FSI: investimenti 2013, progetti CONFERENZA STAMPA Milano, 16 dicembre 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FSI: investimenti 2013, progetti 2014. CONFERENZA STAMPA Milano, 16 dicembre 2013"

Transcript

1 FSI: investimenti 2013, progetti 2014 CONFERENZA STAMPA Milano, 16 dicembre

2 Profilo di FSI 2013: nuovi investimenti 2013: l accordo con il Fondo sovrano Russo 2014: due nuovi progetti settoriali Kedrion con FSI: nuovi investimenti, ricerca ed internazionalizzazione Nuovo sito internet di FSI APPENDICE: FSI dalla costituzione ad oggi Descrizione dettagliata dei nuovi investimenti 2

3 Profilo di FSI Azionariato 80% 20% 3

4 Profilo di FSI Missione IDENTIKIT Investitore paziente di lungo periodo, non gestore. Quote di minoranza, in co investimento a parametri di mercato TARGET Imprese di rilevante interesse nazionale, in equilibrio economico finanziario 4

5 Profilo di FSI Settori rilevanti/dimensioni 1. DIFESA 2. SICUREZZA 3. INFRASTRUTTURE E PUBBLICI SERVIZI 4. TRASPORTI 5. COMUNICAZIONI 8. RICERCA E ALTA TECNOLOGIA 6. ENERGIA 7. ASSICURAZIONI E INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA DIMENSIONI: fatturato annuo netto non inferiore a 240 milioni di euro; numero medio di dipendenti non inferiore a 200 unità 5

6 Profilo di FSI Obiettivi Promuovere crescita dimensionale anche tramite aggregazioni e consolidamento per favorire le filiere industriali, la ricerca e l internazionalizzazione Numero delle aziende con fatturato superiore a 200 mln Spesa delle imprese Italiane in R&D (% valore aggiunto) 0,2% Piccole imprese 1,1% Medie imprese 3,6% Grandi imprese Trasformare le aziende investite da target a consolidatore 6

7 Profilo di FSI Obiettivi Investimenti in capitale di rischio / PIL (%, 2012) 0,834% 0,482% L allineamento alla media europea triplicherebbe la dimensione del mercato italiano del private equity Aumentare apertura al capitale di rischio delle imprese italiane 0,264% 0,253% 0,219% 0,194% 0,140% 0,137% 0,078% 0,037% 0,000% UK Svezia Media Europea Francia Norvegia Germania Spagna Portogallo Italia Austria Grecia Flussi netti di FDI in entrata (media ) Attrarre capitali esteri UK SP FR $ Mld/anno; media % su PIL DE CH IT

8 Profilo di FSI Come FSI sceglie gli investimenti D.M e Statuto Prospettive del settore Piano Industriale L azienda e la sua leadership 8

9 Profilo di FSI L approccio diverso di FSI Struttura società per azioni e non fondo Minoranza, eccezionalmente in maggioranza Gestione: continuità aziendale Uscita: preferibilmente quotazione e continuità della proprietà 9

10 Investitori istituzionali simili a FSI Fondo Sovrano francese. 51% Caisse des Dépôts et Consignation; 49% governo francese Obiettivo: investire in minoranza in società francesi per supportare il processo di crescita Dotazione di 26 miliardi Holding del governo belga. Effettua investimenti in aziende operanti in specifici settori strategici Assume sia maggioranze che minoranze Dotazione di 2 miliardi Fondo di investimento creato dal governo Russo nel 2011 con l obiettivo di supportare la crescita delle aziende russe Investe a condizioni di mercato solo in parternship con coinvestitori stranieri Dotazione di $10 miliardi Istituzione finanziaria di proprietà del governo giapponese. Effettua anche investimenti in capitale di rischio in aziende dalle solide prospettive di crescita Fondo sovrano della Corea, fondato nel 2005 per rafforzare l'economia del paese ed investire denari pubblici Gestisce riserve in valuta estera della Corea del Sud Di proprietà del governo, ha gestione autonoma ed investe in diversi asset class a condizioni di mercato Dotazione di $57 miliardi 10

11 C è un ruolo per FSI? L operatività di FSI si concentra in un mercato degli investimenti di capitale di rischio in forte flessione: In Europa le operazioni sono concentrate in Germania e Regno Unito 3% In Italia il volume è limitato (3% del totale europeo vs PIL italiano pari al 17% del PIL Area Euro) con operatori esteri in uscita RUOLO FSI: in Italia nel 2012 sono state perfezionate dai fondi 5 operazioni rientranti nel perimetro di riferimento di FSI, di cui 2 completate da FSI stesso (le uniche con strutture di capitale primario) nel corso del 2013, il numero di operazioni realizzate in Italia da fondi che sarebbero rientrate nel perimetro di operatività di FSI è stato pari a 5,di cui 3 ad opera di FSI 11

12 Risorse private investite a termini di mercato La governance di FSI Comitato Investimenti Consiglio di Amministrazione Comitato Strategico Valuta le opportunità di investimento Delibera gli investimenti Esprime pareri su settori intervento e politiche investimento 12

13 L attività svolta da FSI In meno di 2 anni, incontrati oltre 200 imprenditori, manager e associazioni di categoria Iniziative proattive in 14 settori merceologici, riguardante circa il 25% del PIL Oltre 30 opportunità analizzate in Comitato Investimenti 14 offerte presentate Capitale investito impegnato di 2,6 mld in 8 società: 5 aziende in portafoglio 3 investimenti sottoscritti in corso di perfezionamento 13

