Linee Guida sui Minibond

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee Guida sui Minibond"

Transcript

1 Linee Guida sui Minibond 1

2 LINEE GUIDA SUI MINIBOND INDICE Premessa e scenario di riferimento I nuovi strumenti di debito per le imprese: i minibond 1. Cosa sono i minibond 2. Chi può emettere minibond: criteri di identificazione delle società target 3. Principali vantaggi e costi dell operazione 4. Alcuni risultati raggiunti e prossimi passi Focus: Il Fondo Minibond PMI di Banca Monte dei Paschi di Siena Il presente Documento è stato elaborato dall Area Economica di Confindustria Toscana nel dicembre 2013 sulla base delle informazioni in possesso e utilizzando dati acquisiti da fonti ufficiali istituzionali e statistiche. 2

3 Premessa e scenario di riferimento Troppa dipendenza dal sistema bancario e troppo poca finanza d impresa : è uno dei limiti del sistema produttivo italiano ben noto da tempo ma che negli ultimi anni ha continuato ad acuirsi fino a diventare un freno allo sviluppo e all uscita dalla crisi. L attuale struttura del sistema finanziario italiano ci pone in una condizione di svantaggio competitivo nel confronto internazionale e, prima ancora, europeo: come noto, il credito bancario rappresenta infatti ben due terzi dei debiti finanziari complessivi delle aziende italiane, valore superiore a quello che si riscontra in Germania (50%), in Francia (38% circa) e soprattutto nei paesi anglosassoni dove si attesta intorno al 30%. La presenza in borsa (equity) è circoscritta a poche grandi imprese, limitandosi a sole 230 aziende italiane quotate nel 2012 contro le circa 700 di Francia e Germania. Un ritardo significativo si registra anche sul fronte del debito, con un ricorso (diretto e indiretto) al mercato ridotto a pochi decimali e solo poche aziende nazionali che emettono obbligazioni. Di fronte ad uno scenario sostanzialmente immutato sul lato della nuova finanza per l impresa, nel corso di questi ultimi cinque anni è sensibilmente peggiorato il quadro generale del credito tradizionale, soprattutto dal lato imprese ma in parte anche per le banche. Dal picco di novembre 2011 si sono persi 86 miliardi di credito bancario alle imprese, 41 miliardi solo negli ultimi 12 mesi. Secondo alcune stime (McKinsey e Morgan Stanley), solo per effetto di Basilea 3, gli impieghi al settore privato nel nostro Paese potrebbero ulteriormente contrarsi per un valore di miliardi. Contestualmente, il Centro Studi di Confindustria stima che il fabbisogno finanziario per maggiori investimenti delle imprese nei prossimi 5 anni potrebbe raggiungere la cifra di 90 miliardi di euro. Anche per effetto dell incremento dei tassi sui titoli di Stato italiani, sono inoltre peggiorate le condizioni creditizie per le imprese, fino a qualche anno fa più simili a quelle praticate in Germania e Francia; oggi, le aziende italiane che riescono ad accedere al credito pagano rispettivamente 180 e 210 p.b. in più rispetto alle concorrenti tedesche e francesi. La situazione della Toscana, purtroppo, non si distingue molto da quella nazionale. Secondo gli ultimi dati resi noti da Banca d'italia i prestiti di banche e società non finanziarie alle imprese a giugno si sono ulteriormente ridotti del 2,7% dopo il -2,1% già registrato a chiusura 2012, con una flessione che si è accentuata nei mesi di luglio e agosto. Su questo hanno indubbiamente pesato sia la debolezza della domanda che, dal lato dell'offerta, l'inasprimento dei criteri di affidamento legati alle critiche prospettive dell'attività economica. Se ci limitiamo ai prestiti bancari la flessione del credito alle imprese si ferma a giugno 2013 al -1,9%, che in valori assoluti si traduce in oltre 1,3 miliardi di euro in meno rispetto al corrispondente periodo del (Figura 1). Sempre sul fronte regionale, i tassi di interesse a breve termine per le imprese per i primi sei mesi dell'anno in corso sono saliti complessivamente di due decimi di punto, passando dal 7% di fine 2012 al 7,2% di giugno 2013 e penalizzando soprattutto le imprese delle costruzioni (9,3%) e quelle di piccole dimensioni (9,8%). Tende purtroppo ad aumentare il tasso di decadimento e cioè il rapporto tra il flusso di nuove sofferenze e i prestiti di inizio periodo: il dato di giugno ottenuto come media degli ultimi quattro trimestri raggiunge infatti il 5,7% contro il 4,3% del (Figura 2). 3

