di trasmissione rappresentato in figura trasmette una potenza P = 5 kw

Dettagli

Fissaggio e giochi dei cuscinetti

Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio dei cuscinetti 9 Fissaggio radiale 9 Fissaggio assiale 91 Posizionamento su un unico supporto 91 Posizionamento su due supporti 92 Processi di fissaggio assiale

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE Per un corretto dimensionamento del martinetto a ricircolo di sfere è necessario operare come segue: definizione dei dati del dell applicazione (A)

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Meccanica applicata alle macchine. Laurea Triennale in Ingegneria Industriale. Livello e corso di studio ING-IND/13

Meccanica applicata alle macchine. Laurea Triennale in Ingegneria Industriale. Livello e corso di studio ING-IND/13 Insegnamento Livello e corso di studio Settore scientifico disciplinare (SSD) Meccanica applicata alle macchine Laurea Triennale in Ingegneria Industriale ING-IND/13 Anno di corso 2 Numero totale di crediti

Dettagli

http://www.istitutomarzoli.it

http://www.istitutomarzoli.it CLASSE: 5 Dm MECCANICA DISCIPLINA: MECCANICA APPLICATA MACCHINE A FLUIDO DOCENTI: VALERIO MARINI SILVESTRO ILISCO LIBRI DI TESTO E SUSSIDI DIDATTICI: ANNO SCOLASTICO 2014 2015 P. MIRAGLINO, CORSO DI MECCANICA

Dettagli

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI 1 Ruote dentate Le ruote dentate servono per la trasmissione del moto rotatorio continuo fra due alberi a distanza ravvicinata, con assi paralleli, concorrenti o sghembi. I denti della ruota motrice spingono,

Dettagli

Motori 4 tempi a ciclo Otto

Motori 4 tempi a ciclo Otto Motori 4 tempi a ciclo Otto 1. Premessa I motori automobilistici più comuni sono del tipo a combustione interna quattro tempi e appartengono a due grandi famiglie, a seconda del tipo di combustibile impiegato

Dettagli

Prova di auto-valutazione 2006

Prova di auto-valutazione 2006 Prova di auto-valutazione 2006 Questa prova permette ai candidati di valutare la propria abilità di risolvere problemi e di riconoscere le nozioni mancanti. La correzione sarà fatta dal proprio professore

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: 3C Materia: FISICA Insegnante: Graziella Iori Testo utilizzato: Caforio, Ferilli - Fisica! Le regole del gioco -

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

Tema n. 1 Discutere come si sviluppa lo studio della dinamica di una macchina schematizzata come in figura 1.

Tema n. 1 Discutere come si sviluppa lo studio della dinamica di una macchina schematizzata come in figura 1. PRIMA PROVA SCRITTA DEL 30 Novembre 2011 SETTORE INDUSTRIALE Tema n. 1 Discutere come si sviluppa lo studio della dinamica di una macchina schematizzata come in figura 1. Figura 1 Schema dei componenti

Dettagli

ALL INTERNO DEL MOTORE, QUANDO UN PISTONE VIENE SPINTO VERSO IL BASSO PER COMPRESSIONE, VIENE IMPRESSO IL MOVIMENTO ALTERNATO ALL ALBERO MOTORE CHE VIENE QUINDI MESSO IN ROTAZIONE. PER EVITARE CHE L ALBERO

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE. I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE. I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE Tema 1 Il candidato deve procedere al dimensionamento e

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Lo studio delle frizioni coniche si effettua distinguendo il caso in cui le manovre di innesto e disinnesto

Dettagli

Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre)

Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre) Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre) Un corpo viene lasciato cadere da un altezza di 30 m. dal suolo. In che posizione e che velocità possiede

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Macchine Operatrici Nel presente modulo si vogliono fornire cenni circa le principali macchine operatrici impiegate negli impianti

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

SMORZATORI TORSIONALI TREVI

SMORZATORI TORSIONALI TREVI SMORZATORI TORSIONALI TREVI CONSIDERAZIONI GENERALI Per meglio comprendere l utilità e la funzionalità degli smorzatori torsionali, sempre più utilizzati e perfezionati (soprattutto con la diffusione dei

Dettagli

Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli

Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli candidato Emanuele Placuzzi rel. Prof. Luca Piancastelli correl. Dott. Maurizio Tappi Dott. Gialuca Piraccini Tesi

Dettagli

Costruzione di macchine

Costruzione di macchine Giovanni Nerli, è stato ordinario di Progettazione meccanica e Costruzione di macchine presso la Facoltà di Ingegneria dell Università di Firenze dal 1976 al 2008. Ha svolto, oltre all attività didattica,

Dettagli

Impianto Frenante. Dispensa didattica. Zanutto Daniele

Impianto Frenante. Dispensa didattica. Zanutto Daniele Impianto Frenante Dispensa didattica Zanutto Daniele I Freni pag. 4782 Compito I freni hanno il compito di rallentare, frenare e fermare un veicolo e di impedire un suo movimento da fermo. Durante la decelerazione,

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Motori diesel 4T Sezione motore Wärtsilä L46 Componenti principali: 1. Incastellatura; 2. Sportelli di visita per manutenzioni; 3. Asse a camme; 4. Pompa iniezione combustibile; 5. Circuito combustibile;

Dettagli

CANDIDATO: William Berardi. RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli

CANDIDATO: William Berardi. RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica A.A. 2010/2011 - Sessione III CANDIDATO: William Berardi RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli

Dettagli

PROGRAMMA DI MECCANICA CLASSE QUARTA MECCANICA 2004-2005

PROGRAMMA DI MECCANICA CLASSE QUARTA MECCANICA 2004-2005 ITIS OMAR NOVARA DIPARTIMENTO DI MECCANICA PROGRAMMA DI MECCANICA CLASSE QUARTA MECCANICA 004-005 La compressione e la trazione semplice Determinazione del modulo di elasticità normale tramite il diagramma

Dettagli

GAT UNA SOCIETA CON UNA PRESENZA INTERNAZIONALE

GAT UNA SOCIETA CON UNA PRESENZA INTERNAZIONALE GIUNTI ROTANTI GAT UNA SOCIETA CON UNA PRESENZA INTERNAZIONALE Gli elevati requisiti tecnici di funzionamento e di durata richiesti ai giunti rotanti, hanno trasformato GAT in un apprezzato e affidabile

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7 Anno Scolastico 009/010 Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7 TRASMISSIONE DEL MOTO CON - RUOTE DI FRIZIONE - RUOTE DENTATE - CINGHIE PIATTE E TRAPEZIOIDALI Prof. Matteo Intermite

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Parte 1 - AERODINAMICA 1 Come si definisce la velocità? A) la distanza percorsa moltiplicata per il tempo impiegato

Dettagli

Esercizi non risolti

Esercizi non risolti Esercizi non risolti 69 Turbina idraulica (Pelton) Effettuare il dimensionamento di massima di una turbina idraulica con caduta netta di 764 m, portata di 2.9 m 3 /s e frequenza di rete 60 Hz. Turbina

Dettagli

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo

Dettagli

PON Competenze per lo sviluppo 2007-2013 PROGRAMMA G1 FSE 2009-301 MECCANICA APPLICATA

PON Competenze per lo sviluppo 2007-2013 PROGRAMMA G1 FSE 2009-301 MECCANICA APPLICATA PON Competenze per lo sviluppo 2007-2013 Alla c.a. del D.S. Prof.Giovanni Semeraro PROGRAMMA G1 FSE 2009-301 MECCANICA APPLICATA SUDDIVISIONE DELLA PROGRAMMAZIONE: PRIMO MODULO di 27 ORE (propedeutico

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

10.1 Disegno, p. o. i. V

10.1 Disegno, p. o. i. V 0. tema proposto all'esame di Stato 20 DIMENSIONAMENTO DELL'ALBERO L'albero, che ha una lunghezza complessiva di 700 mm (0,70 m), è da considerarsi come una trave isostatica disposta su due cerniere ed

Dettagli

SOMMARIO UNITÀ LINEARI. Serie CC - Unità con cilindro con stelo. - Unità con cilindro senza stelo. Serie CM - Unità con cinghia mobile

SOMMARIO UNITÀ LINEARI. Serie CC - Unità con cilindro con stelo. - Unità con cilindro senza stelo. Serie CM - Unità con cinghia mobile SOMMARIO UNITÀ LINEARI UNITÀ LINEARI AFP pag. 2 AFP - SERIE CC pag. 8 AFP - SERIE CS pag. 11 AFP - SERIE CM pag. 14 AFP - SERIE VT pag. 17 UNITÀ LINEARI PFP pag. 23 PFP - SERIE CC pag. 30 PFP - SERIE CS

Dettagli

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Corso di Robotica 1 Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Prof. Alessandro De Luca Robotica 1 1 Robot come sistema programma di lavoro comandi Robot azioni ambiente di lavoro organi meccanici

Dettagli

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo numerico in grado

Dettagli

Calcola l allungamento che subisce un tirante di acciaio lungo l=2,5m (a sez.circolare) con φ =20mm sottoposto ad un carico (in trazione) F=40.000N.

Calcola l allungamento che subisce un tirante di acciaio lungo l=2,5m (a sez.circolare) con φ =20mm sottoposto ad un carico (in trazione) F=40.000N. Edutecnica.it Azioni interne esercizi risolti 1 razione Esercizio no.1 soluzione a pag.7 Determina il diametro di un tirante (a sezione circolare in acciaio Fe0 da sottoporre ad una forza F10.000N di lunghezza

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo Moto armonico semplice Consideriamo il sistema presentato in figura in cui un corpo di massa m si muove lungo l asse delle x sotto l azione della molla ideale di costante elastica k ed in assenza di forze

Dettagli

CORSO DI Computer Aided Design A.A. 2012/2013 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica

CORSO DI Computer Aided Design A.A. 2012/2013 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica CORSO DI Computer Aided Design A.A. 2012/2013 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica TEMA D ANNO Modellazione di un compressore alternativo Docente: Prof. Ing. Anna Eva Morabito Studente: Antonio

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Ingegneria Esame di Stato per l Abilitazione all Esercizio della Professione di

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Ingegneria Esame di Stato per l Abilitazione all Esercizio della Professione di Esame di Stato per l Abilitazione all Esercizio della Professione di Ingegnere Traccia di Meccanica Vecchio Ordinamento Sessione: Novembre 2005, 2 a Sessione Descrivere sinteticamente i manovellismi con

Dettagli

FISICA DELLA BICICLETTA

FISICA DELLA BICICLETTA FISICA DELLA BICICLETTA Con immagini scelte dalla 3 SB PREMESSA: LEGGI FISICHE Velocità periferica (tangenziale) del moto circolare uniforme : v = 2πr / T = 2πrf Velocità angolare: ω = θ / t ; per un giro

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

Il software KISSsys associa l analisi

Il software KISSsys associa l analisi Ingranaggi in 3D Potenzialità, caratteristiche e applicazioni di KISSsys, un software destinato alla progettazione di trasmissioni a ingranaggi. In particolare, si presentano esperienze e prestazioni analizzando

Dettagli