14 Profilo di FSI 2013: nuovi investimenti 2013: l accordo con il Fondo sovrano Russo 2014: due nuovi progetti settoriali Kedrion con FSI: nuovi investimenti, ricerca ed internazionalizzazione Nuovo sito internet di FSI APPENDICE: FSI dalla costituzione ad oggi Descrizione dettagliata dei nuovi investimenti 14

15 I nuovi investimenti: sintesi L operatività di FSI procede a ritmi serrati: da settembre 2013 ad oggi siglati 3 accordi di investimento Dicembre 2013 Novembre 2013 Settembre 2013 Closing atteso: gennaio 2014 Investimento di minoranza qualificata di 151 mln per il 49,5% della società, a fianco della famiglia Ruggeri, per consentire la continuità azionaria dell imprenditore fondatore e finanziare la crescita come consolidatore Closing atteso: marzo 2014 Investimento di minoranza qualificata del 42% della società per 204 mln, con l obiettivo di finanziare la crescita di SIA come consolidatore, mantenendo l integrità del perimetro e la continuità gestionale Closing atteso: dicembre 2013 Acquisizione 85% da Finmeccanica e First Reserve per 657 mln e impegno acquisto rimanente 15%, per stabilizzare l azionariato, identificare un partner, sviluppare nuovi mercati, favorire crescita dimensionale e indotto 15

16 I nuovi investimenti: CARATTERISTICHE DELL OPERAZIONE: Produttore leader a livello mondiale di componenti per il controllo dei flussi (valvole di sicurezza e di controllo, attuatori, raccordi, flange e sistemi completi) per i settori dell oil&gas, della generazione elettrica, della desalinizzazione e della cantieristica navale Fondata nel 2002 e cresciuta tramite aggregazioni, nel 2012 ha generato ricavi per 361 mln con EBITDA di 51 mln, in ulteriore e significativo progresso nel 2013, con una previsione di oltre 400 mln di ricavi ed oltre 70 mln di EBITDA. Valvitalia produce quasi interamente in Italia, con circa dipendenti diretti ed ulteriori nell indotto, e vende in tutto il mondo, esportando oltre l 85% dei propri prodotti Valvitalia è la punta di eccellenza del «Distretto delle Valvole» della Pianura Padana, che conta oltre 200 grandi e medie imprese, per un volume di affari complessivo di 16 mld QUOTA Investimento tramite Prestito Obbligazionario Convertibile, a fianco della famiglia fondatrice 151 mln per il 49,5% OBIETTIVI PROSPETTIVE Stabilizzazione dell azionariato per consentire la continuità azionaria dell imprenditore fondatore e proseguire la crescita, ponendo Valvitalia come consolidatore e non come consolidato Proseguire il sentiero di crescita tramite aggregazioni di aziende del settore, con effetti positivi sull indotto Mercato di riferimento in crescita secolare del 10% annuo Acquisizioni di produttori di nicchia e finalizzate all espansione del portafoglio prodotti Quotazione in Borsa 16

17 Cav. Lav. Salvatore Ruggeri Fondatore, Presidente ed Amministratore Delegato del Gruppo Valvitalia. Fino al 2001 Presidente e Amministratore Delegato di Dresser Flow Control 17

18 I progetti di Valvitalia con FSI Proseguire il sentiero di crescita all estero, continuando a produrre nella «Padana Valley» Fatturato (ordini da clienti) Italia 15% Produzione (ordini a fornitori) Estero 20% Estero 85% Italia 80% Dipendenti diretti: circa Indotto: 230 mln di fatturato, persone e oltre 70 mln di retribuzioni 18

19 I nuovi investimenti: Azienda leader europeo che gestisce la rete di collegamento di più di banche, oltre alle Banche Centrali. SIA progetta e gestisce infrastrutture e servizi tecnologici, dedicati alle Pubbliche Amministrazioni, Imprese, Istituzioni Finanziarie e Banche Centrali nelle aree dei pagamenti, della monetica, dei servizi di rete e dei mercati dei capitali. Nel 2012 ha generato ricavi per circa 350 mln ed un MOL di 90 mln CARATTERISTICHE DELL OPERAZIONE: QUOTA OBIETTIVO 42,3% FSI per 204 mln, in partnership con F2i (10,3%) e Orizzonte SGR (6,7%) Mantenimento dell integrità dell attuale perimetro e della continuità gestionale SIA come consolidatore e non come consolidato Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione Aumento della penetrazione della monetica elettronica in Italia Rafforzamento della partnership strategica con Borsa Italiana Sviluppo a livello internazionale più marcato PROSPETTIVE SIA continuerà a proporsi come soggetto innovatore, grazie alla ricerca sviluppata in Italia e a consolidarsi come soggetto indipendente per una quotazione di successo 19

20 Dott. Massimo Arrighetti Amministratore Delegato di SIA dal 2010, precedentemente Responsabile Divisione Rete di Banca Intesa e Direttore Generale di Bancoposta 20

21 I progetti di SIA con FSI Digitalizzazione Pubblica Amministrazione Rafforzamento della partnership con Borsa Italiana e London Stock Exchange Aumento della penetrazione della moneta elettronica in Italia Servizi e government utilizzati mediamente da 44% cittadini UE28, mentre in Italia solamente dal 19% dei cittadini 1 vs 70% dei paesi nordici Vantaggi efficiente digitalizzazione PA stimati pari a circa 35 mld Ampliamento base investitori in titoli governativi italiani e facilitazione scambi Diffusione pagamenti elettronici in Europa varia significativamente In Inghilterra un cittadino effettua circa 280 pagamenti elettronici all anno vs 70 transazioni in Italia 1) Fonte: Confindustria Digitale 21