4 Figura 1 I prestiti alle imprese e i tassi di interesse Variazioni % sui dodici mesi e valori % (per i tassi di interesse) 3,1 1,9-1,4-1,9-2,1 Prestiti bancari -2,7 Prestiti di banche e società finanziarie 6,6 Dicembre 2011 Dicembre 2012 Giugno ,0 7,2 Tassi di interesse bancari (prestiti a breve termine) Nuove sofferenze e crediti deteriorati delle imprese Valori percentuali Figura 2 4,2 4,3 5,7 Nuove sofferenze 9,8 11,1 11,1 Crediti scaduti, incagliati o ristrutturati sui crediti totali Dicembre 2011 Dicembre 2012 Giugno ,0 14,8 16,9 Sofferenze sui crediti totali Lo scenario brevemente descritto evidenzia quanto le forti tensioni in corso nella disponibilità di finanziamenti acuiscano le difficoltà delle imprese, finendo per ripercuotersi sugli stessi bilanci delle banche attraverso l aumento del rischio di credito e delle insolvenze. In questo contesto, soprattutto nel corso dell ultimo anno e mezzo, sta emergendo un cambiamento delle logiche di finanziamento del sistema imprenditoriale e si sono moltiplicate le iniziative e gli interventi finalizzati a favorire l accesso delle imprese, in particolare PMI, ai mercati dei capitali di rischio e di debito come via alternativa al canale bancario per ridare slancio alla nostra economia. Tra queste iniziative si distinguono, in particolare, i nuovi strumenti di debito per le imprese rappresentati dai Minibond, di recente introdotti nel nostro ordinamento. Queste brevi Linee Guida, certamente implementabili, intendono rappresentare un primo contributo di orientamento per il Sistema confindustriale toscano nelle attività di supporto alle imprese, con l obiettivo di favorire una maggiore conoscenza dei Minibond e un possibile avvicinamento del sistema produttivo regionale alle opportunità che questo strumento può offrire per il finanziamento di progetti di sviluppo a lungo termine e, in generale, per favorire quel processo di ammodernamento e recupero di competitività di cui necessita il nostro Paese. 4

5 I nuovi strumenti di debito per le imprese: i minibond I decreti legge recanti misure per stimolare la crescita del Paese il D.L. 22 giugno 2012, n. 83 (c.d. Decreto Sviluppo, convertito con modificazioni nella legge 7 agosto 2012, n. 134) ed il D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, (c.d. Decreto Sviluppo bis convertito con modificazioni nella L. 17 dicembre 2012, n. 221) hanno introdotto, tra le altre, importanti novità riguardanti gli strumenti finanziari a disposizione delle imprese. Questi provvedimenti normativi hanno in particolare modificato sensibilmente il regime civilistico e fiscale delle obbligazioni e delle cambiali finanziarie precedentemente previsto dal nostro ordinamento, favorendo la loro emissione da parte delle imprese domestiche di piccole e medie dimensioni e di conseguenza ampliandone la gamma di strumenti cartolari di raccolta di capitale di debito. La legge n. 134/2012 ha previsto anche una fattispecie di obbligazioni ibride, le cosiddette obbligazioni subordinate partecipative, che consistono in titoli di debito con clausole di partecipazione agli utili e di subordinazione. Finalità principale dei due Decreti Sviluppo del 2012 è stata quindi l introduzione di strumenti capaci di aprire un circuito d intermediazione diretto tra risparmio e investimento attraverso la rimozione di molti ostacoli all accesso e alla sollecitazione al mercato dei capitali da parte di emittenti fino ad allora esclusi, come le imprese non quotate anche di media e piccola dimensione. Contestualmente, la riforma si è posta anche l obiettivo di indirizzare stabilmente parte delle risorse a lungo termine (previdenza, accumulazione, investimento) disponibili nel sistema finanziario, finora prevalentemente investite in corporate estero, verso una nuova asset class per il corporate Italia : le obbligazioni emesse da medio/grandi imprese non quotate e dalle PMI nazionali. L analisi che segue intende concentrarsi proprio sulle novità introdotte dalla riforma in tema di obbligazioni destinate alle quotazioni emesse da società non quotate, quindi sui c.d. Minibond, e si focalizza in particolare sulle caratteristiche del principale strumento oggi disponibile rappresentato dal Fondo Minibond PMI della Banca Monte dei Paschi di Siena. 1. Cosa sono i minibond Tecnicamente i minibond sono obbligazioni vere e proprie, ossia titoli di debito a medio e lungo termine che un impresa non quotata può emettere per reperire fondi da parte di investitori qualificati con il principale scopo di auto finanziarsi progetti di sviluppo. Di converso, sono una forma di prestito concesso dall'investitore all'emittente delle obbligazioni. Per questo, i minibond rappresentano un opportunità tanto per le imprese, che soddisfano i requisiti previsti, quanto per alcuni investitori anche internazionali alla ricerca di nuove occasioni di investimento a rendimento elevato. Come dettagliato nei paragrafi successivi, i minibond sono uno strumento di finanziamento che richiede per la sua emissione la presenza di determinate caratteristiche (pre-requisiti) e lo svolgimento di alcune operazioni preliminari, destinate a legalizzare l emissione stessa. 2. Chi può emettere minibond: criteri di identificazione delle società target I pre-requisiti per l emissione di minibond sono di tre tipologie: 5

6 a. Requisiti formali: essere Società o Enti (ad es. società di capitali, società cooperative, mutue assicuratrici) anche non emittenti strumenti finanziari di capitale quotati su mercati regolamentati o su sistemi multilaterali di negoziazione; non deve comunque trattarsi di banche e micro-imprese come definite dalla raccomandazione 2003/361/CE della Commissione Europea del 6 maggio ; emettere e sottoscrivere titoli a favore di investitori qualificati, pena la perdita dei vantaggi fiscali concessi dal D.L. 83/2012 con riferimento alla deducibilità degli interessi passivi, a meno di quotazione dei titoli su mercati regolamentati o MTF (Multi Trading Facility); gli investitori qualificati non devono essere riconducibili alla proprietà dell impresa (ossia detenere più del 2 % del capitale o patrimonio dell emittente) - nemmeno parzialmente, anche in via indiretta o per il tramite di società fiduciarie o per interposta persona - pena la perdita dei vantaggi fiscali concessi dal D.L. 83/2012 con riferimento alla deducibilità degli interessi passivi, a meno di quotazione dei titoli su mercati regolamentati o MTF (Multi Trading Facility). b. Requisiti di mercato: avere una solidità finanziaria (rating investment grade o disponibilità di garanzie collettive); rispettare i limiti fissati dal comma 1 art c.c. (obbligazioni totali emesse non superiori al doppio del capitale sociale più riserve), a meno di quotazione del titolo su mercati regolamentati o MTF (Multi Trading Facility) ovvero di titolo convertibile in azioni; impiegare tali risorse finanziarie a supporto di progetti di crescita, non finalizzate a sostituzione o ristrutturazione del debito bancario. c. Requisiti informativi bilancio degli ultimi due esercizi annuali, di cui almeno il più recente sottoposto a revisione contabile; rating emittente; disponibilità di un business plan dettagliato e solido; processi e sistemi dell area amministrazione e controllo in grado di produrre un reporting periodico (bilanci di periodo e forecat ec-patrimoniale con frequenza almeno semestrale); documento societario con alcune informazioni essenziali (atto costitutivo, statuto della società emittente, certificato di vigenza rilasciato dalla competente Camera di Commercio, certificato fallimentare rilasciato dalla competente sezione del Tribunale Fallimentare); non è richiesta la pubblicazione di un prospetto di quotazione ai sensi della Direttiva Prospetti. Al fine di cogliere i benefici fiscali previsti (riportati al paragrafo successivo) è necessaria la quotazione di tali strumenti su Mercati Regolamentati o MTF, ad esempio ExtraMOT PRO 2 : il segmento ha la medesima struttura del mercato ExtraMOT, ma è consentita la negoziazione ai soli investitori professionali. E inoltre facoltativa la presenza di un operatore specialista a sostegno della liquidità del titolo. Volendo sintetizzare i requisiti di un impresa target per gli investitori istituzionali, elenchiamo di seguito le principali caratteristiche che potrebbero identificare una società tipo: fatturato a partire da 10 mln (taglia minima di minibond circa 2-3 mln); presenza sui mercati esteri e/o progetti di crescita internazionale; ricorso al debito commisurato alla redditività operativa (debiti onerosi/ebitda < 5); 1 Imprese il cui organico sia inferiore a 10 persone e il cui fatturato o il totale di bilancio annuale non superi 2 milioni di euro. 2 E il nuovo Segmento Professionale del mercato ExtraMOT dedicato alla quotazione di obbligazioni, cambiali finanziarie, strumenti partecipativi e project bond. 6