22 I nuovi investimenti: CARATTERISTICHE DELL OPERAZIONE: Ansaldo Energia è un produttore di macchinari per l energia, fornitore di centrali termiche a gas chiavi in mano e di servizi per la manutenzione degli impianti. Ha c dipendenti (di cui c in Italia), sede principale e impianto produttivo a Genova ed ha partecipato all installazione di più di 196 GW di capacità in progetti in 90 Paesi. Nel 2012 ha generato ricavi per circa milioni ed un EBITDA adj. di 153 milioni, con un portafoglio ordini pari a circa milioni QUOTA Acquisizione per 657 mln dell 85%. FSI si è impegnato ad acquistare entro il 2017 il rimanente 15% OBIETTIVO Stabilizzazione dell azionariato, attraverso l acquisizione temporanea del controllo. Impegno alla ricerca di partner industriali che permettano la riduzione della quota di FSI ad una minoranza con governance attiva e quotazione PROSPETTIVE Sviluppo di nuovi mercati, della nuova turbina di classe post F, della profittevole divisione service, anche in partnership con altri operatori 22

23 Ing. Giuseppe Zampini Amministratore Delegato di Ansaldo Energia dal 2001, dopo aver rivestito numerose cariche apicali in azienda 23

24 I progetti di Ansaldo Energia con FSI Continuare a crescere all estero, sviluppando nuovi prodotti e aprendo nuovi mercati Fatturato (Ordini da clienti) Produzione (Ordini a fornitori) Italia 7% Estero 33% Italia 67% Estero 93% Dipendenti diretti: ca Indotto: 500 mln di fatturato, persone e oltre 300 mln di retribuzioni 24

25 Profilo di FSI 2013: nuovi investimenti 2013: l accordo con il Fondo sovrano Russo 2014: due nuovi progetti settoriali Kedrion con FSI: nuovi investimenti, ricerca ed internazionalizzazione Nuovo sito internet di FSI APPENDICE: FSI dalla costituzione ad oggi Descrizione dettagliata delle nuove operazioni 25

26 Accordo con il Fondo Sovrano Russo RDIF Sottoscritto nell ambito del Vertice Italo Russo 2013, l accordo con Russian Direct Investment Fund (RDIF) prevede un investimento paritetico di fino a 1 mld complessivo per gli investimenti che possano contribuire alla promozione della cooperazione economica tra Italia e Russia e alla crescita delle rispettive economie RDIF è un fondo di investimento di USD 10 bln creato dal Governo Russo nel Ha attratto USD 9 bln di capitali esteri attraverso partnership strategiche di lungo periodo con primari investitori internazionali. Negli organi sociali di RDIF sono presenti rappresentanti di istituzioni internazionali, docenti universitari, rappresentanti di primarie istituzioni finanziarie di assoluto standing internazionale 26

27 Profilo di FSI 2013: nuovi investimenti 2013: l accordo con il Fondo sovrano Russo 2014: due nuovi progetti settoriali Kedrion con FSI: nuovi investimenti, ricerca ed internazionalizzazione Nuovo sito internet di FSI APPENDICE: FSI dalla costituzione ad oggi Descrizione dettagliata dei nuovi investimenti 27

28 Progetto settoriale 1: Polo Italiano del Turismo Partners Investitori professionali Società di gestione alberghiera Società di proprietà immobiliare alberghiera Società di Gestione Hotel 5 stelle Società di Gestione Hotel 4 stelle Società di Gestione Hotel 3 stelle Partner Industriale 5 stelle Partner Industriale 4 stelle Partner Industriale 3 stelle 28

29 Progetto settoriale 1: Polo Italiano del Turismo (cont.) Separazione della proprietà immobiliare dalla gestione, tramite la creazione di una società di proprietà immobiliare specializzata negli alberghi sia per contribuzione sia per acquisto Creazione di una società di gestione alberghiera professionale e specializzata nei diversi settori del mercato (3 stelle, 4 stelle e 5 stelle) Questo modello, adottato in diversi altri paesi con vocazione turistica, ha l obiettivo di aiutare le attuali eccellenze turistiche, spesso carenti di mezzi finanziari e con bassa generazione di cassa, a trasformarsi in strutture ricettive competitive Tale progetto beneficerà delle sinergie di Gruppo, nell ambito del piano di acquisto e riqualificazione di immobili pubblici da parte di CDP 29

30 Progetto settoriale 1: Società di proprietà immobiliare alberghiera In via principale: conferimento di immobili alberghieri In subordine: vendita di immobili alberghieri Società di proprietà immobiliare alberghiera Investitori terzi (capitale + debito) La società di proprietà immobiliare alberghiera, tramite conferimenti e in subordine acquisizioni, verrebbe a detenere immobili alberghieri e altre proprietà potenzialmente riconvertibili in alberghi Investimenti per manutenzioni straordinarie e acquisto di immobili alberghieri finanziati tramite: i) apertura del capitale a investitori terzi e ii) ricorso a debito, di natura bancaria e non Interruzione del circolo vizioso in atto, per cui la carenza di investimenti porta al peggioramento della qualità delle strutture, con impatti sui fatturati per camera e tassi di occupazione 30

31 Progetto settoriale 1: Il segmento degli alberghi a 5 stelle 5 In Italia è il segmento che ha fatto registrare il maggiore incremento in termini relativi negli ultimi anni: sono presenti nel territorio nazionale 383 hotel, con circa camere; nel 2000 gli hotel erano 131, con circa camere In Italia non sono presenti catene alberghiere a 5 stelle di dimensioni rilevanti e in molti casi hanno leva finanziaria elevata La clientela straniera presente in Italia predilige le strutture di categoria 5 stelle, sia in termini di arrivi che di presenze Negli ultimi anni questo segmento ha suscitato l interesse da parte di investitori esteri Fonte: Federalberghi, Istat 31