7 utilizzo non elevato della leva (posizione finanziaria netta/patrimonio netto < 2-3); necessità di risorse finanziarie a supporto della crescita (no sostituzione di debito bancario). 3. Principali vantaggi e costi dell operazione L emissione di minibond rappresenta un opportunità, oltre che in termini di minore dipendenza dal canale tradizionale del credito bancario e di accesso diretto al mercato dei capitali, anche perché consente all impresa di beneficiare di alcuni vantaggi di natura fiscale e di altro tipo. Come accennato nei paragrafi precedenti, l operazione comporta chiaramente anche alcuni costi. Di seguito, si riportano brevemente i principali vantaggi e costi legati all emissione di minibond. Anzitutto, va ricordato che la riforma introdotta dai due Decreti Sviluppo ha comportato l eliminazione dei limiti legali, previsti dall articolo 2412 del codice civile, che impedivano alle società non quotate di emettere obbligazioni per un ammontare superiore al doppio del patrimonio netto. In termini fiscali, è stata estesa anche alle società non quotate che emettono titoli di debito: - la deducibilità degli interessi passivi secondo le stesse regole previste per le società quotate (vale a dire nei limiti del 30% del reddito operativo lordo risultante dall ultimo bilancio approvato), con riferimento ai titoli quotati su mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione, ovvero a quelli sottoscritti da investitori qualificati che non detengano più del 2% del capitale; - la deducibilità dei costi di emissione; - l esenzione della ritenuta alla fonte sui proventi corrisposti su titoli negoziati su mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione di Stati membri dell UE o di Paesi in White List, allo scopo di evitare una doppia imposizione. L emissione di minibond consente inoltre l attivazione di percorsi formativi importanti e propedeutici a successivi step di crescita. La visibilità sul mercato, inoltre, è funzionale ad un aumento delle credenziali dell emittente presso clienti, fornitori e sistema finanziario, nonché ad una crescita culturale e un evoluzione organizzativa. I minibond sono inoltre uno strumento senior unsecured privo di garanzie reali e/o personali, che come detto può consentire una diversificazione delle fonti di finanziamento e una disintermediazione intelligente del sistema bancario. L emissione di minibond comporta anche dei costi, che in alcuni casi risultano competitivi rispetto ai finanziamenti bancari per pari scadenza (soprattutto se si tratta di minibond maggiori a 2-3 mln). In particolare, il principale costo è rappresentato dal tasso di interesse, che dipenderà da elementi quali il rating dell emittente, il livello degli spread sui finanziamenti bancari di pari durata, la tipologia di titolo emesso, le eventuali garanzie. Sussistono poi altri costi di emissione (comunque deducibili), principalmente annuali o una tantum, tra cui ad esempio quelli connessi alle spese legali per la personalizzazione del contratto, alla predisposizione del business plan o di un eventuale business plan review per conto di terzi, al calcolo del rating di bilancio, alla produzione di un reporting trimestrale o semestrale a favore dell investitore. 4. Alcuni risultati raggiunti e prossimi passi I provvedimenti che hanno introdotto nel nostro ordinamento i minibond e le relative misure di incentivazione per il loro utilizzo sono entrati pienamente in vigore solo a fine Appena 7

8 approvata la riforma, il Mise ipotizzava che nell arco di un anno e mezzo si sarebbero realizzate emissioni per un valore di ca miliardi di euro. In base ad informazioni rese disponibili da parte dello stesso Ministero dello Sviluppo economico, dalla loro entrata in vigore le nuove misure hanno già reso possibili alcune operazioni di emissione, di diversa taglia dimensionale. L entità complessiva delle emissioni realizzate ad oggi sembrerebbe aver raggiunto quasi i 5 miliardi di euro, con diverse ulteriori operazioni in corso di strutturazione e che saranno perfezionate a breve. In molti casi le singole emissioni ammontano a qualche centinaio di milioni di euro e sono finalizzate ad allungare l orizzonte temporale dei finanziamenti e a ridurne gli oneri, in confronto con fonti alternative. Issuer Issue Rating Issue Date Coupon (%) Size ( mln) Marcolin Spa B2/B- nov-13 8,5 200 Filca Cooperative BBB+ set-13 6,0 9 Cassa del Trentino SpA A3/NR ago-13 3,5 70 Primi sui Motori SpA NR/NR ago-13 9,0 1,7 Manutencoop Facility Management SpA B2/B+ lug-13 8,5 425 Gamenet SpA B1/B+ lug-13 7,3 200 Salini Costruttori SpA NR/BB- lug-13 6,1 400 Ferrovie dello Stato SpA BBB/BBB+ lug-13 4,0 750 CAAR SpA NR/NR lug-13 6,5 3 Sisal Holding Istituti di Pagamento B1/BB- mag-13 7,3 275 Buscaini Srl NR/NR apr-13 7,0 10 Wind Acquisition Finance SA* Ba3/BB- apr-13 FRN 150 Wind Acquisition Finance SA* Ba3/BB- apr-13 6,5 550 (**) Team System Holding SpA B2/B apr-13 7,4 300 Zobele Holding SpA B2/B gen-13 7,9 180 Cerved Technologies SpA B2/B gen-13 FRN 250 Cerved Technologies SpA B2/B gen-13 6,4 300 Cerved Technologies SpA B3/CCC+ gen-13 8,0 230 Rottapharm Ltd* Ba3/BB- nov-12 6,1 400 Guala Closures SpA B1/B nov-12 FRN 275 Nota: (*) Emissioni da veicolo estero (**) importo in dollari Fonte Mise Allo scopo di rafforzare la capacità degli emittenti più piccoli di intercettare flussi finanziari anche internazionali, diversi investitori hanno già costituito o stanno costituendo dei Fondi dedicati all investimento nei mini-bond. Dal canto loro, il Governo e in particolare il Mise stanno lavorando sui prossimi passi da concretizzare per ampliare la diffusione degli strumenti di finanza d impresa, mediante specifiche misure di eliminazione di vincoli di natura fiscale (es. rimodulare in senso agevolativo la fiscalità indiretta sui finanziamenti garantiti) e la definizione di ulteriori interventi normativi sempre finalizzati a facilitare il ricorso ai nuovi strumenti (es. rivitalizzare le cartolarizzazioni semplificando le relative procedure). In particolare, su questi ultimi aspetti il Governo è di recente intervenuto con il Decreto Legge Destinazione Italia. 8

9 Focus: il Fondo Minibond PMI di Banca Monte dei Paschi di Siena Il 28 maggio 2013 è stato presentato un Fondo obbligazionario promosso da Banca Monte dei Paschi di Siena: si tratta di un fondo chiuso, riservato a investitori qualificati, destinato ad acquisire titoli di debito emessi da PMI italiane (prevalentemente obbligazioni) e rivolto anche a imprese di dimensioni medio-piccole. Il Fondo rappresenta ad oggi il principale strumento disponibile per favorire l emissione di minibond. CARATTERISTICHE DELL INVESTIMENTO Oggetto d investimento del Fondo è un ampio portafoglio di strumenti di debito unsecured (principalmente obbligazioni e titoli di debito) emessi da imprese italiane; si tratta di un portafoglio frazionato e diversificato per settori e distribuzione geografica degli emittenti. Il Gestore del Fondo è Finanziaria Internazionale Investment Sgr, società appartenente al Gruppo Finanziaria Internazionale e con consolidato know how nel settore delle Pmi e degli strumenti finanziari innovativi. La scelta degli emittenti oggetto d investimento avviene all interno di una vasta platea di imprese ed è svolta autonomamente dal Fondo sulla base di valutazioni quantitative e qualitative, al termine di un processo che vede il Gruppo Montepaschi come advisor ed originator delle emissioni e CRIF come rater dell emittente. REGOLAMENTO DEL FONDO Tipologia e dimensione: Fondo mobiliare chiuso e riservato ad investitori qualificati; durata pari a 7 anni; dimensione minima pari a 75 mln e massima pari a 150 mln; investimento minimo pari a Tempistica di sottoscrizione: primo periodo di sottoscrizione pari a 6 mesi; al raggiungimento dell importo minimo del Fondo la SGR procederà al richiamo degli impegni, all avvio dell attività di investimento e all apertura del secondo periodo di sottoscrizione di 18 mesi fino al raggiungimento dell importo massimo del Fondo. Distribuzione dei proventi: è prevista, a favore dei sottoscrittori, la progressiva distribuzione delle quote capitale e interessi che gli emittenti rimborsano sulla base del piano di ammortamento delle emissioni presenti nel portafoglio del Fondo. PORTAFOGLIO DEL FONDO Titoli in portafoglio: portafoglio investito in strumenti di debito, prevalentemente minibond quotati, emessi da PMI italiane, anche non quotate, ovvero minibond non quotati purché emessi da PMI italiane le cui azioni siano negoziate su mercati regolamentati. Società target: 9