32 Progetto settoriale 1: Il segmento degli alberghi a 4 stelle 4 Crescita del segmento negli ultimi anni trainata dal trend di progressiva riqualificazione del sistema alberghiero: sono presenti in Italia oltre alberghi a 4 stelle, con circa camere; nel 2000 gli hotel erano circa 2.700, con circa camere Anche nel segmento 4 stelle in Italia non sono presenti catene alberghiere di rilevanti dimensioni e in molti casi hanno leva finanziaria elevata Segmento con il maggior numero di camere nelle grandi città (Roma, Milano, Venezia, Firenze, Napoli) I flussi nelle strutture 4 stelle registrano in generale un equa ripartizione tra italiani e stranieri Fonte: Federalberghi, Istat 32

33 Progetto settoriale 1: Il segmento degli alberghi a 3 stelle 3 L offerta alberghiera in Italia è principalmente rappresentata da strutture di categoria 3 stelle: in questo segmento sono presenti sul territorio nazionale oltre alberghi, con circa camere; nel 2000 gli hotel erano circa , con circa camere Analogamente agli altri segmenti, nel segmento 3 stelle non sono presenti in Italia catene alberghiere di rilevanti dimensioni In Italia è il segmento con il maggior numero di alberghi e di camere (oltre il 50% del totale) I flussi nelle strutture 3 stelle registrano in generale una prevalenza degli italiani sugli stranieri Fonte: Federalberghi, Istat 33

34 Progetto settoriale 2: Consolidamento settore pubblici servizi L obiettivo strategico di FSI è promuovere il processo di consolidamento del settore iniziato con l impegno di investimento in Hera del settembre 2012 FSI intende effettuare investimenti fino a 500 mln nel settore dei pubblici servizi, con particolare riguardo ad iniziative nel Sud Gli investimenti saranno effettuati in primario e, ove funzionale al consolidamento del settore ed alla creazione di gruppi dimensionalmente rilevanti, anche in secondario 34

35 Progetto settoriale 2: Consolidamento settore pubblici servizi Elevata frammentazione con quasi 400 società aventi fatturato superiore ad 30 mln Accanto ad alcune società quotate convivono molti operatori locali caratterizzati da: (i) azionariato frammentato e talvolta misto pubblico privato; (ii) dimensioni subottimali; (iii) scarsità di risorse finanziarie rispetto agli investimenti necessari; (iv) governance complessa All estero il livello di frammentazione è molto minore: in Francia 3 società controllano il 100% del mercato idrico mentre nel settore gas GDF ha una quota di oltre l 80%; in UK il 99% del mercato della vendita del gas è controllato da 6 operatori Mercato idrico in Francia Saur 16% Mercato del gas in Francia Altri operatori < 20% Mercato del gas in UK Altri operatori 1% Suez Environment 30% Veolia 54% GDF > 80% Primi 6 operatori 99% 35

36 Perché promuovere il consolidamento settore pubblici servizi Migliore governance Finanziamento investimenti Aumento qualità servizi Tariffe più competitive 36

37 Profilo di FSI 2013: nuovi investimenti 2013: l accordo con il Fondo sovrano Russo 2014: due nuovi progetti settoriali Kedrion con FSI: nuovi investimenti, ricerca ed internazionalizzazione Nuovo sito internet di FSI APPENDICE: FSI dalla costituzione ad oggi Descrizione dettagliata dei nuovi investimenti 37

38 Dott. Paolo Marcucci Presidente di Kedrion dal 2003 e Amministratore Delegato dal Dal 2013 presidente del Consiglio di Amministrazione della PPTA Global (Plasma Protein Therapeutics Association) 38

39 Kedrion con FSI: nuovi investimenti, ricerca ed internazionalizzazione Kedrion prima dell investimento di FSI Kedrion nel 2013 Uno dei 5 leader mondiali del settore farmaceutico dei plasmaderivati Acquisizione di da Johnson&Johnson Piano di lungo periodo della Famiglia Marcucci per crescita, ricerca e internazionalizzazione Nuovo impianto tecnologico di purificazione a Bolognana (Lucca): 30 mln di nuovi investimenti e nuovi posto di lavoro specializzati Estero 40% Ricavi 2010: 248 mln Italia 60% Estero 66% Ricavi 2013E: 420 mln Italia 34% 39

40 Profilo di FSI 2013: nuovi investimenti 2013: l accordo con il Fondo sovrano Russo 2014: due nuovi progetti settoriali Kedrion con FSI: nuovi investimenti, ricerca ed internazionalizzazione Nuovo sito internet di FSI APPENDICE: FSI dalla costituzione ad oggi Descrizione dettagliata dei nuovi investimenti 40

41 Nuovo sito internet di FSI Adatto alla visualizzazione attraverso tutti i diversi devices Nuova veste grafica, con un chiaro e forte richiamo all italianità e quindi alla missione di base del Fondo, creare «campioni nazionali», competitivi a livello internazionale. Contenuti più ricchi per rispecchiare l evoluzione delle attività del Fondo e consentire all utente un maggiore accesso alle informazioni. Tra le altre novità il potenziamento dell area MEDIA arricchita con la selezione della rassegna stampa (Dicono di noi), dalla Fotogallery e Press kit e la nuova area riservata alle candidature e selezione del personale (LAVORA CON NOI). Infine, è stata implementata la nuova funzionalità del «multi publishing», che consente il download delle singole pagine web del sito e la creazione di un PDF con i contenuti selezionati: viene generato automaticamente un Indice con l elenco delle pagine selezionate, il cui ordine può essere modificato secondo l esigenza dell utente. Il documento finale risulta già corredato di una copertina istituzionale e di una retro copertina a chiusura, che riporta i dati della società ed è quindi un utile strumento per la preparazione di documenti che seguano la linea d immagine aziendale 41