10 imprese non quotate con fatturato fino a 250 mln; due bilanci annuali, di cui almeno uno certificato; tassi di crescita sostenuti; risultato netto positivo. Diversificazione settoriale: portafoglio investito principalmente nei settori Meccanica e manufatturiero di qualità, Local Utilities, Infrastrutture e Trasporti, Turismo, Food & Beverage, Branded Companies caratterizzate da una forte connotazione Made in Italy ; le politiche del Fondo escludono investimenti nei settori Immobiliare/Real Estate e Servizi Finanziari. Diversificazione geografica: il portafoglio è costruito prestando attenzione a una distribuzione geografica sull intero territorio italiano, con particolare focus sulle aree produttive rilevanti del paese. Rating: le società emittenti riceveranno un rating unsolicited da CRIF; il rating minimo richiesto di MPS è C2 pari a BB-/B+ di Standard&Poor s; il rating minimo del fondo è BB/BB+ di Standard&Poor s (pari a B3 di MPS). PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEI MINIBOND Struttura: il taglio di emissione è pari indicativamente a 2-5 mln (massimo 10 mln; possibili importi inferiori ma per un numero massimo da definire); obbligazioni prive di garanzie reali e personali della società o dell imprenditore, con scadenza massima pari a 5 anni e rimborso ammortizzato del capitale con periodi di preammortamento coerenti con le finalità di utilizzo dei fondi. Rendimento: cedole a tasso fisso; il rendimento dei titoli è calcolato al momento dell emissione in funzione dei rendimenti di mercato di emissioni con merito creditizio analogo di imprese italiane e indicativamente è pari al tasso Irs a 3,5 anni +450/750 punti base. Uso dei Fondi: la destinazione dei fondi rivenienti dall emissione è riservata a nuovi investimenti (materiali, immateriali e finanziari, con l eccezione di quelli speculativi) e al finanziamento del circolante (pagamento fornitori, stipendi e/o equivalenti, imposte e tasse); non sono consentiti utilizzi per il rifinanziamento/rimborso di debiti finanziari esistenti. Quotazione: i titoli emessi da soggetti privi di strumenti di capitale quotati su mercati regolamentati sono listati presso il segmento Pro del mercato ExtraMot gestito da Borsa Italiana. 10

La normativa introdotta dal Decreto Sviluppo 2012: nuove forme di reperimento dei capitali alternative all indebitamento bancario

La normativa introdotta dal Decreto Sviluppo 2012: nuove forme di reperimento dei capitali alternative all indebitamento bancario Ministero dello Sviluppo economico La normativa introdotta dal Decreto Sviluppo 2012: nuove forme di reperimento dei capitali alternative all indebitamento bancario Francesco Pacifici Segreteria Tecnica

Dettagli

I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia

I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia Ministero dello Sviluppo economico I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia Stefano Firpo Capo della Segreteria Tecnica del Ministro Roma, 4 marzo 2014 Le imprese italiane sono troppo dipendenti

Dettagli

DECRETO SVILUPPO: UN ANNO DOPO

DECRETO SVILUPPO: UN ANNO DOPO Ministero dello Sviluppo economico DECRETO SVILUPPO: UN ANNO DOPO Francesco Pacifici Segreteria Tecnica del Ministro Ancona, 2 dicembre 2013 Le imprese devono diversificare le proprie fonti di finanziamento

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

LE POLICY SUI MINIBOND:

LE POLICY SUI MINIBOND: I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 LE POLICY SUI MINIBOND: ESPERIENZE E TENDENZE DISVILUPPO Dr. Antonio Bartoloni Direzione

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Milano 18 dicembre 2013 Mini-bond Meeting Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Giancarlo Giudici Politecnico di Milano School of Management giancarlo.giudici@polimi.it

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Il mercato dei capitali per la filiera del gelato I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Rimini, 26 gennaio

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Prato, 14 maggio 2015 Lo scenario Il contesto italiano si caratterizza per una diffusa sottocapitalizzazione delle imprese,

Dettagli

Nuove forme di finanziamento

Nuove forme di finanziamento Nuove forme di finanziamento Capital Market Marzo 2014 Strettamente riservato e confidenziale Agenda Il contesto macroeconomico Debt Capital Market Equity Capital Market 2 Il contesto macroeconomico DINAMICA

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

La Riforma della finanza d impresa in Italia

La Riforma della finanza d impresa in Italia Ministero dello Sviluppo economico La Riforma della finanza d impresa in Italia Francesco Pacifici Segreteria Tecnica del Ministro Cernobbio, 17 settembre 2014 Le imprese italiane sono troppo dipendenti

Dettagli

Fondo Progetto MiniBond Italia

Fondo Progetto MiniBond Italia Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Giovanni Scrofani Responsabile Fondo Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Zenit SGR - Promotore e gestore Zenit SGR è una Società di Gestione

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane

Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane www.fabfinance.eu Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane Andamento della capacità delle imprese di autofinanziamento (valori percentuali)*

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi 12/11/2014 Saccardi & Associati Normativa e Prassi Per i minibond: Art. 32 comma 8, 9, 13 e 26 del DL 83/2012 Decreto sviluppo/crescita

Dettagli

MINI BOND NUOVA FINANZA ALLE IMPRESE

MINI BOND NUOVA FINANZA ALLE IMPRESE 2 Indice Background Il Decreto Sviluppo 2012 ha introdotto una serie di provvedimenti studiati su misura per le PMI non quotate: Cambiali Finanziarie : strumento di funding a breve termine; MiniBond (obbligazioni)

Dettagli

IC Satellite MINIBONDS. icsatellite.com

IC Satellite MINIBONDS. icsatellite.com MINIBONDS icsatellite.com Agenda o Il Decreto Sviluppo pag. 3 o Destinatari pag. 4 o Cambiali finanziarie pag. 5 o Obbligazioni pag. 6 o To do list della Società Emittente pag. 7 o Il lavoro dell advisor

Dettagli

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione.

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione. E vietata ogni forma di riproduzione totale e/o parziale del seguente materiale. Copyright e diritti di autore: Link S.r.l. I nostri servizi Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 REGIME FISCALE DEI MINIBOND Dr. Angelo Ragnoni Agenzia delle Entrate Angelo Ragnoni Articolo

Dettagli

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Giugno 2014 Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale 1. Introduzione La crisi economica degli ultimi anni

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese Le novità del Decreto Sviluppo Marco Capra 7 dicembre 2012 Confindustria Alto Milanese Legnano Le novità del

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Autore: Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale Categoria Approfondimento: Capital markets 1. Introduzione

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Cristiano Galli Milano, 12 maggio 2016 Agenda I II III IV Il contesto di riferimento: ipotesi

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

SEDE. 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.42.035.91 FAX 06.484.704 e-mail: uilca@uilca.it pagina web: www.uilca.it. I minibond:

SEDE. 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.42.035.91 FAX 06.484.704 e-mail: uilca@uilca.it pagina web: www.uilca.it. I minibond: SEDE 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.42.035.91 FAX 06.484.704 e-mail: uilca@uilca.it pagina web: www.uilca.it UILCA UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI Aderente a Uni Global Union UFFICIO STUDI

Dettagli

Accesso al mercato dei

Accesso al mercato dei Obbligazioni e Cambiali Finanziarie Le novità introdotte dall art. 32 del D.L. 83/2012 Accesso al mercato dei capitali per le PMI italiane Ing. Mario Salvestroni Presidente Confindustria Grosseto Fonte:

Dettagli

ALTERNATIVE DI ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI CAMPANE Strumenti di ottimizzazione della tesoreria e della finanza aziendale

ALTERNATIVE DI ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI CAMPANE Strumenti di ottimizzazione della tesoreria e della finanza aziendale ALTERNATIVE DI ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI CAMPANE Strumenti di ottimizzazione della tesoreria e della finanza aziendale Focus sulle azioni di miglioramento della gestione finanziaria dell azienda in

Dettagli

Sono noti i motivi finanziari che costituiscono un effettivo freno allo sviluppo delle PMI:

Sono noti i motivi finanziari che costituiscono un effettivo freno allo sviluppo delle PMI: 6. Finanze 1 - Operazioni di capitalizzazione e di finanziamento delle PMI e proposte per contrastare la crisi economica in adesione ai principi europei dello Small Business Act Sono noti i motivi finanziari

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con Vademecum per l emissione di minibond In collaborazione con Perchè un crescente numero di PMI sceglie il minibond? Accedere ad un canale di finanziamento extra bancario totalmente nuovo Nessuna diluizione

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

Finanziare lo sviluppo con i Minibond

Finanziare lo sviluppo con i Minibond Finanziare lo sviluppo con i Minibond Implicazioni fiscali dello strumento Minibond Luca Luigi Tomasini dottore commercialista revisore legale STUDIO TOMASINI I vantaggi fiscali di emissione dei minibond

Dettagli

FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI

FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 15/2015 del 14 maggio 2015 FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex. Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.it FUND RAISING E REAL ESTATE NEL MERCATO INTERNAZIONALE E DOMESTICO: SPUNTI

Dettagli

Fondi Gestiti e Progetti Futuri

Fondi Gestiti e Progetti Futuri S.I.C.I. SGR S.p.A. Fondi Gestiti e Progetti Futuri Prato, 9 Maggio 2013 S.I.C.I. SGR S.p.A. La Società Sviluppo Imprese Centro Italia è la società di gestione del risparmio indipendente del sistema finanziario

Dettagli

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012)

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) Dott. Gianluca Cristofori L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) 1 Profili civilistici relativi all emissione di titoli di debito

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese. Vincenzo Bruni EY

I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese. Vincenzo Bruni EY I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese Vincenzo Bruni EY Il mercato del credito alle imprese in Italia 1.Da fine 2011 calo costante dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