42 Profilo di FSI 2013: nuovi investimenti 2013: l accordo con il Fondo sovrano Russo 2014: due nuovi progetti settoriali Kedrion con FSI: nuovi investimenti, ricerca ed internazionalizzazione Nuovo sito internet di FSI APPENDICE: FSI dalla costituzione ad oggi Descrizione dettagliata dei nuovi investimenti 42

43 L operatività di FSI dalla nascita Inizio operatività Investimenti in Offerta (non accettata) per Ansaldo Energia assieme a un gruppo di imprenditori Italiani Approvazione investimento Ingresso in FSI della Banca d Italia e conferimento di Aumento di capitale di FSI a 4,4 mld Closing JV con per investimenti nel Made in Italy Sottoscritto accordo di investimento in Sottoscritto accordo di investimento in Sottoscritto accordo di co investimento di fino a 1mld con Sottoscritto accordo di investimento in Annuncio progetti Polo Italiano del Turismo e Consolidamento settore Pubblici Servizi

44 Capitale disponibile ed impiegato Capitale disponibile Capitale investito, contribuito e impegnato 4,4 mld 2,55 mld Risorse investite 0,46 mld Risorse contribuite 0,88 mld Risorse impegnate 1,21 mld 100 mln 884 mln 50 mln 200 mln 804 mln IQ Made in Italy Investment Company 150 mln 204 mln 7 mln 151 mln 44

45 La Joint Venture di 2 mld con Qatar Holding Struttura STRUTTURA E PERIMETRO D INVESTIMENTO DELLA JV 50% 50% IQ Made in Italy Investment Company S.p.A. OBIETTIVI, CAPITALE E GOVERNANCE Obiettivi aumento della disponibilità di capitale da investire in società del «Made in Italy» possibilità di accelerare l aggregazione di marchi italiani Capitale detenuto 50/50 da FSI e Qatar Holding fino a 2 miliardi complessivi, di cui 300 milioni già versati Perimetro di investimento 1. Fashion & luxury 2. Furniture & design 3. Tourism & leisure 4. Food & food distribution Investimenti in settori del c.d. «Made in Italy» società che rispettino i criteri dimensionali previsti dallo Statuto di FSI 45

46 Investimento in Descrizione dell operazione Struttura dell operazione Attuale struttura azionaria Principali dati finanziari Stabilizzazione dell azionariato per consentire la continuità azionaria dell imprenditore fondatore e proseguire la crescita, ponendo Valvitalia come consolidatore e non come consolidato Acquisizione del 49,5% per 151 mln con un investimento tramite Prestito Obbligazionario Convertibile a fianco della famiglia fondatrice La Società, fondata nel 2002 dal Cav. Lav. Salvatore Ruggeri, è controllata al 54% da 3 fondi di private equity. Il restante 46% è attualmente detenuto per il 43% dalla famiglia Ruggeri e per il 3% da manager dell azienda Nel 2012 Valvitalia ha generato ricavi per 361 mln con EBITDA di 51 mln, in ulteriore e significativo progresso nel 2013, con una previsione di oltre 400 mln di ricavi ed oltre 70 mln di EBITDA Sin dalla fondazione, la Società ha saputo sostenere tassi di crescita interessanti, con un CAGR del fatturato a dieci anni del 17,5% (15% circa al netto di due acquisizioni effettuate rispettivamente nel 2005 e nel 2010) La società Valvitalia è tra i principali produttori a livello mondiale di componenti per il controllo dei flussi (valvole di intercettazione, sicurezza e di controllo, attuatori, raccordi, flange e sistemi completi) per i settori dell oil&gas, della generazione elettrica, della desalinizzazione e della cantieristica navale Valvitalia produce quasi interamente in Italia, con circa dipendenti diretti ed ulteriori nell indotto, e vende in tutto il mondo, esportando oltre l 85% dei propri prodotti Pur essendo un gruppo relativamente giovane, Valvitalia nasce dalla fusione di 8 società (Tormene, Vitas, Rotor, Thevignot, Vanadour, DVE, Tecnoforge e Broady) con storie risalenti fino all inizio del 900 ed un importante heritage nel settore delle valvole dell Oil&Gas 46

47 Investimento in Valenza strategica dell operazione Prospettive dell investimento Mercato di riferimento in crescita secolare del 10% annuo Acquisizioni di produttori di nicchia e finalizzate all espansione del portafoglio prodotti Quotazione in Borsa Il Distretto Italiano delle Valvole Il Distretto delle Valvole rappresenta un centro di eccellenza a livello mondiale nel settore dei componenti per il controllo dei flussi. Nell area della Pianura Padana si concentrano oltre 200 fornitori di componenti altamente specializzati che servono tutti i principali produttori internazionali di valvole Valvitalia, grazie alle proprie referenze commerciali, alla rete di vendita internazionale e alla capacità di ingegnerizzare soluzioni complesse e customizzate, agisce come capo filiera all interno del distretto, collegando i sub fornitori alla domanda globale Contributo alle esportazioni nazionali Valvitalia ha una elevata propensione all export, con circa l 85% del fatturato generato all estero e la capacità di presidiare mercati lontani (Medio Oriente, Asia, Nord America) Valvitalia ha 5 stabilimenti produttivi in Italia e ogni anno acquista da fornitori italiani componenti per un valore di oltre 200 mln, garantendo occupazione nell indotto per circa lavoratori e alimentando la domanda di settori di eccellenza del made in Italy quali la forgiatura, le lavorazioni meccaniche, i rivestimenti superficiali dei metalli, la produzione di acciai e tubi speciali 47

48 Investimento in Descrizione dell operazione Struttura dell operazione L operazione ha l obiettivo di stabilizzare l azionariato, di mantenere l integrità dell attuale perimetro e la continuità gestionale, ponendo SIA come consolidatore e non come consolidato La struttura dell operazione prevede che FSI, in partnership con F2i SGR SpA Fondi italiani per le infrastrutture eorizzontesgrs.p.a.,rileviil59,3%delcapitaledisias.p.a.daintesasanpaolo, Unicredit, Monte dei Paschi di Siena e Banca Nazionale del Lavoro SIA, che vanta un significativo patrimonio tecnologico, avrà la possibilità di svilupparsi in modo più marcato a livello internazionale, continuando così a proporsi come soggetto innovatore grazie alla ricerca sviluppata in Italia e a consolidarsi come soggetto indipendente per una quotazione di successo Struttura azionaria Principali dati finanziari Fondata da Banca d Italia nel 1977, SIA è controllata (post uscita di Banca d Italia nel 2002) dalle principali banche italiane. I gruppi Intesa San Paolo, Unicredit, Monte dei Paschi di Siena e Banca Nazionale del Lavoro detengono complessivamente il 67,4% della società, mentre il restante capitale è detenuto da altre istituzioni finanziari e non FSI, a valle dell investimento di 204 mln, possiederà il 42,3% di SIA, F2i il 10,3% ed i fondi Orizzonte il 6,6% Nel 2012 SIA ha generato ricavi per circa 350 milioni ed un MOL di 90 milioni La società SIA è leader europeo nella progettazione, realizzazione e gestione di infrastrutture e servizi tecnologici, dedicati alle Istituzioni Finanziarie e Banche Centrali, Imprese e Pubbliche Amministrazioni, nelle aree dei pagamenti, della monetica, dei servizi di rete e dei mercati dei capitali 48

49 Investimento in Valenza strategica dell operazione Infrastruttura critica per il sistema bancario e delle Banche Centrali Sviluppo della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione Moneta elettronica SIA è un operatore critico per il sistema finanziario Italiano ed Europeo, in quanto svolge alcune funzioni fondamentali per il funzionamento del sistema interbancario In Italia SIA è: (i) gestore delle Rete Nazionale Interbancaria incaricato da Banca d Italia (infrastruttura di trasporto telematico che connette Banca d Italia con istituti bancari, Poste e SIM); (ii) gestore di BI COMP, sistema di compensazione dei saldi interbancari della Banca d Italia; (iii) gestore del trading obbligazionario per MTS e della piattaforma Monte Titoli In Europa SIA è gestore esclusivo della piattaforma di clearing interbancario di EBA (Step 2) che connette a livello paneuropeo oltre 140 banche europee direttamente e oltre complessivamente Si è di recente aggiudicata, in partnership con Colt, la gara per collegare Monte Titoli a TARGET2 Securities (T2S), la nuova piattaforma unica europea per il regolamento delle transazioni in titoli domestiche e cross border SIA ha un potenziale ruolo significativo, anche in partnership con altri soggetti nazionali, nel processo di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione (e.g. carta d identità digitale, pagamenti con la PA) essendo operatore già qualificato per la realizzazione della Digital PA, avendo sviluppato tecnologie in tal ambito SIA svolgerà un ruolo chiave in Italia per favorire l utilizzo della moneta elettronica, con la possibilità di contribuire a fare emergere l economia sommersa In Italia, infatti, il settore dei pagamenti elettronici presenta tuttora una scarsa penetrazione rispetto ad altri paesi europei, offrendo pertanto interessanti sia di crescita e innovazione tecnologica Consolidamento Tramite il proprio investimento FSI si pone come catalizzatore per: (i) la crescita di SIA in via organica ed esterna; (ii) l aggregazione di altri operatori data la frammentazione del settore 49

Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion. CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012

Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion. CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012 Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012 1 Indice Investimenti approvati dal CDA pag. 3 Profilo di FSI pag. 5 Mercato di riferimento pag. 9 APPENDICE:

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti è l operatore di riferimento per gli Enti pubblici, per lo sviluppo delle opere infrastrutturali, per

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo Cassa depositi e prestiti Sostegno al sistema produttivo CDP per l economia reale: sostegno alle imprese e sviluppo infrastrutturale Cassa depositi e prestiti è un operatore chiave a sostegno del sistema

Dettagli

Global Megatrends Conference Milano, 25 Marzo 2015

Global Megatrends Conference Milano, 25 Marzo 2015 Global Megatrends Conference Milano, 25 Marzo 2015 FSI L equity per lo sviluppo GLI OBIETTIVI Crescita dimensionale Aziende da target a consolidatori Aggregazioni Sinergie tra aziende partecipate e filiere

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo Cassa depositi e prestiti Sostegno al sistema produttivo CDP a sostegno del sistema produttivo e dello sviluppo delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti è un operatore chiave a sostegno del sistema

Dettagli

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Pres. Prof. Franco Bassanini - A.D. Dott. Giovanni Gorno Tempini SENATO - COMMISSIONE INDUSTRIA 22 ottobre 2014 Missione CDP in

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

Riccardo Monti. Presidente ICE

Riccardo Monti. Presidente ICE Riccardo Monti Presidente ICE Le reti lean per la promozione del Made in Italy L export italiano: importante traino per l economia del Paese I rapporti con l estero costituiscono una componente primaria