Stretta creditizia e nuova finanza per le cooperative

Stretta creditizia e nuova finanza per le cooperative Stretta creditizia e nuova finanza per le cooperative Bologna, 3 Ottobre 2013 Mauro Gori Resp. economico-finanziario Legacoop Il credito alle imprese 2 Il credito si sta contraendo a ritmi sostanzialmente

Dettagli

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento FINANZIARE IN MODO EQUILIBRATO LA CRESCITA Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento slide 1 FINANZIAMENTO CREDITO BANCARIO FINANZIAMENTO SOCI LEASING CAMBIALI FINANZIARIE PRESTITI

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate MiniBond e Rischi di Credito Mario Bottero MiniBond Specialist Milano, 11 Giugno 2014 Analisi e valutazione del rischio di credito

Dettagli

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant Giovanni Luppi Partner Mini Bond 1 1. Decreto Sviluppo 2012 - Principali novità Ambito civilistico Eliminazione dei limiti previsti dall articolo

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf Reggio Emilia, 13 febbraio 2014 Presentazione è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf), iscritta agli artt.

Dettagli

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Gabriele Casati Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Antares AZ I è un fondo d investimento mobiliare chiuso riservato a Investitori Qualificati

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese Cuneo - 25 Novembre 2014 ADB Analisi Dati Borsa SpA Consulenza di Investimento Clienti Analisi Dati Borsa SpA è una società di consulenza in

Dettagli

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Leonardo Frigiolini - AD Unicasim SpA Piazza De Ferrari, 2 - Genova info@unicasim.it

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Briefing I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Una nuova era per l accesso al capitale in Italia? Sintesi L articolo 32 del Decreto Sviluppo introduce una nuova disciplina

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

Le novità introdotte dai Decreti Sviluppo per il finanziamento alle imprese e le possibili evoluzioni

Le novità introdotte dai Decreti Sviluppo per il finanziamento alle imprese e le possibili evoluzioni Min!tero dello Svilu#o economico Le novità introdotte dai Decreti Sviluppo per il finanziamento alle imprese e le possibili evoluzioni Stefano Firpo Capo della Segreteria Tecnica del Ministro Roma, 28

Dettagli

NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE

NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La disintermediazione del credito alle imprese NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE ANDREA CROVETTO C.E.O. Epic

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 27 agosto 2010

COMUNICATO STAMPA Milano, 27 agosto 2010 COMUNICATO STAMPA Milano, 27 agosto 2010 Il Consiglio di Amministrazione di Cape Listed Investment Vehicle in Equity S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2010 Bilancio consolidato:

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO E il mercato obbligazionario nato per consentire alle società italiane un accesso flessibile ed efficiente ai mercati dei capitali Nasce

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia Il ruolo degli investitori istituzionali Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma,

Dettagli

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Settembre 2012 I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Introduzione Tra le caratteristiche strutturali del sistema

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE MODIFICA DELL ART. 34 TER COMMA 4 DEL REGOLAMENTO EMITTENTI E DELL ALLEGATO 1M AL REGOLAMENTO EMITTENTI DISCIPLINANTE LA STRUTTURA DEL PROSPETTO SEMPLIFICATO RELATIVO ALL OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani

Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani Roma 22 ottobre 2013 Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani Davide Squarzoni Direttore Generale riservatezza Questo documento è la base per una

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GITTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GITTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1361 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GITTI Misure fiscali per favorire le operazioni di capitalizzazione e di finanziamento a

Dettagli

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Sostituire il TFR: quali effetti sul lavoro e sulle imprese Come prepararsi al 2006 DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Maggio 2006 1 TFR e Private Equity Trattamento

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Chi siamo PEP&CFC appartiene al Gruppo Dafisa Holdings Capital Finance Group Limited, ed è stata istituita quale società specializzata nella consulenza in materia finanziaria

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. In data odierna i Consigli di Amministrazione di KME

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Come e perché investire nei Minibond

Come e perché investire nei Minibond Come e perché investire nei Minibond 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Il mercato dei capitali in ITALIA 180% Capitalizzazione mercato azionario (%PIL) 35,0% Incidenza dei prestiti

Dettagli

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario Settembre, 2014 Agenda o La disciplina dei "mini bond" o Il mercato ExtraMOT PRO o Alcune riflessioni: trend e

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Finanza per la Crescita

Finanza per la Crescita #perfarsiunidea Finanza per la Crescita Un piano per aumentare il credito e far crescere le imprese Misure organiche, non estemporanee, in una visione di lungo periodo Agevolare l accesso delle imprese

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ZENIT SGR S.p.A. Società sottoposta all attività di direzione

Dettagli