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Imprese e Infrastrutture. Finanziamenti per le infrastrutture. Fondi equity infrastrutturali

Cassa depositi e prestiti. Imprese e Infrastrutture. Finanziamenti per le infrastrutture. Fondi equity infrastrutturali CDP imprese B_cmyk:CDP imprese 04/01/12 14.13 Pagina 1 Finanziamenti per le infrastrutture CDP finanzia imprese private e interventi strutturati in Partenariato Pubblico Privato (PPP) per la realizzazione

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Piano Industriale Gruppo CDP 2020

Piano Industriale Gruppo CDP 2020 RISERVATO E CONFIDENZIALE Piano Industriale Gruppo CDP 2020 Linee guida strategiche Conferenza stampa Roma, 17 Dicembre 2015 CDP: 165 anni di storia 18 Novembre 1850: nasce la Cassa Depositi e Prestiti

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti è l operatore di riferimento per gli Enti pubblici, per lo sviluppo delle opere infrastrutturali, per

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

GRUPPO CDP: «one-door» per export e internazionalizzazione. Gli strumenti a disposizione delle aziende

GRUPPO CDP: «one-door» per export e internazionalizzazione. Gli strumenti a disposizione delle aziende GRUPPO CDP: «one-door» per export e internazionalizzazione Gli strumenti a disposizione delle aziende Piano industriale Gruppo CDP 2016-2020: 160 miliardi, di cui 117 dedicati al sostegno delle imprese

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

Operazioni di Private Equity nel settore Energy in Italia (anno 2011) Indagine Equiron

Operazioni di Private Equity nel settore Energy in Italia (anno 2011) Indagine Equiron Operazioni di Private Equity nel settore Energy in Italia (anno 2011) Indagine Equiron Giugno 2012 Operazioni di Private Equity nel settore Energy in Italia (anno 2011) Nel 2011 gli investimenti dei fondi

Dettagli

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria Milano, 16 Gennaio 2015 Per informazioni:

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Gabriele Cappellini Milano, 18 ottobre 2011 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita patrimoniale

Dettagli

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Nicola Ciniero Consigliere Incaricato, Confindustria Digitale Presidente e Amministratore Delegato IBM Italia 13 Maggio 2013 1 Problemi ben noti limitano la

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015.

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. COMUNICATO STAMPA Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. Ebitda al 2015 di circa 670 milioni di euro, con una crescita media annua del 3,2%. Posizione finanziaria netta

Dettagli

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa Conclusioni 1 L Area Nord: rispetto a 5 anni fa L Area Nord, nonostante la crisi del 2009 che ha peggiorato le condizioni rispetto al 2008, è comunque cresciuta in termini di ricavi del 25% rispetto al

Dettagli

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Caso 1: Progetto strategico: basic intelligence, visione e posizionamenti Caso 2: Progetto strategico: criticità, macro trend e obiettivi

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali

Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali SCHEDA CASOTTI Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali Il commercio internazionale 15,0 10,0 Scambi manifatturieri e PIL mondiale (var. annua a prezzi costanti) var.

Dettagli

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Documento di sintesi del progetto Roma, 16 dicembre 2009 Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Indice L obiettivo

Dettagli

8 maggio 2014, Milano. Presentazione del Gruppo. Risultati FY2013. Guidelines Strategiche. Titolo Biancamano. Maggio 2014, Milano

8 maggio 2014, Milano. Presentazione del Gruppo. Risultati FY2013. Guidelines Strategiche. Titolo Biancamano. Maggio 2014, Milano 8 maggio 2014, Milano Presentazione del Gruppo Risultati FY2013 Guidelines Strategiche Titolo 2 Presentazione del Gruppo Un core business orientato alla salvaguardia dell ambiente. BIANCAMANO, primo operatore

Dettagli

Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand

Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand MAURO SANTINATO Presidente Teamwork Sviluppo del prodotto hotel Analisi di mercato Studi di fattibilità Studio dei trends Ricerche sul territorio

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia

Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia Milano - 30 novembre 2009 1 TerniEnergia TerniEnergia, costituita nel mese di settembre del 2005 e parte del Gruppo Terni Research, opera nel settore

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

La società Pag. 1. Commercializzazione di energia elettrica e gas in Italia Pag. 3. La produzione di energia elettrica in Italia Pag.

La società Pag. 1. Commercializzazione di energia elettrica e gas in Italia Pag. 3. La produzione di energia elettrica in Italia Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La società Pag. 1 Commercializzazione di energia elettrica e gas in Italia Pag. 3 La produzione di energia elettrica in Italia Pag. 4 Scheda di sintesi Pag. 7 Genova,

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund piano di accumulo gennaio 100 febbraio 50 marzo 150 agosto 50 aprile 15o maggio 100 LUgLio 100 giugno 50 La SoLUzionE per

Dettagli

Il caso Esaote. Prof. Carlo Castellano Presidente Esaote

Il caso Esaote. Prof. Carlo Castellano Presidente Esaote Il caso Esaote Prof. Carlo Castellano Presidente Esaote Private Equity Monitor 2010 Camera di Commercio di Milano, Sala Conferenze Milano, 3 maggio 2010 1 Esaote nasce a Genova all inizio degli anni 80,

Dettagli

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL NUOVO FRAMEWORK REGOLATORIO, L ACQUISIZIONE DELLA RETE FS E L ULTERIORE EFFICIENZA DEI PROCESSI CONSENTONO UNA NUOVA POLITICA DEI DIVIDENDI Centrati i

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno.

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SETTIMO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 214 CON 46.5 AZIENDE ANALIZZATE protagonisti della ripresa: già nel biennio 213-14

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011 IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO Modena, 4 aprile 2011 1 PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA Strumento per la Competitività del Paese In un paese

Dettagli

Assemblea degli Azionisti. Genova, 24 Aprile 2007

Assemblea degli Azionisti. Genova, 24 Aprile 2007 Assemblea degli Azionisti Genova, 24 Aprile 2007 2 INDICE MEDITERRANEA IN BREVE Struttura societaria e Azionisti Evoluzione EBITDA e Fatturato per Attività Risultati 2006 Consolidati Capitale Investito

Dettagli

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 COMUNICATO STAMPA Riunito il Consiglio di Amministrazione PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 RICAVI 1.607,4 MLN (+10,7% SU 2005) EBITDA 204 MLN, PARI AL 12,7% DEL FATTURATO (+10,4% SU 2005)

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Il Ruolo di CDP nella valorizzazione degli asset degli Enti Territoriali

Il Ruolo di CDP nella valorizzazione degli asset degli Enti Territoriali Il Ruolo di CDP nella valorizzazione degli asset degli Enti Territoriali Giovanni Gorno Tempini Roma, 25 ottobre 2012 L operatività di CDP Ruolo di CDP CDP opera a sostegno della crescita del sistema economico

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Terni, 8 Settembre 2014

COMUNICATO STAMPA Terni, 8 Settembre 2014 TERNIENERGIA: il CdA delibera la proposta di aumento di capitale con l'esclusione del diritto di opzione a servizio dell'acquisizione di Free Energia S.p.A. Il consiglio di amministrazione delibera la

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

edizione a cura di L Osservatorio AUB sulle aziende familiari italiane Guido Corbetta, 4 dicembre 2014

edizione a cura di L Osservatorio AUB sulle aziende familiari italiane Guido Corbetta, 4 dicembre 2014 Cattedra AldAF EY di Strategia delle Aziende Familiari in memoria di Alberto Falck 6 L Osservatorio AUB sulle aziende familiari italiane edizione a cura di Guido Corbetta, Alessandro Minichilli, Fabio

Dettagli

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

a trieste approda il futuro

a trieste approda il futuro company profile Una società, ma con la forza di quattro. Per un progetto di riqualificazione architettonica e urbanistica imponente come quello appena avviato nel Porto Vecchio di Trieste risultano vincenti

Dettagli

Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015

Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015 Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015 rispetto allo stesso periodo 2014: forte incremento del fatturato consolidato (+23,1%) e dell ingresso ordini di Gruppo (+25,7%) utile netto più che

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia Il ruolo degli investitori istituzionali Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma,

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Fondazione Italia Cina

Fondazione Italia Cina Fondazione Italia Cina Una volta colte, le opportunità si moltiplicano Sun Tzu L OPPORTUNITÀ CINA Sin dall apertura agli investimenti esteri alla fine degli anni settanta, la Cina è cresciuta ad un tasso

Dettagli

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Corporate & Investment Banking in Italia Nicola D Anselmo Responsabile CIB Italia Roma, 1 Dicembre 2006 Sommario BNP Paribas CIB in Italia prima di BNL Nuove prospettive per CIB Implementazione

Dettagli

PRIVATE EQUITY, CONFIDI E BANCHE: OPPORTUNITA E SERVIZI PER LE PMI

PRIVATE EQUITY, CONFIDI E BANCHE: OPPORTUNITA E SERVIZI PER LE PMI PRIVATE EQUITY, CONFIDI E BANCHE: OPPORTUNITA E SERVIZI PER LE PMI Milano 6 maggio 2011 L investitore istituzionale per tipologia di investimento a profilo di rischio ha difficoltà ad investire in PMI

Dettagli

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Roma, 21 maggio 2015 il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Alessandra Lanza - Prometeia commercio mondiale (finalmente) in accelerazione e più dinamico della crescita del

Dettagli

TERNIENERGIA: approvato il piano industriale del Gruppo 2015-2017 Fast on the smart energy road

TERNIENERGIA: approvato il piano industriale del Gruppo 2015-2017 Fast on the smart energy road TERNIENERGIA: approvato il piano industriale del Gruppo 2015-2017 Fast on the smart energy road Proposta l introduzione del voto maggiorato per favorire la crescita per linee esterne Rafforzamento dell

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

Osservatorio VedoGreen

Osservatorio VedoGreen Osservatorio VedoGreen Green Economy on Capital Markets 2015 IV edizione e frontiere del green: Efficienza Energetica, Agribusiness e Biotecnologie Giugno 2015 Partner -1- Indice Green Economy on Capital

Dettagli

Dott. Giuseppe TRIPOLI

Dott. Giuseppe TRIPOLI Dott. Giuseppe TRIPOLI Direttore Generale DG per l Internazionalizzazione e la Promozione degli Scambi Ministero dello Sviluppo Economico 1 Andamento export 2011-2014 Var. % su anno precedente +3,8% 0%

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Villa Serra di Comago Comago Sant Olcese (GE), 3 Ottobre 2006 Agenda 1. Storia e sviluppo

Dettagli

Buongiorno Vitaminic S.p.A.

Buongiorno Vitaminic S.p.A. Buongiorno Vitaminic è una società operativa dal 16 luglio del 2003, nata dall integrazione tra le attività di Buongiorno (società operante nell ambito dei servizi alle imprese via mail e telefono) e Vitaminic

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

Confindustria Genova

Confindustria Genova Confindustria Genova La levadel Private Equity nelleacquisizionie nelle cessioni: minoranze e maggioranze Genova, 14 maggio 2015 Raffaele de Courten 1 ARGOMENTI TRATTATI Cosa fanno gli operatori di Private

Dettagli